Rischio stress lavoro correlato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio stress lavoro correlato"

Transcript

1 MASTER SICUREZZA Rischio stress lavoro correlato Bruno Salvador Trento 30 giugno 2010

2 Indice Parte prima Parte seconda Parte terza 1 Parte terza 2 Parte quarta Parte quinta contesto europeo e nazionale definizioni proposta ISPELS documento Coordinamento strumenti salute e malattia

3 Parte Prima contesto europeo e nazionale Direttiva madre n. 89/391/CE prevedeva l obbligo per il DdL di assicurare la sicurezza e la salute dei lavoratori in tutti gli aspetti legati al lavoro e d adattare il lavoro all uomo uomo

4 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro (8/10/2004) L obiettivo di questo accordo, composto di 7 articoli è di offrire ai datori di lavoro e ai lavoratori un modello che consenta di individuare e di prevenire o gestire i problemi di stress da lavoro.

5 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 1 Introduzione Lo stress da lavoro è considerato, a livello internazionale, europeo e nazionale, un problema sia dai datori di lavoro che dai lavoratori.. Lo stress, potenzialmente, può colpire in qualunque luogo di lavoro e qualunque lavoratore, a prescindere dalla dimensione dell azienda, dal campo di attività,, dal tipo di contratto o di rapporto di lavoro...

6 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 2 Scopo Lo scopo dell accordo è migliorare la consapevolezza e la comprensione dello stress da lavoro da parte dei datori di lavoro, dei lavoratori e dei loro rappresentanti, attirando la loro attenzione sui sintomi che possono indicare l insorgenza di problemi di stress da lavoro. L obiettivo di questo accordo è di offrire ai datori di lavoro e ai lavoratori un modello che consenta di individuare e di prevenire o gestire i problemi di stress da lavoro..

7 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 3 Descrizione dello stress e dello stress da lavoro correlato Lo stress è uno stato, che si accompagna a malessere e disfunzioni fisiche, psicologiche o sociali e che consegue dal fatto che le persone non si sentono in grado di superare i gap rispetto alle richieste o alle attese nei loro confronti

8 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 4 Identificare i problemi di stress lavoro correlato Data la complessità del fenomeno stress, questo accordo non intende fornire una lista esaustiva dei potenziali indicatori di stress. Tuttavia, un alto assenteismo o un elevata rotazione del personale, conflitti interpersonali o lamentele frequenti da parte dei lavoratori sono alcuni dei sintomi che possono rivelare la presenza di stress da lavoro

9 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 5 Responsabilità dei datori di lavoro e dei lavoratori In base alla direttiva quadro 89/391 (quella 626/94), tutti i datori di lavoro sono obbligati per legge a tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori. Questo dovere riguarda anche i problemi di stress da lavoro in quanto costituiscono un rischio per la salute e la sicurezza che ha originato il D.L.vo. 626/94),

10 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 6 Impedire, eliminare o ridurre i problemi dello stress lavoro correlato Una volta definite, le misure anti-stress dovrebbero essere riesaminate regolarmente per valutarne l efficacia l e stabilire se utilizzano in modo ottimale le risorse disponibili e se sono ancora appropriate o necessarie.

11 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 6 Impedire, eliminare o ridurre i problemi dello stress lavoro correlato misure di gestione e di comunicazione in grado di chiarire gli obiettivi aziendali e il ruolo di ciascun lavoratore, di assicurare un sostegno adeguato da parte della direzione ai singoli individui e ai team di lavoro, di portare a coerenza responsabilità e controllo sul lavoro, di migliorare l organizzazione, i processi, le condizioni e l ambiente di lavoro.

12 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 6 Impedire, eliminare o ridurre i problemi dello stress lavoro correlato la formazione dei dirigenti e dei lavoratori per migliorare la loro consapevolezza e la loro comprensione nei confronti dello stress, delle sue possibili cause e del modo in cui affrontarlo, e/o per adattarsi al cambiamento l informazione e la consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti, in conformità alla legislazione europea e nazionale, ai contratti collettivi e alle prassi.

13 Accordo Europeo sullo stress sul lavoro Art. 7 Esecuzione ed aggiornamento L esecuzione di questo accordo dovrà essere messo in atto entro tre anni dalla data della firma. Il Comitato del Dialogo Sociale preparerà schede e rapporti.

14 Organizzazione Mondiale della Sanità OMS A livello europeo la salute viene tutelata nell ampia definizione dell OMS: Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale non consistente solo in un assenza di malattia o d infermità à.

15 Italia Recepimento specifiche direttive comunitarie con il D.Lgs 626/94 e successiva modifica operata dalla L. 39/02 di richiamo tutti i rischi ivi compreso quello stress lavoro correlato. Circolare INAIL n. 71 del 17 dicembre 2003 Disturbi psichici da costrittività organizzativa sul lavoro. Rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale

16 Italia Direttiva 24 marzo 2004 (Presidenza Consiglio dei Ministri (Presidenza Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica) Misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni)

17 TESTO UNICO Decreto Legislativo 81/08 Testo coordinato con il D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 Art. 28 Oggetto della valutazione dei rischi. comma 1.La valutazione.. Deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi comprese quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 8 ottobre 2004

18 TESTO UNICO Decreto Legislativo 81/08 art.1 1 bis. La valutazione dello stress lavoro-correlato di cui al comma 1 è effettuata nel rispetto delle indicazioni di cui all artico artico 6 (Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro),, comma 8 (compiti della Commissione), lettera, lettera m-quarter (elaborare le indicazioni necessarie alla valutazione del rischio o da stress lavoro-correlato) correlato),, e il relativo obbligo decorre dalla elaborazione delle predette indicazioni e comunque, anche in difetto di tale elaborazione, a far data dal 1 1 agosto 2010

19 proroghe Una prima proroga al 16/5/2009, Decreto Legge 30/12/08 Una seconda proroga al 1 agosto 2010, Decreto Legislativo 106/09

20 ISPELS La valutazione dello stress lavoro-correlato Proposta metodologica La valutazione dello stress lavoro-correlato PROPOSTA METODOLOGICA Frutto di un Network Nazionale per la Prevenzione del Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro, istituito da ISPELS nel 2007 (due anni di attività)

21 Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei luoghi di lavoro Ha prodotto il documento VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO GUIDA OPERATIVA Marzo 2010

22 Parte Seconda Definizioni L autore che ha dedicato la quasi totalità della sua vita di ricerca allo stress, il medico austriaco Hans Selye,, definiva lo stress come una risposta aspecifica dell organismo per ogni richiesta effettuata su di esso dall ambiente ambiente esterno Hans Selye ( )

23 Sindrome generale di adattamento Selye introdusse il termine sindrome generale di adattamento per descrivere la risposta biologica a uno stress fisico intenso e prolungato. Il modello di Selye,, che si trova diffusamente in letteratura sulla sicurezza sul lavoro, si articola in tre fasi: Nella prima fase, detta di allarme, il sistema nervoso autonomo viene attivato dallo stress. (aumento del battito cardiaco, sudorazione fredda, i riflessi sono in stato di allerta)

24 Sindrome generale di adattamento Nella seconda fase, detta di resistenza, l organismo cerca di adattarsi allo stress mediante i vari meccanismi di coping di cui dispone (il corpo resiste ma attiva anche altri meccanismi neuro- ormonali). Se il fattore di stress persiste o se l organismo non è in grado di adattarsi, subentra la terza fase, o fase dell esaurimento, esaurimento, in cui l organismo muore o soffre danni irreversibili.

25 Immagine del semaforo Verde: eustress,, abbiamo le risorse per affrontare gli stimoli con risultati positivi Giallo: : livello di attenzione: malesseri vaghi quali il nervosismo, l ansia, l la stanchezza, sensazione di non controllo, essere travolti dagli eventi. Si mangia o si fuma di più,, caffè ecc. si deve intervenire sullo stile di vita. Rosso: : vengono superati i valori di guardia, subentrano disturbi veri e propri: tachicardie, gastriti, acne, mal di testa. Manifestazioni di origine psicosomatica: il corpo prende la parola

26 Selye Eustress (deriva dal suffisso greco eu = bene): rappresenta la parte positiva e costruttiav di attivazione che l organismo mette in funzione per adattarsi in modo positivo ai variati stimoli ambientali, è indispensabile alla vita. Distress (deriva dal suffisso dys = peggiorativo): rappresentano gli stress nocivi che possono portare ad un abbassamento delle difese immunitarie oltre ai primi campanelli di allarme per lo sviluppo di patologie quali l insonnia, l l ansia, l tensioni.

27 Rischi psicosociali L Organizzazione Internazionale del Lavoro (1986) ha definito i rischi psicosociali in termini di interazione tra contenuto del lavoro, gestione ed organizzazione del lavoro, condizioni ambientali e organizzative da un lato, competenze ed esigenze dei lavoratori dipendenti dall altro. altro.

28 I rischi psicosociali possono incidere sia sulla salute fisica che psichica in modo diretto ed indiretto, attraverso l esperienza di stress. Infatti, gli effetti dei rischi psicosociali possono essere identificati comunemente nelle seguenti situazioni: stress, burnout,, mobbing. Burnout e mobbing hanno caratteristiche specifiche e peculiari ma riconoscono come matrice comune la presenza dello stress.[1] [1] Regione Veneto, Note sui rischi psicosociali e loro effetti sulla salute in ambienti di lavoro,, Venezia, 2006.

29 Stress Circa un terzo dei lavoratori europei, ossia oltre 40 milioni di persone, dichiara di soffrire di stress sul lavoro, troppe sono le vittime che soffrono in silenzio e troppe sono le imprese che non si rendono conto dell enorme enorme ripercussione che lo stress può avere sul loro rendimento economico.[2] [2] osha.europa.eu/it/campaigns/ew2002/ /ew2002/index_html

30 Stress Per stress lavorativo si intende la reazione emotiva, cognitiva, comportamentale e fisiologica ad aspetti avversi e nocivi del contenuto e dell organizzazione del lavoro.. E E uno stato caratterizzato da livelli elevati di eccitazione e ansia, spesso accompagnati da senso di inadeguatezza (Commissione Europea. Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali)

31 Stress / Ansia Se lo STRESS rappresenta una risposta dell intero organismo ad una serie di stimoli che lo pongono in una condizione di allarme, di attenzione, di vigilanza e più in generale, di necessità d azione L ANSIA è una delle possibili manifestazioni patologiche dello stress. Le capacità razionali, pur essendo in genere sviluppate, possono essere schiacciate letteralmente dall ansia, ansia, seguendo modalità non più lineari ma contorte ed irrigidite (Farn( Farnè,, 1999)

32 La risposta allo stress Gli aspetti della risposta soggettiva allo stress comprende: Le caratteristiche di personalità Il livello culturale Le capacità cognitive Le condizioni socio-economiche Le capacità di coping La risonanza soggettiva all evento

33 Coping IL COPING È L INSIEME DEI MECCANISMI CHE SI METTONO IN ATTO PER CONTROLLARE EVENTI CHE VENGONO RITENUTI DIFFICILI. IL COPING È LO SVOLGIMENTO, LA GESTIONE DI UN PROCESSO, IL TENTATIVO, NON IL RISULTATO DI TALE PROCESSO.

34 Coping RISORSE DI COPING : fanno parte delle risorse di coping l immagine di se stessi in termini di forza dell io, di autostima, di fiducia nelle proprie capacità,, flessibilità cognitiva, l efficacia l nel linguaggio, la capacità di interazione con gli altri STILI DI COPING: : strategia di tipo cognitivo tese ad avvicinare, fronteggiare, risolvere il problema. Propensioni generalizzate di un individuo ad affrontare un problema indipendentemente dal contenuto specifico del problema stesso TENDENZE COMPORTAMENTALI: : comportamenti specifici che vengono adattati per arginare i potenziali effetti negativi di una situazione di distress.. Questi sforzi comportamentali tendono ad essere specifici rispetto al tipo di attività,, per cui esisteranno tendenze comportamentali di coping orientate a eventi singoli.

35 Parte Terza ISPELS La valutazione dello stress lavoro-correlato proposta metodologica 1) descrizione dello stress occupazionale e varie fasi del percorso valutativo 2) modalità operative 3) strumenti

36 ISPELS Proposta metodologica: due categorie Categoria del Contesto lavorativo: cultura organizzativa; ruolo nell organizzazione; sviluppo di carriera; autonomia decisionale/controllo; relazioni interpersonali sul lavoro; interfaccia famiglia /lavoro

37 ISPELS Proposta metodologica: due categorie Categoria dei Contenuti lavorativi: ambiente di lavoro e attrezzature; pianificazione dei compiti; carico/ritmi di lavoro; orario di lavoro

38 ISPELS Proposta metodologica Procedere alla valutazione dello stress correlato al lavoro significa valutare il peso che detti elementi hanno nell impatto con le persone e la loro ricaduta nella condizione lavorativa

39 ISPELS Il percorso metodologico A Raccolta dati organizzativi B Informazione dei lavoratori C Indagine D Pianificazione interventi E Attuazione interventi D Pianificazione interventi F Verifica / Aggiornamento DVR A Raccolta dati organizzativi

40 ISPELS l Indagine Imprese fino a 10 dipendenti (autocertificazione, 81/08 art. 29 comma 5) Imprese con oltre 10 dipendenti Primo livello Secondo livello (autocertificazione, D.Lgs

41 ISPELS Imprese fino a 10 dipendenti (autocertificazione, D.Lgs 81/08 art. 29 comma 5) Coinvolgere i dipendenti, il Rappresentante dei Lavoratori per la territoriale Check list orientativa (10 domande su misure obiettive) se punteggio superiore a 20 approfondire la valutazione In caso di istanze giudiziarie, molestie, segnalazioni al medico competente da parte di centri clinici specializzati si deve procedere al secondo livello.

42 ISPELS Imprese con oltre 10 dipendenti Si procede a due livelli con un ottica di equipe (DdL,, RSPP, MC,, RLS e altri) Primo livello: : Valutazione con approccio verificabile (oggettivo) Secondo livello: : Valutazione con coinvolgimento diretto dei lavoratori (soggettivo)

43 ISPELS Primo livello: : Valutazione con approccio verificabile (oggettivo) (vedere anche Coordinamento Guida Operativa p. 32) Check list indicatori aziendali Area A (dieci indicatori riferiti negli ultimi tre anni). Indici infortunistici,. assenze per malattia,. ricambio del personale,. procedimenti e sanzioni,. segnalazioni del medico competente,. funzione e cultura organizzativa,. ruolo nell ambito dell organizzazione,

44 ISPELS Primo livello: : Valutazione con approccio verificabile (oggettivo) (vedere anche Coordinamento Guida Operativa p. 32) Check list analisi del contesto Area B - funzione e cultura organizzativa - ruolo nell ambito dell organizzazione - evoluzione della carriera - autonomia decisionale controllo del lavoro - rapporti interpersonali sul lavoro - interfaccia casa lavoro conciliazione vita/lavoro

45 ISPELS Primo livello: : Valutazione con approccio verificabile (oggettivo) (vedere anche Coordinamento Guida Operativa p. 32) Check list contenuto lavorativi Area C - ambiente di lavoro ed attrezzature di lavoro - pianificazione dei compiti - carico di lavoro ritmo di lavoro - orario di lavoro - identificazione della condizione

46 ISPELS Identificazione della condizione di rischio Rischio basso 25% Rischio medio 50% Rischio alto + 50%

47 ISPELS Legenda indicatori organizzativi (area A indicatori aziendali) % Assenze dal lavoro % Ferie non godute % Trasferimenti interni richiesti dal personale % Rotazione del personale

48 PARTE TERZA 2 Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei luoghi di lavoro. Guida Operativa, punto 1 p. 4 5 AREE (European Agency for Safety and Health at Work) 1. nuove forme di contratti, incertezza e l insicurezza 2. forze di lavoro vecchia, mancanza turn-over 3. alti carichi di lavoro, pressioni 4. tensione emotiva elevata per violenze e molestie 5. interferenze squilibrio fra lavoro e vita privata

49 Guida Operativa, punto 3 p. 6 Ambito di applicazione Lavoratori e datori di lavoro. Ogni luogo di lavoro. Non sono oggetto specifico molestie e violenze. In linea generale lo stress è una incapacità di rispondere all ambiente, ambiente, nel lavoro alle richieste lavorative. Indicatori predittivi: alto tasso di assenteismo, elevata rotazione del personale, conflitti.

50 Guida Operativa, punto f) p. 7 Ambito di applicazione L analisi da condurre: Gestione dell organizzazione e dei processi di lavoro Condizioni di lavoro e ambientali Comunicazione Fattori soggettivi

51 Guida Operativa, punto g p. 7 Le misure sia collettive, sia individuali Chiarezza nella comunicazione Sostegno dalla dirigenza Adeguati livelli di responsabilità e controllo Miglioramento nella gestione Miglioramento ambienti Adeguata formazione, informazione e consultazione

52 Guida Operativa, punto 4 p. 8 Aspetti generali della Valutazione rischio Identificazione dei pericoli Stima del rischio 1) valutazione preliminare / valutazione semplificata 2) Valutazione approfondita interventi

53 Guida Operativa, punto 4 p. 9 Il Il pericolo stress lavoro-corellato potenziale esiste sempre; Valutazione su elementi oggettivi; Il Il fine è la prevenzione; Processo Processo promosso dal vertice; Strumenti gestiti in casa; Partecipazione effettiva; Azioni Azioni informative; Azioni Azioni formative; Orientarsi alle soluzioni Gestione Gestione dei singoli casi VerificaVerifica

54 Guida Operativa, punto 4 p. 10 Il percorso di valutazione e gestione del rischio

55 Guida Operativa, punto 5.1 p. 11 Il percorso di valutazione Azioni comunicative ed informative Sensibilizzazione di tutti i lavoratori Impegno del management

56 Guida Operativa, punto 5.2 p. 11 Analisi documentale Organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi, flussi comunicativi, gestione risorse umane, ) Indicatori (assenze per malattie, infortuni, turn- over, richieste cambio mansioni, ) Informazioni su gestione, salute e sicurezza (verbali, piani, relazioni)

57 Guida Operativa, punto 5.3 p. 12 Azioni formative Corsi per dirigenti-preposti Corsi per i lavoratori Corsi per RLS la formazione va ripetuta periodicamente

58 Guida Operativa, punto 5.4 p. 12 Valutazione del rischio Valutazione oggettiva Metodi di osservazione diretta Check-list Valutazione soggettiva Analisi della percezione dei lavoratori Gruppi omogenei Questionari, interviste Livello di rischio: basso, medio, alto A livello aziendale o per gruppo omogeneo

59 Guida Operativa, punto 5.5 p. 13 Gestione del rischio Soluzioni di prevenzione collettiva Soluzioni rivolte agli individui Piani di monitoraggio

60 Guida Operativa, punto 5.6 p. 14 Il documento di valutazione dei rischi Deve documentare l effettuazione l degli interventi: a)azioni di sensibilizzazione, informazione, formazione b)analisi documentale c)processo valutativo d)programma delle misure e)sorveglianza monitoraggio

61 Guida Operativa, punto 6 p. 14 Criteri e metodi di valutazione Non esistono criteri che possono escludere a priori un azienda dalla valutazione dello stress lavoro - correlato. I metodi devono prendere in esame elementi oggettivi (verificabili) elementi soggettivi (percezione del gruppo)

62 Guida Operativa, punto 6 p. 15 Fattori di rischio stressogeni (European Agency for Safety and Health at Work-2000) Contesto lavorativo: cultura organizzativa; ruolo nell organizzazione; sviluppo di carriera; autonomia decisionale/controllo; relazioni interpersonali sul lavoro; interfaccia famiglia /lavoro

63 Guida Operativa, punto 6 p. 15 Fattori di rischio stressogeni (European Agency for Safety and Health at Work-2000) Contenuti lavorativi: ambiente di lavoro e attrezzature; pianificazione dei compiti; carico/ritmi di lavoro; orario di lavoro

64 Guida Operativa, punto 6.1 p. 16 Due fasi della Valutazione dei rischi Prima fase,, indicatori oggettivi di rischio: lista degli elementi da considerare. Indici infortunistici,. assenze per malattia,. ricambio del personale,. procedimenti e sanzioni,. segnalazioni del medico competente,. funzione e cultura organizzativa,. ruolo nell ambito dell organizzazione,

65 Guida Operativa, punto 6.1 p. 16 Due fasi della Valutazione dei rischi (continua prima fase) l evoluzione e lo sviluppo di carriera, autonomia decisionale e controllo, rapporti interpersonali al lavoro, interfaccia casa- lavoro, ambiente di lavoro e attrezzature; pianificazione dei compiti, carichi ritmi di lavoro, orario di lavoro - turni

66 Guida Operativa, punto 6.2 p. 17 Seconda fase,, indagine della soggettività Fase da effettuare quando dall esame degli elementi oggettivi il rischio non risulta basso. Metodi: questionari, focus group,, interviste semistrutturate

67 Guida Operativa, punto 6.3 p. 19 Aziende con meno di 10 lavoratori Dopo la Prima fase se il rischi non risulta basso si passa direttamente agli interventi di prevenzione Diagramma a pag. 20

68 PARTE QUARTA Quali strumenti e a che fine 1) Misure della percezione ambientale 2) Misure del clima organizzativo 3) Misure dello stato di ansia, stress e disturbi psicosomatici 4) Misure sulle strategie di coping

69 Strumenti che si possono utilizzare nella indagine della soggettività (Guida Operativa, p. 17/19) Questionari: strumenti di rilevazione dei vissuti e della percezione soggettiva del gruppo dei lavoratori, permettono di fotografare lo stato di salute/malessere dei lavoratori in relazione all organizzazione Focus group: è una tecnica che serve a raccogliere, in un gruppo ristretto, informazioni su temi multidimensionali e complessi (aspetti stressanti del lavoro) Interviste semi-strutturate strutturate l intervistatore stabilisce una traccia di domande (aperte, semi-aperte, indirette..) e le adegua all intervistato favorendo un dialogo attivo.

70 OSI Occupational Stress Indicator L OSI[1] è articolato in sette parti: un questionario biografico e sei sezioni raggruppate in un unico questionario. Il Questionario biografico è suddiviso in sette sezioni: 1. Lei e la Sua famiglia; 2. I Suoi studi; 3. Le Sue esperienze di lavoro; 4. I Suoi impegni; 5. Le Sue abitudini; 6. I Suoi interessi; 7. Recenti eventi di vita. [1] L.CARY,, S. COOPER, S.J. SLOAN, S. WILLIAMS, OSI Occupational Stress Indicator,, Adattamento italiano a cura di Saulo SIRIGATTI e Cristina STEFANILE, Giunti O.S. Firenze, Organizzazioni Speciali, 2008.

71 OSI Occupational Stress Indicator I test vero e proprio è costituito da sei sezioni raccolte in un libretto a sé. s. Ciascuna sezione, descritta di seguito, è divisa in una serie di sottoscale che misurano differenti dimensioni dello stress. 1. Che cosa pensa, come si sente nei confronti del Suo lavoro. a) Soddisfazione per la carriera b) Soddisfazione per il lavoro stesso c) Soddisfazione per l impostazione l e la struttura organizzativa d) Soddisfazione per i processi organizzativi e) Soddisfazione per le relazioni interpersonali

72 OSI Occupational Stress Indicator 2.Come giudica il Suo attuale stato di salute. A) Come si sente e si comporta (Salute psicologica) B) La Sua salute fisica (Salute fisica) 3. Come si comporta di solito. a) Atteggiamento verso la vita b) Stile di comportamento c) Ambizione 4. Come interpreta gli eventi che accadono intorno a Lei. a) Forze organizzative b) Processi di gestione c) Influenze individuali

73 OSI Occupational Stress Indicator 5. Fonti di pressione nel Suo lavoro. a) Fattori intrinseci al lavoro b) Ruolo manageriale c) Relazione con altre persone d) Carriera e riuscita e) Clima e struttura organizzativa f) Interfaccia casa-lavoro 6. Il Suo modo di affrontare lo stress. a) Supporto sociale b) Orientamento al compito c) Logica d) Relazione casa-lavoro e) Tempo f) Coinvolgimento

74 Il Questionario di Percezione delle proprie Competenze e Convinzioni QPCC Si tratta di uno strumento[1] utile per aiutare soggetti adulti a riflettere sull immagine che essi hanno di se stessi circa la qualità di alcune competenze e convinzioni nell ambito lavorativo. Il questionario è composto di 63 quesiti che permettono di individuare 10 fattori o caratteristiche che misurano le seguenti aree: la dimensione affettivo-emozionale emozionale la dimensione volitiva la dimensione cognitiva la dimensione motivazionale [1] M. PELLEREY, F. ORIO in: Teoria e Tecniche dei test strutturati, a cura di S. DE PIERI, C. DEPIETRI Venezia-Mestre Mestre,, SISF, 2007/2008

75 La scala di valutazione VRS Gli autori[1] hanno scelto uno strumento in grado di valutare l'aspetto soggettivo dello stress, si sono concentrati sulla autovalutazione e la percezione da parte dei soggetti del danno subito a causa di un'esperienza ambientale, senza occuparsi della tipologia di quest'ultima. [1] L. TARSITANI, M. BIONDI, III Clinica Psichiatrica, Università degli Studi di Roma La Sapienza Sviluppo e validazione della scala VRS (Valutazione Rapida dello Stress), Pubblicato su: Medicina Psicosomatica, Vol.44, n.3, pp , 177, Roma, Società Editrice Universo, 1999.

76 La scala di valutazione VRS Nella costruzione, si sono individuate delle dimensioni psicopatologiche al fine di dividere la risposta di stress in diverse aree che sommate avrebbero quantificato un punteggio di stress. Il questionario scompone quindi la valutazione nelle cinque seguenti aree: Ansia, Depressione Somatizzazione, Aggressività,, Supporto Sociale.

77 QMSL Questionario multiscala delle cause di stress da lavoro (N. Magnavita,, vers. 02/1) 140 item

78 ITAPI-G Inventario Italiano di personalità o Italia Personality Inventory G forma Generale ITAPI è il Programma italiano (ed europeo) di ricerca scientifica sulla Personalità,, tra le sue caratteristiche: Essere freeware e open source tutto il materiale è soggetto a copyright ma in uso libero a scopi no-profit

79 PARTE QUINTA SALUTE e MALATTIA UNI EN ISO Principi ergonomici relativi al carico di lavoro mentale Termini generali e definizioni UNI EN ISO Principi ergonomici relativi al carico di lavoro mentale Principi di progettazione UNI EN ISO Principi ergonomici relativi al carico di lavoro mentale Principi e requisiti riguardante i metodi per la misurazione e la valutazione del carico di lavoro mentale

80 Strain mentale L insieme di tutte le influenze esterne esercitate su una persona, al punto di condizionarla mentalmente Concetto di saturazione mentale (rifiuto emotivo nei confronti di mansioni )) come se si segnasse il passo e si approdasse a nulla

81 Ergonomia Termine derivante dal greco ergon,, lavoro, azione, e nomos,legge, governo, coniato nel 1949 dallo psicologo gallese K.F.H. Murrell per descrivere una disciplina che persegue la progettazione di prodotti, ambienti e servizi rispondenti alle necessità dell Utente, migliorando la, la Salute, il Comfort, il Benessere e la prestazione umana.

82 Ergonomia La sottovalutazione dell approccio ergonomico è fonte in particolare di patologie muscolo- scheletriche che sono classificate come correlate al lavoro e causa di disturbi psicosociali. I fattori di rischio ergonomici sono analizzati attraverso vari metodi, più o meno validati ed unanimemente riconosciuti: metodo ACGIH, Check-List OCRA, Check-List Osha,, OREGE, RULA e Job Strain Index.

83 Mobbing Il termine indica l assalto l di un gruppo a un individuo Dal latino mobile vulgus che indica il movimento della gentaglia Dall inglese to mob aggredire violentemente Termine mutuato dall etologia

84 Mobbing Si sviluppa idealmente dove c èc una disfunzione organizzativa, sono considerati FATTORI DI FACILITAZIONE: - Il cambiamento organizzativo in peius; - Una cultura organizzativa tollerante - L insicurezza del posto di lavoro; - Una politica del personale aziendale carente; - Stile di gestione inadeguato ecc. (Stress da lavoro e mobbing, De Falco, Messineo, Vescuso EPC 2008)

85 Burn out 1 La sindrome caratterizzata da una costellazione di sintomi quali: somatizzazione, apatia, eccessiva stanchezza, perdita di controllo, esaurimento emotivo, depersonalizzazione, inadeguatezza, sensi di colpa, ansia, depressione e malattie psicosomatiche in generale. Piu semplicemente l operatore l si sente bruciato, fuso, in cortocircuito a seguito di una prolungata esposizione a livelli di stress lavorativo che esauriscono lentamente l operatore. l

86 Burn out 2 In particolare, le donne, rispetto agli uomini, risultano più vulnerabili. Si tratta di un fenomeno complesso che coinvolge direttamente l organizzazione l del lavoro. Infatti, come riportano alcuni autori il burn-out non è solo una patologia individuale, è sempre anche un problema delle organizzazioni di lavoro, in quanto mette a nudo uno squilibrio tra le richieste che vengono poste alle persone che lavorano e le risorse messe loro a disposizione.

87 Coping e salute Studi che si avvalgono dell ADE (resoconti di fine giornata) affermano che gli eventi negativi dell esistenza esistenza hanno un ruolo causale nell accrescere la vulnerabilità alle malattie infettive.

88 Assessment of Daily Experience ADE Anni 80: Stone e Neale: : anziché riferire retrospettivamente fatti accaduti molto tempo prima, nell ADE i soggetti devono registrare le proprie esperienze giornaliere, assegnando ad esse un punteggio; ciò consente ai ricercatori d individuare se i fattori stressanti quotidiani hanno potere predittivo rispetto al successivo sviluppo di patologie.

89 Il corpo Il sistema corpo funziona con i suoi apparati:. Circolatorio. Respiratorio. Digestivo. Muscolo scheletrico. Endocrino. Nervoso

90 Il comportamento di Tipo A 1958 I cardiologi Meyer Friedman e Ray Rosenman identificarono un modello di comportamento chiamato di Tipo A con i tratti della:. Tensione al successo/competitività. Urgenza/impazienza. Ostilità predittivi della cardiopatia ischemica e dell ipertensione

91 Apparato circolatorio Le cause di una Cardiopatia Ischemia Può essere cercata nello stile di vita: fumo cibo, alcolici, poco movimento... Quale è il ruolo svolto dallo stress nella salute?

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Coordinatore: Emanuela Fattorini - Dipartimento Medicina del Lavoro Antonia Ballottin, Adriano Barassi,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia?

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Certamente è una cosa che ci infastidisce, ma a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza,

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro a cura di Cinzia Frascheri Responsabile nazionale salute e sicurezza sul lavoro CISL Membro ufficiale per l'italia al tavolo negoziale, in rappresentanza

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO NORMATIVA: S.P.P. medico competente RLS SORVEGLIANZA SANITARIA TUTELA MATERNITA RISCHIO VDT RISCHIO ALCOL E TOSSICODIPENDENZE RISCHIO STRESS MOBBING Assessorato

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli