LICEO SCIENTIFICO F. SILVESTRI Portici Anno Scolastico 2014/2015. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Ai sensi dell art.5 del D.P.R.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO F. SILVESTRI Portici Anno Scolastico 2014/2015. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Ai sensi dell art.5 del D.P.R."

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO F. SILVESTRI Portici Anno Scolastico 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Ai sensi dell art.5 del D.P.R. del Classe V Sez. D

2 Composizione del Consiglio di classe RELIGIONE MATERIA DOCENTE DE SIMONE CARMELA ITALIANO E LATINO BRUNO MARIA INGLESE MIRANDA LUCIA STORIA E FILOSOFIA ESPOSITO ERSILIA MATEMATICA E FISICA SCELZO PAOLA SCIENZE BRANDA MARIAGRAZIA DISEGNO UGON ANTONIETTA EDUCAZIONE FISICA GUIDA RAFFAELE PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Il liceo scientifico Filippo Silvestri ha due sedi: sede centrale (30 aule), succursale (24 aule). Due sono le palestre attrezzate e due i campetti esterni. Non mancano laboratori e aule speciali: biblioteca laboratorio linguistico laboratorio informatico e postazioni multimediali laboratorio di disegno laboratorio tecnologico laboratorio di fisica laboratorio di scienze. Gli uffici di segreteria sono dotati di attrezzature informatiche e collegati al sistema informatico della P.I. L istituto ha partecipato a scambi con l estero, aderendo a progetti dell Unione Europea. Pagina 1 di 41

3 PROFILO DELLA CLASSE La classe è formata da diciotto studenti, tutti iscritti per la prima volta alla quinta. La composizione del gruppo classe, inizialmente di ventisei alunni, è variata nel corso del quinquennio a seguito di ripetenze e di trasferimenti da e verso altre classi. La preparazione nelle varie discipline può ritenersi soddisfacente; un numero esiguo si attesta su livelli di sufficienza e, in qualche caso, alcuni alunni hanno saputo approfondire gli argomenti studiati anche con apporti critici personali. Gli obiettivi didattici prefissati sono stati raggiunti da buona parte della classe con un livello di profitto generalmente soddisfacente; pochi alunni hanno raggiunto in alcune discipline punte di eccellenza. Per un gruppo ristretto di alunni permangono delle difficoltà che non hanno consentito l acquisizione di obiettivi superiori ai minimi disciplinari. La classe si è configurata, dal punto di vista comportamentale, in modo compatto e positivo; soddisfacente, in generale, il livello, di socializzazione, il grado di autocontrollo e la capacità di collaborazione in possesso degli allievi. Attenta e discreta la partecipazione delle famiglie. L azione didattica, nell arco del quinquennio si svolta continuità per : - religione - disegno e storia dell arte L azione didattica, nell arco del triennio, si è svolta con continuità per: - italiano - matematica - storia - educazione fisica Infine la continuità didattica tra il penultimo anno del quinquennio e l anno scolastico in corso per le materie si è avuta per le materie : - latino - fisica - inglese Pagina 2 di 41

4 OBIETTIVI A) Obiettivi generali dell indirizzo di studi Il lavoro collegiale del Consiglio di Classe ha riconosciuto, naturalmente, come finalità quella istituzionale, cioè la formazione armonica dell uomo e del cittadino, favorendo l esperienza culturale, relazionale e sociale e valorizzando di ogni allievo le specifiche inclinazioni ed attitudini. Obiettivi formativi trasversali: Acquisizione della capacità di organizzazione autonoma del lavoro a casa. Sviluppo delle capacità intuitive e logiche. Sviluppo della capacità di ragionare deduttivamente e induttivamente. Sviluppo di attitudini analitiche e sintetiche. Sviluppo della capacità di astrazione e simbolizzazione. Sviluppo della capacità di valutazione e autovalutazione. Acquisizione della capacità di problematizzare e storicizzare conoscenze, esperienze, idee. Acquisizione della capacità di cogliere il senso del divenire dell uomo e della civiltà attraverso i secoli. Acquisizione della precisione del linguaggio nella varietà dei suoi codici e registri propri di ciascuna disciplina. B) Obiettivi specifici dei vari ambiti disciplinari Si allegano le programmazioni individuali dei docenti CONTENUTI Contenuti trasmessi: criteri di scelta e di organizzazione. A. Le attività curricolari e l organizzazione della didattica hanno seguito procedure tradizionali. Si allegano i programmi delle singole discipline per un preciso quadro di riferimento. B. Relativamente alle procedure CLIL per l esame di stato, per la disciplina Scienze è stato prescelto il modulo Dinamica endogena Pagina 3 di 41

5 METODI, MEZZI, ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Metodi: Lezione frontale, lezione partecipata, gruppi di lavoro, ricerca, problem posing, problem solving, individualizzazione. Mezzi: Libri di testo, testi di consultazione, sussidi audio-visivi ed informatici. Attività: Gruppi di allievi hanno partecipato a: - orientamento universitario; - cineforum, spettacoli teatrali; - Silvestri Times a.s Progetto Lauree Scientifiche (Matematica e Chimica) a.s , Laboratorio di Recitazione a.s , , , Giochi sportivi Studenteschi a.s Progetto Logicamente a.s , Olimpiadi della Fisica e della Matematica a.s , , , Scambi culturali as Corso di Primo Soccorso a.s E.C.D.L. a.s Certificazione Trinity a.s Viaggi di Istruzione a.s , , POR C-5-FSE02_CAMPANIA Stage ad Oxford con conseguimento della Certificazione Trinity a.s VERIFICA E VALUTAZIONE A) Verifiche Le iniziali osservazioni sistematiche del primo quadrimestre hanno indirizzato concretamente l educazione educativa; in seguito, in relazione alle esigenze delle singole discipline e delle situazioni di studio, sono state somministrate (sia alla fine delle unità didattiche, che nel corso delle stesse) prove tradizionali e questionari, prevalentemente a risposta singola; sono stati richiesti saggi brevi, redazioni di schede, analisi formali sulla base di griglie, trattazioni sintetiche, articoli e relazioni. Per accertare oralmente contenuti, competenze e capacità, strumento privilegiato è stato l intervento dell allievo nel colloquio avviato dal docente e l interrogazione di ampia durata. Le strategie di rinforzo per gli allievi in difficoltà, essendo sottoposte a numerose variabili (livello di preparazione generale, motivazione allo studio, attitudini, consapevolezza e disponibilità al lavoro di recupero) sono state concretizzate caso per caso; strategie di rinforzo: esercitazioni su problemi, esame delle difficoltà e correzione degli errori, lavori di approfondimento, partecipazione a gruppi di studio con occasione di confronto e di stimolo alla ricerca e alla conquista personale del sapere. Uso costante del laboratorio linguistico, anche per la presentazione agli allievi, in Microsoft Power Point, della maggior parte degli argomenti oggetto di studio in L 2. Pagina 4 di 41

6 Simulazioni esame di Stato Le due simulazioni della terza prova sono state occasione per sperimentare, almeno nelle discipline coinvolte, tipologie di verifica diverse dalle tradizionali. Meglio orientati appaiono gli allievi nello svolgimento delle domande a risposta singola (tipologia B). B) Valutazione: Criteri, Metodi. I fattori che hanno contribuito alla valutazione sono: a) con riferimento alla classe: Impegno ed assiduità Interazione e partecipazione Livello medio di conoscenze ed abilità; b) con riferimento ad un criterio assoluto: Possesso di pre-requisiti Raggiungimento degli obiettivi. CONOSCENZA COMPETENZE NELL UTILZZARE ED APPLICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE CAPACITÀ DI ORGANIZZARE, ARGOMENTARE E RIELABORARE LE CONOSCENZE ACQUISITE A. Inconsistenti B. Frammentarie C. Generiche D. Essenziali E. Esaurienti F. Approfondite G. Complete ed esaustive A. Inconsistenti B. Molto incerte C. Incerte D. Corrette E. Appropriate F. Appropriate e autonome G. Appropriate, autonome ed efficaci A. Inconsistenti B. Scarsa C. Modesta D. Semplice e lineare E. Accurata F. Accurata e puntuale G. Accurata, puntuale e personale. A. Nullo Pagina 5 di 41

7 IMPEGNO PARTECIPAZIONE B. Scarso e/o dispersivo C. Superficiale D. Continuo E. Assiduo F. Assiduo e proficuo G. Assiduo, fattivo ed efficace A. Nulla B. Episodica e/o distaccata C. Discontinua e/o superficiale D. Costante E. Attiva e proficua F. Costruttiva G. Propositiva e costruttiva Legenda LIVELLO VOTO A 1-2 B 3-4 C 5 D 6 E 7 F 8-9 G 10 OBIETTIVI RAGGIUNTI DAGLI STUDENTI IN RELAZIONE AL PROFILO DI INDIRIZZO. Si elencano gli obiettivi in termini di conoscenze, competenze e capacità realizzati all interno delle singole discipline e, dove possibile, a livello trasversale: Conoscenze Possesso di una cultura generale, grazie all acquisizione, alla comprensione ed alla applicazione dei saperi disciplinari. Competenze Acquisizione di una cultura storico-letterario-artistico-filosofica atta a potenziare la coscienza critica. Possesso, attraverso lo studio linguistico, di abilità autonoma di comunicazione in varie direzioni. Padronanza degli strumenti logici, matematici ed operativi per descrivere e valutare processi e fenomeni. Comprensione ed utilizzazione dei linguaggi, dei metodi, delle procedure dei modelli scientifici. Individuazione, interpretazione, spiegazione dei fattori essenziali dei fenomeni e dei processi naturali. Individuazione dei legami e delle correlazioni fra cultura scientifica ed altre forme di cultura. Pagina 6 di 41

8 Capacità Possesso delle capacità linguistico-espressive. Possesso delle capacità logico ed interpretative. Organizzazione responsabile ed autonoma del lavoro. Saper lavorare in gruppo e prendere decisioni. Saper risolvere problemi. Assumere punti di vista differenti. Pagina 7 di 41

9 Prof.ssa Paola Scelzo Programma di Matematica Testo utilizzato: Baroncini-Manfredi-Fragni Lineamenti.MATH vol. 5 Ghisetti e Corvi Editori; MODULO 1 Successioni e serie numeriche Unità Didattica 1: Elementi di topologia 1. Introduzione; 2. Definizioni: - Intervallo - Intorno destro, sinistro, completo - Insieme limitato e illimitato - Maggiorante e Minorante per un insieme - Estremo superiore ed estremo inferiore - Massimo e minimo 3. Punto di accumulazione per un insieme 4. Insieme derivato di un insieme, insieme chiuso, insieme aperto. Unità Didattica 2: Le successioni di numeri reali 1. Generalità 2. Limite di una successione 3. Successioni convergenti, divergenti, indeterminate 4. Successioni monotóne 5. Teoremi sui limiti delle successioni: - Teorema sull unicità del limite (solo enunciato) - Proprietà delle successioni convergenti (enunciati) - Teorema della permanenza del segno (solo enunciato) - Teorema del confronto (solo enunciato) 6. Un limite notevole: il numero e di Nepero 7. Progressioni aritmetiche e geometriche: definizioni e formule. 8. Cenni sulle serie MODULO 2 Funzioni numeriche Unità Didattica 1: Funzioni 1. Introduzione: classificazione delle funzioni 2. Insieme di esistenza di una funzione 3. Definizioni: - Funzioni monotóne - Funzioni composte - Funzioni inverse - Funzioni periodiche Unità Didattica 2: I limiti di funzioni 1. Definizioni di limite di una funzione 2. Limite destro Limite sinistro 3. Limite infinito 4. Definizione di limite per una funzione all infinito 5. Operazioni sui limiti (solo enunciati) 6. Teoremi sui limiti: - Teorema dell unicità del limite (con dimostrazione) - Teorema della permanenza del segno (con dimostrazione) - Teorema del confronto (con dimostrazione) Pagina 8 di 41

10 7. Forme indeterminate 8. Calcolo dei limiti 9. Limiti fondamentali: sin x lim 0 x x - 1 (con dimostrazione) x 1 x x a x 1 lim ln 0, a 1 x 0 x log a 1 x lim log a e x 0 x 1 cos x 1 lim x 0 2 x 2 - lim 1 e (non dimostrato) - a - - a (con dimostrazione) (con dimostrazione) (con dimostrazione) 10. Infinitesimi e infiniti: definizione 11. Ordine di un infinitesimo e di un infinito (solo enunciati) 12. Confronto di infinitesimi ed infiniti; applicazioni al calcolo dei limiti Unità Didattica 3: Le funzioni continue 1. Introduzione 2. Definizione di funzione continua 3. Varie specie di discontinuità: - Punti di discontinuità di prima specie - Punti di discontinuità di seconda specie - Punti di discontinuità di terza specie 4. I teoremi sulle funzioni continue: - Teorema di Weierstrass (solo enunciato) - 2 teorema dell esistenza dei valori intermedi (o Teorema di Bolzano) (solo enunciato) - Teorema dell esistenza degli zeri (con significato geometrico) - Criterio di invertibilità di una funzione (solo enunciato) - Teorema di continuità delle funzioni inverse Unità Didattica 4: Gli asintoti delle funzioni 1. Definizioni 2. Classificazione degli asintoti - Asintoti verticali (definizione) - Asintoti orizzontali (definizione) - Asintoti obliqui (con dimostrazione) MODULO 3 Calcolo differenziale Unità didattica 1: La derivata 1. Definizione di derivata prima 2. Criterio di derivabilità di una funzione 3. Relazione tra continuità e derivabilità di una funzione: la derivabilità come condizione sufficiente ma non necessaria per la continuità (con dimostrazione) 4. Derivata sinistra e destra 5. Punti in cui una funzione è continua ma non derivabile. Definizioni: - Punto angoloso - Punto di cuspide - Punto di flesso a tangente verticale 5. Significato geometrico della derivata di una funzione in un punto (con dimostrazione) 6. Funzioni derivate (tutte con dimostrazione): - Derivata di y f x k Pagina 9 di 41

11 n - Derivata di y f x x n N, (dimostrata per induzione) x - Derivata di y f x a, a 0, a 1 - Derivata di x y f x e (come particolare del precedente) f x log x, a 0, a y a - Derivata di 1 - Derivata di y f x ln x - Derivata di y f x sin x - Derivata di y f x cos x (come particolare del precedente) 7. Operazioni con le derivate (solo enunciati): - Derivata della somma o differenza di due funzioni - Derivata del prodotto di una costante k per una funzione - Derivata del prodotto di due funzioni - Derivata del rapporto di due funzioni, da cui - Derivata di y f x tan x - Derivata di y f x cot x - Derivata di una funzione composta - Derivata della funzione inversa di una funzione, da cui - Derivata di y f x arcsin x - Derivata di y f x arccos x - Derivata di y f x arctan x 8. La derivata di ordine n 9. Il differenziale di una funzione 10. Significato geometrico del differenziale (con dimostrazione) 11. Teoremi sulle funzioni derivabili: - Teorema di Rolle (solo enunciato) - Teorema di Lagrange (o del valor medio) - Conseguenze del Teorema di Lagrange (con dimostrazione) - Teorema di Cauchy (solo enunciato) - Teorema di De l Hôpital (solo enunciato) - Applicazioni della regola di De l Hôpital 12. Monotonìa Massimi e minimi relativi: - Definizione di punto di massimo o minimo relativo - Il teorema di Fermat (solo enunciato) - Punto di flesso a tangente orizzontale - Ricerca dei massimi e minimi assoluti di una funzione - Problemi di massimo e minimo 13. Concavità e convessità di una funzione (definizione) 14. Punto di flesso a tangente obliqua tangente inflessionale 15. Significato fisico della derivata: - Velocità istantanea - Accelerazione istantanea - L intensità della corrente elettrica all istante t Unità didattica 2: Studio di funzioni 1. Studio di una funzione 2. Risoluzione grafica di equazioni trascendenti MODULO 4 Calcolo integrale Pagina 10 di 41

12 Unità Didattica 1: L integrale indefinito 1. Integrale indefinito. Generalità 2. Definizione di primitiva di una funzione 3. Proprietà dell integrale indefinito 4. Integrali immediati 5. Integrali ottenuti utilizzando la regola per derivare le funzioni composte 6. Integrali delle funzioni razionali fratte - Denominatori con radici reali e distinte (Δ>0) - Denominatori con radici reali coincidenti (Δ=0) - Denominatori con radici complesse (Δ<0) (solo formula) - Frazione con numeratore M(x) di grado superiore al denominatore N(x) 7. Integrazione per sostituzione 8. Integrazione per parti Unità Didattica 2: L integrale definito 1. Definizioni 2. Definizione di classi contigue di grandezze 3. Significato geometrico dell integrale definito (con dimostrazione) 4. Condizioni sufficienti per l integrabilità 5. Proprietà dell integrale definito 6. Teorema della media integrale (con dimostrazione) 7. Definizione di funzione integrale 8. Teorema fondamentale del calcolo integrale (con dimostrazione) 9. Formula fondamentale del calcolo integrale 10. Area di una superficie piana delimitata da due curve 11. Calcolo della lunghezza di un arco di curva (solo formula) 12. Calcolo del volume di un solido di rotazione (solo formula) 13. Integrali impropri: - Integrali impropri su intervalli illimitati - Integrali impropri su intervalli limitati 14. Il calcolo integrale nelle applicazioni della fisica: - Moto rettilineo - Lavoro compiuto da una forza variabile MODULO 5 Analisi numerica Unità Didattica 1: Gli errori 1. Definizione di errore assoluto 2. Definizione di errore relativo Unità Didattica 2: Calcolo delle radici approssimate di un equazione 1. Teorema dell esistenza delle radici di un equazione (solo enunciato) 2. Separazione delle radici: il metodo delle derivate 3. Determinazione delle radici approssimate: il metodo di bisezione Unità Didattica 3: Integrazione numerica 1. Calcolo approssimato degli integrali 2. Formule dei rettangoli (inscritti e circoscritti) MODULO 6 Calcolo combinatorio, Elementi di probabilità, Statistica Unità Didattica 1: Il calcolo combinatorio 1. Introduzione 2. Disposizioni semplici o con ripetizione 3. Permutazioni 4. Permutazioni distinte con elementi ripetuti 5. Combinazioni semplici o con ripetizione 6. I coefficienti binomiali e le loro proprietà Pagina 11 di 41

13 Unità Didattica 2: Il calcolo delle probabilità 1. Definizione di evento, evento certo, evento impossibile, evento aleatorio 2. Eventi compatibili ed eventi incompatibili 3. Definizione classica di probabilità 4. Probabilità totale 5. Probabilità contraria 6. Probabilità composta 7. Formula di Bayes 8. Formula delle prove ripetute MODULO 7 Equazioni differenziali 1. Nozioni fondamentali 2. Equazioni differenziali del tipo y ' = f (x) 3. Equazioni differenziali a variabili separabili Pagina 12 di 41

14 Programma di Fisica ELETTROMAGNETISMO Modulo 1 : La Carica elettrica e la legge di Coulomb L elettrizzazione per strofinio I conduttori e gli isolanti - L elettrizzazione per contatto La carica elettrica La conservazione della carica elettrica - La legge di Coulomb - La forza di Coulomb nella materia - L induzione elettrostatica - La polarizzazione degli isolanti. APPROFONDIMENTO: LE FORZE ELETTRICHE E LE FORZE GRAVITAZIONALI A CONFRONTO. Modulo 2 : Il campo elettrico Il concetto di campo elettrico - Il vettore campo elettrico - Le linee di campo. APPROFONDIMENTO : CAMPI VETTORIALI E CAMPI SCALARI. Il flusso di un campo vettoriale attraverso una superficie - Il teorema di Gauss per il campo elettrico - Il campo elettrico generato da una distribuzione infinita di carica. Modulo 3: Il potenziale elettrico L energia potenziale elettrica Il potenziale elettrico APPROFONDIMENTO : L ENERGIA POTENZIALE DI DUE CARICHE PUNTIFORMI. Il potenziale di una carica puntiforme - Le superfici equipotenziali La deduzione del campo elettrico dal potenziale La circuitazione - La circuitazione del campo elettrostatico Modulo 5: Fenomeni d elettrostatica La distribuzione della carica nei conduttori in equilibrio elettrostatico - La capacità di un conduttore - Il condensatore. Modulo 6: La corrente elettrica continua L' intensità della corrente elettrica - I generatori di tensione - Il circuito elettrico - La prima legge di Ohm - Le leggi di Kirchhoff - I conduttori ohmici in serie e in parallelo- La trasformazione dell'energia elettrica La forza elettromotrice. Modulo 9 : Fenomeni magnetici fondamentali Magneti naturali e magneti artificiali - Le linee del campo magnetico - Confronto tra il campo magnetico e il campo elettrico - Forze che si esercitano tra magneti e corrente tra correnti e correnti - La definizione di Ampere - L origine del campo magnetico - L intensità del campo magnetico - La forza esercitata da un campo magnetico su un filo percorso da corrente - Il campo magnetico di un filo rettilineo percorso da corrente - Il campo magnetico di una spira e di un solenoide. Pagina 13 di 41

15 Modulo 10 :Il campo magnetico La forza di Lorentz - Il moto di una carica in un campo magnetico uniforme - Il flusso del campo magnetico - La circuitazione del campo magnetico - Le proprietà magnetiche dei materiali. APPROFONDIMENTO : IL CAMPO GRAVITAZIONALE, IL CAMPO ELETTRICO STATICO E IL CAMPO MAGNETICO STATICO. L elettromagnete. Modulo 11: L induzione elettromagnetica Le correnti indotte - Il ruolo del flusso del campo magnetico - La legge di Legge di Faraday- Neumann. Modulo 12: Le equazioni di Maxwell Modulo 13: Le onde elettromagnetiche Pagina 14 di 41

16 Programma di Letteratura Italiana Classe 5^ sez. D Prof.ssa Maria Bruno I testi: Alberto Asor Rosa Letteratura italiana, testi-autori-contesti: Neoclassicismo e Romanticismo Le Monnier Scuola Alberto Asor Rosa Letteratura italiana, testi-autori-contesti:leopardi Naturalismo e Simbolismo Le Monnier Scuola Alberto Asor Rosa Letteratura italiana, testi-autori-contesti: Il Novecento Decadentismo, Avanguardie, Realismo Le Monnier Scuola Dante Alighieri Divina Commedia Il Paradiso L età del Neoclassicismo Gusto, poetiche ed esperienze del Neoclassicismo Oltre il neoclassicismo: Goethe e Schiller Johann Joachim Winckelmann, L Apollo del Belvedere Pensieri sull imitazione delle opere greche nella pittura e nella scultura Ugo Foscolo Una personalità d eccezione Gli orientamenti ideologici e culturali Ultime lettere di Jacopo Ortis Le Poesie Dei Sepolcri Le Grazie e l ultima fase creativa Dai Sonetti: A Zacinto Alla sera La morte del fratello Giovanni Dalle Ultime lettere di Jacopo Ortis: L amore e le illusioni La riflessione sulla morte Dalle Odi: All amica risanata Dei Sepolcri Da Le Grazie: Proemio e dedica La stagione del Romanticismo Alle origini della moderna cultura europea La ricezione del Romanticismo in Italia La letteratura romantica in Italia Alessandro Manzoni La formazione intellettuale e il percorso artistico La poesia prima della conversione La conversione religiosa Pagina 15 di 41

17 La conversione letteraria La terza conversione e la scoperta del romanzo Le grandi tematiche dei Promessi Sposi Le forme della narrazione La lingua di Manzoni La verità storica e il dominio della poesia Lettera a M. Chauvet A Claude Fauriel Lettere Dagli Inni Sacri: La pentecoste Da I Promessi Sposi, Capitolo XXXVIII Il <<sugo di tutta la storia>> Ippolito Nievo e la letteratura patriottica Ippolito Nievo Giacomo Leopardi Leopardi e la modernità Il percorso biografico e umano Leopardi e il suo tempo La riflessione sulla poesia Il sistema leopardiano e le Operette morali La poesia leopardiana: i Canti Dallo Zibaldone di Pensieri: La <<somma felicità possibile>>, il <<vago>> e l <<indefinito>> Dalle Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese, Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Dai Canti: L infinito Alla luna A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell Asia A se stesso La ginestra, o fiore del deserto Una letteratura per l Italia unita Una cultura per la nuova nazione Due libri di formazione per la neonata Italia: Pinocchio e Cuore Giosuè Carducci e il ritorno del Classicismo Un poeta professore Il (neo)classicismo carducciano La grande poesia carducciana Pagina 16 di 41

18 Dalle Rime nuove: Pianto antico Realismo, Naturalismo, Verismo Il Realismo e il Naturalismo Il Verismo Emile Zolà, Prefazione al Romanzo Sperimentale Fratelli Goncourt, Prefazione a Germinie Lacerteux Luigi Capuana, I difetti dei romanzi moderni Per l arte Giovanni Verga Un nobile catanese a Firenze e Milano La produzione giovanile La conversione al Verismo: Nedda La produzione novellistica La genesi dei romanzi: il ciclo dei vinti Da Vita dei campi: Fantasticheria Rosso Malpelo La Lupa Cavalleria Rusticana Da Novelle Rusticane: La roba Da Mastro-don Gesualdo: La morte di mastro don Gesualdo Il Simbolismo e l Estetismo Una categoria complessa: il Decadentismo Charles Baudelaire Il Simbolismo L Estetismo Arthur Rimbaud, Idee e forme nuove La lettera del veggente Arthur Rimbaud, Vocali Derniers Vers Charles Baudelaire, Da I fiori del male: L albatro Corrispondenze Spleen Joris-Karl Huysmans, L ozio dell esteta- Controcorrente Giovanni Pascoli Il poeta degli affetti famigliari La formazione e la poesia classica La poetica: il Fanciullino La poesia: Myricae e Canti di Castelvecchio Le altre raccolte poetiche Le ultime posizioni politiche e ideologiche Pagina 17 di 41

19 Da Il fanciullino: Il fanciullino e l ispirazione poetica Da Myricae: Temporale Il Tuono Il Lampo Arano Lavandare X agosto Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Gabriele d Annunzio La vita come opera d arte L iniziazione romana Dal periodo napoletano a quello fiorentino La lirica matura: le Laudi L esilio in Francia, la guerra, il dopoguerra Da Il piacere: Ritratto di Andrea Sperelli Da Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Da La figlia di Iorio: Aligi uccide suo padre Da Notturno: Scrivo sopra una stretta lista di carta Crepuscolarismo e Futurismo Il piccolo Decadentismo dei crepuscolari Le avanguardie Sergio Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale Piccolo libro inutile Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto tecnico della letteratura futurista Filippo Tommaso Marinetti, Bombardamento Zang Tumb Tumb Italo Svevo Uno pseudonimo parlante Un impiegato scrittore L inettitudine: Una vita e Senilità Il filtro dell ironia: La coscienza di Zeno Svevo e il nuovo corso della letteratura italiana La coscienza di Zeno (Lettura integrale) Luigi Pirandello Un siciliano in Europa Il pensiero e la produzione saggistica Pagina 18 di 41

20 Novelle per un anno: un enciclopedia di temi pirandelliani I romanzi Il teatro pirandelliano Dalle Novelle: Ciaulà scopre la luna Il treno ha fischiato L uomo dal fiore in bocca La patente Il fu Mattia Pascal (Lettura integrale) Uno, nessuno e centomila (Lettura integrale nte Dante Alighieri, Divina Commedia Da Paradiso Canto I Canto III Canto VI Canto XI Canto XVII Canto XXXIII Programma svolto fino al 15 maggio 2015 Si prevede di sottoporre all' attenzione degli allievi per il completamento di programma quanto segue: Ermetismo Umberto Saba La vita Il Canzoniere Dal Canzoniere: Amai Ulisse La capra Giuseppe Ungaretti La vita L Allegria Da l Allegria: Il porto sepolto Veglia Mattina Soldati Solitudine Eugenio Montale La vita Pagina 19 di 41

21 Ossi di seppia Da Ossi di seppia: Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il mal di vivere ho incontrato Cigola la carrucola nel pozzo Le occasioni Da Le occasioni: Non recidere,forbice,quel volto Satura Da Satura: Ho sceso, dandoti il braccio Avevamo studiato per l eternità Non ho capito se io fossi Gli alunni Il docente Pagina 20 di 41

22 Programma di Inglese svolto entro il 15 maggio 2015 Classe V Sezione D Anno Scolastico Prof.ssa Lucia Miranda Testo in adozione : de Julio,Villone--Englit - voll 1 e 2 Fratelli Ferraro Editori The Transition From Classicism To Romanticism: historical background, literary characteristics. The Romantic Age: historical background; literary characteristics: the rediscovery of imagination; the new theory of poetry; a new attitude towards man; the return to nature; the lyric spirit; the return to the Middle Ages; the task of the romantic poet. W. Wordsworth : life and works; his poetics. From Lyrical Ballads: Preface : observations on the text. My hearth leaps up when I behold : observations on the text. The Solitary Reaper : observations on the text. S.T. Coleridge: life and works; his poetics,imagination and fancy in Coleridge; Coleridge vs Wordsworth. From: The Ballad of the Ancient Mariner : part I: observations on the text. part VII: the message: He prayeth best who loveth best All things, both great and small For the dear Lord who fashioned him He knows and loveth all. The Mariner, whose eye is bright, Whose beard with age is hoar, Pagina 21 di 41

23 Is gone; and now the wedding-guest Turn'd from the bridegroom's door. He went, like one that hath been stunn'd And is of sense forlorn: A sadder and a wiser man He rose the morrow morn. William Blake: life and works; his poetics. From Songs of experiences: The Chimney Sweeper : observations on the text G. G. Byron: life and works; Byron the most European of English romantic poets; The Byronic hero. From Lara : Canto I, stanza 17, ll : observations on the text. J. Keats: life and works; his poetics, the importance of the world of art in Keats. Ode On A Grecian Urn : observations on the text. The novel of manners: main features. Jane Austen: life and works, her literary technique. From Pride and Prejudices, ch.1 : It is a truth universally acknowledged, that a single man in possession of a good fortune must be in want of a wife : observations on the text. The historical novel: main features. Scott and Manzoni: a comparison. Ch. Dickens : life and works; Dickens and the social novel; Dickens the moralist, his sentimental novels, his historical novels, his literary style. From Hard Times : Coketown : observations on the text. From Hard Times : Mr. Gradgrind : observations on the text. Pagina 22 di 41

24 The Aesthetic Movement: Its main features ; art for art s sake; the Dandy and the Bohemian: the definitions; Dandy : the origin of the term. O. Wilde : life and works; his literary style, the figure of the dandy, beauty and art. From: The Importance of Being Earnest: Lady Bracknell questions Jack : observations on the text. From : The Picture of Dorian Gray: The Preface : observations on the text. The Modern Age ( ) : historical background; literary characteristics. Programma da svolgere, presumibilmente, entro la fine dell anno scolastico. V. Woolf: life and works; her literary technique: the stream of consciousness ; differences between the novel in 19 th and 20 th century; feminism in V. Woolf; the concept of time in the 20 th century novel. Mrs. Dalloway: from chapter 1: Mrs Dalloway said she would buy the flowers herself : observations on the text. W. Owen: life and works; his poetics. Dulce et decorum est pro patria mori : observations on the text. Portici, 15 maggio 2015 Gli alunni Il docente Prof.ssa Lucia Miranda Pagina 23 di 41

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli