Spesa pubblica e patrimonio culturale FORUM P.A. 19^ MOSTRA CONVEGNO DELL INNOVAZIONE NELLA P.A. E NEI SISTEMI TERRITORIALI. ROMA maggio 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spesa pubblica e patrimonio culturale FORUM P.A. 19^ MOSTRA CONVEGNO DELL INNOVAZIONE NELLA P.A. E NEI SISTEMI TERRITORIALI. ROMA 12-15 maggio 2008"

Transcript

1 Direzione Generale per il bilancio e la programmazione economica, la promozione, la qualità e la standardizzazione delle procedure Spesa pubblica e patrimonio culturale FORUM P.A. 19^ MOSTRA CONVEGNO DELL INNOVAZIONE NELLA P.A. E NEI SISTEMI TERRITORIALI ROMA maggio 2008 Nuova Fiera di Roma Via Portuense, Ingresso Porta Nord Edizioni MP MIRABILIA srl

2 Spesa pubblica e patrimonio culturale

3 Direzione Generale per il bilancio e la programmazione economica, la promozione, la qualità e la standardizzazione delle procedure Direttore Generale Maddalena Ragni FORUM P.A. 19^ Mostra Convegno dell innovazione nella P.A. e nei sistemi territoriali maggio 2008 Il programma di partecipazione è stato organizzato dal: Servizio IV - Comunicazione e Promozione Progettazione e realizzazione opuscolo, materiali grafici e stand, organizzazione convegno e incontri allo stand: Responsabile Antonella Mosca con Monica Bartocci, Antonella Corona, Eleonora Isola, Maria Cristina Manzetti, Maria Tiziana Natale, Amedeo Natoli, Alessio Noè, Simona Pantella, Susanna Puccio, Maria Siciliano, Laura Simionato Rapporti con i media Vassili Casula Comunicazione multimediale Alberto Bruni, Renzo De Simone, Francesca Lo Forte, Emilio Volpe Supporto logistico Edoardo Cicciotto, Maurizio Scrocca

4 Presentazione I Beni culturali sono un patrimonio della collettività e costituiscono l'identità, la storia e la memoria di un Paese. Questo è ancora più vero per l Italia che può vantare un patrimonio di oltre tra monumenti, aree archeologiche e musei, oltreché essere leader mondiale per quanto riguarda i siti dichiarati Patrimonio Mondiale UNESCO. Come recita anche l articolo 9 della nostra Costituzione, questo enorme tesoro va però adeguatamente valorizzato e tutelato così da migliorarne la conoscenza e il godimento. Ciò, in primo luogo, perché si possa trasmetterlo alle nuove generazioni così da non disperdere i valori di sapere e di esperienza di cui esso è portatore, ed inoltre perché il Patrimonio culturale rappresenta anche un'inestimabile ricchezza, che in una società postindustriale e proiettata al futuro, può rappresentare la fonte principale di una crescita sociale ed economica diffusa, essendo la cultura un bene il cui valore è eterno e non soggetto a svalutazioni di alcun tipo. La cultura, infatti, è un fattore fondamentale di coesione e di integrazione sociale: le attività culturali stimolano l'economia e le attività produttive, con ricadute positive su scambi, redditi e occupazione. Un vero e proprio indotto che, per qualità e quantità, non ha riscontri con altri comparti economici. In questo senso basti pensare alle potenzialità, ancora in parte inespresse, offerte dall'industria del tempo libero e del turismo. Tuttavia è importante puntare l attenzione su alcuni criteri sui quali è necessario lavorare per migliore la gestione e fruizione di questo Patrimonio: dall'impiego delle nuove tecnologie e di abilità professionali elevate e certificate, al coinvolgimento delle Università nelle attività didattiche e di ricerca e nella definizione di profili professionali, percorsi formativi e forme di accreditamento degli addetti del comparto; dal riordino dei processi di crescita territoriale e nazionale, alla qualificazione delle risorse umane impegnate nel settore; dalla riorganizzazione delle relazioni amministrative, all introduzione di incentivi fiscali e al rafforzamento delle relazioni con le imprese private. Non ultimo si ritiene fondamentale attivare i circuiti virtuosi in grado di attrarre investimenti e finanziamenti europei ed internazionali nel comparto beni culturali. In questo senso di particolare rilievo è stata l esperienza vissuta con il Quadro Comunitario di Sostegno e lo specifico asse di Intervento (Asse 2 Risorse culturali) grazie al quale le aree del Mezzogiorno (le cosiddette Regioni Obiettivo 1) hanno potuto usufruire di risorse europee per attivare progetti culturali in chiave di sviluppo economico. Con la programmazione dei fondi comunitari il governo italiano ha così scommesso sulle potenzialità economiche e occupazionali del comparto, proponendo una strategia in grado di integrare i settori cultura, ambiente e turismo. E in questo la conferma quindi che le attività connesse alla conservazione, al restauro e alla gestione del patrimonio culturale possono contribuire alla crescita delle aree in ritardo di sviluppo. Una delle strade intraprese ormai da anni dal MiBAC per il raggiungimento di una politica di valorizzazione lungimirante, che mira all unione e all ottimizzazione delle risorse sia progettuali che economiche, è quella della concertazione degli interventi tra tutte le componenti che concorrono al governo del territorio: Stato, Regioni e Enti locali. Gli Accordi di Programma Quadro in tal senso si sono dimostrati una concreta ed efficace forma di partenariato istituzionale per concertare iniziative integrate che, accostando l utilizzo dei fondi comunitari con le risorse nazionali, hanno avviato azioni di sistema, in grado di incidere significativamente nella valorizzazione del patrimonio culturale delle diverse aree regionali. A questa va comunque affiancato il sostegno che può offrire il mondo del privato, con la consapevolezza che la cultura non può essere considerata avulsa dal sistema socio-economico, di cui le risorse culturali sono una specifica potenzialità di sviluppo. Il messaggio che il MiBAC vuole quindi lanciare al FORUM P.A è che, pur in un periodo di crisi economica generale nel quale viene avvertita, in maniera sempre più pressante, la necessità di contenere i costi pubblici, non bisogna dimenticare che investire sul Patrimonio culturale rimane una scelta vincente, in quanto portatrice di notevoli potenzialità economiche e sociali. In quest ottica e nello spirito del FORUM PA, incentrato sul favorire un migliore rapporto tra cittadini, imprese e amministrazioni pubbliche, il MIBAC si presenta all appuntamento con il suo nuovo Regolamento di riorganizzazione approvato lo scorso novembre e con le ulteriori modifiche apportate al Codice per i beni culturali e il paesaggio. Il primo, in particolare, tra le altre cose, tende a razionalizzare e ad assicurare maggiore efficienza gestionale attraverso l attribuzione a due Direzioni Generali, rispettivamente, dei compiti di gestione delle risorse umane e quelli relativi al bilancio, alla programmazione degli investimenti ed al controllo della spesa del Ministero. Le modifiche introdotte all articolazione delle strutture sono fondate sulla esigenza di rispondere, per un verso, a necessità di risparmi di spesa, e per un altro, di assicurare una maggiore funzionalità all Amministrazione. Sul territorio, invece, sono state chiarite le competenze rispettivamente delle Direzioni regionali e delle Soprintendenze, restituendo a queste ultime la funzione di effettivi ed insostituibili presidi di tutela e concentrando in capo alle Direzioni regionali le funzioni di stazione appaltante. Si va quindi realizzando l obiettivo di una governance più dinamica che tenga però conto del ruolo delle cultura nello sviluppo del Paese. In tal senso bisogna abbandonare l idea di un Ministero come struttura puramente burocratica, ma al contrario in grado di introdurre gli strumenti finanziari, organizzativi ed amministrativi necessari a fare del Patrimonio storico artistico italiano un risorsa a disposizione di tutta la comunità. Maddalena Ragni Direttore Generale per il bilancio e la programmazione economica, la promozione, la qualità e la standardizzazione delle procedure

5 S O M M A R I O La Biblioteca dell Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario Rita Carrarini Progetto per la sicurezza e la tutela del patrimonio culturale Paolo Iannelli, Caterina Rubino Pubblicazione su web delle collezioni dell Istituto Nazionale per la Grafica Elisabetta Giffi Più servizi, meno sprechi: gli Archivi per i cittadini Antonia Pasqua Recchia I libri degli Archivi free on-line: un servizio utile e di qualità Patrizia Ferrara con Giulia Barrera, Giancarlo Buzzanca, Ludovica de Courten, Maria Grazia Lippolis, Antonella Mulè Sponsor e pubblicazioni: l attività editoriale degli Istituti archivistici sul territorio Maria Teresa Piano Mortari, Elena Lume Un sito web per la storia dell architettura: la vita e l archivio di Luigi Moretti Luisa Montevecchi Scritture di donne negli archivi romani. Un cantiere al lavoro Manola Ida Venzo Le collezioni digitali dell Archivio di Stato di Frosinone Viviana Fontana Onorina Ruggeri L innovazione e l efficienza attraverso i programmi e i progetti promossi dalla Direzione Generale per i beni librari, gli istituti culturali ed il diritto d autore Adriana Martinoli, Alfredo Esposito Alla Biblioteca nazionale centrale di Roma l informatizzazione al servizio dell utenza Angelina De Salvo Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali nel Quadro Strategico Nazionale Gregorio Angelini La nuova struttura del bilancio e la programmazione dei lavori pubblici anno 2007 Stefano Maurizi, Federico Milocco, Maria Anna Borsa, Anna Rita Ricci Il progetto mosaico Alberto D Alessandro Antenna Culturale Europea. Il Programma Cultura dell unione Europea ( ) Marco Biscione Una griglia di autovalutazione per l operare del MiBAC Anna Maria Stramondo Spesa pubblica e rapporto con il privato Antonella Mosca CulturaItalia, un patrimonio da esplorare Karim Ben Hamida, Sara Di Giorgio Programma Operativo Nazionale per la Sicurezza e lo Sviluppo del Mezzogiorno d Italia. Misura 1.3. Programma Comunitario Maria Concetta Cassata URP Ufficio Relazioni con il Pubblico: Continuità ed innovazione Gaspare Carlini Un modello di spesa pubblica per la valorizzazione e la fruizione Isabella Cianfarani Botteghe, Artigiani, Arti. Concorso fotografico III edizione a.s Isabella Cianfarani QUALITÀ ITALIA Progetti per la qualità dell architettura Alessandra Vittorini, Carlo Birrozzi MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo Margherita Guccione, Direttore Servizio Architettura

6 Spesa pubblica e patrimonio culturale Processi innovativi per il miglioramento dei servizi e per la razionalizzazione della spesa pubblica Alfredo Giacomazzi Sistema dei Musei Diocesani della Calabria Mu.Di.C. Maria Teresa Sorrenti, Sabina Rizzi I Circoli dell Ascolto Organizzativo: per favorire la partecipazione, per recuperare efficienza, per governare la complessità, per accrescere la qualità della vita Stefania Ugatti con la collaborazione di Dario Galasso La X Settimana della Cultura in Emilia-Romagna Paola Monari Le giornate del FAI di Primavera (5 6 aprile 2008) a Palazzo Milzetti di Faenza, Museo dell Età Neoclassica in Romagna Elisabetta Bellini Attività didattica della Galleria Estense di Modena Nunzia Lanzetta Iniziative volte al perseguimento degli obiettivi di efficienza, sviluppo, qualità Anna Rosa Venturi La Biblioteca Palatina di Parma tra tradizione e innovazione Lauretta Campanini Brevi considerazioni sulle attività culturali delle biblioteche statali del Friuli Venezia Giulia Marco Menato L acqua e la città. Il ritorno dell acqua a Roma tra il 500 e il 600 Marina Morena Con magnificenza e con decoro. I Comuni e la devozione civica nel territorio romano tra 700 e 800: luoghi, riti, feste, protagonisti Daniela Sinisi e Maria Grazia Branchetti Sistemi per il Governo del territorio Gis nel Lazio meridionale. Il Progetto L ager di Aquinum. Conoscere per tutelare Giovanna Rita Bellini Palazzo della Rovere di Savona. Il restauro della facciata di Giuliano da San Gallo Maria Di Dio Un progetto di valorizzazione delle collezioni del Museo di Palazzo Reale Luca Leoncinì Prove per una pinacoteca Brunella Pia Pavone Michael, accesso on line per la ricerca di collezioni culturali digitali Emilia Simone, Lucia Ceci, Paola Spagnoletta Interventi di tutela e valorizzazione sugli archivi di imprese in Puglia Antonella De Lucia Spesa pubblica e amministrazione culturale: incremento della banca dati Pergamo dei fondi pergamenacei pugliesi a cura della Soprintendenza Archivistica per la Puglia Carla Palma Costituzione di un archivio digitale della documentazione più antica delle confraternite pugliesi Maria Pia Pontrelli Il Catalogo aperto della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze Sabina Magrini Accordi per l utilizzazione della Rocca di Spoleto Francesco Scoppola Acque, Ambiente e Territorio nella terra del delta del Po e della Bonifica. Valorizzazione Ambientale e Sistema Informativo Territoriale Francesca Fantini D Onofrio Spesa pubblica e patrimonio culturale. Le opportunità del Software Libero e WEB: dai cittadini ai Monumenti Ferdinando Rizzardo

7 Necessità e opportunità di utilizzo di standard aperti nella P.A. Adriano Meneguzzi La rete MINERVA Marzia Piccininno MICHAEL: una rete di portali per l accesso online alla cultura europea Giuliana De Francesco Museo & Web: l esperienza del Progetto MINERVA per i musei e le altre istituzioni culturali Maria Teresa Natale Il Call Center del MiBAC Valorizzazione dei beni culturali tra pubblica amministrazione, impresa e tecnologia: il caso Lu.Be.C. (Lucca Beni Culturali) Gaetano Scognamiglio e Francesca Velani Open Source e ECDL. Una connessione virtuosa Daniela Rovina CCTPC - Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale ALES - Arte Lavoro e Servizi S.p.A BBS software Srl Cofathec Servizi Spa

8 SEGRETARIATO GENERALE Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario La Biblioteca dell Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario Rita Carrarini Oltre tre anni fa l Istituto centrale per la patologia del libro ha avviato un progetto di riqualificazione sia strutturale che funzionale della Biblioteca, istituita nel 1938 (anno di fondazione dell ICPL), mirato alla costituzione di un Centro di documentazione specializzato, non soltanto rivolto al personale tecnicoscientifico dell Istituto ma aperto agli operatori del settore e a quanti seguono un percorso formativo e di ricerca nel campo delle discipline del libro. La struttura è stata inaugurata nel maggio La Biblioteca è specializzata sul tema del libro, in quanto non solo strumento ma oggetto di studio. Vi compaiono testi relativi a tutti gli aspetti della produzione libraria dalle origini ai giorni nostri: dalle discipline che studiano i contenuti testuali, al paratesto, alla archeologia del libro intesa come studio dei supporti scrittori, papiro, pergamena, carta, e ricostruzione delle tecniche di fabbricazione dell oggetto-libro alla ricerca scientifica applicata alla conservazione e al restauro, dalla storia dell editoria a quella del commercio librario. Con il suo patrimonio di volumi, 400 periodici, di cui 170 correnti, e importanti collezioni acquisite negli anni 40, di grande interesse per la storia del libro, è stata completamente rinnovata negli spazi (sono state realizzate nuove sale di lettura a scaffale aperto, una sala per la consultazione di materiale multimediale e una sala conferenze, destinata alle iniziative culturali, didattiche e di informazione scientifica dell Istituto), e nei servizi (è collegata al Servizio Bibliotecario Nazionale; il catalogo cartaceo retrospettivo è ora consultabile on line insieme a quello corrente, all interno del sito internet dell ICPL; sono stati attivati i servizi di informazione bibliografica, prestito interbibliotecario e fornitura di riproduzioni, operativi anche attraverso la posta elettronica). Nell ambito del Centro di documentazione, tra le iniziative finalizzate a favorire la fruizione del patrimonio della Biblioteca, sono stati avviati recentemente nuovi progetti: il progetto Storia e documentazione del restauro librario che riguarda la catalogazione, la digitalizzazione e la fruizione in rete dell archivio fotografico dell ICPL e delle riviste specializzate prodotte dall Istituto a partire dalla sua fondazione; il progetto Corpus Chartarum Italicarum, relativo alla conservazione e digitalizzazione della collezione di circa 5000 carte filigranate - prodotte in Italia tra il XIII e il XX secolo - ; il progetto Censimento delle legature medievali conservate nelle biblioteche italiane e presso la Biblioteca Apostolica Vaticana (CLEM); il progetto Collezioni storiche, che riguarda il recupero e la valorizzazione della Collezione Amori e delle altre Segretariato Generale Segretario Generale: Giuseppe Proietti Via del Collegio Romano, Roma Tel Fax Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario (ex Istituto Centrale per la Patologia del Libro) Direttore: Armida Batori Coordinatore per la Comunicazione: Assunta Di Febo Via Milano, Roma Tel Fax

9 collezioni acquisite dall Istituto a partire dagli anni Quaranta, ossia raccolte di stampe, incisioni, fotografie, frammenti e documenti membranacei, marche tipografiche, frontespizi e ritagli di caratteri e di elementi ornamentali del libro, carte filigranate, carte decorate, legature staccate ed elementi di legature; il progetto Archivio storico, che farà emergere la documentazione prodotta nei primi quaranta anni di attività dell Istituto. Il prodotto finale di questi progetti sarà un portale di accesso agli archivi digitali realizzati, che consentirà una fruizione integrata dei documenti e costituirà uno strumento innovativo per approfondire la riflessione sulla storia del libro e sull evoluzione della teoria e della prassi del restauro librario in Italia. Il portale è stato concepito per utilizzare lo spazio web come una estensione dello spazio fisico della Biblioteca, consentirà infatti di usufruire di servizi a distanza e fungerà da raccordo tra gli archivi digitali prodotti dall Istituto e con le risorse di rete utili per le ricerche bibliografiche nel nostro settore di specializzazione. Il nuovo Regolamento di riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (D.P.R , n.233), ha sancito l accorpamento dell Istituto centrale per la patologia del libro e del Centro di fotoriproduzione, legatoria e restauro degli Archivi di Stato in un unico Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario. Alla luce di questa trasformazione la Biblioteca modificherà la propria specializzazione integrandola con il tema del documento d archivio. Infatti acquisirà il patrimonio della Biblioteca del Centro di fotoriproduzione, legatoria e restauro e attiverà l acquisto di nuove accessioni sugli aspetti della produzione documentale, della conservazione e del restauro del materiale archivistico. La biblioteca è aperta al pubblico dalle 9 alle 13.30, dal lunedì al venerdì. È possibile richiedere riproduzioni e prestiti interbibliotecari attraverso la posta elettronica: 8

10 SEGRETARIATO GENERALE Progetto per la sicurezza e la tutela del patrimonio culturale Paolo Iannelli, Caterina Rubino Il patrimonio immobiliare di pertinenza del Ministero per i beni e le attività culturali impone una stretta relazione fra la problematica della gestione degli immobili, che comprende aspetti documentali, normativi, impiantistici, di sicurezza ed economici, e quella della sicurezza, della fruizione e della conservazione del patrimonio culturale, specifica per ognuna delle destinazioni d uso (edifici tutelati, musei, aree archeologiche, archivi e biblioteche). In questi anni il Ministero si è impegnato a costituire una banca dati che raccogliesse tutte le informazioni utili alla valutazione delle condizioni di sicurezza ed alla gestione del proprio patrimonio immobiliare (stato degli edifici, consistenza e stato degli impianti tecnologici di servizio e di sicurezza, aspetti organizzativi). Una volta cositutita la banca dati, è stata creata un interfaccia web-oriented per renderla accessibile, tramite la Rete Privata Virtuale del Ministero, alle strutture, dislocate su tutto il territorio nazionale ed a cui fa capo la gestione di un numero a volte consistente di immobili. Una serie di funzionalità messe a punto nel sotware di gestione, fra cui la disponibilità di report di sintesi, di immagini ed elaborati grafici digitalizzati, ed una comparazione dei costi in relazione ai parametri più significativi, supporta la pianificazione e razionalizzazione degli interventi, e quindi un ottimale sfruttamento delle risorse umane ed economiche. Una gestione del patrimonio immobiliare con strumenti moderni ed effiacci, infatti, favorisce l ampliamento della fruizione del patrimonio culturale, nel pieno rispetto delle condizioni che ne garantiscano la sicurezza, la conservazione e tutela. Segretariato Generale Segretario Generale: Giuseppe Proietti Dirigente Generale: Raffaele Sassano Via del Collegio Romano, Roma Tel Fax

11 DIREZIONE GENERALE PER I BENI ARCHEOLOGICI ARCHITETTONICI, STORICO ARTISTICI ED ETNOANTROPOLOGICI Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo Istituto Nazionale per la Grafica Istituto Nazionale per la Grafica Direttore: Serenita Papaldo Coordinatore per la Comunicazione: Rita Parma Via della Stamperia, Roma Tel Fax Pubblicazione su web delle collezioni dell Istituto Nazionale per la Grafica Elisabetta Giffi L Istituto Nazionale per la Grafica presenta in questa occasione il progetto attraverso il quale intende rendere fruibili in Internet le proprie collezioni, la cui storia è legata a quella delle due prestigiose istituzioni culturali e artistiche, dalla cui fusione, nel 1975, l ING è nato: la Calcografia Nazionale e il Gabinetto Nazionale delle Stampe. Oltre stampe, matrici, disegni, opere fotografiche, ormai in larghissima parte catalogate, saranno rese gradualmente accessibili on line. La storia della catalogazione informatica delle collezioni dell ING nasce nel 1986, ad un tempo con gli inizi dell applicazione delle tecnologie informatiche al dominio dei beni culturali e ne ha attraversato le diverse fasi evolutive: le basi dati dell ING sono infatti state migrate dai più antichi sistemi reticolari ad un database relazionale con architettura client server, per transitare in quest ultima fase su un sistema web oriented. Si tratta di un patrimonio imponente che comprende oltre opere catalogate e immagini in digitale. La pubblicazione su Web sarà graduale: ING sta procedendo infatti alla progressiva verifica dei dati, così da rendere fruibili in rete dati scientificamente corretti. Si tratta di quantitativi importanti: la pubblicazione in Internet delle collezioni ING sarà avviata infatti con oltre opere, mentre sarà reso immediatamente fruibile l intero patrimonio di immagini digitali. I contenuti Le basi dati dell ING sono di straordinaria importanza per il valore delle collezioni, la consistenza quantitativa, la ricchezza delle informazioni presenti: nessun altra collezione pubblica italiana possiede un tale patrimonio informativo. La natura di multiplo della stampa fa sì che tali archivi digitali rivestano un interesse allargato e condiviso dall intera comunità scientifica: infatti una parte consistente delle stampe conservate nelle collezioni dell ING è stata tirata da matrici conservate presso la propria Calcoteca, la più grande del mondo. Le relazioni che coinvolgono i diversi esemplari di una stampa, così come le relazioni stampa-matrice pongono in rapporto con ING la larghissima parte delle collezioni pubbliche e/o private italiane ed estere che conservano materiali grafici all interno di una vera e propria rete virtuale. Se all interno dell Istituto tale obbiettivo è in corso di realizzazione e, ove presenti coinvolge anche i disegni preparatori per le matrici -, a livello nazionale ed internazionale si configura come un progetto di punta sia per la straordinaria valenza scientifica che riveste in ambito storico artistico, che per gli aspetti legati all innovazione tecnologica attraverso la possibilità auspicata di creazione di un sistema il cui polo di riferimento è costituito dalle collezioni dell ING. Per l utenza non specialistica sarà reso disponibile un albero di navigazione attraverso i contenuti iconografici dell immagine a stampa che consentirà di accedere agevolmente ai contenuti digitali, a partire dall immagine. Le collezioni di disegni sono considerate lungo un arco cronologico che dai fondi storici arriva fino al contemporaneo, per restituire alla fruizione la ricchezza e originalità che le contraddistinguono. Il sistema La realizzazione del sistema informatico è affidata alla società aggiudicataria dell appalto, la Sistemi Informativi S.r.l.- Liberologico; la conclusione dei lavori è prevista per dicembre Requisiti richiesti dall ING in sede di capitolato tecnico: interoperabilità ai 10

12 DIREZIONE GENERALE PER I BENI ARCHEOLOGICI Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo fini in primo luogo del popolamento del portale del MiBAC- e accessibilità; allineamento ai formati ICCD; formati aperti di interscambio basati su strutturazione della base dati in XML; utilizzo di SW Open Source; elevati livelli di portabilità e scalabilità e predisposizione per successive fasi di sviluppo di componenti e aspetti del sistema, in primo luogo attività di e-commerce; rispetto degli standard internazionali del settore tecnologico web-based e dei requisiti di portabilità multipiattaforma che non vincolano il sistema ad un unico database o sistema operativo ma ne assicurano la compatibilità con quelli più utilizzati e presenti sul mercato, salvaguardandone costanti i livelli di efficienza e di completezza; riuso di componenti sviluppate in ambito MiBAC. Benefici La piena funzionalizzazione, valorizzazione e fruizione in Internet delle basi dati di ING realizza benefici in termini sia di servizi al pubblico passo immediatamente successivo alla pubblicazione sarà l attivazione del servizio e-commerce, in collegamento con le strutture già attive del MiBAC- sia di gestione delle collezioni, attraverso lo sviluppo previsto di moduli dedicati alla movimentazione interna, ai servizi di consultazione e prestito, alla gestione dei dati conservativi e di restauro. 11

13 DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Direzione Generale per gli Archivi Direttore Generale: Antonia Pasqua Recchia Coordinamento per la Comunicazione: Patrizia Ferrara Via Gaeta, 8a Roma Tel Fax Più servizi, meno sprechi: gli Archivi per i cittadini Antonia Pasqua Recchia Più servizi, meno sprechi = più efficienza: partecipare al FORUM della Pubblica Amministrazione significa anzitutto poter dimostrare con i fatti che il costo per mantenere la macchina pubblica in un certo settore (intesa come persone, strutture, funzionamento) è ampiamente ripagato dal servizio erogato; significa rafforzare con il consenso del cittadino comune la legittimazione ad esistere derivante dalla legge. Nel campo degli archivi mostrare l efficienza e i servizi resi al cittadino è più complesso di quanto non accada in altri ambiti del patrimonio culturale, più visibili e di appeal, non solo per ragioni connesse alla specificità del patrimonio medesimo e dei servizi, ma anche per un certo appannamento che negli anni ne ha caratterizzato la percezione esterna, generando una inevitabile sottovalutazione del peso specifico all interno dell intero comparto del patrimonio culturale. Questo universo è invece un insieme complesso di patrimonio, di strutture fisiche e di organizzazione, di soluzioni spesso d avanguardia, di personale qualificato e specializzato; un insieme trasversale rispetto all appartenenza istituzionale, fortemente radicato a livello territoriale, indubbiamente problematico ma con straordinarie potenzialità di impatto sulla domanda di fruizione culturale e analoga potenzialità di elaborazione di offerta ricca e stimolante. E un luogo comune affermare che negli archivi è conservata la memoria - delle istituzioni, delle società, dei territori, delle comunità, degli individui quindi negli archivi è radicato il presente e vi si innesta il futuro; ma questo luogo comune diventa invece una affermazione piena di senso e di valore, non comune né banale, se solo guardiamo ai grandi numeri e agli impatti che ne derivano. Il patrimonio documentario conservato negli archivi italiani è uno dei più rilevanti del mondo: affermazione non arbitraria perché basata sulla misura e sulla dimensione temporale: oltre chilometri di documenti, una volta e mezzo la lunghezza della penisola, per raccogliere oltre 13 milioni di unità (buste, filze, mazzi, fasci, volumi, registri), oltre due milioni di pergamene, oltre 700mila mappe, 30mila sigilli, 500mila fotografie, 4 milioni di negativi, 300mila bobine di microfilm, 600mila microfiches. La dimensione temporale si estende dal VII secolo d.c., con la pergamena del 721 d.c. dell Archivio di Milano, mentre il più antico documento cartaceo è del XII secolo, ai recentissimi documenti digitali. Questo imponente patrimonio è conservato in 103 archivi statali (uno per ogni provincia) e 35 sezioni staccate, mentre 20 Soprintendenze archivistiche, una per ciascuna regione, vigilano su oltre 8000 archivi comunali e oltre archivi di enti pubblici non territoriali nonché su 3728 archivi privati vincolati. La gestione di una materia in senso di settore e in senso fisico di tali dimensioni presenta notevolissimi problemi, che afferiscono sostanzialmente a tre ambiti: la conservazione, l accesso, il futuro. ll patrimonio culturale genera di per sé una domanda di conservazione a prescindere dall uso, il che non esclude una fruizione futura, ma non la presuppone come necessaria; è quella che si definisce come option demand o option value e si basa sulla coscienza che il patrimonio culturale è fondamento costitutivo delle civiltà umane, delle identità individuali e collettive, nazionali e globali. Il patrimonio culturale però, immesso in un circuito di offerta, genera anche il bisogno di fruirne, ossia di conoscerlo e trarne stimoli intellettuali, emozioni, accrescimento culturale. Il rapporto tra conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale è quindi molto complesso. Lo è ancora di più nel caso del patrimonio archivistico, per le implicazioni di carattere storico, ideologico, politico che spesso accompagnano le decisioni di rendere liberamente consultabili le fonti; decisioni che per il patrimonio 12

14 documentario pubblico sono peraltro più o meno obbligatorie in relazione alle cadenze cronologiche degli atti. Tale complessità non impedisce tuttavia di perseguire con convinzione, da parte della Direzione Generale per gli Archivi, una strategia forte orientata alla massima diffusione della conoscenza, anche presso un pubblico più vasto rispetto a quello specialistico e molto strutturato degli addetti ai lavori, studiosi, ricercatori, giuristi e periti (si consideri infatti che il patrimonio documentario non è solo fonte di storia ma anche fonte di diritto); nelle sale di consultazione degli archivi, reali o virtuali, si affacciano sempre più spesso i nuovi utenti, cioè quella domanda che comincia a consolidarsi sempre di più, legata al bisogno di ritrovare le radici, secondo un percorso di ricerca individuale e di comunità che ha poco in comune con la ricerca storica ma molto invece con la riappropriazione, nel senso di percepire come proprio, del patrimonio culturale prodotto nei luoghi e nel tempo dalle comunità che hanno vissuto in quei luoghi. A tal fine si sta mettendo a punto un programma, ambizioso ma non velleitario, volto a diffondere la conoscenza del patrimonio attraverso la pubblicazione delle fonti sulla rete, basandosi su due principi: ottimizzazione e valorizzazione di quanto fin qui realizzato, che è moltissimo anche se non adeguatamente comunicato e conosciuto, anche perché molto parcellizzato; nuova digitalizzare e diffusione in internet di fonti documentarie, secondo partizioni tematiche che traggono legittimazione dalla domanda espressa ma anche da quella potenziale, nonché dalla necessità di costruire veri e propri interventi di sistema. La domanda potenziale è immensa: solo il tema della ricerca genealogica raggiunge numeri incredibilmente alti, secondo alcune ricerche il 60% della popolazione americana ne è interessato, poco meno nei Paesi europei, in Italia è in forte crescita. Ma è anche enorme la domanda di ricerca di fonti e di letture tematiche assai specifiche ma di rilevante impatto: genere, scritture di donne, politici, architetti, tecnologia, scienza e brevetti, ambiente e territorio nella loro evoluzione storica, per non parlare delle fonti documentarie che testimoniano il patrimonio culturale immateriale, tema centrale e attualissimo nel momento in cui si dà attuazione alla Convenzione UNESCO per la salvaguardia del Patrimonio culturale immateriale, ratificata con la legge n. 167 del 27 settembre Come realizzare tutto ciò, a fronte di risorse sempre più scarse per la gestione corrente, a fronte di emergenze da risolvere sia di logistica che di conservazione, con gravi situazioni di degrado ambientale e problemi di sicurezza per il patrimonio medesimo, per gli operatori e per gli utenti, altra e oscura faccia di una medaglia che pure presenta, nella maggior parte dei casi, soluzioni buone, ottime, anche avveniristiche di conservazione del patrimonio documentario e di erogazione di servizi nelle sale di studio? La risposta non è certo facile, o esaustiva, ma la strada individuata è l unica che ha ragionevoli probabilità di successo. Progettualità diffusa ma coordinata per ottimizzare tutte le possibili fonti di finanziamento, ordinarie ma soprattutto straordinarie Razionalizzazione organizzativa Modelli innovativi di gestione, attraverso l intesa con gli enti territoriali, che occorre sensibilizzare e coinvolgere, sul piano organizzativo e finanziario, nella costruzione dei Poli archivistici Territoriali. In tal modo l equazione più servizi, meno sprechi = più efficienza per i cittadini troverà negli Archivi una certa e positiva soluzione. 13

15 DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Direzione Generale per gli Archivi Direttore Generale: Antonia Pasqua Recchia Coordinamento per la Comunicazione: Patrizia Ferrara Via Gaeta, 8a Roma Tel Fax Servizio III Valorizzazione, promozione, formazione e rapporti internazionali Dirigente: Patrizia Ferrara Tel Fax I libri degli Archivi free on-line: un servizio utile e di qualità Patrizia Ferrara con Giulia Barrera, Giancarlo Buzzanca, Ludovica de Courten, Maria Grazia Lippolis, Antonella Mulè La tradizione editoriale dell Amministrazione archivistica risale, ormai, a più di mezzo secolo fa, quando venne fondata la rivista quadrimestrale Rassegna degli Archivi di Stato (1955), organo ufficiale dell Amministrazione, in prosecuzione delle Notizie degli Archivi di Stato (1941) e quando ebbe inizio la collana Pubblicazioni degli Archivi di Stato (1951), ora suddivisa in sei collane (Strumenti, Saggi, Fonti, Sussidi, Quaderni della Rassegna degli Archivi di Stato, Archivi italiani). Attraverso questi due diversi ambiti editoriali archivisti di tutta Italia e anche studiosi italiani e stranieri diffondono nel mondo scientifico il prodotto più qualificato dei loro lavori di ricerca, presentando tra l altro al pubblico scritti di archivistica e di metodologia della conservazione e dell ordinamento dei documenti, studi di storia delle istituzioni e di legislazione archivistica italiana e straniera, contributi storiografici fondati su materiale d archivio, notiziari bibliografici. Il catalogo delle edizioni degli Archivi di Stato, che comprende anche numerose pubblicazioni fuori collana, conta ormai più di 560 titoli, relativi a inventari di fondi archivistici, guide di archivi, edizioni di fonti documentarie, regesti, cataloghi di mostre documentarie, scritti di archivistica e saggi di storia istituzionale. Questi volumi, alcuni dei quali di grandissimo pregio quanto a contenuti e a materiali utilizzati, sono presenti nelle biblioteche degli Archivi di Stato e in molte altre biblioteche in Italia e nel mondo, distribuiti gratuitamente dalla Direzione generale per gli archivi. Essendo però la loro commercializzazione affidata - in regime di monopolio - all Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, acquistarne una copia per il privato cittadino è sempre stato difficile. Tali pubblicazioni pertanto non hanno avuto nonostante la capillare campagna di spedizioni effettuata negli anni scorsi dalla Direzione generale per gli archivi - un adeguata circolazione. Grande dunque la frustrazione per i potenziali lettori, per gli autori e per l editore. È da questa constatazione che è nato il progetto di rendere disponibili sul web i volumi già pubblicati e di proseguire nelle edizioni a stampa tradizionali, affiancando ad esse la pubblicazione on-line. La Direzione generale per gli archivi ha pertanto avviato nel settembre 2007 il progetto di pubblicare sul proprio sito, a testo pieno e scaricabili gratuitamente, i volumi editi nelle collane delle Pubblicazioni degli Archivi di Stato, al seguente indirizzo <www.archivi.beniculturali.it/pubblicazioni-free.html>. Attualmente sono stati inseriti 70 volumi ed anche la Rassegna degli Archivi di Stato a partire dall annata LX (2000). La capacità di raggiungere il pubblico dei potenziali lettori muta così oggi drasticamente e si innalza vertiginosamente. È inutile sottolineare quanto sia vasto il pubblico degli utenti della rete. Va anche rilevato che mettere a disposizione on line queste pubblicazioni, le ha rese certamente molto più fruibili come testi di studio universitario. È oggi assai più facile, infatti, per un docente assegnare ai propri studenti lo studio di un articolo, o di un saggio, edito nelle collane degli Archivi, vista la loro semplicità di reperimento. Azzardando una valutazione in termini di costi e benefici, non v è dubbio che il bilancio sia positivo: fra i costi, oltre al lavoro del personale interno all Ufficio pubblicazioni archivistiche della Direzione generale, dobbiamo calcolare il minor introito per le casse dello Stato proveniente dalla vendita di qualche volume (un introito come già accennato minimo); fra i benefici, una vastissima circolazione delle pubblicazioni degli Archivi, che offre un solido contributo al perseguimento dei fini istituzionali di tutela e valorizzazione del patrimonio archivistico. 14

16 Finora la realizzazione del progetto è stata quasi a costo zero: sono stati inseriti sul web solo i volumi per i quali è stato possibile recuperare il file di stampa dalle tipografie (con l eccezione di alcuni volumi già on line sul sito dell AS Firenze, o dell Istituto Gramsci nazionale): si tratta infatti di file in PDF molto più leggeri (dimensione massima 9Mb) di quelli che si ottengono con la scansione dei volumi e che permettono, con le nuove versioni di Acrobat reader, la ricerca di parole, o frasi. In futuro si prevede di scansionare e rendere disponibili on line anche gli altri volumi, di pubblicazione più remota. Per quanto riguarda il successo dell iniziativa, va detto che il dato misurato di accessi alla pagina Pubblicazioni free è, dalla messa on line (settembre 2007), di Prendendo come campione il solo mese di gennaio 2008, gli accessi alla pagina principale (1.956), sommati agli accessi alle pagine successive delle singole Collane (2.800), hanno raggiunto un totale pari a Pertanto risulta che, dalla messa on line ad oggi, siano stati almeno gli accessi all intera sezione. È importante rilevare che sempre nel mese di gennaio 2008, 19 volumi risultano scaricati almeno 100 volte: download solo per questa classe dimensionale! Riferendosi a questo dato e all insieme dei download effettuati su tutti gli altri volumi, sempre nel mese di gennaio 2008, possiamo concludere che mensilmente il numero dei download in questa sezione del sito DGA oscilla mediamente tra i 7 e gli 8 mila. 15

17 DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Direzione Generale per gli Archivi Direttore Generale: Antonia Pasqua Recchia Coordinamento per la Comunicazione: Patrizia Ferrara Via Gaeta, 8a Roma Tel Fax Sponsor e pubblicazioni: l attività editoriale degli Istituti archivistici sul territorio Maria Teresa Piano Mortari, Elena Lume Nel corso degli anni è si è venuto via via modificando il tradizionale concetto elitario di cultura, che viene oggi concepita come uno strumento di conoscenza per un pubblico il più possibile vasto ed eterogeneo. Ciò ha portato ad una nuova politica di valorizzazione anche nel settore del patrimonio documentario conservato dagli Archivi, allargando la tipologia dell utenza ben al di là di quella specialistica, identificata con lo storico di professione. Gli Istituti archivistici, infatti, hanno moltiplicato sempre più in questi ultimi anni - autonomamente o in collaborazione con istituti di ricerca e enti locali - le iniziative culturali dirette a far conoscere il patrimonio documentario anche ai non addetti ai lavori. Una delle modalità adottate è stata quella di promuovere iniziative editoriali, a volte complesse ed economicamente impegnative, anche attraverso le sponsorizzazioni di istituti di credito e fondazioni. Pure nell ultimo quinquennio, nonostante i continui tagli di bilancio, accanto ad edizioni di tipo squisitamente archivistico come inventari, regesti, edizioni di fonti, sono stati pubblicati gli esiti di ricerche cartografiche, urbanistico-architettoniche, sull ambiente, sulla musica, di storia locale, di storia della società e del costume. Si citano, in generale, pubblicazioni sulla storia dei partiti e movimenti politici, sui sindacati, sulle società di mutuo soccorso, sulle attività ricreative, o su altri aspetti minori della vita sociale e politica del nostro paese. Gli Istituti archivistici hanno continuato a incrementare la propria produzione editoriale sul territorio organizzandola sempre più spesso in collane. Tra queste, si possono citare: i «Quaderni dell A.C.S.» dell Archivio centrale dello Stato, i «Quaderni dell Archivio di Stato di Frosinone», le «Carte pontine» dell Archivio di Stato di Latina, gli «Inventari e cataloghi» dell Archivio di Stato di Reggio Emilia, «Il tempo e la memoria» dell Archivio di Stato di Salerno, i «Quaderni della Soprintendenza archivistica per la Puglia». Anche le Scuole di archivistica, paleografia e diplomatica, in funzione presso i più importanti Archivi di Stato, hanno implementato le proprie collane collegandole ovviamente all attività didattica; si tratta di pubblicazioni che consentono di divulgare fonti archivistiche di particolare rilevanza, proposte sia come materia di studio per l approfondimento di metodologie e tecniche archivistiche sia come oggetti del desiderio di un utenza sempre più ampia e preparata. Le Soprintendenze archivistiche partecipano anch esse a questo processo, inserendosi in ambiziosi progetti di tutela di archivi non statali. In quest ottica sono state realizzate singole pubblicazioni e intere collane dedicate ad esempio alla valorizzazione degli archivi comunali. L accresciuta sensibilità del pubblico non specialista nei confronti dei più diversi aspetti della storia nazionale e locale e della relativa documentazione d archivio, trova una risposta nella grande quantità di mostre organizzate dagli Istituti archivistici, che spesso si configurano come unico centro culturale presente nelle circoscrizioni territoriali minori. Tale vivace attività di ricerca e divulgazione è attestata dalla crescita esponenziale del numero dei cataloghi di mostre pubblicati da Archivi di Stato e Soprintendenze archivistiche su tutto il territorio. 16

18 DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Un sito web per la storia dell architettura: la vita e l archivio di Luigi Moretti Luisa Montevecchi In occasione del centenario della nascita dell architetto Luigi Moretti ( ), l Archivio centrale dello Stato, ha organizzato una mostra e realizzato un sito web a lui dedicati (www.architettoluigimoretti.it). Moretti, nel 1933, ha già alle spalle alcune significative esperienze, quando viene chiamato alla direzione dell Ufficio tecnico dell Opera Nazionale Balilla. Avvia così la progettazione dell edificio della GIL di Trastevere, che si inserisce nel quadro della politica edilizia intrapresa dal Regime per dotare l Opera nazionale Balilla, poi confluita nel 1937 nella Gioventù italiana del Littorio, di luoghi deputati alla organizzazione, assistenza ed educazione fisica e morale della gioventù. Da quel momento Moretti realizza una serie di progetti di ampio respiro e rilevanza nazionale. Sarà infatti impegnato nella progettazione della Casa delle armi, del Piazzale dell Impero e della Palestra del Duce al Foro italico. Gli anni seguenti vedono la progettazione e realizzazione di numerose opere: centri sportivi, case GIL, arredamenti privati, piani regolatori. Nel dopoguerra progetta e realizza importanti edifici a Milano e a Roma, tra i quali la palazzina del Girasole. Nel 1950 fonda la rivista «Spazio» e nel 1954 la omonima Galleria. L attività degli anni seguenti è ricca e diversificata, si citano per Roma: l ampliamento dell Accademia nazionale di danza e il progetto di ampliamento e ristrutturazione dello stadio Olimpico al Foro Italico, la nuova sede dell ENPAS, i progetti per il Nuovo piano di coordinamento dei parchi urbani, suburbani e territoriali e per il Parco Archeologico dell Appia antica, il Villaggio Olimpico e il quartiere INCIS di Decima. E ancora: la palazzina San Maurizio a Monte Mario, i due edifici gemelli all EUR, sedi della ESSO e della Società generale immobiliare, il progetto per il tronco Termini-Risorgimento per la nuova metropolitana, il ponte Pietro Nenni e il parcheggio sotterraneo a Villa Borghese. Nel 1968 progetta il santuario sul lago di Tiberiade, a Tagba in Terra Santa. Estende intanto la propria attività professionale verso altri paesi: Kuwait, Algeria, Canada. L archivio dell architetto Luigi Moretti consente, nella ricchezza dei materiali conservati, di affrontare studi approfonditi sulla sua opera, sulle sue realizzazioni, permettendo inoltre di cogliere la molteplicità dei suoi interessi: dall architettura alle arti figurative, dallo studio dell arte antica e barocca all attenzione per i fermenti più nuovi nel campo artistico contemporaneo, dalla pittura alla scultura, alle arti in genere; dal cinema agli studi di architettura parametrica, dall urbanistica al restauro. Quasi quarant anni di vita professionale sono infatti documentati nelle carte conservate presso l Archivio centrale, donate dai suoi collaboratori. Nell archivio di Luigi Moretti sono conservati: quasi 200 progetti, per un totale di circa 9000 tavole, delle quali 1908 sono disegni autografi, circa 4000 fotografie, numerosi fascicoli di documentazione relativa a concorsi, relazioni tecniche, carteggi, appunti di studio, materiale relativo alla sua attività di gallerista e di editore, relazioni a convegni, documentazione relativa alla partecipazione a commissioni di studio, oltre a plastici e a modelli di edifici realizzati o progettati ed altri riguardanti gli studi volumetrici e sull architettura parametrica; alcuni filmati, un consistente nucleo di materiale a stampa comprendente scritti di Moretti; articoli sulla sua opera e volumi provenienti dalla sua biblioteca. Nel sito web a lui dedicato, progettato e realizzato dall ACS in collaborazione con il Consorzio BAICR Sistema cultura, sono contenute immagini dei disegni autografi e degli elaborati di progetto e 1475 fotografie digitalizzate, provenienti dall archivio. Sono inoltre disponibili: la biografia dell architetto, l elenco completo delle Direzione Generale per gli Archivi Direttore Generale: Antonia Pasqua Recchia Coordinamento per la Comunicazione: Patrizia Ferrara Via Gaeta, 8a Roma Tel Fax Archivio Centrale dello Stato Sovrintendente: Aldo G. Ricci Piazzale degli Archivi, Roma (EUR) Tel Fax

19 18 opere e dei progetti - compilato utilizzando come fonte primaria proprio le informazioni tratte dall archivio - l elenco dei premi a lui assegnati, alcuni video dell epoca e una ricca bibliografia. Uno spazio è poi dedicato alle iniziative espositive sulla sua figura (organizzate, in corso o solo programmate). Dalle singole schede inerenti alle opere è possibile accedere alle immagini dei disegni e delle fotografie. Per i progetti e le realizzazioni più rilevanti è disponibile una scheda descrittiva particolareggiata, con il contenuto di quanto conservato su di essi nell archivio, con un apparato bibliografico e, in molti casi, con un brano tratto dagli scritti di Moretti relativi alle diverse opere. Sono inoltre consultabili tutti gli articoli che l architetto ha pubblicato sulla rivista Spazio, da lui fondata nel La realizzazione tecnica del sito è stata affidata alla Società Unicity (www.unicity.eu)

20 DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Scritture di donne negli archivi romani. Un cantiere al lavoro Manola Ida Venzo L Archivio di Stato di Roma, in collaborazione con l Università di Roma - La Sapienza, ha elaborato il progetto Per una storia della memoria e delle scritture delle donne a Roma dal XVI al XX secolo: censimento delle fonti ed elaborazione di repertori, diretto da Marina Caffiero e da Manola Ida Venzo e cofinanziato dalla Direzione generale per gli archivi. Il progetto è finalizzato alla ricognizione e studio delle scritture femminili. Sono stati pertanto scandagliati numerosi archivi, statali e non, riportando alla luce testimonianze scrittorie sepolte nelle pieghe di una memoria finora non ascoltata, o non registrata. L indagine ha privilegiato gli archivi di famiglie (rilevanti a livello socio-economico e culturale) e di istituzioni religiose e assistenziali, perchè solo in questi ambiti alle donne venivano fornite nozioni seppur rudimentali di scrittura. Sondaggi parziali sono stati compiuti però anche in altre tipologie documentarie, quali archivi giudiziari ed economici. A seguito del censimento, sono emersi - per un arco cronologico che corre dal XVI al XX secolo diari, epistolari, memorie e suppliche di carattere sacro e profano. Le informazioni - tratte da 55 fondi archivistici - sono state raccolte in un database e vengono attualmente elaborate al fine di costruire repertori ragionati sia informatici che a stampa. I dati progressivamente immessi sono consultabili in sede e sul sito web, collegandosi all home page dell Archivio di Stato di Roma, o al seguente indirizzo: <http:// :8080/scritturedidonne/index.js>. Data la straordinaria ricchezza del patrimonio documentario presente in Roma, la ricerca è ancora in corso; al momento sono state messe a punto oltre 3000 schede riferibili a un complesso organico di scritture femminili, o ad un unica scrittura. È stata anche finanziata una Collana a stampa, La memoria restituita. Fonti per la storia delle donne, presso la casa editrice Viella, per pubblicare integralmente le fonti documentarie ritenute più significative, precedute da introduzioni che ricostruiscono il contesto storico e culturale da cui tali scritture promanano. L iniziativa viene in parte a colmare il ritardo con cui l Italia si è avvicinata a questa tipologia di documenti. Va detto, infatti, che lo studio delle scritture femminili e dei testi redatti dalle donne ha già da tempo prodotto all estero una notevole bibliografia basata anche su fonti italiane. Nell ambito del progetto sono stati già pubblicati tre volumi. Nel primo, Scritture di donne. La memoria restituita, sono raccolti i saggi che analizzano i diversi filoni di indagine intrapresi, illustrando in che misura - nell arco di tempo considerato - le donne hanno scritto, cosa hanno scritto e come lo hanno scritto. Gli altri due volumi della Collana sono costituiti da monografie. Il primo, A corte e in guerra. Il memoriale segreto di Anna de Cadilhac, illustra la figura di una donna controversa e contraddittoria, in continua lotta con sé stessa e con la società del suo tempo, attraverso le sue memorie. Il racconto delle vicende personali di Anna de Cadilhac lascia intravedere sullo sfondo i salotti, i teatri, i palazzi della società romana e torinese negli anni cruciali della lotta per l Unità d Italia. La sua storia si intreccia con quella di personaggi illustri, fino all incontro con Vittorio Emanuele II, dal quale avrà una figlia naturale: vicenda che segnerà la sua vita e inevitabilmente la travolgerà. Il secondo, edito di recente, Da gentildonna a cantante. Lettere di Violante Camporese Giustiniani, è costituito da un epistolario dei primi anni del 800: il corpus di lettere scritte da Violante Camporese Giustiniani a monsignor Nicola M. Nicolai. La raccolta di lettere rappresenta un importante ritrovamento sotto diversi profili. L autrice, nobildonna ma anche cantante lirica famosa, è tra le poche Direzione Generale per gli Archivi Direttore Generale: Antonia Pasqua Recchia Coordinamento per la Comunicazione: Patrizia Ferrara Via Gaeta, 8a Roma Tel Fax Archivio di Stato di Roma Direttore: Luigi Londei Palazzo della Sapienza Corso Rinascimento, Roma Tel Fax

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Attività Culturali e Spettacolo Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio

Dettagli

Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema

Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema Progetto Organi dello Stato Organi dello Stato: Modus da Progetto a Sistema Organi dello Stato: dalla stampa di una Pubblicazione annuale alla nascita del Portale Multimediale Integrato Maurizio Quattrociocchi

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT ALLEGATO I) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT SCHEMA PREDISPOSIZIONE PROGETTO Comune Santa Teresa Gallura Provincia

Dettagli

Gli archivi e la scuola. Il Sistema Archivistico Nazionale (SAN) e i Portali tematici come strumenti didattici

Gli archivi e la scuola. Il Sistema Archivistico Nazionale (SAN) e i Portali tematici come strumenti didattici Gli archivi e la scuola Il Sistema Archivistico Nazionale (SAN) e i Portali tematici come strumenti didattici Direzione Generale per gli Archivi PATRIMONIO ARCHIVISTICO MI 1.500 KM PA Il patrimonio archivistico

Dettagli

IL CENSIMENTO DELLE CHIESE LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO STORICO CULTURALE BOLOGNESE

IL CENSIMENTO DELLE CHIESE LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO STORICO CULTURALE BOLOGNESE IL CENSIMENTO DELLE CHIESE LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO STORICO CULTURALE BOLOGNESE Premessa La Conferenza Episcopale Italiana (CEI) Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici ha avviato una

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Art. 1. È costituita l Associazione culturale denominata MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica.

Dettagli

Carpi Palazzo dei Pio 20 e 21 Novembre 2012

Carpi Palazzo dei Pio 20 e 21 Novembre 2012 MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELL EMILIA-ROMAGNA A SEI MESI DAL SISMA. RAPPORTO SUI BENI CULTURALI IN EMILIA-ROMAGNA. Carpi Palazzo

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI

LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI SEMINARIO LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI in collaborazione con SNEC Servizio Nazionale per l Edilizia di Culto della CEI Fiera di Vicenza - martedì 16 aprile 2013,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

Francesca Velani. Direttore del progetto Vicepresidente Promo PA Fondazione

Francesca Velani. Direttore del progetto Vicepresidente Promo PA Fondazione Francesca Velani Direttore del progetto Vicepresidente Promo PA Fondazione L Archivio di Lido di Camaiore L Archivio di Lido di Camaiore conserva la memoria del Maestro Galileo (Firenze, 1873-1956) attraverso

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI Informazioni generali Strutture, spazi e attrezzature Consistenza e disponibilità

Dettagli

1. Introduzione e struttura della ricerca

1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca ABSTRACT Il capitolo introduttivo fornisce l inquadramento generale della ricerca e ne definisce gli obiettivi primari

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE In vigore dal 2012 Servizio Cultura e Spettacolo - rev 2 Servizio CULTURA E SPETTACOLO Servizio Bibliotecario Comunale

Dettagli

Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI

Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI 2014 Finalità della biblioteca La biblioteca del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto si propone di raccogliere, conservare e valorizzare

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

Determinazione n. 1692 del 29/06/2010

Determinazione n. 1692 del 29/06/2010 COPIA dell ORIGINALE Prot. N. 43544/ 2010 Determinazione n. 1692 del 29/06/2010 OGGETTO: L.R. 75/97. ELENCO BENEFICIARI ANNO 2010. IMPEGNO DI SPESA. AREA 1- POLITICHE PER IL LAVORO, SOCIALI, CULTURALI,

Dettagli

VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO VERSO UN NUOVO MIBACT LA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO La riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) trae

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Il progetto intende favorire il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immateriale di tradizioni musicali e orali di cinque regioni italiane, attraverso la sua digitalizzazione e

Dettagli

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI Facoltà di Lettere e Fisolofia Corso di Laurea in Archeologia A.A. 2012/2013 Dott.ssa Annamaria Bria www.mat.unical.it/bria Informazioni Generali Docente: Bria Annamaria

Dettagli

MICHAEL italiano nel contesto europeo

MICHAEL italiano nel contesto europeo MICHAEL e le politiche locali MICHAEL italiano nel contesto europeo Rossella Caffo MICHAEL Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe Finalità: Lanciare un servizio in linea che promuova il

Dettagli

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale (d.g.r. 26 marzo 2004, n. VII/16909) Premessa La Lombardia è stata la prima, tra le

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO Milano, 19 aprile 2006 Presentato a Palazzo Marino il Primo Rapporto sull urbanistica a Milano MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO 10.482.337 di mq le aree trasformate e in trasformazione con i grandi

Dettagli

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Premio Tempo ritrovato Fotografie da non perdere II Edizione Conservare i frammenti

Dettagli

Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014

Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014 PONTIFICIA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE Sezione SAN LUIGI Via Petrarca, 115-Napoli Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014 Indirizzi Percorsi di arte e teologia

Dettagli

Ragione Sociale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA.

Ragione Sociale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA. Ragione Sociale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA. Indirizzo PIAZZA D ARMI, 16 Telefono 070/6755800 070/6755813 Fax 070/6755816 E-mail diparch@unica.it

Dettagli

Verso il. Il bene torna a essere comune

Verso il. Il bene torna a essere comune Verso il Bando Storico Artistico e Culturale 2014 Il bene torna a essere comune giugno 2014 Verso il Bando Storico-Artistico e Culturale 2014 1 Spett.le Ente, la Fondazione CON IL SUD ( Fondazione ), giunta

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila

Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità) 1. Il presente disciplinare è diretto a regolamentare

Dettagli

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito ARCHIVIO STORICO LA STAMPA Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito 1.761.000 pagine 12.000.000 articoli 47.243 edizioni giornaliere La Stampa 18.314 edizioni

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria Il Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria Simonetta Bonomi presenterà venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Dettagli

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO Palazzo Canevari, Largo di S. Susanna 13, Roma Il Palazzo già sede del Museo Geologico Nazionale di Largo Santa Susanna, voluto da Quintino Sella alla fine dell 800,

Dettagli

e i cittadini Il Senato

e i cittadini Il Senato L ARCHIVIO STORICO LA BIBLIOTECA LA LIBRERIA - CENTRO DI INFORMAZIONE E DOCUMENTAZIONE ISTITUZIONALE LE INFORMAZIONI PARLAMENTARI IL SITO INTERNET IL CANALE SATELLITARE LE VISITE GUIDATE IL SENATO E LE

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE E LA REGIONE PIEMONTE PER IL COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI CATALOGAZIONE DEI BENI CULTURALI DEL TERRITORIO

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

POLO ARCHIVISTICO DEL COMUNE DI RONCIGLIONE

POLO ARCHIVISTICO DEL COMUNE DI RONCIGLIONE Soprintendenza Archivistica per il Lazio POLO ARCHIVISTICO DEL COMUNE DI RONCIGLIONE ATTIVITA DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEI PATRIMONI DOCUMENTARI LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA STORIA Avviamento alla

Dettagli

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità e compiti Art. 3 - Sede e patrimonio

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna CULTURA Attività culturali e sociali varie Il dominio di riferimento delle statistiche culturali è definito e articolato sulla base del quadro generale raccomandato dall

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO Verso la Biblioteca digitale del patrimonio culturale molisano SETTORE e Area di Intervento: Settore: Patrimonio artistico e culturale Area

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Regione Autonoma della Sardegna Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DIRETTIVE SCIENTIFICHE PER IL TRIENNIO 2006/2008 E PROGRAMMA ANNUALE DI ATTIVITÀ 2006 Direttive scientifiche

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Biblioteca delle Arti Carta della qualità dei servizi 2012 I. PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della qualità dei servizi

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

Abitare la Città Dimenticata: San PAOLO Refettorio della Camera di San Paolo, Strada Melloni, 3/A Parma - 11 Settembre 2013 - Ore 16:15

Abitare la Città Dimenticata: San PAOLO Refettorio della Camera di San Paolo, Strada Melloni, 3/A Parma - 11 Settembre 2013 - Ore 16:15 evento valido per l'attribuzione di crediti formativi vedi condizioni in ultima pagina Abitare la Città Dimenticata: San PAOLO Refettorio della Camera di San Paolo, Strada Melloni, 3/A Parma - 11 Settembre

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014

PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014 1 Via Eupili, 8-20145 Milano cdec@cdec.it www.cdec.it PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014 1 Progetti e iniziative speciali 2 Sviluppo dei siti web (aggiornamenti e progetti speciali) 3 Patrimonio documentario

Dettagli

All. A1 alla delibera di Giunta n. 78 del 13 marzo 2009

All. A1 alla delibera di Giunta n. 78 del 13 marzo 2009 L.R. 75/97 Presentazione progetto anno 2009 DENOMINAZIONE SOGGETTO RICHIEDENTE indirizzo città c.a.p. prov. telefoni fax e-mail cod. fisc. sito web part. IVA Forma giuridica del richiedente (ente locale,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

FONDAZIONE CIVES Sede legale in ERCOLANO (NA) Via IV Novembre n. 44 Nota integrativa (estratto) Consuntivo al 31/12/2014

FONDAZIONE CIVES Sede legale in ERCOLANO (NA) Via IV Novembre n. 44 Nota integrativa (estratto) Consuntivo al 31/12/2014 C.F./P.IVA: 05400281217 FONDAZIONE CIVES Sede legale in ERCOLANO (NA) Via IV Novembre n. 44 Nota integrativa (estratto) Consuntivo al 31/12/2014 [ ] il bilancio della Fondazione C.I.V.E.S. chiuso al 31/12/2014

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni Il Gruppo di Lavoro Italiano per la definizione dei Criteri di Qualità dei Siti Web della Cultura nella prima riunione tenutasi a Roma l 11 novembre 2002, ha fissato il proprio programma di lavoro come

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

All. A2 ARCHIVI. Soggetto proponente: COMUNE DI BOLOGNA - PROGETTI PRESENTATI: N. 3. Pagina 1 di 5. Note: Note: Note:

All. A2 ARCHIVI. Soggetto proponente: COMUNE DI BOLOGNA - PROGETTI PRESENTATI: N. 3. Pagina 1 di 5. Note: Note: Note: All. A2 PIANO PROVINCIALE 2012 - SCHEMA RIASSUNTIVO DEI PROGETTI PER I QUALI SI PROPONE UN INTERVENTO DIRETTO DELL'ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA TIPOLOGIA

Dettagli

LE RADICI AL PLURALE DI INTESA SANPAOLO

LE RADICI AL PLURALE DI INTESA SANPAOLO Archivio Storico Intesa Sanpaolo Via Morone 3-20121 Milano archivio.storico@intesasanpaolo.com Direzione Francesca Pino Coordinamento Paola Chiapponi Barbara Costa Ricerca e testi Alessandro Mignone Ricerca

Dettagli

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI SECONDA EDIZIONE LA CARTA DEI SERVIZI E l impegno scritto che prendiamo con i nostri utenti e riguarda i servizi ed i progetti di miglioramento L

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: CENASCA CISL 2) Codice di accreditamento: 3) Classe di iscrizione all albo: NZ00765 I CARATTERISTICHE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012

Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012 Scheda progetto Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008 Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008 Il Corso di laurea di primo livello (Laurea triennale) in Scienze dei Beni culturali (che si inserisce nella classe delle lauree in Scienze

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli

PROGRAMMA N. 8: PER LA CULTURA E LA PACE

PROGRAMMA N. 8: PER LA CULTURA E LA PACE PROGRAMMA N. 8: PER LA CULTURA E LA PACE 129 130 PROGETTO 8.1: UDINE CITTÀ PER LA CULTURA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Promozione della cultura partecipata e condivisa con Associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro Comune di Muzzana del Turgnano REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI E FINALITA DEL SERVIZIO 1. Il Comune di Muzzana del Turgnano favorisce la crescita culturale

Dettagli

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 VIII Comitato di Sorveglianza POR Calabria FSE 2007-2013 4 Dicembre 2014 Punto

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI Documento di Programmazione INFEA della Regione Puglia 2003/2004 (ex deliberazione di G.R. 860/02) - Definizione della strategia complessiva

Dettagli

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino Progetto Pierangelo Cavanna, Cristina Mossetti (dir. Villa della Regina), Elena

Dettagli

dal libro al manoscritto dalla biblioteca all archivio

dal libro al manoscritto dalla biblioteca all archivio dal libro al manoscritto dalla biblioteca all archivio Dove si reperisce - in fondo a un testo specialistico - nelle note di un articolo o saggio - fornita da un professore - nelle raccolte bio-bibliografiche

Dettagli

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati scaletta per seminario 14-12-05 UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI sul tema Accesso on line ai metadati e ai dati a cura di Francesco Baldi Discoteca di Stato e Museo dell Audiovisivo novembre 2005 Quadro

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA Bozza di lavoro del 28 gennaio 2015 CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE E ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA Con la presente scrittura privata, in duplice

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: MART MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO Indirizzo: CORSO BETTINI, 43 38068 ROVERETO (TN) Recapito telefonico: 0464/454119

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

biblioteca reale >>TORINO TORINO

biblioteca reale >>TORINO TORINO biblioteca reale TORINO L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole nel rapporto tra le amministrazioni

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS

POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS Capitolo III POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS PREMESSA Questo capitolo affronta il tema delle politiche pubbliche per la wellness e lo sport che mette in evidenza ancora un annoso e ancora

Dettagli

La Fototeca dell Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione tra divulgazione e e-commerce.

La Fototeca dell Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione tra divulgazione e e-commerce. a cura di Gabriella Guerci di Paola Callegari La storia dell istituzione L Istituzione nasce nel 1892, anno immediatamente successivo alla costituzione, da parte della nuova amministrazione statale, di

Dettagli

Metadati per il catalogo del patrimonio. ed etnoantropologico

Metadati per il catalogo del patrimonio. ed etnoantropologico Metadati per il catalogo del patrimonio archeologico, architettonico, storico artistico ed etnoantropologico Il progetto Cultura online e CulturaItalia li Flavia Ferrante (Istituto Centrale per il Catalogo

Dettagli

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a.

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a. Soggetti promotori: Comune di Teramo Regione Abruzzo Arcus s.p.a. Partners scientifici: Virtual Heritage Lab, Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali School of Social Sciences, Humanities

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Palazzolo Acreide 2) Codice di accreditamento: NZ00822 3) Albo e classe

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE UFFICIO DI PRESIDENZA

CONSIGLIO REGIONALE UFFICIO DI PRESIDENZA Deliberazione N. 141 del 21.9.2010 CONSIGLIO REGIONALE UFFICIO DI PRESIDENZA OGGETTO: Obiettivi strategici triennio 2011/2013: Approvazione. L'anno duemiladieci addì ventuno del mese di settembre alle

Dettagli

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito UNESCO è quello di

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli