Istituto Secondario Superiore. Ferraris. Pancaldo EDUCATIVO PATTO E PROGRAMMAZIONE EDUCATIVE DELLA CLASSE 5 AIM. Savona DELLE ATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Secondario Superiore. Ferraris. Pancaldo 2011-2012 EDUCATIVO PATTO E PROGRAMMAZIONE EDUCATIVE DELLA CLASSE 5 AIM. Savona DELLE ATTIVITÀ"

Transcript

1 I.S.S. Ferraris-Pancaldo - Savona - Patto Educativo Istituto Secondario Superiore Ferraris Pancaldo Savona PATTO EDUCATIVO E PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE DELLA CLASSE 5 AIM APPROVATO E SOTTOSCRITTO DAL CONSIGLIO DI CLASSE pagina 1 di 6

2 I.S.S. Ferraris-Pancaldo - Savona - Patto Educativo PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE anno scolastico CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 AIM DOCENTE MATERIA FIRMA Anselmi Roberto EDUCAZIONE FISICA Briano Danila Gorla Gabriella Lottero Luisa Marabotto Aldo Petrollini Mariella Rossi Gianfranco Cosce Mara Nari Mirko Gattuso Demetrio Cuneo Silvia MATEMATICA ITALIANO MACCHINE LABORATORIO ELETTROTECNICA INGLESE ELETTROTECNICA RELIGIONE TSN LAB. MACCHINE IMPIANTI Alla presente programmazione sono allegate tutte le programmazioni didattiche di ogni docente della classe. Questa programmazione è consultabile in segreteria oppure sul sito web della scuola. COORDINATORE DI CLASSE: prof. LOTTERO Sottoscrivono il documento Per la componente genitori: sigg Novarino Marina sigg Esaltato Fabio sigg Bubba Alessandro Per la componente studenti: sigg. Averame Matteo pagina 2 di 6

3 I.S.S. Ferraris-Pancaldo - Savona - Patto Educativo SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE A2 Per le classi seconde, terze, quarte e quinte Percentuale di allievi ripetenti la classe, 0% Per gli allievi promossi allo scrutinio finale della classe nell a.s. precedente (indicare le percentuali per ogni indicatore) Media finale a.s. 2010/11 Livello Alto (voti 9-10) Livello Medio Livello Basso (voti 7-8) (voto 6 ) 36% 64% Classe disomogenea nella composizione, con alunni, seppur scolastici, attenti e fattivi, non, tuttavia, in grado di coinvolgere quelli meno ricettivi nel dialogo scolastico. Vi sono ancora alunni dispersivi, infantili e superficiali sia nel comportamento sia nello studio. È necessaria una continua monitorizzazione e attenzione da parte degli insegnanti per consentire una partecipazione più fattiva alle attività svolte e una riflessione sulle tematiche affrontate. pagina 3 di 6

4 I.S.S. Ferraris-Pancaldo - Savona - Patto Educativo C CASI PARTICOLARI a) deficit di preparazione generalizzati non particolarmente gravi; b) presenza di alunni stranieri ; c) presenza di pregresse problematiche disciplinari non gravi; Per i casi (a) e (b) si fa riferimento ai singoli piani didattici depositati in segreteria. D ORGANIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO Modalità Si ritiene opportuno adottare metodologie di insegnamento atte a sviluppare il metodo di studio e le conoscenze degli allievi e di effettuare un attività di recupero in classe che prevede: a) il coinvolgimento degli allievi in modo più assiduo nel dialogo educativo, b) la somministrazione di esercizi aggiuntivi che verranno in seguito corretti e discussi, c) il coinvolgimento degli alunni più bravi per aiutare i compagni d) corsi di recupero pomeridiani Tempi (periodo, durata) Il recupero verrà effettuato in itinere secondo le modalità scelte da ciascun insegnante. E ORGANIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI APPROFONDIMENTO Nell ambito della alternanza scuola-lavoro viene effettuato uno stages presso Azimut un pomeriggio alla settimana di tre ore nel corso di tutto l anno scolastico. pagina 4 di 6

5 I.S.S. Ferraris-Pancaldo - Savona - Patto Educativo F COMPORTAMENTI NEI CONFRONTI DELLA CLASSE (definizione degli atteggiamenti comuni da assumere ad integrazione ed applicazione di quanto previsto nel Regolamento Disciplinare) a) non permettere agli allievi di uscire dall aula per recarsi ad acquistare merende, bevande o altro; b) permettere agli allievi di uscire per recarsi al bagno solo in caso di effettiva necessità; c) gli allievi dovranno rimanere in classe al cambio dell ora; d) permettere l uscita di solo un allievo per volta; e) mantenere le finestre chiuse durante l intervallo ed il cambio d ora; f) alzarsi all ingresso dell insegnante; G OBIETTIVI TRASVERSALI Comportamentali a) Interesse b) Impegno c) Partecipazione d) Disponibilità e) Correttezza nei rapporti con compagni, docenti, personale della scuola Cognitivi a) Conoscenze b) Comprensione c) Applicazione d) Analisi e) Sintesi f) Valutazione g) Creatività H STRUMENTI DI OSSERVAZIONE, DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Fatto salvo che ogni docente, in funzione delle specifiche della disciplina insegnata nella classe, nella propria programmazione definirà le tipologie e quantificherà il numero di prove di verifica da svolgersi durante l anno scolastico, in linea generale si applica quanto approvato nel POF al riguardo. H1 Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale a) metodo di studio b) partecipazione all attività didattica c) impegno d) progresso e) livello della classe f) situazione personale pagina 5 di 6

6 I.S.S. Ferraris-Pancaldo - Savona - Patto Educativo I DEFINIZIONE DI CRITERI COMUNI PER LA CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA E ABILITA Si riporta quanto deliberato nel POF, cioè un criterio comune di valutazione che preveda l utilizzo di tutti i voti compresi nella scala 1 10, considerando, ove possibile, l ipotesi di esclusione dei voti non interi. Si ritiene inoltre di prendere in considerazione tutti gli elementi che concorrono al progresso generale dell allievo, con particolare riferimento al miglioramento in corso d anno dell impegno e dell applicazione. VOTO UNO DUE-TRE QUATTRO CINQUE SEI SETTE OTTO NOVE DIECI GIUDIZIO l allievo non fornisce alcun elemento utile alla valutazione l allievo mostra qualche barlume di conoscenza degli argomenti affrontati, ma non è in grado, nemmeno se guidato, di dare una soluzione ai quesiti posti o una risposta organizzata all argomento proposto; dimostra impegno quasi nullo nello studio l allievo dimostra una conoscenza molto superficiale degli argomenti affrontati e palesa evidenti lacune cognitive e, guidato, tenta di individuare l obiettivo richiesto, ma non riesce a raggiungerlo; dimostra scarsissimo impegno nello studio e le capacità espressive sono inadeguate. l allievo dimostra di conoscere gli argomenti affrontati, ma rivela evidente insicurezza nel consolidare operativamente queste conoscenze e non rielabora personalmente i concetti appresi; affiorano ancora carenze cognitive; se guidato, si avvicina all obiettivo richiesto, ma non lo raggiunge completamente anche a causa di un insufficiente impegno nello studio; le capacità espressive sono limitate. l allievo dimostra di conoscere gli argomenti affrontati e cerca di rielaborare i concetti appresi, anche se in maniera non completamente autonoma; raggiunge gli obiettivi minimi previsti e, se guidato, inizia ad operare semplici procedimenti logici e deduttivi; l impegno nello studio e le capacità espressive risultano solo sufficienti. l allievo conosce gli argomenti affrontati ed è in grado di rielaborarli in maniera autonoma; opera semplici collegamenti e, guidato, rivela principi di competenza critica; le capacità espressive e l impegno nello studio sono discreti. l allievo affronta con competenza e con discrete proprietà di analisi e di sintesi tutti gli argomenti, ed è in grado di sviluppare autonomamente un approccio critico alle tematiche affrontate; l impegno nello studio è buono ed evidenza padronanza nell utilizzo dei linguaggi specifici delle diverse discipline. l allievo affronta con competenza e con buone proprietà di analisi e di sintesi tutti gli argomenti; è in grado di sviluppare autonomamente un approccio analitico con buona propensione critica alle tematiche affrontate; l impegno nello studio è ottimo ed evidenzia rilevanti capacità espositive. l allievo affronta con competenza e con ottime proprietà di analisi e di sintesi tutti gli argomenti; è in grado di sviluppare autonomamente un approccio analitico con notevole propensione critica alle tematiche affrontate; l impegno nello studio è ottimo ed evidenzia pregevoli capacità espositive L ATTIVITA INTEGRATIVE PREVISTE visite aziendali da definire viaggi di istruzione con meta ancora da definire incontri con esperti partecipazione a concorsi, gare, giochi partecipazione agli scambi culturali incontri con mediatori culturali partecipazione a rappresentazioni teatrali e/o cinematografiche altro: a) crociera su Costa Mediterranea dal 26/11 al 1/12 con accompagnatori Pera e Briano. La scelta di effettuare una crociera nei mesi di Novembre-Dicembre è stata approvata in consiglio di classe convocato con procedura d urgenza in data b) Conferenza in Provincia in data da definirsi proposta dalla Prof.ssa Cosce c) Visite aziendali in ABB e Wartsila d) Eventuali attività che si possono presentare nel corso dell anno scolastico con valenza altamente didattica Letto, firmato e sottoscritto in data pagina 6 di 6

7 08 NAUTICO Docente ROSSI Gianfranco Competenze Conoscenze Abilità 1 Gestire le tipologie e le funzioni dei vari mezzi e sistemi di trasporto 2 3 Gestire il funzionamento dei vari insiemi di uno specifico mezzo di trasporto Utilizzare i sistemi di assistenza, monitoraggio e comunicazione nei vari tipi di trasporto 8 Operare nel sistema qualità nel rispetto delle normative di sicurezza Argomenti Giunzione pn, semiconduttori, Diodo, Transistor, Scr, Triac Sistemi, classificazione dei sistemi Schemi a blocchi, algebra degli schemi a blocchi Trasduttori, attuatori Controllo di sistemi: automazione navale, regolazione P, I, D, Diagramma logaritmico di Bode Conversione A/D e D/A Circuiti logici programmabili Metodi Gli argomenti verranno trattati, per quanto possibile, per problemi, affinché gli studenti siano in grado di formulare ipotesi, costruire congetture di soluzioni e successive sistematizzazioni. Mezzi e strumenti Gli argomenti verranno trattati, per quanto possibile, per problemi, affinché gli studenti siano in grado di formulare ipotesi risolutive e verificarne l'efficacia. Si farà ricorso ad esercizi di tipo applicativo per consolidare le nozioni apprese e per far acquisire una più sicura padronanza di calcolo Prove Num. Tipologia 6 Interrogazioni Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Pag. 1

8 Docente SCOTTO Fulvio 01 ASSE CULTURALE LINGUISTICO BIENNIO. italiano, storia, diritto, inglese, religione Competenze Conoscenze Abilità 12 Acquisizione di competenze e abilità motorie finalizzate a: potenziamento fisiologico, affinamento delle capacità coordinative, pratica di attività sportive, sviluppo della socialità e del senso civico, tutela della salute e prevenzione infortuni. Argomenti 1)POTENZIAMENTO FISIOLOGICO Miglioramento progressivo delle prestazioni di resistenza, elasticità muscolare, scioltezza articolare, forza muscolare, che nel loro insieme costituiscono anche un potenziamento della salute, migliorando l'efficienza dei nostri apparati e delle qualità fisiche dell'organismo. La capacità di eseguire movimenti di diversa ampiezza e compiere azioni nel più breve tempo, è condizione necessaria per un buon apprendimento motorio. Lo sviluppo armonico del corpo e delle sue funzioni è legato, oltre che a fattori genetici e ambientali, proprio all'esercizio fisico, presupposto essenziale per l'avviamento e l'abitudine, anche nell'età adulta, alla pratica sportiva. - Miglioramento della funzione cardio-respiratoria: lavoro aerobico e anaerobico, corsa prolungata, esecuzione prolungata di esercizi in palestra. - Mobilità articolare, scioltezza ed elasticità muscolare: esercizi di allungamento muscolare e movimenti di massima ampiezza a carico delle articolazioni, a corpo libero e con l'uso di grandi e piccoli attrezzi. - Rafforzamento della potenza muscolare: esercizi a carico naturale e con piccoli e grandi attrezzi. - Rapidità di esecuzione e velocità pura: saper percepire velocemente gli stimoli e reagire dando risposte veloci e adeguate alla richiesta o alla situazione. Esercizi generici in palestra e anche specifici delle attività sportive. 1)RIELABORAZIONE DEGLI SCHEMI MOTORI DI BASE E AFFINAMENTO DELLE CAPACITA' COORDINATIVE GENERALI E DI QUELLE PARTICOLARI Gli schemi motori si sviluppano, proseguendo nel processo di crescita iniziato nei cicli scolastici precedenti e, passando attraverso varie fasi, arrivano a completarsi con la maturità, mirando a raggiungere la capacità di organizzare e controllare il movimento. Un adeguato, graduale affinamento degli schemi motori, porterà l'alunno a risposte gestuali più complesse e personalizzate, acquisendo maggiori abilità nella gestione del movimento. Strumento utile al conseguimento di quanto sopra, saranno gli esercizi propedeutici e quindi le attività ed i giochi sportivi nei quali l'alunno saprà lavorare con un adeguato impegno, senza il quale non sarà possibile il raggiungimento di questo obiettivo. 2)CONOSCENZA E PRATICA DELLE ATTIVITA' SPORTIVE Atletica Leggera con utilizzo della pista e delle strutture comunali (mezzofondo, corsa veloce, corsa ad ostacoli, salto in alto, salto in lungo, getto del peso, lancio del disco, staffetta 4x100). Attrezzistica: volteggi alla cavallina e al cavallo, palco di salita (pertica e fune), quadro svedese. Tennis tavolo. Grandi giochi sportivi: pallavolo, calcio a cinque, pallacanestro (per alcune di queste attività si utilizzeranno anche i campetti messi a disposizione dalla Provincia). Si potranno inoltre effettuare lezioni curricolari a scopo promozionale, presso centri sportivi esterni alla scuola, per far conoscere agli alunni nuove e diverse attività sportive praticabili sul territorio (bowling, arrampicata sportiva, autodifesa, rugby, hockey, nuoto, canoa,tennis, tiro a segno ecc.) Conoscenza anche teorica dei fondamenti di anatomia e di fisiologia del corpo umano, delle tecniche e delle regole relative alle attività e giochi sportivi proposti. 3)CONSOLIDAMENTO DEL CARATTERE, SVILUPPO DELLA SOCIALITA' E DEL SENSO CIVICO L'attività volta al conseguimento di questi fini può essere valorizzata con interventi di tipo diverso (partecipazione attiva alla vita della classe e della scuola) e, nello specifico della materia, partecipazione alla organizzazione di attività curricolari (tornei di classe), collaborazione con compiti di giuria e di arbitraggio nelle manifestazioni sportive studentesche. 4)INFORMAZIONI FONDAMENTALI SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SULLA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI In particolare: controllo della frequenza cardiaca quale strumento per la determinazione dell'intensità del lavoro nella pratica individuale, corrette tecniche di esecuzione dei gesti motori. Pag. 1

9 Docente SCOTTO Fulvio 01 ASSE CULTURALE LINGUISTICO BIENNIO. italiano, storia, diritto, inglese, religione Metodi I metodi applicati saranno basati sulle fasi esplicativa-dimostrativa-esecutiva e correttiva, affiancati da metodi di carattere induttivo sperimentale che favoriscono l'apprendimento come elaborazione attiva dell'esperienza. Mezzi e strumenti In termini pratici vasta è la gamma delle attività utilizzabili dal docente, il quale può spaziare dalle quelle individuali a carico naturale, a quelle a coppie, piccoli gruppi, con l'utilizzo di piccoli e grandi attrezzi, con situazioni diversificate nello spazio orizzontale e verticale, con eventuali attrezzi non codificati, attraverso attività polivalenti (percorsi, circuiti, ecc) e attività ludico-motorie di vario genere (giochi collettivi, a squadre, staffette, giochi con regole determinate dagli alunni, giochi propedeutici ai giochi sportivi, ecc.), attività di carattere pre-atletico e pre-acrobatico. Verranno inoltre utilizzati singoli test motori. I mezzi ovvero i supporti materiali attraverso i quali si presentano i contenuti e si costruiscono le attività non sono altro che tutti i piccoli e grandi attrezzi a disposizione degli insegnanti. Per quanto riguarda le strutture presso cui saranno sviluppate le attività citate, si usufruirà per lo svolgimento delle lezioni curricolari a)della palestra scolastica sita nell'istituto di via Alla Rocca, b)dei campetti sportivi della Provincia adiacenti la palestra di via Alla Rocca, c)del Campo Scuola "Stadio Fontanassa", d)del Parco Pubblico Giardini di via Alla Rocca, e)della Palestra di Arrampicata Sportiva Welness Planet in via Valletta S.Cristoforo, f)della struttura del Centro Bowling in via Trilussa I trasferimenti saranno effettuati prevalentemente a piedi o, qualora necessario, con l'impiego di mezzi pubblici, sempre nell'ambito delle due ore di lezione. Prove Num. Tipologia 2 Interrogazioni 10 Esecuzioni motorie Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Gli obiettivi minimi sono da considerarsi quale percentuale di progresso rispetto ai personali livelli di partenza. La valutazione deve essere intesa quale modalità per determinare un valore del livello iniziale e avere dunque dei dati di riferimento sulle caratteristiche individuali. Ad essa seguirà una rilevazione dei risultati (progressi) conseguiti in relazione ad intervalli periodici. Per effettuare una valutazione il più oggettiva possibile si ricorrerà a metodi di indagine (test valutativi) che, con la misurazione, permetteranno un apprezzamento quantitativo dei livelli di capacità dell'alunno. I test valutativi saranno scelti dall'insegnante tra la vasta gamma di quelli universalmente riconosciuti e tabulati. Questi parametri esprimono valori medi adattati su coloro che praticano l'attività motoria solo nell'ambito scolastico. Ciò permetterà agli alunni di rendersi conto del proprio livello di capacità rispetto ai livelli standardizzati, favorendo quindi un riferimento concreto nel lavoro mirato al miglioramento. La valutazione oggettiva specifica sarà affiancata da altri interventi valutativi sulle attività ginnico sportive affrontate, che si baseranno sull'osservazione sistematica di tutti i comportamenti motori in atto durante le esercitazioni e su prove specifiche da effettuarsi a conclusione delle singole unità didattiche. La valutazione degli aspetti teorici considerati e sviluppati potrà essere orale e/o scritta. Naturalmente le valutazioni periodiche e finali, oltre a tener conto dei livelli raggiunti, dovranno considerare adeguatamente l'impegno, l'interesse, la disponibilità a collaborare, la partecipazione attiva alle lezioni. Pag. 2

10 08 NAUTICO Docente BAGLIETTO Davide Competenze Conoscenze Abilità 9 Agire nel mercato dei trasporti e del sistemi logistici. Argomenti - Elementi geometrici e meccanici delle carene diritte - Piano di costruzione - Coefficienti di finezza - Pescaggi - Immersione isocarenica - Dislocamento unitario - Diagrammi e tabulati delle carene diritte - Marche di bordo libero - Momento di stabilità - Evoluta metacentrica - Diagramma di stabilità - Ingavonamento - Prova di stabilità - Assetto e variazione di assetto - Momento unitario di assetto - Stabilità dinamica. - Imbarco e sbarco pesi - Punti neutri - Zavorramento e bilanciamento - Carichi deformabili. - Prevenzione ed impianti per la lotta antincendio - SOLAS 74, STCW 78-95, MARPOOL Metodi La trattazione degli argomenti viene affrontata teoricamente, e praticamente in laboratorio ove saranno effettuate esercitazioni di carteggio, verranno inoltre svolti una serie di esercizi al fine di fissare i concetti principali. Quando possibile sarà utilizzato come laboratorio la nave scuola in dotazione dell'istituto. Mezzi e strumenti Lezione frontale, esercizi a casa e in classe. Prove Num. Tipologia 3 Interrogazioni 3 Risoluzione problemi Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi - momento di stabilità statica trasversale e longitudinale della nave - conoscenza calcolo variazione stabilità trasversale e longitudinale della nave dovuta a imbarco/ sbarco oppure a spostamento di pesi - lettura del tabulato degli elementi geometrici delle carene dritte - SOLAS 74, STCW 78-95, MARPOOL principali impianti per la lotta antincendio Pag. 1

11 08 NAUTICO Docente ROSSI Gianfranco Competenze Conoscenze Abilità 1 Gestire le tipologie e le funzioni dei vari mezzi e sistemi di trasporto 2 3 Gestire il funzionamento dei vari insiemi di uno specifico mezzo di trasporto Utilizzare i sistemi di assistenza, monitoraggio e comunicazione nei vari tipi di trasporto 8 Operare nel sistema qualità nel rispetto delle normative di sicurezza Argomenti Impianti elettrici: impianti di produzione dell'energia elettrica di bordo Sistemi di distribuzione dell'energia elettrica a bordo: banco trimonofase Tipologie impianti elettrici, civile, terziario Progettazione impianti elettrici Apparecchiature di manovre e protezione Cavi elettrici, linee elettriche, cadute di tensione Azionamento di motori elettrici Raddrizzatori e P.W.M. Disegno di impianti elettrici Metodi Gli argomenti verranno trattati, per quanto possibile, per problemi, affinché gli studenti siano in grado di formulare ipotesi, costruire congetture di soluzioni e successive sistematizzazioni. Mezzi e strumenti Gli argomenti verranno trattati, per quanto possibile, per problemi, affinché gli studenti siano in grado di formulare ipotesi risolutive e verificarne l'efficacia. Si farà ricorso ad esercizi di tipo applicativo per consolidare le nozioni apprese e per far acquisire una più sicura padronanza di calcolo Prove Num. Tipologia 6 Interrogazioni Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Pag. 1

12 08 NAUTICO Docente CUNEO Silvia Competenze Conoscenze Abilità 2 Gestire il funzionamento dei vari insiemi di uno specifico mezzo di trasporto 4 6 Gestire in modo appropriato gli spazi a bordo ed organizzare i servizi di carico e scarico, e di depurazione di sistemazione delle merci e dei passeggeri Organizzare Ia spedizione in rapporto alle motivazioni del viaggio ed alla sicurezza degli spostamenti. 7 Sovrintendere ai servizi di piattaforma per la gestione delle merci e del flussi passeggeri in partenza ed in arrivo. Argomenti MODULO 1 Cicli frigoriferi sul piano p-h Schema di impianto frigorifero in funzione dei cicli di riferimento COP, effetto frigorigrno Ottimizzazione di cicli frigo, sottoraffreddamento Principali fluido frigorigeni Cenni sugli impianti ad assorbimento MODULO 2 Impianti di climatizzazione, tipi di impianti, componenti dell'impianto macchine per il trattamento aria Canali e unità terminali Ventilatori Progetto di massima di un impianto di climatizzazione Diagrammi psicrometrici MODULO 3 Problematiche sulla prevenzione incendi a bordo Rilevatori d'incendio Disposizione e struttura degli impianti al servizio degli idranti di bordo e loro dimensionamento di massma Impianti di spegnimento ad acqua frazionata e loro dimensionamento di massima. Impianti di spegnimento ad anidride carbonica Estintori e mezzi mobili per l'estinzione degli incendi a bordo. MODULO 4 La trasmissione del moto attraverso gli impianti oleodinamici Principali elementi di un impianto oleodinamico e loro simbologia unificata Motori oleodinamici alternativi Motori oleodinamici rotativi Dimensionamento di massimo e disegno degli impianti oleodinamici Impianti oleodinamici per la movimentazione del timone MODULO 5 Attività pratica su impianti di bordo presso cantiere Azimut Metodi METODI DI INSEGNAMENTO L'insegnamento verrà condotto analizzando la disciplina in modo critico, evidenziandone soprattutto gli aspetti applicativi. Si cercherà di stimolare l'attenzione e l'apprendimento con frequenti domande, esempi pratici, facendo acquisire agli alunni dei dati essenziali e collegati alle immediate utilizzazioni pratiche. Si tenterà di consolidare nei ragazzi un atteggiamento costruttivo e partecipativo nell'affrontare la disciplina. Mezzi e strumenti STRUMENTI DI LAVORO - Appunti e dispense forniti e/o dettati dal docente - libro di testo Pag. 1

13 08 NAUTICO Docente CUNEO Silvia - Impianti di bordo di motoryachts presso il cantiere Azimut ATTIVITA' DI RECUPERO Per recuperare eventuali lacune si rivedranno gli argomenti trattati durante le lezioni, analizzando le difficoltà che l'allievo incontra nell'apprendere la materia. Qualora una parte degli alunni mostri difficoltà di apprendimento dell'argomento trattato durante la lezione, questo verrà subito ripreso e descritto con esempi esplicativi, fornendo appunti preparati e/o dettati dal docente in modo da renderlo più chiaro e comprensibile. Qualora l'allievo presenti carenze di base o presenti comunque delle difficoltà in discipline attinenti alla materia in esame saranno avvisati gli insegnanti preposti. Prove Num. Tipologia 1 Progettazione 3 Interrogazioni 4 Risoluzione problemi Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Per le valutazioni si fa riferimento a quanto espressamente indicato sul P.O.F. e sulla programmazione di classe anche riguardo le corrispondenze voto giudizio. Pag. 2

14 03 ASSE CULTURALE LINGUISTICO TRIENNIO. italiano, storia, diritto, inglese, filosofia, religione Docente PETROLLINI Mariella Competenze Conoscenze Abilità Principalitipologie testuali, compresa quella tecnicoscientifica, in base alle costanti che la caratterizzano. Strategie di comprensione di testi comunicativi non complessi, scritti e orali e multimediali relativi al settore di indirizzo. Modalità di organizzazione di testi comunicativi non complessi, di carattere generale e tecnico-scientifico. Uso del dizionario bilingue e monolingue, anche tecnicoscientifico. Elementi socio-linguistici e paralinguistici. Strategie di produzione di testo comunicativi non complessi, scritti e orali, anche con l'ausilio di strumenti multimediali e relativi al settore di indirizzo. Conoscenza del lessico di interesse generale e di settore di indirizzo. Modalità di sintesi di testi non complessi, di carattere generale e tecnico-scientifico. Strutture morfo-sintattiche adeguate al contesto Aspetti socio-culturali della lingua Riconoscere le principali tipologie testuali, compresa quella tecnicoscientifica, in base alle costanti che le caratterizzano con un certo grado di autonomia. Utilizzare apposite strategie di comprensione di testi complessi scritti, orali e multimediali con un certo grado di autonomia. Comprendere in modo globale e analitico testi scritti e di interesse generale su questioni di attualità o relativi al proprio settore di indirizzo con un certo grado di autonomia. Comprendere semplici discorsi su argomenti noti di studio e di lavoro cogliendone le idee principali con un certo grado di autonomia. Descrivere nella forma scritta e orale processi e situazioni di interesse personale, di studio e di lavoro in modo chiaro e semplice utilizzando un lessico relativamente appropriato con un certo grado di autonomia. Scrivere semplici e brevi relazioni, sintesi e commenti relativi al proprio settore di indirizzo con un certo grado di autonomia. Trasporre in lingua italiana semplici testi scritti relativi all'ambito scientifico-tecnologico. Trasporre nella lingua straniera argomenti relativi all'ambito scientifico-tecnologico in brevi testi Argomenti Gli argomenti trattati saranno i seguenti: i motori alternativi ( le parti del motore alternativo, il ciclo termico, il motore a 2 e 4 tempi, il motore diesel, i motori marittimi), i motori a turbina( la propulsione navale, i motori a gas, le turbine idrauliche, i motori a vapore), il PCL, i sistemi a gas di bordo, i condensatori, il motore a vapore Metodi I metodi utilizzati saranno i seguenti: lezione frontale, nella quale l'insegnante leggerà ad alta voce il testo in inglese per far apprendere la pronuncia corretta, tradurrà e spiegherà i concetti. Poi ci sarà un lavoro individuale di memorizzazione dei concetti e infine un lavoro a coppie di esposizione dei contenuti appena appresi Mezzi e strumenti L'unico mezzo utilizzato saranno i due libri di testo Prove Num. Tipologia 6 Questionario 4 Interrogazioni Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Gli obiettivi minimi si riferiscono a quelli generali però la produzione scritta e orale si ritiene accettabile se, pur con errori, il messaggio generale risulta comprensibile. Pag. 1

15 08 NAUTICO Docente GORLA Gabriella Competenze Conoscenze Abilità 1 Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti sociali, culturali, scientifici, economici,tecnologici 2 Riconoscere le linee essenziali della letteratura e orientarsi tra testi e autori fondamentali 3 leggere,comprendere,interpretare e produrre testi scritti di vario tipo in relazione a diversi scopi comunicativi Argomenti MODULO 1 scritto 2 orale: L uomo e il mistero della sua esistenza: dal Verismo alla crisi dei fondamenti nel Decadentismo. Ripasso: Romanticismo: linee essenziali attraverso passi antologici. Manzoni A: Il problema del male nella storia analizzato attraverso il concetto di Provvida sventura ( Cinque Maggio e Adelchi : la morte di Ermengarda) e Provvidenza ( I promessi sposi : parte conclusiva). Leopardi G.: Il tema dell illusione (L infinito). Il pessimismo storico, cosmico ed eroico a confronto ( Dialogo della Natura e di un Islandese, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, La ginestra passim). Coordinate storico-politico-culturali di Naturalismo e Verismo con riferimenti alla filosofia positivista di Comte. Verga G.: Concezione della vita e dell incidenza del progresso su di essa attraverso le novelle: Nedda, Fantasticheria, Rosso Malpelo, La roba ; i romanzi: I Malavoglia (integrale), Mastro don Gesualdo (passi antologici). La crisi dei fondamenti: Freud, Einstein, Bergson. Il Simbolismo e la figura del veggente Baudelaire Ch.: Albatros, Corrispondenze. Rimbaud A.: La lettera del veggente. Pascoli G.: Il fanciullino, L assiuolo, X Agosto, Il lampo, Il gelsomino notturno, La grande proletaria s è mossa, L ultimo viaggio. L Estetismo in O. Wilde e J. K. Huysmans. D Annunzio G.: L Ulisse (tema dell ulissismo in letteratura). MODULO 3 scritto 4 orale: Il romanzo d analisi. Quadro storico letterario degli inizi del Novecento. Il Crepuscolarismo attraverso Gozzano ( Totò Merumeni ). Il futurismo attraverso i manifesti di Marinetti. Le avanguardie storiche attraverso arte e letteratura: Dadaismo, Surrealismo, Espressionismo. Kafka F.: La metamorfosi (passim). Joyce J.: Evelyne. Proust M.: L episodio della Madelaine. Svevo I.: L inetto attraverso passi antologici di Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno. Pirandello L.: Il relativismo conoscitivo e la maschera attraverso: Il saggio sull umorismo, Il fu Mattia Pascal ; Così è, se vi pare, Uno, nessuno, centomila (conclusione) Sei personaggi in cerca d autore (brani antologici), Il treno ha fischiato. MODULO 5 scritto 6 orale: Il disagio della civiltà nella poesia. L impegno e l inadeguatezza dell intellettuale. Solaria e l Ermetismo l intellettuale e i due conflitti mondiali. Ungaretti G.: Veglia, Sono una creatura, San Martino del Carso, I fiumi, Fratelli, Non gridate più. Montale E.: Il male di vivere attraverso: Non chiederci la parola, I limoni, Spesso il male di vivere, Meriggiare, Cigola la carrucola del pozzo, Non recidere, forbice, quel volto, La casa dei doganieri. Saba U.: La poesia onesta: Ulisse, Città vecchia. Fenoglio B.: Una morte assurda, Fare il partigiano: una scelta esistenziale. Pavese C.: La fuga e l inadeguatezza, La perdita delle radici. Metodi Lezioni frontali. Analisi fonti e letture critiche. Composizione schemi riassuntivi ragionati. Discussione dei temi trattati. Verifiche di comprensione di tipologia B. Pag. 1

16 08 NAUTICO Docente GORLA Gabriella Lettura di quotidiani. Utilizzo di audiovisivi. Visite guidate. Recupero in itinere. Mezzi e strumenti Libri di testo. Aula multimediale. Lezione frontale. Prove Num. Tipologia 6 Questionario 6 Interrogazioni 6 Saggi, articoli Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Collocare nello spazio e nel tempo criticamente i principali avvenimenti letterari cogliendo i legami essenziali per interpretare il presente. Pag. 2

17 08 NAUTICO Docente LOTTERO Maria Luisa Competenze Conoscenze Abilità 2 Gestire il funzionamento dei vari insiemi di uno specifico mezzo di trasporto 4 Gestire in modo appropriato gli spazi a bordo ed organizzare i servizi di carico e scarico, e di depurazione di sistemazione delle merci e dei passeggeri Argomenti 1 MODULO: _ Impianti di propulsione navale Dalle turbonavi alle motonavi Richiami sull'impianto motore a vapore Stima della potenza effettiva di propulsione Classificazione e confronto fra i principali sistemi di propulsione navale: impianto motore a vapore, motori diesel, impianto a gas, propulsione nucleare 2 MODULO: Titolo: Motori alternativi a combustione interna Generalità classificazione e caratteristiche costruttive Cenni sui MCI ad accensione comandata Ciclo ideale e ciclo reale nei MCI ad accensione spontanea Il diagramma di distribuzione Dimensionamento di un motora a 4T ad accensione spontanea Dimensionamento di un motora a 2T ad accensione spontanea Potenza e rendimenti Bilancio termico della combustiuone 3 MODULO: Sovralimentazione, raffreddamento e lubrificazione dei MCI U.D.1 Sistemi di sovralimentazione: caratteristiche delle turbosoffianti Dimensionamento ECR ed MCR U.D.2 Raffreddamento dei MCI: finalità e caratteristiche costruttive dell'impianto dimensionamento per 2T e 4T U.D.3 Lubrificazione dei MCI: finalità e caratteristiche costruttive dell'impianto dimensionamento per 2T e 4T 4 MODULO: Servizi ausiliari di bordo U.D. 1 Produzione di energia elettrica: Diesel alternatori Alternatori asse, coassiali e ad asse parallelo Schemi d'impianto U.D2 Produzione di vapore ausiliario: Caldaie a gas di scarico Schemi d'impianto Preriscaldo dell'acqua di alimento 5 MODULO: Impianti con turbine a gas Generalità e schema dell'impianto Ciclo ideale calcolo del rendimento e metodi per aumentarlo Tipi di turbine adoperate nella propulsione navale Varie tipologie di impianto Pag. 1

18 08 NAUTICO Docente LOTTERO Maria Luisa Metodi METODI DI INSEGNAMENTO L'insegnamento è condotto analizzando la disciplina in modo critico ed evidenziandone soprattutto gli aspetti applicativi. Si cerca di stimolare l'attenzione e l'apprendimento con domande, esempi pratici, facendo acquisire agli alunni dei dati essenziali e collegati alle immediate utilizzazioni pratiche. Si tenta di consolidare nei ragazzi un atteggiamento costruttivo e partecipativo nell'affrontare la disciplina. Mezzi e strumenti STRUMENTI DI LAVORO - Libro di testo, appunti e dispense forniti e/o dettati dal docente - Uso di sistemi audiovisivi e/o informatici compatibilmente alle disponibilità di mezzi didattici presenti nell'istituto. - Prove pratiche in laboratorio compatibilmente alla disponibilità di mezzi didattici presenti nell'istituto. ATTIVITA' DI RECUPERO Per recuperare eventuali lacune, gli argomenti trattati durante le lezioni saranno rivisti analizzando le difficoltà che l'allievo incontra nell'apprendere la materia. Sarà data a tutti almeno una possibilità di recupero qualora uno o più verifiche non abbiamo raggiunto risultati soddisfacenti. Prove Num. Tipologia 2 Interrogazioni 2 Progettazione Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Sapersi orientare correttamente nella interpretazione delle caratteristiche funzionali dei tradizionali motori marini con particolare riferimento al settore dei più moderni impianti di propulsione Pag. 2

19 08 NAUTICO Docente BRIANO Danila Competenze Conoscenze Abilità 10 Utilizzare i fondamentali strumenti della matematica per operare nel campo delle materie di indirizzo Saper calcolare integrali definiti e indefiniti. Saper risolvere equazioni differenziali. Argomenti MODULO 1: integrali indefiniti. MODULO 2: integrali definiti. MODULO 3: equazioni differenziali. MODULO 4: funzioni di due variabili. MODULO 5 (eventuale): serie numeriche. Metodi Lezione frontale, esercizi individuali e in gruppo. Mezzi e strumenti Appunti, libro di testo. Prove Num. Tipologia 7 Risoluzione problemi Valutazione StandardValutazione Obiettivi minimi Risoluzione di integrali indefiniti e definiti. Risoluzione di semplici equazioni differenziali del 1 ordine. Dominio di una funzione di due variabili. Pag. 1

20 08 NAUTICO Docente COSCE Mara Competenze Conoscenze Abilità L'uomo e la scienza. La Chiesa di fronte ai conflitti del xx secolo Saper agire utilizzando la moralità e l'intelletto. Saper motivare le scelte etiche dei Cattolici. Argomenti CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 La persona umana fra le novità tecnico scientifiche e le ricorrenti domande di senso _Cogliere i rischi e le opportunità delle tecnologie informatiche e dei mezzi di comuniocazione religiosi. La Chiesa di fronte ai conflitti ed ai totalitarismi del xx secolo _Ebraismo _Le esperienze di Ebrei e cristiani nei campi di concentramento. _Riconoscere in vicende contemporanee modi concreti con cui la Chiesa utilizza il comandamento dell'amore che Gesù ha insegnato agli uomini. Il Concilio Vaticano secondo:storia,documenti,ed effetti nella Chiesa e nel mondo La dottrina sociale nella Chiesa:la persona che lavora,i beni ele scelte economiche,l'ambiente e la politica _Riconoscere le linee di fondo della Dottrina sociale della Chiesa e gli impegni per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato. Il dialogo interreligioso ed il suo contributo per la pace fra i popoli: la figura del Papa come uomo di pace e per la pace, altre figure significative portatrici di pace. I missionari di oggi L'insegnamento della Chiesa sulla vita,i sacramenti,la Famiglia _Motivare le scelte etiche dei Cattolici nelle realizzazioni affettive nella Famiglia,nelle vita, dalla nascita alla morte. Metodi Gli alunni avranno l'ausilio del libro di testo e di libri o articoli forniti dalla docente. Mezzi e strumenti Saranno proiettati films o documentari,letture e dialoghi in classe. Prove Num. Tipologia 3 Test Pag. 1

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli