Provider Italiani HOWTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provider Italiani HOWTO"

Transcript

1 Provider Italiani HOWTO Alberto Menegazzi, v1.5, 10 Novembre 1996 Questo documento accenna alla teoria che sta dietro il collegamento PPP e come si configura la propria macchina per collegarsi ai provider italiani Contents 1 Introduzione 1 2 Il protocollo TCP/IP Siti e indirizzi Collegamenti seriali Cosa serve per collegarsi Configurazione generale del PPPD Debug e Kdebug IP statici e dinamici I sistemi di autenticazione Configurazione per i diversi provider Video OnLine Italia On Line Micronet Inet Nettuno Energy FlashNET Informazioni addizionali Se funziona? Se non funziona? Se continua a non funzionare? Contributi Conclusione Introduzione Questo HOWTO si prefigge di aiutare gli utenti di Linux a configurare il proprio sistema per connettersi ai provider italiani spiegando esclusivamente quel minimo che serve del protocollo TCP/IP, senza

2 2. Il protocollo TCP/IP 2 l approfondimento di documenti quali il Net-2-HOWTO o la Network Administration Guide a cui rimando per chi fosse seriamente interessato all argomento. L ultimo aggiornamento di questo HOWTO è reperibile presso il sito ftp del PLUTO user group <http://www.psico.unipd.it/ildp/altri/index.html>. Il documento è diviso in due parti. Una prima parte di introduzione al funzionamento del protocollo TCP/IP nella quale si spiega come configurare correttamente il proprio sistema. Una seconda parte nella quale si parla delle particolarità di ogni provider e delle ulteriori configurazioni che vanno effettuate di quest ultimo. Mentre la prima parte è d obbligo per tutti, della seconda ognuno può leggersi unicamente il preambolo e il paragrafo dedicato al proprio provider. Per quanto riguarda la configurazione della posta, vi suggerisco di rifarvi ad un altro HOWTO scritto in italiano al quale collaboro, il Posta Off Line HOWTO scritto da Mirko Caserta e che sarà presto reperibile sempre presso il sito ftp del PLUTO user group <http://www.psico.unipd.it/ildp/altri/index.html>. 2 Il protocollo TCP/IP 2.1 Siti e indirizzi Tutti i siti Internet comunicano attraverso un protocollo comune, il TCP/IP, che in realtà, non è un singolo protocollo ma un insieme di protocolli. Per quel che ci riguarda ci limiteremo ad analizzare i due protocolli caratteristici del TCP/IP e cioè... il TCP e l IP. Ogni computer collegato a Internet (compreso il vostro quando è collegato al provider) è identificato in modo univoco da una quaterna di numeri (tipo ) ognuno dei quali va da 0 a 255 separati tra loro da un punto: questo numero si chiama IP. Quando, a collegamento tra PC e provider avvenuto, si contatta un host tramite il suo nome alfabetico (tipo o sunsite.unc.edu), nella realtà viene richiesto ad una computer sulla rete (che si chiama nameserver) la traduzione del nome alfabetico nel corrispettivo numerico. In questo modo, tutti i pacchetti che transitano per la rete portano con sè solo gli indirizzi numerici del computer di provenienza e di arrivo, permettendo ai computer intermedi attraverso cui i pacchetti viaggiano di smistarli correttamente mediante un meccanismo che non stiamo qui a descrivere dato che non è il luogo. Quello che interessa ora è capire come un computer da casa si collega alla rete tramite rete telefonica. 2.2 Collegamenti seriali Esistono due tipi di protocolli che permettono a due computer dotati di TCP/IP di collegarsi utilizzando un collegamento seriale tipo due modem attraverso una linea telefonica, due modem attraverso una linea ISDN o due computer collegati per mezzo di un cavo dalle due porte seriali. Questi protocolli si chiamano SLIP (Serial Line Internet Protocol) e PPP (Point-to-Point Protocol). Storicamente il PPP è venuto dopo e si pone come un evoluzione dello SLIP, in quanto, oltre a fornire un collegamento come quello di SLIP, comprime automaticamente i dati, può spedire pacchetti di dati di protocolli diversi tra loro (TCP/IP di Unix e IPX/SPX di Novell) oltre a molte altre caratteristiche di scarso interesse a questo punto del documento.

3 2. Il protocollo TCP/IP 3 Il kernel di Linux li supporta tutti e due ed esistono svariati programmi che configurano Linux per questi due collegamenti : i più conosciuti sono PPPD e DIP. 2.3 Cosa serve per collegarsi Per collegarsi è necessario aver compilato il kernel avendo risposto sì ai seguenti punti : Supporto della rete TCP/IP Protocollo SLIP Protocollo PPP I protocolli SLIP o PPP possono essere eventualmente compilati come moduli e caricati solamente quando sono necessari. Qualora non abbiate installato il kerneld per la gestione automatica dei moduli, ricordatevi che i moduli generati non sono solo ppp.o e slip.o, ma sopratutto slhc.o che va caricato prima degli altri due e scaricato dopo! Oltre a ciò, servono i programmi di connessione. I più conosciuti sono pppd per il protocollo PPP e dip per il protocollo SLIP. Questo documento tratta solo la connessione PPP. 2.4 Configurazione generale del PPPD Il pppd (al momento in cui scrivo è in fase di beta testing la versione 2.3) è un programma molto particolare. E un demone, ovvero uno di quei programmi che, una volta lanciati, si mettono in background (per utilizzare una terminologia Win) e funzionano senza che l utente se ne accorga. Il pppd gestisce il traffico di pacchetti TCP/IP, praticamente assolve il ruolo del Distinct o del Trumpet sotto Windows. Le molteplici opzioni, che potete scorrere nel man di pppd, possono essere passate sia attraverso la linea di comando sia raccolte nel file /etc/ppp/options. Le opzioni spiegate in questa prima parte, dato che dipendono unicamente dalla configurazione di Linux e dall hardware del computer, sono da considerarsi universali per i collegamenti via modem a prescindere da qualunque provider e conviene quindi raccoglierle nel file /etc/ppp/options. Le opzioni spiegate nella seconda parte dipendono strettamente dal provider a cui ci si collega e conviene quindi raccoglierle come parametri di comando per il pppd in uno script apposito così da lasciare la libertà di poter accedere a provider diversi. (Per chi non sapesse cos è uno script : è un piccolo programma scritto con i comandi della shell. Praticamente un file.bat, per chi conoscesse solo DOS) Il parametro fondamentale da inserire nel file /etc/ppp/options è: connect /etc/ppp/chat-script Questo parametro dice a PPPD che vogliamo chiamare un punto della rete Internet il quale a sua volta sta aspettando che qualcuno si colleghi, ma che il collegamento PPP sarà disponibile solo dopo aver compiuto una serie di operazioni contenute nello script /etc/ppp/chat-script. Ricordatevi di fare in modo che lo script abbia l autorizzazione ad essere eseguito, ovvero, dopo averlo creato, attivate le flag di eseguibilità con chmod u=rwx /etc/ppp/chat-script

4 2. Il protocollo TCP/IP 4 Nella seconda parte troverete questo script per ogni provider commentato dettagliatamente. L opposto di connect è passive, che dice a pppd di attendere che qualcuno chiami per effettuare una connessione PPP con una certa porta seriale. Ma come si fa a dire a pppd che porta seriale deve utilizzare? Questo è il secondo parametro : la porta di comunicazione. La scelta è da farsi tra i device utilizzabili: /dev/cua0 /dev/cua1 /dev/cua2 per la COM1: per la COM2: per la COM3: e via dicendo oppure, se avere già spiegato a Linux a quale porta è collegato il vostro modem (per esempio tramite il setup della Slackware) : /dev/modem Inoltre bisogna dire a che velocità volete comunicare con la seriale a cui è collegato il modem, generalmente un numero superiore alla velocità di collegamento qualora abbiate un modem che supporta la compressione, esempio : Non tutte le velocità sono però lecite se si usa il PPPD 2.1.1, che è la versione migliore di pppd se si utilizza un kernel della seria 1.2.x. In questo caso, infatti, la porta può funzionare al massimo a baud. Come andare più forte quindi? Semplice (o quasi). Basta dire al kernel di lavorare a velocità maggiori ogni qual volta si presenta Per far ciò si usa il comando setserial (e bene metterlo in /etc/rc.d/rc.local) con la seguente sintassi : setserial /dev/cua1 spd vhi oppure setserial /dev/cua1 spd hi Il parametro spd vhi indica al kernel di lavorare a baud (o a baud se si indica spd hi) anche se l applicazione richiede baud. Dato però che ci sono programmi che comunicano con la seriale senza impostarne la velocità è bene farlo sempre nell /etc/rc.d/rc.local con il comando : stty < /dev/cua1 Dato che nella maggior parte delle volte non si utilizza un collegamento seriale diretto, è ottima cosa dire al PPPD che state utilizzando un modem attraverso due opzioni : modem crtscts Il tipo di pacchetti che deve passare attraverso il collegamento seriale è regolato dal netmasking il cui valore, dato il tipo di classe di domini che vengono rilasciati ai provider in Italia, dovrebbe essere : netmask

5 2. Il protocollo TCP/IP 5 Qualora notiate negli script di collegamento dei programmi per Win valori di netmask diversi, sostituiteli e fatemi sapere. Il PPPD è comunque in grado di dedurre da solo il valore del netmask dal tipo di IP che viene assegnato senza che l utente indichi alcunchè. L ultimo parametro globale è : defaultroute il quale dice a Linux che il collegamento che state effettuando è quello per il resto del mondo : Internet. 2.5 Debug e Kdebug Per analizzare le fasi cruciali del collegamento, qualora qualcosa non funzionasse, il PPPD mette a disposizione due opzioni, debug e kdebug, che mostrano all utente la fase di negoziazione precedente al collegamento definitivo. Tramite l analisi di queste informazioni, per la verità un po criptiche, si può capire se il collegamento non è andato a buon fine per un parametro sbagliato o per una password scorretta. Queste due opzioni non stampano a video il log di quello che si stanno comunicando il PPPD e il provider, ma le indirizza al SYSLOGD che si occupa di visualizzarle o di salvarle su un file in funzione di come è stato configurato. Il SYSLOGD è un demone, come il PPPD (hanno in comune l ultima lettera : che strano!!!), che si occupa di registrare tutti i messaggi di log che gli vengono inviati dal kernel e dai programmi. Il settaggio di questo demone risiede nel file /etc/syslog.conf. Per PPPD bisogna aggiungere a questo file la seguente linea : local2.* /dev/console Per PPPD invece la seguente : daemon.*,kern.* /dev/console Mi raccomando per gli utenti con un syslog precedente alla versione 1.3 : tra * e /dev non ci vogliono spazi ma TAB! Per far accettare nuove opzioni al syslog, esso va killato con l opzione -HUP, anche se a me sembra più sicuro fare reboot ogniqualvolta lo si modifica. Per chi volesse più informazioni su questo potentissimo strumento di Linux può leggersi il man syslog.conf o /usr/doc/sysklogd/readme.linux. In questo modo le informazioni sulla connessione vengono a video. Per vedere le stesse informazioni durante una sessione X Windows basta eseguire il programma xconsole che apre una finestra nella quale reindirizza tutto quello che andrebbe sulla console di testo. Qualora si volesse salvare il contenuto per vederlo successivamente e capire quello che è accaduto, basta sostituire nel file /etc/syslog.conf il file /dev/console con il path di un file dove si vuole finisca il contenuto. Qualora non vi funzioni il collegamento e abbiate intenzione di spedirmi un per chiedermi perchè non funziona, esigo che mi alleghiate all il file di testo (possibilmente compresso) contenete il risultato del syslog in modo che io capisca precisamente cosa è accaduto. Al termine di questo documento è spiegata la procedura precisa per ottenere sicuramente una risposta da me. L opzione debug genera solo informazioni generali, mentre kdebug tira in ballo anche le comunicazioni con il kernel e ammette una sub-opzione che dipende dalla versione del PPPD che specifica quanto approfondite si vogliono le informazioni. Io consiglio : debug kdebug 1

6 2. Il protocollo TCP/IP IP statici e dinamici Ad ogni provider, oltre al proprio, vengono assegnati un numero finito di IP da assegnare a coloro che si collegano. Generalmente la quantità di IP dipende dai modem disponibili al collegamento e quindi a quanti utenti si possono collegare contemporaneamente di modo tale da assegnare ad ogni utente che si collega un IP a caso tra quelli a disposizione non ancora utilizzati. Prima di effettuare il collegamento SLIP, l utente deve essere a conoscenza dell IP che gli è stato assegnato. Con il PPP non è necessario. Infatti il protocollo PPP è stato disegnato in modo tale che, durante la fase di negoziazione, chi chiama possa dedurre quale IP gli sia stato assegnato al computer che sta chiamando inserendo nel file /etc/ppp/options l opzione : noipdefault Qualora il vostro IP sia sempre quello, si ometterà noipdefault e si inseriranno i due IP separati da due punti (:), ovvero il proprio IP e quello del provider al quale ci si collega : <IP proprio>:<ip del provider> Questa opzione, però, è del tutto ridondante in quanto Linux è comunque in grado da solo di dedurre queste informazioni se avete compilato correttamente /etc/hosts ed /etc/resolv.conf come spiegato più avanti. 2.7 I sistemi di autenticazione Il protocollo PPP supporta due diversi tipi di autenticazione, ovvero quei sistemi attraverso cui il provider verifica chi c è dall altra parte della linea : il PAP (Password Authentication Protocol) ed il CHAP (Cryptographic Handshake Authentication Protocol). Le differenze non sono sostanziali, a parte che il CHAP è più sicuro perchè cripta tutte le password che scambia, mentre il più utilizzato sembra essere il PAP. Esiste un terzo sistema, derivato dal CHAP, creato da Microsoft e chiamato MSCHAP80 dagli autori di PPPD. Anch esso non scambia password in chiaro, come CHAP, ma non è compatibile con esso. La ragione della sua esistenza è dovuta alla certificazione di sicurezza C2 richiesta a tutti i fornitori del dipartimento della difesa americana, che richiede, tra le altre cose, la criptazione di tutte le password trasmesse. Microsoft ha così dovuto creare questo nuovo standard per certificare NT quando è nato. Sebbene MSCHAP80 non sia stato accettato come standard a sè stante dalle organizzazioni di standardizzazione che si occupano di Internet, esso può essere causa di malfunzionamenti nel collegamento con macchine NT o 95 malgrado esistano opzioni per disabilitarlo dai pannelli di configurazione dei sistemi operativi Microsoft. PPPD può supportare questa opzione solo se viene modificato opportunamente il Makefile prima di compilarlo. Nelle distribuzioni binarie esso è generalemente disabilitato. Comunque il sistema generato da Microsoft è così stupido che, per accedere al sistema, basta intercettare la password criptata! In funzione del metodo di autenticazione che utilizza il provider, dovrete compilare opportunamente i file /etc/ppp/pap-secrets o /etc/ppp/chap-secrets, due file che ammettono lo stesso formato: client server secret IP-address L ultimo parametro è inutile per chi chiama. Gli altri tre corrispondono, nell ordine a : login nome-del-server-che-risponde password Nel secondo campo consiglio sempre di lasciare un *, dato che non sempre, con i centralini a ricerca automatica, risponde lo stesso server. Gli altri due campi dipendono dal provider, ma spesso sono la login e la

7 3. Configurazione per i diversi provider 7 password assegnati. Fate attenzione a rendere questi due files leggibili solo da coloro che possono e non da tutti! Nella sezione che segue viene spiegato cosa scrivere in questo file in funzione di ogni provider. 3 Configurazione per i diversi provider La configurazione in funzione dei vari provider passa attraverso l aggiornamento di due file e la creazione di uno script di collegamento. Il primo dei due file da aggiornare è /etc/hosts dove vanno aggiunti il proprio IP assegnato, qualora fossimo sicuri che sia sempre quello (tipo Inet), oltre all IP numerico del proprio provider seguito dall indirizzo alfabetico. Il secondo file da aggiornare è /etc/resolv.conf che spiega a Linux come tradurre gli indirizzi alfabetici in indirizzi numerici. Infatti oltre al campo che contiene il dominio di appartenenza del proprio computer (ad esempio : domain vol.it) va inserito anche l indirizzo numerico del nameserver a cui chiedere la conversione (ad esempio : nameserver ). Spesso l indirizzo del nameserver coincide con quello del provider inserito nel file /etc/hosts. Qualora si utilizzi un provider non incluso in questo documento, tentate di indicare il nameserver con la tecnica indicata sopra. Lo script da creare è il sopracitato /etc/ppp/chat-script che istruisce un piccolo programmino (chat) tramite una semplice sintassi aspetta-la-sequenza-di-caratteri manda-la-sequenzadi-caratteri a comporre il numero di telefono e compilare automaticamente quelle richieste che talvolta precedono l accesso al servizio PPP o SLIP. Fate molta attenzione quando scrivete il file /etc/ppp/chat-script : gli argomenti passati a chat devono stare su un unica linea e non devono essere separati da a capo! Ricordatevi che /etc/ppp/chat-script è un file che va eseguito e quindi deve avere l autorizzazione ad essere eseguito. Per essere sicuri, digitate : chmod 777 /etc/ppp/chat-script dopo che lo avete creato. 3.1 Video OnLine Nel file /etc/hosts va inserito il seguente campo vol.it Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi domain vol.it nameserver Video On Line supporta l IP dinamico e tutti i modem sono in attesa per essere collegati direttamente al servizio PPP con autenticazione PAP con la propria login come campo client e la propria password come secret. Quindi nel file /etc/ppp/pap-secrets dovrete inserire il seguente campo : <propria-login> * <propria-password>

8 3. Configurazione per i diversi provider 8 Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" 3.2 Italia On Line Italia On Line supporta Linux in modo molto avanzato. Infatti ha creato un client ad hoc per ovviare un problema di ragione storica. Se prestate attenzione, nei nuovi client di IOL (sia per Win che per Linux), al momento di scegliere il numero di telefono al quale connettersi, c è il modo di segnalare se attivare o meno l autenticazione PAP. Di default questa è disattivata sui primi nodi di Italia On Line (primi nel senso di età : i più vecchi) mentre è attivata su quelli nuovi. Questo perchè la dirigenza inizialmente aveva scelto di utilizzare le stesse chiavi di autenticazione PAP per TUTTI gli utenti in quanto non si fidavano a consegnare nelle mani di Windows NT (il software che utilizzano tutt ora e che è stato causa di gran parte dei problemi) un database PAP di utenti. Così inizialmente tutto funzionava perfettamente inserendo nel file /etc/ppp/pap-secret : marco * marco Stessa login e password per tutti (Marco è il nome del programmatore del client Win di IOL). In questo modo, però, si poteveno connettere tutti a sbafo e senza limitazioni di orario! Così è stato inventato un sistema per cui, oltre al PAP, chi si connette viene controllato dal server al quale si è connessi il quale verifica che sui computer connessi giri il client di IOL e accerta i dati che sono stati inseriti nel client al momento della connessione. Qualora il client non stia girando o i dati non corrispondano a quelli sottoscritti come abbonamento, dopo 5 minuti la linea viene buttata giù. Così per gli utenti Linux, per i quali per un certo tempo non è esistito un client, non c era niente da fare, anche se avevano pagato l abbonamento. Ora invece esiste un client che funziona molto bene ed evita agli utenti di smazzarsi con la configurazione di Linux. Scorrendo la man page allegata al client, si legge che basta copiarlo in qualche directory (tipo /usr/local/bin), aggiungere al programma /etc/ppp/ip-up la linea : [ -p /tmp/iol.pipe ] && echo connect > /tmp/iol.pipe al file /etc/hosts le seguenti righe : domain iol.it nameserver nameserver e il client fa tutto da solo come quello per Win, compreso compilare correttamente anche /etc/ppp/pap-secrets. Se però utilizzate già un provider prima di IOL, fatevi una copia di /etc/ppp/pap-secrets perchè il client di IOL lo va a sovrascrivere! 3.3 Micronet Micronet non supporta nessun sistema di autenticazione in quanto prima di accedere alla connessione PPP bisogna aver inserito login e password. Nel file /etc/hosts va inserito il seguente campo : micronet.it

9 3. Configurazione per i diversi provider 9 Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain micronet.it nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" "" "rname:" "proprio-user-name" "sword:" "propria-password" "net.it>" "ppp" Attenzione! A collegamento avvenuto, qualora abbiate attive le opzioni di debug, noterete che sistematicamente appaiono due informazioni riguardanti l LCP. Noterete che sono una recv REQ, una richiesta da parte del server, seguita da una send REP. Non ho ancora capito se è a causa di qualche settaggio che va aggiunto o se è una procedura normale. Ho comunque verificato di persona che il collegamento non presenta nessun problema, anche per ore di seguito. 3.4 Inet Inet assegna un IP ad ogni utente, quindi non bisogna mettere l opzione noipdefault nel file /etc/ppp/options. Non supporta sistemi di autenticazione in quanto prima di accedere alla connessione PPP si deve passare attraverso due login. Nel file /etc/hosts vanno inseriti i seguenti campi : inet.it <proprio_ip> <nome_propria_macchina>.inet.it <nome_propria_macchina> Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain inet.it nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" "" "rname:" "proprio-user-name" "sword:" "prima-password" "net.it>" "ppp" "tname:" "proprio-user-name" "sword" "seconda-password" "system" 3.5 Nettuno Nettuno assegna un IP ad ogni utente, quindi non bisogna mettere l opzione noipdefault nel file /etc/ppp/options. Non supporta sistemi di autenticazione in quanto prima di accedere alla connessione PPP si deve passare attraverso un login. Nel file /etc/hosts vanno inseriti i seguenti campi : <proprio IP> <nome propria macchina>.mo.nettuno.it <nome propria macchina> Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi

10 4. Informazioni addizionali 10 domain mo.nettuno.it nameserver nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" "" "rname:" "proprio-user-name" "ssword" "propria-password" ">" "ppp" "ostname" "proprio-ip" "word" "password-per-ppp" 3.6 Energy Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain energy.it nameserver Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATDP-numero-di-telefono" "CONNECT" 3.7 FlashNET Nel file /etc/resolv.conf vanno inseriti i seguenti campi : domain DOMAIN nameserver IP.IP.IP.IP Dove al posto di DOMAIN e IP.IP.IP.IP vanno inseriti il domain ed l IP del server a cui vi connettete in funzione del nodo. Questi dati ve li dovete far dare dal vostro provider. Lo script di connessione /etc/ppp/chat-script è il seguente : #! /bin/shchat -v -t60 "" "ATX3M0DTnumero" "ogin:" "propria-login" "sword:" "propria-password" "ain (? help) :" "i" FlashNET non supporta alcun metodo di autenticazione in quanto chiede di fare login prima di mettere a disposizione il collegamento PPP. 4 Informazioni addizionali 4.1 Se funziona? Se il collegamente sembra funzionare, conviene testarlo nel seguente modo. Per primo digitate ifconfig che dovrebbe stampare : lo Link encap Local Loopback inet addr Bcast Mask UP LOOPBACK RUNNING MTU 2000 Metric 1 RX packets 0 errors 0 dropped 0 overrun 0

11 4. Informazioni addizionali 11 ppp0 TX packets 0 errors 0 dropped 0 overrun 0 Link encap Point-to-Point Protocol inet addr P-t-P Mask UP POINTOPOINT RUNNING MTU 1500 Metric 1 RX packets 33 errors 0 dropped 0 overrun 0 TX packets 42 errors 0 dropped 0 overrun 0 Questa è una lista dei collegamenti effettuati. Il lo è il collegamento con se stessi, il ppp0 è quello con il proprio provider. Gli IP rappresentati sono quello del vostro provider e quello che il vostro provider vi ha assegnato. Ora provate con ping z.z.z.z dove z.z.z.z è l IP del vostro provider. Se il collegamento è andato a buon fine, vedrete apparire qualcosa di simile : waddington:~$ ping PING ( ): 56 data bytes 64 bytes from : icmp_seq=0 ttl=255 time=268 ms 64 bytes from : icmp_seq=1 ttl=255 time=247 ms 64 bytes from : icmp_seq=2 ttl=255 time=266 ms ^C ping statistics packets transmitted, 3 packets received, 0% packet loss round-trip min/avg/max = 247/260/268 ms ovvero una lista di pacchetti di 64 byte mandati solo per testare la qualità del collegamento e vedere i tempi di risposta. Si interrompe con Control-C. Ora provate con ping sunsite.unc.edu, ovvero testate i tempi di risposta del sito sunsite.unc.edu. Non impressionatevi se l ordine di grandezza dei tempi di risposta è una o due volte più grande di quella tra voi ed il vostro server : il pacchetto che mandate arriva in America e poi torna indietro. Se non ottenete risposta, il problema può avere due cause : o non avete spiegato che per raggiungere un qualsiasi sito dovete passare per il vostro service provider, ovvero vi siete scordati l opzione defaultroute, oppure non avete inserito l indirizzo corretto del nameserver nel file /etc/resolv.conf. Per avere un indicazione sull efficienza del collegamento, il comando pppstats vi da informazioni circa il numero di pacchetti che stanno transitando attraverso la linea seriale e quante correzioni vengono effettuate. 4.2 Se non funziona? Se il comando ifconfig non vi tabula il collegamento ppp0 il problema può risidere in varie cause. Intanto dovete assicurarvi che esista una file ip-up nel vostro path e che esso sia eseguibile, anche se completamente è vuoto, pppd tenta di eseguirlo appena ottenuto il collegamento e non trovandolo spesso il collegamento si interrompe. 4.3 Se continua a non funzionare? Se non riuscite a risolvere i problemi di connessione da soli, contattatemi mandandomi un nel cui subject sia compresa la parola PIHOWTO maiuscola, spiegandomi dettagliatamente i vostri problemi e allegando un file.tgz o.zip contenente : Il file /etc/ppp/options Il file /etc/hosts

12 4. Informazioni addizionali 12 Il file /etc/resolv.conf Il file dove registrate il risultato del syslog Il file /etc/ppp/pap-secrets, ma solo se vi fidate! La parola PIHOWTO serve per indirizzare la vostra posta in una apposito folder contenente mail importanti alle quali io risponderò sicuramente, anche se non posso garantire in che tempi. Ricordate che mail che non seguiranno questa specifica o che non avranno allegato i file richiesti (il risultato del syslog è indispensabile!!!!), saranno quasi certamente CESTINATI senza nessun reply! 4.4 Contributi Si ringrazia per la preziosa collaborazione : Riccardo Castello Mirko Caserta Paolo Dell Aquila Marco Markino Sacchi e tutti i provider che hanno collaborato. 4.5 Conclusione Mi scuso per aver fatto attendere per questo ulteriore aggiornamento, specialmente con lo staff di Italia On Line del quale mi sono prima lamentato senza aver poi tempestivamente modificato il mio documento quando IOL ha rilasciato il client per Linux, ma mi ero ripromesso di pubblicarlo solo quando avessi settato correttamente un sistema di posta degno di questo nome in modo da avere la posta divisa per argomento nei vari folder. Mi scuso anche per coloro ai quali non ho risposto prima dell estate per casini di posta con Eudora quando ancora giravo con Win, rassicurandoli che ora risponderò loro certamente se seguiranno le indicazioni elencate sopra. Mi scuso anche con coloro che mi avevano spedito informazioni circa altri provider che io ho perso sempre nel marasma di Eudora, invitandoli a rispedirmele per aggiornare ulteriormente questo HOWTO. Con la presente, esorto chiunque mi possa dare un mano a farlo, il mio indirizzo è : Aspetto informazioni sugli altri provider italiani per aggiornare il documento, dati di ogni genere come script di connessione per il Trumpet o per il Distinct assieme al file socket.ini che riporta l indirizzo del nameserver (mi raccomando il nameserver!). Aspetto anche conferme che le istruzioni che ho dato sono corrette, specialmente quello di Video OnLine che ultimamente, avendo cambiato gestione, potrebbe aver cambiato anche settaggi. Non ho provato fisicamente tutti i provider. Presumo di aver scritto anche qualche imprecisione, spero che siate clementi nel correggermi. Attendo anche eventuali domande di chiarimento in seguito alle quali migliorerò l HOWTO nelle sue parti più oscure e grazie alle quali amplierò la parte riguarda la diagnostica. Grazie in anticipo a tutti per la collaborazione!!! Alberto Menegazzi

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

OPERAZIONI PRELIMINARI

OPERAZIONI PRELIMINARI La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple iphone; precisamente abbiamo preferito operare con il protocollo POP in

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Remote Administrator v2.2

Remote Administrator v2.2 Remote Administrator v2.2 Radmin è il software più veloce per il controllo remoto. È ideale per l assistenza helpdesk e per la gestione dei network. Ultimo aggiornamento: 23 June 2005 Sito Web: www.radmin.com

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1. guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9

GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1. guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9 GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1 guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9 INTRODUZIONE Dopo aver utilizzato internamente per alcuni anni il nostro software di Ticketing, abbiamo deciso di metterlo a disposizione

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli