LA BRECCIA DI SLIVIA: UNA TESTIMONIANZA DI EVENTI PALEOTETTONICI CAMPANIANO-MAASTRICHTIANI NEL CARSO TRIESTINO. Sandro Venturini e Maurizio Tentor

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BRECCIA DI SLIVIA: UNA TESTIMONIANZA DI EVENTI PALEOTETTONICI CAMPANIANO-MAASTRICHTIANI NEL CARSO TRIESTINO. Sandro Venturini e Maurizio Tentor"

Transcript

1 0

2 Natura Nascosta Numero 41 Anno 2010 pp Figure 11 LA BRECCIA DI SLIVIA: UNA TESTIMONIANZA DI EVENTI PALEOTETTONICI CAMPANIANO-MAASTRICHTIANI NEL CARSO TRIESTINO Sandro Venturini e Maurizio Tentor Riassunto - La Breccia di Slivia, affiorante circa 2 km a nord di Aurisina (Trieste), rappresenta la registrazione stratigrafica di un importante fase tettonica verificatasi nell area del Carso triestino durante il Campaniano superiore-maastrichtiano. In tale periodo si è originata una depressione strutturale nei calcari di piattaforma di età santoniano-coniaciana, riempita da imponenti corpi di breccia derivati da smantellamenti e frane dei calcari incassanti. Questi depositi sono coevi alle facies schizoaline liburniche affioranti, con discreti spessori, nel Carso triestino meridionale e nel Carso goriziano settentrionale, mentre lungo la vicina fascia costiera il Liburnico è molto ridotto od assente e comunque generalmente limitato a termini basali del Paleocene. Infine, la depressione tettonica contenente la breccia è verosimilmente associata ad un significativo lineamento strutturale che sblocca e ripete la successione di piattaforma coniacianosantoniana tra Slivia e S. Pelagio (a NE) ed Aurisina (a SW). Parole chiave Campaniano, Maastrichtiano, paleotettonica, Breccia di Slivia, Carso triestino. Introduzione La prima segnalazione della Breccia di Slivia è contenuta in D AMBROSI (1953); l Autore descrive un grosso corpo di breccia visibile in una cava di marmo calcareo a SSE di Slivia, addossata al pendio meridionale di una collina (m 167) sulla cui vetta (m 199) si possono ancora rilevare i resti di un antico castelliere. Secondo D Ambrosi, che ha potuto osservare gli affioramenti all inizio dell attività estrattiva, questa breccia ha...irregolare stratificazione...erosa e tagliata in più punti a picco verso S e SE, essa forma anche da questa parte un aspra parete irregolare, alta circa una ventina di metri, la quale si affaccia per un buon tratto sul margine di un altra più vasta dolina. Questa singolare formazione...si presenta planimetricamente, grosso modo, quale un triangolo...i suoi lati O e SSE sono lunghi rispettivamente 150 e 300 m circa. Il contatto della breccia con i sottostanti calcari di piattaforma non risultava chiaro, ma l Autore indicava la presenza, lungo il lato sud-orientale, di calcari neri bituminosi, coperti da calcare a Miliolidi del Luteziano inferiore che evidentemente viene a costituire, almeno in parte, il letto della breccia. Poichè i sottostanti calcari grigi a Rudiste rappresentano il medio Turoniano, la trasgressione cretaceo-eocenica appare evidentissima. Per quanto riguarda i clasti della breccia, D Ambrosi segnala alcuni fossili eocenici: oltre a Miliolidae, una dubbia Lepidocyclina ed un Orthophragmina. Risulta invece 1

3 assente il calcare ad Alveoline che pure affiora su larghe superfici lungo i margini dell altopiano triestino. Successivamente a D AMBROSI (1953), in letteratura alla Breccia di Slivia sono dedicati solo pochi cenni geologici, inerenti sostanzialmente le caratteristiche tecniche di questo calcare ornamentale. Dopo oltre mezzo secolo, ci è parso di un certo interesse, nel quadro della geologia del Carso, riesaminare la Breccia di Slivia nei suoi aspetti stratigrafici e nel suo significato paleotettonico. Inquadramento geologico La successione carbonatica del Carso triestino comprende termini che vanno dall Aptiano all Eocene inferiore. CUCCHI et al. (1987) hanno riferito l intero complesso all unità informale Calcare del Carso Triestino. In particolare la successione affiorante tra Slivia ed Aurisina è stata attribuita al membro di Borgo Grotta Gigante (Turoniano-Maastrichtiano); lo spessore era stimato in circa un chilometro nell area di S. Pelagio, comprendente le cave di Slivia (Fig. 1). Si tratta principalmente di calcari grigi, talora con abbondanti frammenti di rudiste. In VENTURINI e TUNIS (2002) e nella fase di mappatura della nuova cartografia CARG (in corso), i calcari del Cenomaniano sommitale-turoniano-coniaciano- Santoniano-Campaniano basale del Carso Triestino sono stati ricondotti ai classici Calcari di Aurisina, di STACHE (1920) e di D AMBROSI (1960). Nella parte superiore di questa unità, BIGNOT (1972) segnala la presenza di Keramosphaerina tergestina, riferibile al passaggio Santoniano-Campaniano o alla base del Campaniano; per inciso, tale forma ha la località-tipo proprio in questa zona, presso Bivio d Aurisina (STACHE, 1889). La successione prosegue verso mare con facies liburniche paleoceniche, cui si sovrappongono i Calcari a Miliolidi, i Calcari ad Alveoline e Nummuliti ed infine il Flysch eocenico. Lungo la costiera triestina i depositi maastrichtiani sono sostanzialmente assenti (BIGNOT, 1972). Presso Duino, CILIBERTO et al. (1982) descrivono, al di sopra dell orizzonte a K. tergestina, un corpo di breccia di circa 2 m ( Breccia bianco-rosea ), cui seguono circa 20 m di calcari a frammenti di rudiste, con nella parte media un livello pisolitico-oncolitico e coperti a loro volta da calcari neri fossiliferi liburnici, del Paleocene. Dati stratigrafici della successione di Slivia Calcari di piattaforma Nella zona delle cave di Slivia, i Calcari di Aurisina (o Calcari a Rudiste ) sono generalmente rappresentati da calcari di colore grigio, più precisamente da wackestone e packstone fossiliferi ed intraclastici, talora passanti a floatstone e rudstone a frammenti di rudiste. La stratificazione è malvisibile, ma localmente si osservano strati da decimetrici a metrici; l immersione degli strati è prevalentemente a SW, verso la costa, con pendenze di circa gradi. I calcari immediatamente sottostanti la breccia ad est della cava 3 (LIB 11A-B; Fig. 1) sono dei packstone-grainstone-floatstone fossiliferi a rudiste, Dicyclina, Cuneolina, Rotorbinella e Miliolidae. Verso NE, i calcari (per esempio, LIB 19 e 2

4 Fig. 1 Carta indice e punti di campionatura. La linea tratteggiata include l area di distribuzione della Breccia di Slivia. La linea puntinata indica alcuni piccoli lembi di breccia affioranti tra i calcari senoniani. 20) si presentano in strati di colore grigio, con rare intercalazioni di colore nerastro. Le associazioni faunistiche nelle facies grigie sono rappresentate da packstone, talora grainstone-rudstone, a frammenti di rudiste, Thaumatoporella, Minouxia, Cuneolina, Scandonea, Miliolidae e Ataxophragmiidae. Le facies più scure sono dei wackestone-packstone a grana fine, con ostracodi e rari lamellibranchi a guscio sottile. Poco ad est, continuano gli strati di colore grigio (per esempio, LIB 14: wackestone fossilifero, con Cuneolina, Aeolisaccus, Thaumatoporella, etc.), talora con frammenti di rudiste (LIB 7 e LIB 9: floatstone a rudiste); si notano però sporadici lembi di breccia che affiora in più punti a contatto coi calcari (per esempio, LIB 8). Poco a SE degli affioramenti più orientali di breccia (LIB17-18), sono stati campionati mudstone-wackestone-packstone, fossiliferi, pelletiferi, peloidali, con Miliolidae, Thaumatoporella, Aeolisaccus, Pseudocyclammina, Ophtalmidiidae e ostracodi (LIB ), ed inoltre packstone fossiliferi con frammenti di rudiste, Cuneolina, Dicyclina, Miliolidae e rari radioli di echinidi (LIBX1-X2). 3

5 Fig. 2 Dettaglio del fronte della cava 3. Ad ovest e a sud delle cave 1 e 2 affiorano mudstone, wackestone, packstone, più o meno fossiliferi, con Miliolidae, Ophtalmidiidae, Nubecolaridae, Pseudocyclammina sphaeroidea, Montcharmontia, Thaumatoporella, ostracodi, frammenti di lamellibranchi a guscio sottile, Discorbidae, Rotorbinella e talora con strutture di disseccamento, rizoliti e Microcodium (BNS3, BDS2, BDS3A-3B-C, NAP3A-B, NAP5, etc.). Analoghe facies sono state riscontrate nella cavità Reg Sono da segnalare anche grainstone fossiliferi (per esempio NAP8), con oncoliti, frammenti di rudiste, piccoli gasteropodi, Cuneolina, Pseudocyclammina sphaeroidea e Thaumatoporella. Infine, a sud della cava 3, sul fianco nord della dolina 98.9, sono presenti wackestone-packstone fossiliferi ed intraclastici, con frammenti di rudiste, Cuneolina, Miliolidae, Montcharmontia, Scandonea samnitica, Murgella lata, Dicyclina, rari radioli di echinidi e probabili Cladocoropsis (per esempio, NAP6A- 6B-7). Facendo riferimento alle successioni esaminate nel Carso isontino (TENTOR et al., 1994), i campioni esaminati sono riferibili in senso lato all intervallo coniaciano-santoniano dei Calcari di Aurisina, in particolare per la presenza di Murgella lata, Scandonea samnitica, Dicyclina, Rotorbinella, Pseudocyclammina sphaeroidea, oltre a Montcharmontia. Alcuni confronti di dettaglio sono apparentemente possibili, ma esulano dallo scopo del presente lavoro e comunque 4

6 Fig. 3 Olistolite (calcare di piattaforma interna) nella breccia. richiederebbero ulteriori e più fitte analisi. Infine, non sono state riscontrate faune di età eocenica, precedentemente indicate da D AMBROSI (1953). Breccia di Slivia La Breccia di Slivia è ben osservabile lungo i piani di taglio delle tre cave della cosiddetta Breccia Napoleon (Fig. 2). Piccoli affioramenti di breccia si rinvengono anche all esterno delle cave stesse; la breccia si estende in particolare verso NE, forse con andamento lenticolare, anche poco oltre il bordo nordorientale del bacinetto, mentre si chiude rapidamente verso ovest e verso sud (Fig. 1). I clasti sono di dimensioni da decimetriche a centimetriche, con olistoliti che raggiungono talora dimensioni metriche (Fig. 3). Nei campioni LIB 17 e N2, provenienti dalla zona orientale degli affioramenti, si osserva una brecciola fango-sostenuta, a matrice scura, con passate di clasti biancastri e di clasti nerastri di pochi millimetri di diametro (Fig. 4). La breccia ha solitamente scarsa matrice; nella cava 3 si notano zone con clasti fango-sostenuti (Fig. 5). La matrice è costituita da micrite, talora ricristallizzata, inglobante clasti millimetrici. I clasti sono rappresentati da: -wackestone-packstone-floaststone a rudiste, Cuneolina, Thaumatoporella, Dictyopsella e Rotorbinella scarsellai. 5

7 -wackestone-packstone a Montcharmontia, Ataxophragmiidae e Miliolidae. -packstone fossiliferi ad Accordiella conica e Miliolidae. -wackestone ad Aeolisaccus. -packstone-grainstone fossiliferi a Keramosphaerina tergestina (Fig. 6), Scandonea mediterranea e Murgella lata. -grainstone a Calveziconus (Fig. 7). -grainstone-packstone fossiliferi a Murciella. -wackestone a Discorbidae e resti di caracee. -mudstone-wackestone alterati con Microcodium. -rari frammenti rossastri di litotipi non carbonatici (laterite o bauxite), più spesso presenti come inclusioni in calcari a rudiste. Nelle breccioline con clasti biancastri, sono da segnalare frammenti di rudiste. Fig. 4 - Brecciola con passate a clasti biancastri e nerastri. Le facies e le età di buona parte dei clasti corrispondono ai circostanti affioramenti di calcari coniaciano-santoniani. Sono presenti inoltre clasti con Keramosphaerina (Campaniano basale), clasti con Calveziconus (Campaniano inferiore), clasti con Murciella (Campaniano superiore), clasti con caracee e con Microcodium (facies liburniche del Campaniano sommitale-maastrichtiano). Non è stata riscontrata la presenza di Rhapydionina liburnica, nè di faune o flore terziarie; sono assenti anche eventuali frammenti arenacei riferibili al flysch eocenico. I clasti a K. tergestina sono ben riconoscibili sulle superfici di taglio della cava 3, oltre che nella Breccia Napoleon di alcuni edifici di Gorizia. Infine, un contatto irregolare tra la breccia ed i sottostanti calcari a rudiste, associato a piccoli disturbi strutturali e giaciturali, è osservabile sul lato orientale della cava 3 (Fig. 8). 6

8 Fig. 5 Brecciola con abbondante matrice calcarenitica. In alto a destra, clasto con oogoni di caracee. Considerazioni paleoambientali e paleotettoniche Confronti con le aree circostanti I calcari circostanti (e, per quanto visibile, sottostanti) la Breccia di Slivia, di età coniaciano-santoniana, sono riferibili ad un contesto di piattaforma carbonatica relativamente protetta, ma con episodi ad alta energia. I clasti della breccia derivano in parte da questi calcari. Una parte significativa dei litotipi della breccia proviene da depositi relativamente più recenti, del Campaniano-Maastrichtiano, e sono pertinenti sia a facies di piattaforma aperta (livelli a Keramosphaerina e a Calveziconus), di piattaforma protetta (livelli a Murciella) ed inoltre a facies eurialine del Liburnico (livelli a caracee). Microcodium, rizoliti e lateriti/bauxiti testimoniano, infine, fasi di emersione. L erosione dei clasti e la deposizione della breccia sono la verosimile conseguenza di movimenti tettonici avvenuti durante il Maastrichtiano, probabilmente inferiore (vista l assenza di R. liburnica). Le notevoli dimensioni di alcuni clasti suggeriscono il distacco di frane dai bordi morfostrutturali di un piccolo bacino, in cui la breccia si è accumulata in più fasi, con apporti a 7

9 Fig. 6 Keramosphaerina tergestina, con Scandonea in cavità (di bioerosione?) granulometria variabile, talora anche minuta. La matrice è spesso di colore scuro, suggerendo una scarsa circolazione al fondo del bacino, ma con tutta probabilità anche ai bordi dello stesso. Gli affioramenti lenticolari, sopra i calcari santoniani, nella zona a NE del bacino, sono forse associati a nicchie di distacco, mentre sugli altri lati il limite tra le facies di piattaforma e le facies brecciate risulta più brusco e netto. L orizzonte a K. tergestina attualmente affiora nella fascia tra la zona industriale di Aurisina e la strada statale costiera (Fig. 9), dove supera i 30 metri di spessore, mentre risultano assenti nella zona i depositi a Calveziconus (rilevati invece nel Carso sloveno settentrionale; JURKOVŠEK et al., 1996) e le facies a Murciella. Quest ultima forma è stata rinvenuta sotto le laminiti con dinosauri del Villaggio del Pescatore (PALCI, 2003; DALLA VECCHIA, 2008) e nel Carso 8

10 Fig. 7 Calveziconus sp. presenti nei campioni LIB 8 e LIB 17. goriziano settentrionale (VENTURINI et al., 2008). Lungo la strada statale, nella zona di Marina di Aurisina, una campionatura speditiva ha evidenziato una notevole estensione dei depositi a Keramosphaerina; tra queste facies ed i calcari ad Alveoline sono stati riscontrati dei calcari micritici scuri a prima vista riferibili al Liburnico (studi in corso). Facies liburniche, ma di età paleocenica, affiorano presso Duino (CILIBERTO et al., 1982; TENTOR, 2009). Gli orizzonti suindicati erano presenti ai lati del bacino, al tetto dei Calcari di Aurisina, ma attualmente risultano smantellati. Il rigetto stratigrafico tra l orizzonte a K. tergestina della zona industriale di Aurisina ed il bacinetto della breccia, considerando le giaciture rilevate, supererebbe i 600 metri. In assenza di disturbi tettonici, questo rigetto dovrebbe approssimare la profondità del bacino, precedentemente alle erosioni ed ai basculamenti terziari. Questo valore sembra davvero eccessivo per un piccolo bacino intra-piattaforma; è quindi molto probabile che i Calcari di Aurisina tra Slivia ed Aurisina siano interessati da una o più faglie dirette, immergenti prevalentemente a NE, che sbloccano e ripetono la successione. E altrettanto probabile che si tratti almeno in parte di paleofaglie di età maastrichtiana, verosimilmente più volte riattivate, che hanno smembrato la precedente piattaforma cretacica, dando origine alle facies liburniche, e successivamente al collasso della piattaforma stessa, determinando l avvento del flysch eocenico. Attenti rilevamenti e campionature, con riconoscimento di orizzonti guida all interno dei depositi coniaciano-santoniani potranno in futuro verificare questa ipotesi. Ciò consentirebbe anche di controllare l apparente enorme 9

11 spessore dei Calcari di Aurisina nella zona di Slivia, soprattutto se posto a confronto con i coevi depositi del Carso goriziano (TENTOR et al., 1994). Fig. 8 Contatto Calcari di Aurisina Breccia di Slivia presso il lato orientale della cava 3 (vista da ovest). La successione esaminata si discosta apprezzabilmente come spessori e come facies dalle classiche serie liburniche campaniano-maastrichtiane del M. Cebulovica (COUSIN, 1981) e Divača-Kozina (Slovenia sudoccidentale; JURKOVŠEK et al., 1996), nonchè di Padriciano (Trieste; A. Tarlao, dati inediti), molto più potenti, superiori a 100 metri, e caratterizzate dall'alternanza di facies dulcicolo/salmastre e marine. Queste alternanze ambientali, interrotte da fasi di emersione, caratterizzano anche la serie di Cotici (Carso goriziano settentrionale; VENTURINI et al., 2008), sia pur con spessori relativamente ridotti. Ciò evidenzia che, durante il Campaniano-Maastrichtiano, i tassi di subsidenza erano molto più elevati nel Carso sloveno e nell area di Padriciano, rispetto al Carso isontino ma 10

12 soprattutto all attuale fascia costiera. Queste sensibili variazioni di spessore e il relativo isolamento dal mare aperto dei depositi liburnici (salvo gli episodi a rudiste e a foraminiferi a struttura interna complessa), indicano l esistenza di un consistente controllo paleotettonico, sintomo del contemporaneo collasso del margine nordorientale della Piattaforma Friulana. Conclusioni La Breccia di Slivia è composta da clasti di piattaforma carbonatica di età coniaciano-santoniana e campaniana, oltre che da facies liburniche del Campaniano superiore-maastrichtiano inferiore, risedimentati in un piccolo bacino intrapiattaforma. Viste le notevoli dimensioni di molti clasti, la distribuzione areale e le variazioni di spessore, sembra che la breccia, durante il Maastrichtiano, sia stata originata e controllata da movimenti tettonici associati a faglie distensive, con formazione di un bacinetto di tipo pull apart s.l., simile ma più esteso di quello del Villaggio del Pescatore, poco a nord di Duino (TARLAO et al., 1993). L evento tettonico all origine della Breccia di Slivia risulterebbe inoltre sostanzialmente coevo alla formazione delle brecce e laminiti nere dello stesso Villaggio del Pescatore (DALLA VECCHIA, 2008). Le faglie distensive, in particolare quelle ad andamento NO-SE, potrebbero essere state riattivate in tempi successivi. Ciò giustificherebbe, oltre che la sopravvivenza di lembi della Breccia di Slivia, anche il notevole rigetto tra la breccia e le coeve facies della fascia costiera, di gran lunga superiore allo spessore delle facies carbonatoclastiche ed alla presunta profondità del piccolo bacino. Questi litosomi testimoniano una o più fasi tettoniche di età maastrichtiana, che hanno svolto un ruolo molto importante nel controllo dell'evoluzione sedimentaria della Piattaforma Adriatica, sicuramente fino alla regione istriana, dove sono assenti calcari di età campaniano-maastrichtiana a causa dell'emersione della piattaforma stessa (VELIĆ et al., 2003). Questi eventi sono stati registrati anche in Dalmazia, ad esempio nell isola di Brač. In quest isola, facies molto simili alla Breccia di Slivia, con età e meccanismi deposizionali analoghi, sono ugualmente interessate da attività di estrazione di marmi (Oklad Breccia; PRTOLJAN & GLOVACKI JERNEI, 1994). In particolare, la Breccia di Oklad poggia su calcari santoniano-campaniani (Fig. 10), mentre i clasti sono pertinenti sia al Santoniano-Campaniano sia al Liburnico cretacico (Formazione di Sumartin); non sono descritti clasti di età paleogenica. I meccanismi deposizionali sono stati ascritti a rock falls, soprattutto per la presenza di olistoliti talora di 1-1,5 metri di diametro (Fig. 11). Più in generale, le fasi tettoniche e le conseguenti emersioni post-santoniane hanno ampiamente e intensamente interessato le piattaforme periadriatiche, limitando sensibilmente la distribuzione e gli spessori dei depositi campanianomaastrichtiani; in vaste aree le piattaforme mesozoiche si estinguono nel Campaniano (si veda, ad esempio, MORO & JELASKA, 1994). 11

13 Fig. 9 In alto: schema geologico dell area di Aurisina e Slivia. Il motivo a scacchi rappresenta la Breccia di Slivia. In tratteggio sono indicati alcuni presunti lineamenti strutturali. I quadratini neri indicano la fascia di affioramento dell orizzonte a Keramosphaerina tergestina. In basso: sezione geologica semplificata lungo la traccia A-B dello schema geologico. L assetto giaciturale è rappresentato dai tratti puntinati. Sotto la Breccia di Slivia viene ipotizzata la presenza dell orizzonte a K. tergestina. 12

14 Fig. 10 In alto: schema geologico dell area di affioramento della Breccia di Oklad (zona SE dell isola di Brač; Croazia) ) F.ni Dol e Pučišća (Santoniano-Campaniano p.p.); 4) F.ne Sumartin (Campaniano p.p. - Maastrichtiano); 5) Breccia di Oklad (Maastrichtiano p.p.); 6) Calcari ad Alveoline e Nummuliti (Paleocene p.p.-eocene p.p.); 7-8-9) Faglie, anticlinali e limiti formazionali. In basso: Schema stratigrafico dell area. Da Prtoljan & Glovacki Jernei (1994), modificata ed integrata. 13

15 Fig Breccia di Oklad; al centro, grosso clasto con numerose strutture di disseccamento. Ringraziamenti Un grazie di cuore va alla Prof. Camilla Pirini che, trent anni fa, durante le escursioni del corso di Micropaleontologia, ha portato all'attenzione di uno degli autori (Sandro Venturini) alcuni problemi geologici del Carso triestino, tra cui la Breccia di Slivia. Si ringrazia il Signor Paolo Sossi per la cortese disponibilità durante il primo sopralluogo, Fabio Marco dalla Vecchia e Giorgio Tunis per la lettura critica del testo. Bibliografia BIGNOT G. (1972) Recherches stratigraphiques sur les calcaires du Cretacè superieur et de l Eocene d Istrie et des regions voisines. Essai des revision du Liburnien. Travaux Lab. Micropaleontologie, Universitè Paris VI, n.2, pp , Parigi. CILIBERTO B.M., PIRINI RADRIZZANI C. e PUGLIESE N. (1982) La piattaforma carbonatica al passaggio Cretacico-Terziario nell area di Duino (Carso Triestino). Geologica Romana, v. 21, pp , Roma. COUSIN M. (1981) Les rapports Alpes-Dinarides: les confins de l Italie et de la Yougoslavie. Soc. Geol. Du Nord, v. 5, pp , Villeneuve d'ascq. CUCCHI F., PIRINI RADRIZZANI C. E PUGLIESE N. (1987) THE CARBONATE STRATIGRAPHIC SEQUENCE OF THE KARST OF TRIESTE (ITALY). MEM. SOC. GEOL. IT., V. 40, PP , ROMA. DALLA VECCHIA F.M. (2008) I dinosauri del Villaggio del Pescatore (Trieste): qualche aggiornamento. Atti Mus. Civ. Stor. Nat. Trieste, suppl. v. 53, pp D AMBROSI C. (1953) Segnalazione di una breccia terziaria isolata in pieno affioramento turoniano presso Slivia (Carso triestino). Boll. Soc. Adriatica Sc. Nat., v. 47, 4, pp , 14

16 Trieste. D AMBROSI C. (1960) Sviluppo e caratteristiche geologiche della serie stratigrafica del Carso di Trieste. Boll. Soc. Adriatica Sc. Nat., v. 51, pp , Trieste. JURKOVSEK B., TOMAN M., OGORELEC B., ŠRIBAR L, DROBNE K., POLJAK M., ŠRIBAR LJ. (1996) Formacijska geoloska karta juznega dela Trzasko-Komenski planote 1: Publ. Ist. Geol. Geotec. Geof. Ljubljana, pp , Lubiana. MORO A. & JELASKA V. (1994) Upper Cretaceous peritidal deposits of Olib and Ist Islands (Adriatic Sea, Croatia). Geol. Croat., v. 47/1, pp , Zagabria. PALCI A. (2003) Ricostruzione paleoambientale del sito fossilifero senoniano del Villaggio del Pescatore (Trieste). Tesi di Laurea inedita, Università di Trieste, pp PRTOLJAN B. & GLOVACKI JERNEI Z. (1994) On the origin of the Oklad Breccia on the Island of Brač (Southern Croatia). Geol. Croat., v. 47/1, pp , Zagabria. STACHE G. (1889) Die Liburnische Stufe und deren Grenz-Horizonte. Abh. K.K. Geol. Reich., v. 13, pp , Vienna. STACHE G. (1920) Görz und Gradisca Geol. Spezial Karte der in Reichsrate vertreten Königreiche und Länder Österrechisch-Ungarischen Monarchie. Geol. Bund., Vienna. TARLAO A., TENTOR M., TUNIS G. e VENTURINI S. (1993) Evidenze di una fase tettonica nel Senoniano inferiore dell area del Villaggio del Pescatore (Trieste). Gortania, v. 15, pp , Udine. TENTOR A. (2009) Le stromatoliti del sentiero Rilke (Duino, Trieste). Natura Nascosta, n. 39, pp , Monfalcone. TENTOR M., TUNIS G. e VENTURINI S. (1994) Schema stratigrafico e tettonico del Carso Isontino. Natura Nascosta, v. 9, pp. 1-32, Monfalcone. VELIĆ I., TIŠLJAR J, VLAHOVIĆ I., MATIČEC D. & BERGANT S. (2003) Evolution of the Istrian Part of the Adriatic Carbonate Platform from the Middle Jurassic to the Santonian and Formation of the Flysch Basin during the Eocene: Main Events and regional comparison. Field Trip Guidebook 22 nd IAS Meeting of Sedimentology- Opatija 2003, pp. 3-17, Zagabria. VENTURINI S., TENTOR M. e TUNIS G. (2008) Episodi continentali e dulcicoli ed eventi biostratigrafici nella sezione campaniano-maastrichtiana di Cotici (M.te San Michele, Gorizia). Natura Nascosta, n. 36, pp. 6-23, Monfalcone. VENTURINI S. e TUNIS G. (2002) La sequenza giurassico-paleocenica. In: VAI G.B., VENTURINI C., CARULLI G.B. e ZANFERRARI A. (coord.), Alpi e Prealpi Carniche e Giulie (Friuli Venezia Giulia). Guide Geol. Regionali, pp , BE-MA ed., Milano. 15

17 Natura Nascosta Numero 41 Anno 2010 pp Figure 4 ESSENTIALS OF GEOLOGICAL HERITAGE SITE (GEOSITE) MANAGEMENT: A CONCEPTUAL ASSESSMENT OF INTERESTS AND CONFLICTS Dmitry A. Ruban 1,2 & I-Ling Kuo 3 Abstract - Management of geological heritage sites (geosites) involves a wide range of stakeholders, including geoconservationists, geoscientists, educators, other nature conservationists, the tourism industry, tourists, land owners, local communities, and governmental agencies. These stakeholders have different interests, which may result in conflicts. The most common conflicts usually occur between geoconservationists and land owners, when land use and access to geosites are often contested subjects. However, conflicts amongst geoconservationists or conflicts between other stakeholders, which at times do not concern geoconservation itself, are also frequent. Principles to prevent and to resolve conflicts should be considered in the geoconservation practice. In particular, a promotion of the geological knowledge among the public, also as a form of better geological education at schools and in academia, will facilitate a better understanding of the geosites and their importance, and, therefore, may prevent the occurrence of possible or potential conflicts. Key words: geoconservation, geosite, management, intersection of interests, conflict. Introduction Conservation of living and abiotic nature continues to expand (BROCKINGTON et al., 2008; JENKINS & JOPPA, 2009). The establishment and expansion of natural reserves, national parks, marine protected areas and national monuments has led to an intersection of interests of various groups. Therefore, there is a need to create multi-level, multi-dimensional and appropriate management of protected areas (e.g., O'LEARY & BINGHAM, 2003; VAUGHN, 2007; KLYZA & SOUSA, 2008; BLADT et al., 2009; MILLS & WAITE, 2009; PRATO, 2009; RENBERG et al., 2009). The expansion of nature conservation in urban areas (MILLER, 2005; GORDON et al., 2009; MCDONALD et al., 2009; MILLER et al., 2009), including protection of endangered species and natural landscapes in cities suggests a further rise of mismatch between social and conservation needs. 1 - P.O. Box (a/jashik) 7333, Rostov-na-Donu, , Russian Federation (for contacts). 2 - Geology and Geography Faculty, Southern Federal University, Zorge Street 40, Rostovna-Donu, , Russian Federation. 3 - London Metropolitan Business School, London Metropolitan University, Stapleton House, Holloway Road, London, N7 8HN, United Kingdom s: (D.A. Ruban); (I. Kuo). 16

18 The growth of geoconservation in the past decade has introduced a new kind of protected areas, namely the geological heritage sites (geosites) (WIMBLEDON, 1996, 1999; WIMBLEDON et al., 1995, 1999; BARETTINO et al., 1999, 2000; BRILHA, 2002; DIAS & BRILHA, 2004; RUBAN, 2005a,b, 2006; PROSSER et al., 2006; GRAY, 2008). Practice of their management is characterized comprehensively by PROSSER et al. (2006), who addressed, particularly, issues including their selection, legislation and physical maintenance. An analysis of interests of different stakeholders, their intersection and resulting conflicts makes up the essence of geosite management. The purpose of this conceptual paper is to provide a theoretical assessment of interests and possible conflicts relevant to geoconservation activities. Geoconservation practice Geoconservation practice can be understood as a management of the geological heritage. The latter includes all mineral, rock, fossil, surficial, geochemical, soil, landform, and other phenomena. An alternative, although similarly-sounded term coined in the past years is geodiversity (GRAY, 2008). The noted Earth's crust phenomena are represented at particular localities, which are called geological heritage sites (geosites). These may be outcrops, lengthy sections of rocks, caves, quarries, mines, boreholes, and individual landforms. They each exhibits a piece of information (Table 1), which may be used for the purposes of science and education, and the sites may be suitable for leisure pursuit and tourism (RUBAN, 2005a). Thus, the value of each geosite is linked with a utility of the site as a source of scientific and educational information and a potential tourist destination; in turn, an open access to geosites by scientists and public is a significant criterion for their designation (RUBAN, 2005a). Depending on their relative importance, geosites of several ranks can be distinguished. The most important are those of global and national status, that their designation and management is based on some broadly-accepted principles, which include weighing up their scientific value and rarity, proper designation with a formal description, providing interpretation for a public access, and scheduled monitoring (WIMBLEDON, 1996, 1999; WIMBLEDON et al., 1995, 1999; PROSSER et al., 2006; GRAY, 2008). Audit and selection of a geosite and its designation, which may require a legal procedure, assigning a special protection status, maintenance, monitoring, and planning and developing of tourism are important and due procedures need to be observed (PROSSER et al., 2006; GRAY, 2008). RUBAN (2006), however, suggested the geoconservation practice to be of something significantly wider. He included regional assessment of available geosites and prospect for new ones, evaluation and re-evaluation of the geological heritage, legalization of objects and protection into the practice of geoconservation. In other words, geoconservation should not be haphazard, but a systematic practice realized on the basis of interrelated local, regional, national and global strategies. Recently, geoconservation is practised successfully in many countries, including the United Kingdom, which is a leader in this field, Spain, Portugal, the USA, Japan, Taiwan, Russia, Australia, China and Brazil. International organizations such as the UNESCO, the ProGEO and the International Union of 17

19 Table 1. Types of geosites (after RUBAN, 2005b) and their utility as information sources. Geosite type Relevant geologic phenomena (geosites are sources of information about them) stratigraphical successions of rocks; chronology of the geologic time palaeontological fossil organisms and their traces sedimentary rocks and bodies composed of lithified and unlithified terri-, chemo-, bio-, volcano-, and cosmogenic matter igneous rocks and bodies composed of igneous (magmatic) matter metamorphic rocks and bodies composed of significantly altered (chiefly by temperature, pressure, and chemical reactions) matter of pre-existed rocks mineralogical minerals and mineral associations economical ore, non-ore, and hydrocarbon deposits geochemical anomalies in concentration of elements, natural and anthropogenic chemical compounds in the Earth's crust seismical earthquakes structural structures relevant to deformations (folds, faults, nappes, etc.) palaeogeographical ancient environments cosmogenic traces of influences of cosmic bodies and forces on the Earth's surface and in the interiors geothermal hot springs, geysers geocryological permafrost geomorphological landforms and surficial processes hydrological and surficial and running water hydrogeological engineering mass wasting (landslides, rockfalls, etc.) and other phenomena related to the construction on the Earth's surface radiogeological natural radioactivity neotectonical modern tectonic activity pedological soils geohistorical history of geology complex combination of two and more above-mentioned phenomena Geological Sciences (IUGS) are active proponents and promoters of this movement. Nevertheless, adequate and appropriate conservation of the world s geological heritage is yet to be achieved. Furthermore, methods and purposes of geoconservation as well as status of geosites may differ significantly between the countries. Interested, neutral, and uninterested stakeholders There is a significant number of organizations and people involved in geoconservation. RUBAN (2005a) recognized a variety of geoconservationists, among which responsible governmental agencies, geological surveys and geoconservation organizations play leading roles (Fig. 1). Additionally, non- 18

20 governmental organizations (NGOs) specializing in nature-protection, as well as museums and universities also contribute to geoconservation extensively. Geoscientists and educators are especially interested in geosites, which provide them with exceptional opportunities to conduct research or to identify and determine fundamental principles of the Earth sciences. Certain objects such as Global Stratotypes Sections and Points (GSSPs) standardize the geologic time scale, and, therefore, they are crucial to the understanding of our planet and its dynamics. As geosites often serve well for tourism and recreational purposes (e.g., HOSE in BARETTINO et al., 2000; GRAY, 2008), the tourism industry and tourists should also play a role and be responsible in geoconservation. Other nature Fig. 1 - Stakeholders involved in geoconservation. conservationists who care about wildlife or preservation of picturesque landscapes may also be interested in geoconservation because of two main reasons. First, most countries do not have a special legal basis for geoconservation, instead, they may use generally-implemented environmental laws. For instance, in the United States, these are the Antiquities Act and the National Park Service Organic Act (VAUGHN, 2007). In the United Kindgdom, the National Parks and Access to the Countryside Act and the Wildlife and Countryside Act are used to legalize geosites of national importance (PROSSER et al., 2006). Second, many geosites are located within existing protected areas (e.g., LAPO & VDOVETS, 1996; MOROZOV et al., 2005). Geosites may have a size varying from few square meters to thousands of square kilometers. This complicates the geoconservation activities as land owners may 19

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA)

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) A. GARASSINO NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) NEW DISCOVERY OF DECAPOD CRUSTACEANS IN THE LOWER CRETACEO US OF VERNASSO (UDINE, NE ITALY)

Dettagli

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Claudio Cecchi Lezioni di Ecoomia del Turismo Roma, 26 novembre 2012 Dall agire al governo delle azioni nella sostenibilità I soggetti che agiscono Individui

Dettagli

La via del acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun

La via del acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun La via dell acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun ABRUZZO La via dell acqua e del sole The Way of The Sea and The sun 133 chilometri di costa, lungo la quale si alternano arenili di sabbia dorata

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Approccio ed organizzazione per processi. Il malinteso ruolo del process owner Process-Centered Approach and Organization

Approccio ed organizzazione per processi. Il malinteso ruolo del process owner Process-Centered Approach and Organization GESTIONE MANAGEMENT Approccio ed organizzazione per processi Il malinteso ruolo del process owner Process-Centered Approach and Organization The Misinterpreted Role of Process Owners DI/BY PIETRO P. JALAMOFF

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems.

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems. IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

Dettagli

TODAY MORE PRESENT IN GERMANY

TODAY MORE PRESENT IN GERMANY TODAY MORE PRESENT IN GERMANY Traditionally strong in offering high technology and reliability products, Duplomatic is a player with the right characteristics to achieve success in highly competitive markets,

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli