Le abilità di Counseling nella pratica logopedica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le abilità di Counseling nella pratica logopedica"

Transcript

1 Le abilità di Counseling nella pratica logopedica Formazione teorico-esperienziale sulla relazione ARGANTE Progetti di formazione i-counseling Formazione in linea con la Legge 14 gennaio 2013, n.4 e con le direttive dell Associazione di Categoria AssoCounseling - Iscrizione n. A0714 Formazione di 120 ore riservata ai Logopedisti Patrocini e Partenariati

2 2 Di fronte a una società in continua trasformazione, con dei ritmi di cambiamento molto elevati occorrono nuove competenze, nuovi saper fare, nuove capacità assertive per progettare, scegliere obiettivi, scoprire processi, aprire orizzonti e inventare confini di contenimento. Si tratta di competenze che potenziano la libertà responsabile [...] la libertà responsabile non cerca di arretrare gli stili di vita di qualche secolo per conservarli imbalsamati, ma crea nuove soluzioni sulle radici di quanto è già stato inventato, scoperto e conquistato. Pio Scilligo Riferimenti teorici e formativi dei progetti i-counseling Il quadro di riferimento teorico-applicativo delle attività presentate è basato sul modello della Salutogenesi e del Counseling Professionale Integrato. Il termine salutogenesi è formato dalla parola latina salus, salutis = salute e dalla parola greca genesi = origine, inizio, derivazione. La salutogenesi si occupa delle fonti della salute al fine di concentrarsi sulle parti sane, funzionanti e sulle risorse della persona. Il potenziamento delle risorse concorre a mantenere e migliorare la resilienza e la flessibilità dell individuo. Il pensiero salutogenico presuppone che tutte le persone siano più o meno sane e più o meno La promozione della salute è il processo che permette alle persone di aumentare il controllo sulla propria salute e sui suoi determinanti, e dunque di migliorare la salute stessa. (Carta di Bangkok, 2005) malate: l obiettivo è capire in che modo un individuo può diventare più sano o meno malato. (FONTE: DoRS Regione Piemonte - Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute). Questo paradigma è costantemente arricchito dai recenti studi della Psicologia Positiva e della Psicologia Umanistica sul potenziamento ed utilizzo delle skills for life (abilità esistenziali), sulle metodologie di rete e di gruppo. Le Life skills sono quindi l'insieme di abilità personali e relazionali utili a governare i nostri rapporti con il resto del mondo, al fine di affrontare positivamente la vita quotidiana. La mancanza di tali skills socio-emotive può causare l'instaurarsi di comportamenti negativi e non efficaci in risposta ad eventi stressogeni. Il "nucleo fondamentale" delle skills of life è costituito dalle seguenti abilità e competenze: 1. Decision making: competenza che aiuta ad affrontare in maniera costruttiva le decisioni nei vari momenti della vita. 2. Problem solving: questa capacità permette di affrontare i problemi della vita in modo costruttivo.

3 3 3. Pensiero creativo: agisce in modo sinergico rispetto alle due competenze sopraccitate, mettendo in grado di esplorare le alternative possibili e le conseguenze che derivano dal fare e dal non fare determinate azioni. 4. Pensiero critico: è l'abilità ad analizzare le informazioni e le esperienze in maniera obiettiva. 5. Comunicazione efficace: sapersi esprimere, sia sul piano verbale sia non verbale, con modalità appropriate rispetto alla cultura e alle situazioni. 6. Capacità di relazioni interpersonali: aiuta a mettersi in relazione e a interagire con gli altri in maniera positiva, riuscire a creare e a mantenere relazioni amichevoli che possono avere forte rilievo sul benessere mentale e sociale. 7. Autoconsapevolezza: ovvero sia riconoscimento di sé, del proprio carattere, delle proprie forze e debolezze, dei propri desideri e delle proprie insofferenze. 8. Empatia: è la capacità di immaginare come possa essere la vita per un'altra persona anche in situazioni con le quali non si ha familiarità. 9. Gestione delle emozioni: implica il riconoscimento delle emozioni in noi stessi e negli altri. 10. Gestione dello stress: consiste nel riconoscere le fonti di stress nella vita quotidiana, nel comprendere come queste ci "tocchino" e nell'agire in modo da controllare i diversi livelli di stress. L obiettivo primario della formazione rivolta alla categoria professionale del Logopedista è quello di sviluppare tali abilità basilari ed innate dell essere umano per aumentare le proprie competenze relazionali in ambito personale e professionale. Troppo spesso queste capacità sono addormentate dai ritmi esistenziali a cui ci sottoponiamo. Il presente percorso formativo, a carattere teorico esperienziale, intende agevolare l Incontro con se stessi per scoprire come poter incontrare nuovamente l altro attraverso l empowerment (il potenziamento) L acquisizione delle Life skills costituisce un presupposto indispensabile per promuovere il benessere personale e sociale, per stabilire relazioni efficaci, per prevenire comportamenti a rischio nel campo della salute del proprio naturale bagaglio esistenziale. È necessario riconoscere, acquisire e potenziare tali competenze e abilità per relazionarsi più efficacemente con sé e con gli altri, per affrontare problemi, pressioni e lo stress naturalmente presente durante il ciclo della vita e in particolare nel corso della propria attività lavorativa. La realizzazione di tale obiettivo avviene quando le persone sono messe in grado di identificare e realizzare le proprie aspirazioni, soddisfare i propri bisogni, modificare l ambiente o adattarvisi.

4 Incontrare se stessi per incontrare l altro. Ogni viaggio inizia con un passo, ogni incontro inizia con due passi, ogni relazione è una danza in punta di piedi 4 Il Counseling e la sua importanza nell area sanitaria Il counseling è una relazione di aiuto che attraverso l'incontro umano, l'ascolto, l'empatia tra un professionista (counselor) e un cliente (individuo, famiglia o gruppo) crea uno spazio protetto di comunicazione nel quale facilitare processi di cambiamento, rinforzare percorsi evolutivi e migliorare la qualità della vita. Le abilità di counseling sono competenze trasversali di grande attualità nel panorama contemporaneo, dove è sempre maggiore la necessità di padronanza delle life skills: abilità di comunicazione, attenzioni relazionali e problem solving che facilitano l espressione di una vasta area di azioni professionali. Sono abilità che attivano attenzione, ascolto, facilitazione e impulso in individui e gruppi nell ambito dei diversi contesti professionali caratterizzati da un alta intensità relazionale. Competenze comunicative e relazionali specifiche possono essere acquisite e perfezionate in appositi percorsi formativi. L acquisizione di tali competenze rappresenta un valore aggiunto alle conoscenze tecniche e scientifiche delle diverse figure professionali impegnate nell area sanitaria con funzioni e compiti differenti. Tali competenze, infatti, risultano essenziali per costruire credibilità e rapporti di fiducia tra i soggetti coinvolti nelle varie fasi di un percorso di cura e per ricevere collaborazione e partecipazione nei momenti più complessi. Pertanto, tutti gli operatori sanitari possono trovare, nella loro applicazione, un valido contributo per una prestazione professionale più efficace nei contenuti e nei processi. In particolare, le abilità di counseling trovano applicazioni nell accoglienza degli utenti, nell ascolto attivo dei loro bisogni e nella loro educazione, nel supporto ai pazienti nel percorso di malattia per favorire la consapevolezza, la compliance ai trattamenti e l adattamento funzionale e nel sostegno emotivo agli operatori per la prevenzione del Burnout. Infatti, nel contesto di una professione d aiuto e di relazioni con persone in difficoltà o in stato di sofferenza, essere in grado di accogliere

5 5 l altro con calore, di ascoltare attivamente, di comunicare in modo efficace e di valorizzare le risorse altrui risulta fondamentale per garantire l istaurarsi di relazioni sane con il paziente-utente e con l equipe e per mantenere alto il livello di motivazione e collaborazione rispetto alle esigenze del percorso di cura. Le abilità di counseling nella pratica logopedica L aspetto educativo proprio del Counseling trova uno spazio fertile nel mondo sanitario e dunque anche nella pratica logopedica: esso offre una possibilità di ascolto privo di giudizio e permette di lavorare sulle risorse delle persone e sulla loro reale capacità di prendersi cura di se stessi, ancor prima che degli altri. La relazione può essere fonte di nutrimento in primis per il professionista che, anche grazie ad essa, mantiene alto il livello di motivazione verso la propria attività lavorativa. Inoltre, la capacità di istaurare relazioni sane ed efficaci rappresenta un importante strumento per il logopedista, perché una buona relazione contribuisce al benessere del paziente e all evoluzione positiva del suo percorso riabilitativo. Il logopedista che abbia riscoperto e potenziato le proprie abilità relazionali può essere un professionista presente a se stesso e all altro con maggiore autenticità, consapevolezza e congruenza. Sarà in grado di elaborare nuovi codici comunicativi e creativi, così da percepire una rinnovata energia nelle relazioni per contattare emotivamente l altro alla giusta distanza ed alla giusta vicinanza, evitando sofferenze inutili e improduttive. Nel corso dell attività lavorativa, infatti, i professionisti sanitari sono spesso soggetti a rischio di Burnout, ovvero quello stato di logoramento emotivo, mentale e fisico che generalmente parte da un forte impegno e idealismo nel proprio lavoro per arrivare a una situazione finale di grande delusione e disperazione. Diviene altresì necessario che il logopedista impari a riconoscere le proprie emozioni e i segnali di tensione emotiva, che acquisisca idonee strategie di fronteggiamento degli stati di stress, che rifletta sulle motivazioni che sostengono la sua scelta professionale e che venga educato a prevedere spazi di confronto e condivisione di aspetti sia tecnici sia emotivi legati alla propria quotidianità lavorativa. Inoltre, lo scenario sanitario attuale comporta necessariamente dei momenti di confronto, sia all interno del gruppo di lavoro sia all esterno, in particolare con le persone assistite ed i loro

6 6 familiari. Le problematiche dei pazienti e dei loro familiari sono vissute a livello emozionale in maniera unica e univoca da ciascuno dei componenti dell equipe professionale. L operatore sanitario non sempre è in grado di gestire questi momenti di confronto in maniera sana e costruttiva: molte situazioni generano momenti di conflitto con conseguenze per la stabilità dell équipe e per il benessere dei pazienti. Anche in tal senso, un logopedista che abbia acquisito abilità di counseling può imparare a vivere i conflitti non come limitazioni, ma come opportunità di crescita personale, come il punto di partenza per giungere a una nuova e più efficace gestione di sé e della relazione con i colleghi. Obiettivi formativi e struttura del corso Il Corso, a carattere teorico-esperienziale, intende formare Logopedisti con qualificate capacità di osservazione, ascolto, gestione del tempo, abilità comunicative e competenze relazionali, in grado di ottimizzare la relazione con i propri utenti e colleghi, prevenire stati di Burnout e favorire l emergere di strategie utili a fronteggiare episodi di tensione emotiva. In particolare, s individuano i seguenti obiettivi formativi: - impulso alla crescita personale e professionale; - sviluppo di competenze operative concrete in campo comunicativo e relazionale nell ambito della professione del logopedista; - miglioramento della capacità di ascolto e gestione nelle situazioni/problema tipiche del proprio ambito sanitario; - acquisizione di cognizioni teorico/tecniche e di sicurezza di base per interagire con i propri interlocutori (pazienti, familiari e membri dell equipe); - potenziamento della consapevolezza di sé e della capacità di contatto empatico come strumenti per migliorare la qualità della comunicazione quotidiana, gestire i conflitti e accompagnare i momenti di cambiamento dei destinatari della propria attività. Ogni modulo integra una parte teorica e una esperienziale, per un totale di 120 ore di formazione. Durante la formazione teorica, il corsista apprenderà contenuti scientifici mutuati dal modello della Salutogenesi e del Counseling Professionale Integrato, rilevanti al fine di qualificare le proprie relazioni professionali. La formazione esperienziale faciliterà l assimilazione dei contenuti teorici: attraverso il confronto con i colleghi e la supervisione dei docenti, il professionista sarà guidato in

7 un percorso di conoscenza delle proprie motivazioni, caratteristiche e risorse, con l obiettivo di potenziare il senso di autoefficacia e rinnovare la propria identità professionale. 7

8 Presentazione patrocini e partenariati Società Scientifica Logopedisti Italiani (SSLI) 8 La SSLI nasce da logopedisti interessati allo studio e all approfondimento delle discipline del settore nella formazione di base e continua, nello studio e nella ricerca applicata, ai fini della crescita scientifica e culturale della categoria. La sua missione è arricchire lo stato dell arte della logopedia, la quale, incorporando e rielaborando al proprio interno conoscenze attinte anche da altri domini e discipline, sappia costruire un corpus di conoscenze proprie, in grado di far assurgere la logopedia a vera e propria scienza. Gli obiettivi della SSLI riguardano: - la promozione di attività di aggiornamento professionale e di formazione permanente, tramite l istituzione di corsi di formazione, seminari, conferenze e tutte quelle forme di comunicazione atte a trasferire il bagaglio formativo-culturale indispensabile per un corretto esercizio della professione del logopedista; - il sostegno alla formazione professionale di elevata qualità, proponendo principalmente attività formative riconosciute con programmi annuali per l ottenimento dei crediti formativi ECM. - la sensibilizzazione dell opinione pubblica, ottenuta tramite convegni o articoli divulgati su organi di stampa anche specializzata, sull importanza di affidarsi a professionisti con una formazione professionale continua. - l effettuazione di donazioni finalizzate alla formazione professionale e qualificata dei logopedisti al fine di promuovere, favorire e guidare la formazione di conoscenza professionale nell ambito della Logopedia. - la promozione di azioni di accreditamento formativo per conto terzi e l attuazione di ricerche scientifiche e di trials di studio, di implementazione di linee guida anche in collaborazione con le A.S.S.R. Agenzie per i Servizi Sanitari regionali e la F.I.S.M. nonché con istituzioni pubbliche e private, università, docenti ed esperti di comprovata esperienza, assicurando

9 una verifica costante e precisa della qualità delle attività svolte con sistemi di verifica coerenti con la natura delle attività stesse. Sito di riferimento: 9 Consorzio Eubeo Il Consorzio Eubeo è stato costituito nel 1993 dalla Università di Napoli Federico II e dalla Olivetti Ricerca S.p.A. Attualmente la sua composizione è la seguente: Università degli Studi di Napoli Federico II (socio di maggioranza), Consorzio Clara, API Napoli, Studio Ingegneria e Finanza. La componente pubblica rappresenta circa l 85% della compagine societaria. La missione di Eubeo è nella promozione, organizzazione e gestione di attività finalizzate alla valorizzazione economica e sociale della ricerca scientifica e dell alta formazione, svolta nei Dipartimenti dell Università Federico II di Napoli e/o in altre istituzioni/enti pubblici di ricerca, localizzati in Campania in stretta collaborazione con le PMI. Tra le principali attività, il Consorzio ha gestito prima i Diplomi Universitari e poi diversi Master Universitari di II livello, oltre a numerose iniziative nel campo della formazione e della ricerca nell ambito di finanziamenti regionali e comunitari. Sito di riferimento: Antonio Vallardi Editore La casa editrice Vallardi ha oltre 250 anni di storia, iniziata quando nel 1750 Francesco Cesare Vallardi cominciò la produzione di libri stampati a Milano in Contrada Santa Margherita. Oggi Vallardi è leader nel settore dei dizionari e dei manuali di linguistica con oltre 50 lingue, dall'albanese al vietnamita, ed è presente con successo sul fronte del digitale visto che dal 2009 i principali dizionari sono disponibili anche su iphone e che l app per ipad Chinagram ha ottenuto riconoscimenti italiani e internazionali.

10 Sul fronte dello studio, la produzione di manuali per imparare le lingue è poi affiancata da titoli che spaziano dalla matematica alla filosofia, dalla storia alla fisica per un totale di quasi 100 titoli distribuiti tra le collane Finalmente ho capito, Sintesi,.zip e carte.zip. Il catalogo Vallardi è attualmente suddiviso in cinque sezioni: Studio: strumenti e materiali per supportare lo studio in ogni età della vita, dal liceo all università, dall approfondimento alla curiosità personale; 2. Benessere psico-fisico: spunti ed esercizi per sentirsi bene nel corpo e nello spirito; 3. Passioni: libri per coltivare i vostri hobby e scoprirne di nuovi; 4. Lingue: colonna portante della casa editrice fin dai suoi inizi, un offerta che comprende oltre 50 lingue per lettori italiani e stranieri; 5. Crescita personale e lavoro: idee e azioni per essere sempre al passo in un mondo del lavoro in transizione. All interno della sezione Benessere psico-fisico è possibile trovare i Quaderni d esercizi. Tali semplici testi, ad opera di diversi autori, rappresentano per il lettore preziose opportunità di Self Help e di sviluppo e crescita personale, risultando di particolare interesse ed in linea con gli obiettivi formativi del presente progetto. Sito di riferimento:

11 Le abilità di Counseling nella pratica logopedica Corso di formazione teorico-esperienziale sulla relazione 11 Enti formativi coinvolti Promotori e organizzatori: Argante, titolare del marchio i-counseling Partner scientifici: EUBEO Consorzio Universitario per l Innovazione Patrocini: - Società Scientifica Logopedisti Italiani (SSLI) - Prot. 265/ Antonio Vallardi Editore Accreditamenti Richiesti 50 crediti ECM Responsabili del progetto e docenti Destinatari Responsabili del progetto: - Antonello D. Mallamo, Counselor Formatore e Supervisore. Professionista in linea con la Legge 14 gennaio 2013, n. 4 e con le direttive dell Associazione di Categoria AssoCounseling - Iscrizione n. A0714. Da oltre 10 anni si occupa di prevenzione del disagio e promozione del ben-essere per le politiche giovanili sul territorio di Bologna e provincia, sviluppando progetti per il sostegno e la crescita di adolescenti ed adulti. Svolge l attività di Counselor in ambito privato, sociale e dell orientamento professionale. Dal 2008 coordina percorsi formativi professionali in Counseling. - Francesca Verni, Logopedista e Counselor. Ha un esperienza specifica nel trattamento di disturbi cognitivo-comportamentali conseguenti a gravi cerebrolesioni acquisite e come agevolatrice di percorsi di autonomia scolastica per bambini e ragazzi con disturbi specifici dell apprendimento. La formazione quadriennale in Counseling e l interesse alla crescita personale hanno contribuito allo sviluppo di una particolare sensibilità alla qualità della relazione professionale con gli utenti. Il gruppo di formatori è composto da professionisti di comprovata formazione ed esperienza rispetto ai temi trattati, con particolare riferimento agli ambiti della logopedia, del counseling, della psicologia, dei processi formativi e del sociale. Logopedisti e laureandi in Logopedia

12 12 Finalità e obiettivi generali Il corso ha lo scopo di formare Logopedisti qualificati nell ambito delle abilità psicosociali e nella gestione delle relazioni interpersonali. Il professionista acquisirà conoscenze, competenze, strumenti operativi, coscienza nell agire e nuove motivazioni personali e professionali. La formazione proposta, inoltre, risulta essere efficace come prevenzione alla gestione dei rischi emotivi correlati alla professione sanitaria del Logopedista e come promozione di una rete di sostegno attorno al paziente ed all operatore stesso. Gli obiettivi formativi saranno perseguiti mediante: - il riferimento teorico e scientifico delle relazioni di aiuto e di cura - l apprendimento delle modalità di intervento promosse dal counseling professionale e l integrazione nella pratica logopedica; - la sperimentazione guidata, durante le sessioni formative, delle parti teoriche apprese Il modello integrato, a cui l equipe formativa fa riferimento, agevola l acquisizione di strumenti, tecniche e strategie flessibili e facilmente declinabili nelle realtà professionali in modo pratico e diretto seguendo il principio Learning by doing [apprendimento attraverso l'esperienza]. Durata Annuale: da febbraio 2015 a dicembre 2015 Il corso prevede un totale di 120 ore suddivise in: - 90 ore di formazione teorico-esperienziale in aula - 20 ore di ricerca e sviluppo personale extra aula - 10 ore per la stesura della relazione conclusiva Struttura del corso Le ore di formazione in aula sono organizzate in 10 moduli, a cadenza mensile, strutturati come segue: - Modulo di apertura [febbraio 2015] sabato 11:00-13:00; 14:00-18:30 domenica 09:00-13:00; 14:00-17:30 - Otto moduli domenica 09:00-13:00; 14:00-18:30 - Modulo di chiusura [dicembre 2015] sabato 11:00-13:00; 14:00-18:30 domenica 09:00-13:00; 14:00-17:30

13 13 Calendario ANNO 2015 Febbraio: sabato 28 e domenica 01 marzo Marzo: domenica 29 Aprile: domenica 12 Maggio: domenica 10 Giugno: domenica 07 Luglio: domenica 12 Settembre: domenica 20 Ottobre: domenica 11 Novembre: domenica 15 Dicembre: sabato 5 e domenica 6 Macro Aree del corso 1) Comunicazione e relazione 2) Tecniche per agevolare il processo di relazione 3) Strumenti per la gestione dei rischi emotivi dell operatore e per la promozione professionale Contenuti del percorso formativo Strumenti didattici Le abilità di counseling nella pratica logopedica Introduzione al Counseling Umanistico Integrato Comunicazione verbale e non verbale Ascolto attivo, barriere alla comunicazione e il feedback fenomenologico La salutogenesi e la patogenesi L approccio alla persona di Carl R. Rogers Il setting logopedico e l analisi della domanda Elementi della teoria della Gestalt per lo sviluppo della relazione Il ciclo di vita e i contesti di applicazione logopedica: età evolutiva, adulta e geriatrica Elementi di Analisi Transazionale per lo sviluppo del professionista e della relazione Le emozioni: patrimonio della persona e del professionista Il lavoro con il caregiver come potenziale risorsa in riabilitazione L organizzazione e la conduzione dei gruppi Strategie di fronteggiamento degli stati di stress e dei rischi emotivi professionali Le basi di Autostima, Autoefficacia e Assertività La cultura del confronto e dell Altravisione L uso della mediazione espressiva ed artistica nelle relazioni d aiuto La promozione professionale Note - Si precisa che il programma può subire variazioni per necessità organizzative e aggiornamenti scientifico-didattici. 1. Lezioni teorico-esperienziali 2. Esercitazioni pratiche e giochi di ruolo 3. Video-didattica

14 4. Dispense 5. Bibliografia e sitografia; 6. Questionari di valutazione e autovalutazione 14 Adempimenti richiesti Ai corsisti sono richiesti i seguenti adempimenti: - studio del materiale didattico; - redazione della relazione conclusiva concordata; - non aver superato il 20% di assenze; - essere in regola con gli adempimenti amministrativi. Ammissione al corso Numero di partecipanti Sede Prospetto economico Per l iscrizione al Corso sono necessari i seguenti requisiti: - laurea in Logopedia o certificato d iscrizione universitaria (laureandi) - curriculum personale e professionale - lettera di motivazione Le domande saranno valutate dai responsabili del progetto formativo. Il corso sarà attivato con un minimo di 15 iscritti e prevede un massimo di 24 partecipanti. Roma, Via Albalonga 44 (Metro A, fermata Re di Roma) Il costo totale del Corso è di 1.150,00 euro (con 50 crediti ECM). Si richiede un versamento d iscrizione pari a 250,00 euro, il restante importo è rateizzabile in 9 quote da 100 euro. Il costo totale del Corso per gli studenti è di 960,00 euro. Si richiede un versamento d iscrizione pari a 160,00 euro, il restante importo è rateizzabile in 8 quote da 100,00 euro. Termini d iscrizione Le iscrizioni si aprono il 29 dicembre 2014 e si chiudono il 23 febbraio Titolo rilasciato Al termine del Corso, gli allievi che abbiano redatto con profitto la relazione conclusiva e che siano in regola con le presenze e con gli adempimenti amministrativi riceveranno l attestato di: Professionista esperto nelle abilità relazionali

15 15 Informazioni e contatti Per informazioni e iscrizioni Compilazione form online: https://secure.jotformeu.com/form/ Antonello D. Mallamo: Francesca Verni: MAIL: SITO:

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli