Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna"

Transcript

1 Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna Enzo Scudellari Ancona, 19 gennaio

2 Lavori pubblici La logica dei lavori pubblici è quella della realizzazione, dietro un compenso pattuito, in un determinato lasso di tempo ed con determinate caratteristiche, di una ben definita opera: di norma questa opera è prevista in un piano poliennale di investimenti e quindi in una programmazione temporale e finanziaria ben definita. Ancona, 19 gennaio

3 Manutenzione La manutenzione è un servizio composto di molteplici interventi che se fossero affrontati solo con la logica della somma tanti diversi lavori non garantirebbe il successo dell obiettivo: obiettivo che è null altro se non il soddisfacimento delle esigenze dei bolognesi che ogni anno percorrono 770 Km. di strade e marciapiedi che non devono aver buche e che debbono essere illuminate da lampade accese, che vogliono poter giocare e passeggiare in di mq. di parchi e giardini che frequentano 332 edifici pubblici ( di cui 150 scuole). Ancona, 19 gennaio

4 Strumenti di gestione per la manutenzione Le modalità in cui si articola la gestione manutentiva del patrimonio da parte del Comune di Bologna sono identificabili in: Global Service Appalti aperti di manutenzione (art. 154 del D.P.R. 554/99 ) Costruzione e gestione Concessioni Convenzioni Personale operativo interno Sponsorizzazioni Ancona, 19 gennaio

5 Il percorso del Comune di Bologna : analisi dell organizzazione e dei servizi manutentivi per individuare la linea strategica : attivazione di appalti di Global Service e Semi-Global Service : City Global Service Ancona, 19 gennaio

6 : Manutenzione strutturata Obiettivi: analisi dei costi definire nuovi equilibri tra pubblico e privato riportare le attività di manutenzione ad un valore adeguato rispetto alle esigenze del Comune e della cittadinanza. Ancona, 19 gennaio

7 Conoscenza Per raggiungere tali obiettivi occorre prima di tutto conoscere : conoscere il patrimonio immobiliare conoscere le richieste di intervento (fabbisogno) conoscere gli interventi (quando e dove) conoscere le lavorazioni effettuate e relativi costi (cosa e quanto) conoscere il mercato Ancona, 19 gennaio

8 Controllo di gestione Si è reso necessario attivare il controllo di gestione delle attività manutentive per analizzare l andamento dei costi e la loro corretta imputazione ai centri di costo interessati dai servizi. Si sono così superati i limiti di una gestione puramente finanziaria dell appalto, portando invece ad affrontare la gestione manutentiva ad una visione per processi. Ancona, 19 gennaio

9 Global Service (1) Il global service è una forma particolare di contratto di esternalizzazione basato sui risultati, attraverso cui un committente affida una serie di attività ad un patrimonio urbano ad un unico assuntore qualificato. Ancona, 19 gennaio

10 Global Service (2) In funzione delle specifiche esigenze e convenienze del committente e delle strategie di gestione del patrimonio da questi adottate, il global service può contemplare l'affidamento di più attività attinenti ad un unico servizio (ad esempio, la manutenzione edilizia ed impiantistica) o di più attività attinenti ad una serie di servizi (tra cui, ad esempio, la stessa manutenzione edilizia ed impiantistica, la manutenzione di attrezzature e di arredi, la gestione di impianti termici, la gestione di impianti tecnologici, la gestione di call center, la gestione del verde, la pulizia e l'igiene ambientale, ecc.). Ancona, 19 gennaio

11 Global Service (3) L'oggetto di un contratto di global service di manutenzione di un patrimonio urbano è pertanto l'affidamento da parte di un committente ad un assuntore, per un periodo di tempo definito, del complesso di attività manutentive finalizzate a garantire la disponibilità a livelli prestazionali prefissati di un patrimonio urbano. Ancona, 19 gennaio

12 1996: Attivazione di contratti di Global Service (1) Per la pubblica illuminazione, segnaletica stradale e verde pubblico, dove l Ente conosceva lo stato manutentivo, e quindi il fabbisogno relativo ai propri impianti, sono stati stipulati contratti con la formula del Global Service. Si è previsto, inoltre, un budget residuo per interventi extra canone, non programmabili, da ordinare e pagare a misura od in economia. Ancona, 19 gennaio

13 1996: Attivazione di contratti di Global Service (2) Per l edilizia e le strade, dove la conoscenza dello stato manutentivo e del fabbisogno era incompleta, sono stati stipulati contratti che utilizzano un appalto misto: Semi - Global Service, a misura ed economia per i lavori, ed a canone per i servizi (rilievo ed aggiornamento dell anagrafe, monitoraggio ai fini della sicurezza, ecc.). Ancona, 19 gennaio

14 2003: Gestione complessa City Global Service e altri strumenti I risultati del precedente G.S. hanno confermato la scelta strategica di affidare all esterno i servizi di manutenzione. L esperienza ha insegnato, allo stesso tempo, che la gestione di problematiche così complesse può essere risolta solo con una molteplicità di strumenti, tutti sotto il governo dell Amministrazione. Ancona, 19 gennaio

15 City Global Service: Il Progetto Un unico appalto per la gestione di servizi relativi al patrimonio immobiliare (comprensivo delle pulizie ed energia), verde pubblico, strade e segnaletica, con remunerazione a canone e a misura e/o economia per gli interventi di manutenzione straordinaria Ancona, 19 gennaio

16 Immobili e relativi impianti (mq a canone + altri edifici su richiesta) Impianti termici e frigoriferi (562 impianti) Altri Impianti (270 impianti di sollevamento; 1 impianto di depurazione canile municipale; 24 cabine elettriche di trasformazione; 6 gruppi elettrogeni di emergenza; 11 gruppi statici di continuità; 3 impianti amplifonici fissi; estintori) Strade e segnaletica stradale (770 km di strade, mq. di segnaletica orizzontale, segnali stradali verticali) Verde pubblico ( mq con alberi e alberate stradali) Pulizie di immobili (circa mq.) Oggetti del Servizio Ancona, 19 gennaio

17 A B C D E F Attività e importi annuali dell Appalto Servizio Energia A.1 Attività ordinaria A.2 manutenzione straordinaria Servizio Manutentivo del Patrimonio Immobiliare B.1 Attività ordinaria B.2 manutenzione straordinaria Servizio Manutentivo del Patrimonio Impiantistico C.1 Attività ordinaria C.2 manutenzione straordinaria Servizio Manutentivo del Patrimonio Stradale D.1 Attività ordinaria D.2 manutenzione straordinaria Servizio Manutentivo del Verde Pubblico E.1 Attività ordinaria E.2 manutenzione straordinaria Servizio Pulizie TOTALE , , , , , , , , , , , ,00 Ancona, 19 gennaio

18 Forma e Aggiudicazione dell Appalto L appalto ha natura mista, avendo ad oggetto un complesso di attività riconducibili sia a prestazioni di servizi sia di lavori, nonché a componenti di prestazioni di fornitura. Data la prevalenza economica delle prestazioni di servizi, la disciplina della procedura di aggiudicazione risulta quella dettata dall art. 23, comma 1 lettera b), del D.lgs. 157/1995 in attuazione della direttiva 92/50/CEE in materia di Appalti pubblici di servizi. L aggiudicazione dell appalto è avvenuta secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa di cui all art.23, comma 1 lettera b), del D.lgs. 157/1995. Ancona, 19 gennaio

19 City Global Service: determinazione dei servizi rielaborazione delle attività richieste sulla base della esperienza dei Global Service 1996/2002 valutazione dei risultati ottenuti/ottenibili con gli appalti aperti recupero delle attività previste dagli appalti di servizio relativi al patrimonio immobiliare (pulizie, calore, ascensori, ecc. ) individuazione di servizi strategici a supporto per l attuazione dei servizi operativi Ancona, 19 gennaio

20 City Global Service Attraverso una gestione corrente del patrimonio comunale, il C.G.S. è in grado di dare alla cittadinanza e all Amministrazione, garanzie su : condizioni di sicurezza (ordine pubblico, pubblica incolumità, aspetti sociali e sanitari) condizioni di fruibilità possibilità di monitoraggio e controllo conoscitivo Ancona, 19 gennaio

21 Servizi del City Global Service I servizi oggetto di appalto sono riconducibili a due categorie: servizi a supporto delle attività servizi diretti sul patrimonio immobiliare Ancona, 19 gennaio

22 Durata dell Appalto La durata prevista dall appalto è di 5 anni. L Amministrazione si è riservata la facoltà, sotto le condizioni di legge, di rinnovare/prorogare il contratto fino ad un massimo di altri 2 anni, senza necessità di ulteriori pubblicazioni. Variazione nell erogazione dei Servizi L Amministrazione Comunale si è riservata la facoltà di ridurre/estendere il complesso delle prestazioni oggetto dell appalto nei limiti consentiti dalle norme in materia. Ancona, 19 gennaio

23 Garanzia di Qualità Tutti i servizi oggetto di appalto devono essere realizzati in regime di garanzia di qualità secondo quanto previsto dalle norme UNI EN ISO Entro 90 giorni dalla firma del contratto è richiesta la redazione del Piano di Qualità per tutte le attività previste. Ancona, 19 gennaio

24 Controlli dell Amministrazione Comunale L Impresa rimane soggetta ai più ampi poteri di vigilanza, controllo e verifica da parte dell Amministrazione nell esecuzione delle prestazioni affidate; i tecnici comunali potranno effettuare in qualsiasi momento ispezioni e controlli sulle attività dell impresa, svolgendo tutte le verifiche ed i collaudi necessari all accertamento della regolare conduzione o conclusione delle prestazioni. Ancona, 19 gennaio

25 Servizi strategici a supporto delle attività Call Center Anagrafe e gestione degli archivi Sistema informativo Ancona, 19 gennaio

26 Call Center 24h/24h per 365gg/anno: elemento di raccordo tra la struttura di manutenzione e l utenza. Raccoglie tutte le segnalazioni (posta, fax, telefono, , etc.) relative alle disfunzioni e guasti, gestendo il flusso delle informazioni di ritorno verso gli utenti, per un rapido servizio di pronto intervento, dando la massima visibilità alle attività svolte. Le informazioni alimentano in tempo reale il sistema informativo di gestione, traendo dallo stesso le risposte adeguate agli utenti. Il Call Center fornisce un sistema di monitoraggio del servizio e un adeguato insieme di report statistici per tutte le richieste, classificate secondo schemi predeterminati. Ancona, 19 gennaio

27 Anagrafe e gestione degli archivi Il servizio prevede l attività di aggiornamento ed integrazione del censimento dei beni oggetto di appalto (di proprietà o nelle disponibilità dell Amministrazione), del loro rilievo geometrico e descrittivo, avendo come obiettivo la razionalizzazione delle attività tecniche e amministrative finalizzate alla gestione e manutenzione del patrimonio. Le informazioni si dovranno integrare con quelle che l Amministrazione già gestisce al suo interno, costituendone un estensione, con particolare riferimento al proprio Sistema Informativo Territoriale (cartografia). Ancona, 19 gennaio

28 Il sistema informativo E l elemento strategico per la progettazione, attuazione e gestione delle attività previste nell appalto. Si è ritenuto di non esternalizzare il progetto e la gestione del sistema informativo per non perdere il controllo sul patrimonio e per svolgere meglio la funzione di sorveglianza ed indirizzo delle attività dell impresa. E invece oggetto di esternalizzazione la fornitura e la gestione dell automazione del sistema (sistema informatico). Ancona, 19 gennaio

29 Il Sistema Informativo supporta: la gestione delle anagrafi il monitoraggio manutentivo dei beni la gestione delle richieste di intervento (tramite Call Center) la pianificazione e la programmazione degli interventi la gestione degli ordini di intervento su richiesta e la relativa contabilità l archivio storico manutentivo dei beni la gestione di tutte le informazioni la redazione di report periodici Ancona, 19 gennaio

30 Le attività manutentive previste Tutti i servizi, escluse le pulizie, prevedono, oltre alle attività ordinarie a canone, lavori straordinari di piccola entità su richiesta specifica dell Amministrazione e da contabilizzare a misura/economia, similmente agli Appalti aperti di manutenzione (art.154 del D.P.R. 554/99). Per tutte le attività a canone, l impresa, oltre al monitoraggio continuo, per aggiornarne la conoscenza e ottimizzare gli interventi, ha l obbligo di garantire un servizio di reperibilità e pronto intervento (24h/24h per 365gg/anno) condizioni di sicurezza (pubblica incolumità, danni patrimoniali o a terzi, disagi per l utenza). In caso di inadempienze sono previste specifiche penali. Ancona, 19 gennaio

31 L attività consiste in: Servizio Energia Fornitura del combustibile (gas metano e gasolio) Mantenimento delle condizioni di comfort ambientale e di sicurezza (D.P.R.412/1993) Gestione, conduzione e manutenzione degli impianti termici e di condizionamento, compresa l assunzione del ruolo di Terzo responsabile Estensione del sistema di telecontrollo Completamento dell adeguamento normativo Manutenzione ordinaria e sostituzione dei componenti impiantistici Mantenimento e l aggiornamento della documentazione prevista dalla normativa vigente. Ancona, 19 gennaio

32 Al fine di incentivare investimenti dell impresa indirizzati al contenimento dei consumi energetici, è inoltre previsto che, alla fine di ogni stagione termica, le eventuali efficienze rispetto ai consumi normalizzati di combustibile vengano equamente ripartite tra Impresa ed Amministrazione. Ancona, 19 gennaio

33 Servizio Manutentivo del Patrimonio Immobiliare Al fine di mantenere le condizioni di funzionalità, sicurezza, comfort ed igiene negli edifici, relativi impianti, aree di pertinenza ed arredi esterni, sono previste: Prestazioni a canone Monitoraggio di tutti i componenti edili ed impiantistici Manutenzione ordinaria attraverso visite periodiche Piccola manutenzione degli arredi scolastici Gestione e manutenzione delle principali fontane cittadine Servizi su richiesta Verifica statica strutturale Analisi di laboratorio su materiali tossico-nocivi Redazione del fascicolo di manutenzione e gestione dell edificio. Ancona, 19 gennaio

34 Servizio Manutentivo del Patrimonio Impiantistico L attività consiste nell erogazione dei servizi necessari a mantenere le condizioni di funzionalità e sicurezza nei seguenti impianti: Impianti di sollevamento con verifiche biennali di legge attraverso un Organismo Notificato. Impianto di depurazione del canile municipale Cabine elettriche di trasformazione Gruppi elettrogeni di emergenza Gruppi statici di continuità Impianti amplifonici Impianti elettrici e di illuminazione dei centri sportivi e del mercato settimanale di piazza VIII Agosto Estintori portatili antincendio Ancona, 19 gennaio

35 Servizio Manutentivo del Patrimonio Stradale L attività consiste nell erogazione dei servizi necessari a mantenere funzionali all uso e rispondenti alle prescrizioni del Codice della Strada sia l infrastruttura stradale sia la segnaletica stradale (orizzontale e verticale), garantendo adeguate condizioni di sicurezza agli utenti. Ancona, 19 gennaio

36 Interventi a canone Monitoraggio dei componenti dell infrastruttura stradale e della segnaletica Chiusura in autonomia delle buche sulle strade Sfalcio dell erba e degli arbusti presenti nelle banchine stradali e la pulizia dei fossi Interventi per la messa in sicurezza di manufatti accessori Transennatura di strade in occasione di provvedimenti di traffico o di manifestazioni temporanee Rifacimento della verniciatura della segnaletica orizzontale Interventi su richiesta Riasfaltatura di strada o marciapiedi e sulla segnaletica stradale verticale pagati a misura in base all elenco prezzi contrattuale, oppure eseguiti attraverso altri tipi di appalto. Ancona, 19 gennaio

37 Servizio Manutentivo del Verde Pubblico Per garantire sicurezza, funzionalità e decoro ai parchi, giardini, aree verdi e alberate stradali, sono previste: Attività a canone Monitoraggio costante Pulizia e tutela igienica delle aree verdi Disinfezione periodica aree sgambatura per cani; Diserbo di viali e piazzali interni alle aree verdi; Mantenimento dello sviluppo dell erba dei prati Irrigazione degli alberi di nuovo impianto Verifica statica e fitosanitaria visiva e strumentale (VTA) Trattamenti fitosanitari e di lotta ad agenti patogeni/parassiti Controllo e reintegro dei tutori delle alberature stradali; Diserbo di formelle e spollonatura di alberature stradali. Ancona, 19 gennaio

38 Sono eseguiti su richiesta specifica dell Amministrazione e pagati a misura in base all elenco prezzi contrattuale, oppure eseguiti con altre tipologie di appalto Interventi di potatura, di reimpianto o abbattimento di alberi Rifacimento dei prati Rifacimento dei percorsi pedonali Sostituzione di arredi Ancona, 19 gennaio

39 Servizio Pulizie L attività consiste nell erogazione dei servizi di pulizia ordinaria continuativa e periodica dei locali e degli arredi delle istituzioni comunali, al fine di mantenerli in condizione di comfort e decoro. Ancona, 19 gennaio

40 Prestazioni a prezzo zero La dimensione e la durata dell appalto hanno consentito di introdurre, quale ulteriore processo di innovazione, una forma di finanziamento, offerta dall Appaltatore, in grado di consentire al Comune di realizzare alcuni obbiettivi strategici nell ambito dello sviluppo e del miglioramento dei servizi. Tale forma deriverà dalla conversione di una parte degli utili che l Appaltatore presume di realizzare nel corso della gestione, in attività con remunerazione zero e assunzione dei conseguenti costi. Tali proposte sono state oggetto di valutazione per il punteggio attribuito ai concorrenti in fase di gara. Ancona, 19 gennaio

Ing. Alfeo Brognara Ing. Enzo Scudellari

Ing. Alfeo Brognara Ing. Enzo Scudellari 2 FORUM NAZIONALE SUI PATRIMONI IMMOBILIARI E URBANI PUBBLICI" ROMA, NUOVA FIERA DI ROMA 15.05.2008 Il Global Service per la gestione dei patrimoni urbani: l esperienza di oltre un decennio Ing. Alfeo

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

Chi. Come. Dove. Quando

Chi. Come. Dove. Quando PORDENONE SPILIMBERGO LATISANA CODROIPO Come Chi Offrendo un servizio a 360 gradi, con competenza e qualità. I clienti ai quali ci rivolgiamo sono: aziende, negozi, condomini, enti pubblici, istituti scolastici,

Dettagli

FOR WORK GLOBAL SERVICE

FOR WORK GLOBAL SERVICE PULIZIA INDUSTRIALE Le pulizie negli stabilimenti industriali richiedono l utilizzo di macchinari professionali che riducano i tempi di intervento su superfici spesso di grandi dimensioni. Lavasciuga pavimenti

Dettagli

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI CONVENZIONE CONSIP FACILITY CATEGORIE DI SERVIZI I oggetto dell appalto sono classificati nelle seguenti macro categorie e categorie di servizio così suddivise: Macro Categoria Categoria previsti dalla

Dettagli

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO N 119 TIPO DI DOCUMENTO: CAPITOLATO TITOLO: Gara per la fornitura del servizio di gestione integrata (Global Service) degli immobili in uso SOTTOTITOLO: DATI CAPITOLATO TECNICO:

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili

Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili della Provincia di Modena Ing. Annalisa Vita Funzionario presso

Dettagli

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Comune di Rimini Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Regolamento del Servizio Pubblico Globale di Gestione del Territorio del Comune di Rimini. Regolamento servizio pubblico globale.doc

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

PROGETTO DI GLOBAL SERVICE PER LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE

PROGETTO DI GLOBAL SERVICE PER LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE PROVINCIA DI NAPOLI AREA PROGRAMMAZIONE E GOVERNO DELLA RETE INFRASTRUTTURALE DIREZIONE TECNICA GESTIONE SERVIZI MANUTENZIONE RETE VIARIA PROGETTO DI GLOBAL SERVICE PER LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DELLA

Dettagli

TECNICA E MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI

TECNICA E MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI TECNICA E MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI Roma 18 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Indice Tipologie di manutenzione Industria dei servizi immobiliari Nasce per: Finanziarizzazione Terziarizzazione

Dettagli

Affidamento di appalto di global service

Affidamento di appalto di global service SERVIZIO SANITARIO REGIONALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA VIA GIOVANNI SAI, 1-3 34128 TRIESTE MISSION Promuovere la salute delle persone e della comunità presente sul territorio triestino.

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Convegno 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte 17 novembre 2008 La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ANAS S.p.A. l Italia si fa strada

ANAS S.p.A. l Italia si fa strada La manutenzione programmata delle infrastrutture Ing. Roberto Mastrangelo Direzione Centrale Esercizio e Coordinamento del Territorio PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE ORGANIZZARE UN PRECISO PIANO PER

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI COMUNALI

IMPIANTI ELETTRICI COMUNALI Aprile 2006 CARTA DEL SERVIZIO IMPIANTI ELETTRICI COMUNALI Tutto quello che c è da sapere per utilizzare al meglio il servizio. AEM TORINO Via Bertola, 48 10122 Torino PREMESSA Indice 1 Premessa 2 Principi

Dettagli

CASE HISTORY Diagnosi Energetica per l Industria Alessandro Vitiello, Direttore Tecnico

CASE HISTORY Diagnosi Energetica per l Industria Alessandro Vitiello, Direttore Tecnico CASE HISTORY Diagnosi Energetica per l Industria Alessandro Vitiello, Direttore Tecnico Workshop Siram - Napoli, 31 marzo 2016 Diagnosi ed efficienza energetica obblighi e opportunità Simav Gestione efficiente

Dettagli

CARTA SERVIZI AZIENDA CONSULENZA E SERVIZI IGIENE AMBIENTALE

CARTA SERVIZI AZIENDA CONSULENZA E SERVIZI IGIENE AMBIENTALE CARTA SERVIZI AZIENDA CONSULENZA E SERVIZI IGIENE AMBIENTALE Molteplici soluzioni, un unico interlocutore. Flessibilità, disponibilità, sicurezza, competenza. Offriamo servizi diversi ai medesimi standard

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

FIRMA ENERGETICA. La corretta diagnosi energetica per un effettivo risparmio. Ing. Stefano SAROGLIA Ing. Catello SOCCAVO

FIRMA ENERGETICA. La corretta diagnosi energetica per un effettivo risparmio. Ing. Stefano SAROGLIA Ing. Catello SOCCAVO FIRMA ENERGETICA La corretta diagnosi energetica per un effettivo risparmio Ing. Stefano SAROGLIA Ing. Catello SOCCAVO 1 Diagnosi: Rilievo, raccolta ed analisi dei parametri relativi ai consumi specifici

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE ART. 1 - ATTIVITA DEL CENTRO INTERCULTURALE ED OGGETTO

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Il project Financing quale strumento per finanziare e realizzare la riqualificazione degli edifici pubblici nel rispetto del Patto di Stabilità

Il project Financing quale strumento per finanziare e realizzare la riqualificazione degli edifici pubblici nel rispetto del Patto di Stabilità _ Il project Financing quale strumento per finanziare e realizzare la riqualificazione degli edifici pubblici nel rispetto del Patto di Stabilità _ Concessione di lavori o di servizi? Cosa dice la legge:

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

Bolletta Energetica Comunale (BEC)

Bolletta Energetica Comunale (BEC) Bolletta Energetica Comunale (BEC) Depuriamo la Bolletta Energetica Comunale a partire dall Analisi della Fornitura Dr. Nino Bosco Milano 2012 I Servizi Energetici nel Comune Realtà Comunali Servite Strutture

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

AREZZO. La gestione energetica del patrimonio immobiliare della AUSL 8 di Arezzo VALDARNO CORTONA BIBBIENA SANSEPOLCRO

AREZZO. La gestione energetica del patrimonio immobiliare della AUSL 8 di Arezzo VALDARNO CORTONA BIBBIENA SANSEPOLCRO AREZZO VALDARNO CORTONA BIBBIENA SANSEPOLCRO (Nelle foto i 5 stabilimenti ospedalieri dell Azienda USL 8 di Arezzo) L Azienda U.S.L. n 8 di Arezzo n 5 Ospedali Arezzo Bibbiena Cortona Valdarno Sansepolcro

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

GLOBAL SERVICE Quale opportunità?

GLOBAL SERVICE Quale opportunità? LABORATORIO SEMINARIALE 17 Aprile 2015 GLOBAL SERVICE Quale opportunità? Casa Albergo per Anziani-Lendinara Dati ordine generale Struttura in continua evoluzione Impianti realizzati in tempi diversi Impianti

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 18/05/2006 TITOLO I - NORME GENERALI Indice

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA ETIMOLOGIA DEL TERMINE MANUTENZIONE Dal latino medievale manutentio onis, derivazione

Dettagli

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE Centro di responsabilità n. 01.601 Manutenzioni Responsabile: arch. Massimiliano Filipozzi Programma RPP n.1 Area Organizzativa: Gestione Territorio Servizio Organizzativo di Riferimento Manutenzione Reti

Dettagli

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze Pagina 1 di 5 INDICE DELLA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO 7 ALLEGATI REVISIONI Data 14/01/2004 26/07/2005

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998)

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998) COMUNE DI NAPOLI Carta dei Parchi Urbani della Città di Napoli (Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio

Dettagli

GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA 1 GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Università di Genova Università della Liguria Savona Economia Genova Ingegneria Ventimiglia Giardino Botanico Hanbury Imperia Economia

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

Mantenere le Infrastrutture e le Attrezzature

Mantenere le Infrastrutture e le Attrezzature Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Mantenere e migliorare l efficienza e la sicurezza delle

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI PARCHI GIOCO PUBBLICI

GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI PARCHI GIOCO PUBBLICI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI PARCHI GIOCO PUBBLICI FACILITY MANAGEMENT GESTIONE SICUREZZA PARCHI GIOCO PUBBLICI 1 2 Premessa Ogni anno sono tanti i bambini che vengono soccorsi a causa di

Dettagli

VGP Valorizzazione e Gestione dinamica del Patrimonio del Comune di Rovereto

VGP Valorizzazione e Gestione dinamica del Patrimonio del Comune di Rovereto VGP Valorizzazione e Gestione dinamica del Patrimonio del Comune di Rovereto Comune di Rovereto Provincia di Trento Contesto patrimoniale: il patrimonio immobiliare comunale era precedentemente censito

Dettagli

SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI VERDELLINO

SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI VERDELLINO Settore Lavori Pubblici Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc.00321950164 - tel. 0354182854 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) RELAZIONE TECNICA COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) RELAZIONE TECNICA Procedura aperta per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio vegetale e di diserbo stradale

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici Francesco Pastore 1 Il leasing immobiliare pubblico è uno strumento messo a disposizione della Pubblica Amministrazione per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di

Dettagli

Manutenzione degli edifici

Manutenzione degli edifici Corsi di PRODUZIONE EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Manutenzione degli edifici Prof. Ing. Pietro Capone a.a. 2011-2012 PROCESSO EDILIZIO La sequenza organizzata di fasi operative che

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI.

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI. Approvato con deliberazione N. del ART. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

15 Convegno di Igiene Industriale Le giornate di Corvara

15 Convegno di Igiene Industriale Le giornate di Corvara 15 Convegno di Igiene Industriale Le giornate di Corvara Il Il datore datore di di lavoro lavoro committente promuove la la cooperazione ed ed il il coordinamento di di cui cui al al comma 2 elaborando

Dettagli

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI FINALIZZATO ALLA SICUREZZA DEI FABBRICATI

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI FINALIZZATO ALLA SICUREZZA DEI FABBRICATI COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI FINALIZZATO ALLA SICUREZZA DEI FABBRICATI OBIETTIVI DA CONSEGUIRE Il presente progetto ha come obiettivo primario la formazione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila ============================= Area Amministrativa, Sociale e Culturale

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila ============================= Area Amministrativa, Sociale e Culturale COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila ============================= Area Amministrativa, Sociale e Culturale AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONI D INTERESSE FINALIZZATE ALL'AFFIDAMENTO DI GESTIONE

Dettagli

La gestione integrata del patrimonio immobiliare scolastico: un esperienza pluridecennale

La gestione integrata del patrimonio immobiliare scolastico: un esperienza pluridecennale La gestione integrata del patrimonio immobiliare scolastico: un esperienza pluridecennale Provinciale di PATRIMONIO GESTITO SUPERFICI mq 38.038 181.250 159.663 159.946 SUPERFICIE INTERNA SUPERFICIE SCOPERTA

Dettagli

lmantovan@arpa.veneto.it

lmantovan@arpa.veneto.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANTOVAN LARA Data di nascita 02/06/1971 Profilo professionale, categoria Amministrazione Tipologia dell attuale incarico Descrizione dell attuale incarico

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Il Global Service a supporto degli studi professionali nella gestione delle attività non core. Plurima inizia la sua attività a metà degli anni 90, proponendo per

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010.

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI a corredo del progetto esecutivo, è redatto in conformità all'art. 38 del D.P.R.207/2010. 1. GENERALITÀ 1.1 FINALITA DEL PIANO Il presente documento dovrà

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 6 Pag. 1 / 6

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 6 Pag. 1 / 6 Pag. 1 / 6 GESTIONE DELLE RISORSE Indice: 6.0 - Oggetto 6.1 Messa a disposizione delle risorse 6.2 - Le risorse umane 6.3 Gestione delle infrastrutture 6.4 Ambiente di lavoro N. REV. DATA MOTIVO DELLA

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Codice procedura: AC01 Revisione n 2 Data revisione: 23-07-2013 MANUALE DELLE PROCEDURE Sommario 1. Scopo della procedura 2. Glossario 3. Strutture

Dettagli

CAPITAL ASSET MANAGEMENT L Asset e il Facility management per l ente pubblico

CAPITAL ASSET MANAGEMENT L Asset e il Facility management per l ente pubblico Facility Management Una necessità anche per gli Enti Pubblici P A G L I A & A S S O C I A T I Tutte le organizzazioni, sia pubbliche che private, utilizzano edifici, beni e servizi (cd. servizi di facility)

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

SERVIZI DI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI

SERVIZI DI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI SERVIZI DI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI PER LE IMPRESE, ENTI PUBBLICI ED ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI Unità locale : Via C. Vittori, 4-26100 Cremona (CR) Cod.Fisc. P.Iva e iscrizione C.C.I.A.A.

Dettagli

n 18 Prevenzione e protezione luoghi di lavoro 100 n 19

n 18 Prevenzione e protezione luoghi di lavoro 100 n 19 OBIETTIVI 2010 SERVIZIO N 1 AFFARI GENERALI Responsabile - Dr.ssa Tiziana Vanelli n 1 Predisposizione della programmazione annuale e pluriennale del fabbisogno di personale Determinazione e gestione fondo

Dettagli

1.1. PREMESSA... 5 1.2. DEFINIZIONI... 5 1.3. OGGETTO DELL APPALTO... 10

1.1. PREMESSA... 5 1.2. DEFINIZIONI... 5 1.3. OGGETTO DELL APPALTO... 10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Appalto per l affidamento del servizio di gestione, conduzione e manutenzione degli immobili, dei relativi impianti tecnologici e manufatti e delle aree verdi,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO CONDUZIONE CANTIERE: gestione tecnico amministrativa

Dettagli

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE COMUNE DI SENIGALLIA AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE U F F I C I O DIRIGENTE AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 29 del 23/01/2014 Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

I servizi offerti dalle ESCO

I servizi offerti dalle ESCO I servizi offerti dalle ESCO Uni 11352 Aziende di Servizi Energetici Sergio LA MURA Direttore Tecnico R&I Napoli, 10 Aprile 2015 2 3 Da Norma 11352 e DLgs 115/08 art 2 e dal recente DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto:

il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto: DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 10/2015/A ADESIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO ALLA CONVENZIONE STIPULATA DALLA SOCIETÀ CONSIP S.P.A. PER IL NOLEGGIO DI UNA AUTOVETTURA

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE

MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE AREA SERVIZI TECNICI U.O. Edilizia MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE RELAZIONE ILLUSTRATIVA CAPITOLATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 182 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 09/09/2011 OGGETTO APPALTO DEL SERVIZIO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE IMPIANTI TECNICI DEI FABBRICATI DELL'ARPA FVG. APPROVAZIONE CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete CAV S.p.A. Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale 2.000.000,00 AUTOSTRADE IN CONCESSIONE:

Dettagli

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Impiantistico Antinfortunistico 1) ATTIVITA DI VERIFICHE PERIODICHE CONTESTO Il Servizio Impiantistico Antinfortunistico UOIA - effettua principalmente verifiche

Dettagli

Nuovo Regolamento DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DI ROMA CAPITALE. ROMA CITTà DELLO SPORT PER TUTTI

Nuovo Regolamento DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DI ROMA CAPITALE. ROMA CITTà DELLO SPORT PER TUTTI Nuovo Regolamento DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DI ROMA CAPITALE ROMA CITTà DELLO SPORT PER TUTTI STRATEGIA DI GOVERNO -1 GOVERNO DEL PATRIMONIO - PARTE INTEGRANTE DELLA «CITTÀ PUBBLICA»

Dettagli