Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti"

Transcript

1 Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse) e può essere quindi generlizzto, lscindo inltert l trcci generle dell su soluzione. Perciò l soluzione di lcuni dei problemi esminti è seguit d quell del problem generlizzto. Le prime tre pgine nno crttere introduttivo; i problemi inizino pg... Tr tutti i prllelepipedi rettngoli di ltezz e di superficie totle costnte, qul è quello di volume mssimo? pg. 5. Tr tutti i prllelepipedi rettngoli venti per bse un qudrto e di volume costnte V, qul è quello di superficie totle minim? pg. Fr tutti i prismi retti venti per bse un poligono regolre e di volume costnte V, qul è quello di superficie totle minim? pg.. Fr tutti i prismi esgonli regolri inscritti nell medesim sfer di rggio di misur r, qul è quello di volume mssimo? pg. 7 Fr tutti i prismi retti con bse regolre inscritti nell medesim sfer di rggio di misur r, qul è quello di volume mssimo? pg. 7. E dto un tetredro qulunque VABC ; lo si tgli con un pino prllelo ll bse ABC in modo ce risulti mssimo il tetredro V A B C vente per bse l sezione determint e il vertice V in un punto qulunque dell bse del primo. pg Determinre l pirmide rett con bse qudrt di volume mssimo, vente l superficie totle di misur costnte. pg. 9 Determinre l pirmide regolre di bse tringolre e superficie totle costnte, vente volume mssimo. pg. 0 Fr tutte le pirmidi regolri di superficie totle costnte, determinre quell di volume mssimo. pg. 0. Fr tutte le pirmidi tringolri regolri di superficie lterle l costnte, qul è quell di volume mssimo? pg. Fr tutte le pirmidi bse qudrt, venti superficie lterle costnte l, determinre quell di volume mssimo. pg. Fr tutte le pirmidi regolri di superficie lterle costnte l determinre quell di volume mssimo. pg. 7. Fr tutte le pirmidi regolri bse qudrt di dto volume V, determinre quell l cui re dell superficie lterle è minim. pg. Fr tutte le pirmidi regolri con fcce lterli di dto volume V, determinre quell l cui re dell superficie lterle è minim. pg Fr tutte le pirmidi bse qudrt di volume V costnte, determinre quell di superficie totle minim. pg. Fr tutte le pirmidi regolri con fcce lterli e di volume V costnte, determinre quell di superficie totle minim. pg. 9. Determinre l ltezz del prism di mssimo volume inscritto in un pirmide di bse e ltezz ssegnte. pg Un pirmide bse qudrt di lto e ltezz. A qule distnz dll bse si deve condurre un pino d ess prllelo in modo ce il prism costruito proiettndo l sezione ottenut sul pino dell bse bbi superficie totle mssim? pg. 8 Determinre il prism di mssim superficie totle inscritto in un pirmide con bse regolre di lto e ltezz ssegnte. pg. 9

2 Introduzione I problemi di Geometri olid sono probbilmente i più difficili tr quelli ce si presentno uno studente delle scuole medie superiori. In prte, quest difficoltà è intrinsec questo prticolre settore dell Mtemtic (intuire l soluzione di un problem in tre dimensioni è cirmente più difficile ce in due), in prte deriv dlle lcune stesse dell insegnmento, ce spesso trscur l Geometri olid. Per poter impostre questo tipo di problemi bsterebbero solo poce nozioni, essenzilmente per il clcolo di ree e volumi. Per qunto rigurd prismi e prllelepipedi in prticolre, non vi è difficoltà, dto ce il volume del prism è comunque dto dl prodotto dell bse per l ltezz. Quest regol si estende nce l prism non retto, nel qule gli spigoli lterli non sono perpendicolri i pini delle bsi. i pplic nce l cilindro, ce intuitivmente può essere pensto come un prism vente come bse un poligono regolre con infiniti lti. Per l pirmide, bisogn tener presente ce molti problemi si riferiscono ll pirmide rett, cioè tle ce. il poligono di bse è circoscritto un cercio;. l proiezione del vertice sul poligono di bse coincide col centro del cercio inscritto. L crtteristic dell pirmide rett è ce tutte le fcce lterli nno l stess ltezz, l cui misur è dett potem dell pirmide. Inoltre, per il teorem delle tre perpendicolri, le ltezze delle fcce lterli uniscono il vertice con i punti di conttto tr i lti dell bse e l circonferenz del cercio inscritto nell bse: perciò l ltezz dell pirmide, le ltezze delle fcce lterli e il rggio r b del cercio inscritto nell bse formno tringoli rettngoli congruenti con ngolo retto nel centro del cercio di bse e ipotenus equivlente ll potem dell pirmide. Perciò, per l pirmide rett, vle l relzione r b + e poi l pirmide è nce regolre, cioè se è rett ed è regolre il poligono di bse, le fcce lterli sono tringoli isosceli e il rggio r b del cercio inscritto nel poligono di bse coincide con l potem del poligono bse. Per r b vle l formul generle, riferit un poligono di lti ciscuno dei quli è ugule L [ cot cotngente] L r b cot (scomponimo il poligono di bse in tringoli isosceli e dividimoli con l ltezz in due tringoli rettngoli, venti per cteti metà del lto L e l ltezz ce misur r b. L formul si

3 ottiene pplicndo il teorem dei tringoli rettngoli per il qule il rpporto tr i due cteti è ugule ll cotngente dell ngolo opposto l denomintore, ce misur ppunto ). Per il tringolo equiltero si ottiene r b L ; per il qudrto, rb L. e sostituimo quest ultim nell formul precedente bbimo L cot + L ; per l esgono, rb Un ltr formul interessnte è quell dell re del poligono di bse, in funzione del numero dei lti, dt d ( cot cotngente ) A L cot (inftti l re è l somm delle ree di tringoli isosceli ciscun delle quli è dt d L L cot - vedi fig. precedente). i può nce considerre l espressione A R sin dove R è il rggio del cercio circoscritto l poligono di bse, ce si giustific tenendo presente l formul trigonometric dell re di un tringolo sinγ cso, b R e γ. uperficie lterle dell pirmide rett è l somm delle ree delle fcce lterli, ciscun delle L quli è dt d L, per cui L p dove p è il semiperimetro dell bse. Volume Un pirmide (non necessrimente rett) è sempre equivlente ll terz prte di un prism con l stess bse e l stess ltezz, per cui il volume di un pirmide è sempre dto d V B

4 Proporzioni tr segmenti, superfici, volumi di pirmidi Per tutte le pirmidi vle inoltre il principio seguente. In un pirmide si distinguono segmenti (l ltezz dell pirmide, le ltezze delle fcce lterli, gli spigoli e in generle tutti i segmenti ce possimo definire in relzione ll pirmide), superfici e volumi. e un pirmide VA B C... è ottenut d un ltr VABC... intersecndol con un pino prllelo ll su bse ABC..., le bsi ABC... e A B C sono poligoni simili e sono simili le fcce lterli pprtenenti llo stesso pino; si può dimostrre ce il rpporto tr i corrispondenti segmenti delle due pirmidi è ugule l rpporto tr le rispettive ltezze, ce il rpporto tr superfici corrispondenti è ugule l qudrto del rpporto tr le rispettive ltezze, e ce il rpporto tr i volumi è il cubo del rpporto tr le rispettive ltezze. Per segmenti corrispondenti intendimo i segmenti VA, VA, ecc; le ltezze di fcce pprtenenti llo stesso pino, come VAB e VA B ; i lti delle bsi AB e A B ecc.; per superfici corrispondenti, i poligoni ottenuti intersecndo l pirmide con pini prlleli lle bsi, le fcce lterli ecc. Lo scem generle dei problemi di mssimo/minimo implic l scelt di un incognit e riciede ce ltre grndezze vengno espresse rispetto quest. ormlmente qulce elemento dell figur deve essere costnte (un segmento, l re dell superficie lterle o totle, il volume...) e questo fornisce l relzione ce permette di esprimere le grndezze coinvolte nel problem in funzione dell incognit. ei problemi di Geometri olid, questo elemento costnte specie se si trtt di un superficie, lterle o totle stbilisce tlvolt un equzione tr due vribili inizili ce permette nce di studire i limiti dell vribile scelt come incognit, ltrimenti non fcilmente deducibili d considerzioni geometrice immedite.

5 Problemi. Tr tutti i prllelepipedi rettngoli di ltezz e di superficie totle costnte, qul è quello di volume mssimo? Il problem senso solo se si ssegn un vincolo come l superficie totle costnte, ltrimenti non vi è un solido di volume mssimo, percé l bse può vere un re rbitrrimente grnde. Dto ce l ltezz è, llor l superficie lterle è ( + y ), dove e y sono le dimensioni dell bse. Assumendo come incognit un delle dimensioni dell bse, bbimo i csi limite: limite inferiore 0 (bse null, volume nullo) ; il limite superiore si deduce dll formul seguente ce fornisce l superficie totle in funzione delle dimensioni e y dell bse, qundo y 0. L superficie totle srà y + ( + y ) ricvimo y : y ( + ) per cui il limite superiore dell, in bse l criterio prim esposto, è dto d i può notre come in questo cso i limiti possno essere completmente discussi solo dopo ce un vincolo è stto espresso in funzione delle due vribili inizili del problem, in modo ce si poss risolvere un delle due in funzione dell ltr. L re dell bse è dt d y ed è sufficiente ce si mssim, dto ce il volume, ( + ) in questo problem, è dto dl prodotto y e è costnte. L derivt dell re di bse è dt d ce si nnull per ( + ) ( + ) ± + ; si consider solo l sol. positiv: +, ce è un mssimo essendo il numertore positivo per compreso tr le sue due rdici e il denomintore sempre positivo. In prticolre, l soluzione corrisponde l cubo ( y ) se. Inftti si ottiene + e y. e si vuole ce l soluzione si il cubo di spigolo, si deve quindi imporre nel testo, e svolgendo i clcoli dll inizio si ottiene direttmente l equzione y + ( + y ) d cui ricvimo l y : y con il limite superiore. Quindi l re dell + bse srà A l cui derivt + + ( )( + ) + si nnull se ± + d ( + ) ( + ) cui ccettimo l soluzione positiv. i trov ce nce y. i trtt di un punto di mssimo percé l prbol y - + rivolge l concvità verso il bsso e quindi l rco di ordint positiv è compreso tr le due soluzioni, - e. Perciò l derivt prim è positiv per compreso tr 0 e e si conferm come il punto di mssimo. Quindi le tre dimensioni sono uguli e l soluzione è il cubo di spigolo.. 5

6 . Tr tutti i prllelepipedi rettngoli venti per bse un qudrto e di volume costnte V, qul è quello di superficie totle minim? Dette e y le misure rispettive dello spigolo di bse e dell ltezz, il volume è dto d V y V e quindi y. In line di mssim null viet ce lo spigolo di bse poss essere grnde picere, quindi deve essere 0. L superficie totle srà l somm delle due bsi cioè e delle fcce lterli y, per cui V V ( V ) + l cui derivt - si V nnull se V. Il corrispondente vlore di y è V, quindi l soluzione è V un cubo. Ce si trtti di un minimo è confermto dll intervllo di positività dell derivt prim, dto dll disequzione > V. Per compreso tr 0 e V l derivt è negtiv e ciò conferm ce si trtt di un punto di minimo. Questo problem si può fcilmente generlizzre un prism retto vente per bse un poligono regolre di lti, vente volume V costnte. Fr tutti i prismi retti venti per bse un poligono regolre e di volume costnte V, qul è quello di superficie totle minim? L superficie dell bse è dt dll formul (vedi pg. ) ce l esprime in funzione del numero dei lti e dell misur L di ogni lto: A L cot posto L, bbimo per l superficie totle A + L cot + y essendo y l ltezz del prism, ce ricvimo in funzione di in bse l volume costnte: V A y y V cot V tn V K essendo K un costnte tn ; come nel cso precedente, non vi è lcun limite superiore ll misur del lto di bse. L superficie totle è quindi dt d + VK l cui derivt VK si K K nnull per - V K 0 cioè esplicitndo K e svolgendo i clcoli - per V tn. el cso inizile, per cui, si V V. e, si ottiene i può ottenere il risultto per nce direttmente: B, T tn e quindi V. e, bbimo V V +, V. 9, per cui

7 T V + - V 0 V + V. l cui derivt si nnull se. Fr tutti i prismi esgonli regolri inscritti nell medesim sfer di rggio di misur r, qul è quello di volume mssimo? ezione meridin di un prism esgonle regolre inscritto in un sfer; AB è un dimetro del cercio circoscritto ll bse esgonle, BC e AD sono spigoli lterli opposti, OB r, HB r b, OH Il volume del prism è il prodotto di bse per ltezz; conviene esprimere l superficie di bse in funzione dell ltezz, con 0 r. L re dell esgono inscritto in un cercio di rggio r b è ugule rb sin (in qunto l re di un tringolo isoscele inscritto in un cercio di centro O rggio r b e ngolo con vertice in O ugule è dt d rb sin ) cioè r b. Il rggio del cercio di bse è dto d r b r (vedi figur) e quindi V ( r ) ( r ). L derivt prim è ( r ) e si nnull r r per, per cui l ltezz è ugule. Lo studio del segno dell derivt prim conferm ce si trtt di un punto di mssimo. i può notre ce il problem non cmbi se l bse fosse un qulsisi poligono regolre, come si vede in bse l seguente problem Fr tutti i prismi retti con bse regolre inscritti nell medesim sfer di rggio di misur r, qul è quello di volume mssimo? i può generlizzre il problem sin dll inizio, ssumendo ce l bse del prism si un poligono regolre di lti. L re di un poligono regolre di lti è l somm delle ree di tringoli isosceli di lto equivlente l rggio r b del cercio circoscritto l poligono; in bse ll trigonometri possimo scrivere ce l re di un singolo tringolo isoscele è sin (vedi formul pg. ) essendo l mpiezz dell ngolo opposto l lto di bse. Tenendo presente ce il rggio di bse r b, l ltezz del prism e il rggio r dell sfer d esso circoscritt sono collegti dll relzione (vedi fig. precedente) r b r, per l re A dell bse ottenimo 7 r b

8 A ( r ) sin Il volume del prism quindi è dto d V ( r ) sin ( r ) sin L derivt del volume è il prodotto di un costnte moltiplictiv dipendente dl numero dei lti per un polinomio, ce non contiene il numero dei lti; quindi il punto di mssimo è indipendente dl numero dei lti del poligono di bse del prism, ed è funzione solo dell su ltezz.. E dto un tetredro qulunque VABC ; lo si tgli con un pino prllelo ll bse ABC in modo ce risulti mssimo il tetredro V A B C vente per bse l sezione determint e il vertice V in un punto qulunque dell bse del primo. Il volume del tetredro è dto d V dove in questo cso è l re di A B C e è l distnz tr i pini ABC e A B C. Prendimo come vribile incognit l distnz tr A B C e il vertice V. In bse l principio per cui, se due pirmidi nno stesso vertice e spigoli lterli e le rispettive bsi sono prllele, il rpporto tr le rispettive bsi è ugule l rpporto tr i qudrti delle rispettive ltezze. Indicndo quindi con e l misur dell ltezz e dell bse rispettivmente del tetredro VABCD, e con e quelle di VA B C, con 0, vremo e quindi, essendo l ltezz di V A B C ugule, il volume cercto è V ( ) ( ) e l su derivt (trscurndo l costnte) 0 se, cioè se l distnz tr il pino A B C e il vertice V è i due terzi dell ltezz del tetredro VABCD. (l ltr soluzione, 0, è un cso limite ). L prbol Y l concvità rivolt verso il bsso e quindi Y > 0 se 0 < < ; quindi l soluzione trovt è un punto di mssimo. 8

9 Osservzione importnte. L soluzione trovt per il tetredro vle per qulsisi pirmide, percé bst sull relzione di proporzionlità tr superficie dell bse e qudrto dell ltezz, ce implic l formul risolvente. 5. Determinre l pirmide rett con bse qudrt di volume mssimo, vente l superficie totle di misur costnte. In un pirmide rett le ltezze delle fcce lterli sono tutte uguli ll potem, e l superficie totle è dt dll somm dell re di bse e dell superficie lterle. Posto ugule lo spigolo dell bse, con 0 < (il cso limite superiore corrisponde ll ltezz null dell pirmide, per cui l re dell superficie totle coincide con quell dell bse + quell dell superficie lterle, ce in questo cso tende quell dell bse, dto ce il vertice dell pirmide converge l centro dell bse, per cui l limite ), dobbimo determinre l misur dell ltezz in funzione di e di. A questo scopo, osservimo ce l potem + e, quindi dobbimo esprimere l potem in funzione di e ; per questo, considerimo l superficie totle come (re di bse) + (sup. lterle) e + Il volume è dto d V Per il mssimo trscurimo ed elevimo l qudrto, l derivt è se 0 V ± si prende solo l soluzione positiv, cioè. Il segno dell derivt è positivo se > 0, cioè se < [ tener presente ce > 0]. Quindi si trtt di un punto di mssimo. Prendendo come vribile l ltezz, vremmo dovuto considerre il lto di bse l come second incognit e l espressione dell superficie totle divent l + l l l + ; d quest relzione si ricv l l l + l l + l l l + l l + ( + ) 8 Il volume è dto d l cui derivt si nnull per + ( + ) + l + 0, cioè, ce dllo studio del segno risult un punto di mssimo. 9

10 L potem risult essere l + +. Determinre l pirmide regolre di bse tringolre e superficie totle costnte, vente volume mssimo. L soluzione di questo problem, nel cso in cui l bse è un tringolo equiltero, è evidentemente nlog quell dell bse qudrt. Detto il lto di bse, per i limiti dell vlgono le considerzioni già ottenute prim, per cui 0, in qunto l re dell bse è e, nel cso limite superiore, l superficie totle è il doppio di quell dell bse. eguendo l stess impostzione del problem precedente, per il volume V ottenimo l formul V in qunto l potem del tringolo di bse è. Essendo + si ottiene V ( + ) 9 9 Elevndo l qudrto, e trscurndo l costnte moltiplictiv, si 8 ottiene l derivt 8( ) con l soluzione (divers d 0 ). Fr tutte le pirmidi regolri di superficie totle costnte, determinre quell di volume mssimo. E l generlizzzione l cso di un bse di lti dei due problemi precedenti. Indicndo con L e B rispettivmente l superficie lterle e quell di bse, con l misur del lto di bse, con l potem dell pirmide e con il numero dei lti dell bse, bbimo TOT L + B e quindi, tenendo presente l espressione A L cot vlid per l superficie dell bse regolre di lti, per cui B cot d cui TOT + cot [ + cot ] dll qule ricvimo ottenimo l ltezz cot e quindi V ( cot ) cot. Dll potem e dll misur del lto di bse cot cot cot cot cot l cui derivt, trscurndo l costnte moltiplictiv ed elevndo l qudrto il rdicle, divent 0

11 8( cot ) ce uguglit 0 fornisce per il punto di mssimo Per si ottiene l soluzione già trovt prim,. tn.. Fr tutte le pirmidi tringolri regolri di superficie lterle l costnte, qul è quell di volume mssimo? Lo scem risolutivo del problem si bs sul clcolo del volume V b [ b è l re del poligono di bse, e l ltezz dell pirmide] e sull formul dell superficie lterle, per l qule l p [ è l potem dell pirmide e p l misur del semiperimetro del poligono di bse. i teng presente ce un pirmide regolre è nce rett, per cui le ltezze delle fcce lterli sono tutte uguli ll potem dell pirmide]. Il vlore costnte dell superficie lterle l implic ce l potem poss essere espress in funzione del semiperimetro, secondo l formul p ed essendo l bse un poligono regolre bbimo ce p è l metà del numero dei lti di bse per l loro misur comune, ; nel nostro cso, ottenimo l l Per poter risolvere il problem, dobbimo trovre l ltezz dell pirmide, esprimendol in funzione dell potem dell pirmide e dell potem b del poligono di bse. Questo scem logico si può pplicre in generle tutti i problemi di questo tipo, purcé l pirmide si regolre, prescindere dl numero dei lti di bse e delle fcce lterli. Inftti un pirmide regolre è un pirmide rett, per cui il centro O del cercio inscritto nel poligono di bse coincide con l proiezione ortogonle del vertice V dell pirmide sul pino di bse, e le ltezze delle fcce lterli uniscono il vertice con i punti di tngenz T dei lti di bse. e l pirmide è regolre, nce l bse è un poligono regolre e l potem b del poligono di bse è l misur comune dei segmenti ce uniscono il centro O con i punti T. L ltezz dell pirmide, le ltezze delle fcce lterli tutte uguli ll potem e le distnze tr il centro O dell bse e i lti di bse, tutte uguli ll potem b dell bse, sono lti di tringoli rettngoli congruenti VOT nei quli l potem dell pirmide è l misur dell ipotenus; quindi ottenimo nce l relzione b. l

12 Il problem è risolto se esprimimo b in funzione del lto di bse. el cso di un tringolo equiltero l potem b è un terzo dell ltezz (in qunto le ltezze coincidono con le medine) ed essendo l ltezz del tringolo l ltezz ottenimo l espressione per il lto, ottenimo infine b. Quindi per 9 Restno d nlizzre i limiti sull incognit. Il limite inferiore è evidentemente 0. Il limite superiore si deduce dll relzione l p ed essendo riducibile zero, non vi è nessun limite superiore per il semiperimetro e quindi nemmeno per l misur del lto di bse. Cercimo or l formul del volume in funzione del lto di bse. Alle relzioni trovte prim, dobbimo ggiungere l espressione dell superficie dell bse in funzione del lto, ce nel cso del tringolo equiltero è metà del lto per l ltezz, cioè volume bbimo l. Infine per il l V l l ce è mssimo o minimo se lo è il suo qudrto, cioè trscurndo l costnte moltiplictiv inizile il polinomio l. Derivndo il polinomio si ottiene l , cioè 0 ce è un limite con volume nullo, e l l. 8 i trtt di un punto di mssimo, in qunto l derivt, scritt nell form (l 9 ) e quindi (l + )(l ), è positiv se il fttore l > 0, in qunto sono positivi gli ltri due (deve essere > 0 per i limiti del problem). Quest disequzione è risolt nell intervllo l compreso tr < < punto di mssimo. l + e quindi, essendo positiv per < l +, si trtt di un

13 Fr tutte le pirmidi bse qudrt, venti superficie lterle costnte l, determinre quell di volume mssimo. L impostzione è identic l problem precedente, slvo l misur dell potem, dt dl rpporto tr l e il semiperimetro dell bse, è il lto di bse: pirmide è dt d b dove b bse b l si ottiene V b solito metodo, elevimo l qudrto e clcolimo l derivt; ottenimo l l l. Quindi l ltezz dell, e dt l re dell l. eguendo il 5 l 0 ce, prte l soluzione 0, fornisce l Cercimo or di generlizzre questo problem un pirmide regolre con un numero di fcce lterli Fr tutte le pirmidi regolri di superficie lterle costnte l determinre quell di volume mssimo Questo problem può essere risolto nel cso generle di un pirmide regolre, se si riesce trovre un formul universle per il volume di un pirmide regolre di fcce lterli. Generlizzimo il metodo già pplicto per l bse tringolre e qudrt. Indicndo con il lto del poligono di bse, dobbimo clcolre in funzione di l ltezz dell pirmide, ce è il cteto di un tringolo rettngolo vente come ipotenus e ltro cteto rispettivmente l potem dell pirmide e l potem del poligono di bse, b ( si teng presente ce un pirmide regolre è un pirmide rett, per cui il centro O del cercio inscritto nel poligono di bse coincide con l proiezione ortogonle del vertice dell pirmide sul pino di bse, e l potem dell pirmide unisce il vertice con i punti di tngenz T dei lti di bse. e l pirmide è regolre, nce l bse è un poligono regolre e l potem del poligono di bse è l misur dei segmenti ce uniscono il centro O con i punti T ). Per prim cos ricvimo l potem in funzione del lto di bse. Dll formul L L si ottiene immeditmente. L formul generle per è dsin dove d è il dimetro del cercio ce circoscrive il poligono di bse, e l potem b del poligono di bse è cot (in qunto l ngolo l centro opposto l lto è ). el cso di un tringolo equiltero, si ottiene b. Quindi l ltezz è dt d L cot ( ) L cot ( ) E per l re dell bse bbimo A cot cot, d cui si ottiene V cot L cot ( ) d cui

14 V cot L Per trovre il mssimo, si può clcolre l derivt di cot tn L cot ( L cot ) con l soluzione L L cot (in bse l principio ce il mssimo di un quntità positiv è quello del suo qudrto, trscurndo eventuli costnti moltiplictive). el cso dell bse tringolre, bbimo i può notre ce il rpporto L e L, cioè il lto di bse è doppio dell potem. L L. e l bse è un qudrto, si ottiene L L cot g. 7. Fr tutte le pirmidi regolri bse qudrt di dto volume V, determinre quell l cui re dell superficie lterle è minim. Esprimimo l superficie lterle l in funzione del lto di bse e dell potem. L superficie lterle è l somm delle ree di tringoli isosceli, cioè l somm dei prodotti dell metà dei lti per le ltezze, ce sono tutte uguli ll potem, essendo l pirmide bse qudrt un pirmide rett. i ottiene l, cioè il semiperimetro di bse l potem. Per clcolre, considerimo il volume, ce consente di esprimere l ltezz in funzione del lto di bse. Dll relzione V b con b V, ricvimo e quindi l potem 9V V + V l 7 7 7V derivt del rdicndo è 8 V V ugule V per clcolrne l derivt, elevimo l qudrto. L 7V. Per il corrispondente vlore di, si trov ce si nnull per 8V 9. i può notre ce il rpporto tr il lto di bse e l ltezz corrispondenti l mssimo è +. Ance questo problem mmette generlizzzione l cso di un poligono di bse regolre di lto. V V

15 Fr tutte le pirmidi regolri con fcce lterli di dto volume V, determinre quell l cui re dell superficie lterle è minim. Come prim, ricvimo l ltezz dell pirmide e poi l potem in funzione del lto di bse. In bse ll formul di pg. per l qule A L cot ce con L, bbimo tn V V A V V K dove l cot tn costnte K L. Quindi dll relzione (pg. ) cot + ottenimo cot + moltiplicndo l potem per il semiperimetro di bse 5 tn cot + V ottenimo tn tn L cot V + cot + V ; tn conviene clcolre l derivt del qudrto di L : [ cot 88V ] ce si nnull se 88V 88V tn : cot tn V tn ce, per, conduce V. el cso, si ottiene V. 8. Fr tutte le pirmidi bse qudrt di volume V costnte, determinre quell di superficie totle minim. Assumimo come incognit il lto dell bse, con il limite inferiore 0 - non esiste un limite superiore, in qunto il volume dipende dl prodotto dell bse per l ltezz, e se l re dell bse tende ll infinito per mntenere il volume costnte si f tendere zero l ltezz. Dl volume V b possimo esprimere l ltezz in funzione del volume e dell superficie di bse, ce evidentemente è b V, per cui. L superficie totle è dt dll somm dell bse e dell superficie lterle l, per cui dobbimo trovre un formul per l superficie lterle: dto ce tutte le fcce lterli sono uguli, bbimo l p dove è l potem dell pirmide e p il semiperimetro, ugule. L potem si clcol pplicndo il Teorem di Pitgor l tringolo VOT dove V è il vertice dell pirmide, O l proiezione di V sull bse e T uno qulsisi dei punti di conttto tr lto di bse e circonferenz inscritt nel poligono bse; quindi bbimo ( 9V + ) +

16 9V l + V + e quindi per l superficie totle bbimo V 7V + +, l cui derivt è + ( ) + V V (+ ) + V + V + + V V eprndo il rdicle nel numertore e qudrndo si ottiene + V + V V un punto di minimo in qunto l disequzione > 9 V 9 V è risolt se > 9 V ce è 9 V. Fr tutte le pirmidi regolri con fcce lterli e di volume V costnte, determinre quell di superficie totle minim. L superficie dell bse è dt dll formul generle b cot, nell qule è l misur incognit del lto di bse. L superficie totle è l somm dell superficie di bse e di quell lterle, dt d l dove è l potem. Quest ultim è collegt ll ltezz e ll potem del poligono di bse b dll relzione + b nell qule b cot V V mentre si ricv dl volume e dll superficie di bse: tn b quindi V tn + cot per cui V T cot + tn + cot crivimol come A + B + A A + ; l derivt è A + B B + A A - B A B A [ A - ] 0 se 0 o se B+ A B+ A A - B A 0 ponimo z, si ottiene A z B+ A z B A z B+ A

17 A Bz + A z B + A z A Bz 8 A B z - B B 0 z 8A V tn 8 cot 7V tn tn 9. Determinre l ltezz del prism di mssimo volume inscritto in un pirmide di ltezz e bse ssegnte. Dt un pirmide VABCD (l bse può essere un poligono qulsisi) di ltezz e bse, intersecimol con un pino prllelo l poligono di bse, ottenendo i punti L M O...vertici di un poligono simile quello dell bse. Definimo in questo modo un prism LMO...EFGI vente come bse inferiore l proiezione ortogonle di LMO sul pino dell bse dell pirmide. Un pino ce interseci tutti gli spigoli lterli di un pirmide sepr un tronco di pirmide e un pirmide simile quell dt, nel senso ce i due solidi nno in proporzione gli spigoli corrispondenti, nno in comune gli ngoli diedri e pprtengono llo stesso ngoloide. In prticolre, nelle due pirmidi possimo riconoscere segmenti corrispondenti (ltezze delle due pirmidi, ltezze delle fcce lterli, spigoli, lti dei poligono di bse), superfici corrispondenti (fcce lterli, poligoni di bse) e volumi. i può dimostrre in generle ce il rpporto tr due segmenti corrispondenti è ugule l rpporto tr le rispettive ltezze. Dto ce il rpporto tr le superfici di poligoni simili è ugule l qudrto del rpporto tr lti corrispondenti, si conclude ce il rpporto tr fcce corrispondenti e quello tr i poligoni di bse è ugule l qudrto del rpporto tr le rispettive ltezze. Dette quindi e le ree dei poligoni di bse, rispettivmente dell pirmide mggiore e di quell minore, e e le rispettive ltezze, bbimo l proporzione 7

18 ' '. e indicimo con l ltezz dell pirmide minore VLMO... bbimo quindi, per l re delle bsi del prism inscritto, l formul e quindi il volume del prism è dto d V ( ) ( ) Quest formul non dipende dll form dell pirmide, m solo dll misur dell superficie del poligono di bse. Invece, eventuli problemi sull superficie lterle o totle del prism implicerebbero informzioni sul poligono di bse (lmeno sull misur del perimetro). L espressione ottenut è identic quell del cilindro inscritto in un cono, dto ce in termini intuitivi possimo immginre cilindro e cono come prism e pirmide vente come perimetro dell bse delle circonferenze. Il prism di volume mssimo quindi corrisponde quell dell pirmide in cui è inscritto., per cui l su ltezz è un terzo di 0. Un pirmide bse qudrt di lto e ltezz. A qule distnz dll bse si deve condurre un pino d ess prllelo in modo ce il prism costruito proiettndo l sezione ottenut sul pino dell bse bbi superficie totle mssim? Il principio è ce le ree di EFGH e di ABCD sono proporzionli i qudrti delle rispettive distnze dl vertice. e l incognit è l ltezz del prism, con i limiti 0, dll proporzione generle : b ( ) : dove denot l superficie delle bsi del prism deducimo b ( ) e quindi ( ). L superficie lterle si clcol tenendo conto ce le misure dei segmenti corrispondenti di due pirmidi pprtenenti llo stesso ngoloide sono proporzionli lle rispettive ltezze, per cui il lto y delle bsi del prism è dto d y : ( ) : y ( ) e quindi l superficie lterle l è y ( ). L superficie totle è b + l è quindi 8

19 ( ) + ( ) L cui derivt si nnull per - ( ) ( ) + 0, cioè ( ) ( ) ( ) 0 ( ) + 0 e quindi. Questo risultto esige però un ( ) discussione reltiv si ll posizione del numero rispetto gli estremi 0 e, si ll su ntur come punto di mssimo o di minimo. ( ) e >, l derivt è positiv per > e quindi si trtt di un minimo esterno i limiti in qunto > implic > : il mssimo effettivo in questo cso corrisponde 0, essendo l funzione decrescente in tutto l intervllo 0. ( ) ( ) e > >, l derivt è positiv se < ; inoltre, < 0 e quindi si un mssimo esterno i limiti; il mssimo effettivo è di nuovo in 0, essendo di nuovo decrescente in tutto l intervllo [ 0 ; ]. e, il mssimo si ncor in 0. ( ) e <, l frzione è positiv ed è < e si trtt ncor di un punto di mssimo, m interno ll intervllo [ 0 ; ]. Il metodo risolutivo è lo stesso nce nel cso in cui l pirmide per bse un poligono regolre di lti uguli d, solo ce l formul dell superficie lterle è l ( ), e l superficie dell bse in bse ll solit formul generle per cui vle L cot per un poligono regolre di lti - è b cot ( ). Perciò l superficie totle srà cot ( ) + ( ). 9

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

June 14, 2011. solidi e realtà.notebook. apr 6 17.59. mar 20 12.20. mar 17 18.22. mar 17 18.23

June 14, 2011. solidi e realtà.notebook. apr 6 17.59. mar 20 12.20. mar 17 18.22. mar 17 18.23 solidi e reltà.noteook Un solido è un prte di spzio delimitt d un superficie cius. SOLII E RELT' (immgini per l mtemtic) I solidi delimitti d poligoni vengono cimti poliedri I solidi ce nno superfici curve

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1 Prolemi e rppresentzione di prolemi di geometri dello spzio - ludio ered ferio 00 pg. onvenzioni di disegno e di rppresentzione Nel corso dell trttzione si dotternno le seguenti convenzioni simoliche:

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Teoremi di geometria piana

Teoremi di geometria piana l congruenz teoremi sugli ngoli γ teorem sugli ngoli complementri Se due ngoli sono complementri di uno stesso ngolo α β In generle: Se due ngoli sono complementri di due ngoli congruenti α γ β teorem

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO. Coordinatrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO

MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO. Coordinatrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO LICEO SCIENTICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA.s.04-5 MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO Coordintrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio Unità LA GEOMETRIA Lungezz dell circonferenz e re del cercio Misur dell circonferenz Il rpporto fr l misur c di un circonferenz e l misur d del suo dimetro è costnte ed è ugule π (si legge pi greco) L

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Cinematica Moti unidimensionali Moti nel piano 1. Moti unidimensionali

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Cinematica Moti unidimensionali Moti nel piano 1. Moti unidimensionali Problemi di Fisic Moti unidimensionli Moti nel pino. Moti unidimensionli Problem N. Rppresentre grficmente le seguenti leggi del moto rettilineo uniforme e commentrle: ) S 0 -t ) S 5t 3) S -0 + 3t 4) S

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ).

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ). Mettiti ll prov METTITI ALLA PROVA Limiti e continuità b - + c e, c Si dt l funzione f ( ) se $ 0! = * sin, con b,! R, c! R + se 0 Ricv i vlori di, b e c in modo tle che: f() si continu in = 0 ; lim f

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Esercizi sulle curve in forma parametrica

Esercizi sulle curve in forma parametrica Esercizi sulle curve in form prmetric Esercizio. L Elic Cilindric. Dt l curv di equzioni prmetriche: xt cos t yt sin t t 0 T ] > 0 b IR zt bt trovre: versore tngente normle binormle vettore curvtur rggio

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Teoria di Jourawski. 1. Sezione ad T. Lê2 L Lê2. à Soluzione

Teoria di Jourawski. 1. Sezione ad T. Lê2 L Lê2. à Soluzione eori di Jourwski ü [A.. 0-03 : ultim revisione 4 gennio 03] Si pplic l teori di Jourwski l fine di clcolre l distribuzione di tensioni tngenzili su lcune sezioni soggette sforzo di tglio.. Sezione d ê

Dettagli

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo?

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo? GB00001 Il perimetro di un rombo è triplo di quello di un ) 24 cm. b) 21 cm. c) 26,5 cm. d) 20,25 cm. d tringolo equiltero di lto 9 cm. Qunto misur il lto del rombo? GB00002 Due segmenti AB e CD sono tli

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3 MINIERO DELL'IRUZIONE,DELL'UNIERIÀ E DELLA RICERCA CUOLE IALIANE ALL EERO EAMI DI AO DI LICEO CIENIFICO essioe Ordiri s 00/005 ECONDA PROA CRIA em di Mtemtic Il cdidto risolv uo dei due problemi e quesiti

Dettagli

Il calcolo integrale: intro

Il calcolo integrale: intro Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Triangoli rettangoli

Triangoli rettangoli Tringoli rettngoli Teori in sintesi Teoremi sui tringoli rettngoli Teorem In un tringolo rettngolo l misur di un cteto è ugule quell dellipotenus moltiplict per il coseno dellngolo cuto esso dicente o

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione.

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione. Le trsformzioni geometriche ITL 7 TERI Letture llo specchio! Ingegni, ossesso, nilin: tre esempi di plindromi, ovvero di prole che si possono leggere si d sinistr verso destr, si d destr verso sinistr.

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1 Antonell Greco, Rosngel Mpelli E-Mtemtic E-Book di Mtemtic per il triennio Volume COPIA SAGGIO Cmpione grtuito fuori commercio d esclusivo uso dei docenti Grmond 009 Tutti i diritti riservti Vi Tevere,

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

Le successioni di Fibonacci

Le successioni di Fibonacci Orzio Muscto Diprtimento di Mtemtic e Informtic Università degli studi di Ctni Le successioni di Fiboncci Complementi l corso di Istituzioni di Mtemtiche, Corso di Lure Specilistic quinquennle in Architettur,

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

CLASSI PRIME 2013/14

CLASSI PRIME 2013/14 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. GRASSI CLASSI PRIME 2013/14 INDICAZIONI DI LAVORO PER LA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO IN FISICA Liceo scientifico e liceo delle scienze pplicte In relzione lle esigenze del secondo

Dettagli

Classe V E. Geometria

Classe V E. Geometria Postulti di Euclide: Primi postulti: Clsse V E Geometri Lo spzio contiene infiniti punti, infinite rette e infiniti pini, un pino contiene infiniti punti e infinite rette, un rett contiente infiniti punti.

Dettagli

Le equazioni di grado superiore al secondo

Le equazioni di grado superiore al secondo Le equzioni di grdo superiore l secondo ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 R. Folgieri 007-008 1 Teorem fondmentle dell lger Ogni equzione lgeric di grdo n h sempre n soluzioni, che possono essere

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Rendite (2) (con rendite perpetue)

Rendite (2) (con rendite perpetue) Rendite (2) (con rendite perpetue) Esercizio n. Un ziend industrile viene vlutt ttulizzndo i redditi futuri dell gestione l tsso del 9% con inflzione null. I redditi prospettici vengono stimnti nell misur

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune Anno Numeri reli: proprietà e ppliczioni di uso comune Introduzione L insieme dei numeri rzionli è composto d numeri che si ottengono dl rpporto tr due numeri interi. Tle rpporto, o frzione, è sempre ssociile

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

ELEMENTI DI STABILITA

ELEMENTI DI STABILITA tbilità Per stbilità di un nve si intende, in generle, l fcoltà di conservre l su posizione di equilibrio, cioè l su ttitudine resistere lle forze che tendono inclinrl e l cpcità di rddrizzrsi spontnemente

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ;

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ; CAPITOLO ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI Teori in sintesi Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z. + Sono definite:

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale Regime di sconto commercile Formule d usre : S = sconto ; K = somm d scontre ; s = tsso di sconto unitrio V = vlore ttule ; I = interesse ; C = cpitle s t = st i t st = st S t Kst V K st () () ; () ( )

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE Dt un ppliczione f: V W con V e W spzi vettorili si dice che f è un ppliczione linere o omomorfismo f(v + v 2 ) = f(v ) + f(v 2 ) v, v 2 V f(αv) = α f(v) v V e

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

CALCOLO LETTERALE. Prof. Katia Comandi Dispensa per la classe III ITI Informatico. a.s 2006/2007

CALCOLO LETTERALE. Prof. Katia Comandi Dispensa per la classe III ITI Informatico. a.s 2006/2007 CLCOLO LETTERLE Prof. Kti Comndi Dispens per l clsse III ITI Informtico.s 00/007 Indice Il Clcolo letterle Introduzione pg. Scopo del Clcolo letterle pg. Monomi pg. Polinomi pg.. Prodotti notevoli pg.

Dettagli