COUNSELING ADOLESCENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COUNSELING ADOLESCENTI"

Transcript

1 SItCoR Scuola Italiana Counseling Relazionale Castelfranco Veneto - TV Tesi di diploma COUNSELING ADOLESCENTI e WEB 2.0 Diplomando: Paola Zocca Relatore: Prof. Pierfranco Murru Anno Accademico 2012/13 1

2 Sommario INTRODUZIONE... 3 Cap. 1 LA COMUNICAZIONE DEGLI ADOLESCENTI AL TEMPO DEL WEB La rete come luogo di incontro ma anche di solitudine L analfabetismo emotivo...13 Cap. 2 IL WEB 2.0 FUNZIONAMENTO E TIPI DI SOCIAL NETWORK Dati generali sull uso delle tecnologie - modi d uso della rete...18 Cap. 3 LA DIPENDENZA DA FACEBOOK Dipendenza dal Web progetti in Italia Ambiti di intervento del Counselor Qual è l approccio del Counselor in caso di dipendenza Counseling informativo per genitori e operatori sanitari...34 CONCLUSIONI...37 BIBLIOGRAFIA...42 Altre fonti citate

3 INTRODUZIONE La frequentazione e l utilizzo dei Social Network in questi ultimi anni sono diventati un fenomeno globale. Giovani e meno giovani trascorrono molte ore della loro giornata su questi siti. L interesse crescente per i Social Network, oltre ai suoi grandi vantaggi, sta creando preoccupazioni per le potenziali conseguenze sulla vita reale dei ragazzi. Ma chi sono questi nativi digitali? Il termine nativi digitali, indica i giovani nati a partire dalla metà degli anni Novanta che hanno sempre vissuto usando Internet e i nuovi media ed hanno le seguenti caratteristiche: un'identità fluida 1, che in alcuni casi si accompagna all'analfabetismo emotivo 2 ; nuove modalità di relazione, anche affettive, che hanno nei social media il loro centro; la perdita del concetto di privacy, con tutti i vantaggi e gli svantaggi del caso; la capacità di utilizzare i nuovi media per potenziare la 1 Citato da Z. BAUMAN Modernità liquida - è la metafora della liquidità coniata da Bauman per descrivere la modernità nella quale viviamo, individualizzata, privatizzata, incerta, flessibile, vulnerabile. Internet è lo strumento elettronico, comodo e utile, che ci consente di modellare le nostre identità senza rimanere legati a una di esse. 2 Vedi par

4 propria identità sociale e la creatività di gruppo. Nell ambito della ricerca sulle piazze reali e virtuali, ho cercato di mettere a fuoco l aspetto virtuale della comunicazione fra gli adolescenti attraverso un attività di indagine basata su interviste ad un campione di studenti dell I.T.C. Fusinieri di Vicenza. L attività principale di intervista è stata accompagnata da momenti nei quali il confronto diretto con gli adolescenti ha offerto opportunità di colloquio che hanno permesso di approfondire temi significativi ed iniziare con loro un dialogo che prima non c era mai stato. Alla fine del lavoro di raccolta dati ho ritenuto opportuno non rielaborare i questionari trascrivendo numeri e percentuali ma continuare l attività iniziata con i ragazzi attraverso l ascolto attivo 3. Le nuove tecnologie ed i Social Network non sono soltanto una questione tecnologica. Ma si inseriscono nella vita quotidiana degli adolescenti, che sono molto più abili di noi nell utilizzo, ma quali effetti possono avere sui processi di comunicazione, relazione e creazione dell identità 4? L utilizzo delle nuove tecnologie induce molti cambiamenti, cambia, per esempio, il rapporto con se stessi e soprattutto con gli altri, più diretto ma molto più mediato. Le nuove tecnologie ci promettono di incontrare molte persone ma tendono a togliere il sapore, la genuinità, l originalità e la freschezza alla relazione interpersonale 3 Vedi Genitori efficaci di Thomas Gordon, edizioni La Meridiana, Tratto da I social network pag. 9 - Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 4

5 vera e propria. Cambia il modo di concepire la quotidianità. È difficile pensare alle nostre giornate senza aprire il computer o usare il cellulare; in questo senso, la nostra esperienza quotidiana subisce dei pesanti condizionamenti, può cambiare il modo di partecipare alla vita di società. Le nuove tecnologie ci danno molte più possibilità di partecipare alla vita sociale condividendo anche luoghi virtuali, ma non è detto che questa partecipazione sia effettiva. Anche il famoso sociologo Zygmunt Bauman è intervenuto a Sarzana al Festival della Mente Sul concetto di comunità e rete, sui Social Network e Facebook. Il sociologo parte con la spiegazione del significato di ambivalenza; tra l impossibilità di decidere e la scelta tra quello che ci attrae e che ci respinge. I guai sono sempre dietro l angolo e ciò che ci seduce allo stesso tempo è sempre troppo vicino. Racconta della libertà e della sicurezza, un binomio troppo difficile da equilibrare, prima nella vita offline, poi, da un po di tempo, anche nella vita online. Bauman ci aiuta a ricordare, elementi che forse possono sembrare basilari, ma che forse qualcuno tra gli utilizzatori dei social media potrebbe aver perso di vista. La ricerca di condivisione contro la solitudine, la ricerca verso quel qualcosa a cui appartenere. Ma come riuscire a mantenere la nostra unicità, ed essere riconosciuti in qualche modo dagli altri, senza perdere la nostra libertà? Il Social media, e in particolare Facebook, dice Bauman, possiamo identificarlo con uno slogan, usato per il lancio del walkman, anni e anni fa La promessa di non essere mai soli. 5

6 I social media ci rendono liberi e poco impegnati verso gli altri naviganti, a differenza delle comunità vere e proprie che ci fanno appartenere a un gruppo, in modo spesso irrazionale. Le reti sociali consentono di essere off line quando vogliamo push the button e non abbiamo, impegni, relazioni, doveri. Tutto rimane al di fuori dello schermo; dove i Digital Natives hanno più difficoltà a capire la differenza tra un amico vero e un amico solo social. 6

7 Cap. 1 LA COMUNICAZIONE DEGLI ADOLESCENTI AL TEMPO DEL WEB 2.0 I nuovi media sono luoghi virtuali di incontro, dove i ragazzi tendono a sostituire la comunicazione e le relazioni dirette a cui noi adulti siamo abituati. La distanza fra il mondo degli adulti e quello degli adolescenti oggi è molto più netta di quanto non fosse fino a pochi decenni fa, l attuale situazione pare suggerire una incomunicabilità fra generazioni divise dall uso di tecnologie comunicative che portano gli uni a escludere gli altri dalla propria esperienza. Gli adolescenti, nel comunicare tra di loro, ricorrono spesso ad una specie di codice personale, comprensibile solo a chi conosce il loro mondo interiore e il loro universo. La necessità di comunicare è, per loro, una esigenza vitale. È, nello stesso tempo, un bisogno e una apertura, che i giovani avvertono in modo inconscio, con naturalezza e spontaneità. Il loro linguaggio, però, non sempre appare comprensibile agli adulti, i quali, il più delle volte, stentano nell attribuire un significato ai loro messaggi, ai loro atteggiamenti, ai loro silenzi. È un linguaggio particolarmente articolato tanto è vero che talune volte appare non solo tortuoso ma anche espressione di più significati. Potrebbe essere definito una sorta di codice personale, 7

8 accessibile solo a chi condivide e conosce il loro mondo interiore. Anche il modo di scrivere di molti teenager ha subito una rivoluzione, essi usano un tipo di linguaggio che appartiene solo al loro mondo di adolescenti e passano sempre più tempo comunicando con gli sms o con la chat, attraverso frasi brevi e dirette, con parole spesso abbreviate per semplice comodità o per esigenza di spazio. Le tecnologie allontanano più che avvicinare, principalmente perché chi ne fa uso tende a isolarsi ed inoltre anche per le differenti competenze fra genitori e figli nell uso di strumenti informatici. L indagine è stata dunque pensata come uno strumento per indagare il mondo degli studenti delle scuole superiori a livello di comportamenti e atteggiamenti dei singoli. I Social Network danno la possibilità a tutti di esprimersi, e, come dice Riva, sono un opportunità in quanto ci permettono di relazionarci con i nostri amici reali superando il principale vincolo del faccia a faccia 5 ma non sempre abbiamo degli interlocutori interessati ad ascoltare. La comunicazione mediata da computer manca degli elementi metalinguistici propri della conversazione faccia a faccia, è priva di segnali di feedback che consentano agli attori interagenti di identificare con precisione gli aspetti relazionali e sociali (Sproull e Kiesler 1986) 6. Cambia la gestione delle relazioni: persone che sono timidissime o hanno problemi a socializzare, tramite i Social Network fanno dialoghi fiume con 5 Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 6 Guida alla Net Economy pag a cura di Bruno Lamborghini, Franco Angeli 8

9 gente che non conoscono. C è una protezione che ci permette di nasconderci dietro un identità che non è la nostra nel contatto con gli altri. Il fatto che una serie di valori specifici del nostro essere persona siano delegati ai mezzi di comunicazione può essere preoccupante. Il rischio della dipendenza è alto, sta a noi tutti avere la capacità di discernimento per un utilizzo adeguato e non eccessivo. Questi strumenti permettono di condividere valori e comportamenti non soltanto delle mode o degli atteggiamenti; quanto si è liberi di scegliere un proprio percorso dentro la realtà virtuale? I nuovi media ci danno l impressione di un estrema libertà di movimento e di espressione; possiamo comunicare a beneficio di un pubblico vastissimo e possiamo trovare tutto quello che vogliamo. Il rischio di questa grande quantità di informazioni lo troviamo nell impossibilità di trovare realmente, in quella mole di dati ciò che cerchiamo ; una sfida caratteristica dell adolescenza è quella di trovare un identità propria. Noi siamo stati abituati a vivere in contesti particolari, come la famiglia, la scuola, l oratorio, ma non sappiamo fino a che punto i contesti in cui si incontrano oggi le nuove generazioni sono spazi di grande libertà oppure luoghi di alienazione. I media hanno un potere di suggestione che è molto efficace, finiscono per appropriarsi di spazi di educazione e di formazione che dovrebbero essere della famiglia, della scuola e delle altre agenzie educative. C è bisogno di avere nuove competenze per affrontare questa sfida, da declinare nel senso di un'attitudine a cercare insieme: serve una consapevolezza di uso 9

10 prima in noi e poi nei nostri ragazzi, serve una specifica competenza anche di tipo valoriale: mi serve o non mi serve quello che sto facendo? Dobbiamo provare a mettere in evidenza il sistema di valori a cui fanno riferimento questi media, anche a partire dalla rivalutazione di alcuni termini importanti come amicizia, amore, comunità, che vengono usati in modo spesso superficiale. La community, per esempio, non ha niente a che fare con l idea di comunità che abbiamo in mente noi ma indica un insieme di contatti e di identità che possono anche essere fittizie, quindi possono generare un po di confusione in una fase di crescita in cui proprio la ricerca di identità è un nodo problematico. La sfida che ci riguarda è quella di aiutare i nostri ragazzi a distinguere ciò che è utile da quello che non lo è, a sviluppare una capacità critica utile per discernere. Siamo chiamati a ritrovare il senso della comunicazione attraverso i media, sia cercando il significato del loro uso, sia imponendo noi la direzione in cui vogliamo andare, usando i mezzi di comunicazione. Bisogna passare dalla semplice ricezione alla fruizione: dobbiamo saper trarre frutto da quello che usiamo e dobbiamo riscoprire i valori fondamentali della vita per capire cosa ci si può davvero aspettare da questi nuovi media. I ragazzi hanno desiderio di capire chi sono, di trovare un identità solida 7, hanno bisogno di essere ascoltati e di potersi esprimere, hanno anche il 7 La concezione dell identità secondo ZYGMUNT BAUMAN - testo di riferimento: Intervista sull identità, Z. Bauman, Editori Laterza, Roma-Bari,

11 desiderio di scoprire se stessi, perché ancora non sanno bene chi sono, hanno un forte desiderio di incontro e di relazione. Non dobbiamo lasciare che questi desideri evolutivi siano solo nelle mani dei media, altrimenti siamo spiazzati; consapevolezza, capacità critica e gusto non si devono spegnere, è necessaria una base etica di valori saldi, che rimangano sempre. La comunicazione deve rimanere sempre un attività fatta da persona a persona, dobbiamo mantenere la capacità di raccontarci e dirci le parole vere, quelle che ci salvano e che ci aiutano, su cui ha senso costruire il nostro percorso di vita La rete come luogo di incontro ma anche di solitudine Un dato interessante sui comportamenti tra virtuale e reale è che il 47% degli intervistati asserisce di essersi incontrato almeno una volta con persone conosciute online. Non è detto che, in quelle percentuali, debbano necessariamente nascondersi comportamenti non corretti, dato che per la maggior parte dei casi potrebbe semplicemente trattarsi dell'incontro nella vita reale con l'amico dell'amico conosciuto in chat o su Facebook; tuttavia l'entità del fenomeno fa riflettere, in realtà, come l esperienza del mondo reale ci insegna, non tutte le relazioni sono amicizie 8. Il discorso delle amicizie con sconosciuti tocca un tema delicato e inquietante che presenta cifre molto alte, ma possiamo vedere la cosa anche da un altro punto di vista come è apparso sull articolo 8 Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 11

12 del Giornale di Vicenza del 27 maggio 2012 nella pagina Giovani e Social Network dove la questione di fondo è affrontare la sfida dell uso della rete in funzione educativa in modo realistico, non prevenuto e con la fiducia che la sfida valga la pena; bisogna pensare alla rete come qualcosa di fisiologico, non patologico. L altra domanda che dobbiamo porci è se è vero che i Social Network ci rendono asociali; qualche giorno fa, in autobus, osservando gli adolescenti notavo che quasi tutti erano intenti ad armeggiare con il loro cellulare, con un Ipad o altro ritrovato della tecnologia. Ho intravisto qualcuno alle prese con Facebook e non ho potuto fare a meno di sorridere notando il contrasto tra la solitudine in cui ciascuno era immerso, l estraniamento rispetto alla realtà circostante e il significato del termine social network (letteralmente rete sociale). Mi sono chiesta se davvero questo portale, e il mondo web in generale ci consentano di instaurare relazioni autentiche o se in realtà rendano ognuno di noi un po più asociale. Ho anche pensato al modo in cui si stringono relazioni di amicizia: prima su Facebook poi, in seconda battuta, nella realtà. Cosa dire poi della frase ormai consueta: Ma come mai non ti ho tra i miei amici su Facebook?, come se dichiararsi amici lì, fosse il solo viatico per un rapporto autentico. Per non parlare di quando qualcuno ci arreca un offesa: anziché cercare un confronto, lo eliminiamo immediatamente dai nostri amici del network. Ho l impressione che la realtà venga sempre più filtrata dal Web; non a caso in questi ultimi anni abbiamo assistito 12

13 all insorgere di una nuova patologia: la dipendenza dalla rete 9, che in alcuni casi è molto simile alla dipendenza da alcool o da sostanze stupefacenti. Internet riserva sicuramente moltissimi vantaggi ed offre la possibilità di accorciare le distanze, risparmiare tempo e reperire immediatamente una mole di informazioni sino a qualche anno fa inimmaginabile ma, come per tutte le cose, può avere delle controindicazioni legate ad un uso eccessivo. Ma perché ci si appassiona tanto al web? Perché la rete permette di vivere moltissime esperienze rimanendo comodamente a casa, quindi in un ambiente protetto e con un esposizione minima; è possibile creare un identità alternativa, magari completamente opposta a quella reale, aumentare così la propria autostima proponendosi agli altri in un modo del tutto nuovo, mantenendo però una distanza di sicurezza. Non ci si guarda negli occhi, non ci si tocca, non si ascolta la voce del nostro interlocutore, però la rete ci consente di essere ciò che vogliamo, dove e quando lo desideriamo, pur rimanendo nei pochi metri quadrati della stanza in cui è presente il nostro computer. 1.2 L analfabetismo emotivo A rendere precarie e leggere le relazioni sociali nei social network è anche un altro possibile effetto dell uso massiccio dei social media: l analfabetismo emotivo 10. Nell interazione mediata, la 9 Vedi cap Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 13

14 fisicità del corpo è sostituita da quella del medium; ciò priva il soggetto di un importante punto di riferimento nel processo di apprendimento e comprensione delle emozioni proprie e altrui con effetti che vanno dal disinteresse emotivo alla psicopatia. Con l espressione analfabetismo emotivo emozional litteracy Goleman 11 intende: la mancanza di consapevolezza e quindi di controllo delle proprie emozioni e dei comportamenti ad esse associati; la mancanza di consapevolezza delle ragioni per le quali si prova una certa emozione; l incapacità a relazionarsi con le emozioni altrui - non riconosciute e comprese - e con i comportamenti che da esse scaturiscono. Un fattore di incremento dell analfabetismo emotivo è l utilizzo massiccio dei media che favoriscono un modello di relazioni mediate, privando il soggetto di quegli script utili alla lettura e l applicazione dei comportamenti sociali. A venir meno è soprattutto la capacità di riconoscere le emozioni dell altro e, di riflesso, di comprendere le proprie; ciò in prima istanza porta al disinteresse emotivo. Sto parlando di ragazzi che comunicando spesso tramite la tecnologia hanno disimparato a riconoscere la ricchezza della comunicazione diretta (le sfumature importanti della comunicazione non verbale). Certo è che il social network 11 Intelligenza Emotiva - Daniel Goleman, Rizzoli, Milano

15 spesso facilita l espressione di sé, abbattendo il timore del giudizio immediato. Svelare se stessi ad un social network in ogni caso non offre la giusta ricompensa relazionale: l uomo è fatto di emozioni e pensieri fluidi. I pensieri e le emozioni di un adolescente sono ancor più fluidi, alla ricerca di risposte e conferme che sono frustrate dalla comunicazione mediata. 15

16 Cap. 2 IL WEB 2.0 FUNZIONAMENTO E TIPI DI SOCIAL NETWORK Quando parlo di Web , intendo quell insieme piuttosto variegato di servizi forniti attraverso Internet che rappresenta un passo avanti nell evoluzione dei siti web, verso la condivisione di informazioni fra utenti e l interazione tra utenti e siti visitati. Si tratta dunque di siti dove gli utenti non hanno la sola funzione di fruitori e destinatari di un messaggio, ma prendono parte in prima persona alla generazione dei contenuti. Come scrive Antonio Spadaro, nel web 2.0 il senso della pubblicazione è la partecipazione. Pubblicare significa partecipare, cioè condividere. Il centro di questa rete sono i contenuti scambiati all interno del Social Network 13. Nella cornice impostata da questa vaga definizione possono essere inquadrate molte applicazioni diverse, dai tradizionali forum e chat, alle piattaforme di condivisione di documenti, come Google Docs, ai sistemi wiki, come Wikipedia, ai servizi di social bookmarking 14, come per esempio del.icio.us 15, 12 Il Web 2.0 è l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono un elevato livello di interazione tra il sito web e l'utente 13 Tratto da WEB 2.0 pag. 13 Antonio Spadaro, (2010), Ed. Paoline 14 Il Social bookmarking è un servizio basato sul web, dove vengono resi disponibili elenchi di segnalibri (bookmark) creati dagli utenti 15 del.icio.us è un sito web di social bookmarking per l'archiviazione, ricerca e condivisione di 16

17 fino ad arrivare ai siti più popolari in questi ultimi anni, ossia i social network, come LinkedIn, Netlog, Facebook e Twitter. Giuseppe Riva definisce il social network come una piattaforma basata sui nuovi media che consenta all utente di gestire sia la propria rete sociale, sia la propria identità sociale 16. Con questa etichetta si indicano quindi tutti quei servizi che permettono a gruppi di persone di connettersi fra di loro per mantenere vivi rapporti professionali, sociali o di amicizia. Generalmente entrare in una rete sociale prevede che l utente si costruisca un profilo personale, che descriva sia la persona fisica con i suoi interessi, la sua storia professionale e il suo curriculum studiorum, sia il suo ambiente virtuale (indirizzi di siti personali, indirizzi di posta elettronica); il passo successivo è quello di creare la propria rete di contatti, stabilendo relazioni con altri utenti della rete, che generalmente sono simmetriche (come nel caso degli amici in Facebook o dei contatti in LinkedIn), ma talora sono unidirezionali (come nel caso del rapporto di sequela che si instaura in Twitter, dove si può avere un follower rispetto al quale non si crea un rapporto simmetrico di following 17 ), infine, si possono sfruttare le funzioni proprie della rete in questione per dialogare con i propri contatti, semplicemente leggere che cosa fanno, condividere informazioni, collegamenti o materiali multimediali. Il cyberspazio, bookmark, creato nel 2003 da Joshua Schachter ed acquisito nel dicembre 2005 da Yahoo 16 Tratto da I social network pag. 17 Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 17 Il following è quando permettiamo che qualcuno segua le nostre discussioni senza che noi seguiamo le sue. 17

18 così viene definito dai ricercatori il luogo digitale dei social network, unisce alcune caratteristiche delle reti sociali tradizionali (interazione, supporto e controllo sociale) con le caratteristiche del Web (multimedialità, creazione e condivisione di contenuti) Dati generali sull uso delle tecnologie - modi d uso della rete Quanto emerge dall indagine condotta a Bergamo da Lazzari e Jacono Quarantino, l 80,4% possiede un cellulare proprio, il 19,1% più d uno e soltanto 6 ragazzi, pari allo 0,4%, non ne hanno neppure uno; l 80,6% dichiara di possedere e usare un lettore mp3, il 13,4% di usare in sua vece il cellulare per ascoltare musica e solo il 6% si dichiara sprovvisto di un simile strumento di riproduzione audio. Il 4% non dispone di una connessione Internet a casa, il 12,1% ha una connessione a consumo e l 83,9% una connessione a tariffa fissa e uso illimitato. Per quanto riguarda la televisione, il 26,3% dichiara di vederla per meno di un ora al giorno, il 32,8% per un tempo compreso fra una e due ore, il restante 40,9% per più di due ore; rispetto all uso di Internet le percentuali passano rispettivamente al 30,3%, 40,4% e 29,3%. Prevale dunque l uso del mezzo televisivo rispetto a quello interattivo di Internet. Ma i social Network non sono utilizzati esclusivamente dai giovani; Facebook piace anche alla polizia; si è visto che le tradizionali piattaforme di comunicazione come 18 Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 18

19 giornali, TV e radio non sono canali di comunicazione efficaci con le parti più giovani della popolazione, i social media si sono dimostrati molto utili in situazioni eccezionali come gli attacchi terroristici o le calamità. In una grave crisi, i social media rappresentano un mezzo di comunicazione collaudato per tenere la gente informata senza dipendere dall'infrastruttura informatica della polizia. Il nuovo rapporto di Composite, che sta per Comparative police studies in the EU (questo il nome del progetto finanziato), Best Practice in Police Social Media Adaptation, tratta infatti, in maniera dettagliata, in che modo i social media possono essere usati per supportare il lavoro della polizia, dalla comunicazione con il grande pubblico alla redazione di profili criminali in base alle loro preferenze. I social media sono i nuovi spazi pubblici, dove la polizia deve essere presente e visibile. Una importante questione legale e procedurale per le forze di polizia è inoltre la cooperazione con provider come Facebook o Twitter, aziende private con sede all'estero sotto giurisdizione estera; tuttavia, questi sforzi sono visti come proficui in rapporto ai possibili benefici dell uso dei social media da parte della polizia soprattutto per quanto riguarda la fascia adolescenziale perché sono proprio gli adolescenti che li usano quotidianamente. 19

20 Cap. 3 LA DIPENDENZA DA FACEBOOK L uso eccessivo della rete può portare gradualmente alcuni individui a una restrizione delle relazioni con gli altri, in quanto l esperienza virtuale viene percepita e vissuta come più agevole rispetto alla realtà. 19 L individuo scopre con piacere una facilità di comunicazione interpersonale mai sperimentata e, in una prima fase, tende a idealizzare gli altri e se stesso, sovrastimando l importanza dei messaggi e il valore della frequenza con cui li invia e li riceve. Questa prima fase entusiastica, una vera e propria luna di miele nel social-network, tende a stemperarsi nella routine e si conclude definitivamente con le prime delusioni. Le relazioni faccia a faccia si rivelano fonte di frustrazione o la semplice conoscenza con un contatto riserva inspiegabili e inaspettate battute d arresto. Così l utente a rischio intensifica la propria presenza sul social-network alla ricerca di nuovi e più gratificanti contatti per rinnovare il piacere sperimentato all inizio. Il rischio è di perdere la dimensione del tempo e di trascorrere ore e ore al terminale, riducendo drasticamente il numero delle esperienze reali; ci si può isolare completamente dagli affetti più 19 Tratto da Nuovi adolescenti nuovi disagi - Ulisse Mariani e Rosanna Schiralli, Oscar Mondadori,

21 cari, smettere pian piano di uscire di casa, mettere a repentaglio gli impegni più importanti della propria vita, lavoro compreso. Individui con diagnosi da dipendenza da internet hanno raccontato di aver preso giorni di malattia in modo da non allontanarsi dal proprio computer ed essere continuamente connessi. Oltre alla dipendenza da social network sono state identificate anche dipendenze da gioco d azzardo, da siti pornografici, da videogames e dalla ricerca compulsiva di informazioni (information overload). Quando la dipendenza è instaurata determina una relazione inversa tra numerosità degli amici in lista e il senso di alienazione e solitudine percepiti nella vita reale. Più è intensa l attività online, meno è concreta e partecipata l esperienza emotiva nelle relazioni faccia a faccia. Il dipendente da Facebook può trasporre lo stile di comunicazione efficace sul social-network, fatta di frasi brevi e di commenti estemporanei nell interazione reale, rendendosi per questo inconsapevolmente inadeguato. Un esempio di questa trasposizione è l utilizzo deliberato del telefono cellulare per aggiornare in diretta il profilo Facebook in situazioni sociali. Il dipendente da Facebook sembra non distinguere l identità pubblica in rete dall identità privata, sente il bisogno di alimentare costantemente la prima a detrimento della seconda. Se non esisto su Facebook, non esisto. La paura che la propria identità si dissolva, se non impressa nella Rete, spinge ad intensificare l attività online in una spirale di dipendenza e di progressiva 21

22 alienazione dall esperienza concreta della realtà. L utilizzo compulsivo del social-network può interferire sullo studio o sul lavoro e può complicare notevolmente il raggiungimento di obiettivi. I sentimenti di inadeguatezza e il vissuto depressivo che risulta dalla vita reale induce il dipendente da Facebook a rifugiarsi sempre di più nell avatar (immagine scelta per rappresentare la propria utenza in community). In breve tempo la friendship addiction (amico dipendenza) motivata dal bisogno di accrescere l autostima e le relazioni sociali, produce l effetto contrario: la persona è confinata in un cimitero virtuale di volti indifferenti e in una solitudine sospesa ai fili degli esili rapporti virtuali. Nell ansietà dell isolamento sociale sostanziale, anche se non apparente, il dipendente da Facebook spesso è vittima di pensieri persecutori (gli altri mi vogliono ridicolizzare, mi vogliono danneggiare) o di riferimento (gli altri parlano di me, scrivono frasi riferite a me) che possono raggiungere le dimensioni schiaccianti della rimuginazione ininterrotta e della paranoia. Con l'utilizzo dei Social Network già molte persone mostrano segni sempre più seri ed invalidanti di dipendenza, con sintomi di tolleranza (assuefazione), ovvero la necessità di stare collegati e/o aggiornare i contenuti personali della propria pagina sempre di più ad ogni nuova connessione per raggiungere la medesima sensazione di appagamento; sintomi di astinenza, cioè la sperimentazione di intensi disagi psico-fisici nel caso non ci si colleghi per un certo periodo; ed infine sintomi di Craving, 22

23 ovvero la presenza sempre maggiore di pensieri fissi e di forti impulsi verso come e quando connettersi. I sintomi della dipendenza da Facebook si possono riassumere in: sintomi psichici; tristezza, preoccupazione, indifferenza, apatia, indecisione, inibizione nelle relazioni sociali reali, diminuita capacità attentiva e mnemonica, pessimismo, idee di rovina o di catastrofe imminente, auto-svalutazione, senso di colpa, sospettosità nei confronti degli altri sintomi psicosomatici; insonnia con risvegli notturni immotivati caratterizzati dal pensiero delle relazioni o delle attività online, affaticamento cronico, annebbiamento della vista o sensazioni di visione anomala, emicranie, senso di oppressione al petto, nausea e disturbi dell alimentazione. Sul piano dei comportamenti, alcune modalità sono spie da dipendenza da social-network: connettersi più volte al giorno e più volte nelle stesse ore; pensiero rivolto costantemente alle attività sul profilo; interrompere il lavoro o lo studio per aprire la schermata del social-network; possedere e aggiornare più di un profilo; continuare l attività su Facebook anche durante i pasti; sentirsi tesi e nervosi se non si può accedere al socialnetwork perché senza connessione; 23

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO Indagine sull'uso di Internet e dei Social Network tra i ragazzi di scuole secondarie di primo grado di Modena Modena, 21 Ottobre 2011 CONTESTO

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it Pietro Maffi mpietro@yahoo.com CYBERSPAZIO: spazio reale o fittizio? Riduzione dei vincoli spazio-temporali Separazione dal contesto della comunicazione Utilizzo

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica

Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica 1 LO FACCIO PER IL TUO BENE? 2 SCELTE EDUCATIVE Processi di elaborazione di pensierie decisioniche precedono l azione educativa. Le compiamo continuamente Alcune

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE.

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. QUELLO CHE ACCADE IN QUESTO CONTESTO DIGITALE QUANDO DIVENTA UN PROBLEMA per i genitori? ERA DIGITALE

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza (Parte dei contenuti del testo sono tratti dai contributi di Mauro Palazzi ai corsi di formazione sul rischio in situazioni di emergenza)

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

L età del NON PIÙ e del NON ANCORA

L età del NON PIÙ e del NON ANCORA L età del NON PIÙ e del NON ANCORA PREADOLESCENZA non più e non ancora Pensiero: principio di realtà Intelligenza: pensiero operatorio astratto Mondo di riferimento: coetanei Relazione: collaborativa BAMBINO

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Informazioni e indicazioni per i genitori Le tecnologie audiovisive e digitali sono strumenti molto utili per la formazione ed il divertimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Introduzione alla Media Education

Introduzione alla Media Education Introduzione alla Media Education Maria Ranieri 18 febbraio 2014 LA MUSICA CONTRO LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE Media education Storia e definizioni Media education: di cosa si occupa Possiamo definire

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Il Counselling nella fase avanzata di malattia Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Spunti di riflessione 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 2 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 3 La partenza è nel Codice Deontologico

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13

Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13 Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13 Progetto Family Network Comune di Spinea 05 febbraio 2015 Tre mondi paralleli : OLTRE I 50 ANNI:

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

Obiettivi generali Per gli studenti: Per i genitori: Per la scuola come istituzione educativa: Obiettivi specifici Destinatari:

Obiettivi generali Per gli studenti: Per i genitori: Per la scuola come istituzione educativa: Obiettivi specifici Destinatari: UNA SCUOLA PER AMARE Progetto sperimentale di educazione affettiva e di prevenzione del disagio adolescenziale e delle devianze rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di alcune

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA. Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014

ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA. Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014 Oggetto=Ricerca Regionale. Al Forags Emilia-Romagna Al Consiglio Regionale Age Alle Age Locali Martedi 27 maggio,dalle ore 15

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche

Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche Premessa Il presente documento è frutto di un incontro tra gli incaricati regionali alla comunicazione, avvenuto ad ottobre 2015,

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli

La Stanza dei Ragazzi

La Stanza dei Ragazzi La Stanza dei Ragazzi Aiuto psicologico per difficoltà scolastiche (da 6 anni a 14 anni) Handling onlus Psicologia per le nuove famiglie www.handling-onlus.it In sintesi La stanza dei ragazzi è un progetto

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli