SDN e NFV: quali sinergie?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SDN e NFV: quali sinergie?"

Transcript

1 48 Usa il tuo smartphone per visualizzare approfondimenti multimediali SDN e NFV: quali sinergie? Luigi Grossi, Eugenio Maffione, Giancarlo Marasso, Simone Ruffino

2 49 Le funzionalità di controllo e i servizi di rete sono oggi realizzati tramite dispositivi hardware proprietari. Inoltre il lancio di un nuovo servizio e l aggiornamento di uno esistente spesso richiedono un intervento fisico sulla rete, con impatti importanti in termini di time-to-market e costi. La NFV ( Functions Virtualisation) si propone di affrontare questi aspetti, facendo leva sulle tecnologie di virtualizzazione IT per consolidare apparati e funzionalità di rete su server standard e fornendo nel contempo una maggior flessibilità operativa. 1La virtualizzazione delle funzioni di rete La virtualizzazione delle funzioni di rete, nota come NFV, introduce un sostanziale cambio di paradigma nel modo i cui vengono realizzate le reti di telecomunicazioni, spezzando il legame tra hardware e software. Con NFV le funzionalità di rete (e.g. PCRF, AAA, DPI, GGSN) diventano infatti applicazioni software, denominate VNF VNF (Virtual Function), che l Operatore può istanziare su server COTS (Commercial Off- The-Shelf), ad esempio i classici blade system, sfruttando le tecnologie di virtualizzazione. Ciò viene realizzato tecnicamente tramite l utilizzo su ogni server di un livello di astrazione (denominato hypervisor), che permette di creare più server virtuali VM (Virtual Machine) sullo stesso server fisico (vedi la Figura 1). Le funzionalità di una VNF quindi vengono tipicamente realizzate attraverso moduli software in esecuzione su una o più VM, che possono svolgere compiti diver- VNF VNF VNF Compute ing Physical Machine Figura 1 - Modello di riferimento per NFV Storage si (e.g. load-balancing, processing della segnalazione, routing del traffico dati) e possono a loro volta essere istanziate su uno o più server fisici. Il meccanismo è analogo a quanto avviene oggi per i servizi IT in esecuzione su piattaforme di cloud computing, con la differenza che le VNF possono Esempi di applicazioni PDN/Serving GW MME e/o SGSN HSS DPI e/o firewall IMS/MMTel Policy Manager BRAS AAA DNS... VM #1 VM #2 Other VMs Hypervisor (e.g. VMWare) Server general purpose (e.g. x86) richiedere opportune ottimizzazioni sull hardware per soddisfare i requisiti di ritardo, scalabilità, ridondanza geografica e gestibilità tipici delle reti di telecomunicazioni. L impiego delle tecniche di virtualizzazione permette di rendere il software indipendente dal har-

3 50 dware sottostante, le cui specificità vengono mascherate dal sistema di virtualizzazione. Questo consente di: ottimizzare l uso delle risorse attivando sullo stesso server fisico più server virtuali che implementano diverse tipologie di servizio, in modo da sfruttare appieno la capacità disponibile e ridurre il consumo energetico; ampliare o ridurre in modo dinamico la capacità allocata in base al carico effettivo. Ciò può essere ottenuto incrementando o riducendo le risorse assegnate ad ogni VM o variando il numero delle VM che realizzano una specifica funzione; garantire alta affidabilità, in quanto a fronte di un malfunzionamento hardware le VM possono essere spostate da un server fisico all altro; riconfigurare la topologia della rete in tempo quasi reale per ottimizzarne le prestazioni e/o estenderne la distribuzione locale; ridurre significativamente TCO (Total Cost of Ownership) e Time-to-Market, sfruttando la maggiore agilità e flessibilità offerta da questa tecnologia. Occorre altresì segnalare alcuni punti di attenzione per l Operatore: le VNF non possono essere un semplice porting del software oggi utilizzato su hardware proprietario, ma vanno progettate per funzionare in ambiente cloud e sfruttarne appieno le caratteristiche; l Operatore si deve dotare di una piattaforma di orchestrazione per automatizzare la gestione del ciclo di vita delle VNF, al fine di evitare interventi manuali sulle VM e sull infrastruttura sottostante. È inoltre necessario che la piattaforma di orchestrazione interoperi con VNF di Vendor diversi; alcune componenti software sono già disponibili come open source e sono utilizzate in molti ambiti di produzione, anche in virtù del fatto che la loro apertura garantisce una maggiore protezione dai vendor lock-in rispetto alle soluzioni proprietarie. Non è da escludere che progetti simili siano avviati anche per la piattaforma di orchestrazione e che gli operatori possano avere un ruolo attivo; a differenza di quello che accade oggi la piattaforma hardware diventa comune a diverse funzionalità di rete e ciò potrebbe richiedere una revisione dei processi ed una diversificazione dei ruoli organizzativi. Le iniziative di standardizzazione ed il 2 ruolo dell open source Nel novembre 2012 un gruppo di Operatori, tra cui Telecom Italia, ha proposto la creazione di un gruppo di lavoro per incentivare l utilizzo della virtualizzazione nell industry. Da questa iniziativa è stato creato l ETSI ISG (Industry Specification Group) NFV ( Functions Virtualization) con durata biennale e l obiettivo di definire use case, requirement e un architettura di riferimento. Tale architettura, illustrata in Figura 2, introduce i diversi domini nei quali si divide una rete NFV: Infrastruttura, che comprende le risorse fisiche e quelle virtuali rese disponibili dallo strato di virtualizzazione; Virtual Functions, che comprende l insieme delle macchine virtuali che realizzano la funzione di rete o il servizio virtualizzato; Management and Orchestration, che comprende i tool necessari alla gestione degli altri domini. Il gruppo ha visto nel corso del 2013 una notevole crescita del numero di partecipanti dai 52 di Gennaio 2013 ai 184 di Febbraio 2014 dimostrando che l interesse per la tematica è alto. Nel corso del 2013 sono stati anche avviati numerosi PoC (Proof-of-Concept) con l obiettivo di dimostrare la fattibilità della virtualizzazione, coprendo molti degli use case definiti da ETSI. Alcuni sono stati dimostrati in occasione del Mobile World Congress di Barcellona ed altri lo saranno durante i principali eventi relativi ad NFV. Una sessione speciale dedicata ai PoC ETSI è prevista per il SDN World Congress di Düsseldorf in Ottobre. Inoltre è da segnalare che, sempre nell ambito delle aziende che partecipano al gruppo ETSI NFV, si sta formando un consorzio partecipato da Operatori e Vendor per la definizione di una Piattaforma NFV Open Source guidato dalla Linux Foundation. L obiettivo è quello di contribuire, a partire dai progetti open source già esistenti, alla realizzazione di una piattaforma di riferimento per NFV che recepisca i requisiti definiti in ETSI per la realizzazione di funzioni NFV Carrier Grade. Il focus iniziale sarà sul livello di virtualizzazione ed il relativo manager VIM (Virtual Infrastructure Manager), ma non è escluso che il consorzio, una volta formato, decida di inserire nel progetto anche una parte focalizzata sull orchestratore.

4 51 OSS/BSS Virtual Functions EMS#1 EMS#2 EMS#3 VNF#1 VNF#2 VNF#3 NS Catalogue VFV Instances Orchestrator VNF Manager(s) VFVI Resources VNF Catalogue Infrastructure Virtual Computing Virtual Storage Virtual Computing Hardware Virtualisation Layer Storage Hardware Hardware Resources Hardware Virtualised Infrastrutture Manager NFV Management and Orchestration Figura 2 - Architettura di riferimento per NFV 3Le tecnologie a supporto della NFV 3.1 Le CPU e l Hypervisor L'attuale generazione di server industry-standard offre CPU x86 multi-core, con numero di core sempre più crescente all evolvere della tecnologia. Questa potenza di calcolo viene sfruttata dalle architetture Cloud Computing per consolidare più carichi elaborativi sullo stesso hardware. Ciò è reso possibile dall utilizzo degli hypervisor, programmi software che consentono di presentare le risorse hardware a più istanze di VM (Virtual Machine), in modo che ciascuna di queste istanze possa essere utilizzata come un computer dedicato, con propri processori, memorie, reti, sistema operativo, ecc. Questa capability è realizzata sui processori commerciali (es. architettura X86) modificando opportunamente i Processing Mode, in modo che l hypervisor possa prendere il controllo del sistema con poteri superiori rispetto a quelli del sistema operativo stesso. Le moderne CPU, inoltre, forniscono livelli di privilegi di esecuzione che garantiscono che la singola VM non possa danneggiare l esecuzione delle altre macchine virtuali che condividono le stesse risorse fisiche, né possa interferire con i processi del sistema ospitante. Le piattaforme hardware e gli hypervisor sono i principali building blocks del dominio Infrastructure rappresentato in Figura Il Cloud Management System Al crescere del numero di server fisici su cui risiedono gli hypervisor è necessario prevedere un ulteriore livello di astrazione che consenta di vedere un insieme di macchine fisiche come un unico pool di risorse.

5 52 Il compito del CMS (Cloud Management System) è appunto quello di consentire, attraverso una console di gestione, di creare, attivare, migrare, sospendere o spegnere le VM, di distribuire i workload a seconda della disponibilità delle risorse e di configurare la connettività tra le applicazioni in relazione alle esigenze dei servizi che esse implementano. Il livello di servizio abilitato da un CMS è di tipo infrastrutturale IaaS (Infrastructure as a ) e i risparmi di costi operativi derivanti dagli automatismi forniti da un CMS rappresentano uno dei grandi vantaggi promessi da NFV. Sul mercato sono presenti diverse soluzioni di CMS, sia nell ambito di prodotti commerciali sia nell Open Source. Tra queste ultime assume particolare rilevanza OpenStack, progetto originariamente promosso da Rackspace e NASA e con oltre 200 società che si sono unite al progetto tra cui AT&T, AMD, Cisco, Dell, EMC, Ericsson, F5, HP, IBM, Intel, NEC, NetApp, Red Hat, SUSE, VMware, Oracle e Yahoo! OpenStack ha un architettura modulare, rappresentata in Figura 3 ed estendibile a plugin. Esso consente di gestire sia hypervisor (KVM, XEN, Vmware, Hyper-V e Linux container), sia bare metal e supporta, in ottica multi-tenant, la definizione di utenti con ruoli e autorizzazioni differenti. Il Cloud Management System costituisce, all interno dell Architettura ETSI di Figura 3, uno degli elementi principali del dominio di Management and Orchestration, ricoprendo il ruolo del Virtualised Infrastructure Manager. 3.3 L orchestrazione delle risorse Nell ambito NFV, la complessità e i requisiti delle funzioni da virtualizzare, la loro distribuzione geografica e la garanzia del rispetto dei livelli di servizio richiedono la presenza di un ulteriore elemento di controllo, che si occupi della gestione dell intero ciclo di vita delle VNF, rispetto all infrastruttura sottostante esposta dai CMS/ VIM, e fornisca tutti gli automatismi e gli strumenti necessari a gestire scalabilità e fail. Questa attività di coordinamento viene chiamata Orchestrazione e comprende i moduli Orchestrator e VNF Manager dell architettura ETSI di Figura 3. Essi complessivamente indirizzano, tra gli altri, i seguenti aspetti: s Instantiation: automatizzazione dell intero ciclo di vita delle VNF (deployment and post deployment) e procedure automatiche per assicurare high availability e fail-over; Component Monitoring: monitoraggio delle macchine virtuali che eseguono le VNF e monitoraggio applicativo (Application Performance Management) per lo stato di salute delle VNF; SLA Management: strumenti per la definizione degli SLA associati all esecuzione delle VNF e definizione di Alert in caso di violazione; Elastic Scaling: definizione di policy di Scaling-out, ovvero di Figura 3 - Moduli componenti di OpenStack Dashboard (Horizon) Compute (NOVA) Image (GLANCE) Object Storage (SWIFT) ing (QUANTUM) Block Storage (CINDER) Identity (Keystone)

6 53 aggiunta di nuove istanze di VNF a fronte di un maggior carico, o di Scaling-in, ovvero riduzione delle stesse a fronte di una riduzione del carico; Software Upgrade: gestione delle fasi di aggiornamento, anche a caldo, del software di una VNF; Termination: arresto di un servizio e di tutte le VNF quando non è più necessario. L'automazione fornita dall orchestrazione, che evita all Operatore l interazione diretta con i CMS/ VIM, consente di ridurre sostanzialmente i costi operativi e il rischio di errore umano. In prospettiva, un approccio di questo tipo, potrebbe anche essere esteso per abilitare verso la Clientela la fornitura di servizi di rete in modalità self-service e payas-you-go. 3.4 Le nuove tecnologie Carrier Grade In ambito IT le architetture multicore, per le quali è ipotizzata un evoluzione in strati sovrapposti che dovrebbe consentire il proseguimento della validità della legge di Moore oltre i limiti fisici di densità dei chip monostrato, costituiscono il naturale supporto hardware per i sistemi virtualizzati del prossimo futuro. In quest ottica i costruttori hanno iniziato ad integrare nelle nuove CPU funzionalità specifiche per gli hypervisor. Parallelamente, le soluzioni per Data Centre stanno evolvendo verso architetture modulari in rack in cui i moduli, separatamente estraibili a caldo e interconnessi da sistemi ottici, sono visti come un unico sistema di calcolo, aumentando il beneficio di consolidamento delle risorse e consentendo una maggiore affidabilità complessiva. Rispetto a quanto descritto che è già parte di un evoluzione in atto per supportare le soluzioni virtualizzate di IT, si stanno osservando anche due ulteriori trend che indirizzano le specificità dei workload delle VNF, che possono presentare requisiti aggiuntivi rispetto ai requisiti tipici dei workload applicativi (IT) e richiedere pertanto la disponibilità di risorse hardware e software con determinate caratteristiche. In particolare, infatti: le VNF che gestiscono la segnalazione nel livello di controllo della rete, possono includere al loro interno processi che devono essere eseguiti con garanzie di latenza deterministica; le VNF che lavorano sul traffico user plane, devono anche poter ricevere, processare e trasmettere pacchetti di traffico a througput vicini al line rate delle schede fisiche, senza limitazioni dovute ai layer software che virtualizzano l hardware sul quale sono ospitate. I due trend tecnologici che si osservano per affrontare le peculiarità delle VNF riguardano: l hardware: tramite la proposizione di piattaforme Carrier Grade che si differenziano per: a) chipset Communication Oriented per supportare la virtualizzazione dell accelerazione hardware di encryption e compression; b) Card con meccanismi di offloading per lo switching tra VM; c) nuove architetture di processore che rendono minima la differenza tra le prestazioni del processing su piattaforma virtualizzata e quelle di su sistema baremetal COTS dedicato. il software: tramite la customizzazione di sistemi operativi, di derivazione Linux, per fornire, oltre a scheduler di processo ad alta risoluzione ed il supporto al processing real time, anche l esposizione diretta (pass-through) delle caratteristiche hardware dedicate al networking. Tali sistemi operativi Carrier Grade offrono inoltre una serie di caratteristiche aggiuntive per concorrere al raggiungimento degli SLA dei servizi ospitati in grado di supportare l operatività nelle fasi critiche di patching, upgrade e fail (live patching, checkpointing & snapshot, hot swapping, fast migration). L infrastruttura COTS per NFV tende, quindi a differenziarsi, almeno per il momento, rispetto all infrastruttura normalmente utilizzata in ambito IT, dove, da una parte l adozione di hardware network oriented, attualmente più costoso, non porterebbe grande giovamento, in quanto i workload IT sono tipicamente CPU intensive, e dall altra l uso di scheduler ad alta risoluzione si tradurrebbe in un puro spreco di risorse computazionali, in quanto il razionale sottostante per l ambito IT è l oversubscription (ovvero massimo utilizzo dello stesso hardware per gestire il maggior numero di workload) più che l ottimizzazione della latenza di processo. È da ritenere tuttavia che, in futuro, vi sia un appiattimento verso l alto delle caratteristiche hardware e quindi, anche solo per economia di scala, si possa convergere verso una soluzione infrastrutturale comune sia per l ambito IT che NFV, pur restando diverse le caratteristiche utilizzate.

7 54 4 Il posizionamento dei Vendor Il panorama dei vendor che presentano soluzioni che afferiscono al paradigma NFV è molto vasto e comprende: Vendor tradizionali del mondo, attivi nell offerta sia di versioni virtualizzate dei loro prodotti basati oggi su appliance fisiche, sia di soluzioni di orchestrazione dedicate a NFV; Vendor di provenienza IT che dispongono di soluzioni consolidate per l orchestrazione di applicazioni IT e che ora estendono la loro linea di prodotti per coprire anche le peculiarità dell orchestrazione NFV; Startup, che intravedono l opportunità di inserirsi in un mercato ora più aperto ed estremamente promettente, sia nell ambito delle Function, sia in quello delle piattaforme di orchestrazione; Vendor di hardware, con le piattaforme COTS Carrier Grade, orientate alla gestione di workload NFV, che cominciano a supportare anche requisiti ambientali (es. condizionamento, power supply etc.) tipici degli ambienti di Centrale, rilassando quindi quelli più stringenti relativi ai DataCentre IT; Vendor di software infrastrutturale: con i sistemi operativi Carrier Grade, in grado di coprire i requisiti critici di latenza di processing e throughput dei workload NFV. Alcuni vendor stanno fortemente investendo sul tema e hanno attivato programmi volti al consolidamento delle best practices e alla interoperabilità all interno dell ecosistema stesso, mentre altri, più legati a difendere posizioni di mercato tradizionali ormai consolidate, presentano prodotti ancora poco maturi e con roadmap di evoluzione in via di definizione. Tuttavia, l enfasi sempre via crescente da parte di tutti attorno all NFV lascia presupporre che nei prossimi 6-12 mesi la competizione nell offerta di soluzioni NFV mature possa aumentare. 5 I sistemi di gestione nelle VNF L avvento della tecnologia NFV costituisce un forte elemento di discontinuità per l ecosistema di un Operator, soprattutto per i diversi paradigmi funzionali e di gestione che propone e che non potranno non riguardare un accurata revisione dei propri processi e dei sistemi a supporto. Mentre l OSS tradizionale è progettato ponendo al centro l apparato di rete e quindi considerando le problematiche di integrazione ad ogni cambio di versione e modello e i limiti di interazione che si possono manifestare, con NFV il concetto di apparato di rete sostanzialmente scompare, sostituito dalle componenti delle VNF distribuite nel Cloud dove i sistemi di gestione opereranno, oltre che sui tradizionali FCAPS, anche nell ottica real-time per far raggiungere alla rete gli obiettivi di qualità, elasticità e di efficienza della nuova architettura distribuita. Per questa ragione il modello informativo/dati di molti sistemi dovrà evolvere ed indurrà un cambiamento di scenario del panorama OSS costituendo sia una forte innovazione che un elemento di criticità importante, tenendo conto che vi sarà un periodo non breve di coesistenza tra due mondi gestionali diversi, che dovranno garantire insieme l uniformità gestionale e contemporaneamente sostenere i nuovi dettami dell evoluzione della rete. Considerando i due macro processi di Fullfilment e Assurance, il primo di questi contiene un importante sotto processo, Creation, che si occupa del Design & Deployment del servizio e spazia dall ingegnerizzazione del catalogo alla verifica di fattibilità tecnica su base cliente. Con NFV i sistemi di supporto dovranno essere in grado di garantire la fase di Design, tenendo presente la distribuzione nel Cloud e quindi le relazioni tra VNF, infrastruttura e link di connessione, e dovranno essere in grado di simulare in back-office le policy imposte e l impatto su diverse distribuzioni ed attivazioni delle funzionalità di rete virtuali. Ultimata la fase di Design subentrerà il Deployment e l Activation del servizio in Rete e ciò avverrà attraverso l interfaccia Os-Nfvo (Figura 4) con cui avviene il governo dell architettura NFV. Tale interfaccia, ancora in corso di definizione, di fatto costituisce lo strumento per l aggiornamento automatico del catalogo da parte dell OSS-Creation, per la presa in carico dell ordinativo di lavoro ( Order) e per l inoltro all OSS delle informazioni relative alle risorse di rete (NFV, logiche e fisiche) impegnate per un determinato servizio. La Figura 4 illustra lo scenario di integrazione OSS-NFV. Il Fullfilment subirà quindi un forte impatto dall introduzione NFV, non solo a livello di sistemi di supporto, ma anche di processo ed in particolare nella gestione dell ecosistema delle VNF, che eseguite su piattaforma hardware comune,

8 55 OSS Layer FULFILLMENT Design Deployment catalog/inventory Activation Catalog/ Inventory Alignment Order ETF MANO Os-Nfvo NFV Orchestrator (NFVO) NFV Catalog VNF Catalog NFV Instances NFVI Resources NFV-MANO Problem managelent Quality Management Capacity Management Data Analytics, Alarms/QoS Monitoring, Accouting and Usage records EMS Vetn-Vnfm ASSURANCE NFVI Nf-Vi Figura 4 - Integrazione OSS con l architettura NFV dovranno avere una governance centralizzata. Per l Assurance, si evidenziano alcuni processi ritenuti rilevanti nel contesto NFV: il Problem & Quality Management ed il Capacity Management (quest ultimo del tutto nuovo dovuto all introduzione della virtualizzazione in Rete). In questo ambito l impatto dipenderà caso per caso dal ruolo del sistema stesso. In taluni casi sarà minimale e concentrato soltanto sull adeguamento delle interfacce, in altri casi sarà consistente, ma molto dipenderà dalla flessibilità del modello dati dell OSS. Ad esempio ci si attende che i sistemi di monitoraggio abbiano sufficiente flessibilità sia per accogliere che rappresentare i nuovi indicatori NFV, mentre in altri casi, come per i sistemi di troubleshooting, l impatto sarà molto elevato perché occorrerà gestire il nuovo concetto di Graph dell NFV ossia il legame VNF, infrastruttura e link tra VNF. Come illustrato in Figura 4, in ambito Assurance oltre all interfaccia Os-Nfvo occorrerà integrare anche quella rivolta agli EMS (Element Manager) e quella rivolta all infrastruttura di virtualizzazione (NFVI). L effettiva complessità e disponibilità funzionale dell OSS di Assurance dipenderà anche da quanto reso disponibile dal fornitore della tecnologia NFV essendo tali interfacce un ambito al momento non oggetto di standardizzazione. In generale comunque possiamo asserire che l NFV induce un beneficio nel processo di Assurance in quanto l OSS non dovrà più dialogare con gli apparati di rete con tutti i limiti specifici, ma disporrà di interfacce informatiche moderne, che consentiranno più celerità nella gestione di nuovi servizi, un inventory sempre allineato e la disponibilità di informazioni in realtime. Un notevole contributo esterno al raggiungimento dell efficacia gestionale delle NFV crediamo possa giungere anche da quanto prodotto dal Tele Management Forum, che con l Information and Business Process Frameworks potrà contribuire fortemente alla definizione del modello informativo e dei processi di gestione.

9 56 Il SDN e le sue sinergie con la Function Virtualization Il SDN (Software Defined ing) è una proposta di organizzazione dell architettura di rete, in cui lo strato di controllo è disaccoppiato da quello di forwarding e diviene programmabile. Le funzionalità di controllo, finora strettamente legate a dispositivi di rete implementati secondo un approccio monolitico", migrano a tendere verso uno strato di controller SDN o sistema operativo di rete ( OS) separato. I principi di astrazione introdotti dal modello e la definizione di relative interfacce di programmazione API (Appplication Programming Interface) tra gli strati dell architettura mirano a consentire alle applicazioni di definire i servizi di rete tramite una vista logica della rete stessa, astraendo dalle specificità dei singoli dispositivi. La Figura A riporta una vista logica dell architettura SDN, secondo l attuale visione della Open ing Foundation, principale ente impegnato nella definizione di standard per il mondo SDN. L interfaccia tra il controllo e i dispositivi del data plane è costituita, in questo caso, dal protocollo OpenFlow, tuttavia questo protocollo non è l unica possibilità di implementazione della cosiddetta API SouthBound. Lo strato dei controller SDN ha, tra gli altri, il compito di mantenere una vista globale della rete, sollevando le singole applicazioni dall onere di ricostruire la topologia, permettendo loro di concentrarsi sui loro obiettivi specifici, quali ad esempio il calcolo degli instradamenti secondo opportune policy o di percorsi in grado di soddisfare a criteri di traffic engineering. I benefici attesi da un evoluzione verso il paradigma SDN sono da ricercare in una riduzione dei costi dei dispositivi di rete (CapEx), grazie ad una maggiore segmentazione del mercato, e dei costi operativi (OpEx), grazie ad una semplificazione dell architettura di rete e delle procedure di gestione. Inoltre ci si aspetta che la programmabilità dell infrastruttura di rete, attraverso interfacce aperte e standard, consenta di incrementarne la flessibilità e accelerare l introduzione di nuovi servizi. SDN ed NFV rappresentano due approcci complementari, e per molti versi interdipendenti, destinati a trarre beneficio da una loro integrazione nell evoluzione della rete. Non a caso ormai quando si cita uno di questi due modelli, si assume spesso implicitamente una combinazione delle due tecnologie piuttosto che l uso esclusivo di una delle due soluzioni. Mentre il principale obiettivo di NFV è la realizzazione in modalità virtualizzata delle funzionalità di rete, le tecnologie SDN si candidano a giocare un ruolo fondamentale nel fornire all Operatore la flessibilità nel controllo e nella programmazione flessibile della connettivi- Figura A - Architettura SDN (Fonte: ONF, Open ing Foundation) APPLICATION LAYER Business Applications CONTROL LAYER s API API s API INFRASTRUCTURE LAYER

10 57 Edge POP VNF4 VNF4 VNF4 DC Rete Geografica VNF1 VNF2 VNF3 VNF4 Figura B - function chaining tà nella rete sottostante, per combinarle in un architettura di servizio. Infatti, il dispiegamento delle soluzioni NFV richiede di essere supportato da meccanismi potenti ed efficienti per la gestione dinamica della connettività, sia sul piano fisico che virtuale, per collegare tra di loro le funzionalità di rete virtualizzate (VNF: Virtual Function). Questo è il proprio il ruolo a cui la tecnologia SDN si presta naturalmente. Il controllo flessibile e dinamico della connettività e dell inoltro del traffico attraverso la rete può sfruttare la programmabilità introdotta dall architettura, che consente di supportare in modo efficiente e generalizzato i requisiti di policy routing, ovvero la possibilità di controllare il percorso dei flussi di traffico, introducendo le necessarie eccezioni alla logica di default dello shortest path routing. Per queste ragioni, una delle applicazioni di SDN che, ad oggi, rivestono particolare importanza è rappresentata dal service function chaining 1, ovvero dell inserimento sul percorso di forwarding del traffico di un numero di NF ( Function) destinate a svolgere funzioni di servizio (es. firewall, DPI, ecc.). In questo senso SDN rappresenta un ideale complemento ad NFV per definire la connettività tra le funzioni di rete al fine di realizzare il collegamento tra le Function richiesto dall architettura del servizio. Le funzionalità (Figura B) posso essere realizzate da apparati fisici dedicati (NFx) o implementate in forma virtualizzata (VNFx), e possono essere ospitate su server presenti nel POP dell edge di servizio o in data centre di rete. La possibilità di programmare in modo flessibile il percorso dei flussi di traffico attraverso le NF, ovvero di instaurare quello che nell architettura NFV viene definito come network function forwarding graph (NF-FG) è quindi un elemento chiave della soluzione e la tecnologia SDN il modo per realizzarlo, con la possibilità di riconfigurare in modo dinamico e flessibile la connettività se ad esempio nel grafo del servizio deve essere inserita una nuova funzione o se una VNF migra in una diversa locazione di rete. Su questi principi architetturali di integrazione tra SDN ed NFV si registra ormai una convergenza molto ampia dell industria. La flessibilità del modello SDN sembra offrire l approccio adatto alle esigenze di controllo della connettività di rete. Un aspetto su cui invece assistiamo ancora alla proposta di soluzioni tecniche in parte diversificate è relativo all implementazione del forwarding graph nel data plane. Le principali alternative al riguardo infatti consistono nell uso: a) di OpenFlow per programmare le tabelle di forwarding dei dispositivi di rete; b) di meccanismi di tunneling utilizzati tipicamente per creare overlay di servizio sull infrastruttura di rete; c) di nuovi meccanismi di incapsulamento dei pacchetti, quali la tecnica dei NSH ( Header), proposta di recente in ambito IETF (Internet Engineering Task Force). Ognuna delle alternative ha naturalmente punti di forza e limiti, siano essi la scalabilità o la mancanza di una standardizzazione, ed è auspicabile che con il maturare delle proposte si converga verso soluzioni interoperabili 1 La nozione iniziale di Function Chaining è stata generalizzata dal concetto di Function Composition, laddove quest ultimo tiene conto della possibilità di combinare le funzioni anche in topologie ( Function Graph ) più complesse di una semplice concatenazione.

11 58 JolNet JoLNet è una sperimentazione geografica di rete che Telecom Italia ha lanciato per verificare i vantaggi e le problematiche poste dalle future reti basate sui paradigmi SDN/NFV. Allo stesso tempo JoLNet costituisce un testbed aperto alle maggiori università italiane per stimolare la nascita di nuove idee, di nuove soluzioni e di nuove applicazioni, secondo il nuovo modello di collaborazione tra Telecom Italia ed il mondo accademico inaugurato con il progetto "JoL", Joint Open Lab, partito a metà del 2012 e che ha portato, ad oggi, alla realizzazione di 8 nuovi laboratori di innovazione collocati all interno di un gruppo selezionato di atenei italiani (Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Università di Catania e Università di Trento). La rete (FiguraA) è costituita da 12 switch che integrano il protocollo Openflow: 6 di questi costituiscono il backbone e sono collegati tra loro a maglia completa; 6 switch estendono la rete SDN all interno delle sedi JoL. Accanto agli switch sono impiegati 6 server, su cui sono supportate, su macchine virtuali secondo l approccio NFV, le funzionalità che prescindono dal semplice forwarding dei pacchetti: Piano di Controllo, DNS, AAA, Virtual router, L insieme costituito dalla piattaforma di switching programmabile e dalla piattaforma di calcolo è la realizzazione che oggi più si avvicina a quelli che possiamo immaginare come nodi di rete del futuro, che avranno nella flessibilità e nella completa programmabilità gli elementi determinanti per una sensibile riduzione dei costi operativi e per una più veloce introduzione dei servizi. La rete fisica è suddivisa in partizioni logiche, in modo da rendere tra loro indipendenti le attività sperimentali condotte dagli atenei: queste sono realizzate utilizzando l applicativo Flowvisor che si interpone tra gli switch Openflow ed il controller; sulla base di opportune regole (ad esempio su base identificativo di VLAN) Flowvisor smista i pacchetti di controllo provenienti dagli switch verso il Controller di competenza, eventualmente dedicato alla specifica sperimentazione. Ogni Controller può modificare in questo modo l instradamento dei soli pacchetti relativi ad una data partizione: questo permette sia di utilizzare contemporaneamente più Controller diversi, sia di sperimen- Figura A Customer Nodo AAA Control Layer User Profile Application Management & Configuration Customer Controller Application Customer Nodo Application Rete IP DataCentre Application Nodo Nodo OperStack OF Controller OF Controller OperStack Nodo Appliance Appliance FlowVisor OperFlow Switch FlowVisor OperFlow Switch Appliance Appliance FlowVisor OperFlow Switch FlowVisor OperFlow Switch Customer Customer

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli