Classe VBT - Esame di Stato a.s. 2014/ 2015 LICEO DI STATO C.RINALDINI -ANCONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe VBT - Esame di Stato a.s. 2014/ 2015 LICEO DI STATO C.RINALDINI -ANCONA"

Transcript

1 LICEO DI STATO C.RINALDINI -ANCONA Liceo Classico-Liceo Musicale Liceo delle Scienze Umane con opzione Economico Sociale Via Canale,1 ANCONA - Tel.071/ fax 071/ DOCUMENTO DI CLASSE Classe V sez. BT a.s. 2014/15 indirizzo CLASSICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROF.ssa GIULIETTA BRECCIA 1

2 SOMMARIO 1. PRESENTAZIONE 1.1 LA CLASSE pag GLI ALUNNI/E pag I/LE DOCENTI pag METODOLOGIA 2.1 LA PROGRAMMAZIONE pag LA LEZIONE e LA VALUTAZIONE pag LE VERIFICHE e IL RECUPERO pag ATTIVITÀ 3.1 PROGETTI DI ISTITUTO pag VISITE DI ISTRUZIONE pag SIMULAZIONI D ESAME pag PROGRAMMI 4.1 AREA LINGUISTICO-LETTERARIA Lingua e Letteratura Italiana pag. 14 Lingua e Letteratura Latina pag. 18 Lingua e Letteratura Greca pag. 22 Lingua e Letteratura Inglese pag AREA STORICO-FILOSOFICA Storia pag. 28 Filosofia pag. 32 Storia dell Arte pag AREA TECNICO-SCIENTIFICA Matematica pag. 36 Fisica pag. 38 Scienze della Terra pag. 40 Educazione Fisica pag ALLEGATI 5.1 SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA Prova del 23/01/2015 pag. 45 Prova del 20/04/2015 pag GRIGLIE DI VALUTAZIONE Prima prova pag. 47 Seconda prova pag. 48 Terza prova pag. 49 Colloquio pag. 50 Tabella di conversione pag. 51 Criteri di valutazione - tabella pag. 52 2

3 Il Consiglio di Classe della Classe V BT Docenti Materia Firma Baldini Nadia Ciambrignoni Nadia D Amico Matteo D Orsi Elvira Graziani Irene Orsetti Marco Piattella Maria Paola Pignocchi Renata Pisano Caterina Puca Lorenzo Sandroni Claudia Tenti Lorenzo Educazione Fisica Lingua e Letteratura Italiana Storia Matematica e Fisica Lingua e Letteratura Latina Filosofia Lingua e Letteratura Inglese Lingua e Letteratura Greca Sostegno Scienze della Terra Storia dell Arte Religione Rappresentanti degli alunni/e Duca Emanuele Firme Sardella Giuliana Ancona, 15 maggio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Giulietta Breccia 3

4 1. PRESENTAZIONE 1.1 LA CLASSE La situazione La fisionomia attuale della classe, composta da 28 alunni (18 femmine e 10 maschi) è il risultato di un accorpamento tra due classi a loro volta smembrate, avvenuto in seconda Liceo. Nonostante l origine composita della classe, l elevato numero di alunni e la conseguente disomogeneità nei livelli di competenze e conoscenze man mano raggiunti nel corso del quinquennio, gli studenti della 5 BT evidenziano oggi, alla conclusione del triennio, di aver seguito un graduale percorso di crescita e maturazione nel lavoro di consolidamento del proprio profilo educativo-culturale. Anche la maturazione dell aspetto socio-educativo, che si è manifestata attraverso la ricerca di un equilibrato affiatamento nei rapporti interpersonali, è avvenuta nel corso di quest ultimo anno, con un complessivo miglioramento delle capacità di relazione e di lavoro d équipe. Permangono tuttavia le differenze, sia nella continuità e profondità dell impegno profuso sia nei risultati conseguiti, variabili anche da disciplina a disciplina, sia nell autonomo sviluppo di interessi culturali radicati in profondità. Pertanto la maggioranza degli studenti si attesta, in generale, su un livello di profitto mediamente discreto, a fronte di un gruppo di allievi maggiormente motivati e supportati nelle produzioni da una preparazione più accurata, una padronanza più sicura nelle competenze, e alcuni anche da una capacità di rielaborazione e di approfondimento autonomamente motivata. Per alcuni studenti, soprattutto a causa delle difficoltà riscontrate nella traduzione dal Latino e dal Greco, si è reso necessario un costante lavoro di recupero, al fine di rafforzare almeno in parte certe debolezze pregresse, con risultati sul miglioramento delle competenze mediamente positivi, stante la permanenza di alcune problematicità. Tuttavia, la disponibilità della maggioranza della 5 BT al dialogo educativo e la curiosità intellettuale cresciuta gradualmente in alcuni, hanno sostenuto lo svolgimento del lavoro didattico, consentendo di portare a compimento un percorso formativo complessivamente di buon livello. Per quanto riguarda la composizione della classe nel corso del triennio, si segnalano le seguenti dinamiche. Nella quarta Liceo si sono iscritti tre nuovi alunni, uno da una sezione parallela del Liceo Rinaldini e due provenienti da altri Licei, mentre un alunna della classe si è trasferita in altra sezione. In quinta Liceo, infine, all inizio dell anno scolastico, provenienti da altri istituti, si sono iscritti due studenti, di cui uno si è però di nuovo trasferito in altro Liceo in data 25/10/2015. Si rinvia infine al documento allegato per quanto attiene a una specifica situazione di un alunna della classe. CLASSE ALUNNI ISCRITTI ALLA CLASSE PROVENIENTI DA ALTRA CLASSE TRASFERITI IN ALTRA CLASSE PROMOSSI A GIUGNO PROMOSSI CON GIUDIZIO SOSPESO NON AMMESSI III IV V

5 1.2 GLI ALUNNI/E Elenco complessivo 1 BARBIERATO Allegra 2 BELLESI Gaia 3 BETTI Maria Sole 4 BRANCATELLO Beatrice 5 BUTICCHI Flavia 6 CAPORALINI Sara 7 CARRIERI Nicoletta 8 D ANTONIO Lorenzo 9 DAZJ Andrea 10 DISCEPOLO Lara 11 DROC Alexandra-medina 12 DUCA Emanuele 13 FANFARILLO Linda 14 GAMBELLA Costanza 15 IAVARONE Fabiana 16 LILLINI Giulia 17 MALAJ Megi 18 MANZOTTI Elia 19 MIGLIOSI Marta 20 MILLOZZI Giacomo Maria 21 MORUZZI Daniele 22 PRINCIPI Marco 23 RAFFAELLI Davide 24 SARDELLA Giuliana 25 SCHIASSELLONI Linda 26 SCIULLI Erica 27 SPAHIC Maid 28 VASSALLO Davide 5

6 1.3 I/LE DOCENTI Il Consiglio di Classe La composizione del Consiglio di Classe ha subito, nel corso del triennio, alcune significative variazioni. Nell anno scolastico 2013/2014 la cattedra di Matematica e Fisica è stata assegnata alla prof.ssa E. D Orsi, subentrata al prof. I. Borsini, e la cattedra di Storia e Filosofia è stata assegnata al prof. M. D Amico, subentrato alla prof.ssa A.G. Rossetti. Nell anno scolastico 2014/2015 la cattedra di Storia e Filosofia è stata suddivisa tra il prof. M. D Amico (Storia) e il prof. M. Orsetti (Filosofia). Inoltre la cattedra di Scienze della Terra è stata assegnata al prof. L. Puca, subentrato alla prof.ssa L.Baldelli, già sostituita dallo stesso prof. Puca nel corso dell anno scolastico 2012/2013 per una supplenza temporanea trimestrale. L incarico di Coordinatore del Consiglio di Classe nel triennio è stato sempre ricoperto dalla prof.ssa M.P. Piattella. DISCIPLINE A.S. 2012/13 A.S. 2013/14 A.S. 2014/15 Religione Tenti Tenti Tenti Lingua e Letteratura Italiana Ciambrignoni Ciambrignoni Ciambrignoni Lingua e Letteratura Latina Graziani Graziani Graziani Lingua e Letteratura Greca Pignocchi Pignocchi Pignocchi Lingua e Letteratura Inglese Piattella Piattella Piattella Storia Rossetti D Amico D Amico Filosofia Rossetti D Amico Orsetti Matematica Borsini D Orsi D Orsi Fisica Borsini D Orsi D Orsi Scienze della Terra Puca - Baldelli Baldelli Puca Storia dell Arte Sandroni Sandroni Sandroni Educazione Fisica Baldini Baldini Baldini Sostegno Pisano Pisano Pisano 6

7 2. METODOLOGIA 2.1 LA PROGRAMMAZIONE Obiettivi comuni a tutte le discipline Durante il triennio, nell ambito delle Programmazioni educativo-didattiche, il Consiglio di Classe, oltre agli obiettivi didattici operativi specifici per ogni disciplina, condivisi nelle riunioni di Aree disciplinari e di Dipartimento, ha enucleato alcune irrinunciabili finalità trasversali, in coerenza con quelle indicate dal P.O.F. di Istituto, raggiungendo i seguenti obiettivi comuni: Sul piano educativo-didattico o Per la dimensione personale Autodisciplina consapevole di sé nella misura relazionale Responsabilità comportamentale e cognitiva o Per la dimensione sociale Autonomia e correttezza nelle relazioni interpersonali Presa di coscienza del contesto socio-ambientale Sul piano disciplinare-didattico o Per le CONOSCENZE Nuclei portanti di ogni sapere disciplinare Specificità dei problemi e dei temi disciplinari o Per le CAPACITÁ/ABILITÁ Strutture cognitive fondanti delle discipline Lessico attinente ai glossari disciplinari o Per le COMPETENZE Rielaborazione critica e autonoma Connessioni interdisciplinari funzionali 2.2 LA LEZIONE e LA VALUTAZIONE Il lavoro didattico è stato negoziato con gli alunni partendo dal contratto formativo a ogni inizio anno e condividendo così le linee modulari delle Programmazioni educativo-didattiche, complete di obiettivi specifici, delle modalità di verifica e delle griglie di valutazione, per stabilire un clima collaborativo e sviluppare la consapevolezza e l impegno nello studio. La lezione La modalità prevalente è stata quella della lezione frontale e dialogata, avendo cura di stabilire tempi per domande, approfondimenti e discussioni libere e aperte. Si sono incoraggiati lavori di gruppo e attività di ricerca, anche con supporti audiovisivi, multimediali e informatici. Sono state svolte esperienze laboratoriali sia nelle discipline scientifiche sia in quelle umanistiche. È stato incoraggiato anche il lavoro individuale con indicazioni metodologiche ad hoc tramite materiali e fonti (testi, dizionari, ipertesti, cd-rom, dvd, bibliografie tematiche, sitografie, etc.), consigliati e messi a disposizione. 7

8 La valutazione In ottemperanza alla vigente normativa sulla valutazione il Collegio dei Docenti ha espresso una sua docimologia, elaborando e producendo inerenti griglie di valutazione, volte a descrivere, attraverso un sistema di descrittori, i livelli di padronanza raggiunti nei diversi indicatori (con la relativa ponderazione), tenendo presente le Conoscenze contenutistiche, le Abilità/Capacità cognitive metodologiche e le Competenze rielaborative autonome. Per la terminologia si è cercato di tener conto del Quadro europeo delle Qualifiche e dei Titoli (European Qualifications Framework EQF), dell esperienza in corso in Italia e del conseguente dibattito didattico odierno.in prevalenza, si è sempre espresso il voto in decimi, anche per le valutazioni quadrimestrali e, comunque, a tale scala valutativa sono stati riconvertiti sempre i punteggi espressi in cinquantesimi e in quindicesimi, sia nell ambito delle prove formative disciplinari sia nell ambito delle stesse simulazioni d esame. Si allegano le griglie utilizzate per la prima, la seconda, la terza prova e il colloquio, nonché la tabella di conversione. Il credito scolastico Per valutare e attribuire il credito scolastico, previsto per legge dal D.M. n.42/ (in sostituzione del D.P.R. n.323/ ), per quanto attiene agli ultimi tre anni, si attribuisce, fino a un max di 25 punti complessivi, a ogni alunno/a, nello scrutinio finale, secondo le bande esplicitate nella seguente tabella: TABELLA A (sostituisce la tabella prevista dall articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) MEDIA DEI VOTI CREDITO SCOLASTICO (PUNTI) III ANNO IV ANNO V ANNO M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Ai fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l attribuzione di un unico voto secondo l ordinamento vigente. Sempre ai fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l attribuzione di un unico voto secondo l ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. 8

9 Il credito scolastico, da attribuire nell ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l interesse e l impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. In ottemperanza al D.M. e al D.P.R. citati, non si è attribuito nessun credito scolastico per gli anni in cui non è stata conseguita la promozione alla classe superiore. In caso di promozione con carenze in una o più discipline, è stato assegnato il punteggio minimo previsto nella banda di oscillazione della suddetta tabella. Tale punteggio è stato successivamente integrato, nell ambito dello scrutinio finale dell anno successivo, dietro accertamento documentato del superamento del debito formativo, sempre nei limiti della banda prevista. Il punteggio finale attribuito, sempre espresso con un numero intero, tiene conto dei seguenti criteri: a) media dei voti; b) curricolo; c) crediti formativi (sino a un max di 1 punto); d) particolari meriti scolastici. Il Collegio Docenti dell Istituto, in data , dopo il lavoro di una Commissione ad hoc, ha deliberato di integrare i parametri ministeriali, per l attribuzione dei crediti scolastici, anche in relazione ai Progetti del P.O.F., come segue: Partecipazione, efficiente ed efficace (su giudizio del docente referente), ai Progetti Attribuzione dei crediti in funzione della durata dei progetti stessi, in base alla seguente specifica: Ore Punteggio 10h max h max h max 0.30 Per quanto riguarda progetti volti alla valorizzazione delle eccellenze, come il Progetto EEE (Extreme Energy Events), il credito assegnato agli studenti che hanno positivamente superato il test finale è 0,30. Il credito formativo Secondo il D.M. del , danno titolo a crediti formativi le esperienze extrascolastiche a carattere culturale, artistico e ricreativo o legate alla formazione professionale, al lavoro produttivo, all ambiente, al volontariato, alla cooperazione e allo sport. Tali esperienze devono essere documentate tramite un attestato, una descrizione dell attività stessa e/o una convalida diplomatica o consolare, se è stata svolta e acquisita all estero. Il Collegio Docenti dell Istituto, sempre in data , dopo il lavoro della suddetta Commissione, ha deliberato di aggiungere, anche per la classe finale, che, pure in assenza di certificazione, si possa attribuire 1 punto a chi riporta il 10 in condotta. Il voto di condotta Si è tenuto conto della novità normativa introdotta sulla valutazione del comportamento degli alunni/e, cui va attribuito un voto in decimi. Tale voto, come espresso nel P.O.F. di Istituto (cfr. p. 21), in base ai seguenti riferimenti normativi, Legge n. 169 del ; D.M. n. 5 del ; D.P.R. n. 122 del , concorre alla valutazione complessiva, all attribuzione del credito scolastico e, secondo il recente D.M. n. 99 del e la nota n. 236 del , concorre nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina ( ) alla determinazione della media dei voti conseguiti, in sede di scrutinio finale ( ). In tale senso, il Consiglio di Classe ha calcolato il voto di condotta. 9

10 LE VERIFICHE e IL RECUPERO Le verifiche disciplinari si sono avvalse sia di prove scritte, diversificate nella tipologia - anche in alcune tra le materie di studio dove non è prevista una valutazione dello scritto - sia di prove orali nella forma del colloquio o della relazione o anche della esposizione di ricerche individuali e/o di gruppo, sia di prove pratiche, soprattutto, nel caso di Ed. fisica. Il recupero e il potenziamento si sono svolti nell ambito delle giornate programmate dal Collegio dei Docenti. 3. ATTIVITÀ 3.1 I PROGETTI DI ISTITUTO Si segnalano quei Progetti di approfondimento e quelle Attività extracurriculari, offerti, proposti, segnalati e organizzati dall Istituto, a cui gli alunni/e hanno partecipato, nel corso dell intero triennio. PROGETTI/ATTIVITÀ III LICEO IV LICEO V LICEO Certamen Taciteum Agone Placidiano Olimpiadi delle lingue e delle civiltà classiche Laboratorio permanente di scienze dell'antichità Corsi propedeutici ai test universitari Giornalino d Istituto Lo schermo racconta Alternanza scuola-lavoro Bellesi, Brancatello, Buticchi, Caporalini, Droc Bellesi, Brancatello, Caporalini, Duca Duca Brancatello D Antonio, Millozzi Brancatello, Buticchi, D Antonio, Millozzi, Principi, Sciulli Caporalini, Migliosi Migliosi Barbierato, Betti, Brancatello, Buticchi, Carrieri, Droc, Duca, Fanfarillo, Lillini, Malaj, Migliosi, Millozzi, Moruzzi, Raffaelli, Sciulli, Vassallo Barbierato, Betti, Buticchi, D Antonio, Iavarone, Millozzi, Moruzzi, Raffaelli, Sciulli, Vassallo Betti Caporalini Brancatello, Duca, Millozzi, Moruzzi, Sardella Bellesi, Droc, Iavarone, Millozzi Betti, Buticchi, Carrieri, Dazj, Duca, Fanfarillo, Migliosi, Millozzi, Moruzzi, Raffaelli, Sciulli Bellesi, Caporalini, Carrieri, Discepolo, Gambella, Lillini, Malaj, Migliosi, Schiasselloni, Sciulli 10

11 Progetto ponte English4U FCE inglese Concorso AIART EEE (Extreme Energy Events) Olimpiadi delle Scienze Navigare insieme Donacibo Corto Dorico Giochi studenteschi Betti, Brancatello, Fanfarillo, Gambella, Iavarone, Lillini, Malaj, Raffaelli Barbierato, Bellesi, Buticchi Barbierato, Buticchi, Sardella Caporalini, Duca, Millozzi Migliosi Carrieri, Droc Raffaelli Barbierato, Bellesi, Betti, Brancatello, Buticchi, Carrieri, D Antonio, Discepolo, Droc, Duca, Fanfarillo, Gambella, Iavarone, Lillini, Malaj, Migliosi, Millozzi, Moruzzi, Principi, Raffaelli, Sardella, Schiasselloni, Sciulli Carrieri, Droc, Fanfarillo, Iavarone, Lillini, Malaj, Sardella, Schiasselloni Manzotti Duca, Migliosi 3.2 VISITE D ISTRUZIONE Nell ultimo anno scolastico, la Classe - nella sua interezza o limitatamente ad alcuni rappresentanti - è stata impegnata nelle seguenti uscite didattiche (viaggi d istruzione e visite guidate): - Viaggio d istruzione nella Grecia classica (12-17 ottobre 2014); - Viaggio d istruzione a Recanati - Palazzo Leopardi, Colle dell Infinito (20 gennaio 2015). 11

12 3.3 SIMULAZIONI Il Consiglio di Classe ha ritenuto di far esercitare gli alunni/e attraverso una simulazione di seconda prova e due simulazioni della terza prova, perché i ragazzi potessero fare un adeguata esperienza della gestione del tempo (la durata in funzione dell articolazione della consegna), dello spazio (la lunghezza della stesura, come nel caso della tipologia B della risposta breve) e della stessa simultaneità disciplinare. Seconda prova In data 23 aprile si è svolta la simulazione della seconda prova, che ha visto gli alunni impegnati nella traduzione di un tema di versione per la durata di tre ore. Terza prova Il Consiglio di classe, dopo una attenta valutazione della normativa ministeriale sulle tipologie della terza prova scritta (A- trattazione sintetica; B- risposta breve; C- risposta multipla), ha scelto la Tipologia B, con 2 quesiti (con un numero max di righe) per ciascuna delle 5 discipline proposte, ritenendo che tale formulazione meglio permette di saggiare, come richiesto, le conoscenze disciplinari (contenuti/nozioni), le abilità/capacità specifiche (cognitive e metodologiche) e le competenze (rielaborative e autonome) e che si addice di più all indirizzo del Liceo stesso, oltre all approccio svolto durante il lavoro scolastico. Sono state eseguite 2 simulazioni della terza prova (di cui si allegano le tracce). La prima simulazione si è tenuta il 23 gennaio 2015: Greco, Inglese, Storia, Matematica, Scienze. La seconda simulazione ha avuto luogo il 20 aprile 2015: Greco, Inglese, Storia, Fisica, Arte. Per la valutazione si è adottata una griglia (in allegato) articolata su tre indicatori, ciascuno declinato su sei livelli (e altrettanti descrittori) per un totale di 50 punti, successivamente convertiti sia in quindicesimi sia in decimi, per la valutazione pentamestrale. 12

13 4. PROGRAMMI I programmi d esame, che vengono presentati raggruppati secondo Aree disciplinari, sono a cura dei/delle singoli docenti, con l opportunità di accompagnare il piano del lavoro svolto, espresso anche in tempi, con una nota di presentazione, rispetto alle scelte compiute o anche allegando materiali didattici, ritenuti funzionali e utili, anche per il colloquio d esame. 4.1 AREA LINGUISTICO-LETTERARIA Lingua e Letteratura Italiana Lingua e Letteratura Latina Lingua e Letteratura Greca Lingua e Letteratura Inglese 13

14 PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE MATERIA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE: Nadia Ciambrignoni OBIETTIVI DIDATTICO DISCIPLINARI Conoscenze Riconoscere forme e registri linguistici diversi, tecniche di organizzazione del discorso scritto e orale Conoscere gli sviluppi fondamentali della tradizione letteraria italiana Riconoscere codici formali, istituzioni, quadro storico delle diverse epoche e culture Conoscere metodi e strumenti di analisi e di interpretazione Elaborare criticamente i contenuti Condurre collegamenti interdisciplinari Competenze Usare con sicurezza metodi e strumenti di analisi linguistica e stilistica Leggere ed interpretare direttamente i testi Riconoscere il testo letterario nella sua specificità e polisemia Rapportare l esperienza di studio alle proprie esperienze culturali Capacità Organizzare e produrre esposizioni corrette, pertinenti, efficaci, non stereotipate Produrre scritti diversi per funzione, tecnica, registro linguistico Contestualizzare il testo letterario in relazione a codici formali, istituzioni, altre opere, cultura, arte, storia Formulare giudizi personali interpretativi e critici METODOLOGIA DI LAVORO - Alternanza di lezioni frontali e di laboratori/seminari sul testo - Supporti e confronti con altri testi - PPT personalizzati su LIM STRUMENTI DI VERIFICA SPERIMENTATI - Colloquio orale - Test scritti - Prove scritte quadrimestrali secondo le varie tipologie d esame LIBRO DI TESTO: CONTESTI LETTERARI, G.Barberi Squarotti/Amoretti/Balbis/Boggione, ed. Atlas, voll CONTENUTI DISCIPLINARI 1 MODULO LA CULTURA ROMANTICA IN EUROPA E IN ITALIA Argomenti trattati: La cultura Romantica in Germania e in Europa: l origine e i caratteri del Romanticismo, dai primi cenni con lo Sturm und Drang. Poesia ingenua degli antichi e Poesia sentimentale dei moderni; la Sehnsucht; il Bello superato dal Sublime; il Gruppo di Jena e l elaborazione della nuova Estetica; un nuovo Intellettuale; la letteratura popolare. Lettura di Testi: F.Holderlin, da Iperione, Essere uno col tutto F.von Schlegel, da Frammenti, La poesia universale progressiva 14

15 2 MODULO ROMANTICISMI EUROPEI Argomenti trattati: Cenni sulle caratteristiche della cultura romantica in Inghilterra e in Francia. Lettura di Testi: W.Wordsworth, da Prefazione alle Ballate Liriche, Una poesia di carne e di sangue V.Hugo, da Prefazione a Cromwell, La natura e la verità, righe MODULO IL DIBATTITO ITALIANO TRA CLASSICISTI E ROMANTICI Argomenti trattati: Definizione dei caratteri del Romanticismo italiano; la polemica tra Classicisti e Romantici; le riviste del primo Romanticismo: Il Conciliatore e L Antologia. Lettura di Testi: - M.me De Stael, l articolo Sulla maniera e l utilità delle traduzioni - La risposta di Giacomo Leopardi (fornita dall insegnante) - P.Giordani, Un italiano risponde al discorso di M.me De Stael - G.Berchet, dalla Lettera semiseria di Grisostomo, Per una poesia universale e popolare - A.Manzoni, dalla Lettera al marchese C.D Azeglio sul Romanticismo, L utile, il vero, l interessante - P.Borsieri, dal Programma del Conciliatore: L utilità generale come fondamento della cultura 4 MODULO A.MANZONI TEORICO E PRATICO DEL ROMANTICISMO ITALIANO Argomenti trattati: Dalla biografia alle opere, seguendo alcune letture tratte da La famiglia Manzoni di N.Ginzburg. La conversione e il progetto degli Inni Sacri; le Odi; le Tragedie e gli scritti di teoria teatrale; il grande interesse per la Storia e le vicende della composizione dei Promessi Sposi; la nascita ufficiale del romanzo in Italia. Lettura ditesti: - Autoritratto (fornito dall insegnante) - dal Carme in morte di C.Imbonati, vv Sentir e meditar - Dagli Inni sacri: La Pentecoste - Dalle Odi: Il 5 Maggio - Dalla Lettre à M.Chauvet, Il vero della storia e il vero della poesia - I Promessi Sposi: struttura e caratteristiche narratologiche; le revisioni linguistiche fino alla soluzione toscana degli anni 40; qualche prospettiva di lettura. 5 MODULO G.LEOPARDI CROCEVIA TRA CULTURA ILLUMINISTA, CLASSICISTA E ROMANTICA Argomenti trattati: Vita ed opere. La grande innovazione della lirica italiana nei significanti e nei significati; il sistema filosofico; poetica e pensiero; i Canti nell ordinamento assegnato dal poeta; la prosa delle Operette Morali, l ironia e il silenzio poetico ; il risorgimento delle illusioni e i Canti pisano-recanatesi; il messaggio conclusivo della Ginestra. Lettura ditesti: - dallo Zibaldone: La poetica dell indefinito, [ ]; Verso il pessimismo cosmico: piacere, noia, natura. - dai Canti: L infinito - La sera del dì di festa A Silvia Le ricordanze - La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell Asia - Il passero solitario La ginestra: struttura e contenuti; lettura ed analisi dei vv ; dalle Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie - Dialogo d un venditore di almanacchi e di un passeggere. 15

16 6 MODULO L ETA DEL REALISMO Argomenti trattati: -Quadro storico-culturale italiano ed europeo; -La Scapigliatura: definizione e miti polemici; le tematiche scapigliate; influenza del modelli francesi: Baudelaire, i Bohemiens. Lettura di testi: -E.Praga, da Penombre: Preludio. -A.Boito, da La scapigliatura e il 6 febbraio: Introduzione. 7 MODULO NATURALISMO FRANCESE E VERISMO ITALIANO: RACCONTARE IL VERO Argomenti trattati: -Il romanzo dopo Manzoni: segnali di trapasso verso nuovi moduli narrativi, analogie e differenze tra naturalismo francese e verismo italiano, tra E.Zola e G.Verga. -G.Verga, la vita e l opera: dai primi romanzi scapigliati all approdo al verismo; le tecniche della Regressione e dello Straniamento; il racconto del Vero; la lingua aderente al Vero; le raccolte di novelle ed i romanzi. Lettura di testi: - Da Vita dei campi, Fantasticheria, con cenni sulla Lettera a S. Verdura -Da Vita dei campi, Prefazione a L amante di Gramigna - Da Vita dei campi: Rosso Malpelo ; La lupa - Dalle Novelle rusticane: Libertà ; La roba - I Malavoglia: struttura, tematiche e caratteristiche narratologiche; il Ciclo dei vinti ; la Prefazione - Mastro-Don Gesualdo: struttura, tematiche e caratteristiche narratologiche. 8 MODULO VERSO IL 900: LA CULTURA DECADENTE Argomenti trattati: -Quadro storico-culturale europeo; irrazionalismo e antipositivismo: crisi delle certezze; il Decadentismo: definizioni e caratteristiche; estetismo, vitalismo, superomismo, senso della morte; contiguità e differenze rispetto a Naturalismo e Romanticismo; il Simbolismo francese; Decadentismo e simbolismo in Italia. Lettura di testi: -C.Baudelaire, da I fiori del male: L albatros; Corrispondenze; Spleen - A.Rimbaud, Lettera del Veggente -P. Verlaine, Langueur -O.Wilde, da Il ritratto di Dorian Gray, Prefazione: L arte è inutile -G. Pascoli: vita ed opere. La poetica del Fanciullino; il rapporto con il maestro G.Carducci; l impressionismo poetico; il fonosimbolismo; i temi della poesia pascoliana. Lettura di testi: - Da Il fanciullino: capp. I-III-XX - Da Myricae: Lavandare - Temporale-Il lampo-il tuono -L assiuolo-x Agosto-Novembre, letta in rapporto con San Martino di G.Carducci -Da Canti di Castelvecchio:Il gelsomino notturno - Da Primi Poemetti:Italy, canto secondo, strofe XIX-XX - G.Contini, Il linguaggio pascoliano -G.D Annunzio: estetismo e superomismo. Vita ed opere; la formazione culturale, ideologica e letteraria; cenni sui romanzi dell esteta e del superuomo ;il panismo lirico; il grande progetto delle Laudi. Letture di Testi: -Da Le vergini delle rocce, cap. I:Il programma del superuomo -Da Alcyone: La sera fiesolana-le stirpi canore - La pioggia nel pineto - Meriggio 16

17 9 MODULO PERCORSI DELLA SCRITTURA NEL 900: CENNI SU POETICHE ED AUTORI Argomenti trattati: -Il confronto inevitabile con le personalità di G.D Annunzio e G. Pascoli: filiazione o opposizione - Il Futurismo: la personalità di F.T.Marinetti e il movimento futurista; i Manifesti del Futurismo. Il futurismo di A. Palazzeschi e la domanda sull identità del Poeta. Letture di Testi: -Manifesto del Futurismo e Manifesto tecnico della letteratura futurista -F.T.Marinetti, da Zang Tumb Tumb, Bombardamento di Adrianopoli, vv A.Palazzeschi, da Poemi, Chi sono? ; da L incendiario, Lasciatemi divertire -I Crepuscolari:caratteri generali della poesia crepuscolare; le personalità S.Corazzini e M.Moretti. Letture di Testi: -S.Corazzini, da Piccolo libro inutile, Desolazione del povero poeta sentimentale -M.Moretti, da Il giardino dei frutti, A Cesena 10 MODULO CRISI DEL VERO : NUOVI MODI DI RACCONTARE LA REALTÀ Argomenti trattati: -I. Svevo: formazione culturale ed opere; la poetica; cenni su Una vita e l inetto come nuovo protagonista del romanzo aperto.struttura e tematiche de La coscienza di Zeno: rapporti con la psicoanalisi; la lingua e lo stile. Cenni sul quarto romanzo. Letture di Testi: -Da La coscienza di Zeno: Prefazione; Preambolo; Il vizio del fumo; Lo schiaffo del padre; La catastrofe finale. -L.Pirandello: formazione culturale ed opere; il pensiero: il contrasto vita/forma; la frantumazione dell Io e la Maschera; il Relativismo, la Pazzia e la Morte; la poetica dell Umorismo. Caratteristiche innovative delle Novelle. I Romanzi: struttura e tematiche de Il fu Mattia Pascal. Cenni e confronti con Uno, nessuno e centomila.il Teatro nel teatro in Sei personaggi in cerca d autore. Letture di Testi: -Da L umorismo: Comicità e umorismo -Dalle Novelle per un anno: Ciàula scopre la luna Il treno ha fischiato -Da Il fu Mattia Pascal: Una tragedia buffa ; Pascal-Meis ; La filosofia del lanternino. - Da Sei personaggi in cerca d autore: I sei personaggi irrompono sul palco. 11 MODULO PERCORSI DELLA LIRICA NEL 900 Argomenti trattati: -La ricerca di nuovi codici espressivi per la poesia italiana del primo dopoguerra; l analogia e la parola pura di G.Ungaretti; il correlativo oggettivo di E.Montale; cenni sulle raccolte principali dei due poeti; la definizione di Ermetismo. Letture di Testi: -G. Ungaretti, da L allegria: Commiato Il porto sepolto In memoria Veglia Fratelli Sono una creatura San Martino del Carso Soldati I fiumi Mattino. -E.Montale, da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola del pozzo. DANTE ALIGHIERI PARADISO Canti letti ed analizzati: I III V, VI X, XI XII. 17

18 PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE MATERIA: Lingua e Letteratura Latina DOCENTE: Irene Graziani Libri di testo RONCORONI ANGELO / GAZICH R./ MARINONI E. LATINITAS - VOL 2 / L ETA AUGUSTEA - C.SIGNORELLI Ed. RONCORONI ANGELO / GAZICH R./ MARINONI E. LATINITAS - VOL 3 / L ETA IMPERIALE - C.SIGNORELLI Ed. SANTORELLI BIAGIO -COMITER / VERSIONI LATINE PER IL TRIENNIO D ANNA Ed. SITUAZIONE E PROGRESSO DELLA CLASSE NEL TRIENNIO La classe si è formata a partire dalla III liceo in seguito alla fusione di due classi del biennio, con livelli cognitivi non omogenei per quanto riguardava i contenuti di base e il metodo di studio. Perciò si è reso necessario un percorso di allineamento non agevole e semplice per i tempi e la programmazione. Sia nel corso del IV che del V anno il gruppo classe ha subito qualche modifica strutturale, in quanto si sono aggiunti altri studenti provenienti da altre sezioni o da altri Licei. Tutto questo ha evidenziato, nel corso del triennio, comportamenti e risultati differenti: una parte della classe costituita a dire il vero da un numero ristretto di studenti - ha infatti raggiunto risultati discreti e talvolta buoni (con punte di eccellenza) sia sotto il profilo didattico che educativocomportamentale; per un secondo gruppo, più consistente, è risultato invece particolarmente difficile il coinvolgimento in un dialogo realmente educativo, finalizzato a conseguire un impegno costante e una presenza attiva in aula. Tale atteggiamento di fondo non ha giovato sostanzialmente né agli studenti, alcuni dei quali hanno mostrato di vivere l esperienza scolastica, con i suoi innegabili impegni, come una continua ed angosciante corsa ad ostacoli - possibilmente da evitare o da prorogare senza limiti - né al docente che si è spesso trovato nell impossibilità di realizzare un lavoro omogeneo e non frammentato da giustificazioni, assenze strategiche, richieste di uscita dall aula, etc. Per queste ragioni, laddove già negli anni trascorsi si erano evidenziate delle difficoltà a livello soprattutto di competenza traduttiva dei testi originali, a causa di lacune morfologiche e sintattiche in entrambe le discipline, la situazione si è fatta più pesante nel corrente anno e le attività di recupero svolte in classe non sono riuscite, salvo in particolari casi, a sanare le lacune pregresse, cosicché negli scritti e in genere nei testi in lingua i risultati non sono stati sempre - complessivamente parlando - sufficienti. Attualmente la situazione è caratterizzata da una buona/discreta preparazione nella storia letteraria, seppure in gradi diversi, mentre per quanto riguarda la traduzione autonoma sui brani d autore, anche tradotti in classe, gli esiti sono più differenziati. Queste differenze stanno a significare che il comune percorso ha inciso in misura diversa su ogni alunno, secondo attitudini, capacità e impegno individuali. Infatti, accanto ad alcuni studenti capaci di rielaborazione autonoma dei contenuti letterari, uniti a buona perizia linguistica e traduttiva, altri presentano ancora il persistere di lacune nell acquisizione delle strutture morfosintattiche e/o difficoltà nelle competenze di decodifica dei testi in lingua. Si possono comunque considerare conseguiti i seguenti obiettivi, ovviamente in misura diversa secondo le potenzialità e l impegno dei singoli: capacità di leggere, tradurre e interpretare (in alcuni casi solo se guidati) un testo latino di media difficoltà e di collocare Autori e opere in un dato contesto storico-culturale; capacità di analisi e di sintesi; capacità di sviluppare un discorso, orale o 18

19 scritto, in modo organico, coerente, formalmente corretto; conoscenza delle linee fondamentali della storia della letteratura latina. Lo studio della letteratura è stato svolto seguendone l evoluzione cronologica, come risulta dal programma allegato, anche se nel corso dell attuazione si è posta purtroppo l esigenza di ridurne l ampiezza, a causa di tempi sempre più ristretti, dovuti a interruzioni, istituzionali e non, e a pause impreviste. Criteri, metodologie e strumenti didattici: Lezioni frontali (soprattutto per l inquadramento degli autori e per il ripasso) Laboratori di traduzione e analisi del testo Esercitazioni e simulazioni Correzione e discussione degli elaborati scritti Manuali scolastici Fotocopie e testi forniti dall insegnante Multimedialità Verifiche Per quanto riguarda la tipologia delle prove di verifica, sono state somministrate periodicamente prove scritte di traduzione non guidata di brani non noti, secondo le modalità delle seconda prova scritta d esame. Invece la conoscenza della letteratura è stata verificata sia attraverso colloqui orali, sia attraverso la somministrazione di questionari secondo la tipologia della terza prova prevista dall esame di Stato e utilizzati per la valutazione dell orale. La capacità di orientarsi con un minimo di sicurezza ed il possesso di informazioni fondamentali sono state il requisito per un giudizio di sufficienza; valutazioni più alte sono state assegnate a chi sapesse muoversi su testo e contesto con sicurezza e autonomia di giudizio. Nella correzione degli scritti ho tenuto conto fondamentalmente della comprensione del testo, fondata sulle capacità intuitive e logiche, sulla padronanza delle strutture linguistiche e della resa nella lingua italiana. Per i criteri di valutazione sono state impiegate due scale numeriche: in decimi e in quindicesimi per le prove scritte (tipo seconda prova) e in decimi per le prove orali tradizionali, attenendosi alla griglia del POF e alle tabelle di valutazione allegate a questo documento. PROGRAMMA DI LETTERATURA LATINA (Gli argomenti sono presentati con il titolo dei paragrafi dei testi in adozione) Letteratura Latina Testi in lingua latina Testi in traduzione italiana L età di Augusto Quadro storico Contesto culturale -la propaganda augustea -il circolo di Mecenate -la crisi delle idealità ORAZIO Profilo biografico Opere Pensiero e morale Lingua e stile Satira I,6- vv Satira I,9- vv.1-25;35-60;60-78 Odi 1,9 Odi1,5 Odi 1,11 Odi3,13 Odi3,30 19

20 L ELEGIA La poesia elegiaca greca La poesia elegiaca latina I temi Ovidio elegiaco OVIDIO Profilo biografico Opere Un nuovo poeta per un epoca nuova L età imperiale: dalla dinastia Giulio-Claudia alla dinastiaflavia Quadro storico Contesto culturale Il nuovo pubblico e il nuovo gusto LUCANO Pharsalia Il genere epico nell epoca dei Flavi (cenni) SENECA Biografia Opere Azione e predicazione Etica e politica Lingua e stile La schiavitù a Roma (Costume e mentalità) QUINTILIANO Biografia Opere La funzione storica e culturale Lingua e stile La scuola a Roma (Costume e mentalità) TACITO Biografia Opere Il pensiero La concezione storiografica Lingua e stile Il dibattito sull imperialismo (Costume e mentalità) Ov. Amores, 1,5,Aestus erat (da fotoc.) Ars amatoria, III, Ep. Ad Luc. 1, ,1-5 De Brev. Vitae, I-II-III (da fotoc.) Agricola, 1,3(3-1) Germania, Annales, I,1 (da fotoc.) XV,63-64 XVI,18-19 Historiae, I, 1-3 (da fotoc.) Ep. 47,5-15 Inst. Orat. I,1,1-3 II, 2, 4-8 Annales, XIV,

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli