COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013"

Transcript

1 COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 IL RESPONSABILE DEI SERVIZI SOCIALI VISTA la L.R. n. 21 del 02/08/2013, art. 1, commi 1 e 2, con la quale la Regione Autonoma della Sardegna autorizza per l anno 2013 la spesa complessiva di per la realizzazione di azioni di contrasto alle povertà, in prosecuzione delle disposizioni di cui alle LL.RR. n. 2/2007, n. 1/2009 e n. 6/2012; RICHIAMATA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 39/9 del 26/09/2013, con la quale è stato approvato il Programma di realizzazione delle azioni di contrasto delle povertà per l anno 2013, articolato in tre linee di intervento: 1) Linea 1: concessione di sussidi a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà; 2) Linea 2: concessione di contributi per far fronte all abbattimento dei costi dei servizi essenziali; 3) Linea 3: concessione di sussidi per lo svolgimento del servizio civico comunale; PRESO ATTO che con la succitata Deliberazione è stata disposta l assegnazione in favore del Comune di Ballao di un finanziamento pari ad ,15 per la realizzazione del Programma in oggetto; VISTA la Deliberazione di G.C. n. 59 del 15/11/2013, con la quale si è provveduto alla ricognizione delle somme residue disponibili e alla ripartizione del finanziamento complessivo fra le tre linee di intervento e si sono emanate le linee guida per la predisposizione del presente bando pubblico; VISTA la Determinazione del Responsabile del Servizio n. 335 del 25/11/2013, con la quale è stato approvato il presente bando pubblico ed è stato assunto formale impegno di spesa; RENDE NOTO che è indetto bando pubblico per l accesso ai benefici previsti dal Programma delle azioni di contrasto alla povertà per l anno 2013, articolato in tre linee di intervento. LINEA 1 Questa linea d intervento si realizza attraverso la concessione di sussidi a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà, sia essa duratura o temporanea. Destinatari della presente linea sono nuclei familiari e persone singole in possesso dei seguenti requisiti: avere la residenza nel Comune di Ballao da almeno 12 mesi e nel territorio della Regione Sardegna da almeno due anni; aver compiuto il 18 anno di età;

2 essere inabili al lavoro (in possesso di idonea certificazione attestante l impossibilità a svolgere prestazioni lavorative); possedere un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), riferito ai redditi percepiti da tutti i componenti la famiglia anagrafica nell anno 2012, pari o inferiore ad 4.500,00 comprensivo dei redditi esenti IRPEF (pensione di invalidità civile, cecità, sordomutismo; indennità di frequenza; indennità di accompagnamento; provvidenze leggi regionali di settore; assegni di maternità o al nucleo familiare; ecc.); tale ISEE ridefinito si ottiene mediante la seguente formula: ISEE ridefinito = ISE + redditi esenti IRPEF Valore parametro scala di equivalenza non essere beneficiari di analoghi interventi previsti da altre Amministrazioni Pubbliche; non essere beneficiari né avere la possibilità di essere inseriti nei programmi di cui alla L.R. 2/2007, articolo 35, comma 1 (inserimenti lavorativi per inoccupati e disoccupati e per l autoimpiego, stabilizzazione e reimpiego dei Lavoratori Socialmente Utili, ecc.). Tutte le dichiarazioni riguardanti la situazione economica devono essere espresse mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione prodotta ai sensi del DPR 445/2000; pertanto, qualora emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, è prevista l immediata decadenza dai benefici. L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di effettuare idonei controlli, anche attraverso la trasmissione dei dati all Agenzia delle Entrate e al Ministero delle Finanze e, qualora sorgano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni presentate, di sospendere o revocare i benefici ottenuti, mettendo in atto le misure ritenute necessarie al loro integrale recupero. L Amministrazione Comunale ha la facoltà di valutare l effettiva capacità di spesa del nucleo familiare, soprattutto laddove la situazione oggettiva sia diversa da quella anagrafica (verrà quindi considerato il nucleo oggettivamente convivente) e/o reddituale o si evidenzino situazioni anomale che necessitano di maggiore tutela. Al fine di individuare la reale disponibilità di risorse del nucleo familiare, qualora tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo o nella situazione reddituale o patrimoniale, tali variazioni potranno essere prese in considerazione se acquisite attraverso idonea documentazione o dichiarazione sostitutiva di certificazione. I requisiti d accesso devono essere posseduti al momento della presentazione dell istanza. Le domande, compilate su apposito modulo predisposto dall Ufficio Servizi Sociali dell Ente, dovranno essere presentate dagli interessati all Ufficio Protocollo del Comune, entro e non oltre le ore 12 del giorno 06/12/2013, corredate da: certificazione ISEE rilasciata da un Centro di Assistenza Fiscale (CAF) ai sensi del D.Lgs 109/98 e successive modificazioni e integrazioni, riferita ai redditi percepiti nell anno 2012; dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante eventuali altri redditi esenti IRPEF percepiti nell anno 2012; copia fotostatica del documento di identità in corso di validità del dichiarante; copia fotostatica del codice fiscale del dichiarante; altra documentazione ritenuta utile ai fini della concessione del sussidio (certificazione ai sensi della L. 104/92, verbale di riconoscimento di invalidità civile, idonea documentazione attestante improvvise variazioni significative intervenute nella situazione economica o nella composizione del nucleo familiare, ecc.). L Amministrazione Comunale valuterà le richieste pervenute alla luce delle disponibilità finanziarie e, per particolari o complesse situazioni di bisogno e del numero dei componenti il nucleo familiare, consentirà una flessibilità del reddito di accesso alla linea sino a 5.500,00 annui, comprensivi dei redditi esenti IRPEF e secondo le modalità di calcolo sopra indicate. Può inoltrare richiesta di accesso un solo componente dello stesso nucleo familiare. I sussidi previsti dalla presente linea non sono cumulabili con i contributi di cui alla Linea 3.

3 Le domande pervenute successivamente alla scadenza del termine verranno accolte con riserva e valutate solo in caso di disponibilità finanziaria. A seguito della formulazione di apposita graduatoria, si procederà alla determinazione del contributo: in relazione alle richieste valide pervenute; in proporzione al fondo disponibile per la presente linea e alla capacità dello stesso di soddisfare il fabbisogno di spesa; sulla base del punteggio riportato da ciascun richiedente; tenendo presente che il sussidio massimo concedibile è pari ad 350,00 mensili per richiedente, per un periodo non superiore a 12 mesi. La graduatoria verrà redatta tenendo conto dei seguenti criteri nell assegnazione dei punteggi (cumulabili fra loro): SITUAZIONE FAMILIARE E DI DISAGIO INDICATORE PUNTEGGIO Nucleo monogenitoriale con figli minori a carico 1,5 punti per ogni figlio Famiglie con figli minori a carico 1 punto per ogni figlio Presenza di anziani sopra i 65 anni riconosciuti invalidi civili oltre il 75% 1,5 punti per ogni anziano Presenza di anziani sopra i 65 anni riconosciuti invalidi civili entro il 75% 1 punto per ogni anziano Presenza di disabili gravi ai sensi dell art. 3, c. 3, della L. 104/92 1,5 punti per ogni disabile Presenza di disabili non gravi ai sensi dell art. 3, c. 1, della L. 104/92 1 punto per ogni disabile Elementi verificabili di disagio personale, sociale e ambientale aggravanti la situazione del nucleo familiare, valutati dal 1 punto per ogni elemento Servizio Sociale In caso di parità, precederà in graduatoria il richiedente con l attestazione ISEE di importo inferiore. In caso di ulteriore parità, si procederà a pubblico sorteggio. La graduatoria verrà pubblicata all albo pretorio on line del sito internet comunale per n. 7 giorni consecutivi. Gli interessati potranno inoltrare ricorso avverso la graduatoria entro 7 giorni decorrenti dal primo giorno di pubblicazione della medesima. Concluse le procedure di selezione, l Ente provvederà a liquidare i sussidi con cadenza mensile posticipata. I beneficiari dei contributi avranno l obbligo di comunicare tempestivamente al Comune ogni eventuale variazione della mutata composizione familiare e delle condizioni reddituali e patrimoniali dichiarate nella domanda. L erogazione del sussidio verrà revocata qualora l Ente verifichi che il beneficiario faccia un uso improprio del contributo assegnato e assuma comportamenti sociali devianti: abuso di alcool o sostanze stupefacenti, dipendenza da giochi d azzardo, ecc. LINEA 2 Questa linea d intervento prevede la concessione di contributi per far fronte all abbattimento o alla riduzione dei costi dei servizi essenziali riferiti a: canone di locazione; energia elettrica; smaltimento dei rifiuti solidi urbani; riscaldamento; gas di cucina; consumo dell acqua potabile;

4 servizi ed interventi educativi (quali i nidi d infanzia, le sezioni primavera, i servizi educativi in contesto domiciliare, baby sitter), per i quali non risulti che l interessato sia già stato ammesso a usufruire di altri contributi pubblici. Destinatari della presente linea sono nuclei familiari e persone singole in possesso dei seguenti requisiti: avere la residenza nel Comune di Ballao da almeno 12 mesi e nel territorio della Regione Sardegna da almeno due anni; aver compiuto il 18 anno di età; possedere un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), riferito ai redditi percepiti da tutti i componenti la famiglia anagrafica nell anno 2012 e comprensivo dei redditi esenti IRPEF (pensione di invalidità civile, cecità, sordomutismo; indennità di frequenza; indennità di accompagnamento; provvidenze leggi regionali di settore; assegni di maternità o al nucleo familiare; ecc.) pari o inferiore alla soglia di povertà definita dall Istat e corrispondente ai valori indicati nella seguente tabella, determinati in base all ampiezza del nucleo familiare: NUMERO COMPONENTI SOGLIA DI POVERTÀ ISEE , , , , , ,00 7 o più 8.039,00 non essere beneficiari di analoghi interventi che perseguano le medesime finalità (per es. L. 431/98 Fondo nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione, POR 2007/2013 Ore preziose ). Tutte le dichiarazioni riguardanti la situazione economica devono essere espresse mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione prodotta ai sensi del DPR 445/2000; pertanto, qualora emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, è prevista l immediata decadenza dai benefici. L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di effettuare idonei controlli, anche attraverso la trasmissione dei dati all Agenzia delle Entrate e al Ministero delle Finanze e, qualora sorgano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni presentate, di sospendere o revocare i benefici ottenuti, mettendo in atto le misure ritenute necessarie al loro integrale recupero. L Amministrazione Comunale ha la facoltà di valutare l effettiva capacità di spesa del nucleo familiare, soprattutto laddove la situazione oggettiva sia diversa da quella anagrafica (verrà quindi considerato il nucleo oggettivamente convivente) e/o reddituale o si evidenzino situazioni anomale che necessitano di maggiore tutela. Al fine di individuare la reale disponibilità di risorse del nucleo familiare, qualora tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo o nella situazione reddituale o patrimoniale, tali variazioni potranno essere prese in considerazione se acquisite attraverso idonea documentazione o dichiarazione sostitutiva di certificazione. I requisiti d accesso devono essere posseduti al momento della presentazione dell istanza. Le domande, compilate su apposito modulo predisposto dall Ufficio Servizi Sociali dell Ente, dovranno essere presentate dagli interessati all Ufficio Protocollo del Comune, entro e non oltre le ore 12 del giorno 06/12/2013, corredate da: certificazione ISEE rilasciata da un Centro di Assistenza Fiscale (CAF) ai sensi del D.Lgs 109/98 e successive modificazioni e integrazioni, riferita ai redditi percepiti nell anno 2012; dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante eventuali altri redditi esenti IRPEF percepiti nell anno 2012; copia fotostatica del documento di identità in corso di validità del dichiarante;

5 copia fotostatica del codice fiscale del dichiarante; altra documentazione ritenuta utile ai fini della concessione del sussidio (certificazione ai sensi della L. 104/92, verbale di riconoscimento di invalidità civile, idonea documentazione attestante improvvise variazioni significative intervenute nella situazione economica o nella composizione del nucleo familiare, ecc.); fotocopia di idonee pezze giustificative attestanti le spese sostenute per i servizi essenziali e/o dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante i costi sostenuti per le voci di spesa suindicate. L Amministrazione Comunale valuterà le richieste alla luce delle disponibilità finanziarie ed erogherà le risorse riservando la priorità alle famiglie numerose o con figli minori e, a parità di condizioni, ai nuclei familiari nei quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Può inoltrare richiesta di accesso un solo componente dello stesso nucleo familiare. Le domande pervenute successivamente alla scadenza del termine verranno accolte con riserva e valutate solo in caso di disponibilità finanziaria. A seguito della formulazione di apposita graduatoria, si procederà alla determinazione del contributo: in base alle richieste valide pervenute; in proporzione al fondo disponibile per la presente linea e alla capacità dello stesso di soddisfare il fabbisogno di spesa; sulla base del punteggio riportato da ciascun richiedente; in relazione all entità dei costi sostenuti e documentati per il pagamento dei servizi essenziali nell anno 2012; tenendo presente che il contributo massimo concedibile è pari ad 200,00 mensili per richiedente, e non potrà essere superiore ad 2.400,00 annui. La graduatoria verrà redatta sulla base delle caratteristiche reddituali e delle situazioni familiari e di disagio. In relazione al reddito ISEE saranno attribuiti i seguenti punteggi: REDDITO ISEE 1 componente 7.134,00 2 componenti 7.573,00 3 componenti 7.752,00 4 componenti 7.878,00 5 componenti 7.927,00 6 componenti 8.026,00 7 o più componenti 8.039,00 PUNTEGGIO da a = 1 da a = 1 da a = 1 da a = 1 da a = 1 da a = 1 da a = 1

6 In relazione alla situazione familiare e di disagio saranno attribuiti i seguenti punteggi (cumulabili fra loro): SITUAZIONE FAMILIARE E DI DISAGIO INDICATORE PUNTEGGIO Nucleo monogenitoriale con figli minori a carico 1,5 punti per ogni figlio Famiglie con figli minori a carico 1 punto per ogni figlio Presenza di anziani sopra i 65 anni riconosciuti invalidi civili oltre il 75% 1,5 punti per ogni anziano Presenza di anziani sopra i 65 anni riconosciuti invalidi civili entro il 75% 1 punto per ogni anziano Presenza di disabili gravi ai sensi dell art. 3, c. 3, della L. 104/92 1,5 punti per ogni disabile Presenza di disabili non gravi ai sensi dell art. 3, c. 1, della L. 104/92 1 punto per ogni disabile Elementi verificabili di disagio personale, sociale e ambientale aggravanti la situazione del nucleo familiare, valutati dal 1 punto per ogni elemento Servizio Sociale In caso di parità, precederà in graduatoria il richiedente con l attestazione ISEE di importo inferiore. In caso di ulteriore parità, si procederà a pubblico sorteggio. La graduatoria verrà pubblicata all albo pretorio on line del sito internet comunale per n. 7 giorni consecutivi. Gli interessati potranno inoltrare ricorso avverso la graduatoria entro 7 giorni decorrenti dal primo giorno di pubblicazione della medesima. Concluse le procedure di selezione, l Ente provvederà a liquidare i sussidi tenendo conto del limite massimo mensile concedibile. I beneficiari dei contributi avranno l obbligo di comunicare tempestivamente al Comune ogni eventuale variazione della mutata composizione familiare e delle condizioni reddituali e patrimoniali dichiarate nella domanda. L erogazione del sussidio verrà revocata qualora l Ente verifichi che il beneficiario faccia un uso improprio del contributo assegnato e assuma comportamenti sociali devianti: abuso di alcool o sostanze stupefacenti, dipendenza da giochi d azzardo, ecc. LINEA 3 Questa linea di intervento si realizza attraverso la concessione di sussidi per lo svolgimento del servizio civico comunale, la cui finalità consiste nel reinserimento sociale di persone appartenenti a nuclei familiari che versano in grave stato di indigenza economica, mediante assegnazione di un impegno lavorativo, consistente in servizi di utilità collettiva quali: custodia, vigilanza, pulizia e piccole manutenzioni di strutture pubbliche; salvaguardia, cura, pulizia e manutenzione del verde pubblico, dell arredo urbano, delle piazze, delle strade e dei giardini pubblici; pulizia di uffici e locali comunali; attività di assistenza a persone disabili e/o anziane; servizio di vigilanza presso le scuole presenti nel territorio comunale (servizio Nonno vigile ); servizi di supporto alle iniziative culturali, sportive e di spettacolo organizzate, gestite o patrocinate dall Amministrazione Comunale; ogni altra attività che l Amministrazione Comunale ritenga utile promuovere in base alle esigenze del territorio, purché consenta l inserimento sociale dei soggetti che sono chiamati ad espletarla. Il servizio civico costituisce una forma di assistenza alternativa all assegno economico fine a se stesso, ed è rivolto prioritariamente a persone abili al lavoro prive di un occupazione o che hanno perso il lavoro e sono prive di coperture assicurative o di qualsiasi forma di tutela da parte di altri enti pubblici. Possono inoltre rientrare gli appartenenti a categorie svantaggiate (ex detenuti o ex tossicodipendenti, ecc.) purché non diversamente assistiti.

7 Nello specifico, destinatari della presente linea sono nuclei familiari e persone singole in possesso dei seguenti requisiti: avere la residenza nel Comune di Ballao da almeno 12 mesi e nel territorio della Regione Sardegna da almeno due anni; essere in età lavorativa ai sensi di legge; possedere un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), riferito ai redditi percepiti da tutti i componenti la famiglia anagrafica nell anno 2012, pari o inferiore ad 4.500,00 comprensivo dei redditi esenti IRPEF (pensione di invalidità civile, cecità, sordomutismo; indennità di frequenza; indennità di accompagnamento; provvidenze leggi regionali di settore; assegni di maternità o al nucleo familiare; ecc.); tale ISEE ridefinito si ottiene mediante la seguente formula: ISEE ridefinito = ISE + redditi esenti IRPEF Valore parametro scala di equivalenza non essere beneficiari di analoghi interventi previsti da altre Amministrazioni Pubbliche; non essere beneficiari né avere la possibilità di essere inseriti nei programmi di cui alla L.R. 2/2007, articolo 35, comma 1 (inserimenti lavorativi per inoccupati e disoccupati e per l autoimpiego, stabilizzazione e reimpiego dei Lavoratori Socialmente Utili, ecc.). Per tutto quanto non specificato nel presente bando, si rimanda alle disposizioni stabilite nel Regolamento servizio civico comunale. Tutte le dichiarazioni riguardanti la situazione economica devono essere espresse mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione prodotta ai sensi del DPR 445/2000; pertanto, qualora emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, è prevista l immediata decadenza dai benefici. L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di effettuare idonei controlli, anche attraverso la trasmissione dei dati all Agenzia delle Entrate e al Ministero delle Finanze e, qualora sorgano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni presentate, di sospendere o revocare i benefici ottenuti, mettendo in atto le misure ritenute necessarie al loro integrale recupero. L Amministrazione Comunale ha la facoltà di valutare l effettiva capacità di spesa del nucleo familiare, soprattutto laddove la situazione oggettiva sia diversa da quella anagrafica (verrà quindi considerato il nucleo oggettivamente convivente) e/o reddituale o si evidenzino situazioni anomale che necessitano di maggiore tutela. Al fine di individuare la reale disponibilità di risorse del nucleo familiare, qualora tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo o nella situazione reddituale o patrimoniale, tali variazioni potranno essere prese in considerazione se acquisite attraverso idonea documentazione o dichiarazione sostitutiva di certificazione. I requisiti d accesso devono essere posseduti al momento della presentazione dell istanza. Le domande, compilate su apposito modulo predisposto dall Ufficio Servizi Sociali dell Ente, dovranno essere presentate dagli interessati all Ufficio Protocollo del Comune, entro e non oltre le ore 12 del giorno 06/12/2013, corredate da: certificazione ISEE rilasciata da un Centro di Assistenza Fiscale (CAF) ai sensi del D.Lgs 109/98 e successive modificazioni e integrazioni, riferita ai redditi percepiti nell anno 2012; dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante eventuali altri redditi esenti IRPEF percepiti nell anno 2012; copia fotostatica del documento di identità in corso di validità del dichiarante; copia fotostatica del codice fiscale del dichiarante; altra documentazione ritenuta utile ai fini della concessione del sussidio (certificazione ai sensi della L. 104/92, verbale di riconoscimento di invalidità civile, idonea documentazione attestante improvvise variazioni significative intervenute nella situazione economica o nella composizione del nucleo familiare, ecc.).

8 L Amministrazione Comunale valuterà le richieste pervenute alla luce delle disponibilità finanziarie e, per particolari o complesse situazioni di bisogno e del numero dei componenti il nucleo familiare, consentirà una flessibilità del reddito di accesso alla linea sino a 5.500,00 annui, comprensivi dei redditi esenti IRPEF e secondo le modalità di calcolo sopra indicate. Può inoltrare richiesta di accesso un solo componente dello stesso nucleo familiare. I sussidi previsti dalla presente linea non sono cumulabili con i contributi di cui alla Linea 1. Le domande pervenute successivamente alla scadenza del termine verranno accolte con riserva e valutate solo in caso di disponibilità finanziaria. A seguito della formulazione di apposita graduatoria, si procederà alla determinazione del contributo: in relazione alle richieste valide pervenute; in proporzione al fondo disponibile per la presente linea e alla capacità dello stesso di soddisfare il fabbisogno di spesa; sulla base del punteggio riportato da ciascun richiedente; tenendo presente che il sussidio massimo concedibile è pari ad 800,00 mensili per richiedente, per un periodo non superiore a 12 mesi. Per l assegnazione dei punteggi determinanti la posizione in graduatoria, si farà riferimento alla Tabella di valutazione allegata al Regolamento servizio civico comunale. In caso di parità, precederà in graduatoria il richiedente con l attestazione ISEE di importo inferiore. In caso di ulteriore parità, si procederà a pubblico sorteggio. La graduatoria verrà pubblicata all albo pretorio on line del sito internet comunale per n. 7 giorni consecutivi. Gli interessati potranno inoltrare ricorso avverso la graduatoria entro 7 giorni decorrenti dal primo giorno di pubblicazione della medesima. Concluse le procedure di selezione, l Ente provvederà a dare avvio agli interventi e a liquidare i sussidi con cadenza mensile posticipata, sulla base del numero di ore di servizio effettivamente rese, rilevate dal registro presenze, la cui vidimazione, nonché l organizzazione delle singole attività, è di competenza dei Responsabili dei rispettivi servizi in cui ciascun beneficiario verrà impiegato. I beneficiari dei contributi avranno l obbligo di comunicare tempestivamente al Comune ogni eventuale variazione della mutata composizione familiare e delle condizioni reddituali e patrimoniali dichiarate nella domanda. Le persone che accedono ai benefici del servizio civico dovranno dichiarare di essere disponibili a prestare la loro opera consapevoli che, in nessun caso, detta prestazione potrà instaurare alcun tipo di rapporto di lavoro con l Amministrazione comunale e che il servizio persegue esclusivamente una finalità socio-assistenziale. Ogni beneficiario dell intervento dovrà accettare e firmare il progetto personalizzato di intervento predisposto dal Servizio Sociale, nonché un protocollo/disciplinare con l Amministrazione comunale per l inserimento nel servizio. Il progetto verrà elaborato sulla base delle caratteristiche personali e/o familiari e prevede degli impegni personali volti alla costruzione di percorsi di uscita dalla condizione di povertà e percorsi di responsabilizzazione a fronte del contributo ricevuto. La mancata sottoscrizione del progetto e del protocollo/disciplinare e il mancato rispetto di uno o più obblighi assunti comporteranno la decadenza dai benefici. L erogazione del sussidio verrà revocata qualora il Comune verifichi che il beneficiario si renda responsabile di gravi inadempienze o comportamenti inadeguati nello svolgimento degli incarichi assegnati, oppure faccia un uso improprio del contributo assegnato e assuma comportamenti sociali devianti (abuso di alcool o sostanze stupefacenti, dipendenza da giochi d azzardo, ecc.). Non potranno essere ammesse al servizio civico le persone che usufruiscono, nello stesso periodo, di altri programmi di inserimento lavorativo sostenuti da un finanziamento pubblico. Il Comune provvederà ad assicurare i beneficiari dell intervento sia per gli infortuni che dovessero subire durante il servizio, sia per la responsabilità civile verso terzi, mediante apertura di apposita polizza assicurativa.

9 ~ Fra i destinatari della Linea 1 e della Linea 3 (art. 9 del Regolamento servizio civico comunale ), sarà possibile inserire, in itinere, persone che a causa di eventi imprevisti ed eccezionali (decesso o detenzione o improvviso stato disoccupativo di un familiare, ecc.) vengano a trovarsi in stato di disagio economico. Ai sensi del D.Lgs. 196/2003, i dati personali raccolti saranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento delle funzioni istituzionali di cui al presente bando. Per quanto non previsto dal presente bando si fa rinvio alla normativa vigente in materia e alle disposizioni riportate in premessa. Le eventuali variazioni e/o integrazioni derivanti da successive circolari regionali di attuazione del programma in oggetto e vincolanti per l Ente, si intendono modificative e/o integrative delle presenti norme. Il presente bando verrà pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Ballao al seguente indirizzo internet: Il Titolare del trattamento dei dati personali è il Comune di Ballao. Il Responsabile del trattamento dei dati è la Rag. Marisella Melis, Responsabile dell Area Socio-assistenziale. Informazioni inerenti il presente bando pubblico possono essere richieste all Operatrice Sociale D.ssa Daniela Trebini. Ballao, 25/11/2013 Il Responsabile del Servizio F.to Rag. Marisella Melis

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G )

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO PROGETTO SPERIMENTALE CONTRO LE POVERTÀ ESTREME

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA' Allegato alla Determinazione n. 7 del.0.00 COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano Servizio Sociale BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA SPERIMENTALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.

COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P. COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.Iva 01257180909 E-mail ssociali@comune.sedini.ss.it www.comune.sedini.ss.it BANDO PER

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

COMUNE di BUSACHI. Provincia di Oristano. Prot. n 2064 Busachi 16.04.2013

COMUNE di BUSACHI. Provincia di Oristano. Prot. n 2064 Busachi 16.04.2013 COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Prot. n 2064 Busachi 6.04.203 CONDIZIONI E PROCEDURE PER ACCEDERE AL PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME 6^ ANNUALITA BANDO DI CONCORSO LINEA DI INTERVENTO

Dettagli

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO COMUNE DI ZEDDIANI Provincia di Oristano Via Roma, 103 - CAP 09070 AVVISO PUBBLICO LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTE: la deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO

PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA 2 - FINANZIAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) PIAZZA DEL COMUNE PADRIA TEL. 079/807018 FAX 079/807323 - E MAIL :SOCIALE@COMUNE.PADRIA.SS.IT Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO BANDO: PROGRAMMA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio PROT. 1542 BANDO PER L ATTIVAZIONE Provincia di Olbia DEL Tempio PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA - ANNO 2014. LA RESPONSABILE DEL SETTORE CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT, SPETTACOLO, POLITICHE

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

COMUNE DI VILLA SANT ANTONIO

COMUNE DI VILLA SANT ANTONIO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTÀ ANNUALITA 2013 DELIBERAZIONE G.R. N. 19/4 DEL 08.05.2012 DELIBERAZIONE G.R. N. 39/9 DEL 26.09.2013 1 Il presente documento disciplina

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTA (Deliberazione G.R. 39/9 del 26.09.2013) Programma 2013 Integrazione Direttive Giunta Comunale

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari. Bando Pubblico

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari. Bando Pubblico COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari Bando Pubblico Criteri per la presentazione delle domande di ammissione al programma per la realizzazione di interventi di Contrasto Delle Povertà Persistenti e Transitorie.

Dettagli

INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME BANDO DI CONCORSO

INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME BANDO DI CONCORSO COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis Settore Servizi alla Persona e Cittadinanza INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME CONCESSIONE DI SUSSIDI A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONE

Dettagli

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente Regolamento ha come oggetto l istituzione, nel territorio

Dettagli

COMUNE DI ROGNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ROGNO Provincia di Bergamo COMUNE DI ROGNO Provincia di Bergamo CAP 24060-PIAZZA DRUSO,5 TEL. 035/967013 FAX 035/967243 E.mail info@comune.rogno.bg.it Cod. fisc. 00542510169 P. IVA 00500290168 REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE CULTURALE E SCOLASTICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 41 DEL 01/02/2013 OGGETTO: AZIONI DI CONTRASTO ALLA

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

BANDO LINEA D INTERVENTO 3)

BANDO LINEA D INTERVENTO 3) COMUNI DI VALLEDORIA E VIDDALBA Comune di Valledoria C.so Europa 07039 (SS) Tel. 079 582565 Provincia di Sassari Servizio Associato Socio - Culturale Comune di Viddalba Via G.M. Angioy, 5 07030 (SS) Tel.

Dettagli

Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio

Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio Allegato alla Delib.G.R. n. 48/7 del 2.10.2015 Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio Finalità e obiettivi del programma Il programma regionale

Dettagli

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese.

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese. BUONO SOCIALE CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO DAI FAMILIARI O CON ASSISTENZA INFORMALE Art. 1 Finalità: Il buono sociale

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I

C O M U N E DI A S S E M I N I C O M U N E DI A S S E M I N I Provincia di Cagliari BANDO PUBBLICO PER AMMISSIONE AL PROGRAMMA DEL PLUS AREA OVEST PER LA REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 DENOMINATA INTERVENTI DI REINSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT APPARTENENTI ALLE CATEGORIE SVANTAGGIATE DI CUI ALLA LEGGE 381/91.

UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT APPARTENENTI ALLE CATEGORIE SVANTAGGIATE DI CUI ALLA LEGGE 381/91. COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 Cod. Fiscale n. 01423040920 Tel 07096040218 219 220 221 - Fax 07096040243 Sito Web: www.sansperate.net Email: socialeculturale@sansperate.net UFFICIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 Cod. Fiscale n. 01423040920 Tel 07096040218 219 220 221 - Fax 07096040243 Sito Web: www.sansperate.net Email: socialeculturale@sansperate.net UFFICIO

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

Comune di Villa San Pietro

Comune di Villa San Pietro Comune di Villa San Pietro Provincia di Cagliari Piazza San Pietro,6-09010 Villa San Pietro (CA) - Tel.070/90.77.01 - Fax.070/90.74.19 c.f. 00492250923 www.comune.villasanpietro.ca.it AREA SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo REPERTORIO GENERALE N.72 DEL 27/01/2014 DETERMINAZIONE N.48 DEL 27/01/2014 Oggetto: Approvazione avviso per la concessione del Bonus Socio Sanitario a nuclei

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Allegato A COMUNE DI FRONTONE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n... del

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO Il Servizio Civico disciplinato dal presente Regolamento ha come scopo il reinserimento sociale, mediante assegnazione di un impegno lavorativo ai

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 123 del 04-10-13 COPIA Oggetto: AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTÀ - ANNO 2013 - MODIFICA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO PREMESSA A seguito della direttiva prot. n. 108191/10/com del 9.1.01, il Commissario

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITÀ A.A. 2013/14

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITÀ A.A. 2013/14 CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE APPARTENENTI ALLA PROVINCIA DI BELLUNO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITÀ A.A. 2013/14

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI In attuazione del Piano Sociale di Zona 2014-2016; IL DIRETTORE DEL CONSORZIO Del Decreto di approvazione

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

FINALITA DELL INTERVENTO

FINALITA DELL INTERVENTO TESTO ALLEGATO AL D.P.R.S. N. 150 del 25.5.04 FINALITA DELL INTERVENTO Il contributo di cui all art. 3 della L.R. 10/2003 è volto all abbattimento parziale o totale degli interessi su prestiti quinquennali

Dettagli

Capitolo I Principi generali

Capitolo I Principi generali CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI ANNO 2014/2015 Indice: Capitolo I Principi generali. 1. Principi generali e finalità dell intervento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

PROTOCOLLO DISCIPLINARE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO COMUNALE

PROTOCOLLO DISCIPLINARE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari PROTOCOLLO DISCIPLINARE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO COMUNALE 1 COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari PROTOCOLLO PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO

Dettagli

SETTORE POLITICHE SCOLASTICHE, GIOVANILI E FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO

SETTORE POLITICHE SCOLASTICHE, GIOVANILI E FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE SPESE DI TRASPORTO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI CHE FREQUENTANO ISTITUTI SUPERIORI DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA. ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente)

REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (PROVINCIA DI REGGIO EMILIA) REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 4 del 18 febbraio 2002 Modificato

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. 1 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. FINALITA La Regione Puglia ha inteso finalizzare l erogazione del contributo economico di cui al presente

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI A NN O S C OL AS TI CO 2011/2012 (Borse di studio)

CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI A NN O S C OL AS TI CO 2011/2012 (Borse di studio) CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI A NN O S C OL AS TI CO 2011/2012 (Borse di studio) In conformità alle disposizioni previste dal Piano di Indirizzo Generale Integrato 2006-2010

Dettagli

COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale

COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Linee di intervento --3.

Dettagli

Comune di Matrice Provincia di Campobasso

Comune di Matrice Provincia di Campobasso Albo n.211 del 05.12.2014 Comune di Matrice Provincia di Campobasso AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI DESTINATARI DI N. 2 BORSE LAVORO COFINANZIATE DALL UNIONE EUROPEA Titolo del progetto: TUTELA DELL

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento Prot. 6262 BANDO DI CONCORSO Legge 9 dicembre 1998, n. 431 art. 11- Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione. Erogazione contributi

Dettagli

MODELLO UNICO BANDO PROVINCIALE PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI SILLANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S.

MODELLO UNICO BANDO PROVINCIALE PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI SILLANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. \ MODELLO UNICO BANDO PROVINCIALE PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI SILLANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2009/2010 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

al Comune di San Martino Buon Albergo

al Comune di San Martino Buon Albergo al Comune di San Martino Buon Albergo OGG: ISTANZA PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO MENSILE. l sottoscritt nat a il residente a San Martino Buon Albergo in Via n. tel. fa istanza per ottenere

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso SCHEDA SOCIALE Allegato C alla Delib.G.R. n. 48/46 del 11.12.2012 (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

PROVINCIA DI SALERNO

PROVINCIA DI SALERNO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE SPESE DI TRASPORTO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI CHE FREQUENTANO ISTITUTI SUPERIORI DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA. ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 -

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 - www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito PREMESSA

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli

AL Responsabile del Settore Servizi Sociali Comune di Borore OGGETTO: RICHIESTA PER INSERIMENTO AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTÀ - ANNUALITÀ 2014. Il/la sottoscritto/a

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese SERVIZI SOCIALI n. 119 del 29.07.2015 Oggetto: approvazione bando pubblico per l erogazione di contributi agli inquilini morosi incolpevoli, titolari di

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO PER PAGAMENTO UTENZE GAS

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO PER PAGAMENTO UTENZE GAS BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO PER PAGAMENTO UTENZE GAS PREMESSA L'Amministrazione comunale con Delibera di

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI ALTA FORMAZIONE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI ALTA FORMAZIONE BANDO PER LA CONCESSIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI ALTA FORMAZIONE OGGETTO Il Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla provincia di Belluno emana il bando

Dettagli

PRESTITO SULL ONORE. Per presentare la richiesta di prestito sull onore i soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

PRESTITO SULL ONORE. Per presentare la richiesta di prestito sull onore i soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: PRESTITO SULL ONORE OGGETTO L iniziativa è finalizzata alla concessione di un prestito agevolato senza applicazione di interessi, che permetta alla famiglia od al singolo in temporanea difficoltà, di superare

Dettagli

Determinazione n 6498 / 2015 del 07/07/2015

Determinazione n 6498 / 2015 del 07/07/2015 S E R V I Z I O P O L I T I C H E S O C I A L I AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ" - LINEA 1) CONCESSIONE DI

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA SETTORE Servizi Sociali, Sanitari, Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero DISCIPLINARE

Dettagli

COMUNE DI PERFUGAS Provincia di Sassari Piazza Mannu n 1 07034 - Tel. 079-5639001 e-mail: sociale@comune.perfugas.ss.it Servizio Socio Assistenziale

COMUNE DI PERFUGAS Provincia di Sassari Piazza Mannu n 1 07034 - Tel. 079-5639001 e-mail: sociale@comune.perfugas.ss.it Servizio Socio Assistenziale COMUNE DI PERFUGAS Provincia di Sassari Piazza Mannu n 1 07034 - Tel. 079-5639001 e-mail: sociale@comune.perfugas.ss.it Servizio Socio Assistenziale IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE In

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA Deliberazione della Giunta Regionale n. 6 del 09/01/2012

Dettagli