VMware vcloud Director con Hitachi Compute Blade 2000 e Hitachi Virtual Storage Platform

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VMware vcloud Director con Hitachi Compute Blade 2000 e Hitachi Virtual Storage Platform"

Transcript

1 VMware vcloud Director con Hitachi Compute Blade 2000 e Hitachi Virtual Storage Platform Architettura di riferimento Henry Chu Agosto 2011 Soluzioni storage Hitachi

2 Feedback Hitachi Data Systems è lieta di ricevere il vostro feedback. Potete comunicarci il vostro parere inviando un' a Non dimenticate di menzionare il titolo di questo white paper nel vostro messaggio. 1

3 Indice Panoramica della soluzione... 4 Componenti della soluzione... 5 Hitachi Compute Blade Hitachi Virtual Storage Platform... 5 La famiglia Hitachi Adaptable Modular Storage VMware vcloud Director VMware vsphere Design della soluzione... 7 Infrastruttura di calcolo... 7 Infrastruttura di rete Infrastruttura di storage Prestazioni e scalabilità Prestazioni di calcolo Prestazioni di storage Prestazioni applicative Conclusione Appendice Terminologia

4 VMware vcloud Director con Hitachi Compute Blade 2000 e Hitachi Virtual Storage Platform Architettura di riferimento L'utilizzo di un'infrastruttura VMware vsphere può migliorare l'agilità dei data center e la loro efficacia. Tuttavia non tutti i silos infrastrutturali utilizzano le risorse in modo efficiente: per ogni silo il grado di utilizzazione può variare, da molto basso fino a un valore prossimo alla piena capacità. La gestione manuale delle risorse per affrontare i momenti di massima utilizzazione può richiedere del tempo e risultare complessa. Un modello a silos spesso comporta un utilizzo non efficiente delle risorse, che non soddisfa così le crescenti esigenze gestionali delle aziende. Un nuovo approccio privilegia un'infrastruttura con servizi condivisi per aggregare risorse da tutti i silos disponibili per tutte le organizzazioni. Tuttavia, per questa soluzione sono necessari una multi-tenancy integrata, elevata disponibilità, un sistema integrato di controllo della qualità di servizio e facilità di provisioning. VMware vcloud Director consente di affrontare e vincere queste sfide grazie a una piattaforma di cloud computing IaaS (Infrastructure as a Service, infrastruttura come servizio). La condivisione dell'infrastruttura VMware vsphere con vcloud Director fornisce pool di risorse dinamici, con capacità on-demand, sulla base di un modello selfservice. VMware vcloud Director introduce il concetto di provider virtual data center (vdc), che assicura una chiara separazione delle risorse organizzate in un pool. Ogni organizzazione utilizza i propri pool di risorse tramite portali self-service individuali. vcloud Director, costruito su vsphere, fornisce il livello di astrazione necessario per consentire mobilità all'infrastruttura cloud e multi-tenancy. L'infrastruttura sottostante deve assicurare grande disponibilità ed elasticità. Per consentire una fluida gestione delle risorse on-demand, anche l'infrastruttura di storage deve possedere le stesse caratteristiche. Hitachi Virtual Storage Platform è la piattaforma di storage ideale per VMware vcloud Director, poiché offre una capacità di virtualizzazione tale da consentire una gestione centralizzata di sistemi di storage multipli, inclusi quelli che non dispongono delle funzionalità di Virtual Storage Platform. Tutte le dotazioni e le funzioni di Hitachi Virtual Storage Platform possono essere applicate a un ambiente storage eterogeneo, rendendolo omogeneo. Hitachi Dynamic Provisioning può creare pool di risorse dinamici con disponibilità on-demand. Grazie a VMware vstorage APIs for Array Integration le risorse di storage vengono integrate in VMware vsphere, incrementando così l'efficienza operativa tramite l'accelerazione dell'hardware. L'architettura di riferimento è concepita per amministratori di sistemi di storage, vcloud, vsphere e applicazioni che devono gestire ambienti di grandi dimensioni e dinamici, richiede familiarità con i sistemi di storage basati su storage area network (SAN), VMware vsphere e le generali pratiche operative nell'ambito dello storage. 3

5 Panoramica della soluzione L'architettura di riferimento utilizza: Hitachi Compute Blade 2000 (CB 2000) Una piattaforma su server di classe enterprise Hitachi Virtual Storage Platform (VSP) Una soluzione di storage ad alte prestazioni ed elevata scalabilità Hitachi Adaptable Modular Storage 2100 (AMS 2100) Una soluzione di storage low cost, con funzione activeactive completamente operativa, di classe midrange Switch Brocade 5340 Fibre Channel Garantisce la connettività SAN alla rete dei data center VMware vsphere 4.1 La tecnologia di virtualizzazione che costituisce la base del cloud computing VMware vcloud Director 1.0 Piattaforma cloud basata su un'infrastruttura VMware vsphere per consentire l'utilizzo del cloud computing di tipo IaaS (Infrastructure as a Service, infrastruttura come servizio) In figura 1 si riporta un diagramma dell'architettura di riferimento che mostra la connettività di rete e Fibre Channel, caratterizzata da ridondanza. Figura 1 4

6 Componenti della soluzione Di seguito si descrivono i componenti dell'architettura di riferimento. Hitachi Compute Blade 2000 Hitachi Compute Blade 2000 è una piattaforma su blade server di classe enterprise, che offre le seguenti funzionalità: Un'architettura bilanciata che elimina i colli di bottiglia nelle prestazioni e nella produttività Virtualizzazione con partizione logica integrata Flessibilità di configurazione Risparmio energetico ecosostenibile Sistema di ripristino rapido basato su cold standby N+1, che consente la sostituzione dei server non funzionanti nel giro di pochi minuti La virtualizzazione con partizione logica è integrata nel firmware di Hitachi Compute Blade Questa tecnologia collaudata, di classe mainframe, unisce l'esperienza acquisita da Hitachi nel partizionamento logico alla tecnologia Intel VT, con miglioramenti in termini di prestazioni, affidabilità e sicurezza. La virtualizzazione con partizione logica integrata non compromette le prestazioni delle applicazioni e non richiede l'acquisto e l'installazione di componenti aggiuntivi. Hitachi Virtual Storage Platform Hitachi Virtual Storage Platform è una piattaforma di storage con scalabilità 3D che, grazie alla possibilità di combinare le funzioni di scale up, scale out e scale deep contemporaneamente in un singolo sistema di storage, consente di adeguare prestazioni, capacità, connettività e virtualizzazione in modo flessibile. Scale Up Per aumentare le prestazioni, la capacità e la connettività aggiungendo cache, processori, connessioni e dischi al sistema di base. Scale Out Per combinare più chassis in un singolo sistema logico con risorse condivise. Scale Deep Per estendere le funzioni avanzate della Virtual Storage Platform allo storage esterno multivendor. Hitachi Virtual Storage Platform dispone di funzionalità complementari a VMware vcloud Director. Pool di risorse con VMware DRS e Hitachi Dynamic Provisioning Hitachi Dynamic Provisioning, una funzionalità di Hitachi Virtual Storage Platform, aggrega le risorse di storage in un pool analogamente a come VMware DRS è in grado di aggregare le risorse computazionali. I provider virtual data center (vdc) in VMware vcloud Director sono associati direttamente VMware DRS per i pool di risorse computazionali e a Hitachi Dynamic Provisioning per i pool di risorse di storage. Le capacità di creazione di pool di VMware DRS e Hitachi Dynamic Provisioning sono in grado di creare una base di calcolo dinamica e attribuire le risorse ai provider virtual data center. Con Hitachi Dynamic Provisioning è possibile incrementare o ridurre la capacità di storage e le prestazioni, aumentando o diminuendo i blocchi di parità nel pool di dynamic provisioning. Hitachi Dynamic Provisioning consente inoltre l'oversubscription della capacità e fornisce la funzione di striping che consente un'ampia suddivisione su tutti i dischi del pool. 5

7 Agilità nell'elaborazione dei dati con Mware Storage vmotion e Hitachi Tiered Storage Manager Hitachi Tiered Storage Manager è in grado di migrare volumi logici allo storage interno ed esterno su Hitachi Virtual Storage Platform senza interruzioni della normale operatività. Utilizzate Hitachi Tiered Storage Manager per i volumi logici a livello del sistema di storage: le migrazioni eseguite con questa funzionalità sono completamente trasparenti per la macchina virtuale e per gli host ESX. La migrazione dei volumi logici in modalità non-disruptive garantisce la mobilità dei dati per i provider virtual data center. Si tratta di una soluzione di migrazione dei dati di storage multilivello per i provider virtual data center, in cui, a seconda delle esigenze gestionali, è possibile passare in modo dinamico a un livello di servizio superiore o inferiore. Storage vmotion è un componente di VMware che migra in modo non-disruptive i dischi della macchina virtuale ai datastore VMFS sugli host ESX. Utilizzate VMware Storage vmotion su una macchina virtuale a livello del datastore VMFS. Funzione di accelerazione dell'hardware per le normali operazioni vsphere Le operazioni chiave sui dati di Hitachi Virtual Storage Platform sono gestite da VMware vstorage APIs for Array Integration (VAAI) anziché dal layer del server ESX, in modo da ridurre l'utilizzo delle risorse e potenziali colli di bottiglia su server fisici, garantendo inoltre una performance del server più costante e una densità maggiore della macchina virtuale. Hitachi Virtual Storage Platform supporta tutte le primitive VMware vsphere 4.1 VAAI API. Le seguenti primitive API procurano vantaggi diretti in un ambiente vcloud: Full copy Consente a Hitachi Virtual Storage Platform di realizzare copie complete dei dati all'interno del sistema di storage, senza che siano necessarie la lettura e la scrittura da parte dell'host ESX. Le operazioni di lettura e scrittura vengono quindi scaricate su Hitachi Virtual Storage Platform, con una sostanziale riduzione dei tempi di provisioning per la clonazione delle macchine virtuali in vcloud Director. Hardware-assisted locking Consente all'host ESX di eseguire l'offload di operazioni di blocco su Hitachi Virtual Storage Platform L'offload delle operazioni di blocco consente di disporre di una piattaforma di storage ad alta scalabilità per vcloud Director, nel caso in cui le risorse di storage comuni siano condivise da un elevato numero di macchine virtuali. È disponibile anche un metodo di blocco granulare LUN che consente di eseguire il locking a livello dell'indirizzo LBA (logical block address) senza fare ricorso alle prenotazioni SCSI o senza dover bloccare l'intero LUN mediante altri host. Per ulteriori informazioni consultare la pagina Hitachi Virtual Storage Platform sul sito Internet di Hitachi Data Systems. Hitachi Adaptable Modular Storage 2000 Family I sistemi della famiglia Adaptable Modular Storage 2000, di classe midrange, sono dotati di Hitachi Dynamic Load Balancing Controller, che assicura un bilanciamento integrato, automatico e di tipo hardware del carico I/O front-toback-end, eliminando così per i soggetti che gestiscono lo storage l'esecuzione di task complessi e ai quali è necessario dedicare molto tempo. In questo modo il traffico I/O verso le unità disco back-end è gestito e bilanciato dinamicamente ed è condiviso in modo equo tra i due controller. L'architettura back-end point-to-point elimina ritardi nel traffico I/O e i problemi di contesa che si verificano con la topologia Arbitrated Loop di Fibre Channel, fornendo inoltre una larghezza di banda significativamente più elevata e un I/O perfettamente simultaneo. Grazie alle porte Fibre Channel con configurazione active-active l'utente non deve preoccuparsi della proprietà del controller; il traffico I/O viene infatti trasferito al controller mediante una comunicazione cross-path e qualsiasi percorso può essere utilizzato come percorso normale. I controller di Hitachi Dynamic Load Balancing bilanciano il carico del microprocessore trasversalmente ai diversi sistemi di storage. Se un microprocessore risulta troppo carico, il LU management si attiva immediatamente per eseguire il bilanciamento. Per ulteriori informazioni sulla serie Adaptable Modular Storage 2000 consultare il sito Internet Hitachi Data Systems Adaptable Modular Storage. 6

8 VMware vcloud Director 1.0 VMware vcloud Director 1.0 raggruppa le risorse dei data center formando un'infrastruttura di cloud computing, sfruttando l'efficiente pooling consentito da infrastrutture virtuali on-demand e autogestite per mettere a disposizione risorse utilizzabili come servizi. L'architettura di riferimento è focalizzata sull'utilizzo di VMware vcloud Director come livello IaaS (Infrastructure as a Service - infrastruttura come servizio). VMware vcloud Director, in abbinamento a VMware vsphere, estende le capacità della vostra infrastruttura virtuale nella fornitura dei servizi di cloud computing. Ulteriori informazioni su VMware vcloud Director sono disponibili sul sito Internet di VMware. VMware vsphere 4.1 VMware vsphere 4.1 è una piattaforma di virtualizzazione molto efficiente che fornisce un'infrastruttura per data center robusta, scalabile e affidabile. VMware vsphere dispone di funzionalità come VMware Distributed Resource Scheduler (DRS). VMware High Availability e VMware Fault Tolerance costituiscono una piattaforma facile da gestire. VMware vsphere 4.1 supporta vapp, un raggruppamento logico di una o più VM in formato aperto di virtualizzazione, in cui è possibile incapsulare un'applicazione multilivello con livelli di servizio e policy. L'utilizzo della policy di multipath round-robin fornita dall'hypervisor VMware ESX 4, con bilanciamento del carico dinamico grazie al controller simmetrico active-active di VMware DRS, consente di distribuire il carico su diversi host bus adapter (HBA) e porte di storage. Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina Internet VMware vsphere. Design della soluzione Di seguito sono descritte le infrastrutture di calcolo, di rete e di storage utilizzate per l'architettura di riferimento. Infrastruttura di calcolo L'infrastruttura di calcolo nell'architettura di riferimento è la seguente: VMware vcloud Director 1.0 VMware vsphere 4.1 Hitachi Compute Blade 2000 VMware vcloud Director 1.0 VMware vcloud Director crea risorse astratte dall'infrastruttura VMware vsphere. Ogni risorsa astratta viene quindi messa a disposizione con il deployment della sua stessa macchina virtuale. Il set completo delle risorse astratte costituisce lo stack delle risorse. La figura 2 rappresenta lo stack delle risorse di VMware vcloud Director utilizzato nell'architettura di riferimento. 7

9 Figura 2 Esistono provider virtual data center e organization virtual data center. Gli utenti finali accedono al virtual data center dell'organizzazione come portale self-service. L'utente effettua il login all'interfaccia web di VMware vcloud Director che consente l'accesso alle risorse computazionali, di rete e di storage allocate. Un organization virtual data center può allocare risorse computazionali in tre modi: Allocation Pool Una percentuale delle risorse allocate è assegnata a un organization virtual data center. L'overcommit è controllato dall'amministratore di sistema. Pay-As-You-Go Le risorse allocate sono assegnate a un organization virtual data center solo quando si crea una vapp. Reservation Pool Tutte le risorse allocate sono assegnate a un organization virtual data center. In qualsiasi momento gli utenti possono controllare l'overcommit della capacità. L'architettura di riferimento è stato utilizzato il modello Allocation Pool, che consente di controllare l'allocazione delle risorse nel miglior modo possibile. Le risorse sono assegnate a un'organizzazione con o senza overcommit. La tabella 1 mostra la distribuzione delle risorse per il pool di allocazione; in questo caso non è possibile l'overcommit delle risorse. 8

10 Tabella 1. Allocazione delle risorse a livello di organization virtual data center per pool senza overcommit Organizzazione di livello oro Organizzazione di livello Organizzazione di livello bronzo argento CPU 100% di 81 GHz 100% di 63 GHz 100% di 51 GHz Memoria 100% di 138GB 100% di 132 GB 100% di 123 GB Un organization virtual data center può essere autorizzato ad accedere ad un grande pool di risorse di CPU e di memoria contenuto nel pool di risorse del proprio provider virtual data center. La tabella 2 mostra la distribuzione delle risorse per i pool di allocazione che consentono l'overcommit delle risorse. Tabella 2. Allocazione delle risorse a livello di organization virtual data center per pool con overcommit Organizzazione di livello oro Organizzazione di livello Organizzazione di livello bronzo argento CPU 39% di 200 GHz 31% di 200 GHz 25% di 200 GHz Memoria 34% di 402 GB 33% di 402 GB 31% di 402 GB La percentuale di risorse prenotata può essere utilizzata per garantire un minimo di risorse sempre disponibile all'organization virtual data center. Eventuali risorse rimanenti sono disponibili per l'organization virtual data center solo quando possono essere fornite dal provider data center. Questo modello può essere utilizzato per l'overcommit di risorse. Le risorse computazionali possono essere modificate in modo dinamico per ogni organizzazione. Poiché le esigenze in termini di risorse computazionali delle singole organizzazioni sono in continuo mutamento, le risorse di CPU e di memoria possono essere incrementate o ridotte in modo individuale per venire incontro alle richieste del provider data center. Ogni organization virtual data center è associato a un provider data center, il quale può essere utilizzato per classificare determinare livelli di service level agreement o persino le tipologie applicative. In figura 2 sono riportati i tre provider data center utilizzati nell'architettura di riferimento: oro, argento e bronzo. Ciascuno di essi garantisce livelli diversi per quanto riguarda le risorse di CPU e di memoria. Ogni provider data center è associato a un pool di risorse all'interno di un cluster VMware vsphere DRS. Questi pool di risorse non sono creati da VMware vcloud Director, ma vengono creati manualmente con VMware vcenter e sono utilizzati per raggruppare logicamente diversi provider virtual data center. Di norma si consiglia di configurare solo un pool di risorse per ogni livello di servizio, in modo da differenziare i vari livelli. Per esempio, potete configurare un pool di risorse per ogni provider virtual data center di livello oro, argento e bronzo. Configurate e create tutti i pool di risorse di livello subordinato per mezzo di vcloud Director. VMware vsphere 4.1 L'infrastruttura VMware vsphere 4.1 rappresenta la base a seconda della quale vcloud Director definisce le risorse. Per ottenere le migliori prestazioni da vcloud Director è necessaria un'infrastruttura robusta e dall'elevata disponibilità. L'infrastruttura VMware vsphere è stata configurata in due parti: Cluster di management Fornisce le applicazioni e i servizi necessari a VMware vcloud Director. Cluster di risorse Fornisce le risorse a ogni macchina virtuale installata tramite VMware vcloud Director come cluster dedicato, con capacità di calcolo raw per il consumo da parte dei tenant. 9

11 Si garantisce così una chiara separazione tra le risorse destinate alle operazioni di management e le risorse cloud. Cluster di management La figura 3 rappresenta il cluster di management utilizzato per far fronte alle esigenze in termini di infrastruttura connesse con l'esecuzione di VMware vcenter, Oracle Database e VMware vcloud Director. Figura 3 Il cluster di management contiene i seguenti componenti e funzionalità: vcenter Server 4.1 Gestione generale dell'infrastruttura virtualizzata Oracle 11G Macchine virtuali Red Hat Enterprise Linux 5 con Oracle 11G. Necessario per le istanze del database di vcenter Server 4.1 e vcloud Director 1.0 vcloud Director 1.0 Cell Una singola istanza VMware vcloud Director che costituisce il componente core di vcloud Director. Si crea così un nuovo livello di astrazione che facilita la comunicazione tra i server vcenter ed ESX, con l'accettazione delle richieste dei clienti finali tramite un portale web integrato e le chiamate vcloud API. vshield Manager Componente di management di vshield Suite. È responsabile dell'installazione dell'agente vshield (vshield Edge), della configurazione delle regole del firewall e della gestione. VMware segnala la seguente raccomandazione in relazione al numero di celle necessarie: Numero di celle VMware vcloud = Numero di istanze VMware vcenter + 1 La cella aggiuntiva indicata nella formula viene utilizzata nei casi seguenti: Come cella di riserva per failover Quando è necessario disattivare una cella per interventi di manutenzione Inoltre su una singola cella vcloud dovrebbe essere mappata un'unica istanza vcenter, in modo da assicurare un consumo delle risorse maggiormente bilanciato tra le celle in termini di carico. Per altre informazioni sulle best practice relative a vcloud Director consultare VMware vcloud Director Prestazioni e best practice. 10

12 La tabella 3 descrive la configurazione della macchina virtuale per ogni servizio. VMware vcenter e VMware vcloud Director si trovano su macchine virtuali separate rispetto alle loro applicazioni database. Tabella 3. Configurazione della macchina virtuale per ogni servizio del cluster di management Applicazione SO CPU Memoria Disco Virtuale VMware vcenter 4.1 Microsoft Windows 2 vcpu 4096 MB 100 GB Eagerzeroedthick (SO) Server 2008 R2 Enterprise Oracle Database 11g (vc Microsoft Windows 4 vcpu 8192 MB 40 GB Eagerzeroedthick (SO), 256 GB DB) 2008 R2 Enterprise Eagerzeroedthick (DB) VMware vcloud Director Red Hat Enterprise 2 vcpu 4096 MB 40 GB Eagerzeroedthick (SO) 1.0 Linux 5.5 Oracle Database 11g (vcd Microsoft Windows 4 vcpu 8192 MB 40 GB Eagerzeroedthick (SO), 100 GB DB) 2008 R2 Enterprise Eagerzeroedthick (DB) Nel cluster di management il carico delle macchine virtuali è distribuito da Dynamic Resource Scheduler (DRS) di VMware tra due host hypervisor ESX 4.1. Quando gli host ESX sono configurati in un cluster VMware DRS, le risorse sono aggregate in un pool che consente il loro utilizzo come se fossero un'unica entità. Una macchina virtuale può utilizzare le risorse di ogni host nel cluster invece di dipendere da un unico host. VMware DRS gestisce queste risorse come un pool, assegnando automaticamente le macchine virtuali a un host e monitorando successivamente l'allocazione delle risorse. VMware DRS utilizza VMware vmotion per trasferire le macchine virtuali da un host all'altro se riscontra un vantaggio in termini di performance o sulla base di criteri di ottimizzazione. Il cluster ad alta disponibilità di VMware assicura ridondanza a tutte le macchine virtuali: se si verifica un malfunzionamento o un'interruzione sulla linea di un host ESX, le macchine virtuali assegnate ad esso si riavviano rapidamente su un altro host disponibile. Grazie all'architettura di riferimento è possibile il guasto di un solo host. Maggiore ridondanza si ottiene aggiungendo altri host ESX al cluster di management. Cluster di risorse La figura 4 mostra la configurazione del cluster di risorse che contiene le macchine virtuali per l'elaborazione del carico di lavoro dell'utente. Figura 4 11

13 In un cluster pool VMware DRS sono stati creati tre pool di risorse (oro, argento e bronzo), ognuno dei quali è mappato su un unico provider virtual data center. Questo tipo di mappatura 1:1 facilita la separazione delle caratteristiche in termini di prestazioni di ogni singolo provider virtual data center. Nel cluster di risorse il carico delle macchine virtuali è distribuito da DRS di VMware tra sei host ESX. Dal momento che tutte le risorse degli host ESX in un cluster VMware DRS sono aggregate in modo dinamico, è possibile incrementare o ridurre le risorse di CPU e memoria, aggiungendo o rimuovendo gli host ESX al cluster. La risorsa dinamica si riflette direttamente nel pool di risorse su cui è mappato il provider virtual data center. La configurazione massima supportata da VMware vcenter è di 32 host ESX in un cluster DRS. Una volta raggiunto il limite massimo con la funzione di scale-up, grazie alla scalabilità orizzontale è possibile creare un ulteriore cluster VMware DRS per ospitare altri 32 host ESX. Una singola istanza VMware vcenter può supportare al massimo 1000 host ESX. VMware High Availability (HA) fornisce ridondanza al cluster di risorse e alle macchine virtuali per l'elaborazione del carico di lavoro dell'utente: se si verifica un malfunzionamento o un'interruzione sulla linea di un host ESX, le macchine virtuali assegnate ad esso si riavviano rapidamente su un altro host disponibile. Hitachi Compute Blade 2000 Per l'infrastruttura VMware vsphere 4.1 è stato utilizzato Hitachi Compute Blade La tabella 4 mostra la configurazione hardware, mentre le 8 blade del server sono rappresentate nella figura 5. Tabella 4. Configurazione Hitachi Compute Blade 2000 Modello CPU RAM 8xX55A2 2 x 6 nuclei Intel Xeon 5670 a 2,93 GHz 72 GB DDR3 Registered Cache 12 MB DIMM Bus di sistema 6.40 GT/s 12

14 Figura 5 13

15 La tabella 5 mostra la distribuzione delle risorse di Hitachi Compute Blade Vi è la possibilità di una crescita parallela a quella dell'infrastruttura VMware vcloud e VMware vsphere. Tabella 5. Distribuzione delle risorse Hitachi Compute Blade 2000 Cluster di management Cluster di risorse Utilizzo VMware vcenter 4.1 Oracle Macchine virtuali per il carico di lavoro dell'utente Database 11g VMware vcenter Pool risorse oro DB VMware vcloud Director 1.0 Pool risorse argento vshield Manager 4.1 Pool risorse bronzo ESX0, ESX1 ESX2, ESX3, ESX4, ESx5, ESX6, ESX7 Blade del server 2 6 CPU 35,16 GHz 210,96 GHz Memoria 144 GB 432 GB Infrastruttura di rete L'infrastruttura di rete nell'architettura di riferimento è la seguente. La versione di Hitachi Compute Blade 2000 utilizzata in questa soluzione contiene l'hardware di rete descritto alla tabella 6. Tabella 6. Hardware di rete Hitachi Compute Blade 2000 Schede di rete NIC Modulo switch 0 Modulo switch 1 Modulo switch 2 Modulo switch 3 2 porte onboard Intel Gigabit Ethernet (SERDES) 1 porta mezzanine quad (SERDES) Intel Gigabit Ethernet Switch LAN 1 Gb 20 porte interne 1000Base-SERDES 4 porte esterne 1000Base- T/100Base-TX/10- Base-T Switch LAN 1 Gb 20 porte interne 1000Base-SERDES 4 porte esterne 1000Base- T/100Base-TX/10- Base-T Switch LAN 1 Gb/10 Gb 20 porte interne 1000Base-SERDES 4 porte esterne 1000Base-T/100Base- TX/10- Base-T 2 porte 10GBase- LR/SR (XFP) Switch LAN 1 Gb/10 Gb 20 porte interne 1000Base-SERDES 4 porte esterne 1000Base-T/100Base- TX/10- Base-T 2 porte 10GBase- LR/SR (XFP) Ogni blade del server contiene 6 schede di rete NIC Gigabit. Ogni scheda di rete è connessa tramite il midplane dello chassis alle porte interne del suo modulo switch. Nota La prima VMNIC (vmnic0) numerata in ESX è Intel LF-2. Non utilizzarla in ESX per il traffico di rete. 14

16 Cluster di management Ogni cluster contiene una rete di management, una per VMKernel e una per la macchina virtuale. Ogni rete del cluster è configurata per uno scopo specifico. La figura 6 mostra la configurazione di rete del cluster di management. Figura 6 Il cluster di management utilizza uno switch virtuale standard per la rete della console di servizio, di VMkernel e della macchina virtuale. Sono state usate due porte per la console di servizio. VMNIC1, dedicata alla console di servizio 1, fornisce le seguenti funzionalità: Traffico di management verso VMware vcenter La rete heartbeat VMware High Availability per gli altri host ESX sullo stesso cluster ad alta disponibilità VMware High Availability è un meccanismo di avvio del failover su rete. Per evitare un failover indesiderato di un servizio ad alta disponibilità o l'isolation response dell'host, utilizzare una rete aggiuntiva heartbeat VMware High Availability. VMNIC2, dedicata alla console di servizio 2, è la rete heartbeat ridondante per VMware High Availability. 15

17 Un altro vantaggio derivante dall'utilizzo di Hitachi Compute Blade 2000 per VMware High Availability è che la connessione tra le VMNIC e i moduli switch avviene mediante le porte SERDES collegate direttamente al midplane dello chassis, eliminando così l'eventualità che un cavo venga tirato accidentalmente o di un cablaggio difettoso. Dal momento che le strutture heartbeat ad alta disponibilità per ogni rete VMware High Availability si trovano su un unico modulo switch e dominio di trasmissione, si riduce l'eventualità che un malfunzionamento della rete esterna possa interrompere la rete heartbeat per VMware High Availability. VMNIC2 fornisce anche una rete dedicata VMkernel per il traffico VMware vmotion, per gestire il traffico vmotion tra i due host ESX nel cluster di management all'interno dello chassis. VMNIC3 e VMNIC5, dedicate al traffico tra macchine virtuali, agiscono congiuntamente per bilanciare il traffico in uscita. Cluster di risorse Il cluster di risorse fa uso dello stesso hardware del cluster di management, ma dispone di una configurazione leggermente diversa, concepita in modo specifico per le macchine virtuali VMware vcloud che elaborano il carico di lavoro dell'utente. La figura 7 mostra la configurazione di rete del cluster di risorse. Figura 7 La configurazione della scheda VMNIC per la console di servizio e VMkernel è identica a quella del cluster di management, mentre la rete della macchina virtuale viene configurata in vnetwork Distributed Switch (vds) di VMware. Centralizzata in un livello cluster, vds si estende a molteplici host ESX. Anche il management della rete degli host ESX è centralizzato, come consigliato per VMware vcloud Director. 16

18 Per il traffico tra macchine virtuali sono configurati due switch VMware vds dal livello 1 e dal livello 2, con due uplink per host ESX. Oltre a 6 host nel cluster di risorse, sono disponibili 12 uplink fisici (VMNICS) per ogni VMware vds. I due uplink disponibili per ogni host ESX per VMware vds agiscono congiuntamente per bilanciare il carico in uscita sulla base dell'algoritmo calcolato per l'id della porta. Ogni porta utilizzata dalle VMNIC sul modulo switch 2 e sul modulo switch 3 è inoltre configurata come trunk VLAN 802.1Q, per consentire a molteplici segmenti LAN il transito di traffico virtuale. I diversi livelli di VMware vds sono determinati dalla larghezza di banda dell'uplink per ogni modulo switch su chassis. La figura 8 mostra gli uplink esterni per ogni modulo switch. Figura 8 Il modulo switch 0, collegato al modulo di management 0 e al modulo di management 1, è dedicato alla rete di management degli host ESX, di VMware vcenter, delle blade individuali del server (tramite interfaccia web) e alla gestione dello chassis di Hitachi Compute Blade La rete di management utilizza una connessione Ethernet 1 Gbit. Il modulo switch 1 è dedicato al traffico VMware vmotion. Se il traffico VMware vmotion avviene tra le blade del server situate sullo stesso chassis, non è necessario un uplink esterno, mentre se è disponibile una rete VMware vmotion dedicata all'interno di un data center fisico, ai fini della connettività è possibile usare da tale switch l'uplink 10 Gbit. Il modulo switch 2, dedicato al traffico inter-chassis tra macchine virtuali di livello 2, utilizza connessioni in rame Ethernet 1 Gbit. Il modulo switch 3, dedicato al traffico inter-chassis tra macchine virtuali di livello 1, utilizza connessioni in fibra Ethernet 10 Gbit. 17

19 Infrastruttura di storage Si descrive qui l'infrastruttura di storage. Hitachi Compute Blade 2000 (CB 2000) consente di utilizzare schede HBA dual-port mezzanine con moduli switch dual per Fibre Channel oppure schede HBA dual per Fibre Channel PCIe. L'architettura di riferimento utilizza le schede Fibre Channel dual port 8G bit/sec Five-EX family PCIe di Hitachi. La figura 9 mostra l'architettura di rete della storage area Figura 9 Sono stati utilizzati due switch Brocade La prima porta su ogni HBA è stata collegata allo switch 1, mentre la seconda porta su ogni HBA è stata collegata allo switch 2. La policy di multipath sull'esx è stata impostata su round-robin Per la connessione allo switch 1 sono state utilizzate due porte, una da ogni cluster di Hitachi Virtual Storage Platform, mentre per la connessione allo switch 2 sono state utilizzate altre due porte, una da ogni cluster di Hitachi Virtual Storage Platform, Tale interconnessione consente di aumentare la ridondanza. Infatti, in caso di guasto di uno switch, l'host ESX dispone ancora di due percorsi, uno su ogni cluster di Hitachi Virtual Storage Platform. Analogamente sono state utilizzate due porte di ogni controller su Hitachi Adaptable Modular Storage 2100 per la connessione alle porte esterne di Hitachi Virtual Storage Platform. 18

20 La tabella 7 mostra la configurazione delle zone per il cluster di Tabella 7. Configurazione delle zone del cluster di management per il gruppo di host di storage Host Numero HBA host Nome della zona Porta di storage ESX 0 ESX 1 HBA1_1 HBA1_2 HBA1_1 HBA1_2 esx0_hba1_1_vsp_3b_4b esx0_hba1_2_vsp_5b_6b esx1_hba1_1_vsp_3b_4b esx1_hba1_2_vsp_5b_6b 3B 4B 5B 6B 3B 4B 5B 6B Per quanto riguarda la configurazione delle zone è stato utilizzato un initiator singolo, per cui ogni porta HBA è mappata su 2 porte di destinazione, una su ogni cluster di Hitachi Virtual Storage Platform. Con due porte per initiator e quattro porte di destinazione, sono disponibili in tutto quattro percorsi, che vengono utilizzati da ogni host ESX in modalità round-robin. Per semplificare la gestione e garantire la coerenza dei LUN mappati sugli host per il cluster di management, è stato utilizzato un unico gruppo di host di storage per le quattro porte di destinazione (3B, 4B, 5B, 6B) La tabella 8 mostra la configurazione delle zone per il cluster di risorse. 19

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp Efficienza e performance Soluzioni di storage NetApp Sommario 3 Introduzione n EFFICIENZA A LIVELLO DI STORAGE 4 Efficienza di storage: il 100% dei vostri dati nel 50% del volume di storage 6 Tutto in

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

SISTEMI DI VIRTUALIZZAZIONE: STATO DELL ARTE, VALUTAZIONI, PROSPETTIVE

SISTEMI DI VIRTUALIZZAZIONE: STATO DELL ARTE, VALUTAZIONI, PROSPETTIVE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Informatica Tesi di Laurea SISTEMI DI VIRTUALIZZAZIONE: STATO DELL ARTE, VALUTAZIONI, PROSPETTIVE

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Lo storage di prossima generazione

Lo storage di prossima generazione Juku.it Lo storage di prossima generazione white paper (settembre 2012) Enrico Signoretti Juku consulting srl - mail: info@juku.it web: http://www.juku.it Indice Note legali 3 Juku 1 Perchè Juku 1 Chi

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

VCP5 Blueprint con appunti e note

VCP5 Blueprint con appunti e note VCP5 Blueprint con appunti e note http://vinfrastructure.it/en/certifications-on-virtualization/vcp/vcp5/ La versione attuale del blueprint è la 1.2 (mente la 1.4 era l ultima disponibile riferita ancora

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Il supporto all'utenza e alle applicazioni sul sistema SCoPE:

Il supporto all'utenza e alle applicazioni sul sistema SCoPE: Il supporto all'utenza e alle applicazioni sul sistema SCoPE: l'esperienza di UNINA G.B. Barone, V. Boccia, D. Bottalico, L. Carracciuolo 1. Introduzione Obiettivo di tale documento è descrivere l'esperienza

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 White paper Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 Di Mark Bowker, analista senior Ottobre 2013 Il presente white paper di ESG è stato commissionato da Citrix ed è distribuito

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server Prima pubblicazione: 21 Ottobre 2012 Ultima modifica: 21 Ottobre 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive San Jose, CA 95134-1706 USA http://www.cisco.com Tel: 8 526-00 800

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli