P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE"

Transcript

1 P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE ASSISTE I CLIENTI IN TUTTO IL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DEL PRODOTTO DA COSTRUZIONE. Marcatura CE dei prodotti da costruzione: piccoli manufatti in calcestruzzo Mandato M/116 Mandato M/119 Mandato M/122 Mandato M/121 Mandato M/118 Mandato M/105 Muratura e relativi prodotti Pavimentazioni Coperture Rivestimenti di pareti interne, esterne e soffitti Prodotti per ingegneria delle acque di scarico Camini e condotti Assistenza nella identificazione delle direttive applicabili al prodotto e individuazione di norme specifiche; Esecuzione delle prove di laboratorio necessarie; Se necessario coinvolgere enti terzi per la certificazione del processo produttivo; Assistenza nella redazione della dichiarazione di prestazione.

2 M/118 PRODOTTI PER INGEGNERIA DELLE ACQUE DI SCARICO PARTE PRIMA Sistema di attestazione 4 PARTE SECONDA Sistema di attestazione 4 PARTE TERZA Sistema di attestazione 3

3 NEL DETTAGLIO DELLA MARCATURA CE DI TUBI E PEZZI SPECIALI PREFABBRICATI DI CALCESTRUZZO NON ARMATO, ARMATO O RINFORZATO CON FIBRE D ACCIAIO UNI EN 1916:04 Normative Vigenti In data 23/11/2004 sono finalmente entrate in vigore in forma cogente le normative europee relative ai manufatti in questione. Sono state recepite e pubblicate in Italia come: UNI EN 1916:2004 Tubi e accessori di calcestruzzo non armato, rinforzato con fibre e con armature tradizionali E importante puntualizzare il fatto che tutte le Normative a cui si faceva riferimento in precedenza (sia Italiane che straniere) non sono più valide né in Italia né nella Comunità Europea e in dettaglio risultano superate e non più di riferimento: DIN BSI Classe L M H NF P P P UNI 9534 UNI E /1993 UNI U /2000 DMLLPP nr 99 Anche le seguenti Norme, attualmente in vigore negli Stati Uniti, a volte richiamate nei capitolati, non dovrebbero essere più di riferimento in quanto si sovrappongono a norme Europee: ASTM C76 C C497. Pertanto i prodotti di cui alla presente nota, per essere commercializzati in Italia e in genere nei paesi della Comunità Europea, devono essere conformi alle specifiche dettagliate nella Norma sopra menzionata e devono avere obbligatoriamente la marcatura CE. Il sistema di attestazione della conformità prevede una dichiarazione di prestazione del fabbricante del prodotto, in base a: prove di tipo iniziali da parte del fabbricante per tutte le caratteristiche essenziali indicate nelle Norme controllo di produzione in fabbrica dei parametri relativi alle caratteristiche oggetto delle prove iniziali. Preparata la dichiarazione di prestazione, il fabbricante apporrà la marcatura CE. La dichiarazione dovrà essere conservata ed esibita solo su richiesta. Il sistema di attestazione della conformità è di tipo 4 e cioè è solamente necessaria la dichiarazione di prestazione del prodotto da parte del produttore secondo le modalità di cui sopra. Non è pertanto necessario l intervento di un Ente terzo che attesti la conformità alle specifiche delle Norme UNI EN 1916 (non è cioè necessario che il fabbricante abbia la certificazione di qualità come per es. ISO 9001:2008). Va da sé che, con la dichiarazione di prestazione, il produttore si assume tutte le responsabilità di legge. Il simbolo di marcatura CE e tutte le informazioni conseguenti devono comparire sui documenti commerciali di accompagnamento (Ddt, fattura, etc). I documenti commerciali con la marcatura CE devono accompagnare ogni fornitura anche se fanno parte della stessa commessa. Da quanto sopra detto risulta quindi illegale la commercializzazione di prodotti e manufatti senza la marcatura CE.

4 Conclusioni compiti del Produttore - prove iniziali di tipo (ITT) - controllo di produzione di fabbrica (FPC) - prove successive sui campioni - redazione della Dichiarazione di prestazione del prodotto A completamento di quanto detto si riportano le normative attualmente valide per la realizzazione di opere fognarie: Non riportando le UNI EN 1916 le classi di resistenza, le tolleranze dimensionali, i ricoprimenti dell acciaio, in funzione delle classi di esposizione e condizioni ambientali, ed altre caratteristiche specifiche, è stata lasciata, da parte della Comunità Europea, la possibilità ad ogni nazione di pubblicare degli Addendum nazionali in cui potevano essere specificate tutte le proprietà che dovevano avere i prodotti e non indicate nelle Norme; la UNI EN 1916 è stata completata con la pubblicazione, da parte dell UNI, di un addendum nazionale, la UNI 11364:2010, in cui sono riportate tutte le succitate caratteristiche, fra cui ad esempio anche le classi minime di resistenza ( ), cui il progettista potrà fare utile riferimento nei capitolati UNI EN 681-1:2006 Elementi di tenuta in elastomero UNI EN 13101:2004 Gradini per pozzetti di ispezione UNI EN 1610:1999 Costruzione e collaudo di connessioni di scarico e collettori di fognatura. - Prescrizioni per i materiali - Prove iniziali di tipo (ITT) per i prodotti finiti con i riferimenti ai metodi di prova

5 1) Assorbimento d acqua (UNI EN 1916 p e Appendice F) Lo scopo della presente prova è di valutare l assorbimento di acqua, per immersione, del calcestruzzo indurito, definito come differenza tra la massa di un determinato campione immerso in acqua e la massa dello stesso campione quando è essiccato, espressa in termini di massa del campione secco. 2) Controllo visivo elementi (UNI EN 1916 p.4.3.2) Le superfici funzionali dei profili del giunto devono essere prive di irregolarità che compromettano una durabile tenuta dell assemblaggio. Sono ammesse screpolature nello strato di boiacca, fessurazioni capillari dovute al ritiro o alla temperatura con una larghezza superficiale non maggiore di 0,15 mm e, per i tubi in cls armato, fessurazioni residue causate dalle prove ed aventi la stessa larghezza superficiale limite. 3) Caratteristiche geometriche/dimensionali (UNI EN 1916 p.4.3.3) La lunghezza interna del corpo di un tubo deve essere conforme a quella dichiarata nei documenti di fabbricazione. I profili dei giunti e le tolleranze sugli assemblaggi dei giunti devono essere conformi a quelle dichiarate nei documenti di fabbricazione. I gomiti devono essere fabbricati come da figura, siano essi pezzi unici o fabbricati da segmenti di tubo. 4) Giunti e guarnizioni di tenuta (UNI EN 1916 p.4.3.4) La lunghezza interna del corpo di un tubo deve essere conforme a quella dichiarata nei documenti

6 Resistenza allo schiacciamento (UNI EN 1916 p e Appendice C) Lo scopo della presente prova è la valutazione della resistenza allo schiacciamento di un tubo. Il tubo deve essere posizionato sulla macchina di prova come illustrato nelle figure C.1 o C.2. Il risultato di prova deve essere espresso come il carico totale diviso per la lunghezza interna del corpo e deve essere corretto in base alla configurazione di prova scelta e registrata dal fabbricante per ottenere un risultato di prova effettivo. Il risultato effettivo della prova Fa deve essere ricavato dalla formula seguente: Il carico minimo di rottura è dato per metro di lunghezza del tubo in funzione del diametro nominale. Le classi di resistenza corrispondono al carico minimo di rottura per un tubo del diametro nominale di 1000 mm.

7 Forza di carico minima Fa di tubi di calcestruzzo con sezione interna circolare 5) Resistenza a momento flettente longitudinale (UNI EN 1916 p Appendice D) Lo scopo della presente prova è la valutazione della resistenza a momento flettente longitudinale di tubi circolari con DN minore o uguale a DN 250 e lunghezze interne del corpo maggiori di sei volte il diametro esterno. Il carico deve essere applicato al campione senza vibrazioni improvvise o scosse e a una velocità uniforme non minore di 6 kn al minuto e non maggiore di 9 kn al minuto. Disposizione di carico e di supporto (tre punti)

8 La resistenza a momento flettente longitudinale deve essere calcolata come: 6) Tenuta all acqua (UNI EN 1916 p Appendice E): Lo scopo delle presenti prove è di verificare se gli elementi e gli assemblaggi dei giunti rimangono a tenuta quando sottoposti alla pressione idrostatica interna specificata; nel caso degli assemblaggi di giunti quando sono soggetti a deviazione angolare e/o carico di taglio. a)prova idrostatica (punto E4) La pressione idrostatica interna deve essere incrementata gradualmente a 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m), misurata dalla linea mediana dell elemento, e mantenuta per un periodo di 15 minuti, durante il quale si deve valutare la conformità dell elemento, che non deve mostrare alcuna perdita o altri difetti visibili. b)prova di tenuta sugli assemblaggi dei giunti (punto E5) - Prova di tenuta durante la deviazione angolare Gli elementi devono essere sottoposti ad una inflessione angolare di /DN in.sez. tubo mm/m o di 50 mm/m, quale che sia il più piccolo, facendo attenzione a garantire che non si verifichi alcun danno strutturale. La pressione idrostatica interna di 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m), misurata dalla linea mediana dell elemento, e mantenuta per un periodo di 15 minuti, durante il quale si deve valutare la conformità dell elemento, che non deve mostrare alcuna perdita o altri difetti visibili. - Prova di tenuta in condizioni di carico di taglio L assemblaggio del giunto deve essere supportato come illustrato nella figura Legenda :1 linea mediana della guarnizione di tenuta Se si richiede a un carico aggiuntivo Rs di generare una reazione uguale al carico di taglio Fs (vedere figura), esso deve essere applicato verticalmente, il più vicino possibile alla superficie del bicchiere ad una velocità di circa 10 kn al minuto.

9 La pressione idrostatica interna di 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m) misurata dalla linea mediana degli elementi e un carico di taglio Fs in kilonewton pari a 0,03 volte DN o, deve essere applicati e mantenuti per un periodo di 15 minuti, durante il quale si deve valutare la conformità dell assemblaggio del giunto. - Prova di tenuta all acqua durante una deviazione angolare sotto carico di taglio Come alternativa a prove separate per la deviazione angolare e il carico di taglio, a discrezione del fabbricante è ammesso combinare le due prove. 7) Armatura (UNI EN 1916 p.5.2.1) L armatura dei tubi deve essere correlata alla resistenza a schiacciamento minima appropriata in conformità alla loro dimensione nominale e alla loro classe di resistenza. 8) Copriferro (UNI EN 1916 p e 5.3.3) Il copriferro minimo deve essere coerente con le condizioni di esercizio (ambiente chimico leggermente aggressivo o ambiente chimico più severo). 9) Resistenza del CLS (UNI EN 1916 p ) Il valore verificato di questa resistenza non deve essere minore della resistenza caratteristica di progetto dichiarata dal fabbricante come dichiarata nei documenti di fabbrica. La resistenza caratteristica di progetto dichiarata dal fabbricante nei documenti di fabbrica non deve essere minore di 40 MPa. - N di prove e frequenza per prove iniziali di tipo (ITT) e per prove di controllo di produzione(fpc) (UNI EN 1916 Appendice H e I) Prospetto H.1

10 Prospetto H.2 Prospetto I.1

11 Prospetto I.2 - Punti pertinenti dell allegato ZA che il produttore deve dichiarare (Marcatura CE) - Impiego previsto; - Resistenza allo schiacciamento di tubi e raccordi classe di resistenza; per tubi spinta anche la resistenza a compressione caratteristica del calcestruzzo ; - Resistenza a flessione longitudinale; - Tenuta all acqua di tubi, raccordi e giunti; - Durabilità; - Durabilità dei giunti. Si riportano di seguito esempi delle informazioni da fornire sui documenti commerciali

12

13 NEL DETTAGLIO DELLA MARCATURA CE DI POZZETTI E CAMERE D ISPEZIONE DI CALCESTRUZZO NON ARMATO, RINFORZATO CON FIBRE D ACCIAIO E CON ARMATURE TRADIZIONALI UNI EN 1917:04 Normative Vigenti In data 23/11/2004 sono finalmente entrate in vigore in forma cogente le normative europee relative ai manufatti in questione. Sono state recepite e pubblicate in Italia come: UNI EN 1917:2004 Pozzetti e camere di ispezione di calcestruzzo non armato, rinforzato con fibre e con armature tradizionali. E importante puntualizzare il fatto che tutte le Normative a cui si faceva riferimento in precedenza (sia Italiane che straniere) non sono più valide né in Italia né nella Comunità Europea e in dettaglio risultano superate e non più di riferimento: DIN BSI Classe L M H NF P P P UNI 9534 UNI E /1993 UNI U /2000 DMLLPP nr 99 Anche le seguenti Norme, attualmente in vigore negli Stati Uniti, a volte richiamate nei capitolati, non dovrebbero essere più di riferimento in quanto si sovrappongono a norme Europee: ASTM C76 C C497. Pertanto i prodotti di cui alla presente nota, per essere commercializzati in Italia e in genere nei paesi della Comunità Europea, devono essere conformi alle specifiche dettagliate nella Norma sopra menzionata e devono avere obbligatoriamente la marcatura CE. Il sistema di attestazione della conformità prevede una dichiarazione di prestazione del fabbricante del prodotto, in base a: prove di tipo iniziali da parte del fabbricante per tutte le caratteristiche essenziali indicate nelle Norme controllo di produzione in fabbrica dei parametri relativi alle caratteristiche oggetto delle prove iniziali. Preparata la dichiarazione di prestazione, il fabbricante apporrà la marcatura CE. La dichiarazione dovrà essere conservata ed esibita solo su richiesta. Il sistema di attestazione della conformità è di tipo 4 e cioè è solamente necessaria la dichiarazione di prestazione del prodotto da parte del produttore secondo le modalità di cui sopra. Non è pertanto necessario l intervento di un Ente terzo che attesti la conformità alle specifiche delle Norme UNI EN 1917 (non è cioè necessario che il fabbricante abbia la certificazione di qualità come per es. ISO 9001:2008). Va da sé che, con la dichiarazione di prestazione, il produttore si assume tutte le responsabilità di legge. Il simbolo di marcatura CE e tutte le informazioni conseguenti devono comparire sui documenti commerciali di accompagnamento (Ddt, fattura, etc). I documenti commerciali con la marcatura CE devono accompagnare ogni fornitura anche se fanno parte della stessa commessa. Da quanto sopra detto risulta quindi illegale la commercializzazione di prodotti e manufatti senza la marcatura CE.

14 Conclusioni compiti del Produttore - prove iniziali di tipo (ITT) - controllo di produzione di fabbrica (FPC) - prove successive sui campioni - redazione della Dichiarazione di prestazione del prodotto A completamento di quanto detto si riportano le normative attualmente valide per la realizzazione di opere fognarie: Non riportando le UNI EN 1917 le classi di resistenza, le tolleranze dimensionali, i ricoprimenti dell acciaio, in funzione delle classi di esposizione e condizioni ambientali, ed altre caratteristiche specifiche, è stata lasciata, da parte della Comunità Europea, la possibilità ad ogni nazione di pubblicare degli Addendum nazionali in cui potevano essere specificate tutte le proprietà che dovevano avere i prodotti e non indicate nelle Norme. La UNI EN 1916 per i tubi, ad esempio, è stata completata con la pubblicazione, da parte dell UNI, di un addendum nazionale, la UNI 11364:2010, in cui sono riportate tutte le succitate caratteristiche, fra cui ad esempio anche le classi minime di resistenza ( ), cui il progettista potrà fare utile riferimento nei capitolati; l integrazione nazionale per la UNI EN 1917 è la UNI 11385: Nomenclatura elementi pozzetto Legenda 1 Elemento di compensazione 2 Soletta di copertura 3 Elemento condotto verticale intermedio 4 Elemento di base 5 Elemento conico 6 Elemento camera 7 Soletta di riduzione

15 - Prescrizioni per i materiali 1) Materiali componenti per il calcestruzzo Il calcestruzzo deve essere confezionato con materiali conformi alle relative norme armonizzate CE di prodotto. Nello specifico: -CEMENTO : UNI EN 197 -AGGREGATI: UNI EN ACQUA: UNI EN ADDITIVI: UNI EN 934 -ev.aggiunte(ceneri, fibre acciaio) : UNI EN 450 UNI EN ISO ) Acciaio di armatura Si possono utilizzare acciai lisci, ad aderenza migliorata, profilati o nervati purchè saldabili e conformi alle relative norme armonizzate CE di prodotto. Nello specifico: UNI EN per acciai laminati e D.M. 14/01/08 per acciai ad aderenza migliorata 3) Guarnizioni di tenuta Conformi a UNI EN ) Gradini premontati Nessuna prescrizione - Prove iniziali di tipo (ITT) per i prodotti finiti con i riferimenti ai metodi di prova 1)Resistenza del CLS Da valutare mediante prove su cubetti (UNI )per la verifica della resistenza caratteristica fck come dichiarazione del produttore sui documenti di fabbrica in base al proprio sistema di qualità Qualora nella presente norma europea non sia specificata la conformità degli elementi ai requisiti strutturali da verificare mediante le prove ordinarie di resistenza, deve essere verificata la resistenza caratteristica a compressione del calcestruzzo fck tramite prelievo di carote dagli elementi finiti (UNI EN 1917 p.6.8) 2)Assorbimento d acqua cls (UNI EN 1917 Appendice D) Lo scopo della presente prova è di valutare l assorbimento di acqua, per immersione, del calcestruzzo indurito, definito come differenza tra la massa di un determinato campione immerso in acqua e la massa dello stesso campione quando è essiccato, espressa in termini di massa del campione secco. 3)Controllo visivo elementi (UNI EN 1917 p.4.3.2) Le superfici funzionali dei profili dei giunti devono essere prive di irregolarità che compromettano una durabile tenuta dell assemblaggio. Sono ammesse screpolature nello strato di boiacca, fessurazioni capillari dovute al ritiro o alla temperatura con una larghezza superficiale non maggiore di 0,15 mm e, per elementi armati, fessurazioni residue causate dalle prove ed aventi la stessa larghezza di superficie di limitazione. 4)Caratteristiche geometriche/dimensionali (UNI EN 1917 p.4.3.3) Determinazione delle misure di sezione ed altezza interne e dello spessore pareti

16 5)Resistenza allo schiacciamento elementi camera o intermedio (UNI EN 1917 AppendiceA) Lo scopo della presente prova consiste nella valutazione della relativa resistenza allo schiacciamento di un elemento camera o condotto verticale intermedio Il carico deve essere applicato in modo continuo fino al raggiungimento del carico di prova specificato Durante l applicazione del carico di prova specificato, occorre incrementare il carico ad una velocità tra i 20 kn/m e i 25 kn/m al minuto, ma non si devono effettuare regolazioni della macchina di prova quando un elemento comincia a deformarsi rapidamente prima del collasso finale. Prova di schiacciamento su elementi in disposizione orizzontale Schema per elementi a sezione circolare od ellittica Schema per elementi a sezione quadra o rettangolare 6)Resistenza allo schiacciamento elementi riduzione e chiusura (UNI EN 1917 Appendice B) Lo scopo delle presenti prove è di valutare la resistenza verticale degli elementi di riduzione e degli elementi di chiusura.

17 L apparecchiatura deve consistere in piastre di acciaio o ghisa, attraverso le quali si applica il carico specificato all elemento che è supportato lungo il perimetro. La larghezza delle aree di contatto con l elemento deve corrispondere alle condizioni che si raggiungerebbero nella struttura per la quale l elemento è stato progettato Su un elemento, che deve essere supportato come in figura, deve essere applicato verticalmente il relativo carico minimo di schiacciamento Fv in corrispondenza dell apertura come mostrato nella figura.in tal modo si deve garantire un incremento del carico continuo e senza colpi, fino al carico ultimo(di collasso) Fu. Infine deve essere registrato tale carico. Prove di resistenza verticale per elementi di chiusura, solette di copertura e solette di riduzione Legenda 1 Soletta 2 Piastra di acciaio o ghisa 3 Snodo 4 Piastra di carico da ( ) mm 5 Appoggio 6 Le solette possono incorporare una scanalatura, in tal caso nella prova si devono prevedere degli spessori di guarnizione 7 Spessore di guarnizione 8 Apertura quadrata 9 Apertura circolare 10 Soletta rettangolare 11 Soletta quadrata

18 7)Prove su gradini pre-montati (UNI EN 1917 Appendice E) Lo scopo delle presenti prove è di valutare la resistenza dei gradini pre-montati al carico verticale e ad una forza di estrazione orizzontale Prova di carico verticale Deve essere stabilito un punto al centro della pedata del gradino dal quale misurare l inflessione. Il carico deve poi essere applicato centralmente e normalmente sulla pedata del gradino, come illustrato nella figura E.1 ad una velocità da 1 kn al minuto a 3 kn al min. L inflessione al carico di prova deve essere registrata dopo che il carico è stato mantenuto per 1 min. Il carico deve quindi essere rimosso e deve essere rilevata la lettura al centro della pedata.devono essere registrate entrambe le letture dell inflessione. Forza di estrazione orizzontale La forza di estrazione deve essere applicata al centro della pedata anteriore del gradino,per un tempo massimo di 60 s, senza contraccolpi, e mantenuta per 1 min. Disposizione di prova per carico verticale ed estrazione orizzontale Legenda 1 Carico verticale 2 Forza di estrazione Dimensioni in mm

19 8)Tenuta all acqua (UNI EN 1917 Appendice C): Lo scopo di queste prove è di valutare se un singolo elemento verticale, o un singolo assemblaggio di giunto, mantiene la tenuta all acqua sotto una pressione idrostatica interna specificata. L apparecchiatura di ogni prova deve consentire all elemento o agli elementi di essere ben agganciati, deve consentire una chiusura delle estremità o delle aperture mediante dispositivi appropriati e deve essere in grado di applicare la pressione di prova idrostatica interna specificata per il periodo di tempo richiesto. La pressione non deve eccedere quella specificata di oltre il 10% e non deve essere minore. Per la prova dell assemblaggio del giunto, l apparecchiatura deve contenere due elementi, connessi come indicato nei documenti di fabbrica. L elemento deve essere saldamente fissato all apparecchiatura, con le estremità con qualsiasi tubo(i) di collegamento o adattatori chiusi, quindi deve essere riempito d acqua avendo cura di rimuovere tutta l aria In tutti i tipi di prova la pressione idrostatica interna deve essere mantenuta per un periodo di 15 min, durante i quali deve essere valutata la conformità dell elemento (nessuna perdita), prima di ridurre la pressione interna fino a zero. a)prova idrostatica su elemento verticale (punto C4) La pressione idrostatica interna deve essere incrementata gradualmente fino al relativo livello indicato di seguito: - 40 kpa (0,4 bar o colonna d acqua approssimativamente di 4 m) per l elemento di base di una camera d ispezione - 30 kpa (0,3 bar o colonna d acqua approssimativamente di 3 m) per elementi camera, condotto verticale intermedio e di chiusura di camere d ispezione; - 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m) per elementi base pozzetto, camera, condotto verticale intermedio e di chiusura. b)prova di tenuta su singoli assemblaggi di giunti (punto C5) I due elementi devono essere assemblati nell apparecchiatura con un giunto di tenuta o con materiale di tenuta come indicato nei documenti di fabbrica, chiudendo le estremità o le aperture. La pressione idrostatica interna deve essere incrementata gradualmente fino al relativo livello indicato di seguito: - 30 kpa (0,3 bar o colonna d acqua approssimativamente di 3 m) per gli elementi camera - 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m) per gli altri elementi c) Prova di tenuta durante l inflessione angolare (punto C7.2) Le prove si effettuano su un elemento verticale e un tubo di collegamento o adattatore assemblati

20 Questi devono essere sottoposti ad una inflessione angolare di /Dim.sez.tubo mm/m o 50 mm/m, quale che sia il più piccolo, facendo attenzione a garantire che non si verifichi alcun danno strutturale. La pressione idrostatica interna deve essere incrementata gradualmente fino al relativo livello indicato di seguito: - 30 kpa (0,3 bar o colonna d acqua approssimativamente di 3 m) per gli elementi camera ispezione - 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m) per gli altri elementi d) Prova di tenuta in condizioni di carico di taglio (punto C7.3) L assemblaggio del giunto deve essere supportato come illustrato nella figura Legenda :1 Mezzeria del giunto di tenuta Se si richiede a un carico aggiuntivo Rs di generare una reazione uguale al carico di taglio Fs (vedere figura), esso deve essere applicato verticalmente, il più vicino possibile alla faccia dell elemento di base Il carico deve essere trasmesso per mezzo di un supporto a forma di V con un angolo minimo di 120 e lunghezza di 100 mm. La pressione idrostatica interna deve essere incrementata gradualmente fino al relativo livello indicato di seguito: - 30 kpa (0,3 bar o colonna d acqua approssimativamente di 3 m) per gli elementi camera ispezione - 50 kpa (0,5 bar o colonna d acqua approssimativamente di 5 m) per gli altri elementi Deve quindi essere applicato un carico di taglio Fs in kilonewton pari a 0,03 volte DN 9)Esame dell armatura e misura del copriferro (UNI EN 1917 p e p.5.2.2) Sui campioni utilizzati per le prove di schiacciamento, deve essere scoperta l armatura, per valutarne la conformità ai dati di progetto,e misurato il copriferro registrandone il valore minimo rilevato al millimetro più prossimo. - N di prove e frequenza per prove iniziali di tipo (ITT) e per prove di controllo di produzione(fpc) (UNI EN 1917 Appendice G+ Appendice H) Tipo di Prova Prospetto G.1 N Prove iniziali di tipo ITT Ispezione ordinaria FPC (N prove + frequenza) Resistenza del cls/carota 1 N J*) Assorbimento acqua 3 S 1 G/mese Controllo visivo di finitura Ogni elemento sottoposto a prova Ogni elemento sottoposto a prova Caratteristiche geometriche: - elementi - profili dei giunti 3 N Vedere prospetto G.2 3 Y Vedere prospetto G.2 Resistenza allo schiacciamento Resistenza verticale 3 S per calcestruzzo non armato e rinforzato con fibre di acciaio 1 S per calcestruzzo armato 3 S per calcestruzzo non armato e rinforzato con fibre di acciaio1 S per calcestruzzo armato Vedere prospetto H.1 Vedere prospetto H.1 Gradini pre-montati 3 Z 1 Z/1 000 installati

21 Tenuta all acqua: - idrostatica (t 125 mm) - assemblaggi di singoli giunti - giunto tra un elemento e un tubo di collegamento o adattatore 3 W Vedere prospetto G.2 Vedere prospetto G.2 Vedere prospetto H.2 Vedere prospetto G.2 Vedere prospetto G.2 Armatura 1 N Ciascun elemento di calcestruzzo rinforzato che sia stato sottoposto alla prova del collasso Copriferro 1 N utilizzando ogni unità che è stata sottoposta alla prova di schiacciamento Ciascun elemento che è stato sottoposto alla prova di schiacciamento o, utilizzando il misuratore di rivestimento 2 N/giorno LEGENDA G è la prova per gruppo; J è la prova per 500 prodotti per gruppo, con un minimo di uno al mese; N è la prova per tipo e dimensione nominale; S è la prova per tipo, dimensione nominale e resistenza; W è la prova per tipo, dimensione nominale e stesso spessore di parete uguale; Y è la prova per tipo, dimensione nominale e resistenza prodotta per 1 000, con un minimo di uno per tipo e anno; Z è la prova per tipo di gradino e metodo di montaggio. *) Significa che J si riferisce a carote multiple prelevate dallo stesso elemento (vedere 6.8). Tipo di Prova 1) Assemblaggi di singoli giunti 2) Giunti tra elementi e tubi di collegamento o adattatori: - flessione angolare - carico di taglio Prospetto G.2 N Prove iniziali di tipo ITT 2 assemblaggi di giunti identici Ispezione ordinaria FPC (N prove + frequenza) Un assemblaggio ogni prodotti ma non meno di una prova all anno: - avente lo stesso profilo di tenuta (dove applicabile); - avente lo stesso profilo di giunto che risulta effettivo durante la giunzione; oppure, a discrezione del fabbricante, se la prova iniziale di tipo è stata effettuata con successo con le tolleranze più sfavorevoli, è consentito verificare solo le dimensioni del profilo del giunto e del profilo di tenuta alla frequenza stabilita nei documenti di fabbrica, ma non meno di: - un elemento ogni 25 prodotti per ciascuna dimensione nominale e tipo; - un elemento al giorno per ciascuna dimensione nominale e tipo. Prospetto H.1 Ispezione della resistenza allo schiacciamento (elementi camera e condotto verticale intermedio) e resistenza verticale (elementi di riduzione ed elementi di chiusura) Frequenza di prova degli elementi campione della stessa dimensione e resistenza nominale,prodotti Prove utilizzando una macchina specifica o una struttura Materiale Calcestruzzo non armato Calcestruzzo rinforzato con fibre di acciaio Resistenza allo schiacciamento Resistenza verticale Inizialmente o dopo una interruzione pari o maggiore di 18 mesi Fu Fu Una all inizio(d) della produzione 0,67 Fn + Fu + 0,67 Fn Fu Una all inizio(d) della produzione produttiva (ispezione normale) Produzione complessiva Produzione per settimana (c) Frequenze di campionamento <750 elementi Uno ogni 500 elementi prodotti ma non meno di quattro all anno 750 elementi Uno ogni 750 elementi prodotti <750 elementi Uno ogni 500 elementi prodotti ma non meno di quattro all anno

22 Calcestruzzo armato (ispezione di base) Fc = 0,8 Fn // Una all inizio(d) della produzione 1,2 Fn // Una all inizio(d) della produzione 750 elementi Uno ogni 750 elementi prodotti <250 elementi Uno ogni 500 elementi prodotti ma non meno di due all anno 250 elementi < 750 Uno ogni due settimane 750 elementi Uno ogni elementi prodotti Uno ogni 10 di quelli selezionati per Fc ma non meno di uno all anno c) Significa cinque giorni in successione di produzione di elementi con stessa dimensione e resistenza nominale. d) Significa escludendo le prove iniziali di tipo ma, dovendo scegliere a caso tutti i campioni, non necessariamente il primo elemento sottoposto a produzione ordinaria. Nota L effettivo risultato di prova relativo agli elementi camera e condotto verticale intermedio Fa è utilizzato per Fc, Fn e Fu come appropriato (vedere A.5). Prospetto H.2 Ispezione della tenuta all acqua (idrostatica dell elemento verticale) Massima produzione su giorni di lavoro consecutivi prima di un Spessore parete di campionamento con ispezione normale di ogni tipo, dimensione progetto (mm) nominale e stesso spessore di parete a) < sp < sp >125 // a) Se un particolare tipo, dimensione nominale o spessore di parete non è stato prodotto per un periodo di 60 giorni di lavoro consecutivi, deve essere effettuato un campionamento al momento della ripresa della produzione, e questo sarà soggetto ad almeno un campionamento all anno. La prova iniziale di tipo(itt), inoltre, deve essere effettuata: - all inizio della produzione di un nuovo tipo di prodotto; - ogni volta che interviene una modifica significativa nel progetto, tipo di materiale o metodo di fabbricazione. - Punti pertinenti dell allegato ZA che il produttore deve dichiarare(marcatura CE) - Caratteristiche geometriche/dimensionali e tolleranze - )Resistenza meccanica (rck del CLS o resistenza allo schiacciamento in base al tipo di elemento) - Capacità portante dei gradini pre-montati -Tenuta all acqua (valore pertinente in base al tipo di elemento) - Durabilità Si riportano di seguito esempi delle informazioni da fornire sui documenti commerciali

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

TUBI DI CALCESTRUZZO VIBROCOMPRESSO ARMATO NORMA UNI EN 1916 VOCI DI CAPITOLATO ELENCO PREZZI PRESCRIZIONI TECNICHE

TUBI DI CALCESTRUZZO VIBROCOMPRESSO ARMATO NORMA UNI EN 1916 VOCI DI CAPITOLATO ELENCO PREZZI PRESCRIZIONI TECNICHE TUBI DI CALCESTRUZZO VIBROCOMPRESSO ARMATO NORMA UNI EN 1916 VOCI DI CAPITOLATO ELENCO PREZZI PRESCRIZIONI TECNICHE Pagina 1 di 14 VOCE DI CAPITOLATO TUBI ARMATI con base piana Ø300 Ø1200 Fognatura di

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14

revisione data verifica approvazione Pagina 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO TUBAZIONI CORRUGATE FORMABILI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

Elenco Prezzi Città di Torino 2007 (E.P. Regione Piemonte ridotto del 10%) pag. 2 di 174

Elenco Prezzi Città di Torino 2007 (E.P. Regione Piemonte ridotto del 10%) pag. 2 di 174 Prezzi Città di Torino 2007 (E.P. Regione Piemonte ridotto del 10%) pag. 1 di 174 08 FOGNATURE 08.P01 FORNITURE MATERIALI 08.P01.A Leganti 08.P01.A 01 08.P01.B Cemento osmotico biermetico per contenimento

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4 Oggetto: D.Lgs 81/08 Verifiche ed ispezione approfondita sugli apparecchi di sollevamento- interpretazione del Decreto e delle Norme attinenti. Competenze esclusive dell Ingegnere. In riferimento al Decreto

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI Ing. Antonio Bianco Direttore ABICert D.M. 14.01.2008 Capitolo 11 Contesto normativo nazionale I materiali e prodotti per uso strutturale devono essere: identificati univocamente

Dettagli

LA MARCATURA NELLE CHIUSURE OSCURANTI:

LA MARCATURA NELLE CHIUSURE OSCURANTI: LA MARCATURA NELLE CHIUSURE OSCURANTI: I PROSSIMI IMPEGNI DEI PRODUTTORI LA MARCATURA CE NORMA DI RIFERIMENTO CHIUSURE OSCURANTI UNI EN 13659:2004 Chiusure oscuranti. Requisiti prestazionali compresa la

Dettagli

Sistema tubo-guarnizione per. Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15

Sistema tubo-guarnizione per. Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15 Sistema tubo-guarnizione per Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15 BLU SEWER EVOLUTION Prestazioni superiori garantite dal sistema di giunzione integrato al tubo Il nuovo tubo Blu Sewer Evolution

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE.

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. La Marcatura CE Normativa UNI EN 13659 MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. Dal 2 Aprile 2006 è in vigore l'obbligo di Marcatura CE per tutte le chiusure oscuranti (persiane,

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Seminario: Elementi strutturali in acciaio; I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Relatore: Ing. Filippo Lago Certification Product Manager Distretto Nord est RINA Services

Dettagli

LA MARCATURA CE DELLE MALTE PER OPERE MURARIE: ASPETTI NORMATIVI E PRESTAZIONALI

LA MARCATURA CE DELLE MALTE PER OPERE MURARIE: ASPETTI NORMATIVI E PRESTAZIONALI Visita tecnica ATE _ 19 maggio 2006 1 LA MARCATURA CE DELLE MALTE PER OPERE MURARIE: ASPETTI NORMATIVI E PRESTAZIONALI Geom. Enrico De Steffani Tecnologo, Libero Professionista 2 Riassumendo Che cos è?

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

Effetti del passaggio al regolamento su Etichette, Marcature, FPC: esempi concreti su diversi settori e prodotti da costruzione

Effetti del passaggio al regolamento su Etichette, Marcature, FPC: esempi concreti su diversi settori e prodotti da costruzione Confindustria Udine 03 giugno 2013 Prodotti da Costruzione, da direttiva a regolamento: cosa cambia per chi lavora l acciaio Effetti del passaggio al regolamento su Etichette, Marcature, FPC: esempi concreti

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 REGOLAMENTO PARTICOLARE LICENZA D USO DEL MARCHIO BV PER TUBI FOGNATURA E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 AD ACCRESCIUTA RESISTENZA AGLI ACIDI INDICE

Dettagli

Fornitura di tubi in materiale composito per armatura di micropali. Controlli e collaudo

Fornitura di tubi in materiale composito per armatura di micropali. Controlli e collaudo Fornitura di tubi in materiale composito per armatura di micropali Controlli e collaudo Le armature di nostra fornitura sono costituite da tubi di diametro 200 mm e spessore 10 mm in resina poliestere

Dettagli

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA.

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. Marcatura CE dei serramenti, facciate continue, chiusure oscuranti, cancelli e porte industriali, commerciali e da garage. 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato Contenuto tecnico e valore aggiunto Il Regolamento il marchio di qualità è attribuito da SISMIC a seguito della: dimostrazione del rispetto

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

I materiali impiegati per la costruzione sono: inserire l'elenco dei materiali. cemento armato. acciaio da carpenteria;

I materiali impiegati per la costruzione sono: inserire l'elenco dei materiali. cemento armato. acciaio da carpenteria; I materiali impiegati per la costruzione sono: inserire l'elenco dei materiali cemento armato acciaio da carpenteria; piastre in acciaio, bulloni, barre saldature CEMENTO ARMATO LEGANTI: I leganti impiegati

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

Pozzetti fognatura EDILIZIA DRENAGGIO SUOLO FOGNATURA VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO. Pozzetti fognatura

Pozzetti fognatura EDILIZIA DRENAGGIO SUOLO FOGNATURA VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO. Pozzetti fognatura VENTILAZIONE CARICO IDROANITARIO DRENAGGIO UOLO FOGNATURA EDILIZIA Pozzetti fognatura 2015 91 Pozzetti fognatura Autoportanti, ottima tenuta idraulica, durabilità nel tempo ettori di utilizzo I Pozzetti

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

I A T R T U E T Z A Z N O G P O F Pozzetti fognatura 2013 105

I A T R T U E T Z A Z N O G P O F Pozzetti fognatura 2013 105 POZZETTI FOGNATURA Pozzetti fognatura 2013 105 Autoportanti, ottima tenuta idraulica, durabilità nel tempo Settori di utilizzo I Pozzetti Fognatura REDI fanno parte dei pezzi speciali per condotte interrate

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA Art. 1 Denominazione Il marchio Marmo di Carrara con le sottodenominazioni alternativamente inscindibili Estratto nel Distretto di Carrara o Estratto e lavorato nel Distretto

Dettagli

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 ing. Rita D Alessandro ufficio normative EdilegnoArredo A.I.P.P.L. dr. Stefano Berti CNR IVALSA 2 Soluzioni architettoniche moderne

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

Parapetti / Balaustre in vetro stratificato. Le regole ed indicazioni da rispettare nella progettazione

Parapetti / Balaustre in vetro stratificato. Le regole ed indicazioni da rispettare nella progettazione Parapetti / Balaustre in vetro stratificato Le regole ed indicazioni da rispettare nella progettazione SICUREZZA I parapetti sono elementi con funzione di protezione anticaduta e sono preposti quindi alla

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 3 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 4

INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 3 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 4 REGOLAMENTO PARTICOLARE CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL CORRUGATE FORMABILI CSST IN ACCIAIO INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 3 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI...

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 5 da Acciai da \INDICE: 1) Scopo 2) Campo di applicazione 3) Norma di riferimento 4) Definizioni e simboli 5) Responsabilità 6) Apparecchiature 7) Modalità esecutive 8) Esposizione dei risultati

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

Tubi di Polietilene per Drenaggio

Tubi di Polietilene per Drenaggio CENTRALTUBI Tubi di Polietilene per Drenaggio - Drenaggio opere civili; - Drenaggio opere sportive; - Raccolta percolato; - Captazione biogas; - Reti di controllo. Listino n. 8/C - Giugno 2006 CENTRALTUBI

Dettagli

Prodotti prefabbricati strutturali. 1 Bergamo, 09 Giugno 2011

Prodotti prefabbricati strutturali. 1 Bergamo, 09 Giugno 2011 Prodotti prefabbricati strutturali. Ing. Arch. Gianpiero Montalti Sezione Solai e Doppia Lastra Bergamo 09 Giugno 2011 1 Contenuti della presentazione Inquadramento legislativo Prodotti soggetti a Marcatura

Dettagli

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA Descrizione prodotto L architrave prefabbricato tralicciato in laterocemento della serie AR, prodotto dalla LPM S.p.A., è un elemento strutturale

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

Tubi d'acciaio per acquedotti

Tubi d'acciaio per acquedotti 1. Salzgitter Mannesmann Line Pipe GmbH 2. Tubi d'acciaio per acquedotti 3. Protezione anticorrosiva interna ed esterna 4. Accessori 5. Pezzi speciali 6. Flange 7. Raccorderia e valvole 8. Istruzioni di

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio 1. Specifiche Tecniche Travi PREM SD a1 In un cantiere con utilizzo di Travi PREM, ciascuna figura coinvolta, Professionale ed

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative Questi interventi hanno lo scopo di predisporre un adeguata preparazione delle condotte perché si realizzino le

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale.

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Viega Megapress Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Descrizione sistema Impiego previsto Il sistema Megapress è adatto all impiego per impianti di riscaldamento, raffreddamento

Dettagli

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE Fonte: G.B.D. spa 30 Parametri a normadi Paolo Grisoni La definizione di alcune importanti norme europee hanno completamente ridefinito gli standard per i sistemi di scarico dei prodotti della combustione

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre ANALISI DEI PREZZI Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre comprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico manipolazione e posa in opera dei vari

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli