TECNOLOGIE E SERVIZI DI RETE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIE E SERVIZI DI RETE"

Transcript

1 Politecnico di Torino Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Dispense del corso di TECNOLOGIE E SERVIZI DI RETE A.A PROF. CIMINIERA LUIGI Realizzato da: Maggio Luigi E- mail:

2 LEZIONI N. 1,2,3,4 Il programma del corso verterà su 3 grossi argomenti: IPv6, una nuova versione dell' IP. Il problema della v6 stà nella sua totale incompatibilità con la precedente v4, nonostante i due protocolli condividano alcuni principi di base. Questo ostacola la diffusione della v6 essendo che la v4 ha ormai una enorme diffusione negli apparati di rete di tutto il mondo. VPN, un gruppo di tecniche e protocolli che hanno lo scopo di costruire una rete privata (quindi separata dal resto di Internet) utilizzando l' Internet pubblico. VOICEoverIP, i metodi e i protocolli utilizzati per il controllo delle chiamate su IP. In una parte finale saranno trattate le tecnologie per le connessioni geografiche (le MPLS) e alcune tecniche che hanno lo scopo di garantire la QoS. L evoluzione di IP: InternetProtocolVersione 6 La decisione di passare ad una nuova versione dell'ip risale alla prima metà degli anni 90' ed è dovuta a molteplici ragioni: Esaurimento dello spazio di indirizzamento IPv4: l'indirizzo IPv4 è composto da 32 bit, che corrispondono a circa 4 miliardi di combinazioni. Di contro però alcuni tipi di combinazioni non possono essere usate perchè riservate per particolari utilizzi (multicast, etc etc). Come se non bastasse si riscontra una certa frammentazione interna dovuta al fatto che quando si concede un pool di indirizzi ad una organizzazione solitamente non tutto il pool viene utilizzato. Come vengono assegnati gli indirizzi IP? Esistono 5 agenzie regionali (RIR). IANA fornisce delle reti \8 (quindi circa 16 milioni di combinazioni) ai RIR. Un RIR può andare a chiedere un nuovo blocco a IANA solo quando gli è rimasto da assegnare meno di un \9 oppure se proiettando i dati statistici nel futuro ci si rende conto che quelli a disposizione saranno esauriti in meno di un anno e mezzo. Il consumo di indirizzi IPv4 è attualmente rallentato grazie ad una più oculata politica di concessione di pool di questi ultimi da parte dei RIR, nonchè mediante l'introduzione di tecniche quali ad esempio il NAT. Problematiche di scalabilità del routing: i router di backbone hanno avuto una crescita vertiginosa delle righe nelle loro tabelle di instradamento, il che va ad allungare i tempi di ricerca al loro interno nel momento in cui si esegue la ricerca del Longest Prefix Match per eseguire l'instradamento dei pacchetti. Ci sono molti che criticano il campo di indirizzamento da 128 bit perchè se da un lato così facendo le righe sono state ridotte, dall'altro si sono allungate (ma era inevitabile vista la necessità di aumentare il campo di indirizzamento). Richiesta di servizi nuovi e/o più efficienti: in termini di Mobilità, poichè uno dei problemi dell'indirizzamento IP è che se ci si collega ad una diversa sottorete è necessario cambiare l'indirizzo IP per renderlo coerente con il prefisso di rete della sottorete in cui ci si è spostati (nonchè l'indirizzo del defaul gateway). Si vorrebbe invece in ogni caso mantenere il proprio indirizzo IP. In altre parole, le soluzioni che prevedono solamente l'assegnazione degli indirizzi non sono in grado di gestire le problematiche di roaming (spostamento da un gestore all'altro), di handover (spostamento da una rete all'altra),

3 ossia in generale non gestiscono il problema della portabilità (per alcuni versi detta raggiungibilità) dell'indirizzo di rete assegnato. Sicurezza, con la possibilità di autenticare l'indirizzo IP. In tal modo non si andrebbe a cifrare solo il carico dell'applicazione, ma anche il carico a livello 3 (ad esempio messaggi ICMP). Autoconfigurazione, ovvero collegare una macchina alla rete senza la necessità di dover operare una configurazione manuale delle impostazioni di rete. QoS, con la necessità di fornire diversi tipi di servizio a seconda dei tipi specifici di flusso di pacchetti. Multicast, poichè in IPv4 non sono trattate delle funzionalità quali ad esempio l'ingresso e l'uscita da un gruppo multicast. Di fatto però sono stati introdotti nell'ipv4 dei protocolli per tamponare alcune delle lacune funzionali trattate, ovvero rispettivamente MobileIP, IP Sec, DHCP, campo Type nel pacchetto IP, IGMP. Per quanto riguarda il formato dell'header, uno dei principali obiettivi della proposta SIPP (equindi di IPv6) era la semplificazione del protocollo. Questo corrispondeva innanzitutto ad eliminare i campi superflui o a fare un uso estremamente limitato dall'header del protocollo stesso. Questa operazione aveva come obiettivo la semplificazione del cosiddetto critical router loop, ossia quella porzione di codice che un router deve eseguire per tutti i pacchetti che si trova a dover instradare e che influisce quindi direttamente sulle sue prestazioni. E' evidente (in figura) come il numero di campi si sia ridotto da 12 a 8 (escludendo i campi opzionali), mentre lo spazio occupato da tutti i campi esclusi gli indirizzi di sorgente e di destinazione è passato da 12 a 8 bytes. L'ampiezza totale dell'header è tuttavia aumentata (da 20 a 40 bytes) a causa dei due campi contenente l indirizzo sorgente e destinazione, grandi ognuno 128 bit, per un totale di 40 bytes, che è la lunghezza fissa dell header. I risultati di questa semplificazione non sono tuttavia completamente positivi. In particolare, la dimensione dell'indirizzo IPv6, a parte un po' di folclore ("ci sono più indirizzi IPv6 che atomi nell'universo") non trova effettive giustificazioni tecniche tranne la volontà di voler evitare a tutti i costi di incorrere in nuove penurie di indirizzi come è accaduto per il protocollo IPv4. Questa scelta, peraltro, complica notevolmente le operazioni di route lookup ossia la procedura che serve a localizzare, per ogni pacchetto in transito in un router, l'effettiva strada (route) di destinazione. Infatti, questa operazione consiste in un confronto tra l'indirizzo IP di destinazione e ogni route memorizzata nel router per cercare quella che ha in comune un maggior numero di bit (da sinistra verso destra) con l'indirizzo di destinazione. Mettiamo quindi ora a confronto più dettagliatamente le intestazioni delle due versioni dell' IP

4 Dove il campo: VERSIONE: in teoria dovrebbe permettere a chi riceve un datagram di interpretare l'intestazione secondo il formato della v6 o della v4. In realtà però questo viene deciso a livello inferiore, ovvero a livello 2, poichè nella trama ethernet è specificato un campo Protocol Type che indica il tipo del carico utile trasportato. In tal modo è possibile avere distinte realizzazioni software (che si ignorano a vicenda) per le versioni di IP: sarà il driver della scheda di rete che si occuperà di smistare correttamente i datagram tra le due a seconda del campo Protocol Type. E' l unico campo che ha mantenuto la stessa posizione e lo stesso significato, è grande 4 bit e contiene il numero 6. HLEN: indica la lunghezza dell'intestazione. Nella v4 deve essere scritta poichè tale lunghezza può essere variabile e c'è quindi la necessità di indicare dove inizia il carico utile. Nella v6 invece l'intestazione ha lunghezza fissa a 40 byte, con lo scopo di favorire la commutazione dei pacchetti operata in hardware. SOURCE/DESTINATION IP ADDRESS: gli indirizzi mittente sono da 32 bit nell'ipv4 e da 128 bit nell'ipv6. TRAFFIC CLASS: permette di distinguere il datagram in funzione del servizio che ci si aspetta per quel tipo di datagram. E' uno di quei campi che servono per la gestione della QoS. FLOW LABEL: è lungo 20 bit e consente al nodo mittente di contraddistinguere un insieme di pacchetti appartenenti allo stesso flusso di dati. Un flusso è un gruppo di pacchetti che richiede un trattamento coerente da parte della rete. Tutti i pacchetti appartenenti allo stesso flusso dovranno avere stesso indirizzo di mittente, di destinatario e la stessa Flow label; inoltre eventuali Extension Header di tipo Hop- by- Hop oppure Routing presenti devono essere uguali in tutti i pacchetti dello stesso flusso. Tale campo può contenere valori tra 1 e FFFFFF. PAYLOAD LENGHT: E' lungo 16 bit; rimpiazza il campo total length di IPv4, in cui essendo l header di lunghezza variabile è necessario indicare la lunghezza totale del pacchetto; in IPv6 invece, essendo l header di lunghezza fissa è sufficiente indicare la dimensione del campo dati trasportato col pacchetto; essendo questo campo lungo 16 bit la dimensione massima del campo dati di un pacchetto IPv6 può quindi essere 64Kbyte. TOTAL LENGHT: indica la lunghezza del datagram inclusa l'intestazione. Il massimo per un datagram v4 è 64 kb compresa l'intestazione. HOP LIMIT: corrisponde al TTL della v4. E' lungo 8 bit; tale campo viene decrementato di un unità ogni volta che un router trasmette il pacchetto. Se il campo Hop Limit assume il valore zero il pacchetto deve essere scartato. Serve per evitare che pacchetti entrati in condizione di loop continuino a circolare nella rete indefinitamente. Data la lunghezza di questo campo, tra due nodi non potranno esserci più di 255 hop, cioè non più di 254 router. OPTIONS: in IPv4 è utilizzato per la frammentazione insieme ai campi IDENTIFICATION, FLAGS e FRAGMENT OFFSET. Tali campi spariscono nella v6 in quanto non è più permesso che i router operino la

5 frammentazione dei datagram in funzione della MTU della sottorete. In IPv6 la frammentazione e successivo riassemblaggio sono realizzati rispettivamente dal user mittente e destinatario. HEADER CHECKSUM: è stato abolito nella v6 poichè quello della v4 era debole (non permetteva di identificare alcuni tipi di errore) e soprattutto alcune delle medesime mansioni venivano svolte in maniera più efficiente a livello 2. PROTOCOL: nella v4 indica a quale protocollo appartiene il carico utile del datagram che si sta considerando (TCP, UDP, ICMP..) NEXT HEADER: è lungo 8 bit; indica di quale tipo è l intestazione che viene subito dopo quella dell'ipv6. Potrebbe esserci un'intestazione di tipo TCP, UDP, ICMP.. e in tal caso funzione in modo del tutto analogo al campo PROTOCOL della v4. Potrebbero però anche esserci delle altre intestazioni dell'ipv6 opzionali (ad esempio quelle di sicurezza per la cifratura..) IPv6 Ov6 Ov6 Ov6 TCP Tale tecnica crea dei problemi perchè in alcuni casi è necessario andare a guardare alcuni campi che si trovano nell'intestazione di base dell' IP e poi andare a vedere alcuni campi dell'intestazione TCP. Chi deve fare questa operazione sono di solito i firewall, per i quali una regola potrebbe essere di impedire tutte le connessioni se non quelle dirette ad un certo indirizzo IP e ad una certa porta TCP. In IPv4 per leggere l'intestazione TCP è sufficiente prendere il campo HLEN e calcolare l'offset, mentre in IPv6 bisogna scorrere tutta l'eventuale catena dei NEXT HEADER fino ad arrivare a quello che mi interessa. I principali valori ammessi per il campo NEXT HEADER sono i seguenti: dove in particolare: HBH: sono delle informazioni che vengono passate da un router all'altro AH: permette di essere sicuri che l'indirizzo IP mittente non sia stato modificato mentre il pacchetto attraversava la rete ESP: permette di cifrare il carico utile del pacchetto per assicurare la riservatezza della trasmissione

6 OSPF: è il meccanismo utilizzato dai router per comunicarsi informazioni riguardo lo stato della rete (se ad esempio un link è andato giù) Un pacchetto IPv6 può contenere nessun Extension Header, un Extension Header o più Extension Header. In linea di massima un nodo IPv6 deve accettare e cercare di elaborare gli Extension Header in qualsiasi ordine si presentino, anche se esiste un ordine preferenziale che in alcuni casi è piuttosto vincolante. L'ordine è il seguente: Hop By Hop Option Header, Routing Header, Fragment Header, Authentication Header, Encrypted Security Payload Header e Destination Option Header. Da notare è che dall' ESP in poi è tutto cifrato e quindi un router non è in grado di leggere il DOH, motivo per cui ad esempio RH deve stare per forza prima di ESP contenendo il percorso (specificato dal mitt) che il datagram deve compiere. Da sottolineare è inoltre che l Hopby- Hop Extension Header può trovarsi soltanto immediatamente dopo l'header IPv6; questo accorgimento consente di limitare il carico computazionale dei nodi intermedi della rete: infatti l unico tipo di Extension Header che deve essere elaborato anche dai nodi intemedi è l Hop- by- Hop Option Header. Ogni nodo intermedio dovrà pertanto soltanto analizzare l'header IPv6 e verificare il suo campo Next Header che indica la presenza o meno di un Hop- by- Hop Option Header, ossia l eventuale presenza di ulteriori informazioni da elaborare per gestire correttamente il pacchetto. Il formato delle intestazioni opzionali è il seguente dove in testa c'è il NEXT HEADER che fornisce l'informazione su "cosa viene dopo" seguito da un EXTENSIONE HEADER LENGHT che permette di localizzare subito l'inizio dell'header che segue quello in esame, ma potrebbero essere presenti anche altri campi opzionali quali ad esempio TYPE. Il ROUTING HEADER contiene una lista di indirizzi di router che devono essere attraversati e un SEGMENT LEFT che specifica quanti elementi dal basso devono essere ancora considerati. Per esempio se il valore di tale campo fosse due stà a significare che il router che lo riceve deve rispedirlo al penultimo router prima della destinazione, mentre se è 0 significa che il router è lui stesso il destinatario. Questo extension header implementa la tecnica di instradamento di tipo source routing; la sorgente è pertanto in grado di condizionare il cammino di instradamento di un pacchetto scavalcando il normale instradamento IPv6. Per esempio

7 La figura riporta un esempio di impiego di routing header. Il pacchetto viene originato dalla sorgente S verso la destinazione D, ma al pacchetto IPv6 viene aggiunto un Routing Header che lo forza a passare attraverso i router intermedi R1 ed R2. Pertanto, il pacchetto originale avrà il router R1 come apparente destinazione, mentre la vera destinazione (D) è indicata come ultimo passo nella lista del router da attraversare indicata dal Routing Header. All'arrivo del pacchetto nel router R1, questo riconosce il pacchetto Ipv6 come, apparentemente, destinato a lui; infatti, il suo indirizzo compare nel campo destination address dell'header Ipv6. Ne controlla gli header successivi e scopre che il pacchetto contiene un Routing Header: questo cambia pertanto le carte in tavola perchè, solo ora, il router riconosce che non è lui il destinatario finale del pacchetto ma un altro host. Al router R1, in effetti, non importa conoscere il destinatario effettivo: quello che si limita a fare è selezionare il prossimo hop a cui mandare il pacchetto (in questo caso il router R2, in quanto il valore del campo Segment Left indica che devono essere ancora effettuati 2 passi verso la destinazione) e sostituire a quel campo (campo Hop1) del Routing Header il proprio indirizzo IPv6. Il procedimento continuerà di hop in hop; l'host destinazione (D) riceverà un pacchetto IPv6 con un Routing Header riportante il valore zero nel campo Segment Left, che corrisponde al fatto che il pacchetto ha raggiunto la destinazione prefissata. Per quanto riguarda il FRAGMENT HEADER, esistono dei meccanismi definiti nello standard RFC 1981 che permettono il Path MTU Discovery, ovvero permettono di andare a scoprire il minimo valore della MTU lungo un certo percorso. Una volta in possesso di tale informazione, il mittente è in grado di frammentare opportunamente i datagrams. Se la frammentazione è necessaria viene inserito nei datagram l'header Occorre ricordare che anche il TCP (o l'udp) opera una frammentazione dei propri pacchetti, generando dei blocchi compatibili con la MTU della sottorete in cui si trova (per esempio se è una rete locale di tipo Ethernet allora di solito il TCP genera dei segmenti da caricare in un datagram tali per cui dati+headerethernet=1500byte che è il limite per Ethernet ma che potrebbe non esserlo per tutte le sottoreti che devono essere attraversate). A seguito del riscontro di MTU più piccole lungo il percorso, per evitare di risalire fino al TCP (o UDP) per operare una differente frammentazione, è appunto l'ip mittente che deve essere in grado di frammentare i pacchetti ricevuti dal TCP. Ogni pacchetto è formato da due parti, una frammentabile e una non frammentabile. Questo perchè ad esempio l'intestazione IPv6 non può essere frammentata così come anche tutti gli Extension Header che precedono il FRAGMENT HEADER. Ovvero ogni frammento è pertanto costituito da:

8 Parte non frammentabile, con il valore originale del campo Payload Length modificata per indicare la lunghezza del frammento e il Next Header dell ultima intestazione della parte non frammentabile indicante che, a seguire, vi sarà il Fragment Header. Fragment Header, che contiene il campo Next Header (che identifica il primo header della parte frammentabile del pacchetto originale), l offset relativo all inizio della parte frammentabile del pacchetto originale, il flag M che indica se il frammento corrente è l ultimo, e il valore Identification del pacchetto originale, tramite il quale il ricevitore è in grado di riunire i frammenti e ricostruire il pacchetto di partenza. Frammento, che contiene la porzione di dati del pacchetto originale. Un esempio esaustivo del meccanismo di frammentazione in IPv6 è riportato nella figura seguente dove la MTU si ritiene comprensiva di Header, motivo per cui il carico di dati è stato frammentato in tre blocchi da 520 byte, 544 byte e 348 byte. Da notare è che nel primo blocco il Fragment Header è stato posto tra quello che può essere frammentato e quello che non può esserlo e che il Fragment Header

9 riporta, come campo Next Header, sempre il valore del prossimo header incontrato nel pacchetto originale. Pertanto questo valore del campo Next Header viene ripetuto anche nei frammenti successivi anche se l'header a cui si riferisce quella codifica è ormai stato trasmesso. Per quanto riguarda la Sicurezza in IPv6, si è già detto precedentemente che l' AUTHENTICATION HEADER è utilizzato per garantire l'autenticità dell'indirizzo mittente mentre l'encrypted SECURITY PAYLOD (che può essere accoppiato al precedente) permette di ottenere la cifratura dell carico, che quindi diventa non leggibile per chiunque non possieda la chiave per decifrarlo. L architettura di indirizzamento IPv6 In IPv6 esistono tre diversi tipi di indirizzi: UNICAST: identifica una singola interfaccia. Un pacchetto con un indirizzo unicast è inviato alla sola interfaccia associata a tale indirizzo; MULTICAST: identifica un insieme di interfacce, tipicamente appartenenti a nodi diversi. Un pacchetto con un indirizzo multicast è inviato a tutte le interfacce con tale indirizzo; ANYCAST: un indirizzo anycast è associato ad un gruppo di macchine come il multicast. La differenza stà nel fatto che quando io spedisco un datagram ad un indirizzo multicast voglio che tutte le macchine che fanno parte di quel gruppo lo ricevano, mentre quando spedisco un datagram ad un indirizzo anycast voglio che questo raggiunga anche solo una delle macchine che appartengono a quel gruppo. In tal modo posso avere uno stesso servizio replicato su tante macchine e poi con una trasmissione anycast cercare di raggiungere la più vicina (nel senso della rete, non geografico). Tale tecnica è utilizzata soprattutto per raggiungere il server DNS più vicino senza conoscerne necessariamente l'indirizzo IP. In IPv6 scompare il broadcast (trasmissione che in IPv4 era diretta a tutte le macchine della sottorete o sulla rete generale, a seconda dell'indirizzo broadcast utilizzato), eliminato perchè era dispendioso sia dal punto di vista del tempo di trasmissione che di quello di elaborazione. Il broadcast in IPv6 è stato sostituito dall'istituzione di un insieme di gruppi standard multicast. Esistono tre tipi di indirizzi IPv6 UNICAST: LINK- LOCAL: è obbligatorio, una interfaccia deve sempre e comunque avere un indirizzo di questo tipo. Tale tipo di indirizzo serve per comunicare con altre macchine che appartengono alla propria sottorete, non mi permette di attraversare nessun router. Cioè un indirizzo link- local ha un valore solo all'interno della sottorete in cui mi trovo, di modo che potrebbe ripetersi in altre sottoreti perchè tanto non è un indirizzo globale. Sono euivalenti a quelli dell'autoconfigurazione stateless dell'ipv4 perchè anche quelli sono indirizzi scelti a caso estraendo in un range di indirizzi IP nell'ipotesi che ho bisogno di un indirizzo IP per avvisare una comunicazione esclusivamente con le macchine che fanno parte della mia sottorete.

10 SITE- LOCAL: sono simili ai link- local, nel senso anche in questo caso non si esce su tutto l'ip, però si riesce ad attraversare qualche router. Si pensi ad esempio ad una rete aziendale così grossa che, nonostante sia tagliata fuori da Internet, sia organizzata in sottoreti e abbia quindi dei router all'interno. Gli indirizzi site- local servono per essere indirizzati e raggiungibili all'interno di una simile rete. GLOBAL: equivalenti agli indirizzi pubblici, permettono di essere indirizzati su tutto l'ip (e quindi che la macchina sia raggiungibile dall'esterno). Solitamente i global e i site- local sono in alternativa, mentre un indirizzo link- local deve sempre essere presente. Di conseguenza ogni interfaccia di rete ha assegnati almeno un paio di indirizzi (link- local+global), perchè in IPv6 ad una stessa interfaccia possono anche essere assegnati più indirizzi di tipo global. Come si scrivono gli indirizzi IPv6? Si scrivono in esadecimale come otto numeri naturali separati da ":", ognuno equivalente a 16 bit. es. FEDC:BA98:0876:45FA:0562:CDAF:3DAF:BB01 es. 1080:0000:0000:0007:0200:A00C:3423:A037 Siccome la stringa è molto lunga sono state introdotte delle semplificazioni che possono essere apportate nella scrittura si possono omettere gli zero iniziali es. 1080:0:0:7:200:A00C:3423:A037 si possono sostituire gruppi di zero con "::" (può essere usato una volta sola nella stringa) es. 1080::7:200:A00C:3423:A037 es. ::1 (Indirizzo di Loopback) Ci sono inoltre alcuni indirizzi IPv4 che possono essere scritti in v6 in diversi modi 0:0:0:0:0:0:A00:1 ::A00:1 :: dove gli ultimi 32 bit rappresentano l'indirizzo v4. In IPv6 scompare il concetto di Netmask sostituito da quello di PREFIX LENGHT che permette un'allocazione degli indirizzi strettamente gerarchica. Questo si indica aggiungendo alla destra di un indirizzo "/N" dove N è la lunghezza in bit del prefisso. Da notare è che si solito in IPv6 il prefisso si muove a blocchi di 4 perchè in tal modo è possibile manipolarli più facilmente in una scrittura in base 16 (perchè un gruppo di 4 bit corrisponde ad una cifra esadecimale). es. FEDC:0123:8700::/36 Gli indirizzi assegnati ai vari gruppi sono i seguenti

11 dove quelli che iniziano per 00 esadecimale sono riservati ad indirizzi che provengono dalla v4, perchè devono in qualche modo essere riadttati alla v6. gli indirizzi publici globali (Aggregatable Global Unicast) iniziano con 2 o 3 esadecimale. gli indirizzi di tipo link- local (Link Local Use) iniziano con un valore tra FE8 e FEB gli indirizzi privati di tipo site- local (Private) iniziano con FD gli indirizzi multicast iniziano con FF il terzo e quarto intervallo erano riservati per incamerare nella v6 indirizzi che derivano da altri tipi di protocollo di livello Rete quali appunto NSAP e IPX. La colonna più a destra indici la frazione dello spazio totale di indirizzamento coperta da ognuno degli intervalli elencati. Sorge spontanea la domanda: ma perchè definire un intervallo per gli indirizzi site- local? essendo una rete privata separata dall'internet pubblico non posso assegnare alle macchine un qualsiasi indirizzo? Ebbene fino a quando la rete privata rimane separata dall'internet pubblica questo è vero. Purtroppo però quando si crea una grande rete privata prima o poi viene il desiderio di collegarla all'esterno. In tal caso nell' IPv4 la soluzione sarebbe l'inserimento di un NAT per non doversi sobbarcare l'incombensa di rinumerare tutte le macchine. Il problema sorge però quando all'interno della rete privata è stato impostato un indirizzo utilizzato anche da qualcun altro nell'internet pubblica. In tal caso il NAT non saprà verso quale delle due macchine instradare un pacchetto essendo che verrà utilizzata preferenzialmente una delle due possibili righe nella tabella di routing verso una stessa destinazione IP. I pacchetti arrivandogli dall'interno verranno risputati dentro o arrivandogli da fuori verranno rimandati nell'internet pubblica. Altro problema riguardo gli indirizzi site- local sorge poi nel momento in cui due organizzazioni, aventi ognuna la propria rete privata aziendale, vogliano mettere in comunicazione le loro reti in virtù di un accordo commerciale. In tal caso ci sarà da risolvere un possibile problema di conflitto di indirizzi. In IPv6, al fine di minimizzare il numero di righe presenti nelle tabelle di routing degli ISP di più alto livello, si è iniziato a distribuire e assegnare gli indirizzi in modo gerarchico in modo tale che l'aggregazione dei prefissi fosse automatica. In particolare gli indirizzi sono distribuiti secondo il seguente schema

12 la distribuzione è nelle mani di IANA che li distribuisce attraverso i RIR, che a loro volta li distribuiscono agli ISP di più alto livello (TLA Top Level Authority). La TLA riceve un grosso blocco di indirizzi, quindi con un prefisso di rete abbastanza corto. Alla TLA si possono rivolgere una NLA (Next Level Authority), un Provider locale o anche un cliente finale. Al di sotto di una NLA di solito ce sempre soltanto o un cliente finale o un cliente finale. L allocazione gerarchica unisce i vantaggi dell allocazione geografica, che non tiene conto dei vincoli sulla rete del provider, e di quella provider- based, che distribuisce il traffico semplicemente in base al provider indipendentemente dalla loro locazione; tuttavia un provider può essere molto esteso con molti punti di accesso al backbone internazionale e quindi potrebbe essere più conveniente assegnare gli indirizzi in maniera parzialmente geografica. Il formato degli indirizzi IPv6 di tipo UNICAST GLOBAL è diviso logicamente in tre parti di dimensione fissa chiamate rispettivamente Public Topology, Site Topology e Interface ID. La prima è utilizzata per il routing all interno della public Internet ed individua il provider o l exchange fornitore del servizio di accesso alla rete, Site Topology identifica l organizzazione interna del sito e di conseguenza è usata per l instradamento intrasite, infine Interface ID identifica l interfaccia sul link. dove: INTERFACE ID: parte riservata per numerare tutte le macchine presenti all'interno di una specifica sottorete. Ovvero il valore presente in tale campo da 64 bit è assegnato ad una interfaccia per numerarla all'interno di una sottorete. Se un sito dovesse essere riconfigurato, perché ad esempio ha cambiato provider, gli identificativi TLA e NLA cambierebbero mentre l SLA e l identificativo di interfaccia rimarrebbero uguali. SLA ID: questi 16 bit sono utilizzati per numerare possibili sottoreti presenti all'interno di un unica grossa rete privata (che quindi al suo interno comprende dei router). NLA ID: m bit riservati alla NLA. Di solito tale campo si assume lungo 24 bit. RES: riservato per un utilizzo futuro per l'espansione della dimensione dell'id TLA o dell'id NLA. La dimensione del campo è assunta di solito a 8 bit.

13 TLA ID: k bit riservati alla TLA. Di solito tale campo si assume lungo 13 bit. FP: prefisso da 3 bit che indica il tipo di indirizzo IPv6. Negli indirizzi pubblici vale 001. I primi 48 bit dell'indirizzo sono quelli di cui effettivamente mi servo quando devo andare sull'internet pubblico. Inoltre va notato che scrivendo un indirizzo IPv6 in notazione esadecimale non vi è alcuna cifra hex che comprende bit da due campi diversi. I 64 bit bassi dell'indirizzo possono essere scelti arbitrariamente, perchè tanto saranno i 64 bit alti a garantirne l'unicità. Tali bit devono essere inseriti manualmente? Con l'introduzione dell'ipv6 ci si era posti l'obiettivo dell'autoconfigurazione (funzionalità fornita nella v4 mediante protocollo DHCP), di modo che sono stata introdotte delle tecniche mediante la quale tali 64 bit bassi possono essere automaticamente calcolati. Per esempio si può farlo a partire dall'indirizzo MAC cablato all'interno di ogni interfaccia di rete (che è unico a livello mondiale). L'indirizzo MAC è un indirizzo di livello 2, utilizzato quindi per identificare il destinatario o il mittente all'interno della rete locale. Un indirizzo MAC è composto da 48 bit, i cui 24 alti sono di solito un codice del costruttore e i 24 bassi sono gestiti dal costruttore che li userà per numerare le interfaccie prodotte. Il meccanismo utilizzato è il seguente Figura a. Processo per ricavare i 64 bit bassi dal MAC Si divide l'indirizzo MAC in due parti. I 24 bit alti saranno i 24 bit alti dell'interface ID con l'unica differenza che il settimo bit da sinistra da 0 viene posto a 1 (Universal bit). I 24 bit bassi del MAC a loro volta saranno i 24 bit bassi dell'interfaccia e in mezzo vengono infilati due byte standard FF FE. Da notare è che potrebbe succedere che qualcuno, settando i 64 bit bassi del suo indirizzo a mano, li abbia scelti identici ai miei calcolati automaticamente a partire dall'indirizzo MAC. Tale probabilità è davvero bassa, ma non è neanche zero! Per quanto riguarda gli indirizzi di tipo UNICAST LOCALI invece il formato è il seguente: SITE- LOCAL: questi indirizzi possono essere utilizzati solo all interno di un singolo link, per scopi quali l autoconfigurazione degli indirizzi e le procedure di neighbor discovery. Inoltre questi indirizzi possono essere utilizzati per le comunicazioni tra terminali direttamente connessi quando non siano presenti dei router sul link.

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP IP versione 6 Mobilità nelle reti IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

7 Evoluzione del livello rete: IPv6

7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici 7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Architetture e Protocolli per Internet IPv6 (Internet Protocol version 6) IPv6

Dettagli

L evoluzione di IP: Internet Protocol Versione 6. Introduzione al nuovo protocollo di livello network della suite TCP/IP

L evoluzione di IP: Internet Protocol Versione 6. Introduzione al nuovo protocollo di livello network della suite TCP/IP L evoluzione di IP: Internet Protocol Versione 6 Introduzione al nuovo protocollo di livello network della suite TCP/IP Lo scenario IP Powerline DVDM GSM/UMTS Bluetooth Token Ring ATM Frame Relay Ethernet

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Gli indirizzi di IPv6

Gli indirizzi di IPv6 Nota di Copyright Gli indirizzi di IPv6 Silvano GAI sgai@cisco.com IPV6-ADD - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

ICMPv6 Neighbor Discovery Configurazione degli indirizzi. Tutorial IPv6 - G. Barbagallo, V. Carcione, L. Colitti, G. Paolini

ICMPv6 Neighbor Discovery Configurazione degli indirizzi. Tutorial IPv6 - G. Barbagallo, V. Carcione, L. Colitti, G. Paolini ICMPv6 Neighbor Discovery Configurazione degli indirizzi 1 ICMPv6 Protocollo e tipi di pacchetto 2 Il protocollo ICMPv6 Equivalente IPv6 di ICMP Stesse funzionalità di base Segnalazione errori, controllo,

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il protocollo IP Frammentazione

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Tutorial IPv6 - base. I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP. Gabriella Paolini WS9, Roma, 15.06.2009

Tutorial IPv6 - base. I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP. Gabriella Paolini WS9, Roma, 15.06.2009 Tutorial IPv6 - base I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP Header IPv6 Indirizzi IPv6 ICMPv6 Protocollo e tipi di pacchetto Path MTU discovery Neighbor Discovery DNS 2 IPv6 - il nuovo protocollo

Dettagli

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Indirizzi IP Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Lo schema di indirizzamento IP svolge più o meno la stessa funzione svolta dall indirizzo

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM. FF. NN. CdL in Informatica a.a. 2001/2002

Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM. FF. NN. CdL in Informatica a.a. 2001/2002 Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM. FF. NN. CdL in Informatica a.a. 2001/2002 Montalto Paolo 50/278 Triunfo Maurizio 50/272 IPv6 Sistemi per l'elaborazione dell'informazione:

Dettagli

IPv4 Internet Protocol Versione 4

IPv4 Internet Protocol Versione 4 IPv4 Internet Protocol Versione 4 Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it IPv4-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Socket API per il Multicast

Socket API per il Multicast Socket API per il Multicast Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy http://www.iac.cnr.it/

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete.

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete. CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2012-2013 Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di

Dettagli

Tutorial IPv6. Gabriella Paolini. III Incontro di GARR-B 24 giugno 2002 - Bologna. gabriella.paolini@garr.it

Tutorial IPv6. Gabriella Paolini. III Incontro di GARR-B 24 giugno 2002 - Bologna. gabriella.paolini@garr.it Gabriella Paolini gabriella.paolini@garr.it III Incontro di GARR-B Perche' IPv6? Header Ipv6 Indirizzi IPv6 Indice ICMPv6, Neighbor Discovery e autoconfigurazione DNS Routing Modelli di transizione IPv4

Dettagli

Telematica 4. TCP/IP - IPv6

Telematica 4. TCP/IP - IPv6 4. TCP/IP - (v.02) Università di Genova Facoltà di Ingegneria Telematica 4. TCP/IP - Prof. Raffaele Bolla dist L uso del CIDR ha solo temporaneamente risolto (o attenuato) i problemi legati allo spazio

Dettagli

8. IP: Instradamento dei datagrammi

8. IP: Instradamento dei datagrammi 8. IP: Instradamento dei datagrammi 8.1. Introduzione L'instradamento è la terza funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello rete 8.2. L'instradamento in una internet Instradamento

Dettagli

Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address)

Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address) Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address) 4.1 Fondamenti sugli indirizzi dell Internet Protocol Gli indirizzi IP identificano in modo univoco ciascun host su una internet TCP/IP. Un

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

SUBNET MASK. Classe A 255.0.0.0 Classe B 255.255.0.0 Classe C 255.255.255.0

SUBNET MASK. Classe A 255.0.0.0 Classe B 255.255.0.0 Classe C 255.255.255.0 SUBNET MASK In informatica e telecomunicazioni, nell'ambito delle reti di telecomunicazioni, la subnet mask o "maschera di sottorete" è il metodo utilizzato per definire il range di appartenenza di un

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP.

Il livello Network del TCP/IP. Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è Internet Protocol Suite) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

4. TCP/IP - IPv6 (v.02.2)

4. TCP/IP - IPv6 (v.02.2) 4. TCP/IP - (v.02.2) Università di Genova Facoltà di Ingegneria Telematica 4. TCP/IP - Prof. Raffaele Bolla dist Gli elementi distintivi principali del nuovo standard sono Non richiede sostanziali modifiche

Dettagli

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Autore: Classe: Michele NASO QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2004/2005 Scuola: Itis Euganeo ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Il documento vuole dare una metodologia per assegnare in modo corretto gli

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Davide Cerri Sommario L esigenza di proteggere l informazione che viene trasmessa in rete porta all utilizzo di diversi protocolli crittografici.

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione a Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio Trecordi 1 INTERNET Traffico Internet

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Sicurezza nelle reti IP

Sicurezza nelle reti IP icurezza nelle reti IP L architettura IPsec IPsec Proposta IETF per fare sicurezza al livello IP (livello 3) Compatibile con IPv4 e IPV6 (RFC-2401) Permette di Creare VPN su reti pubbliche Fare sicurezza

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: Dr. Angelo Nicolosi angelo.nicolosi@unict.it I protocolli di Internet

Dettagli

IP Mobility. Host mobili

IP Mobility. Host mobili IP Mobility Reti II IP Mobility -1 Host mobili! Dispositivi wireless o wired mobili! Connessione alla rete attraverso: " Wireless LAN " Reti cellulari " Reti Satellitari " LAN " Etc.! Una rete di riferimento

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Forme di indirizzamento

Forme di indirizzamento Anno Accademico 2013-2014 CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 3 - TCP/IP: Lo strato di rete (parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES?

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Quinta Esercitazione Che cosa sono gli IS e gli ES? Il termine Intermediate System (IS) è un termine OSI che indica un nodo (tipicamente un router) che ha capacità

Dettagli

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2 ESERCIZIO NUMERO 1 Alcuni errori di segnale possono provocare la sostituzione di interi gruppi di bit di un pacchetto mediante una sequenza di valori 0 oppure una sequenza di valori 1. Supponete che vengano

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

L'indirizzo IP. Prof.ssa Sara Michelangeli

L'indirizzo IP. Prof.ssa Sara Michelangeli Prof.ssa Sara Michelangeli L'indirizzo IP La possibilità di trasmettere dati nella rete è data dalla capacità di indentificare ogni singolo host grazie all'indirizzo IP che gli è stato assegnato. L'indirizzo

Dettagli

Introduzione a IPv6. IPv6. Alessio Caiazza. 11 dicembre 2009

Introduzione a IPv6. IPv6. Alessio Caiazza. 11 dicembre 2009 Introduzione a IPv6 Alessio Caiazza Gestione e sicurezza delle reti di telecomunicazione Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria 11 dicembre 2009 IPv6 IPv6 è la nuova versione del protocollo

Dettagli

L'architettura di rete TCP/IP OSI: Fisico - Data link

L'architettura di rete TCP/IP OSI: Fisico - Data link Pagina 1 di 11 L'architettura di rete TCP/IP OSI: Fisico - Data link Per poter rendere sicura una rete bisogna prima aver capito molto bene in quale modo funziona. Ecco quindi che in questa breve lezione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4 Esercizio Data la rete in figura, si assuma che i terminali T1-T12 e T13-T24 siano connessi tramite collegamenti di tipo UTP a due switch Fast Ethernet. Si assuma che le tabelle ARP di tutti i dispositivi

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Prof. Filippini 2!!!!!!! 3!!!!!!!!!! 4!!!!!! 5!!!!!!!!!!! 6!!!!!!!! 7!!! 8 Prefix (binary) Usage Fraction 0000 0000 Reserved for IPv4 addresses 1/256

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing. Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4

Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing. Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4 Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4 1 Architettura di base delle reti IP Idee di base: Rete Reti distinte ed indipendenti

Dettagli

I protocolli TCP/IP di Internet

I protocolli TCP/IP di Internet I protocolli TCP/IP di Internet Introduzione E' quasi impossibile oggigiorno leggere un giornale o una rivista dove non si parli di Internet. I riferimenti ad Internet ed alle "autostrade dell'informazione"

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Comandi di Rete. Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando

Comandi di Rete. Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando Comandi di Rete Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando PING: verifica la comunicazione tra due pc Il comando ping consente di verificare la connettività a livello

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

4. Indirizzi Internet

4. Indirizzi Internet 4.1. Introduzione 4. Indirizzi Internet L'indirizzamento è una funzionalità essenziale di qualunque sistema di comunicazione, tanto più per un sistema che vuole essere universale, cioè in rado di connettere

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica NAT & Firewalls 1 NAT(NETWORK ADDRESS TRANSLATION) MOTIVAZIONI NAT(Network Address Translation) = Tecnica di filtraggio di pacchetti IP con sostituzione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli