Menopausa e ormoni: l'uso prolungato di questi accelera l'invecchiamento del cervello

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Menopausa e ormoni: l'uso prolungato di questi accelera l'invecchiamento del cervello"

Transcript

1 Menopausa e ormoni: l'uso prolungato di questi accelera l'invecchiamento del cervello L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello. Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa (vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre. \ L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello. Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa (vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto, ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e ì 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati+progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT ONLUS Pag. 1

2 Menopausa, ormoni e cervello L'uso prolungato di ormoni accelera l'invecchiamento del cervello Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa (vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne. È convinzione comune che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici'' di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT ONLUS Pag. 2

3 12/02/14Relazioni pericolose: menopausa, ormone e cervello: l'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa ("vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, ALT ONLUS Pag. 3

4 come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT ONLUS Pag. 4

5 GINECOLOGIA: Menopausa, ormoni e cervello L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello. Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa ("vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, ALT ONLUS Pag. 5

6 secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT ONLUS Pag. 6

7 Menopausa, ormoni e cervello Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa ("vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad ALT ONLUS Pag. 7

8 eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT ONLUS Pag. 8

9 Menopausa, ormoni, cervello Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa (vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati più progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i 'complici' di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT- Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne 'impazzisce', cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT ONLUS Pag. 9

10 Menopausa, ormoni e cervello davide L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello Milano 12 febbraio Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa ("vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia ALT ONLUS Pag. 10

11 regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT- Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". Fonte: Women's health 2009 ALT ONLUS Pag. 11

12 L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello Home» Salute» L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello Milano 12 febbraio Le terapie ormonali che vengono molto spesso prescritte per alleviare i sintomi da menopausa ("vampate di calore, irritabilità, insonnia, sudorazioni profuse, peggioramento dell'osteoporosi, secchezza vaginale) sono molto amate dalle donne, convinte che gli ormoni rallentino l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa, oltre ad alleviare i sintomi da menopausa, molto f, fastidiosi, che spesso sono talmente fastidiosi da rovinare la qualità della vita. Nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa: anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia. E al cervello? Gli ormoni fanno bene o fanno male? Purtroppo anche qui le notizie non sono buone: uno studio molto accurato (Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone: ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. La risonanza magnetica cerebrale eseguita con controlli a intervalli di tempo evidenziava inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano microemboli a volte silenti. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza vascolare spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla RMN forse perchè le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni se somministrati per lunghi periodi. In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o ad eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). "Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni: gli ormoni parlano con le cellule, e parlano fra di loro - spiega Lidia Rota Vender, presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus -. Gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Con l'arrivo della ALT ONLUS Pag. 12

13 menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza". ALT- Associazione per la lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari Onlus ALT ONLUS Pag. 13

14 Gli ormoni anti-menopausa invecchiano il cervello Dal progetto Women's Health Initiative arriva un allarme: l'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa logorerebbe il cervello. Ma gli ormoni sono comunque importanti per il nostro organismo, dice la dottoressa Lidia Rota Vender, non bisogna demonizzarli. Le terapie a base di ormoni vengono considerate in linea di massima come le più efficienti dal punto dell'alleviamento dei sintomi della menopausa. Vampate di calore, sudorazioni improvvise e abbondanti, insonnia, irritabilità, aumento dell'osteoporosi: la maggior parte delle donne è convinta che con gli ormoni tutti questi effetti possano essere rallentati. Un beneficio non indifferente, capace di migliorare in modo deciso la qualità della vita, associato alla sensazione che grazie agli stessi ormoni sia possibile rallentare l'invecchiamento della pelle, delle ossa e delle arterie. Ma è davvero così? Le ultime ricerche scientifiche sembrano negare tutti questi benefici, anzi, aumentano sempre più i ricercatori che denunciano le conseguenze negative provocate dagli ormoni. Perché se infatti da una parte nessuna delle proprietà benefiche attribuite agli ormoni sono mai state verificate e provate, dall'altra si fa sempre più strada l'opinione che l'uso prolungato di questi può aumentare in certe donne il rischio di restare vittime di eventi derivanti da trombosi, come infarto, embolia e ictus. Con l'uso degli ormoni, un numero di ictus cerebrali molto più alto Non sarebbe dunque il solo cuore, a soffrirne. Una parte specifica dello studio Women's Health Initiative, messo in campo fin dal 1991 per approfondire i problemi e le patologie cui sono più soggette le donne, dimostrerebbe che l'uso massiccio e prolungato di ormoni avrebbe effetti degenerativi anche sul cervello. La prova verrebbe dall'esperimento eseguito per quattro anni su un numeroso gruppo di donne di età compresa tra i 65 e i 79 anni, suddivise in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati più progesterone e quelle che prendevano estrogeni ALT ONLUS Pag. 14

15 coniugati senza progesterone. I numeri, alla fine del periodo considerato parlerebbero chiaro: le donne che prendevano ormoni avevano mostrato un numero di ictus cerebrali molto più alto e anche una maggiore incidenza di declino cognitivo e fin di demenza rispetto a quelle che non facevano uso di ormoni. Ma non è tutto. Se associati ad altre situazioni, quali il fumo di sigaretta, l'età avanzata e l'eccessiva magrezza, gli ormoni provocherebbero anche una riduzione dell'ippocampo, la parte del cervello che ha un ruolo fondamentale nella memoria, e piccole lesioni ischemiche in grado di provocare malattie delle carotidi, alterazioni delle valvole del cuore o stati di fibrillazione. Terapia antimenopausa: il rischio vale i benefici? Lo studio sulla memoria compreso nel programma Women's Health Iniative lancia dunque un allarme: occorre ora capire, dicono i ricercatori, se gli effetti negativi riscontrati riguardino solo donne di età avanzata, per cui la cura ormonale è stata iniziata ben oltre l'arrivo della menopausa, o se interessi anche coloro che hanno iniziato la cura in concomitanza con l'affacciarsi della menopausa stessa. E resta il fatto che in genere gli ormoni vengono assunti da donne che attraversano un momento della loro vita caratterizzato da varie sofferenze. Bisogna dunque stabilire se il rischio che viene corso utilizzando gli ormoni antimenopausa non sia in fondo minore del beneficio che si trae dalla terapia che si mette in atto. Perché ristabilire l'equilibrio degli ormoni è un'esigenza che appare comunque necessaria, come sottolinea la dottoressa Lidia Rota Vender responsabile del Centro Trombosi in Humanitas e presidente di ALT-Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus: «Non c'è funzione del nostro corpo che non sia regolata dagli ormoni. Regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni... Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio tra gli ormoni cambia. In molti casi la tiroide comincia a impazzire, funzionando troppo o troppo poco. Da qui ne consegue un mancato controllo degli ormoni che regolano la pressione del sangue con conseguente ipertensione o degli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa, con indebolimento di queste e formazione della tanto temuta osteoporosi». ALT ONLUS Pag. 15

16 Menopausa, le terapie sostitutive«invecchiano» il cervello La produzione degli ormoni sia nell'uomo sia nella donna sembra rispettare un timer biologico tanto perfetto quanto delicato. Una variabilità nella quantità rispetto alle stagioni della vita che di casuale ha ben poco. Un calendario di produzione negli anni che la medicina tenta in continuazione di modificare, di regolare, con l'obiettivo di mantenere accesa la sorgente di gioventù del corpo umano. Nella donna il calendario della fabbrica ormonale è talmente evidente nei cambi di produzione da incidere su aspetti molteplici della biologia femminile. Il top nell'età fertile: gli ormoni regolano la fertilità, l'umore, il metabolismo, il ritmo fra sonno e veglia, la crescita, l'attività sessuale, la capacità di procreare, la memoria, la densità delle ossa, la capacità di difenderci dalle infezioni. Al momento della menopausa il cambiamento, anche se non repentino, si manifesta spesso quasi come una malattia. Ed ecco le vampate di calore, l'irritabilità, l'insonnia, le sudorazioni, l'osteoporosi, la secchezza vaginale. TERAPIE ORMONALI - Corpo e psiche si trovano improvvisamente di fronte alla prova invecchiamento, alla perdita di quella forza biologica che nel periodo fertile dona alle donne quasi dei superpoteri. La soluzione scontata per fermare il decadimento è una sola: somministrare quegli stessi ormoni che sono usciti fuori di produzione. Prescrivere le terapie ormonali sostitutive per alleviare i sintomi da menopausa che improvvisamente rendono gli anni pesanti. La via più semplice per rallentare l'invecchiamento delle arterie, della pelle, delle ossa. Per preservare la qualità della vita che i sintomi da menopausa, molto fastidiosi, tendono a rovinare. C'è un problema però: nessuna di queste proprietà benefiche in verità è stata dimostrata, se non la riduzione dei sintomi da menopausa. «Anzi, è ormai provato che l'uso prolungato di questi ormoni in molte donne aumenta la probabilità di eventi da trombosi, quali infarto ictus ed embolia», dice Lidia Rota Vender, presidente di Alt (Associazione per la lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari) Onlus. CERVELLO INVECCHIA - E ora si pone un altro problema. Gli ormoni fanno bene o fanno male al cervello? Fanno bene, e molto, quando è la natura a produrli. Purtroppo sembra di no quando artificialmente si tenta di portare indietro le lancette dell'orologio biologico. L'uso prolungato delle terapie ormonali sostitutive manifestano un rischio: far invecchiare precocemente le capacità cerebrali. Uno studio molto accurato ( Women's Health Initiative Memory Study) ha seguito un numeroso gruppo di donne fra i 65 e i 79 anni per circa 4 anni, suddividendole in tre gruppi: quelle che non prendevano ormoni, quelle che prendevano estrogeni coniugati + progesterone e quelle che prendevano estrogeni coniugati senza progesterone. Ebbene, ambedue i gruppi che prendevano ormoni avevano un numero di ictus cerebrali più alto e una maggiore incidenza di demenza e di declino cognitivo. QUADRO CLINICO - La risonanza maanetica cerebrale, eseauita con controlli a ALT ONLUS Pag. 16

17 intervalli di tempo, ha evidenziato inoltre lesioni ischemiche simili a quelle presenti in donne con malattia delle carotidi o con alterazioni delle valvole del cuore o da fibrillazione, che causano micro-emboli a volte senza sintomi. L'età, il fumo di sigaretta, i precedenti vascolari, la magrezza sembrano essere i "complici" di questo quadro di sofferenza dei vasi sanguigni cerebrali spesso presente nelle forme di demenza: e si è notata nelle donne che prendevano ormoni una riduzione di volume dell'ippocampo (fabbrica di neuro-ormoni collocata in una zona centrale e profonda del cervello) forse causata da una sofferenza di tipo neurodegenerativo che non dà segni alla risonanza magnetica perché le lesioni sono troppo piccole per essere visibili: potrebbe trattarsi di un quadro neurotossico legato alla quantità degli estrogeni somministrati per lunghi periodi. SINTOMI GRAVI - In conclusione, la terapia ormonale sostitutiva sembra danneggiare le capacità cognitive se viene somministrata a donne di età relativamente avanzata, soprattutto in quelle che già all'inizio della terapia manifestano qualche rallentamento. Può darsi che questi effetti negativi non si presentino se la terapia ormonale viene iniziata subito alla comparsa della menopausa: ma questa ipotesi dovrà essere confermata da ulteriori studi. Per adesso si conferma che l'unica vera indicazione all'uso della terapia ormonale sostitutiva in menopausa è per donne che manifestino sintomi gravi, che rovinano la qualità della loro vita, come vampate, sudorazioni notturne, irritabilità, insonnia, secchezza vaginale: in questi casi il beneficio della terapia potrebbe essere maggiore del rischio che le donne corrono non facendola, sempre che la donna non abbia predisposizione personale o familiare a tumori dell'utero della mammella o a eventi vascolari arteriosi o venosi (infarto, ictus, embolia, trombosi delle arterie o delle vene). ORMONI FONDAMENTALI - «Gli ormoni sono molecole trasmettitrici fondamentali, non c'è funzione del nostro corpo che non sia controllata da loro - spiega Rota Vende -. Con l'arrivo della menopausa l'equilibrio fra gli ormoni cambia: per esempio spesso la tiroide soprattutto nelle donne "impazzisce", cominciando a funzionare troppo o troppo poco, gli ormoni che regolano la pressione del sangue perdono il controllo e arriva l'ipertensione, gli ormoni che regolano l'assorbimento del calcio nelle ossa perdono potenza». Ma ancora non è chiaro come evitare tutto ciò senza arrecare altri danni, a volte peggiori di quelli che si intende evitare. Mario Pappagallo ALT ONLUS Pag. 17

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 1 Quali aspetti della menopausa possono essere divulgati come problemi di salute?

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Fumo e benessere riproduttivo

Fumo e benessere riproduttivo Fumo e benessere riproduttivo Cosa c è in una sigaretta? Più di 4000 sostanze tossiche sono contenute nel fumo di tabacco. - Nicotina: crea dipendenza - Monossido di carbonio: ostacola l'azione dei muscoli

Dettagli

Dentas Informa. Scopri di più

Dentas Informa. Scopri di più Dentas Informa Sempre più articoli della recente letteratura dimostrano l implicazione della parodontite (conosciuta anche come piorrea) con importanti malattie di tipo organico Scopri di più Parodontite

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE

DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE Perché sono ora disponibili nuove informazioni? Un ampia recente revisione europea ha valutato i benefici

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo

ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo Che cos è l Ictus L Ictus è una malattia che colpisce il cervello quando improvvisamente una parte di questo viene danneggiata o distrutta. E il risultato

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

Bimbisani & Belli 01-GIU-2015. Dir. Resp.: Silvia Huen. da pag. 32. www.datastampa.it

Bimbisani & Belli 01-GIU-2015. Dir. Resp.: Silvia Huen. da pag. 32. www.datastampa.it Tiratura 02/2015: 61.160 Diffusione 02/2015: 39.860 Lettori III 2014: 487.000 Bimbisani & Belli Dir. Resp.: Silvia Huen da pag. 32 01-GIU-2015 Tiratura 02/2015: 61.160 Diffusione 02/2015: 39.860 Lettori

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Gli effetti terapeutici della luce del sole

Gli effetti terapeutici della luce del sole Il Sole: nostro amico Gli effetti terapeutici della luce del sole Nonostante i suoi numerosi effetti dannosi, una corretta esposizione al sole fa anche bene. Diversi sono infatti i suoi benefici sia sul

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Menopausa e terapia ormonale sostitutiva S.Cattaneo Definizione menopausa secondo OMS Menopausa Spontanea: Cessazione definitiva

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Conoscerla per viverla in salute

Conoscerla per viverla in salute PAGANOTTI, Claudio MENOPAUSA Conoscerla per viverla in salute La Compagnia della Stampa Massetti Rodella Editori Roccafranca - Brescia 136 p.; 21 cm ISBN: 978-88-8486-245-7 Claudio Paganotti MENOPAUSA

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

PROBLEMI E SINTOMI DEFINIZIONE

PROBLEMI E SINTOMI DEFINIZIONE DEFINIZIONE MENOPAUSA Cessazione definitiva delle mestruazioni e della capacità riproduttiva, per esaurimento dell attività ovarica. Eta media: 50 anni, Menopausa Precoce: prima dei 45 anni, Menopausa

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

GIORNATA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE. 3 ottobre 2015 Verona / Palermo

GIORNATA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE. 3 ottobre 2015 Verona / Palermo CONTRO LA 3 ottobre 2015 Verona / Palermo 2015 POSTER - LOCANDINA 32015 OTTOBRE VERONA - P.zza Cittadella PALERMO - P.zza Bologni 10:00-18.00 32015 OTTOBRE VERONA - P.zza Cittadella PALERMO - P.zza Bologni

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Come affrontare la menopausa

Come affrontare la menopausa Come affrontare la menopausa Tutti sappiamo che la menopausa, cioè la scomparsa del flusso mestruale periodico, rappresenta un evento naturale nella fisiologia femminile, dopo una certa età (tra i 48 e

Dettagli

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 11 novembre ore 16,30 dr.ssa Iris Volante specialista ostetricia e ginecologia l osteoporosi tra prevenzione, automedicazione e terapia SALA POLIVALENTE FARMACIA EUROPA

Dettagli

Le donne la luna e gli ormoni. Dott. Emanuela F. Russo Medico chirurgo Omeopata e agopuntore.

Le donne la luna e gli ormoni. Dott. Emanuela F. Russo Medico chirurgo Omeopata e agopuntore. Le donne la luna e gli ormoni Dott. Emanuela F. Russo Medico chirurgo Omeopata e agopuntore. Poche cose sono state strumentalizzate quanto la terapia ormonale sostitutiva dagli anni 60 in poi. Ma cosa

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Tutta la verità su ormoni e menopausa

Tutta la verità su ormoni e menopausa Prof.ssa Alessandra Graziottin Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano Mariateresa Truncellito Redazione di Oggi C è una buona notizia per le donne. E una

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT. Gentile cliente, ti prego di consultare le presenti note sul copyright che copre questo prodotto digitale.

INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT. Gentile cliente, ti prego di consultare le presenti note sul copyright che copre questo prodotto digitale. di Paolo Cusano 1 INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT Gentile cliente, ti prego di consultare le presenti note sul copyright che copre questo prodotto digitale. Nessuna parte di questo e-book può essere riprodotta

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

BOLZANO. Autoesame del seno

BOLZANO. Autoesame del seno Autoesame del seno La prevenzione dei tumori mammari è un argomento che deve essere ancora trattato, data l'incidenza di tale malattia, ed essere sempre presente nella nostra cultura. Una donna su dieci

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI. Introduzione 2 Obiettivo dello studio 4 Materiali

Dettagli

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia «UN CUORE CHE AMA LA BC» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia Perché parlare di cuore e bici? Educazione Prevenzione Cura BENEFC

Dettagli

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen PRUEBA DE ACCESO A LA 2012 Italiano BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR Examen Criterios de Corrección y Calificación Quest'esame ha due opzioni. Deve rispondere solo

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. 1. IL SENO COME E FATTO CONOSCERE Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. La ghiandola mammaria ha la funzione di produrre latte

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

Che cosa è la infezione da HIV?

Che cosa è la infezione da HIV? Che cosa è l HIV? L HIV - human immunodeficiency virus è un virus che progressivamente distrugge le difese del nostro corpo contro le infezioni e alcuni tumori Che cosa è la infezione da HIV? L infezione

Dettagli

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom per il trattamento integrato di qualsiasi disturbo fisico e psicologico Da 30 anni la terapia MMW EHF è studiata in Russia sulla base di centinaia

Dettagli

Ictus: si cura meglio male donne sopravvivono con una qualità di vita peggiore.

Ictus: si cura meglio male donne sopravvivono con una qualità di vita peggiore. Ictus: si cura meglio male donne sopravvivono con una qualità di vita peggiore. Da 10 anni a questa parte le cure dopo un ictus sono migliorale e sono più efficaci: eppure- le donne che- sopravvivono hanno

Dettagli

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv)

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) HPV proteggiti davvero Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) Che cos è il Papillomavirus (hpv)? L hpv è un virus molto diffuso, che si trasmette in particolare attraverso

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Pur non essendo una malattia, la menopausa si può accompagnare a problemi che sono motivo di frequente ricorso ai medici generali da parte delle donne. L informazione

Dettagli

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Club Rapallo Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Dott.Lorenzo Marugo Piattaforma dell Unione Europea su dieta, attività fisica e salute Presupposto: I Cittadini dell Unione Europea si esercitano

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Il seno preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Disturbi al seno: una guerra che può essere vinta iniziando da una corretta alimentazione In ogni età la donna può presentare, in relazione

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

VALORE SCIENTIFICO DOCUMENTATO

VALORE SCIENTIFICO DOCUMENTATO MF P H A R M A Isoflavoni da Trifoglio Rosso Integra le carenze - Riduce i disagi Protegge dall invecchiamento VALORE SCIENTIFICO DOCUMENTATO Cos è la menopausa? In una donna la menopausa segna il passaggio

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Titolo Pag. Rubrica Neuromed 13 Primo Piano Molise 29/10/2014 NEUROMED, OGGI GIORNATA MONDIALE CONTRO L'ICTUS 2 Ecodelmolise.com 28/10/2014 GIORNATA MONDIALE L ICTUS CEREBRALE

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

SERVIZIO DI ANGIOLOGIA E CHIRURGIA VASCOLARE

SERVIZIO DI ANGIOLOGIA E CHIRURGIA VASCOLARE SERVIZIO DI ANGIOLOGIA E CHIRURGIA VASCOLARE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il Servizio di Angiologia e Chirurgia vascolare dell AIED si occupa di prevenzione, diagnosi

Dettagli

Le parole chiave della sicurezza CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.3

Le parole chiave della sicurezza CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.3 Le parole chiave della sicurezza Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.3 SALUTE Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza

Dettagli

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto La minaccia nascosta Farmacia Ferrari Dott.ssa Teresa Via A. Manzoni 215/A - 80123 - NAPOLI tel. 081.5755329 - fax 081.19722793 Cod. Fiscale FRRTRS35L67F839O Partita IVA 00686520636 http://www.farmaciaferrari.altervista.org

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

ES_Calendario da tavolo_zelda.indd 1 15/12/14 13.25

ES_Calendario da tavolo_zelda.indd 1 15/12/14 13.25 ES_Calendario da tavolo_zelda.indd 1 15/12/14 13.25 Gennaio 2015 LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 ES_Calendario da tavolo_zelda.indd

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Il Medico di Medicina Generale e la scelta terapeutica. Come ci districhiamo in questa babele di informazioni?

Il Medico di Medicina Generale e la scelta terapeutica. Come ci districhiamo in questa babele di informazioni? Il Medico di Medicina Generale e la scelta terapeutica Come ci districhiamo in questa babele di informazioni? Evidenze e raccomandazioni Ci sono diverse opzioni per il trattamento dei disturbi menopausali,

Dettagli

5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di piu'

5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di piu' 5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di piu' Spesso, a causa della nostra vita frenetica e degli impegni quotidiani, noi donne non abbiamo molto tempo da dedicare alla preparazione dei cibi, e

Dettagli

LA MENOPAUSA NELLA VITA DELLA DONNA Qualità della vita e salute

LA MENOPAUSA NELLA VITA DELLA DONNA Qualità della vita e salute LA MENOPAUSA NELLA VITA DELLA DONNA Qualità della vita e salute Dott.ssa Daniela Nascetti e Dott.ssa Piera Salmi, ginecologhe Avvicinarsi alla menopausa: il tempo del cambiamento Lungo la strada della

Dettagli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ Marco Cambielli Un medico di famiglia della nostra Regione con 1500 assistiti ha in carico Circa 300 pazienti con s. metabolica ( ATP III)( con lieve prevalenza maschile)

Dettagli

Gentile signora, Carlo Lusenti

Gentile signora, Carlo Lusenti Gentile signora, I programmi di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della mammella e del collo dell utero sono in corso nella nostra regione dal 1996, rappresentando un elemento

Dettagli

Centro Regionale di Coordinamento della Salute e Medicina di Genere. Programma 2014-2015 Azione prioritaria in tema: Endometriosi

Centro Regionale di Coordinamento della Salute e Medicina di Genere. Programma 2014-2015 Azione prioritaria in tema: Endometriosi Centro Regionale di Coordinamento della Salute e Medicina di Genere Programma 2014-2015 Azione prioritaria in tema: Endometriosi Coordinatore: Prof. Felice Petraglia, AUOS Gruppo 1 Endometriosi Asl 10

Dettagli

Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita

Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita MENOPAUSA E PROLASSO Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita Menarca 11 anni Menopausa 51 anni 75 anni Terminologia Menopausa: cessazione dei cicli mestruali (per almeno 12 mesi),

Dettagli

Qual è allora il giusto valore da dare all utero?

Qual è allora il giusto valore da dare all utero? DARIA MINUCCI 184 NOBILTÀ E MISERIA DELL UTERO: IMPARIAMO A DARE IL GIUSTO PESO A QUEST ORGANO L utero serve solo per la riproduzione? L utero, come altri organi, ha una doppia funzione: una specializzata

Dettagli

Lettori: 350.000 Diffusione: 107.541. Dir. Resp.: Marco Tarquinio. 07-GEN-2015 da pag. 3

Lettori: 350.000 Diffusione: 107.541. Dir. Resp.: Marco Tarquinio. 07-GEN-2015 da pag. 3 Lettori: 350.000 Diffusione: 107.541 Dir. Resp.: Marco Tarquinio da pag. 3 Lettori: 350.000 Diffusione: 107.541 Dir. Resp.: Marco Tarquinio da pag. 3 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Mario Calabresi

Dettagli

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Gentile signora, dal 1 gennaio 2010 in Emilia Romagna il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella è esteso a tutte le donne dai 45 ai 74 anni. La Giunta regionale ha preso

Dettagli

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914 La magnetoterapia è una forma di fisioterapia che utilizza il magnetismo terrestre, risorsa presente in natura necessario per tutte le forme di vita. La magnetoterapia può essere di bassa e alta frequenza

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

il DISTURBO COMUNICATIVO NEUROLOGICO ACQUISITO,

il DISTURBO COMUNICATIVO NEUROLOGICO ACQUISITO, 6 MARZO 2015: GIORNATA EUROPEA DELLA LOGOPEDIA Ogni anno nella giornata del 6 Marzo si celebra in tutta Europa la Giornata Europea della Logopedia, iniziativa nata nel 2004 da un idea del Comitè Permanent

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Igiene femminile: momenti intimi

Igiene femminile: momenti intimi Igiene femminile: momenti intimi Per quanto riguarda l importante step di freschezza, l igiene intima femminile, innanzitutto occorre prendere in considerazione l ecosistema vaginale, che preserva i naturali

Dettagli