Andrea Traverso. Parole chiave: Competenze, tutoraggio, progetto educativo, Keywords: Skills, Tutoring, Educational Project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Traverso. Parole chiave: Competenze, tutoraggio, progetto educativo, Keywords: Skills, Tutoring, Educational Project"

Transcript

1 Le competenze educative del tutor dell'orientamento in ambito scolastico e universitario The Educational competencies of the Guidance Tutor in the Area of School and University Andrea Traverso Questo saggio vuole presentare le competenze educative della figura professionale del tutor dell'orientamento in ambito scolastico e universitario con la finalità di specificare con maggiore attenzione il contributo e la specificità della pedagogia. Oltre alle competenze verranno specificati i compiti, le attitudini ed i valori di riferimento della professioni utili al percorso di consolidamento personale e di acquisizione delle Career Management Skills. This paper aims to present the educational skills of the tutors in schools and universities with the aim to specify more carefully the contribution and the specificity of the pedagogy. In addition to the skills, the paper aims to present tasks, attitudes and values of reference of professions useful to the path of consolidation and acquisition of Career Management Skills. Parole chiave: Competenze, tutoraggio, progetto educativo, Keywords: Skills, Tutoring, Educational Project Articolo ricevuto: 25 gennaio 2015 Versione finale: 2 marzo 2015 Il tutor che si dedica all'orientamento, nonostante possa operare in contesti differenti e con specifici interlocutori 203, ha tra i propri compiti, tra le competenze professionali e le abilità esercitate in situazione alcune specificità preminentemente educative che afferiscono ad un bagaglio formativo che deve essere continuamente valorizzato, implementato e coordinato ai mutamenti dei sistema relazionali e delle richieste del mondo del lavoro. In ambito scolastico e universitario queste competenze (Schiersmann et alii, 2012) vengono ulteriormente valorizzate e rappresentano lo sfondo d'azione e di relazione aderente alla mission dei contesti nei quali vengono agite. L'intenzione di questo contributo non è, dunque, quella di ascrivere la professione ad uno specifico contesto disciplinare e di tradizione scientifica, quello pedagogico, ma di mettere in rilievo (e far interagire) le competenze pedagogiche, educative e didattiche della figura professionale al fine di valorizzarne i possibili percorsi formativi e di aggiornamento. La prospettiva assunta è, dunque, quella per la quale l'orientamento sia, a tutti gli effetti, un processo educativo in 203 Nei documenti ISFOL viene differenziato, nella denominazione, ma non nelle specifiche conoscenze, competence e aspetti valoriali della professione in: orientatore per gli studi universitari, orientatore per le scuole superiori e orientatore scuola lavoro ( consiglieri dell'orientamento) [ultimo accesso 24 gennaio 2015]. 254

2 quanto educarsi significa realizzare la propria identità (anche lavorativa) e la propria personalità, mettendo in relazione mondi differenti: quello personale con quello lavorativo, quello emotivo con quello pragmatico (Giugni, 1973, 50-56). L'orientamento è un fatto pedagogico (Loiodice 2004, Altea 2012), un tessuto che sostiene la persona creando un effetto di realtà entro il quale poter vivere e con il quale potersi migliorare. Al tempo stesso ha anche un evidente potere inclusivo in quanto «in un'ottica in cui si presta attenzione alla persona, con le sue potenzialità, e al suo corretto inserimento nel contesto sociale, è possibile ambire alla diminuzione delle disuguaglianze che caratterizzano ancora la società moderna» (Amoretti, Rania, 2005, 25-26). L'accompagnamento in un'esperienza di transizione 204 è di per sé una forma di relazione educativa: è educativa la tensione dell'orientatore ed è, altresì educativo, l'orizzonte in costruzione di colui o colei che viene accompagnato. La dimensione pedagogica dell'azione del tutor di orientamento in ambito scolastico e universitario (Valiente, Verdù, 2013) è il tentativo di perseguire una partecipazione diffusa al processo che, pur essendo individuale, attraversa la vita, le storie e gli interessi di più persone. Si tratta di un processo di transizione che, passando dal singolo alla comunità, implica la definizione di obiettivi, la presa di decisioni, l'impegno e la previsione di risorse e di attività, la predisposizione di piani di valutazione (Sloss, 1997). Le peculiarità educative emergono con maggiore efficacia mantenendo come modello e schema di lavoro quanto proposto da ISFOL e da O*NET OnLine 205. Destrutturando il profilo professionale in compiti ed attività specifiche, conoscenze, skills, attitudini possiamo ricostruire la profilatura pedagogica con chiarezza. Il punto di partenza di tale operazione è la descrizione della figura professionale che possiamo trovare nei documenti nazionali prodotti dall'isfol, dei "consiglieri dell'orientamento" 206 i quali «valutano le capacità e le propensioni de- 204 CIOFS-FP Liguria, Linee guida per l'orientamento nei corsi polisettoriali (fascia anni). L'esperienza realizzata in Liguria dal 2004 al 2006, Studi Progetti Esperienze per una nuova Formazione Professionale, CIOFS-FP Liguria, Genova. 205 «The O*NET program is the nation's primary source of occupational information. Central to the project is the O*NET database, containing information on hundreds of standardized and occupation-specific descriptors. The database, which is available to the public at no cost, is continually updated by surveying a broad range of workers from each occupation. Information from this database forms the heart of O*NET OnLine, an interactive application for exploring and searching occupations. The database also provides the basis for our Career Exploration Tools, a set of valuable assessment instruments for workers and students looking to find or change careers. The O*NET program is partner of the americanjobcenter network». 206 Tra le diverse figure presenti nei diversi repertori professionali troviamo: consigliere di orientamento scolastico e professionale, esperto di informazione per i giovani, esperto regionale di orientamento al lavoro, orientatore per gli studi universitari, orientatore per le scuole superiori, orientatore scuola lavoro. 255

3 gli individui, li informano sulla struttura e le dinamiche del mercato del lavoro e dell'offerta educativa e formativa, li assistono nell'individuazione dei percorsi più adeguati allo sviluppo e alla crescita personale, sociale, educativa e professionale». L'ACQUISIZIONE DI SKILLS EDUCATIVE 207 Le skills possono essere definite come l'insieme di procedure e processi cognitivi che rendono possibile la capacità di eseguire bene le funzioni e le mansioni connesse con una professione. Si tratta di processi che devono essere appresi nel tempo e che consentono di trasferire efficacemente nel lavoro le conoscenze acquisite dai percorsi formativi (Swanson, 1995; Swanson, Parcover, 1998). Il tutor si occupa della formazione, della realizzazione e della crescita dell'altro, opera con una postura educativa e dirige, al tempo stesso, l'attenzione a sé 208. Le skills educative trovano maggiore manifestazione nei percorsi di accompagnamento piuttosto che in attività di sportello ad esempio per la natura progettuale e relazionale propria delle professioni educative. La conferma di tale attitudine è certificabile da alcuni referenziali della professione "educatore sociale" i quali riportano che «per impegnarsi professionalmente, rispettando al tempo stesso la personalità di un'altra persona, è richiesto all'educatore un orientamento verso l'inclusione, un alto grado di concentrazione sui bisogni dell'utente, una coscienza etica ed una moralità professionale e, infine ma non ultima, la capacità di separare i rapporti privati dalle relazioni professionali. Questo richiede un alto livello di empatia, consapevolezza, riflessività etica, estroversione, adattamento e senso della responsabilità, ed un grande intuito professionale». [Inoltre, per poter assolvere al proprio mandato] «l'educatore sociale, autonomamente e in collaborazione con altri, deve essere in grado di: - definire gli obiettivi, progettare e sistematizzare l'insieme della pratica educativa all'interno dell'istituzione in cui lavora; - definire gli obiettivi, pianificare, strutturare, implementare, coordinare e valutare piccole e grandi azioni, attività socio educative, processi, progetti e progetti di sviluppo, adattando il tutto sia al singolo che al gruppo (Hulse-Killacky, 1994); 207 Sono riconosciute come altre skills della professione di tutor dell'orientamento: leggere e comprendere, scrivere, parlare; in [ultima consultazione 12 febbraio 2015]. Altre skills sono state raccolte e rielaborate a partire dal materiale di [ultimo accesso 10 febbraio 2015] e, oltre a quelle evidenziate nel testo sono: skills relative alla gestione delle risorse umane e dei materiali, skills relative all'analisi ed al controllo dei sistemi, skills tecniche per la progettazione, gestione e monitoraggio dei processi. 208 In riferimento alla tutorship nella formazione continua si veda invece, a titolo esemplificativo: STRIANO M., Progettare tutorship knowledge management. Modelli operativi e profili professionali nella formazione continua, Pensa Multimedia, Lecce

4 - assumersi la responsabilità delle proprie azioni e delle decisioni che prende, essere in grado di motivarle, basandosi sull'esperienza e sulla professionalità; - adattare e realizzare momenti di consulenza alle singole persone/utenti e a gruppi, saper fornire sostegno ed orientamento alle famiglie, ai colleghi e ad altri professionisti» 209. Entrando maggiormente nel dettaglio e selezionando quanto presentato nei documenti ISFOL e da O*NET OnLine possiamo cristallizzare gli strumenti educativi esercitati dai tutor dell'orientamento in ambito scolastico ed universitario. Ascolto attivo Il tutor, in ogni momento del percorso di orientamento, deve essere in condizione di prestare piena attenzione a ciò che gli altri hanno da dire, nella forma e nei contenuti, concedendo/prendendosi il tempo necessario per evidenziare gli snodi che sono stati superati; ponendo le necessarie domande ai fini di comprendere ed interpretare e, infine, non interrompere il flusso narrativo (Batini, Del Sarto 2007; Batini, Surian 2009, Batini 2009) e relazionale. Questa competenza fonda la possibilità della sua mobilizzazione sulla comunicazione efficace (Boda, 2005) e su una tensione all'assertività (Pasero, 2009). Responsabilità educativa Questa competenza (Santerini, 1998) designa la necessità di essere consapevoli dell'influenza che è possibile esercitare sull'altro e delle reazioni degli altri, in modo da poterle comprendere, spiegare e giustificare. La responsabilità diventa condivisa laddove possa esistere una dimensione empatica sui fatti, e non solamente sulle emozioni e sulle condizioni esistenziali. Pensiero critico ed esercizio critico e riflessivo del pensiero Il pensiero critico (Paul, Elder, Bartell, 1997; Butterworth, Thwaites, 2013)) può essere associato all'uso della logica e del ragionamento per identificare i punti di forza e di debolezza di soluzioni alternative rispetto ad un problema da affrontare e giungere «all'emancipazione e la partecipazione alla vita sociale» (Boda, Mosiello 2005). «La facoltà della critica è generata dall'educazione e dall'allenamento. Si tratta di un abito mentale oltre che di una capacità. Essa è condizione prima dello sviluppo umano. È la nostra unica tutela contro l'illusione, l'in- 209 Le citazioni sono tratte da AIEJI, The professional competences of social educators. A conceptual framework, Denmark, 2006 [http://aieji.net/wp-content/uploads/2010/12/a-conceptualframework.pdf]. La versione italiana del documento è stata curata da Paola Scarpa e Marina Testi per conto di ANEP, Associazione Nazionale Educatori Professionali. 257

5 ganno, la superstizione e la misconoscenza di noi stessi e del mondo a noi circostante» (Sumner, 1940). Problem Solving La competenza riguarda la necessità di essere in grado di identificare i problemi complessi (sul posto di lavoro, nei contesti formativi e nel quotidiano), saperli destrutturare raccogliendo, elaborando le informazioni al fine di sviluppare e valutare le diverse opzioni e implementare possibili soluzioni. È necessario, predisponendo un'adeguata strutturazione delle modalità di organizzazione e dei processi cognitivi di ragionamento (problem finding, solution planning, decision making, results and processes assessment), precisare i termini (tempi, scadenze, vincoli e strumenti) dell'individuazione e della valutazione di congruità delle possibili soluzioni superando le difficoltà e le incertezze insite nel prendere decisioni. Decision Making Il tema della presa di decisioni (Rumiati 2009), della necessità di prendere la decisione giusta, perseguendo non solo la responsabilità delle proprie scelte, siano essere in ambito educativo o scolastico (Parmigiani, 2010) è specifico dei processi di accompagnamento e transizione. Considerare i relativi costi e benefici delle azioni possibili per scegliere la più appropriata non è solo una specificità del mondo delle aziende e del mercato (Schiavina, 2006) ma è la pratica educativa che consente ad una educatore/un tutor dell'orientamento in ambito scolastico ed universitario di agire secondo una logica progettuale per la risoluzione del problemi. Relazione (educativa) La somma delle interazione e delle relazioni finalizzate alla costruzione di un progetto comune, costituite dall'insieme delle informazioni e dalle risposte che ciascuno di noi assegna ad esse, può determinare la fertilità educativa di un percorso di orientamento. «Si tratta, pertanto, di aggregare la funzione orientativa nella relazione educativa, sia in termini pragmatici in ordine alle modalità della mediazione che l'insegnante opera tra l'allievo e il sapere sia in termini ideologici, in rapporto alla concezione dell'educazione in generale e dei fini della scuola in particolare» (Grange, 2003). Rappresentazione mentali Il tutor dell'orientamento, sia in contesto scolastico che universitario, sono in grado di esplorare le rappresentazioni mentali, le idee che gli utenti hanno dei processi formativi e lavorativi. In tal senso, le rappresentazioni mentali corrispondono a sistemi di lettura e comprensione della realta che il soggetto utilizza per pensarla, scoprirla, organizzarla e agirla. 258

6 LE ATTIVITÀ, LO STILE DI LAVORO DEL TUTOR ED I VALORI DELLA PROFESSIONE. Il tutor di orientamento esercita la sua funzione educativa all'interno delle mansioni e delle funzioni che le sono attribuite tra quanto indicato a repertorio 210 : a) la conduzione di un colloquio individuale (Maida, Nuzzo, Reati, 2006; Mancinelli, 2007; Modica, 2007); b) il coordinamento e la gestione di gruppi (es. durante attività di laboratorio, workshop, gruppi di confronto e discussione, semplici incontri informativi e formativi); c) il sostegno all'inserimento di fasce deboli all'interno della classe/aula della formazione (relazione educativa) e all'interno di processi di apprendimento condivisi (relazione didattica) (Krunblotz, 1996); d) la progettazione individualizzata, finalizzata al supporto ed alla valorizzazione del progetto di vita (Zunker, 1994), del progetto formativo e del progetto lavorativo (Parmigiani, Traverso, a cura di, 2011; Alvarez Perez et alii, 2013); e) la valutazione delle capacità e delle attitudini in una prospettiva formativa (Barbier, 1989). Ognuna di queste mansioni è sovrapponibile a quanto solitamente è richiesto (ed agito) ad un educatore nella relazione ed incontro con chiunque, all'interno di un percorso educativo, necessiti di un intervento individualizzato per il raggiungimento di obiettivi e per il miglioramento della qualità della vita. Riconoscere i propri valori professionali All'interno di ogni competenza (Rey, 2003; Pellerey, 2004) è possibile individuare uno spazio etico nel quale poter riconoscere i valori connessi con la professione e con il contesto nel quale essa viene esercitata. In particolare, si fa riferimento ai valori professionali che rappresentano caratteristiche o condizioni di 210 Condurre colloqui conoscitivi e di orientamento, coordinare e tenere attività di laboratorio (di orientamento, di tecniche per la ricerca del lavoro, di inserimento lavorativo, ecc.), favorire l'inserimento lavorativo di stranieri, detenuti o individui svantaggiati, aiutare gli utenti nella redazione del curriculum vitae, costruire progetti individualizzati di inserimento lavorativo, fornire assistenza o servizi di orientamento, valutare le capacità e le propensioni degli individui, curare i rapporti con i soggetti esterni o con il territorio (aziende, istituzioni scolastiche, amministrative, famiglie, ecc.), fare il bilancio delle competenze, raccogliere ed archiviare informazioni relative al mercato del lavoro (normativa, professioni richieste, formazione professionale, ecc.), fornire informazioni o fare promozione presso le istituzioni scolastiche (in merito a mercato del lavoro, sistema scolastico-formativo, ecc.). id_menu=1&id= &limite=0 [ultimo accesso 10 febbraio 2015]. 259

7 lavoro che rispondono alle aspirazioni dell'individuo e alle scelte etiche e di responsabilità sociale dell'azienda (Vischi, 2011). Valorizzare le proprie attività Le attività educative che competono al tutor dell'orientamento sono insieme di mansioni lavorative, pratiche e comportamenti che afferiscono a molte altre figure professionali. La caratterizzazione educativa è data dallo stile con cui vengono interpretare e dagli strumenti, descritti in precedenza, con le quali sono praticate (Repetto et alii, 2012). Facciamo, quindi, riferimento a: - stabilire e mantenere buone relazioni interpersonali che siano fondate sulla cooperazione, la solidarietà, tese a consolidarsi nel tempo; - identificare i bisogni formativi di altre persone, progettando e organizzando specifici percorsi formativi ed educativi; - utilizzare l'osservazione per raccogliere informazioni selezionandone la fonte e verificandone l'attendibilità; - analizzare le informazioni e valutarne la congruenza rispetto agli obiettivi da perseguire e ipotizzare diverse soluzioni sulla base della loro fondatezza; - identificare i bisogni di crescita e le possibili condizioni di disagio al fine di concorrere ad un processo di empowerment (Dallago, 2006; Bruscaglioni, 2007) e miglioramento della qualità della vita; - pensare in modo creativo sviluppando e progettando nuove relazioni, attività, sistemi, prodotti; - incoraggiare e far crescere la fiducia reciproca, il rispetto e la cooperazione fra i membri di un gruppo (Swank, McCarthy, 2013); - coordinare il lavoro e le attività di altri al fine di promuovere l'obiettivo ed il bene comune, gestendo e negoziando, se necessario, controversie, lamentele; - risolvere conflitti interpersonali. Gli stili di lavoro In ogni contesto lavorativo i fattori contestuali e le pratiche sono forzatamente messi in relazione con le dimensioni personali (aspirazioni, desideri, obiettivi) e con quelle del gruppo (obiettivi comuni, solidarietà di ruolo) determinando stili di lavoro (approcci e atteggiamenti) individuali che possono incidere nello svolgimento dei compiti. Il tutor dell'orientamento in ambito scolastico ed universitario è chiamato a creare le condizioni lavorative che promuovano: - un'attenzione all'altro, una sensibilità ai sentimenti e alle emozioni altrui; - l'affidabilità e la responsabilità (in rapporto all'assolvimento di compiti e mansioni ed in rapporto alle dimensioni etico-valoriali); - l'integrità, l'onestà e la moralità; - la gestione delle proprie emozioni (Riva, 2004; Poggi 2008); 260

8 - la tolleranza dello stress (Dominici, 2011); - l'innovazione, la creatività, l'originalità per fare fronte ai problemi e per promuovere il benessere delle relazioni; - un esercizio di leadership emotiva (Goleman, 2012) che sia in grado di influenzare il gruppo di lavoro. CAREER MANAGEMENT SKILLS (CMS) Le "Linee Guida Nazionali per l'orientamento permanente" parlano specificatamente di Career Management Skills (CMS), come sono definite dai documenti UE, indicando con questa espressione «l'insieme delle competenze che forniscono a individui e gruppi modalità strutturate per raccogliere, analizzare, sintetizzare e organizzare autonomamente informazioni in materia di istruzione e lavoro, nonché per prendere decisione e affrontare momenti di transizione. La formazione a tali competenze può aiutare gli individui a gestire i percorsi di carriera (formativa e lavorativa) non lineari, promuovendo l'uguaglianza e l'inclusione» (MIUR, 2014). Le Career Management Skills (Bridgstock, 2009), utili per navigare in modo proattivo nel mondo del lavoro e per gestire con successo la gestione del processo di costruzione del proprio progetto formativo o della propria carriera, fondano la proprio efficacia nell'apprendimento permanente (Dozza, Chianese a cura di 2013; Secci, 2013; Balducci, Marchi 2014) e nell'adattabilità (Moos, 1987; Lenzi, Martelli, 2007). In particolare in ambito universitario, il ruolo del tutor d'orientamento e la sua sensibilità educativa sostengono il percorso di acquisizione delle Career Management Skills al fine di prevenire l'incertezza dei progetti formativi, il rischio di abbandono universitario (McInnis, Hartley, Polesel, e Teese, 2000), o scolastico, e incrementare, invece, i dati degli esiti occupazionali. Attivare percorsi di sostegno alla preparazione per la transizione al mondo del lavoro, e mantenere l'occupabilità, riguarda solo parzialmente la porzione di "tragitto" che coinvolge le istituzioni scolastiche ma, di certo, in questo periodo si creano i presupposti per capire le esigenze del mercato del lavoro e la capacità di impegnarsi attivamente nel processo di costruzione di carriera (Galassi et alii 1992; Savickas, 2011) Le capacità di orientamento (CMS) "si riferiscono a tutta una serie di competenze che forniscono modi strutturati per singoli e gruppi per raccogliere, analizzare, sintetizzare e organizzare aiuto, informazioni educative e professionale, nonché la capacità di prendere e attuare decisioni e transizioni". Le CMS sono sempre più propagandate come necessità per tutti i cittadini, giovani e adulti (Zannini, 2005), soprattutto in considerazione delle realtà di occupazione e di lavoro autonomo in una società basata sulla conoscenza, dove 'proteiforme', car- 261

9 riere 'portafoglio' dovrebbero diventare sempre più la norma, e l'orientamento professionale permanente un diritto di tutti i cittadini (Sultana, 2012). Come riportato dalle "Linee Guida Nazionali per l'orientamento permanente (MIUR, 2014), documento snodo che sancisce il passaggio da una visione dell'orientamento come strumento per gestire la transizione tra scuola, formazione e lavoro, si ribadisce la convinzione che l'orientamento sia un valore permanente nella vita di ogni persona in grado di garantire lo sviluppo ed il sostegno dei processi di (Sart, 2013, 2014) e scelta, al fine di promuovere l'occupazione, al crescita e l'inclusione sociale «per realizzare un efficace sistema integrato di orientamento è necessario costruire una "comunità orientativa educante" caratterizzata da una forte responsabilità sociale di tutti gli attori coinvolti al fine di favorire lo sviluppo sociale ed economico del territorio, l'occupabilità dei giovani e l'inclusione sociale. Questo implica la condivisione della responsabilità con gli altri servizi e gli attori presenti sul territorio, a cominciare dai Soggetti istituzionali» (MIUR, 2014) e l'impegno a promuovere: - il potenziamento della collaborazione con le aziende, il mondo dell'associazionismo, del terzo settore, nelle attività di progettazione e nella valutazione educativa (Galliani, Bonazza, Rizzo, 2011); - lo sviluppo, all'interno dei percorsi scolastici e formativi, di esperienze imprenditoriali pratiche e concrete di attività autonoma (start up), sostenute da un sistema tutoriale attivato dalla (Scandella, 2007) [o da altre istituzioni scolastiche e formative] in collaborazione con i soggetti economici e imprenditoriali, per evidenziare le opportunità occupazionali offerte dal lavoro indipendente e autonomo e sostenere lo spirito di iniziativa imprenditoriale dei giovani; - la creazione di laboratori di "Career Management Skills" nei contesti scolastici con la presenza anche di imprenditori o rappresentanti del mondo del lavoro; - la comparazione, la selezione e la condivisione di modelli di certificazione delle competenze (Balducci, Marchi, 2014) - lo sviluppo di stage e tirocini, rendendoli strutturali nel percorso formativo della scuola secondaria di II grado; - la promozione di una maggiore diffusione dell'apprendistato, con adeguate azioni di informazione e sostegno ai giovani che scelgono questo percorso e alle loro famiglie; - l'individuazione delle migliori pratiche sperimentate con successo con i ragazzi a rischio o fuoriusciti dal sistema (ma lo stesso approccio è riconosciuto efficace anche con i ragazzi "plusdotati"). Gli individui sviluppano queste abilità in modi diversi e a ritmi diversi. La capacità di orientamento possono essere apprese con gli insegnanti, i genitori, gli amici, la comunità, i datori di lavoro e colleghi. Ci sono molti modelli di apprendimento, ma il ciclo di apprendimento di Kolb si adatta bene con il contesto sociale del quadro che descrive un processo di apprendimento esperienziale in ter- 262

10 mini di quattro fasi: l'esperienza concreta, l'osservazione riflessiva, la teorizzazione, la sperimentazione attiva, fasi che accomunano l'educatore impegnato in un percorso di ricerca di senso, di sé e di sé in relazione all'altro. BIBLIOGRAFIA AIEJI, The professional competences of social educators. A conceptual framework, Denmark, 2006 [http://aieji.net/wp-content/uploads/2010/12/a-conceptualframework.pdf]. ALTEA F., Al posto sbagliato. Educazione ed orientamento al lavoro, Armando Editore, Roma ALVAREZ PEREZ P.R., PEREZ-JORGE D., LOPEZ AGUILAR D., GON- ZALEZ E., GONZALEZ RAMALLAL M., DORTA R.L., Academis tutorship and planning of the career of university sports students of high level, International Conferenze Life Design and Career Counseling: Building Hope and Resilience, Padova, AMORETTI G., RANIA N., L'orientamento: teorie, strumenti e metodi, Carocci, Roma BALDUCCI M.G., MARCHI S. (a cura di), Certificazione delle competenze e apprendimento permanente. Una pluralità di discorsi, Carocci, Roma BARBIER J.M., La valutazione nel processo formativo, Loescher, Torino BATINI F., L'isola sconosciuta. Un progetto di orientamento narrativo. Metodi e risultati, Pensa Multimedia, Lecce BATINI F., DEL SARTO G., Raccontare storie, Politiche del lavoro e orientamento narrativo, Carocci, Roma BATINI F., SURIAN A., Storientando. Un progetto e una ricerca con il metodo dell'orientamento narrativo, Pensa Multimedia, Lecce BAUDOUIN N., Le sens de l'orientation : une approche clinique de l'orientation scolaire et professionnelle, L'Harmattan, BODA G., Life skills: la comunicazione efficace, Carocci Faber, Roma BODA G., MOSIELLO F., Life Skills: il pensiero critico, Carocci Faber, Roma BRIDGSTOCK R., The graduate attributes we've overlooked: enhancing graduate employability through career management skills, «Higher Education Research & Development», Vol. 28, No. 1, March 2009, BRUSCAGLIONI M., Persona empowement. Poter aprire nuove possibilità nel lavoro e nella vita, FrancoAngeli, Milano 2007) BUTTERWORTH J., THWAITES G., Thinking skills: Critical Thinking and Problem Solving, Cambridge International CIOFS-FP Piemonte (a cura di), Le competenze orientative. Un approccio metodologico e proposte di strumenti, (Studi progetti esperienze per una nuova formazione professionale), CIOFS-FP, Roma

11 CONSOLINI M., Laboratorio di orientamento. Come organizzare percorsi individualizzati attraverso servizi in rete, FrancoAngeli, Milano CUNTI A., Aiutami a scegliere. Percorsi di orientamento per progettare e progettarsi, FrancoAngeli, Milano DALLAGO L., Che cos'è l'empowerment, Carocci, Roma DEGL'INNOCENTI E., MEINARDI G., PECCENINI R., RUSSO R., CE- CILIA E., TONI P., Scuola e lavoro. Progetto orientamento. Ed. Paravia, Torino DELL'ORO F., Cercasi scuola disperatamente. Orientamento scolastico e dintorni, Apogeo, Milano DI NUOVO S., MAGNANO P., Competenze trasversali e scelte formative. Strumenti per valutare metacognizione, motivazione, interessi e abilità sociali per la continuità tra livelli scolastici, Centro Studi Erickson, Gardolo (TN), DOMINICI R., Valutazione e prevenzione dello stress-correlato. Modelli e strumenti operativi per intervenire sul disagio lavorativo, FrancoAngeli, Milano DOZZA L., CHIANESE G., (a cura di), Una società a misura di apprendimento. Educazione permanente tra teoria e pratiche, FrancoAngeli, Milano GALASSI, J.P., CRACE, R.K., MARTIN, G.A., JAMES, R.M. & WALLACE, R.L., Client preferences and anticipations in career counseling: A preliminary investigation. Journal of Counseling Psychology, 39, 1992, GALLIANI L., BONAZZA V., RIZZO U., La progettazione della valutazione educativa, Pensamultimedia, Lecce GIROTTI L., Progettarsi: l'orientamento come compito educativo permanente, Vita e Pensiero, Milano GIUGNI G., Pedagogia della scuola. La scuola in funzione dell'educazione permanente e dell'orientamento, Le Monnier, Firenze GOLEMAN D., Leadership emotiva. Una nuova intelligenza per guidarci oltre la crisi, Rizzoli, Milano GRANGE T., Orientamento, progettualità e didattica: dall'impegno pedagogico alla prassi educativa, in A.PERUCCA, L'orientamento fra miti, mode e grandi silenzi, Analtea Edizioni, Lecce, 2003, pp GUICHARD J., HUTEAU M., Psicologia dell'orientamento professionale. Teorie e pratiche per orientare la scelta negli studi e nelle professioni, Cortina Raffaello, Milano HULSE-KILLACKY D., Development of the corrective feedback instrument: A tool for use in counselor training groups, The Journal for Specialists in Group Work, 11, 1994, 19 (4), HUTEAU M., «Les méthodes d'éducation à l'orientation et leur évaluation», OSP, 1999, 28, n 2, p KOLB D.A., Experiential learning: experience as the source of learning and development, Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall

12 KRUNBOLTZ J.D., A learning theory of career counseling, SAVICKAS, MARK L. (Ed); Walsh, W. Bruce (Ed). Handbook of career counseling theory and practice. Palo Alto, CA, US: Davies-Black Publishing 1996, pp LENZI G., MARTELLI A., Apprendere da adulti tra autorealizzazione, adattabilità e cittadinanza attiva, FrancoAngeli, Milano LOIODICE I., Non perdere la bussola: orientamento e formazione in età adulta, FrancoAngeli, Milano MAIDA S., NUZZO A., REATI A., Il colloquio nella pratica educativa, Carocci, Roma MANCINELLI M. R., Il colloquio in orientamento, FrancoAngeli, Milano McINNIS, C., HARTLEY, R., POLESEL, J., & TEESE, R., Non-completion in vocational education and training and higher education, Centre for the Study of Higher Education, University of Melbourne, Melbourne 2000 [www.staffs.ac.uk/institutes/access/docs/28604aust.doc]. MIUR, Linee Guida Nazionali per l'apprendimento permanente, Roma MODICA S., Colloquio, in R: CERRI (a cura di), Didattica in azione. Professionalità e interazione nei contesti educativi, Carocci, Roma 2007, pp MOOS R.H., Person-Environment Congruence in Work, School and Healt Care Settings, «Journal of Vocational Behavior», 31, pp PARMIGIANI D., Tra il dire e il fare. Come si decide a scuola dalla riunione alla classe, FrancoAngeli, Milano PARMIGIANI D., TRAVERSO A. (a cura di), Progettare l'educazione. Contesti, competenze, esperienze, FrancoAngeli, Milano PASERO G. (a cura di), L'assertività della vita privata e professionale. Prospettive metodologiche e suggerimenti pratici per migliorare la qualità delle relazioni, FrancoAngeli PAUL, R., ELDER, L., BARTELL T., California Teacher Preparation for Instruction in Critical Thinking: Research Findings and Policy Recommendations, California Commission on Teacher Credentialing. Foundation for Critical Thinking, Sacramento California PELLEREY M., Le competenze individuali e il portfolio, La Nuova Italia Scientifica, Roma PETRUCCELLI F., MESSURI I., SANTILLI M., Bilancio di competenze e orientamento professionale e scolastico. FrancoAngeli, Milano POGGI I., La mente del cuore. Le emozioni nel lavoro, nella scuola, nella vita, Armando Editore, Roma REPETTO, E., MALIK, B., FERRER, P., MANZANO, N., HIEBERT B., International Competencies for Educational and Vocational Guidance Practitioners, International Association for Educational and Vocational Guidance. Retrieved 28 December REY B. (ed.), Les compétences à l'école, De Boeck, Bruxelles

13 RIVA M.G., Il lavoro pedagogico come ricerca dei significati e ascolto delle emozioni, Guerini Scientifica, Milano RUMIATI R., Decidere, Il Mulino, Bologna SANTERINI M., L'educatore tra professionalità pedagogica e responsabilità sociale, La Scuola, Brescia SART G., The Effects Of Emotional Intelligence Training On High School Students' Conflict Resolution, Empathy And Leadership Skills, And Personality Development, V. International Congress of Education Research, ÇANAKKALE, TÜRKİYE, 6-9 Haziran SART G., The Impacts Of Strategic Talent Management Assessment On Improving Innovation Oriented Career Decision, 1st Eurasian Educational Research Congress, International EJER 2014 Congress, İSTANBUL, TÜRKİYE, Nisan 2014, pp SAVICKAS, M. Career Counseling. Washington: American Psychological Association. 2011, p. 6 SCANDELLA O., Interpretare la tutorship. Nuovi significati e pratiche nella scuola dell'autonomia, FrancoAngeli, Milano SCHIAVINA L., Metodi e strumenti per la modellizzazione aziendale. Come gestire il problem solving e il decision making, FrancoAngeli, Milano SCHIERSMANN, C., ERTELT, B.-J., KATSAROV, J., MULVEY, R., REID, H, & WEBER, P. (eds.) "Core Competences for Career Guidance and Counselling Professionals". NICE Handbook for the Academic Training of Career Guidance and Counselling Professionals. Heidelberg: Heidelberg University, Institute of Educational Science, 2012, pp SECCI C., Apprendimento permanente e educazione. Una lettura pedagogica, FrancoAngeli, Milano SLOSS M. A., Self-monitoring: The Effects of Varying Degrees of Contacts with a Studyskills counselor on the achievement and Commitment of College Students, University of Arizona, STRIANO M., Progettare tutorship knowledge management. Modelli operativi e profili professionali nella formazione continua, Pensa Multimedia, Lecce SULTANA R.G. (2012), Learning career management skills in Europe: a critical review, in «Journal of Education and Work», Taylor & Francis, Vol. 25, Issue 2, 2012, pp SUMNER W. G., Folkways: A Study of the Sociological Importance of Usages, Manners, Customs, Mores, and Morals, Ginn and Co., New York SWANSON, J.L., The process and outcome of career counseling. In W.B. Walsh & S.H. Osipow (Eds.), Handbook of vocational psychology: Theory, research and practice. Mahwah, NJ: Erlbaum, 1995, SWANSON, J.L.; PARCOVER, J.A., Annual Review: Practise and research in career counseling and development. The Career Development Quarterly, 47, 2,, 1998,

14 SWANK J.M., McCARTHY S.N., The Counselor Feedback Training Model; Teaching Counseling Students Feedback Skills, Adultspan Journal, 2, 12, 2013, pp VALIENTE M., VERDÙ A., The academic tutor in the University, Congreso International INTED, Valencia (Spain), VISCHI A., Riflessione pedagogica e culture d'impresa. Tra progettualità formativa e responsabilità sociale, Vita e Pensiero, Milano ZANNIELLO G., Educazione e orientamento professionale, Armando Editore, Roma ZANNINI L., La tutorship nella formazione degli adulti. Uno sguardo pedagogico, Guerini Associati, Milano ZUNKER V. G., Career counseling: applied concepts of life planning, Brooks/Cole Pub. Co. Pacific Grove, California

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1

PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1 PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1 di Adele L Imperio, Paolo Serreri 1. Premesse teoriche L obiettivo di queste pagine è duplice:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli