Strumenti e nuove tecnologie per la conoscenza dell ambiente e la diffusione dell informazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti e nuove tecnologie per la conoscenza dell ambiente e la diffusione dell informazione."

Transcript

1 Scuola di Dottorato Dottorato di ricerca in Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente Strumenti e nuove tecnologie per la conoscenza dell ambiente e la diffusione dell informazione. Il caso del verde urbano nel contesto smart city Rapporto sulle attività del II anno del dottorato di ricerca Ciclo XXVI Dottoranda: SILVIA REBESCHINI dicembre 2012

2 INDICE Premessa Attività di studio e formazione Master SIT e autoformazione Seminari Il contesto del progetto di ricerca Il verde urbano: un altra infrastruttura della smart city Il verde urbano: fattore di contrasto all inquinamento atmosferico Il verde urbano e le piante allergeniche: aspetti sanitari Primi approfondimenti sui temi della ricerca ll verde urbano e il miglioramento della qualità dell aria: il modello i-tree i Eco Il verde urbano e i pollini aerodispersi: effetti sulla salute Pollini aerodispersi e insorgenza dei sintomi: quale relazione? Le nuove tecnologie a servizio della comunicazione medico-paziente Attività svolte Argomenti di interesse per la ricerca Altre attività Bibliografia e Sitografia

3 Premessa La finalità principale del rapporto consiste nella descrizione delle attività svolte durante il secondo anno del dottorato di ricerca in Nuove Tecnologie e Informazione Territorio e Ambiente. La stesura del documento, tuttavia, richiedendo inevitabilmente un lavoro di raccolta e organizzazione coerente dei contenuti da esporre, mi ha consentito anche di riflettere con maggior obiettività sulle diverse attività svolte per valutare l eventuale opportunità di ridefinire i contorni della ricerca e il percorso di studio. La struttura del rapporto riflette i punti salienti dell attività svolta quest anno: proseguimento dell attività di formazione per il riallineamento delle competenze attraverso lo studio individuale, la partecipazione ai seminari e alle conferenze organizzati nell ambito del Dottorato NT&ITA, la partecipazione a conferenze esterne a IUAV riguardanti temi di interesse per la mia ricerca o per la mia professione, la frequenza alle lezioni di alcuni moduli didattici del Master SIT e telerilevamento; definizione della struttura del progetto di ricerca che si articola in due filoni distinti collegati tra loro da un nesso logico. Questa fase ha compreso l avvio della ricerca bibliografica e la creazione della rete di contatti con i referenti dei singoli filoni tematici, attività entrambe estremamente dispendiose in termini di tempo; descrizione dettagliata di ciascun ramo della ricerca con riferimento alle principali fonti informative consultate e alla definizione degli obiettivi dello studio; resoconto delle attività svolte per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, individuazione di alcune criticità rilevate e descrizione di alcune attività previste; attività svolte all esterno del dottorato. I contenuti del rapporto 1

4 Dal confronto con quanto esposto nel precedente resoconto (gennaio 2012), emergono la continuità dell attività di formazione e autoformazione, che proseguirà per tutto il periodo del dottorato, e l avvio delle attività del progetto di ricerca che ha assunto in questi ultimi mesi una struttura consistente e definita, quantomeno a livello macroscopico. Nonostante uno degli obiettivi principali dello studio resti l utilizzo delle nuove tecnologie per favorire la comunicazione e la diffusione dell'informazione in campo ambientale, è emersa l opportunità di integrare la ricerca analizzando anche alcuni dati sanitari in relazione alle condizioni dell ambiente. Questa parte, a mio avviso, potrebbe fornire un elevato valore aggiunto alla ricerca poiché affronta il tema delle ricadute sulla salute umana dello stato ambientale, punto fondamentale del noto modello concettuale della realtà DPSIR (1), non sempre adeguatamente approfondito. Come verrà specificato in seguito, il progetto si inserisce nella cornice della smart city e in particolare riguarda le declinazioni di smart environment, smart health e smart citizens. Infatti, accanto allo studio sul ruolo della vegetazione nel miglioramento della qualità dell aria in ambito urbano, verrà approfondito il tema del monitoraggio aerobiologico e del potenziale impatto sanitario dei pollini aerodispersi sulla popolazione sensibile. Nelle diverse accezioni di smart city emerge il ruolo centrale delle persone che la vivono. Una città intelligente non può che essere costituita da cittadini intelligenti, dato che il sistema Città vive, cresce e si evolve grazie agli individui che la compongono. Smart citizens sono anche coloro che usufruendo dei sistemi innovativi di diffusione della conoscenza, contribuiscono attivamente, con la loro partecipazione, alla creazione di una rete in grado di fornire informazioni sempre più aggiornate, affidabili, trasparenti e condivise su ciò che li circonda e che è di loro interesse. Efficienza, affidabilità, tempestività dei flussi informativi, ma anche partecipazione, condivisione, multiattorialità e trasparenza delle informazioni sono a mio avviso gli ingredienti necessari per percorrere con successo la strada verso la realizzazione di una smart city. Smart environment Smart health Smart citizens Smart city e la centralità dei cittadini 2

5 1. Attività di studio e formazione 1.1 Master SIT e autoformazione Nei primi mesi dell anno ho seguito le lezioni del modulo Basi di Dati del master di secondo livello Sistemi informativi territoriali e telerilevamento. Le conoscenze apprese durante le lezioni sono state fondamentali per organizzare un database dove archiviare le informazioni riguardanti i pazienti affetti da pollinosi visitati presso l Azienda Ospedaliera di Padova (vedi 4). Nell ultimo periodo ho iniziato ad utilizzare strumenti GIS (Quantum GIS) per pianificare l attività di rilevamento dei dati del verde urbano e per la successiva elaborazione degli stessi. 1.2 Seminari Ho partecipato ai seminari organizzati nell ambito del dottorato NT&ITA. Alcuni si sono rivelati particolarmente interessanti e proficui per il proseguimento del mio percorso di ricerca. Seminario: Wikicrazia, le frontiere delle politiche pubbliche collaborative al tempo della crisi Alberto Cottica, 23 gennaio 2012 Seminario: Elaborazioni di immagini e video per l'estrazione della conoscenza Andrea Prati, 26 gennaio 2012 Seminario: Green infrastructures and water management. New York and Philadelphia Franco A. Montalto, 29 marzo 2012 Smart cities Discussione tesi dottorato NT&ITA II ciclo e lezione magistrale di Luca De Biase, 5 aprile

6 Seminario: Geo-FreeDOM: impatti di Free, Digital, Open, Mobile sul business geomatico, tendenze evolutive e prospettive future. Parte 1: il concetto di Free Paolo Dosso, 12 aprile 2012 Ho inoltre seguito con interesse il ciclo di conferenze tematiche e seminari denominato Nuove tecnologie e gestione del territorio e dell ambiente organizzato nell ambito delle Iniziative di riallineamento culturale e tecnologico rivolte alle strutture tecniche della Provincia, dei Comuni, ai dottorandi IUAV e ai professionisti della provincia di Venezia 7 giugno Nuove frontiere del remote sensing. G. Sylos Labini (Planetek 4 Italia Srl) Tecniche e strumenti di ultima generazione per l estrazione di informazione territoriale e ambientale da dati tele rilevati. S. Picchio (dottorato NT, IUAV) 14 giugno Rischio idrogeologico e idraulica urbana. G. La Loggia (Università di Palermo) Sistemi di rilievo 3D avionici e terrestri. N. Bucceri (LTS/Uni Sky Srl) 21 giugno Nuovi orizzonti della valutazione ambientale e NT. L. Marotta (IUAV) Geostatistica. R. Camporese (dottore NT, IUAV) 12 luglio Servizi localizzati: definizione, disegno, integrazione, interoperabilità. R. Laurini (INSA Lyone) Le tecnologie ICT per dispositivi mobili: progettare LBS sul proprio cellulare. A. Prati (IUAV) 19 luglio Software open source e open data per la PA. L. Menini (ARPAV) Geospatial Web ingegnerizzazione. S. Menegon (dottorato NT IUAV) 20 settembre Design e riduzione alla fonte dei rifiuti. M. Chiapponi (IUAV) Governare l incertezza nella società del rischio. S. Morini (IUAV) 27 settembre Filiere corte, territorio e agroalimentare. G. Piazza (Coldiretti Veneto) Opengis N.Iandelli (dottorato NT IUAV) 4 ottobre Cloud computing & PA. M.Vianello (Dirett. Parco Scientifico VEGA) Termomapping. N. Bucceri (LTS/Uni Sky Srl)

7 18 ottobre Reti sociali e modelli wiki. A.Cottica (Consiglio d Europa, Strtasburgo) Tecnologie GeoDBMS per l organizzazione e il processa mento dei dati geografici. G.Borga (Dottore NT, IUAV) 27 novembre Esperienze di quadri di conoscenza per la nuova pianificazione. N. Martinelli (Politecnico di Bari) Mobile Mapping System. A. Ragnoli (dottorato NT IUAV) 13 dicembre L utilizzo di tecnologia RFID come strumento di indagine delle reti sociali all interno della aziende. M.Barzotto (dottoranda Ca Foscari) 17 dicembre La piattaforma City Knowledge. F.Carrera (Worcester Polytechnic Institute, Massachusetts), 5

8 2. Il contesto del progetto di ricerca 2.1 Il verde urbano: : un altra infrastruttura della smart city Nei primi mesi del 2012 si è delineata con maggior chiarezza la struttura del progetto di ricerca che, rispetto a quanto ipotizzato inizialmente, riguarda un ambito tematico più limitato e presenta obiettivi più chiari e concreti. La cornice è quella della smart city, in particolare nelle declinazioni riguardanti l ambiente (smart environment), la salute (smart health) e i cittadini (smart citizens). Questi tre aspetti sono intimamente legati nello studio che sto conducendo; le connessioni presenti tra questi ambiti, troppo spesso studiati con un approccio settoriale, rappresentano dal mio punto di vista, l aspetto interessante e innovativo dell intero percorso di ricerca. La matrice ambientale oggetto di approfondimento è il verde urbano che, come è noto, svolge numerose importanti funzioni all interno dell ecosistema cittadino. Oltre alla funzione estetica, infatti, esso deve adempiere a svariati altri compiti con effetti sia a livello biologico che psicologico, tutti ricollegabili comunque al miglioramento della qualità di vita dell uomo. (2) Tra i benefici ambientali prodotti dalla presenza di parchi, giardini e alberature stradali in ambito urbano si evidenziano gli effetti positivi sul microclima (mitigazione delle isole di calore), sugli eventi meteo estremi (mitigazione degli effetti delle piogge intense attraverso l intercettazione da parte della chioma e la percolazione nel suolo), sulla qualità dell aria (produzione di ossigeno e sequestro di anidride carbonica). In un ottica smart city, quindi, il verde urbano dovrebbe essere oggetto di una progettazione accurata e di una gestione efficiente che tenga in considerazione tutte le sue numerose funzioni. Il verde urbano dovrebbe essere considerato un infrastruttura vera e propria (green infrastructure) che pervade l intero spazio urbano e ne condiziona la vivibilità. Al pari delle altre infrastrutture, quella del verde può rendere la città un luogo vivibile, efficiente, rispondente ai bisogni dei cittadini e può contribuire al miglioramento delle condizioni ambientali e alla tutela della salute. Smart city e green infrastructure 6

9 2.2 Il verde urbano: fattore di contrasto all inquinamento atmosferico Un altro aspetto positivo della copertura vegetale, anche e soprattutto in ambito urbano, è la capacità di sottrarre dall atmosfera alcuni gas inquinanti nocivi per l uomo e le piante stesse. Questa proprietà è purtroppo ancora poco conosciuta a livello di amministrazioni pubbliche e cittadini. In ambito scientifico, tuttavia, esistono numerosi casi di studio e sono disponibili dei modelli matematici per la determinazione quantitativa del contributo prodotto dalla vegetazione. Questo argomento sarà approfondito nel paragrafo Il verde v urbano e le piante allergeniche: : aspetti sanitari Tenendo in evidenza quanto affermato sopra, va evidenziato tuttavia che, in alcune occasioni, le aree verdi possono costituire delle fonti di pressione da gestire con attenzione e competenza, in quanto esse possono ospitare specie vegetali allergeniche, potenzialmente dannose per alcuni individui. In alcuni periodi dell anno, esse emettono in atmosfera quantitativi significativi di pollini che, veicolati dal vento, raggiungono i soggetti sensibili scatenando delle reazioni allergiche che si manifestano con disturbi soprattutto a carico dell apparato respiratorio (asma, bronchite, rinite) (3, 4). In occasione della V giornata del polline (21 marzo 2012) l Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA), Federasma Onlus e ISPRA si sono trovate concordi nell affermare che per contrastare le malattie allergiche generate da pollini, è fondamentale un azione combinata su tre fronti (5): il monitoraggio aerobiologico dei pollini e delle spore attraverso le reti del sistema delle Agenzie ambientali (POLLNET) e dell Associazione italiana di aerobiologia (RIMA) per la prevenzione, la diagnosi, la terapia e la gestione clinica delle malattie allergiche; la progettazione del verde urbano che deve prevedere l impiego di specie non allergeniche; la gestione dei giardini pubblici e privati mirata alla riduzione delle quantità di pollini emessi (scelta di tempi e procedure più appropriate). Pollini aerodispersi e allergie 7

10 3. Primi approfondimenti sui temi della ricerca 3.1 ll verde urbano e il miglioramento della qualità dell aria: il modello i-tree i Eco I problemi di inquinamento dell aria in ambito urbano vengono di norma fronteggiati attraverso misure di riduzione/blocco del traffico, essendo questo la fonte principale delle emissioni dei gas nocivi (ossidi di azoto e polveri). Scarsa attenzione (o nulla) viene data, invece, alla componente vegetazionale, che da sola, può costituire in taluni contesti, un agente per ridurre il livello di concentrazione in aria degli stessi inquinanti. La vegetazione dunque, ha anche una funzione di cattura inquinanti, nel senso che è in grado di sequestrare dall atmosfera alcune sostanze nocive attraverso l assorbimento e la deposizione sulla superficie fogliare di alberi e arbusti. Questa funzione si somma alle altre ben più note, tra tutte la produzione di ossigeno e il sequestro dell anidride carbonica attraverso la sintesi della biomassa. Per quantificare gli effetti positivi della vegetazione è disponibile un modello matematico che analizza i benefici prodotti dal verde (alberi e arbusti) sia dal punto di vista ambientale (miglioramento della qualità dell aria, risparmio di energia, contrasto ai cambiamenti climatici), sia da quello economico. Si tratta del modello di calcolo statunitense UFORE (Urban Forest Effects) realizzato alla fine degli anni 90 dal Servizio Foreste del Dipartimento dell Agricoltura degli Stati Uniti d America (USDA). Nel tempo il modello è stato costantemente aggiornato e migliorato affinchè potesse essere utilizzato nei più svariati contesti territoriali; oggi incorpora l applicazione itree ECO che permette di interfacciare l utente con il sistema di calcolo. (6, 7, 8). Il calcolo viene eseguito combinando i dati strutturali della vegetazione con quelli sull inquinamento atmosferico locale e sulle condizioni meteo. Assegnando inoltre un valore economico ai benefici prodotti dalla copertura vegetale è possibile effettuare delle comparazioni tra realtà urbane diverse. Inoltre, poiché l applicazione del modello permette di valutare gli effetti del verde urbano sulla qualità del aria, esso può essere impiegato per analizzare diversi scenari e ipotesi di intervento, e quindi può costituire un utile supporto alle decisioni delle amministrazioni sulla gestione del verde pubblico. Sottrazione degli inquinanti atmosferici Il modello UFORE e itree ECO 8

11 Nonostante la maggior parte delle applicazioni del modello riguardino località degli Stati Uniti, negli ultimi anni sono stati condotti alcuni studi anche in Europa e in Italia. In ambito nazionale si evidenziano lo studio sull area verde dei Giardini di Porta Venezia a Milano (9) e lo studio del verde urbano del Comune di Forlì (10). Per quanto riguarda la città di Padova è stato realizzato uno studio che valuta il contributo positivo alla qualità dell aria prodotto dalle alberature presenti nella zona industriale (Consorzio ZIP). I risultati sono presentati in una tesi di laurea discussa presso dell Università di Padova (Dipartimento Territorio e Sistemi Agro Forestali TeSAF). Casi di studio Nel mio percorso di studio applicherò il modello itreeeco al verde pubblico di un quartiere del comune di Padova, partendo dai dati del censimento degli alberi rilevati nel 2012 dal Settore Verde del Comune. Dopo aver verificato la disponibilità: del dirigente del Settore Verde (Dott. Barbariol) a fornire i dati disponibili sulle alberature e ad identificare un referente interno alla struttura per un eventuale supporto; del Prof. Paolo Semenzato dell Università di Padova (TeSAF) a fornire il supporto tecnico-metodologico per la fase di rilevazione dei dati sul campo e predisposizione dei dati da utilizzare nel modello, nel mese di settembre ho iniziato le attività per giungere alle valutazioni conclusive nei tempi di svolgimento del dottorato. La scelta dell area di studio è stata determinata soprattutto dalla disponibilità dei dati di censimento degli alberi rilevati dal Comune che, al momento attuale, dispone di dati dettagliati solamente per due quartieri su cinque. Tra le informazioni rilevate durante il censimento vi è, infatti, l indicazione della specie arborea, dato fondamentale per procedere alla successiva attività di integrazione delle informazioni necessarie all applicazione del modello. L area di studio è il quartiere 2 Nord che comprende le unità urbane di Arcella, San Bellino, San Carlo e Pontevigodarzere. Applicazione al Comune di Padova 9

12 Il quartiere 2 nord del Comune di Padova e le unità urbane Il quartiere scelto rappresenta un area molto urbanizzata, densamente trafficata e presenta valori elevati di concentrazione degli inquinanti atmosferici. Le condizioni ambientali critiche di questa area costituiscono un aspetto favorevole per esaltare gli effetti benefici prodotti dal verde sulla qualità dell aria. L area di studio si estende per una superficie territoriale di 6,71 km² che ospita (al 31/12/2010) abitanti di cui oltre solo nelle zone Arcella e San Carlo. La popolazione, in costante calo negli ultimi 20 anni, rappresenta il 18,45% dell intero Comune. I confini sono costituiti a nord dal tracciato locale del fiume Brenta, a sud dalla la ferrovia Milano-Venezia, a dall'asse viario Plebiscito-Bigolo-Manca, ad ovest dalla linea ferroviaria Padova-Castelfranco Veneto. Alcuni indicatori ambientali presentati nell Annuario Statistico del Comune di Padova del 2011: il quartiere pur avendo il valore di superficie di verde pubblico sul totale della superficie superiore alla media comunale (6,3 rispetto a 3,9%), mostra tuttavia il più basso valore di superficie di verde pubblico per abitante (10.66 m 2 /ab rispetto al valore medio comunale di 17 m 2 /ab) i valori di qualità dell aria registrati dalla centralina di monitoraggio situata nel quartiere mostrano superamenti sia a livello di concentrazione media annuale per il biossido di azoto (NO 2 ), sia in termini di giorni di superamento dei valori limite di polveri sottili (PM10) e ozono (O 3 ). Sul territorio analizzato vi sono all incirca 5000 alberi su suolo pubblico, suddivisi rispettivamente in 3500 individui tra parchi, giardini e aree verdi e 1500 lungo le strade. 10

13 Gli alberi del verde pubblico (parchi) nell area di studio 3.2 Il verde urbano e i pollini aerodispersi: rsi: effetti sulla salute Se il verde urbano costituisce senza dubbio un elemento di fondamentale importanza per la qualità della vita, soprattutto nei centri densamente popolati, esso può costituire in alcuni casi particolari una causa di disagi per alcune persone. Si tratta dei soggetti sensibili agli allergeni prodotti da alcune specie vegetali durante la fase della pollinazione. I disturbi più seri generati con asma, bronchite e rinite allergica e colpiscono in molti casi i bambini e i giovani. Secondo i dati riportati in ambito europeo e nazionale le malattie allergiche sono ai primi posti per numerosità di soggetti colpiti e, aspetto più allarmante, sono in continuo aumento. I risultati dell indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari condotta da ISTAT nel 2005 su famiglie (nota stampa del 2 marzo 2007) riferiscono che le malattie croniche più diffuse tra la popolazione sono: l artrosi/artrite (18,3%) l ipertensione arteriosa (13,6%), le malattie allergiche Incidenza delle malattie allergiche 11

14 (10,7%) con tassi molto elevati fin dall'infanzia: ne sono infatti, affetti almeno il 10,9% dei bambini e l 8,2% delle bambine fino a 14 anni. Anche Federasma Onlus in occasione della Prima giornata del paziente allergico (21 marzo 2012) evidenzia un incremento, dal 1950 ad oggi, dal 10% al 30% della popolazione colpita da una manifestazione allergica, inclusi bambini e adolescenti. L asma bronchiale colpisce un bambino su dieci e nell 80% dei casi sarebbe provocata da allergie, mentre la rinite allergica ne colpisce due su dieci (11). Un quadro più dettagliato della situazione è presentato nel rapporto del Ministero della Salute sullo stato sanitario del Paese pubblicato nel 2011 (12). Le patologie allergiche sono in costante aumento non solo in Italia, ma in molti paesi industrializzati. Nonostante vi siano diverse teorie che spiegano questo fenomeno, si possono individuare alcuni punti condivisi dalla comunità scientifica, quali l aumento dell inquinamento atmosferico, il contatto quotidiano con molte sostanze di sintesi (additivi alimentari, fibre sintetiche, ), l aumento dell assunzione di farmaci, l introduzione di piante non autoctone e/o esotiche. 3.3 Pollini aerodispersi e insorgenza dei sintomi: quale relazione? A causa dell elevata variabilità delle caratteristiche individuali che determinano una diversa risposta sanitaria alle medesime condizioni ambientali, è assai difficile trovare una relazione quantitativa tra i dati di concentrazione dei pollini in atmosfera e gli effetti sanitari nei soggetti sensibili. Per migliorare l efficienza e la tempestività delle cure nei pazienti allergici sarebbe molto utile conoscere le soglie di concentrazione in aria dei diversi pollini oltre le quali si scatenano le risposte allergiche dei soggetti sensibili, in altre parole le dosi critiche degli agenti allergeni. A tal proposito sono disponibili alcuni risultati di studi che hanno determinato tali valori soglia; si tratta in particolare dell olivo (162 pollini/m3) e delle graminacee (35 pollini/m3) (13, 14) Se i dati di concentrazione pollinica giornaliera relativi alle principali famiglie botaniche allergeniche sono facilmente disponibili, in quanto rilevati dalle reti di monitoraggio regionali (ARPA) coordinate a livello nazionale da ISPRA (rete POLLNET), quelli sulla sintomatologia dei soggetti allergici vengono rilevati solamente per finalità specifiche di studio e ricerca, e quindi in ambiti locali e per periodi limitati di tempo. Livelli di concentrazione soglia e dose 12

15 Uno strumento utilizzato dai medici, sia per la diagnosi della malattia sia per il monitoraggio delle condizioni del paziente, che contribuisce alla raccolta sistematica dei dati sulla sintomatologia dei soggetti allergici è il diario dei sintomi Si tratta di una tabella in formato cartaceo che i pazienti compilano giornalmente con informazioni sintetiche sul proprio stato di salute e sulle terapie farmacologiche seguite. In occasione delle visite ospedaliere periodiche il diario viene visionato dal medico che ne analizza i contenuti. Alcuni limiti evidenti di tale procedura sono il supporto cartaceo dei dati, la mancanza di un quadro complessivo che offra una visione d insieme, l alta probabilità che i dati risultino incompleti o compilati a posteriori. Il diario dei sintomi 3.4 Le nuove tecnologie a servizio della comunicazione medico-paziente Una proposta di miglioramento del flusso informativo medico-paziente che superi i problemi accennati sopra (e non solo), proviene dall impiego delle nuove tecnologie applicate ad uno strumento d uso quotidiano: il telefono cellulare. Si tratta di progettare e realizzare un applicazione mobile che sostituisca la compilazione giornaliera del modulo cartaceo e invii in tempo reale, o con periodicità da definire, i dati al medico che potrà così disporre di serie temporali di dati in formato digitale. L applicazione dovrà essere inizialmente distribuita ad un numero limitato di pazienti sperimentatori individuati direttamente dal medico allergologo. Alcuni aspetti positivi della compilazione del diario mediante l utilizzo dell applicazione per smartphone: Per il paziente: possibilità di ricevere un promemoria giornaliero per la compilazione per evitare dimenticanze e garantire dati completi e tempestivi; velocità e facilità di compilazione del diario per chi possiede uno smartphone. Per il medico: maggior probabilità di ricevere dati completi e tempestivi archiviazione strutturata dei dati; dati generati in formato digitale pronti all uso per successive elaborazioni. Ipotesi applicativa: una app per smartphone 13

16 4. Attività svolte Come già evidenziato, in questi ultimi mesi ho approfondito tematiche diverse con l obiettivo finale di poter ricomporre un quadro complessivo coerente al termine del percorso di ricerca. Nell ambito del progetto da svolgere in collaborazione con il Comune di Padova sulla determinazione delle quantità di inquinanti atmosferici sottratti ad opera della vegetazione in ambito urbano, ho iniziato la raccolta del materiale bibliografico, ho quasi completato la predisposizione dei dataset meteo e qualità dell aria e ho eseguito la maggior parte dei rilievi sul campo per integrare il dataset del censimento degli alberi fornito dal Comune con dati e informazioni necessarie all applicazione del modello itreeeco. La fase di campionamento degli alberi è stata condotta durante i mesi di settembre, ottobre e novembre (in parte) ed è stata inizialmente condotta al fianco di un esperto forestale che mi ha fornito le istruzioni metodologiche di base per condurre le misure in modo corretto. Gli alberi campionati rappresentano il risultato di una selezione operata in fase di progettazione del rilievo concordata con il Prof. Semenzato, sulla base di criteri di rappresentatività delle specie arboree e della loro distribuzione sul territorio. Raccolta dati: alberi aria meteo Per quanto concerne il tema del verde urbano e degli effetti sanitari dei pollini aerodispersi, ho approfondito i temi del monitoraggio aerobiologico, dei sistemi informativi per la diffusione dei dati e dei sistemi per la previsione delle concentrazioni polliniche in atmosfera. Inoltre ho avuto l opportunità di approfondire alcuni aspetti inerenti l ambito sanitario grazie alla disponibilità e collaborazione di un medico allergologo operante presso l Azienda Ospedaliera di Padova. Sin dai primi incontri è emersa con chiarezza la consapevolezza che il continuo aumento delle malattie allergiche va affrontato e studiato con un approccio interdisciplinare. Fattori quali l inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici, lo stile di vita e la familiarità possono giocare un ruolo importante nello sviluppo di tali patologie. 14

17 Ho iniziato la ricerca e consultazione di materiale bibliografico riguardante le relazioni tra malattie allergiche e fattori ambientali quali l inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici (15). Con l obiettivo di osservare delle relazioni tra i dati sanitari dei pazienti residenti a Padova e visitati presso l ospedale e i dati ambientali riferiti allo stesso periodo temporale (concentrazione pollinica e qualità dell aria), ho predisposto un database in Microsoft Access (attualmente in fase di test) per l acquisizione delle informazioni sanitarie, ora disponibili solamente su supporto cartaceo. Sempre in ambito sanitario, ho avuto l occasione di osservare personalmente come le nuove tecnologie potrebbero costituire un mezzo per migliorare l efficienza della comunicazione, non solo tra il personale medico, ma anche tra medico e paziente. In particolare mi riferisco all esempio della compilazione su carta del diario dei sintomi da parte dei pazienti affetti da pollinosi (disturbi provocati da allergia ai pollini), descritto al paragrafo 3.3. Dopo aver concordato con il medico referente le informazioni da registrare e aver effettuato una analisi preliminare della struttura del database, ho ricevuto dal Prof. Andrea Prati le indicazioni per acquisire le competenze di base per realizzare l applicazione per dispositivi mobili su piattaforma Android. Quest ultima attività, nonostante l interesse dimostrato dal medico referente, è rimasta ad uno stadio inziale (16). Concludendo E probabile che io abbia ipotizzato un progetto complessivo troppo ambizioso, data la vastità dell argomento e la molteplicità di competenze necessarie per sviluppare le singole parti che lo compongono. Tuttavia, disponendo ancora di un periodo di tempo significativo per svolgere la ricerca, ho deciso di percorrere in modo parallelo i diversi filoni tematici che caratterizzano il progetto e di rimandare al primo semestre del terzo anno la definizione della struttura del rapporto conclusivo. 15

18 5. Argomenti di interesse per la ricerca Tenendo sempre presente che l obiettivo principale della ricerca è studiare come l utilizzo degli strumenti messi a disposizione dalle nuove tecnologie possono migliorare la qualità della vita dei cittadini anche in termini di ottimizzazione dei flussi informativi (qualità dei contenuti, tempestività e aggiornamento delle informazioni, facilità e velocità di trasmissione, sicurezza, ecc.), si possono individuare alcuni aspetti centrali caratterizzanti il progetto: 16 Stato dell'ambiente: è il contesto generale, in quanto la ricerca prende in considerazione i dati e le informazioni relative al verde urbano e alla qualità dell aria, compresi i dati provenienti dal monitoraggio aerobiologico per l identificazione e la misura degli agenti allergenici (pollini); Salute: acquisizione di informazioni sanitarie sull'occorrenza di patologie/disturbi di origine allergica e successivo confronto con i dati ambientali; Nuove tecnologie: utilizzo di applicazioni mobile per la comunicazione e l informazione, utilizzo di immagini telerilevate per indagini sulla copertura vegetale e per il rilievo di dati puntuali sugli alberi in funzione dell applicazione del modello i-treeeco (17); Partecipazione, collaborazione, condivisione: anche se questi aspetti non sono trattati fino a questo momento, il progetto offre molte opportunità per sperimentare un eventuale sistema di monitoraggio partecipato (segnalazione di disturbi da agenti allergenici, monitoraggio fenologico per individuare periodi di massima fioritura delle piante, misura dei dati dendrometrici delle piante per infittire la rete di dati necessaria all applicazione del modello i-treeeco anche in altri contesti). E in corso di valutazione da parte degli enti interessati (ARPAV, IUAV e Consiglio di quartiere 2 di Padova) un progetto di monitoraggio partecipato, destinato agli abitanti del quartiere, per il rilevamento dei dati dentrometrici di alberi situati all interno di alcuni parchi urbani. Lo svolgimento del progetto consentirebbe di raggiungere diversi obiettivi, tra cui: testare un processo di monitoraggio partecipato in ambito ambientale, stimolare la conoscenza del proprio territorio e la socialità, paragonare i risultati ambientali prodotti dallo stesso modello alimentato con dati raccolti con diverse modalità; I concetti chiave della ricerca

19 Smart citizens: non è sufficiente disporre di un accesso rapido, semplice e sicuro all informazione, utilizzando ove possibile le nuove tecnologie disponibili; il cittadino intelligente deve essere messo in grado, se lo desidera, di condividere dati e informazioni in suo possesso con la comunità attraverso gli strumenti del cosiddetto web 2.0, in virtù del principio che ognuno di noi è informazione. 17

20 Altre attività Ho partecipato ad alcuni eventi che, pur non essendo tutti strettamente inerenti alle attività del dottorato, hanno contribuito al mio percorso di formazione e all aggiornamento dei temi trattati in ambito professionale. Convegno Verde Città, Comune di Padova, 30 marzo 2012 Dalla partecipazione alla cogestione dei beni comuni, Fondazione LANZA, Padova, 15 maggio 2012 Metadati del repertorio nazionale dei dati del territorio, Regione Veneto, Dipartimento provinciale ARPAV di Mestre Venezia, 17 maggio 2012 Convegno Big Data, VEGA, Venezia, 15 giugno 2012 Workshop Internazionale ECOtechGREEN CITY + LANDSCAPE, Nuovi paesaggi per la città attiva, nell ambito di Flormart Padova, 14 settembre 2012 Smart City Exhibition, Bologna, 29 ottobre 2012 Corso di formazione PHP - livello base organizzato da Arpav Padova, novembre 2012 Durante il primo semestre ho partecipato alle attività del gruppo di lavoro coordinato dalla Regione Veneto (Servizio Informativo) finalizzate al lancio del portale veneto degli Open Data avvenuto in occasione del convegno Big Data del 15 giugno. In particolare mi sono occupata della selezione e del data entry nel portale dei dataset ambientali di competenza di ARPAV e dei relativi metadati. Nel corso degli ultimi mesi dell anno ho collaborato alla ristrutturazione del sito internet del Dottorato NT&ITA. Tra le varie attività svolte, quelle principali a cui ho partecipato: 18 analisi progettuale della nuova struttura modifica e aggiornamento del menu di navigazione e delle relative pagine web Integrazione e aggiornamento dei contenuti (seminari, atelier, ecc..) ristrutturazione della sezione Dottorandi e aggiornamento delle pagine dei profili personali.

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

Scheda 4 «Smart City» SMART ENVIRONMENT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Smart City» SMART ENVIRONMENT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il termine Smart Environment riguarda concetti quali lo sviluppo sostenibile e attività quali la riduzione dei rifiuti prodotti da una determinata

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

CONTENUTO DEL DOCUMENTO

CONTENUTO DEL DOCUMENTO CONTENUTO DEL DOCUMENTO 1.0 INTRODUZIONE... A- Visione "Macro" 2.0 SINTESI DEL PROGETTO... A- Eco-Sistema B- Hardware C- Concetto di Indossabilità D- Piattaforma "Social Network" ed infrastruttura di rete

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano

Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano Seconda versione 3 dicembre 2012 Partner del progetto Fondazione per l Università

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Il traffico veicolare è responsabile di circa il 50% del PM10 totale (primario

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

N del progetto Beneficiario. Contatto. Durata Bilancio totale Contributo CE Tema generale. Localizzazione

N del progetto Beneficiario. Contatto. Durata Bilancio totale Contributo CE Tema generale. Localizzazione FO3REST : Valutazione degli impatti dell ozono e dei cambiamenti climatici sulle foreste franco-italiane: definizione di criteri e soglie di protezione 1 Mappa del progetto N del progetto Beneficiario

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche legate alla ciclo-mobilità urbana

Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche legate alla ciclo-mobilità urbana Università IUAV di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Laurea magistrale in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Stato dell Ambiente Responsabile del Procedimento:

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Chiozza A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione Qualità dell'aria

Dettagli

4. Zonizzazione provinciale

4. Zonizzazione provinciale 4. Zonizzazione provinciale Alla luce dei nuovi limiti e delle scadenze temporali imposti dal D.M. 2 aprile 2002, n. 60, le Province dovevano effettuare la zonizzazione del territorio sulla base delle

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Contro lo smog arrivano le barriere di piante che accumulano la CO2

Contro lo smog arrivano le barriere di piante che accumulano la CO2 23 febbraio 2015 Contro lo smog arrivano le barriere di piante che accumulano la CO2 Per combattere l'inquinamento atmosferico il Cra ha pianificato l'inserimento in città di otto arbusti mediterranei

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS ECOMONDO 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? CRITICITA NELLA VALUTAZIONE LIFE CYCLE SUSTAINABILITY ASSESSMENT DI ZERO ENERGY BUILDINGS Michele Paleari Politecnico di

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Quindici anni di servizio informazione pollinica retrospettiva e novità

Quindici anni di servizio informazione pollinica retrospettiva e novità Newsletter n. 15-2009 Quindici anni di servizio informazione pollinica retrospettiva e novità La tanto attesa edizione della newsletter info pollini n. 15, esce ora in occasione del quindicesimo anniversario

Dettagli

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS Scheda informativa Il Turbogas (ciclo combinato a gas) è la miglior tecnologia disponibile per produrre energia elettrica da combustibili fossili, ha alta efficienza e basso impatto ambientale. PRECISAZIONI

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione I U A V UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SCUOLA DI DOTTORATO DOTTORATO DI RICERCA IN NUOVE TECNOLOGIE E INFORMAZIONE TERRITORIO - AMBIENTE CICLO XXIII Smart Vineyard Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Prof. ing. Luigi Schibuola Dipartimento di Culture del Progetto - Università IUAV di Venezia Unità di ricerca

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace Reggio Calabria, 6 marzo 2008 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina

Dettagli

Progetto APICE. 1 a Newsletter GIUGNO 2011

Progetto APICE. 1 a Newsletter GIUGNO 2011 Progetto APICE Common Mediterranean Strategy and local practical Actions for the mitigation of Port, Industries and Cities Emissions 1 a Newsletter In questo numero: GIUGNO 2011 Gli obiettivi del progetto

Dettagli

IL MONITORAGGIO, LA PREVISIONE E LA COMUNICAZIONE SUI POLLINI ALLERGENICI IN EMILIA-ROMAGNA: ESPERIENZE E PROPOSTE

IL MONITORAGGIO, LA PREVISIONE E LA COMUNICAZIONE SUI POLLINI ALLERGENICI IN EMILIA-ROMAGNA: ESPERIENZE E PROPOSTE IL MONITORAGGIO, LA PREVISIONE E LA COMUNICAZIONE SUI POLLINI ALLERGENICI IN EMILIA-ROMAGNA: ESPERIENZE E PROPOSTE Franco Zinoni 1, Andrea Ranzi 2 1 Italia ARPA Emilia-Romagna, Servizio IdroMeteorologico,

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Ambiente urbano, misure e azioni: il progetto europeo SUPERHUB

Ambiente urbano, misure e azioni: il progetto europeo SUPERHUB L INNOVAZIONE RESPONSABILE S-LEGAMI L evoluzione delle relazioni Ambiente urbano, misure e azioni: il progetto europeo SUPERHUB Forlì, centro storico 18 maggio 2013 UNA NUOVA MOBILITA - la mobilità urbana

Dettagli

Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future

Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future Roberto Barbiero Dipartimento Protezione Civile e Infrastrutture roberto.barbiero@provincia.tn.it I cambiamenti

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» FIRENZE SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» FIRENZE SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE Firenze conquista la terza posizione grazie in particolare all ottima performance in termini di governance e una forte

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia del trasporto dei rifiuti, mentre sarebbe interessante studiarne l impatto dal punto di vista economico ambientale. Tutti i rifiuti che vengono prodotti, del resto, sono oggetto di operazioni di trasporto,

Dettagli

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Programma Conferenze Centro Epson Meteo Maggio 2015

Programma Conferenze Centro Epson Meteo Maggio 2015 Nel contesto di Aquae Venezia 2015 Programma Conferenze Centro Epson Meteo Maggio 2015 (Programma aggiornato al 23 Maggio 2015) 7 Maggio 2015 Il clima che cambia: effetti su ambiente e salute Flavio Galbiati

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Tecnologie abilitanti per le smart cities green: SmartNose Dust

Tecnologie abilitanti per le smart cities green: SmartNose Dust Tecnologie abilitanti per le smart cities green: SmartNose Dust Ing. P. Donadio, Dott. M. Peluso SmartNose Dust founders Smarter enterprise in smarter cities - 29 marzo 2014 Smart cities: modello di riferimento

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Breve descrizione del progetto: ll progetto integra i seguenti elementi : 1. Crescita della consapevolezza dell utilizzatore sull ambiente 2. Internet delle Cose (IOT) 3. Applicazioni per Android e ios

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ il vento spazza via le polveri sottili, ma l attenzione resta alta per la città

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Foto: Mina Lacarbonara

Foto: Mina Lacarbonara Foto: Mina Lacarbonara Introduzione Lo sfruttamento e la sempre maggiore sottrazione di suolo dai contesti tipicamente naturali e rurali sta determinando cambiamenti radicali nei paesaggi, nell ambiente,

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE PREMESSA Gli effetti sanitari del verificarsi di condizioni bioclimatiche disagevoli costituiscono un importante problema di salute

Dettagli

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri , 3 aprile 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti

Dettagli

Rapporto sulle attività del primo anno di dottorato di ricerca in. Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente

Rapporto sulle attività del primo anno di dottorato di ricerca in. Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente Rapporto sulle attività del primo anno di dottorato di ricerca in Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente RICERCA - Iuav - Scuola di Dottorato IL PROGETTO DI RICERCA Adattamento Urbano ai

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

Il Partner ideale per lo sviluppo di strategie per l'efficienza. Efficienza - Vision - Riduzione dei costi

Il Partner ideale per lo sviluppo di strategie per l'efficienza. Efficienza - Vision - Riduzione dei costi Il Partner ideale per lo sviluppo di strategie per l'efficienza Efficienza - Vision - Riduzione dei costi ETANOMICS_L' Azienda Per l'industria - Per i fornitori di servizi - Per tutte le realtà energivore

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Tirocinio per la tesi svolto presso l agenzia Conservatoria delle Coste, Regione Sardegna Relazione di fine tirocinio Studente:

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti OBIETTIVI Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti Quantificare l evoluzione di domanda ed intensità del trasporto Caratterizzare le tecnologie utilizzate

Dettagli

Internet of Things ed efficienza energetica:

Internet of Things ed efficienza energetica: Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Padova +39 049 8275539 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Comitato Ambiente e Energia Prof. Antonio Scipioni scipioni@unipd.it

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare TECHITALY 2012 L innovazione industriale come motore della crescita europea Sessione 2 Le azioni del Ministero dell ambiente per la mobilità

Dettagli

Esperienze di sicurezza ambientale

Esperienze di sicurezza ambientale Esperienze di sicurezza ambientale Progetto Analisi statistica dell inquinamento atmosferico Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie - Napoli Allievi Relatori: Francesco Capasso, Roberta Avolio,

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

sistema sostenibile di gestione delle attività di organizzazione eventi e di ufficio

sistema sostenibile di gestione delle attività di organizzazione eventi e di ufficio sistema sostenibile di gestione delle attività di organizzazione eventi e di ufficio Informazioni sul candidato: Ragione sociale: ecocongress società cooperativa Indirizzo: Via N. Cristofani 4/A Cap: 6135

Dettagli

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA Premessa Il progetto CLEAR, ha come obiettivo finale l approvazione del bilancio ambientale da parte dell ente. Nella costruzione e approvazione del bilancio ambientale

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli