Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e della salute(lm-51) Programmi e piani di studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e della salute(lm-51) Programmi e piani di studio"

Transcript

1 Università G. d Annunzio Chieti - Pescara Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e della salute(lm-51) Presidente Prof. Mario Fulcheri Programmi e piani di studio Anno Accademico I Programmi che non sono ancora forniti, verranno indicati in un prossimo aggiornamento AGGIORNATA AL 13 Febbraio 2015 Le informazioni contenute in questa guida sono aggiornate al 1 ottobre Informazioni aggiornate si possono trovare sul sito della Facoltà di Psicologia: alla voce di menù EX FACOLTÀ à PSICOLOGIA. Realizzazione a cura di: Maria Cristina Verrocchio Maria Minna

2 Regolamento didattico del Corso di Studio magistrale in Psicologia clinica e della salute (LM-51) Immatricolati a.a Art. 1. Denominazione È istituito presso l Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara il Corso di Studio Magistrale (II livello) in Psicologia Clinica e della Salute. Il Corso è organizzato dal Dipartimento di Scienze Psicologiche Umanistiche e del Territorio. Il Corso appartiene alla Classe delle lauree magistrali in Psicologia (n. LM-51), in conformità con il relativo Ordinamento Didattico disciplinato nel regolamento Didattico di Ateneo. Art. 2. Obiettivi Formativi Il Corso di Studio magistrale in Psicologia Clinica e della Salute mira a fornire una conoscenza specialistica dei contenuti teorici e metodologici dell'intervento e della ricerca nell'ambito psicologico-clinico e dinamico con l'intento di formare figure professionali che opereranno nelle diverse aree della salute psicologica. Il percorso formativo intende fornire sia conoscenze sia competenze avanzate; per quanto concerne le conoscenze si intende favorire lo sviluppo di: - conoscenze avanzate dei modelli teorici di base e delle metodologie delle scienze cliniche del comportamento umano finalizzate all'esplorazione, alla spiegazione, all'interpretazione e alla riorganizzazione dei processi mentali disfunzionali, individuali e interpersonali (con particolare attenzione ai fenomeni psicopatologico-clinici di maggior rilievo), e dei loro correlati comportamentali e psicobiologici; - conoscenze di base della storia della psicologia clinica, della psicopatologia e della psicoterapia; - conoscenze delle forme di disagio nelle diverse fasi del ciclo di vita, nonché delle reazioni di adattamento (coping in situazione di crisi psicologica); - conoscenze delle principali pratiche psicologiche inerenti l'ambito della psicologia clinica con particolare riferimento alla consulenza, alla diagnosi, alla terapia e al trattamento dell'organizzazione psicologica, individuale e di gruppo, nei suoi aspetti problematici nonché delle sue risultanze interpersonali (familiari e di gruppo), sociali e psicosomatiche; - conoscenze di base relative alle complicanze comportamentali e psicologiche di malattie internistiche e metaboliche e delle patologie d organo nell intero ciclo di vita (con particolare riferimento al loro impatto psicologico sulla famiglia e sui contesti sociali). - conoscenze relative ai modelli teorici e alle metodologie di ricerca nell ambito delle neuroscienze, con particolare riferimento ai meccanismi molecolari e funzionali del decadimento cognitivo parafisiologico (invecchiamento) e patologico (demenza), così come alle malattie neurodegenerative; 2 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

3 - conoscenze di base relative ai principi di neuro psicofarmacologia, all uso/abuso di sostanze, con particolare riferimento alle problematiche alcool correlate; - conoscenze relative ai fondamenti genetici e biologici, necessari per l acquisizione di strumenti specifici dell aiuto psicologico nelle patologie con prevalenza di tali componenti (genetiche, costituzionali e temperamentali); - conoscenze dei diversi modelli del rapporto psicologo/utente-cliente-paziente e dei problemi relativi all'alleanza nelle sue differenti forme (di lavoro, diagnostica e più specificatamente terapeutica); - conoscenza dei processi di comunicazione verbale e non verbale, della struttura e del funzionamento dei gruppi (leadership, reti di comunicazione, sistemi di valori e di opinioni) applicati all'ambito clinico; - conoscenza della dimensione etica e delle problematiche deontologiche, condivise e sostenute dalla comunità professionale; - conoscenze delle principali metodologie di ricerca nell'ambito della valutazione, del trattamento e della cura di stati mentali e di sistemi disfunzionali e patologici. Le competenze da acquisire risultano invece essere: - saper riconoscere e regolare i processi cognitivi ed emozionali associati alle diverse forme di disagio nell'interazione con: utenti-clienti-pazienti; - saper rilevare, utilizzando strumenti adeguati, le alterazioni delle caratteristiche di personalità, del funzionamento dei processi cognitivi, delle attitudini emotivo affettive e delle relazioni interpersonali; - sviluppare un'appropriata consapevolezza circa le implicazioni emotive e motivazionali che sottendono la scelta della professione psicologica, sapendole valorizzare nelle relazione clinica; - saper comunicare adeguatamente con utenti-clienti-pazienti, nelle diverse fasi degli interventi, con riferimento alle dimensioni istituzionali, socioculturali e di genere; - saper valutare ed identificare le diverse forme di trattamento preventivo, terapeutico e riabilitativo; - sviluppare competenze inerenti a interventi educativi, preventivi, riabilitativi e terapeutici nella relazione di aiuto, nelle diverse forme di disagio e disabilità dell'intero ciclo di vita. Il percorso, inoltre, mira a favorire una conoscenza avanzata della lingua inglese, con riferimento al lessico della letteratura scientifica psicologica, tramite l'analisi e lo studio di testi e di articoli di ricerca recenti, che saranno utilizzati nell'ambito dei corsi e delle attività laboratoriali. Art. 3. Risultati di apprendimento attesi Gli obiettivi specificati all articolo 2 saranno realizzati tramite un percorso formativo mirato al conseguimento delle seguenti capacità. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding). Si richiedono conoscenze e capacità di comprensione relative ai contenuti teorici e metodologici inerenti la Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 3

4 psicologia clinica e dinamica che consentano di favorire l individuazione di tematiche rilevanti nell ambito del settore e di collegarle ai contenuti delle discipline affini presenti nel curricolo. Il fine è di giungere ad una conoscenza approfondita tale da consentire una generalizzazione ed una trasferibilità di teorie e di tecniche nell ambito dei diversi contesti di intervento della psicologia clinica. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding). Si richiede la capacità di applicare le teorie e le tecniche acquisite pianificando interventi, a livello individuale e di gruppo, da realizzare nei diversi setting psicologico-clinici, specificatamente in relazione ad attività di valutazione di situazioni di disagio psichico, di crisi e di disadattamento riguardanti l intero ciclo di vita (infanzia, adolescenza, età adulta e vecchiaia), progettazione, gestione e coordinamento di progetti di intervento sul disagio psicologico, progettazione e gestione di indagini di follow up e di valutazione degli esiti degli interventi clinici, a livello individuale e di gruppo. Autonomia di giudizio (making judgements). Si richiede la capacità di selezionare e di applicare, con un approccio critico e consapevole, tecniche di misurazione adeguate, nonché di interpretare dati nei diversi ambiti di ricerca della psicologia clinica tali da rendere possibile analisi e giudizi autonomi del laureato. Inoltre, il laureato dovrà possedere conoscenze in merito alle linee-guida etiche e legali, agli statuti e ai regolamenti connessi alla dimensione professionale nei diversi ambiti di intervento clinico, per sviluppare l abilità di adottare ed adattare il proprio modello etico decisionale e di applicarlo con integrità personale e sensibilità contestuale. Abilità comunicative (communication skills). I laureati dovranno possedere elevate capacità interpersonali e di comunicazione tali da renderlo efficiente sia nella stesura del resoconto clinico, nelle consultazioni e collaborazioni con altri professionisti che operano nell area sanitaria, sia nelle comunicazioni e nelle relazioni con gli utenti, utilizzando linguaggi appropriati nei diversi setting in cui può operare. Capacità di apprendimento (learning skills). Si richiede una buona competenza di studio individuale, compreso l uso di strumenti di consultazione bibliografica offerti dall Ateneo, ed il possesso di una capacità di auto-valutazione relativa al processo di auto-riflessione ed alla consapevolezza del proprio livello di abilità e di conoscenza che consenta di utilizzare tali informazioni nell espletamento della propria pratica professionale e nella scelta di ulteriori percorsi formativi professionalizzanti necessari, nell ottica della promozione di una formazione permanente che garantisca un elevata spendibilità della propria professionalità, anche in relazione alla specifica domanda che proviene dal contesto sociale. Art. 4. Sbocchi formativi previsti per i laureati Il Corso di Studio si prefigge di fornire un adeguata formazione per proseguire l attività di studio e di ricerca in piena autonomia o comunque con un alto livello di responsabilizzazione nell individuazione degli obiettivi e delle strategie di apprendimento, ponendo dunque le basi per 4 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

5 accedere ad una formazione specialistica di terzo livello (scuole di specializzazione in Psicologia Clinica, in Psicologia della Salute, in Valutazione psicologica e consulenza, in Neuropsicologia e in Psicologia del ciclo di vita, abilitanti anche all esercizio della psicoterapia, dottorato di ricerca previo superamento di prova concorsuale, master e corsi di perfezionamento). Altresì, si costituisce come peculiare percorso formativo che privilegia una eventuale successiva specializzazione in psicoterapia attraverso le scuole riconosciute dal ministero (legge n. 56/89). Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 5

6 Art. 5. Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati Il laureato in Psicologia Clinica e della Salute, potrà iscriversi all'albo A professionale degli Psicologi, abilitato dall'esame di Stato all'esercizio della professione, e sarà capace di operare in completa autonomia professionale adottando approcci, metodi e tecniche cliniche per: - svolgere interventi, clinici, preventivi e riabilitativi atti a promuovere le condizioni di benessere psicologico e i relativi comportamenti, nei differenti contesti di vita quotidiana, sociale e professionale, riguardanti l'intero arco di vita della persona (Psicologia clinica dell infanzia, dell adolescenza, dell età adulta e della vecchiaia); - valutare le competenze funzionali, le caratteristiche di personalità, il disagio psicosociale e lo stress (con particolare attenzione allo stress lavoro correlato, in conformità con la legislazione vigente) attraverso strumenti clinici e reattivi (con riferimento agli approcci clinimetrico e di assessment multidimensionale); - attuare interventi di consulenza, di sostegno individuale, familiare e di gruppo, di riabilitazione psicologica nei campi della salute e sanitario, degli aspetti psicologici delle psicopatologie (psicosomatiche, sessuologiche, tossicomaniche incluse); - progettare, gestire e coordinare progetti di intervento sul disagio psicologico, anche in collaborazione con altre figure professionali di altra formazione disciplinare, individuando i criteri di indicazione e di controindicazione ai diversi modelli di trattamento; - progettare e gestire indagini di follow-up, nonché valutare gli esiti degli interventi clinici, preventivi e riabilitativi a livello individuale e di gruppo, in termini di qualità ed efficienza. Il laureato in Psicologia Clinica e della Salute potrà operare in diversi contesti istituzionali pubblici e privati (Servizio Sanitario nazionale, servizi territoriali, ospedali e cliniche, comunità terapeutiche, servizi per dipendenze, agenzie private del terzo settore, ecc.) o come libero professionista, per attività di consulenza (anche peritale) e di formazione. I principali ambiti di pertinenza, inerenti la ricerca, l'intervento, la formazione possono essere così codificati: Psicologia Clinica (Perinatale, Scolastica, della Disabilità, Sportiva, Occupazionale, Forense, Gerontologica), Psicopatologia (Fenomenologia Clinica), Neuropsicologia Clinica, Psicofisiologia Clinica e Psicosomatica, Psicologia Clinica delle Dipendenze, Psicosessuologia, Psicologia Clinica Riabilitativa, Psicologia Clinica di Liaison (consulenza e collegamento), Psicologia Clinica Sanitaria-Ospedaliera (Psico-oncologia, Psico-infettivologia, ecc.), Psicologia della Salute (Psicologia Positiva, del Benessere), Psicoterapia (valenza propedeutica alla professione di Psicoterapeuta raggiungibile nell'ambito di specifico terzo livello formativo). Il corso prepara alla professione di Psicologi clinici e psicoterapeuti. Art. 6. Curricula e durata degli studi Il corso è articolato in un solo curriculum. La durata normale del corso è di 2 anni. Lo studente può conseguire il titolo dopo aver ottenuto 120 crediti adempiendo a quanto previsto dalla normativa vigente. 6 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

7 Art. 7. Immatricolazione al corso Requisito per l immatricolazione al corso è il possesso di una Laurea o titolo equipollente (italiano o estero) che documenti un curricolo di studi costituito da non meno di 95 CFU, distribuiti nell ambito dei settori psicologici (con i seguenti criteri minimi: almeno 18 CFU nei settori M-PSI/01, 02, 03; almeno 6 CFU nel settore M-PSI/04; almeno 9 CFU nei settori M-PSI/05, 06; almeno 12 CFU nei settori M-PSI/07, 08). I 95 CFU si intendono comprensivi, per un numero massimo di 2 CFU, di attività didattico-formative integrative e/o a scelta, certificate dal Corso di Studio di provenienza. La verifica dei requisiti sarà effettuata da una apposita Commissione e, in caso di mancato riscontro, l immatricolazione sarà considerata come non valida. La personale preparazione di ciascuno studente immatricolato avverrà attraverso la valutazione della media riportata dallo studente negli esami di Psicologia clinica e Psicologia Dinamica, fissando a 20/30 la soglia minima utile per ritenere assolto il predetto requisito. Art. 8. Organizzazione della didattica Il Corso di Studio Magistrale in Psicologia Clinica e della Salute (LM-51) prevede insegnamenti distribuiti in Attività formative Caratterizzanti, Attività affini e integrative e Altre Attività. Per l acquisizione dei crediti si considera un rapporto di circa 1:4 nel calcolo del carico di lavoro per le attività didattiche ordinarie (lezioni frontali). Il valore di 1 CFU (25 ore) viene determinato come somma di circa 6 ore di lezione e 19 ore di studio individuale. La didattica è organizzata come nelle tabelle seguenti: Tabella A Attività formative caratterizzanti SSD INSEGNAMENTI CFU ANNO M-PSI/01 Valutazione testistica in psicologia cognitiva 6 II M-PSI/02 Cervello, mente e salute 6 I M-PSI/07 Psicopatologia 6 I M-PSI/07 Modelli e tecniche del colloquio psicologico e della diagnosi 6 I M-PSI/07 Psicoterapia dinamica in età evolutiva 6 II M-PSI/08 Psicologia clinica avanzata e della personalità 6 I M-PSI/08 Relazione d aiuto, counseling e psicoterapia in psicologia clinica (C.I.) 6 I M-PSI/08 Psicologia clinica dell arco di vita 6 I M-PSI/06 M-PSI/08 Psicologia del disagio organizzativo e occupazionale Le applicazioni in psicologia clinica della salute 6 6 II Tabella B Attività affini e integrative SSD INSEGNAMENTI CFU ANNO BIO/13 MED/38 MED/25 MED/03 MED/26 Fondamenti Biologici dei disturbi psichici, Fondamenti di Pediatria Clinica in Psicologia della Salute, le Diagnosi Differenziali in Clinica Psichiatrica (C.I.) Genetica Clinica Fondamenti di Neurologia I II Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 7

8 BIO/14 PsicoFarmacologia (C.I.) 3 Tabella C Altre attività SSD INSEGNAMENTI CFU ANNO M-PSI/07 Laboratorio: Fenomenologia clinica 2 I M-PSI/07 Laboratorio: Il resoconto clinico 2 I M-PSI/07 Laboratorio: Psicoterapia breve 2 I M-PSI/07 Laboratorio: Il lavoro psicoterapeutico con i genitori 2 II M-PSI/08 Laboratorio: L osservazione clinica 2 I M-PSI/08 Laboratorio: Momenti critici dell esistenza 2 I M-PSI/08 Laboratorio: La pianificazione dell intervento psicologico-clinico 2 II M-PSI/08 Laboratorio: La ricerca in psicologia clinica 2 I M-PSI/08 Laboratorio: La comunicazione interpersonale 2 I M-PSI/08 Laboratorio: Valutazione diagnostica multidimensionale 2 II MED/48 Laboratorio: Neuroscienze applicate 2 I M-FIL/03 Laboratorio: Bioetica 2 I A scelta dello studente 8 II Prova finale 14 TOTALE CFU 120 Relativamente all acquisizione dei crediti a scelta prevista nel secondo anno, la Commissione Didattica del Consiglio di Corso di studio Magistrale, per garantire una coerenza con il progetto formativo, propone un offerta formativa di moduli integrati nei diversi ambiti di pertinenza della psicologia clinica e della salute; ciò non comporta il diniego di autonomia da parte degli studenti nella scelta delle attività. Art. 9. Frequenza La partecipazione alle attività didattiche integrative (esercitazioni, seminari, laboratori, ecc.) non ha carattere obbligatorio ma è vivamente consigliata. In caso di impossibilità di frequenza (adeguatamente documentata) ogni studente dovrà concordare con il docente una modalità sostitutiva per il conseguimento degli obiettivi didattico-formativi previsti. Si fa inoltre presente che, allo scopo di far fronte alle esigenze degli studenti che lavorano (anche al fine di ridurre il fenomeno dei fuori corso e dei non frequentanti) saranno previste, in base alle richieste pervenute da parte degli studenti lavoratori entro e non oltre il termine stabilito dal Consiglio di Corso di Studio, specifiche modalità di recupero serale, nei periodi prefestivi e nel periodo estivo. Art. 10. Modalità di verifica della preparazione acquisita La verifica del profitto individuale raggiunto dallo studente per il conseguente riconoscimento dei crediti maturati nelle varie attività formative può essere scritta e/o orale e/o pratica. Gli esami vengono sostenuti al termine del corso e consentono, se superati, di acquisire in un unica soluzione il numero di CFU previsti dal piano di studi. 8 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

9 Per quanto concerne la lingua inglese, ci saranno verifiche in itinere nell ambito di laboratori specifici (per es. Laboratorio La ricerca in Psicologia clinica) dove particolare attenzione verrà data alla comprensione, alla traduzione e all elaborazione di articoli scientifici. Art. 11. Prova finale per il conseguimento del titolo La prova finale del corso di studio magistrale in Psicologia Clinica e della Salute consiste nella realizzazione di un elaborato originale svolto sotto la guida di un relatore e controllato da un correlatore; è costituita da un lavoro di natura empirico/sperimentale oppure compilativo. Le tesi empirico-sperimentali dovranno avere la struttura dei lavori scientifici che vengono proposti per la pubblicazione a peer-reviewed journals. Esse dovranno avere per oggetto un lavoro originale cui il candidato ha attivamente partecipato. Detto lavoro dovrà avere un suo preciso razionale, descritto nell introduzione, un disegno sperimentale definito insieme alle tecnologie usate nella sezione materiali e metodi, dei risultati valutabili, analizzati, con gli strumenti statistici appropriati, e una discussione dalla quale si possa chiaramente evincere il significato e l importanza dei risultati ottenuti. Possono essere accomunate a questa categoria tesi strutturate sulla falsariga dei case-report che riportino e discutano casi clinici, o casistiche cliniche, di eccezionale interesse, novità o rarità. Le tesi compilative dovranno avere la struttura di un review article e dimostrare la capacità del candidato di estrarre dalla letteratura internazionale i più recenti aggiornamenti rispetto all argomento oggetto della tesi, di sintetizzarli, di dare conto e interpretazione delle possibili controversie esistenti sull argomento stesso ed anche di illustrare eventuali ipotesi ed interpretazioni avanzate dal candidato. La tesi dovrà essere accompagnata da un breve riassunto (abstract) che ne sintetizzi, in non più di 300 parole, i contenuti e lo scopo. L esame di Laurea sarà, come per obbligo legale, pubblico; esso si svolgerà secondo un programma prestabilito e prevede per ciascun candidato un esame della la durata media di 20 minuti, di cui 13 da dedicare alla esposizione della tesi e 7 minuti da dedicare alla discussione. I candidati sono invitati ed incoraggiati ad avvalersi di sussidi audiovisivi per le presentazioni e saranno valutati con un giudizio espresso in centodecimi, tenendo conto anche dell andamento complessivo della carriera dello studente, con eventuale menzione all unanimità della lode; il punteggio minimo per il superamento dell esame finale è 66/110. Art. 12. Modalità per il trasferimento da altri corsi di studio Gli studenti provenienti da altri Corsi di Studio e/o altre sedi (trasferimento) e gli studenti già in possesso di un titolo di Laurea V.O. o Specialistica (abbreviazione degli studi) hanno obbligo di iscrizione al 1 anno del Corso di Studio Magistrale in Psicologia Clinica e della Salute, previo soddisfacimento dei requisiti previsti (art. 7). La verifica di tali requisiti sarà effettuata da una Commissione apposita del Corso di studio magistrale e, in caso di mancato riscontro, l immatricolazione sarà considerata come non valida. Ad avvenuta immatricolazione gli interessati Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 9

10 potranno procedere alla convalida degli esami sostenuti in precedenza, presentando alla segreteria apposita domanda entro i termini previsti dal bando generale di ateneo. A tale domanda andrà allegata la lista degli esami che si richiede vengano riconosciuti con indicazione del relativo Settore Scientifico Disciplinare (SSD), qualora disponibile. Non saranno accolte richieste di riconoscimento di esami sostenuti da più di 10 anni prima della domanda. Il riconoscimento degli esami non corrispondenti per denominazione all offerta formativa del Corso di Studio verrà trasmesso dalla commissione riconoscimento CFU ai singoli docenti, che giudicheranno la pertinenza della richiesta e decideranno caso per caso il numero di CFU eventualmente riconosciuti. In ogni caso gli esami convalidati agli studenti trasferiti da altro Ateneo o da altro Corso di Studio, nonché gli esami dispensati agli studenti già in possesso di uno o più precedenti titoli di Laurea, verranno registrati senza specificarne sul libretto il voto conseguito. Art. 13. Attività di ricerca a supporto delle attività formative Le attività formative sono supportate dall attività di ricerca svolta dai docenti e ricercatori del Corso di studio nell ambito dei Dipartimenti di appartenenza. In particolare, gli studenti potranno, sulla base del livello di preparazione, motivazione e impegno, frequentare i laboratori dove tale attività viene svolta. Art. 14. Servizi di tutorato È prevista l offerta agli studenti di una serie di servizi di accompagnamento a sostegno della formazione, anche mediante l opera dei docenti nei seguenti campi operativi: orientamento e riorientamento, disabilità, counseling e job placement (sbocchi occupazionali), supporto alle competenze trasversali, innovazione didattica, relazioni e scambi internazionali. 10 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

11 Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e della salute PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI Gli studenti immatricolati nell A.A devono seguire il piano di studi indicato nella seguente tabella. Anno SSD Cod Nome insegnamento Docente CFU Tot Per Esami Psicopatologia 6 I M-PSI/07 AC71 Laboratorio: Fenomenologia clinica Feb- Mar 14 Relazione d aiuto, counseling e psicoterapia in psicologia clinica (C.I.) 6 I M-PSI/08 AC82 Laboratorio: La comunicazione interpersonale Feb- Mar 14 Psicologia clinica dell arco di vita 6 I I M-PSI/08 AC83 M-PSI/02 MED/48 Laboratorio: I momenti critici dell esistenza Neuropsicologia clinica I (Tematiche di base) Neuropsicologia clinica II (Perfezionamento) Laboratorio: Neuroscienze applicate Dic Dic 13 I BIO/13 MED/38 M-FIL/03 Fondamenti biologici dei disturbi psichici, Fondamenti di Pediatria clinica in psicologia della salute (C.I.) Laboratorio: Bioetica Giu 14 I M-PSI/07 AC72 Modelli e tecniche del colloquio psicologico e della diagnosi Laboratorio: Il resoconto clinico Giu 14 Clinica Avanzata e della Personalità 6 I M-PSI/08 AC81 Laboratorio: L osservazione clinica Giu [aggiornamento del 7 ottobre 2013] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

12 I M-PSI/08 AC21 Laboratorio La ricerca in psicologia clinica (C.I.) Feb- Mar 14 I M-PSI/07 AC61 Laboratorio Psicoterapia breve (C.I.) (propedeutico per AC61) Feb- Mar 14 M-PSI/08 Le applicazioni della psicologia clinica C.Conti 6 1 Dic-14 II Laboratorio: La pianificazione dell intervento psicologico-clinico V. Tozzi (A-C) L. Petrone (D-F) M. Stocchi (G-M) G. Galliani (N-R) E. Riccioli (S-Z) M-PSI/06 Psicologia del disagio organizzativo e occupazionale R. Zuffo 6 2 Feb- Mar 15 Psicoterapia dinamica in età evolutiva C. Candelori II M-PSI/07 Laboratorio: il lavoro psicoterapeutico con i genitori B. Cupello Castagna (A-C/D-F) M. Iezzi (G-M/N-R) V. Marino (S-Z) Feb- Mar 15 II MED/03 MED/26 BIO/14 Genetica clinica, Psico-Farmacologia, Fondamenti di Neurologia (C.I.) L.Stuppia, A. Thomas, P. Ballerini Feb- Mar 15 II M-PSI/01 M-PSI/08 Valutazione testistica neuropsicologico-clinica Laboratorio: Valutazione diagnostica multidimensionale N. Mammarella B. Fairfield L. Sirri (A-C) E. Benelli (D-F) M. Fulcheri- A. D addario (G-M) T. Sola (N-R) B. Turella (S-Z) Dic 14 II Insegnamenti a scelta Prova finale 14 Totale CFU 120 Il curricolo del corso di laurea soddisfa appieno i requisiti della Certificazione EuroPsy in Psicologia (riconoscimento del titolo di studio in ambito europeo). 12 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

13 Anno SSD Cod Nome insegnamento Docente CFU Tot Per Esami Psicopatologia G.Stanghellini 6 M. Ballerini (A-C) I M-PSI/07 AC71 Laboratorio: Fenomenologia clinica S. Presenza (D-F) Feb- G. Di Piazza (G-M) Mar 15 L. Vetrugno (N-R) Stanghellini P.Colavero (S-Z) Relazione d aiuto, counseling e psicoterapia in psicologia clinica (C.I.) M. Fulcheri 6 I M-PSI/08 AC82 Laboratorio: La comunicazione interpersonale M. Fulcheri (A-C) M. C. Verrocchio (D-F) S. Ruggieri (G-M) F. Cattafi (N-R) C. Di Berardino (S-Z) Feb- Mar 15 Psicologia clinica dell arco di vita M.C. Verrocchio 6 I M-PSI/08 AC83 Laboratorio: I momenti critici dell esistenza G. Pulcini (A-C) R. Maiella (D-F) R. Maiella (G-M) C. Mucci (N-R) J. Lavezzo (S-Z) Dic 14 I M-PSI/02 MED/48 Cervello, Mente e Salute Laboratorio: Neuroscienze applicate ) L.Tommasi(1) A. Brancucci (2) D. Marzoli (3) S. Sensi Dic 14 I BIO/13 MED/38 MED/25 Fondamenti biologici dei disturbi psichici, Fondamenti di Pediatria clinica in psicologia della salute, le Diagnosi Differenziali in Clinica Psichiatrica(C.I.) A. Grilli (3) A. Mhon (2) G. Martinotti (1) Giu 15 M-FIL/03 Laboratorio: Bioetica L. Risio 2 I M-PSI/07 AC72 Modelli e tecniche del colloquio psicologico e della diagnosi Laboratorio: Il resoconto clinico C. Candelori A. Babore (4 Fasce) C. Candelori (1 Fascia) Giu 15 Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 13

14 M-PSI/08 AC81 Clinica Avanzata e della Personalità Laboratorio: L osservazione clinica C. Mucci C. Mucci (A-C) R. Del Beato (D-F) R. Del Beato (G-M) G. Misticoni (N-R) G. Galliani (S-Z) Giu 14 Corso di Laurea magistrale in Psicologia clinica e della Salute PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI C. Conti (A-C) I M-PSI/08 AC21 Laboratorio La ricerca in psicologia clinica (C.I.) D. Marchetti (D-F) E. Benelli (G-M) A. Scalabrini (N-R) A. Ambrosini (S-Z) Feb- Mar 14 Z. Giusti (A-C) I M-PSI/07 AC61 Laboratorio Psicoterapia breve (C.I.) (propedeutico per AC61) Z. Giusti (D-F) Z. Giusti (G-M) W. Procaccio (N-R) W. Procaccio (S-Z) Feb- Mar 14 M-PSI/08 Le applicazioni in psicologia clinica della salute 6 1 II M-PSI/06 Laboratorio: La pianificazione dell intervento psicologico-clinico Psicologia del disagio organizzativo e occupazionale Psicoterapia dinamica in età evolutiva 6 II M-PSI/07 8 Laboratorio: il lavoro psicoterapeutico con i genitori 2 II MED/03 MED/26 BIO/14 Genetica clinica, Psico-Farmacologia, Fondamenti di Neurologia (C.I.) [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

15 M-PSI/01 Valutazione testistica neuropsicologico-clinica 6 II M-PSI/08 Laboratorio: Valutazione diagnostica multidimensionale 2 8 II Insegnamenti a scelta Prova finale 14 Totale CFU 120 Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e della salute Offerta formativa CFU a scelta II anno Settore n. Insegnamento Periodo Esami CFU Psicologia clinica sanitaria 1 dic- 14 M- PSI/08 1 E. Vitacolonna 1 L. Giacci 1 R. Maiella 1 M. Di Nardo 1 M. Farinelli 1 F. Quattrini 1 F. Valente 1 A. Frullini Strumenti alternativi e complementari in psicologia clinica e della 1 dic- 14 salute M- PSI/08 2 R. Andres 1 D. Agresta 1 G. Gramaccioni 1 D. Romagnoli 1 M.I. Digennaro 1 R. Napolitano 1 S.Sasso Psicologia clinica ospedaliera 1 dic- 14 M- PSI/08 2 G. Tubere 1 M. Minna Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 15

16 M- PSI/02 M- PSI/08 1 D. Carrozzino 1 A. Ambrosini 1 A. Di Silvestre 1 P. Bernini 1 F. Vadini Valutazione e riabilitazione neuropsicologica 2 mar G. Committeri 5 G. Pelle 1 F. Cieri 1 M. Stocchi Psicologia clinica forense 2 mar M.C. Verrocchio 1,5 A. De Risio 1,5 E. Catapane 1 D. Montinaro 1 V. Correa Psicologia della salute vecchie e nuove dipendenze 2 mar- 15 M- PSI/08 1 P. Ballerini 1 D. Marchetti 1 M. Bellisario 2 A. Jaretti Sodano 1 G. C. Lavenia 2 M. Marcucci Dall'igiene alla salute mentale, le dimensioni della psichiatria e della psicologia clinica 1 dic- 14 M- PSI/08 2 G. Martinotti MED/25 1 E. Gerardi 1 L. Peirone 1 F. Orsucci 1 V. Costantini 1 F. Lolli 1 R. Filippini Modello psicoanalitico e lavoro nelle istituzioni 2 mar- 15 M- PSI/07 2 C. Candelori 2 C. La Rosa 2 R. Quintilliani 2 F. Portanova Corpo, identità, cultura: alterità e differenze 1 dic- 14 M- PSI/08, M- DEA/01 4 C. Mucci 2 G.Pulcini 2 M. Di Persio 16 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

17 1 A. Sorella 1 F. Sivilli M- PSI/08 2 G. Consoli 1 M. Mirabella 1 F. Lucci 1 S. Paolillo La promozione del benessere tra media tradizionali e nuove tecnologie 2 mar- 15 N.B. Per la scelta del corso da 8 CFU si veda l'avviso pubblicato nella sezione della bacheca online I ANNO AC71 PSICOPATOLOGIA 6+2 CFU Ø MODULO BASE... 6 CFU (M-PSI/07) Prof. Giovanni Stanghellini Conoscenza della terminologia, dei concetti e della metodologia della psicopatologia; capacità di applicare tali concetti e metodi alla clinica. PARTE GENERALE. Che cos è la psicopatologia. Concetti di psicopatologia descrittiva, clinica e fenomenologica. La psicopatologia come scienza del comprendere, come base della ricerca sull etiopatogenesi, come principio della diagnosi e delle classificazioni e come fondamento della prassi terapeutica (comprendere, spiegare, classificare). Nozioni di reazione, sviluppo e processo. Nozioni di sintomo, segno, fenomeno e sindrome. PARTE SPECIALE. Psicopatologia dello stato di coscienza e della coscienza di sé. Psicopatologia della coscienza fenomenica: disturbi della coscienza corporea, illusioni e allucinazioni. Disturbi formali del pensiero. Psicopatologia della costituzione del significato (l esperienza delirante). Psicopatologia delle emozioni. Psicopatologia della vita pulsionale. I tratti psicopatologici nelle personalità abnormi: gli strambi, i drammatici e gli ansiosi. Gli strambi (tratti schizoidi, schizotipica e paranoici). I drammatici (tratti borderline, isterici, narcisistici e sensitivi). Gli ansiosi (tratti fobici ossessivi). Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 17

18 Modalità d esame: Esame scritto (test a risposta multipla: bozzetti clinici a cui attribuire una diagnosi psicopatologica) Libri di testo: Sims A., Introduzione alla psicopatologia descrittiva (quarta edizione), Raffaello Cortina Editore, Milano, Letture consigliate: L. A. Sass Follia e Modernità. Milano: Raffaello Cortina Editore, Ø LABORATORIO: FENOMENOLOGIA CLINICA... 2 CFU (M-PSI/07) Prof. Massimo Ballerini (FASCIA A-C) Acquisizione del metodo di analisi fenomenologica, conoscenza delle strutture di senso dell autismo schizofrenico, affinamento della capacità diagnostica; affinamento della capacità di costruire relazioni terapeutiche. Argomenti sviluppati nelle lezioni Capitoli del testo di riferimento. Modalità d esame: Lezioni con riferimenti teorici e discussione ed analisi di materiale clinico. Libri di testo: Lezioni con riferimenti teorici e discussione ed analisi di materiale clinico Prof. Simona Presenza (FASCIA D-F) Obiettivi formativi Affinamento della capacità di descrivere, in un'ottica fenomenologica, le strutture di senso interne a fenomeni psicopatologici tipici del mondo schizofrenico. Conoscenza e applicazione nella clinica (utilizzando anche il linguaggio della letteratura e dell arte) di alcune nozioni di psicopatologia circa le esperienze vissute dalle persone con schizofrenia. Programma del corso Anche tramite il confronto con le opere di artisti e scrittori, si approfondiranno, secondo un approccio fenomenologico, argomenti relativi a soggettivi cambiamenti dell esperienza 18 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

19 schizofrenica, tra i quali: stimmung schizoide e schizofrenica, sé diviso, iperriflessività, perdita del contatto vitale con la realtà, perdita del senso comune, alterazioni delle strutture della coscienza umana (in particolare delle forme del tempo, dello spazio e dell altro), vissuto di fine del mondo. Modalità d esame Gli studenti frequentanti avranno la possibilità di sostenere l idoneità durante lo svolgimento del laboratorio stesso, tramite un esercitazione svolta in classe. Gli studenti non frequentanti svolgeranno un compito scritto (test a scelta multipla) durante l esame di Psicopatologia. L esame del presente laboratorio riguarderà il libro di riferimento di seguito indicato(da studiare per intero). Libri di testo Louis A. Sass(2013) Follia e modernità. La pazzia alla luce dell arte, della letteratura e del pensiero moderni. Milano: Raffaello Cortina Editore. Recapito docente: Prof. Giampaolo Di Piazza (FASCIA G-M) Obiettivi formativi mettere in rilievo e permettere agli studenti di cogliere la possibilità di utilizzare nella pratica clinica le conoscenze acquisite di psicopatologia fenomenologica. Programma del corso Il modo e il mondo in cui vive il maniacale. Situazioni cliniche e atteggiamento terapeutico con il maniacale. Modalità d esame FREQUENTANTI: Test a risposta multipla in itinere. NON FREQUENTANTI: Elaborato scritto Libri di testo Articolo su Rivista Comprendre : Il mondo maniacale di Ludovico Cappellari Recapito docente: Prof. Laerte Vetrugno (FASCIA N-R) Obiettivi formativi Anno Accademico [aggiornamento del 13 febbraio 2015] 19

20 Approfondire la conoscenza pratica della psicopatologia, del suo metodo di indagine e di intervento; Approfondire la conoscenza del mondo della vita delle persone con schizofrenia e melancolia; Acquisire le capacità per eseguire un esame dello stato psicopatologicoclinico di un paziente Psicopatologia fenomenologica, Fenomenologia clinica, Psicologia clinica e fenomenologia, Schizofrenia e Melancolia, Fenomenologia sociale e il mondo sociale nella Schizofrenia e nelle psicosi maniaco-depressive. Programma del corso Introduzione alla Fenomenologia clinica, Psicopatologia fenomenologica e i mondi della vita; Esame psicopatologico-clinico di un caso tratto dalla letteratura (esercitazione); Schizofrenia e Melancolia: mondi della vita a confronto; Il mondo sociale nella Schizofrenia e nella Melancolia, la psicologia (fenomenologia) clinica. Modalità d esame FREQUENTANTI: Elaborato scritto (max 5 cartelle da esercitazione svolta a lezione) NON FREQUENTANTI: test a risposta multipla (8 quesiti, max 3 errori) Libri di testo Stanghellini G., Psicopatologia del senso comune, Raffaello Cortina Editore, Milano, Recapito docente: Prof Colavero (FASCIA S-Z) Obiettivi formativi Esercitare la propria capacità di riflessione sulle cose psicopatologiche; acquisire dimestichezza con la pratica clinica della fenomenologia a partire dal primo contributo di Karl Jaspers sino alla visionareità terapeutica di Lorenzo Calvi; raggiungere una buona consapevolezza sulla posizione del terapeuta fenomenologo. Programma del corso L'esercizio della fenomenologia: dall'epochè alla pratica clinica e terapeutica. Del buon uso della visione eidetica, ovvero mantenere saldo il timone della visionarietà. Quale incontro in quale mondo: sulla posizione del terapeuta fenomenologo. Libri di testo - K. Jaspers, La cura della mente, Castelvecchi, 2014 (prefazione di G. Stanghellini), 60 pp, 7 euro c.a. - L. Calvi, Il tempo dell'altro significato, Mimesis, Milano 2006 (prefazione di R. De Monticelli, postfazione di R. Dalle Luche), dai 12 ai 14 euro c.a. 20 [aggiornamento del 13 febbraio 2015] CdLM in Psicologia Clinica e della Salute

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line Università degli Studi Roma Tre Prenotazione on-line Istruzioni per effettuare la prenotazione on-line degli appelli presenti sul Portale dello Studente Assistenza... 2 Accedi al Portale dello Studente...

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Scuola di Medicina e Scienze della Salute. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) Programmi e piani di studio

Scuola di Medicina e Scienze della Salute. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) Programmi e piani di studio Università G. d Annunzio Chieti Pescara Scuola di Medicina e Scienze della Salute Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) Presidente prof. Tiziana Aureli Programmi e piani di studio Anno Accademico

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli