COUNSELING ADOLESCENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COUNSELING ADOLESCENTI"

Transcript

1 SItCoR Scuola Italiana Counseling Relazionale Castelfranco Veneto - TV Tesi di diploma COUNSELING ADOLESCENTI e WEB 2.0 Diplomando: Paola Zocca Relatore: Prof. Pierfranco Murru Anno Accademico 2012/13 1

2 Sommario INTRODUZIONE... 3 Cap. 1 LA COMUNICAZIONE DEGLI ADOLESCENTI AL TEMPO DEL WEB La rete come luogo di incontro ma anche di solitudine L analfabetismo emotivo...13 Cap. 2 IL WEB 2.0 FUNZIONAMENTO E TIPI DI SOCIAL NETWORK Dati generali sull uso delle tecnologie - modi d uso della rete...18 Cap. 3 LA DIPENDENZA DA FACEBOOK Dipendenza dal Web progetti in Italia Ambiti di intervento del Counselor Qual è l approccio del Counselor in caso di dipendenza Counseling informativo per genitori e operatori sanitari...34 CONCLUSIONI...37 BIBLIOGRAFIA...42 Altre fonti citate

3 INTRODUZIONE La frequentazione e l utilizzo dei Social Network in questi ultimi anni sono diventati un fenomeno globale. Giovani e meno giovani trascorrono molte ore della loro giornata su questi siti. L interesse crescente per i Social Network, oltre ai suoi grandi vantaggi, sta creando preoccupazioni per le potenziali conseguenze sulla vita reale dei ragazzi. Ma chi sono questi nativi digitali? Il termine nativi digitali, indica i giovani nati a partire dalla metà degli anni Novanta che hanno sempre vissuto usando Internet e i nuovi media ed hanno le seguenti caratteristiche: un'identità fluida 1, che in alcuni casi si accompagna all'analfabetismo emotivo 2 ; nuove modalità di relazione, anche affettive, che hanno nei social media il loro centro; la perdita del concetto di privacy, con tutti i vantaggi e gli svantaggi del caso; la capacità di utilizzare i nuovi media per potenziare la 1 Citato da Z. BAUMAN Modernità liquida - è la metafora della liquidità coniata da Bauman per descrivere la modernità nella quale viviamo, individualizzata, privatizzata, incerta, flessibile, vulnerabile. Internet è lo strumento elettronico, comodo e utile, che ci consente di modellare le nostre identità senza rimanere legati a una di esse. 2 Vedi par

4 propria identità sociale e la creatività di gruppo. Nell ambito della ricerca sulle piazze reali e virtuali, ho cercato di mettere a fuoco l aspetto virtuale della comunicazione fra gli adolescenti attraverso un attività di indagine basata su interviste ad un campione di studenti dell I.T.C. Fusinieri di Vicenza. L attività principale di intervista è stata accompagnata da momenti nei quali il confronto diretto con gli adolescenti ha offerto opportunità di colloquio che hanno permesso di approfondire temi significativi ed iniziare con loro un dialogo che prima non c era mai stato. Alla fine del lavoro di raccolta dati ho ritenuto opportuno non rielaborare i questionari trascrivendo numeri e percentuali ma continuare l attività iniziata con i ragazzi attraverso l ascolto attivo 3. Le nuove tecnologie ed i Social Network non sono soltanto una questione tecnologica. Ma si inseriscono nella vita quotidiana degli adolescenti, che sono molto più abili di noi nell utilizzo, ma quali effetti possono avere sui processi di comunicazione, relazione e creazione dell identità 4? L utilizzo delle nuove tecnologie induce molti cambiamenti, cambia, per esempio, il rapporto con se stessi e soprattutto con gli altri, più diretto ma molto più mediato. Le nuove tecnologie ci promettono di incontrare molte persone ma tendono a togliere il sapore, la genuinità, l originalità e la freschezza alla relazione interpersonale 3 Vedi Genitori efficaci di Thomas Gordon, edizioni La Meridiana, Tratto da I social network pag. 9 - Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 4

5 vera e propria. Cambia il modo di concepire la quotidianità. È difficile pensare alle nostre giornate senza aprire il computer o usare il cellulare; in questo senso, la nostra esperienza quotidiana subisce dei pesanti condizionamenti, può cambiare il modo di partecipare alla vita di società. Le nuove tecnologie ci danno molte più possibilità di partecipare alla vita sociale condividendo anche luoghi virtuali, ma non è detto che questa partecipazione sia effettiva. Anche il famoso sociologo Zygmunt Bauman è intervenuto a Sarzana al Festival della Mente Sul concetto di comunità e rete, sui Social Network e Facebook. Il sociologo parte con la spiegazione del significato di ambivalenza; tra l impossibilità di decidere e la scelta tra quello che ci attrae e che ci respinge. I guai sono sempre dietro l angolo e ciò che ci seduce allo stesso tempo è sempre troppo vicino. Racconta della libertà e della sicurezza, un binomio troppo difficile da equilibrare, prima nella vita offline, poi, da un po di tempo, anche nella vita online. Bauman ci aiuta a ricordare, elementi che forse possono sembrare basilari, ma che forse qualcuno tra gli utilizzatori dei social media potrebbe aver perso di vista. La ricerca di condivisione contro la solitudine, la ricerca verso quel qualcosa a cui appartenere. Ma come riuscire a mantenere la nostra unicità, ed essere riconosciuti in qualche modo dagli altri, senza perdere la nostra libertà? Il Social media, e in particolare Facebook, dice Bauman, possiamo identificarlo con uno slogan, usato per il lancio del walkman, anni e anni fa La promessa di non essere mai soli. 5

6 I social media ci rendono liberi e poco impegnati verso gli altri naviganti, a differenza delle comunità vere e proprie che ci fanno appartenere a un gruppo, in modo spesso irrazionale. Le reti sociali consentono di essere off line quando vogliamo push the button e non abbiamo, impegni, relazioni, doveri. Tutto rimane al di fuori dello schermo; dove i Digital Natives hanno più difficoltà a capire la differenza tra un amico vero e un amico solo social. 6

7 Cap. 1 LA COMUNICAZIONE DEGLI ADOLESCENTI AL TEMPO DEL WEB 2.0 I nuovi media sono luoghi virtuali di incontro, dove i ragazzi tendono a sostituire la comunicazione e le relazioni dirette a cui noi adulti siamo abituati. La distanza fra il mondo degli adulti e quello degli adolescenti oggi è molto più netta di quanto non fosse fino a pochi decenni fa, l attuale situazione pare suggerire una incomunicabilità fra generazioni divise dall uso di tecnologie comunicative che portano gli uni a escludere gli altri dalla propria esperienza. Gli adolescenti, nel comunicare tra di loro, ricorrono spesso ad una specie di codice personale, comprensibile solo a chi conosce il loro mondo interiore e il loro universo. La necessità di comunicare è, per loro, una esigenza vitale. È, nello stesso tempo, un bisogno e una apertura, che i giovani avvertono in modo inconscio, con naturalezza e spontaneità. Il loro linguaggio, però, non sempre appare comprensibile agli adulti, i quali, il più delle volte, stentano nell attribuire un significato ai loro messaggi, ai loro atteggiamenti, ai loro silenzi. È un linguaggio particolarmente articolato tanto è vero che talune volte appare non solo tortuoso ma anche espressione di più significati. Potrebbe essere definito una sorta di codice personale, 7

8 accessibile solo a chi condivide e conosce il loro mondo interiore. Anche il modo di scrivere di molti teenager ha subito una rivoluzione, essi usano un tipo di linguaggio che appartiene solo al loro mondo di adolescenti e passano sempre più tempo comunicando con gli sms o con la chat, attraverso frasi brevi e dirette, con parole spesso abbreviate per semplice comodità o per esigenza di spazio. Le tecnologie allontanano più che avvicinare, principalmente perché chi ne fa uso tende a isolarsi ed inoltre anche per le differenti competenze fra genitori e figli nell uso di strumenti informatici. L indagine è stata dunque pensata come uno strumento per indagare il mondo degli studenti delle scuole superiori a livello di comportamenti e atteggiamenti dei singoli. I Social Network danno la possibilità a tutti di esprimersi, e, come dice Riva, sono un opportunità in quanto ci permettono di relazionarci con i nostri amici reali superando il principale vincolo del faccia a faccia 5 ma non sempre abbiamo degli interlocutori interessati ad ascoltare. La comunicazione mediata da computer manca degli elementi metalinguistici propri della conversazione faccia a faccia, è priva di segnali di feedback che consentano agli attori interagenti di identificare con precisione gli aspetti relazionali e sociali (Sproull e Kiesler 1986) 6. Cambia la gestione delle relazioni: persone che sono timidissime o hanno problemi a socializzare, tramite i Social Network fanno dialoghi fiume con 5 Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 6 Guida alla Net Economy pag a cura di Bruno Lamborghini, Franco Angeli 8

9 gente che non conoscono. C è una protezione che ci permette di nasconderci dietro un identità che non è la nostra nel contatto con gli altri. Il fatto che una serie di valori specifici del nostro essere persona siano delegati ai mezzi di comunicazione può essere preoccupante. Il rischio della dipendenza è alto, sta a noi tutti avere la capacità di discernimento per un utilizzo adeguato e non eccessivo. Questi strumenti permettono di condividere valori e comportamenti non soltanto delle mode o degli atteggiamenti; quanto si è liberi di scegliere un proprio percorso dentro la realtà virtuale? I nuovi media ci danno l impressione di un estrema libertà di movimento e di espressione; possiamo comunicare a beneficio di un pubblico vastissimo e possiamo trovare tutto quello che vogliamo. Il rischio di questa grande quantità di informazioni lo troviamo nell impossibilità di trovare realmente, in quella mole di dati ciò che cerchiamo ; una sfida caratteristica dell adolescenza è quella di trovare un identità propria. Noi siamo stati abituati a vivere in contesti particolari, come la famiglia, la scuola, l oratorio, ma non sappiamo fino a che punto i contesti in cui si incontrano oggi le nuove generazioni sono spazi di grande libertà oppure luoghi di alienazione. I media hanno un potere di suggestione che è molto efficace, finiscono per appropriarsi di spazi di educazione e di formazione che dovrebbero essere della famiglia, della scuola e delle altre agenzie educative. C è bisogno di avere nuove competenze per affrontare questa sfida, da declinare nel senso di un'attitudine a cercare insieme: serve una consapevolezza di uso 9

10 prima in noi e poi nei nostri ragazzi, serve una specifica competenza anche di tipo valoriale: mi serve o non mi serve quello che sto facendo? Dobbiamo provare a mettere in evidenza il sistema di valori a cui fanno riferimento questi media, anche a partire dalla rivalutazione di alcuni termini importanti come amicizia, amore, comunità, che vengono usati in modo spesso superficiale. La community, per esempio, non ha niente a che fare con l idea di comunità che abbiamo in mente noi ma indica un insieme di contatti e di identità che possono anche essere fittizie, quindi possono generare un po di confusione in una fase di crescita in cui proprio la ricerca di identità è un nodo problematico. La sfida che ci riguarda è quella di aiutare i nostri ragazzi a distinguere ciò che è utile da quello che non lo è, a sviluppare una capacità critica utile per discernere. Siamo chiamati a ritrovare il senso della comunicazione attraverso i media, sia cercando il significato del loro uso, sia imponendo noi la direzione in cui vogliamo andare, usando i mezzi di comunicazione. Bisogna passare dalla semplice ricezione alla fruizione: dobbiamo saper trarre frutto da quello che usiamo e dobbiamo riscoprire i valori fondamentali della vita per capire cosa ci si può davvero aspettare da questi nuovi media. I ragazzi hanno desiderio di capire chi sono, di trovare un identità solida 7, hanno bisogno di essere ascoltati e di potersi esprimere, hanno anche il 7 La concezione dell identità secondo ZYGMUNT BAUMAN - testo di riferimento: Intervista sull identità, Z. Bauman, Editori Laterza, Roma-Bari,

11 desiderio di scoprire se stessi, perché ancora non sanno bene chi sono, hanno un forte desiderio di incontro e di relazione. Non dobbiamo lasciare che questi desideri evolutivi siano solo nelle mani dei media, altrimenti siamo spiazzati; consapevolezza, capacità critica e gusto non si devono spegnere, è necessaria una base etica di valori saldi, che rimangano sempre. La comunicazione deve rimanere sempre un attività fatta da persona a persona, dobbiamo mantenere la capacità di raccontarci e dirci le parole vere, quelle che ci salvano e che ci aiutano, su cui ha senso costruire il nostro percorso di vita La rete come luogo di incontro ma anche di solitudine Un dato interessante sui comportamenti tra virtuale e reale è che il 47% degli intervistati asserisce di essersi incontrato almeno una volta con persone conosciute online. Non è detto che, in quelle percentuali, debbano necessariamente nascondersi comportamenti non corretti, dato che per la maggior parte dei casi potrebbe semplicemente trattarsi dell'incontro nella vita reale con l'amico dell'amico conosciuto in chat o su Facebook; tuttavia l'entità del fenomeno fa riflettere, in realtà, come l esperienza del mondo reale ci insegna, non tutte le relazioni sono amicizie 8. Il discorso delle amicizie con sconosciuti tocca un tema delicato e inquietante che presenta cifre molto alte, ma possiamo vedere la cosa anche da un altro punto di vista come è apparso sull articolo 8 Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 11

12 del Giornale di Vicenza del 27 maggio 2012 nella pagina Giovani e Social Network dove la questione di fondo è affrontare la sfida dell uso della rete in funzione educativa in modo realistico, non prevenuto e con la fiducia che la sfida valga la pena; bisogna pensare alla rete come qualcosa di fisiologico, non patologico. L altra domanda che dobbiamo porci è se è vero che i Social Network ci rendono asociali; qualche giorno fa, in autobus, osservando gli adolescenti notavo che quasi tutti erano intenti ad armeggiare con il loro cellulare, con un Ipad o altro ritrovato della tecnologia. Ho intravisto qualcuno alle prese con Facebook e non ho potuto fare a meno di sorridere notando il contrasto tra la solitudine in cui ciascuno era immerso, l estraniamento rispetto alla realtà circostante e il significato del termine social network (letteralmente rete sociale). Mi sono chiesta se davvero questo portale, e il mondo web in generale ci consentano di instaurare relazioni autentiche o se in realtà rendano ognuno di noi un po più asociale. Ho anche pensato al modo in cui si stringono relazioni di amicizia: prima su Facebook poi, in seconda battuta, nella realtà. Cosa dire poi della frase ormai consueta: Ma come mai non ti ho tra i miei amici su Facebook?, come se dichiararsi amici lì, fosse il solo viatico per un rapporto autentico. Per non parlare di quando qualcuno ci arreca un offesa: anziché cercare un confronto, lo eliminiamo immediatamente dai nostri amici del network. Ho l impressione che la realtà venga sempre più filtrata dal Web; non a caso in questi ultimi anni abbiamo assistito 12

13 all insorgere di una nuova patologia: la dipendenza dalla rete 9, che in alcuni casi è molto simile alla dipendenza da alcool o da sostanze stupefacenti. Internet riserva sicuramente moltissimi vantaggi ed offre la possibilità di accorciare le distanze, risparmiare tempo e reperire immediatamente una mole di informazioni sino a qualche anno fa inimmaginabile ma, come per tutte le cose, può avere delle controindicazioni legate ad un uso eccessivo. Ma perché ci si appassiona tanto al web? Perché la rete permette di vivere moltissime esperienze rimanendo comodamente a casa, quindi in un ambiente protetto e con un esposizione minima; è possibile creare un identità alternativa, magari completamente opposta a quella reale, aumentare così la propria autostima proponendosi agli altri in un modo del tutto nuovo, mantenendo però una distanza di sicurezza. Non ci si guarda negli occhi, non ci si tocca, non si ascolta la voce del nostro interlocutore, però la rete ci consente di essere ciò che vogliamo, dove e quando lo desideriamo, pur rimanendo nei pochi metri quadrati della stanza in cui è presente il nostro computer. 1.2 L analfabetismo emotivo A rendere precarie e leggere le relazioni sociali nei social network è anche un altro possibile effetto dell uso massiccio dei social media: l analfabetismo emotivo 10. Nell interazione mediata, la 9 Vedi cap Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 13

14 fisicità del corpo è sostituita da quella del medium; ciò priva il soggetto di un importante punto di riferimento nel processo di apprendimento e comprensione delle emozioni proprie e altrui con effetti che vanno dal disinteresse emotivo alla psicopatia. Con l espressione analfabetismo emotivo emozional litteracy Goleman 11 intende: la mancanza di consapevolezza e quindi di controllo delle proprie emozioni e dei comportamenti ad esse associati; la mancanza di consapevolezza delle ragioni per le quali si prova una certa emozione; l incapacità a relazionarsi con le emozioni altrui - non riconosciute e comprese - e con i comportamenti che da esse scaturiscono. Un fattore di incremento dell analfabetismo emotivo è l utilizzo massiccio dei media che favoriscono un modello di relazioni mediate, privando il soggetto di quegli script utili alla lettura e l applicazione dei comportamenti sociali. A venir meno è soprattutto la capacità di riconoscere le emozioni dell altro e, di riflesso, di comprendere le proprie; ciò in prima istanza porta al disinteresse emotivo. Sto parlando di ragazzi che comunicando spesso tramite la tecnologia hanno disimparato a riconoscere la ricchezza della comunicazione diretta (le sfumature importanti della comunicazione non verbale). Certo è che il social network 11 Intelligenza Emotiva - Daniel Goleman, Rizzoli, Milano

15 spesso facilita l espressione di sé, abbattendo il timore del giudizio immediato. Svelare se stessi ad un social network in ogni caso non offre la giusta ricompensa relazionale: l uomo è fatto di emozioni e pensieri fluidi. I pensieri e le emozioni di un adolescente sono ancor più fluidi, alla ricerca di risposte e conferme che sono frustrate dalla comunicazione mediata. 15

16 Cap. 2 IL WEB 2.0 FUNZIONAMENTO E TIPI DI SOCIAL NETWORK Quando parlo di Web , intendo quell insieme piuttosto variegato di servizi forniti attraverso Internet che rappresenta un passo avanti nell evoluzione dei siti web, verso la condivisione di informazioni fra utenti e l interazione tra utenti e siti visitati. Si tratta dunque di siti dove gli utenti non hanno la sola funzione di fruitori e destinatari di un messaggio, ma prendono parte in prima persona alla generazione dei contenuti. Come scrive Antonio Spadaro, nel web 2.0 il senso della pubblicazione è la partecipazione. Pubblicare significa partecipare, cioè condividere. Il centro di questa rete sono i contenuti scambiati all interno del Social Network 13. Nella cornice impostata da questa vaga definizione possono essere inquadrate molte applicazioni diverse, dai tradizionali forum e chat, alle piattaforme di condivisione di documenti, come Google Docs, ai sistemi wiki, come Wikipedia, ai servizi di social bookmarking 14, come per esempio del.icio.us 15, 12 Il Web 2.0 è l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono un elevato livello di interazione tra il sito web e l'utente 13 Tratto da WEB 2.0 pag. 13 Antonio Spadaro, (2010), Ed. Paoline 14 Il Social bookmarking è un servizio basato sul web, dove vengono resi disponibili elenchi di segnalibri (bookmark) creati dagli utenti 15 del.icio.us è un sito web di social bookmarking per l'archiviazione, ricerca e condivisione di 16

17 fino ad arrivare ai siti più popolari in questi ultimi anni, ossia i social network, come LinkedIn, Netlog, Facebook e Twitter. Giuseppe Riva definisce il social network come una piattaforma basata sui nuovi media che consenta all utente di gestire sia la propria rete sociale, sia la propria identità sociale 16. Con questa etichetta si indicano quindi tutti quei servizi che permettono a gruppi di persone di connettersi fra di loro per mantenere vivi rapporti professionali, sociali o di amicizia. Generalmente entrare in una rete sociale prevede che l utente si costruisca un profilo personale, che descriva sia la persona fisica con i suoi interessi, la sua storia professionale e il suo curriculum studiorum, sia il suo ambiente virtuale (indirizzi di siti personali, indirizzi di posta elettronica); il passo successivo è quello di creare la propria rete di contatti, stabilendo relazioni con altri utenti della rete, che generalmente sono simmetriche (come nel caso degli amici in Facebook o dei contatti in LinkedIn), ma talora sono unidirezionali (come nel caso del rapporto di sequela che si instaura in Twitter, dove si può avere un follower rispetto al quale non si crea un rapporto simmetrico di following 17 ), infine, si possono sfruttare le funzioni proprie della rete in questione per dialogare con i propri contatti, semplicemente leggere che cosa fanno, condividere informazioni, collegamenti o materiali multimediali. Il cyberspazio, bookmark, creato nel 2003 da Joshua Schachter ed acquisito nel dicembre 2005 da Yahoo 16 Tratto da I social network pag. 17 Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 17 Il following è quando permettiamo che qualcuno segua le nostre discussioni senza che noi seguiamo le sue. 17

18 così viene definito dai ricercatori il luogo digitale dei social network, unisce alcune caratteristiche delle reti sociali tradizionali (interazione, supporto e controllo sociale) con le caratteristiche del Web (multimedialità, creazione e condivisione di contenuti) Dati generali sull uso delle tecnologie - modi d uso della rete Quanto emerge dall indagine condotta a Bergamo da Lazzari e Jacono Quarantino, l 80,4% possiede un cellulare proprio, il 19,1% più d uno e soltanto 6 ragazzi, pari allo 0,4%, non ne hanno neppure uno; l 80,6% dichiara di possedere e usare un lettore mp3, il 13,4% di usare in sua vece il cellulare per ascoltare musica e solo il 6% si dichiara sprovvisto di un simile strumento di riproduzione audio. Il 4% non dispone di una connessione Internet a casa, il 12,1% ha una connessione a consumo e l 83,9% una connessione a tariffa fissa e uso illimitato. Per quanto riguarda la televisione, il 26,3% dichiara di vederla per meno di un ora al giorno, il 32,8% per un tempo compreso fra una e due ore, il restante 40,9% per più di due ore; rispetto all uso di Internet le percentuali passano rispettivamente al 30,3%, 40,4% e 29,3%. Prevale dunque l uso del mezzo televisivo rispetto a quello interattivo di Internet. Ma i social Network non sono utilizzati esclusivamente dai giovani; Facebook piace anche alla polizia; si è visto che le tradizionali piattaforme di comunicazione come 18 Tratto da I social network pag Giuseppe Riva, (2010), Ed. Il Mulino. 18

19 giornali, TV e radio non sono canali di comunicazione efficaci con le parti più giovani della popolazione, i social media si sono dimostrati molto utili in situazioni eccezionali come gli attacchi terroristici o le calamità. In una grave crisi, i social media rappresentano un mezzo di comunicazione collaudato per tenere la gente informata senza dipendere dall'infrastruttura informatica della polizia. Il nuovo rapporto di Composite, che sta per Comparative police studies in the EU (questo il nome del progetto finanziato), Best Practice in Police Social Media Adaptation, tratta infatti, in maniera dettagliata, in che modo i social media possono essere usati per supportare il lavoro della polizia, dalla comunicazione con il grande pubblico alla redazione di profili criminali in base alle loro preferenze. I social media sono i nuovi spazi pubblici, dove la polizia deve essere presente e visibile. Una importante questione legale e procedurale per le forze di polizia è inoltre la cooperazione con provider come Facebook o Twitter, aziende private con sede all'estero sotto giurisdizione estera; tuttavia, questi sforzi sono visti come proficui in rapporto ai possibili benefici dell uso dei social media da parte della polizia soprattutto per quanto riguarda la fascia adolescenziale perché sono proprio gli adolescenti che li usano quotidianamente. 19

20 Cap. 3 LA DIPENDENZA DA FACEBOOK L uso eccessivo della rete può portare gradualmente alcuni individui a una restrizione delle relazioni con gli altri, in quanto l esperienza virtuale viene percepita e vissuta come più agevole rispetto alla realtà. 19 L individuo scopre con piacere una facilità di comunicazione interpersonale mai sperimentata e, in una prima fase, tende a idealizzare gli altri e se stesso, sovrastimando l importanza dei messaggi e il valore della frequenza con cui li invia e li riceve. Questa prima fase entusiastica, una vera e propria luna di miele nel social-network, tende a stemperarsi nella routine e si conclude definitivamente con le prime delusioni. Le relazioni faccia a faccia si rivelano fonte di frustrazione o la semplice conoscenza con un contatto riserva inspiegabili e inaspettate battute d arresto. Così l utente a rischio intensifica la propria presenza sul social-network alla ricerca di nuovi e più gratificanti contatti per rinnovare il piacere sperimentato all inizio. Il rischio è di perdere la dimensione del tempo e di trascorrere ore e ore al terminale, riducendo drasticamente il numero delle esperienze reali; ci si può isolare completamente dagli affetti più 19 Tratto da Nuovi adolescenti nuovi disagi - Ulisse Mariani e Rosanna Schiralli, Oscar Mondadori,

21 cari, smettere pian piano di uscire di casa, mettere a repentaglio gli impegni più importanti della propria vita, lavoro compreso. Individui con diagnosi da dipendenza da internet hanno raccontato di aver preso giorni di malattia in modo da non allontanarsi dal proprio computer ed essere continuamente connessi. Oltre alla dipendenza da social network sono state identificate anche dipendenze da gioco d azzardo, da siti pornografici, da videogames e dalla ricerca compulsiva di informazioni (information overload). Quando la dipendenza è instaurata determina una relazione inversa tra numerosità degli amici in lista e il senso di alienazione e solitudine percepiti nella vita reale. Più è intensa l attività online, meno è concreta e partecipata l esperienza emotiva nelle relazioni faccia a faccia. Il dipendente da Facebook può trasporre lo stile di comunicazione efficace sul social-network, fatta di frasi brevi e di commenti estemporanei nell interazione reale, rendendosi per questo inconsapevolmente inadeguato. Un esempio di questa trasposizione è l utilizzo deliberato del telefono cellulare per aggiornare in diretta il profilo Facebook in situazioni sociali. Il dipendente da Facebook sembra non distinguere l identità pubblica in rete dall identità privata, sente il bisogno di alimentare costantemente la prima a detrimento della seconda. Se non esisto su Facebook, non esisto. La paura che la propria identità si dissolva, se non impressa nella Rete, spinge ad intensificare l attività online in una spirale di dipendenza e di progressiva 21

22 alienazione dall esperienza concreta della realtà. L utilizzo compulsivo del social-network può interferire sullo studio o sul lavoro e può complicare notevolmente il raggiungimento di obiettivi. I sentimenti di inadeguatezza e il vissuto depressivo che risulta dalla vita reale induce il dipendente da Facebook a rifugiarsi sempre di più nell avatar (immagine scelta per rappresentare la propria utenza in community). In breve tempo la friendship addiction (amico dipendenza) motivata dal bisogno di accrescere l autostima e le relazioni sociali, produce l effetto contrario: la persona è confinata in un cimitero virtuale di volti indifferenti e in una solitudine sospesa ai fili degli esili rapporti virtuali. Nell ansietà dell isolamento sociale sostanziale, anche se non apparente, il dipendente da Facebook spesso è vittima di pensieri persecutori (gli altri mi vogliono ridicolizzare, mi vogliono danneggiare) o di riferimento (gli altri parlano di me, scrivono frasi riferite a me) che possono raggiungere le dimensioni schiaccianti della rimuginazione ininterrotta e della paranoia. Con l'utilizzo dei Social Network già molte persone mostrano segni sempre più seri ed invalidanti di dipendenza, con sintomi di tolleranza (assuefazione), ovvero la necessità di stare collegati e/o aggiornare i contenuti personali della propria pagina sempre di più ad ogni nuova connessione per raggiungere la medesima sensazione di appagamento; sintomi di astinenza, cioè la sperimentazione di intensi disagi psico-fisici nel caso non ci si colleghi per un certo periodo; ed infine sintomi di Craving, 22

23 ovvero la presenza sempre maggiore di pensieri fissi e di forti impulsi verso come e quando connettersi. I sintomi della dipendenza da Facebook si possono riassumere in: sintomi psichici; tristezza, preoccupazione, indifferenza, apatia, indecisione, inibizione nelle relazioni sociali reali, diminuita capacità attentiva e mnemonica, pessimismo, idee di rovina o di catastrofe imminente, auto-svalutazione, senso di colpa, sospettosità nei confronti degli altri sintomi psicosomatici; insonnia con risvegli notturni immotivati caratterizzati dal pensiero delle relazioni o delle attività online, affaticamento cronico, annebbiamento della vista o sensazioni di visione anomala, emicranie, senso di oppressione al petto, nausea e disturbi dell alimentazione. Sul piano dei comportamenti, alcune modalità sono spie da dipendenza da social-network: connettersi più volte al giorno e più volte nelle stesse ore; pensiero rivolto costantemente alle attività sul profilo; interrompere il lavoro o lo studio per aprire la schermata del social-network; possedere e aggiornare più di un profilo; continuare l attività su Facebook anche durante i pasti; sentirsi tesi e nervosi se non si può accedere al socialnetwork perché senza connessione; 23

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli