Allenare nel settore giovanile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allenare nel settore giovanile"

Transcript

1 ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia il momento più esaltante che un allenatore possa provare nell insegnamento calcistico. Nulla da togliere alla fase difensiva ma riuscire a vedere la propria squadra svolgere e magari finalizzare il lavoro svolto durante la settimana credo sia uno dei momenti più appaganti per un tecnico e per la squadra stessa. Al di là del sistema adottato, dalle punte schierate o dal tipo di gioco che si vuole attuare, la fase offensiva è il momento più creativo e fantasioso che uno spettatore possa richiedere quando assiste ad una partita. In questo articolo verrà analizzato uno degli sviluppi di tattica collettiva più efficaci che possa mettere in difficoltà le difese avversarie, la sovrapposizione. La sovrapposizione è fondamentale nel momento in cui si vuole creare una superiorità numerica in una zona ben precisa del campo LA SOVRAPPOSIZIONE, SVILUPPO TATTICO OFFENSIVO Negli ultimi anni c è stata una maggior richiesta da parte dell opinione pubblica di un calcio più spettacolare e divertente, all allenatore viene richiesto di organizzare efficacemente la propria squadra, pianificando il proprio lavoro con molta accuratezza e professionalità. Giudicare un allenatore in base al sistema di gioco adottato è molto riduttivo, ma purtroppo questo è un dato di fatto, in realtà i numeri che rappresentano un sistema di gioco, sono solo il modo più semplice per indicare la disposizione in campo della squadra in fase di non possesso palla e ovviamente in una situazione di staticità. In fase offensiva questa staticità non esiste, una squadra che in situazione difensiva si schiera con un 4-4-2, nel momento in cui si trova in possesso palla si può trasformare in semplicemente alzando i due esterni di centrocampo, e perché no, in un con il gioco sviluppato in una fascia laterale con centrocampista opposto che si accentra, ma volendo continuare potrebbe diventare anche un 3-4-3, un terzino si alza a centrocampo occupando il posto dell esterno che di conseguenza fa lo stesso alzandosi in zona d attacco. Questo per capire che in fase offensiva, qualsiasi sistema di gioco sfrutta la dinamicità dei movimenti senza palla dei giocatori per mettere in difficoltà le difese avversarie Il principale obiettivo di una squadra in fase di possesso palla è quello di creare superiorità numerica, uno dei sistemi più efficaci per far questo è la sovrapposizione, cioè la corsa alle spalle del compagno in possesso palla per creare i presupposti per un passaggio che porti alla conquista dello spazio in avanzamento o che apra il fronte d attacco. Allenare e sviluppare un gioco offensivo che possa sfruttare movimenti di sovrapposizione non è semplice. Dedicandoci in questo articolo ai settori giovanili, si deve precisare che le categorie interessate per poter sviluppare in maniera specifica questo lavoro tattico, sono gli allievi e la juniores (primavera in ambito professionistico). La sovrapposizione è la risultante di più azioni tecniche e tattiche che in ogni categoria andranno allenate in maniera specifica, se pensiamo ad un azione offensiva che si sviluppi con una sovrapposizione, l intervento di alcuni gesti tecnici individuali (tabella 1) come la trasmissione, la guida della palla e la ricezione, sono determinanti, lo stesso vale a dire per le capacità tattiche individuali (tabella 2) nel caso specifico, il sapersi smarcare e il passaggio. Questo per far comprendere che diventa importantissimo il FONDAMENTALI DI TECNICA INDIVIDUALE Guida della palla Trasmettere Ricevere Colpo di testa Rimessa laterale Contrasto Parata del portiere Tabella 1 la sovrapposizione

2 lavoro svolto sulle capacità tecniche e tattiche individuali. Abbiamo detto che il primo obiettivo che si vuole raggiungere con lo sviluppo di una sovrapposizione è quello di creare una situazione di superiorità numerica in una zona del campo, creando i presupposti di un 2>1. Solitamente questa azione viene sviluppata nelle corsie laterali potendo così arrivare più facilmente a conquistare il fondo del campo e riuscire a crossare in area di rigore per i propri attaccanti. La sovrapposizione risulta efficace anche quando viene utilizzata per aprire il gioco d attacco, infatti una delle caratteristiche necessarie per ottenere una fase offensiva efficace, consiste nel saper cercare con continuità lo spazio meno difeso dagli avversari, sfruttando tutto il fronte d attacco cioè l ampiezza, principio di tattica collettiva (Tabella 3), con l obiettivo di allargare le maglie della difesa avversaria. La sovrapposizione viene raggruppata tra gli sviluppi di tattica collettiva (tabella 4) e come detto in precedenza il suo sviluppo può essere utile per sfruttare l ampiezza ma soddisfa anche altri principi di tattica collettiva, tra cui l imprevedibilità: la capacità di sorprendere gli avversari, per mezzo di corse senza palla; la mobilità: la capacità di muoversi senza palla in maniera coordinata nel rispetto dei tempi di gioco; e la penetrazione: arrivare il prima possibile verso la porta avversaria conquistando lo spazio in avanti. SVILUPPARE LA SOVRAPPOSIZIONE Lo sviluppo della sovrapposizione può essere effettuata con due o tre giocatori, la prima per distinguerla dalla seconda possiamo definirla anche sovrapposizione semplice, invece quando si sviluppa con 3 giocatori, si può definire complessa. La sovrapposizione a due giocatori si sviluppa con il giocatore in possesso palla che passa ad un proprio compagno per poi effettuare una corsa nello spazio vuoto dietro al compagno in possesso. Figura 1a In quelle di tipo complesso, l inizio della situazione è la medesima ma con la variante che il secondo giocatore quando è in possesso palla invece di chiudere la sovrapposizione cercherà il passaggio ad un terzo compagno. PRINCIPI DI TATTICA INDIVIDUALE Possesso palla Non possesso palla Smarcamento Marcamento Passaggio Intercettamento Difesa della palla Presa di posizione Dribbling Difesa della porta Tiro in porta Contrasto Tabella 2 In questo caso il terzo compagno che riceve palla potrà smarcarsi dietro o davanti la linea della palla, la differenza è: nel primo caso essendo dietro la linea della palla si potrà definire sovrapposizione con sostegno Figura 1b, al contrario invece quando si trova davanti, verrà definita sovrapposizione con appoggio Figura 1c. SVILUPPI DI GIOCO OFFENSIVO Sostegno al portatore di palla Superiorità numerica Mantenimento del possesso palla Corsa in diagonale Gioco dalla parte cieca (cambio gioco) Movimenti ad incrocio Movimenti in sovrapposizione Sviluppo passaggio all indietro Blocco-Velo Esca Variazione di ritmo Gioco in 4 e 5 battuta Tabella 4 PRINCIPI DI TATTICA COLLETTIVA Fase offensiva Fase difensiva Scaglionamento offensivo Scaglionamento difensivo Penetrazione Azione ritardatrice Ampiezza Concentrazione Mobilità Equilibrio Imprevedibilità Controllo e limitazione Tabella 3 In questo caso verrà allenato un altro principio della tattica collettiva, lo scaglionamento offensivo: la capacità di disporsi su più linee, in modo che i giocatori formino dei triangoli, in modo che il compagno in possesso palla abbia più possibilità di giocata ed evitando giocate orizzontali poco efficaci e soprattutto pericolose nella costruzione del gioco. Anche nelle esercitazioni che si possono svolgere con l obiettivo di sviluppare la sovrapposizione sarà importante partire sempre con situazioni di gioco semplice per poi arrivare a quelle più complesse, personalmente credo che questo sistema sia sempre utile al di là della categoria che si allena. Con il passare del tempo per sviluppare il miglioramento della sovrapposizione, l utilizzo di giochi a tema, possono diventare anche strumento d apprendimento per quegli aspetti di cui abbiamo parlato in precedenza (tecnica e tattica individuale) determinanti per l ottima riuscita della sovrapposizione. la sovrapposizione

3 Non ha importanza il numero di allenamenti che dovranno servire per riuscire a sviluppare l obiettivo, l importante è arrivarci. Come detto in precedenza affinché la sovrapposizione risulti efficace e vincente diventa fondamentale il bagaglio tecnico dei giocatori, smarcamento, passaggio e ricezione sono determinanti per i tempi e i modi d esecuzione dell azione tattica. Una ricezione errata rallenterebbe in maniera negativa il proseguimento del gioco dando la possibilità agli avversari di trovare le contromisure giuste per fermare l azione offensiva, lo stesso per un passaggio poco preciso o per uno smarcamento mancato. Questo per dire che la formazione tecnica del giovane giocatore va curata nei minimi particolari per poi poter insegnare e approfondire temi riguardanti gli sviluppi di gioco collettivo. La tecnica è sempre in funzione della tattica, ma non ci può essere tattica senza tecnica Prof. Giorgio Molon Un esempio di una precisa e accurata programmazione didattica della sovrapposizione dovrà rispettare una progressiva difficoltà nello sviluppo delle esercitazioni proposte: esercitazioni senza pressione e avversari, preferibilmente prima con l utilizzo delle mani e poi con i piedi; esercitazioni senza pressione con riferimenti fissi come paletti o coni che fungano da avversari passivi; esercitazioni senza pressione ma con avversari passivi; esercitazioni con pressione limitata da avversari in inferiorità numerica (2>1, 3>2 fino ad arrivare a situazioni di 8>4, 10>6); esercitazioni con pressione elevata in una zona precisa del campo con avversari in inferiorità numerica; esercitazioni con pressione elevata in qualsiasi zona del campo con avversari in inferiorità numerica; partite a tema. Le esercitazioni che verranno illustrate sono tratte da riviste, libri e appunti personali e vogliono essere solo uno spunto per poter poi creare e sviluppare personalmente altrettanti esercizi e giochi adattandoli alle proprie esigenze. ESERCITAZIONI PER LO SVILUPPO DELLA SOVRAPPOSIZIONE Figura 1: come descritto in precedenza vengono rappresentati i tipi di sovrapposizione; nel rettangolo A viene illustrata la sovrapposizione a due giocatori con il rosso che passa palla al blu e passandogli dietro le spalle attacca lo spazio vuoto, con il blu che chiude la sovrapposizione con il passaggio di ritorno al rosso. Nel rettangolo B invece la sovrapposizione è a tre giocatori con il sostegno, giocatore rosso gioca palla al compagno blu che scarica al giallo che arrivando a sostegno (dietro la linea della palla) chiude la sovrapposizione passando al rosso che nel frattempo corre dietro le spalle del blu. Stessa tipologia nel rettangolo C con la variante che il terzo giocatore arriva in appoggio (sopra la linea della palla). Una delle prime esercitazioni da far svolgere ai propri giocatori potrebbe essere la famosissima treccia mai accantonata dalla maggior parte degli allenatori, molto utile anche come esercizio di riscaldamento può essere prima svolto con le mani e successivamente con i piedi aumentando gradualmente l intensità. L esercizio si svolge: conduzione della palla a tre giocatori con movimento a treccia, chi passa la palla prosegue con una corsa alle spalle di chi riceve palla. Figura 2: sovrapposizione a 2 giocatori; esercitazione molto interessante soprattutto per la sua progressione la sovrapposizione

4 didattica nel passare dalla sovrapposizione a due giocatori a quella a tre con l appoggio e il sostegno. Si tratta dell esercitazione a rombo proposta da Valter Bonacina nella sua tesi finale del Corso Master di Coverciano. Sugli angoli di un rombo (30 mt x 20 mt) si dispone 8 giocatori, il giocatore blu esegue il passaggio al giocatore rosso che si smarca con un movimento corto lungo, controlla palla a seguire verso l interno del campo per ripassarla al compagno blu inseritosi in sovrapposizione. Il blu ricevuto palla la porta in guida rimettendosi in coda nel vertice opposto per effettuare la stessa esercitazione dalla nuova postazione. L esercizio si svolge a rotazione facendo lavorare anche i rossi per la sovrapposizione, effettuando il lavoro sia in senso orario che antiorario. Serie e ripetizioni dell esercitazione sono a discrezione dell allenatore. Figura 3: sovrapposizione a tre giocatori con appoggio; stessa procedura dell esercitazione precedente con la variante che aumentano i giocatori, diventando 12 (aggiunti i verdi); il blu passa la palla al rosso che dopo aver effettuato un contro movimento lungo corto controlla la palla a seguire verso l interno del campo ed appoggia la palla ad un giocatore verde che esegue un passaggio al giocatore blu inseritosi in sovrapposizione. Il blu ricevuto palla la porta in guida nel vertice opposto da dove è partito per effettuare la stessa esercitazione dalla nuova postazione. Come nell esercitazione precedente il mister curerà la rotazione dei ruoli. Figura 4: sovrapposizione a 3 giocatori con sostegno; sempre con 12 giocatori, il blu passa la palla al rosso che dopo aver effettuato un movimento a smarcarsi lungo corto, controlla la palla giocandola al compagno verde che arriva a sostegno, il quale dopo aver effettuato un movimento di marcamento, esegue un passaggio al blu inseritosi in sovrapposizione. Il blu ricevuto palla la porta in guida nel vertice opposto da quello di partenza pronto ad effettuare la stessa esercitazione. Come nell esercitazione precedente il mister curerà la rotazione dei ruoli. In queste esercitazioni molto interessanti si può notare come vengono allenate le capacità tecniche e tattiche individuali, in particolare il passaggio, la ricezione orientata, lo smarcamento e la guida della palla. In una squadra con un buon tasso tecnico questo tipo di esercizio potrebbe diventare molto utile anche come riscaldamento tecnico, ovviamente facendo molta attenzione all intensità nel svolgere l esercitazione e soprattutto che una frequenza molto alta di errori non rallenti troppo l esercitazione. Le prossime esercitazioni saranno di tipo situazionale, partendo da situazioni molto semplificate per arrivare ad altre più complesse con reparti interi. Figura 5: sovrapposizione a 2 giocatori con cross e conclusione e rete; situazione di 2>0, il giocatore blu gioca palla al compagno rosso che effettua un contro movimento e riceve orientandosi verso l interno del campo puntando il cono giallo che funge d avversario. Il giocatore rosso verticalizza per il blu inseritosi alle sue spalle effettuando una sovrapposizione, il blu controllata palla in corsa esegue il cross per lo stesso rosso che nel frattempo si è inserito all interno dell area, girando attorno al paletto più lontano, andando così incontro al cross del compagno. Progressione didattica dell esercitazione: inserimento di un avversario al posto nel cono giallo, inizialmente passivo e poi attivo, affrontando e temporeggiando sull avversario rosso e poi seguendolo all interno dell area di rigore con il compito di non farlo concludere. Figura 6: sovrapposizione a 3 giocatori con appoggio e conclusione a rete dopo il cross; situazione di 3>0, stessa procedura dell esercitazione precedente con l inserimento di un terzo compagno (attaccante la sovrapposizione

5 verde), blu gioca palla al giocatore rosso che nel frattempo si è smarcato eseguendo un movimento lungo corto, il quale orienterà la palla verso l interno del campo giocandola sull appoggio del giocatore verde, che a sua volta indirizzerà la palla sullo spazio attaccato grazie alla sovrapposizione dal giocatore blu. All interno dell area per ricevere il cross del giocatore blu andranno il giocatore rosso che girerà dietro al paletto più lontano per poi attaccare il primo palo e il giocatore verde che al contrario girerà davanti al primo paletto attaccando di conseguenza il secondo palo. Progressione didattica dell esercitazione: situazione di 3>1 e 3>2, inizialmente viene inserito un difensore al centro dell area di rigore che si muoverà passivamente e poi attivamente con il compito di trovare la posizione più corretta per non far concludere a rete i due attaccanti (verde e rosso). Stessa cosa inserendo un secondo difensore all interno dell area, dividendosi la marcatura dei due attaccanti. Figura 7: sovrapposizione a 3 giocatori con sostegno per la conclusione a rete dopo il cross; situazione di 3>0, come nella precedente esercitazione con la variante che si aggiunge un quarto giocatore (centrocampista arancio), blu gioca palla al giocatore rosso che nel frattempo si è smarcato effettuando un movimento lungo corto, il quale orienterà la palla verso l interno scaricando al giocatore viola che di prima intenzione giocherà in verticale sullo spazio attaccato grazie alla sovrapposizione dal blu, nel frattempo i due giocatori che dovranno ricevere il cross del giocatore blu si muoveranno in questo modo: il giocatore rosso andrà ad attaccare il primo palo dopo aver girato attorno al paletto più lontano, invece il giocatore verde dopo aver effettuato il movimento per dare l appoggio non concretizzato corre girando attorno al primo paletto per poi attaccare il secondo palo. Progressione didattica dell esercitazione: situazione di 3>1 e 3>2, stessa procedura dell esercitazione precedente, inserendo prima un difensore all interno dell area di rigore e poi un secondo difensore. Figura 8: sovrapposizione a 2 o 3 giocatori con sostegno o appoggio in situazione di gioco di 6>0; all interno di una metà campo, sei giocatori suddivisi in 4 centrocampisti e 2 attaccanti (disposizione come un 4-4-2), hanno il compito di concludere a rete tramite azioni nelle quali siano presenti sovrapposizioni dei centrocampisti realizzata a due o tre giocatori. Progressione didattica dell esercitazione: situazione di 6>2, 6>3 e 6>4, stessa procedura dell esercitazione precedente, inserendo prima due avversari (2 centrali difensivi), poi tre (aggiunta di un terzino) ed infine il quarto (altro terzino). Figura 9: sovrapposizione a 2 o 3 giocatori con sostegno o appoggio in situazione di gioco di 8>4; in una trequarti campo, si schiera la squadra in attacco composta da 8 giocatori, suddivisi in: due terzini, 4 centrocampisti e 2 attaccanti (disposizione come un 4-4-2), contro 4 difensori. Gli attaccanti hanno il compito di concludere tramite azioni nelle quali siano presenti sovrapposizioni dei la sovrapposizione

6 centrocampisti o degli esterni bassi. Lavorando sulle catene esterne (esterno alto, centrocampista centrale ed esterno basso). Progressione didattica dell esercitazione: situazione di 8>6, stessa procedura dell esercitazione precedente, inserendo due centrocampisti centrali nella squadra in inferiorità numerica. Figura 10: possesso palla 8>8 per lo sviluppo della sovrapposizione; due squadre composte da 8 giocatori si affrontano all interno di un campo 40x40 con una zona meta in ogni lato del quadrato. L obiettivo del gioco è quello di sviluppare una sovrapposizione a 2 o 3 giocatori in una zona di meta, il punto è valido quando il giocatore che conclude la sovrapposizione deve ricevere palla sulla corsa in zona meta. Figura 11: partita a tema 6>6 + 1>1 sugli esterni per lo sviluppo della sovrapposizione; due squadre composte 6 giocatori si affrontano all interno di un campo 50x30, con due giocatori all interno delle corsie laterali. Nelle corsie laterali i due avversari si affrontano in un 1>1 con la possibilità della squadra in possesso palla di creare una situazione di superiorità numerica inserendo un secondo giocatore in sovrapposizione che si svilupperà o a 2 giocatori o a 3 con appoggio e sostegno. L obiettivo del gioco è quello di fare gol aprendo lo sviluppo del gioco, per riuscire a crossare al centro e concludere al volo (testa o piede). Figura 12: partita a tema 8>8 conquista della zona difensiva con lo sviluppo della sovrapposizione; due squadre composte da 8 giocatori si affrontano in un campo diviso in 3 zone, due difensive (dalla trequarti campo difesa alla porta)è una centrale. La partita si svolge all interno di quella centrale, ogni squadra in possesso palla deve conquistare la zona difensiva avversaria sviluppando azioni dove sono effettuate sovrapposizioni a 2 o 3 giocatori. Gli attaccanti, conquistata la zona difensiva grazie ad una sovrapposizione, hanno l obiettivo di segnare con conclusione al volo (testa o piede) dopo un cross dal fondo. La squadra in fase difensiva non può entrare nella zona difensiva. Le esercitazioni proposte come detto in precedenza vogliono essere solo un esempio pratico di come sviluppare una progressione didattica della sovrapposizione Di seguito per completare il lavoro sulla sovrapposizione saranno illustrati dei fotogrammi dove saranno evidenziate le sovrapposizioni fin qui spiegate e analizzate, potendo avere degli esempi pratici su come sono sviluppate in partita le situazioni proposte in precedenza. Ovviamente i fotogrammi rappresentano azioni svolte da squadre di serie A specifico dall ACF Fiorentina nella stagione in corso, a significare che si parla di calcio professionistico dove si lavora sul campo più tempo di quello che fanno allenatori e giocatori di settore giovanile. Adeguando e preparando esercitazioni e sedute in maniera specifica per le caratteristiche del proprio gruppo, anche nei settori giovanili dilettantistici si la sovrapposizione

7 potranno ottenere grosse soddisfazioni e ottimi risultati. Ricordando sempre che l obiettivo primario del settore giovanile rimane sempre, pur cambiando e aggiornando i metodi, la formazione del giovane calciatore. DIMOSTRAZIONI PRATICHE DI SOVRAPPOSIZIONI In queste sequenze fotografiche saranno illustrate varie situazioni di sovrapposizioni sia a 2 che a 3 giocatori, la squadra in questione è la Fiorentina di mister Prandelli che personalmente ritengo una delle formazioni della massima serie più organizzate dal punto di vista tattico. In questa stagione la squadra viola si dispone in campo con un iniziale 4-3-3, che durante la partita è spesso modificato dal movimento dei suoi protagonisti, come riferimento a quello che si è detto nella prima parte dell articolo, nel caso specifico il lavoro svolto dai due esterni difensivi viola creano in molti casi situazioni di superiorità numerica in fase offensiva. Prima sequenza fotografica: sovrapposizione a due giocatori; la situazione di gioco inizia con palla al metodista in zona centrale del campo, i due protagonisti della sovrapposizione sono evidenziati da un cerchio rosso (foto 1), la palla viene giocata all esterno d attacco destro, in questo momento comincia la corsa in sovrapposizione alle spalle del compagno da parte dell esterno basso difensivo (foto 2). L esterno alto con una ricezione a seguire si Inizio della sovrapposizione a 2 giocatori accentra portandosi verso l interno del campo e puntando il diretto avversario creando lo spazio per l inserimento dell esterno basso, nel momento in cui l esterno basso a guadagnato campo e si trova quasi in linea con il possessore di palla che la gioca in profondità (foto 3). L esterno basso liberatosi in sovrapposizione grazie al passaggio in profondità dell esterno alto che è riuscito ad attirare su di lui l attenzione degli avversari (foto 4) può effettuare il cross per le due punte all interno dell area (foto 5). Ricezione verso l interno del campo dell esterno alto Esterno alto che punta l avversario e crea lo spazio Passaggio in profondità nella corsa dell esterno basso Esterno basso al cross per i due attaccanti la sovrapposizione

8 Seconda sequenza fotografica: sovrapposizione a 3 giocatori con appoggio; la situazione di gioco inizia con palla al metodista in zona centrale del campo, i tre protagonisti della sovrapposizione sono evidenziati da un cerchio rosso e linea blu (foto 6), la palla viene giocata all esterno d attacco destro, ricevuta palla si accentra (foto 7) giocando in verticale sull interno di centrocampo alzatosi nel momento dell apertura del metodista. L interno di centrocampo riceve palla spalle alla porta sotto pressione dell avversario (foto 8), riuscendo lo stesso ad appoggiare per l inserimento in sovrapposizione dell esterno difensivo destro, l esterno alto invece si muove centralmente andando all interno dell area di rigore (foto 9). Successivamente l esterno basso destro effettuerà un cross per il movimento dei due attaccanti. Inizio della sovrapposizione a 3 giocatori con appoggio Ricezione verso l interno del campo dell esterno alto Appoggio dell interno di centrocampo per l esterno basso Esterno basso al cross dopo sovrapposizione Seconda sequenza fotografica: sovrapposizione a 3 giocatori con sostegno; la situazione di gioco inizia con palla all esterno basso sinistro, gioca in verticale lungo linea sull esterno alto (foto 10) che spalle alla porta gioca di sponda per l interno di centrocampo andato a sostegno (foto 11), la riuscita della sovrapposizione dell esterno basso non si concretizza per il movimento sbagliato dell esterno alto (foto 12) che invece di accentrarsi (linea rossa) e portare via il diretto avversario creando lo spazio per l inserimento del compagno in sovrapposizione rimane largo (linea blu) ricevendo il passaggio dell interno portando via palla al compagno (foto 13). Inizio della sovrapposizione a 3 giocatori con sostegno Esterno alto che gioca sul sostegno dell interno la sovrapposizione

9 Interno che verticalizza per l inserimento dell esterno basso Sovrapposizione non concretizzata Capita spesso nel settore giovanile ma forse anche nel calcio dei grandi, vedere giocatori arrabbiarsi con i propri compagni dopo aver effettuato una corsa in sovrapposizione senza ricevere palla, credendo di meritare il passaggio del compagno. Nella successiva e ultima illustrazione fotografica viene appunto rappresentata una situazione simile, grazie al movimento di un giocatore in sovrapposizione la squadra è riuscita a penetrare nell area di rigore avversaria e realizzare il gol. Terza sequenza fotografica: sovrapposizione per attirare l avversario; la situazione di gioco inizia con palla all interno di centrocampo sinistro che avanza palla al piede, con l esterno basso che comincia ad alzarsi andando ad attaccare lo spazio libero davanti a lui (foto 14), l avversario evidenziato in blu temporeggia al limite dell area trovandosi in una situazione di inferiorità numerica (foto 15), l avversario decide di seguire il movimento dell esterno basso (foto 16) che non viene ovviamente servito dall interno di centrocampo che può penetrare all interno dell area di rigore (foto17), successivamente nella stessa azione verrà realizzato il gol. Inizio della sovrapposizione a 2 giocatori Avversari che temporeggia in situazione di inferiorità Esterno basso che sposta l avversario Interno liberato grazie alla sovrapposizione del compagno la sovrapposizione

10 In conclusione si vuole ribadire che le illustrazioni fotografiche vogliono solo essere degli esempi pratici sul tema analizzato precedentemente. In questo articolo è stato affrontato uno degli sviluppi di tattica collettiva, ricordandosi sempre che il giocatore che arriva ad affrontare tematiche sulla tattica collettiva dovrà prima di tutto lavorare individualmente, migliorando il proprio bagaglio tecnico e tattico. In un articolo pubblicato dal Notiziario del Settore Tecnico veniva analizzato il calcio giovanile in Europa, evidenziando l attenta ed efficace organizzazione a livello giovanile di paesi come l Olanda o la Spagna. L obiettivo principale di questi paesi è la formazione del giovane calciatore, lavorando in maniera precisa e specifica su obiettivi programmati e ben pianificati. Formazioni professionistiche di alto livello come il Barcellona o il Real Madrid possono vantarsi di avere nel proprio organico un buon numero di giocatori cresciuti nel proprio vivaio a dimostrazione che credono molto nel calcio giovanile. Di seguito viene riportato parte di un intervista fatta ad un tecnico spagnolo, tratta da un articolo della rivista IL NUOVO CALCIO, riguardo gli obiettivi che si pongono i settori giovanili spagnoli: Ogni settore giovanile in Spagna, produce giocatori per la prima squadra, cosa che non sempre avviene in Italia, il Barcellona su 22 atleti in rosa almeno 10 provengono dal vivaio e di questi 4 o 5 giocano titolari Forse più programmazione e meno ossessione del risultato, aiuterebbe molto di più la crescita futura dei nostri ragazzi. Bibliografia: Articoli tratti dalla rivista Il Nuovo Calcio Articoli tratti dalla rivista Notiziario del Settore tecnico ANDREA PAGAN - nato a Chioggia (VE) il Allenatore di Base diploma B UEFA codice personale Settore Tecnico N attualmente tecnico Juniores Regionali del Sottomarina Calcio - la sovrapposizione

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio guida + passaggio Dividere i giocatori in gruppi di 6 o più.

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007)

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) (Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) ATTACCO ALLA UOMO BASATO SU PRINCIPI DI GIOCO COLLETTIVO - Quello che gli americani chiamano Reading Offense, cioè Attacco basato sulla

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente ATTIVITA' DI BASE Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti, che per questa stagione sportiva si sintetizzano

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" - 2010 "4c4: un gioco

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

all Uno ESPERIENZE DALL ESTERO

all Uno ESPERIENZE DALL ESTERO Uno all ESPERIENZE DALL ESTERO Non si tratta di un nuovo acquisto per la prima squadra, ma di un iniziativa del settore giovanile nerazzurro volta a migliorare gli aspetti metodologici e didattici grazie

Dettagli

Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia

Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia PROPOSTE ESEMPLIFICATIVE DI UNITÀ DI LAVORO PER LA FORMAZIONE DEL GIOVANE CALCIATORE di Biagio Savarese* Nel contesto dei corsi periferici Uefa B per l abilitazione ad allenatori di giovani e dilettanti

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 La manifestazione è riservata alla categoria Pulcini - nati nel 2004-2005-2006(che abbiano compiuto l ottavo anno).sarà svolta presso uno stadio,scelto tra le cinque

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Comito Date N Players 10 Where Torino Conduzione N TG 53 Conduzione veloce verso Sec Conduzione con cambi di direzione Giochi individuali con mani e piedi in uno spazio delimitato. Lanci e prese.

Dettagli

Allenare il possesso palla con le partite a tema.

Allenare il possesso palla con le partite a tema. N.30 APRILE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE

Dettagli

ISTRUTTORI DI SCUOLA CALCIO SGS

ISTRUTTORI DI SCUOLA CALCIO SGS CORSO CONI-FIGC ISTRUTTORI DI SCUOLA CALCIO SGS Lombardia delegazione Lodi Il Tiro in Porta Tesi di Schipani Fabio s.s 2011-2012 - Introduzione - 5 giochi spiegazione varianti - Conclusioni finali Pagina

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO

I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tattica Capacità di Gioco I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT I GIOCHI DI POSIZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso.

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso. GUID DELL PLL 1 1 2 2 GUID DI PLLONI DIVERSI 4 giocatori posizionati con la palla sul vertice di un quadrato di 15 mt di lato, partono in guida della palla verso il vertice seguente dove lasciano la propria

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 INDICAZIONI GENERALI (Categoria e ) Nelle attività del nuovo progetto tecnico, il numero dei giovani coinvolti è sempre di 14 giocatori per squadra () e 12 giocatori per

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC Calcio a 5 : campionati nazionali LEGA SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE PRO TECNICO SGeS A A2 B A femminile Under 21 FUTSAL COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE COMMISSIONE

Dettagli

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail. corso allenatori livello Mezzocorona settembre 000 Bressanone dicembre 000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.it Campo Tures maggio 001 il contropiede pagina 1 M. Leimgruber Il

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC LEGA PRO SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE TECNICO SGeS COMMISSIONE CALCIO A 5 CORSI REGIONALI UNDER 8 UNDER 10 COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE CORSO CENTRALE

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus.

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus. Per determinare il risultato delle partite si calcola il punteggio totale di ogni squadra e lo si converte in gol equivalenti in base ad opportune fasce di punteggio che definiremo elastiche. Il significato

Dettagli

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa)

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa) 20/08/2012 Preparazione precampionato categoria giovanissimi 1 settimana -10 minuti di corsa lenta - 5 allunghi sui 30 mt con recupero di 20 secondi dopo ogni allungo - 30 minuti di tecnica ( passaggi

Dettagli

Coach MARCO RAGINI. Metodologie e sviluppi situazionali di TECNICA/TATTICA CALCISTICA. U.E.F.A. PRO License Settore Tecnico F.I.G.C.

Coach MARCO RAGINI. Metodologie e sviluppi situazionali di TECNICA/TATTICA CALCISTICA. U.E.F.A. PRO License Settore Tecnico F.I.G.C. Coach MARCO RAGINI Metodologie e sviluppi situazionali di TECNICA/TATTICA CALCISTICA U.E.F.A. PRO License Settore Tecnico F.I.G.C. 17/10/11 (Lezione 1) L allenatore nell ambito dello spogliatoio deve incidere

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011

ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011 ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011 ATTIVAZIONE INDIVIDUALE CON PREP.FISICO. Durata: 15 min Es.1: 1 C 1 CON DEF GUIDATA. Durata: 15 min 1 sprinta in post alto, riceve da 2, fronteggia canestro e : partenza

Dettagli

divertire USCITA ALTA

divertire USCITA ALTA INTRODUZIONE In questo mio piccolo e modesto pensiero di lavoro, vorrei farvi partecipi della mia realtà (oppure da condividere), dove essendo l unico nella mia zona che si preoccupa della cura tecnica

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2015 SOCIETA PARTECIPANTI - ZOLA PREDOSA VIA GESSO 26 - DOMENICA 24 maggio 2015 Il Settore Giovanile e Scolastico del Comitato Regionale Emilia Romagna si congratula per il

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

Il Rugby in 5 minuti

Il Rugby in 5 minuti FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY Il Rugby in 5 minuti a cura della 3^ edizione 2009-10 IL TERRENO Il Terreno è la superficie totale di gioco, indicata nella pianta. Esso comprende: Il Campo di Gioco è l area

Dettagli

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio US Albinia Programmazione attività stagione 2011 2012 Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012 A. CATEGORIA ESORDIENTI (1999 2000) Allenatore: Luciano FUSINI (All. Base) A.1 Attività Federale

Dettagli

LA MIA IDEA DI CALCIO

LA MIA IDEA DI CALCIO SETTORE TECNICO F.I.G.C. ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO CORSO ALLENATORE DI BASE UEFA B 2013-2014 MATERIA: TECNICA E TATTICA LA MIA IDEA DI CALCIO (PRINCIPI DI GIOCO) RELATORE: PROF. ADRIANO CADREGARI

Dettagli

Attaccare con il modulo 4-2-3-1: gli sviluppi offensivi del Manchester United.

Attaccare con il modulo 4-2-3-1: gli sviluppi offensivi del Manchester United. articolo N. NOVEMBRE 200 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Calcio

Quaderno d'allenamento G+S Calcio Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport Macolin 30.261.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Calcio UFSPO 2532 Macolin La base: la fiducia La fiducia è l elemento

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

ATTIVITA PROMOZIONALE 2014/2015

ATTIVITA PROMOZIONALE 2014/2015 ATTIVITA PROMOZIONALE 2014/2015 MANIFESTAZIONI PROVINCIALI E REGIONALI MINI-HANDBALL / GIOCHI PROPEDEUTICI / PALLAMANO / MINI BEACH CATEGORIA UNDER 6 Gioco base 4+1 Palla Re Mini Beach CATEGORIA UNDER

Dettagli