MILANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. CLASSE 5^ sez. B ESAMI DI STATO A.S COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MILANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. CLASSE 5^ sez. B ESAMI DI STATO A.S. 2014-15 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 LICEO CLASSICO STATALE G. CARDUCCI MILANO ESAMI DI STATO A.S DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ sez. B COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO LATINO GRECO INGLESE STORIA e FILOSOFIA MATEMATICA e FISICA SCIENZE STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE e SPORTIVE RELIGIONE Franco Pasqui Catia Gusmini Giovanna Monfroni Clara Brambilla Maria Teresa Cazzaniga Gabriella Torregrossa Enrica Torretta Laura Petermaier Chiara Zago Alessandro Repossi 1

2 SITUAZIONE DELLA CLASSE La classe 5B è composta da 17 studenti, 12 femmine e 5 maschi, tutti provenienti dalla 4B dello scorso anno. Il gruppo nel suo complesso ha dimostrato un discreto interesse per le proposte di lavoro e di approfondimento, curiosità intellettuale e disponibilità all ascolto di sollecitazioni e suggerimenti; apprezzabili sono stati, per alcuni studenti, i progressi conseguiti in questi tre anni di lavoro rispetto al metodo, all autonomia e al senso critico. Il profitto della classe è complessivamente discreto, pur con differenze, talora sensibili, nel livello di preparazione raggiunto in alcune materie. Solo qualche studente ha mostrato una certa discontinuità nell'impegno casalingo ed una attenzione e partecipazione al lavoro comune non sempre adeguate. Il comportamento generale è stato caratterizzato da correttezza e il lavoro didattico si è svolto in modo regolare; la frequenza è stata nell insieme buona. Recupero - IDEI - Sportelli attuati Il Collegio docenti ha deliberato di sospendere per una settimana (8 15/01/2015) le lezioni per realizzare attività di recupero e/o di approfondimento. È stato attivato un corso di recupero extracurricolare di Greco. I singoli docenti sono intervenuti con forme differenziate di recupero e di sostegno in itinere. Infine, i docenti del Consiglio di Classe hanno fornito consulenza agli studenti per la progettazione dei percorsi pluri-disciplinari da presentare al colloquio orale dell Esame di Stato. INIZIATIVE ATTIVITÀ ATTUATE Attività svolte in orario curricolare: Argomento/titolo Materie coinvolte Riferimenti e tempi 1. Primo Soccorso trasversale Rif.: Progetto Star bene a scuola ore 29/01/2015 ( ) 2. Il Novecento: percorsi interdisci-plinari per una formazione giuridica ed economica Storia, Diritto, Economia 3. La (ri)scoperta dell Antico (Progetto Zambarbieri) Latino e Greco 4. Progetto Classi Quinte Latino e Greco Rif.: Programmazione Dipartimento di Storia e Filosofia 03/03/2015, 12/03/2015 (2+2 ore) Rif.: Programmazione Dipartimento di Latino e Greco Ad alt(r)a voce. Riletture di Omero e Virgilio Proff. Mario Cantilena e Alessandro Fo - 2 ore: 7 marzo 2015 Rif.: Programmazione Dipartimento di Latino e Greco Laboratorio a classi aperte, 4 gruppi tematici, con prodotto finale - 27/01/ /02/2015 (6 ore: ) (vedere più oltre, sezione Latino e Greco Criteri didattici) 2

3 Attività svolte in orario extracurricolare: Corsi pomeridiani di lingue Corsi di preparazione al conseguimento del FCE Corsi di preparazione al conseguimento dell ECDL Laboratori teatrali Gruppo Interesse Scala Attività proposte dal Centro Scolastico Sportivo Partecipazione a certamina interni ed esterni, su base volontaria. Uscite didattiche e viaggi di istruzione 1. uscita didattica Museo della Scienza 2 ore 27/01/ uscita didattica Mostra dedicata a Van Gogh 3 ore 6/02/ viaggio di istruzione Grecia marzo 2015 Attività sportive: - Gare di Sci - Gara di Corsa Campestre - Partecipazione ai GSS di Badminton - Torneo interno di Pallavolo - Torneo interno di Basket - Trofeo Langè di Atletica Leggera Orientamento 1. Diffusione di materiali informativi e incontri con ex studenti del Liceo. 2. Corsi di preparazione ai test di ingresso alle Facoltà Scientifiche 3. Incontro di orientamento: Motivazioni e difficoltà nella professione medica (dott. ssa Patrizia Tagliabue) 4. Presentazione del test di medicina da parte di studenti iscritti al corso di laurea e simulazione del test stesso Singoli studenti, su base volontaria (rif. circolare 97) Singoli studenti, su base volontaria Singoli studenti, su base volontaria novembre marzo /02/2015 (h ) 18/11/2014 (h ) 3

4 STORIA DELLA CLASSE (triennio) Nell a.s. 2012/2013 la classe era formata da ventuno studenti, diciotto provenienti dalla 2 B, uno dalla 2 A, due da altre scuole. Al termine dell anno scolastico una studentessa non veniva ammessa alla classe successiva. All inizio dell a.s. 2013/14 la classe risultava composta da diciotto studenti; al termine del primo quadrimestre una studentessa si trasferiva ad altro Istituto. Nel corrente anno scolastico la classe ha mantenuto la composizione di 17 studenti. CONTINUITA DIDATTICA NEL TRIENNIO MATERIA A. S. 2012/2013 A. S. 2013/2014 A. S. 2014/2015 ITALIANO Michela Musante Michela Musante Franco Pasqui LATINO Catia Gusmini Catia Gusmini Catia Gusmini GRECO Giovanna Monfroni Giovanna Monfroni Giovanna Monfroni INGLESE Clara Brambilla Clara Brambilla Clara Brambilla STORIA e FILOSOFIA M. Teresa Cazzaniga M. Teresa Cazzaniga M. Teresa Cazzaniga Gabriella Gabriella Torregrossa Gabriella MATEMATICA e FISICA Torregrossa Torregrossa SCIENZE Clodia Fantuz Enrica Torretta Enrica Torretta STORIA DELL ARTE Laura Petermaier Laura Petermaier Laura Petermaier SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Chiara Zago Chiara Zago Chiara Zago I. R. C. Alessandro Repossi Alessandro Repossi Alessandro Repossi 4

5 OBIETTIVI OBIETTIVI TRASVERSALI FORMATIVI Potenziamento della capacità di ascoltare e rapportarsi agli altri in una interazione costruttiva caratterizzata da lealtà e rispetto. Potenziamento delle capacità di attenzione e partecipazione al lavoro comune, di perseveranza e rigore nel lavoro individuale. Acquisizione della capacità di esprimere e argomentare opinioni personali criticamente motivate Apertura graduale ai problemi di oggi nella loro dimensione storica, sociale, umana. Approfondimento della riflessione sulle diverse forme del sapere e sul loro senso anche in rapporto alla comprensione del mondo odierno. COGNITIVI Comprensione e sistematizzazione degli argomenti trattati (nelle loro reciproche relazioni e in rapporto alla propria esperienza). Rielaborazione dei dati acquisiti (distinguendo tra essenziale e accessorio e ricostruendone sintesi). Conoscenza delle tematiche e problematiche fondamentali affrontate nelle diverse discipline e della loro articolazione. Esposizione chiara, calibrata sulle richieste e corretta anche rispetto al lessico specifico delle discipline. Costruzione di un metodo di studio personale finalizzato all acquisizione dei contenuti e al raggiungimento degli obiettivi. OBIETTIVI PER MATERIA ITALIANO Consolidare e perfezionare le competenze linguistiche orali e scritte nei più diversi ambiti operativi. Far acquisire la strumentazione necessaria per la comprensione dei testi letterari e non letterari. Favorire la consapevolezza della letteratura come espressione specifica nella storia della civiltà. Educare al gusto per la lettura come conquista permanente dell individuo. Conoscenza di testi e contesti biografico-storico-culturali della letteratura italiana dell Otto- Novecento. Conoscenza antologica della Commedia di Dante. Consolidamento di tutte le tipologie di scrittura previste dalla normativa sull Esame di Stato. Uso critico e consapevole della specificità del linguaggio letterario. Capacità di comunicazione scritta nitida, efficace e coerente. Capacità di contestualizzazione ampia e argomentata. Conoscere e comprendere le tematiche fondamentali del pensiero contemporaneo. Individuare e comprendere caratteri e ragioni dei problemi affrontati dal pensiero contemporaneo. 5

6 LATINO e GRECO Allenamento alla traduzione del testo d autore: conoscere e riconoscere nei testi proposti le norme, i meccanismi, le strutture fondamentali della lingua latina e greca; saper definire e riconoscere con precisione le strutture sintattiche trattate; usare correttamente il vocabolario. Conoscenza delle linee generali della storia della letteratura latina dell età imperiale del I- II secolo d.c. e delle linee generali della storia della letteratura greca dell età ellenistica e del I-II secolo dell età imperiale attraverso gli autori e i generi letterari più significativi; mettere a fuoco i caratteri distintivi della cultura letteraria greco-romana e il rapporto tra gli autori e il contesto sociale e politico. Lettura e interpretazione degli autori in lingua originale: tradurre rispettando il senso e la specificità letteraria del testo; interpretarlo usando gli strumenti dell analisi testuale e le conoscenze storicoculturali relative all autore e al contesto. INGLESE Comprensione di testi complessi. Capacità di individuare i contenuti fondamentali di un testo. Analisi di un testo con riconoscimento delle caratteristiche tematiche e stilistiche. Capacità di stabilire una connessione tra testo letterario e contesto storico. Uso adeguato del lessico specifico. STORIA Conoscere le tappe fondamentali del percorso della civiltà umana dal 1870 agli equilibri politici successivi alla seconda guerra mondiale. Comprendere le vicende storiche distinguendo nella narrazione storica l essenziale dal non essenziale. Acquisire il lessico specifico della disciplina. Esporre in modo corretto le conoscenze. Esporre in modo argomentato e documentato le proprie tesi, operare collegamenti. FILOSOFIA Conoscere i momenti essenziali della storia della riflessione filosofica dal XIX secolo alla prima metà del XX secolo. Comprendere le tematiche affrontate distinguendo l essenziale dal non essenziale. Acquisire il lessico filosofico di base ed esporre in modo corretto. Saper cogliere l interdipendenza tra i diversi enunciati di una proposta filosofica. Saper argomentare le proprie tesi. Operare connessioni interdisciplinari e comprendere i nessi tra ricerca filosofica e trasformazioni storiche. Valutare criticamente le tesi filosofiche studiate. 6

7 MATEMATICA Capacità di analisi (in particolare: scomposizione di un problema in sottoproblemi) e di sintesi (riunificazione coerente dei singoli risultati in funzione della comprensione e della soluzione di un problema generale). Capacità di leggere e produrre rappresentazioni grafiche. Capacità di elaborare strategie utilizzando un approccio logico-matematico a problemi di vario genere. FISICA Capacità critiche nei confronti delle proprie idee e di quelle altrui, tenendo presente potenzialità e limiti della ricerca (non solo scientifica) nei confronti della realtà. Capacità di definire, descrivere, interpretare e spiegare un fenomeno, avendo compreso le differenze e le connessioni fra tali operazioni. Capacità di collegamento fra la fisica ed altre discipline anche non prettamente scolastiche, per applicare correttamente ad altri ambiti quanto acquisito con lo studio. SCIENZE Comprendere, elaborare e generalizzare i dati acquisiti ai fini di una lettura consapevole dei fenomeni studiati. Sviluppare capacità di autonomia nella lettura di un testo scientifico. Acquisire un linguaggio specifico adeguato ed una corretta esposizione degli argomenti. STORIA DELL ARTE Approfondimento e ampliamento delle tematiche, tenendo conto della complessità del fenomeno artistico. Acquisizione di una maggiore consapevolezza dell'importanza del patrimonio artistico, della sua conservazione, valorizzazione, tutela e riuso. Conoscere gli argomenti, esporre in modo corretto, rispondere in modo pertinente a precise domande, sapere operare progressivamente collegamenti tra epoche, lavorare in autonomia, lavoro personale di approfondimento. Conoscere i principali movimenti artistici italiani ed europei dal neoclassicismo alle avanguardie artistiche del Novecento e la loro collocazione nel panorama culturale delle varie epoche. Approfondita lettura dell'immagine in rapporto a collocazione spazio-temporale, inquadramento storico-artistico, dati d'identità dell'opera, adeguato lessico, uso elle fonti storico-critiche, sapere operare dei collegamenti interdisciplinari, argomentato giudizio critico personale. 7

8 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE La percezione di sé ed il completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive - Consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del proprio corpo; Lo sport, le regole e il fair play - Consolidamento dei valori sociali dello sport e acquisizione di una buona preparazione motoria; - Conoscenza e applicazione delle strategie tecnico-tattiche dei giochi sportivi; - Gestione del confronto agonistico in un etica corretta, con rispetto delle regole e vero fair play. Salute, benessere, sicurezza e prevenzione - Atteggiamento positivo verso uno stile di vita sano e attivo; - Conoscenza anche teorica dei principi generali dell attività fisica e dei vari sport. Relazione con l ambiente naturale e tecnologico - Comprensione delle implicazioni e dei benefici derivanti dalla pratica di varie attività fisiche svolte nei diversi ambienti. I. R. C. Comprensione critica dei problemi e delle tematiche trattate a livello teologico, antropologico e sociologico. Acquisizione di un linguaggio appropriato ed adeguata esposizione. 8

9 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER CIASCUNA DISCIPLINA ITALIANO I passi, i titoli, i numeri e le pagine secondo il testo in adozione: Langella Frare LETTERATURA. IT B. Mondadori vol. 3a 3b Le lezioni sono state fondamentalmente di tipo frontale, lo studio della letteratura è stato condotto in ambito sostanzialmente storicistico ed articolato in tre momenti: 1 inquadramento storico letterario dei movimenti e degli autori attraverso la presentazione sintetica dei principali fattori storici e culturali e delle poetiche; 2 indicazioni sui testi la cui lettura è stata affidata agli alunni; 3 lettura in classe di alcuni testi fondamentali, il cui utilizzo è stato comunque quello illustrativo ed esplicativo del discorso storico, non sono state effettuate analisi specifiche dei testi in senso formale. Criteri fondamentali di valutazione ( in ordine tassonomico) per l orale: capacità linguistico- espositiva possesso delle conoscenze specifiche organizzazione e coordinamento dei dati di studio per lo scritto: pertinenza alla traccia correttezza/proprietà linguistica possesso adeguate conoscenze sviluppo coerente e organico rielaborazione critica Questi criteri si articolano nella seguente griglia di valutazione ( in quindicesimi) INDICATORI COMPETENZE: PERTINENZA ALLA TRACCIA CORRETTEZZA/ PROPRIETÀ LINGUISTICA POSSESSO DI ADEGUATE CONOSCENZE SVILUPPO COERENTE E ORGANICO RIELABORAZIONE CRITICA DESCRITTORI di ciascuna competenza 1) Rispetto delle consegne secondo il tipo di prova 2) Pertinenza tematica 1) Padronanza delle strutture morfosintattiche e uso della punteggiatura 2) Consistenza lessicale e coerenza del registro espressivo 1) Correttezza delle conoscenze rispetto alla tematica trattata 2) Ampiezza delle conoscenze rispetto alla tematica trattata 1) Sviluppo logico-concettuale 2) Connessione del discorso 1) Approccio critico alla tematica svolta 2) Rielaborazione personale VALUTAZIONE max. punti 3 max. punti 3 max. punti 3 max. punti 3 max. punti 3 TOTALE 15 9

10 PROGRAMMA SVOLTO V O L U M E II NEOCLASSICISMO E ROMANTICISMO lezioni profilo nn 4-6 pagg testi : G. Berchet : il poeta e il suo pubblico 33 VOLUME III LEOPARDI G vita (pag 335). le opere pagg antologia: i canti : il passero solitario pag.414 l infinito 418 la sera del dì di festa 422 alla luna 426 a Silvia 429 canto notturno 434 la quiete dopo la tempesta 440 il sabato del villaggio 445 la ginestra (vv ) 454 operette morali: dialogo della natura e di un islandese 466 dialogo di un venditore di almanacchi 472 dialogo di Tristano ne di un amico 474 zibaldone la teoria del piacere 482 il giardino della sofferenza 485 la poetica e lo stile 487 IL SECONDO OTTOCENTO H lezioni profilo n la scapigliatura 45 testi : A.Boito dualismo naturalismo e verismo decadentismo e estetismo simbolismo 145 testi : Baudelaire l albatro 52 corrispondenze 55 Rimbaud lettera del veggente 151 Verlaine canzone d autunno 154 G. VERGA La vita (pag.197) le opere pagg antologia : vita dei campi : lettera prefatoria 236 l amante di Gramigna 238 Rosso Malpelo

11 la lupa 257 i Malavoglia : i nn novelle rusticane: la roba 281 libertà 288 Mastro don Gesualdo : la notte dei ricordi 306 qui c è roba 309 G.PASCOLI la vita (pag. 331) le opere pagg antologia : il fanciullino : la poetica del fanciullino 362 Mirycae : il tuono 369 il piccolo bucato 371 X agosto 372 l assiuolo 375 i canti di Castelvecchio l ora di Barga 378 la tovaglia 381 il gelsomino notturno 384 i poemetti: l aquilone 394 i poemi conviviali : Alexandros 407 G. D ANNUNZIO la vita (pag.433) le opere pagg antologia : il piacere : il n le laudi : la sera fiesolana 484 la pioggia nel pineto 488 meriggio 492 IL NOVECENTO I lezioni profilo n 1-5 IL PRIMO PERIODO L lezioni profilo n 1-2 pagg pagg4-16 testi: Marinetti: Fondazione e manifesto del Futurismo pag. 31 Manifesto tecnico della letteratura futurista fotocopia G. GOZZANO la vita (pag.57) costanti letterarie (pag.59) opere (pag.62) antologia : la signorina Felicita 76 Totò Merumeni 82 l ipotesi 62 11

12 U. SABA la vita (pag.1039 costanti letterarie (pag.107) opere (pag.110) antologia : a mia moglie 120 la capra 124 goal 133 Ulisse fotocopiata IL SECONDO PERIODO M lezioni profilo i nn 1-4, 7 pagg.4-87 passim testi: S.Quasimodo: vento a Tindari M 99 alle fronde dei salici N 73 Fascismo e cultura : i manifesti di Gentile e Croce fotocopie cenni alle riviste letterarie : la Ronda e Solaria I. SVEVO la vita (pag.109) le costanti letterarie (pag.114) le opere (pagg ) antologia : La coscienza di Zeno : i nn Senilità i n 4, 5, L. PIRANDELLO la vita (pag.213) le costanti letterarie (pag.217) le opere (pagg passim) antologia: il fu Mattia Pascal : i nn Uno, nessuno, centomila il n Sei personaggi in cerca di autore i nn 13, G. UNGARETTI la vita (pag.397) le costanti (pag.402) le opere ( pag ) antologia : il porto sepolto : i nn l allegria : il n poesia fotocopie vanità sono una creatura giorno per giorno n E. MONTALE la vita (pag. 469) le costanti letterarie (pag.473) le opere (pag. 485 passim ) antologia : ossi di seppia i nn le occasioni il n satura il n IL TERZO PERIODO N Lezioni profilo e testi esemplari 1 il Neorealismo pag N 4 12

13 E. Vittorini : conversazione in Sicilia (lettura integrale) C. Pavese : la luna e i falò ( lettura integrale) P. P.Pasolini : ragazzi di vita ( lettura integrale) G. Tomasi di Lampedusa il gattopardo (lettura integrale) Dante Paradiso, i canti 1, 3, 6, 11, 15, 33. LATINO e GRECO CRITERI DIDATTICI Il percorso di lavoro è stato così articolato: 1. trattazione - con uso preminente della lezione frontale - degli argomenti di storia letteraria, per inquadrare i fenomeni storico-culturali, sottolineare aspetti della poetica, tematiche e scelte stilistiche significative dei vari autori 2. lettura antologica in traduzione di testi dal manuale in adozione, in classe o a casa, come completamento e consolidamento delle conoscenze acquisite 3. lettura, traduzione e commento in classe dei testi d autore in lingua, con analisi delle scelte tematiche, strutturali ed espressive e possibili confronti intertestuali ed extratestuali; 4. esercizi di traduzione, svolti sotto la guida dell insegnante in classe e autonomamente da parte degli studenti a casa accompagnati da riflessioni su sintassi e lessico e sullo stile dei vari autori affrontati 5. collegamento costante tra la riflessione sulla lingua, la lettura dei testi e la storia letteraria; anche per gli esercizi di traduzione sono stati assegnati, per quanto possibile, passi che oltre a consolidare le conoscenze linguistiche, offrissero spunti interessanti, di contenuto e stile, per la conoscenza degli autori oggetto di studio. Il dipartimento di latino e greco ha organizzato quest'anno un progetto per le quinte che ha avuto come titolo: La ricezione dell'antico: uso, riuso ed eco di temi, figure, generi e stili fra Letteratura greca, Letteratura latina e contemporaneità. Divisi in quattro gruppi interclasse, formatisi col criterio della libera scelta, gli studenti hanno lavorato sulla ripresa di un tema classico nella cultura contemporanea. Il tema/genere/mito di partenza è stato presentato dai docenti, mentre il lavoro sulla ripresa è stato condotto dagli studenti divisi in sottogruppi. I quattro gruppi hanno avuto i seguenti titoli: 1) Sdraiati all'ombra di un albero, vicino a un ruscello mormorante, da quanti secoli sogniamo la pace! Cos'è davvero la poesia bucolica. 2) Scrivere su, scrivere di, scrivere contro: l'epigramma dall'antologia Palatina a Spoon River. 3) L'arte della parola efficace: tra seduzione e persuasione. 4) Seduzione, menzogna e morte: il mito di Fedra e Ippolito da (prima di) Euripide a (dopo) Seneca, e oltre. Il tema della ricezione dell'antico ha avuto un ulteriore momento di approfondimento nella giornata dedicata al progetto Zambarbieri, dal titolo quest'anno Ad alt(r)a voce: riletture di Omero e di Virgilio, in cui gli studenti hanno avuto l'occasione di ascoltare il prof. Mario Cantilena dell Università Cattolica di Milano e il prof. Alessandro Fo, dell Università degli Studi di Siena. 13

14 PROGRAMMA DI LATINO OBIETTIVI DISCIPLINARI Conoscenze Consolidamento delle conoscenze morfosintattiche. Lessico di base relativo ai generi letterari affrontati. Linee essenziali di storia romana dal II sec. a. C. al II d. C. Caratteri specifici dei generi letterari e loro evoluzione. Problematiche culturali (politiche, filosofiche, letterarie) relative alle epoche ed agli autori trattati. Competenze Consolidamento delle competenze linguistiche e affinamento del metodo di traduzione in lingua italiana. Capacità di definire e riconoscere lo specifico dei generi letterari affrontati. Capacità di riconoscere i tratti stilistici degli autori affrontati. Proprietà espressiva ed espositiva applicata all analisi di testi, autori, problematiche. Capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. CONTENUTI E CRITERI Criteri didattici Il percorso di lavoro è stato così articolato: 1. esercizi di traduzione svolti sotto la guida dell insegnante in classe e autonomamente da parte degli studenti a casa; riflessioni su sintassi e lessico e sullo stile dei vari autori affrontati; 2. lettura, traduzione e commento in classe dei testi d autore, con individuazione degli aspetti contenutistici e tematici, della struttura e delle scelte espressive, dei rapporti intertestuali ed extra testuali; 3. trattazione - con uso prevalente della lezione frontale - degli argomenti di storia letteraria, volta ad inquadrare i fenomeni storico culturali, a sottolineare aspetti e tematiche significative dei vari autori, e accompagnata da suggerimenti bibliografici per l approfondimento personale degli argomenti di studio; 4. lettura antologica di testi in traduzione italiana dal manuale in adozione, accompagnata da osservazioni e confronti, quando possibile anche con il testo in lingua, per dare concrete motivazioni allo studio e alle interpretazioni proposte; 5. sistematico collegamento tra la riflessione sulla lingua, la lettura dei testi e la storia letteraria; anche per gli esercizi di traduzione sono stati assegnati, per quanto possibile, passi che oltre a consolidare le conoscenze linguistiche, offrissero qualche interesse di contenuto per la conoscenza degli autori oggetto di studio. STRUMENTI (libri di testo ) Conte Pianezzola, Lezioni di letteratura latina. Corso integrato, voll. 2 e 3, Le Monnier Scuola Giovanna Barbieri, Ornatus. Versioni di latino per il triennio, Loescher 14

15 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE SINGOLE PROVE Prove scritte di traduzione (è stata utilizzata la griglia di valutazione elaborata dal Dipartimento di Latino e Greco): 1. comprensione del testo ( capacità di contestualizzazione, capacità di seguire la coerenza logica del testo); 2. correttezza a livello morfosintattico (riconoscimento e decodifica di forme e funzioni sintattiche e corretta ricodifica delle strutture); 3. proprietà di linguaggio e cura nella resa italiana. (Nell attribuzione dei voti si è tenuto conto della natura degli errori, ma anche delle difficoltà incontrate dalla classe nel suo complesso). Prove orali (o scritte) di letteratura: 1. pertinenza dell esposizione, rispetto delle consegne; 2. correttezza dei dati e del lessico specifico; 3. chiarezza espositiva e capacità di sintesi. Prove orali ( o scritte) di autori: 1. precisione ed espressività della lettura (eventualmente anche metrica), comprensione del testo; 2. capacità di contestualizzare il testo e di analizzarlo a livello tematico; 3. capacità di analizzare i testi a livello linguistico e stilistico. AUTORI PROGRAMMA DI LATINO SVOLTO VIRGILIO L Eneide, il poema nazionale di Roma. Imitare Omero: la trasformazione del modello. La narrazione soggettiva: l epica nazionale e le ragioni dei vinti. Lettura di testi: Enea e Didone (Eneide IV, vv. 1-30) La morte di Didone (Eneide IV, vv ) Enea incontra l anima di Didone (Eneide VI, vv ) La morte di Eurialo e Niso (Eneide IX vv ; in traduzione) ORAZIO Il figlio del liberto alla corte di Augusto. La lirica oraziana tra imitatio e originalità. Lettura metrica (esametro), traduzione e commento dei seguenti brani: Libertino patre natus (Satire, 1, 6, pag. 208, in traduzione) Il seccatore (Satire, 1, 9, pag. 211) Carpe diem (Odi, 1, 11, pag. 222); riletture d autore: Alessandro Fo, Scarpe di Emma Siamo polvere e ombra (Odi, 4, 7, pag. 227) Finché ti ero caro (Odi, 3, 9, in fotocopia) Non omnis moriar (Odi, 3, 30, pag. 259) 15

16 SENECA L affermazione dello stoicismo a Roma. I Dialogi e l educazione alla sapientia. Identikit del saggio stoico. La pratica quotidiana della filosofia: le Epistole a Lucilio. Traduzione e commento dei seguenti brani: da Ornatus: n..378 p. 376 "Dio, mente dell'universo" (Nat Quaest. Praef) n. 380 pag 377 Perché accadono tanti mali agli uomini buoni (De providentia I.5-6) n. 384 pag 380: Non schiavi ma uomini (I) (Epistulae ad Lucilium ) n. 385 pag 380: Non schiavi ma uomini (II) (Epistulae ad Lucilium ) n. 386 pag 381: Siamo nati per vivere insieme (Epistulae ad Lucilium ) n. 388 pag 382: L'esame di coscienza ((De ira, ) n. 389 pag 383: Essere fortunati significa ignorare una metà del mondo (De providentia IV.1-3) n. 390 pag 383: La vera felicità (Epistulae ad Lucilium ) n. 391 pag 384: Sentimento del tempo (Epistulae ad Lucilium I.1-3) in fotocopia: Saggezza e libertà (Epistulae ad Lucilium 4.37) Essere felici non è difficile (Consol. ad Helv ) Non si deve temere la morte (Epistulae ad Lucilium, ) TACITO La posizione ideologica tra nostalgia per la libertas repubblicana e consapevolezza della necessità del principato. Il Dialogus de oratoribus: la posizione nel dibattito sulla decadenza dell eloquenza in età imperiale. Historiae e Annales: la concezione e il metodo storiografico. Traduzione e commento dei seguenti brani: Dialogus de oratoribus L educazione familiare antica (da Ornatus: n 485 p. 454) L educazione familiare moderna (da Ornatus: n 486 p. 455) La formazione dei giovani nel tempo antico (da Ornatus: n 487 pp ) Le odierne scuole di retorica (da Ornatus: n 488 pp ) Potere dell eloquenza nell età repubblicana (da Ornatus n 489 p. 456) Agricola Nunc demum redit animus (Agr. 3 in fotocopia) Annales L obiettività dello storico (I.1 in fotocopia) Il fine della storia (III in fotocopia) Galleria di ritratti: o La morte di Seneca (da Ornatus: versioni pp ) o Ritratto di Petronio (da Ornatus: versione 483 pp ) Historiae Il proemio (I in fotocopia) 16

17 LETTERATURA L ETA IMPERIALE DA TIBERIO AI FLAVI - Quadro storico e culturale: il difficile rapporto fra principato e istituzioni repubblicane. - La letteratura nell'età giulio-claudia: la gestione del consenso e la (auto)censura degli intellettuali. - Le tendenze della storiografia; la storiografia di regime: Velleio Patercolo e Valerio Massimo; la storiografia romanzesca di Curzio Rufo. Seneca vedi autori Lucano - Un poeta alla corte del principe. - La Pharsalia e il genere epico. - Lucano e Virgilio: la distruzione dei miti augustei. - Un poema senza eroe: i personaggi della Pharsalia. Letture in traduzione: L eroe nero : Cesare passa il Rubicone (p. 175 e ss.) Catone, ovvero la virtù: ritratto di un saggio (pp ) Petronio - Il personaggio nella testimonianza di Tacito (Ornatus, versione n 483 pag. 453). - Il Satyricon: la questione dell attribuzione. - La complessità del Satyricon e il rapporto con la tradizione del romanzo greco. - Realismo e parodia. - Petronio e la crisi dell eloquenza (Ornatus, versioni n pagg ) - Lingua e stile La satira di Persio e Giovenale - Persio: la satira come esigenza morale Letture in traduzione: Persio e le mode poetiche del tempo (p. 275 e ss.) Conosci te stesso e rifiuta ciò che non sei (pp ) - Giovenale e la società del suo tempo Plinio il Vecchio e il sapere specialistico Marziale - La tecnica compositiva e il fulmen in clausula. - Lettura e commento di epigrammi forniti in fotocopia Quintiliano - L Institutio oratoria: la formazione dell oratore come vir bonus dicendi peritus. - La funzione dell intellettuale al servizio dell impero. - L Institutio come risposta alla decadenza dell oratoria. Letture in traduzione: Il maestro ideale (p. 376 e ss.) L oratore deve essere onesto (p. 379 e ss.) L ETA DEGLI IMPERATORI PER ADOZIONE - Quadro storico e culturale: lo stoicismo e l ideale dell optimus princeps Plinio Il Giovane - L epistolario Il rapporto con Traiano - Il Panegyricus 17

18 Letture in traduzione: La lettera sui Cristiani e il rescritto di Traiano Tacito vedi autori Svetonio e il genere biografico - La biografia come alternativa alla storiografia - Il De vita Caesarum Letture in traduzione: L umorismo di Vespasiano (p. 508) Apuleio Una figura complessa: tra filosofia, oratoria e religione L Apologia, ovvero l autodifesa dall accusa di magia Apuleio e il romanzo Le Metamorfosi Letture in traduzione: Lucio assiste alla metamorfosi di Panfila (pp ) PROGRAMMA DI GRECO Obiettivi Conoscenze Consolidamento delle conoscenze morfosintattiche. Acquisizione del lessico di base relativo ai generi letterari affrontati. Riconoscimento dei caratteri specifici dei generi letterari e della loro evoluzione. Familiarità con le problematiche culturali ( politiche, filosofiche, letterarie) relative alle epoche ed agli autori trattati. Padronanza dei testi d autore letti in lingua originale, sia dal punto di vista linguistico che da quello contenutistico. Competenze Consolidamento delle competenze linguistiche e del metodo di analisi e traduzione in lingua italiana. Capacità di contestualizzazione dei testi rispetto al periodo storico (storia greca dal IV sec. a. C. al II d. C.). Proprietà espressiva ed espositiva applicata all analisi di testi, autori, problematiche. Capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. Criteri didattici Il percorso di lavoro è stato così articolato: esercizi sistematici (1 ora alla settimana) di traduzione autonoma o guidata in classe dei testi degli autori affrontati e riflessioni su sintassi e lessico e sullo stile; lettura, traduzione e commento in classe di tutti i passi della tragedia in programma, con individuazione degli aspetti contenutistici e tematici, della struttura e delle scelte espressive; lezioni frontali di storia della letteratura, con inquadramento storico culturale; lettura antologica di testi in traduzione italiana dal manuale in adozione con costanti riscontri con il testo originale; sistematico collegamento tra la riflessione sulla lingua, la lettura dei testi e la storia letteraria; anche per gli esercizi di traduzione sono stati assegnati, per quanto possibile, passi che oltre a consolidare le conoscenze linguistiche, offrissero qualche interesse di contenuto per la conoscenza degli autori oggetto di studio. 18

19 STRUMENTI (libri di testo ) Citti Casali Gubellini - Pennesi, Storia e autori della Letteratura Greca, vol. 3 Età ellenistica, Zanichelli Citti Casali - Fort, Dialogoi. Versioni greche per il triennio, SEI Euripide, Ippolito, a cura di N. Catone, Ed. Dante Alighieri AUTORI PROGRAMMA DI GRECO SVOLTO EURIPIDE, lettura, traduzione e commento: Ippolito: Prologo: vv. 1-57; Primo episodio: vv ; vv ; Secondo episodio: vv ; Terzo episodio: vv ; Esodo: vv Lettura integrale in traduzione LISIA: lettura, traduzione e commento: Contro Eratostene: parr ; ; LETTERATURA TRA V E IV SECOLO LA COMMEDIA ANTICA ARISTOFANE In italiano: lettura integrale delle Nuvole, delle Rane e passi delle altre opere sull antologia L ORATORIA GORGIA La biografia Encomio di Elena LISIA La biografia La produzione logografica e politica ISOCRATE La biografia La scuola di Isocrate in contrapposizione a quella di Platone: Contro i sofisti. Le orazioni del periodo ateniese: Panegirico, Areopagitico Le orazioni filomacedoni: Pace,Filippo La delusione e il ripiegamento su se stesso: Panatenaico DEMOSTENE La biografia L attacco a Filippo:Olintiache, Filippiche L attacco ad Eschine e la difesa del proprio operato: Sulla corrotta ambasceria, Per la corona ESCHINE La biografia Il duello con Demostene: Sulla corrotta ambasceria, Contro Ctesifonte 19

20 LA COMMEDIA NUOVA MENANDRO Dall Arcaia alla Nea: cause e tappe del processo, caratteristiche Menandro e Atene Il teatro di Menandro: l attenzione al privato e i valori condivisi dal pubblico L umanesimo menandreo La lingua, lo stile In italiano: lettura integrale del Dyscolos e passi delle altre opere sull antologia LA FILOSOFIA EPICURO La biografia La filosofia come ricerca della felicità Il tetrafarmaco e la definizione di hedonè Le lettere: Lettera a Meneceo: lettura in lingua dei paragrafi In italiano gli altri passi sull antologia L ETA ELLENISTICA Significato del termine Ellenismo: introduzione, definizione, limiti cronologici. Mutamenti politici, economici, sociali, religiosi La civiltà del libro, i centri della cultura, la Biblioteca di Alessandria e quella di Pergamo Cosmopolitismo e individualismo La filosofia e la scienza; la nascita della filologia Una nuova lingua: la koinè Un pubblico di dotti. La classificazione dei generi letterari CALLIMACO La poetica della brevità e della leptotes L attività erudita: i Pinakes Gli Aitia: un nuovo modello di poesia. L epillio: l Ecale: la scoperta del paesaggio Gli Inni: rinnovamento di un genere e poesia celebrativa di corte. Lettura in lingua dell Inno ad Apollo vv Gli Epigrammi: brevità e allusività. Lettura in lingua di A.P. V, 6 e di A.P XII, 43 TEOCRITO Il corpus degli Idilli: varietà di contenuto Gli Idilli bucolici ; le Talisie e l investitura poetica I mimi urbani Motivi della poesia di Teocrito: il paesaggio, l eros, il realismo teocriteo APOLLONIO RODIO L attività erudita Le Argonautiche: la ripresa del poema epico: elementi di continuità e di innovazione Struttura del poema Giasone eroe moderno L influsso della tragedia: il tema erotico e la figura di Medea L EPIGRAMMA Origini ed evoluzione del genere Le raccolte 20

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Sezioni Associate: Liceo Scientifico, Linguistico, I.G.E.A. Ragionieri, Geometri, Scuola ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati

Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati Programmazione curriculare modulare di Lingua e Italiana Lingua e Latina Lingua e Greca a. s. 2012/13 Nel corso del triennio l insegnamento delle Lettere

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5' D Indirizzo:

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

M.P.01. Rev. 0. I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello. Pagina 1 di 8. Piano di Lavoro Individuale. Numero ore

M.P.01. Rev. 0. I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello. Pagina 1 di 8. Piano di Lavoro Individuale. Numero ore Pagina 1 di 8 Docente Materia Classe Numero ore Felice Cimmino Inglese Quarta B Tre Pagina 2 di 8 1. Analisi della situazione iniziale della classe a) Comportamento x corretto abbastanza corretto scorretto

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2011/2012

Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Docente: Prof. Adriana ONNIS Materia: Inglese Classe: V^ D 1. Nel primo Consiglio di Classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 LICEO CLASSICO/SCIENTIFICO G. SPINELLI PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 PROF.SSA AMENDOLAGINE ORIANA QUINTO ANNO Ac 1. COMPETENZE DISCIPLINARI LINGUA 1_ Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5C Indirizzo:

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Corso di Laurea in Lettere curricula: Letteratura dell età moderna e contemporanea, cultura teatrale

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO LINGUA E LETTERATURA INGLESE A.S. 2014/2015

PIANO DI LAVORO LINGUA E LETTERATURA INGLESE A.S. 2014/2015 PIANO DI LAVORO LINGUA E LETTERATURA INGLESE A.S. 2014/2015 CLASSE 4D PROF. MASUZZI A)Dal testo Only Connect New Directions The Restoration The Augustan Age, di Spiazzi Tavella, edizioni Zanichelli, con

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO

SCUOLA PRIMARIA DANTE ALIGHIERI PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO Favorire la formazione del pensiero critico e creativo attraverso lo sviluppo di una

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI CLASSE 5A DIRITTO Mese Argomento Libro di testo Diritto Pubblico Lo Stato e la Costituzione Settembre Dicembre Introduzione allo Stato: gli elementi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO Programmazione GRAVINA IN PUGLIA (BA) Dipartimentale A051 Lingua e Letteratura italiana Lingua e Letteratura latina. A.S 2014/15 PREMESSA Nella scuola dell autonomia,

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli