Tratto da La mia esperienza di ascolto nel volontariato: il counseling al telefono di Costanza T.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tratto da La mia esperienza di ascolto nel volontariato: il counseling al telefono di Costanza T."

Transcript

1 Tratto da La mia esperienza di ascolto nel volontariato: il counseling al telefono di Costanza T. IL VOLONTARIATO, UN CAMPO D AZIONE. La struttura e il servizio Tra il primo e secondo anno del mio corso di counseling sentivo la necessità di mettermi alla prova, di vivere in prima persona l insieme delle trasformazioni spirituali che l incontro con i principi rogersiani aveva avviato nella mia vita. Un giorno, verso sera, mentre tornavo a casa dall ufficio in cui lavoravo in quel periodo, mi trovavo in un vagone della linea metropolitana gialla di Milano quando scorgevo nei cartelloni pubblicitari posti in alto l inserzione di un Associazione di Volontariato di nome ARAS Onlus, la quale recava le parole di LIBERO SFOGO, GLI ANGELI RESTANO IN ASCOLTO, invitando chiunque avesse avuto bisogno di parlare di un proprio problema a mettersi in contatto telefonico, offrendosi disponibilità all ascolto nella più completa libertà. La pubblicità invitava inoltre a contattare l associazione anche nel caso in cui si avesse avuto interesse a proporsi presso di essa come volontari. Mi sentivo subito toccata dalla disponibilità che conteneva quell annuncio, perché anche se mi trovavo in un periodo positivo della vita, sapevo purtroppo per mia esperienza quanto a volte fosse orribile non essere ascoltati veramente o non sentirsi compresi da nessuno. Mi sentivo così attratta e chiamata da quella pubblicità, percependo che quell associazione sarebbe stata per me un luogo di nuove esplorazioni, di ricerca interiore, di scoperta, di crescita personale. Scrissi quindi il numero in un bigliettino, e a distanza di qualche mese telefonai alla signora Marinella Gandossi che ne è stata fondatrice e ne è ancora Presidente, e le espressi il mio interesse di fare un esperienza come volontaria presso la sua Associazione. Ne seguì un colloquio preliminare di motivazione, un corso di formazione durato una decina di incontri, una valutazione finale sull attitudine. Ci fu poi la consegna simbolica delle chiavi della sede in cui si andava a operare, e dopo un breve periodo di affiancamento con un volontario già esperto nella gestione dell utenza, avveniva l esordio nell autonomia. Aras è un associazione Onlus nata nel 2005, apolitica e laica, iscritta nella Sezione Provinciale di Milano del Registro regionale generale del volontariato, e fornisce servizi gratuiti di relazione e di aiuto, di ascolto telefonico, di counseling e di supporto psicologico alle persone in difficoltà. La sede dell Associazione in cui si svolgevano le attività di ascolto degli utenti che telefonavano, si trovava in un appartamento molto grande, fatto di

2 stanze munite di uno o più telefoni, oltre che di una segreteria telefonica sempre attiva. In esso i volontari operavano da soli o in coppie, su turni di tre ore che si susseguivano durante la giornata, dal lunedì mattina alla domenica sera di ogni settimana, continuamente, per tutto l anno. Mi sentivo contenta e soddisfatta per l opportunità che avevo incontrato: avevo ricevuto la fiducia da parte di un ambiente che sentivo sereno e positivo, dove fare qualcosa di utile per sé e per gli altri era anche un esperienza collettiva condivisa da tutti i partecipanti. Il gruppo dei volontari era costituito da persone di età, esperienze di vita, professionalità e provenienze diverse, ma le accomunava tutte il desiderio di essere utili ad altri. Per diventare volontari bisognava necessariamente aver frequentato il corso di formazione organizzato per gli aspiranti dall Associazione. Era ovvio che nella consapevolezza delle responsabilità che si andavano ad assumere nei confronti dei destinatari del proprio intervento, dovesse sussistere l opportunità di una formazione seria e costante. La decina di incontri nella quale consisteva, erano diretti da specialisti della relazione di aiuto, ossia da psicoterapeuti invitati per l occasione, o da lezioni anche sfondo esperienziale tenute dai volontari già più esperti e competenti. Frequentare il corso è stata un esperienza fondamentale per una serie di motivi: innanzitutto è stato necessario per iniziare, entrando nello spirito individuale e collettivo di quel particolare tipo di volontariato. Durante il corso ci si doveva infatti predisporre a comprendere modalità corrette di ascolto e di gestione delle situazioni che si sarebbero incontrate, affrontando in special modo i temi che si legavano alle casistiche dall impatto emotivo più elevato, inquietante e complesso, per es. situazioni di grave urgenza o di minaccia suicidaria. Anche se non venivano richieste preparazioni professionali specifiche, per essere volontari si doveva entrare nella consapevolezza di quelli che potevano rivelarsi i propri limiti e i propri blocchi nell ascolto degli utenti possibili. Durante l attività potevano infatti emergere diverse tipologie di problematiche di disagio o di comportamento socialmente deviante, e per sviluppare attitudine nell ascolto empatico e non giudicante della diversità dell altro, si doveva prendere innanzitutto coscienza con la necessità di conoscere se stessi, il modo nel quale certe tematiche in se sarebbero risuonate. Ci si doveva rendere consapevoli il più possibile della possibilità che le esperienze narrate dagli altri potessero suscitare in noi emozioni legate a propri vissuti dolorosi non sufficientemente elaborati per poter restituire all altro una risposta di ascolto positiva, ossia rispettosa ed accettante. Dovevamo verificare ed ammettere con onestà a noi stessi dove e come l esperienza dell altro potesse finire col trascinarci in emozioni difficili da contenere e da gestire in noi stessi, in quanto potevano scoprirsi problemi non risolti anche per noi. L abilità al colloquio, seppur qualità innata in chiunque, doveva 2

3 essere quindi attivata e affinata in un cammino serio di acquisizione di informazioni, condivisione di esperienze con altri volontari, riflettendo sia sulle problematiche che sulle delusioni che si sarebbero potute incontrare. Gli incontri dovevano infatti essere rivelatori delle proprie capacità ma anche dei propri limiti. Per tutti questi motivi, l Associazione Aras dedicava sempre molta cura nella formazione dei nuovi volontari, ogni qual volta si accingeva a preparare corsi nuovi, contando all oggi circa settantacinque operatori attivi. Aggregare, stimolare e rendere più facile la comunicazione fra i volontari, sia in formazione che già operativi, veniva infatti considerato dall Associazione come la miglior garanzia per creare scambi di conoscenze, notizie, opinioni, argomenti, vissuti ed esperienze. A questo stesso scopo, infatti, con la frequenza di una volta al mese tutti i volontari erano tenuti a riunirsi durante l anno presso l Associazione, al fine di svolgere momenti di comune condivisione sulle necessità o sulle difficoltà specifiche incontrate durante il servizio. I propri punti di vista venivano espressi, raccolti, confrontati ed elaborati dagli altri volontari o dai più esperti, costituendo un attività di formazione permanente indispensabile per la buona prosecuzione della propria opera. Di fatto, data l importanza che rivestiva, questa formazione non veniva indicata dall Associazione ai volontari come un attività da svolgersi facoltativamente, bensì come un obbligo e una necessità per far parte del gruppo, quindi da svolgersi in modo costante. Nell Associazione la socialità fra volontari era inoltre stimolata anche da momenti di convivialità, ossia da alcune cene e da feste che venivano organizzate regolarmente in certi particolari momenti dell anno, per esempio all inizio di ogni estate, o nel periodo natalizio. Oltre all ascolto al telefono, l Associazione si interessava poi di organizzare, ma in modo meno strutturato, anche visite a domicilio di anziani che ne avessero fatto espressa richiesta. Durante l anno ricordo che era divenuto un appuntamento costante anche una consueta cena con quegli anziani che venivano seguiti sistematicamente dall Associazione. Tra l utenza conosciuta dal servizio di volontariato, la parte più significativa era infatti costituita da anziani, molti dei quali conoscevano Aras per indicazione ricevuta da Assistenti sociali operanti presso il Comune di Milano, o da altre Associazioni di volontariato, come ad esempio l Associazione Seneca, che si rivolgeva prettamente all aiuto degli anziani bisognosi o in difficoltà della città. Alcuni di questi anziani che chiamavano, a volte chiedevano anche di essere richiamati in determinati momenti della giornata o della settimana. La continuità di questo nostro ricordarsi di loro, veniva a costituire un momento importante nel loro quotidiano, divenuto spesso monotono, povero di stimoli, solitario. 3

4 Molti altri utenti conoscevano invece Aras anche attraverso canali pubblicitari di diffusione radiofonica o televisiva che venivano offerti gratuitamente all Associazione da alcune società mediatiche per alcuni giorni dell anno a scopo di beneficenza. Nei momenti di pubblicità mediatica, il traffico dell utenza si faceva molto più intenso, fino a tornare al suo consueto target col cessare del picco. Tra i volontari, c era infatti sempre qualcuno che lavorava per Mediaset, Microsoft, in radio, nel settore editoriale o pubblicitario, e benché per diventare volontari dell Associazione non servissero e non fossero mai state richieste abilità o professionalità specifiche in alcun settore, chiunque di noi si trovasse in una condizione personale o di lavoro che potesse facilitare l Associazione nella propria capacità di comunicazione al pubblico di ciò che era il suo servizio, ben si rendeva disponibile a farlo, e così accadeva. Tra le attività espletate, Aras offriva anche a chi ne avesse fatto richiesta dei cicli di colloqui di counseling. Tra i volontari c era infatti chi si era diplomato in counseling ed apportava all attività del suo volontariato anche questo valore aggiunto di professionalità. Casualità aveva voluto poi che scoprissi che alcuni counselor che erano presenti fra i volontari dell Associazione, si erano formati proprio presso i corsi Siab che anch io stavo frequentando come allieva. Ero davvero divertita nello scoprire che in quella stessa Associazione di volontariato casualmente avessi incontrato persone che provenivano dalle mie stesse esperienze di formazione nella relazione d aiuto. Oltre agli anziani, ogni giorno chiamavano con il bisogno di essere ascoltate molte altre persone, di sesso ed età diversi. Tanti erano anche i giovani. La sofferenza incontrata in Aras ricordo che era però spesso colorata al femminile. Alcune donne erano conosciute da lunga data dall Associazione, e venivano seguite telefonicamente anche per molto tempo, se non da anni. In Sede erano ben organizzati sia la coesione tra i membri che il coordinamento delle funzioni. Aras era in contatto continuo anche con altre istituzioni, come ad esempio gli assistenti sociali che seguivano alcune persone cui si telefonava regolarmente, con continuità. Presso di essa si poteva poi reperire sopra ad alcuni mobili posti all ingresso materiale informativo pertinente a varie utilità, come ad esempio l esistenza di corsi o di servizi presenti in città. A volte, come accade in tutti i gruppi, l incontro tra le diverse sensibilità dei volontari non sempre faceva emergere i migliori sentimenti del nostro essere, e accadeva qualche litigio dovuto per lo più ad antipatie epidermiche, incomprensioni o rivalità. Eppure anche questi momenti diventavano un occasione di crescita per tutti, perché finivano col risolversi in una prospettiva di evoluzione, nell imparare a stare nelle proprie posizioni senza però distruggere quelle dell altro, non nella chiusura del conflitto. In Aras, per agire nella disponibilità all accoglienza della diversità portata dall utenza, ma anche da ogni volontario con cui si collaborava, o da chiunque altro si 4

5 incontrasse, dovevamo come volontari imparare a superare le nostre individualità. Si doveva sempre operare per la condivisione e l armonia con tutti. Una volta ricordo che, con la saggezza e le buone maniere che la contraddistinguevano sempre, la nostra Presidente aveva dovuto intervenire in una situazione allo scopo di calmare gli animi e fare da moderatore, perchè ci invitava sempre alla costruttività. E intervenne con un monito ironico, dicendo: Ragazzi! Ricordate che siamo Angeli!. Se penso ad una vera signora, ricordo lei. La mia esperienza in Aras si è conclusa quando sono rimasta in gravidanza. Per gli impegni legati alla mia maternità, ho dovuto malincuore dimettermi dal servizio e cessare l attività. Essendomi dedicata con cura per il tempo in cui sono stata presente, l Associazione so però che conserva un ricordo positivo di me, e nel momento in cui volessi tornare ad essere una volontaria attiva, la porta per me è sempre aperta. Il tempo trascorso in Aras lo porterò sempre nel cuore. ESPERIENZE SIGNIFICATIVE Quando una persona in relazione a determinati vissuti perde il contato con il sentimento dei propri reali e autentici bisogni, o con la percezione delle proprie vere emozioni e dei sentimenti, può accadere che perda la naturale e spontanea capacità di entrare in rapporto diretto con la propria esperienza, ossia con ciò che essa realmente senta e pensi. Facilmente diviene allora vittima dell incertezza, del dubbio, della sfiducia, della confusione, e quando non trovi attorno a se la comprensione e l attenzione che le sarebbero di aiuto, può accadere che si deteriori la sua capacità di attivare in sé le risorse che le permetterebbero di fare la necessaria chiarezza sulla situazione che causa il suo disagio. L impossibilità di esprimere, di rendere libere le proprie energie mentali ed emotive, l impossibilità di un ascolto, di una comprensione e di un accettazione da parte dell ambiente in cui una persona si trovi, possono infatti condurla alla perdita di speranza e di fiducia sia nella propria capacità di risolvere i propri problemi che nel mondo in cui si vive. E così che si entra nella spirale della mancanza di comunicazione con gli latri e nella solitudine. Cessa la fiducia negli interlocutori presenti nel proprio mondo, e la qualità della vita si impoverisce di relazioni significative. E quindi per sopperire a quest assenza di comunicazione che l esistenza ponti si rende allora necessaria, ossia di strutture in cui si possa facilmente avvicinare chi sia disponibile ad offrire un dialogo che interrompa il vuoto relazionale, la marginalità in cui ci si trovi. Il contatto con persone che siano in grado di addentrarsi nell isolamento emotivo se non fisico 5

6 dell altro, diventa così un opportunità fondamentale per chi si trova chiuso nella propria condizione di disagio. Servono persone capaci di riconoscere chi sia diverso da se come parte di un tutto cui tutti si appartiene, e che si pongano in opposizione alle situazioni che potrebbero diventare tragiche o irrecuperabili. Nell Associazione Aras, l intento di costituire un punto di riferimento e un collante psicologico per chi telefonava, veniva realizzato dall assetto della propria struttura di ascolto, che riusciva a raccogliere la voce di tanti che quotidianamente avevano bisogno di parlare per i più diversi motivi. C era chi si trovava in uno stato emotivo di assoluta e urgente necessità di comunicare con qualcuno, o chi chiamava solo per risolvere uno stato di confusione per problemi occasionali o determinati. Chi viveva invece stati di solitudine continui e generalizzati, o chi cercava conforto o consiglio per angosce o difficoltà momentanee dovute a situazioni di lavoro, abitudini, malattie, incidenti, relazioni, figli, coniugi, ex coniugi, amicizie varie. Tutti cercavano uno spazio di comprensione che sentissero fiducioso, sicuro, neutrale, e uno solo era il motivo che li accomunava tutti: il bisogno di essere ascoltati da un altro essere umano come loro. Per me è stato un momento felice quando ho deciso di attivarmi nel volontariato per aiutare per un po di tempo qualcuno nella direzione della soddisfazione di questo bisogno. Un bisogno umano, semplice, elementare, quasi ovvio per il modo in cui è connaturato all esistenza, ma per alcuni a volte difficile da vivere, inaccessibile, negato, proibito, escluso dal campo della sua possibile esperienza. Purtroppo la vita oggi è per tanti così, nella quotidianità di ogni giorno. Tra gli incontri al telefono che ho avuto durante l attività di volontariato svolta in Associazione Aras, ci sono casi che ricordo con una leggera allegria, perché le telefonate si concludevano con un saluto piacevole, con sentimenti positivi di speranza e serenità.. Ma altri li rammento invece con un certo dolore. C erano gli anziani soli, uomini e donne, ed erano tantissimi. C era chi si sentiva sempre abbandonato, a prescindere da ciò che avesse o non avesse attorno a se, incapace di sentire qualcosa di diverso dal vuoto. C erano ragazzi giovani, vittime di dipendenza affettiva, devianza sessuale, abuso di alcool. Altri avevano vissuto molti anni della loro vita in strutture di comunità, alloggi per senza tetto, ospedali psichiatrici, ed erano persone senza tante gioie. C erano poi tante donne che avevano subito abusi, violenze. E così seguivano tutti questi uomini e queste donne certi giorni a telefonare, uno dopo l altro, come una sfilata di ombre. E io cercavo di ascoltarli tenendo vivo lo spirito e la speranza 6

7 insita nei principi rogersiani. In alto il più possibile, per i drammi che sentivo. E per non deprimermi con loro. Se penso a una di queste persone, un esperienza di ascolto che per me è stata particolarmente significativa sia dal punto di vista umano che tecnico, circa l approccio rogersiano che ho usato nel gestire il contatto e sintonizzarmi nell ascolto, tra le tante voci che potrei ricordare penso innanzitutto ad una ragazza che chiamerò Carla. Quando la penso, ricordo ancora la sua persona con grande commozione, anche perché, credo, il suo dolore per tanti aspetti può rispecchiare e contiene quello di tutti. Questa ragazza aveva circa trenta anni. Quando chiamava in Aras, chiedeva regolarmente sempre di parlare solo con due specifici volontari che erano entrambi maschi, o con una precisa volontaria. Se non trovava loro a risponderle al telefono, cominciava a svalutare immediatamente chi aveva incontrato, sminuendo chi le dava ascolto e dicendo che tanto non avremmo capito niente di lei. Quando la incontrai per la prima volta al telefono, sentendo che non ero uno dei suoi affezionati, subito riattaccò la conversazione. Ricordo di essermi sentita un po rattristata da quel suo rifiuto. Percepivo che era una persona interessante, e con lei volevo avere un dialogo prima o poi. Una delle volta successive, riuscii a fermarla prendendola forse di sorpresa, e le dissi: scusa, ma non avresti niente di cui parlare con una volontaria come me? Riuscii allora ad agganciare il suo interesse, ma successivamente, poco dopo iniziava ad esprimere la costante spirale di rabbia che era solita mettere in atto con gli altri volontari di cui si fidava. Ce l aveva contro lo stato, la politica e i politici, la società tutta, il sistema, l ipocrisia, le contraddizioni sociali. Con le sue parole riusciva a demolire regolarmente ogni cosa, inclusi i volontari che cercavano di darsi da fare. Riusciva a vedere nel mondo solo il suo male, e con lei non era certo facile comunicare. Distruggeva tutto e tutti, non poteva lasciare spazi minimi di speranza su nulla e nessuno. Aveva un intelligenza lucida, attenta, e le sue ferree analisi erano implacabili e spietate. Nella sua logica espositiva era realistica, profonda, coerente, articolata, era contraddirla impossibile. Cosa dire a una persona così? Non accettava alcun limite, alcuno stimolo, nessun ragionamento a contrario, nemmeno accettava di ricevere un confine temporale alla durata della telefonata. Le sue telefonate, infatti, erano sempre lunghissime, e non permetteva che in questo le si desse lei confini, contrariamente ad ogni indicazione impartita dall Associazione. A noi operatori era infatti sconsigliato di rimanere al telefono più di mezz ora con ogni utente. Le sue telefonate finivano invece per durare quasi sempre più di un ora, e se si cercava di spiegarle che era corretto salutarsi e riprendere la conversazione un altra volta, lo assumeva come pretesto per riattivare la sua sfiducia nel prossimo e la sua rabbia furiosa. Non si poteva negare che il suo atteggiamento suscitasse in noi volontari anche molto fastidio e ulteriori risposte di rifiuto e di 7

8 rabbia. Aveva avuto un esistenza contrassegnata da episodi familiari drammatici. Aveva vissuto abusi, abbandono, mancanza di amore. Come dirle nell insieme delle conversazioni di cercare di guardare in altre direzioni che non fossero solo quelle dei suoi brutti ricordi? Come favorirla nel cercare di sviluppare anche un piacere di vivere, se la sua esperienza aveva sempre negato tutto questo? Dove trovare un punto da cui far partire la sua speranza in un esistenza più positiva? Che tipo di ascolto offrirle? Non potevo invitarla a vedere nient altro di diverso dal male che aveva conosciuto. Non potevo salvarla dal suo turbine di dolore in alcun modo, e capivo che in realtà non potevo fare davvero niente per lei, se non accettare la sua rabbia e la sua disperazione. Non era facile però, quando parlava, trascinava tutto nello sconforto profondo. Non ero neanche più intelligente o più arguta di lei, non se ne faceva nulla dell esperienza degli altri, non potevo riempire il suo vuoto, e non potevo rendermi utile in nessun modo. Personalmente, sono riuscita a portare avanti un dialogo con lei, solo quando ho sviluppato uno spirito di totale rinuncia a ogni aspettativa nei suoi confronti. Dovevo capire e accettare che in realtà non potevo fare nulla che la facesse sentire più serena, e quindi non dovevo attendermi che migliorasse. Ho capito che se volevo aiutarla anche solo un po, se davvero volevo salvarla un po dalla sua distruttività e dalla sua infelicità, potevo solo farle arrivare, mediante la mia mera paziente presenza, il messaggio che anch io esistevo, oltre alla sua furia, e che in quel momento c era qualcuno li, proprio per lei, che poteva ascoltare una persona così tanto arrabbiata come lei era,con i suoi sfoghi, e che non era sola nel farlo. Punto e basta. Quando telefonava, imparavo ad attendere che spremesse la sua rabbia, dandole tutto il tempo per farlo, anche se per non sentire io tutto quel suo dolore, avrei voluto darle subito dei consigli che più razionalmente la aiutassero a relativizzare quello che le era accaduto. Ma in quel modo avrei negato la verità del suo vissuto, ossia la realtà della sua sofferenza personale, generalizzandola ed appiattendola in un esperienza comune. E così, piano piano, quando di volta in volta chiamava, anche se non mi cercava mai in particolare modo chiedendo a chi le rispondesse se ci fossi io a fare un turno in sede, aveva però cessato di rifiutare la possibilità di parlare anche con me. Se ero io a risponderle, fin da subito non chiedeva più di parlare con i soli tre volontari di cui si fidava. Ero entrata anch io nel suo mondo, e riusciva a stare e a farsi ascoltare anche da me, calmandosi un po dopo gli sfoghi, prima di risentirla una nuova volta, nuovamente in preda ad un latra crisi e ad un altra furia. Entrando in relazione con Carla, con le sue grosse problematiche emotive che non erano facili da ascoltare, restava per forza un senso di disgrazia, di isolamento, di inutilità. Non riusciva a scoprire dentro di sé alcuna soddisfacente strada per accedere alla fiducia nelle sue risorse e nel mondo, e parlare con lei non dava certo immediate soddisfazioni. L unica gratificazione che si 8

9 poteva provare, era quella di aver cercato di essere umili nel capire i suoi problemi, di averla accettata per come era, di averla rispettata. Con lei diventava subito evidente cosa non dovesse essere il volontariato, ossia quello che in realtà non è. Non poteva essere un mezzo per sentirsi necessari nella condizione di bisogno dell altro, o per esercitare su di esso un proprio senso di efficacia o di potere. Non era un occasione per dare prescrizioni sul modo di comportarsi, sulle scelte che l altro avrebbe dovuto fare per se stesso, secondo la propria visione delle cose, secondo il modo in cui si riteneva che si dovessero fare, o sul come dovessero andare a finire. Non era un modo per confermare in positivo l immagine di se, che facesse sentire per sentirsi bravi, efficaci, buoni, utili, o più capaci degli specialisti che avrebbero dovuto tenerla in carico. Non faceva sentire indispensabili per il bene dell altro. Con lei non si poteva avere alcun piacere nella relazione. Secondo la mia personale esperienza, credo che il vero volontariato sia in realtà un gesto che debba essere sempre solo fine a se stesso. Un donare per il piacere di restituire al mondo un po della vita che si ha ricevuto. Infatti, in casi difficili come l ascolto di Carla, può essere vissuto con soddisfazione solo se si entra in questo spirito. CONCLUSIONI La scelta di immettermi nell esperienza del volontariato che ho svolto, per me è stata un iniziativa senz altro attualizzante, nel termine concepito da Rogers. Ho ascoltato innanzitutto un bisogno di farne la semplice esperienza, al di là e prima di ogni altro scopo. Mi sono avventurata nell esplorazione di capacità e risorse, apprendendo modalità di essere e di leggere gli accadimenti della vita che mi hanno resa più consapevole dei problemi dell esistenza, e delle modalità adatte per risolverli. Ho scoperto che le mie paure, i miei sentimenti e i miei bisogni assomigliano più di quanto immaginavo a quelli degli altri, ed ho imparato che siamo tutti dotati di risorse, potendo ognuno di noi provare sempre a riattivarle. Ho acquisito maggior capacità di entrare in contatto emotivo con me stessa e con gli altri, sviluppando più semplicità e immediatezza nel dare ascolto e spazio ai miei sentimenti e ai messaggi che mi portano. Sento una libertà più ampia, e percepisco un senso generale di maggior fiducia, riuscendo a dare più valore alla mia esperienza di vita, nel bene e nel male. Il volontariato è un esperienza che consiglio a tutti. 9

10 A conclusione di questo mio percorso triennale in counseling, altra esperienza che è stata attualizzante nella mia vita, posso inoltre dire di sentirmi adesso una persona meno giudicante, più disponibile, tollerante, più cosciente di quanto ogni essere umano sia limitato, con il compito di dover crescere e di maturare per diventare semplicemente ciò che è. Una fatica comune a tanti. E in omaggio alla mia personale assunzione di responsabilità nel voler crescere, quest anno dedico questa tesina a tutte le persone che mi hanno permesso di migliorare, ma anche a me stessa! La vita a volte mi ha tenuta lontana dal vero ascolto dei miei bisogni, dei miei sentimenti. A fronte di ciò, le esperienze di cui ho parlato sono state un dono che questa volta ho fatto solo a me stessa. Resto quindi grata a tutto ciò che ho vissuto, incluso questo compito finale, perché ne ho tratto un nutrimento reale, non fittizio, ingannevole, apparente. Mi sono immessa in un teatro dell anima in cui ho sentito che le tante parti di sé di coloro che in tali esperienze ho incontrato, volontari, utenti, docenti del corso di counseling, compagni di viaggio, mi hanno resa protagonista di un movimento interiore che ha offerto al mio cuore l occasione di un balzo in avanti, di una maggior apertura verso la vita cui ora sento di appartenere in una dimensione di me più ricca, armoniosa, rappacificata, amorevole, sperante. 10

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014 Dott.ssa Francesca Alfonsi La donazione di organi da vivente permette di donare un rene e parte di fegato. Secondo la legge il donatore

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Le funzioni educative del consultorio familiare

Le funzioni educative del consultorio familiare Le funzioni educative del consultorio familiare Consultori familiari Legge quadro n. 405/1975: ai consultori è affidata la funzione di aiutare la famiglia ad affrontare nel modo migliore i propri stadi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA Relatrice dott.ssa M.Milano Vicepresidente Me.Dea Associazione di Promozione Sociale di Contrasto alla Violenza Contro la Donna ME.DEA UN TASSELLO DELLA RETE Ogni

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO MA COME TI TRUCCHI?! PER PERSONE CON DISABILITÀ. UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ. Relatore: Martina Tarlazzi Make your smile up LA NASCITA DEL

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Momo alla conquista del tempo

Momo alla conquista del tempo Momo alla conquista del tempo La vita è fatta di eventi che si susseguono nel tempo che ci è dato da vivere. Vogliamo imparare con i bambini a considerare il tempo come occasione propizia per costruire

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING Dott.ssa Claudia Cazzaniga, Psicologa Psicoterapeuta C.A.DO.M. 25 novembre 2010 Palazzo delle Stelline, Milano IL CADOM www.cadom.it Un associazione

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

Non basta un selfie per fare un se : la necessità dell altro nella costruzione del sé

Non basta un selfie per fare un se : la necessità dell altro nella costruzione del sé Non basta un selfie per fare un se : la necessità dell altro nella costruzione del sé ELENA FAINI Riva del Garda, 4 ottobre 2014 Il primo selfie conosciuto risale al 1839, quando Robert Cornelius, un pioniere

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

UFE Utenti Familiari Esperti

UFE Utenti Familiari Esperti XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Empowerment della persona come strategia di promozione della salute nei luoghi di cura, nell integrazione socio-sanitaria e nella comunità UFE Utenti Familiari

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

HAPPY CHILDREN Crescere Felici

HAPPY CHILDREN Crescere Felici HAPPY CHILDREN Crescere Felici La formazione efficace deve tradurre il contenuto dell'educazione e dell istruzione in forme di pensiero congrue all età, stimolanti e tali da invogliare il fanciullo ad

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

CORSO FIDANZATI IL COPIONE DI VITA INCONTRI PER COPPIE. PRIMO PERCORSO settembre dicembre 2012

CORSO FIDANZATI IL COPIONE DI VITA INCONTRI PER COPPIE. PRIMO PERCORSO settembre dicembre 2012 INDICE PROPOSTE SPIRITUALI DELLA COMUNITÀ DI FRATTINA CELEBRAZIONE EUCARISTICA ore 8.00 (Domenica ore 7.30 e 10.00; Giovedì ore 20.00) ALCUNE INFORMAZIONI SUI CORSI IL COPIONE DI VITA L ARTE DI COMUNICARE

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Borgonovo - 1ªC Impariamo le regole con l aiuto del nostro amico Ping Pong

Borgonovo - 1ªC Impariamo le regole con l aiuto del nostro amico Ping Pong Borgonovo - 1ªC Impariamo le regole con l aiuto del nostro amico Ping Pong INSEGNANTI: Liliana Zambianchi Maria Grazia Cavalli TESISTA: Corinne Monti Variabili misurate Frequenza degli interventi fatti

Dettagli