della Volume 19 - Giugno a Riunione Annuale del Gruppo GIT Geology and Information Technology Bologna, Giugno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "della Volume 19 - Giugno 2012 7a Riunione Annuale del Gruppo GIT Geology and Information Technology Bologna, 13-15 Giugno 2012"

Transcript

1 ISSN RENDICONTI Online della Società Geologica Italiana Volume 19 - Giugno a Riunione Annuale del Gruppo GIT Geology and Information Technology Bologna, Giugno 2012 NOTE BREVI E RIASSUNTI A cura di: Chiara D Ambrogi ROMA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 2012

2 RENDICONTI Esce nei mesi di Dicembre, Aprile ed Agosto. è un periodico quadrimestrale della Società Geologica Italiana. RENDICONTI della Società Geologica Italiana Direttore responsabile e Redattore Responsabili editoriali : Domenico CAL CATERRA (Napoli). : Alessandro ZUCCARI (SGI - Roma), Fabio Massimo PETTI (SGI - Roma). : Alessandra ASCIONE (Napoli), Domenico COSENTINO (Roma TRE - Roma), Gianfranco CIANCETTI (Pavia), Massimo CIVITA (Torino), Fabrizio GALLU ZZO (ISPRA - Roma), Massimo MATTEI (Roma TRE - Roma), Carmelo MONACO (Catania), Paolo MOZZI (Padova), Mariano PARENTE (Napoli), Dario SLEJKO (OGS - Trieste), Iole SPALLA (Milano). La SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA fu fondata il 29 settembre 1881, eretta ad Ente Morale con Regio Decreto del 17 Ottobre La Segreteria è ospitata dal Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza, Università di Roma, Piazzale Aldo Moro, Roma, Italy. The SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA Contatti : Tel ; Fax ; Sito web : Codice Fiscale : ; Conto corrente postale ( : CONSIGLIO DIRETTIVO 2012 ( : Carlo DOGLIONI -, Alessandro ZUCCARI -, Marco PETITTA -, Elisabetta ERBA, Domenico CALCATERRA, Stefano DALLA, David GOVONI, Carmelo MONACO, Fabio Massimo PETTI, Sandro CONTICELLI ( ). REVISORI DEI CONTI 2011 : Sabina BIGI, Marco BRANDANO, Gabriele SCARASCIA MUGNOZZA. SEZIONI DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA : Leo ADAMOLI Rodolfo CAROSI - : Francesco CHIOCCI - : Gian Gabriele ORI - : Giovanni BARROCU - : Gloria CIARAPICA, Antonio PRATURLON - : Chiara MBROGI - : Iole SPALLA - : Ester TIGANO - La Società Geologica Italiana è affiliate alla European Geosciences Union (EGU). The Società Geologica Italiana is affiliated to the European Geosciences Union (EGU). QUOTA ASSOCIATIVA 2012 ( : socio sostenitore 100, socio ordinario 93; socio senior 68, socio junior 68; student ( ) 36; Istituzioni 300. Iscrizione alla pagina : or at La Società Geologica Italiana detiene il copyright degli articoli, dei dati, delle figure e di tutto il materiale pubblicato. Società Geologica Italiana. DISCLAIMER: The Società Geologica Italiana, the Editors (Chief, Associate and Advisory), and the Publisher are not responsible for the ideas, opinions, and contents of the papers published; the authors of each paper are responsible for the ideas opinions and contents published. La Società Geologica Italiana, i curatori scientifici (Chief, Associate and Advisory), e la Casa Editrice non sono responsabili delle

3 ISSN RENDICONTI Online della Società Geologica Italiana Volume 19 - Giugno a Riunione Annuale del Gruppo GIT Geology and Information Technology Bologna, Giugno 2012 NOTE BREVI E RIASSUNTI A cura di: Chiara D Ambrogi ROMA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 2012

4 7a Riunione Annuale del Gruppo GIT Geology and Information Technology Bologna, Giugno 2012 COMITATO ORGANIZZATORE Chiara D Ambrogi (Serv. Geol. It. ISPRA) Serafino Angelini (L.A.C.) Gianni Balestro (Università di Torino) Simone Frigerio (CNR IRPI) Marco Masetti (Università di Milano) Mauro Palombella (Libero professionista) Fabrizio Piana (CNR IGG) Maurizio Pignone (INGV) Pio Positano (Regione Toscana) Simone Sironi (Università di Milano-Bicocca) Simone Sterlacchini (CNR IDPA) Sebastiano Trevisani (Università IUAV di Venezia) Società Geologica Italiana, Roma 2012

5 INDICE Premessa 5 Mapping data and information systems CAMPO V., CARA P., CIPOLLONI C., CONGI M. P. & DELOGU D. - Geospatial and Geological metadata in national and international 6 PIANA F., FIORASO G., IRACE A., MOSCA P., FALLETTI P., D'ATRI A., TALLONE S. & VARRONE D. - The Data Base of the 1: Scale Geological Map of Piemonte (Italy) 10 BONCIANI F., BIGIO T., RINDINELLA A., PIRRO A., PASQUA E., GIAGU M. G., MARCONI A., PARRILLA CHAVES M. J., LAVORINI G., MANETTI F. & PERNA M. - La nuova banca dati geomorfologica della Toscana: implementazione del livello geomorfologico nel Continuum ge BUTTINELLI M., PROCESI M., CANTUCCI B. & QUATTROCCHI F. - The development of a geo-database of caprock quality and deep saline aquifers distribution suitable to geological storage of CO 2 in Italy. 15 DE DONATIS M., LEPORE G., SUSINI S., SILANI M., BOSCHI F. & SAVELLI D. - Sistemi Informativi Geografici e Modellazione Tridimensionale per la Geo-Archeologia a Senigallia: nuove scoperte e nuove ipotesi 16 PIGNONE M., MOSCHILLO R. & COGLIANO R. GEOSIS, an interactive web-map of earthquakes in Italy.. 20 DOGLIONI A. & SIMEONE V. Data-mining in engineering geology 24 ACCIARRI A., DI PANCRAZIO G. & PASQUINI G. - GIS technology for coastal management: historical evolution of the southern Marche coastline and monitoring of San Benedetto del Tronto beach (AP).. 26 Slope instability and hazard LANTERI L. & DI PRIOLO S. - L'aggiornamento nell'ambito del progetto europeo RiskNat dell'inventario di Arpa Piemonte riguardante i fenomeni franosi del territorio regionale: conclusione dei lavori 27 FRIGERIO S., KAPPES M.S., GLADE T. & MALET J.-P. - MultiRISK: a platform for Multi-Hazard Risk Modelling & Visualisation 32 DAMATO D., MORELLI M., LANTERI L., BORMIOLI D., CAMPUS S. & PISPICO R. - Integration between fracturation density map and shadow angle method for an expeditious approach to the rock-fall hazard assessment 36 ALESSIO G., DE FALCO M., DI CRESCENZO G., NAPPI R. & SANTO A. - Landslide and alluvial hazard high-resolution mapping of the Somma-Vesuvius volcano by means of DTM, remote sensing, geophysical and geomorphological data GISbased approach FERRARI F., GIANI G.P. & APUANI T. - Mount Farinaccio rockfall: comparison between kinematic simulations and experimental field tests NOTARANGELO F. - photogrammetric methods (Foggia Italy) 42 Techniques DOGLIONI A. & SIMEONE V. 2D wavelet trasform for landform delineations 47

6 PERRONE G., MORELLI M., FIORASO G., PIANA F., MALLEN L. & NICOLÒ G. - The use of PS-InSaRTM data in the analysis of the current tectonics of low deformation areas: an example from the italian Western Alps and the Western Po Plain 49 PALOMBELLA M. & GALLICCHIO S. - High-resolution DTM for studying quaternary morphology and stratigraphy of plain areas (Ascoli Satriano, FG) 52 Popularisation of geoscience and geoheritage BALESTRO G., GHIRALDI L., GIARDINO M. & PEROTTI L. - GIS applications for assessing and sharing geoheritage information in the Piemonte region (NW Italy 55 MASSA G., MANCINI S., GIANNETTI L., D. GRAZIOSI, RINDINELLA A., PIRRO A., PASQUA E., VERDIANI G., LAVORINI G., MANETTI F. & PERNA M. - La Carta delle Pietre Ornamentali della Regione Toscana: esempio di utilizzo applicativo del Continuum geologico regionale 58 ANGELINI S., FARABOLLINI P., LUGERI F. & SCALELLA G. - GIS technologies as a tool for Earth Science learning through geotouristic itineraries: application in the Marche 61

7 Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 19, (2012) Società Geologica Italiana, Roma 2012 Premessa Il Gruppo di Geologia Informatica Sezione della Società Geologica Italiana ha svolto la sua 7 a Riunione nei giorni 13/15 Giugno 2012, in concomitanza con il 7 th EUropean Congress on REgional GEOscientific Cartography and Information Systems EUREGEO. unica di incontro tra la realtà del Gruppo e quanti, a livello. La molteplicità degli aspetti trattati dai contributi scientifici presentati rispecchia i diversi ambiti di attività degli afferenti (pubbliche amministrazioni, università, enti di ricerca, libera professione) che trovano nel Gruppo un luogo di confronto formatiche come supporto alla loro attività nei diversi settori delle Geoscienze. I contributi scientifici presentati nel corso della Riunione sono raccolti in questo volume, sotto forma di note brevi o riassunti, seguendo alcuni temi generali: Mapping data and information systems, Slope instability and hazard, Techniques, Popularisation of geosciences and geoheritage. - informatiche come strumento per la loro analisi, elaborazione e integrazione nonchè per la diffusione e amplificazione delle conoscenze. Nel corso della Riunione è stato assegnato il Premio Evaristo Ricchetti: tra le comunicazioni scientifiche, presentate da coloro che non abbiano compiuto 32 anni alla data della Riunione, è stata premiata quella che si è distinta per i caratteri di innovazione, qualità tecnico/scientifica, risultati raggiunti e obiettivi futuri. Coordinatore Gruppo di Geologia Informatica

8 Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 19 (2012), pp. 6-9, 2 figg., 1 tab. Società Geologica Italiana, Roma 2012 Geospatial and Geological metadata in national and international standards VALENTINA CAMPO (*), PIER LUIGI CARA (**), CARLO CIPOLLONI (*), MARIA PIA CONGI (*), DANIELA DELOGU (*) ABSTRACT In the Geological Geoportal we focus attention on data harmonization at European level, in fact there is a specific section dedicated to two international projects that highlight the role of a unique standard data model for geological informations. In particular the Geological Survey of Italy is member of Interoperability working group of the IUGS-CGI that has developed the geological data model (GeoSciML) and the encoding language for the geological information. This model is based on an extension of the GML language and, at the moment, exist two version: 2.1.1, that OneGeology-Europe project and the version 3.0 using with simplify profile by INSPIRE data specification Annex II, and with a full profile by CGI IWG and OneGeology-global initiative. KEY WORDS: Geoportal, Inspire, metadata. INTRODUZIONE A partire dai contenuti della normativa INSPIRE che trova in Europa è stato avviato un processo molto complesso che prevede la correlazione di tutte le informazioni geografiche ai rispettivi file di metadati. Il Serv che da tempo si era occupato della compilazione di metadati per la cartografia geologica, si è standard previsti dalla normativa, relativamente alle categorie tematiche elencate negli Allegati II e III della Direttiva, elaborando, nel (*) ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - Dipartimento Difesa del Suolo - via V. Brancati, Roma, tel , (**) Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile, via Vitorchiano, Roma, tel , rispetto del termine previsto dal D.Lgs. 32, ovvero entro dicembre 2010, i metadati dei set di dati territoriali di sua competenza. Da tempo coinvolto nel progetto OneGeology, il Servizio cerca di coniugare quanto espresso dalla citata Direttiva insieme con le Regole Tecniche sui dati Territoriali, emanate a livello nazionale, evidenziando soprattutto la peculiarità collocazione della ste diversi schemi di metadati. Il D.Lgs. 32 sancisce, infatti, con i dati territoriali come condizione necessaria per la costituzione di una base di conoscenza a supporto delle politiche ambientali o delle attività che possono avere, e stabilisce delle norme generali funzionali allo scambio, condivisione, accesso ed utilizzo dei dati, in maniera integrata con le realtà regionali e locali. In particolare in Italia il Comitato per le Regole tecniche sui dati territoriali (DigitPA, già CNIPA) ha previsto la raccolta epertorio Nazionale Dati Territoriali (RNDT), sviluppato sulla base di specifici profili ISO. Tale profilo RNDT si discosta in parte dal profilo europeo INSPIRE. La complessità del dato geologico ha reso indispensabile uno studio dettagliato dei diversi profili relativi ai dataset, servizi e cataloghi al fine di un loro allineamento con gli standard di riferimento sia europeo (INSPIRE, OneGeology) che nazionale (RNDT). RIFERIMENTI La tecnologia offerta dal Portale del Servizio Geologico RNDT core flat. Al fine di ottenere dei metadati elaborati

9 GEOSPATIAL AND GEOLOGICAL METADATA IN NATIONAL AND INTERNATIONAL STANDARDS 7 tenendo conto delle gerarchie esistenti fra serie, dataset e sezione, sarebbe opportuno implementare profili personalizzati che contemplino le gerarchie. Risulta evidente che esistono ancora dei problemi aperti per i quali i dati geologici, in particolare meritano una più attenta analisi. Nel corso del 2010 il Servizio Geologico e il Dipartimento della Protezione Civile hanno collaborato avviando una sperimentazione relativa alla compilazione dei metadati per la, tenendo conto sia Metadata Implementing Rules (INSPIRE, 2010), evidenziando tutte le questioni derivanti dalla presenza di campi obbligatori, opzionali e condizionati. (Cara et alii 2010) Inoltre, il Servizio Geologico, essendo coinvolto in diversi progetti europei e, in particolare nel progetto OneGeology- Europe (http://www.onegeology-europe.eu), ha la necessità di omogeneizzare i dati geologici secondo schemi comuni ai 20 paesi europei. Essendo altresì partner attivo e leader di alcuni gruppi di lavoro tecnici, ha realizzato in via sperimentale per due banche dati, ovvero la Carta Geologica d'italia alla scala 1: e la nuova Carta Geologica d'italia alla scala 1: , degli attributi che potesse favorire il processo di traduzione verso il modello geologico standard GeoSciML (IUGC-CGI, 2008) elaborato dal gruppo di lavoro sull'interoperabilità del CGI-IUGS (Commission for the Management and Application of Geoscience Information of the International Union of Geological Sciences). ha riguardato principalmente la predisposizione di tabe semantica degli attributi quali la litologia, età, la composizione, la tettonica, orogenesi e le facies verso i vocabolari elaborati sia all'interno del modello GeoSciML che nello specifico gruppo di lavoro del progetto OneGeology- Europe. La dimostrazione del fatto che è in atto un cambiamento nella resentato da quanto disposto da differenti enti locali tra cui, solo per citarne alcuni, emergono le attività svolte dalle Regioni Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna,, Sardegna, Toscana e ARPA Piemonte. Il Portale SGI (Servizio Geologico d -2) si GeoScienze con la determinazione di integrare il più possibile al suo interno tutti gli standard di riferimento, incluso lo GeoSciML specifico per la comunità geologica. Fig. 1. PRODUZIONE DI METADATI GEOLOGICI A LIVELLO NAZIONALE e con il supporto del documento elaborato dal CISIS Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici e statistici come Comitato STATE OF PLAY 2010-, è emerso che molte regioni italiane si stanno dotando non solo di ne geologica, ma anche funzionali alla produzione di metadati relativi alla stessa, al fine di potenziare la completa fruizione da parte Fig. 2 Geomapviewer. di differenze tra il profilo INSPIRE ed il profilo RNDT indicate nella tabella di seguito riportata (tab.1). In particolare, in arancio vengono mostrate le sezioni non implementate in INSPIRE, mentre in azzurro sono evidenziate le sezioni obbligatorie (O), facoltative (F) di Inspire e non presenti (ND) in RNDT.

10 8 V.CAMPO ET ALII Tabella 1 Metadata profile differences fatta attualmente per i dati geologici è stata quella di produrre i metadati e, grazie agli sviluppi recenti e alla flessibilità del Geoportal Server di Esri, ha permesso di validare con successo, tramite il Geoportal EC-JRC ed il portale del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali di DigitPA, i metadati compilati e creati (file xml secondo gli standard ISO ) attraverso i profili INSPIRE, OneGeology e RNDT. Il Portale SGI, che è già conforme alle nuove norme tecniche di INSPIRE (Technical Guidelines v.3 JRC 2011a, 2011b), progettato per avere servizi e metadati facilmente accessibili, consente, attraverso la specifica sezione OGC Standard, la consultazione di tutti quelli disponibili come WMS, WFS, WCS e KML, nonché ArcGIS Server e ArcIMS relativi ad una minima parte di dati. Al momento sono pubblicati oltre 50 servizi differenti sia di carattere geologico che come livelli informativi di base. PRODUZIONE DI METADATI GEOLOGICI AL LIVELLO INTERNAZIONALE A livello internazionale il tentativo che si è operato con il progetto OneGeology-Europe è stato quello di estendere il profilo INSPIRE relativo a serie, dataset e servizi con lo scopo sulla qualità del dato geologico. A tal fine, po metodo riconosciuto a livello internazionale valido per valutare la qualità di una mappa geologica è quello di definire il processo che porta dal dato originale a quello digitale, passando ne del profilo è stata realizzata soprattutto a livello di MD- QualityData. Un altro aspetto preso in considerazione, su scala internazionale, è stato quello del multi-linguismo dei contenuti sia a livello di gestione del metadato sia a livello di struttura, e in particolare i metadati prodotti da questo progetto risultano elaborati in 16 lingue diverse relativamente ai soli attributi identificativi (MD_DataIdentification), Title e Abstract. Inoltre per gestire i metadati dei servizi WMS e WFS, che, sulla base di quanto previsto dalle ultime regole tecniche INSPIRE (Technical Guidelines v.3 JRC 2011a, 2001b) sono direttamente dipendenti dal metadata capability file, il progetto OneGeology-Europe ha implementato un connettore java, già realizzato per soddisfare le richieste in entrata e uscita in di restituire il file di metadato in diversi linguaggi. Il progetto ha prodotto infine un catalogo di metadati a livello europeo che, allo stato attuale, viene gestito per conto del Geologico Europeo) dal Servizio Geologico della Repubblica, aggiornato con cadenza annuale, rappresenta uno dei repository cui accede la Commissione Europea, che, nello spirito di cooperazione, lascia la possibilità ad ogni stato di gestire gli stessi metadati nei propri applicativi. ervizio Geologico è già stato inserito il profilo dei metadati OneGeology relativo ai dataset, ma è in corso di realizzazione una fase di test volta ad identificare il miglior metodo di gestione del multi-linguismo degli stessi. identificare le criticità e limitazioni del profilo base di INSPIRE, non entrare in contrasto con lo stesso; a questo proposito è bene ricordare che attualmente questa nuova disposizione ha stimolato lo sviluppo di nuovi strumenti di gestione. Inoltre, icazione del modello dati geologico unico GeoSciML (IUGS-CGI, 2008), si è tentato di eseguire un esperimento di armonizzazione, realizzando un sistema che, leggendo il linguaggio GeoSciML prodotto dai singoli servizi di mappa (WMS e WFS), fosse in grado di decifrare le risposte omogeneizzandone i contenuti, le simbologie ed i colori. CONCLUSIONI Partendo dal confronto tra esperienze internazionali e nazionali è stato possibile elaborare delle linee guida sul metodo di compilazione dei metadati, atte a far in modo che ogni profilo, rispettando i concetti e la struttura di base della direttiva INSPIRE, fosse compatibile con qualunque catalogo. Nello spirito di interoperabilità e dialogo tra cataloghi, anche il servizio di catalogo pubblicato nel Portale del Servizio Geologico è quello CS-W ISO AP per INSPIRE. Nel

11 GEOSPATIAL AND GEOLOGICAL METADATA IN NATIONAL AND INTERNATIONAL STANDARDS 9 doppia lingua. A livello nazionale, in attesa della definitiva realizzazione di un catalogo unico che harvesting sui cataloghi locali, si è proceduto per il momento nello strutturare il catalogo con il che afferiscono all'allegato III. è quello di creare un catalogo che risponda alle molteplici richieste, rappresentando un punto di accesso preferenziale per -Scientifica e mantenendo mazione cartografica come la risorsa fondamentale per lo studio e la pianificazione della difesa del suolo. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI CARA P., CONGI M.P. (2010) - Applicazione in ambito geoscientifico delle specifiche tecniche del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali, Atti 14 Conferenza Asita, CISIS (2011) - Informazione geografica: Regioni Italiane e metadati.. JRC - EUROPEAN COMMISSION (2011a) - Technical Guidance for the implementation of INSPIRE Discovery Services", INSPIRE Network Service, OGC (2003),, DOC R1, OGC (2007a) - OpenGIS Catalogue Services Specification version doc-ogc r1, OGC (2007b) - OpenGIS Geography Markup Language (GML) Encoding Standard version doc-ogc , IUGC-CGI (2008) - GeoSciML Cookbook: How To Map Data to GeoSciML Version 2.1, L_Data_CookBook_V2.1_1.0.pdf

12 Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 19 (2012), pp Società Geologica Italiana, Roma 2012 The Data Base of the 1: Scale Geological Map of Piemonte (Italy) FABRIZIO PIANA (1), GIANFRANCO FIORASO (1), ANDREA IRACE (1), PIETRO MOSCA (1), PAOLO FALLETTI (2), ANNA D'ATRI (3) SERGIO TALLONE (1) & DARIO VARRONE (4) ABSTRACT Si presenta lo schema di Banca Dati della Carta Geologica digitale alla scala 1: del Piemonte, che è stato progettato per ospitare e classificare istanze geologiche ad un dettaglio superiore a quello della rappresentazione grafica della carta geologica, con la prospettiva di inglobare data set geologici di base e tematici fino al dettaglio di scala 1: La base dati è stata costruita utilizzando un modello concettuale sviluppato ad hoc per il progetto seguendo le linee indicate dalla Commissione Europea (direttiva INSPIRE) e in particolare dello schema classificativo GeoSciML per la descrizione degli oggetti e dei concetti geologici. La compilazione dei metadati è eseguita uniformandosi alle classi di metadati standard per i dati geografici. KEY WORDS: geological maps, geological database, geological knowledge sharing, Alps, Apennines, Po plain. INTRODUCTION A first release of the 1: scale Geological Map of Piemonte - - has been recently realized by CNR IGG Torino and ARPA Piemonte with the collaboration of DST - University of Torino and DIATI-Politecnico of Torino. See also: (1) CNR Istituto di Geoscienze e Georisorse, Via Valperga Caluso, Torino - (2) ARPA Piemonte. Via Pio VII, 9 - Torino. mail: (3) Dipartimento di Scienze della Terra, Via Valperga Caluso Torino. (4) Earth Staff, Torino. mail: The scope of the map is to synthesize the surface and subsurface geology of Piemonte region in order to give an exhaustive reference map for geological studies and to support geo-environmental analysis and planning at regional scale. Piemonte is a large region and has a very complex and varied geological settings: Paleozoic to Tertiary metamorphic and non-metamorphic units stacked in the Alpine-Apennine orogenic system, Paleogene to Neogene peripheral basins filled by mainly terrigenous continental to marine sediments and widespread Quaternary continental deposits at surface on the hill systems and mountain ranges and in the subsurface of the alluvial Po plain. Significant efforts were addressed to homogenize and correlate the collected data sets, which were originally created at different scales, with different purposes and through a large time span. Recent and early geological maps and studies (1: scale maps of the CARG project, 1: scale maps of Geological Map of Italy, available local maps, unpublished fieldworks and technical reports) have been integrated in the project. A conceptual model has been developed to organize in a logical scheme the adopted classification criteria that have been used DATA BASE CONCEPTUAL MODEL The geological units of the Alps and Apennines have been classified into a single orogenic system. Consequently, the Alpine-Apennine system and related basins have been represented and classified following a hierarchical scheme consisting of eight classification levels, starting from the main geomorphological subdivisions (orogenic chain, alluvial Po plain, peripheral hill systems) down to the tectono-stratigraphic units and/or main synthems (both classical domains of the

13 GEOSPATIAL AND GEOLOGICAL METADATA IN NATIONAL AND INTERNATIONAL STANDARDS 11 and finally to the elementary stratigraphical and/or lithological instances. The Quaternary continental succession has been subdivided into three main basins: the Western Po basin, the Alessandria basin and the Savigliano basin: here the morphostratigraphic units represent the fundamental map units of the classification scheme, whilst in the Alpine-Apennine chain the surface deposits have been grouped into generic lithological units. MAP DATABASE AND METADATA scale than that of the Map (1: ). Consequently, the Map Legend Scheme reports items that derives from aggregation of several fundamental elements of the Map (Map Units). The Map Units have been described referring to eleven property classes, while standard INSPIRE Metadata Classes for each of the significant data set are presently in course of compilation. The digital linear features such as tectonic contacts and stratigraphic discontinuities have been traced, up to now, only for the boundary elements between the major map units (fifth hierarchy level of the classification scheme); lines have been thus described referring to the GeoSciML Application Scheme, version 2.0 (www.geosciml.org/geosciml/2.0/doc/), in order to be compliant with the more recent version of the INSPIRE Data Specification on Geology, v , (http://inspire.jrc.ec.europa.eu/index.cfm/pageid/2). A further release of the map will represent also subsurface data below the alluvial northern and southern Piemonte Po plain, as - a result of a starting scientific collaboration with ENI spa. The 1: scale Geological Map of Piemonte provides then a synthesis of surface geology useful for three-dimensional geological models and syntheses. Furthermore, it would represent an informative system for storing varied thematic geo-environmental data sets, since the scheme of its relational database has been designed to host information more detailed (at least up to 1: scale) than that of the first release of the map. Furthermore, thematic web pages hosted in the CNR IGG Geoportal (http://www.csg.to.cnr.it/) are linked to the main topics of the Map Legend Scheme, providing information at both educational and technical knowledge levels. REFERENCES CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE (1990), Structural Model of Italy. CNR Publ., Roma. EUROPEAN COMMISSION - INSPIRE THEMATIC WORKING GROUP GEOLOGY (2011) D2.8.II. Data Specification on Geology - Draft Guidelines, INSPIRE - Infrastructure for Spatial Information in Europe. EUROPEAN COMMISSION - INSPIRE GEOPORTAL - METADATA EDITOR (http://inspire-geoportal.ec.europa.eu/editor/) SERVIZIO GEOLOGICO D'ITALIA ISPRA - Cartografia Geologica d (http://www.isprambiente.gov.it/site/it- IT/Cartografia/Carte_geologiche_e_geotematiche/Carta_geologica _alla_scala_1_a_50000/)

14 Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 19 (2012), pp , 2 figg.. Società Geologica Italiana, Roma 2012 La nuova banca dati geomorfologica della Toscana: implementazione del livello geomorfologico nel Continuum geologico regionale FILIPPO BONCIANI (*), TOMMASO BIGIO (*), ANDREA RINDINELLA (*), ALTAIR PIRRO (*), ELIA PASQUA (*), MARIA GIOVANNA GIAGU (*), ANNA MARCONI (*), MARIA JOSÈ PARRILLA CHAVES (*), GUIDO LAVORINI (**), FRANCESCO MANETTI (***) & MASSIMO PERNA (***) ABSTRACT Tuscany Region Geomorphological Map The Tuscany Region has recently been provided of a valuable tool for the territorial understanding and planning, consisting of 1: scale geological database in physical continuity extended to the whole region. The Territorial Geological Survey of Tuscany Region Continuum (TGSTRC) structure expects the additional geothematic data implementation that makes this great tool an useful archive for collecting geographical information aimed to the territorial planning. In the 2011, the research leaded by the Centre for GeoTechnologies of Siena University (CGT) and by the Consortium for Monitoring and Environmental Modelling for Sustainable Development (LaMMA) has improved the TGSTRC development and management through the implementation of geomorphological data derived from all nowadays available sources as the Arno and Serchio rivers Basin Authority database as well as the surveys for the realization of the 1: scale Geological Map of Tuscany and IFFI, AVI; SCAI, SPEED, CARG projects and the data from the geomorphological maps of the Municipal Structure Plans (MSP), whether available. It has been needed a study for integration and interpretation of the different data sources, aimed to comprehension and adjustment of the elements according to the Regional Geomorphological Legend. The Legend structure satisfies territorial planning needs with particular attention to the requirements of regional laws about the territorial government, without neglecting the morphogenetical, morphoevolutional and the chronomorphological aspects that traditionally constitute the ultimate goal of the geomorphological mapping. (*) Centro di GeoTecnologie Università degli Studi di Siena, San Giovanni Valdarno, (AR) (**) Regione Toscana Direzione Generale delle Politiche Territoriali e Ambientali. Sistema Informativo Territoriale ed Ambientale, Firenze (***) Consorzio LaMMA, Sesto Fiorentino, (FI) The activity result is a new geomorphological database which provides new features for consistency, detail and extension, and it would constitute a useful tool for the slope gravitational phenomena susceptibility analysis for the whole region. The new Geomorphological Map shows the geological substrate information, reported on TGSTRC, classified in Lithological Units in order to give full representation of the heterogeneous composition of the rocks outcropping in the region and divided these in classes according to different lithotechnic properties and different associated morphologies. Landslides are represented with complete information on the morphologies associated with them (crown, main scarp and displaced material), as well as with information of the type of movement, activity and the main direction towards the movement has developed or is evolving. For each landslide surveyed the database also lists the information for comparison with the PSC, the source element and a unique identification code that connects the body of the landslide area and its crown. In this way are counted active landslides, dormant landslides, stabilized landslides and landslides with not determined activity. The small dimension landslides, mapped as punctual phenomena, are 5.715, while areas are registered with general mass movement and areas with solifluction phenomena. These data cover the forms and processes related to the known slope instability phenomena. Other information was obtained through specific morphometric analysis on the Digital Elevation Model (DEM) and structural data of arrangement of the surface layering/schistosity reported on TGSTRC. It has been produced a model of computation that give information of slope structure based on mutual orientation of layering/schistosity and the slope itself. The final product allows to perform analysis on landslide factors from a dataset of great detail and spatial extent which shows a series of extremely varied predisposing conditions and morphologies.. KEY WORDS: Geomorphological map, Tuscany.

15 CARTA GEOMORFOLOGICA DELLA REGIONE TOSCANA 13 INTRODUZIONE La Regione Toscana si è recentemente dotata di uno strumento di grande valore per la conoscenza e la pianificazione del territorio, consistente in una banca dati geologica alla scala 1: in continuità fisica estesa Territoriale Geologico della Regione Toscana (CTGRT) geotematica che fanno di questo grande contenitore lo strumento ideale per la raccolta delle informazioni geografiche finalizzate alla pianificazione territoriale. dal Consorzio per il Monitoraggio e la Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile (LaMMA), ha visto lo sviluppo e la natura geomorfologica desunti da tutte le fonti ad oggi e delle Autorità di Bacino (bacini Arno e Serchio), nei rilevamenti per la realizzazione della Carta Geologica della Toscana a scala 1:10.000, nelle cartografie relative ai progetti IFFI, AVI, SCAI, VEL, CARG ed infine nei dati contenuti nelle carte geomorfologiche allegate ai Piani Strutturali Comunali (PSC), laddove presenti. Per le diverse fonti di dati è stata necessaria traduzione degli elementi in esse contenuti, nelle entità previste dalla Legenda Geomorfologica Regionale, la cui struttura risponde ad esigenze pianificatorie, con particolare attenzione alle prescrizioni delle leggi regionali in materia di governo del territorio, senza trascurare gli aspetti morfogenetici, morfoevolutivi e morfocronologici che tradizionalmente costituiscono il fine ultimo della cartografia geomorfologica. La struttura della Legenda Geomorfologica si ispira ai princìpi ed alle simbologie proposte nel Quaderno del Servizio Geologico Nazionale, serie III, vo nonché ad altri documenti ormai diffusi ed accettati a livello regionale quali la Sezione B Legenda per la cartografia geomorfologica a scala 1:5000 1:2000 contenuta nelle i Tecniche per le Indagini Geologiche, Geofisiche, Geognostiche, e Geotecniche per la Valutazione degli Effetti fanno parte del Programma VEL Valutazione degli Effetti Locali (L.R. n.56 del 30/07/97). Altri documenti consultati sono stati i numerosi elaborati tecnici relativi a PSC della geomorfologia della Regione Veneto (1989), le carte geomorfologiche pubblicate dal Gruppo Nazionale di Geografia Fisica e Geomorfologia del C.N.R., il volume bibliografia internazionale. Numerosi lavori scientifici hanno delineato nel tempo i rispondessero a specifiche esigenze. In particolare Panizza (1972) fornisce una proposta di legenda geomorfologica che, con numerose varianti, servirà da guida per future applicazioni e sviluppi che lo stesso autore provvede ad elaborare (Panizza, 1973; Panizza, 1975) finalizzando il prodotto alla pianificazione territoriale ed alla stabilità dei versanti. La nuova Legenda Geomorfologica cerca di pesare il contributo di diversi approcci alla cartografia geomorfologica tenendo conto delle diverse esigenze specifiche in funzione dello scopo cui è destinata la carta stessa, della scala di rappresentazione, delle effettive necessità del destinatario finale. METODI DI REALIZZAZIONE ED ELEMENTI INNOVATIVI La nuova Carta Geomorfologica presenta le informazioni sul substrato desunte dal CTGRT, dove le unità litostratigrafiche sono state riclassificate in Unità Litologiche cercando di dare completa rappresentatività della eterogenea composizione delle rocce affioranti nel territorio regionale e creando raggruppamenti che dessero ragione delle diverse proprietà litotecniche delle rocce e delle diverse morfologie a queste associate. Le frane vengono presentate con informazioni complete sulle morfologie ad esse associate (orlo di scarpata e area di distacco), nonché con le indicazioni sul tipo di movimento, lo stato di attività e la direzione principale verso cui il movimento evolve o si è sviluppato. Sono inoltre indicate, per ogni movimento franoso censito, i dati di confronto con i univoco (DB_FraneID) che collega il corpo di frana al relativo censite frane attive, frane quiescenti, stabilizzate e con stato di attività non determinato. I dati sulla franosità provenienti delle AdB (recepiti a livello nazionale dal Progetto IFFI) contengono informazioni finalizzate alla pianificazione territoriale e non mirano ad una vera classificazione dei morfemi secondo le specifiche riportate nel Quaderno del Servizio Geologico Nazionale, serie III, volume 4 -Guida al rappresentata sul documento AdB, è stata realizzata la suddivisione nelle diverse zone di pertinenza dei processi erosivi (area di distacco) e di accumulo (corpo di frana) e si è operata la separazione delle stesse aree sulla base dei singoli fenomeni franosi individuati, per ciascuno dei quali è stata fornita la direzione di scorrimento. Tutto questo è stato fatto senza modificare il perimetro esterno del poligono proveniente corpo di frana+area di distacco risulta geometricamente coerente. Si è

16 14 F. BONCIANI ET ALII rappresentazione non è solo geometrico, ma anche morfogenetico e morfoevolutivo. Fig. 1 - Esempio di passaggio da informazione areale AdB-IFFI ad informazione morfogenetica e morforvolutiva della nuova Carta Geomorfologica della Toscana. Le frane di piccole dimensioni, cartografate come fenomeni puntuali, sono 5.715, mentre sono censite aree a franosità diffusa e poligoni associati a processi di soliflusso. Questi dati riguardano le forme ed i processi legati ai dissesti di versante conosciuti. Altre informazioni sono state ricavate attraverso specifiche elaborazioni morfometriche sui dati di elevazione del terreno (DEM) e strutturali sui dati di giacitura delle superfici di stratificazione/scistosità riportati sul CTGRT. È stato prodotto un modello di calcolo che restituisce (reggipoggio, traverso/reggipoggio, traversopoggio, reciproche della stratificazione/scistosità e del versante stesso; di queste 5 classi sono state evidenziate solamente quelle di maggior significatività per la stabilità dei versanti (Fig.2.) ma la banca dati contiene le informazioni relative ad ogni tipo di assetto su tutti i versanti del territorio regionale costituiti da rocce stratificate o scistose. Il prodotto finale permette di effettuare analisi sui fattori della franosità a partire da un dataset di grande dettaglio ed estensione territoriale che presenta una casistica estremamente varia di condizioni predisponenti e morfologie di dettaglio. Fig. 2 - Versanti con movimenti franosi classificati secondo le specifiche di legenda e poligoni relativi all'assetto nei confronti della stratificazione delle rocce di substrato; esempio nell'area del Valdarno Superiore. DRAMIS F. & BISCI C. (1998) Ed., Bologna, 215 pp. REFERENCES Cartografia Geomorfologica. Pitagora G.N. GEOGRAFIA FISICA E GEOMORFOLOGIA C.N.R. (1986) - Ricerche geomorfologiche nell'alta Val di Peio (Gruppo del Cevedale). Geogr. Fis. Dinam. Quat., 9: PANIZZA M. (1975) Ricerche di geomorfologia applicata alla pianificazione territoriale. Mem. Soc. Geol. It., 14: PANIZZA M. (1973) Proposta di legenda per carte della stabilità geomorfologica. Boll. Soc. Geol. It., 92: PANIZZA M. (1972) Schema di legende per carte geomorfologiche di dettaglio. Boll. Soc. Geol. It., 91: REGIONE VENETO (1989) - Progetto della Carta Geomorfologica del Veneto in scala 1: Documenti del Territorio, Centro interregionale, Roma TRICART J. (1972) - Normes pour l'établissement de la carte geomorphologique detaillée de la France: (1:20.000, 1:25.000, 1:50.000). Mem. et Doc. Année 1971, Paris, n.s. 12: VARNES D.J. (1978) Slope movements, type and process. Landslides: Analysis and Control-Transp. Board. Nat. Acad. of Sciences, Spec. Report176.

17 Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 19 (2012), p. 15 Società Geologica Italiana, Roma 2012 The development of a geo-database of caprock quality and deep saline aquifers distribution suitable to geological storage of CO 2 in Italy MAURO BUTTINELLI (*), MONIA PROCESI (*),BARBARA CANTUCCI (*) & FEDORA QUATTROCCHI (*) One of the most promising options to stabilize and reduce the atmospheric concentration of greenhouse gases is Carbon Capture and Storage (CCS). This technique consists of separating CO 2 from other industrial flue gases and storing it into geological reservoirs such as deep saline aquifers, depleted oil and/or gas fields, and unminable coal beds. Saline aquifers are considered one of the best option due to their worldwide diffusion and huge potential storage capacity. A detailed reworking of the available Italian deep-drilling data was performed to identify potential storage reservoirs in deep saline aquifers. Data were organized into a geo-database containing stratigraphic and fluid chemistry information as well as physiochemical characteristics of the encountered geological formations. Caprock efficiency was evaluated via numerical Caprock (Fbp) for each well. These operations led to the definition of suitable areas in which efficient caprocks and potential reservoir are largely developed. The definition of these areas was accomplished taking also into account the strategic information of the distribution of main geological risk factors such as: seismogenic sources and areas, seismic events, Diffuse Degassing Structures, heat flow and thermal anomalies, as well as the main anthropogenic CO 2 sources. Results show that promising areas are mostly located in the foredeep domains of the Alps and Apennines chains, where efficient marly-to-clayey caprocks lie above deep aquifers hosted in sandstones or limestones. Most of them are far form seismogenic sources and Diffuse Degassing Structures. Results of this work would also open a new phase of research, more focused on the identification of reliable geological structures in those areas, devoted to real feasibility studies regarding the CO 2 geological storage in Italy.

18 Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 19 (2012), pp , 3 figg.. Società Geologica Italiana, Roma 2012 Sistemi Informativi Geografici e Modellazione Tridimensionale per la Geo-Archeologia a Senigallia: nuove scoperte e nuove ipotesi MAURO DE DONATIS (*), GIUSEPPE LEPORE (**), SARA SUSINI (***), MICHELE SILANI (**), FEDERICA BOSCHI (**) & DANIELE SAVELLI (*) ABSTRACT GIS and 3DModellig for Geo-Archaeology in Senigallia (Italy): new discoveries and new hypothesis A collaborative project on Sena Gallica is carrying out by archaelogists (Bologna University) and geologists (Urbino University). Classical methods and digital techniques have been combined for getting new information and interpretations of evolution of the urban landscape of the first maritime colony of Roma on the Adriatic coast. New discoveries of Republican age demonstrate the strong influence between geomorphology and human activities, as the anthropic interventions on the course of Misa river. This work-inprogress suggests new scenarios and open questions on both Quaternary geology and urban archeology. KEY WORDS: Historical Cartography, Preventive Archaeology, Geophysics for Archaeology, GIS, 3D modeling, Quaternary deposits, Urban Geo-Archaeology, Urban landscape, Sena Gallica. INTRODUZIONE Lo studio integrato di archeologia e geologia della città di Senigallia nasce nel 2010 da una Convenz Urbana di Senigallia che ha fornito il quadro istituzionale per attivare una ricerca multidisciplinare e senza limiti cronologici. Due di Bologna e quello di Scienze della Terra della Vita e dell'ambiente delle Marche e il Comune di Senigallia hanno creato un gruppo di lavoro sullo studio geo- allia, Sena Gallica, intesa come un organismo ). Pertanto è stato messo a punto un sistema di raccolta e di condivisione dei dati che utilizza strumenti tradizionali (ricognizioni urbane, cartografia storica etc.), ma anche formule nuove di indagine non intrusiva (georadar, etc.) e acquisizioni ed elaborazioni digitali dei dati (GIS e modelli 3D). Praticamente ogni cantiere edilizio della città e ogni attività di scavo, anche se di ridotte dimensioni, sono stati utilizzati come fonte di dati sul sottosuolo, sia per le fasi più recenti di competenza Geologia. Fino al 2010, infatti, la città di Senigallia, a discapito della sua colonia l 284 a.c., era ancora in attesa di una edizione scientifica e moderna della sua potenzialità storica e documentaria in genere (Ortolani & Alfieri, 1953; Ortolani & Alfieri, 1978; Stefanini, 1991). LAVORO DI TERRENO Nei primi due anni di ricerca è stato possibile applicare la nuova normativa della cd. Archeologia Preventiva (D.L. 26/04/2005, n. 63- conv. L. 25/06/2005, n 109; D.L. 12/04/2006, n 163). In alcuni casi, infatti, facendo seguito a campagne di indagini non intrusive e allo studio della documentazione di archivio, si è potuto procedere anche ad un riscontro stratigrafico mirato: sono stati indagati, pertanto, 4 settori distinti della città: via Cavallotti, via Baroccio, via Gherardi e 1). Tali ricerche, ancora in corso di studio, hanno messo in luce contesti molto differenti tra loro, forma della città: lo scavo di via Cavallotti ha definitivamente dimostrato za di un insediamento preromano sul sito della futura colonia marittima di Sena Gallica, mentre in quello di via Baroccio è stato rinvenuto un santuario romano collocato in un punto strategico dal punto di vista dell'assetto territoriale e del sistema viario antico, nonché un tratto delle mura romane della città (Lepore et al., 2012; DiSTeVA. Corresponding author: (**) Università degli Studi di Bologna Dip. di Archeologia (***)Università degli Studi di Perugia Dip. di Scienze della Terra

19 SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E MODELLAZIONE TRIDIMENSIONALE 17 Lepore, in stampa). Lo scavo di via Gherardi ha messo in luce un tratto di una ulteriore abitazione della città repubblicana, fondamentale per la definizione del circuito murario romano, mentre è stata rilevata una sequenza quando la città subisce una totale ristrutturazione (Bonvini Mazzanti, 1994; Villani, 2008). (De Donatis et al., 2010). Avendo la disponibilità di tutta la cartografia GIS o storica georeferenziata sul monitor del tablet PC, durante il rilevamento di nuovi dati come, ad esempio, la distribuzione di ghiaie e limi o manufatti e opere antropiche si è potuto immediatamente interpretarne la localizzazione rispetto alle conoscenze pregresse. Fig. 1 testo. In arancione la posizione ipotizzata delle mura Romane di età Repubblicana. Geofisica per l'archeologia Nel corso del biennio , a Senigallia sono stati testati, in differenti situazioni, tutti i principali metodi geofisici applicati elettromagnetometria. In generale, il sistema georadar si è rivelato quello più versatile (Fig. 2), ma nelle zone non lastricate o aperte (come nei giardini), le applicazioni delle altre tecniche sono state altrettanto efficaci e hanno fornito informazioni apprezzabili. Allo stato attuale, un completo lavoro di integrazione è stato condotto nei siti di via Cavallotti e di via Baroccio, dove i lavori di ristrutturazione degli edifici sono stati preceduti da indagini geofisiche, che hanno permesso di guidare le operazioni successive. Il dato ricavato dalla geofisica è stato poi verificato mediante scavo stratigrafico e associato agli studi geologico-stratigrafici. In altre zone della città, invece, la ricerca si è limitata alla sola diagnostica, come Monastero di Santa Cristina, e di molte altre strade e piazze del centro. An soltanto di dati di diversa natura, ma anche dei sistemi geofisici, spesso utilizzati in associazione fra loro. Acquisizione digitale dei dati sul terreno: mobile GIS Dove possibile si sono utilizzati sistemi mobili per l'acquisizione di dati su GIS direttamente sul terreno (Clegg et al., 2006; De Donatis et al., 2008), georeferenziando foto, schemi e note tramite tablet PC e GPS o smartphone (con sistema operativo Android). Il software utilizzato, BeeGIS (www.beegis.org) è stato sviluppato con codice aperto (open-source) e disponibile per il download e l'utilizzo gratuito Fig. 2 Cantiere di Via Cavallotti. Risultato delle indagini georadar e sovrapposizione al dato di scavo (slice radar relativa a cm di profondità). In basso: restituzione 3D delle slices radar e delle strutture rinvenute con lo scavo. METODI DI ELABORAZIONE DIGITALI GIS e georeferenziazione della Cartografia Storica fonti di informazioni utilizzate, favorita dalla gestione dei dati nel sistema GIS. Questo metodo consente di associare a informazioni tradizionali (come quelle archeologiche e storiche), il dato geologico e quello geomorfologico. La cartografia storica è stata uno degli strumenti principali per la la città di Senigallia. Le rappresentazioni del paesaggio urbano che si sono susseguite nel corso del tempo, dalle prime carte storiche risalenti al XIV secolo e riprodotte in copia fino alle mappe catastali settecentesche/ottocentesche, hanno costituito una base documentaria fondamentale sia per lo studio della città medievale e rinascimentale romana. itato di Senigallia, risalenti alla metà del XVIII, sono

20 18 M. DE DONATIS ET ALII stati georeferenziati mediante il software Airphoto 3.56 (www.unikoeln.de). Tale software, sviluppato per la georeferenziazione di immagini aeree utilizzando algoritmi specifici, permette il raddrizzamento di prese prospettiche attraverso il riconoscimento di carta storica, e una base di riferimento, quale il catastale odierno della città di Senigallia. I residui di errore ottenuti sono stati compatibili con gli obiettivi preposti e con la scala di rappresentazione generale. Il sistema di proiezione utilizzato per le carte georeferenziate è stato quello del progetto GIS generale, ovvero Gauss Boaga fuso Est, Roma gestione dei dati archeologico-topografici del progetto, delle mappe progettuali georeferenziate, ha permesso di cartografare la posizione del fiume Misa prima della r della banca dati ha permesso di ipotizzare, a seguito dello studio di tutte le informazioni, un probabile tracciato delle mura della città romana di Sena Gallica. Di fondamentale importanza è risultato, ovviamente, il ritrovamento archeologico di una porzione del tracciato nei pressi di via Baroccio (Lepore, in stampa). graficamente da polilinee, è stata così aggiunta agli altri elementi già noti contenuti nella banca dati: dai dati puntuali relativi a ritrovamenti archeologici pregressi, alle nuove informazioni desunte con i recenti scavi qui citati, rappresentati mediante polilinee e poligoni per le strutture rinvenute. Elaborazione di superfici 3D I dati raccolti durante gli scavi, elaborati in file cartografici e database GIS, sono stati importati nell'ambiente di modellazione tridimensionale di Move (www.mve.com; Zanchi et al., 2009). Questo pacchetto software ha permesso in primis la ricostruzione della paleosuperficie di età romana repubblicana. queste superfici con quella romana hanno permesso di formulare ipotesi circa la pianta urbana, la sua origine e il suo sviluppo (Fig. 3). GEOLOGIA DEI DEPOSITI QUATERNARI Lo scavo di via Cavallotti (Lepore et al., 2012) ha consentito ocalizzata, della porzione più superficiale dei depositi quaternari su cui sorge Senigallia. I depositi in oggetto risultano costituiti da limi argillosi e sabbie limose in parte pedogenizzate. A questi si associano ghiaie contenenti resti sia di lamellibranchi marini che di gasteropodi continentali commiste a matrice limosa pedogenizzata, elementi questi ultimi che evidenziano un seppur blando rimaneggiamento di almeno una parte delle ghiaie ie caratterizzato da stagni/depressioni costiere associati con barre di foce/berme di tempesta. Argille limose scure, pedogenizzate del tutto simili a quelle di via Cavallotti, sono state portate in affioramento anche durante gli scavi di via Baroccio (Lepore, in stampa). Qui, in particolare, al di sopra dei depositi in oggetto è visibile il terrapieno collegato alla cinta muraria romana, il riempimento della fossa di spoliazione della stessa dopo la sua rimozione in epoca medievale, e successivi depositi alluvionali di sovralluvionamento che dal Medioevo ad oggi hanno innalzato di circa 2 metri la posizione del locale piano campagna. Altri dati sulla presenza, geometria e disposizione di livelli ghiaiosi e argillosi nel sottosuolo sono stati desunti da studi precedenti (Principi, 1996) e da sondaggi geognostici diretti e indiretti disponibili per la consultazione. Le indagini e le elaborazioni dei dati nuovi e di letteratura hanno permesso nuove interpretazioni sulla morfoevoluzione recente Misa. Questa infatti è condizionata dalla presenza dei fiumi nordazione della conoide è stata seguita dapprima da un parziale smantellamento erosivo della stessa, poi da un parziale annegamento dei suoi resti. Proprio questo particolare processo morfoevolutivo a carico di una forma caratterizzata per propria natura da una porzione centrale maggiormente rilevata, può spiegare alcuni dei settori topograficamente più rilevati su cui poggia parte del centro storico e Fig. 3 Modello 3D composto da fence-diagram di sezioni geologiche, carta storica georeferenziata, traccia delle mura romane (in fuxia), modello digitale della superficie di campagna con aree presunto il posizionamento delle mura romane. Tramite i sondaggi disponibili e le sezioni geologiche elaborate in precedenti lavori (Principi, 1996) sono quindi state ricostruite le INTERPRETAZIONE E NUOVE IPOTESI DI LAVORO La disposizione delle mura repubblicane e degli accessi e degli assi stradali, fortemente influenzate dalla presenza del fiume Misa, era condizionata anche dalla morfologia della piana. Questa infatti, se pur quasi pianeggiante, indica variazioni di quota che, se pur minime e con pendenze limitate, indurrebbero a posizionare tali elementi urbanistici. L'alto costituente gli argini naturali dell'ansa del fiume per la primitiva ubicazione delle mura. Tale ansa è quella che successivamente subirà una forte rettificazione fino a lambire, come si può osservare ancora oggi, le mura settecentesche.

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa Carlo Cipolloni (*), Agnes Tellez-Arenas (**), Jean-Jeacques Serrano (**), Robert Tomas (***)

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali

Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali Informazione geografica, Regioni e metadati: il contributo del CISIS nell implementazione del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali Massimo Attias, Antonio Rotundo CISIS - Centro Interregionale per

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo A. Genito, L. Donate Blázquez, U. Malvone, Strago S.p.a. andrea.genito@strago.it laura.donate@strago.it ubaldo.malvone@strago.it

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

4 Il WebGIS del Progetto IFFI

4 Il WebGIS del Progetto IFFI 4 Il WebGIS del Progetto IFFI A. Trigila, C. Iadanza Conoscere le frane, la loro ubicazione e pericolosità, rappresenta un attività indispensabile per la realizzazione di nuove reti infrastrutturali (autostrade,

Dettagli

Banca Dati del Continuum geologico interregionale delle Regioni Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria

Banca Dati del Continuum geologico interregionale delle Regioni Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria GIT Geology and Information Technology 9a Riunione del Gruppo di Geologia informatica - Sezione della Società Geologica Italiana Banca Dati del Continuum geologico interregionale delle Regioni Emilia-Romagna,

Dettagli

La tecnologia GIS Roberto Cavallin

La tecnologia GIS Roberto Cavallin La tecnologia GIS Roberto Cavallin Dati territoriali L art. 59 del Codice dell Amministrazione Digitale (CAD) definisce i dati territoriali come: qualunque informazione geograficamente localizzata Secondo

Dettagli

GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale

GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale GeoPortale Emilia-Romagna - un'esperienza di IDT regionale Giovanni Ciardi (*), Stefano Olivucci (*), Alfredo Abrescia (**) (*) Regione Emilia-Romagna, Servizio Sviluppo dell'amministrazione digitale e

Dettagli

Applicazione di standard di interoperabilità spaziale all interno dell infrastruttura dei dati geografici della Regione Calabria

Applicazione di standard di interoperabilità spaziale all interno dell infrastruttura dei dati geografici della Regione Calabria Applicazione di standard di interoperabilità spaziale all interno dell infrastruttura dei dati geografici della Regione Calabria G.Calabretta ***, T. Caracciolo *, V.Marra *, M.Sisca **, F.Teti ** (*)

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano.

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Giovanni Di Trapani(*), Franco Guzzetti (**) e Paolo Viskanic (***) *) Comunità Montana Valtellina di Tirano, Via Maurizio Quadrio 11, I-23037

Dettagli

IV lezione INSPIRE. GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture

IV lezione INSPIRE. GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture IV lezione INSPIRE GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture Be INSPIRED! GIS e Geo WEB: piattaforme e architetture - Cristoforo Abbattista Page 2 Cos è INSPIRE Direttiva Europea 2007/02/EC Stabilisce

Dettagli

1. - Introduzione. Keywords: Database, geomorphology, thematic maps, numerical codes, semi- automathic cartography.

1. - Introduzione. Keywords: Database, geomorphology, thematic maps, numerical codes, semi- automathic cartography. Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXXVIII (2008), pp. 61-68 figg. 4 Un modello concettuale di banca dati per l informatizzazione di carta geomorfologica: alcuni casi d esempio A conceptual model of data-bank

Dettagli

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche 2 Riunione Gruppo GIT 4-5 giugno 2007 - Bevagna (PG) Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche Autori: L. Battaglini, V. Campo,

Dettagli

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins)

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) V. Juliette Cortes1, Simone Sterlacchini2, Thom Bogaard3, Simone Frigerio1,

Dettagli

I WebGIS per l idraulica del territorio: analisi critica delle possibili applicazioni

I WebGIS per l idraulica del territorio: analisi critica delle possibili applicazioni I WebGIS per l idraulica del territorio: analisi critica delle possibili applicazioni Claudia Soffia (*), Mattia De Agostino (**) (*) Politecnico di Torino, Dipartimento di Idraulica, Trasporti e Infrastrutture

Dettagli

MODELLO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITÀ GEOMORFOLOGICA NEL BACINO DEL RIU PULA.

MODELLO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITÀ GEOMORFOLOGICA NEL BACINO DEL RIU PULA. MODELLO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITÀ GEOMORFOLOGICA NEL BACINO DEL RIU PULA. Felice DI GREGORIO (*), Marco PUSCEDDU (*), Andrea SERRELI (*) (*) Dipartimento di Scienze della Terra dell Università

Dettagli

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO Archeologia e Calcolatori Supplemento 4, 2013, 228-232 ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO 1. Premessa La realizzazione di un sistema

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

PREVIEW LANDSLIDES: UNA PIATTAFORMA WEB-GIS PER IL MONITORAGGIO DEL RISCHIO FRANE

PREVIEW LANDSLIDES: UNA PIATTAFORMA WEB-GIS PER IL MONITORAGGIO DEL RISCHIO FRANE PREVIEW LANDSLIDES: UNA PIATTAFORMA WEB-GIS PER IL MONITORAGGIO DEL RISCHIO FRANE Stefania CICCODEMARCO(*), MariaGrazia CIMINELLI(*), Marco CORSI(*), Giacomo FALORNI (**), Daniele PELLEGRINO(*),Gaia RIGHINI

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

Geospatial and Geological metadata national and international standards

Geospatial and Geological metadata national and international standards Geospatial and Geological metadata national and international standards Maria Pia Congi ISPRA Servizio Geologico d Italia Valentina Campo ISPRA Servizio Geologico d Italia Carlo Cipolloni ISPRA Servizio

Dettagli

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea Geo4P Geotermia - Progetto Pilota Piana Pisa Progetto pilota per lo sviluppo di una metodologia innovativa finalizzato alla valutazione quantitativa delle risorse geotermiche a bassissima, bassa e media

Dettagli

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Rocco Mari, Pietro d Amico,Paola Napolitano, Giuseppe Palma, Fortunato Sgariglia, Marco Soravia Provincia di Napoli - Direzione

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

MILLESENTIERI: IL PORTALE/WEBGIS OPENSOURCE DEI SENTIERI PER LA PROMOZIONE DELLE RISORSE NATURALISTICHE, ARCHITETTONICHE E STORICO-ARCHEOLOGICHE

MILLESENTIERI: IL PORTALE/WEBGIS OPENSOURCE DEI SENTIERI PER LA PROMOZIONE DELLE RISORSE NATURALISTICHE, ARCHITETTONICHE E STORICO-ARCHEOLOGICHE MILLESENTIERI: IL PORTALE/WEBGIS OPENSOURCE DEI SENTIERI PER LA PROMOZIONE DELLE RISORSE NATURALISTICHE, ARCHITETTONICHE E STORICO-ARCHEOLOGICHE Franca IACOBELLIS, Roberto IOVINELLI, Claudio MIRAGLIA,

Dettagli

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI Monica RIZZO (*), Paolo SCALIA (*), Riccardo SCANO (*), Alessandro

Dettagli

GeoReLink. il punto di accesso unico ai servizi di rete geografici e gli open geo-data di Regioni e Province Autonome italiane

GeoReLink. il punto di accesso unico ai servizi di rete geografici e gli open geo-data di Regioni e Province Autonome italiane GeoReLink il punto di accesso unico ai servizi di rete geografici e gli open geo-data di Regioni e Province Autonome italiane stato documento: finale versione: 1.0 data: 11/06/2015 Centro Interregionale

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE Piero DE BONIS (*), Grazia FATTORUSO (*), Pasquale REGINA (*), Carlo TEBANO (*) (*) ENEA - Centro Ricerche Portici,

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda edizione I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali Relatore: Gian Bartolomeo Siletto

Dettagli

PERSONALIZZAZIONE DI UN AMBIENTE GIS PER IL MONITORAGGIO DI UN SISTEMA IDRAULICO

PERSONALIZZAZIONE DI UN AMBIENTE GIS PER IL MONITORAGGIO DI UN SISTEMA IDRAULICO PERSONALIZZAZIONE DI UN AMBIENTE GIS PER IL MONITORAGGIO DI UN SISTEMA IDRAULICO Eros AGOSTO(*), Luca DEMARCHI(*) (*)Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell'ambiente e delle Geotecnologie, Politecnico

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Paolo Milani, Lombardia Informatica S.p.A. Stefano Gelmi, Lombardia Informatica S.p.A. La Salle (AO), 8 maggio 2012 Sommario Dati (rif. Gelmi)

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Facoltà Scienze Via Trentino, 51 09127 Cagliari CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE Cartografia Geologica Lettura ed interpretazione

Dettagli

Evoluzione dei SIT nel tempo

Evoluzione dei SIT nel tempo Evoluzione dei SIT nel tempo aa 2014-2015 GIS Ha ancora senso nel 2014 parlare solo di GIS? Oggi si privilegia il termine SDI, Spatial Data Infrastructure (infrastruttura di dati territoriali Spatial data

Dettagli

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte)

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte) MONITORAGGIO DEL PROCESSO EVOLUTIVO DEL TERRITORIO DI UN'AREA PROTETTA CON IL TELERILEVAMENTO: ANALISI MULTITEMATICA E MULTITEMPORALE DELL'USO DELLE TERRE E RELATIVA INDIVIDUAZIONE E APPLICAZIONE DI INDICI.

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Semantica dei Giochi

Semantica dei Giochi Corso di Laurea Specialistica in Informatica Semantica dei Giochi A.A. 2005-2006 Docenti: Claudia Faggian e Pierre-Louis Curien (CNRS - Paris 7) SEMANTICA... Qual e' il senso [l'essenziale] di un programma?

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

Italian Journal Of Legal Medicine

Italian Journal Of Legal Medicine Versione On Line: ISSN 2281-8987 Italian Journal Of Legal Medicine Volume 1, Number 1. December 2012 Editore: Centro Medico Legale SRL - Sede Legale: Viale Brigata Bisagno 14/21 sc D 16121 GENOVA C.F./P.IVA/n.

Dettagli

Laura Melelli. Institute: Department of Earth Sciences, University of Perugia. Research Group: Role: Research Scientist in Geomorphology

Laura Melelli. Institute: Department of Earth Sciences, University of Perugia. Research Group: Role: Research Scientist in Geomorphology Institute: Department of Earth Sciences, University of Perugia Research Group: Role: Research Scientist in Geomorphology EMAIL: lmelelli@unipg.it PHONE: +39.075.5849579 SKILLS/COMPETENZE 1. Integrazione

Dettagli

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Dr. Geologo Luca Dei Cas Dirigente U.O. Centro Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia The Geologic Monitoring Center (CMG) started

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Introduzione al gis. ARCVIEW EXERCISE BOOK, 2nd Ed. (Vers. 3.x) ARCVIEW GIS/AVENUE PROGRAMMER'S REFERENCE, 3rd Ed.

Introduzione al gis. ARCVIEW EXERCISE BOOK, 2nd Ed. (Vers. 3.x) ARCVIEW GIS/AVENUE PROGRAMMER'S REFERENCE, 3rd Ed. Bibliografia Introduzione al gis ARCVIEW EXERCISE BOOK, 2nd Ed. (Vers. 3.x) ARCVIEW GIS/AVENUE PROGRAMMER'S REFERENCE, 3rd Ed. ARCVIEW GIS/AVENUE DEVELOPER'S GUIDE, 2nd Ed. (Vers. 3.1) BUILDING a GEODATABASE

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

Studio dell implementazione di un GIS ambientale Open Source per la Provincia di Roma

Studio dell implementazione di un GIS ambientale Open Source per la Provincia di Roma Studio dell implementazione di un GIS ambientale Open Source per la Provincia di Roma Valerio Baiocchi Area Geodesia e Geomatica, DICEA, Sapienza Università di Roma, Via Eudossiana, 18 00184- Roma tel

Dettagli

Domenico Longhi. Bollettino della ASSOCIAZIONE ITALIANA di CARTOGRAFIA 2015 (153), 69-78

Domenico Longhi. Bollettino della ASSOCIAZIONE ITALIANA di CARTOGRAFIA 2015 (153), 69-78 EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE Bollettino della ASSOCIAZIONE ITALIANA di CARTOGRAFIA 2015 (153), 69-78 ISSN 0044-9733 (print) http://www.openstarts.units.it/dspace/handle/10077/9933 DOI: 10.13137/2282-472X/11151

Dettagli

Il Geoportale europeo INSPIRE parla 23 lingue

Il Geoportale europeo INSPIRE parla 23 lingue Il Geoportale europeo INSPIRE parla 23 lingue Jens Stutte (*), Jens Fitzke (**), Massimo Zotti (*) (*) Planetek Italia S.r.l., Via Massaua 12, 70132 Bari (BA), Tel. +39 0809644200, stutte@planetek.it (**)

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1. Enti centrali

1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1. Enti centrali REPORT n. 8-07/01/2014 1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1 Amministrazione Enti centrali Agenzia per l'italia Digitale Dati (serie e/o

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

LA CARTA TECNICA ON WEB DELLA REGIONE UMBRIA: UN SERVIZIO PER INNOVARNE ED AMPLIARNE L UTILIZZO.

LA CARTA TECNICA ON WEB DELLA REGIONE UMBRIA: UN SERVIZIO PER INNOVARNE ED AMPLIARNE L UTILIZZO. LA CARTA TECNICA ON WEB DELLA REGIONE UMBRIA: UN SERVIZIO PER INNOVARNE ED AMPLIARNE L UTILIZZO. Gabriele FERRANTI* Ambra CIARAPICA* Sandra TOGNI* Carlo MAGNARAPA** Leonello ARTEGIANI*** * Regione Umbria,

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna 1 Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna L informazione territoriale regionale, i servizi, le attività e i progetti in corso o conclusi nel 2008. 2 Introduzione La Regione Autonoma

Dettagli

The development of geo-visualization tools for planning within the Code24 Project

The development of geo-visualization tools for planning within the Code24 Project DAL CODE24 ALL EGTC - STRATEGIE DI COOPERAZIONE TERRITORIALE LUNGO IL CORRIDOIO GENOVA - ROTTERDAM L esperienza del Code24 nello sviluppo di strumenti di geo-visualizzazione per la pianificazione The development

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

RENDICONTI Online della. Società Geologica Italiana. RENDICONTI Online della Società Geologica Italiana. pp. 1-199

RENDICONTI Online della. Società Geologica Italiana. RENDICONTI Online della Società Geologica Italiana. pp. 1-199 Volume 17 - Novembre 2011 ORGANIZING COMMITTEE Daniela Ruberti (Second University of Naples) Marco Vigliotti (Second University of Naples) SCIENTIFIC COMMITTEE Lucia Simone, Daniela Ruberti, Sabrina Amodio,

Dettagli

Azioni intraprese e strumenti di supporto realizzati.

Azioni intraprese e strumenti di supporto realizzati. L attività del CPSG del CISIS a supporto delle Regioni per lo sviluppo della informazione geografica. Sottotitolo Le risorse sono limitate, ma forse difettiamo un po nella comunicazione di quanto si cerca

Dettagli

Le origini. Il Geoportale di Arpa Piemonte nasce nel 2012 come evoluzione del Catalogo dei Servizi WebGIS, pubblicato nel 2004

Le origini. Il Geoportale di Arpa Piemonte nasce nel 2012 come evoluzione del Catalogo dei Servizi WebGIS, pubblicato nel 2004 Torino 9 ottobre 2014 Centro Congressi Corso Stati Uniti 23 INFRASTRUTTURA PER L'INFORMAZIONE TERRITORIALE E AMBIENTALE: STRUMENTI DI CONOSCENZA, SOLUZIONI TECNOLOGICHE E STRATEGIE ORGANIZZATIVE Il Geoportale

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

UN GEODATABASE PER L ANALISI STRATIGRAFICO SEQUENZIALE

UN GEODATABASE PER L ANALISI STRATIGRAFICO SEQUENZIALE UN GEODATABASE PER L ANALISI STRATIGRAFICO SEQUENZIALE Andrea GENITO (1), Valeria SBRESCIA (2), Maurizio PIGNONE (3), Antonella CAMMAROSANO (4), Giuseppe NARDI (5) (1) Dipartimento di Scienze della Terra

Dettagli

FTALab Laboratori di Fisica Tecnica Ambientale

FTALab Laboratori di Fisica Tecnica Ambientale Università di Roma Tor Vergata - Giornata dell Energia Roma, 1 Luglio 2009 FTALab Laboratori di Fisica Tecnica Ambientale Attività nel campo dell Energia UltimoTriennio Angelo Spena Zero Emissions & CCS

Dettagli

MAPPATURA DI DATI AMBIENTALI TRAMITE WEBGIS. IMPIANTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI E SITI CONTAMINATI IN TOSCANA

MAPPATURA DI DATI AMBIENTALI TRAMITE WEBGIS. IMPIANTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI E SITI CONTAMINATI IN TOSCANA MAPPATURA DI DATI AMBIENTALI TRAMITE WEBGIS. IMPIANTI DI GESTIONE DEI RIFIUTI E SITI CONTAMINATI IN TOSCANA Camillo BERTI (*), Antonio DI MARCO (*), Cinzia LICCIARDELLO (*), Valentina PALLANTE (*), Maurizio

Dettagli

Website of the PAYS.MED.URBAN Project

Website of the PAYS.MED.URBAN Project CDP Bergamo 27-28/1/21 Website of the PAYS.MED.URBAN Project CDP - Bergamo 27/28 January 21 Umbria Region Management for Agriculture Division for Protected Areas and Valorisation of Natural heritage and

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

Pubblicazione della Banca Dati CARG sul Web

Pubblicazione della Banca Dati CARG sul Web Pubblicazione della Banca Dati CARG sul Web Uno strumento divulgativo a disposizione della comunità scientifica e dei professionisti AOSTA, 13 maggio 2014 Relatore: Flavio Vallet, Pubblicazione della Banca

Dettagli

E-mail melania.defalco@unina.it melaniadefalco@yahoo.it. Valutazione del fattore di copertura del suolo per stima erosione sul Gran Cono del Vesuvio

E-mail melania.defalco@unina.it melaniadefalco@yahoo.it. Valutazione del fattore di copertura del suolo per stima erosione sul Gran Cono del Vesuvio CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome/Nome Codice fiscale DFLMLN76H59L259X E-mail melania.defalco@unina.it melaniadefalco@yahoo.it Cittadinanza Italiana Data di nascita 19/06/1976 Luogo di nascita

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

Regole tecniche sui dati territoriali: Reti di sottoservizi. Gabriele Ciasullo

Regole tecniche sui dati territoriali: Reti di sottoservizi. Gabriele Ciasullo Regole tecniche sui dati territoriali: Reti di sottoservizi Gabriele Ciasullo Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali Periodo di intervento: 2007 2010 Regole tecniche prodotte: utilizzo dei

Dettagli

pacorini forwarding spa

pacorini forwarding spa pacorini forwarding spa Pacorini Silocaf of New Orleans Inc. Pacorini Forwarding Spa nasce a Genova nel 2003 come punto di riferimento dell area forwarding e general cargo all interno del Gruppo Pacorini.

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti

Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI Attuazione della Direttiva INSPIRE Il quadro degli adempimenti CSI Piemonte

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO Domenico Morini Dirigente Servizio Geologico Regione Toscana Stefano Romanelli La.m.m.a. Regione

Dettagli

I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client

I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client Autori: A. Brunozzi, A. Ciarapica Regione Umbria Direzione programmazione, innovazione e competitività dell Umbria, Servizio Informatico/Informativo:

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag.

GIS4EU: quasi al termine lo Stato dell arte pag. 4. esdi-net+: al via a breve i lavori del WP3 pag. 4. EURADIN: Kick-off Meeting a Pamplona pag. Newsletter SITAD Agosto 2008 numero 13 Sommario INSPIRE: Call for comments e Metadata Editor DT Data Specifications: on-line il draft per la codifica dei dati spaziali INSPIRE Metadata Editor: disponibile

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

GIS e dati - Breve Introduzione

GIS e dati - Breve Introduzione 44th Annual Conference of the Italian Operational Research Society (AIRO 2014) Como 2-5 September 2014 Polo Territoriale di Como Laboratorio di Geomatica GIS e dati - Breve Introduzione Marco Negretti

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

CEI GIS: un sistema web GIS per la gestione di informazioni sulle Infrastrutture Critiche Energetiche

CEI GIS: un sistema web GIS per la gestione di informazioni sulle Infrastrutture Critiche Energetiche CEI GIS: un sistema web GIS per la gestione di informazioni sulle Infrastrutture Critiche Energetiche Monica Peggion (*), Marcelo Masera (**) (*) Commissione Europea, Direzione Generale Centro Comune di

Dettagli