Documento finale del Consiglio di Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento finale del Consiglio di Classe"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE Michelangelo GRIGOLETTI PORDENONE Anno scolastico Esami di Stato conclusivi dei Corsi di Istruzione Secondaria Superiore Documento finale del Consiglio di Classe Classe V F Indirizzo linguistico

2 1. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE: Materie Dirigente Scolastico Italiano Storia e filosofia Inglese Conversazione Inglese Tedesco Conversazione Tedesca Spagnolo Conversazione Spagnola Matematica e Fisica Storia dell Arte Scienze Educazione fisica Religione Rappresentanti Rappresentanti Insegnanti Dott.ssa VARIN Ornella CANDIDO Annalisa CASTELLANO Ivo GARDONIO Marylène coordinatrice di classe BENEDETTI Rosanna ROSSO Alessandra LESCHOWSKY Manuela IANNELLA Corinne LISCANO Ingrid STUTO Anna ROSSO Andrea TONON Elisabetta GALLI Patrizia NARDO Emanuela Genitori Piccinin Maria Spagnol Enrica Studenti Gibboni Alice Moro Veronica

3 Profilo della classe La classe è composta da 22 alunni in cui è predominante la componente femminile (21 studentesse e 1 studente). Da 29 elementi presenti in prima si è ridotta in modo consistente nel biennio per abbandoni ed insuccessi scolastici ed ha acquisito quattro studentesse nel corso degli anni. Il rapporto tra gli alunni e i docenti nel corso del triennio si è rivelato abbastanza proficuo sia dal punto di vista umano che dal punto di vista culturale. La classe appare invece divisa o così è stata negli anni per varie cause, tra cui il diverso interesse o motivazione verso la vita scolastica. L atteggiamento non è sempre stato collaborativo, però in quest ultimo periodo (dopo il viaggio d istruzione) c è più affiatamento ed armonia. La continuità scolastica con i docenti nel complesso si è mantenuta discreta per cinque anni consecutivi per i docenti di Italiano, Religione e Inglese, per quattro anni per Educazione Fisica e Tedesco, per tre anni per Arte e Spagnolo e successivamente nell ultimo biennio per Storia e Filosofia, Matematica e Fisica e Scienze. In linea generale, si può evidenziare una continuità didattica nelle discipline umanistiche e discontinuità in quelle scientifiche. Vista la discontinuità del corso di studi in Matematica e Fisica, l'insegnante attuale ha svolto una programmazione di recupero durante tutto lo scorso anno atta a colmare le lacune pregresse anche in orario extracurriculare in alcuni ambiti specifici, con risultati significativi, ma non sempre risolutivi. Positivo è stato l atteggiamento della classe ad approfondire tematiche nuove connesse ad interessi ed inclinazioni personali come pure ad argomenti proposti dai docenti, utilizzando consapevolmente linguaggi specifici e rielaborando in modo autonomo e critico concetti e contenuti in cui non sono mancati gli apporti personali. Significative, in tal senso, sono state negli anni le seguenti esperienze: gemellaggio con un liceo scientifico di Barcellona in seconda; partecipazione della classe ad un ampia proposta di attività didattiche anche extra curricolari come il Volontariato alla Mensa Caritas di Roma in quarta; tematiche relative alla salute (frequentazione a conferenze sulla prevenzione dei tumori e sulla donazione degli organi, su malattie sessualmente trasmissibili, sull uso del BLSD) e al benessere fisico (corsi di tennis ed autodifesa); progetto sviluppato su tre anni Adotta uno spettacolo ; partecipazione a Dedica dove si è distinta un alunna; numerose visite guidate anche tematiche tra cui l uscita a Milano alla Pinacoteca di Brera ed il Museo Novecento ed il viaggio di istruzione dell ultimo anno a Praga e Budapest; due studentesse hanno conseguito la certificazione linguistica in spagnolo Dele B2, una in inglese FIRST ed una è prossima al CAE e sei studentesse partecipano al corso avanzato d inglese; due studentesse hanno partecipato alle attività promosse dal FAI e sono state premiate. Nonostante il costante impegno della classe, sia per il carico di lavoro domestico oggettivamente elevato che per la tendenza di alcuni componenti della classe ad un atteggiamento settoriale nell approccio alle discipline, sono emerse nel triennio debolezze e criticità ed in alcuni casi carenze in ambito logico matematico e talvolta anche scientifico. Nell ottica di una valutazione complessiva degli obiettivi conoscitivi e delle competenze la classe dimostra, tenuto conto delle criticità suddette, di avere raggiunto un livello mediamente discreto con alcuni elementi buoni e alcuni ottimi negli esiti scolastici.

4 LINGUISTICA E COMUNICATIVA LOGICO ARGOMEN TA-TIVA METODOLO- GICA AREA ITALIAN O INGLESE TEDESCO SPAGNOL O STORIA FILOSOFIA MATEMATI CA FISICA SCIENZE SCIENZE MOTORIE STORIA DELL ART I.R.C. E La classe ha raggiunto a diversi livelli i RdA (Risultati di Apprendimento) perseguiti concretamente nelle seguenti aree: DISCIPLINE (GRADO DI COINVOLGIMENTO: TOTALE / PARZIALE / LIMITATO ) COMPETENZE Aver acquisito un metodo di studio autonomo e flessibile, che consenta di condurre ricerche e approfondimenti personali e di continuare in modo efficace i successivi studi superiori, naturale prosecuzione dei percorsi liceali, e di potersi aggiornare lungo l intero arco della propria vita. Essere consapevoli della diversità dei metodi utilizzati dai vari ambiti disciplinari ed essere in grado di valutare i risultati in essi raggiunti. Saper compiere le necessarie interconnessioni tra i metodi e i contenuti delle singole discipline. Saper sostenere una propria tesi e saper ascoltare e valutare criticamente le argomentazioni altrui. Acquisire l abitudine a ragionare con rigore logico, ad identificare i problemi e a individuare possibili soluzioni. Essere in grado di leggere e interpretare criticamente i contenuti delle diverse forme di comunicazione. Padroneggiare la lingua italiana e in particolare: o saper comunicare attraverso la scrittura, conoscendo il codice lingua in tutti i suoi aspetti, da quelli elementari (ortografia e morfologia) a quelli più avanzati (sintassi complessa, precisione e ricchezza del lessico, anche letterario e specifico), modulando tali competenze a seconda dei diversi contesti e scopi comunicativi. o Saper leggere e comprendere testi anche complessi di diversa natura, cogliendo le implicazioni e le sfumature di significato proprie di ciascuno di essi, in rapporto con la tipologia e il relativo contesto storico e culturale. o Curare l esposizione orale e saperla adeguare ai diversi contesti. Aver acquisito, nelle tre lingue straniere almeno il livello B2, strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento. Riconoscere in un ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed essere in grado di passare da un sistema linguistico all altro. Saper utilizzare le tecnologie dell informazione e della comunicazione per studiare, fare ricerca, comunicare.

5 SCIENTIFICA, MATEMA-TICA E TECNOLOGICA STORICO - UMANISTICA Conoscere i presupposti culturali e la natura delle istituzioni politiche, giuridiche, sociali ed economiche, con riferimento particolare all Italia e all Europa, e comprendere i diritti e i doveri che caratterizzano l essere cittadini. Conoscere, con riferimento agli avvenimenti, ai contesti geografici e ai personaggi più importanti, la storia d Italia inserita nel contesto europeo e internazionale, dall antichità ai giorni nostri Conoscere le principali caratteristiche culturali dei paesi di cui si è studiata la lingua, attraverso lo studio e l analisi di opere letterarie, estetiche, visive, musicali, cinematografiche, delle linee fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni; Conoscere gli aspetti fondamentali della cultura e della tradizione letteraria, artistica, filosofica, religiosa italiana ed europea attraverso lo studio delle opere, degli autori e delle correnti di pensiero più significativi e acquisire gli strumenti necessari per confrontarli con altre tradizioni e culture. Mostrare consapevolezza del significato culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico italiano, della sua importanza come fondamentale risorsa economica, della necessità di preservarlo attraverso gli strumenti della tutela e della conservazione. Collocare il pensiero scientifico, la storia delle sue scoperte e lo sviluppo delle invenzioni tecnologiche nell ambito più vasto della storia delle idee. Saper fruire delle espressioni creative delle arti e dei mezzi espressivi, compresi lo spettacolo, la musica, le arti visive. Conoscere gli elementi essenziali e distintivi della cultura e della civiltà dei paesi di cui si studiano le lingue. Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le procedure tipiche del pensiero matematico, conoscere i contenuti fondamentali delle teorie che sono alla base della descrizione matematica della realtà. Possedere i contenuti fondamentali delle scienze fisiche e delle scienze naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia), utilizzandone le procedure e i metodi di indagine propri. Essere in grado di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e di approfondimento.

6 TITOLO UdA SVOLTA: IL MONDO DELL INFORMAZIONE CLASSE: 5 F DISCIPLINE COINVOLTE: Storia e Filosofia, Italiano, Inglese, Spagnolo, Religione e Tedesco NUCLEI FONDANTI: Struttura e stile dell articolo giornalistico; ruolo dell informazione mediata dalla stampa; confronto tra giornalismo in Italia, Europa, America COMPETENZE promosse negli allievi Gli allievi hanno: - recuperato, analizzato informazioni, dati e documenti - letto e interpretato criticamente le fonti e i contenuti delle diverse forme di comunicazione in rapporto con il contesto storico e culturale - acquisito in lingue straniere moderne competenze comunicative al livello B2 - riconosciuto in un ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate e dimostrato di essere in grado di passare da un sistema linguistico all altro - conosciuto gli elementi essenziali e distintivi della STRATEGIE DIDATTICHE interventi realizzati dall insegnante L insegnante ha: - organizzato incontri con gli esperti - coordinato il lavoro in classe scandendo i tempi - indicato le fonti e la metodologia - fornito supporti teorici nell ambito della propria disciplina - monitorato il lavoro in classe anche con verifiche in itinere - effettuato una verifica finale dei contenuti nelle varie discipline e una valutazione del prodotto FASI DI PROCESSO ATTIVITA /processo realizzati dagli studenti Gli studenti hanno: - partecipato a conferenze, incontri con gli esperti (G. Scrufari, giornalista responsabile della Redazione Messaggero Veneto Scuola; Il Quotidiano in classe; referenti della Mediateca del Cinemazero) - ricercato materiali in rete in italiano e nelle lingue studiate - interagito costantemente tra loro e con i docenti nelle fasi di lavoro - rispettato tempi e scadenze - assunto responsabilità nel gruppo - autovalutato (feedback) l esperienza CONTENUTI acquisiti Italiano: approfondimenti sul ruolo dei giornali dall Ottocento ad oggi; confronto tra le principali testate giornalistiche a stampa e on line; analisi di articoli di giornale (struttura, stile, registro) Spagnolo, Inglese e Tedesco: Lettura e analisi (struttura e linguaggio specifico) di una selezione di articoli delle più importanti testate; confronto con la stampa italiana; Storia e Filosofia: excursus storico dai primi giornali /riviste in Italia e in Europa ad oggi; la manipolazione dell informazione; libertà di stampa e censura Religione: L'immagine di uomo e di donna emergente dai media; la manipolazione dei mass-media, brani tratti dal saggio di Popper e Condry Cattiva Maestra COMPITI IN SITUAZIONE - Lavoro di gruppo per la realizzazione di un ppt, riepilogativo dell esperienza

7 cultura e della civiltà dei paesi di cui si studiano le lingue - saputo utilizzare le tecnologie dell informazione e della comunicazione - saputo lavorare in gruppo e collaborare rispettando i tempi televisione. Studio e analisi pubblicità, La personalità di marca: come nasce un marchio.

8 Spazi e strumenti di lavoro Aule normali e dotate di LIM, laboratori e palestra. Libri di testo in adozione, vocabolari, strumenti presenti nei diversi laboratori, materiali multimediali, lavagna luminosa, quotidiani e riviste, materiale didattico integrativo fornito dagli insegnanti per eventuali ricerche o approfondimenti e carte geografiche. Metodi e strategie comuni Il Consiglio di Classe si è attenuto ai seguenti orientamenti delineati a inizio d anno nella programmazione del Consiglio di classe: - verificare i prerequisiti e le conoscenze pregresse prima di affrontare un nuovo argomento; - verificare nel corso delle lezioni l'attenzione degli allievi e stimolare la partecipazione al dialogo educativo; - verificare le attività svolte dagli studenti e utilizzare eventuali errori per il recupero di conoscenze e abilità; - fornire indicazioni utili a consolidare il metodo di studio ed in particolare l'attività di approfondimento e di ricerca autonoma; - lettura e analisi guidata e libera di testi in classe, come punto di partenza per l articolazione concettuale di temi e problemi, per l approfondimento, per la precisazione e la riflessione logico-linguistica; - trattare alcune problematiche a livello pluridisciplinare e interdisciplinare e, comunque, far emergere in ogni circostanza eventuali raccordi o interconnessioni tra le varie discipline; - segnalare letture o iniziative culturali che possano risultare utili ad una maturazione complessiva della personalità ed anche a stimolare l'attenzione nei confronti dei problemi d'attualità; - programmare la partecipazione a visite guidate, conferenze, mostre, spettacoli teatrali e cinematografici, attività e competizioni sportive; - presentare gli argomenti in forma problematica per stimolare la riflessione. Si è stabilito di utilizzare: - la lezione frontale per trattare gli elementi fondamentali degli argomenti oggetto di studio, illustrare processi, esplicitare relazioni e interconnessioni utilizzando gli strumenti didattici di volta in volta ritenuti più efficaci (libri di testo, materiale predisposto dall'insegnante); - lezione dialogata, intesa a coinvolgere gli studenti nel lavoro in classe, facendoli collaborare attivamente; - lavori di gruppo di approfondimento e ricerca per sviluppare lo spirito di collaborazione; - svolgimento di esercizi, temi, esercitazioni di diversa tipologia a casa o in classe, con momenti di correzione - discussione collettiva; - verifiche orali e scritte, per valutare il percorso formativo degli allievi; - correzione, autocorrezione, riflessione critica a partire da errori individuati in compiti o lavori per casa; - attività di recupero in itinere. Tipologie di verifiche - Verifiche scritte; - verifiche orali di diverse tipologie: colloqui e interrogazioni su parti più o meno ampie o su tutto il programma svolto; interventi durante le attività didattiche; interrogazioni scritte; - prove oggettive (test di vario genere, questionari, prove strutturate e semistrutturate, prova a risposta aperta) per verificare l acquisizione di conoscenze ed abilità;

9 - controllo e valutazione del lavoro domestico; - relazioni come sintesi di lavori di gruppo o approfondimenti individuali; Simulazioni di prove d esame - una simulazione della I prova (Italiano) si è svolta il 18 aprile della durata di tre ore; una seconda si terrà il 20 maggio della durata dell intera mattinata di lezione; - per la II prova (Lingue straniere) è stata proposta una simulazione il 21 marzo ( intera mattinata ) una seconda avrà luogo il 21 maggio (intera mattinata); - per la III prova la prima simulazione (Fisica, Filosofia, Spagnolo e Tedesco) si è svolta il 23 di febbraio dalle 8.10 alle e la seconda sarà il 25 maggio con lo stesso orario. - Indicazioni sulla terza prova: è stata scelta la tipologia B, con 3 quesiti per ciascuna delle 4 materie, con trattazione sintetica in dieci righe; per ciascuna prova sono state assegnate tre ore. Sono state prese in considerazione tutte le discipline fatta eccezione per quelle oggetto delle prime due materie d esame. Criteri di valutazione Sono state utilizzate per la valutazione delle varie verifiche le griglie elaborate e concordate a livello dipartimentale o predisposte dai singoli docenti in base alle peculiarità di ciascuna prova. La valutazione ha comunque tenuto conto, oltre che del raggiungimento degli obiettivi prefissati, anche dei seguenti fattori: - livello di partenza (motivazioni, capacità, abilità pregresse, ritmi e stili di apprendimento) - impegno - grado di autonomia nello svolgimento del lavoro - interesse per la materia - progressione dell'apprendimento rispetto al livello di partenza e agli obiettivi stabiliti - livello di acquisizione di conoscenze, competenze e abilità rapportate agli obiettivi fissati - partecipazione responsabile alla vita scolastica. Nell'attribuzione dei voti il Consiglio di Classe propone la seguente griglia di valutazione presente nel P.O.F: Eccellente (10) Buono-ottimo (8/9) Discreto (7) Sufficiente Lo studente ha personalmente rielaborato conoscenze ampie, articolate e consapevoli, approfondite anche attraverso personali letture; sa trasporre con sicurezza i diversi procedimenti anche in contesti non noti; utilizza con sicuro discernimento un lessico ricco ed appropriato anche nell uso dei linguaggi specifici; sa argomentare con sicura consequenzialità di analisi e sintesi critica. Lo studente ha acquisito conoscenze disciplinari ampie e consapevoli; utilizza con sicura padronanza procedimenti già appresi, applica regole e leggi in situazioni note e dimostra iniziativa nel prospettare nuove ipotesi di impiego delle stesse; fa riferimento ad acquisizioni culturali riconducibili a letture e ricerche affrontate autonomamente e rispondenti ad interessi personali, rivela capacità logico-argomentative ed abilità espressive di buon livello. Lo studente rivela il possesso di informazioni complete; ha acquisito autonomia e precisione adeguate nell impiego dei procedimenti appresi e sa organizzare l esposizione dei contenuti richiesti in forma complessivamente consequenziale e pertinente; impiega in modo corretto il lessico specifico delle singole discipline. Lo studente conosce gli elementi essenziali delle discipline; fornisce risposte pertinenti alle richieste; utilizza, sebbene con qualche limite e talora con la

10 (6) Insufficiente (5) Gravemente insufficiente (4) Estremamente insufficiente (3/4) Nullo (2-1) guida dell insegnante, procedimenti appresi e applica regole e leggi in situazioni note; impiega in forma semplice, ma nel complesso corretta, i linguaggi specifici delle varie discipline. Lo studente individua con difficoltà risposte pertinenti alle richieste, poiché l acquisizione delle conoscenze è frammentaria o inadeguatamente consapevole e approfondita; rivela abilità logico-argomentative carenti; espone in forma impacciata ed impropria. Lo studente fraintende le domande in quanto le informazioni possedute risultano lacunose e scorrette; non è in grado di strutturare il discorso in modo organico e coerente e non sa applicare le richieste procedure di lavoro; non conosce, o usa a sproposito, le terminologie specifiche. Lo studente ha scarsissime conoscenze; non comprende le domande e commette molti e gravi errori nell esecuzione dei lavori assegnati che risultano essere incompleti; si esprime in modo scorretto ed usa termini generici e/o del tutto impropri. L alunno si sottrae alla verifica o viene meno alla lealtà che caratterizza l interazione didattica oppure non ha nessuna conoscenza dei contenuti, non dimostra alcuna minima abilità anche in compiti semplici, non fornisce nessuna informazione e/o risposta a quesiti, problemi e/o temi proposti. Nella valutazione i docenti hanno fruito anche griglie di valutazione specifiche per le singole discipline, predisposte in sede dipartimentale, comunque rispondenti ai medesimi parametri sopra indicati ( POF). Il voto di condotta del primo periodo è stato assegnato dal Consiglio di classe in sede di scrutinio sulla base degli elementi emersi nel corso del periodo scolastico oggetto di valutazione, tenendo conto delle regole interne dell Istituto e degli impegni assunti al momento della stipula del Patto di corresponsabilità educativa. Le prove oggettive a punteggio hanno avuto talvolta criteri in parte diversi da quelli sopra elencati, comunque esplicitati di volta in volta agli allievi. Verifiche quadrimestrali I docenti hanno comunicato con anticipo agli allievi le date delle verifiche. Di norma non è effettuata più di una prova scritta nell arco di una mattinata (escluse le prove valide per l orale). Relativamente al numero minimo di verifiche quadrimestrali si è fatto riferimento a quanto stabilito dal Collegio dei Docenti. Modalità di gestione delle esigenze di recupero Sono state utilizzate le seguenti strategie per il recupero in itinere: - chiarimenti durante le lezioni, con metodo interattivo per stimolare la partecipazione di allievi che evidenziano carenze e difficoltà; - correzione dei diversi tipi di prove come momento di chiarimento e recupero; - interventi didattici finalizzati al recupero, attraverso momenti di revisione e consolidamento del programma; - utilizzo delle verifiche orali come momenti di ripasso degli argomenti trattati; - assegnazione di lavori mirati al recupero di prerequisiti. Partecipazione a progetti proposti dal Consiglio di Classe e a progetti di Istituto

11 I docenti hanno aderito ai seguenti progetti: - Viaggio d istruzione a Praga e Budapest - Uscita a Milano alla Pinacoteca di Brera ed il Museo Novecento - Rappresentazione teatrale Sei Personaggi in cerca d Autore di Pirandello - Incontro con Claudia Francardi e Irene Sisi: "Una Testimonianza di Giustizia Riconciliativa - Visione del film: Il giovane favoloso su Giacomo Leopardi - Un modulo CLIL in fisica con la prof.ssa Stuto. Il C.d.C. ha aderito ai seguenti progetti d Istituto: - Adotta uno spettacolo Doppio Fronte - Spettacoli in lingua straniera: inglese An Ideal Husband Wilde - spagnolo: Larven Guernica - Commemorazione 25 Anniversario Muro di Berlino - Educazione alla Salute (conferenza donazione sangue a cui è seguita donazione volontaria c/o Ospedale Civile di Pordenone) - Il quotidiano in classe - Intorno a Dedica (due conferenze Luis Sepulveda con gli esperti e con l autore) - Certificazioni linguistiche partecipazione individuale e volontaria - Orientamento in uscita Rapporti scuola famiglia Si sono svolti regolarmente durante l anno scolastico settimanalmente come da calendario e si sono conclusi il 9 maggio. In due pomeriggi dell anno si sono tenuti i ricevimenti generali. Seguono le griglie di valutazione e le programmazioni delle singole discipline. Pordenone, maggio 2015 La Coordinatrice Marylène Gardonio Si allegano: Le simulazioni delle prove d esame

12 ESAMI DI STATO Liceo Scientifico Statale M. Grigoletti COMMISSIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA Candidato/a INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Corrispondenza al Adeguata 2 lavoro richiesto Parziale/inadeguata 1 Conoscenza degli Approfondita/Ampia 4 argomenti (e Discreta 3 compiutezza delle Essenziale 2 informazioni) Modesta 1 Struttura logica (coerenza, coesione..) Capacità critiche, di espressione e di rielaborazione Padronanza della lingua italiana e capacità espositive (ortografia, sintassi, lessico ) Chiara, consequenziale, coerente Non sempre consequenziale Scorretta Buone/Discrete Sufficienti Modeste Complete, appropriate, articolate Sostanzialmente corrette o con qualche imprecisione Inadeguate Totale Il/La candidato/a della classe V ha ottenuto nella prima prova scritta, corretta e valutata in relazione agli indicatori fissati dalla Commissione esaminatrice, il seguente punteggio: /15. I Commissari Il Presidente: Pordenone, giugno...

13 ESAMI DI STATO Liceo Scientifico Statale M. Grigoletti COMMISSIONE INDIRIZZO LINGUISTICO GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA Candidato/a Pesi INDICATORI DESCRITTORI PUNTI 33% a) COMPRENSIONE DEL TESTO 40% b)correttezza (risposte, composizione) 27% c) CAPACITÀ DI : ANALISI E SINTESI, RIELABORAZIONE, ORIGINALITÀ SCARSA risponde solo a qualche quesito in modo confuso, con qualche riferimento testuale di tipo referenziale PARZIALE o INADEGUATA non risponde a tutti i quesiti e fornisce solo limitati riferimenti testuali (ripete il testo). Non argomenta ADEGUATA risponde a tutte le domande cogliendone il nucleo essenziale COMPLETA e APPROFONDITA risponde a tutte le domande, fornisce argomentazioni chiare e supportate da precisi riferimenti testuali SCARSA esposizione non comprensibile, coerenza limitata INADEGUATA esposizione semplice con frequenti, gravi errori; discorso coerente ma non sempre coeso; lessico ripetitivo e limitato ADEGUATA esposizione scorrevole, discorso coerente e coeso, errori frequenti ma non gravi, lessico semplice ma appropriato BUONA esposizione scorrevole ed elaborata, errori sporadici e lievi, discorso strutturato e argomentato, lessico appropriato e vario CARENTE di idee e/o argomentazioni convincenti, offre sintesi poco significativa PARZIALE negli approfondimenti e nelle argomentazioni. Nella sintesi coglie i punti principali ARRICCHITA di approfondimenti, citazioni e originalità. Coglie i punti essenziali e li rielabora INDICATORI: PUNTEGGIO a. COMPRENSIONE DEL TESTO b. CORRETTEZZA c. CAPACITÀ DI ANALISI E SINTESI, SOMMA DEI PUNTI ATTRIBUITI = VOTO Il/La candidato/a della classe V ha ottenuto nella prima prova scritta, corretta e valutata in relazione agli indicatori fissati dalla Commissione esaminatrice, il seguente punteggio: /15. I Commissari Il Presidente: Pordenone, giugno...

14 TABELLA TERZA PROVA VF (singola materia) COMPRENSIONE DEL QUESITO E PERTINENZA DELLA RISPOSTA Livello Punti Soddisfacente 3 Sufficiente 2 Inadeguata/parziale 1 CONOSCENZA DEGLI ARGOMENTI/DATI/INFORMAZIONI Livello Punti Ampia e 5 approfondita Discreta/adeguata 4 Sufficiente 3 Modesta 2 Scarsa 1 CAPACITA LOGICO-ARGOMENTATIVE E COMUNICATIVE Livello Punti Notevoli 4 Discrete/adeguate 3 Sufficienti 2 Modeste 1 PRECISIONE FORMALE/PADRONANZA LINGUISTICA/USO LINGUISTICO SPECIFICO Livello Punti Appropriati e corretti 3 Non sempre puntuali 2 Inadeguati 1 Punteggio complessivo /15

15 LICEO SCIENTIFICO M. GRIGOLETTI Esame di Stato 2014/2015 Classe V F Griglia di valutazione della terza prova Candidato. COMPRENSIONE DEL QUESITO E PERTINENZA DELLA RISPOSTA Livello Punti Disciplina: Disciplina: Disciplina: Disciplina: Soddisfacente 3 Sufficiente 2 Inadeguata/parziale 1 CONOSCENZA DEGLI ARGOMENTI/DATI/INFORMAZIONI Livello Punti Disciplina: Disciplina: Disciplina: Disciplina: Ampia e 5 approfondita Discreta/adeguata 4 Sufficiente 3 Modesta 2 Scarsa 1 CAPACITA LOGICO-ARGOMENTATIVE E COMUNICATIVE Livello Punti Disciplina: Disciplina: Disciplina: Disciplina: Notevoli 4 Discrete/adeguate 3 Sufficienti 2 Modeste 1 PRECISIONE FORMALE/PADRONANZA LINGUISTICA/USO LINGUISTICO SPECIFICO Livello Punti Disciplina: Disciplina: Disciplina: Disciplina: Appropriati e corretti 3 Non sempre puntuali 2 Inadeguati 1 Punteggi parziali Punteggio complessivo /15 La Commissione :

16 DOCUMENTO FINALE CLASSE 5^ SEZ. F MATERIA: RELIGIONE CATTOLICA Prof.ssa Emanuela Nardo ANNO SCOL: 2014 /2015 PERCORSO DIDATTICO-EDUCATIVO Il percorso educativo condotto con la classe è stato, nel corso di quest anno scolastico, imperniato sull esigenza di sviluppare negli studenti delle competenze atte a favorire la consapevolezza nei confronti di scelte mature e responsabili. Si è voluto valorizzare il rispetto del pluralismo, del dialogo interreligioso e interculturale. I temi affrontati durante le lezioni, sono stati per tutti motivo di confronto e di discussione dove ognuno, secondo le proprie capacità, con le proprie peculiarità, ha potuto portare un contributo. Gli allievi hanno acquisito gli strumenti culturarali necessari per affrontare il dibattito sui temi riguardanti la dottrina della Chiesa Cattolica, in particolare quella sociale. Allo scopo di favorire un pensiero critico e consapevole, si è voluto approfondire il ruolo che i mass-media hanno nella manipolazione del pensiero e nella creazione di bisogni nella società contemporanea, studiandone linguaggi e tecniche, confrontando tali proposte con quelle emergenti dai valori proposti dal messaggio cristiano e dalla Chiesa. Si è anche approfondito il concetto di persona nei documenti della Chiesa e attraverso i principali snodi del pensiero del Novecento. Ore totali di lezione: 23 COMPETENZE IN USCITA Lo studente: COMPETENZE IN USCITA ( cfr. Intesa firmata 28 giugno 2012) Al termine dell'intero percorso di studio lo/a studente/ssa è in grado di: 1. sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita; 2. riflettere sulla propria identità attraverso confronto con il messaggio cristiano; 3. aprirsi all'esercizio della correttezza etica e della solidarietà in un contesto multiculturale; 4. cogliere la presenza e l'incidenza del cristianesimo nella storia e nella cultura per una lettura critica del mondo contemporaneo; 5. utilizzare consapevolmente le fonti autentiche della fede cristiana; 6. interpretarne correttamente i contenuti, secondo la tradizione della Chiesa; 7. restare aperto nel confronto ai contributi di altre discipline e tradizioni storico-culturali. UNITA DI APPRENDIMENTO 1. SCELTE CONSAPEVOLI E PROGETTI DI VITA -Lavoro interattivo sulle scelte future: Il sabotatore interiore. -Scelte future e valori. -Scelte e autostima. -Giovani e scelte di vita, lavoro interattivo : sogno di vita. 2. SOCIETA' CONTEMPORANEA E BISOGNI VEICOLATI DAI MEDIA -I bisogni veicolati dai media.

17 -I condizionamenti derivanti dai mezzi di comunicazione di massa. Studio, analisi e creazioni di pubblicità. -I condizionamento derivanti dai mezzi di comunicazione di massa. Valori e pubblicità. -Lettura e discussione del saggio di K.Popper: "cattiva maestra televisione". 3. LA CHIESA DEL XX SECOLO -Introduzione alla dottrina sociale della chiesa: concetto di dottrina sociale, enciclica, magistero. infallibilità -Elementi caratterizzanti un consapevole impegno sociale. -Rapporto politica-valori. -Educazione alla legalità. - Fede e politica (analisi dei modelli possibili, spiegazione dell insegnante e dibattito). - La dottrina sociale della Chiesa dall enciclica Rerum Novarum di Papa Leone XIII alla Centesimus Annus di Papa San Giovanni Paolo II. - I principi di sussidiarietà e solidarietà. - Il concetto di bene comune in politica. - Chiesa, dialogo interreligioso ed ecumenico. (Nostra Aetate e Unitatis Redintegratio). -Chiesa e totalitarismi del XX secolo. Analisi e discussione del film La rosa bianca di M. Rothemund (2005). -Il Concilio Vaticano II. -La Chiesa e le sfide post-conciliari. 4. IL CONCETTO DI DIO NEL PENSIERO LAICO E NEL PENSIERO CREDENTI -I principali snodi del pensiero laico del XX secolo e contemporaneo. - Rapporto Fede-psicoanalisi (in James, Allport, Freud, Jung, Adler, Fromm, Frankl). -Le varie tipologie di etica di fronte a casi concreti di morale applicata. -Questioni di etica. lavoro interattivo. 5. ELEMENTI DI ESCATOLOGIA CRISTIANA -La vita oltre la vita. -Dai Novissimi all'escatologia moderna. METODOLOGIA E STRUMENTI DI LAVORO La metodologia privilegiata è stata la lezione interattiva; sono stati altressì usati: l approfondimento in gruppo, la simulazione di problemi etici su cui riflettere e discutere, la visione di filmati inerenti all argomento trattato, mezzi informatici, giochi interattivi, l analisi di documenti forniti direttamente dall'insegnante o proposti dagli studenti, brain-storming e lavori di gruppo. Pordenone,

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli