LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI"

Transcript

1 Liceo scientifico G.Galilei - BLPS00701R anno scolastico LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 sez. D a.s. 2014/15 pag.1 di 65

2 INDICE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Elenco dei docenti che hanno seguito la classe nel triennio... 3 Profilo della classe... 3 Storia del triennio... 4 Quadro orario... 4 PROGRAMMAZIONE Obiettivi formativi... 4 Obiettivi cognitivi... 5 Percorso formativo realizzato... 5 Attività di recupero e di approfondimento... 5 Tematiche pluridisciplinari e/o progetti... 5 Numero e tipologia delle prove multidisciplinari sul modello della terza prova scritta... 5 ALLEGATI AL DOCUMENTO allegato 1 : relazioni e programmi docenti... 7 allegato 2 : griglie di valutazione allegato 3 : testi delle prove multidisciplinari Allegato 1 Relazioni e programmi docenti Italiano: relazione 8 Italiano: programma 10 Latino: relazione 13 Latino: programma 15 Storia: relazione. 18 Storia: programma 20 Filosofia: relazione 23 Filosofia: programma 25 Inglese: relazione 26 Inglese: programma 29 Matematica: relazione 32 Matematica: programma 35 Fisica: relazione 37 Fisica: programma 41 Scienze: relazione 43 Scienze: programma. 45 Disegno e Storia dell'arte: relazione 46 Disegno e Storia dell'arte: programma 48 Educazione Fisica: relazione. 50 Educazione Fisica: programma. 52 Religione: relazione.. 53 Religione: programma.. 54 Allegato 2 Griglie di valutazione Griglia di valutazione per la Prova di Italiano Griglia di valutazione per la Prova di Matematica Griglia di valutazione per la Terza Prova Griglia di valutazione per la Prova Orale Allegato 3 Testi delle prove multidisciplinari Prima Terza Prova, tip A, Seconda Terza Prova, tip B, a.s. 2014/15 pag.2 di 65

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Elenco dei docenti che hanno seguito la classe nel triennio discipline classe 3 a classe 4 a classe 5 a Lingua e letteratura Bortot Daniela Bortot Daniela Bortot Daniela italiana Lingua e cultura latina Munaro Tatiana Munaro Tatiana Munaro Tatiana Lingua e cultura inglese Curtol Annarita Curtol Annarita Curtol Annarita Storia Da Corte Zandatina Pinuccia Sacco Elisabetta Da Corte Zandatina Pinuccia Filosofia Da Corte Zandatina Pinuccia Da Corte Zandatina Pinuccia Da Corte Zandatina Pinuccia Matematica Dal Borgo Pietro Dal Borgo Pietro Dal Borgo Pietro Fisica Tedesco Simona De Toffol Stefano De Toffol Stefano Scienze Cadorin Michela Colleselli Maria Paola Cadorin Michela Disegno e Storia Alpago Novello Claudia Mazzucco Lorenzo Rotelli Francesca dell arte Scienze motorie e Coden Emanuela De Bastiani Fabio De Bastiani Fabio sportive Religione Soccal Robert Soccal Robert Soccal Robert Coordinatore di Classe 5 a : prof. De Toffol Stefano Profilo della classe La V D si compone attualmente di 23 alunni, 12 maschi e 11 femmine. Inizialmente gli studenti erano 24 ma un allievo si è ritirato nel mese di gennaio Due alunne, provenienti da altra scuola, si sono inserite ad inizio anno scolastico in questa classe. Nel secondo biennio e al quinto anno la classe ha visto l alternarsi di diversi insegnanti e non c è stata continuità didattica in scienze, fisica, storia, storia dell arte e scienze motorie (vedi tabella 1). Nel corso del triennio gli alunni hanno dimostrato un crescente interesse per le differenti discipline, affinando e consolidando, secondo le proprie capacità e attitudini, una preparazione complessiva che mediamente risulta discreta. Il contributo di diversi allievi al dialogo educativo, la curiosità e la capacità di intervenire alle lezioni in modo propositivo di alcuni, sono state quasi sempre presenti e hanno permesso agli insegnanti di costruire un confronto positivo e proficuo con gli alunni, suggerendo spesso riflessioni e approfondimenti. Alcuni studenti hanno saputo elaborare un percorso di crescita personale, acquisendo buone competenze comunicative e sicure conoscenze nei diversi ambiti disciplinari, raggiungendo anche livelli di eccellenza. Per qualche allievo l impegno nello studio, alle volte poco rigoroso e sistematico, non sempre è risultato adeguato alle necessità per una preparazione soddisfacente ed omogenea in tutte le materie. Alcuni alunni hanno ottenuto buoni risultati in competizioni provinciali e regionali di matematica e fisica (gare individuali e/o di gruppo). a.s. 2014/15 pag.3 di 65

4 Storia del triennio CLASSE ISCRITTI RITIRATI AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA allo scrutinio di giugno AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA allo scrutinio di fine agosto NON AMMESSI terza 22 ======= quarta 23* ======= quinta 24 ** 1 * Vengono inseriti due allievi ripetenti da altra sezione e un allieva proveniente da altro Istituto ** Vengono inseriti due allieve provenienti da altri Istituti. Quadro orario Discipline curricolari Ore settimanali LINGUA e LETTERATURA ITALIANA 4 LINGUA e CULTURA LATINA 3 LINGUA E CULTURA INGLESE 3 STORIA 2 FILOSOFIA 3 MATEMATICA 4 FISICA 3 SCIENZE 3 DISEGNO e STORIA dell ARTE 2 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 2 RELIGIONE 1 PROGRAMMAZIONE Obiettivi formativi Acquisizione di un efficace metodo di studio Valorizzazione della consapevolezza di sé in un apertura al confronto Potenziamento dell interesse per lo studio e la lettura Sviluppo delle capacità di comunicazione Potenziamento del senso di responsabilità personale, dell autonomia e della socializzazione a.s. 2014/15 pag.4 di 65

5 Obiettivi cognitivi Potenziamento delle capacità di analisi e di sintesi in un autonoma rielaborazione delle conoscenze Capacità di utilizzare le diverse conoscenze e competenze per l analisi e la soluzione dei problemi, per lo sviluppo dell argomentazione e per l analisi della realtà Capacità di riflessione e sviluppo del senso critico Percorso formativo realizzato (confronto tra la progettazione iniziale del CdC e risultati finali) Gli obiettivi sono stati complessivamente raggiunti, anche se a livelli diversi, nel corso del Triennio. Attività di recupero e di approfondimento Si rinvia alle relazioni delle singole discipline. Tematiche pluridisciplinari e/o progetti Nel corso del triennio la classe ha aderito alle seguenti attività: Olimpiadi della matematica e della fisica fino a livello regionale (alcuni allievi) ECDL (alcuni allievi) Olimpiadi di chimica e scienze naturali (classe 4 a ) (alcuni allievi) Certificazioni in lingua inglese: PET, FIRST, TRINITY (alcuni allievi) Rappresentazione teatrali in lingua inglese (3 a e 4 a ) Giochi sportivi studenteschi (alcuni allievi) Teatro di matematica: I sette ponti e il mistero dei grafi, Pacta Teatri Lend (classe 4 a ) Incontro con Grègorire Ahngbonon: Esperienza sul recupero di malati di mente in Costa D Avorio (classe 4 a ) Conferenza con Paul Bhatti: percorso sui diritti umani. Viaggio d istruzione a Roma (classe 4 a ) Viaggio d istruzione in Grecia (classe 5 a ) Attività di orientamento universitario Preparazione ai test d ingresso alle facoltà scientifiche Visita all incubatore d impresa H-Farm di Roncade Lectio Magistralis di Renzo Piano (videoconferenza) Visione di film: La grande bellezza (alcuni allievi), Il giovane meraviglioso Numero e tipologia delle prove multidisciplinari sul modello della terza prova scritta data Tipologia discipline note 18/12/2014 A - trattazione sintetica Inglese, Storia, Fisica, Scienze 14/04/2015 di argomenti B - quesiti a risposta singola Inglese, Filosofia, Fisica, Latino, Scienze I risultati conseguiti sono complessivamente più che sufficienti I risultati conseguiti sono complessivamente discreti a.s. 2014/15 pag.5 di 65

6 ALLEGATI AL DOCUMENTO 1. allegato 1 : relazioni e programmi docenti 2. allegato 2 : griglie di valutazione 3. allegato 3 : testi delle prove multidisciplinari a.s. 2014/15 pag.6 di 65

7 LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ALLEGATO 1 RELAZIONI E PROGRAMMI INDIVIDUALI a.s. 2014/15 pag.7 di 65

8 RELAZIONE FINALE a.s.2014/15 DISCIPLINA Italiano DOCENTE Daniela Bortot OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Tratti generali sul romanticismo europeo (settembre-ottobre). Giacomo Leopardi (ottobrenovembre) Naturalismo, Verismo, Verga (novembre, dicembre gennaio). Il Decadentismo (gennaio). Giovanni Pascoli (gennaio). G. D Annunzio (febbraio). Luigi Pirandello (febbraiomarzo). Italo Svevo (marzo-aprile). Eugenio Montale (aprile-maggio). Giuseppe Ungaretti (maggio). Umberto Saba (maggio). Dante, Paradiso. La programmazione iniziale è stata nel complesso rispettata. Il livello delle conoscenze acquisite è in media discreto, con punte di ottimo livello e qualche caso di preparazione poco sicura. Abilità L'attività didattica è stata finalizzata al conseguimento e al potenziamento delle seguenti capacità: esporre i contenuti secondo criteri di ordine, chiarezza e coerenza; formulare motivati giudizi critici; strutturare le conoscenze in modo multidisciplinare; desumere dal testo dati e informazioni relativi al contesto. Tali capacità possono dirsi pienamente conseguite solo da alcuni allievi. Più in generale, la classe ha mostrato di aver raggiunto il primo obiettivo in modo discreto; in modo soddisfacente gli altri. Competenze L'attività didattica è stata orientata all'acquisizione delle seguenti competenze: analisi del testo letterario; produzione di testi di tipologia A, B, C, D. I risultati ottenuti sono discreti, pur con diversi livelli di approfondimento. Alcuni allievi si muovono con sicurezza nell'analisi e nell'interpretazione del testo e sanno realizzare testi coerenti e chiari concettualmente; altri raggiungono, se guidati, un sufficiente livello di comprensione mentre nella produzione scritta privilegiano un approccio di tipo espositivo; in pochi casi, infine, il livello di competenze di analisi e di scrittura risente di un'applicazione superficiale. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) L'approccio privilegiato è stata la lezione frontale. L'attività didattica è stata incentrata sull'analisi del testo: i testi sono stati esaminati in classe, anche discutendo le osservazioni degli allievi. Si è cercato di evitare il nozionismo e i tecnicismi esasperati in favore di un approccio problematico e critico. All'interno dell'attività didattica è stato riservato spazio alle diverse tipologie dello scritto di italiano, in particolare al saggio breve. Gli allievi sono stati indirizzati ad utilizzare la documentazione fornita, ad individuare una tesi all'interno dell'argomento in esame e a produrre un testo di carattere argomentativo. Tuttavia, in considerazione della difficoltà di realizzazione della tipologia testuale, si è accettato, nella prassi, anche un approccio di tipo espositivo. Per quanto a.s. 2014/15 pag.8 di 65

9 riguarda la tipologia A, gli allievi sono stati indirizzati a produrre un testo coeso ed organico, rispettando contemporaneamente le singole richieste della consegna. Non sono stati tuttavia penalizzati coloro che hanno eseguito con ordine lo schema di lavoro. Le prove di italiano sono state strutturate seguendo le indicazioni ministeriali, proponendo tutte e quattro le tipologie. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Sono stati strumenti di verifica: interrogazione-colloquio, test, prove di diversa tipologia valide per l orale; verifiche scritte conformi alle tipologie A,B,C,D della prima prova. Come concordato in sede dipartimentale, il livello di sufficienza per la produzione scritta è stato garantito dalla presenza dei seguenti elementi: rispondenza alla consegna, interpretata tendenzialmente in modo letterale in uno schema organizzativo ordinato, anche se poco flessibile; utilizzazione di informazioni corrette, anche se non del tutto approfondite; utilizzo di un linguaggio con risorse lessicali anche limitate, ma chiare; presenza di costruzioni lessicali talora ripetute, ma generalmente corrette; pur in assenza di interpretazioni personali, un sufficiente livello di argomentazione. I criteri che hanno determinato il livello di sufficienza per la valutazione della produzione orale sono stati: l'acquisizione dell'apparato informativo indispensabile; un'esposizione coerente, se pur semplice, pertinente e consapevole dei nessi logici essenziali; interpretazione corretta del significato dei testi in modo strettamente analitico, attingendo, sia pur con qualche limite, al livello della sintesi; il possesso di elementi di orientamento sui rapporti tra testo, contesto letterario e quadro storico-culturale. MATERIALI DIDATTICI Strumento di lavoro è stato il manuale, integrato da testi forniti in fotocopia. Sono stati utilizzati DVD per la visione di opere teatrali. TESTI IN ADOZIONE PANEBIANCO-PISONI-REGGIANI-MALPENSA, Testi e scenari, Zanichelli Vol.4. Il Romanticismo Vol.5. L età del Naturalismo e del Decadentismo Vol.6. L età delle Avanguardie Vol.7. Dagli anni Trenta ai giorni nostri N.B. L edizione utilizzata dall insegnante (LM) non coincide con quella in adozione per gli allievi (LM essenziale), in quanto dispone di molto materiale a cui gli allievi possono accedere solo on-line e che, quando richiesto dall insegnante, hanno stampato. DANTE ALIGHIERI, Divina Commedia : Il Paradiso, a cura di U. Bosco G. Reggio, Ed. Le Monnier. Belluno, 13 maggio 2015 Il docente Daniela Bortot a.s. 2014/15 pag.9 di 65

10 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2015 Disciplina: Italiano Docente: Daniela Bortot CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE PERIODO DI ARGOMENTO SVOLGIMENTO dal al L età del Romanticismo Tratti generali del Romanticismo europeo. I soggetti e i luoghi della cultura. Il pensiero e l immaginario romantico. 20/9 7/10 Giacomo Leopardi: l autore e l opera. Ideologia e poetica dallo Zibaldone: Rimembranza, vago e indefinito La teoria del piacere dalle Operette morali: Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare (fotocopia) Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Tristano e di un amico dai Canti: L ultimo canto di Saffo L infinito A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La quiete dopo la tempesta Il passero solitario Il sabato del villaggio A se stesso La ginestra o il fiore del deserto 8/10 13/11 25/10 22/11 L età del Naturalismo e del Decadentismo La scapigliatura. Praga, da Penombre: Preludio. Positivismo e Naturalismo. Zola, da Il romanzo sperimentale: Il romanziere naturalista. Il Verismo italiano. Il Decadentismo. Estetismo e Simbolismo. La poesia in Francia: C. Baudelaire, da I fiori del male: Corrispondenze, L albatros; P. Verlaine, Arte poetica; A. Rimbaud, Vocali; da Lettera del veggente: Il poeta veggente. 28/10 18/12 30/10 7/1 Giovanni Verga: l autore e l opera da Vita dei campi Lettera a Salvatore Farina Fantasticheria (fotocopia) Rosso Malpelo La roba da Novelle rusticane I Malavoglia : analisi in classe dei passi più significativi 6/11 27/11 8/11 16/12 Giovanni Pascoli: l autore e l opera da Myricae: Arano Il lampo Lavandare X Agosto L assiuolo Temporale Novembre da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Nebbia (fotocopia) da Il fanciullino: Il poeta decadente: come un fanciullo 24/1 31/1 a.s. 2014/15 pag.10 di 65

11 Gabriele D Annunzio: l autore e l opera Da Il piacere Il ritratto dell esteta da Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto L ultimo D Annunzio: Qui giacciono i miei cani (fotocopia) L età delle Avanguardie Le avanguardie. Le scienze fisiche, psicologiche, le trasformazioni dell immaginario e i nuovi temi letterari ed artistici. L avanguardia futurista Il primo manifesto del futurismo. Manifesto tecnico della letteratura futurista. Luigi Pirandello: l autore e l opera da L umorismo: Vita e forma Umorismo e comicità dalle Novelle per un anno Il treno ha fischiato La carriola da Maschere nude Così è, se vi pare Sei personaggi in cerca d autore Il fu Mattia Pascal : analisi in classe dei passi più significativi 3/2 10/2 12/2 17/4 19/2 17/4 24/2 26/3 Italo Svevo: l autore e l opera da: Le confessioni di un vegliardo Vita e letteratura da: La coscienza di Zeno L ultima sigaretta La morte del padre La domanda di matrimonio La salute di Augusta La vita è inquinata alle radici Giuseppe Ungaretti: l autore e l opera da: L allegria Veglia Sono una creatura I fiumi San Martino del Carso Mattina Fratelli da Sentimento del tempo La madre Eugenio Montale: l autore e l opera da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola del pozzo Casa sul mare (fotocopia) da Le occasioni La casa dei doganieri da La bufera Piccolo testamento Umberto Saba: l autore e l opera dal Canzoniere Amai Trieste Città vecchia La capra Sonetto3 28/3 16/4 8/5 12/5 23/4 6/5 12/5 15/5 a.s. 2014/15 pag.11 di 65

12 Dante, Paradiso: I; III; VI; XI, XV; XVII; XXIII; XXXIII. settembre maggio ore di lezione effettivamente svolte: 112 Belluno, 13 maggio 2015 I rappresentanti degli studenti Il docente a.s. 2014/15 pag.12 di 65

13 RELAZIONE FINALE a.s.2014/15 DISCIPLINA Latino DOCENTE Tatiana Munaro OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Nel rispetto della programmazione dipartimentale, sono stati oggetto di studio alcuni autori, ritenuti rappresentativi dei secoli che vanno dal principato gentilizio all'impero tardo antico: Seneca, Petronio, Lucano, Persio, Giovenale, Tacito, Apuleio, Tertulliano e Agostino. Per una rappresentazione più completa del periodo, il programma è stato integrato con lo studio di autori non previsti nella programmazione di inizio anno, come Fedro, Marziale e Plinio il Vecchio. Per quasi tutti gli autori, si è contemplata la lettura di brani, anche in traduzione. Non si è sempre seguito un criterio cronologico e si è proceduto, invece, in qualche caso, ad una trattazione per generi (es.: satira e romanzo). Si è ripreso, in continuità con il programma di quarto anno, lo studio del De rerum natura di Lucrezio. Limitata è stata, in generale, la considerazione degli aspetti morfo-sintattici, comunque inserita nei percorsi letterari e nell'analisi dei testi. Tutta la classe dimostra di aver acquisito i contenuti irrinunciabili della disciplina, anche se con diversi livelli di padronanza e profondità. Abilità L attività didattica è stata finalizzata al riconoscimento delle strutture note della lingua latina al consolidamento delle competenze linguistiche (strutture sintattiche ricorrenti; lessico specifico di autori o generi); alla comprensione del testo nel suo complesso, nel rispetto del taglio metodologico; alla traduzione di brani di autori noti; alla memorizzazione del lessico pregnante; all' analisi di un testo nei diversi livelli. La classe, generalmente disponibile e attenta, ha ottenuto risultati migliori nelle prove scritte di comprensione e analisi del testo, attività verso le quali si è prevalentemente rivolto il lavoro didattico in quest ultimo anno scolastico. Sono state tuttavia somministrate prove in parte interessate anche dalla traduzione, nello specifico di autori oggetto del percorso di studio. Competenze Nell attività didattica ci si è rivolti all acquisizione e al potenziamento di competenze sia disciplinari sia trasversali: nel triennio in cui ho lavorato con la classe, gli allievi sono stati allenati ad esporre i contenuti disciplinari in modo chiaro e coerente, con attenzione al lessico disciplinare; a formulare motivati giudizi critici, argomentandoli opportunamente; a creare collegamenti e confronti, anche in prospettiva interdisciplinare; a trasferire informazioni, competenze, ecc. da un contesto (o autore o argomento) all altro; a scoprire relazioni intertestuali; a collegare i contenuti disciplinari alla propria esperienza umana. Tali competenze possono dirsi consolidate nella prassi di molti allievi, se pur con diversi livelli di padronanza; l atteggiamento collaborativo e partecipe, anche se non per tutti ugualmente puntuale e rigoroso nel percorso di studio, ha permesso ai più di acquisire discrete, talora buone e più che a.s. 2014/15 pag.13 di 65

14 buone, capacità di sintesi, argomentazione e personalizzazione dei contenuti disciplinari; da parte di alcuni allievi tali competenze risultano sviluppate in modo magari parziale, ma comunque accettabile e in risposta ad un impegno che ha trovato conferme nel tempo. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) Si è fatto ricorso, secondo la necessità e la natura delle tematiche affrontate, alla lezione frontale e alla lezione dialogata (per sollecitare riflessioni o analisi), procedendo ora deduttivamente ora induttivamente. Ci si è avvalsi della lettura diretta del numero maggiore possibile di testi, analizzati nei diversi livelli; frequenti sono state le discussioni guidate, mentre limitato il ricorso al lavoro di gruppo. Per casa gli allievi sono stati periodicamente impegnati in una produzione scritta tesa a consolidare la prassi di traduzione e di analisi dei testi, quando non ad approfondire individualmente alcuni aspetti della disciplina. E' stato strumento privilegiato dell attività didattica il libro di testo, corredato talora da materiale in fotocopia. L'approfondimento è avvenuto tramite il ricorso ad ulteriori testi oltre a quelli in adozione. Per il recupero si è fatto ricorso alla pausa didattica. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Sono stati strumenti di verifica per la valutazione orale: interrogazione-colloquio, anche programmata, test scritti (per lo più a domanda aperta), interventi e approfondimenti a cura degli studenti. Le ore di lezione successive al 15 Maggio saranno dedicate al ripasso di tutto il programma di studio, soprattutto ricorrendo all'interrogazione-colloquio. Sono stati strumenti di verifica per la valutazione scritta: prove scritte miste (traduzione e/o comprensione e/o analisi e/o commento e/o contestualizzazione e/ confronto con la produzione dello stesso autore o di altri autori e/o generi) e tipologie conformi alla prova multidisciplinare d'esame. Le prove sono state di volta in volta differenziate, quanto a competenze, rispettando gli obiettivi intermedi di lavoro. Sono state previste ed effettuate tre prove scritte per il primo quadrimestre e altrettante per il secondo quadrimestre. Tutte le prove sono state valutate sulla base di una griglia di valutazione, espressa in punteggi, calibrata di volta in volta sulla tipologia della prova e allegata al testo della stessa. A questi strumenti di valutazione va aggiunta la registrazione dell attenzione in classe e della puntualità nello svolgimento dei compiti assegnati per casa, oltre alla partecipazione al dialogo educativo che in questa classe è stata vivace. TESTI IN ADOZIONE G.Garbarino, Electa. Letteratura, testi, cultura latina. Dalle origini alla crisi della repubblica. Paravia G.Garbarino, Electa. Letteratura, testi, cultura latina. Dall età di Augusto ai regni romano-barbarici. Paravia Belluno, 13 maggio 2015 Il docente Tatiana Munaro a.s. 2014/15 pag.14 di 65

15 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2015 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ARGOMENTO L età di Cesare 1. Lucrezio, De rerum natura. Contenuto, struttura compositiva e stile dell'opera. La poetica. La lotta della ragione contro errori e falsità. Letture antologiche t 16 L inno a Venere. Invocazione alla dea (I, vv. 1-20) t 16 L inno a Venere. Preghiera letteraria e civile (I, vv ; in traduzione) t 17 Elogio di Epicuro (I, vv ) t 18 L epicureismo non può essere accusato di empietà (I, vv ; in traduzione) t 19 La funzione della poesia (I, vv ; in traduzione) t 20 La natura matrigna (V, vv ; in traduzione) t 21 Non bisogna aver paura della morte! (III, vv ; in traduzione) t 22 Il taedium vitae (III, vv ; in traduzione) Il principato gentilizio 2. Fedro, Fabulae. Il modello e il genere favola. I contenuti e le caratteristiche dell'opera. Letture antologiche Il lupo e l'agnello (in fotocopia) 3. Lucano, Pharsalia. Il contenuto del Bellum civile. Le caratteristiche dell' épos di Lucano. Letture antologiche t 38 L argomento del poema e l apostrofe ai cittadini romani (I, vv. 1-32; in traduzione) Una scena di necromanzia (VI, vv ; ; in traduzione) 4. Seneca. Dati biografici. I dialoghi di impianto consolatorio. I dialoghitrattati. I trattati: il De clementia. Le Epistole a Lucilio. Le tragedie (argomento del Tieste). L' Apokolokýntosis. Letture antologiche Epistole a Lucilio, I ( in fotocopia) t 45 Come trattare gli schiavi (Epistole a Lucilio, XLVII, 1-4) t 46 Gli umili compiti degli schiavi (Epistole a Lucilio, XLVII, 5-9) t 47 I veri schiavi (Epistole a Lucilio, XLVII, 10-17) Il rispetto non si fonda sul timore (Epistole a Lucilio, XLVII, 18-21; in traduzione) Lettura integrale di un Dialogo a scelta. 5. Petronio, Satyricon. La questione dell'autore del Satyricon. Contenuto dell'opera. La questione del genere letterario. Il realismo petroniano. Letture antologiche t 50 L ingresso di Trimalchione (32-33; 34 in traduzione) t 51 Presentazione dei padroni di casa (37, 1-38, 5; in traduzione) t 52 Il testamento di Trimalchione (71, 1-8; 11-12; in traduzione) PERIODO DI SVOLGIMENTO 14 ore Settembre-Ottobre 7 ore Febbraio - Marzo (favola, satira, epigramma) 4 ore Gennaio 20 ore Ottobre - Gennaio 7 ore Novembre - Gennaio a.s. 2014/15 pag.15 di 65

16 t 53 La matrona di Efeso (110,6 112, 8; in traduzione) 6. Persio, Satire. La poetica della satira. Le satire di Persio; i contenuti. Forma e stile delle satire L età dei Flavi 7. Plinio il Vecchio: Naturalis historia Letture antologiche Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Lettera prefatoria (in traduzione; in fotocopia) t 69 Plinio il Giovane, Epistulae: L eruzione del Vesuvio e la morte di Plinio il Vecchio (VI, 16) 8. Marziale. La poetica. Gli Epigrammata: precedenti letterari e tecnica compositiva. I temi e lo stile degli Epigrammata Letture antologiche t 54 Obiettivo primario: piacere al lettore! (IX, 81) t 56 La scelta dell epigramma (X, 4; in traduzione) t 57 Matrimoni di interesse (I, 10; X, 8; X, 43) t 60 Erotion (V, 34; in traduzione) Il trasloco di Vacerra (XII, 32; in traduzione) Il podere nomentano (II, 38; in fotocopia) Un amica per mia moglie (IV, 24; in fotocopia) Il principato adottivo. 9. Giovenale: Satire. La poetica di Giovenale. Le satire dell'indignatio. Il secondo Giovenale Letture antologiche t 67Miserie e ingiustizie della grande Roma (III, vv ; in traduzione) La ridda infernale delle strade di Roma (III, ; in fotocopia, in traduzione) 10. Tacito. L' Agricola. La Germania. Le opere storiche: Historiae e Annales. La concezione storiografica di Tacito. La prassi storiografica Letture antologiche Il fiero discorso di Calgàco (Agricola 30-32; in traduzione; in fotocopia) t 72 I confini della Germania (Germania, 1) t 74 Le divinità dei Germani (Germania, 9) t 75 Le assemblee e l amministrazione della giustizia (Germania, 11) Vizi dei Romani e virtù dei barbari: il matrimonio (Germania, 18-19; in traduzione) t 76 L inizio delle Historiae (Historiae I, 1; in traduzione) t 77 La riflessione dello storico negli Annales (Annales, IV, 32-33; in traduzione) t 78 L incendio di Roma (Annales, XV, 38; in traduzione) t 80 La ricostruzione di Roma e la Domus Aurea (Annales, XV, 42-43; in traduzione) La morte di Messalina (Annales, XI, 34-38; in traduzione; in fotocopia) Il suicidio di Seneca (XV, 61-64; in traduzione; in fotocopia) Dall età degli Antonini ai regni romano-germanici. 11. Apuleio. Le Metamorfosi. Titolo e trama del romanzo. Le sezioni narrative. Caratteristiche, intenti e stile dell'opera Letture antologiche 7 ore (cfr. Fedro) 2 ore Maggio 7 ore (cfr. Fedro) 7 ore (cfr. Fedro) 7 ore Aprile 6 ore Febbraio - Marzo a.s. 2014/15 pag.16 di 65

17 t 82 Il proemio e l inizio della narrazione (Metamorfosi, I, 1-3; in traduzione) t 83 Lucio diventa asino (Metamorfosi, III, 24-26; in traduzione) t 84 Il significato delle vicende di Lucio (Metamorfosi, XI, 13-15; in traduzione) t 85 Psiche, fanciulla bellissima e fiabesca (Metamorfosi, IV, 28-31) 12. Tertulliano, Apologeticum 1 ora Maggio 13. Agostino, Confessiones. Il De civitate Dei (argomento dell'opera) 2 ore Maggio Ore di lezione effettivamente svolte: 83 Dal computo delle ore destinate allo svolgimento del programma (inclusivo di verifiche orali, correzione degli esercizi per casa, correzione delle verifiche scritte, approfondimenti individuali, pause didattiche) sono escluse n. 6 ore destinate ai compiti scritti (tre per quadrimestre) e n. 2 ore destinate a verifiche scritte valide per l'orale (una per quadrimestre). Belluno, 13 maggio 2015 I rappresentanti degli studenti Il docente a.s. 2014/15 pag.17 di 65

18 RELAZIONE FINALE a.s.2014/ 15 DISCIPLINA Storia DOCENTE Pinuccia Da Corte OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Il programma, svolto in un clima di generale interesse ed attenzione, ha affrontato gli eventi fondamentali della storia dall età dell imperialismo al secondo dopoguerra, privilegiando l area europea e italiana; inoltre si è prestata attenzione ad alcune significative ricorrenze, quali il primo centenario della grande guerra e del genocidio armeno. Nell analisi degli argomenti sono stati considerati anche alcuni importanti contributi storiografici, che hanno favorito la riflessione personale e il dialogo in classe. Infine, sono stati enucleati i temi fondamentali e l attualità dell opera di V.Havel Il potere dei senza potere. Abilità Gli allievi, mediamente, riescono a cogliere l intreccio di diversi fattori presenti nell evento storico, a contestualizzare gli avvenimenti, a utilizzare concetti specifici e ad attuare, secondo il livello di preparazione raggiunto, possibili confronti tra fenomeni storici diversi. Competenze Nel corso dell anno gli alunni hanno acquisito una maggior consapevolezza della profondità del presente e una più acuta coscienza storica, in grado di favorire un adeguato inserimento nella vita civile; inoltre hanno potenziato, anche se a livelli differenti, il proprio senso critico attraverso la capacità di fare domande sui contenuti e di confrontarsi con alcune interpretazioni storiografiche. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) L iter didattico è stato contrassegnato soprattutto dalla lezione frontale e dal dialogo intenzionale o spontaneo riguardante specifiche questioni poste dagli allievi o sollevate dall insegnante. Accanto al modulo narrativo, essenzialmente contenutistico ed espositivo della materia, utilizzato per offrire le coordinate fondamentali di un periodo, in riferimento a fatti giudicati importanti si è dato spazio all analisi di significativi contributi storiografici, nell intento di illuminare da più prospettive l evento e favorire la consapevolezza della complessità e dei limiti della ricostruzione storica. Le prime lezioni sono state dedicate ad una riflessione sul metodo storico, in particolare sul problema della conservazione del passato e gli usi della memoria. Nella narrazione storica ho sottolineato i seguenti aspetti: la novità dell avvenimento; la complessità degli eventi, in cui si intrecciano una pluralità di fattori che non sono riconducibili in modo deterministico ad una legge scientifica della dinamica storica; l importanza del fattore umano, non solo delle grandi masse ma pure dell individuo; lo sviluppo dei principali fattori istituzionali, a.s. 2014/15 pag.18 di 65

19 economici, culturali, politici dei vari periodi. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Nella valutazione si sono considerati: le interrogazioni orali, i contributi emersi durante la discussione in classe, gli approfondimenti personali, le prove scritte, secondo la tipologia A e B della terza prova d esame. Per ottenere una valutazione sufficiente, l allievo ha dovuto mostrare di conoscere i fatti nel loro sviluppo essenziale, saperli mettere in relazione,esprimendosi con chiarezza ed organicità. La capacità di articolare l esposizione degli argomenti con rigore lessicale e ricchezza di informazioni, la competenza nello stabilire relazioni tra i fatti, la conoscenza del dibattito storiografico e l approfondimento personale e critico della materia hanno determinato i differenti livelli di valutazione.(vd. Il piano di lavoro di filosofia e di storia). MATERIALI DIDATTICI Gli strumenti didattici hanno incluso, oltre al manuale, documenti, saggi e la lettura domestica di un libro. TESTI IN ADOZIONE Profili storici, voll.2 e 3 di A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto Il potere dei senza potere, di V. Havel Belluno, 13 maggio 2015 Il docente a.s. 2014/15 pag.19 di 65

20 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2015 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ARGOMENTO PERIODO DI SVOLGIMENTO dal al La conservazione del passato e gli usi della memoria, considerazioni di T.Todorov 18 sett. 20 sett. Volume 2 CAP 21- Imperialismo e colonialismo La febbre coloniale. Colonizzatori e colonizzati. Il Sud Africa e la guerra anglo-boera. Documenti: J.R.Kipling:Il fardello dell uomo bianco 20 sett. 25 sett. Volume 3 CAP.1- La Seconda Rivoluzione Industriale Il capitalismo a una svolta: concentrazioni, protezionismo, imperialismo. La crisi agraria e le sue conseguenze. Scienza e tecnologia. Le nuove industrie. Le nuove frontiere della medicina. Il boom demografico. CAP.2- Verso la società di massa Che cos è la società di massa. Sviluppo industriale e razionalizzazione produttiva. Le nuove stratificazioni sociali. Istruzione e informazione. Gli eserciti di massa. Suffragio universale, partiti di massa, sindacati. La questione femminile. Riforme e legislazione sociale. I partiti socialisti e la seconda internazionale. I cattolici e la Rerum Novarum. Il nuovo nazionalismo Documenti: F.W.Taylor: L organizzazione scientifica del lavoro. J.Ortega y Gasset: La ribellione delle masse. CAP 3- L Europa tra i due secoli Le nuove alleanze. La belle époque e le sue contraddizioni. CAP 5- L Italia Giolittiana; La crisi di fine secolo. La svolta liberale. Decollo industriale e progresso civile. La questione meridionale. I governi Giolitti e le riforme. Il giolittismo e i suoi critici. La politica estera, il nazionalismo, la guerra in Libia. La crisi del sistema giolittiano. CAP 6- La prima guerra mondiale Dall attentato di Sarajevo alla guerra europea. Dalla guerra di movimento alla guerra di usura. L Italia dalla neutralità all intervento. La guerra nelle 26sett. 17 ott. 30 ott.. 16ott. 29 ott. 5 dic.. a.s. 2014/15 pag.20 di 65

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli