PROGRAMMA BOLLINI ROSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2014-2015"

Transcript

1 PROGRAMMA BOLLINI ROSA MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA

2 Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa...pag I destinatari...pag Il patrocinio delle Società Scientifiche...pag Perché partecipare...pag Criteri di assegnazione dei Bollini Rosa...pag Come registrarsi e partecipare...pag Questionario di auto-candidatura...pag Modalità di valutazione...pag Contatti O.N.Da...pag. 7 Allegato n 1 Modulo di registrazione...pag. 8 Allegato n 2 Il questionario...pag. 12

3 1. Cosa sono i Bollini Rosa O.N.Da, l Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, ha avviato, a partire dal 2007, il Programma Bollini Rosa con l obiettivo di individuare, collegare e premiare gli ospedali italiani vicini alle donne, ossia quelle strutture che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, riservando particolare attenzione alle specifiche esigenze dell utenza rosa. Nell edizione sono stati premiati 224 ospedali in tutto il territorio nazionale. Vantaggi per gli ospedali premiati Il Programma Bollini Rosa offre importanti vantaggi alle strutture aderenti: riconoscimento a livello istituzionale come struttura impegnata nella promozione e nella tutela della salute femminile; consolidamento della reputazione della propria struttura sanitaria e del proprio impegno nei confronti delle donne; incremento della domanda di servizi da parte della popolazione femminile, anche al di fuori del proprio bacino di utenza; interazione costante con altre realtà cliniche italiane all avanguardia; inserimento all interno di un database, consultabile online, comprensivo di tutte le strutture che possiedono il Bollino Rosa. 2. I destinatari Il Programma si rivolge a tutte le strutture ospedaliere: singola Azienda, Presidio Ospedaliero, Ospedale a gestione diretta, Casa di Cura accreditata Il patrocinio delle Società Scientifiche Il Programma Bollini Rosa è patrocinato da: Società Italiana di Diabetologia

4 4. Perché partecipare Le strutture premiate, che diventano parte del netork Bollini Rosa, usufruiscono di benefici nei seguenti ambiti: Comunicazione Visibilità nel sito Bollini Rosa (.bollinirosa.it): più di visitatori annuali Linea telefonica Info Bollini Rosa : Promozione degli ospedali tramite eventi in streaming sul sito O.N.Da.ondaosservatorio.it (più di visitatori mensili) Targa e attestato di riconoscimento ad ogni ospedale Eco mediatica Articoli sulla stampa nazionale e locale Servizi radio e tv annuali Ogni anno conferenze/convegni in sede istituzionale 4 Customer satisfaction Piattaforma online all interno del sito Bollini Rosa che offre la possibilità all utenza di esprimere il proprio parere, sulla base della propria esperienza personale, sui servizi ospedalieri premiati. I commenti sono visibili da parte dell ospedale in qualsiasi momento e sono inviati mensilmente alle Direzioni Sanitaria e Generale per comunicare il grado di soddisfazione delle utenti, al fine di migliorare costantemente la qualità dei servizi offerti. O.N.Da potrà richiedere, previo accordo, di effettuare una site visit per verificare i servizi dichiarati. Iniziative Open Day annuali: giornate dedicate ad una patologia o tematica sulla salute femminile, in occasione delle quali gli ospedali del netork aprono le porte alla popolazione offrendo servizi gratuiti (convegni, materiale informativo, visite specialistiche, esami strumentali e altri servizi dedicati). L obiettivo è sensibilizzare la popolazione sull importanza della prevenzione primaria, della diagnosi precoce e delle cure. Videoriunioni: conferenze online per la formazione e l aggiornamento di medici e personale sanitario. Concorso Best Practice: iniziativa per evidenziare e premiare le migliori prassi cliniche (Edizione 2012 dedicata alla nascita prematura) 5. Criteri di assegnazione dei Bollini Rosa Per l assegnazione dei Bollini Rosa, l Osservatorio ha definito tre criteri valutativi: 1. presenza di servizi nell ambito delle specialità di maggior rilevo clinico ed epidemiologico per la popolazione femminile; 2. appropriatezza del percorso diagnostico-terapeutico, da intendersi come garanzia di un approccio clinico alla patologia specifico ed accurato in relazione alle esigenze e alle caratteristiche psico-fisiche della donna; 3. presenza di servizi per l accoglienza della paziente e per la tutela della sua dignità.

5 6. Come registrarsi e partecipare Tutti gli ospedali interessati ad aderire all iniziativa dovranno registrarsi e compilare entro il 31 maggio 2013 il questionario di auto-candidatura sul sito.bollinirosa.it Di seguito le diverse fasi per prendere parte all iniziativa: a) Registrazione online Sul sito.bollinirosa.it dovrà essere compilato il modulo di registrazione (Allegato 1), a cui dovranno allegarsi la lettera di accettazione, debitamente timbrata e firmata dal Direttore Generale, scannerizzata e in formato pdf e un immagine della struttura in formato jpg. La registrazione consentirà all ospedale di ricevere tramite una passord per accedere al questionario di auto-candidatura. Nel modulo di registrazione dovrà essere indicato il nome di un referente della struttura ospedaliera, non necessariamente un clinico, che rivestirà il ruolo di interlocutore di O.N.Da per il Programma Bollini Rosa. b) Gestione passord Una volta registrata la struttura, il referente riceverà tramite una passord da parte dell amministratore del Programma Bollini Rosa, che gli consentirà di: 1) accedere al modulo di auto-candidatura online; 2) compilare il questionario e/o modificare i dati inseriti; 3) verificare le domande del questionario prima di inviare definitivamente l auto-candidatura. N.B: O.N.Da declina ogni responsabilità in merito all utilizzo inappropriato della passord 5 c) Compilazione del questionario online La compilazione del questionario è possibile solo online tramite il sito.bollinirosa.it. Le domande del questionario costituiscono lo strumento attraverso cui la struttura ospedaliera autocertifica i servizi erogati nell ambito delle specialità candidate. Attenzione! ü Si suggerisce che la compilazione del questionario per ciascuna specialità sia a cura del rispettivo Direttore Responsabile. ü Le sezioni del questionario devono essere compilate rispettando l ordine alfabetico con cui sono elencate (esempio: non può essere compilata la Psichiatria senza prima aver concluso la compilazione dell Oncologia). ü Nel caso in cui il questionario venga chiuso in fase di compilazione, la compilazione riprenderà dall ultima sezione salvata, poiché il sistema memorizza l ultimo posizionamento di salvataggio del documento. ü Nella fase di compilazione è possibile tornare indietro per modificare risposte precedentemente inserite senza perdere i dati memorizzati. ü Al questionario on-line può accedere un solo utente alla volta e dunque non possono essere compilate più sezioni contemporaneamente. d) Invio della candidatura Il termine ultimo per l invio della candidatura è il 31 maggio 2013 alle ore

6 È possibile inviare la candidatura SOLO dopo aver compilato il questionario in ogni sua parte, cliccando il tasto INVIA. Non saranno valutate le candidature incomplete. È possibile inviare la candidatura SOLO tramite il sito.bollinirosa.it. Non saranno pertanto valutate le candidatura inviate in forma cartacea. Una di conferma dell avvenuta ricezione della candidatura sarà inviata automaticamente all indirizzo del Referente della struttura per il Programma Bollini Rosa, indicato nel modulo di registrazione. Attenzione! Trattandosi di un bando, non è possibile salvare una copia del questionario compilato on-line. È possibile richiederne una copia alla segreteria. e) Pagamento quota di partecipazione Ogni singola struttura ospedaliera che desidera candidarsi dovrà procedere al pagamento di una quota di 250 euro + IVA a titolo di partecipazione alle spese di analisi e valutazione della propria candidatura. Il versamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario: Coordinate bancarie Intesa San Paolo c/c /19 ABI CAB CIN G Codice IBAN: IT07 G Causale registrazione al bando nome struttura ospedaliera 6 Copia dell avvenuto bonifico dovrà essere inviata entro il 31 maggio 2013 via bollinirosa.it) o via fax ( ). 7. Questionario di auto-candidatura Il questionario (Allegato 2) è composto da 162 domande e comprende tre sezioni che hanno lo scopo di valutare: SEZIONE A: presenza di specialità cliniche di interesse per la popolazione femminile SEZIONE B: tipologia e appropriatezza del percorso diagnostico-terapeutico per ciascuna specialità SEZIONE C: servizi per l accoglienza della paziente Nella Sezione A la struttura ospedaliera dovrà selezionare una o più specialità, tra le tredici elencate, con cui intende candidarsi al Programma Bollini Rosa reputando i propri servizi all avanguardia e ritenendo di essere altamente competitiva in tali ambiti a livello di diagnosi e cura. Nella Sezione B la struttura ospedaliera dovrà compilare, per ciascuna specialità selezionata nella sezione A, il relativo questionario. Tale questionario prevede una prima parte destinata alla raccolta di informazioni di carattere generale e una seconda parte composta da domande chiuse mirate a verificare l offerta di specifici servizi. Per ciascuna specialità potrà essere indicato, nel corrispondente campo libero, il fiore all occhiello, da intendersi come elemento distintivo nella cura della donna e nella tutela della sua salute, rappresentato da attività di ricerca/progetti specifici per le donne o servizi clinici/diagnostici particolarmente all avanguardia. Nella Sezione C la struttura ospedaliera dovrà indicare la presenza di servizi mirati a soddisfare alcune necessità quotidiane nonché alcune esigenze specifiche dell utenza femminile.

7 8. Modalità di valutazione La valutazione oggettiva delle strutture e la conseguente assegnazione dei Bollini Rosa avvengono attraverso l elaborazione dei punteggi assegnati a ciascuna domanda del questionario, stabiliti secondo criteri definiti da una Commissione di esperti in ogni patologia considerata, in accordo con le Linee Guida del Ministero della Sanità e delle Società Scientifiche. Sulla base del punteggio ottenuto, un algoritmo matematico assegna automaticamente il numero di Bollini Rosa con questa corrispondenza: 0-50 punti > 0 Bollini; punti > 1 Bollino; punti > 2 Bollini; >85 punti > 3 Bollini. Un apposito Advisory Board convaliderà il punteggio, tenendo anche in considerazione alcune variabili qualitative (donne in posizione apicale, fiori all occhiello, contesto regionale, ecc.). L esito della valutazione sarà comunicato agli ospedali che hanno presentato la propria candidatura entro il 15 settembre Contatti O.N.Da O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna Foro Buonaparte, Milano Telefono Fax Referenti del Programma Bollini Rosa Dott.ssa Nicoletta Orthmann Dott.ssa Elisabetta Vercesi Per ricevere informazioni generali sul Programma Bollini Rosa Per ricevere informazioni sulla registrazione al Programma Bollini Rosa e inviare copia del bonifico bancario

8 ALLEGATO 1 MODULO DI REGISTRAZIONE 8 Dati della struttura Ospedaliera Si prega di compilare il format di registrazione in ogni sua parte. Struttura Ospedaliera Nome Indirizzo CAP Comune Provincia Telefono generale Sito eb Allegare un immagine della struttura in formato jpg. e la lettera di accettazione qui sotto riportata Ricoveri e posti letto della Struttura Ospedaliera Totale posti letto accreditati Numero di ricoveri ordinari Numero di ricoveri in day hospital Numero di ricoveri in day surgery

9 Direttore Generale Nome Cognome Indirizzo Comune CAP Provincia Telefono Direttore Sanitario Nome Cognome Indirizzo Comune CAP Provincia Telefono Responsabile del Programma Bollini Rosa Nome Cognome Qualifica Indirizzo Comune 9 CAP Provincia Telefono (le comunicazioni saranno inviate a questa mail)

10 LETTERA DI ACCETTAZIONE (da inviare su carta intestata dell Ospedale, firmata dal Direttore Generale, scannerizzata e allegata al format di registrazione in formato pdf.) 10 OGGETTO: ACCETTAZIONE Spett.le O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna PROGRAMMA BOLLINI ROSA Io sottoscritto/a, in qualità di Direttore Generale della struttura ospedaliera, sono stato informato e ho preso atto che: i Bollini Rosa sono uno strumento di segnalazione e valutazione dei servizi offerti dagli ospedali particolarmente attenti alla salute femminile; i Bollini Rosa rappresentano un punto di partenza per favorire la crescita della prospettiva di genere da intendersi come fattore strategico di qualità nell erogazione delle cure nell ambito delle strutture sanitarie; la partecipazione ai Bollini Rosa avviene attraverso la compilazione on-line del questionario di autocandidatura sul sito.bollinirosa.it. Viene valutata la presenza di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili nonché all accoglienza delle pazienti; ogni singola struttura ospedaliera che presenta la propria candidatura dovrà procedere al pagamento di una quota di 250 euro + IVA a titolo di partecipazione alle spese di analisi e valutazione della stessa. Il versamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario entro il 31 maggio 2013, specificando nella causale registrazione al bando nome struttura ospedaliera ; per ogni singola struttura dovrà essere designato un referente, non necessariamente clinico, quale interlocutore di O.N.Da per il Programma Bollini Rosa; alle strutture ospedaliere che possiedono i requisiti identificati dall Osservatorio verranno assegnati da 1 a 3 Bollini Rosa con validità biennale, attestanti il loro impegno nei confronti della salute femminile; O.N.Da potrà richiedere, previo accordo, di effettuare una site visit presso gli ospedali premiati per verificare i servizi dichiarati; tutte le informazioni fornite attraverso il questionario di auto-candidatura saranno pubblicate sulla Guida Nazionale Bollini Rosa e inserite nel sito.bollinirosa.it, dove gli utenti potranno trovare le strutture premiate in ciascuna Regione ed esprimere il proprio parere sui servizi erogati; gli Ospedali premiati entreranno a far parte del netork Ospedali Bollini Rosa, potendo così partecipare ad eventi ed iniziative (giornate a porte aperte, eventi live, convegni, conferenze, incontri informativi) organizzati allo scopo di sensibilizzare la popolazione sull importanza della diagnosi precoce e dell appropriatezza delle cure.

11 dichiaro che: tutte le informazioni contenute nel questionario di auto-candidatura relative ai servizi erogati corrispondono al vero; l Osservatorio potrà utilizzare le informazioni contenute nel modulo di auto-candidatura al solo scopo di migliorare l accesso delle donne al Servizio Sanitario Nazionale; il Referente della mia struttura sarà garante del procedimento di candidatura e interlocutore di O.N.Da per il prossimo biennio. Direttore Generale (nome e cognome) Data Timbro Firma 11

12 ALLEGATO 2 IL QUESTIONARIO 12 SEZIONE A Scegliere una o più specialità a cui afferiscono i servizi che si intendono candidare. Si prega di selezionare almeno una specialità. ATTENZIONE! Nel caso si selezionassero più specialità, nella compilazione del questionario si dovrà procedere rispettando l ordine alfabetico. DIABETOLOGIA DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA ENDOCRINOLOGIA GINECOLOGIA e OSTETRICIA MALATTIE E DISTURBI DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE NEONATOLOGIA NEUROLOGIA ONCOLOGIA PSICHIATRIA REUMATOLOGIA SENOLOGIA VIOLENZA SULLA DONNA

13 SEZIONE B Per ogni specialità è richiesto di rispondere ad alcune domande per conoscere le caratteristiche delle prestazioni offerte. A ogni domanda del questionario corrisponde un punteggio stabilito secondo i criteri di valutazione definiti da una Commissione di esperti. Diabetologia Questa specialità è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione della rilevanza clinica ed epidemiologica della patologia diabetica, che richiede un approccio diagnostico-terapeutico multidisciplinare, in particolare, nella popolazione femminile, per il diabete gestazionale. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali day surgery annuali N visite annuali N esami strumentali Integrazione ospedale-territorio Sono adottate Linee Guida per la gestione integrata dei Percorsi Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA)? Sono adottati protocolli di dimissione protetta per pazienti che richiedono continuità di cura? N interventi chirurgici annuali È prevista una collaborazione tra specialisti e medici di medicina generale? 13 Con quali servizi socio-sanitari territoriali l ospedale integra la propria funzione? (max. 250 caratteri spazi esclusi)

14 Posizione lavorativa femminile 14 Numero di donne in posizione apicale 1) Esiste nell ospedale un gruppo multidisciplinare completo con competenze specifiche (mediche, psicologiche, nutrizionali, infermieristiche, sociali) per una corretta gestione del diabete? 2) L ospedale dispone di protocolli diagnostico-terapeutici per una corretta gestione del diabete? 3) L accesso a specifiche terapie e la fornitura di dispositivi terapeutici per la donna con diabete sono offerti tramite procedure semplici e in tempi brevi? 4) L ospedale promuove una terapia educazionale rivolta alla paziente e ai suoi familiari mirata all autogestione della patologia? 5) L ospedale favorisce, nelle situazioni di ricovero in altri reparti, il coinvolgimento del diabetologo nelle scelte terapeutiche o un assistenza diabetologica qualificata? 6) L ospedale fornisce assistenza e strumenti idonei per il percorso assistenziale delle donne con diabete in gravidanza (Diabete Gestazionale e Diabete Pre-Gravidico)? a) L ospedale realizza attività di educazione terapeutica e di assistenza sanitaria per la donna con diabete in gravidanza? b) L assistenza e il monitoraggio delle donne con diabete in gravidanza sono garantiti da parte di un gruppo multidisciplinare composto da diabetologo, ginecologo, ostetrica, infermiere e pediatra? 7) L ospedale offre un servizio integrato con le strutture territoriali per la gestione della paziente nel post-dimissione? Fiore all occhiello

15 Dietologia e nutrizione clinica La Dietologia e Nutrizione Clinica è stata individuata tra le specialità partecipanti alla candidatura, poiché obesità, sovrappeso e patologie croniche correlate sono divenute anche nel nostro Paese una vera e propria emergenza sanitaria, con crescente coinvolgimento della popolazione femminile per i cambiamenti dello stile di vita e delle abitudini alimentari. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali day surgery annuali N visite annuali N esami strumentali Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale* N interventi chirurgici annuali * donne che occupano una posizione lavorativa che implica potere decisionale a livello organizzativo-gestionale 15

16 1) L ospedale dispone di un Ambulatorio multidisciplinare dedicato alla prevenzione, alla diagnosi e alla terapia del sovrappeso e dell obesità? 16 2) L ospedale offre un percorso assistenziale rivolto alle pazienti con sovrappeso e obesità? a) Se risponde Sì, quali servizi sono erogati: I. Valutazione diagnostica II. Consulenza specialistica III. Terapia educazionale IV. Attività riabilitativa fisica e psicologica 3) L ospedale offre un programma terapeutico per il trattamento delle pazienti con sovrappeso e obesità? a) Se risponde Sì, quali servizi sono erogati: I. Trattamento medico II. Trattamento chirurgico III. Trattamento psicologico 4) L ospedale offre un servizio di valutazione dello stato di rischio di sovrappeso e obesità rivolto alle donne in generale? 5) L ospedale offre un servizio di follo up da parte di un equipe multidisciplinare rivolto alle donne in gravidanza complicata da sovrappeso e obesità? 6) L ospedale offre un servizio di monitoraggio nutrizionale post-gravidanza? 7) L ospedale promuove interventi di educazione alla salute rivolti alle donne, al fine di facilitare abitudini alimentari e stili di vita corretti? a) Quali? Fiore all occhiello

17 Endocrinologia L Endocrinologia è stata individuata tra le specialità partecipanti alla candidatura con particolare riferimento alle malattie endocrine che più frequentemente colpiscono la popolazione femminile, nella fattispecie osteoporosi e patologia tiroidea. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali N visite annuali N esami strumentali Integrazione ospedale-territorio Sono adottate Linee Guida per la gestione integrata dei Percorsi Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA)? Sono adottati protocolli di dimissione protetta per pazienti che richiedono continuità di cura? N interventi day surgery chirurgici annuali annuali È prevista una collaborazione tra specialisti e medici di medicina generale? Con quali servizi socio-sanitari territoriali l ospedale integra la propria funzione? (max. 250 caratteri spazi esclusi) 17

18 Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale* * donne che occupano una posizione lavorativa che implica potere decisionale a livello organizzativo-gestionale 18 1) L ospedale offre un servizio dedicato alla diagnosi e cura (impostazione della terapia) dell osteoporosi? 2) Esiste un ambulatorio per l esecuzione della Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) per la diagnosi di osteoporosi? 3) L ospedale offre servizi di cura e successiva riabilitazione per le pazienti con fratture ossee patologiche? 4) L ospedale promuove attività nell ambito della prevenzione primaria dell osteoporosi? 5) L ospedale offre un servizio dedicato alla diagnosi e alla terapia della patologia tiroidea? 6) Nell ospedale è presente un ambulatorio dedicato alla diagnosi e alla terapia della patologia tiroidea? a) Quali servizi diagnostici sono erogati? I. Ecografia II. Scintigrafia 7) Esiste un reparto di chirurgia specialistica per la cura della patologia tiroidea? Fiore all occhiello

19 Ginecologia e Ostetricia La Ginecologia e Ostetricia è stata individuata tra le specialità partecipanti alla candidatura in considerazione del suo ruolo cruciale nel garantire la salute femminile, sessuale e riproduttiva, con particolare riferimento alle problematiche che caratterizzano ciascun periodo della vita della donna, dalla pubertà alla menopausa. Questa parte prevede la compilazione di domande articolate in quattro sezioni così suddivise: Patologia ginecologica benigna Patologia della gravidanza Percorso gravidanza e parto Percorso post-parto Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto totali Attività ambulatoriali ordinari annuali day hospital annuali N di parti di pazienti affette da patologie ostetriche N visite annuali N esami strumentali Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale* N interventi chirurgici annuali * donne che occupano una posizione lavorativa che implica potere decisionale a livello organizzativo-gestionale 19

20 PATOLOGIA GINECOLOGICA BENIGNA 1) È presente nell ospedale un ambulatorio che garantisca il percorso diagnosi - terapia - follo-up della patologia endometriosica? 20 2) L ospedale offre percorsi diagnostico-terapeutici dedicati alle patologie uro-ginecologiche? a) Se si, per quali patologie in particolare? i. Incontinenza urinaria ii. Vescica iperattiva (OAB) iii. Prolasso urogenitale iv. Cistiti v. Dolore pelvico cronico 3) L ospedale offre servizi di chirurgia mini-invasiva della patologia benigna dell apparato genitale? a) Se si, per quali patologie in particolare? i. Endometriosi ii. Cisti ovariche benigne e sospette iii. Fibromatosi uterina iv. Tumori dell endometrio, tumori iniziali della cervice, casi selezionati di tumori ovarici 4) L ospedale offre un servizio di riabilitazione del pavimento pelvico per le patologie uroginecologiche? 5) L ospedale promuove programmi di screening per la prevenzione e diagnosi precoce del tumore del collo dell utero con percorsi diagnostici facilitati? 6) È presente all interno dell ospedale un ambulatorio dedicato all assistenza e alla cura delle problematiche connesse alla Ginecologia Adolescenziale? 7) È presente all interno dell ospedale un ambulatorio dedicato alla donna in peri-menopausa e in menopausa? a) L ospedale realizza attività educazionale sul benessere psico-fisico della donna nel climaterio? b) L ospedale offre un percorso assistenziale integrato per il sostegno della donna in peri-menopausa e menopausa?

21 PATOLOGIA DELLA GRAVIDANZA 1) È presente nell ospedale un Ambulatorio di Ostetricia per la gravidanza fisiologica? 2) È presente nell ospedale un ambulatorio dedicato alle gravidanze a rischio? a) All interno dell ambulatorio sono presenti diversi specialisti per la gestione integrata delle patologie complesse? b) La donna che affronta una gravidanza patologica può accedere a servizi di supporto psicologico? 3) È presente nell ospedale un ambulatorio dedicato alla prevenzione del parto pretermine? a) Esistono all interno dell ambulatorio protocolli diagnostico-terapeutici conosciuti e condivisi da tutti gli operatori coinvolti? 4) È presente nell ospedale un Ambulatorio di Ecografia e Diagnosi prenatale? 5) L ospedale offre servizi di consulenza di genetica medica ai genitori? 6) L ospedale offre esami non invasivi per la valutazione del rischio di anomalie cromosomiche? a) La paziente viene informata in modo comprensibile sui vantaggi e sui limiti di questi esami? b) L ospedale verifica e rispetta le motivazioni etiche o religiose della donna in gravidanza che non desideri essere sottoposta ad un esame di diagnosi prenatale? 21 7) È presente nell ospedale un Ambulatorio di Medicina Fetale?

22 PERCORSO GRAVIDANZA E PARTO 1) È presente nell ospedale un Pronto Soccorso Ostetrico? 22 2) a) Inserire il numero totale di parti all anno b) Inserire il numero di parti naturali c) Inserire il numero di parti con taglio cesareo 3) L ospedale produce e rende pubblico un rapporto annuale statistico-epidemiologico sulla natalità con i dettagli della tipologia di parti cesarei effettuati? 4) L ospedale offre un servizio medico di guardia Ostetrico H24? 5) L ospedale offre un servizio Neonatologico/Pediatrico H24? 6) È presente nell ospedale una sala operatoria dedicata alle urgenze ostetriche situata all interno o in vicinanza del Blocco Parto attivabile H24? 7) È presente nell ospedale un Centro Trasfusionale e/o un Emoteca dedicata alle urgenze ostetriche? 8) È presente nell ospedale un servizio di Radiologia Interventistica H24 per la gestione delle emorragie puerperali? 9) È presente nell ospedale un Laboratorio Analisi H24 che effettua esami dedicati alle urgenze? 10) L ospedale offre un servizio di analgesia epidurale garantito gratuitamente tutti i giorni H24? 11) È presente nell ospedale un anestesista di guardia H24 dedicato interamente all analgesia ostetrica? 12) L ospedale offre percorsi di accoglienza dedicati alla donna partoriente? 13) L ospedale permette che, su richiesta della donna partoriente, sia presente una persona di sua fiducia in sala travaglio e in sala parto? 14) L ospedale offre adeguata informazione, comunicazione e supporto psicologico nei confronti dei genitori durante la degenza?

23 PERCORSO POST- PARTO 1) L ospedale segue il decalogo delle raccomandazione dell UNICEF e dell OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sull allattamento materno? 2) È previsto il rooming-in (permanenza della mamma e del neonato nella stessa stanza) durante la degenza? 3) L ospedale offre percorsi dedicati post-dimissione per le donne con un documentato disagio sociale o psicologico? 4) L ospedale offre un servizio di assistenza rivolto alla madre in difficoltà mediante l istituzione di un percorso di adozione del neonato? 5) L ospedale possiede la Ruota degli esposti? 6) L ospedale offre un servizio di assistenza domiciliare alle puerpere anche in collaborazione con le strutture di assistenza territoriale? a) Con quali delle seguenti strutture? i. Consultorio ii. Associazione di volontariato iii. Terzo Settore iv. Altro, specificare 7) È presente nell ospedale un ambulatorio dedicato al dolore cronico post-partum? 23 Fiore all occhiello

24 Malattie e disturbi dell apparato cardiocircolatorio 24 La specialità dedicata alle malattie e ai disturbi dell apparato cardiovascolare è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione dell impatto epidemiologico delle stesse nella popolazione femminile, in cui rappresentano la principale causa di morte dopo i cinquant anni e di disabilità nella terza età. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Indicare la denominazione dell Unità Operativa/Dipartimento di afferenza Attività di Reparto N posti letto Attività ambulatoriali ordinari annuali provenienti dal Pronto Soccorso annuali day hospital annuali N visite annuali N esami strumentali Integrazione ospedale-territorio Sono adottate Linee Guida per la gestione integrata dei Percorsi Diagnostico- Terapeutici e Assistenziali (PDTA)? Sono adottati protocolli di dimissione protetta per pazienti che richiedono continuità di cura? day surgery annuali N interventi chirurgici annuali È prevista una collaborazione tra specialisti e medici di medicina generale? Con quali servizi socio-sanitari territoriali l ospedale integra la propria funzione? (max. 250 caratteri spazi esclusi)

Regione. Abruzzo. L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7

Regione. Abruzzo. L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7 Regione Abruzzo L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7 Ospedale Civile S. Salvatore Indirizzo Comune Provincia CAP Telefono E-mail

Dettagli

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico I Bollini Rosa sono il riconoscimento Onda che, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, attri Nel è possibile sito consultare le www.bollinirosa.it schede di tutti gli ospedali con i relativi

Dettagli

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Obiettivo: individuare, collegare e premiare le strutture ospedaliere

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa pag. 03 2. I destinatari pag. 03 3. Il patrocinio delle Società

Dettagli

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Regione Liguria Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Genova (GE) - Ente Ospedaliero Ospedali Galliera... Pag. 87 Lavagna (GE) - Ospedali

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa pag. 03 2. I destinatari pag. 03 3. Il patrocinio delle Società

Dettagli

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag.

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. Regione Sardegna Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. 219 Cagliari (CA) - Azienda Ospedaliera G. Brotzu... Pag. 220 Carbonia

Dettagli

Ospedale Città di Castello

Ospedale Città di Castello Regione Umbria Città di Castello (PG) - Ospedale Città di Castello... Pag. 269 Foligno (PG) - Ospedale S. Giovanni Battista di Foligno... Pag. 270 Gubbio (PG) - Presidio Ospedaliero Alto Chiascio... Pag.

Dettagli

Regione. Calabria. Cinquefrondi (RC) - Casa di Cura Villa Elisa... Pag. 11

Regione. Calabria. Cinquefrondi (RC) - Casa di Cura Villa Elisa... Pag. 11 Regione Calabria Cinquefrondi (RC) - Casa di Cura Villa Elisa... Pag. 11 Cosenza (CS) - Casa di Cura Sacro Cuore... Pag. 12 Cosenza (CS) - Presidio Ospedaliero Annunziata... Pag. 13 Cosenza (CS) - Presidio

Dettagli

Azienda Ospedaliera Cannizzaro

Azienda Ospedaliera Cannizzaro Regione Sicilia Catania () - Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania... Pag. 227 Catania () - Casa di Cura Gretter Lucina... Pag. 228 Catania () - Humanitas Centro Catanese di... Pag. 229 Viagrande ()

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2012 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA CANDIDATURA

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2012 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA CANDIDATURA PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2012 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA CANDIDATURA 1 Sommario Cosa sono i Bollini Rosa...pag. 3 I destinatari...pag. 3 Perché partecipare...pag. 3 Come partecipare...pag. 4 Criteri di

Dettagli

Regione. Trentino Alto Adige

Regione. Trentino Alto Adige Regione Trentino Alto Adige Bressanone () - Ospedale Aziendale di Bressanone... Pag. 261 Brunico () - Ospedale Aziendale di Brunico... Pag. 262 San Candido () - Ospedale di Base di San Candido... Pag.

Dettagli

Regione. Emilia Romagna. Sassuolo (MO) - Ospedale di Sassuolo... Pag. 33

Regione. Emilia Romagna. Sassuolo (MO) - Ospedale di Sassuolo... Pag. 33 Regione Emilia Romagna Sassuolo (MO) - Ospedale di Sassuolo... Pag. 33 Bologna (BO) - Ospedale Maggiore C. A. Pizzardi... Pag. 34 Carpi (MO) - Ospedale B. Ramazzini di Carpi... Pag. 35 Ferrara (FE) - Azienda

Dettagli

Ospedale Piero Palagi

Ospedale Piero Palagi Regione Toscana Firenze (FI) - Ospedale Piero Palagi... Pag. 240 Borgo San Lorenzo (FI) - Ospedale del Mugello di Borgo S. Lorenzo... Pag. 241 Massa (MS) - Ospedale SS. Giacomo e Cristoforo di Massa...

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Regione Veneto SEGUE -->

Regione Veneto SEGUE --> Regione Veneto Padova (PD) - Ospedale Sant Antonio... Pag. 285 Monselice (PD) - Ospedale di Monselice... Pag. 286 Piove di Sacco (PD) - Ospedale Immacolata Concezione di Piove di Sacco... Pag. 287 Castelfranco

Dettagli

Casa di Cura Villa Fiorita S.p.A.

Casa di Cura Villa Fiorita S.p.A. Regione Campania Capua (CE) - Casa di Cura Villa Fiorita S.p.A... Pag. 17 Maddaloni (CE) - Casa di Cura San Michele... Pag. 18 Napoli (NA) - Clinica Mediterranea S.p.A... Pag. 19 Castellammare di Stabia

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

La formula per una pelle più bella non è solo scientifica. È magistrale.

La formula per una pelle più bella non è solo scientifica. È magistrale. GUIDA NAZIONALE BOLLINI ROSA 2014-2015 La formula per una pelle più bella non è solo scientifica. È magistrale. Cosmetici Magistrali è un marchio Difa Cooper - IFC Group Cosmetici Magistrali cura la pelle

Dettagli

meditel Centro Medico Polispecialistico

meditel Centro Medico Polispecialistico meditel Centro Medico Polispecialistico ILProgetto Un vantaggio per LaDonna che accede a percorsi a lei dedicati, nella sicurezza di una struttura qualificata e supportata a livello ospedaliero. IlTerritorio

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

Regione Lazio SEGUE -->

Regione Lazio SEGUE --> Regione Lazio () - INMI L. Spallanzani IRCCS... Pag. 54 () - Ospedale G. B. Grassi... Pag. 55 () - Ospedale Generale di Zona Cristo Re... Pag. 56 () - Ospedale Generale Santo Spirito... Pag. 57 () - Policlinico

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

SARDEGNA. A.O. G. Brotzu

SARDEGNA. A.O. G. Brotzu A.O. G. Brotzu Via G. Peretti 09134 Cagliari Tel. 070 5391 Prenotazioni 070 539680 e-mail urp@aobrotzu.it www.aobrotzu.it Direttore Generale Dott. Giorgio Sorrentino Direttore Sanitario Dott. Roberto Sequi

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita La nascita prematura Tavolo tecnico Lazio 21 novembre 2014 O.N.Da e la nascita pretermine: perché La percentuale di nascite pretermine

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Dott.ssa Simona Arletti Assessore alla Salute e Pari Opportunità Comune di Modena Funzione dei consultori familiari

Dettagli

Università degli Studi di Roma Sapienza Master di I livello In PAVIMENTO PELVICO E RIABILITAZIONE I Edizione

Università degli Studi di Roma Sapienza Master di I livello In PAVIMENTO PELVICO E RIABILITAZIONE I Edizione Università degli Studi di Roma Sapienza Master di I livello In PAVIMENTO PELVICO E RIABILITAZIONE I Edizione Direttore del Master: Prof. Fabio GAJ Comitato Scientifico: Dott.ssa Susanna Sodo, Dott.ssa

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa dott. Marco Galbusera STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri dott. Graziano Gabetta

Dettagli

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita con riguardo all individuazione di criticità specifiche circa la tutela della salute della donna e del feto e sulle modalità

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

Il S.Croce meritatrebollinirosa

Il S.Croce meritatrebollinirosa gg Sanità/Checosacambia Il S.Croce meritatrebollinirosa Premiato con il punteggio massimo per prevenzione, diagnosi e cura delle patologie di interesse femminile g CAMILLA PALLAVICINO CUNEO Con tre«bollini

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale la Performance - Obiettivi Aziendali Dimensione la 1 Performance la produzione 1.a Efficienza dei Processi Ottimizzazione dei

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

CAMPANIA. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II

CAMPANIA. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II Via Sergio Pansini, 5 80135 Napoli Tel. 081 7461111 www.policlinico.unina.it Direttore Generale Dott. Giovanni Canfora Direttore Sanitario Dott. Luigi Quagliata

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 )

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) INDICE DOCUMENTO PRECEDENTE LEGENDA SIGLE E ABBREVIAZIONI SUCCESSIVA 2. IL PERCORSO NASCITA La gravidanza ed il parto sono eventi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici 1 PRESENTAZIONE Il Consultorio Familiare garantisce le cure primarie nell area della salute sessuale, riproduttiva e psico-relazionale per la donna e per la coppia, con equipe costituite da ostetriche,

Dettagli

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali Congresso congiunto AOGOI-SIP-SIN EVENTO PARTO NASCITA Foligno 25-26 novembre 2013 Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia Le garanzie assistenziali pre e postnatali Ostetricia Foligno SC Ostetricia

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica.

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (ai sensi dell art. 47 D.P.R. 28/12/2000, n. 445) Per il riconoscimento dei crediti ECM per attività formative individuali per Pubblicazioni Scientifiche

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA IRCCS Burlo Garofolo Via dell Istria, 65/1 34137 Trieste Tel. 040 3785111 urpas@burlo.trieste.it www.burlo.trieste.it Direttore Generale Dott. Mauro Delendi Direttore Sanitario Dott. Giampaolo Canciani

Dettagli

GUIDA PER L ACCESSO AL CORSO FAD AGGIORNAMENTI IN CURE PALLIATIVE 2015-2016. STEP 1. Accesso alla pagina di registrazione.

GUIDA PER L ACCESSO AL CORSO FAD AGGIORNAMENTI IN CURE PALLIATIVE 2015-2016. STEP 1. Accesso alla pagina di registrazione. GUIDA PER L ACCESSO AL CORSO FAD AGGIORNAMENTI IN CURE PALLIATIVE 2015-2016 STEP 1. Accesso alla pagina di registrazione. E possibile accedere alla pagina di registrazione: premendo il pulsante relativo

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

Dott. Nadia Muscialini Via pio II 3, Milano

Dott. Nadia Muscialini Via pio II 3, Milano CURRICULUM VITAE Dr.ssa Nadia Muscialini Psicologa Clinica, Psicoterapeuta, Psicoanalista INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Dott. Nadia Muscialini Via pio II 3, Milano Telefono 02.405317 Fax 02\40222889

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

UMBRIA. Ospedale Santa Maria della Misericordia

UMBRIA. Ospedale Santa Maria della Misericordia Ospedale Santa Maria della Misericordia Via S. Andrea delle Fratte 06129 S. Sisto (PG) Tel. 075 5781 Prenotazioni 075 5782935 urp@ospedale.perugia.it www.ospedale.perugia.it Direttore Generale Dott. Walter

Dettagli

Regione Lombardia SEGUE -->

Regione Lombardia SEGUE --> Regione Lombardia Chiari (BS) - Presidio Ospedaliero di Chiari... Pag. 99 Esine (BS) - Ospedale di Esine... Pag. 100 Gavardo (BS) - Ospedale Civile La Memoria di Gavardo... Pag. 101 Iseo (BS) - Presidio

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica

Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica Audizione del Prof. Salvatore Dessole Direttore Struttura Complessa Clinica Ostetrica e Ginecologica dell Università di Sassari Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

Sonia Librizzi. Dati personali

Sonia Librizzi. Dati personali Sonia Librizzi Dati personali Stato civile: coniugata con n. 2 figli Nazionalità: italiana Data di nascita: 05-07-72 Luogo di nascita: Palermo Residenza: Via Eugenio L Emiro, 7-90135 - Palermo Tel. 091217271

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Monoblocco - Terzo piano Direttore:

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Salute Della Donna e Del Bambino 14/07/2006 (Livello 2) Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Testo Del Disegno Di Legge Relazione Illustrativa Relazione Tecnica file:///c /Documenti/rett00.htm

Dettagli

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Allegato E Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Codice P R Allegato F Professione Codice Medico chirurgo 1 Odontoiatra 2 Farmacista 3 Veterinario 4 Psicologo 5 Biologo 6 Chimico 7 Fisico 8 Assistente

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

IL COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI

IL COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI IL COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI NELLA REVISIONE DEI PDTA Stefano A. Inglese I PDTA La migliore sequenza temporale e spaziale possibile, sulla base delle conoscenze tecnico-scientifiche e delle risorse

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI - Consultorio Familiare ARLUNO Via Deportati di Mauthausen s.n.c. Carta dei Servizi dei C.F. Indice 1. Definizione 2. Status giuridico

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

altre attività strutture sanitarie e studi professionali modello 5_13_01

altre attività strutture sanitarie e studi professionali modello 5_13_01 Apertura struttura sanitaria N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello

Dettagli

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa Dr Ezio Pozzi (f.f.) STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri Dr.ssa De Paoli

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Il Gruppo Casa di Cura Città di Udine

Il Gruppo Casa di Cura Città di Udine Il Gruppo Casa di Cura Città di Udine Il Gruppo Casa di Cura Città di Udine fa riferimento alla società Capogruppo (Casa di Cura Città di Udine SpA) ed ha, nel corso degli ultimi anni, articolato la propria

Dettagli

CORE COMPETENCE DELL OSTETRICA/O NELLA PRESA IN CARICO IN AREA GINECOLOGICA

CORE COMPETENCE DELL OSTETRICA/O NELLA PRESA IN CARICO IN AREA GINECOLOGICA Bologna, 21 maggio 2011 CORE COMPETENCE DELL OSTETRICA/O NELLA PRESA IN CARICO IN AREA GINECOLOGICA Roberta Riccò Ostetrica OSTETRICHE? AREA GINECOLOGICA INFERMIERE? Cosa ne pensano le colleghe? Se ce

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

informa@pec.polime.it

informa@pec.polime.it Direzione Direttore Generale A.O.U. direttore.generale@pec.polime.it Segreteria Direzione Generale A.O.U. segr.direzionegenerale@pec.polime.it Direzione Staff Direzione Generale dir.staffdg@pec.polime.it

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli