MILANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. CLASSE 5^ sez. B ESAMI DI STATO A.S COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MILANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. CLASSE 5^ sez. B ESAMI DI STATO A.S. 2014-15 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 LICEO CLASSICO STATALE G. CARDUCCI MILANO ESAMI DI STATO A.S DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ sez. B COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO LATINO GRECO INGLESE STORIA e FILOSOFIA MATEMATICA e FISICA SCIENZE STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE e SPORTIVE RELIGIONE Franco Pasqui Catia Gusmini Giovanna Monfroni Clara Brambilla Maria Teresa Cazzaniga Gabriella Torregrossa Enrica Torretta Laura Petermaier Chiara Zago Alessandro Repossi 1

2 SITUAZIONE DELLA CLASSE La classe 5B è composta da 17 studenti, 12 femmine e 5 maschi, tutti provenienti dalla 4B dello scorso anno. Il gruppo nel suo complesso ha dimostrato un discreto interesse per le proposte di lavoro e di approfondimento, curiosità intellettuale e disponibilità all ascolto di sollecitazioni e suggerimenti; apprezzabili sono stati, per alcuni studenti, i progressi conseguiti in questi tre anni di lavoro rispetto al metodo, all autonomia e al senso critico. Il profitto della classe è complessivamente discreto, pur con differenze, talora sensibili, nel livello di preparazione raggiunto in alcune materie. Solo qualche studente ha mostrato una certa discontinuità nell'impegno casalingo ed una attenzione e partecipazione al lavoro comune non sempre adeguate. Il comportamento generale è stato caratterizzato da correttezza e il lavoro didattico si è svolto in modo regolare; la frequenza è stata nell insieme buona. Recupero - IDEI - Sportelli attuati Il Collegio docenti ha deliberato di sospendere per una settimana (8 15/01/2015) le lezioni per realizzare attività di recupero e/o di approfondimento. È stato attivato un corso di recupero extracurricolare di Greco. I singoli docenti sono intervenuti con forme differenziate di recupero e di sostegno in itinere. Infine, i docenti del Consiglio di Classe hanno fornito consulenza agli studenti per la progettazione dei percorsi pluri-disciplinari da presentare al colloquio orale dell Esame di Stato. INIZIATIVE ATTIVITÀ ATTUATE Attività svolte in orario curricolare: Argomento/titolo Materie coinvolte Riferimenti e tempi 1. Primo Soccorso trasversale Rif.: Progetto Star bene a scuola ore 29/01/2015 ( ) 2. Il Novecento: percorsi interdisci-plinari per una formazione giuridica ed economica Storia, Diritto, Economia 3. La (ri)scoperta dell Antico (Progetto Zambarbieri) Latino e Greco 4. Progetto Classi Quinte Latino e Greco Rif.: Programmazione Dipartimento di Storia e Filosofia 03/03/2015, 12/03/2015 (2+2 ore) Rif.: Programmazione Dipartimento di Latino e Greco Ad alt(r)a voce. Riletture di Omero e Virgilio Proff. Mario Cantilena e Alessandro Fo - 2 ore: 7 marzo 2015 Rif.: Programmazione Dipartimento di Latino e Greco Laboratorio a classi aperte, 4 gruppi tematici, con prodotto finale - 27/01/ /02/2015 (6 ore: ) (vedere più oltre, sezione Latino e Greco Criteri didattici) 2

3 Attività svolte in orario extracurricolare: Corsi pomeridiani di lingue Corsi di preparazione al conseguimento del FCE Corsi di preparazione al conseguimento dell ECDL Laboratori teatrali Gruppo Interesse Scala Attività proposte dal Centro Scolastico Sportivo Partecipazione a certamina interni ed esterni, su base volontaria. Uscite didattiche e viaggi di istruzione 1. uscita didattica Museo della Scienza 2 ore 27/01/ uscita didattica Mostra dedicata a Van Gogh 3 ore 6/02/ viaggio di istruzione Grecia marzo 2015 Attività sportive: - Gare di Sci - Gara di Corsa Campestre - Partecipazione ai GSS di Badminton - Torneo interno di Pallavolo - Torneo interno di Basket - Trofeo Langè di Atletica Leggera Orientamento 1. Diffusione di materiali informativi e incontri con ex studenti del Liceo. 2. Corsi di preparazione ai test di ingresso alle Facoltà Scientifiche 3. Incontro di orientamento: Motivazioni e difficoltà nella professione medica (dott. ssa Patrizia Tagliabue) 4. Presentazione del test di medicina da parte di studenti iscritti al corso di laurea e simulazione del test stesso Singoli studenti, su base volontaria (rif. circolare 97) Singoli studenti, su base volontaria Singoli studenti, su base volontaria novembre marzo /02/2015 (h ) 18/11/2014 (h ) 3

4 STORIA DELLA CLASSE (triennio) Nell a.s. 2012/2013 la classe era formata da ventuno studenti, diciotto provenienti dalla 2 B, uno dalla 2 A, due da altre scuole. Al termine dell anno scolastico una studentessa non veniva ammessa alla classe successiva. All inizio dell a.s. 2013/14 la classe risultava composta da diciotto studenti; al termine del primo quadrimestre una studentessa si trasferiva ad altro Istituto. Nel corrente anno scolastico la classe ha mantenuto la composizione di 17 studenti. CONTINUITA DIDATTICA NEL TRIENNIO MATERIA A. S. 2012/2013 A. S. 2013/2014 A. S. 2014/2015 ITALIANO Michela Musante Michela Musante Franco Pasqui LATINO Catia Gusmini Catia Gusmini Catia Gusmini GRECO Giovanna Monfroni Giovanna Monfroni Giovanna Monfroni INGLESE Clara Brambilla Clara Brambilla Clara Brambilla STORIA e FILOSOFIA M. Teresa Cazzaniga M. Teresa Cazzaniga M. Teresa Cazzaniga Gabriella Gabriella Torregrossa Gabriella MATEMATICA e FISICA Torregrossa Torregrossa SCIENZE Clodia Fantuz Enrica Torretta Enrica Torretta STORIA DELL ARTE Laura Petermaier Laura Petermaier Laura Petermaier SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Chiara Zago Chiara Zago Chiara Zago I. R. C. Alessandro Repossi Alessandro Repossi Alessandro Repossi 4

5 OBIETTIVI OBIETTIVI TRASVERSALI FORMATIVI Potenziamento della capacità di ascoltare e rapportarsi agli altri in una interazione costruttiva caratterizzata da lealtà e rispetto. Potenziamento delle capacità di attenzione e partecipazione al lavoro comune, di perseveranza e rigore nel lavoro individuale. Acquisizione della capacità di esprimere e argomentare opinioni personali criticamente motivate Apertura graduale ai problemi di oggi nella loro dimensione storica, sociale, umana. Approfondimento della riflessione sulle diverse forme del sapere e sul loro senso anche in rapporto alla comprensione del mondo odierno. COGNITIVI Comprensione e sistematizzazione degli argomenti trattati (nelle loro reciproche relazioni e in rapporto alla propria esperienza). Rielaborazione dei dati acquisiti (distinguendo tra essenziale e accessorio e ricostruendone sintesi). Conoscenza delle tematiche e problematiche fondamentali affrontate nelle diverse discipline e della loro articolazione. Esposizione chiara, calibrata sulle richieste e corretta anche rispetto al lessico specifico delle discipline. Costruzione di un metodo di studio personale finalizzato all acquisizione dei contenuti e al raggiungimento degli obiettivi. OBIETTIVI PER MATERIA ITALIANO Consolidare e perfezionare le competenze linguistiche orali e scritte nei più diversi ambiti operativi. Far acquisire la strumentazione necessaria per la comprensione dei testi letterari e non letterari. Favorire la consapevolezza della letteratura come espressione specifica nella storia della civiltà. Educare al gusto per la lettura come conquista permanente dell individuo. Conoscenza di testi e contesti biografico-storico-culturali della letteratura italiana dell Otto- Novecento. Conoscenza antologica della Commedia di Dante. Consolidamento di tutte le tipologie di scrittura previste dalla normativa sull Esame di Stato. Uso critico e consapevole della specificità del linguaggio letterario. Capacità di comunicazione scritta nitida, efficace e coerente. Capacità di contestualizzazione ampia e argomentata. Conoscere e comprendere le tematiche fondamentali del pensiero contemporaneo. Individuare e comprendere caratteri e ragioni dei problemi affrontati dal pensiero contemporaneo. 5

6 LATINO e GRECO Allenamento alla traduzione del testo d autore: conoscere e riconoscere nei testi proposti le norme, i meccanismi, le strutture fondamentali della lingua latina e greca; saper definire e riconoscere con precisione le strutture sintattiche trattate; usare correttamente il vocabolario. Conoscenza delle linee generali della storia della letteratura latina dell età imperiale del I- II secolo d.c. e delle linee generali della storia della letteratura greca dell età ellenistica e del I-II secolo dell età imperiale attraverso gli autori e i generi letterari più significativi; mettere a fuoco i caratteri distintivi della cultura letteraria greco-romana e il rapporto tra gli autori e il contesto sociale e politico. Lettura e interpretazione degli autori in lingua originale: tradurre rispettando il senso e la specificità letteraria del testo; interpretarlo usando gli strumenti dell analisi testuale e le conoscenze storicoculturali relative all autore e al contesto. INGLESE Comprensione di testi complessi. Capacità di individuare i contenuti fondamentali di un testo. Analisi di un testo con riconoscimento delle caratteristiche tematiche e stilistiche. Capacità di stabilire una connessione tra testo letterario e contesto storico. Uso adeguato del lessico specifico. STORIA Conoscere le tappe fondamentali del percorso della civiltà umana dal 1870 agli equilibri politici successivi alla seconda guerra mondiale. Comprendere le vicende storiche distinguendo nella narrazione storica l essenziale dal non essenziale. Acquisire il lessico specifico della disciplina. Esporre in modo corretto le conoscenze. Esporre in modo argomentato e documentato le proprie tesi, operare collegamenti. FILOSOFIA Conoscere i momenti essenziali della storia della riflessione filosofica dal XIX secolo alla prima metà del XX secolo. Comprendere le tematiche affrontate distinguendo l essenziale dal non essenziale. Acquisire il lessico filosofico di base ed esporre in modo corretto. Saper cogliere l interdipendenza tra i diversi enunciati di una proposta filosofica. Saper argomentare le proprie tesi. Operare connessioni interdisciplinari e comprendere i nessi tra ricerca filosofica e trasformazioni storiche. Valutare criticamente le tesi filosofiche studiate. 6

7 MATEMATICA Capacità di analisi (in particolare: scomposizione di un problema in sottoproblemi) e di sintesi (riunificazione coerente dei singoli risultati in funzione della comprensione e della soluzione di un problema generale). Capacità di leggere e produrre rappresentazioni grafiche. Capacità di elaborare strategie utilizzando un approccio logico-matematico a problemi di vario genere. FISICA Capacità critiche nei confronti delle proprie idee e di quelle altrui, tenendo presente potenzialità e limiti della ricerca (non solo scientifica) nei confronti della realtà. Capacità di definire, descrivere, interpretare e spiegare un fenomeno, avendo compreso le differenze e le connessioni fra tali operazioni. Capacità di collegamento fra la fisica ed altre discipline anche non prettamente scolastiche, per applicare correttamente ad altri ambiti quanto acquisito con lo studio. SCIENZE Comprendere, elaborare e generalizzare i dati acquisiti ai fini di una lettura consapevole dei fenomeni studiati. Sviluppare capacità di autonomia nella lettura di un testo scientifico. Acquisire un linguaggio specifico adeguato ed una corretta esposizione degli argomenti. STORIA DELL ARTE Approfondimento e ampliamento delle tematiche, tenendo conto della complessità del fenomeno artistico. Acquisizione di una maggiore consapevolezza dell'importanza del patrimonio artistico, della sua conservazione, valorizzazione, tutela e riuso. Conoscere gli argomenti, esporre in modo corretto, rispondere in modo pertinente a precise domande, sapere operare progressivamente collegamenti tra epoche, lavorare in autonomia, lavoro personale di approfondimento. Conoscere i principali movimenti artistici italiani ed europei dal neoclassicismo alle avanguardie artistiche del Novecento e la loro collocazione nel panorama culturale delle varie epoche. Approfondita lettura dell'immagine in rapporto a collocazione spazio-temporale, inquadramento storico-artistico, dati d'identità dell'opera, adeguato lessico, uso elle fonti storico-critiche, sapere operare dei collegamenti interdisciplinari, argomentato giudizio critico personale. 7

8 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE La percezione di sé ed il completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive - Consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del proprio corpo; Lo sport, le regole e il fair play - Consolidamento dei valori sociali dello sport e acquisizione di una buona preparazione motoria; - Conoscenza e applicazione delle strategie tecnico-tattiche dei giochi sportivi; - Gestione del confronto agonistico in un etica corretta, con rispetto delle regole e vero fair play. Salute, benessere, sicurezza e prevenzione - Atteggiamento positivo verso uno stile di vita sano e attivo; - Conoscenza anche teorica dei principi generali dell attività fisica e dei vari sport. Relazione con l ambiente naturale e tecnologico - Comprensione delle implicazioni e dei benefici derivanti dalla pratica di varie attività fisiche svolte nei diversi ambienti. I. R. C. Comprensione critica dei problemi e delle tematiche trattate a livello teologico, antropologico e sociologico. Acquisizione di un linguaggio appropriato ed adeguata esposizione. 8

9 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER CIASCUNA DISCIPLINA ITALIANO I passi, i titoli, i numeri e le pagine secondo il testo in adozione: Langella Frare LETTERATURA. IT B. Mondadori vol. 3a 3b Le lezioni sono state fondamentalmente di tipo frontale, lo studio della letteratura è stato condotto in ambito sostanzialmente storicistico ed articolato in tre momenti: 1 inquadramento storico letterario dei movimenti e degli autori attraverso la presentazione sintetica dei principali fattori storici e culturali e delle poetiche; 2 indicazioni sui testi la cui lettura è stata affidata agli alunni; 3 lettura in classe di alcuni testi fondamentali, il cui utilizzo è stato comunque quello illustrativo ed esplicativo del discorso storico, non sono state effettuate analisi specifiche dei testi in senso formale. Criteri fondamentali di valutazione ( in ordine tassonomico) per l orale: capacità linguistico- espositiva possesso delle conoscenze specifiche organizzazione e coordinamento dei dati di studio per lo scritto: pertinenza alla traccia correttezza/proprietà linguistica possesso adeguate conoscenze sviluppo coerente e organico rielaborazione critica Questi criteri si articolano nella seguente griglia di valutazione ( in quindicesimi) INDICATORI COMPETENZE: PERTINENZA ALLA TRACCIA CORRETTEZZA/ PROPRIETÀ LINGUISTICA POSSESSO DI ADEGUATE CONOSCENZE SVILUPPO COERENTE E ORGANICO RIELABORAZIONE CRITICA DESCRITTORI di ciascuna competenza 1) Rispetto delle consegne secondo il tipo di prova 2) Pertinenza tematica 1) Padronanza delle strutture morfosintattiche e uso della punteggiatura 2) Consistenza lessicale e coerenza del registro espressivo 1) Correttezza delle conoscenze rispetto alla tematica trattata 2) Ampiezza delle conoscenze rispetto alla tematica trattata 1) Sviluppo logico-concettuale 2) Connessione del discorso 1) Approccio critico alla tematica svolta 2) Rielaborazione personale VALUTAZIONE max. punti 3 max. punti 3 max. punti 3 max. punti 3 max. punti 3 TOTALE 15 9

10 PROGRAMMA SVOLTO V O L U M E II NEOCLASSICISMO E ROMANTICISMO lezioni profilo nn 4-6 pagg testi : G. Berchet : il poeta e il suo pubblico 33 VOLUME III LEOPARDI G vita (pag 335). le opere pagg antologia: i canti : il passero solitario pag.414 l infinito 418 la sera del dì di festa 422 alla luna 426 a Silvia 429 canto notturno 434 la quiete dopo la tempesta 440 il sabato del villaggio 445 la ginestra (vv ) 454 operette morali: dialogo della natura e di un islandese 466 dialogo di un venditore di almanacchi 472 dialogo di Tristano ne di un amico 474 zibaldone la teoria del piacere 482 il giardino della sofferenza 485 la poetica e lo stile 487 IL SECONDO OTTOCENTO H lezioni profilo n la scapigliatura 45 testi : A.Boito dualismo naturalismo e verismo decadentismo e estetismo simbolismo 145 testi : Baudelaire l albatro 52 corrispondenze 55 Rimbaud lettera del veggente 151 Verlaine canzone d autunno 154 G. VERGA La vita (pag.197) le opere pagg antologia : vita dei campi : lettera prefatoria 236 l amante di Gramigna 238 Rosso Malpelo

11 la lupa 257 i Malavoglia : i nn novelle rusticane: la roba 281 libertà 288 Mastro don Gesualdo : la notte dei ricordi 306 qui c è roba 309 G.PASCOLI la vita (pag. 331) le opere pagg antologia : il fanciullino : la poetica del fanciullino 362 Mirycae : il tuono 369 il piccolo bucato 371 X agosto 372 l assiuolo 375 i canti di Castelvecchio l ora di Barga 378 la tovaglia 381 il gelsomino notturno 384 i poemetti: l aquilone 394 i poemi conviviali : Alexandros 407 G. D ANNUNZIO la vita (pag.433) le opere pagg antologia : il piacere : il n le laudi : la sera fiesolana 484 la pioggia nel pineto 488 meriggio 492 IL NOVECENTO I lezioni profilo n 1-5 IL PRIMO PERIODO L lezioni profilo n 1-2 pagg pagg4-16 testi: Marinetti: Fondazione e manifesto del Futurismo pag. 31 Manifesto tecnico della letteratura futurista fotocopia G. GOZZANO la vita (pag.57) costanti letterarie (pag.59) opere (pag.62) antologia : la signorina Felicita 76 Totò Merumeni 82 l ipotesi 62 11

12 U. SABA la vita (pag.1039 costanti letterarie (pag.107) opere (pag.110) antologia : a mia moglie 120 la capra 124 goal 133 Ulisse fotocopiata IL SECONDO PERIODO M lezioni profilo i nn 1-4, 7 pagg.4-87 passim testi: S.Quasimodo: vento a Tindari M 99 alle fronde dei salici N 73 Fascismo e cultura : i manifesti di Gentile e Croce fotocopie cenni alle riviste letterarie : la Ronda e Solaria I. SVEVO la vita (pag.109) le costanti letterarie (pag.114) le opere (pagg ) antologia : La coscienza di Zeno : i nn Senilità i n 4, 5, L. PIRANDELLO la vita (pag.213) le costanti letterarie (pag.217) le opere (pagg passim) antologia: il fu Mattia Pascal : i nn Uno, nessuno, centomila il n Sei personaggi in cerca di autore i nn 13, G. UNGARETTI la vita (pag.397) le costanti (pag.402) le opere ( pag ) antologia : il porto sepolto : i nn l allegria : il n poesia fotocopie vanità sono una creatura giorno per giorno n E. MONTALE la vita (pag. 469) le costanti letterarie (pag.473) le opere (pag. 485 passim ) antologia : ossi di seppia i nn le occasioni il n satura il n IL TERZO PERIODO N Lezioni profilo e testi esemplari 1 il Neorealismo pag N 4 12

13 E. Vittorini : conversazione in Sicilia (lettura integrale) C. Pavese : la luna e i falò ( lettura integrale) P. P.Pasolini : ragazzi di vita ( lettura integrale) G. Tomasi di Lampedusa il gattopardo (lettura integrale) Dante Paradiso, i canti 1, 3, 6, 11, 15, 33. LATINO e GRECO CRITERI DIDATTICI Il percorso di lavoro è stato così articolato: 1. trattazione - con uso preminente della lezione frontale - degli argomenti di storia letteraria, per inquadrare i fenomeni storico-culturali, sottolineare aspetti della poetica, tematiche e scelte stilistiche significative dei vari autori 2. lettura antologica in traduzione di testi dal manuale in adozione, in classe o a casa, come completamento e consolidamento delle conoscenze acquisite 3. lettura, traduzione e commento in classe dei testi d autore in lingua, con analisi delle scelte tematiche, strutturali ed espressive e possibili confronti intertestuali ed extratestuali; 4. esercizi di traduzione, svolti sotto la guida dell insegnante in classe e autonomamente da parte degli studenti a casa accompagnati da riflessioni su sintassi e lessico e sullo stile dei vari autori affrontati 5. collegamento costante tra la riflessione sulla lingua, la lettura dei testi e la storia letteraria; anche per gli esercizi di traduzione sono stati assegnati, per quanto possibile, passi che oltre a consolidare le conoscenze linguistiche, offrissero spunti interessanti, di contenuto e stile, per la conoscenza degli autori oggetto di studio. Il dipartimento di latino e greco ha organizzato quest'anno un progetto per le quinte che ha avuto come titolo: La ricezione dell'antico: uso, riuso ed eco di temi, figure, generi e stili fra Letteratura greca, Letteratura latina e contemporaneità. Divisi in quattro gruppi interclasse, formatisi col criterio della libera scelta, gli studenti hanno lavorato sulla ripresa di un tema classico nella cultura contemporanea. Il tema/genere/mito di partenza è stato presentato dai docenti, mentre il lavoro sulla ripresa è stato condotto dagli studenti divisi in sottogruppi. I quattro gruppi hanno avuto i seguenti titoli: 1) Sdraiati all'ombra di un albero, vicino a un ruscello mormorante, da quanti secoli sogniamo la pace! Cos'è davvero la poesia bucolica. 2) Scrivere su, scrivere di, scrivere contro: l'epigramma dall'antologia Palatina a Spoon River. 3) L'arte della parola efficace: tra seduzione e persuasione. 4) Seduzione, menzogna e morte: il mito di Fedra e Ippolito da (prima di) Euripide a (dopo) Seneca, e oltre. Il tema della ricezione dell'antico ha avuto un ulteriore momento di approfondimento nella giornata dedicata al progetto Zambarbieri, dal titolo quest'anno Ad alt(r)a voce: riletture di Omero e di Virgilio, in cui gli studenti hanno avuto l'occasione di ascoltare il prof. Mario Cantilena dell Università Cattolica di Milano e il prof. Alessandro Fo, dell Università degli Studi di Siena. 13

14 PROGRAMMA DI LATINO OBIETTIVI DISCIPLINARI Conoscenze Consolidamento delle conoscenze morfosintattiche. Lessico di base relativo ai generi letterari affrontati. Linee essenziali di storia romana dal II sec. a. C. al II d. C. Caratteri specifici dei generi letterari e loro evoluzione. Problematiche culturali (politiche, filosofiche, letterarie) relative alle epoche ed agli autori trattati. Competenze Consolidamento delle competenze linguistiche e affinamento del metodo di traduzione in lingua italiana. Capacità di definire e riconoscere lo specifico dei generi letterari affrontati. Capacità di riconoscere i tratti stilistici degli autori affrontati. Proprietà espressiva ed espositiva applicata all analisi di testi, autori, problematiche. Capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. CONTENUTI E CRITERI Criteri didattici Il percorso di lavoro è stato così articolato: 1. esercizi di traduzione svolti sotto la guida dell insegnante in classe e autonomamente da parte degli studenti a casa; riflessioni su sintassi e lessico e sullo stile dei vari autori affrontati; 2. lettura, traduzione e commento in classe dei testi d autore, con individuazione degli aspetti contenutistici e tematici, della struttura e delle scelte espressive, dei rapporti intertestuali ed extra testuali; 3. trattazione - con uso prevalente della lezione frontale - degli argomenti di storia letteraria, volta ad inquadrare i fenomeni storico culturali, a sottolineare aspetti e tematiche significative dei vari autori, e accompagnata da suggerimenti bibliografici per l approfondimento personale degli argomenti di studio; 4. lettura antologica di testi in traduzione italiana dal manuale in adozione, accompagnata da osservazioni e confronti, quando possibile anche con il testo in lingua, per dare concrete motivazioni allo studio e alle interpretazioni proposte; 5. sistematico collegamento tra la riflessione sulla lingua, la lettura dei testi e la storia letteraria; anche per gli esercizi di traduzione sono stati assegnati, per quanto possibile, passi che oltre a consolidare le conoscenze linguistiche, offrissero qualche interesse di contenuto per la conoscenza degli autori oggetto di studio. STRUMENTI (libri di testo ) Conte Pianezzola, Lezioni di letteratura latina. Corso integrato, voll. 2 e 3, Le Monnier Scuola Giovanna Barbieri, Ornatus. Versioni di latino per il triennio, Loescher 14

15 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE SINGOLE PROVE Prove scritte di traduzione (è stata utilizzata la griglia di valutazione elaborata dal Dipartimento di Latino e Greco): 1. comprensione del testo ( capacità di contestualizzazione, capacità di seguire la coerenza logica del testo); 2. correttezza a livello morfosintattico (riconoscimento e decodifica di forme e funzioni sintattiche e corretta ricodifica delle strutture); 3. proprietà di linguaggio e cura nella resa italiana. (Nell attribuzione dei voti si è tenuto conto della natura degli errori, ma anche delle difficoltà incontrate dalla classe nel suo complesso). Prove orali (o scritte) di letteratura: 1. pertinenza dell esposizione, rispetto delle consegne; 2. correttezza dei dati e del lessico specifico; 3. chiarezza espositiva e capacità di sintesi. Prove orali ( o scritte) di autori: 1. precisione ed espressività della lettura (eventualmente anche metrica), comprensione del testo; 2. capacità di contestualizzare il testo e di analizzarlo a livello tematico; 3. capacità di analizzare i testi a livello linguistico e stilistico. AUTORI PROGRAMMA DI LATINO SVOLTO VIRGILIO L Eneide, il poema nazionale di Roma. Imitare Omero: la trasformazione del modello. La narrazione soggettiva: l epica nazionale e le ragioni dei vinti. Lettura di testi: Enea e Didone (Eneide IV, vv. 1-30) La morte di Didone (Eneide IV, vv ) Enea incontra l anima di Didone (Eneide VI, vv ) La morte di Eurialo e Niso (Eneide IX vv ; in traduzione) ORAZIO Il figlio del liberto alla corte di Augusto. La lirica oraziana tra imitatio e originalità. Lettura metrica (esametro), traduzione e commento dei seguenti brani: Libertino patre natus (Satire, 1, 6, pag. 208, in traduzione) Il seccatore (Satire, 1, 9, pag. 211) Carpe diem (Odi, 1, 11, pag. 222); riletture d autore: Alessandro Fo, Scarpe di Emma Siamo polvere e ombra (Odi, 4, 7, pag. 227) Finché ti ero caro (Odi, 3, 9, in fotocopia) Non omnis moriar (Odi, 3, 30, pag. 259) 15

16 SENECA L affermazione dello stoicismo a Roma. I Dialogi e l educazione alla sapientia. Identikit del saggio stoico. La pratica quotidiana della filosofia: le Epistole a Lucilio. Traduzione e commento dei seguenti brani: da Ornatus: n..378 p. 376 "Dio, mente dell'universo" (Nat Quaest. Praef) n. 380 pag 377 Perché accadono tanti mali agli uomini buoni (De providentia I.5-6) n. 384 pag 380: Non schiavi ma uomini (I) (Epistulae ad Lucilium ) n. 385 pag 380: Non schiavi ma uomini (II) (Epistulae ad Lucilium ) n. 386 pag 381: Siamo nati per vivere insieme (Epistulae ad Lucilium ) n. 388 pag 382: L'esame di coscienza ((De ira, ) n. 389 pag 383: Essere fortunati significa ignorare una metà del mondo (De providentia IV.1-3) n. 390 pag 383: La vera felicità (Epistulae ad Lucilium ) n. 391 pag 384: Sentimento del tempo (Epistulae ad Lucilium I.1-3) in fotocopia: Saggezza e libertà (Epistulae ad Lucilium 4.37) Essere felici non è difficile (Consol. ad Helv ) Non si deve temere la morte (Epistulae ad Lucilium, ) TACITO La posizione ideologica tra nostalgia per la libertas repubblicana e consapevolezza della necessità del principato. Il Dialogus de oratoribus: la posizione nel dibattito sulla decadenza dell eloquenza in età imperiale. Historiae e Annales: la concezione e il metodo storiografico. Traduzione e commento dei seguenti brani: Dialogus de oratoribus L educazione familiare antica (da Ornatus: n 485 p. 454) L educazione familiare moderna (da Ornatus: n 486 p. 455) La formazione dei giovani nel tempo antico (da Ornatus: n 487 pp ) Le odierne scuole di retorica (da Ornatus: n 488 pp ) Potere dell eloquenza nell età repubblicana (da Ornatus n 489 p. 456) Agricola Nunc demum redit animus (Agr. 3 in fotocopia) Annales L obiettività dello storico (I.1 in fotocopia) Il fine della storia (III in fotocopia) Galleria di ritratti: o La morte di Seneca (da Ornatus: versioni pp ) o Ritratto di Petronio (da Ornatus: versione 483 pp ) Historiae Il proemio (I in fotocopia) 16

17 LETTERATURA L ETA IMPERIALE DA TIBERIO AI FLAVI - Quadro storico e culturale: il difficile rapporto fra principato e istituzioni repubblicane. - La letteratura nell'età giulio-claudia: la gestione del consenso e la (auto)censura degli intellettuali. - Le tendenze della storiografia; la storiografia di regime: Velleio Patercolo e Valerio Massimo; la storiografia romanzesca di Curzio Rufo. Seneca vedi autori Lucano - Un poeta alla corte del principe. - La Pharsalia e il genere epico. - Lucano e Virgilio: la distruzione dei miti augustei. - Un poema senza eroe: i personaggi della Pharsalia. Letture in traduzione: L eroe nero : Cesare passa il Rubicone (p. 175 e ss.) Catone, ovvero la virtù: ritratto di un saggio (pp ) Petronio - Il personaggio nella testimonianza di Tacito (Ornatus, versione n 483 pag. 453). - Il Satyricon: la questione dell attribuzione. - La complessità del Satyricon e il rapporto con la tradizione del romanzo greco. - Realismo e parodia. - Petronio e la crisi dell eloquenza (Ornatus, versioni n pagg ) - Lingua e stile La satira di Persio e Giovenale - Persio: la satira come esigenza morale Letture in traduzione: Persio e le mode poetiche del tempo (p. 275 e ss.) Conosci te stesso e rifiuta ciò che non sei (pp ) - Giovenale e la società del suo tempo Plinio il Vecchio e il sapere specialistico Marziale - La tecnica compositiva e il fulmen in clausula. - Lettura e commento di epigrammi forniti in fotocopia Quintiliano - L Institutio oratoria: la formazione dell oratore come vir bonus dicendi peritus. - La funzione dell intellettuale al servizio dell impero. - L Institutio come risposta alla decadenza dell oratoria. Letture in traduzione: Il maestro ideale (p. 376 e ss.) L oratore deve essere onesto (p. 379 e ss.) L ETA DEGLI IMPERATORI PER ADOZIONE - Quadro storico e culturale: lo stoicismo e l ideale dell optimus princeps Plinio Il Giovane - L epistolario Il rapporto con Traiano - Il Panegyricus 17

18 Letture in traduzione: La lettera sui Cristiani e il rescritto di Traiano Tacito vedi autori Svetonio e il genere biografico - La biografia come alternativa alla storiografia - Il De vita Caesarum Letture in traduzione: L umorismo di Vespasiano (p. 508) Apuleio Una figura complessa: tra filosofia, oratoria e religione L Apologia, ovvero l autodifesa dall accusa di magia Apuleio e il romanzo Le Metamorfosi Letture in traduzione: Lucio assiste alla metamorfosi di Panfila (pp ) PROGRAMMA DI GRECO Obiettivi Conoscenze Consolidamento delle conoscenze morfosintattiche. Acquisizione del lessico di base relativo ai generi letterari affrontati. Riconoscimento dei caratteri specifici dei generi letterari e della loro evoluzione. Familiarità con le problematiche culturali ( politiche, filosofiche, letterarie) relative alle epoche ed agli autori trattati. Padronanza dei testi d autore letti in lingua originale, sia dal punto di vista linguistico che da quello contenutistico. Competenze Consolidamento delle competenze linguistiche e del metodo di analisi e traduzione in lingua italiana. Capacità di contestualizzazione dei testi rispetto al periodo storico (storia greca dal IV sec. a. C. al II d. C.). Proprietà espressiva ed espositiva applicata all analisi di testi, autori, problematiche. Capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. Criteri didattici Il percorso di lavoro è stato così articolato: esercizi sistematici (1 ora alla settimana) di traduzione autonoma o guidata in classe dei testi degli autori affrontati e riflessioni su sintassi e lessico e sullo stile; lettura, traduzione e commento in classe di tutti i passi della tragedia in programma, con individuazione degli aspetti contenutistici e tematici, della struttura e delle scelte espressive; lezioni frontali di storia della letteratura, con inquadramento storico culturale; lettura antologica di testi in traduzione italiana dal manuale in adozione con costanti riscontri con il testo originale; sistematico collegamento tra la riflessione sulla lingua, la lettura dei testi e la storia letteraria; anche per gli esercizi di traduzione sono stati assegnati, per quanto possibile, passi che oltre a consolidare le conoscenze linguistiche, offrissero qualche interesse di contenuto per la conoscenza degli autori oggetto di studio. 18

19 STRUMENTI (libri di testo ) Citti Casali Gubellini - Pennesi, Storia e autori della Letteratura Greca, vol. 3 Età ellenistica, Zanichelli Citti Casali - Fort, Dialogoi. Versioni greche per il triennio, SEI Euripide, Ippolito, a cura di N. Catone, Ed. Dante Alighieri AUTORI PROGRAMMA DI GRECO SVOLTO EURIPIDE, lettura, traduzione e commento: Ippolito: Prologo: vv. 1-57; Primo episodio: vv ; vv ; Secondo episodio: vv ; Terzo episodio: vv ; Esodo: vv Lettura integrale in traduzione LISIA: lettura, traduzione e commento: Contro Eratostene: parr ; ; LETTERATURA TRA V E IV SECOLO LA COMMEDIA ANTICA ARISTOFANE In italiano: lettura integrale delle Nuvole, delle Rane e passi delle altre opere sull antologia L ORATORIA GORGIA La biografia Encomio di Elena LISIA La biografia La produzione logografica e politica ISOCRATE La biografia La scuola di Isocrate in contrapposizione a quella di Platone: Contro i sofisti. Le orazioni del periodo ateniese: Panegirico, Areopagitico Le orazioni filomacedoni: Pace,Filippo La delusione e il ripiegamento su se stesso: Panatenaico DEMOSTENE La biografia L attacco a Filippo:Olintiache, Filippiche L attacco ad Eschine e la difesa del proprio operato: Sulla corrotta ambasceria, Per la corona ESCHINE La biografia Il duello con Demostene: Sulla corrotta ambasceria, Contro Ctesifonte 19

20 LA COMMEDIA NUOVA MENANDRO Dall Arcaia alla Nea: cause e tappe del processo, caratteristiche Menandro e Atene Il teatro di Menandro: l attenzione al privato e i valori condivisi dal pubblico L umanesimo menandreo La lingua, lo stile In italiano: lettura integrale del Dyscolos e passi delle altre opere sull antologia LA FILOSOFIA EPICURO La biografia La filosofia come ricerca della felicità Il tetrafarmaco e la definizione di hedonè Le lettere: Lettera a Meneceo: lettura in lingua dei paragrafi In italiano gli altri passi sull antologia L ETA ELLENISTICA Significato del termine Ellenismo: introduzione, definizione, limiti cronologici. Mutamenti politici, economici, sociali, religiosi La civiltà del libro, i centri della cultura, la Biblioteca di Alessandria e quella di Pergamo Cosmopolitismo e individualismo La filosofia e la scienza; la nascita della filologia Una nuova lingua: la koinè Un pubblico di dotti. La classificazione dei generi letterari CALLIMACO La poetica della brevità e della leptotes L attività erudita: i Pinakes Gli Aitia: un nuovo modello di poesia. L epillio: l Ecale: la scoperta del paesaggio Gli Inni: rinnovamento di un genere e poesia celebrativa di corte. Lettura in lingua dell Inno ad Apollo vv Gli Epigrammi: brevità e allusività. Lettura in lingua di A.P. V, 6 e di A.P XII, 43 TEOCRITO Il corpus degli Idilli: varietà di contenuto Gli Idilli bucolici ; le Talisie e l investitura poetica I mimi urbani Motivi della poesia di Teocrito: il paesaggio, l eros, il realismo teocriteo APOLLONIO RODIO L attività erudita Le Argonautiche: la ripresa del poema epico: elementi di continuità e di innovazione Struttura del poema Giasone eroe moderno L influsso della tragedia: il tema erotico e la figura di Medea L EPIGRAMMA Origini ed evoluzione del genere Le raccolte 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli