FOROEUROPEO. i quaderni giuridici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOROEUROPEO. i quaderni giuridici"

Transcript

1 FOROEUROPEO il portale del giurista AVVOCATI PER L EUROPA Il Presidente Sezione Roma Avv. Antonio Rizzo Il Presidente Avv. Domenico Condello i quaderni giuridici a cura della redazione di ForoEuropeo e del Centro studi di Avvocati per l europa La diffamazione utilizzando le nuove tecnologie: la responsabilità penale e civile a cura di Caterina Flick e Samantha Luponio Introduzione L uso delle nuove tecnologie (in particolare internet) come strumento di diffamazione pone problemi nuovi. In particolare si evidenziano: l estrema facilità con cui è possibile divulgare informazioni lesive dell onore e della reputazione di chicchessia; il fatto che un mezzo di comunicazione di massa è agevolmente utilizzabile da non professionisti; la difficoltà di accertamento del reato e di perseguimento del colpevole. Tutto ciò porta spesso ad una caccia al colpevole, poco importa che si tratti dell autore, o che si tratti, invece, del soggetto che rende possibile la diffamazione: basti pensare, a questo proposito, alla nota vicenda che ha visto come protagonisti Google e l associazione Vivi Down, in relazione alla pubblicazione di un video amatoriale diffamatorio su You Tube. Si ritenuto opportuno affrontare il tema partendo dai profili generali della diffamazione, per poi esaminare gli aspetti più rilevanti in relazione alla diffamazione con le nuove tecnologie (internet in particolare). I - Profili generali Codice Penale - Articolo 595 Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a euro 516 Il reato di diffamazione consiste nell offendere l altrui reputazione, comunicando con più persone. Il reato è a condotta libera, l uso del gerundio (comunicando con più persone) evidenzia però come siano rilevanti sia il profilo attivo dell azione, che quello passivo, che coincide con la ricezione del messaggio. Il reato si consuma nel momento in cui l offesa è percepita all esterno. La individuazione dell effettivo destinatario dell offesa è condizione essenziale e imprescindibile per attribuire ad essa una rilevanza giuridico-penale. La nozione di reputazione è stata elaborata dalla dottrina e dalla giurisprudenza nel corso degli anni. In sintesi, oggetto di tutela del reato è l onore dell individuo, in tutte le sue manifestazioni: in primo luogo la percezione che la persona ha di sé stessa; in secondo luogo la percezione che della persona ha il mondo circostante e l interesse del soggetto a che il mondo circostante non abbia di lui una percezione negativa. La reputazione, tuttavia, non risiede in uno stato o sentimento individuale, indipendente dal mondo esteriore, né nell amor proprio: la reputazione è il senso della dignità personale nell opinione degli altri, un sentimento limitato dall idea di ciò che, per la comune opinione, è socialmente esigibile da tutti in un dato momento. La lesione all onore, dunque, si riscontra non in base alla mera sensibilità dell offeso, ma ove l offesa abbia carattere di obiettività. Elemento soggettivo L elemento psicologico del reato di diffamazione si identifica nel dolo generico, consistente nella coscienza e volontà di comunicare a più persone espressioni o informazioni delle quali si conosce la valenza lesiva dell altrui reputazione (coscienza della idoneità diffamatoria). Nessuna rilevanza, invece, può attribuirsi ai fini o motivi dell agente. Il dolo, dunque, si scompone nei seguenti elementi: volontà della condotta (in cui consiste l offesa); consapevolezza e volontà di comunicare con più persone; consapevolezza dell attitudine offensiva della condotta stessa. Lo stretto rapporto esistente tra elemento materiale ed elemento soggettivo del reato di diffamazione viene in genere descritto come dolus in re ipsa, nel senso che la volontà lesiva è implicita nell enunciazione dell espressione oggettivamente offensiva. In questo senso si ritiene necessario che l agente abbia anche la 1

2 consapevolezza della percezione e della comprensione da parte di terzi, per non annullare del tutto il dolo nella condotta. Diffamazione e libertà di manifestazione del pensiero Nella originaria impostazione del Codice Rocco il reato di diffamazione attua una tutela formale dell onore e della reputazione. Per tale ragione la verità dell addebito offensivo non aveva alcuna efficacia scriminante del reato; le uniche eccezioni erano contenuto nell articolo 596 del codice penale, in riferimento a limitati casi di prevalenza dell interesse pubblico sul bene dell onore e della reputazione (la pendenza di un processo penale che riguardi l addebito lesivo e la notizia che riguardi un pubblico ufficiale per l esercizio delle funzioni). La possibile incompatibilità fra la tutela formale dell onore e della reputazione e la libertà di manifestazione del pensiero, sancita dall articolo 21 della Costituzione, ha portato a sviluppare alcune scriminanti specifiche (diritto di cronaca, di critica, di satira, attivabili attraverso l articolo 51 del codice penale) e all individuazione di limiti per il loro esercizio. La Corte Costituzionale con sentenza 175/1971 individuò la cronaca e la critica come diritti soggettivi pubblici costituzionalmente tutelati dall art. 21 della Costituzione, il cui esercizio ha efficacia scriminante ex art. 51 c.p.; poiché anche l onore e la reputazione sono costituzionalmente tutelati - in quanto attinenti alla dignità della persona - in caso di contrasto con il diritto di cronaca e di critica il punto di equilibrio deve rinvenirsi nei limiti di esercizio del diritto di cronaca (verità del fatto narrato, interesse pubblico, forma civile espressiva). In quest ottica la verità della comunicazione da cui deriva la lesione dell onore ne muta la dimensione: la verità dell addebito riveste ora una potente funzione scriminante - che si è estesa sino a trasformarsi in un corollario naturale dell accertamento del reato, costantemente oggetto di verifica tesa ad attuare così una tutela sostanziale del bene giuridico dell onore, che incide profondamente sulla sua dimensione e sul suo contenuto, per cui l addebito intanto è illecito in quanto non risponde a verità. In sostanza la verità del fatto, componente del diritto soggettivo di libera espressione del pensiero ha assunto, nei confronti della diffamazione, un rilievo molto superiore a quello ordinariamente esercitato dalle scriminanti rispetto agli altri reati (in cui le cause di non punibilità sono verificate ed applicate eccezionalmente e sussistono in relazione a variazioni peculiari del fatto tipico). Le scriminanti: - il diritto di cronaca E inteso come il diritto di pubblicare il resoconto di fatti di cui si è venuti a conoscenza ed è estrinsecazione fondamentale della libertà di stampa. I presupposti per l esercizio del diritto sono: la verità del fatto; l interesse pubblico alla divulgazione della notizia; la continenza o forma civile espressiva. Tali limiti costituiscono lo strumento attraverso il quale si attua il contemperamento dell esercizio del diritto di cronaca con il bene dell onore e della reputazione, a cui viene riferito fondamento costituzionale attraverso gli articoli 2 e 3 della Costituzione. Il concetto di verità è mitigato rapportandolo: all uso legittimo delle fonti di informazione; all attendibilità o al serio accertamento della notizia; alla verosimiglianza. Per altro verso è stata riconosciuta l importanza dell aspetto soggettivo, valorizzato nell ambito della scriminante putativa. L interesse pubblico può essere definito solo in termini tautologici (fatti ai quali la collettività è veramente interessata), generici (notevoli e importanti emergenze della vita individuale), analitici (fatti di grande rilievo sociale). Il limite dell interesse pubblico vale anche a scriminare le intromissioni nella vita privata di soggetti pubblici o uomini politici (tutelata dal d.lgs. 196/03, recante il codice in materia di protezione dei dati personali, cd. codice della privacy ). La continenza deve essere sostanziale e formale. Continenza sostanziale è la relazione (pertinenza) tra il fatto e la narrazione. La continenza formale attiene invece alla sola forma espressiva, senza correlazione con l interesse pubblico (correttezza del linguaggio). - il diritto di critica La giurisprudenza ha elaborato il diritto di critica in maniera compiuta negli ultimi dieci anni, differenziandone contenuto e limiti dal diritto di cronaca. Il diritto di critica si distingue dal diritto di cronaca in quanto non si concreta nella narrazione di fatti, ma nella espressione di un giudizio o di un opinione che come tale non può essere rigorosamente obiettiva (sarebbe, anzi, contraddittorio pretenderlo) dato che corrisponde al punto di vista di chi la manifesta, esprimendo convincimenti, valori, credenze necessariamente individuali e differenti dagli altri. L unico limite posto all esercizio del diritto di critica è nella rilevanza sociale dei comportamenti a cui si riferisce la manifestazione del giudizio (rilevanza dell interesse pubblico o sociale della critica). Per questo il diritto di critica va riconosciuto nei confronti 2

3 di personaggi la cui voce ed immagine abbia una vasta risonanza nella collettività grazie ai mezzi di comunicazione; l estensione del diritto di critica sarà tanto maggiore quanto sarà più alta la posizione o più rilevante il comportamento del soggetto criticato. In sintesi, i criteri per la valutazione dell interesse pubblico sono due: quello del rilievo del destinatario dell offesa; quello della rilevanza del fatto oggetto del giudizio. Infatti solo l esigenza di soddisfare l interesse generale alla conoscenza di determinati fatti di rilievo sociale può giustificare la prevalenza della tutela del diritto di libera manifestazione del pensiero su quella dell integrità dell onore e della reputazione del singolo cittadino. La critica va ritenuta lecita a meno che investa comportamenti privati, salvo che questi, per la posizione rivestita dal soggetto, abbiano rilevanza per la collettività. - il diritto di satira Solo negli ultimi anni il diritto di satira ha acquistato una fisionomia distinta dai diritti di critica e di cronaca. In origine, infatti, la satira era ritenuta una forma di manifestazione della critica. La satira è una forma espressiva che realizza l intento di castigare ridendo i costumi (attraverso il ridicolo o delineando situazioni irreali e fantastiche). La satira non costituisce una risposta ad esigenze informative; non ha alcun rapporto di necessità con la verità del fatto; non può, se mira alla efficacia del messaggio obbedire a criteri di equilibrata espressione. Parte della giurisprudenza individua un unico limite di natura interna : la satira è sottoposta alla condizione fondamentale di coerenza con la propria natura, quella della notorietà del personaggio effigiato. L aggravante dell uso di mezzi di pubblicità Il terzo comma dell articolo 595 del codice penale prevede una pena più grave se l offesa è recata con il mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità. Questa previsione, tradizionalmente riferita alla stampa e al mezzo radiotelevisivo, è applicabile alla diffamazione attuata con tecnologie che permettono facilmente di raggiungere un vasto pubblico. La giurisprudenza, Cass. Pen., Sez. V, sent. n /2008, con una tesi che ha raccolto anche il plauso della dottrina per la sua stretta aderenza al dettato normativo, ha ritenuto di poter collocare la diffamazione a mezzo internet nell alveo della locuzione citata, e ciò sulla base dell assunto per cui premesso che certamente è possibile procedere alla stampa della pagina web attraverso i normali strumenti di dotazione di un qualsiasi p.c. il fatto che internet è un potente mezzo di diffusione di notizie, immagini e idee (almeno quanto la stampa, la radio e la televisione) comporta che anche attraverso di esso si estrinseca quel diritto di esprimere le proprie opinioni, che costituisce uno dei cardini della democrazia. Il fatto che lo strumento internet sia accessibile a tutti comporta la possibilità per tutti anche a chi non è un professionista dell informazione - di esercitare i diritti di critica e di cronaca e, conseguentemente, l applicazione dei limiti connessi con l esercizio di detti diritti, in particolare il riferimento alla verità, la rilevanza sociale della notizia e la continenza espressiva. La diffamazione a mezzo internet presenta altre caratteristiche particolari: il fatto di consentire di raggiungere chiunque, senza limiti di tempo e di spazio; l assenza, nelle democrazie occidentali, di un controllo preventivo sui contenuti pubblicati. L assenza di limiti di tempo mette in nuova luce la possibilità di esercizio del diritto all oblio - il diritto ad essere dimenticati - reso estremamente difficoltoso dalle modalità di presentazione delle informazioni in rete (non sempre visibili in ordine cronologico) e dall uso del sistema di caching, che permette di mantenere la memoria di pagine web per molto tempo, anche dopo la loro rimozione dai siti che le hanno pubblicate. L assenza di limiti di spazio pone il problema dell accertamento del reato di diffamazione, sempre che sia possibile individuarne l autore; le questioni concernenti l individuazione della legge applicabile e della competenza sono state risolte dai giudici italiani ritenendo che il reato di diffamazione debba considerarsi commesso in Italia anche nel caso in cui sia il luogo ove il diffamato risiede e percepisce l offesa. L assenza, nelle democrazie occidentali, di un controllo preventivo sui contenuti pubblicati in virtù del riconoscimento del diritto fondamentale di libera espressione del pensiero (è il caso qui di ricordare che in alcuni paesi, come la Cina, viene attuata una vera e propria censura su internet) e il fatto che internet è utilizzabile anche da non professionisti, pone il tema, nel caso in cui non sia possibile individuare l autore della diffamazione, della individuazione di un soggetto responsabile - per fatto proprio o per il fatto del terzo - a cui il reato possa essere contestato e a cui si possa chiedere un risarcimento. 3

4 La responsabilità di persona diversa dall autore: il direttore e vice-direttore responsabile, l editore, lo stampatore, il concessionario di servizi radiotelevisivi La stampa Codice penale 57. Reati commessi col mezzo della stampa periodica Salva la responsabilità dell'autore della pubblicazione e fuori dei casi di concorso, il direttore o il vice-direttore responsabile, il quale omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo della pubblicazione siano commessi reati, è punito, a titolo di colpa, se un reato è commesso, con la pena stabilita per tale reato, diminuita in misura non eccedente un terzo.. 57-bis. Reati commessi col mezzo della stampa non periodica. Nel caso di stampa non periodica, le disposizioni di cui al precedente articolo si applicano all'editore, se l'autore della pubblicazione è ignoto o non imputabile, ovvero allo stampatore, se l'editore non è indicato o non è imputabile 58-bis. Procedibilità per i reati commessi col mezzo della stampa. Se il reato commesso col mezzo della stampa è punibile a querela, istanza o richiesta, anche per la punibilità dei reati preveduti dai tre articoli precedenti è necessaria querela, istanza o richiesta. La querela, l'istanza o la richiesta presentata contro il direttore o vicedirettore responsabile, l'editore o lo stampatore, ha effetto anche nei confronti dell'autore della pubblicazione per il reato da questo commesso. Non si può procedere per i reati preveduti nei tre articoli precedenti se è necessaria una autorizzazione di procedimento per il reato commesso dall'autore della pubblicazione, fino a quando l'autorizzazione non è concessa. Questa disposizione non si applica se l'autorizzazione è stabilita per le qualità o condizioni personali dell'autore della pubblicazione L. 47/1948 disposizioni sulla stampa 11. Responsabilità civile. Per i reati commessi col mezzo della stampa sono civilmente responsabili, in solido con gli autori del reato e fra di loro, il proprietario della pubblicazione e l'editore 12. Riparazione pecuniaria. Nel caso di diffamazione commessa col mezzo della stampa, la persona offesa può chiedere, oltre il risarcimento dei danni ai sensi dell'art. 185 del Codice penale, una somma a titolo di riparazione. La somma è determinata in relazione alla gravità dell'offesa ed alla diffusione dello stampato 13. Pene per la diffamazione. Nel caso di diffamazione commessa col mezzo della stampa, consistente nell'attribuzione di un fatto determinato, si applica la pena della reclusione da uno a sei anni e quella della multa non inferiore a lire La definizione di stampa fornita dalla legge n. 47 del 1948 si fonda su due componenti, la prima obiettiva (la natura di prodotto di un processo fisico, chimico o meccanico) e l altra di carattere finalistico (la destinazione alla pubblicazione, ovvero la diffusione verso un pubblico indeterminato di lettori). La Suprema Corte ha escluso dal novero dei reati commessi con il mezzo della stampa (soltanto) gli stampati destinati ad esaurire la loro funzione unicamente nella sfera dell uso personale o quelli in relazione ai quali il reato prende forma soltanto in epoca successiva al compimento del ciclo naturale della pubblicazione, che comprende il complesso delle operazioni necessarie alla creazione e alla diffusione in pubblico dello stampato (così Cass. Pen. I, n. 1143/73). Nel caso della stampa, periodica e non, il legislatore ha previsto anche, in aggiunta alla responsabilità personale, dolosa, dell autore della comunicazione diffamatoria, la responsabilità colposa del direttore responsabile e dell editore per avere omesso di esercitare il controllo necessario ad impedire che attraverso la pubblicazione fossero commessi reati. Tale responsabilità è prevista espressamente: dagli articoli 57 e 57 bis del codice penale, per quanto riguarda il direttore responsabile, il vice direttore (o lo stampatore), rispettivamente nella stampa periodica e non. La fattispecie - una delle più controverse dell ordinamento penale, poiché prevede una responsabilità penale connessa con il comportamento di un altro - è assai complessa; gli elementi sono: il fatto omissivo del direttore; il reato commesso dall autore della pubblicazione; l elemento psichico. La fattispecie si inquadra nell ambito dei reati omissivi impropri, la cui struttura è composta dalla condotta omissiva, dall evento e dal particolare nesso causale. Per quanto riguarda il rapporto tra il reato dell autore della pubblicazione e il reato del direttore, è opinione comune che si tratti di autonomi reati e di titoli di reato indipendenti. Lo conferma la disciplina della querela (se proposta nei confronti dell autore della pubblicazione non si estende al direttore) e della remissione (non produce effetti sull autore quella presentata nei confronti del solo direttore); l inciso fuori dei casi di concorso; il regime delle impugnazioni ad effetti penali della parte civile delineato dall articolo 577 c.p.p. per la sola diffamazione (e ingiuria). Per quanto riguarda la natura della responsabilità si contrappongono due tesi. La prima tesi ritiene che si tratti di agevolazione colposa del fatto doloso altrui; si tratta di una forma di partecipazione materiale atipica, causalmente qualificata, che incide su una parte tipica dell azione di per sé adeguata o su di una modalità rilevante dell evento e richiede causalità, adeguatezza e lesività. La seconda tesi riconduce la fattispecie al concorso colposo nell altrui reato; questa tesi si fonda sulla differenza che esiste tra la norma in esame e altre figure paradigmatiche dell agevolazione colposa, anche se pare contraddetta dall esplicito disposto della clausola di esordio dell articolo 57 (fuori dei casi di concorso). La classificazione del reato come colposo comporta, comunque, che l omesso controllo deve essere concretamente riferibile a negligenza, imprudenza o imperizia. Una tesi minoritaria qualifica la fattispecie nell ambito della responsabilità 4

5 oggettiva, sostenendo che l inciso a titolo di colpa non individua la struttura dell elemento soggettivo, ma impone soltanto che il reato sia trattato agli effetti penali come colposo. Nella prassi applicativa il reato proprio del direttore responsabile si trasforma in un accessorio della responsabilità per il reato commesso con il mezzo della stampa; in sintesi, dal riconoscimento della responsabilità dell autore della pubblicazione scaturisce - in modo automatico e senza porsi alcun problema, purché vi sia la specifica querela l affermazione della responsabilità del direttore. Le decisioni giudiziarie sul tema sono contraddistinte da automatismo risolutivo, per il quale il direttore ha seguito ineluttabilmente le sorti dell autore della pubblicazione. In sostanza non si è mai operata una scissione tra la responsabilità dell autore e quella del direttore, pervenendo per quest ultimo ad un giudizio indipendente di esclusione della responsabilità. Il direttore può essere ritenuto colpevole di diffamazione vera e propria, e non di omesso controllo impostogli dalla legge, quando sia accertato che egli stesso abbia compiuto atti diretti a ledere l altrui reputazione ovvero abbia concorso, consapevolmente, a raggiungere tale evento. Le trasmissioni radio televisive L. 223/1990 disciplina del sistema radiotelevisivo 30. Disposizioni penali. 1. il concessionario privato o la concessionaria pubblica ovvero la persona da loro delegata al controllo della trasmissione 4. Nel caso di reati di diffamazione commessi attraverso trasmissioni consistenti nell'attribuzione di un fatto determinato, si applicano ai soggetti di cui al comma 1 le sanzioni previste dall'articolo 13 della legge 8 febbraio 1948, n. 47 La legge 223 del 1990 (legge Mammì), sul riordino del sistema radiotelevisivo, al quarto comma dell articolo 30 prevede la responsabilità del concessionario, pubblico o privato, o del delegato al controllo, per la diffamazione a mezzo radiotelevisivo, solo nel caso in cui la fattispecie è aggravata dall attribuzione di un fatto determinato. La scelta del legislatore di non introdurre un obbligo di controllo analogo a quello del direttore responsabile e dell editore - in particolare con riferimento a soggetti, diversi dal delegato al controllo ma che pure hanno un ruolo importante nella gestione della comunicazione (quali, ad esempio, il conduttore, il moderatore, il presentatore delle trasmissioni) - è stata contestata più volte, in quanto non è sostenuta da una seria esigenza di politica criminale. La Corte Costituzionale tuttavia, quando richiesta di pronunciarsi, ha escluso che la disparità di trattamento tra la stampa e il mezzo radiotelevisivo configuri una violazione della carta costituzionale. Diffamazione e trattamento illecito di dati personali Nella diffamazione, in particolare se effettuata a mezzo internet, si pone il problema del rapporto, concorso, con il reato di trattamento illecito di dati personali previsto dall articolo 167 del d.lgs. 196/03, recante il codice in materia di protezione dei dati personali. Ciò in particolare con riferimento alla diffamazione a mezzo internet (apertura di account, social network ecc.) effettuata da non professionisti. Per quanto riguarda i giornalisti professionisti, invece, è stato elaborato e pubblicato in allegato al codice della privacy - un codice deontologico contenente le regole a cui il giornalista deve attenersi per esercitare il diritto di cronaca in modo privacy oriented, in modo da contemperare i diritti fondamentali della persona, il diritto all informazione dei cittadini e il diritto di cronaca. In particolare si richiamano: l essenzialità dell informazione; l interesse pubblico della notizia; la tutela della dignità delle persone. Da segnalare che l articolo 167 citato presuppone la violazione di ben precise norme del codice della privacy (tra cui l articolo 23, che prevede l acquisizione del consenso da parte del titolare/responsabile del trattamento) e la necessità in alternativa al fine di danno dell agente o del nocumento per la parte offesa - che il trattamento consista nella comunicazione o diffusione; in questi termini il reato prescinde dalla lesione dell onore e della reputazione. II - Diffamazione a mezzo internet La responsabilità dell autore della diffamazione deve essere valutata secondo i criteri già evidenziati. Un problema peculiare della diffamazione a mezzo internet è la valutazione del luogo di commissione del reato, in particolare in caso di sito web registrato all estero e in caso di immissione dei contenuti diffamatori all estero. Sul punto la Suprema Corte, Cass. Pen. II, sentenza n /2008, ha ribadito, sul solco di precedenti pronunce, che il reato di diffamazione consistente nell immissione nella rete internet di frasi offensive e/o immagini denigratorie deve ritenersi commesso nel luogo in cui le offese e le denigrazioni sono percepite da più fruitori della rete e, in particolare, nel luogo ove risiede il destinatario dell offesa. Altro aspetto peculiare nel caso di diffamazione a mezzo internet è se, ed entro quali limiti, sia possibile individuare una responsabilità di coloro che, 5

6 consentendo a vario titolo la diffusione delle comunicazioni (internet provider, gestori di blog e di forum, amministratori di social network ecc. che per brevità si possono indicare con il termine generico di prestatore ), offrono un contributo causale alla realizzazione della diffamazione. Nell ottica della responsabilità penale si possono ipotizzare diverse situazioni. In primo luogo il prestatore potrà concorrere nel reato con l autore (ai sensi dell articolo 110 del codice penale), ove autorizzi o consapevolmente partecipi in qualunque modo alla pubblicazione di un brano diffamatorio (ciò comporterà, in ambito civilistico, la responsabilità solidale fra l autore e il prestatore). Più difficile è ipotizzare la responsabilità del prestatore che non abbia in alcun modo concorso nel reato dell autore della diffamazione; in tal caso occorre infatti contestare al prestatore di non essersi attivato per impedire la diffamazione, sempre che a suo carico possa configurarsi un obbligo giuridico di attivarsi per impedire l evento stesso, da individuarsi ai sensi dell articolo 40 del codice penale o (ove l attività svolta possa rientrare nella nozione di prodotto editoriale) ai sensi della normativa sulla stampa. I prodotti editoriali on-line L'articolo 1 della legge 62/2001 (Nuove norme sull'editoria e sui prodotti editoriali. Modifiche alla legge 5 agosto 1981 n. 416) dispone: Per prodotto editoriale si intende il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici. Si considerano destinati alla pubblicazione, o diffusione di informazioni, presso il pubblico i giornali telematici (che abbiano o meno la corrispondente testata cartacea), caratterizzati da periodicità nell aggiornamento e dalla presenza di giornalisti professionisti. Sul punto la Corte di Cassazione, sez. V penale, sentenza 16262/08, ha chiarito che ai fini dell integrazione del delitto di diffamazione si deve presumere la sussistenza del requisito della comunicazione con più persone qualora il messaggio diffamatorio sia inserito in un sito internet per sua natura destinato ad essere normalmente visitato in tempi assai ravvicinati da un numero indeterminato di soggetti, quale è il caso del giornale telematico, a nulla rilevando l astratta e teorica possibilità che esso non sia acquistato e letto da alcuno. L assimilabilità dei siti internet a prodotti editoriali: le recenti iniziative legislative La preoccupazione per la facilità con cui è possibile diffamare qualcuno su internet è alla base di diverse iniziative legislative proposte tra il 2008 e il volte a definire meglio il prodotto editoriale e a regolamentare l inserimento di messaggi ed informazioni su Internet. Tra i tanti, ricordiamo: 1) Proposta di legge 881, del Pecorella, Costa che estende la responsabilità del direttore e vice-direttore responsabile per omesso controllo anche a tutti i mezzi di diffusione delle informazioni (assegnato alla Commissione Giustizia il ) ; 2) Proposta di legge 1269, del Levi (ammazza blog) volto a disciplinare l editoria, prevede l obbligo di iscrizione nel Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) per i soggetti che svolgono su internet attività editoriale, estendendo loro la normativa sulla responsabilità per i reati a mezzo stampa, ad eccezione dei soggetti che operano su internet attraverso siti che non costituiscono il frutto di un organizzazione imprenditoriale del lavoro (assegnato alla Commissione Cultura il ); 3) Proposta di legge 1921, del Cassinelli e altri (salva blog) volto a disciplinare l editoria, escludere l equiparazione con i prodotti editoriali dei siti utilizzati quale strumento di espressione del pensiero e di aggregazione sociale e culturale (salvo per: le edizioni telematiche di prodotti editoriale cartacei; prodotti per i quali l editore intenda avvalersi delle provvidenze per l editoria; prodotti destinati unicamente o prevalentemente alla diffusione di notizie e gestiti professionalmente da una redazione di due persone regolarmente retribuite) (assegnato alla Commissione Cultura il ); 4) emendamento D Alia (ammazzafacebook) al disegno di legge sulla sicurezza pubblica (decreto sicurezza, L. 94/2009) che prevedeva l introduzione di una norma volta a reprimere l attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet, costringendo gli Internet provider a filtrare i contenuti a caccia 6

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

La diffamazione/ le aggravanti

La diffamazione/ le aggravanti La diffamazione Cosa distingue la diffamazione (595 cp) dall ingiuria (594 cp)? Cos è la calunnia (368 cp)? La differenza rispetto a codici Zanardelli e Rocco. 595 cp: chiunque, fuori dei casi indicati

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 DIRITTO DI CRONACA: CRITERI Autenticità e veridicità della notizia Interesse

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15. Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15. Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 La responsabilità dell Internet Intermediary Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 SERVIZI E PRESTATORI Internet service providers (ISP) e Internet

Dettagli

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico.

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. I prestatori dei servizi della societa dell informazione / 1 Il prestatore di servizi della società dell

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Lezioni nona e decima La responsabilità civile in internet Principali casi giurisprudenziali La responsabilità

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA QUESTA GUIDA, SEMPLICE E ALLA PORTATA DI TUTTI, VUOLE FORNIRE AL MEDIATORE

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE

CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE CONTRATTO DI HOUSING Il Provider è il soggetto che fornisce all'utente-cliente la connessione alla rete mondiale Internet (World Wide Web

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Interntet e disciplina sulla stampa

Interntet e disciplina sulla stampa 1 Interntet e disciplina sulla stampa guarentigie art. 21 Cost. «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa

Dettagli

La responsabilità penale del Cloud Service Provider

La responsabilità penale del Cloud Service Provider La responsabilità penale del Cloud Service Provider E-Privacy 2011 Firenze 3 giugno 2011 Francesco Paolo Micozzi francesco @micozzi.it Av v. Fr a n c e s c o Pa o l o M i c o z z i - f r a n c e s c o

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità in capo ai componenti dell organo di amministrazione, dell organo di controllo e al responsabile

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza ROMA 12 APRILE 2013 Avv. Giulia Adotti Studio Legale ADOTTI & Associati Roma, Viale B. Buozzi n. 68 Frascati, via F. Cecconi n. 37-39 www.adottiassociati.it

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE Avv. Ramona Lucchetti D.Lgs n. 81/2008 D.Lgs n. 106/2009 SINERGIA LEGISLATIVA NELLA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SINERGIA DEI SOGGETTI INTERESSATI ALLA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI

IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI Fra i principi basilari in tema di illeciti amministrativi in materia di lavoro occupano un posto di rilievo quelli relativi al concorso di più

Dettagli

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 AMBITO ASSICURARSI COME. CIRCA IL PROBLEMA DELLA COLPA GRAVE NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: PROBLEMI DI COPERTURA ASSICURATIVA. Responsabilità del

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A.

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. SISTEMA DISCIPLINARE Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. Versione: 3.0 Approvato con determinazione dell Amministratore Unico il 7 novembre 2014 MO231 - pag. 1 di 5 SISTEMA DISCIPLINARE 1. PREMESSA

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Circolare N.167 del 14 dicembre 2011 Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Gentile cliente con

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

La tutela nell acquisto online

La tutela nell acquisto online La tutela nell acquisto online Caro amico, questa guida è stata realizzata dallo Studio Legale Gli Avvocati Associati Tieni presente che le informazioni che, di seguito, troverai, sono di carattere generale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 12

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli