ALCHIMIEONLINE. William James Edith Stein: un colloquio fra anime Anna Actis Dato. In cerca di Dio. Filosofia Ottobre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALCHIMIEONLINE. William James Edith Stein: un colloquio fra anime Anna Actis Dato. In cerca di Dio. Filosofia Ottobre 2012"

Transcript

1 ALCHIMIEONLINE Filosofia Ottobre 2012 In cerca di Dio Il grande schermo Febbraio 2012 William James Edith Stein: un colloquio fra anime Anna Actis Dato Ciò che ci preme definire interrogando due eminenti esponenti del pragmatismo, quale Wiliam James, e della fenomenologia, quale Edith Stein, è il concetto di esperienza, inteso senza pregiudizi, non quindi in senso positivista. L esperienza studiata da James non è la stessa considerata ad es. dai comportamentisti, cioè quella esteriore, oggettiva, scientifica ; la scienza è limitante, asserisce più volte in conferenze e saggi, non basta per capire la complessità del mondo. Ma a differenza di Wittgenstein, che riteneva fosse meglio non pronunciarsi su ciò che esula dalla logica del pensiero razionale, il nostro autore ritiene che non possa darsi esperienza senza soggetto: non si può mai prescindere dalla persona che esperisce. Ecco perché l esperienza pura è quella interiore, che può essere colta solo attraverso l empatia. L unica vera esperienza di cui possiamo essere certi è quella che passa per il nostro io, cioè quella che ci concerne intimamente, la sola che possiamo veramente esperire, cioè sentire ; l auscultazione dell interiorità e dei sentimenti più intimi e profondi dell uomo non può che portare verso la spiritualità e il misticismo. Il comportamento di cui intendiamo parlare è anche un atteggiamento dello spirito, che trascende quindi ogni distinzione tra soggetto e oggetto, mente e corpo, proprio come concepiva James l esperienza pura. Ecco perché occorre partire da un saggio fondamentale di William James, Le varie forme dell esperienza religiosa (1902). Il sentimento religioso non può essere attribuito a cause organiche, come vorrebbe un certo materialismo medico fatto proprio dallo stesso Freud, che riconduce tutto alla pulsione sessuale. La sua validità è invece da ricondurre al benessere spirituale ed alla felicità interiore che procura. Il temperamento nevrotico può però favorire un apertura al divino, in genere una certa sensibilità emozionale è un requisito indispensabile per la percezione morale: quindi James collega il sentire, anche corporalmente, all idea di azione morale, come faranno poi anche Edith Stein e, sulla sua scia, R. De Monticelli. Sfera corporale, coinvolta nelle emozioni, e sfera spirituale sono quasi inscindibili per James, tanto che in una sua conferenza (raccolta nel volume L uomo come esperienza,1999) dirà che solo attraverso il pianto ci accorgiamo del nostro dolore, solo nel tremito del corpo ci rendiamo conto della nostra paura, solo per l oppressione del petto prendiamo coscienza della nostra rabbia: sembra quasi che sia la sensazione corporea a causare l emozione, e quindi il giudizio morale, e non viceversa. Ciò non toglie che a volte, per tradizioni e abitudini acquisite, possa accadere il contrario, come evidenzia M. Nussbaum ( L intelligenza delle emozioni, 2001). Il nostro modo naturale di pensare a queste emozioni tipo è che la percezione mentale di determinati fatti susciti quell impressione chiamata emozione, e che quest ultimo stato mentale dia luogo all espressione corporea. La mia tesi, al contrario, è che i cambiamenti corporei seguono direttamente la percezione della cosa eccitante, e che la nostra sensazione di questi cambiamenti, così come accadono, è l emozione. ( L uomo come esperienza, cit., p.169). In tutto il libro, che raccoglie una serie di lezioni, non c è una definizione conclusiva dell esperienza religiosa, proprio perché si tratta di un fenomeno complesso e non catalogabile in una rete concettuale, come tutte le questioni veramente fondamentali della nostra esistenza. Ha piuttosto affinità coi rapporti emotivi profondi, da anima ad anima, con l empatia propriamente

2 detta (non quella fredda, studiata dalla psicologia cognitiva), quella di cui parla E. Stein ( Il problema dell empatia, 1917), come sembra affermare il nostro autore: Il rapporto va direttamente da cuore a cuore, da anima ad anima, tra l uomo e il suo Creatore ( Le varie forme dell esperienza religiosa, cit., p.45), faremmo meglio a chiamarla coscienza o moralità dell uomo piuttosto che la sua religione. Nell incontro di anime, come avviene nell empatia, c è un risveglio di valori morali, un autoconsapevolezza e un sentire ciò che l altro prova; a questo proposito leggiamo direttamente E. Stein: Qui si dischiudono dei rapporti essenziali fra la gerarchia dei valori, l ordinamento in profondità dei sentimenti assiologici e le stratificazioni della persona che si rivelano in essi. Per cui ogni passo in avanti nel regno dei valori è simultaneamente una conquista nel regno della propria personalità. Questa correlazione rende possibile una legalità razionale dei sentimenti, il loro ancoraggio nell Io e una decisione in questo ambito su ciò che è giusto o sbagliato ( Il problema dell empatia, Studium, 1998, p.208), dove si afferma la validità assoluta, non relativa, di una legge morale legata all esperienza diretta del sentire: argomento essenziale nell attuale dibattito filosofico. Quindi l incontro con un Tu (v. Buber), oppure l incontro diretto con Dio attraverso il dischiudersi della propria intimità profonda provoca una crescita interiore, una scoperta di sé e dei valori che la persona racchiude. Coscienza e valori: l esperienza religiosa è questo per James; così è per la sacralità di ogni legame, in cui la realtà dei sentimenti è vissuta. Un esperienza così profonda e pura, che non c è più un oggetto determinato esperito e compreso, eppure c è anche acquisizione intellettiva, progresso spirituale, amore illuminante che introduce alla conoscenza di un mondo reale al di là di quello sensibile: I limiti estremi del nostro essere si radicano, mi sembra, in una dimensione dell esistenza completamente diversa dal mondo sensibile e semplicemente intelligibile. Chiamatela come volete, regione mistica o soprannaturale; dato che è da essa che i nostri impulsi ideali prendono avvio, noi le apparteniamo in senso più profondo di quello in cui apparteniamo al mondo visibile, perché siamo legati più intimamente a quelle cose a cui si legano i nostri ideali ( L uomo come esperienza, op. cit., p.146). Questo mondo ideale ha tuttavia effetti pratici, come sostiene James, in quello concreto, attraverso le azioni che compiamo, quindi non esiste salto, ma continuità: i comportamenti e le intenzioni possono incidere sulla realtà dei fatti che si prolunga in qualche modo da quella spirituale, ricevendone i dettami: Chissà se la fede che gli individui terreni portano alle loro misere sovracredenze non possa in realtà aiutare Iddio a conseguire con maggior efficacia i suoi più eccelsi fini? (op. cit., p.148). Qui James riconosce l efficacia pratica della preghiera. Non esiste un emozione religiosa in senso specifico, ma solo un emozione rivolta ad un oggetto religioso: anche il sentimento religioso, come ogni altro affetto soggettivo, attinge al vasto campo delle emozioni umane per potersi manifestare e compiersi; quel campo che ci permette l accesso ad una sfera superiore dell essere, e che ci distingue propriamente in quanto umani : la parte soggettiva, lo stato interiore in cui avviene l atto del pensare. Possiamo pensare a cose quasi infinite per esempio i tempi e gli spazi cosmici mentre lo stato interiore può essere la più fugace e meschina attività della mente. Eppure gli oggetti cosmici, quali l esperienza li offre, sono soltanto immagini ideali di qualcosa di cui non possediamo interiormente, ma a cui possiamo solo dare uno sguardo esteriore; mentre lo stato interiore è la nostra vera esperienza, la sua realtà e la realtà della nostra esperienza sono come una cosa sola (op. cit., p.141). Per James l esperienza non sta nell oggetto là fuori, ma nel soggetto cui si riferisce: non c è esperienza senza soggetto che esperisce; la prospettiva è spostata dall oggetto al soggetto: l empirismo del filosofo è di natura davvero singolare! Si tratta di un capovolgimento del significato che ne dava il positivismo. L empiria non è da ascrivere alle scienze fisiche, ma agli stati interiori (in questo anticipa R. Laing, La nascita dell esperienza, La politica dell esperienza ). In effetti, ciò che modifica le nostre credenze e quindi il nostro modo di agire è solo ciò che ci tocca nell intimo, che ci scalfisce in profondità, nelle stanze più interne del nostro io (cfr. Il castello interiore di Teresa D Avila). Il problema è dunque ancora la coscienza, che può essere risvegliata da un istanza filosofica; la qual cosa ossessionava anche il fratello Henry James nella pagina narrativa: Henry pensava che solo il dolore portasse alla consapevolezza, William si appella alla fede, non quella ordinaria, ma quella maturata tramite la sofferenza, come fu per esempio per Tolstoj, delle cui vicende interiori fa un resoconto puntuale, nel saggio sulle diverse manifestazioni dell esperienza religiosa. Come per la De Monticelli ( L ordine del cuore, 2003) e la Nussbaum, il male morale consiste nel non sentire,

3 nell indifferenza: compito della filosofia è anche il portare alla coscienza; Tolstoj del resto esprime lo stesso concetto in La morte di Ivan Il ic, dove il protagonista in punto di morte è colpevole di non essersi reso ancora conto della falsità della sua vita, e i congiunti del non provare quella necessaria pietà (o meglio, compassione, per esprimerci con M. Nussbaum) verso un morente. Una gioia solenne contiene una punta di amaro nella sua dolcezza; un dolore solenne è tale che ad esso noi intimamente acconsentiamo ( Le varie forme dell esperienza religiosa, cit., p.61): tale sentimento di unione di contrari, quest emozione composita e antitetica, per cui siamo lieti nella sofferenza e tormentati nella felicità lo troviamo solo nella sfera del sacro. Per sacro in questo caso non intendo solo il religioso in senso stretto, ma tutto ciò che concerne l amore in senso lato: la caritas o agape di S. Paolo, l eros di Platone e l a-mor come vita liberata dalla morte. La percezione di questa legge desta nello spirito un sentimento che chiamiamo sentimento religioso, e che costituisce la nostra più alta felicità. Meraviglioso è il suo potere di incantare e di comandare. E un aria di montagna. E il balsamo del mondo. Rende il cielo e le colline sublimi, è la canzone silenziosa delle stelle. E la beatitudine dell uomo, lo rende illimitato Tutte le espressioni di questo sentimento sono sacre e permanenti in proporzione alla loro purezza (R.W. Emerson, op. cit., p.48). C è un affinità abbastanza scontata tra l innamoramento per qualcuno e l amore per Dio, come ampiamente dimostra il linguaggio dei mistici e la Bibbia stessa (nel Cantico dei Cantici, ad es.). La sacralità circonda l unione degli amanti come l unione con Dio, James stesso lo fa notare; se potessimo tener presente questo ogni rapporto umano verrebbe vissuto in una luce diversa e divina; se potessimo riconoscere che in ogni uomo c è Dio e in ogni relazione autentica si realizza il divino che c è in noi e si manifesta l ordine assiologico dei valori (E. Stein), non avremmo più nulla da domandare. Forse avremmo adempiuto alla nostra missione di uomini; forse potremmo riconoscere qual è il sentiero della luce e intraprenderlo; forse si scioglierebbero come neve al sole tutti i nostri nodi interiori, le nostre psicosi e la nostra essenziale solitudine, quell abisso di insicurezza che si nasconde sotto la superficie della vita (op. cit., p.152). Potremmo sentirci più vicino a quella Realtà che, sola, ci compete. Quando la battaglia esteriore è perduta, e il mondo esterno lo spoglia dei suoi possessi, questo sentimento riscatta e vivifica un mondo interiore che altrimenti rimarrebbe un deserto vuoto ; si distingue da ogni semplice felicità animale e da ogni mero godimento del presente (op. cit., p.60). Parallelamente, l intera espressione dell esperienza umana, quale obiettivamente la scorgo, mi sospinge irresistibilmente oltre gli stretti confini della scienza. Il mondo reale ha sicuramente un carattere diverso, molto più complesso, di quanto non concedano le scienze fisiche ( L uomo come esperienza, cit., p.148). Come già per Aristotele, l essenziale per l uomo non è la fusis, ma la metafisica (metà fusikà), le cose dello spirito. Infatti solo con gli occhi rivolti al cielo possiamo trovare un senso alla nostra sofferenza ed agire sulla terra; il credo religioso o filosofico ci aiutano, in fondo, a vivere. Ma vorrei dirlo con le stupende parole di James: Poniamo che le nostre esperienze comuni siano inserite in un ordine morale eterno; che le nostre sofferenze abbiano un significato immortale; che il Cielo sorrida alla terra e gli dei vi facciano visita; che la fede e la speranza siano l atmosfera che l uomo respira: e i suoi giorni passano con gusto, sono stimolati da prospettive, fremono di remoti valori. Al contrario, inseriteli nel freddo raggelante e nelle tenebre, nell assenza di ogni significato permanente, che per il puro naturalismo e per la scienza evoluzionista popolare del nostro tempo sono tutto ciò che è visibile in ultima analisi, e il fremito vitale si ferma d improvviso, o piuttosto si muta in un tremito ansioso ( Le varie forme dell esperienza religiosa, p. 136). La percezione del divino non cade sotto alcuno dei sensi ordinari, è piuttosto un sentire del cuore, la profondità che chiama la profondità, la lotta interiore che apre l anima all Infinito: queste caratteristiche sono evidenti in tutte le esperienze raccontate nel manoscritto di Starbuck citato da James. Un confluire di mondi, interiore ed esteriore, una conflagrazione che fa rischiare la pazzia e la perdita di sé, ma è proprio l ego che occorre oltrepassare, come dice Eckhart, per giungere a Dio. Il distacco, lo scioglimento di ogni legame terreno è ciò che predica il monaco domenicano (nell interpretazione di Marco Vannini, Tesi per una riforma religiosa, 2006): l amore è senza

4 oggetto, è compiacimento puro, superamento di ogni opposizione nell assoluto abbandono. I poveri in spirito del Discorso della Montagna sono coloro che hanno imparato a distaccarsi da tutto per accogliere Dio, niente hanno, o sanno, o vogliono; finchè ami qualcosa, uomo, non ami nulla: Dio non è questo e quello, perciò lascia il qualcosa (Angelus Silesius, citato da M. Vannini, p. 216). Eckhart parla addirittura della necessità di andare oltre l amore, giacchè si tratta appunto di puro amore, spirituale nel senso di S. Giovanni (che concilia i poli oppositivi soggetto oggetto), senza perché. Amore, vita, luce sono tutt uno: in tedesco Liebe, Leben, Licht (p.226); i tre concetti sono riuniti anche nel Prologo al Vangelo di Giovanni, dove Verbo, Logos, Spirito sono tutt uno con l Amore, perché Dio è Amore, chi sta nell amore dimora in Dio e Dio in lui (I lettera di Giovanni, 4, 16) e chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore (4,8); chi non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede (4,20). Questi sono i gradini dell amore e della fede: cominciano dal prossimo, con cui dovrebbe instaurarsi un rapporto empatico, per giungere a Dio (forse). Non hai più bisogni poiché hai tutto, scopri di quante cose puoi benissimo fare a meno per dedicarti a coltivare ciò che ti suggerisce il cuore. Scopri la grandezza della tua umanità aperta ad ogni possibilità avendo trovato nella fede, nell accettazione della sua assoluta insicurezza, il segreto del vivere (M. R. Aceto, M. De Bernardis, Liberare l amore, Il Segno dei Gabrielli, 2005, p.147). La povertà è il segreto per ricevere la fede, che si basa sul dubbio; come l amore, è un dono, che può essere dato o può essere tolto, senza perché. Un dono che può giungere solo se riconosciamo la nostra assoluta indigenza, l insicurezza e la fragilità del nostro essere (cfr. Theodor Reik, Of love and lust ). Può l arrogante amare? Ed amare senza perché? Il Discorso delle Beatitudini parla di umiltà, di povertà, di afflizione. Il pensiero filosofico tutto, in fondo, impartisce a questo proposito lo stesso insegnamento: nella ricerca continua della verità, ne dichiara impossibile il raggiungimento coi soli mezzi umani, ammettendo la nostra condizione di creature, nate da altri e non autoponentesi; come la religione, parla ai deboli, ai sofferenti (nell anima e nel corpo) fornendo motivi consolatori, non oppio: La superiorità della filosofia sulla religione è tale perché la conoscenza distacca. E essa a rendere umili, perché rende consapevoli della finitezza, umanità. In questo senso Hegel e Gentile sono più cristiani dei loro critici quando sostengono la superiorità della filosofia sulla religione rappresentazione, giacchè il superamento della religione è il suo inveramento spirituale (M. Vannini, op. cit., p.229); Chi pensa profondamente, sa di avere sempre torto, comunque agisca o giudichi (Nietzsche, Umano, troppo umano ). Il filosofo non ha la verità in mano, anche se la cerca. Sa che esistono molte prospettive da cui guardarla (ma non molte verità). La verità va cercata forse soprattutto in quei rari incontri di anime che arrivano al fondo di sé, ovvero agli strati più profondi, perché l anima non ha confini, come dice Eraclito: questi sentimenti ancorati nei diversi strati dell Io hanno come loro correlato i valori personali se con ciò rivelano degli strati che non possono essere in alcun modo vissuti, in tal caso l afferramento di persone estranee è costitutivo per la propria persona. Ora nell atto d amore abbiamo un afferrare che non è un valorizzare a causa di un altro valore; amiamo una persona in quanto la persona stessa è pregevole, e noi l amiamo per se stessa. E la capacità d amare, che si manifesta nel nostro amore, ha radici in una profondità diversa che non la capacità del valutare morale, la quale viene vissuta nel valutare un azione. Tra il sentire assiologico, il sentire del valore nella sua realtà (poiché la realtà di un valore è essa stessa un valore) e la sua profondità egologica sussistono dei rapporti essenziali (E. Stein, Il problema dell empatia, op. cit., p. 209). Questo passo fondamentale del prezioso saggio di E. Stein mette in luce la profondità degli strati personali che si rivelano in un incontro autentico, in cui posso sentire dei valori solo se mi pongo passivamente in ascolto, recettivamente disposto verso l altro. Anche nell incontro mistico con Dio descritto da Maestro Eckhart e da Margherita Porete si toccano il fondo dell anima e il fondo-abisso della divinità (v. M. Vannini, cap. VII): Tutto è per l anima una cosa sola, senza perché, ed essa è niente in tale Uno Allora è nuda di tutte le cose, poiché è senza essere, e là dove era prima di essere ed è quel che Dio stesso è, per trasformazione d amore, nel punto in cui era prima di defluire dalla bontà di Dio (M. Vannini, op. cit., p.79); Essa non ha nessun più, nessun mezzo e nessun meno nel suo amore Non ha fondo, e quindi non ha luogo proprio di conseguenza non ha amore

5 proprio (Margherita Porete, Specchio delle anime semplici, cit. p. 80). La nudità dell anima raggiunge la simplicitas divina, in cui cessa ogni dualismo finito-infinito, ogni molteplicità, in una sorta di irruzione (termine usato da Eckhart), un penetrare attraverso, uno spezzare ogni determinazione. La povertà, come l aplosis plotiniana, è dell anima ed è di Dio: La vera profondità coincide infatti con l altezza, ma entrambe si conseguono nella nudità, ovvero nella essenzialità, quando è rimosso dall anima ogni elemento inessenziale, accidentale, commenta Vannini (p.85). Come l incontro col divino, ogni vero incontro di anime non può avvenire nella chiacchiera e nella vanità del discorso coerente: avviene per contatto, è quasi un incontro di corpi, dalla forte connotazione emotiva, come direbbero sia James che Merleau-Ponty. L importanza del corpo come mezzo di un emozione e veicolo di un contatto molto intimo; l interrelazione fra i due aspetti dell esistenza umana interno ed esterno è esplicata molto bene da E. Stein: Se si parte da un processo, che è colto nello stesso tempo come fisico e corporeo (ad es. l ingerimento di cibo), una freschezza si diffonde in tutto il corpo, tale freschezza è vissuta come psichica e conferisce il suo colore a tutti i vissuti che si presentano nel corso della sua durata, anche agli atti spirituali, i quali non indicano più una localizzazione corporea come le sensazioni ed i sentimenti sensibili ( Psicologia e scienze dello spirito. Contributi per una fondazione filosofica, Città Nuova, 1995, p.247); La vita interiore della persona umana ha la particolarità (per lo meno in parte) di essere vita che dall interno si dirige verso l esterno. Essa non scorre in se stessa, ma agisce, termina in un espressione, imprimendo al corpo la sua impronta Quanto viene espresso è l interiorità della persona ( Introduzione alla filosofia, Città Nuova, p.169). Non tutto però trova espressione all esterno; l anima si affina progressivamente, appare sempre di più soltanto nel corso dello sviluppo psichico (op. cit., p.193). Infatti solo le anime più sensibili possono accedere alla vita dello spirito e infine all esperienza religiosa: su questo concordano anche il nostro autore e la De Monticelli, ad es. Però James, dovendo attenersi rigorosamente ai fenomeni, non giunge a parlare di anima ; la Stein stessa, intendendo con questo termine il nucleo più essenziale dell uomo, il suo puro centro spirituale, al di là di fisico e psichico, la radice dell individualità che solamente permette la libertà e la responsabilità, la concepisce come inscindibile dal corpo: l anima come il centro di un essere animato-corporeo-spirituale, come la profondità, dalla quale questo io emerge e nel quale sprofonda ciò che egli vive. Essa è pensabile solo come centro di un tale essere e di una tale vita, non di per sé. Deve irradiare continuamente vita e ricevere in sé il mondo. Ma la corporeità, a partire dalla quale essa cresce, è ciò che appesantisce il suo essere in modo autentico rispetto all altro e lo separa da tutti gli altri. L isolamento è il segno distintivo della sfera corporeosensibile. Gli individui di struttura psicofisica, che non hanno una vita dello spirito e dell anima, non sentono il loro isolamento. E proprio dell anima il dissidio vissuto con il mondo, il vivere-insé, che è la sua forma d essere specifica, racchiude la coscienza dell essere separato e la possibilità dell andare-oltre-se-stessa nella vita spirituale che non è un allontanarsi-da-sé (op. cit., p.195). C è uno scambio continuo con l esterno e un continuo dissidio, un senso profondo della separazione e della limitatezza, ma anche l intuizione di poter andare oltre attraverso la vita spirituale, più reale e più piena di quella attuale, che non è un allontanarsi da sé, appunto, ma un ritorno a sé, al proprio fondo più autentico, quello toccato nell empatia e ancor più nel matrimonio mistico, come descritto in La dottrina della Croce : Che l intimo dell anima sia fondamentalmente la sede dell incontro personale e dell unione, lo dà a capire il fatto per quanto si può parlare di comprensione, trattandosi di misteri divini che Dio abbia voluto scegliere questo intimo come sua speciale dimora. Se l unione è il fine per cui le anime sono state create, vuol dire che deve prima sussistere una proporzione atta a render possibile tale unione ; per nessun altra via l avrebbe mai imparato a conoscere (Dio); senza dire che nemmeno la sua propria profondità intima era mai stata da lei scoperta prima d allora (p.201). Conoscere l altro, conoscere Dio e conoscere sé dunque coincidono, c è una sorta di filo misterioso che lega l intuizione, l emozione (che è anche corporea), il sentimento (l amore) e il senso dei valori o senso morale: questo legame non cesserà mai d interessare anche studiosi pragmatisti non superficiali come W. James (e citerei anche psicologi esistenziali ed empiristi come Goldstein, May, J. Hillman, Binswanger, R. Laing, ecc.). L arricchimento interiore che ne risulta per entrambi i termini del confronto è sottolineato da E. Stein: la mia vita esperisce un afflusso dall esterno, essendo a contatto con la vita dell altro e proprio questo aumento o arricchimento della

6 mia vita fa apparire quella dell altro con la stessa vivacità, gli attribuisco la mia stessa originarietà benché non sia in grado di portarla a datità allo stesso modo ( Introduzione alla filosofia, p.215); nel comprendere meglio me stesso comprendo l altro e viceversa ( Io-tu di M. Buber), ed il terzo presente fra noi è il divino, il miracolo dell incontro (v. anche J. P. Vernant, Un, deux, trois: Eros ): Ogni conoscenza della personalità ha nello stesso tempo la particolarità di coglierne il valore, e ciò è in parte comprensibile per il fatto che ai livelli dell anima corrispondono valori di diversa profondità e l apertura rispetto ad un valore è essa stessa un valore; inoltre l individualità stessa va considerata come un valore e dunque come portatrice di un valore. L ampliamento della mia vita interiore mi fa conoscere il suo regno interiore ( Introduzione alla filosofia, op. cit., p.221). La nostra fenomenologa, ponendosi sulla scia aperta da James, analizza semplicemente l esperienza in tutte le sue forme, riconoscendone il tipo più alto in quella religiosa, spesso raggiunta in un momento di crisi, di passaggio e di dolore: infatti proprio nei momenti di maggior sconforto, come descrive anche James nel suo saggio, sentiamo un improvvisa forza interiore che ci salva dalla disperazione totale ( solo nella nostra interiorità siamo in grado di fare esperienza di qualcosa che la supera, p.223). E un superamento di sé, un coraggio di esistere (P. Tillich) nonostante la perdita, o forse proprio in grazia di tale perdita dell Io: superamento dell attaccamento o appropriatività Eigenschaft -, come direbbe M. Vannini con Eckhart. La realtà dell esperienza, nonostante non possa avvalersi di prove sensibili, è sentita da tutte le testimonianze raccolte come un aumento d intensità della propria vita e un apprendimento conoscitivo dell inanità dei valori del mondo rispetto a ciò che veramente conta. Nella visione di Dio, dice Plotino, ciò che vede non è la nostra ragione, ma qualcosa di antecedente e di superiore Egli muta, cessa di essere se stesso non conservando nulla di sé ; per James gli stati mistici sono doni fatti al nostro spirito per mezzo dei quali i fatti, già oggettivamente dinanzi a noi, assumono una nuova espressività e realizzano una nuova connessione con la nostra vita attiva. Essi non contraddicono questi fatti come tali né negano alcunché che i nostri sensi abbiano già afferrato. Sapere se gli stati mistici non possano forse essere tali punti di vista superiori, finestre attraverso le quali lo spirito guarda su un mondo più esteso e comprensivo, deve sempre restare una questione aperta ( Le varie forme dell esperienza religiosa, p ). Come per E. Stein o per R. Laing, anche per W. James il nostro intimo sentire ha quasi più certezza del mondo concreto abituale esterno, ed è ciò che conferisce a ciascuno la propria specifica individualità: L individualità si fonda sul sentimento; e i recessi del sentimento, gli stati oscuri, ciechi, del carattere sono i soli luoghi dell universo nei quali possiamo cogliere i fatti reali in formazione e percepire direttamente come si svolgano gli avvenimenti e come avvengano realmente le cose. Confrontato con questo universo di sentimenti viventi individualizzati, il mondo di oggetti generalizzati che l intelletto contempla manca di solidità e di vita. Come nelle vedute stereoscopiche o nelle pellicole cinematografiche guardate senza le loro apposite apparecchiature, manca la terza dimensione, il movimento, l elemento vitale ( L uomo come esperienza, p.143), dove viene asserita la priorità del sentimento rispetto alla ragione, la sua maggior certezza e verificabilità soggettiva rispetto all intelletto. E la presenza di Dio viene conosciuta mediante questo tipo di esperienza, perciò non può essere un ipotesi utilitaristica. Bibliografia William James, Le varie forme dell esperienza religiosa, 1902 (Morcelliana, 1998); William James, L uomo come esperienza, L ancora, 1999; Edith Stein, Il problema dell empatia Studium, 1998 ( Zum Problem der Einfuhlung,1917); Edith Stein, Introduzione alla filosofia, Città Nuova; Marco Vannini, Tesi per una riforma religiosa, Le Lettere, 2006

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Preghiera per la Fede Paolo VI

Preghiera per la Fede Paolo VI Preghiera per la Fede Paolo VI Signore, io credo: io voglio credere in Te. O Signore, fa che la mia fede sia piena, senza riserve, e che essa penetri nel mio pensiero, nel mio modo di giudicare le cose

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista Premessa Per lungo tempo ho cercato delle risposte, le ho cercate in tutte le persone che mi erano e mi sono vicine, ho guardato fissa nei

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CHI E L UOMO? Queste esigenze che ci costituiscono le chiamiamo sinteticamente con una parola che usa la Bibbia: cuore

CHI E L UOMO? Queste esigenze che ci costituiscono le chiamiamo sinteticamente con una parola che usa la Bibbia: cuore CHI E L UOMO? Prima di affrontare il problema religioso occorre domandarsi: perché il fenomeno religioso è solo umano? Perché l uomo è diverso da ogni altra forma presente nella realtà? Occorre guardare

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione 9

SOMMARIO. Introduzione 9 SOMMARIO Introduzione 9 Capitolo 1 In te c è uno spirito libero dai disagi 11 La mente vuota ti regala il benessere 14 Tu non sei i tuoi pensieri 19 Le immagini sono più forti dei tuoi pensieri 20 C è

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Il Cavaliere delle Energie

Il Cavaliere delle Energie Massime tratte dal libro Il Cavaliere delle Energie di Andrea Pangos www.andreapangos.it ISBN 88-88914-00-5 Andrea Pangos Edizioni Copyright 2003 Andrea Pangos Il Cavaliere delle Energie Tu sei per te

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà

Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà Premessa E questione sempre più centrale Macchine, automazione, rivoluzione micro-elettronica aumentano il tempo libero. Si espande la quantità, ma

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Ouroboros Ουροβορος. Nr. 14, giugno 6012

Ouroboros Ουροβορος. Nr. 14, giugno 6012 Ouroboros Ουροβορος Nr. 14, giugno 6012 Periodico edito dalla R:.L:. Signa Hominis nr. 60 all Or:. di Chiasso per tutti i suoi membri e per chiunque altro desideri condividere lo sforzo di migliorare la

Dettagli

vuoto o una ferita" come dice Antonio Origgi.

vuoto o una ferita come dice Antonio Origgi. Cambiare la vita... dalla Auto-Osservazione Cambiare vita richiede prima di tutto una consapevolezza del punto reale in cui ci si trova adesso. Cambiare vita richiede poi una consapevolezza di cosa realmente

Dettagli

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore.

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Citazioni & Frasi I Analìa Scarpone L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Prova per un attimo ad essere semplicemente felice, sciogli il passato, vivi

Dettagli

SEGRETI PER IL SUCCESSO

SEGRETI PER IL SUCCESSO Produzioni Aurora SEGRETI PER IL SUCCESSO Segreti per il successo è una collezione di proverbi, consigli e detti ispiranti: proprio la cosa giusta per motivarti all inizio della giornata. 24 AGOSTO Dove

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Programma Scuola triennale di Counselling olistico

Programma Scuola triennale di Counselling olistico Via Ausa, 2469 Bertinoro (FC) 340/3205996 email: art-in-counselling@libero.it Programma Scuola triennale di Counselling olistico Primo Anno: 1 week-end: 3/4 gennaio 2015 Manuele Baciarelli Enneagramma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario.

L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario. L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario. Il Centro nasce come naturale approdo de l Arte della Felicità-incontri e conversazioni, manifestazione

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo P R E M E S S A Il progetto educativo esprime "l identità della scuola", ne precisa gli obiettivi e li traduce in termini operativi

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza La forza dei simboli Elisabeth Löh Manna In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza che i simboli ricoprono nella nostra vita, ci aiuta a discernere quando se ne abusa

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

SIAMO NOI I SEMI GALATTICI!!! di Stephanie South, la Regina Rossa

SIAMO NOI I SEMI GALATTICI!!! di Stephanie South, la Regina Rossa SIAMO NOI I SEMI GALATTICI!!! di Stephanie South, la Regina Rossa Testo originale: http://1320frequencyshift.wordpress.com/2014/12/28/electricupdate-we-are-the-galactic-seeds/ pubblicato sul blog della

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli