Strumenti e nuove tecnologie per la conoscenza dell ambiente e la diffusione dell informazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti e nuove tecnologie per la conoscenza dell ambiente e la diffusione dell informazione."

Transcript

1 Scuola di Dottorato Dottorato di ricerca in Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente Strumenti e nuove tecnologie per la conoscenza dell ambiente e la diffusione dell informazione. Il caso del verde urbano nel contesto smart city Rapporto sulle attività del II anno del dottorato di ricerca Ciclo XXVI Dottoranda: SILVIA REBESCHINI dicembre 2012

2 INDICE Premessa Attività di studio e formazione Master SIT e autoformazione Seminari Il contesto del progetto di ricerca Il verde urbano: un altra infrastruttura della smart city Il verde urbano: fattore di contrasto all inquinamento atmosferico Il verde urbano e le piante allergeniche: aspetti sanitari Primi approfondimenti sui temi della ricerca ll verde urbano e il miglioramento della qualità dell aria: il modello i-tree i Eco Il verde urbano e i pollini aerodispersi: effetti sulla salute Pollini aerodispersi e insorgenza dei sintomi: quale relazione? Le nuove tecnologie a servizio della comunicazione medico-paziente Attività svolte Argomenti di interesse per la ricerca Altre attività Bibliografia e Sitografia

3 Premessa La finalità principale del rapporto consiste nella descrizione delle attività svolte durante il secondo anno del dottorato di ricerca in Nuove Tecnologie e Informazione Territorio e Ambiente. La stesura del documento, tuttavia, richiedendo inevitabilmente un lavoro di raccolta e organizzazione coerente dei contenuti da esporre, mi ha consentito anche di riflettere con maggior obiettività sulle diverse attività svolte per valutare l eventuale opportunità di ridefinire i contorni della ricerca e il percorso di studio. La struttura del rapporto riflette i punti salienti dell attività svolta quest anno: proseguimento dell attività di formazione per il riallineamento delle competenze attraverso lo studio individuale, la partecipazione ai seminari e alle conferenze organizzati nell ambito del Dottorato NT&ITA, la partecipazione a conferenze esterne a IUAV riguardanti temi di interesse per la mia ricerca o per la mia professione, la frequenza alle lezioni di alcuni moduli didattici del Master SIT e telerilevamento; definizione della struttura del progetto di ricerca che si articola in due filoni distinti collegati tra loro da un nesso logico. Questa fase ha compreso l avvio della ricerca bibliografica e la creazione della rete di contatti con i referenti dei singoli filoni tematici, attività entrambe estremamente dispendiose in termini di tempo; descrizione dettagliata di ciascun ramo della ricerca con riferimento alle principali fonti informative consultate e alla definizione degli obiettivi dello studio; resoconto delle attività svolte per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, individuazione di alcune criticità rilevate e descrizione di alcune attività previste; attività svolte all esterno del dottorato. I contenuti del rapporto 1

4 Dal confronto con quanto esposto nel precedente resoconto (gennaio 2012), emergono la continuità dell attività di formazione e autoformazione, che proseguirà per tutto il periodo del dottorato, e l avvio delle attività del progetto di ricerca che ha assunto in questi ultimi mesi una struttura consistente e definita, quantomeno a livello macroscopico. Nonostante uno degli obiettivi principali dello studio resti l utilizzo delle nuove tecnologie per favorire la comunicazione e la diffusione dell'informazione in campo ambientale, è emersa l opportunità di integrare la ricerca analizzando anche alcuni dati sanitari in relazione alle condizioni dell ambiente. Questa parte, a mio avviso, potrebbe fornire un elevato valore aggiunto alla ricerca poiché affronta il tema delle ricadute sulla salute umana dello stato ambientale, punto fondamentale del noto modello concettuale della realtà DPSIR (1), non sempre adeguatamente approfondito. Come verrà specificato in seguito, il progetto si inserisce nella cornice della smart city e in particolare riguarda le declinazioni di smart environment, smart health e smart citizens. Infatti, accanto allo studio sul ruolo della vegetazione nel miglioramento della qualità dell aria in ambito urbano, verrà approfondito il tema del monitoraggio aerobiologico e del potenziale impatto sanitario dei pollini aerodispersi sulla popolazione sensibile. Nelle diverse accezioni di smart city emerge il ruolo centrale delle persone che la vivono. Una città intelligente non può che essere costituita da cittadini intelligenti, dato che il sistema Città vive, cresce e si evolve grazie agli individui che la compongono. Smart citizens sono anche coloro che usufruendo dei sistemi innovativi di diffusione della conoscenza, contribuiscono attivamente, con la loro partecipazione, alla creazione di una rete in grado di fornire informazioni sempre più aggiornate, affidabili, trasparenti e condivise su ciò che li circonda e che è di loro interesse. Efficienza, affidabilità, tempestività dei flussi informativi, ma anche partecipazione, condivisione, multiattorialità e trasparenza delle informazioni sono a mio avviso gli ingredienti necessari per percorrere con successo la strada verso la realizzazione di una smart city. Smart environment Smart health Smart citizens Smart city e la centralità dei cittadini 2

5 1. Attività di studio e formazione 1.1 Master SIT e autoformazione Nei primi mesi dell anno ho seguito le lezioni del modulo Basi di Dati del master di secondo livello Sistemi informativi territoriali e telerilevamento. Le conoscenze apprese durante le lezioni sono state fondamentali per organizzare un database dove archiviare le informazioni riguardanti i pazienti affetti da pollinosi visitati presso l Azienda Ospedaliera di Padova (vedi 4). Nell ultimo periodo ho iniziato ad utilizzare strumenti GIS (Quantum GIS) per pianificare l attività di rilevamento dei dati del verde urbano e per la successiva elaborazione degli stessi. 1.2 Seminari Ho partecipato ai seminari organizzati nell ambito del dottorato NT&ITA. Alcuni si sono rivelati particolarmente interessanti e proficui per il proseguimento del mio percorso di ricerca. Seminario: Wikicrazia, le frontiere delle politiche pubbliche collaborative al tempo della crisi Alberto Cottica, 23 gennaio 2012 Seminario: Elaborazioni di immagini e video per l'estrazione della conoscenza Andrea Prati, 26 gennaio 2012 Seminario: Green infrastructures and water management. New York and Philadelphia Franco A. Montalto, 29 marzo 2012 Smart cities Discussione tesi dottorato NT&ITA II ciclo e lezione magistrale di Luca De Biase, 5 aprile

6 Seminario: Geo-FreeDOM: impatti di Free, Digital, Open, Mobile sul business geomatico, tendenze evolutive e prospettive future. Parte 1: il concetto di Free Paolo Dosso, 12 aprile 2012 Ho inoltre seguito con interesse il ciclo di conferenze tematiche e seminari denominato Nuove tecnologie e gestione del territorio e dell ambiente organizzato nell ambito delle Iniziative di riallineamento culturale e tecnologico rivolte alle strutture tecniche della Provincia, dei Comuni, ai dottorandi IUAV e ai professionisti della provincia di Venezia 7 giugno Nuove frontiere del remote sensing. G. Sylos Labini (Planetek 4 Italia Srl) Tecniche e strumenti di ultima generazione per l estrazione di informazione territoriale e ambientale da dati tele rilevati. S. Picchio (dottorato NT, IUAV) 14 giugno Rischio idrogeologico e idraulica urbana. G. La Loggia (Università di Palermo) Sistemi di rilievo 3D avionici e terrestri. N. Bucceri (LTS/Uni Sky Srl) 21 giugno Nuovi orizzonti della valutazione ambientale e NT. L. Marotta (IUAV) Geostatistica. R. Camporese (dottore NT, IUAV) 12 luglio Servizi localizzati: definizione, disegno, integrazione, interoperabilità. R. Laurini (INSA Lyone) Le tecnologie ICT per dispositivi mobili: progettare LBS sul proprio cellulare. A. Prati (IUAV) 19 luglio Software open source e open data per la PA. L. Menini (ARPAV) Geospatial Web ingegnerizzazione. S. Menegon (dottorato NT IUAV) 20 settembre Design e riduzione alla fonte dei rifiuti. M. Chiapponi (IUAV) Governare l incertezza nella società del rischio. S. Morini (IUAV) 27 settembre Filiere corte, territorio e agroalimentare. G. Piazza (Coldiretti Veneto) Opengis N.Iandelli (dottorato NT IUAV) 4 ottobre Cloud computing & PA. M.Vianello (Dirett. Parco Scientifico VEGA) Termomapping. N. Bucceri (LTS/Uni Sky Srl)

7 18 ottobre Reti sociali e modelli wiki. A.Cottica (Consiglio d Europa, Strtasburgo) Tecnologie GeoDBMS per l organizzazione e il processa mento dei dati geografici. G.Borga (Dottore NT, IUAV) 27 novembre Esperienze di quadri di conoscenza per la nuova pianificazione. N. Martinelli (Politecnico di Bari) Mobile Mapping System. A. Ragnoli (dottorato NT IUAV) 13 dicembre L utilizzo di tecnologia RFID come strumento di indagine delle reti sociali all interno della aziende. M.Barzotto (dottoranda Ca Foscari) 17 dicembre La piattaforma City Knowledge. F.Carrera (Worcester Polytechnic Institute, Massachusetts), 5

8 2. Il contesto del progetto di ricerca 2.1 Il verde urbano: : un altra infrastruttura della smart city Nei primi mesi del 2012 si è delineata con maggior chiarezza la struttura del progetto di ricerca che, rispetto a quanto ipotizzato inizialmente, riguarda un ambito tematico più limitato e presenta obiettivi più chiari e concreti. La cornice è quella della smart city, in particolare nelle declinazioni riguardanti l ambiente (smart environment), la salute (smart health) e i cittadini (smart citizens). Questi tre aspetti sono intimamente legati nello studio che sto conducendo; le connessioni presenti tra questi ambiti, troppo spesso studiati con un approccio settoriale, rappresentano dal mio punto di vista, l aspetto interessante e innovativo dell intero percorso di ricerca. La matrice ambientale oggetto di approfondimento è il verde urbano che, come è noto, svolge numerose importanti funzioni all interno dell ecosistema cittadino. Oltre alla funzione estetica, infatti, esso deve adempiere a svariati altri compiti con effetti sia a livello biologico che psicologico, tutti ricollegabili comunque al miglioramento della qualità di vita dell uomo. (2) Tra i benefici ambientali prodotti dalla presenza di parchi, giardini e alberature stradali in ambito urbano si evidenziano gli effetti positivi sul microclima (mitigazione delle isole di calore), sugli eventi meteo estremi (mitigazione degli effetti delle piogge intense attraverso l intercettazione da parte della chioma e la percolazione nel suolo), sulla qualità dell aria (produzione di ossigeno e sequestro di anidride carbonica). In un ottica smart city, quindi, il verde urbano dovrebbe essere oggetto di una progettazione accurata e di una gestione efficiente che tenga in considerazione tutte le sue numerose funzioni. Il verde urbano dovrebbe essere considerato un infrastruttura vera e propria (green infrastructure) che pervade l intero spazio urbano e ne condiziona la vivibilità. Al pari delle altre infrastrutture, quella del verde può rendere la città un luogo vivibile, efficiente, rispondente ai bisogni dei cittadini e può contribuire al miglioramento delle condizioni ambientali e alla tutela della salute. Smart city e green infrastructure 6

9 2.2 Il verde urbano: fattore di contrasto all inquinamento atmosferico Un altro aspetto positivo della copertura vegetale, anche e soprattutto in ambito urbano, è la capacità di sottrarre dall atmosfera alcuni gas inquinanti nocivi per l uomo e le piante stesse. Questa proprietà è purtroppo ancora poco conosciuta a livello di amministrazioni pubbliche e cittadini. In ambito scientifico, tuttavia, esistono numerosi casi di studio e sono disponibili dei modelli matematici per la determinazione quantitativa del contributo prodotto dalla vegetazione. Questo argomento sarà approfondito nel paragrafo Il verde v urbano e le piante allergeniche: : aspetti sanitari Tenendo in evidenza quanto affermato sopra, va evidenziato tuttavia che, in alcune occasioni, le aree verdi possono costituire delle fonti di pressione da gestire con attenzione e competenza, in quanto esse possono ospitare specie vegetali allergeniche, potenzialmente dannose per alcuni individui. In alcuni periodi dell anno, esse emettono in atmosfera quantitativi significativi di pollini che, veicolati dal vento, raggiungono i soggetti sensibili scatenando delle reazioni allergiche che si manifestano con disturbi soprattutto a carico dell apparato respiratorio (asma, bronchite, rinite) (3, 4). In occasione della V giornata del polline (21 marzo 2012) l Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA), Federasma Onlus e ISPRA si sono trovate concordi nell affermare che per contrastare le malattie allergiche generate da pollini, è fondamentale un azione combinata su tre fronti (5): il monitoraggio aerobiologico dei pollini e delle spore attraverso le reti del sistema delle Agenzie ambientali (POLLNET) e dell Associazione italiana di aerobiologia (RIMA) per la prevenzione, la diagnosi, la terapia e la gestione clinica delle malattie allergiche; la progettazione del verde urbano che deve prevedere l impiego di specie non allergeniche; la gestione dei giardini pubblici e privati mirata alla riduzione delle quantità di pollini emessi (scelta di tempi e procedure più appropriate). Pollini aerodispersi e allergie 7

10 3. Primi approfondimenti sui temi della ricerca 3.1 ll verde urbano e il miglioramento della qualità dell aria: il modello i-tree i Eco I problemi di inquinamento dell aria in ambito urbano vengono di norma fronteggiati attraverso misure di riduzione/blocco del traffico, essendo questo la fonte principale delle emissioni dei gas nocivi (ossidi di azoto e polveri). Scarsa attenzione (o nulla) viene data, invece, alla componente vegetazionale, che da sola, può costituire in taluni contesti, un agente per ridurre il livello di concentrazione in aria degli stessi inquinanti. La vegetazione dunque, ha anche una funzione di cattura inquinanti, nel senso che è in grado di sequestrare dall atmosfera alcune sostanze nocive attraverso l assorbimento e la deposizione sulla superficie fogliare di alberi e arbusti. Questa funzione si somma alle altre ben più note, tra tutte la produzione di ossigeno e il sequestro dell anidride carbonica attraverso la sintesi della biomassa. Per quantificare gli effetti positivi della vegetazione è disponibile un modello matematico che analizza i benefici prodotti dal verde (alberi e arbusti) sia dal punto di vista ambientale (miglioramento della qualità dell aria, risparmio di energia, contrasto ai cambiamenti climatici), sia da quello economico. Si tratta del modello di calcolo statunitense UFORE (Urban Forest Effects) realizzato alla fine degli anni 90 dal Servizio Foreste del Dipartimento dell Agricoltura degli Stati Uniti d America (USDA). Nel tempo il modello è stato costantemente aggiornato e migliorato affinchè potesse essere utilizzato nei più svariati contesti territoriali; oggi incorpora l applicazione itree ECO che permette di interfacciare l utente con il sistema di calcolo. (6, 7, 8). Il calcolo viene eseguito combinando i dati strutturali della vegetazione con quelli sull inquinamento atmosferico locale e sulle condizioni meteo. Assegnando inoltre un valore economico ai benefici prodotti dalla copertura vegetale è possibile effettuare delle comparazioni tra realtà urbane diverse. Inoltre, poiché l applicazione del modello permette di valutare gli effetti del verde urbano sulla qualità del aria, esso può essere impiegato per analizzare diversi scenari e ipotesi di intervento, e quindi può costituire un utile supporto alle decisioni delle amministrazioni sulla gestione del verde pubblico. Sottrazione degli inquinanti atmosferici Il modello UFORE e itree ECO 8

11 Nonostante la maggior parte delle applicazioni del modello riguardino località degli Stati Uniti, negli ultimi anni sono stati condotti alcuni studi anche in Europa e in Italia. In ambito nazionale si evidenziano lo studio sull area verde dei Giardini di Porta Venezia a Milano (9) e lo studio del verde urbano del Comune di Forlì (10). Per quanto riguarda la città di Padova è stato realizzato uno studio che valuta il contributo positivo alla qualità dell aria prodotto dalle alberature presenti nella zona industriale (Consorzio ZIP). I risultati sono presentati in una tesi di laurea discussa presso dell Università di Padova (Dipartimento Territorio e Sistemi Agro Forestali TeSAF). Casi di studio Nel mio percorso di studio applicherò il modello itreeeco al verde pubblico di un quartiere del comune di Padova, partendo dai dati del censimento degli alberi rilevati nel 2012 dal Settore Verde del Comune. Dopo aver verificato la disponibilità: del dirigente del Settore Verde (Dott. Barbariol) a fornire i dati disponibili sulle alberature e ad identificare un referente interno alla struttura per un eventuale supporto; del Prof. Paolo Semenzato dell Università di Padova (TeSAF) a fornire il supporto tecnico-metodologico per la fase di rilevazione dei dati sul campo e predisposizione dei dati da utilizzare nel modello, nel mese di settembre ho iniziato le attività per giungere alle valutazioni conclusive nei tempi di svolgimento del dottorato. La scelta dell area di studio è stata determinata soprattutto dalla disponibilità dei dati di censimento degli alberi rilevati dal Comune che, al momento attuale, dispone di dati dettagliati solamente per due quartieri su cinque. Tra le informazioni rilevate durante il censimento vi è, infatti, l indicazione della specie arborea, dato fondamentale per procedere alla successiva attività di integrazione delle informazioni necessarie all applicazione del modello. L area di studio è il quartiere 2 Nord che comprende le unità urbane di Arcella, San Bellino, San Carlo e Pontevigodarzere. Applicazione al Comune di Padova 9

12 Il quartiere 2 nord del Comune di Padova e le unità urbane Il quartiere scelto rappresenta un area molto urbanizzata, densamente trafficata e presenta valori elevati di concentrazione degli inquinanti atmosferici. Le condizioni ambientali critiche di questa area costituiscono un aspetto favorevole per esaltare gli effetti benefici prodotti dal verde sulla qualità dell aria. L area di studio si estende per una superficie territoriale di 6,71 km² che ospita (al 31/12/2010) abitanti di cui oltre solo nelle zone Arcella e San Carlo. La popolazione, in costante calo negli ultimi 20 anni, rappresenta il 18,45% dell intero Comune. I confini sono costituiti a nord dal tracciato locale del fiume Brenta, a sud dalla la ferrovia Milano-Venezia, a dall'asse viario Plebiscito-Bigolo-Manca, ad ovest dalla linea ferroviaria Padova-Castelfranco Veneto. Alcuni indicatori ambientali presentati nell Annuario Statistico del Comune di Padova del 2011: il quartiere pur avendo il valore di superficie di verde pubblico sul totale della superficie superiore alla media comunale (6,3 rispetto a 3,9%), mostra tuttavia il più basso valore di superficie di verde pubblico per abitante (10.66 m 2 /ab rispetto al valore medio comunale di 17 m 2 /ab) i valori di qualità dell aria registrati dalla centralina di monitoraggio situata nel quartiere mostrano superamenti sia a livello di concentrazione media annuale per il biossido di azoto (NO 2 ), sia in termini di giorni di superamento dei valori limite di polveri sottili (PM10) e ozono (O 3 ). Sul territorio analizzato vi sono all incirca 5000 alberi su suolo pubblico, suddivisi rispettivamente in 3500 individui tra parchi, giardini e aree verdi e 1500 lungo le strade. 10

13 Gli alberi del verde pubblico (parchi) nell area di studio 3.2 Il verde urbano e i pollini aerodispersi: rsi: effetti sulla salute Se il verde urbano costituisce senza dubbio un elemento di fondamentale importanza per la qualità della vita, soprattutto nei centri densamente popolati, esso può costituire in alcuni casi particolari una causa di disagi per alcune persone. Si tratta dei soggetti sensibili agli allergeni prodotti da alcune specie vegetali durante la fase della pollinazione. I disturbi più seri generati con asma, bronchite e rinite allergica e colpiscono in molti casi i bambini e i giovani. Secondo i dati riportati in ambito europeo e nazionale le malattie allergiche sono ai primi posti per numerosità di soggetti colpiti e, aspetto più allarmante, sono in continuo aumento. I risultati dell indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari condotta da ISTAT nel 2005 su famiglie (nota stampa del 2 marzo 2007) riferiscono che le malattie croniche più diffuse tra la popolazione sono: l artrosi/artrite (18,3%) l ipertensione arteriosa (13,6%), le malattie allergiche Incidenza delle malattie allergiche 11

14 (10,7%) con tassi molto elevati fin dall'infanzia: ne sono infatti, affetti almeno il 10,9% dei bambini e l 8,2% delle bambine fino a 14 anni. Anche Federasma Onlus in occasione della Prima giornata del paziente allergico (21 marzo 2012) evidenzia un incremento, dal 1950 ad oggi, dal 10% al 30% della popolazione colpita da una manifestazione allergica, inclusi bambini e adolescenti. L asma bronchiale colpisce un bambino su dieci e nell 80% dei casi sarebbe provocata da allergie, mentre la rinite allergica ne colpisce due su dieci (11). Un quadro più dettagliato della situazione è presentato nel rapporto del Ministero della Salute sullo stato sanitario del Paese pubblicato nel 2011 (12). Le patologie allergiche sono in costante aumento non solo in Italia, ma in molti paesi industrializzati. Nonostante vi siano diverse teorie che spiegano questo fenomeno, si possono individuare alcuni punti condivisi dalla comunità scientifica, quali l aumento dell inquinamento atmosferico, il contatto quotidiano con molte sostanze di sintesi (additivi alimentari, fibre sintetiche, ), l aumento dell assunzione di farmaci, l introduzione di piante non autoctone e/o esotiche. 3.3 Pollini aerodispersi e insorgenza dei sintomi: quale relazione? A causa dell elevata variabilità delle caratteristiche individuali che determinano una diversa risposta sanitaria alle medesime condizioni ambientali, è assai difficile trovare una relazione quantitativa tra i dati di concentrazione dei pollini in atmosfera e gli effetti sanitari nei soggetti sensibili. Per migliorare l efficienza e la tempestività delle cure nei pazienti allergici sarebbe molto utile conoscere le soglie di concentrazione in aria dei diversi pollini oltre le quali si scatenano le risposte allergiche dei soggetti sensibili, in altre parole le dosi critiche degli agenti allergeni. A tal proposito sono disponibili alcuni risultati di studi che hanno determinato tali valori soglia; si tratta in particolare dell olivo (162 pollini/m3) e delle graminacee (35 pollini/m3) (13, 14) Se i dati di concentrazione pollinica giornaliera relativi alle principali famiglie botaniche allergeniche sono facilmente disponibili, in quanto rilevati dalle reti di monitoraggio regionali (ARPA) coordinate a livello nazionale da ISPRA (rete POLLNET), quelli sulla sintomatologia dei soggetti allergici vengono rilevati solamente per finalità specifiche di studio e ricerca, e quindi in ambiti locali e per periodi limitati di tempo. Livelli di concentrazione soglia e dose 12

15 Uno strumento utilizzato dai medici, sia per la diagnosi della malattia sia per il monitoraggio delle condizioni del paziente, che contribuisce alla raccolta sistematica dei dati sulla sintomatologia dei soggetti allergici è il diario dei sintomi Si tratta di una tabella in formato cartaceo che i pazienti compilano giornalmente con informazioni sintetiche sul proprio stato di salute e sulle terapie farmacologiche seguite. In occasione delle visite ospedaliere periodiche il diario viene visionato dal medico che ne analizza i contenuti. Alcuni limiti evidenti di tale procedura sono il supporto cartaceo dei dati, la mancanza di un quadro complessivo che offra una visione d insieme, l alta probabilità che i dati risultino incompleti o compilati a posteriori. Il diario dei sintomi 3.4 Le nuove tecnologie a servizio della comunicazione medico-paziente Una proposta di miglioramento del flusso informativo medico-paziente che superi i problemi accennati sopra (e non solo), proviene dall impiego delle nuove tecnologie applicate ad uno strumento d uso quotidiano: il telefono cellulare. Si tratta di progettare e realizzare un applicazione mobile che sostituisca la compilazione giornaliera del modulo cartaceo e invii in tempo reale, o con periodicità da definire, i dati al medico che potrà così disporre di serie temporali di dati in formato digitale. L applicazione dovrà essere inizialmente distribuita ad un numero limitato di pazienti sperimentatori individuati direttamente dal medico allergologo. Alcuni aspetti positivi della compilazione del diario mediante l utilizzo dell applicazione per smartphone: Per il paziente: possibilità di ricevere un promemoria giornaliero per la compilazione per evitare dimenticanze e garantire dati completi e tempestivi; velocità e facilità di compilazione del diario per chi possiede uno smartphone. Per il medico: maggior probabilità di ricevere dati completi e tempestivi archiviazione strutturata dei dati; dati generati in formato digitale pronti all uso per successive elaborazioni. Ipotesi applicativa: una app per smartphone 13

16 4. Attività svolte Come già evidenziato, in questi ultimi mesi ho approfondito tematiche diverse con l obiettivo finale di poter ricomporre un quadro complessivo coerente al termine del percorso di ricerca. Nell ambito del progetto da svolgere in collaborazione con il Comune di Padova sulla determinazione delle quantità di inquinanti atmosferici sottratti ad opera della vegetazione in ambito urbano, ho iniziato la raccolta del materiale bibliografico, ho quasi completato la predisposizione dei dataset meteo e qualità dell aria e ho eseguito la maggior parte dei rilievi sul campo per integrare il dataset del censimento degli alberi fornito dal Comune con dati e informazioni necessarie all applicazione del modello itreeeco. La fase di campionamento degli alberi è stata condotta durante i mesi di settembre, ottobre e novembre (in parte) ed è stata inizialmente condotta al fianco di un esperto forestale che mi ha fornito le istruzioni metodologiche di base per condurre le misure in modo corretto. Gli alberi campionati rappresentano il risultato di una selezione operata in fase di progettazione del rilievo concordata con il Prof. Semenzato, sulla base di criteri di rappresentatività delle specie arboree e della loro distribuzione sul territorio. Raccolta dati: alberi aria meteo Per quanto concerne il tema del verde urbano e degli effetti sanitari dei pollini aerodispersi, ho approfondito i temi del monitoraggio aerobiologico, dei sistemi informativi per la diffusione dei dati e dei sistemi per la previsione delle concentrazioni polliniche in atmosfera. Inoltre ho avuto l opportunità di approfondire alcuni aspetti inerenti l ambito sanitario grazie alla disponibilità e collaborazione di un medico allergologo operante presso l Azienda Ospedaliera di Padova. Sin dai primi incontri è emersa con chiarezza la consapevolezza che il continuo aumento delle malattie allergiche va affrontato e studiato con un approccio interdisciplinare. Fattori quali l inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici, lo stile di vita e la familiarità possono giocare un ruolo importante nello sviluppo di tali patologie. 14

17 Ho iniziato la ricerca e consultazione di materiale bibliografico riguardante le relazioni tra malattie allergiche e fattori ambientali quali l inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici (15). Con l obiettivo di osservare delle relazioni tra i dati sanitari dei pazienti residenti a Padova e visitati presso l ospedale e i dati ambientali riferiti allo stesso periodo temporale (concentrazione pollinica e qualità dell aria), ho predisposto un database in Microsoft Access (attualmente in fase di test) per l acquisizione delle informazioni sanitarie, ora disponibili solamente su supporto cartaceo. Sempre in ambito sanitario, ho avuto l occasione di osservare personalmente come le nuove tecnologie potrebbero costituire un mezzo per migliorare l efficienza della comunicazione, non solo tra il personale medico, ma anche tra medico e paziente. In particolare mi riferisco all esempio della compilazione su carta del diario dei sintomi da parte dei pazienti affetti da pollinosi (disturbi provocati da allergia ai pollini), descritto al paragrafo 3.3. Dopo aver concordato con il medico referente le informazioni da registrare e aver effettuato una analisi preliminare della struttura del database, ho ricevuto dal Prof. Andrea Prati le indicazioni per acquisire le competenze di base per realizzare l applicazione per dispositivi mobili su piattaforma Android. Quest ultima attività, nonostante l interesse dimostrato dal medico referente, è rimasta ad uno stadio inziale (16). Concludendo E probabile che io abbia ipotizzato un progetto complessivo troppo ambizioso, data la vastità dell argomento e la molteplicità di competenze necessarie per sviluppare le singole parti che lo compongono. Tuttavia, disponendo ancora di un periodo di tempo significativo per svolgere la ricerca, ho deciso di percorrere in modo parallelo i diversi filoni tematici che caratterizzano il progetto e di rimandare al primo semestre del terzo anno la definizione della struttura del rapporto conclusivo. 15

18 5. Argomenti di interesse per la ricerca Tenendo sempre presente che l obiettivo principale della ricerca è studiare come l utilizzo degli strumenti messi a disposizione dalle nuove tecnologie possono migliorare la qualità della vita dei cittadini anche in termini di ottimizzazione dei flussi informativi (qualità dei contenuti, tempestività e aggiornamento delle informazioni, facilità e velocità di trasmissione, sicurezza, ecc.), si possono individuare alcuni aspetti centrali caratterizzanti il progetto: 16 Stato dell'ambiente: è il contesto generale, in quanto la ricerca prende in considerazione i dati e le informazioni relative al verde urbano e alla qualità dell aria, compresi i dati provenienti dal monitoraggio aerobiologico per l identificazione e la misura degli agenti allergenici (pollini); Salute: acquisizione di informazioni sanitarie sull'occorrenza di patologie/disturbi di origine allergica e successivo confronto con i dati ambientali; Nuove tecnologie: utilizzo di applicazioni mobile per la comunicazione e l informazione, utilizzo di immagini telerilevate per indagini sulla copertura vegetale e per il rilievo di dati puntuali sugli alberi in funzione dell applicazione del modello i-treeeco (17); Partecipazione, collaborazione, condivisione: anche se questi aspetti non sono trattati fino a questo momento, il progetto offre molte opportunità per sperimentare un eventuale sistema di monitoraggio partecipato (segnalazione di disturbi da agenti allergenici, monitoraggio fenologico per individuare periodi di massima fioritura delle piante, misura dei dati dendrometrici delle piante per infittire la rete di dati necessaria all applicazione del modello i-treeeco anche in altri contesti). E in corso di valutazione da parte degli enti interessati (ARPAV, IUAV e Consiglio di quartiere 2 di Padova) un progetto di monitoraggio partecipato, destinato agli abitanti del quartiere, per il rilevamento dei dati dentrometrici di alberi situati all interno di alcuni parchi urbani. Lo svolgimento del progetto consentirebbe di raggiungere diversi obiettivi, tra cui: testare un processo di monitoraggio partecipato in ambito ambientale, stimolare la conoscenza del proprio territorio e la socialità, paragonare i risultati ambientali prodotti dallo stesso modello alimentato con dati raccolti con diverse modalità; I concetti chiave della ricerca

19 Smart citizens: non è sufficiente disporre di un accesso rapido, semplice e sicuro all informazione, utilizzando ove possibile le nuove tecnologie disponibili; il cittadino intelligente deve essere messo in grado, se lo desidera, di condividere dati e informazioni in suo possesso con la comunità attraverso gli strumenti del cosiddetto web 2.0, in virtù del principio che ognuno di noi è informazione. 17

20 Altre attività Ho partecipato ad alcuni eventi che, pur non essendo tutti strettamente inerenti alle attività del dottorato, hanno contribuito al mio percorso di formazione e all aggiornamento dei temi trattati in ambito professionale. Convegno Verde Città, Comune di Padova, 30 marzo 2012 Dalla partecipazione alla cogestione dei beni comuni, Fondazione LANZA, Padova, 15 maggio 2012 Metadati del repertorio nazionale dei dati del territorio, Regione Veneto, Dipartimento provinciale ARPAV di Mestre Venezia, 17 maggio 2012 Convegno Big Data, VEGA, Venezia, 15 giugno 2012 Workshop Internazionale ECOtechGREEN CITY + LANDSCAPE, Nuovi paesaggi per la città attiva, nell ambito di Flormart Padova, 14 settembre 2012 Smart City Exhibition, Bologna, 29 ottobre 2012 Corso di formazione PHP - livello base organizzato da Arpav Padova, novembre 2012 Durante il primo semestre ho partecipato alle attività del gruppo di lavoro coordinato dalla Regione Veneto (Servizio Informativo) finalizzate al lancio del portale veneto degli Open Data avvenuto in occasione del convegno Big Data del 15 giugno. In particolare mi sono occupata della selezione e del data entry nel portale dei dataset ambientali di competenza di ARPAV e dei relativi metadati. Nel corso degli ultimi mesi dell anno ho collaborato alla ristrutturazione del sito internet del Dottorato NT&ITA. Tra le varie attività svolte, quelle principali a cui ho partecipato: 18 analisi progettuale della nuova struttura modifica e aggiornamento del menu di navigazione e delle relative pagine web Integrazione e aggiornamento dei contenuti (seminari, atelier, ecc..) ristrutturazione della sezione Dottorandi e aggiornamento delle pagine dei profili personali.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli