LA POSIZIONE ATTUALE (NON UFFICIALE) DELLA CURIA VESCOVILE DI MOSTAR NEI CONFRONTI DEGLI EVENTI DI MEDJUGORJE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POSIZIONE ATTUALE (NON UFFICIALE) DELLA CURIA VESCOVILE DI MOSTAR NEI CONFRONTI DEGLI EVENTI DI MEDJUGORJE"

Transcript

1 1 LA POSIZIONE ATTUALE (NON UFFICIALE) DELLA CURIA VESCOVILE DI MOSTAR NEI CONFRONTI DEGLI EVENTI DI MEDJUGORJE 1) Motivi dell intervento della Curia La parrocchia di Medjugorje, appartenente alla diocesi di Mostar, Hercegovina, in Jugoslavia, è diventata nota in tutto il mondo. Le presunte apparizioni della Madonna, di cui la stampa mondiale si occupa dal giugno 1981, sono un punto di attrazione che in molti suscita un entusiasmo eccessivo, mentre gli altri ne temono un giudizio negativo della Chiesa. I fedeli comuni, di solito, non si intendono troppo della teologia. Sono proclivi, a volte, a legare la propria fede alle rivelazioni private, alle apparizioni. Anzi, talvolta non sono a conoscenza del fatto che neanche il Santo Padre può esigere da qualcuno di accettare Lourdes, Fatima ed altri luoghi delle apparizioni celesti. Perciò, coloro che accettano fanaticamente gli eventi di Medjugorje come autentici, possono vedere un nemico della fede anche nei fedeli buoni che non ci credono nelle apparizioni di Medjugorje. Dato che tale fatto crea una tensione e divisione tra i fedeli, la Curia vescovile di Mostar è costretta ad intervenire, anche prima del definitivo parere della Commissione su Medjugorje, per richiamare l attenzione del pubblico all imprudente propaganda e all irresponsabile organizzazione dei pellegrinaggi a Medjugorje. Tali cose possono essere molto più nocive che utili alla Chiesa, poiché c è da temere seriamente che tutto questo possa procurare una vergogna alla Chiesa e alla fede cattolica e grande illusione alle anime pie. Inoltre, la Curia di Mostar è consapevole della grande responsabilità davanti a Dio e agli uomini nel pubblicare questo scritto. Il Vescovo ha invitato, dall inizio, sia oralmente, sia per iscritto, i francescani di Medjugorje a non fare una propaganda sfrenata e a non prevenire il giudizio della Chiesa. Il desiderio della propria affermazione in difesa del loro atteggiamento nel notorio caso erzegovinese, tutto accompagnato dai non insignificanti interessi materiali, ha fatto crollare tutti i riguardi ed argini. Varie informazioni e articoli nei giornali e riviste, i bollettini, gli opuscoli, i libri, scritti dai teologi noti ma irresponsabili, i TV-films, videocassette, i giornalisti superficiali, i carismatici esaltanti hanno creato nel mondo un euforia che induce la Curia vescovile a rendere pubblica la sua posizione attuale, sebbene non ancora ufficiale, riguardo agli eventi di Medjugorje. 2) Sospetti e dubbi Il Vescovo Ordinario, Mons. Pavao Žanić, ha seguito dall inizio ciò che avveniva a Medjugorje e ha pensato tra di sè: Se lo scandaloso caso erzegovinese (circa la disobbedienza dei francescani ai Decreti della Santa Sede concernenti le parrocchie), che gi à da anni persiste in Hercegovina, non è stato risolto tramite gli uomini, forse Iddio ha voluto mandarci la Madonna per indurre i disobbedienti all ubbidienza e all amore verso la Chiesa. Nelle prime settimane, quando l afflusso degli uomini a Medjugorje cominciava ad aumentare, il Vescovo locale si è trattenuto in una conversazione con i veggenti (il 21 luglio 1981). Già all inizio c erano certe cose che avevano un sapore di bugie (per es. erano diversi i motivi per cui i ragazzi andavano a Podbrdo, luogo delle apparizioni, cioè si raccoglievano le pecore, o i fiori, o si andava a fumare, oppure la mossa della lancetta dell orologio addietro ecc.), ma il Vescovo non ci dava un gran peso. Però ha domandato ai veggenti se la Madonna abbia detto qualcosa sul caso erzegovinese. Essi hanno risposto che la Madonna avrebbe detto che tutto si sarebbe risolto in breve tempo. Poi, quando Le hanno chiesto se bisognava pregare a tal fine, Ella avrebbe risposto: non c è bisogno! Più tardi i ragazzi si correggevano, e domandavano per la seconda volta, e per la terza, alla Madonna, ma tale correzione sembrava ben intenzionata.

2 Nella settima apparizione, che non aveva luogo a Medjugorje, ma a Cerno (alcuni chilometri da Medjugorje, dove i veggenti sono stati portati a macchina dagli agenti dello Stato), i ragazzi hanno comunicato al parroco la stessa sera che la Madonna aveva detto che ci sarebbero ancora tre apparizioni: mercoledì, giovedì e venerdì, cioè il 1, il 2 ed il 3 luglio /1981/. Venerdì, sarebbe stata l ultima apparizione. A tale ultima apparizione, avvenuta nella casa parrocchiale di Medjugorje, sono stati presenti anche alcuni sacerdoti. Terminata l apparizione, i veggenti hanno detto: Questa è l ultima apparizione! Allora, come si può spiegare il fatto che le apparizioni siano continuate e che non cessino ancora? Nei primi giorni i veggenti erano molto eccitati, esaltati, svenivano persino. Uno stato allucinatorio si trasferiva anche ai pellegrini, molti vedevano varie cose e persone e si raccontavano storie ridicole. Era molto difficile accertare la veridicità e la non veridicità di tali racconti. Sulla fine dell estate 1981, quando sono sorti i seri dubbi nell autenticità delle apparizioni, non era facile rispondere come è stato iniziato tutto questo, quale era il significato degli avvenimenti, che cosa era vero di quello che si parlava sui fenomeni luminosi e sulle presunte guarigioni. Ma c erano pure molte ragioni per dubitare nell autenticità delle apparizioni, e pensare seriamente all allucinazione. Infatti la Madonna è stata vista per prima da Ivanka Ivanković, la cui madre era morta qualche mese prima, ed essa si interessava molto dove è andata a finire la sua mamma. Poi, nell apparizione a Cerno, di nuovo la Madonna appare per prima a lei. Il Vescovo aveva ragioni per dubitare seriamente nelle apparizioni anche prima di aver avuto nelle mani il famoso estratto del Diario della principale veggente, Vicka Ivanković /nel febbraio 1983/. Infatti il 14 gennaio 1982 al Vescovo si sono presentati: Vicka Ivanković, Marija Pavlović e Jakov Čolo. Essi hanno comunicato al Vescovo che la Madonna aveva detto che egli aveva agito precipitosamente nelle sue decisioni nei confronti dei frati. Il Vescovo ha chiesto a più riprese se c era ancora qualche cosa nelle apparizioni che lo poteva interessare. /Il Vescovo, infatti, aveva sentito da un membro del governo provinciale sui messaggi della Madonna ai due frati di Mostar/. Ma i veggenti negavano categoricamente di avere un altro messaggio. Però il 3 aprile 1982 sono venuti dal Vescovo Vicka Ivanković e Jakov Čolo, inviati dalla Madonna. Vicka ha detto testualmente /registrato al magnetofono/: La Madonna ci ha rimproverato perché l ultima volta non abbiamo detto tutto. Ha parlato di questo caso /erzegovinese/ e ha scoppiato a ridere e ha aggiunto che ella avrebbe messo in ordine tutto, da sola. Io non c ho la minima idea di che cosa si tratta. Poi cominciò a ridere. Allora io e Jakov ci siamo smascellati dalle risa. La gente ci chiede: perché ridete? Noi rispondiamo che ridiamo perché ella ci ha detto di ridere Ella ha detto di codesti frati che a loro piace lavorare nella Chiesa come a tutti gli altri, e celebrare la messa. I sacerdoti non sono affatto colpevoli. Ella ha detto anche i loro nomi, io non li conoscevo, e più tardi li ho visti, Prusina e Vego. Dice che essi non sono affatto colpevoli. Lo ha ripetuto due volte. Jakov lo ha sentito, era presente anche Marija. Il Vescovo: Ti ha detto questo, riguardo a loro, prima che tu sei stata da me l ultima volta, il 14 gennaio 1982, e perciò ti ha rimproverato di non averlo detto? Vicka: Sì, perciò mi ha rimproverato tre volte perché non ci sono venuta, perché non Glielo detto. Il Vescovo insiste ancora: Di nuovo non ci siamo intesi. L ultima volta sei stata da me, il 14 gennaio. Prima di tale data la Madonna ti ha detto di trasmettermi il messaggio sui cappellani di Mostar? Vicka: Sì, ma io non l ho trasmesso, e perciò mi ha rimproverato, perché non ho fatto il mio dovere. Io invece ho parlato troppo e non potevo ricordarmi. Eppure il Vescovo le ha domandato direttamente sui cappellani! 2

3 3 Inoltre, tre gorni prima della menzionata data, cioè l 11 gennaio 1982 la stessa Vicka ha scritto nel suo Diario nascosto: Abbiamo domandato di nuovo sui due cappellani di Mostar. La Madonna ha ripetuto due volte quello che aveva detto prima. Ricordiamo che Vicka aveva parlato con la Madonna ancora due volte prima, cioè il 19 dicembre 1981 e il 3 gennaio 1982, sempre sullo stesso argomento. Quindi dal suo comportamento appare una palese contraddizione e menzogna! Aggiungiamo ancora qualche elemento che ci fa sorgere i fortissimi dubbi nelle apparizioni di Medjugorje. Sulla fine del 1981 e nel corso del 1982 avvenivano vari miracoli e cose assurde. Se ne parlava moltissimo. Alcune chiacchiere sono messe anche per iscritto. Per esempio, Vicka nel suo Diario, di cui possediamo la copia, scrive che essi, i veggenti, hanno visto tante volte, accanto alla Madonna, anche il fra Jozo Zovko, parroco di Medjugorje, che era nel carcere. Hanno visto poi Ivan Dragićević, che si trovava nel seminario francescano di Visoko. Nello stesso Diario troviamo delle fantasticherie riguardanti il fra Jozo Zovko nel carcere, come per esempio: le guardie spengono la luce e chiudono a chiave la porta della stanzetta di Zovko, ma la luce si accende e la porta si apre, tutto da solo! Oppure una di questo genere: Venerdì, 4. IX Oggi abbiamo atteso la Madonna presso Mirjana. Io (Vicka), Marija, Ivanka e Jakov con noi. Abbiamo cominciato a pregare alle 18,20. La Madonna è apparsa subito. Le abbiamo domandato dei frati e delle suore della nostra parrocchia Abbiamo domandato dell uomo che ha visto Gesù sulla strada, quando ha portato a macchina la gente. Egli ha incontrato un uomo che era tutto nel sangue tale uomo era Gesù ed egli (Gesù) gli ha dato un fazzoletto macchiato di sangue e gli ha detto di buttarlo nel fiume. Conducendo più avanti, ha incontrato una donna era la Beata Vergine Maria ed Ella ha chiesto all uomoconducente il fazzoletto insanguinato. L uomo le ha dato un fazzoletto suo, ma la Madonna ha chiesto quello macchiato di sangue. Quando l uomo le ha dato il fazzoletto insanguinato, la Madonna ha detto: Se non me l avessi dato, sarebbe l ultimo giudizio per tutti! La Madonna ha detto che ciò era vero. Così scrive Vicka nel suo Diario, così anche i veggenti hanno comunicato tramite varie interviste. Il Vescovo ha chiesto ai veggenti, chi ha detto loro di pregare sette Padrenostro, Avemaria e Gloria al Padre e il Credo. Alcuni hanno risposto: la Madonna, altri: la nonna, altri invece: così si prega sempre in Hercegovina. Tutto questo mette in forte dubbio l autenticità delle apparizioni. 3) Il grande segno Fin dall inizio delle apparizioni i veggenti dicevano che la Madonna avrebbe lasciato un segno, visibile a tutti, come prova delle sue apparizioni. Su tale segno Vicka scrive nel suo Diario: Quando sarà il segno, la Madonna ha risposto: - Verrà presto (il 27 agosto 1981). - Ancora un po di pazienza (il 29 agosto 1981). - Mo, ancor un po di pazienza (il 31 agosto 1981). - Ancora solo un po di pazienza (il 3 settembre 1981). Vicka ha detto ad una persona che lo ha confidato al Vescovo, che il segno sarebbe stato prima che il suo pappa ritornasse dalla Germania. Ed egli doveva venire verso il Natale del Questo segno, richiamo ai pellegrini, fu notato al pubblico molte volte: per l Immacolata del 1981, per il Natale dello stesso anno, per il Capo d anno 1982 ecc. Naturalmente, quando non è successo nulla, i veggenti hanno detto: Noi non lo abbiamo detto! Col decreto dell 11 gennaio 1982 il Vescovo ha nominato una Commissione per raccogliere ed esaminare il materiale riguardante le vicende di Medjugorje. La Commissione

4 4 ha avuto qualche volta la sua riunione. Dopo il secondo incontro, il Vescovo ha incaricato due membri della Commissione, il 10 maggio 1982, a recarsi a Medjugorje per chiedere ai veggenti la descrizione e la data del grande segno. La descrizione doveva essere fatta in due copie: una per la Curia, l altra per i veggenti. Le copie dovevano essere messe in buste, poi chiuse e sigillate dal timbro della Curia Vescovile di Mostar. Per ò, i veggenti hanno risposto che, per mandato di fra Tomislav Vlašić, avevano chiesto alla Madonna il permesso di scriverlo. Ma la Madonna ha proibito categoricamente ogni messa in scritto. /Fra Ivan Dugandžić, membro della Commissione, ha ammesso, più tardi, di aver informato fra Tomislav Vlašić su questa intenzione della Commissione e del Vescovo/. Poi, i due membri della Commissione si sono recati subito a Sarajevo per chiedere la stessa cosa alla veggente Mirjana Dragićević (questa ha il telefono a casa). Essa ha risposto di aver domandato alla Madonna, la quale però proibisce di scrivere qualunque cosa sul segno. Allora, un membro della Commissione si è recato a Visoko per chiedere la stessa cosa al veggente Ivan Dragićević /il telefono del seminario è sotto il controllo del prefetto /. Questo veggente ha descritto tutto, senza la minima opposizione, e le sue buste, sigillate dal timbro del seminario, si trovano una nel seminario, l altra nella Curia vescovile di Mostar. Poi, il 3 agosto 1982 il Vescovo ha chiamato tutti i veggenti a Mostar. Davanti ad alcuni membri della Commissione ha chiesto a loro, separatamente, di descrivere il segno, indicarne la data della manifestazione, mettere solo in una busta, timbrare col timbro della Curia, e ciascuno può portare a casa, senza lasciare alcuna copia a Mostar. E quando avverrà quel segno, si apriranno le buste e si vedrà se la profezia corrisponde ai fatti. Ma i veggenti hanno rifiutato di farlo. Allora il Vescovo ha chiesto a I. Dragi ćević se la Madonna l aveva rimproverato di aver fatto la descrizione del segno a Visoko. Egli rispose: No! Il Vescovo ha avuto nelle mani la cassetta del discorso registrato dalla veggente Mara Jerković di Medjugorje, ma non appartenente ai veggenti del gruppo sei. Essa dice, che un giorno sorgerà sulla collina delle apparizioni un grande santuario della Madonna, per l intervento straordinario di Dio e della Madonna. Sorgerà una chiesa bell e fatta, davanti alla quale una grande statua della Madonna. Davanti ad essa ci sarà un grande lago, circondato dalle rose bianche e rosse. Dalla chiesa fino al villaggio, in gi ù, saranno le scaline di pietra! 4) Le profezie dei carismatici L inserto speciale, nr. 11 (1981), pubblicato da Lucy Rooney, S.N.D. /segretaria di P. Robert Faricy/, riporta il seguente brano: Nel Maggio 1981, ha avuto luogo a Roma una conferenza internazionale per i leaders del rinnovamento carismatico. Uno dei leaders della Jugoslavia presenti era Padre Tomislav Vlašić, O.F.M. Durante la conferenza egli chiese ad alcuni leaders di pregare insieme a lui per la guarigione della Chiesa. Uno dei leaders che pregava con lui, Suor Briege McKenna, ebbe l immagine mentale del P. Vlaši ć seduto e circondato da una grande folla; dal sedile fluivano fiumi d aqua. Un altro, Emile Tardif O.P. disse in profezia Non temere, sto per inviarti mia Madre. E così P. Vlašić tornò a Jugoslavia. Due settimane dopo il suo ritorno, Nostra Signora cominciò ad apparire ad un gruppo di ragazze e ragazzi nella parrocchia Francescana di Medjugorje. Fluiscono adesso fiumi di vita nuova. Bisogna domandarsi chi è codesto Padre Tardif che possa inviare la Madonna dove egli vuole? Già dal loro inizio gli eventi di Medjugorje si trovano nelle mani dei carismatici: fra Jozo Zovko, fra Tomislav Vlašić ed altri. Si diceva spesso che i messaggi della Madonna sono evangelici. E ovvio che sono evangelici, almeno quelli che si sono diffusi maggiormente. Dovevano essere tali, perché li ha composti fra Tomislav Vlaši ć che conosce la teologia e sa che cosa bisogna dire. Può essere molto efficace lanciare l appello alla

5 5 preghiera, alla penitenza e alla conversione. Quelli che sono venuti a Medjugorje erano così colpiti, entusiasmati dalla preghiera, dalle confessioni, e molti si convertivano poiché credevano che la Madonna appariva. Ma tali fatti non sono alcuna prova per l autenticità delle apparizioni! E noto dalla storia della Chiesa che addietro agli eretici e agli scismatici correvano masse dei seguaci facendo le opere di grande penitenza e pietà, dividevano tutto ai poveri, camminavano a piedi nudi, non si sposavano ecc. Ma tali segni non erano prove che gli eretici camminavano per via giusta! E noto anche il fatto che la gente prega con pari devozione sia davanti ad una reliquia falsa e quella autentica, sia nel luogo dove la Madonna è veramente apparsa (Lourdes, Fatima ) come altrove dove esistevano solo allucinazioni. Il nostro popolo non sapeva molto dei simili luoghi delle apparizioni, come per es. Garabandal in Spagna, dove la Madonna appariva alle quattro ragazze dal 1961 al Lì avveniva lo stesso come a Medjugorje: l invito alla preghiera e alla penitenza, alla conversione, minacce al mondo se non si converta, e in modo particolare un grande segno per cui tutti credevano che la Madonna vi appariva realmente. Dopo quattro anni di tali apparizioni, una delle veggenti, Maria Cruz, ha detto: Io non ho mai visto la Madonna! Di quel grande segno non c è alcuna traccia! La Commissione, costituita dal Vescovo di Santander, ha dichiarato che le apparizioni non sono soprannaturali. Lo stesso è avvenuto a San Damiano, in Italia. Quelli che hanno propagato le apparizioni di Garabandal e di San Damiano hanno resistito per anni alla disciplina ecclesiastica e alle decisioni dei Vescovi locali. Infine, il mondo ha accettato che le apparizioni erano semplici allucinazioni. 5) In concerto con la Santa Sede Il Vescovo di Mostar ha cercato di informare la Santa Sede su tutti gli eventi di Medjugorje. Ne ha conversato due volte con il Santo Padre. Il Papa gli ha raccomandato di essere molto cauto / procedere con grande cautela!/. Il 2 giugno 1982 il Vescovo è stato di nuovo a Roma e ha sottoposto una relazione alla Santa Sede. Gli è stato raccomandato di non aver fretta nell emettere un giudizio, poiché il tempo apporterà le nuove prove pro e contra. Le apparizioni del resto persistono ancora, è probabile che avvenga qualcosa di nuovo. Non era possibile starsene con le mani giunte, poiché la propaganda ha fatto i suoi passi ed efetti e voleva mettere il Vescovo e la Commissione davanti ad un fatto compiuto: ecco, vedete, ci sono le masse che pregano, si convertono, ci sono le guarigioni ecc. Il Vescovo avvertiva continuamente i francescani di Medjugorje di non propagare l autenticità delle apparizioni, di non andare davanti al giudizio della Chiesa. E ripeteva questa frase: Se la Madonna lascia un segno autentico, quelli che non credono nelle apparizioni, in primo luogo il Vescovo locale, verranno a Medjugorje, smentiranno quello che dicevano prima. Ma se un giorno si giunga alla conclusione che le apparizioni non sono autentiche, che cosa potranno dire alla gente quelli che adesso propagano Medjugorje? 6) Il Diario delle apparizioni Quello che la Santa Sede suggeriva riguardo al cammino cauto, poiché con l andar del tempo sarebbero emerse nuove prove pro e contra, poteva produrre i frutti alla fine del gennaio del Infatti, un gesuita sloveno, P. Radogost Grafenauer, presentatosi come un esperto nei discernimenti degli spiriti si interessava di Medjugorje. Egli venne alla Curia vescovile di Mostar nel gennaio Lì rimase per tre giorni: ascoltava i nastri delle interviste e dei racconti dei veggenti, faceva degli appunti e in fine disse: Io non vado a Medjugorje. Lì non succede nulla. Il Vescovo gli replicò: Vada pure e veda quel che c è! Ed egli andò. Arrivato lì, è rimasto per qualche tempo, ha avuto un interrogatorio con i

6 6 veggenti e ha concluso che la Madonna non ci appariva. Però, nella conversazione con Padre Tomislav Vlašić si è convertito completamente accettando l autenticità delle apparizioni. Quando i frati hanno visto che egli ci credeva fortemente, gli hanno offerto la possibilità di dare una occhiata al Diario della principale veggente, Vicka Ivankovi ć, e alla Cronaca delle apparizioni, condotta dal Padre Vlašić. P. Grafenauer ha trascritto dalla Cronaca e ha confrontato con il Diario tutto quello che la Madonna aveva da comunicare al Vescovo locale. Lo stesso Padre ha inviato al Vescovo, il 16 febbraio 1983, i messaggi della Madonna riguardanti i due cappellani di Mostar, fra Ivan Prusina e fra Ivica Vego, i quali sono stati espulsi dall Ordine, sciolti dai voti e sospesi a divinis (il 29 gennaio 1982). Ecco gli estratti del Diario di Vicka: - Il 19 dicembre sabato Ho chiesto sul problema erzegovinese, in particolare riguardo a fra Ivica Vego. La Madonna ha detto che il più colpevole di questi disordini è il Vescovo Žanić. Lei ha detto che fra Ivica Vego non è colpevole, e che il Vescovo ha tutto il potere. Ha detto a lui /a fra Vego/ di rimanere a Mostar, di non andarsene. - Il 3 gennaio 1982 sabato Tutti noi veggenti abbiamo domandato alla Madonna su Ivica Vego. La Madonna ha risposto: Ivica non è colpevole. Se lo espellono dai frati, sia coraggioso! Io dico ogni giorno: Pace, pace! E vi è sempre di più inquietudine. Ivica non è colpevole. Rimanga pure! Questo lo ha ripetuto tre volte. Tutti abbiamo sentito e glielo abbiamo comunicato. Il Vescovo non mette in ordine, e perciò egli è colpevole. Neanche lui farà sempre il Vescovo. Io mostrerò la giustizia nel regno. Questo è durato dieci minuti, tutto si riferiva a Ivica. - L 11 gennaio 1982 lunedì Abbiamo domandato di nuovo sui due cappellani di Mostar. La Madonna ha ripetuto due volte quello che ha detto prima. - Il 20 gennaio 1982 venerdì Abbiamo domandato che cosa faranno fra Ivica Vego e fra Ivan Prusina ora quando sono espulsi /non erano ancora espulsi! n.d. Curia/. La Madonna ha risposto: Essi non sono colpevoli. Il Vescovo si è precipitato nella decisione. Rimangano, preghino molto ed anche gli altri preghino per loro. - Il 16 aprile 1982 venerdì Io (Vicka) ho posto alcune domande riguardanti Ivica Vego e fra Ivan Prusina, e ad alcune mi ha risposto la stessa Madonna. Madonna mia, i giornali scrivono che Ivica e Ivan sono espulsi dai frati. Lei mi ha risposto: Non sono espulsi! Poi ha sorriso. Dì loro pure di essere tranquilli e coraggiosi. Ci sono molte prove /tentazioni/. Devono essere perseveranti. Giornali possono scrivere ciò che vogliono, /i due espulsi/ non ci prestino alcuna attenzione, perché non è importante. Madonna mia, dà la pace, una buona volta, così che Ivica e Ivan non abbiano più alcuni problemi. La Madonna ha risposto: Io metterò la pace in tutto. Ha menzionato anche alcuni frati di Mostar, ma lascia stare, avrò l occasione di comunicare loro, ci sono tre principali. Madonna, che cosa sarà col Vescovo? Lui, cambierà il suo atteggiamento? La Madonna ha risposto: Io non voglio affrettarmi. Io aspetto per vedere se egli cederà a seguito dei miei messaggi inviatigli tramite voi. Però, a me /Vicka/ questo è così pesante /difficile/. Per me è troppo, tanto più per Ivan e Ivica! Ieri, mentre eravamo con la Madonna, Le abbiamo domandato se possiamo pregare un Padrenostro per loro due. Lei ha detto subito: Sì. E ha cominciato a pregare. Quando abbiamo finito, Lei sorrise e mi disse: A te, non ti viene altra idea in testa se non quella dei due frati. Io risposi: Sì, non mi viene altra idea! - Il 26 aprile 1982 lunedì Il Vescovo non possiede neanche un po del vero amore di Dio per quei due. Ivica e Ivan, per quanto riguarda il Vescovo, siano tranquilli, poiché egli mette su di loro un peso

7 7 stragrande per liberarsene. Poiché, egli ha cominciato dai più giovani e poi intende così poco per volta avanti. Lo so che questo è un grande colpo per loro. Ma non si preoccupino affatto, lo cancellino senz altro dalla loro testa, sappiano soffrire per la giustizia. Ciò che il Vescovo fa non è secondo la volontà di Dio: innocenti, senza colpa, e così puniti! Iddio non permetterebbe questo, ma il Vescovo non agisce secondo la grazia di Dio, è può fare ciò che vuole. Ma un giorno si vedrà la giustizia che non avete visto da tempo. Io comincerò a mettere in ordine tutto, volta per volta, e molti frati saranno illuminati da una grande felicità. - Alla fine dell agosto 1982 Vicka ci ha detto press a poco così: La Madonna mi ha comunicato il messaggio che Ivan e Ivica non devono allontanarsi da Mostar! - Il 29 settembre 1982 mercoledì Fra Ivica ha domandato: Dobbiamo lasciare Mostar o restarci? La Madonna ha risposto: Restate! Avendo appreso questi messaggi, il Vescovo ha chiesto a fra Tomislav Vlaši ć, cappellano d allora di Medjugorje e direttore spirituale dei veggenti, come mai che abbiano nascosto, per più di un anno, questi messaggi all Ordinario del luogo? P. Vlašić: Non abbiamo voluto che Medjugorje fosse caricato dalla questione erzegovinese ( caso erzegovinese ). Il Vescovo: Se Lei crede che quei messaggi del Diario, diretti al Vescovo, sono veramente pronunciati dalla Madonna, perché celarne il contenuto davanti al pubblico. I fedeli possono e devono saperlo. Perché non pubblicarlo? P. Vlašić: Sono convinto che quelle parole sono della Madonna. Però, ho voluto aver riguardo per il Vescovo Le pubblichi Lei! Il Vescovo: Lo pubblicherò quando riterrò opportuno! Quindi, in quel momento /febbraio 1983!/ fra Tomislav Vlašić era convinto che le parole e i messaggi, contenuti nell Estratto del Diario, erano della Madonna. Non gli veniva in mente di negare l esistenza del Diario. Ma pi ù tardi gli verrà in mente, a lui e agli altri frati, di vedere che gli attacchi della Madonna contro il Vescovo e la difesa dei due ex-frati di Mostar sono le prove più forti contro la autenticità delle apparizioni. Perciò, qualche mese dopo, lui e gli altri, cominceranno ad asserire che quell Estratto è stato trascritto da alcune carte che sono state date a Vicka, ma che il Diario non esiste affatto. Il Vescovo ha chiesto con la lettera ufficiale, il 12 aprile 1983, al parroco di Medjugorje e a Vicka Ivanković di portargli il Diario. Il 7 maggio 1983 Vicka scrive al Vescovo, tra l altro, questa importante affermazione: In questi giorni sono venuta a sapere che circolano, fatti a macchina, gli estratti del mio diario che io scrivo privatamente in esclusiva per me dallo stesso inizio delle apparizioni della B. V. Maria a Crnica nella parrocchia di Medjugorje (P. Vlašić dirà davanti alla Commissione, il 25 maggio 1984, che la detta lettera è stata scritta da un sacerdote e data a Vicka a firmarla. Come le manipolazioni escono fuori!). Ma a noi interessa accettare la verità. Vicka, nella sopraccitata frase, riconosce di avere il Diario, di averlo scritto privatamente e che i pubblicati estratti sono del suo diario privato! Che privato, se è stato fatto vedere a P. Grafenauer! Il Vescovo scrive di nuovo a Vicka chiedendole di portargli il diario delle apparizioni, il 17 maggio Vicka viene alla Curia, il 27 maggio 1983, portando un agenda delle apparizioni, comprendente il febbraio e il marzo 1982, circa 30 giorni. Però, tale agenda era preparata ad hoc, per ingannare il Vescovo. Da quel momento anche Vicka comincia a negare di aver scritto il diario! Tutto qui, ha detto, contraddicendo quello che aveva scritto al Vescovo il 7 maggio Il 16 giugno 1983 il Vescovo ha scritto per la terza volta al parroco di Medjugorje di portargli la Cronaca delle apparizioni e a Vicka di portargli il Diario. Non hanno portato né la Cronaca né il Diario, ma hanno cominciato ad affermare che il Diario non esisteva!

8 8 Il 16 novembre il Vescovo si è recato a Medjugorje a chiedere ancora una volta la Cronaca delle apparizioni e il Diario di Vicka. Ed è riuscito finalmente ad avere quattro tomi di Cronaca. Il diario? Il principale movens di Medjugorje, fra Tomislav Vlaši ć, voleva giurare sulla croce che il diario non esisteva. Il Vescovo gli ha mostrato la lettera di Vicka Ivanković (del 7 maggio 1983) e la lettera del P. Grafenauer (del 14 febbraio 1983), dalle quali risulta chiaramente che il diario esiste! Ma egli si dichiarava ugualmente disposto a giurare Ritornato a casa, il Vescovo ha cominciato a sfogliare la Cronaca. Alla prima vista era evidente che la Cronaca fu preparata e certe parole, scomode, erano eliminate, cancellate. Però, è rimasto molto sorpreso quando ha trovato quello che è sfuggito al cronista, P. Vlašić. Ivi stava scritto: Il 16 marzo Oggi ho parlato un po più a lungo con la veggente Vicka. Dato che già da un pezzo di tempo non mi portava il suo diario delle apparizioni, ho sentito la necessità di interrogarla un po di più. Le linee essenziali sono seguenti: Essa registra nel suo diario tutto secondo l ordine Eccoci qua! Ma questo non basta. Il P. Vlašić, dimenticando forse ciò che aveva scritto il 16 aprile 1982, ha giurato sulla croce davanti al Vescovo, il 14 dicembre 1983, con la seguenti parole: Così mi aiuti Iddio onnipotente, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo! Il diario nascosto, di cui parla il Padre Vescovo, non è mai stato nella mia mano, né sono a conoscenza se esista il diario di Vicka. Mi sono interessato in maniera più sincera anche da Vicka per sapere se esiste, e, dalla conversazione, sono venuto alla persuasione che tale diario non esiste. In codesto periodo ho suggerito a Vicka di scrivere il diario ed essa, per quanto io potevo saperne, non l ha scritto. Del diario, io non ne so più nulla. Amen! Sapienti sat! Inoltre, riascoltando la conversazione registrata con Vicka, il 3 aprile 1982, si sentono le parole di Vicka: Io c ho il diario a casa C è ogni giorno, data e tutto è registrato. Ma Padre Vlašić va per sua strada. 7) I due ex-cappellani di Mostar, Prusina e Vego Nel settembre del 1980 il Vescovo di Mostar, Mons. Petar Čule ha rassegnato le dimissioni e il suo Coadiutore Mons. Žanić ha assunto il governo della diocesi. In quella occasione fu eretta la nuova parrocchia cattedrale, dismembrata (secondo l ordine della Santa Sede e secondo un accordo interno con i francescani) da quella francescana di Mostar, l unica fino ad allora nella città dei circa cattolici. I frati, però, non hanno voluto accettare la divisione della loro parrocchia. Scoppiò una guerra aperta. Due francescani, cappellani della parrocchia francescana di Mostar, fra Ivan Prusina e fra Ivica Vego, tra i più pervicaci e contumaci, si sono compromessi a tal punto d essere stati colpiti con le sanzioni ecclesiastiche più severe: la sospensione a divinis, lo scioglimento dai voti, l espulsione dall Ordine francescano! A tale decisione si è arrivati dopo i ben otto gravi ammonimenti da parte della Curia Generalizia dei Frati Minori di Roma! La decisione fu presa il 29 gennaio 1982! Ma tale decisione non è riuscita ad impedire la facinorosa azione dei due ex-frati. Questi, alloggiati, fino ad oggi, nel convento francescano di Mostar, hanno continuato con le loro funzioni sacerdotali sul territorio della neoeretta parrocchia cattedrale. Questi due disobbedienti ex-frati, Prusina e Vego, sono stati presi in protezione e difesi dalla Madonna di Medjugorje, dalla fine del 1981 in poi, sempre secondo i messaggi contenuti nel diario di Vicka Ivanković, di cui abbiamo parlato per esteso nelle pagine precedenti.

9 9 Questi due ex-frati, in ricambio alla Madonna di Medjugorje, insieme ai frati della parrocchia di Medjugorje ed ad altri francescani ai quali poco interessa la pace e l ubbidienza ai propri superiori e alla Chiesa, si presentano come instancabili promotori della propaganda delle apparizioni di Medjugorje! Anzi, questi due ex-frati venivano spesso a Medjugorje per confessare la gente, come se fossero adirittura premiati e non sospesi a divinis! 8) La Commissione allargata L iniziale Commissione dei quattro membri, nominata l 11 gennaio 1982, per l esame degli eventi nella parrocchia di Medjugorje, è stata allargata all inizio dell anno 1984 ad una ventina di persone con la nomina di ecclesiastici scelti fra gli esperti in materie teologiche delle varie Facoltà di Teologia di Croazia e di Slovenia e di rappresentanti della scienza medica. Questa Commissione si è riunita la prima volta nei giorni 23 e 24 marzo I membri potevano avere circa 180 pagine di vario materiale utile alla discussione sugli eventi di Medjugorje. La Commissione si è dichiarata contro il fatto che i sacerdoti e i laici organizzano pellegrinaggi a Medjugorje. 1 Ma i difensori delle apparizioni hanno rafforzato la propaganda, specialmente sui miracoli e sulle guarigioni. Fino a quel momento si parlava di circa 200 guarigioni. Il Vescovo aveva invitato i frati di Medjugorje a presentare la documentazione medica su tali guarigioni. Ci hanno portato i documenti di una decina dei malati, ma si tratta di documenti comuni che si rilasciano al momento dell uscita dall ospedale, nient altro. La Commissione si è riunita di nuovo nel maggio scorso, e poi il 10 e l 11 ottobre u.s. All ultima riunione è stato rilasciato un comunicato in cui si constata che non esiste alcuna documentazione scientifica sulle presunte guarigioni, che la Commissione disapprova l organizzazione dei pellegrinaggi a Medjugorje, decide di proseguire l approfondimento sugli eventi, ma già adesso intravede certe difficoltà di carattere disciplinare e teologico nei messaggi di Medjugorje. Aggiungiamo qui anche la Dichiarazione della Conferenza Episcopale di Jugoslavia, del 12 ottobre 1984: I Vescovi hanno considerato lo sviluppo degli eventi di Medjugorje in Hercegovina. La valutazione sul significato degli eventi del luogo potrà essere fatto dopo le indagini fondate degli esperti, e ciò esclusivamente da parte delle competenti autorità ecclesiastiche. Perciò non si devono organizzare i pellegrinaggi ufficiali a Medjugorje; non si deve pregiudicarne la sentenza di coloro che portano la responsabilità per la vita della Chiesa. 9) L amore della verità di René Laurentin All indomata propaganda degli eventi di Medjugorje ha contribuito grandemente, purtroppo, il noto mariologo francese R. Laurentin. Egli è venuto a Mostar verso il Natale 1983 e ha chiesto al Vescovo perché non credeva nell autenticità delle apparizioni. Il Vescovo ha risposto: - Secondo gli inserti del Diario di Vicka, la Madonna parla contro il Vescovo rendendolo responsabile di tutti i disordini del caso erzegovinese. Ella difende i due cappellani-francesani, espulsi dall Ordine e sospesi a divinis! Ma essi continuano con la loro deleteria attività nella diocesi. La Madonna raccomanda loro di rimanere sul posto! - Poi il Vescovo ha esposto al Rev.do Laurentin alcune bugie dei veggenti e lo spergiuro di Padre Tomislav Vlašić circa il famoso Diario privato di Vicka. 1 Circa gli eventi di Medjugorje nella Diocesi jugoslava di Mostar-Duvno, in: L'Osservatore Romano, 12 maggio 1984, p. 2.

10 10 Dopo aver sentito queste cose, R. Laurentin ha consigliato al Vescovo di non pubblicarle perché sarebbe nocivo riguardo alle numerose conversioni dei pellegrini! Il Vescovo si è scandalizzato di tale consiglio. Si è domandato se tale atteggiamento sia conforme alle indagini scientifiche degne di un famoso mariologo! Poi, quando il Reverendo Laurentin ha visitato di nuovo il Vescovo, il 9 agosto 1984, nella conversazione ha negato di aver consigliato al Vescovo quel che è stato detto sopra, a grande sorpresa del Vescovo! Ma il Vescovo gli ha risposto: Se la Madonna appare a Medjugorje, ad essa non sono necessarie le bugie, gli spergiuri e le deformazioni della verit à! Nel frattempo Laurentin ha pubblicato, in collaborazione con P. Ljudevit Rupčić, francescano erzegovinese, professore alla Teologia francescana di Sarajevo, un libro su Medjugorje, uscito prima in francese, 2 poi in italiano. 3 Il libro ha costato 76 franchi francesi e in quattro mesi come dice lui stesso sono vendute copie (circa sei cento mila dollari). Per tale libro il Rev.do Laurentin ha fatto una grande propaganda prima in Francia poi in Italia. I suoi articoli, pubblicati originalmente su la France catholique, 4 sono stati tradotti in croato e apparsi su Glas Koncila, 5 con specifiche descrizioni delle veggenti. Ma quello che non si aspettava da tale mariologo sono le sue calunnie del Vescovo di Dubrovnik, Mons. Severin Pernek, il quale, insieme ai superiori del seminario, avrebbe fatto pressione sul seminarista Ivan Dragićević, veggente, per cui egli non si è sentito a suo agio nel seminario. Quando i superiori e il Vescovo hanno reagito, ciascuno a suo modo, allora R. Laurentin ha detto che i suoi articoli erano maltradotti in croato! Egli non pensava al Vescovo di Dubrovnik, ma al Vescovo di Mostar! Invece, il Vescovo di Mostar non ha pronunciato mai nessuna parola davanti ai seminaristi su Medjugorje! Nell edizione italiana del libro di Laurentin, La Vergine appare a Medjugorje?, l autore dice di aver sottoposto i 56 casi pubblicati da padre Rupčić 6 al dottor Mangiapan, presidente del Bureau medical di Lourdes. Egli li ha divisi statisticamente e per quanto riguarda il loro valore. Ma l abbè Laurentin omette di citare il giudizio completamente negativo del dott. Mangiapan: In conclusione, se ci atteniamo alle norme del Bureau Medical, tutto questo dossier non ha praticamente alcun valore e tale quale non potrebbe servire o sostituire un argomento di peso in favore di un luogo delle apparizioni. 7 Dopo tale giudizio del competente Bureau medical di Lourdes si poteva aspettare che l edizione italiana non riportasse quelle guarigioni, almeno non quelle dei guariti gi à - defunti! Ad ogni modo, il Rev.do Laurentin ha compromesso la sua buona fama di mariologo mettendosi a capo di una sfrenata propaganda per l autenticità delle apparizioni di Medjugorje! 10) Altri 47 veggenti Il Vescovo di Mostar ha raccolto finora ben 47 nomi dei veggenti fuori Medjugorje, residenti nelle altre parrocchie della diocesi. Tutti si vantano di aver simili visioni, ma dato che i loro parroci non li sostengono, parecchi non hanno più tali apparizioni. Anche questi parlavano e parlano dei dieci segreti, del grande segno ecc. Una delle veggenti ha detto al Vescovo, nel magnetofono: Io ho desiderato molto vedere la Madonna. Un giorno, nella mia stanza, è apparsa prima una luce poi la Madonna. In alcuni giorni La vedo per tutta la 2 Cfr. LAURENTIN, R., - RUPČIĆ, L., La Vierge apparaît-elle à Medjugorje? Paris, Cfr. LAURENTIN R. - RUPČIĆ, LJ., La Vergine appare a Medjugorje?, Brescia, Cfr. R. Laurentin, La Vierge apparait-elle a Medjugorje?, in: France Catholique, 17 fevrier Cfr. Glas Koncila, nrr. 4, 5 e 6/ Cfr. LAURENTIN - RUPČIĆ, La Vergine appare a Medjugorje?, pp Association Médical Internationale de Lourdes, Nrr , avril 1984, p. 14.

11 11 giornata, dovunque vado, a casa, nel campo, nel bus, nella chiesa Questi sono i segni di tipiche allucinazioni. Il libro Vraies et fausses apparitions dans l Eglise, 8 enumera 230 luoghi di maggior importanza e degli eventi miracolosi negli ultimi 50 anni. Ma l approvazione ecclesiastica l hanno ottenuta solo Banneux, Beauring e Siracusa in Sicilia. Degli altri 227 luoghi si potrebbe domandare: come è cominciato, perché è cominciato? Come mai, che alcuni vedono, altri no? Una cosa è certa: non è la Madonna! 11) Piegare il Vescovo con l intimidazione I veggenti come anche i francescani di Medjugorje, dovevano, già dall inizio, collaborare strettamente e sinceramente col Vescovo, informandolo su tutti i messaggi. Ora possiamo proporre questa affermazione: la più grande novità delle apparizioni di Medjugorje consiste nel dichiarare il Vescovo locale responsabiledi tutti i disordini causati dai frati disobbedienti, e nel proclamare innocenti i due frati cappellani, espulsi dall Ordine e sospesi a divinis. Tutto il resto è come nelle altre apparizioni, false o vere: preghiere, penitenza, conversioni. Ora si pone la domanda, perché i veggenti e i loro padri spirituali, francescani di Medjugorje, nascondevano davanti al Vescovo, più di un anno, il famoso diario di Vicka, nel quale sono riportati i summenzionati messaggi e novità? Forse si aspettava che il Vescovo dichiarasse autentiche le apparizioni, e poi essi uscirebbero fuori con le loro armi! E molto sintomatica l intimidazione al Vescovo da parte del veggente Ivan Dragićević, ex-seminarista, contenuta nella lettera del 21 giugno 1983, inviata al Vescovo del luogo: In data 19 giugno 1983 mi è apparsa la Madonna, insieme ai veggenti Jakov, Marija e Ivica. Dopo avermi risposto ad alcune domande riguardanti i malati, ha cominciato da se stessa a parlare di Lei, Padre Vescovo. Queste sono le idee che mi ha detto: Dì al P. Vescovo che chiedo a lui la conversione urgente agli avvenimenti nella parrocchia di Medjugorje, finché non sia tardi. Cominci ad avvicinarsi a tutti gli eventi con molta comprensione, amore e con grande responsabilità. Desidero che egli non metta le contrarietà tra i sacerdoti e che non metta in rilievo le loro negatività. Il Santo Padre ha dato a tutti i vescovi di adempiere compiti nelle loro diocesi e di risolvere i problemi e i litigi. Il P. Vescovo è il padre principale di tutte le parrocchie in Hercegovina. Egli è il capo della Chiesa in Hercegovina. Perciò chiedo a lui la conversione a questi avvenimenti. Gli invio la penultima ammonizione. Se non si converta o corregga, lo raggiungerà il mio giudizio e il giudizio di mio Figlio, Gesù. Se non metterà in atto questo che gli faccio sapere, vuol dire che egli non ha trovato la via di mio Figlio Gesù. La Madonna mi ha detto di trasmetterle questo messaggio. Bijakovići, il 21 giugno Con molti saluti Ivan Dragićević Sebbene la lettera è stata scritta a mano da Ivan Dragićević, ex-seminarista che ha perduto 2 anni scolastici, a Visoko e a Dubrovnik, tuttavia si può con sicurezza affermare che la composizione non è sua. Ma chi è costui che attribuisce alla Santissima Vergine assurde minacce, del suo giudizio e del giudizio di suo Figlio, se il Vescovo non accetta l autenticit à delle apparizioni? Secondo la fede cattolica, nessuno è obbligato a credere nelle apparizioni e rivelazioni private! Come mai che il Vescovo sarà giudicato col giudizio della Madonna se 8 Vraies et fausses apparitions dans l'eglise, Paris, 1973.

12 12 non crede in tali apparizioni? Saranno forse ugualmente giudicati tutti gli altri Vescovi, sacerdoti e fedeli, anzi lo stesso Santo Padre? Ma il Vescovo di Mostar non ha avuto alcun riguardo di queste Minacce. Ha proseguito il messaggio alla S. Sede. Allora il P. Vlaši ć ha scritto al Vescovo un altra lettera in un altro tono. La Madonna risponde con mitezza tramite Ivan, Jakov e specialmente tramite Marija Pavlović: Io ho inviato al Vescovo molti messaggi. Ma egli non voleva accoglierli. Io ho inviato anche te. Ma nemmeno così ha accolto la Regina della pace, poiché nel suo cuore c è una inquietudine, e in lui l inquietudine ha preso dimora Ad ogni modo, nemmeno in questo caso sono colpevoli Vego e Prusina. E colpevole il Vescovo. Bisogna pregare per la sua conversione. Similmente dice anche Jelena Vasilj (il 20 gennaio 1984). Dato che il Vescovo non si è convertito a Medjugorje, fra Tomislav Vlašić ha escogitato qualcosa di nuovo, molto emozionante. Sulla collina durante la notte, uno dei presenti ha pregato per il Vescovo Žanić. Dagli occhi della Madonna è scaturita una grande lacrima (dai due occhi una sola lacrima! n.d.c.) Scorreva dal volto ed è scomparsa nella nuvola sotto i suoi piedi La Madonna ha cominciato a piangere ed è salita al cielo piangendo! (il 22 agosto 1984). 12) Sempre nuove iniezioni di P. Vlašić Già da tempo è notato che il P. Tomislav Vlašić, cappellano di Medjugorje dal 1981 alla scorsa estate, cerca ogni tanto di dare una nuova puntura perché non cali l afflusso dei pellegrini. Così si preannunciava il grande segno. Ma niente di fatto. Così si reclamizzava l arrivo del P. Tardif O.P., taumaturgo. Il primo giorno egli avrebbe guarito una ventina di persone dalla sclerosi, dal cancro e dalla paralisi, il secondo giorno pure una ventina, ma non si dà il nome e il cognome di nessun, non c è alcun documentazione. Ma la notizia sulle guarigioni va al mondo. Nei tempi recentissimi è stata fatta una puntura eccezionale: cambiamento della festa di nascita della B. V. Maria, sempre secondo i messaggi della Madonna. La Madonna non avrebbe più la sua festa l 8 settembre, ma il 5 agosto! Anzi, quest anno si doveva celebrare il anniversario della nascita della Madonna. Ciò avrebbe detto la Madonna alla piccola Jelena Vasilj, che non ha le visioni, ma solo la locutio interna. Quando il P. Vlašić è venuto dal Vescovo con tale notizia e proposta, l Ordinario del luogo gli ha proibito di propagare tali sensazioni antiecclesiastiche. Però, in breve tempo tutto il mondo ne sapeva e ne scriveva. Il P. Vlašić ha detto alla piccola Jelena di domandare di nuovo alla Madonna la spiegazione, perché il Vescovo è contrario. Allora la Madonna disse : Avvisate il Santo Padre. Se Egli lo conferma, celebratelo come ve l ho detto. Se Egli non lo conferma, insiste p. Vlašić, come noi possiamo preparare la gente? - Allora, voi pregate e lasciate tutto a me che io guidi tutto 9. Il Santo Padre ovviamente non ha risposto! Però il 4 e 5 agosto si è radunata una grande massa del popolo a Medjugorje per assistere agli eventi miracolosi, alle grandi conversioni ecc. I giornalisti hanno parlato di una stella che si è vista! La gente è tornata a casa dillusa. Confrontando questa fantasia del P. Vlašić e della piccola Jelena con quello che è stato scritto nella Cronaca delle apparizioni, troviamo questi dati, scritti manu propria del P. Vlaši ć: l 8 settembre 1981.: Visioni: I ragazzi hanno avuto l incontro con la Madonna. Il piccolo Jakov Le ha augurato il compleanno. Lei era tutta esultante, e ha detto che quel giorno era uno dei più felici Poi fra un anno lo stesso P. Vlašić registrerà nella Cronaca: l 8 9 Lettera di P. Tomislav Vlašić, inviata al Santo Padre il 2 giugno 1984, la copia mandata al Vescovo.

13 13 settembre 1982: Dei veggenti mancavano Mirjana e Ivica. Altri erano insieme. Hanno avuto la visione. La Madonna era solenne in modo particolare. I ragazzi Le hanno augurato il compleanno. Ora, quest anno, la Madonna celebra il suo compleanno il 5 agosto, e precisamente il bismillesimo compleanno! Si può forse aspettare che la Madonna di Medjugorje cambi, di conseguenza, anche la sua festa dell Immacolata Concezione, non pi ù l 8 dicembre, ma il 5 novembre? Aggiungiamo ancora un dato fantastico che si usa come puntura : il numero dei pellegrini. Nei giorni 24 e 25 giugno 1983 a Medjugorje erano, secondo alcuni giornali, circa fedeli. Nella Cronaca il P. Vlašić ha scritto: i minimalisti dicono che c erano tra 40 e 50 mila, i massimalisti invece: I veggenti hanno chiesto alla Madonna il numero preciso. La Madonna ha risposto: ! Non bisogna essere esperti nel calcolare il numero dei pellegrini. In questi giorni sono entrati a Medjugorje circa macchine e circa 70 autobus. Si aggiunge ancora circa pellegrini-pedoni, e siamo sui trentamila. E basta! Ci troviamo sul terreno di grandi manipolazioni. Ed è veramente peccato operare così alla leggera con la Persona umana più santa nella Chiesa Cattolica, quale è la Beatissima Vergine! 13) Le promesse non adempiute Contro l autenticità delle apparizioni si sollevano le promesse inadempiute riguardanti le guarigioni. La Madonna avrebbe promesso la guarigione a molti malati. Citiamo qualche esempio: Ancora nel 1981 è stato promesso ad un bambino a Grude, malato da leucemia, che sarebbe guarito sicuramente e incondizionatamente. Ci sono i testimoni del fatto. Però, il bambino è morto alla fine del Il francescano bosniaco, fra Ivan Đolan era ammalato dal cancro. Sua madre è andata in piedi da Rama a Medjugorje per chiedere alla Madonna la guarigione del figlio. I veggenti hanno detto che la Madonna ha promesso la guarigione. Alcuni mesi più tardi, il frate è morto. Una ragazza D. B. era ammalata pure dal cancro. I medici le hanno consigliato l operazione e l esportazione del seno. Essa si è recata a Medjugorje, a piedi, a cercare la salute. I veggenti si sono rivolti alla Madonna, la quale ha risposto che non c era bisogno dell operazione. Ma la ragazza è morta, in agonia, il 24 dicembre Tra le guarigioni miracolose, descritte nel libro di P. Rupčić, si trova il caso di Venka Bilić-Brajčić, di Split. Quando il suo medico ha visto il libro, ha energicamente protestato contro l affermazione che era guarita. Essa ha deposto i certificati medici l 8 settembre 1982, 10 ed è morta nel giugno E così via. L ultimo caso era un ammalato cardiaco, Marko Blažević, di Buna presso Mostar. Secondo la lettera dell Arcivescovo di Beograd, Mons. Alojz Turk, inviata alla Curia vescovile di Mostar, il 3 giugno 1984, Marco è stato ricoverato nell Ospedale clinico, Reparto cardiaco, dove è ricoverato anche il detto Arcivescovo. Blažević ha detto all Arcivescovo di andare ad una operazione rischiosa, ma egli era sicuro nel successo, poiché egli e la sua famiglia hanno domandato ai ragazzi di Medjugorje, dove appare la Santissima Madre di Dio, e che un ragazzo (agli altri avrebbe detto i ragazzi ) ha chiesto alla Vergine Maria se doveva andare all operazione. E la Madre di Dio ha risposto di andarci senza preoccupazione, poiché l operazione riuscirà sicuramente purché si pregasse. Però, il paziente non si è svegliato dopo l operazione, è morto. 10 LJ. RUPČIĆ, Gospina ukazanja u Međugorju, Samobor, 1983., str

14 14 Il Vescovo di Mostar ha proseguito la lettera a Medjugorje chiedendo la spiegazione. Il P. Vlašić si è interessato presso i veggenti per il detto caso. Essi hanno risposto che nessuno ha chiesto loro qualcosa del genere. Allora il Vescovo ha chiamato la figlia del defunto Blažević. Questa, probabilmente istruita dal P. Vlašić, ha confermato di essere stata a Medjugorje e di aver domandato per il suo padre. Ma i veggenti hanno risposto che durante la operazione bisognava pregare, invece non hanno detto niente riguardo alla riuscita dell operazione! Allora, dove sta la verità? 14) Il caso di guarigione di Diana Basile A metà dell agosto scorso si è presentato alla Curia vescovile di Mostar il dottor Luigi Frigerio della Clinica Mangiagalli di Milano, portando una documentazione sulla miracolosa guarigione della signora Diana Basile in Ferrò. La signora sarebbe stata guarita dalla sclerosi a placche e della cecità all occhio destro, il 24 maggio 1984, a Medjugorje. La stampa mondiale, specialmente quella italiana, se n è occupata molto, questa estate. Anche l Arcivescovo di Split-Makarska, Mons. F. Franić, ha riportato la notizia sul suo Bollettino arcivescovile, nr. 4/1984. Di recente, troviamo un articolo su caso nella rivista Gioia, del 29 ottobre Il Vescovo Ordinario di Mostar ha ritenuto opportuno inviare, il 5 settembre 1984, tutta la detta documentazione al Bureau Médical di Lourdes, il luogo più competente oggi per i casi simili. Il presidente del Bureau, dott. Théodor Mangiapan, ha risposto, il 13 settembre u.s. con una lettera dettagliata. I punti principali sono questi: - La sclerosi a placche è una vera sfida alla diagnosi positiva ed oggettiva da parte dei medici oggigiorno. - Il Presidente si domanda che cosa è quell Istituto di Perfezionamento di Milano. La maggior parte dei medici e dei Testimoni di questa storia della guarigione è legata a quella boutique. - Il detto caso richiede del tempo per giudicare il carattere definitivo di questa guarigione cioè almeno 3-4 anni. - Si può far conoscere alla Commissione su Medjugorje la sua opinione più che riservata riguardo al citato caso della guarigione della signora D. B. Ferrò. - Il dottor Mangiapan raccomanda al Vescovo, responsabile di Medjugorje, di non farsi legare le mani, di non accettare o rifiutare troppo presto questa parvenza di miracolo! Così si esprime il Presidente del Bureau Médical di Lourdes. Il tempo ci sarà il miglior consigliere. 15) Conclusione a) Il Vescovo di Mostar, studiando il caso personalmente e con l aiuto della apposita Commissione in tutto questo tempo ha maturato responsabilmente la certezza morale che negli eventi di Medjugorje si tratta di un caso di allucinazione collettiva. Questa è stata abilmente sfruttata da un gruppo di francescani dell Erzegovina che hanno dato una parvenza di serietà alle presunte apparizioni e ai contenuti dei messaggi, manipolando il sincero desiderio del soprannaturale nel popolo e la sua profonda pietà mariana. La più grande responsabilità cade sulle spalle del mistificatore e mago carismatico, fra Tomislav Vlaši ć, il quale nella sua strada ha rischiato di spergiurare purché difendesse la sua posizione. b) Il vero obiettivo di questo gruppo di francescani infatti molti altri loro confratelli condannano questa loro manipolazione è di accreditare presso il popolo semplice e all estero con l autorità della Madonna la tesi che essi sono nel vero e nel giusto, mentre il

15 15 Vescovo e i legittimi Superiori della Provincia e dell Ordine sono nell errore a proposito della famosa questione circa la divisione delle parrocchie. Il triste caso dei due ex-cappellani frati di Mostar, espulsi dall Ordine per la loro contumacia, e poi presi in difesa dalla Madonna di Medjugorje in opposizione ai Decreti della Santa Sede e dell Ordine francescano, è una palese prova di tale manipolazione. c) Così si spiega che i messaggi della Madonna contengono attacchi e condanne contro il Vescovo e contro la direzione della Provincia OFM e anche contro lo stesso Santo Padre. I presunti veggenti sono inconsapevoli strumenti di un gioco molto più grande di loro e si muovono ormai come dei robot addomesticati. d) In tale situazione viene a collocarsi, con effetti deleteri per la verità e la serietà dei fatti soprannaturali e per la credibilità stessa della Chiesa, l incredibile campagna propagandistica orchestrata su molti giornali e riviste cattolici all estero, specialmente in Italia. Basti seguire quanto viene pubblicato su Sabato, Avvenire, Jesus, Madre di Dio, Domenica del Corriere ecc. e) Particolarmente grave è l episodio del Rev.do René Laurentin. Egli, abusando della sua autorità nel campo delle apparizioni, e per motivi di facile ed immediato lucro, ha scavalcato la legittima autorità della Chiesa e difende pubblicamente con libri, articoli, cassette e conferenze l autenticità delle apparizioni di Medjugorje. Dove è l etica professionale di questo sacerdote e giornalista?! f) Ma il pericolo più grave risiede nel fatto che tutta questa eccitazione emotiva circa il Medjugorje è destinata, prima o poi, a sgonfiarsi come un pallone o una bolla di sapone, a cui seguirà una forte delusione e un discredito per l autorità della Chiesa, che con una parte dei suoi uomini responsabili ha favorito le speranze e ha accreditato la tesi dell autenticit à delle apparizioni senza attendere la sentenza ufficiale. Per ovviare a tali conseguenze deleterie pubblichiamo questa nostra presa di posizione attuale nei confronti di Medjugorje. Mostar, il 30 ottobre Pavao Žanić, vescovo *Le note a piè del testo a cura della Curia diocesana di Mostar.

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA"

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA MADRE DELL'EUCARISTIA MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA" Via delle Benedettine, 91-00135 ROMA Tel. 063380587; 063387275 Fax 063387254 Internet: http://www.madredelleucaristia.it E-mail: mov.imp.test@madredelleucaristia.it

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli