Relazione e bilancio non certificati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione e bilancio non certificati"

Transcript

1 Global s, plc Relazione e bilancio non certificati 30 giugno 2011 Global s, plc ha depositato una comunicazione di idoneità per l esenzione dalla registrazione come Commodity Pool Operator (CPO) ai sensi delle CFTC Rules statunitensi.

2

3 Asset Management Indice Note informative sulla Società 4 Relazioni dei Gestori degli investimenti 7 Relazione sulla Gestione semestrale 18 Portafoglio degli investimenti 19 Conto economico 78 Prospetto del patrimonio netto attribuibile agli Azionisti possessori di azioni di partecipazione rimborsabili 94 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto attribuibile agli Azionisti possessori di azioni di partecipazione rimborsabili 106 Movimentazioni delle azioni 112 Note integrative 125 Variazioni di rilievo dei portafogli 188 Informazioni sul Gestore e altre informazioni 207 Infomazioni importanti 208 3

4 Global s, plc Note informative sulla Società Le informazioni seguenti sono estratte dal testo integrale del Prospetto informativo e dal suo capitolo dedicato alle definizioni, unitamente ai quali devono essere considerate. Assetto societario Global s, plc (la Società ) è stata costituita nella Repubblica d Irlanda il 27 novembre 2000 con la forma giuridica di società per azioni, conformemente alle Leggi sulle società (Companies Acts) emanate dal 1963 al Con decorrenza dal 3 giugno 2008 la Società ha cambiato la propria denominazione da Mellon Global s, plc a Global s, plc. La Società è un fondo d investimento multicomparto a capitale variabile di diritto irlandese con responsabilità giuridica separata tra i comparti, denominati singolarmente il Comparto e collettivamente i Comparti. La Società è in possesso dei requisiti richiesti per operare in Irlanda come organismo di investimento collettivo in valori mobiliari ed è stata a ciò autorizzata dalla Banca Centrale d Irlanda (la Banca Centrale ) conformemente al regolamento sugli Organismi di investimento collettivo in valori mobiliari (e successive modifiche) emanato nel 2011 dalle Comunità Europee ( il Regolamento sugli OICVM ). Al 30 giugno 2011 la Società comprende 36 Comparti già operanti. Fino al 30 giugno 2011, 53 Comparti della Società hanno emesso azioni di partecipazione. La cronologia dei Comparti è così articolata: Il 23 marzo 2001 lancio dei Comparti Mellon EURO STOXX 50 SM Index Tracker, Mellon Euro Government Bond Index Tracker, Mellon S&P 500 Index Tracker e Mellon NIKKEI 225 Index Tracker. Il 29 marzo 2001 trasferimento del Comparto Global Tactical Asset Allocation da Universal Liquidity s, plc* a Mellon Global s, plc. 10 dicembre 2001 lancio dei seguenti Comparti: Mellon Asian Equity Mellon Continental European Equity Mellon Global Bond Mellon Global Equity Mellon Global Innovation Mellon Global Intrepid Mellon Japan Equity Mellon North American Equity Mellon Pan European Equity Mellon Sterling Bond Mellon Sterling Cash Mellon UK Equity Mellon US Dollar Cash L 11 gennaio 2002 lancio del Comparto Mellon European Ethical Index Tracker. Il 31 maggio 2002 lancio del Comparto Mellon US Large Companies Growth. Il 17 luglio 2002 lancio del Comparto Mellon Global Emerging Markets. Il 18 settembre 2002 lancio del Comparto Mellon US Large Companies Value, ridenominato Mellon U.S. Dynamic Value il 24 maggio Il 28 aprile 2003 lancio dei Comparti Mellon Euroland Bond, Mellon Small Cap Euroland e Mellon Small Cap Global ex-euroland. Il 31 maggio 2003 chiusura del Comparto Mellon Global Tactical Asset Allocation (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 25 giugno 2004). L 11 giugno 2003 lancio del Comparto Mellon Global High Yield Bond (USD). Il 20 gennaio 2004 chiusura del Comparto Mellon US Large Companies Growth (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 25 maggio 2005). L 11 febbraio 2004 lancio del Comparto Mellon Global High Yield Bond (EUR). Il 15 ottobre 2004 chiusura del Comparto Mellon Global High Yield Bond (USD) (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 25 maggio 2005). Il 10 maggio 2005 lancio del Comparto Mellon Emerging Markets Debt. Il 3 ottobre 2005 il Comparto Mellon North American Equity assume il nuovo nome di Mellon U.S. Equity. Il 21 aprile 2006 chiusura del Comparto Mellon Small Cap Global ex-euroland (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale l 11 giugno 2007). Il 28 aprile 2006 lancio del Comparto Mellon Emerging Markets Debt Local Currency. Il 22 settembre 2006 lancio del Comparto Mellon Evolution Global Alpha. Il 30 novembre 2006 lancio del Comparto Mellon Japan Equity Value. Il 18 dicembre 2006 chiusura dei Comparti Mellon EURO STOXX 50 SM Index Tracker e Mellon Global Innovation (autorizzazioni revocate dalla Banca Centrale l 11 giugno 2007). Il 10 gennaio 2007 lancio del Comparto Mellon Evolution Currency Option. Il 2 luglio 2007 lancio del Comparto Mellon Evolution Currency Alpha. Il 6 luglio 2007 lancio del Comparto Mellon Evolution Core Alpha. Il 31 agosto 2007 lancio del Comparto Mellon Brazil Equity. Il 17 dicembre 2007 lancio del Comparto Mellon Dynamic Europe Equity. Il 17 dicembre 2007 chiusura del Comparto Mellon NIKKEI 225 Index Tracker (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 13 ottobre 2008). 4

5 Asset Management Global s, plc Note informative sulla Società (continua) Il 31 gennaio 2008 lancio del Comparto Mellon Global Extended Alpha. Il 4 aprile 2008 lancio del Comparto Mellon Long-Term Global Equity. Il 23 aprile 2008 lancio del Comparto Mellon Global Property Securities. Il 3 giugno 2008 il Comparto Mellon Global s, plc assume la nuova denominazione di Global s, plc. Il prefisso BNY viene anteposto al nome di tutti i Comparti registrati. Il 6 giugno 2008 incorporazione del Comparto Sterling Cash in Universal Sterling * (un comparto di Universal Liquidity s, plc*) e del Comparto US Dollar Cash in Universal Liquidity Plus * (un comparto di Universal Liquidity s, plc*) (il 29 gennaio 2010 la Banca Centrale ha revocato l autorizzazione di entrambi i comparti). Il 16 giugno 2008 lancio del Comparto Vietnam, India and China (VIC). Il 9 dicembre 2008 chiusura del Comparto Dynamic Europe Equity (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 29 gennaio 2010). Il 18 marzo 2009 lancio del Comparto Emerging Markets Equity. Il 25 marzo 2009 lancio del Comparto Evolution Long/Short Emerging Currency. L 8 aprile 2009 chiusura dei Comparti Evolution Core Alpha, Evolution Currency Alpha e Global Extended Alpha (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 7 ottobre 2010). Il 22 giugno 2009 autorizzazione della Banca Centrale al Comparto Euro High Yield Bond. Il 30 giugno 2009 lancio del Comparto Global Real Return (USD). Il 22 luglio 2009 lancio del Comparto Euro Corporate Bond. L 11 dicembre 2009 chiusura del Comparto European Ethical Index Tracker (autorizzazione revocata dalla Banca Centrale il 7 ottobre 2010). Il 15 febbraio 2010 il Comparto Global Emerging Markets assume la nuova denominazione di Global Emerging Markets Equity Value. L 8 marzo 2010 lancio del Comparto Global Real Return (EUR). Il 29 luglio 2010 lancio del Comparto Global Equity Higher Income. Il 5 agosto 2010 lancio del Comparto Global Dynamic Bond. Il 31 agosto 2010 lancio del Comparto Latin America Infrastructure. Il 29 ottobre 2010 lancio del Comparto Evolution Global Strategic Bond. Il 26 novembre 2010 il punto di valutazione del comparto Long-Term Global Equity è stato modificato dalle 12:00 (ora di Dublino) alle 22:00 (ora di Dublino) come specificato nel Prospetto informativo. Il 16 dicembre 2010 chiusura del Comparto Evolution Long/Short Emerging Currency (in attesa dell esito della richiesta alla Banca Centrale di revocare la registrazione del Comparto e della conseguente cancellazione dal Prospetto informativo). Il 22 dicembre 2010 il Comparto Global Intrepid assume la nuova denominazione di Global Opportunities. Il 31 gennaio 2011 lancio del Comparto Absolute Return Equity. L 11 marzo 2011 lancio del Comparto Evolution U.S. Equity Market Neutral. Il 20 giugno 2011 lancio del Comparto Emerging Markets Local Currency Investment Grade Debt. Il 24 giugno 2011 chiusura del Comparto Japan Equity (in attesa dell esito della richiesta alla Banca Centrale di revocare la registrazione del Comparto e della conseguente cancellazione dal Prospetto informativo). Il 18 agosto 2011 il punto di valutazione del Comparto U.S. Dynamic Value è stato modificato dalle 12:00 (ora di Dublino) alle 22:00 (ora di Dublino) come specificato nel Prospetto informativo. Ciascun Comparto investe in un complesso autonomo di strumenti finanziari (un Portafoglio ) attenendosi all obiettivo d investimento di cui il Portafoglio è l espressione. I Comparti della Società sono quotati nella Borsa valori irlandese. * Con decorrenza 1 marzo 2010, Universal Liquidity s, plc ha assunto la nuova denominazione di Liquidity s, plc. Il prefisso Universal è stato espunto dal nome di tutti i Comparti registrati e sostituito da. Il 14 maggio 2010 il Comparto Global Strategic Bond assume la nuova denominazione di Evolution Global Strategic Bond. 5

6 Global s, plc Note informative sulla Società (continua) Obiettivo d investimento Il patrimonio di ciascun Comparto è investito separatamente dagli altri, nei limiti previsti dagli obiettivi e dalle politiche d investimento indicati nei Supplementi dei vari Comparti al Prospetto informativo. Altre informazioni di rilievo Le relazioni annuali e i bilanci d esercizio certificati, così come le relazioni semestrali non certificate, sono a disposizione del pubblico presso la sede legale della Società oppure sul sito web Possono ugualmente essere inviati agli azionisti presso le loro sedi legali. Alla data della presente relazione, i comparti della Società sono: Absolute Return Equity Asian Equity Brazil Equity Continental European Equity Emerging Markets Debt Emerging Markets Debt Local Currency Emerging Markets Local Currency Investment Grade Debt Emerging Markets Equity Euro Corporate Bond Euro Government Bond Index Tracker Euro High Yield Bond * Euroland Bond Evolution Currency Option Evolution Global Alpha Evolution Global Strategic Bond Evolution Long/Short Emerging Currency ** Evolution U.S. Equity Market Neutral Global Bond Global Dynamic Bond Global Emerging Markets Equity Value Global Equity Global Equity Higher Income Global High Yield Bond (EUR) Global Opportunities Global Property Securities Global Real Return (EUR) Global Real Return (USD) Japan Equity ** Japan Equity Value Latin America Infrastructure Long-Term Global Equity Pan European Equity S&P 500 Index Tracker Small Cap Euroland Sterling Bond UK Equity U.S. Dynamic Value U.S. Equity Vietnam, India and China (VIC) * Comparto approvato dalla Banca Centrale ma non ancora lanciato. ** Comparto in attesa dell esito della richiesta alla Banca Centrale di revocarne la registrazione e della conseguente cancellazione dal Prospetto informativo. 6

7 Asset Management Relazioni dei Gestori degli investimenti Quadro economico e panoramica sui mercati Introduzione I primi sei mesi del 2011 saranno ricordati come un periodo di notevole volatilità, con fluttuazioni dei mercati finanziari causate da una serie di crisi impreviste, sia naturali che dovute all intervento umano. In marzo il Giappone è stato devastato da uno dei più catastrofici terremoti della storia e anche la Nuova Zelanda è stata costretta ad affrontare le conseguenze di un disastro naturale simile, anche se di magnitudo inferiore. Disordini e proteste dei cittadini si sono diffuse in Medio Oriente e Africa del Nord, facendo nascere timori relativi a eventuali interruzioni delle forniture di petrolio estratto in quelle aree e al possibile impatto che questo potrebbe avere sui prezzi delle materie prime. Occasionali segnali positivi hanno fatto sperare che il peggio della crisi economica globale fosse ormai alle spalle. Ciononostante, con gli indicatori economici che alternavano dati positivi e negativi, il flusso di notizie ha rispecchiato le difficoltà incontrate dai responsabili delle politiche nei loro svariati tentativi di aiutare e sostenere la ripresa della crescita economica. Con i tassi di interesse che hanno raggiunto i minimi storici in alcuni dei paesi più sviluppati, compresi gli Stati Uniti e il Regno Unito, diverse banche centrali hanno portato avanti i loro programmi di alleggerimento quantitativo che consistevano essenzialmente nell aumentare la quantità di denaro all interno del sistema finanziario; negli Stati Uniti la fine della seconda fase di questo programma ha aumentato il livello di incertezza sui mercati. L escalation della crisi del debito sovrano nei paesi dell Eurozona ha reso necessari interventi in aiuto della Grecia e del Portogallo e ha messo sotto pressione anche altri paesi periferici dell UE che si trovano ad affrontare un livello di indebitamento ormai insostenibile. Da parte loro, anche le economie emergenti si sono trovate in difficoltà, gravate da pressioni inflazionistiche che molti governi hanno cercato di tenere sotto controllo attraverso continui aumenti dei tassi di interesse. I mercati globali sono stati meno volatili dei mercati regionali, con l indice FTSE All-World che ha guadagnato il 2,5%. I settori difensivi, come quello della sanità, hanno ottenuto risultati positivi, mentre i titoli finanziari hanno perso terreno. Nord America Le difficoltà nel raggiungimento di un accordo sull aumento del tetto del debito, il limite massimo oltre il quale il governo statunitense non può più emettere obbligazioni, e la fine del programma di alleggerimento quantitativo attuato dalla Federal Reserve hanno contribuito all aumento della volatilità sui mercati finanziari nei primi sei mesi del Tutto questo ha portato al declassamento deciso da Standard & Poor s del rating sul debito sovrano a lungo termine degli Stati Uniti, passato da AAA a AA+ ad agosto. Nonostante deboli segnali di un recupero delle imprese dimostrati dal miglioramento dei fondamentali societari e dei bilanci, gli Stati Uniti faticano a guidare il resto del mondo verso una ripresa economica reale. Dopo due trimestri caratterizzati da una crescita dell economia statunitense superiore al 2%, nel semestre terminato a fine giugno 2011 si è assistito a un rallentamento di questa crescita, che comunque permane positiva. L aumento dell inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti ha accelerato nell ultimo semestre, con i prezzi che sono cresciuti dell 1,6% annuo fino a fine gennaio e che hanno poi evidenziato un aumento del 3,6% su base annua a giugno. Nonostante il rafforzamento delle pressioni inflazionistiche, la Federal Reserve ha mantenuto fermi i tassi di interesse tra zero e 0,25%, dichiarando che prevede un rallentamento dell inflazione non appena svaniranno gli effetti degli aumenti dei prezzi nei settori dell energia e delle altre materie prime. Nonostante la diminuzione del tasso di disoccupazione negli Stati Uniti, sceso al 8,8% a marzo, il livello più basso degli ultimi due anni, le speranze in una ripresa del mercato del lavoro sono state infrante dall aumento della disoccupazione del secondo trimestre. A maggio sul mercato immobiliare si è assistito a una crescita del prezzo delle case negli Stati Uniti secondo l indice S&P/Case-Shiller Home Price rispetto ad aprile, dopo una riduzione del 4,2% durante il primo trimestre del Dopo aver recuperato terreno dall inizio del 2011, i mercati azionari dell area hanno iniziato a perdere quota in maggio, danneggiati dalla rapida escalation della crisi del debito sovrano nei paesi sviluppati. Esaminando il periodo nel suo complesso, l indice FTSE All World North America (che comprende anche il Canada) ha guadagnato il 5,4% in valuta locale. Europa In Europa la prima metà dell anno è stata caratterizzata dall escalation della crisi del debito sovrano, con i ministri delle finanze dell Eurozona che hanno deciso di destinare 78 miliardi di euro in aiuto del Portogallo a maggio. Subito dopo, a giugno, è stata la Grecia a chiedere soccorso, approvando i provvedimenti di austerità necessari per ottenere il sostegno internazionale ed evitare una bancarotta ormai imminente. Per affrontare questa situazione, i paesi leader dell Eurozona hanno elaborato uno strumento di aiuto temporaneo, il Meccanismo europeo di stabilità finanziaria (EFSF, European Financial Stability Mechanism), con una capacità effettiva di prestito pari a 500 miliardi di euro e che sarà sostituito nel 2013 dal Meccanismo di stabilità europea (ESM, European Stability Mechanism). Dopo aver mantenuto i tassi di interesse invariati per quasi due anni su livelli estremamente bassi, la Banca centrale europea (BCE) ha optato per una politica monetaria più aggressiva, aumentando i suoi tassi di interesse chiave dello 0,25% ad aprile. Il Comitato per la politica monetaria della Banca d Inghilterra invece ha continuato a rimanere fedele alla strategia tassi più bassi più a lungo, mantenendo i tassi di interesse a un livello minimo da record, 0,5%. I prezzi al consumo sono aumentati nel Regno Unito, principalmente a causa delle pressioni sui prezzi del carburante e dei prodotti alimentari, crescendo del 4,2% su base annua a giugno. Anche nell Eurozona l inflazione è aumentata, con i prezzi al consumo che in giugno risultavano più alti del 2,7% rispetto a un anno prima. Nel frattempo, in Germania il mercato del lavoro ha mostrato segni di rafforzamento, con il tasso di disoccupazione in calo dal 7,4% di gennaio al 7,0% di giugno. Il tasso di disoccupazione dell Eurozona ha registrato una riduzione minima, raggiungendo il 9,9% a marzo e rimanendo quindi invariato per il resto del periodo. L economia britannica, dopo aver evidenziato una crescita dell 1,6% nel primo trimestre, è aumentata di un modesto 0,7% nel secondo trimestre. I mercati azionari europei si sono dimostrati volatili, guadagnando terreno a maggio, ma perdendolo poi verso la fine del periodo di riferimento. Ciononostante, sia l indice FTSE All World Europe ex UK che l indice UK FTSE All Share hanno generato un rendimento positivo in valuta locale, ottenendo rispettivamente il 3,5% e il 3,0%. Asia Mentre gran parte del Medio Oriente e dell Africa del Nord assisteva allo scoppio di proteste e disordini, a marzo il Giappone è stato colpito da uno dei terremoti più devastanti della storia e da una successiva e conseguente catastrofe nucleare. Questo evento ha costretto il Gruppo dei 7 paesi più industrializzati a intervenire sul mercato valutario, per la prima volta dopo oltre dieci anni, con un azione comune per stabilizzare il valore dello yen. 7

8 Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Quadro economico e panoramica sui mercati (continua) Mentre il Giappone cercava di non farsi travolgere dai timori e dalle incertezze causate dalle distruzioni del terremoto, la Banca del Giappone ha ridotto le previsioni di crescita economica per l anno fiscale che termina a marzo di un punto percentuale, portandole allo 0,6%. In precedenza, a febbraio, il Giappone aveva perduto la sua posizione di seconda maggiore economia del mondo a livello di PIL a favore della Cina. Nel resto del mondo, l economia australiana assisteva intanto alla peggiore crisi degli ultimi vent anni, con il PIL in calo dell 1,2% nel primo trimestre del 2011 mentre inondazioni e cicloni si abbattevano sulla crescita economica. L aumento dei tassi di interesse si è dimostrato lo strumento più utilizzato dalle autorità monetarie, soprattutto in India e Cina, per cercare di tenere sotto controllo le pressioni inflazionistiche che stanno colpendo la regione. La Reserve Bank of India ha aumentato i tassi di interesse per quattro volte nel periodo di riferimento, la Banca popolare cinese per due volte. Quest ultima ha anche aumentato gradualmente i requisiti di riserva per le banche depositarie, passando dal 18,5% al 21,50%. L indice FTSE All-World Asia Pacific ex Japan ha perso lo 0,6% in valuta locale a causa delle pressioni inflazionistiche che continuano a gravare sulle economie della regione, facendo nascere timori di un surriscaldamento. L indice FTSE Japan ha perso il 4,8%; il mercato nipponico ha cercato di difendere la ripresa economica dopo il rallentamento che ha fatto seguito al terremoto di marzo. Reddito fisso La capacità di resistenza dell Eurozona ha continuato a essere messa alla prova dalla crisi del debito sovrano, che ha travolto i paesi periferici, minacciando un epidemia che avrebbe colpito tutta l area. Mentre la crisi peggiorava durante la seconda metà del periodo di riferimento, i titoli di stato occidentali hanno recuperato alcune delle perdite subite nella prima metà; una maggiore avversione nei confronti del rischio ha spinto gli investitori verso i titoli di qualità e di questo hanno beneficiato i Buoni del tesoro statunitensi e gli UK Gilt emessi dal governo britannico, che hanno ottenuto rendimenti positivi in questi sei mesi. Anche i Bund tedeschi ne hanno approfittato, recuperando nel secondo trimestre, anche se il rendimento complessivo per i sei mesi si è mantenuto negativo. L indice JPMorgan Global GBI Benchmark ha guadagnato il 5,8% nel corso dei sei mesi di riferimento. Valute e materie prime Il franco svizzero e la corona norvegese sono stati i principali beneficiari della ricerca da parte degli investitori di strumenti in grado di ridurre i rischi durante il periodo di riferimento, caratterizzato da un elevata volatilità; entrambe le valute si sono rafforzate rispetto alle monete più importanti, in particolare rispetto al dollaro statunitense (che ha perso terreno nei confronti dell euro e della sterlina, mantenendosi debole a causa del costante deterioramento della posizione fiscale del governo federale statunitense). L euro ha resistito rispetto alle altre valute principali, nonostante i problemi strutturali sempre più gravi all interno dell Eurozona, e si è rafforzato nei confronti di dollaro USA e sterlina. Il ritorno della domanda per i titoli più rischiosi, combinato con la salute fiscale di cui godono le economie brasiliana, australiana e neozelandese rispetto alle controparti occidentali, ha fatto sì che le loro valute, legate alle materie prime, si rafforzassero nei confronti del dollaro USA e della sterlina. Il carico finanziario dei disastri naturali che hanno colpito il Giappone e la Nuova Zelanda ha influito negativamente sullo yen giapponese e sul dollaro neozelandese. Sul mercato delle materie prime il prezzo dell oro ha raggiunto il suo livello massimo a quota USD/oncia; nel periodo di riferimento il suo andamento è stato volatile, ma tendenzialmente in crescita. Anche il prezzo dell argento è aumentato. Tra i metalli industriali, il prezzo del rame è salito, mentre quello del nichel è sceso. Il prezzo del petrolio ha evidenziato forti fluttuazioni, il costo di un barile di greggio West Texas Intermediate ha chiuso il semestre di riferimento appena sopra i 95 USD, in rialzo del 4,5% circa dall inizio dell anno. Per quanto riguarda le soft commodities, il cotone e il caffè si sono rafforzati, mentre il grano e lo zucchero si sono indeboliti. Tutti i dati di performance si riferiscono al periodo dal 31 dicembre 2010 al 30 giugno 2011, il rendimento totale è espresso in termini di valuta locale, salvo diversamente indicato, e i dati sono tratti da Lipper Hindsight e Bloomberg. I titoli societari investment grade hanno perso terreno man mano che peggioravano le previsioni sulla crescita economica globale e sulla redditività delle imprese. I titoli societari ad alto rendimento, dopo aver beneficiato della corsa ai rendimenti da parte degli investitori in una situazione caratterizzata da tassi di interesse bassi, hanno perso terreno durante il secondo trimestre, quando il riemergere dei timori relativi al debito sovrano della Grecia ha spinto gli investitori ad abbandonare rapidamente i titoli più rischiosi. Ciononostante, nel complesso il mercato dei titoli ad alto rendimento ha guadagnato durante i sei mesi di riferimento, con l indice BofA Merrill Lynch Global High Yield che ha ottenuto il 6,2% in valuta locale. 8

9 Asset Management Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Rendimento assoluto Evolution Absolute Return Equity ** Il Comparto Absolute Return Equity, gestito da Insight Investment Management Limited, è stato lanciato il 31 gennaio L obiettivo di investimento del Comparto è offrire un rendimento assoluto positivo in qualsiasi situazione di mercato. Il Comparto, gestito da un team di consolidata esperienza, si serve di un approccio senza vincoli e sceglie posizioni lunghe e corte in titoli azionari principalmente di società britanniche e dell Europa continentale (compresi quei paesi europei che possono essere considerati emergenti), con lo scopo di incrementare la sua partecipazione sui mercati in crescita e ridurla su quelli in calo. Insight Investment Management Limited Luglio 2011 Evolution Currency Option Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni C del Comparto è stato pari a -2,75%* rispetto a un rendimento di +0,50% per il benchmark EURIBOR a 1 mese, entrambi espressi in euro. Il Comparto ha perso terreno a causa di una situazione caratterizzata dall indebolimento del dollaro USA e dalla diminuzione della volatilità implicita sui mercati valutari e di altro tipo. Tale situazione ha messo in difficoltà la strategia di investimento del Comparto, a causa della sua propensione verso le posizioni di volatilità lunga e le condizioni estreme sui mercati. Passando alle notizie positive, da maggio le condizioni sul mercato sembrano più favorevoli per la strategia del Comparto, in seguito al deterioramento dei mercati in Europa e ai segnali di indebolimento della crescita globale rispetto a quanto anticipato dai mercati. Il gestore ritiene che i potenziali rischi futuri siano rispecchiati dai prezzi estremi sul mercato delle opzioni valutarie e che questa situazione offra opportunità che la strategia sta cercando di sfruttare. Pareto Investment Management Limited Luglio 2011 Evolution Global Alpha Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni C del Comparto è stato pari a +1,23%* rispetto a un rendimento di +0,50% per il benchmark EURIBOR a 1 mese, entrambi espressi in euro. Il Comparto ha ottenuto una performance positiva su un mercato caratterizzato da grande volatilità, con tre fonti di rendimento su quattro (azionario vs obbligazionario, azionario vs azionario, obbligazionario vs obbligazionario e valuta) che hanno contribuito positivamente. Nella componente obbligazionaria, il contributo maggiore è venuto da un esposizione sovrappesata verso i titoli statunitensi, che si sono comportati bene in una situazione di fuga generalizzata verso i titoli di qualità e dopo la pubblicazione di dati più preoccupanti sull economia statunitense. La buona performance della componente azionaria è stata guidata dalle esposizioni sottopesate verso Hong Kong e il Canada perché entrambi questi paesi hanno registrato sottoperformance. Nella componente valutaria, il contributo maggiore è venuto dalla debolezza del dollaro USA che ha perso oltre l 8% nei confronti dell euro, a causa di previsioni che vedono la Federal Reserve mantenere i tassi di interesse bassi per il futuro a causa della fragilità della ripresa economica statunitense. La componente azionario vs obbligazionario è stata il punto debole del Comparto perché i cambiamenti nell allocazione dei titoli azionari hanno causato perdite che hanno parzialmente ridotto i guadagni ottenuti altrove. Evolution Global Strategic Bond Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a -0,92%* rispetto a un rendimento di +0,12% per il benchmark LIBOR USD a 1 mese, entrambi espressi in dollari statunitensi. Nella prima metà del 2011, il Comparto ha evidenziato un rendimento leggermente negativo in termini assoluti. Il Comparto ha beneficiato di una distribuzione dei titoli e dei paesi positiva, tuttavia la curva dei rendimenti e le posizioni sui mercati valutari hanno annullato questi fattori positivi. All inizio del 2011 i mercati mondiali hanno avuto prova della ripresa economica globale e del graduale aumento delle pressioni inflazionistiche. Tuttavia, nel secondo trimestre, il sentiment del mercato è cambiato mentre le previsioni di crescita venivano significativamente ritoccate al ribasso a causa di un generale rallentamento dell economia mondiale. Subito dopo la notizia della crisi del debito pubblico della Grecia, nel secondo trimestre hanno iniziato a diffondersi timori che hanno influito negativamente sulle maggiori economie periferiche dell Eurozona, come Spagna e Italia. In questa situazione, i Bund tedeschi si sono notevolmente rafforzati, arrivando anche a ignorare un aumento dei tassi deciso dalla Banca centrale europea all inizio di aprile. Complessivamente l esposizione sovrappesata del Comparto in diversi settori per esempio nei crediti investment grade e ad alto rendimento, nelle obbligazioni garantite e nei titoli garantiti da mutui ipotecari ha contribuito positivamente alla performance, anche se in questi settori si è intervenuti per ridurre il rischio quando sul mercato hanno ricominciato ad apparire segnali di nervosismo. Il Comparto ha concluso il periodo in posizione difensiva, dopo aver ridotto il rischio attivo per tutta la prima metà dell anno. Il gestore ritiene che il Comparto sia ben posizionato per sfruttare la costante volatilità del mercato. Standish Mellon Asset Management Company LLC Luglio 2011 Evolution U.S. Equity Market Neutral ** Il Comparto Evolution U.S. Equity Market Neutral, gestito da The Boston Company Asset Management LLC, è stato lanciato l 11 marzo L obiettivo di investimento del Comparto è offrire un rendimento assoluto positivo in qualsiasi situazione di mercato servendosi di una strategia di investimento di tipo equity market neutral e investendo principalmente sul mercato azionario statunitense. Il Comparto utilizzerà anche equity portfolio swap per raggiungere una posizione neutrale sul mercato. Il Comparto, gestito da un team di professionisti esperti negli investimenti, si attiene a un approccio unitario per la costituzione del portafoglio che comprende strategie di investimento multiple e non collegate gestite da team che seguono stili, procedure e filosofie di investimento diverse. The Boston Company Asset Management LLC Luglio 2011 Mellon Capital Management Corporation Luglio

10 Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Rendimento assoluto Evolution (continua) Global Dynamic Bond Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni C del Comparto è stato pari a +1,95%* rispetto a un rendimento di +0,12% per il benchmark LIBOR USD a 1 mese, entrambi espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha ottenuto un rendimento assoluto significativamente positivo, nonostante la considerevole volatilità che ha caratterizzato i mercati finanziari. La preferenza accordata ai titoli più rischiosi (in particolare alle obbligazioni ad alto rendimento) ha contribuito alla performance grazie a un periodo iniziale di notevole propensione per il rischio da parte degli investitori, prima che una generalizzata fuga verso i titoli di qualità causasse rendimenti lievemente negativi a giugno. È risultato vantaggioso anche il tempestivo rafforzamento dell esposizione verso i titoli di stato dei mercati emergenti e la duration una misura della sensibilità dei titoli obbligazionari ai cambiamenti dei tassi di interesse - dopo un periodo di ampliamento dello spread (nonostante il miglioramento, in molti casi, della qualità creditizia della classe di titoli relativa agli Stati Uniti). Con il dollaro statunitense ancora sotto pressione, anche l esposizione valutaria del Comparto verso le altre valute ha portato vantaggi. Le posizioni detenute in alcune valute legate alle materie prime e alla crescita asiatica (per esempio il dollaro di Singapore e la corona norvegese) hanno consentito al Comparto di beneficiare della tendenza al rialzo collegata alle previsioni più ottimistiche sulla crescita globale che hanno caratterizzato il primo trimestre, mentre la tempestiva adozione di un esposizione sicura verso il franco svizzero e lo yen giapponese ha aiutato il Comparto a non risentire dei sempre più gravi problemi dell Eurozona e del rallentamento della crescita globale. Global Real Return (USD) Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a +1,88%* rispetto a un rendimento di +0,12% per il benchmark LIBOR USD a 1 mese, entrambi espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha ottenuto un rendimento assoluto positivo grazie a una prima metà dell anno ricca di eventi e dominata dai disastri naturali giapponesi, dalla crisi del debito nell Eurozona e dai disordini in Medio Oriente. Il rendimento assoluto è stato aiutato dalla debolezza del dollaro statunitense rispetto alla maggior parte delle principali valute. Le posizioni detenute nelle azioni delle società aurifere hanno evidenziato performance contraddittorie, nonostante il forte rialzo del prezzo del prezioso metallo. Tra le notizie positive, l esposizione del Comparto verso le azioni del settore delle telecomunicazioni ha contribuito al rendimento; i titoli migliori sono risultati Deutsche Telekom, Tele Norte Leste e Sprint Nextel. Anche le posizioni detenute in obbligazioni societarie si sono comportate bene nel primo trimestre dell anno e, sull onda del risultato positivo, si è deciso di venderne alcune. In seguito, le buone notizie sono venute dall esposizione verso i titoli di stato norvegesi che hanno beneficiato della crescente avversione per il rischio degli investitori. Il gestore ritiene che gli investitori dovranno continuare a prestare attenzione a un gran numero di rischi nei mesi a venire; tuttavia, cercando di tenere sotto controllo questi rischi, dovranno anche sfruttare le opportunità che si presentano. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Global Real Return (EUR) Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a -0,69%* rispetto a un rendimento di +0,50% per il benchmark EURIBOR a 1 mese, entrambi espressi in euro. Il Comparto ha perso un po di terreno a causa di una prima metà dell anno ricca di eventi e dominata dai disastri naturali giapponesi, dalla crisi del debito nell Eurozona e dai disordini in Medio Oriente. La forza relativa dell euro, nonostante i diffusi timori relativi al futuro della singola valuta, è stata la principale responsabile delle perdite subite dalla performance assoluta a causa dell esposizione limitata del Comparto verso questa valuta (60% circa). Nel frattempo le posizioni detenute nelle azioni delle società aurifere hanno evidenziato performance contraddittorie, nonostante il forte rialzo del prezzo del prezioso metallo. Tra le notizie positive, l esposizione del Comparto verso le azioni del settore delle telecomunicazioni ha contribuito al rendimento; i titoli migliori sono risultati Deutsche Telekom, Tele Norte Leste e Sprint Nextel. Anche le posizioni detenute in obbligazioni societarie si sono comportate bene nel primo trimestre dell anno e, sull onda del risultato positivo, si è deciso di venderne alcune. In seguito, le buone notizie sono venute dall esposizione verso i titoli di stato norvegesi che hanno beneficiato della crescente avversione per il rischio degli investitori. Il gestore ritiene che gli investitori dovranno continuare a prestare attenzione a un gran numero di rischi nei mesi a venire; tuttavia, cercando di tenere sotto controllo questi rischi, dovranno anche sfruttare le opportunità che si presentano. Newton Investment Management Limited Luglio

11 Asset Management Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Azionario globale Emerging Markets Equity Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni C del Comparto è stato pari a -2,12%* rispetto a un rendimento di +1,03% dell indice MSCI Emerging Markets e -1,84% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Global Emerging Markets. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Durante la prima metà dell anno il Comparto ha registrato un rendimento assoluto negativo, evidenziando una sottoperformance rispetto all indice. Il Perù è stato il peggior mercato emergente, con gli investitori preoccupati per il probabile esito delle elezioni presidenziali. Un altra area debole è stato l Egitto, dove i dimostranti sono scesi per le strade di numerose città per protestare contro il governo. Tra i mercati migliori invece annoveriamo l Ungheria e la Repubblica Ceca che non si sono lasciati influenzare né dai timori relativi ai disordini in Medio Oriente e Africa del Nord né dai problemi di solvibilità dell Eurozona. Da parte loro i mercati indiano e cinese hanno sofferto perché gli investitori sono stati influenzati dai timori legati all inflazione e al rallentamento della crescita economica. In questa situazione, un esposizione sovrappesata verso i mercati in difficoltà dell Egitto e del Perù ha ridotto i rendimenti relativi del Comparto. Fortunatamente, questo risultato è stato parzialmente compensato da un ottima selezione di titoli in Cina. Blackfriars Asset Management Limited Luglio 2011 Global Emerging Markets Equity Value Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a -3,30%* rispetto a un rendimento di +1,03% dell indice MSCI Emerging Markets e -1,84% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Global Emerging Markets. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha perso terreno rispetto al suo benchmark durante la prima metà del 2011, un periodo caratterizzato da bruschi cambiamenti nella fiducia e nel sentiment degli investitori. L impazienza del mercato nei confronti delle azioni sottovalutate che evidenziano prospettive interessanti, molte delle quali sono detenute nel portafoglio, ha reso ancora più difficile la situazione. A livello di paesi, i titoli azionari di India, Taiwan e Indonesia presenti nel Comparto hanno influito negativamente sulla performance. Invece, il Comparto ha beneficiato della posizione sottopesata relativa all Egitto e di un ottima scelta dei titoli della Malaysia. A livello di settori, i titoli detenuti nei settori industriale, dei beni di consumo discrezionali e delle materie prime hanno danneggiato la performance. Il rendimento invece è stato migliorato dalle posizioni relative al settore dei consumer staple dove un eccellente scelta dei titoli ha avuto ragione di una posizione sottopesata. La performance ha beneficiato anche di un esposizione sovrappesata nelle utilities e di una solida scelta dei titoli nei settori finanziario e delle utilities. Il gestore ritiene che la volatilità del mercato favorisca le società in grado di garantire utili stabili e recentemente ha approfittato delle valutazioni più basse per acquistare titoli di società orientate alla crescita a prezzi interessanti. The Boston Company Asset Management LLC Luglio 2011 Global Equity Nel corso del periodo in esame, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a +2,38%* rispetto a un rendimento di +5,22% dell indice FTSE World e +3,74% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Global. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha perso un po di terreno rispetto all indice nella prima metà dell anno, ciononostante ha ottenuto un rendimento assoluto positivo grazie al periodo dominato dai disastri naturali giapponesi, dalla crisi del debito nell Eurozona e dai disordini in Medio Oriente. I punti deboli del Comparto sono stati la scelta dei titoli nei settori finanziario e dei beni di consumo, benché le perdite siano state in parte bilanciate dai buoni risultati ottenuti dalle posizioni detenute dal Comparto nei settori dei servizi ai consumatori e delle telecomunicazioni. I titoli azionari migliori sono stati l operatore di telefonia mobile statunitense Sprint Nextel, che ha beneficiato di un innalzamento del rating da parte degli analisti, e la multinazionale asiatica Jardine Matheson Holdings che ha guadagnato terreno dopo aver pubblicato risultati in grande progresso. Al contrario, la posizione in Hypermarcas ha sofferto a causa dell aumento della concorrenza sul mercato dei beni di consumo in Brasile, così come ha incontrato difficoltà il gigante finanziario giapponese Nomura in seguito al terremoto e allo tsunami. Il gestore ritiene che gli investitori dovranno continuare a prestare attenzione a un gran numero di rischi nei mesi a venire; tuttavia, cercando di tenere sotto controllo questi rischi, dovranno anche sfruttare le opportunità che si presentano. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Global Equity Higher Income Nel corso del periodo, il rendimento della Classe di azioni B del Comparto è stato pari a +5,81%* rispetto a un rendimento di +5,22% dell indice FTSE World e +3,74% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Global. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha ottenuto una performance positiva nella prima metà dell anno, registrando una sovraperformance rispetto sia al mercato globale che alla media dei concorrenti del settore durante un periodo ricco di eventi e dominato dai disastri naturali in Giappone, dalla crisi del debito nell Eurozona e dai disordini in Medio Oriente. A livello di settori, hanno contribuito al rendimento del Comparto le posizioni detenute nei titoli azionari delle imprese del settore delle telecomunicazioni, come la società tailandese Advanced Info Service, in ripresa dopo che le autorità hanno abbandonato un azione legale contro di lei, e Deutsche Telekom, in grande crescita grazie alle sue attività di fusione e acquisizione. I guadagni ottenuti sono stati parzialmente danneggiati da una scelta meno felice dei titoli nel settore industriale. Il gestore ritiene che gli investitori dovranno continuare a prestare attenzione a un gran numero di rischi nei mesi a venire; tuttavia, cercando di tenere sotto controllo questi rischi, dovranno anche sfruttare le opportunità che si presentano. Newton Investment Management Limited Luglio

12 Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Azionario globale (continua) Global Opportunities Nel corso del periodo, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a +2,62%* rispetto a un rendimento di +4,94% dell indice FTSE All World e +3,74% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Global. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha perso terreno rispetto ai mercati azionari globali nella prima metà dell anno, ciononostante ha ottenuto un rendimento assoluto positivo grazie al periodo dominato dai disastri naturali giapponesi, dalla crisi del debito nell Eurozona e dai disordini in Medio Oriente. I punti deboli del Comparto sono stati la scelta dei titoli nei settori finanziario e dei beni di consumo, benché le perdite siano state in parte bilanciate dai buoni risultati ottenuti dalle posizioni detenute dal Comparto nei settori delle utilities e delle telecomunicazioni. A livello di azioni, i titoli migliori si sono dimostrati la società elettrica brasiliana Transmissora Alianca de Energia Electrica, il cui prezzo è aumentato in previsione di un incremento dei dividendi, e l azienda tedesca specializzata in macchine e soluzioni per dialisi Fresenius Medical Care che evidenzia notevoli potenzialità di crescita sia negli Stati Uniti che sui mercati emergenti. Al contrario, la società danese attiva nel settore dei gioielli Pandora ha perso terreno a causa dell aumento dei costi, mentre la società fornitrice di servizi petroliferi Weatherford International ha avuto difficoltà in seguito a un errore contabile che l ha costretta a correggere i dati sugli utili già pubblicati. Il gestore ritiene che gli investitori dovranno continuare a prestare attenzione a un gran numero di rischi nei mesi a venire; tuttavia, cercando di tenere sotto controllo questi rischi, dovranno anche sfruttare le opportunità che si presentano. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Long-Term Global Equity Nel corso del periodo, il rendimento della Classe di azioni A del Comparto è stato pari a -4,19%* rispetto a un rendimento di -2,58% dell indice MSCI World e -4,01% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Global. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. In seguito al terremoto e al conseguente tsunami, il mercato nipponico è rimasto attardato rispetto agli altri principali mercati mondiali; l esposizione sovrappesata del Comparto verso il mercato giapponese è stato il fattore che ha influito più negativamente sul rendimento relativo. Un altro punto debole del Comparto è stato rappresentato dalle posizioni detenute sui mercati emergenti. Queste perdite relative sono state bilanciate in parte dai buoni risultati ottenuti dalle posizioni statunitensi. A livello di settori, le maggiori difficoltà nel corso del semestre hanno riguardato i settori tecnologico, dell energia e della sanità. Nel frattempo la forza dell euro ha danneggiato notevolmente sia il Comparto che l indice, che hanno sofferto in ugual misura. Il titolo migliore si è dimostrato MasterCard, il peggiore Nintendo. Sono state aggiunte al Comparto nuove posizioni in China Shenhua, mentre sono state vendute le posizioni detenute in Hoya, Hutchison Whampoa e Medtronic. Azionario regionale Asian Equity Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a -0,50%* rispetto a un rendimento di +2,04% dell indice MSCI AC Asia Pacific (ex Japan) e di +0,72% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Far East Ex Japan. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Nella prima parte del 2011 il Comparto ha sottoperformato il suo indice, poiché ad alimentare la volatilità dei mercati sono state soprattutto le incertezze del mercato in fatto di andamento dell economia globale. A penalizzare il risultato sono intervenute le partecipazioni industriali Silex, Noble Group e HPH Trust. La debolezza di Silex si è accentuata a seguito del terremoto e dello tsunami giapponese che hanno messo in discussione il futuro dell industria nucleare. Nel settore dei materiali, l esposizione a White Energy ha penalizzato la performance. La società ha patito il ritardato incremento della produzione nel suo impianto di bricchettatura del carbone. Viceversa, i temi della sanità e dei beni di consumo sono rimasti positivi, con la straordinaria performance di Mesoblast, società operante nel settore delle cellule staminali adulte. Anche il gestore di sale da gioco e resort Sands China e il produttore di abbigliamento sportivo Belle International hanno conseguito solidi risultati. Nonostante l indebolimento dell economia globale, il gestore ritiene vi siano ancora innumerevoli esempi di società interessanti che offrono opportunità di crescita in Asia. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Brazil Equity Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a +5,05%* rispetto a un rendimento di -0,62% dell indice MSCI Brazil 10/40 e al -1,19% dell indice settoriale Lipper Global Brazil. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Nella prima parte del 2011 il Comparto ha generato un rendimento saldamente positivo nonostante le perdite patite dal mercato. La solida performance del Comparto rispetto all indice è derivata in gran parte dal suo posizionamento relativamente prudente. La ridotta esposizione del Comparto alle società di risorse naturali come, per esempio, l azienda mineraria Vale e il colosso siderurgico Siderurgica Nacional, a favore di titoli maggiormente esposti alla domanda interna brasiliana, come la società di distribuzione petrolifera Ultrapar e l operatore mobile TIM Participacoes, hanno trainato la performance relativa del Comparto, poiché i titoli delle risorse naturali sono stati penalizzati dal ridimensionamento delle aspettative di crescita economica mondiale. Il gestore manterrà il posizionamento di relativa prudenza del Comparto nella convinzione che l economia mondiale continuerà ad affrontare molte incertezze. ARX Investimentos Ltda Luglio 2011 Walter Scott & Partners Limited Luglio

13 Asset Management Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Azionario regionale (continua) Continental European Equity Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a -3,41%* rispetto a un rendimento di +3,43% dell indice FTSE Europe (ex UK) e di +2,33% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity European Ex UK. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Il Comparto ha perso terreno rispetto al benchmark in un periodo caratterizzato da un elevata volatilità dei mercati azionari europei. Particolarmente debole è risultata la selezione titoli nel settore dei beni di consumo. Il gruppo tedesco di vendita self-service al dettaglio e all ingrosso Metro ha conseguito un risultato modesto, analogamente alla società russa di distribuzione alimentare al dettaglio O Key. A conseguire la peggior sottoperformance è stata tuttavia la partecipazione nella catena di gioiellerie danesi Pandora, che ha patito il rialzo dei prezzi dell argento. Per contro, il dato più positivo è giunto dalla posizione in EADS, la capogruppo di Airbus, che ha beneficiato di una domanda crescente di velivoli nei mercati emergenti e dispone di ampia liquidità in bilancio. Il Comparto ha altresì beneficiato della sua sottoesposizione ai mercati meridionali e periferici europei. Il gestore continuerà a concentrarsi sulle società in possesso di solidi bilanci e flussi di cassa, e ritiene che inizino ad affacciarsi alcune interessanti opportunità di investimento in società blue-chip di alta qualità. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Japan Equity ** Questo Comparto è stato liquidato il 24 giugno 2011 (la domanda di revoca dell autorizzazione al comparto presentata alla Banca Centrale, e di conseguenza la rimozione dal Prospetto, dopo la redazione della relazione e del bilancio infrannuali al 30 giugno 2011, è in attesa di approvazione). Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Japan Equity Value Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a -5,44%* rispetto a un rendimento di -4,36% del Topix e al -3,40% dell universo Lipper UK Offshore Japan Equity. Tutti i rendimenti sono espressi in yen giapponesi. Il Comparto ha generato un rendimento negativo in un periodo difficile per il mercato azionario nipponico, cedendo terreno rispetto all indice e alla media settoriale del gruppo di riferimento. Il Comparto mira a individuare titoli sottovalutati sulla base dei multipli prezzo/valore contabile e prezzo/utili. Nel corso del semestre, questo approccio non si è dimostrato molto efficace, soprattutto a causa di una serie di problematiche estere che hanno depresso la propensione al rischio: ansia per il perdurare della crisi del debito sovrano europeo; stretta monetaria nei paesi emergenti; acuirsi delle preoccupazioni sulla crescita mondiale e, infine, il triplo disastro di marzo nel Giappone nord-orientale. Prima del terremoto, il Comparto ha ottenuto nel periodo un risultato soddisfacente caratterizzato da crescita degli utili aziendali e una ripresa che pareva ormai avviata. Con la calamità di marzo il quadro è cambiato completamente: a dominare il mercato sono intervenuti l impatto negativo del disastro sulla produzione e l impatto positivo della ricostruzione trainata dalla domanda. In tale fase, le previsioni sugli utili aziendali hanno perso quasi interamente il loro valore, compromettendo l efficacia del modello di investimento del Comparto. Malgrado tali difficoltà, le prospettive del Comparto incoraggiano i gestori ora che la ripresa è vicina e che le previsioni sugli utili hanno ancora una volta recuperato la loro credibilità. Latin America Infrastructure Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a -1,15%* rispetto a un rendimento di -1,15% dell indice MSCI EM Latin America 10/40 e al -4,41% dell indice settoriale Lipper Global Brazil. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Nella prima parte del 2011 il Comparto ha generato un rendimento negativo, in linea con l indice, pur sovraperformando ampliamente la media settoriale del gruppo di riferimento. La crescita economica in America Latina sta rallentando, più a causa della politica di rigore monetario in Brasile (e altrove) che per la debolezza mondiale. I timori inflazionistici e l aumento dei tassi di interesse nella regione hanno influenzato i mercati dell America Latina durante il periodo. In questo scenario incerto, i titoli più resistenti sono stati quelli meno sensibili agli eventi macroeconomici come, per esempio, il gestore brasiliano di centrali energetiche alimentate a carbone MPX Energia e il produttore di energia idroelettrica CESP. Anche i titoli maggiormente esposti alla domanda interna brasiliana, ritenuti più difensivi, come il gestore di strade a pedaggio Obrascon Huarte Lain e il gestore di autostrade CCR, hanno trainato i rendimenti relativi. Viceversa, i titoli correlati a materie prime come Southern Copper, la società petrolifera OGX Petroleo e il produttore siderurgico Gerdau hanno accusato una certa debolezza. ARX Investimentos Ltda Luglio 2011 Pan European Equity Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a -3,93%* rispetto a un rendimento di +1,74% del FTSEurofirst 300 e al +0,06% dell indice settoriale Lipper UK Offshore European. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Il Comparto ha ceduto terreno rispetto al benchmark e alla media settoriale del gruppo di riferimento. L area di maggior debolezza ha riguardato la selezione titoli nel settore dei beni di consumo discrezionali, ma anche le partecipazioni in Metro, il gruppo selfservice tedesco, e in Pandora, la catena di gioiellerie danese, hanno patito pressioni. Il singolo titolo a conseguire la peggior performance è stato Pandora, a causa dell incremento delle quotazioni dell argento e della frenata nella crescita dei volumi. Anche la selezione titoli nel settore delle telecomunicazioni ha evidenziato difficoltà: Cable and Wireless Worldwide ha patito l allarme sugli utili derivante dalla diminuzione dei volumi e dalle tensioni sui prezzi nel suo mercato centrale del Regno Unito. Anche Teliasonera, la società svedese di telecomunicazioni ha tagliato i rendimenti, conseguendo risultati inferiori alle aspettative. Gli apporti più positivi in assoluto sono giunti da Acciona, in recupero rispetto ai livelli di ipervenduto dell anno scorso, e la società specializzata in dialisi Fresenius Medical Care, che sta gestendo la sua strategia aziendale in modo estremamente efficace. Il gestore continuerà a concentrarsi sulle società in possesso di solidi bilanci e flussi di cassa, e ritiene che inizino ad affacciarsi alcune interessanti opportunità di investimento in società blue-chip di alta qualità. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 Mitsubishi UFJ Asset Management (UK) Limited Luglio

14 Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Azionario regionale (continua) UK Equity Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +1,45%* rispetto a un rendimento di +2,96% dell indice FTSE All Share e di +2,06% dell indice settoriale Lipper UK Offshore UK Equity. Tutti i rendimenti sono espressi in sterline. Le azioni hanno segnato un modesto rialzo nel corso del periodo, che è stato dominato dagli sconvolgimenti politici in Medio Oriente, dai disastri geologici e nucleari in Giappone, dai dati in gran parte orientati verso una flessione dei consumi e, infine, dalle questioni inerenti al debito sovrano in Europa e negli Stati Uniti. In tale scenario, il Comparto ha ceduto terreno rispetto all indice nonostante una rotazione generale verso i titoli difensivi in un contesto caratterizzato da una volatilità sottostante. L esclusione operata dal Comparto delle azioni bancarie (il Comparto investirà esclusivamente in società che offrono un interessante rendimento del dividendo, che attualmente preclude la maggior parte dei titoli finanziari) è stata positiva in termini di performance, in particolare l esclusione di Lloyds Banking Group, dal momento che il settore è stato penalizzato dalle preoccupazioni per i costi della riforma finanziaria e dall ampiezza dell esposizione al debito sovrano europeo. La sovraesposizione in Britvic ha ridotto i rendimenti, a causa del peso esercitato sul produttore di bevande dalla deludente stagione estiva e dai costi elevati delle materie prime. Anche Halfords, il produttore di accessori per auto e bici, e Hays, il colosso nel settore della selezione di personale, hanno evidenziato una certa debolezza, a causa del peso negativo esercitato sui titoli ciclici dai timori sul rallentamento della crescita economica. Il gestore continua a ritenere che, malgrado i forti rischi, permangano opportunità interessanti di investimento nei titoli distributori di utili che offrono un flusso di redditi elevato e crescente. Newton Investment Management Limited Luglio 2011 U.S. Dynamic Value Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +3,45%* rispetto a un rendimento di +5,92% dell indice Russell 1000 Value e di +4,87% dell indice settoriale Lipper Equity North America. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Nel corso del periodo, il Comparto ha generato un rendimento assoluto positivo, cedendo tuttavia qualche posizione rispetto all indice e alla media settoriale del gruppo di riferimento, a causa dei timori concernenti le più ampie problematiche macroeconomiche mondiali che si sono insinuati fra gli investitori. La selezione titoli ha ridotto i rendimenti, soprattutto nelle aree dei beni di consumo discrezionali e dell energia, che si sono dimostrate le più difficili. Sul versante positivo, una solida performance relativa è derivata dalle partecipazioni nel settore delle tecnologie dell informazione e, segnatamente, dalle partecipazioni esposte all innovazione nel campo del cloud computing o caratterizzate da stimoli specifici del ciclo produttivo. Per quanto concerne le altre aree, uno stimolo ai rendimenti è giunto altresì dalla selezione titoli nel settore della sanità e dalla sottoesposizione al settore finanziario. I gestori esprimono una valutazione sempre più positiva sulle prospettive del mercato azionario statunitense, poiché gli investitori hanno moderato le loro aspettative, i prezzi sono interessanti, l inflazione è in frenata e la produzione di auto sta aumentando. A fronte della stagnazione sia del mercato del lavoro che di quello residenziale, è probabile che i tassi d interesse si mantengano più a lungo a livelli contenuti, in uno scenario che risulta solitamente favorevole alle azioni statunitensi. U.S. Equity Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +6,25%* rispetto a un rendimento di +5,88% dell indice MSCI USA NR e di +4,87% dell indice settoriale Lipper Equity North America. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Nella prima parte del 2011, il Comparto ha generato un rendimento assoluto positivo, sovraperformando sia l indice che la media settoriale del gruppo di riferimento. Le partecipazioni del Comparto in titoli di beni di consumo discrezionali hanno tirato le fila, in termini sia assoluti che relativi. Al contempo, anche l assenza dal Comparto di titoli del settore dei servizi finanziari ha stimolato notevolmente i rendimenti relativi, visto che i servizi finanziari hanno evidenziato le peggiori performance di prezzo. In rapporto ai rispettivi indici settoriali, le partecipazioni del Comparto nella sanità hanno registrato un andamento generalmente sofferto e hanno rappresentato il fattore maggiormente penalizzante in termini relativi. Il titolo più performante è stato Carbo Ceramics (un produttore di prodotti specialistici per l industria petrolifera e gasiera), mentre il peggiore è stato Dolby Laboratories (tecnologie audio). Il Comparto ha aggiunto nuove partecipazioni nel produttore di borse Coach, nella società di componenti Emerson Electric e nel colosso dell abbigliamento Urban Outfitters, mentre ha liquidato la posizione nel produttore di strumentazioni mediche Medtronic. Walter Scott & Partners Limited Luglio 2011 Vietnam, India and China (VIC) Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a -19,77%* rispetto a un rendimento di +1,66% dell indice MSCI EM Asia e di +0,72% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Far East (Ex Japan). Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha perso molto terreno rispetto all indice in un periodo difficile per i mercati azionari emergenti asiatici. La modesta performance relativa del Comparto è principalmente attribuibile alla sua sovraesposizione tematica verso la Cina, l India e il Vietnam, dove le vittime più evidenti dell ondata di vendite regionali sono stati i titoli a media e bassa capitalizzazione. Le aspettative di un incremento delle pressioni inflazionistiche e di un rallentamento della crescita economica hanno alimentato le preoccupazioni sugli utili aziendali futuri. L aumento del costo dei finanziamenti ha pesato sulle azioni sensibili alle variazioni dei tassi d interesse quali, per esempio, i titoli dei servizi finanziari e delle infrastrutture, soprattutto in India. Le partecipazioni più deboli del Comparto si sono concentrate in particolare fra i titoli ADR cinesi, fonti di preoccupazioni sul piano della corporate governance e dei bilanci che hanno pesato su tutto il settore. Sul versante positivo, le partecipazioni nel settore al dettaglio hanno messo a segno le migliori performance grazie al solido incremento delle vendite. Il gestore ritiene che l inflazione abbia raggiunto il picco e che la politica monetaria si avvii verso una normalizzazione. A suo avviso, nella seconda parte del 2011 la presa di coscienza di tali sviluppi da parte degli investitori spingerà il mercato verso un rally. I gestori ritengono il Comparto ben posizionato al fine di sfruttare queste condizioni di mercato. Hamon Asset Management Limited Luglio 2011 The Boston Company Asset Management LLC Luglio

15 Asset Management Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Investimenti azionari specializzati Global Property Securities Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a -3,31%* rispetto a un rendimento di -1,85% dell indice FTSE EPRA/NAREIT Developed e di -0,52% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Equity Property. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Il mercato mondiale dei titoli immobiliari ha registrato un andamento altalenante per chiudere la prima metà del 2011 con il segno meno; la ripresa economica mondiale è stata stemperata dal terremoto e dallo tsunami in Giappone, dai timori per il debito dell Eurozona e dalle difficoltà economica americane. Gli sviluppi macroeconomici hanno avuto, e riteniamo continueranno ad avere, un ruolo importante. Il solido risultato ottenuto dalle selezioni titoli negli Stati Uniti, nel Regno Unito e a Singapore, insieme alla sottoesposizione in Giappone, hanno trainato la performance del Comparto. Ciò non è tuttavia bastato a neutralizzare l effetto negativo delle selezioni titoli operate in Europa e in Giappone, come pure il peso delle liquidità in portafoglio, e il Comparto ha ceduto terreno rispetto all indice nel periodo considerato nel suo complesso. Poiché l avversione al rischio è aumentata nel semestre, il gestore ha adottato un approccio di maggior prudenza, mirando a sfruttare le aree di crescita economica attesa superiore alla media (per esempio la regione scandinava), nonché assumendo posizioni più difensive, attraverso la selezione di società con un management di prestigio, attività di qualità elevata e bilanci orientati alla prudenza. Urdang Securities Management Inc. Luglio 2011 Small Cap Euroland Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a -1,26%* rispetto a un rendimento settoriale di +5,15% dell indice settoriale Lipper UK Offshore European Smaller Companies e di -0,57% dell indice S&P EuroZone SmallCap. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Il Comparto ha perso posizioni rispetto al benchmark nel periodo, soprattutto a causa della selezione titoli nei settori industriale, beni di consumo discrezionali e primari. Per contro, la selezione titoli nei servizi finanziari e nei materiali ha offerto un contributo positivo ai rendimenti. A livello di paesi, la selezione titoli in Italia, Francia e Belgio ha penalizzato i rendimenti, mentre le selezioni operate in Finlandia e Austria hanno riservato maggiori soddisfazioni. Il gestore ritiene che l economia mondiale proseguirà il recupero avviato nel 2009 e giudica positivamente il posizionamento dei titoli presenti nel Comparto, confermandone la capacità di trarre beneficio dal contesto. The Boston Company Asset Management LLC Luglio 2011 Reddito fisso Emerging Markets Debt Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a +4,55%* rispetto a un rendimento di +5,09% dell indice settoriale Lipper Custom Fixed Interest Emerging Markets e di +6,29% dell indice JPMorgan Emerging Markets Bond Index (EMBI) Global. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Nella prima parte dell anno, le obbligazioni sovrane del mercato emergente hanno generato solidi rendimenti positivi, sebbene il Comparto abbia comunque perso qualche posizione rispetto al mercato. La classe di attivi resta frenata da alcune difficoltà legate al persistere di incertezze sulla tenuta della crescita globale, sugli sviluppi e su un eventuale contagio da parte dei paesi periferici dell Eurozona e, infine, sugli eventi in Medio Oriente che hanno mantenuto elevati i prezzi del petrolio. Grazie ai livelli elevati delle quotazioni petrolifere, le sovraponderazioni del Comparto in Russia, Kazakistan e Venezuela hanno tutte conseguito risultati importanti. Anche la sovraesposizione in Indonesia e Uruguay, entrambe promosse nel periodo in esame al grado inferiore all Investment Grade, ha dato buoni frutti. Le sottoponderazioni in crediti più costosi e dagli spread ridotti quali, per esempio, il Brasile, il Messico e le Filippine, hanno ridotto la performance del Comparto. L allocazione dell indice in entità quasi sovrane è cresciuta nel tempo. Questi titoli sono in grado di offrire un interessante rendimento aggiuntivo rispetto alle obbligazioni sovrane pure e, ultimamente, il gestore ha approfittato di alcune di queste interessanti opportunità come pure di altre nuove emissioni. Standish Mellon Asset Management Company LLC Luglio 2011 Emerging Markets Debt Local Currency Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a +6,52%* rispetto a un rendimento di +6,92% dell indice JPMorgan Government Bond Index-Emerging Markets (GBI- EM) Global Diversified. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. La volatilità del biglietto verde nella prima parte dell anno ha inciso notevolmente sui rendimenti delle obbligazioni dei mercati emergenti denominate in valuta locale. Gli sviluppi politici di gennaio in Africa settentrionale e in Medio Oriente, il persistere di timori sulla Grecia e la marcata correzione a maggio dell euro rispetto al dollaro americano hanno inciso sulla performance di questi mesi. Ciononostante, la solida performance dell indice è giustificata dall apporto positivo sia delle valute che della duration. Il Comparto ha beneficiato della sua sovraesposizione al rublo russo e della sua sottoesposizione al rand sudafricano. Un ulteriore impulso è derivato dalla decisione di liquidare l esposizione del Comparto in Egitto nella prima parte dell anno. Viceversa, le sottoesposizioni al real brasiliano e al fiorino ungherese hanno rappresentato le aree di maggior debolezza sul piano del posizionamento valutario. In termini di duration (un parametro della sensibilità di un obbligazione alle variazioni dei tassi d interesse), il Comparto ha beneficiato della sua sovraesposizione ai tassi locali sia messicani che sudafricani, mentre i segni negativi sono derivati soprattutto dalla sottoesposizione del Comparto agli attivi brasiliani e ungheresi. Standish Mellon Asset Management Company LLC Luglio

16 Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Reddito fisso (continua) Emerging Markets Local Currency Investment Grade Debt ** Emerging Markets Local Currency Investment Grade Debt, gestito da Standish Mellon Asset Management Company LLC, è stato lanciato il 20 giugno Il Comparto mira a sovraperformare l indice JPMorgan GBI-EM Global Diversified Investment Grade di punti base all anno, sull intero ciclo di mercato, con un tracking error compreso fra 100 e 250 punti base all anno. Amministrato da un team specializzato nei mercati emergenti che effettua ricerche approfondite sui fondamentali dei paesi, integrate ma non scavalcate da modelli quantitativi, il Comparto gestisce attivamente sia la duration che l esposizione valutaria. Si prevede di beneficiare di un rendimento addizionale pressoché equamente ripartito fra gestione della duration e delle valute. Standish Mellon Asset Management Company LLC Luglio 2011 Euro Corporate Bond Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +1,12%* rispetto a un rendimento di +1,54% dell indice Markit iboxx Euro Total Return e di +1,46% dell indice settoriale Lipper Global Bond EUR Corporates. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Nella prima parte del 2011, il Comparto ha generato un rendimento assoluto positivo, ma ha ceduto posizioni marginali rispetto all indice e alla media settoriale del gruppo di riferimento. Il mercato ha evidenziato una performance positiva nel corso del periodo grazie a risultati aziendali generalmente adeguati o superiori alle aspettative, nonché alla presenza di un solido supporto tecnico. Inoltre, sino alla fine di aprile, la crisi del debito sovrano ha fatto poco per ridurre la propensione al rischio degli investitori. Di conseguenza, i differenziali fra obbligazioni societarie e titoli sovrani si sono ridotti significativamente. Da maggio in avanti, i rinnovati timori sulla crisi del debito sovrano e, in particolare, il suo impatto sulla Grecia e sull Italia, hanno alimentato una crescente incertezza sui mercati e un nuovo ampliamento degli spread sino alla fine di giugno, soprattutto nel settore finanziario. Alla fine di giugno, tuttavia, il livello dei differenziali risultava ancora inferiore rispetto all inizio dell anno, soprattutto a seguito di una stretta degli spread nel settore finanziario. In prospettiva, il gestore continua a credere che il mercato offra buone potenzialità in termini di fondamentali e rappresenti un buon investimento alternativo rispetto alle obbligazioni governative. Il dibattito sul rischio sovrano potrebbe tuttavia costituire uno stimolo importante nei prossimi mesi. WestLB Mellon Asset Management Kapitalanlagegesellschaft mbh (Duesseldorf) Luglio 2011 Euroland Bond Nel corso del periodo in esame, il rendimento della classe di azioni C del Comparto è stato pari a -0,15%* rispetto a un rendimento di +0,52% dell indice Citigroup Euro Broad Investment Grade (EuroBIG) e di +0,74% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Fixed Interest Euro. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Nella prima parte del 2011, il Comparto ha generato un rendimento assoluto leggermente negativo, cedendo marginalmente terreno rispetto all indice e alla media settoriale del gruppo di riferimento. Il Comparto ha complessivamente beneficiato dell allocazione degli attivi, ma i relativi guadagni sono stati annullati dalla selezione dei titoli e dall allocazione per paese. All inizio del 2011, i mercati mondiali hanno dato ulteriore conferma della ripresa economica globale e del graduale incremento delle pressioni inflazionistiche. Nel secondo trimestre, il clima è cambiato a causa delle consistenti revisioni al ribasso sulle previsioni di crescita innescate da un rallentamento diffuso dell economia mondiale. Nel secondo trimestre, poco dopo l emergere della crisi del debito greco, hanno iniziato a diffondersi i timori sulle principali economie periferiche dell Eurozona, Spagna e Italia. In questo contesto, i bund tedeschi hanno evidenziato un rally, ignorando persino il rialzo dei tassi operato ad inizio aprile dalla Banca Centrale Europea. Nel complesso, la sovraesposizione del Comparto a settori a maggior rendimento quali, per esempio, i titoli Investment Grade e High Yield e al mercato dei titoli MBS commerciali ha stimolato la performance, benché il rischio di questi settori si sia ridotto a seguito del riaffacciarsi delle instabilità di mercato. Il Comparto ha chiuso il periodo in una posizione difensiva, avendo ridotto il rischio attivo per tutta la prima parte dell anno. Il gestore ritiene che il Comparto sia ben posizionato al fine di sfruttare la persistente volatilità del mercato. Standish Mellon Asset Management Company LLC Luglio 2011 Global Bond Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +4,23%* rispetto a un rendimento di +3,89% dell indice JP Morgan Global Government Bond e di +3,17% dell indice settoriale Lipper Global Bonds/Offshore USD Based. Tutti i rendimenti sono espressi in dollari statunitensi. Il Comparto ha generato un rendimento saldamente positivo nella prima parte dell anno, sovraperformando sia l indice che la media settoriale. Un iniziale sottoesposizione alla duration primaria ha aiutato il Comparto a proteggere efficacemente il capitale in un periodo di crescita economica particolarmente brillante e di forte propensione al rischio da parte degli investitori. Tuttavia, una politica di esclusione dalle posizioni in obbligazioni governative giapponesi (JGB) ha talvolta penalizzato il risultato, soprattutto nelle fasi in cui gli altri mercati obbligazionari registravano forti ondate di vendite. In Europa, anche la distanza dalla periferia e la vicinanza al centro (Germania, Finlandia e Paesi Bassi) sono state positive, poiché la mancanza di una soluzione alla crisi del debito sovrano europeo ha necessariamente sottoposto i mercati periferici a pressioni crescenti. Anche l orientamento verso il segmento più lungo delle (ripide) curve dei rendimenti nei principali paesi occidentali (quali Regno Unito, Germania e Norvegia) ha consentito al Comparto di beneficiare della domanda crescente di porti sicuri da parte degli investitori, alla luce della crescita incerta e dell accresciuta volatilità del mercato finanziario. Anche la tempestiva diversificazione dell esposizione valutaria rispetto al dollaro statunitense, all euro e allo yen giapponese, a vantaggio delle valute di economie meno indebitate e maggiormente correlate alla crescita mondiale (quali la corona norvegese, il dollaro di Singapore e il won sudcoreano) hanno rafforzato i rendimenti. Newton Investment Management Limited Luglio

17 Asset Management Relazioni dei Gestori degli investimenti (continua) Reddito fisso (continua) Global High Yield Bond (EUR) Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +3,91%* rispetto a un rendimento di +5,08% dell indice BofA Merrill Lynch Global High Yield Constrained e di -0,93% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Global High Yield. Tutti i rendimenti sono espressi in euro. Nella prima parte del 2011, il Comparto ha generato un rendimento assoluto positivo, sovraperformando la media settoriale del gruppo di riferimento, benché abbia ceduto posizioni marginali rispetto all indice. È stato un periodo di grande incertezza per le obbligazioni ad alto rendimento. I guadagni del Comparto si sono concentrati nel primo trimestre, grazie al contributo positivo derivante dai dati economici positivi e dalle soddisfacenti relazioni sugli utili che hanno aumentato la propensione al rischio degli investitori. A seguito tuttavia del riaffacciarsi dei timori riguardanti la crisi del debito greco e del deterioramento dei dati macroeconomici negli Stati Uniti, la fiducia degli investitori si è man mano ridotta facendo così chiudere il mercato delle obbligazioni high yield di giugno con il segno meno, il primo mese negativo dell anno. Per l intero periodo, il Comparto è rimasto sovraesposto alle obbligazioni con rating B e CCC, con particolare enfasi sui titoli emessi da società operanti nei settori economicamente più sensibili. La sovraesposizione e la selezione titoli nel comparto dei media hanno stimolato la performance, unitamente alla riuscita selezione di obbligazioni nel settore delle telecomunicazioni e alla sottoesposizione alle obbligazioni di imprese attive nell industria del tempo libero. Tuttavia, la mal riuscita selezione di crediti nel settore automobilistico e una sottoesposizione alle obbligazioni del settore energetico hanno ridotto i rendimenti. Il gestore resta ottimista sulle prospettive delle obbligazioni high yield, alla luce degli utili aziendali soddisfacenti, dei progressi nei profili creditizi, delle stime di default contenuti e dei solidi fattori tecnici del mercato. In tale scenario, il Comparto continuerà a concentrarsi sugli investimenti in obbligazioni di società caratterizzate da un adeguata liquidità, un indebitamento contenuto dei bilanci e solidi parametri operativi. Index Trackers Euro Government Bond Index Tracker Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a -0,67%* rispetto a un rendimento di -0,01% dell indice Citigroup EMI Global Bond e di +0,74% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Fixed Interest EUR, entrambi espressi in euro.* Per ulteriori commenti, fare riferimento all analisi di mercato all inizio del presente documento. The Dreyfus Corporation Luglio 2011 S&P 500 Index Tracker Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +5,11%* rispetto a un rendimento di +6,02% dell indice S&P 500 e di +4,87% dell indice settoriale Lipper UK Offshore North American Equity, entrambi espressi in dollari statunitensi.* Per ulteriori commenti, fare riferimento all analisi di mercato all inizio del presente documento. Mellon Capital Management Corporation Luglio 2011 * Fonte: Lipper al 30 giugno 2011, Rendimento totale, senza commissioni iniziali ma comprensivo di spese annuali, con reinvestimento del reddito al lordo delle imposte. La commissione iniziale può incidere significativamente sulla performance dell investimento. I dati di performance comprensivi della commissione iniziale sono disponibili su richiesta. La performance passata non è indicativa dell andamento futuro. Lo storico della performance è indicato nella valuta della classe di azioni. ** Fare riferimento alla Nota 18 al bilancio. Standish Mellon Asset Management Company LLC Luglio 2011 Sterling Bond Nel corso del periodo, il rendimento della classe di azioni A del Comparto è stato pari a +1,69%* rispetto a un rendimento di +1,66% dell indice FTSE A British Govt All Stocks e di +2,27% dell indice settoriale Lipper UK Offshore Fixed Interest GBP. Tutti i rendimenti sono espressi in sterline. Il Comparto ha prodotto un rendimento assoluto moderatamente positivo, sovraperformando marginalmente l indice, ma ha sottoperformato rispetto alla media settoriale. Nel corso del primo trimestre l esposizione ai titoli di credito non Gilt ha rafforzato i rendimenti, grazie al persistere di una solida propensione al rischio da parte degli investitori, sebbene un iniziale preferenza per il segmento lungo della curva dei Gilt abbia pesato sulla performance a causa di un inflazione pervicacemente elevata che ha fatto salire i costi di finanziamento del Regno Unito. La tempestiva estensione della duration, all aggravarsi dei problemi delle indebitate economie periferiche dell Eurozona, ha consentito al Comparto di sfruttare il rialzo legato alla corsa alla qualità degli investitori europei, mentre l orientamento verso la parte centrale della curva dei rendimenti ha consentito al Comparto di trarre vantaggio della revisione negativa delle stime sui tassi d interesse, alla luce della crescita incerta. Newton Investment Management Limited Luglio

18 Relazione sulla Gestione semestrale Rassegna della Società I risultati operativi sono illustrati nel Conto economico. Ulteriori ragguagli sugli obiettivi e sulle politiche di gestione del rischio sono riportati in dettaglio più avanti. I patrimoni in gestione alla fine del periodo sono indicati nel Prospetto del patrimonio netto atribuibile agli Azionisti possessori di azioni di partecipazione rimborsabili. Attualmente il Consiglio di Amministrazione non prevede di variare l assetto della Società né il suo obiettivo d investimento. Distribuzioni Le distribuzioni proposte a favore dei titolari di azioni riscattabili sono rilevate a Conto economico dopo essere state debitamente autorizzate dagli Amministratori e non a discrezione della Società. Le distribuzioni provenienti da azioni riscattabili sono registrate come costo finanziario nel Conto economico. La Società non prevede di deliberare o effettuare distribuzioni di dividendi, eccettuate le classi azionarie indicate nella nota 1 del paragrafo Distribuzioni ai titolari di azioni di partecipazione riscattabili al bilancio d esercizio. Tutti i proventi percepiti e le plusvalenze realizzate delle classi azionarie che non distribuiscono utili saranno accumulati (previa deduzione delle spese) e il loro ammontare sarà espresso dal valore patrimoniale netto per azione. Eventi successivi Per maggiori particolari sugli eventi successivi si rimanda alla nota 19 ai rendiconti finanziari. Rischio societario Le attività di investimento della Società espongono la stessa a vari tipi di rischio, associati agli strumenti finanziari e ai mercati in cui investe: rischio di mercato (compresi il rischio di cambio e il rischio di tasso di interesse), rischio di credito e rischio di liquidità. La Società si avvale di programmi per la gestione dei rischi intesi a limitare i potenziali effetti negativi di tali rischi sugli andamenti finanziari dei Comparti. Obiettivi e politiche di gestione del rischio Per i dettagli dei rischi relativi agli investimenti della Società, agli obiettivi e alle politiche di gestione del rischio si rimanda alla nota 17 ai rendiconti finanziari. Parti correlate Tutte le operazioni e le variazioni riguardanti parti correlate, effettuate nel periodo fino al 30 giugno 2011, sono illustrate in dettaglio nella nota 10 al bilancio d esercizio. Dichiarazione di responsabilità Il Consiglio d Amministrazione conferma che il bilancio sintetico è stato redatto conformemente alla direttiva sulle Relazioni semestrali emanata dall Accounting Standards Board ( ASB ) e che la relazione provvisoria di gestione comprende un esame obiettivo delle informazioni richieste dalla Direttiva sulla Trasparenza. Eventi di rilievo verificatisi nel periodo Per maggiori particolari sugli eventi di rilievo nel periodo di bilancio si rimanda alla nota 18 ai rendiconti finanziari. 18

19 Asset Management Absolute Return Equity Portafoglio degli investimenti al 30 giugno 2011 Valori in portafoglio Descrizione equo GBP patrimonio netto (%) Valori in portafoglio Descrizione equo GBP patrimonio netto (%) Paesi Bassi , ING Bank 0,54% 06-lug-2011 CD ,77 Regno Unito , Lloyds 0,79% 15-lug-2011 CD ,82 investimenti in certificati di deposito ,59 Francia , Agce Ctrale Organismes Securite Social 0,000% 18-lug-2011 CP , BPCE 0,000% 06-set-2011 CP , Caisse des Dépôts et Consignations 0,000% 22-ago-2011 CP ,88 Paesi Bassi , ABN Amro Bank N.V. 0,000% 12-lug-2011 CP , Bank Nederlandse Gemeenten 0,000% 18-lug-2011 CP ,82 investimenti in commercial paper ,11 Regno Unito , United Kingdom Treasury Bill 0,000% 04-lug , United Kingdom Treasury Bill 0,000% 11-lug , United Kingdom Treasury Bill 0,000% 25-lug ,54 investimenti in obbligazioni attualizzate ,96 Canada , Entertainment One Ltd ,15 Guernsey , Sherborne Investors (Guernsey) A Limited ,02 Isola di Man , Trading Emissions plc ,53 Regno Unito , Millennium & Copthorne Hotels PLC , Unite Group PLC , Virgin Media Inc ,15 investimenti in titoli azionari ,43 Australia , Westpac Banking 1,476% 03-giu-2014 FRN ,35 investimenti in obbligazioni a tasso variabile ,35 Canada , Bank of Montreal 0,50% 04-lug-2011 TD ,77 Germania , Deutsche Postbank 0,57% 05-lug ,77 Paesi Bassi , Rabobank International London 0,45% 01-lug-2011 TD ,76 investimenti in depositi a termine ,30 Regno Unito ,09 (600) FT350 General Retailers Index 16-gen ,05 (337) FTSE 250 Index 16-gen ,01 (225) FTSE 250 Index 01-ago ,03 investimenti in swap indicizzati azionari ,09 Bermuda ,00 (84.522) Hiscox Ltd ,00 Canada , Entertainment One Ltd ,01 Danimarca , Trygvesta AS ,00 Francia , Michelin ,07 (29.996) Peugeot SA , Renault SA , Total SA ,01 Germania , CTS Eventim AG , Daimler AG , Puma AG ,02 Irlanda , Charter International PLC ,23 Jersey 483 0, Beazley PLC 483 0,00 Portogallo , Galp Energia SGPS Company SA ,14 ( ) Portugal Telecom SGPS SA ,13 Spagna , Enagas , Fluidra SA , Obrascon Huarte Lain SA ,03 (3.754) Red Electrica Corporacion ,00 Svizzera 942 0, Novartis AG 688 0,00 59 Roche Holding AG 254 0,00 Regno Unito ,27 ( ) Aberdeen Asset Management , African Barrick Gold , Anglo American PLC , Ashtead Group PLC , Atkins (WS) PLC ,02 (50.000) Avanti Communications Group PLC , BAE Systems PLC , BBA Aviation PLC , BG Group PLC , Blackrock World Mining Trust 66 0, Blinkx PLC ,02 (70.000) Bodycote PLC ,01 (60.000) Bunzl PLC , Capita Group PLC , Carillion PLC , Centrica PLC , Chemring Group PLC , CLS Holdings PLC ,01 ( ) Cobham PLC , Compass Group PLC , Cookson Group PLC ,00 (60.000) Dairy Crest Group PLC ,01 (80.000) Diageo PLC , Experian PLC , Fenner PLC , Filtrona PLC , Galiform PLC 293 0, Go-Ahead Group PLC , Group 4 Securicor PLC , Hamworthy KSE Ltd , Hargreaves Lansdown PLC ,03 (40.000) Homeserve PLC , Hunting PLC , Inchape PLC , International Power PLC ,00 (35.000) Johnson Matthey PLC ,01 ( ) Kingfisher PLC , Lamprell PLC , Lancashire Holdings LTD ,04 19

20 Absolute Return Equity Portafoglio degli investimenti al 30 giugno 2011 Valori in portafoglio Descrizione equo GBP patrimonio netto (%) Valori in portafoglio Descrizione equo GBP patrimonio netto (%) Regno Unito (continua) ( ) Logica PLC , London & Stamford Property PLC , London Mining PLC 295 0, Marstons PLC , Meggitt PLC , Mitchells & Butlers PLC , Moneysupermarket.com ,12 ( ) Morrison Supermarkets PLC , New Britain Palm Oil LTD , Paragon Group PLC , Paypoint PLC , Pennon Group PLC ,02 (48.503) Persimmon PLC ,00 ( ) Premier Foods PLC ,11 (60.000) Provident Financial PLC ,02 (33.000) Reckitt Benckiser Group , Reed Elsevier PLC , Restaurant Group PLC 254 0, Rolls-Royce Holdings PLC ,02 (28.555) Royal Dutch Shell PLC A , RPS Group PLC , Sainsbury (J) PLC ,00 (75.692) Segro PLC , Senior PLC , Shaftesbury PLC , Shanks Group PLC ,04 (38.622) SIG PLC 18 0,00 (15.500) Smiths Group PLC , Stagecoach Group PLC ,07 (51.040) SThree PLC , Telecity Group PLC ,11 (30.000) Templeton Emerging Market , Tesco PLC , Travis Perkins PLC , Unite Group PLC ,02 ( ) United Utilities Group PLC , Victrex PLC , Virgin Media INC , Weir Group PLC (The) ,05 ( ) Wetherspoon (J.D.) PLC , Yule Catto & Company PLC ,05 investimenti in swap azionari ,04 Utile non realizzato su contratti a termine su divise (nota 14) ,29 Interessi su investimenti (nota 1) ,01 attività finanziarie al valore equo rilevato a conto economico ,17 Regno Unito ( ) (0,11) (125) FT350 General Retailers Index 16-mag-2012 (281) 0,00 (43) FTSE 250 Index 16-gen-2012 (5.768) 0,00 (60) FTSE 250 Index 16-mag-2012 (12.705) (0,01) (476) FTSE 250 Index 01-ago-2012 (94.324) (0,10) investimenti in swap indicizzati azionari ( ) (0,11) Bermuda (32.961) (0,03) ( ) Hiscox Ltd (32.961) (0,03) Danimarca (7.981) (0,01) Trygvesta AS (7.981) (0,01) Francia ( ) (0,18) (37.475) Peugeot SA (42.119) (0,05) Renault SA (29.857) (0,03) Francia (continua) (8.863) Sanofi-Aventis (18.513) (0,02) Total SA ( ) (0,08) Germania (88.071) (0,08) (8.807) Bayerische Motoren Werke AG (76.859) (0,08) CTS Eventim AG (745) 0, Daimler AG (10.467) 0,00 Guernsey (35.906) (0,03) Sherborne Investors (Guernsey) A Limited (35.906) (0,03) Isola di Man (99.074) (0,10) Trading Emissions PLC (99.074) (0,10) Italia (36.564) (0,04) (66.995) Enel SpA (9.130) (0,01) (39.248) Fiat SpA (27.434) (0,03) Jersey (8.848) (0,01) Beazley PLC (8.848) (0,01) Spagna (57.402) (0,05) Enagas (114) 0, Fluidra SA (2.577) 0,00 (47.241) Iberdrola SA (265) 0,00 (15.940) Red Electrica Corporacion (30.890) (0,03) (45.783) Repsol YPF SA (23.556) (0,02) Svizzera (32.517) (0,03) Novartis AG (10.047) 0, Roche Holding AG (22.470) (0,03) Regno Unito ( ) (1,35) i Group PLC (76.601) (0,07) (13.329) Aberdeen Asset Management (2.096) 0, Ashtead Group PLC (66.478) (0,07) Atkins (WS) PLC (16.187) (0,01) Blackrock World Mining Trust (1.259) 0, Blinkx PLC (10.080) (0,01) (50.000) Bodycote PLC (8.081) (0,01) BP PLC (9.895) (0,01) (17.550) British American Tobacco (500) 0,00 ( ) British Land Company PLC (51.388) (0,07) (44.314) Bunzl PLC (2.844) 0, Capita Group PLC (8.774) (0,01) Centrica PLC (76.309) (0,08) Chemring Group PLC (19.027) (0,01) Collins Stewart PLC (56.402) (0,07) Cookson Group PLC (19.357) (0,02) Cranswick PLC (26.065) (0,03) Daily Mail & General Trust PLC A (36.877) (0,03) (55.000) Dairy Crest Group PLC (3.619) 0,00 (60.000) Diageo PLC (8.999) (0,01) ( ) Elementis PLC (23.280) (0,01) Experian PLC (12.717) (0,01) Galiform PLC (13.958) (0,01) ( ) Greene King PLC (25.215) (0,02) (70.000) Greggs PLC (13.070) (0,02) ( ) Hammerson PLC (42.266) (0,04) Hargreaves Lansdown PLC (10.481) (0,01) ( ) Homeserve PLC (62.455) (0,05) IG Group Holdings PLC (46.838) (0,05) ( ) Legal & General Group PLC (40.341) (0,04) London & Stamford Property PLC (1.024) 0, London Mining PLC (244) 0, Man Group PLC (91.189) (0,08) Marks & Spencer Group PLC (8.304) (0,01) Marstons PLC (2.772) 0, McBride PLC (10.528) (0,01) Michael Page International PLC (11.437) (0,01) 20

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Ignis Asset Management

Ignis Asset Management Ignis Asset Management Indice 2 Storia di Ignis 3 Ignis oggi 4 Eredità 5 Punti di forza 6 Capacità: innovazione, competenza ed esperienza 7 Panoramica sui prodotti 8 Assistenza clienti: il potere delle

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo Schroder International Selection Fund Prospetto informativo (Società di investimento a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese) Febbraio 2015 Italia Schroder International Selection Fund

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli