PROGRAMMA BOLLINI ROSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2014-2015"

Transcript

1 PROGRAMMA BOLLINI ROSA MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA

2 Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa...pag I destinatari...pag Il patrocinio delle Società Scientifiche...pag Perché partecipare...pag Criteri di assegnazione dei Bollini Rosa...pag Come registrarsi e partecipare...pag Questionario di auto-candidatura...pag Modalità di valutazione...pag Contatti O.N.Da...pag. 7 Allegato n 1 Modulo di registrazione...pag. 8 Allegato n 2 Il questionario...pag. 12

3 1. Cosa sono i Bollini Rosa O.N.Da, l Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, ha avviato, a partire dal 2007, il Programma Bollini Rosa con l obiettivo di individuare, collegare e premiare gli ospedali italiani vicini alle donne, ossia quelle strutture che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, riservando particolare attenzione alle specifiche esigenze dell utenza rosa. Nell edizione sono stati premiati 224 ospedali in tutto il territorio nazionale. Vantaggi per gli ospedali premiati Il Programma Bollini Rosa offre importanti vantaggi alle strutture aderenti: riconoscimento a livello istituzionale come struttura impegnata nella promozione e nella tutela della salute femminile; consolidamento della reputazione della propria struttura sanitaria e del proprio impegno nei confronti delle donne; incremento della domanda di servizi da parte della popolazione femminile, anche al di fuori del proprio bacino di utenza; interazione costante con altre realtà cliniche italiane all avanguardia; inserimento all interno di un database, consultabile online, comprensivo di tutte le strutture che possiedono il Bollino Rosa. 2. I destinatari Il Programma si rivolge a tutte le strutture ospedaliere: singola Azienda, Presidio Ospedaliero, Ospedale a gestione diretta, Casa di Cura accreditata Il patrocinio delle Società Scientifiche Il Programma Bollini Rosa è patrocinato da: Società Italiana di Diabetologia

4 4. Perché partecipare Le strutture premiate, che diventano parte del netork Bollini Rosa, usufruiscono di benefici nei seguenti ambiti: Comunicazione Visibilità nel sito Bollini Rosa (.bollinirosa.it): più di visitatori annuali Linea telefonica Info Bollini Rosa : Promozione degli ospedali tramite eventi in streaming sul sito O.N.Da.ondaosservatorio.it (più di visitatori mensili) Targa e attestato di riconoscimento ad ogni ospedale Eco mediatica Articoli sulla stampa nazionale e locale Servizi radio e tv annuali Ogni anno conferenze/convegni in sede istituzionale 4 Customer satisfaction Piattaforma online all interno del sito Bollini Rosa che offre la possibilità all utenza di esprimere il proprio parere, sulla base della propria esperienza personale, sui servizi ospedalieri premiati. I commenti sono visibili da parte dell ospedale in qualsiasi momento e sono inviati mensilmente alle Direzioni Sanitaria e Generale per comunicare il grado di soddisfazione delle utenti, al fine di migliorare costantemente la qualità dei servizi offerti. O.N.Da potrà richiedere, previo accordo, di effettuare una site visit per verificare i servizi dichiarati. Iniziative Open Day annuali: giornate dedicate ad una patologia o tematica sulla salute femminile, in occasione delle quali gli ospedali del netork aprono le porte alla popolazione offrendo servizi gratuiti (convegni, materiale informativo, visite specialistiche, esami strumentali e altri servizi dedicati). L obiettivo è sensibilizzare la popolazione sull importanza della prevenzione primaria, della diagnosi precoce e delle cure. Videoriunioni: conferenze online per la formazione e l aggiornamento di medici e personale sanitario. Concorso Best Practice: iniziativa per evidenziare e premiare le migliori prassi cliniche (Edizione 2012 dedicata alla nascita prematura) 5. Criteri di assegnazione dei Bollini Rosa Per l assegnazione dei Bollini Rosa, l Osservatorio ha definito tre criteri valutativi: 1. presenza di servizi nell ambito delle specialità di maggior rilevo clinico ed epidemiologico per la popolazione femminile; 2. appropriatezza del percorso diagnostico-terapeutico, da intendersi come garanzia di un approccio clinico alla patologia specifico ed accurato in relazione alle esigenze e alle caratteristiche psico-fisiche della donna; 3. presenza di servizi per l accoglienza della paziente e per la tutela della sua dignità.

5 6. Come registrarsi e partecipare Tutti gli ospedali interessati ad aderire all iniziativa dovranno registrarsi e compilare entro il 31 maggio 2013 il questionario di auto-candidatura sul sito.bollinirosa.it Di seguito le diverse fasi per prendere parte all iniziativa: a) Registrazione online Sul sito.bollinirosa.it dovrà essere compilato il modulo di registrazione (Allegato 1), a cui dovranno allegarsi la lettera di accettazione, debitamente timbrata e firmata dal Direttore Generale, scannerizzata e in formato pdf e un immagine della struttura in formato jpg. La registrazione consentirà all ospedale di ricevere tramite una passord per accedere al questionario di auto-candidatura. Nel modulo di registrazione dovrà essere indicato il nome di un referente della struttura ospedaliera, non necessariamente un clinico, che rivestirà il ruolo di interlocutore di O.N.Da per il Programma Bollini Rosa. b) Gestione passord Una volta registrata la struttura, il referente riceverà tramite una passord da parte dell amministratore del Programma Bollini Rosa, che gli consentirà di: 1) accedere al modulo di auto-candidatura online; 2) compilare il questionario e/o modificare i dati inseriti; 3) verificare le domande del questionario prima di inviare definitivamente l auto-candidatura. N.B: O.N.Da declina ogni responsabilità in merito all utilizzo inappropriato della passord 5 c) Compilazione del questionario online La compilazione del questionario è possibile solo online tramite il sito.bollinirosa.it. Le domande del questionario costituiscono lo strumento attraverso cui la struttura ospedaliera autocertifica i servizi erogati nell ambito delle specialità candidate. Attenzione! ü Si suggerisce che la compilazione del questionario per ciascuna specialità sia a cura del rispettivo Direttore Responsabile. ü Le sezioni del questionario devono essere compilate rispettando l ordine alfabetico con cui sono elencate (esempio: non può essere compilata la Psichiatria senza prima aver concluso la compilazione dell Oncologia). ü Nel caso in cui il questionario venga chiuso in fase di compilazione, la compilazione riprenderà dall ultima sezione salvata, poiché il sistema memorizza l ultimo posizionamento di salvataggio del documento. ü Nella fase di compilazione è possibile tornare indietro per modificare risposte precedentemente inserite senza perdere i dati memorizzati. ü Al questionario on-line può accedere un solo utente alla volta e dunque non possono essere compilate più sezioni contemporaneamente. d) Invio della candidatura Il termine ultimo per l invio della candidatura è il 31 maggio 2013 alle ore

6 È possibile inviare la candidatura SOLO dopo aver compilato il questionario in ogni sua parte, cliccando il tasto INVIA. Non saranno valutate le candidature incomplete. È possibile inviare la candidatura SOLO tramite il sito.bollinirosa.it. Non saranno pertanto valutate le candidatura inviate in forma cartacea. Una di conferma dell avvenuta ricezione della candidatura sarà inviata automaticamente all indirizzo del Referente della struttura per il Programma Bollini Rosa, indicato nel modulo di registrazione. Attenzione! Trattandosi di un bando, non è possibile salvare una copia del questionario compilato on-line. È possibile richiederne una copia alla segreteria. e) Pagamento quota di partecipazione Ogni singola struttura ospedaliera che desidera candidarsi dovrà procedere al pagamento di una quota di 250 euro + IVA a titolo di partecipazione alle spese di analisi e valutazione della propria candidatura. Il versamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario: Coordinate bancarie Intesa San Paolo c/c /19 ABI CAB CIN G Codice IBAN: IT07 G Causale registrazione al bando nome struttura ospedaliera 6 Copia dell avvenuto bonifico dovrà essere inviata entro il 31 maggio 2013 via bollinirosa.it) o via fax ( ). 7. Questionario di auto-candidatura Il questionario (Allegato 2) è composto da 162 domande e comprende tre sezioni che hanno lo scopo di valutare: SEZIONE A: presenza di specialità cliniche di interesse per la popolazione femminile SEZIONE B: tipologia e appropriatezza del percorso diagnostico-terapeutico per ciascuna specialità SEZIONE C: servizi per l accoglienza della paziente Nella Sezione A la struttura ospedaliera dovrà selezionare una o più specialità, tra le tredici elencate, con cui intende candidarsi al Programma Bollini Rosa reputando i propri servizi all avanguardia e ritenendo di essere altamente competitiva in tali ambiti a livello di diagnosi e cura. Nella Sezione B la struttura ospedaliera dovrà compilare, per ciascuna specialità selezionata nella sezione A, il relativo questionario. Tale questionario prevede una prima parte destinata alla raccolta di informazioni di carattere generale e una seconda parte composta da domande chiuse mirate a verificare l offerta di specifici servizi. Per ciascuna specialità potrà essere indicato, nel corrispondente campo libero, il fiore all occhiello, da intendersi come elemento distintivo nella cura della donna e nella tutela della sua salute, rappresentato da attività di ricerca/progetti specifici per le donne o servizi clinici/diagnostici particolarmente all avanguardia. Nella Sezione C la struttura ospedaliera dovrà indicare la presenza di servizi mirati a soddisfare alcune necessità quotidiane nonché alcune esigenze specifiche dell utenza femminile.

7 8. Modalità di valutazione La valutazione oggettiva delle strutture e la conseguente assegnazione dei Bollini Rosa avvengono attraverso l elaborazione dei punteggi assegnati a ciascuna domanda del questionario, stabiliti secondo criteri definiti da una Commissione di esperti in ogni patologia considerata, in accordo con le Linee Guida del Ministero della Sanità e delle Società Scientifiche. Sulla base del punteggio ottenuto, un algoritmo matematico assegna automaticamente il numero di Bollini Rosa con questa corrispondenza: 0-50 punti > 0 Bollini; punti > 1 Bollino; punti > 2 Bollini; >85 punti > 3 Bollini. Un apposito Advisory Board convaliderà il punteggio, tenendo anche in considerazione alcune variabili qualitative (donne in posizione apicale, fiori all occhiello, contesto regionale, ecc.). L esito della valutazione sarà comunicato agli ospedali che hanno presentato la propria candidatura entro il 15 settembre Contatti O.N.Da O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna Foro Buonaparte, Milano Telefono Fax Referenti del Programma Bollini Rosa Dott.ssa Nicoletta Orthmann Dott.ssa Elisabetta Vercesi Per ricevere informazioni generali sul Programma Bollini Rosa Per ricevere informazioni sulla registrazione al Programma Bollini Rosa e inviare copia del bonifico bancario

8 ALLEGATO 1 MODULO DI REGISTRAZIONE 8 Dati della struttura Ospedaliera Si prega di compilare il format di registrazione in ogni sua parte. Struttura Ospedaliera Nome Indirizzo CAP Comune Provincia Telefono generale Sito eb Allegare un immagine della struttura in formato jpg. e la lettera di accettazione qui sotto riportata Ricoveri e posti letto della Struttura Ospedaliera Totale posti letto accreditati Numero di ricoveri ordinari Numero di ricoveri in day hospital Numero di ricoveri in day surgery

9 Direttore Generale Nome Cognome Indirizzo Comune CAP Provincia Telefono Direttore Sanitario Nome Cognome Indirizzo Comune CAP Provincia Telefono Responsabile del Programma Bollini Rosa Nome Cognome Qualifica Indirizzo Comune 9 CAP Provincia Telefono (le comunicazioni saranno inviate a questa mail)

10 LETTERA DI ACCETTAZIONE (da inviare su carta intestata dell Ospedale, firmata dal Direttore Generale, scannerizzata e allegata al format di registrazione in formato pdf.) 10 OGGETTO: ACCETTAZIONE Spett.le O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna PROGRAMMA BOLLINI ROSA Io sottoscritto/a, in qualità di Direttore Generale della struttura ospedaliera, sono stato informato e ho preso atto che: i Bollini Rosa sono uno strumento di segnalazione e valutazione dei servizi offerti dagli ospedali particolarmente attenti alla salute femminile; i Bollini Rosa rappresentano un punto di partenza per favorire la crescita della prospettiva di genere da intendersi come fattore strategico di qualità nell erogazione delle cure nell ambito delle strutture sanitarie; la partecipazione ai Bollini Rosa avviene attraverso la compilazione on-line del questionario di autocandidatura sul sito.bollinirosa.it. Viene valutata la presenza di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili nonché all accoglienza delle pazienti; ogni singola struttura ospedaliera che presenta la propria candidatura dovrà procedere al pagamento di una quota di 250 euro + IVA a titolo di partecipazione alle spese di analisi e valutazione della stessa. Il versamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario entro il 31 maggio 2013, specificando nella causale registrazione al bando nome struttura ospedaliera ; per ogni singola struttura dovrà essere designato un referente, non necessariamente clinico, quale interlocutore di O.N.Da per il Programma Bollini Rosa; alle strutture ospedaliere che possiedono i requisiti identificati dall Osservatorio verranno assegnati da 1 a 3 Bollini Rosa con validità biennale, attestanti il loro impegno nei confronti della salute femminile; O.N.Da potrà richiedere, previo accordo, di effettuare una site visit presso gli ospedali premiati per verificare i servizi dichiarati; tutte le informazioni fornite attraverso il questionario di auto-candidatura saranno pubblicate sulla Guida Nazionale Bollini Rosa e inserite nel sito.bollinirosa.it, dove gli utenti potranno trovare le strutture premiate in ciascuna Regione ed esprimere il proprio parere sui servizi erogati; gli Ospedali premiati entreranno a far parte del netork Ospedali Bollini Rosa, potendo così partecipare ad eventi ed iniziative (giornate a porte aperte, eventi live, convegni, conferenze, incontri informativi) organizzati allo scopo di sensibilizzare la popolazione sull importanza della diagnosi precoce e dell appropriatezza delle cure.

11 dichiaro che: tutte le informazioni contenute nel questionario di auto-candidatura relative ai servizi erogati corrispondono al vero; l Osservatorio potrà utilizzare le informazioni contenute nel modulo di auto-candidatura al solo scopo di migliorare l accesso delle donne al Servizio Sanitario Nazionale; il Referente della mia struttura sarà garante del procedimento di candidatura e interlocutore di O.N.Da per il prossimo biennio. Direttore Generale (nome e cognome) Data Timbro Firma 11

12 ALLEGATO 2 IL QUESTIONARIO 12 SEZIONE A Scegliere una o più specialità a cui afferiscono i servizi che si intendono candidare. Si prega di selezionare almeno una specialità. ATTENZIONE! Nel caso si selezionassero più specialità, nella compilazione del questionario si dovrà procedere rispettando l ordine alfabetico. DIABETOLOGIA DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA ENDOCRINOLOGIA GINECOLOGIA e OSTETRICIA MALATTIE E DISTURBI DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE NEONATOLOGIA NEUROLOGIA ONCOLOGIA PSICHIATRIA REUMATOLOGIA SENOLOGIA VIOLENZA SULLA DONNA

13 SEZIONE B Per ogni specialità è richiesto di rispondere ad alcune domande per conoscere le caratteristiche delle prestazioni offerte. A ogni domanda del questionario corrisponde un punteggio stabilito secondo i criteri di valutazione definiti da una Commissione di esperti. Diabetologia Questa specialità è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione della rilevanza clinica ed epidemiologica della patologia diabetica, che richiede un approccio diagnostico-terapeutico multidisciplinare, in particolare, nella popolazione femminile, per il diabete gestazionale. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali day surgery annuali N visite annuali N esami strumentali Integrazione ospedale-territorio Sono adottate Linee Guida per la gestione integrata dei Percorsi Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA)? Sono adottati protocolli di dimissione protetta per pazienti che richiedono continuità di cura? N interventi chirurgici annuali È prevista una collaborazione tra specialisti e medici di medicina generale? 13 Con quali servizi socio-sanitari territoriali l ospedale integra la propria funzione? (max. 250 caratteri spazi esclusi)

14 Posizione lavorativa femminile 14 Numero di donne in posizione apicale 1) Esiste nell ospedale un gruppo multidisciplinare completo con competenze specifiche (mediche, psicologiche, nutrizionali, infermieristiche, sociali) per una corretta gestione del diabete? 2) L ospedale dispone di protocolli diagnostico-terapeutici per una corretta gestione del diabete? 3) L accesso a specifiche terapie e la fornitura di dispositivi terapeutici per la donna con diabete sono offerti tramite procedure semplici e in tempi brevi? 4) L ospedale promuove una terapia educazionale rivolta alla paziente e ai suoi familiari mirata all autogestione della patologia? 5) L ospedale favorisce, nelle situazioni di ricovero in altri reparti, il coinvolgimento del diabetologo nelle scelte terapeutiche o un assistenza diabetologica qualificata? 6) L ospedale fornisce assistenza e strumenti idonei per il percorso assistenziale delle donne con diabete in gravidanza (Diabete Gestazionale e Diabete Pre-Gravidico)? a) L ospedale realizza attività di educazione terapeutica e di assistenza sanitaria per la donna con diabete in gravidanza? b) L assistenza e il monitoraggio delle donne con diabete in gravidanza sono garantiti da parte di un gruppo multidisciplinare composto da diabetologo, ginecologo, ostetrica, infermiere e pediatra? 7) L ospedale offre un servizio integrato con le strutture territoriali per la gestione della paziente nel post-dimissione? Fiore all occhiello

15 Dietologia e nutrizione clinica La Dietologia e Nutrizione Clinica è stata individuata tra le specialità partecipanti alla candidatura, poiché obesità, sovrappeso e patologie croniche correlate sono divenute anche nel nostro Paese una vera e propria emergenza sanitaria, con crescente coinvolgimento della popolazione femminile per i cambiamenti dello stile di vita e delle abitudini alimentari. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali day surgery annuali N visite annuali N esami strumentali Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale* N interventi chirurgici annuali * donne che occupano una posizione lavorativa che implica potere decisionale a livello organizzativo-gestionale 15

16 1) L ospedale dispone di un Ambulatorio multidisciplinare dedicato alla prevenzione, alla diagnosi e alla terapia del sovrappeso e dell obesità? 16 2) L ospedale offre un percorso assistenziale rivolto alle pazienti con sovrappeso e obesità? a) Se risponde Sì, quali servizi sono erogati: I. Valutazione diagnostica II. Consulenza specialistica III. Terapia educazionale IV. Attività riabilitativa fisica e psicologica 3) L ospedale offre un programma terapeutico per il trattamento delle pazienti con sovrappeso e obesità? a) Se risponde Sì, quali servizi sono erogati: I. Trattamento medico II. Trattamento chirurgico III. Trattamento psicologico 4) L ospedale offre un servizio di valutazione dello stato di rischio di sovrappeso e obesità rivolto alle donne in generale? 5) L ospedale offre un servizio di follo up da parte di un equipe multidisciplinare rivolto alle donne in gravidanza complicata da sovrappeso e obesità? 6) L ospedale offre un servizio di monitoraggio nutrizionale post-gravidanza? 7) L ospedale promuove interventi di educazione alla salute rivolti alle donne, al fine di facilitare abitudini alimentari e stili di vita corretti? a) Quali? Fiore all occhiello

17 Endocrinologia L Endocrinologia è stata individuata tra le specialità partecipanti alla candidatura con particolare riferimento alle malattie endocrine che più frequentemente colpiscono la popolazione femminile, nella fattispecie osteoporosi e patologia tiroidea. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali N visite annuali N esami strumentali Integrazione ospedale-territorio Sono adottate Linee Guida per la gestione integrata dei Percorsi Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA)? Sono adottati protocolli di dimissione protetta per pazienti che richiedono continuità di cura? N interventi day surgery chirurgici annuali annuali È prevista una collaborazione tra specialisti e medici di medicina generale? Con quali servizi socio-sanitari territoriali l ospedale integra la propria funzione? (max. 250 caratteri spazi esclusi) 17

18 Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale* * donne che occupano una posizione lavorativa che implica potere decisionale a livello organizzativo-gestionale 18 1) L ospedale offre un servizio dedicato alla diagnosi e cura (impostazione della terapia) dell osteoporosi? 2) Esiste un ambulatorio per l esecuzione della Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) per la diagnosi di osteoporosi? 3) L ospedale offre servizi di cura e successiva riabilitazione per le pazienti con fratture ossee patologiche? 4) L ospedale promuove attività nell ambito della prevenzione primaria dell osteoporosi? 5) L ospedale offre un servizio dedicato alla diagnosi e alla terapia della patologia tiroidea? 6) Nell ospedale è presente un ambulatorio dedicato alla diagnosi e alla terapia della patologia tiroidea? a) Quali servizi diagnostici sono erogati? I. Ecografia II. Scintigrafia 7) Esiste un reparto di chirurgia specialistica per la cura della patologia tiroidea? Fiore all occhiello

19 Ginecologia e Ostetricia La Ginecologia e Ostetricia è stata individuata tra le specialità partecipanti alla candidatura in considerazione del suo ruolo cruciale nel garantire la salute femminile, sessuale e riproduttiva, con particolare riferimento alle problematiche che caratterizzano ciascun periodo della vita della donna, dalla pubertà alla menopausa. Questa parte prevede la compilazione di domande articolate in quattro sezioni così suddivise: Patologia ginecologica benigna Patologia della gravidanza Percorso gravidanza e parto Percorso post-parto Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto totali Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali N di parti di pazienti affette da patologie ostetriche N visite annuali N esami strumentali Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale* N interventi chirurgici annuali * donne che occupano una posizione lavorativa che implica potere decisionale a livello organizzativo-gestionale 19

20 PATOLOGIA GINECOLOGICA BENIGNA 1) È presente nell ospedale un ambulatorio che garantisca il percorso diagnosi - terapia - follo-up della patologia endometriosica? 20 2) L ospedale offre percorsi diagnostico-terapeutici dedicati alle patologie uro-ginecologiche? a) Se si, per quali patologie in particolare? i. Incontinenza urinaria ii. Vescica iperattiva (OAB) iii. Prolasso urogenitale iv. Cistiti v. Dolore pelvico cronico 3) L ospedale offre servizi di chirurgia mini-invasiva della patologia benigna dell apparato genitale? a) Se si, per quali patologie in particolare? i. Endometriosi ii. Cisti ovariche benigne e sospette iii. Fibromatosi uterina iv. Tumori dell endometrio, tumori iniziali della cervice, casi selezionati di tumori ovarici 4) L ospedale offre un servizio di riabilitazione del pavimento pelvico per le patologie uroginecologiche? 5) L ospedale promuove programmi di screening per la prevenzione e diagnosi precoce del tumore del collo dell utero con percorsi diagnostici facilitati? 6) È presente all interno dell ospedale un ambulatorio dedicato all assistenza e alla cura delle problematiche connesse alla Ginecologia Adolescenziale? 7) È presente all interno dell ospedale un ambulatorio dedicato alla donna in peri-menopausa e in menopausa? a) L ospedale realizza attività educazionale sul benessere psico-fisico della donna nel climaterio? b) L ospedale offre un percorso assistenziale integrato per il sostegno della donna in peri-menopausa e menopausa?

21 PATOLOGIA DELLA GRAVIDANZA 1) È presente nell ospedale un Ambulatorio di Ostetricia per la gravidanza fisiologica? 2) È presente nell ospedale un ambulatorio dedicato alle gravidanze a rischio? a) All interno dell ambulatorio sono presenti diversi specialisti per la gestione integrata delle patologie complesse? b) La donna che affronta una gravidanza patologica può accedere a servizi di supporto psicologico? 3) È presente nell ospedale un ambulatorio dedicato alla prevenzione del parto pretermine? a) Esistono all interno dell ambulatorio protocolli diagnostico-terapeutici conosciuti e condivisi da tutti gli operatori coinvolti? 4) È presente nell ospedale un Ambulatorio di Ecografia e Diagnosi prenatale? 5) L ospedale offre servizi di consulenza di genetica medica ai genitori? 6) L ospedale offre esami non invasivi per la valutazione del rischio di anomalie cromosomiche? a) La paziente viene informata in modo comprensibile sui vantaggi e sui limiti di questi esami? b) L ospedale verifica e rispetta le motivazioni etiche o religiose della donna in gravidanza che non desideri essere sottoposta ad un esame di diagnosi prenatale? 21 7) È presente nell ospedale un Ambulatorio di Medicina Fetale?

22 PERCORSO GRAVIDANZA E PARTO 1) È presente nell ospedale un Pronto Soccorso Ostetrico? 22 2) a) Inserire il numero totale di parti all anno b) Inserire il numero di parti naturali c) Inserire il numero di parti con taglio cesareo 3) L ospedale produce e rende pubblico un rapporto annuale statistico-epidemiologico sulla natalità con i dettagli della tipologia di parti cesarei effettuati? 4) L ospedale offre un servizio medico di guardia Ostetrico H24? 5) L ospedale offre un servizio Neonatologico/Pediatrico H24? 6) È presente nell ospedale una sala operatoria dedicata alle urgenze ostetriche situata all interno o in vicinanza del Blocco Parto attivabile H24? 7) È presente nell ospedale un Centro Trasfusionale e/o un Emoteca dedicata alle urgenze ostetriche? 8) È presente nell ospedale un servizio di Radiologia Interventistica H24 per la gestione delle emorragie puerperali? 9) È presente nell ospedale un Laboratorio Analisi H24 che effettua esami dedicati alle urgenze? 10) L ospedale offre un servizio di analgesia epidurale garantito gratuitamente tutti i giorni H24? 11) È presente nell ospedale un anestesista di guardia H24 dedicato interamente all analgesia ostetrica? 12) L ospedale offre percorsi di accoglienza dedicati alla donna partoriente? 13) L ospedale permette che, su richiesta della donna partoriente, sia presente una persona di sua fiducia in sala travaglio e in sala parto? 14) L ospedale offre adeguata informazione, comunicazione e supporto psicologico nei confronti dei genitori durante la degenza?

23 PERCORSO POST- PARTO 1) L ospedale segue il decalogo delle raccomandazione dell UNICEF e dell OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sull allattamento materno? 2) È previsto il rooming-in (permanenza della mamma e del neonato nella stessa stanza) durante la degenza? 3) L ospedale offre percorsi dedicati post-dimissione per le donne con un documentato disagio sociale o psicologico? 4) L ospedale offre un servizio di assistenza rivolto alla madre in difficoltà mediante l istituzione di un percorso di adozione del neonato? 5) L ospedale possiede la Ruota degli esposti? 6) L ospedale offre un servizio di assistenza domiciliare alle puerpere anche in collaborazione con le strutture di assistenza territoriale? a) Con quali delle seguenti strutture? i. Consultorio ii. Associazione di volontariato iii. Terzo Settore iv. Altro, specificare 7) È presente nell ospedale un ambulatorio dedicato al dolore cronico post-partum? 23 Fiore all occhiello

24 Malattie e disturbi dell apparato cardiocircolatorio 24 La specialità dedicata alle malattie e ai disturbi dell apparato cardiovascolare è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione dell impatto epidemiologico delle stesse nella popolazione femminile, in cui rappresentano la principale causa di morte dopo i cinquant anni e di disabilità nella terza età. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali provenienti dal Pronto Soccorso annuali day hospital annuali N visite annuali N esami strumentali Integrazione ospedale-territorio Sono adottate Linee Guida per la gestione integrata dei Percorsi Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA)? Sono adottati protocolli di dimissione protetta per pazienti che richiedono continuità di cura? day surgery annuali N interventi chirurgici annuali È prevista una collaborazione tra specialisti e medici di medicina generale? Con quali servizi socio-sanitari territoriali l ospedale integra la propria funzione? (max. 250 caratteri spazi esclusi)

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Depressione post-partum

Depressione post-partum Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Policlinico Agostino Gemelli Servizio di Consultazione Psichiatrica Direttore: Prof. Pietro Bria Istituto di Psichiatria e Psicologia Clinica Direttore: Prof.

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli