ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELABORATO PER LA COMMISSIONE D ESAME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELABORATO PER LA COMMISSIONE D ESAME"

Transcript

1 Istituto Istruzione Superiore Enrico Mattei - Recanati Via Brodolini, Recanati (MC) Tel Codice Fiscale C.M.MCIS00400A Prot.n C29 del 16/05/2015 ESAME DI STATO Classe 5 a Chimica DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELABORATO PER LA COMMISSIONE D ESAME AI SENSI DELL ART. 5 - COMMA 2 - del D.P.R. 23 LUGLIO 1998, N 323 A.S. 2014/2015 Istituto Tecnico settore tecnologico Meccanica, Meccatronica ed Energia Chimica Materiali e Biotecnologie Informatica e Telecomunicazioni Istituto Professionale Manutenzione e Assistenza Tecnica

2 INDICE Profilo dell Istituto Gli sbocchi professionali Docenti del Consiglio di Classe Studenti Presentazione della classe Attività di recupero e sostegno ed iniziative complementari e Integrative p. 3 p. 3 p. 4 p. 4 p. 5 p. 6 Obiettivi didattici disciplinari e contenuti delle singole materie: Lingua e letteratura italiana Storia Matematica Inglese Analisi chimica strumentale Chimica organica e delle fermentazioni Tecnologie chimiche industriali Religione Educazione Fisica p. 7 p. 9 p. 10 p. 12 p. 13 p. 22 p. 24 p. 27 p. 29 Criteri di valutazione delle prove d esame e testi simulazione terza prova p 30 2

3 PROFILO DELL'ISTITUTO L ITIS E. Mattei di Recanati offre percorsi didattici adeguati alle esigenze di una moderna formazione nel campo scientifico e tecnologico. Ad una preparazione generale completa, affianca l approfondimento delle tematiche legate alle nuove tecnologie e alle esigenze dei diversi settori della produzione industriale e dei servizi tecnici. La struttura didattica prevede un biennio comune propedeutico e orientativo, seguito da un triennio di indirizzo da scegliere tra quelli attivati. All'ITIS "E. Mattei" sono presenti tre indirizzi: Meccanica e Automazione Dal 2000, dopo attente analisi delle caratteristiche industriali del territorio, la tradizionale specializzazione di Meccanica è stata riprogettata, con l introduzione di nuove discipline curricolari all interno di 2 percorsi formativi alternativi: Sperimentazione di Progettazione e Design Sperimentazione di Meccatronica Informatica Dall anno scolastico 2013/2014 oltre al corso tradizione di informatica è stato attivato l indirizzo di Telecomunicazioni Chimica Industriale Il corso di chimica è finalizzato alla realizzazione di una figura professionale dotata di competenze specifiche, ma anche fornita di capacità polivalenti, che sia quindi in grado di rispondere alle nuove esigenze dell'industria chimica ed abbia pertanto una propensione culturale al continuo aggiornamento, che sia in grado di cogliere la dimensione economica dei problemi e ponga particolare attenzione ai rapporti esistenti tra chimica, ambiente e salute. IL PERITO CHIMICO: - sa organizzare e gestire il laboratorio di analisi, utilizzando correttamente tutti gli strumenti di uso comune; - sa ottimizzare a livello sia chimico che statistico il funzionamento degli strumenti; - è in grado di adattare la propria personalità alle varie mansioni produttive e di controllo nel campo chimico; - è in grado di affrontare il proseguimento degli studi in campo scientifico basandosi su efficaci conoscenze matematiche e chimiche teoriche. GLI SBOCCHI PROFESSIONALI Al termine del corso di studi il perito chimico può accedere: - alla libera professione; - al lavoro dipendente nell'industria; - all'insegnamento (docente tecnico-pratico); - a qualsiasi facoltà universitaria. 3

4 DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA Chimica organica e biochimica Tecnologie chimiche e biotecnologie Educazione Fisica Lingua Straniera (inglese) Matematica Religione Lingue e lettere italiane Storia Chimica analitica e strumentale I.t.p. Tecnologie chimiche e biotecnologie I.t.p. Chimica organica e biochimica I.t.p. Chimica analitica e strumentale DOCENTE Centioni Arianna Centioni Arianna Coppetta Franco Frulla Emanuela Giampaoli Maurizio Montironi Rosalba Re Maria Antonietta Re Maria Antonietta Sampaolo Laura Baldassari Ambra Baldassari Ambra Trapasso Gigliola STUDENTI N Cognome Nome 1 Cappetti Andrea 2 Carbone Roberto 3 Castignani Andrea 4 Ciobanu Larisa Sabina 5 Guedes Lauro Bruce 6 Iacone Claudio 7 Loglisci Giorgia 8 Longarini Loris 9 Mingarelli Luca 10 Morresi Michela 11 Muscatiello Marianna 12 Paniccià Paolo 13 Papili Noemi 14 Pervez Sahba 15 Sferrino Samantha Ylenia 16 Varone Rossella 17 Zoppi Daniele 4

5 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe V A chimica, che all inizio del triennio era composta da 22 studenti, attualmente risulta composta da 17 studenti, 9 ragazze e 8 ragazzi Durante il percorso del triennio è stata assicurata la continuità, fatta eccezione nell ultimo anno, in cui è cambiato l insegnante di chimica organica e analisi chimica. La classe ha sempre mantenuto un comportamento corretto, evidenziando un atteggiamento disponibile al dialogo educativo e interesse nei riguardi delle discipline, accompagnato da sensibilità verso nuove proposte culturali e attività progettuali. La programmazione didattica ha avuto come obiettivi essenziali l acquisizione di un efficace metodo di studio e lo sviluppo progressivo delle conoscenze e delle competenze relative alle singole discipline. Particolare attenzione è stata prestata a potenziare le competenze di base e trasversali per l orientamento, necessarie a sviluppare l identità, l autonomia, la capacità di decisione di ogni studente. Gli obiettivi educativi e formativi sono stati progressivamente conseguiti dalla classe e il profitto risulta mediamente discreto. La maggior parte degli studenti, infatti grazie a un impegno costante ha acquisito autonomia nel lavoro scolastico e discrete conoscenze e competenze. In alcuni casi, lo studio metodico e consapevole è stato accompagnato dal gusto per approfondimento e per la rielaborazione personale, con risultati buoni o ottimi. Solo pochi studenti, poco costanti e più incerti nel metodo di studio, hanno evidenziato qualche difficoltà sia nelle conoscenze sia nelle capacità espositive e applicative, tuttavia grazie anche alla continua sollecitazione da parte degli insegnanti ed a un maggior impegno nel secondo quadrimestre hanno conseguito una preparazione globalmente sufficiente. ATTIVITÁ DI RECUPERO E SOSTEGNO Tutti i docenti hanno effettuato entro il termine del 1 quadrimestre il recupero in itinere per permettere agli studenti in difficoltà di colmare le lacune evidenziate nella prima parte dell anno scolastico. Nei confronti di coloro che hanno evidenziato lievi insufficienze è stato consigliato lo studio individuale con comunicazione scritta alle famiglie. Nella settimana compresa tra il 07/01/2015 e il 17/01/2015 in orario antimeridiano i docenti hanno sospeso lo svolgimento del programma e destinato le ore curricolari ad attività di ripasso, finalizzate sempre al recupero. Al termine dell attività, per tutte le materie nelle quali gli studenti hanno riportato valutazioni insufficienti, è stata svolta una verifica per valutare il raggiungimento degli obiettivi prefissati per il 1 quadrimestre e non raggiunti dall alunno. 5

6 ATTIVITA DI STAGE ED EXTRACURRICOLARI Visita didattica alla azienda vinicola Azzoni di Montefano (17 ottobre 2014) Orientamento universitario a Camerino il 23/01/2015 Progetti di orientamento: Progetto Ponte presso UNICAM di Camerino nel mese di febbraio Gli studenti hanno preso parte a vari laboratori con viva partecipazione e una valutazione positiva..di seguito gli alunni partecipanti ed i laboratori : ALUNNO/A MORRESI MICHELA MUSCATIELLO MARIANNA VARONE ROSSELLA ZOPPI DANIELE. TITOLO DEL LABORATORIO TERAPIE ANTITUMORALI: DALLA CELLULA AL TOPO VALUTAZIONE IN VITRO DI TERAPIE INNOVATIVE ALLA CURA DEL BREAST CANCER TERAPIE ANTITUMORALI: DALLA CELLULA AL TOPO VALUTAZIONE IN VITRO DI TERAPIE INNOVATIVE ALLA CURA DEL BREAST CANCER TERAPIE ANTITUMORALI: DALLA CELLULA AL TOPO VALUTAZIONE IN VITRO DI TERAPIE INNOVATIVE ALLA CURA DEL BREAST CANCER QUALITA E SICUREZZA ALIMENTARE Viaggio di istruzione a Berlino dal 23 al 28 marzo 2015 Incontro con il Vescovo di Recanati sulle tematiche giovanili Incontro con Francesco Micheli direttore artistico di Macerata Opera Festival Vincitori premio Nazionale per la regione Marche per la scuola secondaria al concorso La scuola per EXPO con il progetto Nazzareno Strampelli e l agricoltura di domani Corso Teorico Pratico presso L ICA. : La classe V Chimica ha partecipato ad un Corso Teorico Pratico presso l Azienda ICA di Civitanova Marche (MC) il giorno 17/04/2015 in orario sia antimeridiane che pomeridiane. L azienda ha coinvolto gli studenti nella produzione e realizzazione dei prodotti vernicianti sia a base organica che a base d acqua impiegati su materiali legnosi Visita guidata alla Cappella Sistina di Roma il 24 aprile 2015 Partecipazione alla finale regionale di High school game (27 aprile 2015) Partecipazione all iniziativa UNICAM per Expo Risorse e Territorio a Camerino (8 maggio 2015) Giochi della Chimica : La classe ha partecipato ai GIOCHI della CHIMICA tenutosi presso l Università degli Studi di Camerino nel mese di maggio. Tale progetto rientra nelle attività di Eccellenza previste dal Ministero della Pubblica Istruzione e pertanto sono previsti crediti formativi per gli studenti che vi hanno partecipato. 6

7 OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI E CONTENUTI DELLE SINGOLE MATERIE materia: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE: Prof.ssa RE MARIA ANTONIETTA Testo in adozione: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, vol.3a, 3B, Loescher Ore di lezione svolte alla data di stesura del documento: 115 Programma svolto: Modulo I : I movimenti letterari del secondo ottocento Il Positivismo. Ch. Darwin, Da L origine della specie : I fondamenti della teoria evolutiva Il Naturalismo Emile Zola: Da Il romanzo sperimentale : Romanzo e scienza: uno stesso metodo. Da L assommoir : Gervaise nella notte di Parigi Il Verismo: caratteri generali Il Decadentismo. La poesia nel Decadentismo Ch.Baudelaire: Da I fiori del Male. L Albatro, Corrispondenze P. Verlaine: L Arte poetica Rimbeaud: Vocali. Da La lettera del Veggente: La metamorfosi del poeta L Estetismo Joris Karl Huysmans. Da Controcorrente : La casa del dandy Oscar Wilde. Da Il ritratto di Dorian Gray : Il nuovo edonismo Modulo II: Giosuè Carducci La vita. Il pensiero e la poetica Da Rime nuove : Pianto Antico Da Odi Barbare : Dinanzi alle Terme di Caracalla. Alla stazione in una mattina d Autunno Modulo III : Giovanni Verga La vita. Il pensiero e la poetica Da Vita dei Campi : Rosso Malpelo, Cavalleria rusticana, La lupa Il ciclo dei vinti, Prefazione a I Malavoglia I Malavoglia: La famiglia Malavoglia, La tragedia, Il ritratto dell usuraio,l addio Da Novelle Rusticane La roba Da Mastro Don Gesualdo : La morte di Gesualdo Modulo IV: IL Decadentismo italiano: G: Pascoli, G.D Annunzio Giovanni Pascoli:la vita. Il pensiero e la poetica Da IL fanciullino :la poetica pascoliana Da Myricae : Lavandare, L assiuolo, X Agosto Da I canti di Castelvecchio :La mia sera, Il gelsomino notturno. Gabriele D Annunzio: La vita. Il pensiero e la poetica Da Il piacere : L attesa, Il cimitero degli inglesi Da 2Il fuoco : IL sentimento della morte Da Alcyone : La sera fiesolana, La pioggia nel pineto, I pastori Da Il Notturno : Il cieco veggente Modulo V: Le avanguardie I crepuscolari S. Corazzini. Da Piccolo libro inutile : Desolazione del povero poeta sentimentale M.Moretti. Da Il giardino dei frutti : A Cesena Il Futurismo. Il Manifesto del Futurismo. Il Manifesto tecnico della letteratura futurista. 7

8 Modulo VI: Luigi Pirandello La vita. Il pensiero e la poetica Da L Umorismo. Essenza, caratteri e materia dell Umorismo Da Il fu Mattia Pascal : Prima e seconda premessa. Cambio treno! Lo strappo nel cielo di carta. Il fu Mattia Pascal. Da Uno, nessuno, centomila : Non conclude Da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato. Ciaula scopre la luna Il teatro di Pirandello Da Così è(se vi pare) : La verità velata del finale Da Enrico IV : Preferii restar pazzo Da Sei personaggi in cerca di autore : L ingresso dei personaggi Modulo VII: Italo Svevo La vita. Il pensiero e la poetica I primi due romanzi Da Senilità : Amalia La coscienza di Zeno Da La coscienza di Zeno : la Prefazione e il Preambolo. Il fumo. Lo schiaffo. Un matrimonio sbagliato. Modulo VIII: La lirica del novecento Giuseppe Ungaretti. La vita. Il pensiero e la poetica Da L Allegria : Il porto sepolto. In memoria. I fiumi. Veglia. San Martino del Carso. Sono una creatura. Da Sentimento del tempo : Sentimento del Tempo Da Il dolore : Non gridate più Eugenio Montale: La vita. Il pensiero e la poetica Da Ossi di Seppia : I limoni. Non chiederci la parola. Meriggiare pallido e assorto. Spesso il male di vivere Da Le Occasioni : La casa dei doganieri Da Satura : Ho sceso dandoti il braccio..caro piccolo insetto Umberto Saba. La vita. Il pensiero e la poetica Da Il Canzoniere : A mia moglie. La capra. Trieste. Città vecchia. Modulo IX : Il Neorealismo E. Vittorini. Da Conversazione in Sicilia : Gli astratti furori P. Fenoglio. Da Una questione privata : L Ultima fuga di Milton Il Neorealismo. I. Calvino : Il Neorealismo non fu una scuola Vasco Pratolini. Da Cronache di poveri amanti : Via del Corno. M. Rigoni Stern. Da Il sergente nella neve : Una cena nell isba. A. Moravia. Da La ciociara : La violenza della guerra Viganò: L Agnese va a morire: lettura integrale Il Neorealismo e il cinema 8

9 materia: STORIA DOCENTE: PROF.SSA Re MARIA ANTONIETTA Testo in adozione: Fossati, Luppi, Zanette, Passato, Presente, vol.3, Ed.Scolastiche, B. Mondadori Ore di lezione svolte alla data di stesura del documento: 52 Programma svolto: L Italia industriale e l età giolittiana: Sviluppo e squilibri sociali. Il riformismo liberale di Giolitti La prima guerra mondiale: Le cause della prima guerra mondiale. Lo svolgimento del conflitto. Il significato storico e le eredità della guerra La Rivoluzione russa e la nascita dell Unione Sovietica Il quadro economico e la crisi del 1929 La crisi del dopoguerra in Europa e in Italia: Il biennio rosso, lotte sociali e conquiste sindacali IL fascismo: La nascita del fascismo e la conquista del potere. Il regime fascista Il nazismo: Il dopoguerra in Germania e la formazione della repubblica di Weimar. Hitler conquista il potere. Il regime nazista Lo stalinismo: Il dopoguerra in Unione Sovietica. Stalin conquista il potere. Il regime staliniano Le democrazie tra le due guerre : la Gran Bretagna e la Francia. Il New Deal americano. La guerra civile spagnola La seconda guerra mondiale: Le cause della seconda guerra mondiale. Lo svolgimento del conflitto. La dominazione nazista e la Shoah. La Resistenza in Europa e in Italia Lo scenario politico del dopoguerra: Il mondo bipolare L Italia repubblicana: La scelta repubblicana e l età del centrismo. La Costituzione italiana. La dissoluzione dell Unione sovietica 9

10 materia: Matematica DOCENTE: PROF. GIAMPAOLI MAURIZIO Libro di testo: M. Re Fraschini-Grazzi analisi di due variabili vol 4 Atlas Re Fraschini-Grazzi Geometria nello spazio vol 5 Atlas. - Ore di lezione alla data del 13/05/2015 n Ore di lezione residue prevedibili: n. 8 U.D.1: integrali indefiniti U.D.2: integrali definiti U.D.3: integrali impropri MODULO 1: Integrali CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE Acquisire il concetto di primitiva Definire la primitiva di una di una funzione funzione Definire l integrale indefinito di Dimostrare che due primitive una funzione differiscono per una costante Elencare le proprietà degli operare integrazioni integrali indefiniti (operatore immediate lineare) Dimostrare la formula di Elencare le principali integrazione per parti. integrazioni immediate Calcolare l'integrale di una funzione usando i seguenti metodi di integrazione: o per scomposizione o per sostituzione o per parti o per scomposizione di funzioni razionali fratte Definire un trapezoide Definire l'integrale definito per funzioni continue Definire le proprietà fondamentali degli integrali definiti Enunciare il teorema della media Definire la funzione integrale Enunciare il teorema fondamentale del calcolo integrale (Torricelli) Scrivere la formula per il calcolo dell integrale definito Spiegare il significato geometrico dell integrale definito (calcolo delle aree) Volume di un solido Definire l integrale di una funzione che diventa infinita in uno degli estremi d integrazione o in un punto interno all intervallo d integrazione Definire gli integrali estesi ad intervalli illimitati Calcolare l area di un trapezoide Riconoscere le condizioni in cui l'integrale definito si identifica con l'area di un trapezoide Dimostrare il teorema della media Dimostrare il teorema di Torricelli Dimostrare come si ottiene la formula fondamentale del calcolo integrale Applicare la formula fondamentale del calcolo integrale Calcolare l area delle parti finite di piano delimitate dal grafico di due o più funzioni calcolare il volume di un solido di rotazione intorno asse x calcolare gli integrali impropri 10

11 MODULO 2: Equazioni differenziali CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE U.D.1: Equazioni differenziali ordinarie del primo ordine definire un equazione differenziale del primo ordine definire la soluzione generale, la soluzione particolare definire la forma normale riconoscere equazioni differenziali del tipo y =F(x) riconoscere equazioni differenziali a variabili separabili riconoscere equazioni differenziali lineari omogenee riconoscere equazioni differenziali lineari non omogenee presentare la forma generica delle varie equazioni differenziali svolte risolvere equazioni differenziali a variabili separabili risolvere equazioni differenziali lineari omogenee risolvere equazioni differenziali lineari non omogenee dimostrare come si ottiene la formula per risolvere le equazioni differenziali lineari U.D.2: Equazioni differenziali ordinarie del secondo ordine definire un equazione differenziale del secondo ordine riconoscere equazioni differenziali lineari ed omogenee a coefficienti costanti riconoscere equazioni differenziali lineari e non omogenee a coefficienti costanti definire l equazione caratteristica conoscere i metodi di risoluzione nel caso di un polinomio, funzione esponenziale e goniometrica dimostrare come si ottiene l equazione caratteristica verificare l esattezza della soluzione dell equazione omogenea risolvere equazioni differenziali lineari ed omogenee a coefficienti costanti risolvere equazioni differenziali lineari e non omogenee a coefficienti costanti nel caso di un polinomio, di una funzione esponenziale e di una funzione goniometrica. 11

12 materia: DOCENTE: INGLESE PROF.SSA FRULLA EMANUELA Dal libro di testo: Module 1 What is energy? Pag Module 2: What is matter? Pag.31 States of matter Pag Changes of state Pag.34 Physical and chemical phenomena Pag.38 Pure substances Pag.41 Mixtures Pag.43 Module 3 What is the atom? Pag.54 Mass number and atomic number Pag.53 The electrons Pag.57 The periodic table Pag Making of the periodic table Pag.63 The periodic table today Pag.65 Bonding Pag.71 Ionic bonding Pag.72 Covalent bonding Pag.73 Da fotocopie What is Chemistry? Module 6 What is the scope of organic chemistry? Pag.129 Carbon Pag Hydrocarbons and derivates Pag.141 Alcohols Pag Module 7 What is biochemistry? Pag.157 Carbohydrates Pag.160 Lipids Pag Nucleic acids Pag Fotocopie What is DNA? Da Focus on science DNA structure Fotocopie da Surfing the world World War I The roaring twenties:prosperities and social change Prohibition poverty and segregation The Wall Street Crash and the Great Depression President Roosevelt and the New Deal World War II The USA and World War II The Cold War Da fotocopie Oscar Wilde andthe Picture of Dorian Gray 12

13 materia: ANALISI CHIMICA STRUMENTALE DOCENTI: PROF.SSE SAMPAOLO LAURA TRAPASSO GIGLIOLA Monte ore: 8 ore settimanali (8 ore di laboratorio) FINALITA Le caratteristiche metodologiche e i contenuti applicativi del quinto anno conferiscono a questa materia la fisionomia di disciplina che contribuisce in modo specifico alla costruzione della figura professionale dell operatore Chimico. Lo studente deve aver conseguito alla fine del corso competenze frutto di attività di carattere teorico e sperimentale che costituiscono i fondamenti per la conduzione di analisi applicate a campioni di diversa natura. Tali competenze, in termini generali, si possono così indicare: Conoscere gli aspetti teorici fondamentali e il principio fisico su cui si fondano i metodi analitici indicati nel programma; Conoscere i componenti fondamentali degli strumenti presi in considerazione; Conoscere i fondamenti dell analisi quali e/o quantitativa; Saper controllare i parametri fondamentali per verificare il corretto funzionamento degli strumenti utilizzati; Saper eseguire delle analisi quali e/o quantitative su campioni preparati in laboratorio; Conoscere i problemi connessi al campionamento, al trattamento dei campioni per predisporli alle procedure analitiche e alle interferenze; Saper scegliere le tecniche analitiche più opportune anche in base alle loro caratteristiche di sensibilità, accuratezza e precisione; Saper organizzare e realizzare le attività di laboratorio nelle condizioni di sicurezza personale e ambientale in base alle norme di legge. RISORSE Libro di testo: Analisi chimica strumentale R. Cozzi, P.P. Protti, T. Ruaro.- ed. Zanichelli Software: Software specifico, pacchetti applicativi (Word, Excel Power Point) Strumentazione di laboratorio: attrezzatura per analisi manuali, attrezzatura per cromatografie su strato sottile e su carta, gascromatografi, cromatografi liquidi ad alte prestazioni, sistemi di integrazione e calcolo dedicati alla cromatografia. OBIETTIVI OBIETTIVI GENERALI DISCIPLINARI Acquisizione di conoscenze a livelli più elevati di formalizzazione Attitudine a riesaminare criticamente e le conoscenze acquisite OBIETTIVI TRASVERSALI Rispetto per le regole Puntualità alle verifiche Rispetto per gli interventi e le opinioni degli altri OBIETTIVI GENERALI DI CARATTERE OPERATIVO Essere capaci di prendere appunti, di completarli e elaborarli attraverso schematizzazioni; Acquisire un processo logico ed un metodo di studio attraverso la costruzione di mappe concettuali; Essere disponibili a lavorare in gruppo sapendo interagire per migliorare i processi; Operare con il simbolismo chimico riconoscendo le regole di trasformazione di formule; Affrontare situazioni di varia natura avvalendosi di strumenti atti alla loro rappresentazione; Risolvere problemi chimici anche attraverso il problem solving 13

14 MODULO 1: SICUREZZA IN LABORATORIO CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE LIVELLO DI ACCETTABILITA delle conoscenze e delle competenze TEMPI MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI U.D.1. - Rischi per la sicurezza: Strutture: Macchine Impianti elettrici, Sostanze pericolose Incendio : Esplosione Movimentazione carichi Stoccaggio U.D.2. Rischio elettrico: La corrente elettrica: gli effetti dannosi sul corpo umano Massa, isolamento tipi di contatto Classificazioni dei sistemi Luoghi pericolosi Macchine, apparecchi, prese, spine e cavi Isolamenti e gradi di protezione U.D.3. Rischi per la salute: Agenti chimici Dose, soglia e vie di ingresso Tossicità delle sostanze chimiche Esposizione, valori limite di soglia, immediati Impiego delle sostanze chimiche pericolose Norme di buona tecnica Elementi di primo intervento e emergenza Piani Evacuazione Primo intervento Primo soccorso Interventi bonifica di di Conoscere i sistemi di prevenzione e i dispositivi di protezione Conoscere le procedure di smaltimento Conoscere la segnaletica Consultare, applicare la normativa specifica in materia di prevenzione e sicurezza intervenire individualmente e in gruppo per eliminare o ridurre i rischi Utilizzare in condizioni di sicurezza personali, collettive ed ambientali gli agenti pericolosi gestire, in funzione del proprio ruolo, le emergenze - Reperire dati e proprietà delle sostanze (m.p., b.p., formula e M.W., water solubility., logp o/w, nome IUPAC e in inglese, codice CAS, frasi di Rischio e di Sicurezza, simboli di pericolosità) sulla base della formula e codice Conoscere i sistemi di prevenzione e i dispositivi di protezione Conoscere le procedure di smaltimento Conoscere la segnaletica Settembre Strumentaz. Legenda Computer Reagenti 14

15 MODULO 2 : PRINCIPI GENERALI DELLA CROMATOGRAFIA CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE LIVELLO DI ACCETTABILITA delle conoscenze e delle competenze TEMPI MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI U.D.1. Principio generale La separazione cromatografica U.D.2. Le tecniche Cromatografiche Meccanismi chimicofisici della separazione cromatografica: ripartizione, adsorbimento, scambio ionico, esclusione, affinità Classificazione delle tecniche cromatografiche: in base alla fase mobile, alla fase stazionaria e ai meccanismi chimicofisici della separazione U.D.3. Equazioni e parametri cromatografici Cromatogramma: tempo di ritenzione (tempo morto e tempo di ritenzione corretto), volume di ritenzione, ampiezza del picco, altezza e area del picco Conoscere il meccanismo chimico fisico della ripartizione di un soluto tra due solventi immiscibili Conoscere i principali meccanismi chimico fisici delle varie separazioni Conoscere la classificazione tra le varie tecniche cromatografich e Conoscere le grandezze, le equazioni e i parametri fondamentali descrivere i concetti con un linguaggio appropriato distinguere e scegliere la tecnica opportuna in base all analisi richiesta utilizzare i parametri cromatografici per ottimizzare le condizioni di analisi risolvere i problemi utilizzare lo strumento elaborare ed interpretare i dati strumentali Conoscere le tecniche cromatografiche e gli strumenti impiegati i parametri cromatografici per ottimizzare le condizioni di analisi distinguere e scegliere la tecnica opportuna in base all analisi richiesta risolvere semplici problemi utilizzare lo strumento Settembre Ottobre Lezioni frontali Libro di testo e dispense multimediali Utilizzo del vademecu m Costante di distribuzione, fattore di ritenzione, selettività, efficienza utilizzare una terminologia corretta Tteoria dei piatti teoria delle velocità, equazione di Van Deemter, risoluzione, capacità 15

16 MODULO 3: LA CROMATOGRAFIA PLANARE CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE Conoscere i parametri fondamentali di TLC LIVELLO DI ACCETTABILITA delle conoscenze e delle competenze TEMPI MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI U.D.1. cromatografia strato sottile La su Principi, campi di applicazioni:selettiv ità, ritenzione, risoluzione e capacità Varianti della TLC U.D.2. Le fasi in TLC Fase mobile e fase stazionarie per TLC (caratteristiche generali) Criteri di scelta delle fasi U.D.3 La strumentazione Descrizione della tecnica operativa in laboratorio U.D.4. L analisi Qualitativa e Quantitativa in TLC Sistemi deposizione rivelazione campione di e del Conoscere le caratteristiche generali dei materiali usati come fasi stazionarie e mobili Descrivere la tecnica operativa Conoscere le variabili fisico e strumentali che determinano l eluizione e la rivelazione Conoscere i principi fondamentali Conoscere la classificazione delle tecniche su colonna Conoscere le caratteristiche generali dei materiali usati come fasi stazionarie e mobili Conoscere i metodi di analisi qualiquantitativa prevedere l ordine di uscita dei componenti di un miscuglio migliorare la risoluzione agendo sulle variabili opportune risolvere semplici problemi operativi migliorare la risoluzione agendo sulle variabili opportune determinare la qualità e quantità dei componenti una miscela Conoscere la tecnica cromatografica e i suoi parametri fondamentali descrivere la tecnica operativa interpretare i dati analitici determinare la qualità e quantità dei componenti una miscela Ottobre Lezioni in laboratorio Dispense multimediali Libro di testo utilizzare una terminologia corretta 16

17 MODULO 4: CROMATOGRAFIA LIQUIDA SU COLONNA A BASSA PRESSIONE CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE U.D.1. Principi generali La separazione cromatografica LIVELLO DI ACCETTABILITA delle conoscenze e delle competenze TEMPI MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI U.D.2. Cromatografia per adsorbimento e ripartizione Meccanismi chimico-fisici della separazione Fase stazionaria e mobile e loro scelta Applicazioni U.D.3. Cromatografia di esclusione Meccanismi chimico-fisici della separazione Proprietà e prestazioni del gel Fase stazionaria e mobile e loro scelta Applicazioni U.D.4. Cromatografia a scambio ionico Meccanismi chimico-fisici della separazione Proprietà e prestazioni delle resine Fase stazionaria e mobile e loro scelta Applicazioni U.D.5. Cromatografia di Affinità Meccanismi chimico-fisici della separazione Fase stazionaria e mobile e loro scelta Applicazioni Conoscere il meccanismo chimico fisico della cromatografia di ripartizione, di esclusione,di scambio ionico e affinità di un soluto tra due fasi Conoscere il diverso utilizzo delle fasi in relazione all analisi da eseguire Conoscere il campo di applicazione della tecnica specifica descrivere i meccanismi chimico-fisici delle varie separazioni cromatografic he scegliere le fasi adatte al tipo di analisi distinguere e scegliere la tecnica opportuna in base all analisi richiesta descrivere i concetti con linguaggio specifico elaborare ed interpretare i dati Conoscere la tecnica cromatografica e i meccanismi chimico-fisici alla base Distinguere le differenze e le caratteristiche delle fasi mobile e stazionaria distinguere e scegliere la tecnica opportuna in base all analisi richiesta novembre dicembre Lezioni frontali e partecipative Lezioni in laboratorio Libro di testo e dispense multimediali Utilizzo del vademecum Utilizzo della strumentazi one 17

18 MODULO 5: CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTE PRESTAZIONI CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE U.D.1 La cromatografia liquida Principi, campi di applicazioni e classificazione delle tecniche HPLC U.D.2. Le fasi in HPLC Fase mobile e fase stazionarie (caratteristiche generali) Fasi legate Criteri di scelta tra le fasi U.D.3. La strumentazione: l HPLC e Ionico Strumentazione: schema a blocchi dello strumento: Pompe e filtri Sistemi di iniezione Formatore di gradiente Colonne Rrivelatori (UV-VIS, cenni a fluorimetro e conduttimetro) Descrizione e uso dei cromatografi HPLC e Ionico disponibili in laboratorio Campo di applicazione U.D.4. L analisi qualitativa e quantitativa in HPLC Effetto della variazione del flusso, della composizione dell eluente, eluizione isocratica e in gradiente Applicazione quantitative: metodo dello standard esterno e metodo dell'arricchimento con standard esterno Conoscere le grandezze, le equazioni e i parametri fondamentali Conoscere il meccanismo chimico fisico della cromatografia liquida del soluto tra due fasi Conoscere la classificazion e e le caratteristiche delle fasi mobile e stazionaria Conoscere il principio di funzionamen to dei componenti dell HPLC e Ionico Conoscere il diverso utilizzo delle fasi in relazione all analisi da eseguire Conoscere il campo di applicazione della tecnica specifica Conoscere le caratteristiche generali dei materiali usati Descrivere i componenti fondamentali dello strumento utilizzando uno schema a blocchi Conoscere le variabili fisicostrumentali che determinano l ottimizzazione dell analisi prevedere l ordine di uscita dei componenti di un miscuglio interpretare i dati analitici anche attraverso grafici utilizzare una terminologia corretta LIVELLO DI ACCETTABILITA delle conoscenze e delle competenze e la tecnica cromatografica e i meccanismi chimico-fisici alla base e la strumento migliorare la risoluzione agendo sulle variabili opportune eseguire ed interpretare un analisi quali e quantitativa descrivere i concetti con un linguaggio specifico adeguato TEMPI Gen naio Febb raio MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI Lezioni frontali e partecipative Lezioni in laboratorio Lezioni multimediali Libro di testo e dispense Utilizzo del vademecum Utilizzo della strumentazio ne 18

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli