Prontuario delle infrazioni in materia zoofila

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prontuario delle infrazioni in materia zoofila"

Transcript

1 Prontuario delle infrazioni in materia zoofila AUTORI LE GEV DI TORINO

2 ZOOFILIA 1 Tutela e controllo degli animali da affezione pag 3 2 Identificazione elettronica degli animali da affezione e banca dati informatizzata 18/2004 pag 8 3 Violazioni penali animali L. 189/2004 e pag 10 4 Disciplina del rapporto persone cani per prevenzione salute pubblica e del benessere animale pag 15 5 Allegati pag 17 Il lavoro è stato curato dal personale del Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria ed in special modo dall Agente Provinciale Zucca Stefano e dalle G.E.V. Ramello Massimo e Arlaud Clara.

3 TUTE E CONTROLLO DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE. Chiunque detiene animali d affezione od accetta d occuparsene e non provvede a garantirgli ambiente, cure ed attenzioni adeguate alla specie ed ai relativi bisogni fisiologici ed etologici. Chiunque detiene cani all aperto, senza sporre un ricovero, ben coibentato ed impermeabilizzato, che fornisca protezione dalle temperature e conzioni climatiche sfavorevoli. Chiunque detiene in modo permanente, animali d affezione, senza mantenere lo spazio occupato in buone conzioni igieniche. Art. 1 Art. 1 Non fornire ad ogni animale d affezione, costantemente, acqua da bere. lett. a Art. 1 comma 5 Non fornire agli animali d affezione, il nutrimento, almeno quotianamente, nella quantità e qualità adeguato alla specie, all età ed alle conzioni fisiologiche dell animale. Fatte salve particolari esigenze specie. lett. a Art. 1 comma 5/6 3

4 Chiunque detiene animali d affezione, senza garantire adeguate possibilità movimento, ovvero nel caso si rendessero necessarie, per esigenze igiene, sanità o sicurezza, limitazioni della libertà, omettendo attuare tali misure in modo che l animale non abbia a subire sofferenze. lett. b Chiunque detiene cani alla catena senza necessità. Chiunque, in caso necessità, detenga cani alla catena, che non sia mobile, con anello agganciato ad una fune scorrimento almeno lunga 5 metri. Chiunque, in caso necessità, detenga cani alla catena, omettendo assicurargli la possibilità quotiana movimento libero. Chiunque detiene cani in spazi delimitati, senza assicurare uno spazio almeno 8 metri quadri per capo adulto e fatte salve esigenze particolari razza, in locali ricovero non aperti sull esterno per consentire sufficiente illuminazione e ventilazione. Chiunque detiene e non garantisce le cure sanitarie necessarie ad un animale da affezione. (8) (4) lett. b Art. 1 lett. b Art. 1 competenza Chiunque detiene un animale d affezione senza assicurarne la custoa e senza adottare tutte le misure adeguate per evitarne la fuga. lett. d 4

5 Chiunque lascia liberi o non custosce con le debite cautele, animali pericolosi da lui posseduti, o ne affida la custoa a persona inesperta. Art. 672 C.P. Art. 672 C.P. 25,00 258,00 50,00 (7) Prefettura Chiunque detiene animali che non si possono adattare alla cattività. Chiunque detiene animali da affezione in numero o conzioni tali da causare problemi natura igienica o sanitaria, ovvero da recare pregiuzio al benessere degli animali stessi. Chiunque detiene un animale d affezione o accetta occuparsene non curandone la riproduzione, la custoa, la salute ed il benessere della prole. (8) Chiunque senza essere meco veterinario, salvo circostanze eccezionali emergenza, sopprima un animale d affezione. (Salvo che il fatto non costituisca ). Soppressione un animale da affezione eseguita da un meco veterinario (non vietata dalla normativa vigente) in modo da causare sofferenza all animale, ovvero senza essere preceduta da anestesia profonda. (Salvo che il fatto non costituisca ). Art. 4 Art. 2 lett. a lett. a 258, ,00 258, ,00 516,00 516,00 competenza 5

6 Chiunque, senza essere autorizzato, cattura animali vaganti e li detiene. Art. 6, e 9 com. 4, (9) 150,00 50,00 Gestione da parte privati o Enti, senza autorizzazione sanitaria rilasciata dal Sindaco, ai sensi del vigente R.P.V., impianti in cui si detengono cani e gatti a scopo allevamento, ricovero, pensione, commercio o addestramento. (6) Attuare spettacoli, gare e rappresentazioni pubbliche o private che comportano maltrattamenti o sevizie animali. Da applicarsi esclusivamente nell ipotesi in cui non si possa ravvisare il delitto cui all art.544 terquater, (se sussiste il dolo). (3) Abbandonare animali da affezione. Da applicarsi esclusivamente nell ipotesi in cui non si possa ravvisare il cui all art. 727 c. 1 C.P. Chiunque abbandoni cani, gatti o qualsiasi altro animale custoto nella propria abitazione. Da applicarsi esclusivamente nell ipotesi in cui non si possa ravvisare il cui all art. 727 c. 1 C.P. e non sia applicabile all art. 2 della 34/93. Art. 24 DPR 320/54 Art. 6 Art. 2 lett. b Art. 2 L.281/1991 Art. 6 Comma 3 L. 218/88 lett. a lett. b L.281/1991 (1) (1) 258, ,00 258, ,00 258, ,00 155,00 516,00 430,00 516,00 344,00 172,00 competenza Chiunque fa commercio cani o gatti al fine sperimentazione. L.281/1991 L.281/1991 (9) 2582, , ,66 competenza 6

7 NOTE : 1) L osservazione sanitaria è effettuata dal servizio veterinario dell competente pertanto le GEV non sono legittimate ad effettuare sequestri sanitari. 2) In caso grave violazione verificare se può configurarsi il cui all art. 727 C.P. 3) Nell ipotesi residuale quando il fatto non costituisce ai sensi dell art. 544 terquater C.P. 4) Non esistono vaccinazioni obbligatorie, tranne eventuali imposizioni tramite Ornanze ministeriali per alcune zoonosi come leptospirosi e rabbia. 5) Verificare le conzioni detenzione e utilizzo gabbie/trappole anche in conformità alla vigente normativa in materia caccia. 6) Accertare la conformità della struttura ai criteri cui agli art. 5 e 6 del regolamento ed in caso fformità regere verbale constatazione/riferimento da inviare all asl competente/sindaco. 7) Pagamento in misura ridotta da effettuarsi con modello F23. 8) In caso grave violazione verificare se può configurarsi il cui all art. 544 ter C.P. 9) Art. 13 Legge 689/81. 7

8 IDENTIFICAZIONE ELETTRONICA DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE E BANCA DATI INFORMATIZZATA. 18/2004 Detenzione, a qualsiasi titolo, un cane, senza accertarsi della registrazione ed identificazione presso l anagrafe canina regionale informatizzata. Proprietari e detentori, a qualsiasi titolo, cani che non provvedono entro 60 giorni dalla nascita delle cucciolate e comunque prima della loro cessione, alla identificazione tramite microchip dei cani. Mancata segnalazione al servizio veterinario dell, da parte del proprietario o eventuale detentore del cane, della cessione definitiva, della morte, o della eventuale variazione della sede detenzione, entro 15 giorni dall evento. Proprietari e detentori, a qualsiasi titolo, cani introdotti stabilmente da altre regioni che non provvedono entro 15 giorni, dall inizio della detenzione, alla registrazione dei cani stessi ed alla contestuale applicazione del microchip. Se il cane è già identificato con microchip, i proprietari ed i detentori devono entro 15 giorni segnalare l acquisizione del cane al servizio veterinario dell residenza. 18/ /2004 comma 5 18/2004 /bis 18/2004 Art /2004 Art /2004 Art /2004 Art / ,00 232,00 38,00 232,00 38,00 232,00 38,00 232,00 76,00 76,00 76,00 76,00 8

9 Mancata denuncia dello smarrimento un cane, da parte del proprietario o eventuale detentore, entro 3 giorni alla Polizia municipale del comune dove è detenuto l animale. Art. 9 18/2004 Art / ,00 232,00 76,00 Mancata registrazione all anagrafe canina, ed identificazione non corretta ai sensi dell art. 1 della LR 18/2004 per chiunque acquisti, venda, o detenga a scopo commercio cani. Venta cani età inferiore ai 2 mesi nonché cani non identificati e registrati. N.B. salvo i casi espressamente previsti e sanz. dalle 18/2004 Art /2004 Art. 2 OM 06/08/2008 e smi (1) Art /2004 Art. 650 C.P. 77,00 464,00 154,00 Procura Competente NOTE: 1) verificare la vigenza dell ornanza in base alla scadenza. 9

10 VIOZIONI PENALI ANIMALI L. 189/2004 Disposizioni concernenti il vieto maltrattamento degli animali, nonché impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Legge 201/2010 ratifica ed esecuzione della Convenzione Europea per la protezione degli animali da compagnia, (Strasburgo 13 Novembre 1987). TITOLO IXBIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI (Ve nota 2) (Uccisione animali). Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte un animale è punito con la reclusione da tre mesi a ciotto mesi. 44/bis. C.P. Sequestro penale Procura competente (Maltrattamento animali). Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da a euro. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che Procura competenteno un danno alla salute degli stessi. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell'animale. 44/ter. C.P. Obbligatorio 44/sexies C.P. (1) Procura competente 10

11 (Spettacoli o manifestazioni vietati). Salvo che il fatto costituisca più grave, chiunque organizza o promuove spettacoli o manifestazioni che comportino sevizie o strazio per gli animali è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni e con la multa da a euro. La pena è aumentata da un terzo alla metà se i fatti cui al primo comma sono commessi in relazione all'esercizio scommesse clandestine o al fine trarne profitto per se od altri ovvero se ne deriva la morte dell'animale. 44/quater C.P. Obbligatorio 44/sexies C.P. (1) Procura competente (Divieto combattimenti tra animali). Chiunque promuove, organizza o rige combattimenti o competizioni non autorizzate tra animali che possono metterne in pericolo l'integrità fisica. (3) Chiunque, fuori dei casi concorso nel, allevando o addestrando animali li destina sotto qualsiasi forma e anche per il tramite terzi alla loro partecipazione ai combattimenti cui al primo comma. Proprietari o detentori degli animali impiegati nei combattimenti e nelle competizioni cui al primo comma, se consenzienti. Chiunque, anche se non presente sul luogo del, fuori dei casi concorso nel medesimo, organizza o effettua scommesse sui combattimenti e sulle competizioni cui al primo comma. 44/quinquies C.P. Obbligatorio 44/sexies C.P. (1) Procura competente (Uccisione o danneggiamento animali altrui). Chiunque senza necessità uccide o rende inservibili o comunque deteriora animali che appartengono ad altri, è punito, salvo che il fatto costituisca più grave, a querela della persona offesa. Si procede d ufficio, se il fatto è commesso su tre o più capi bestiame raccolti in gregge o mandria, ovvero su animali bovini o equini, anche non raccolti in mandria. Art. 638 C.P. Sequestro penale Procura competente (Abbandono animali). Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abituni della cattività. Chiunque detiene animali in conzioni incompatibili con la loro natura, e produttive gravi sofferenze. Art. 727 C.P. Sequestro penale Procura competente Divieto utilizzo a fini commerciali pelli e pellicce Legge 189/04 11

12 E vietato utilizzare cani (Canis familiaris) e gatti (Felis catus) per la produzione o il confezionamento pelli, pellicce, capi abbigliamento e articoli pelletteria costituiti od ottenuti, in tutto o in parte, dalle pelli o dalle pellicce dei medesimi, nonché commercializzare o introdurre le stesse nel territorio nazionale. (4) Art. 2 L. 189/2004 Obbligatorio ai fini della confisca art. 2 L.189/2004 Procura competente Chiunque produce, commercializza, esporta o introduce nel territorio nazionale qualunque prodotto derivato dalla foca, in violazione dell'articolo 3 del regolamento (CE) n. 1007/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre Art. 2 /bis L. 189/2004 Obbligatorio ai fini della confisca art. 2 L.189/2004 Procura competente Legge 201/2010 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987 Chiunque, al fine Procurare a sé o ad altri un profitto, reiteratamente o tramite attività organizzate, introduce nel territorio nazionale animali da compagnia cui all'allegato I, parte A, del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, (Cani e Gatti), privi sistemi per l'identificazione inviduale e delle necessarie certificazioni sanitarie e non muniti, ove richiesto, passaporto inviduale. Art. 4 Obbligatorio ai fini della confisca art. 4 Procura competente Chiunque, al fine Procurare a se' o ad altri un profitto, trasporta, cede o riceve a qualunque titolo animali da compagnia cui all'allegato I, parte A, del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, (Cani e Gatti), introdotti nel territorio nazionale in violazione del citato. Art. 4 Obbligatorio ai fini della confisca art. 4 L.201/2010 Procura competente 12

13 Chiunque introduce nel territorio nazionale animali da compagnia cui all'allegato I, parte A, del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, (Cani e Gatti), privi sistemi per l'identificazione inviduale. (Salvo che il fatto costituisca ). (6) 100,00 200,00 Chiunque introduce nel territorio nazionale animali da compagnia cui all'allegato I, parte A, del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, (Cani e Gatti), privi sistemi per l'identificazione inviduale. (Microchip o tatuaggio) (Salvo che il fatto costituisca ). (6) 2000,00 666,66 (Per ogni esemplare) Chiunque introduce nel territorio nazionale animali da compagnia cui all'allegato I, parte A, del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, in violazione dei requisiti previsti dalla legislazione vigente. (documentazione sanitaria e dove richiesto passaporto europeo per animali da compagnia). (Salvo che il fatto costituisca ). (6) 500,00 333,33 13

14 Chiunque introduce nel territorio nazionale animali da compagnia cui all'allegato I, parte A, del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, in violazione dei requisiti previsti dalla legislazione vigente, un'età accertata inferiore a doci settimane o se provengono da zone sottoposte a misure restrittive polizia veterinaria adottate per contrastare la ffusione malattie trasmissibili proprie della specie. (Salvo che il fatto costituisca ). (6) 2000,00 666,66 (Per ogni esemplare) Chiunque trasporta o cede, a qualunque titolo, animali introdotti nel territorio nazionale in violazione quanto previsto dai commi 1 e 2. (Salvo che il fatto costituisca ). (6) 500,00 333,33 Chiunque trasporta o cede, a qualunque titolo, animali introdotti nel territorio nazionale in violazione quanto previsto dai commi 1 e 2, un'età accertata inferiore a doci settimane o se provengono da zone sottoposte a misure restrittive polizia veterinaria adottate per contrastare la ffusione malattie trasmissibili proprie della specie. (Salvo che il fatto costituisca ). (6) 2000,00 666,66 (Per ogni esemplare) NOTE : (1) 44/sexies. (Confisca e pene accessorie). Nel caso condanna, o applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell'articolo 444 del coce procedura penale, per i delitti previsti dagli articoli 544ter, 544 quater e 544quinquies, è sempre ornata la confisca dell'animale, salvo che appartenga a persona estranea al. (Mofica alle sposizioni coornamento e transitorie del coce penale). Art. 19ter (Leggi speciali in materia animali).le sposizioni del titolo IXbis del libro II del C.P. non si applicano ai casi previsti dalle leggi speciali in materia caccia, pesca, allevamento, trasporto, macellazione degli animali, sperimentazione scientifica sugli stessi, attività circense, giarni zoologici, 14

15 nonché dalle altre leggi speciali in materia animali. Le sposizioni del titolo IXbis del libro II del coce penale non si applicano altresì alle manifestazioni storiche e culturali autorizzate dalla Regione competente. Art. 19quater (affidamento degli animali sequestrati o confiscati). Gli animali oggetto provvementi sequestro o confisca sono affidati ad associazioni o enti che ne facciano richiesta inviduati con decreto del Ministro della Salute, adottato concerto con il Ministro dell interno. Il decreto cui all art. 19quater delle sposizioni coornamento e transitorie del coce penale è adottato entro tre mesi dalla data entrata in vigore della presente legge. (3) La pena è aumentata da un terzo alla metà: 1) se le predette attività sono compiute in concorso con minorenni o da persone armate; 2) se le predette attività sono promosse utilizzando videoriproduzioni o materiale qualsiasi tipo contenente scene o immagini dei combattimenti o delle competizioni; 3) se il colpevole cura la ripresa o la registrazione in qualsiasi forma dei combattimenti o delle competizioni. (4) Alla condanna consegue in ogni caso la confisca e la struzione del materiale. Sequestro penale ai sensi dell art. 354 e art. 113 norme attuazione C.P.P. (6) Art. 13 Legge 689/81. ANIMALI DOMESTICI Disciplina del rapporto persone cani per prevenzione salute pubblica e del benessere animale. Interventi chirurgici che moficano l aspetto un animale compagnia o finalizzati ad altri scopi non curativi. Recisione corde vocali. Taglio delle orecchie. Taglio coda. (Salvo che il fatto non costituisca ). (1) (3) Art , , ,00 15

16 Detenzione presso propria mora cani con mutilazioni vietate al dell art. 3, tranne per animali con mostrato acquisto della proprietà in data antecedente all entrata in vigore della presente legge. (3) lett. a Art ,00 Venta o cessione a qualsiasi titolo cani che abbiano subito le mutilazioni vietate al comma 1 dell art.3 (3) lett. b Art ,00 Esposizione cani che abbiano subito le mutilazioni vietate al dell, successivamente all entrata in vigore della presente Legge. (3) Art ,00 Non sottoporre a visita veterinaria comportamentale un cane ad aggressività non controllata entro 40 giorni dall evento aggressivo. (3) (4) Art , ,66 Mancata applicazione guinzaglio e museruola ai cani ad aggressività non controllata, nelle vie o altro luogo aperto al pubblico, fino al superamento del test del percorso formativo per il controllo dell affidabilità e dell equilibrio psichico del cane. (3) (4) Mancata stipulazione polizza assicurativa responsabilità civile per i danni a terzi causati dal cane ad aggressività non controllata. (3) (4) comma 6 lett. a comma 6 lett. b Art. 8 Art , , , ,66 16

17 Detentore cane ad aggressività non controllata che rinuncia all animale ma che non sostiene le spese mantenimento e rieducazione sino a nuovo affidamento. (3) (4) Detenzione cani ad aggressività non controllata da parte delinquenti abituali o per tendenza ai sensi degli art. 102 e 108 C.P. (3) (4) Detenzione cani ad aggressività non controllata da parte chi è sottoposto a misure prevenzione personale o a misure sicurezza personale. (3) (4) comma 7 0 lett. a 0 lett. b Art. 8 Art. 8 Art , , , , , ,66 NOTE: 10) Eccezione per i cani appartenenti alle razze canine riconosciute presso la Federazione cinofila internazionale con caudotomia prevista dallo standard. 11) I vieti previsti non si applicano in caso detenzione che deriva dalla cessione effettuata da canili ufficialmente autorizzati. 12) La reciva comporta un aumento un terzo della sanzione pecuniaria da irrogarsi. 13) Le violazioni cui all art. 5, compiute nell esercizio un attività allevamento, trasporto, addestramento e simili, o comunque commerciale, comportano il raddoppio delle sanzioni. 14) Art. 13 Legge 689/81. ALLEGATI 1 SOGGETTI COMPETENTI ALL INCASSO DELLE SANZIONI ED A RICEVERE EVENTUALI RICORSI. A.S.L. COMPETENTI PER TERRITORIO 17

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione"

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione Provincia di Milano Direzione Centrale Polizia Provinciale e Protezione Civile PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione" Coordinamento

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno

Dettagli

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p.

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Art. 500 Diffusione di malattia degli animali Chiunque cagiona la diffusione di una malattia alle piante

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE PROGRAMMA: «LA SCUOLA ADOTTA UN CANILE» 2011 ATTIVITA DI CONTROLLO E INTERVENTO NORME Legge Regionale n 10

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

LEGGE 20 luglio 2004, n. 189

LEGGE 20 luglio 2004, n. 189 LEGGE 20 luglio 2004, n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché' di impiego degli Stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. pubblicata

Dettagli

LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria Corso di formazione per operatori di canili martedi, 29 ottobre 2013 Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria t.p.a.l.l. dr. arch nino garofalo dal Codice di Procedura Penale Titolo III Polizia

Dettagli

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione Art. 1. (Finalità della legge) 1. La legge tutela le condizioni di vita degli animali di affezione e

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 LEGGE 4 novembre 2010, n. 201 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 4 novembre 2010, n.201 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, nonche' norme di adeguamento dell'ordinamento

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 LEGGE 4 novembre 2010, n. 201 Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre

Dettagli

III - ANIMALI 157 III ANIMALI

III - ANIMALI 157 III ANIMALI 943270010 - III Animali 17-05-2007 18:19 Pagina 157 III - ANIMALI 157 III ANIMALI Introduzione Gli obblighi di colui che detiene animali d affezione sono disciplinati, oltre che da responsabilità morali,

Dettagli

Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012

Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012 Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012 Norme del Codice Civile, Penale, di Procedura Penale relative agli animali di affezione L attività sanzionatoria ed i rapporti con

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA

IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA IL RANDAGISMO CANINO E L ANAGRAFE CANINA Dr. Angelo Seghesio RAFFAELLA TAMAGNONE Medico Veterinario Comportamentalista Cause di ingresso in canile IN USA: il 52.2% sono cani catturati Il 44.2% abbandonati

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA PROVINCIA DI CREMONA POLIZIA LOCALE Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA Approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Pagina 1 di 5 Stampa Chiudi questa finestra Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Estremi Min. Salute - Ord. 06/08/2013 MINISTERO DELLA

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2)

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) O.M. 3 marzo 2009 (1). Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 marzo 2009, n. 68. (2) Emanata

Dettagli

Tutela e controllo degli animali da affezione.

Tutela e controllo degli animali da affezione. Comune di Pecetto Torinese CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Tutela e controllo degli animali da affezione. Prontuario delle leggi e sanzioni relativi al controllo degli animali da affezione Cani e Gatti Ai

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge: LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Gazzetta Ufficiale

Dettagli

DIVIETO DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI / Legge n 189 del 20 Luglio 2004 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Disposizioni

DIVIETO DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI / Legge n 189 del 20 Luglio 2004 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Disposizioni DIVIETO DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI / Legge n 189 del 20 Luglio 2004 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,

Dettagli

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI Approvato con C.C. n. 4 in data 26/03/2007 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. La Camera dei

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani:

Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani: Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani: Di seguito pubblichiamo il testo integrale dell'ordinanza emanata dal Ministero

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Art. 1 Finalità della legge.

Art. 1 Finalità della legge. Page 1 of 11 Leggi Regionali d'italia Piemonte L.R. 26-7-1993 n. 34 Tutela e controllo degli animali da affezione. Pubblicata nel B.U. Piemonte 4 agosto 1993, n. 31. L.R. 26 luglio 1993, n. 34 (1). Tutela

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 82 Operativa OGGETTO: Polizia Amministrativa. Regolamenti comunali Tutela

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge: LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini

Dettagli

IL SINDACO. Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n.

IL SINDACO. Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. Reg. Ord. n. 942 del 28/10/2009 Prot. N. del IL SINDACO Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320; Visto l'art. 32 della

Dettagli

Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna. I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa

Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna. I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa Pescara 29 novembre 2009 LA DOTTRINA ANTROPOCENTRICA ARISTOTELE LA RIFLESSIONE CRISTIANA

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale e' inserito il seguente: "TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI"

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale e' inserito il seguente: TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI LEGGE 20 luglio 2004, n.189 (Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 ) Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini

Dettagli

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Ferrara, 31 maggio 2013 dott. Andrea Poli REGOLAMENTO CE 1/2005 VIAGGIO: l intera operazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI

COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI COMUNE DI COLORINA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO IN MATERIA DI OBBLIGHI DEI PROPRIETARI DI CANI E RELATIVE SANZIONI Allegato A) alla delibera C.C. n. 7 del 29.04.2010 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012 Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo Ferrara, 16 maggio 2012 Legge regionale 17.02.05, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Finalità La

Dettagli

Foglio ufficiale. 1 Atti legislativi e dell Amministrazione. Legge sui cani. 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457

Foglio ufficiale. 1 Atti legislativi e dell Amministrazione. Legge sui cani. 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457 Foglio ufficiale 1 Atti legislativi e dell Amministrazione Legge sui cani Scopi Identificazione e registrazione a) procedura b) controllo Tassa IL GRAN CONSIGLIO DELLA

Dettagli

Segreteria di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale, la Previdenza, la Famiglia e gli Affari Sociali, le Pari Opportunità

Segreteria di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale, la Previdenza, la Famiglia e gli Affari Sociali, le Pari Opportunità PROGETTO DI LEGGE: Disposizioni in materia di protezione degli animali da compagnia e di tutela dell incolumità pubblica dall aggressione dei cani Capitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Definizioni

Dettagli

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 30 agosto 1991 1. Princìpi generali 1. Lo Stato

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 960 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE Introduzione del titolo XIV-bis del libro primo del

Dettagli

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti Legge 189 del 20 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti roberto mattioli massimo romeo Bologna 8 giugno

Dettagli

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 19-07-1994 Norme per la tutela degli animali di affezione e per la prevenzione ed il controllo del fenomeno del randagismo. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA PER LA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA. Conclusa a Strasburgo il 13 novembre 1987

CONVENZIONE EUROPEA PER LA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA. Conclusa a Strasburgo il 13 novembre 1987 CONVENZIONE EUROPEA PER LA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Firmata, ma non ratificata dall Italia Art. 1 Definizioni Conclusa a Strasburgo il 13 novembre 1987 1. Per animale da compagnia si intende

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 dott.ssa rosalba matassa ministero della salute direzione generale della sanità animale e del farmaco

Dettagli

TITOLO V DISCIPLINA DELLA DETENZIONE DEGLI ANIMALI DOMESTICI

TITOLO V DISCIPLINA DELLA DETENZIONE DEGLI ANIMALI DOMESTICI Regolamento Comune di Cuneo. TITOLO V DISCIPLINA DELLA DETENZIONE DEGLI ANIMALI DOMESTICI ART. 52 PRINCIPI GENERALI Il Comune promuove e disciplina la tutela degli animali da affezione, condanna gli atti

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta)

COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) COMUNE DI SAN MARCELLINO (Provincia di Caserta) 1. Il regolamento è finalizzato a tutelare il benessere della popolazione canina domestica presente nel territorio del comune e a disciplinare la convivenza

Dettagli

Legge n. 189

Legge n. 189 Legge 20 7 2004 n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Pubblicata nella

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007 COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL CANE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il regolamento è finalizzato

Dettagli

Regolamento recante criteri per l'attuazione della legge regionale "tutela e controllo degli animali da affezione"

Regolamento recante criteri per l'attuazione della legge regionale tutela e controllo degli animali da affezione D.P.G.R. n. 4359 dell'11 novembre 1993 Regolamento recante criteri per l'attuazione della legge regionale "tutela e controllo degli animali da affezione" Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 3 agosto 2015 Proroga, con modifica, dell'ordinanza contingibile e urgente 6 agosto 2013 concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (15A06718)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

Corso di formazione per i proprietari di cani: il Patentino

Corso di formazione per i proprietari di cani: il Patentino Corso di formazione per i proprietari di cani: il Patentino Roma, 12 e 14 gennaio 2016 Gli obblighi di legge del buon proprietario: cani e proprietari buoni cittadini Dr.ssa Patrizia Mazzocchini U.O.S.D.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2854 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Riconoscimento dei conigli quali animali di affezione nonché divieto della vendita

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy 6 febbraio 2003 Articolo 1) Finalità e definizioni 1. Con il presente accordo le Regioni e il Governo si impegnano, ciascuno

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona

Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Il benessere animale L ATTIVITA DI P.G. Dott.ssa Anna Maggio Comandante Corpo Polizia Provinciale di Verona Legge 20 luglio 2004, n. 189 il legislatore ha sancito che gli animali debbono essere sempre

Dettagli

Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale

Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Art 4, comma 1 punto b) criteri per la classificazione del rischio da cani di proprietà con aggressività non controllata, parametri

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 3 agosto 2015 Proroga dell'ordinanza 21 luglio 2011, come modificata da ultimo dall'ordinanza 7 agosto 2014, in materia di disciplina di manifestazioni popolari pubbliche

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi.

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi. GUIDA AI SERVIZI SERVIZIO DI CATTURA E CUSTODIA DEI CANI VAGANTI La presenza di cani randagi costituisce un problema sia sotto l aspetto sanitario sia per quanto riguarda la sicurezza dell abitato. La

Dettagli

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 28 marzo 2012 Modificato con deliberazione del

Dettagli

Animali in famiglia: tutele e responsabilità

Animali in famiglia: tutele e responsabilità Animali in famiglia: tutele e responsabilità Proprietari e responsabilità ART. 1, comma 1 O.M. 6/8/2013 a tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani il proprietario di un cane è sempre responsabile

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere:

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE STEFANO QUAINI di iniziativa del Consigliere: Avente a oggetto: MODIFICAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 22 MARZO 2000, N. 23 (TUTELA

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. - Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 05/06/06 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

Taviano Città dei Fiori

Taviano Città dei Fiori Taviano Città dei Fiori REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare

Dettagli

COMUNE DI CAMPOSPINOSO (PV) Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 21 Dicembre 2009

COMUNE DI CAMPOSPINOSO (PV) Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 21 Dicembre 2009 Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 21 Dicembre 2009 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI IN AREE URBANE PUBBLICHE, DI USO PUBBLICO E/O APERTE AL PUBBLICO, NONCHE LA

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la disciplina di manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 270 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VILLECCO CALIPARI Disciplina del rapporto tra uomo e cane per la prevenzione delle morsicature

Dettagli

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO La legge quadro sul randagismo n 281 del 1991 La 281 è la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Tra le enunciazioni principali

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli