Provider Italiani HOWTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provider Italiani HOWTO"

Transcript

1 Provider Italiani HOWTO Alberto Menegazzi, v1.5, 10 Novembre 1996 Questo documento accenna alla teoria che sta dietro il collegamento PPP e come si configura la propria macchina per collegarsi ai provider italiani Contents 1 Introduzione 1 2 Il protocollo TCP/IP Siti e indirizzi Collegamenti seriali Cosa serve per collegarsi Configurazione generale del PPPD Debug e Kdebug IP statici e dinamici I sistemi di autenticazione Configurazione per i diversi provider Video OnLine Italia On Line Micronet Inet Nettuno Energy FlashNET Informazioni addizionali Se funziona? Se non funziona? Se continua a non funzionare? Contributi Conclusione Introduzione Questo HOWTO si prefigge di aiutare gli utenti di Linux a configurare il proprio sistema per connettersi ai provider italiani spiegando esclusivamente quel minimo che serve del protocollo TCP/IP, senza

2 2. Il protocollo TCP/IP 2 l approfondimento di documenti quali il Net-2-HOWTO o la Network Administration Guide a cui rimando per chi fosse seriamente interessato all argomento. L ultimo aggiornamento di questo HOWTO è reperibile presso il sito ftp del PLUTO user group <http://www.psico.unipd.it/ildp/altri/index.html>. Il documento è diviso in due parti. Una prima parte di introduzione al funzionamento del protocollo TCP/IP nella quale si spiega come configurare correttamente il proprio sistema. Una seconda parte nella quale si parla delle particolarità di ogni provider e delle ulteriori configurazioni che vanno effettuate di quest ultimo. Mentre la prima parte è d obbligo per tutti, della seconda ognuno può leggersi unicamente il preambolo e il paragrafo dedicato al proprio provider. Per quanto riguarda la configurazione della posta, vi suggerisco di rifarvi ad un altro HOWTO scritto in italiano al quale collaboro, il Posta Off Line HOWTO scritto da Mirko Caserta e che sarà presto reperibile sempre presso il sito ftp del PLUTO user group <http://www.psico.unipd.it/ildp/altri/index.html>. 2 Il protocollo TCP/IP 2.1 Siti e indirizzi Tutti i siti Internet comunicano attraverso un protocollo comune, il TCP/IP, che in realtà, non è un singolo protocollo ma un insieme di protocolli. Per quel che ci riguarda ci limiteremo ad analizzare i due protocolli caratteristici del TCP/IP e cioè... il TCP e l IP. Ogni computer collegato a Internet (compreso il vostro quando è collegato al provider) è identificato in modo univoco da una quaterna di numeri (tipo ) ognuno dei quali va da 0 a 255 separati tra loro da un punto: questo numero si chiama IP. Quando, a collegamento tra PC e provider avvenuto, si contatta un host tramite il suo nome alfabetico (tipo o sunsite.unc.edu), nella realtà viene richiesto ad una computer sulla rete (che si chiama nameserver) la traduzione del nome alfabetico nel corrispettivo numerico. In questo modo, tutti i pacchetti che transitano per la rete portano con sè solo gli indirizzi numerici del computer di provenienza e di arrivo, permettendo ai computer intermedi attraverso cui i pacchetti viaggiano di smistarli correttamente mediante un meccanismo che non stiamo qui a descrivere dato che non è il luogo. Quello che interessa ora è capire come un computer da casa si collega alla rete tramite rete telefonica. 2.2 Collegamenti seriali Esistono due tipi di protocolli che permettono a due computer dotati di TCP/IP di collegarsi utilizzando un collegamento seriale tipo due modem attraverso una linea telefonica, due modem attraverso una linea ISDN o due computer collegati per mezzo di un cavo dalle due porte seriali. Questi protocolli si chiamano SLIP (Serial Line Internet Protocol) e PPP (Point-to-Point Protocol). Storicamente il PPP è venuto dopo e si pone come un evoluzione dello SLIP, in quanto, oltre a fornire un collegamento come quello di SLIP, comprime automaticamente i dati, può spedire pacchetti di dati di protocolli diversi tra loro (TCP/IP di Unix e IPX/SPX di Novell) oltre a molte altre caratteristiche di scarso interesse a questo punto del documento.

3 2. Il protocollo TCP/IP 3 Il kernel di Linux li supporta tutti e due ed esistono svariati programmi che configurano Linux per questi due collegamenti : i più conosciuti sono PPPD e DIP. 2.3 Cosa serve per collegarsi Per collegarsi è necessario aver compilato il kernel avendo risposto sì ai seguenti punti : Supporto della rete TCP/IP Protocollo SLIP Protocollo PPP I protocolli SLIP o PPP possono essere eventualmente compilati come moduli e caricati solamente quando sono necessari. Qualora non abbiate installato il kerneld per la gestione automatica dei moduli, ricordatevi che i moduli generati non sono solo ppp.o e slip.o, ma sopratutto slhc.o che va caricato prima degli altri due e scaricato dopo! Oltre a ciò, servono i programmi di connessione. I più conosciuti sono pppd per il protocollo PPP e dip per il protocollo SLIP. Questo documento tratta solo la connessione PPP. 2.4 Configurazione generale del PPPD Il pppd (al momento in cui scrivo è in fase di beta testing la versione 2.3) è un programma molto particolare. E un demone, ovvero uno di quei programmi che, una volta lanciati, si mettono in background (per utilizzare una terminologia Win) e funzionano senza che l utente se ne accorga. Il pppd gestisce il traffico di pacchetti TCP/IP, praticamente assolve il ruolo del Distinct o del Trumpet sotto Windows. Le molteplici opzioni, che potete scorrere nel man di pppd, possono essere passate sia attraverso la linea di comando sia raccolte nel file /etc/ppp/options. Le opzioni spiegate in questa prima parte, dato che dipendono unicamente dalla configurazione di Linux e dall hardware del computer, sono da considerarsi universali per i collegamenti via modem a prescindere da qualunque provider e conviene quindi raccoglierle nel file /etc/ppp/options. Le opzioni spiegate nella seconda parte dipendono strettamente dal provider a cui ci si collega e conviene quindi raccoglierle come parametri di comando per il pppd in uno script apposito così da lasciare la libertà di poter accedere a provider diversi. (Per chi non sapesse cos è uno script : è un piccolo programma scritto con i comandi della shell. Praticamente un file.bat, per chi conoscesse solo DOS) Il parametro fondamentale da inserire nel file /etc/ppp/options è: connect /etc/ppp/chat-script Questo parametro dice a PPPD che vogliamo chiamare un punto della rete Internet il quale a sua volta sta aspettando che qualcuno si colleghi, ma che il collegamento PPP sarà disponibile solo dopo aver compiuto una serie di operazioni contenute nello script /etc/ppp/chat-script. Ricordatevi di fare in modo che lo script abbia l autorizzazione ad essere eseguito, ovvero, dopo averlo creato, attivate le flag di eseguibilità con chmod u=rwx /etc/ppp/chat-script

4 2. Il protocollo TCP/IP 4 Nella seconda parte troverete questo script per ogni provider commentato dettagliatamente. L opposto di connect è passive, che dice a pppd di attendere che qualcuno chiami per effettuare una connessione PPP con una certa porta seriale. Ma come si fa a dire a pppd che porta seriale deve utilizzare? Questo è il secondo parametro : la porta di comunicazione. La scelta è da farsi tra i device utilizzabili: /dev/cua0 /dev/cua1 /dev/cua2 per la COM1: per la COM2: per la COM3: e via dicendo oppure, se avere già spiegato a Linux a quale porta è collegato il vostro modem (per esempio tramite il setup della Slackware) : /dev/modem Inoltre bisogna dire a che velocità volete comunicare con la seriale a cui è collegato il modem, generalmente un numero superiore alla velocità di collegamento qualora abbiate un modem che supporta la compressione, esempio : Non tutte le velocità sono però lecite se si usa il PPPD 2.1.1, che è la versione migliore di pppd se si utilizza un kernel della seria 1.2.x. In questo caso, infatti, la porta può funzionare al massimo a baud. Come andare più forte quindi? Semplice (o quasi). Basta dire al kernel di lavorare a velocità maggiori ogni qual volta si presenta Per far ciò si usa il comando setserial (e bene metterlo in /etc/rc.d/rc.local) con la seguente sintassi : setserial /dev/cua1 spd vhi oppure setserial /dev/cua1 spd hi Il parametro spd vhi indica al kernel di lavorare a baud (o a baud se si indica spd hi) anche se l applicazione richiede baud. Dato però che ci sono programmi che comunicano con la seriale senza impostarne la velocità è bene farlo sempre nell /etc/rc.d/rc.local con il comando : stty < /dev/cua1 Dato che nella maggior parte delle volte non si utilizza un collegamento seriale diretto, è ottima cosa dire al PPPD che state utilizzando un modem attraverso due opzioni : modem crtscts Il tipo di pacchetti che deve passare attraverso il collegamento seriale è regolato dal netmasking il cui valore, dato il tipo di classe di domini che vengono rilasciati ai provider in Italia, dovrebbe essere : netmask

5 2. Il protocollo TCP/IP 5 Qualora notiate negli script di collegamento dei programmi per Win valori di netmask diversi, sostituiteli e fatemi sapere. Il PPPD è comunque in grado di dedurre da solo il valore del netmask dal tipo di IP che viene assegnato senza che l utente indichi alcunchè. L ultimo parametro globale è : defaultroute il quale dice a Linux che il collegamento che state effettuando è quello per il resto del mondo : Internet. 2.5 Debug e Kdebug Per analizzare le fasi cruciali del collegamento, qualora qualcosa non funzionasse, il PPPD mette a disposizione due opzioni, debug e kdebug, che mostrano all utente la fase di negoziazione precedente al collegamento definitivo. Tramite l analisi di queste informazioni, per la verità un po criptiche, si può capire se il collegamento non è andato a buon fine per un parametro sbagliato o per una password scorretta. Queste due opzioni non stampano a video il log di quello che si stanno comunicando il PPPD e il provider, ma le indirizza al SYSLOGD che si occupa di visualizzarle o di salvarle su un file in funzione di come è stato configurato. Il SYSLOGD è un demone, come il PPPD (hanno in comune l ultima lettera : che strano!!!), che si occupa di registrare tutti i messaggi di log che gli vengono inviati dal kernel e dai programmi. Il settaggio di questo demone risiede nel file /etc/syslog.conf. Per PPPD bisogna aggiungere a questo file la seguente linea : local2.* /dev/console Per PPPD invece la seguente : daemon.*,kern.* /dev/console Mi raccomando per gli utenti con un syslog precedente alla versione 1.3 : tra * e /dev non ci vogliono spazi ma TAB! Per far accettare nuove opzioni al syslog, esso va killato con l opzione -HUP, anche se a me sembra più sicuro fare reboot ogniqualvolta lo si modifica. Per chi volesse più informazioni su questo potentissimo strumento di Linux può leggersi il man syslog.conf o /usr/doc/sysklogd/readme.linux. In questo modo le informazioni sulla connessione vengono a video. Per vedere le stesse informazioni durante una sessione X Windows basta eseguire il programma xconsole che apre una finestra nella quale reindirizza tutto quello che andrebbe sulla console di testo. Qualora si volesse salvare il contenuto per vederlo successivamente e capire quello che è accaduto, basta sostituire nel file /etc/syslog.conf il file /dev/console con il path di un file dove si vuole finisca il contenuto. Qualora non vi funzioni il collegamento e abbiate intenzione di spedirmi un per chiedermi perchè non funziona, esigo che mi alleghiate all il file di testo (possibilmente compresso) contenete il risultato del syslog in modo che io capisca precisamente cosa è accaduto. Al termine di questo documento è spiegata la procedura precisa per ottenere sicuramente una risposta da me. L opzione debug genera solo informazioni generali, mentre kdebug tira in ballo anche le comunicazioni con il kernel e ammette una sub-opzione che dipende dalla versione del PPPD che specifica quanto approfondite si vogliono le informazioni. Io consiglio : debug kdebug 1

6 2. Il protocollo TCP/IP IP statici e dinamici Ad ogni provider, oltre al proprio, vengono assegnati un numero finito di IP da assegnare a coloro che si collegano. Generalmente la quantità di IP dipende dai modem disponibili al collegamento e quindi a quanti utenti si possono collegare contemporaneamente di modo tale da assegnare ad ogni utente che si collega un IP a caso tra quelli a disposizione non ancora utilizzati. Prima di effettuare il collegamento SLIP, l utente deve essere a conoscenza dell IP che gli è stato assegnato. Con il PPP non è necessario. Infatti il protocollo PPP è stato disegnato in modo tale che, durante la fase di negoziazione, chi chiama possa dedurre quale IP gli sia stato assegnato al computer che sta chiamando inserendo nel file /etc/ppp/options l opzione : noipdefault Qualora il vostro IP sia sempre quello, si ometterà noipdefault e si inseriranno i due IP separati da due punti (:), ovvero il proprio IP e quello del provider al quale ci si collega : <IP proprio>:<ip del provider> Questa opzione, però, è del tutto ridondante in quanto Linux è comunque in grado da solo di dedurre queste informazioni se avete compilato correttamente /etc/hosts ed /etc/resolv.conf come spiegato più avanti. 2.7 I sistemi di autenticazione Il protocollo PPP supporta due diversi tipi di autenticazione, ovvero quei sistemi attraverso cui il provider verifica chi c è dall altra parte della linea : il PAP (Password Authentication Protocol) ed il CHAP (Cryptographic Handshake Authentication Protocol). Le differenze non sono sostanziali, a parte che il CHAP è più sicuro perchè cripta tutte le password che scambia, mentre il più utilizzato sembra essere il PAP. Esiste un terzo sistema, derivato dal CHAP, creato da Microsoft e chiamato MSCHAP80 dagli autori di PPPD. Anch esso non scambia password in chiaro, come CHAP, ma non è compatibile con esso. La ragione della sua esistenza è dovuta alla certificazione di sicurezza C2 richiesta a tutti i fornitori del dipartimento della difesa americana, che richiede, tra le altre cose, la criptazione di tutte le password trasmesse. Microsoft ha così dovuto creare questo nuovo standard per certificare NT quando è nato. Sebbene MSCHAP80 non sia stato accettato come standard a sè stante dalle organizzazioni di standardizzazione che si occupano di Internet, esso può essere causa di malfunzionamenti nel collegamento con macchine NT o 95 malgrado esistano opzioni per disabilitarlo dai pannelli di configurazione dei sistemi operativi Microsoft. PPPD può supportare questa opzione solo se viene modificato opportunamente il Makefile prima di compilarlo. Nelle distribuzioni binarie esso è generalemente disabilitato. Comunque il sistema generato da Microsoft è così stupido che, per accedere al sistema, basta intercettare la password criptata! In funzione del metodo di autenticazione che utilizza il provider, dovrete compilare opportunamente i file /etc/ppp/pap-secrets o /etc/ppp/chap-secrets, due file che ammettono lo stesso formato: client server secret IP-address L ultimo parametro è inutile per chi chiama. Gli altri tre corrispondono, nell ordine a : login nome-del-server-che-risponde password Nel secondo campo consiglio sempre di lasciare un *, dato che non sempre, con i centralini a ricerca automatica, risponde lo stesso server. Gli altri due campi dipendono dal provider, ma spesso sono la login e la

7 3. Configurazione per i diversi provider 7 password assegnati. Fate attenzione a rendere questi due files leggibili solo da coloro che possono e non da tutti! Nella sezione che segue viene spiegato cosa scrivere in questo file in funzione di ogni provider. 3 Configurazione per i diversi provider La configurazione in funzione dei vari provider passa attraverso l aggiornamento di due file e la creazione di uno script di collegamento. Il primo dei due file da aggiornare è /etc/hosts dove vanno aggiunti il proprio IP assegnato, qualora fossimo sicuri che sia sempre quello (tipo Inet), oltre all IP numerico del proprio provider seguito dall indirizzo alfabetico. Il secondo file da aggiornare è /etc/resolv.conf che spiega a Linux come tradurre gli indirizzi alfabetici in indirizzi numerici. Infatti oltre al campo che contiene il dominio di appartenenza del proprio computer (ad esempio : domain vol.it) va inserito anche l indirizzo numerico del nameserver a cui chiedere la conversione (ad esempio : nameserver ). Spesso l indirizzo del nameserver coincide con quello del provider inserito nel file /etc/hosts. Qualora si utilizzi un provider non incluso in questo documento, tentate di indicare il nameserver con la tecnica indicata sopra. Lo script da creare è il sopracitato /etc/ppp/chat-script che istruisce un piccolo programmino (chat) tramite una semplice sintassi aspetta-la-sequenza-di-caratteri manda-la-sequenzadi-caratteri a comporre il numero di telefono e compilare automaticamente quelle richieste che talvolta precedono l accesso al servizio PPP o SLIP. Fate molta attenzione quando scrivete il file /etc/ppp/chat-script : gli argomenti passati a chat devono stare su un unica linea e non devono essere separati da a capo! Ricordatevi che /etc/ppp/chat-script è un file che va eseguito e quindi deve avere l autorizzazione ad essere eseguito. Per essere sicuri, digitate : chmod 777 /etc/ppp/chat-script dopo che lo avete creato. 3.1 Video OnLine Nel file /etc/hosts va inserito il seguente campo vol.it Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi domain vol.it nameserver Video On Line supporta l IP dinamico e tutti i modem sono in attesa per essere collegati direttamente al servizio PPP con autenticazione PAP con la propria login come campo client e la propria password come secret. Quindi nel file /etc/ppp/pap-secrets dovrete inserire il seguente campo : <propria-login> * <propria-password>

8 3. Configurazione per i diversi provider 8 Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" 3.2 Italia On Line Italia On Line supporta Linux in modo molto avanzato. Infatti ha creato un client ad hoc per ovviare un problema di ragione storica. Se prestate attenzione, nei nuovi client di IOL (sia per Win che per Linux), al momento di scegliere il numero di telefono al quale connettersi, c è il modo di segnalare se attivare o meno l autenticazione PAP. Di default questa è disattivata sui primi nodi di Italia On Line (primi nel senso di età : i più vecchi) mentre è attivata su quelli nuovi. Questo perchè la dirigenza inizialmente aveva scelto di utilizzare le stesse chiavi di autenticazione PAP per TUTTI gli utenti in quanto non si fidavano a consegnare nelle mani di Windows NT (il software che utilizzano tutt ora e che è stato causa di gran parte dei problemi) un database PAP di utenti. Così inizialmente tutto funzionava perfettamente inserendo nel file /etc/ppp/pap-secret : marco * marco Stessa login e password per tutti (Marco è il nome del programmatore del client Win di IOL). In questo modo, però, si poteveno connettere tutti a sbafo e senza limitazioni di orario! Così è stato inventato un sistema per cui, oltre al PAP, chi si connette viene controllato dal server al quale si è connessi il quale verifica che sui computer connessi giri il client di IOL e accerta i dati che sono stati inseriti nel client al momento della connessione. Qualora il client non stia girando o i dati non corrispondano a quelli sottoscritti come abbonamento, dopo 5 minuti la linea viene buttata giù. Così per gli utenti Linux, per i quali per un certo tempo non è esistito un client, non c era niente da fare, anche se avevano pagato l abbonamento. Ora invece esiste un client che funziona molto bene ed evita agli utenti di smazzarsi con la configurazione di Linux. Scorrendo la man page allegata al client, si legge che basta copiarlo in qualche directory (tipo /usr/local/bin), aggiungere al programma /etc/ppp/ip-up la linea : [ -p /tmp/iol.pipe ] && echo connect > /tmp/iol.pipe al file /etc/hosts le seguenti righe : domain iol.it nameserver nameserver e il client fa tutto da solo come quello per Win, compreso compilare correttamente anche /etc/ppp/pap-secrets. Se però utilizzate già un provider prima di IOL, fatevi una copia di /etc/ppp/pap-secrets perchè il client di IOL lo va a sovrascrivere! 3.3 Micronet Micronet non supporta nessun sistema di autenticazione in quanto prima di accedere alla connessione PPP bisogna aver inserito login e password. Nel file /etc/hosts va inserito il seguente campo : micronet.it

9 3. Configurazione per i diversi provider 9 Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain micronet.it nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" "" "rname:" "proprio-user-name" "sword:" "propria-password" "net.it>" "ppp" Attenzione! A collegamento avvenuto, qualora abbiate attive le opzioni di debug, noterete che sistematicamente appaiono due informazioni riguardanti l LCP. Noterete che sono una recv REQ, una richiesta da parte del server, seguita da una send REP. Non ho ancora capito se è a causa di qualche settaggio che va aggiunto o se è una procedura normale. Ho comunque verificato di persona che il collegamento non presenta nessun problema, anche per ore di seguito. 3.4 Inet Inet assegna un IP ad ogni utente, quindi non bisogna mettere l opzione noipdefault nel file /etc/ppp/options. Non supporta sistemi di autenticazione in quanto prima di accedere alla connessione PPP si deve passare attraverso due login. Nel file /etc/hosts vanno inseriti i seguenti campi : inet.it <proprio_ip> <nome_propria_macchina>.inet.it <nome_propria_macchina> Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain inet.it nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" "" "rname:" "proprio-user-name" "sword:" "prima-password" "net.it>" "ppp" "tname:" "proprio-user-name" "sword" "seconda-password" "system" 3.5 Nettuno Nettuno assegna un IP ad ogni utente, quindi non bisogna mettere l opzione noipdefault nel file /etc/ppp/options. Non supporta sistemi di autenticazione in quanto prima di accedere alla connessione PPP si deve passare attraverso un login. Nel file /etc/hosts vanno inseriti i seguenti campi : <proprio IP> <nome propria macchina>.mo.nettuno.it <nome propria macchina> Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi

10 4. Informazioni addizionali 10 domain mo.nettuno.it nameserver nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" "" "rname:" "proprio-user-name" "ssword" "propria-password" ">" "ppp" "ostname" "proprio-ip" "word" "password-per-ppp" 3.6 Energy Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain energy.it nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" 3.7 FlashNET Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain DOMAIN nameserver IP.IP.IP.IP Dove al posto di DOMAIN e IP.IP.IP.IP vanno inseriti il domain ed l IP del server a cui vi connettete in funzione del nodo. Questi dati ve li dovete far dare dal vostro provider. Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATX3M0DTnumero" "ogin:" "propria-login" "sword:" "propria-password" "ain (? help) :" "i" FlashNET non supporta alcun metodo di autenticazione in quanto chiede di fare login prima di mettere a disposizione il collegamento PPP. 4 Informazioni addizionali 4.1 Se funziona? Se il collegamente sembra funzionare, conviene testarlo nel seguente modo. Per primo digitate ifconfig che dovrebbe stampare : lo Link encap Local Loopback inet addr Bcast Mask UP LOOPBACK RUNNING MTU 2000 Metric 1 RX packets 0 errors 0 dropped 0 overrun 0

11 4. Informazioni addizionali 11 ppp0 TX packets 0 errors 0 dropped 0 overrun 0 Link encap Point-to-Point Protocol inet addr P-t-P Mask UP POINTOPOINT RUNNING MTU 1500 Metric 1 RX packets 33 errors 0 dropped 0 overrun 0 TX packets 42 errors 0 dropped 0 overrun 0 Questa è una lista dei collegamenti effettuati. Il lo è il collegamento con se stessi, il ppp0 è quello con il proprio provider. Gli IP rappresentati sono quello del vostro provider e quello che il vostro provider vi ha assegnato. Ora provate con ping z.z.z.z dove z.z.z.z è l IP del vostro provider. Se il collegamento è andato a buon fine, vedrete apparire qualcosa di simile : waddington:~$ ping PING ( ): 56 data bytes 64 bytes from : icmp_seq=0 ttl=255 time=268 ms 64 bytes from : icmp_seq=1 ttl=255 time=247 ms 64 bytes from : icmp_seq=2 ttl=255 time=266 ms ^C ping statistics packets transmitted, 3 packets received, 0% packet loss round-trip min/avg/max = 247/260/268 ms ovvero una lista di pacchetti di 64 byte mandati solo per testare la qualità del collegamento e vedere i tempi di risposta. Si interrompe con Control-C. Ora provate con ping sunsite.unc.edu, ovvero testate i tempi di risposta del sito sunsite.unc.edu. Non impressionatevi se l ordine di grandezza dei tempi di risposta è una o due volte più grande di quella tra voi ed il vostro server : il pacchetto che mandate arriva in America e poi torna indietro. Se non ottenete risposta, il problema può avere due cause : o non avete spiegato che per raggiungere un qualsiasi sito dovete passare per il vostro service provider, ovvero vi siete scordati l opzione defaultroute, oppure non avete inserito l indirizzo corretto del nameserver nel file /etc/resolv.conf. Per avere un indicazione sull efficienza del collegamento, il comando pppstats vi da informazioni circa il numero di pacchetti che stanno transitando attraverso la linea seriale e quante correzioni vengono effettuate. 4.2 Se non funziona? Se il comando ifconfig non vi tabula il collegamento ppp0 il problema può risidere in varie cause. Intanto dovete assicurarvi che esista una file ip-up nel vostro path e che esso sia eseguibile, anche se completamente è vuoto, pppd tenta di eseguirlo appena ottenuto il collegamento e non trovandolo spesso il collegamento si interrompe. 4.3 Se continua a non funzionare? Se non riuscite a risolvere i problemi di connessione da soli, contattatemi mandandomi un nel cui subject sia compresa la parola PIHOWTO maiuscola, spiegandomi dettagliatamente i vostri problemi e allegando un file.tgz o.zip contenente : Il file /etc/ppp/options Il file /etc/hosts

12 4. Informazioni addizionali 12 Il file /etc/resolv.conf Il file dove registrate il risultato del syslog Il file /etc/ppp/pap-secrets, ma solo se vi fidate! La parola PIHOWTO serve per indirizzare la vostra posta in una apposito folder contenente mail importanti alle quali io risponderò sicuramente, anche se non posso garantire in che tempi. Ricordate che mail che non seguiranno questa specifica o che non avranno allegato i file richiesti (il risultato del syslog è indispensabile!!!!), saranno quasi certamente CESTINATI senza nessun reply! 4.4 Contributi Si ringrazia per la preziosa collaborazione : Riccardo Castello Mirko Caserta Paolo Dell Aquila Marco Markino Sacchi e tutti i provider che hanno collaborato. 4.5 Conclusione Mi scuso per aver fatto attendere per questo ulteriore aggiornamento, specialmente con lo staff di Italia On Line del quale mi sono prima lamentato senza aver poi tempestivamente modificato il mio documento quando IOL ha rilasciato il client per Linux, ma mi ero ripromesso di pubblicarlo solo quando avessi settato correttamente un sistema di posta degno di questo nome in modo da avere la posta divisa per argomento nei vari folder. Mi scuso anche per coloro ai quali non ho risposto prima dell estate per casini di posta con Eudora quando ancora giravo con Win, rassicurandoli che ora risponderò loro certamente se seguiranno le indicazioni elencate sopra. Mi scuso anche con coloro che mi avevano spedito informazioni circa altri provider che io ho perso sempre nel marasma di Eudora, invitandoli a rispedirmele per aggiornare ulteriormente questo HOWTO. Con la presente, esorto chiunque mi possa dare un mano a farlo, il mio indirizzo è : Aspetto informazioni sugli altri provider italiani per aggiornare il documento, dati di ogni genere come script di connessione per il Trumpet o per il Distinct assieme al file socket.ini che riporta l indirizzo del nameserver (mi raccomando il nameserver!). Aspetto anche conferme che le istruzioni che ho dato sono corrette, specialmente quello di Video OnLine che ultimamente, avendo cambiato gestione, potrebbe aver cambiato anche settaggi. Non ho provato fisicamente tutti i provider. Presumo di aver scritto anche qualche imprecisione, spero che siate clementi nel correggermi. Attendo anche eventuali domande di chiarimento in seguito alle quali migliorerò l HOWTO nelle sue parti più oscure e grazie alle quali amplierò la parte riguarda la diagnostica. Grazie in anticipo a tutti per la collaborazione!!! Alberto Menegazzi

Guida rapida - rete casalinga (con router) Configurazione schede di rete con PC

Guida rapida - rete casalinga (con router) Configurazione schede di rete con PC Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

Guida rapida - rete casalinga (con router)

Guida rapida - rete casalinga (con router) Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

Configurazione di una rete locale con Linux

Configurazione di una rete locale con Linux Configurazione di una rete locale con Linux paolo palmerini paolo@progettoarcobaleno.it http://www.progettoarcobaleno.it 1 Lavorare in rete Che hardware serve per installare una rete? Indirizzi IP, network

Dettagli

Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata

Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata LINUX Gestione della Rete 3/4/2006 Laura Ricci Laura Ricci 1 INDIRIZZI RISERVATI Alcuni indirizzi all interno di una rete sono riservati: indirizzo di rete e broadcast.

Dettagli

Serial Laplink HOWTO

Serial Laplink HOWTO Willem J. Atsma Come creare una connessione seriale tra due computer? Questo documento spiega come impostare una connessione laplink tra due computer. Avendo avuto qualche problema nel trovare informazioni

Dettagli

Volendo fermare o far ripartire singolarmente una determinata interfaccia di rete, si possono utilizzare i comandi ifup e ifdown:

Volendo fermare o far ripartire singolarmente una determinata interfaccia di rete, si possono utilizzare i comandi ifup e ifdown: Pagina 1 di 7 Configurazione di un collegamento PPP su un server Linux Red Hat Configurazione della rete in Red Hat Linux Il software di configurazione presente nella distribuzione Red Hat Linux consente

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Seconda esercitazione Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Test di connettività ping traceroute Test del DNS nslookup

Dettagli

Informazioni Generali (1/2)

Informazioni Generali (1/2) Prima Esercitazione Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite e-mail). E-mail d.deguglielmo@iet.unipi.it specificare come oggetto Reti Informatiche 2 Informazioni Generali (2/2)

Dettagli

Dispense corso Laboratorio di Internet

Dispense corso Laboratorio di Internet Universitá di Roma Sapienza Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Dispense corso Laboratorio di Internet Luca Chiaraviglio E-mail: {luca.chiaraviglio}@diet.uniroma1.it 3 marzo

Dettagli

Configurazione di una rete locale con Linux

Configurazione di una rete locale con Linux Configurazione di una rete locale con Linux paolo palmerini paolo@progettoarcobaleno.it http://www.progettoarcobaleno.it 1 Lavorare in rete Che hardware serve per installare una rete? Paolo Palmerini Linux

Dettagli

MC-link Lan+ Connessione e configurazione del router PRESTIGE 100

MC-link Lan+ Connessione e configurazione del router PRESTIGE 100 MC-link Lan+ Connessione e configurazione del router PRESTIGE 100 Per la connessione del router PRESTIGE 100 ad un singolo computer è sufficiente rispettare il seguente schema: La connessione tra cavo

Dettagli

Tecnica per help desk remoto

Tecnica per help desk remoto Tecnica per help desk remoto Guida scritta da Stefano Coletta (Creator) il 5 ottobre 2003 Contattatemi a creator@mindcreations.com o visitando http://www.mindcreations.com In breve Una soluzione multipiattaforma,

Dettagli

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET Walter Cerroni wcerroni@deis.unibo.it http://deisnet.deis.unibo.it/didattica/master Internetworking Internet è una rete di calcolatori nata con l obiettivo di realizzare

Dettagli

Piccolo how to sulla compilazione ed installazione dei drivers per il modem Urmet (FastRate Usb 100) per le distribuzioni Linux

Piccolo how to sulla compilazione ed installazione dei drivers per il modem Urmet (FastRate Usb 100) per le distribuzioni Linux Piccolo how to sulla compilazione ed installazione dei drivers per il modem Urmet (FastRate Usb 100) per le distribuzioni Linux Autore: Simone Caschili Introduzione Il modem adsl usb dell'urmet assieme

Dettagli

Manuale per la configurazione della connessione remota tramite telefono alla rete Internet - Connessione Dial-Up/PPP. (Revisione 1999-11-26)

Manuale per la configurazione della connessione remota tramite telefono alla rete Internet - Connessione Dial-Up/PPP. (Revisione 1999-11-26) Università degli studi di Roma Tor Vergata Centro di Calcolo e Documentazione Via Orazio Raimondo 18 I - 00173 Roma http://www.ccd.uniroma2.it Tel. +39 06 7259.2150 Fax. +39 06 7259.2125 Email: Info@CCD.UniRoma2.It

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Esercitazione 3 Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Strumenti di utilità ping traceroute netstat Test del DNS nslookup

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI. Accesso Remoto

PROF. Filippo CAPUANI. Accesso Remoto PROF. Filippo CAPUANI Accesso Remoto Sommario Meccanismi di accesso Un po di terminologia L HW di connessione L accesso in Windows 2000 Tipi di connessione: dial-up, Internet e diretta Protocolli per l

Dettagli

ALLNET ALL7950 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ALLNET ALL7950 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE ALLNET ALL7950 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE SIP PHONE ALLNET ALL7950 Guida all installazione Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL TELEFONO ALL7950...3

Dettagli

Come spedire le MAIL attraverso la Radio, senza internet.. con RMS EXPRESS & WINMOR (Pactor & Packet) (by IW2NTF)

Come spedire le MAIL attraverso la Radio, senza internet.. con RMS EXPRESS & WINMOR (Pactor & Packet) (by IW2NTF) Come spedire le MAIL attraverso la Radio, senza internet.. con RMS EXPRESS & WINMOR (Pactor & Packet) (by IW2NTF) Scrivo questo tutorial, in quanto, pur essendo il sistema di quasi semplice utilizzo, è

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Comandi di Rete. Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando

Comandi di Rete. Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando Comandi di Rete Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando PING: verifica la comunicazione tra due pc Il comando ping consente di verificare la connettività a livello

Dettagli

Come condividere l accesso internet tramite chiavetta HSPDA di 3 (o altro operatore) con un Ipod Touch via WIFI

Come condividere l accesso internet tramite chiavetta HSPDA di 3 (o altro operatore) con un Ipod Touch via WIFI Come condividere l accesso internet tramite chiavetta HSPDA di 3 (o altro operatore) con un Ipod Touch via WIFI Premessa Abbiamo un portatile dotato di WIFI che si collega ad internet tramite una chiavetta

Dettagli

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009 NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE Giugno 2009 INDICE Configurazioni 3 Configurazioni Windows Firewall.. 3 Configurazioni Permessi DCOM. 4 Installazione Sql Server 2005 9 Prerequisiti Software 7 Installazione

Dettagli

ALLNET ALL7950 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ALLNET ALL7950 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.1 ALLNET ALL7950 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.2 INDICE SERVIZIO VOIP SKYPHO...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL ALL7950...3 COLLEGAMENTO FISICO APPARATO...4 ACCESSO ALL'APPARATO...6

Dettagli

Tunneling con Linux. NETLinK S.a.S. Progettazione e Realizzazione Sistemi Informativi. Prefazione. Esempi di Utilizzo di una VPN

Tunneling con Linux. NETLinK S.a.S. Progettazione e Realizzazione Sistemi Informativi. Prefazione. Esempi di Utilizzo di una VPN Tunneling con Linux Prefazione Metterlo in piedi mi è costato molto, più che altro per colpa mia, così ho pensato che qualcuno potesse, leggendo questo documento non commettere i miei errori. Visto che

Dettagli

Controllo remoto di SPEEDY

Controllo remoto di SPEEDY UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Controllo

Dettagli

Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005. http://happytux.altervista.org ~ anna.1704@email.

Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005. http://happytux.altervista.org ~ anna.1704@email. Corsi di Formazione Open Source & Scuola Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 LINUX LINUX CON RETI E TCP/IP http://happytux.altervista.org ~ anna.1704@email.it 1 LAN con router adsl http://happytux.altervista.org

Dettagli

D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE

D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE SIP PHONE D-LINK DPH-140S Guida all installazione Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL DPH-140S...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL POuL Corsi Linux 2012 Una breve introduzione: le reti Una rete di calcolatori è un mezzo fisico sul quale è possibile inviare e ricevere messaggi o flussi di dati. La prima rete a commutazione di pacchetto

Dettagli

L attivazione della connessione ADSL

L attivazione della connessione ADSL L attivazione della connessione ADSL MC-link HELP DESK ADSL Tel. 06 41892434 INSTALLAZIONE DEL ROUTER ADSL PER GLI UTENTI MC-link L'installazione della connessione ADSL richiede alcune operazioni molto

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS Dr. Giorgio F. Signorini Dipartimento di Chimica Università di Firenze 7 dicembre 2006 ØØÔ»»ÛÛÛº ѺÙÒ º Ø» ÒÓ ÒÓ ÑºÙÒ

Dettagli

MC-link Spa Collegamento e configurazione del router Vigor2800i per l accesso ad MC-link

MC-link Spa Collegamento e configurazione del router Vigor2800i per l accesso ad MC-link MC-link Spa Collegamento e configurazione del router Vigor2800i per l accesso ad MC-link Pannello frontale del Vigor2800i Installazione hardware del Vigor2800i Questa sezione illustrerà come installare

Dettagli

Network Troubleshooting 101

Network Troubleshooting 101 ICT Security n. 16, Ottobre 2003 p. 1 di 5 Network Troubleshooting 101 Il titolo prettamente americano vuole rispondere al momento di panico capitato a tutti quando qualche cosa non funziona più: si è

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Capitolo 2 Risoluzione di problemi

Capitolo 2 Risoluzione di problemi Capitolo 2 Risoluzione di problemi Questo capitolo fornisce informazioni per risolvere eventuali problemi del modem router ADSL wireless. Dopo la descrizione di ogni problema, vengono fornite istruzioni

Dettagli

UTStarcom ian-02ex ADATTATORE TELEFONICO ANALOGICO GUIDA ALL INSTALLAZIONE

UTStarcom ian-02ex ADATTATORE TELEFONICO ANALOGICO GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.1 UTStarcom ian-02ex ADATTATORE TELEFONICO ANALOGICO GUIDA ALL INSTALLAZIONE Release V1.8.2.17a pag.2 INDICE SERVIZIO VOIP EUTELIA...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL ian-02ex UTStarcom...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Manuale di configurazione TCP/IP over AX.25 per MS WINDOWS

Manuale di configurazione TCP/IP over AX.25 per MS WINDOWS Manuale di configurazione TCP/IP over AX.25 per MS WINDOWS Software: Flexnet32 & Xnet Matteo Carpaneto IZ1FRP BCM mail: IZ1FRP@IR1BOX.ILIG.ITA.EU FBB mail: IZ1FRP@IR1UBF.ILIG.ITA.EU INET mail: iz1frp@yahoo.it

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

Cos è una rete. La rete Locale

Cos è una rete. La rete Locale GUIDA RETI Reti 1 Reti 2 Reti Reti...1 Cos è una rete...4 La rete Locale...4 Internet...5 Comunicare attraverso la rete...6 Ping...6 Ftp...7 Telnet...7 Posta Elettronica...8 Pine...8 Esercitazione...11

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing. Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing. Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Sniffing (1) Attività di intercettazione passiva dei dati che transitano in una rete telematica, per:

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

BIMPublisher Manuale Tecnico

BIMPublisher Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1 Cos è BIMPublisher...3 2 BIM Services Console...4 3 Installazione e prima configurazione...5 3.1 Configurazione...5 3.2 File di amministrazione...7 3.3 Database...7 3.4 Altre

Dettagli

V 1.00b. by ReBunk. per suggerimenti e critiche mi trovate nell hub locarno.no-ip.org. Guida di base IDC ++1.072

V 1.00b. by ReBunk. per suggerimenti e critiche mi trovate nell hub locarno.no-ip.org. Guida di base IDC ++1.072 V 1.00b by ReBunk per suggerimenti e critiche mi trovate nell hub locarno.no-ip.org Guida di base IDC ++1.072 Thanks To SicKb0y (autore del idc++) staff (per sopportarmi tutti i giorni) Versione definitiva

Dettagli

Con accesso remoto s'intende la possibilità di accedere ad uno o più Personal Computer con un modem ed una linea telefonica.

Con accesso remoto s'intende la possibilità di accedere ad uno o più Personal Computer con un modem ed una linea telefonica. Tecnologie informatiche ACCESSO REMOTO CON WINDOWS Con accesso remoto s'intende la possibilità di accedere ad uno o più Personal Computer con un modem ed una linea telefonica. Un esempio di tale servizio

Dettagli

D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE

D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.1 D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.2 INDICE SERVIZIO VOIP SKYPHO...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL DPH-140S...3 COLLEGAMENTO FISICO APPARATO...4 ACCESSO ALL'APPARATO...6

Dettagli

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Data del manuale: 7/5/2013 Aggiornamento del manuale: 2.0 del 10/2/2014 Immagini tratte da Windows 7 Versione di AziendaSoft 7 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Ultr@ VNC: Guida (parte 1)

Ultr@ VNC: Guida (parte 1) Ultr@ VNC: Guida (parte 1) Vi presento la guida in italiano per l installazione e l utilizzo di Ultra VNC :http://ultravnc.sourceforge.net. Le potenzialità del programma ve le abbiamo già presentate :http://www.femetal.it/9/ultravncrecensione,

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

2 Configurazione lato Router

2 Configurazione lato Router (Virtual Private Network), è un collegamento a livello 3 (Network) stabilito ed effettuato tra due o più reti LAN attraverso una rete pubblica che non deve essere necessariamente Internet. La particolarità

Dettagli

UTStarcom ian-02ex ADATTATORE TELEFONICO ANALOGICO GUIDA ALL INSTALLAZIONE

UTStarcom ian-02ex ADATTATORE TELEFONICO ANALOGICO GUIDA ALL INSTALLAZIONE UTStarcom ian-02ex ADATTATORE TELEFONICO ANALOGICO GUIDA ALL INSTALLAZIONE Adattatore Telefonico Analogico UTStarcom ian-02ex Guida all installazione Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Corso Di Linux. Liceo Fermi, Bologna - Marcello Galli, novembre 2009

Corso Di Linux. Liceo Fermi, Bologna - Marcello Galli, novembre 2009 Corso Di Linux Liceo Fermi, Bologna - Marcello Galli, novembre 2009 La Rete, nozioni di base. Il protocollo (regole di comunicazione), usato dalla rete internet si chiama TCP/IP. Il TCP/IP descrive tutti

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO okfabian@yahoo.com Fabian Chatwin Cedrati Ogni scheda di rete ha un indirizzo MAC univoco L'indirizzo IP invece viene impostato dal Sistema Operativo HUB 00:50:DA:7D:5E:32

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

GLOBAL IP G300 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GLOBAL IP G300 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.1 GLOBAL IP G300 SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE pag.2 INDICE SERVIZIO VOIP SKYPHO...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL G300...3 COLLEGAMENTO FISICO APPARATO...4 ACCESSO ALL'APPARATO...7 Accesso

Dettagli

NOTA: La seguente procedura di installazione è riferita alla versione 3.0.4.1 di FileZilla

NOTA: La seguente procedura di installazione è riferita alla versione 3.0.4.1 di FileZilla FileZilla è un client Ftp facile da usare, veloce ed affidabile. Supporta molte opzioni di configurazione. Il programma offre la consueta interfaccia a due finestre affiancate, il resume automatico e la

Dettagli

Modem ADSL DSL-300G+ Manuale rapido d installazione

Modem ADSL DSL-300G+ Manuale rapido d installazione Modem ADSL DSL-300G+ Manuale rapido d installazione Installazione e configurazione per un singolo computer Per configurazioni di LAN consultare il Manuale utente 6DSL300G+Q01 Panoramica Il presenta manuale

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia Pubblicare le pagine via FTP Per pubblicare le pagine web della vostra Associazione sullo spazio all'indirizzo: http://www.associazioni.milano.it/nome occorrono i parametri sotto elencati, comunicati via

Dettagli

Con iprotectyou otterrete un enorme database integrato con la pre-selezione dei siti web e dei gruppi di notizie nocivi.

Con iprotectyou otterrete un enorme database integrato con la pre-selezione dei siti web e dei gruppi di notizie nocivi. Manuale Descrizione delle caratteristiche di iprotectyou Capire la posizione di iprotectyou sul vostro computer Fasce orarie per attività in rete Limiti di traffico Registrazioni e tabelle - Informazioni

Dettagli

ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca

ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca ARP spoofing è un attacco che può essere effettuato solo dall interno di una rete locale o LAN (Local Area Network). Questa tecnica si basa su alcune caratteristiche di

Dettagli

Procedura di Installazione del Modem 3Com ADSL DUAL LINK con intefaccia USB ed Ethernet, su protocollo PPP over ATM

Procedura di Installazione del Modem 3Com ADSL DUAL LINK con intefaccia USB ed Ethernet, su protocollo PPP over ATM Procedura di Installazione del Modem 3Com ADSL DUAL LINK con intefaccia USB ed Ethernet, su protocollo PPP over ATM Questo manuale è rivolto all utente finale, per fornire un supporto in fase di installazione

Dettagli

MC-link Spa. Pannello frontale del Vigor2700e. Installazione hardware del Vigor2700e

MC-link Spa. Pannello frontale del Vigor2700e. Installazione hardware del Vigor2700e MC-link Spa Pannello frontale del Vigor2700e Installazione hardware del Vigor2700e Questa sezione illustrerà come installare il router attraverso i vari collegamenti hardware e come configurarlo attraverso

Dettagli

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Guida all attivazione di una CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Emanuele Goldoni Università degli studi di Pavia Sede di Mantova Laboratorio di Reti di Calcolatori 2006 1 Introduzione A distanza

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

L e A p p l i c a z i o n i

L e A p p l i c a z i o n i L e A p p l i c a z i o n i I software necessari per la gestione degli accessi in dial-up. B L U E P R O X Y L I T E 2 B L U E N A T 3 B L U E P R O X Y P L U S 4 B L U E M A I L S E R V E R 5 B L U E

Dettagli

Informazioni per installazione ed avviamento Data Domus

Informazioni per installazione ed avviamento Data Domus Informazioni per installazione ed avviamento Data Domus La procedura per utilizzare Data Domus si divide in 2 fasi 1. Installazione 2. Configurazione Installazione Una volta in possesso del file di installazione,

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

Funzionamento del protocollo FTP

Funzionamento del protocollo FTP Alunno:Zamponi Claudio Numero matricola:4214118 Corso: Ingegneria Informatica Funzionamento del protocollo FTP L'FTP, acronimo di File Transfert Protocol (protocollo di trasferimento file), è uno dei protocolli

Dettagli

IP 300 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

IP 300 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP IP 300 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP IP PHONE Perfectone IP300 Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DELL IP300...3

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0 BACKUP APPLIANCE User guide Rev 1.0 1.1 Connessione dell apparato... 2 1.2 Primo accesso all appliance... 2 1.3 Configurazione parametri di rete... 4 1.4 Configurazione Server di posta in uscita... 5 1.5

Dettagli

LabelShop 8. Manuale dell amministratore. Admin Guide

LabelShop 8. Manuale dell amministratore. Admin Guide LabelShop 8 Manuale dell amministratore Admin Guide Guida per l amministratore DOC-OEMCS8-GA-IT-02/03/06 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere

Dettagli

Documentazione VCP. Requisiti

Documentazione VCP. Requisiti Requisiti Framework : Tabella 1 Windows OS.NET Framework 2.0 Linux OS MONO 2.4.2 o sup. Sistemi Operativi Testati : Tabella 2 Windows XP Sp3 Windows Vista Windows 7 (tutte le versioni) Windows 2003 SRV

Dettagli

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica 1 S O M M A R I O CORSO DI POSTA ELETTRONICA...1 SOMMARIO...2 1 COS È L E-MAIL...3 2 I CLIENT DI POSTA...4 3 OUTLOOK EXPRESS...5

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Esercitazione 5 Firewall

Esercitazione 5 Firewall Sommario Esercitazione 5 Firewall Laboratorio di Sicurezza 2015/2016 Andrea Nuzzolese Packet Filtering ICMP Descrizione esercitazione Applicazioni da usare: Firewall: netfilter Packet sniffer: wireshark

Dettagli

Creazione di un archivio storico. locale e remoto. nelle 24 ore giornaliere

Creazione di un archivio storico. locale e remoto. nelle 24 ore giornaliere Creazione di un archivio storico locale e remoto nelle 24 ore giornaliere Sommario Prefazione... 2 Procedura... 3 Comandi file batch... 5 Creazione Archivio Globale... 6 Cancellazione e creazione foto

Dettagli

Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione. Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte.

Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione. Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte. Conceptronic C100BRS4H Guida rapida di installazione Congratulazioni per avere acquistato un router broadband Conceptronic a 4 porte. La guida di installazione hardware spiega passo per passo come installare

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Fate doppio click sul file con nome postgresql-8.0.msi e impostate le varie voci come riportato nelle immagini seguenti:

Fate doppio click sul file con nome postgresql-8.0.msi e impostate le varie voci come riportato nelle immagini seguenti: ,QVWDOOD]LRQHGL'LVNL L installazione di Diski e composta di due parti: il back-end e il front-end. Il back-end e il database relazionale orientato agli oggetti PostgreSQL. PostgreSQL e disponibile in diverse

Dettagli

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica LAN Il cablaggio Tralascio la stesa dei cavi, in quanto per tale operazione basta una conoscenza di base di elettricità e tanta pazienza. Passiamo invece al tipo di supporto da utilizzare per realizzare

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Come accedere alle pubblicazioni da remoto con Windows

Come accedere alle pubblicazioni da remoto con Windows Come accedere alle pubblicazioni da remoto con Windows 1. Introduzione Molti utenti lamentano la difficoltà di accedere alle riviste scientifiche quando non si trovano in Dipartimento di Fisica, il problema

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

Setup dell ambiente virtuale

Setup dell ambiente virtuale Setup dell ambiente virtuale 1.1 L immagine per le macchine virtuali Il file mininet-vm-x86 64.qcow è l immagine di una memoria di massa su cui è installato un sistema Linux 3.13 Ubuntu 14.04.1 LTS SMP

Dettagli

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 Usiamo Gmail In questo capitolo vedremo come creare un proprio accesso alla posta elettronica (account) ad uno dei servizi di mail on line più diffusi: Gmail, la

Dettagli

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS

INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS INTRODUZIONE A INTERNET per studenti universitari 1-2: il funzionamento: TCP/IP, DNS Dr. Giorgio F. Signorini Dipartimento di Chimica Università di Firenze ÓÖ Óº ÒÓÖ Ò ÙÒ º Ø ØØÔ»»ÛÛÛº ѺÙÒ º Ø» ÒÓ 16

Dettagli

GUIDA RAPIDA. Per navigare in Internet, leggere ed inviare le mail con il tuo nuovo prodotto TIM

GUIDA RAPIDA. Per navigare in Internet, leggere ed inviare le mail con il tuo nuovo prodotto TIM GUIDA RAPIDA Per navigare in Internet, leggere ed inviare le mail con il tuo nuovo prodotto TIM Indice Gentile Cliente, Guida Rapida 1 CONFIGURAZIONE DEL COMPUTER PER NAVIGARE IN INTERNET CON PC CARD/USB

Dettagli

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli) Sommario Esercitazione 05 Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)! Packet Filtering ICMP! Descrizione esercitazione! Applicazioni utili: " Firewall: wipfw - netfilter " Packet sniffer: wireshark!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-

Dettagli

Manuale configurazione rete, accesso internet a tempo e posta elettronica

Manuale configurazione rete, accesso internet a tempo e posta elettronica accesso internet a tempo e posta elettronica Indice 1. REQUISITI NECESSARI -------------------------------------------------------------------------- 4 1.1. PREDISPORRE I COLLEGAMENTI --------------------------------------------------------------------

Dettagli

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web Eureka Web Connessione remota a centrali via Web Luglio 2013 2 Connessione remota a centrali via Web INDICE ACCESSO E UTILIZZO DEL PANNELLO DI CONTROLLO DI EUREKA WEB IMPOSTAZIONE DI EUREKA WEB Impostazione

Dettagli

SLIP/PPP Emulator HOWTO

SLIP/PPP Emulator HOWTO SLIP/PPP Emulator HOWTO a cura di Irish Versione 3.0 (aggiornata al 8/7/97) Indice 1 Introduzione 1 2 Come funziona un emulatore? 2 2.1 Cos è il TIA?.............................................

Dettagli