ESAME DI STATO Anno Scolastico 2014/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO Anno Scolastico 2014/2015"

Transcript

1 LICEO GINNASIO STATALE Q. ORAZIO FLACCO Via Pizzoli, Bari C.F Tel. 080/ Fax 080/ Sito web: Prot. n c. 29 c del 14/05/2015 ESAME DI STATO Anno Scolastico 2014/2015 Documento del Consiglio della Classe III sez. F Art.5, c.2 -D.P.R. 23 Luglio 1998 n 323

2 INDICE 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE a. La composizione del Consiglio di classe b. Elenco degli alunni c. Il Consiglio di classe nel corso del triennio d. Il profilo della classe 2. IL PROGETTO FORMATIVO a. Le finalità educative b. Gli obiettivi didattici delle aree disciplinari c. Le metodologie e gli strumenti d. Le verifiche e. Le attività extracurricolari e/o integrative 3. VALUTAZIONE ED ESAME DI STATO a. Tabella di valutazione (P.O.F. a.s. 2014/2015) b. Criteri per l'attribuzione del credito scolastico c. Criteri per il riconoscimento del credito formativo d. Griglie delle prove scritte e del colloquio orale ALLEGATI: Tracce simulazione terza prova Programmi disciplinari

3 Il Consiglio di classe Cognome e Nome Disciplina/e Firma GIANNINI ANGELO MAGGIALETTI PALMA RANA OLIMPIA BERNARDI VALERIO PENNELLI FARA CANTATORE ZORAIDE PANARO CARMELA PALMIERI ANGELA SATALINO I.R.C. Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina Lingua e cultura greca Storia e Filosofia Matematica e Fisica Scienze Naturali Lingua e cultura inglese Storia dell Arte Scienze motorie sportive Data, Il Coordinatore di classe Prof.ssa Maggialetti Palma Il Dirigente Scolastico Preside Antonio d Itollo

4 ELENCO DEGLI ALUNNI Cognome e Nome Firma ADORNO GIORGIA BORRELLI FABRIZIO BRUZZESE REBECCA D'ANIELLO FEDERICA DEZIO DIEGO DIBARI MARIA SERENA EMILIANO DOMENICO FANTAZZINI EDMEA FENICIA FEDERICA FILOGRASSO FRANCESCA GABRIELE CLAUDIA GAGLIANO CLARA GIRONE ILARIA LOIACONO DIEGO MALPICA ORABONA EDOARDO MARIANI VALERIA MASELLI RICCARDO MOSCHETTI MICHELE MATTIA PASCAZIO ELENA PATRUNO CARMELA

5 PISANELLO IRENE RESTINI ELEONORA RIETI ERIKA SIGNORE GIORGIO RAFFAELE TIANI PASQUALE VISPO MASSIMO ZACCARIA ANGELA IL CONSIGLIO DI CLASSE NEL CORSO DEL TRIENNIO Discipline 1 liceo 2 liceo 3 liceo Religione Giannini Giannini Giannini Italiano Maggialetti Maggialetti Maggialetti Latino Maggialetti Maggialetti Maggialetti Greco Rana Rana Rana Storia Bernardi Bernardi Bernardi Filosofia Bernardi Bernardi Bernardi Matematica Ferrandini Stucchi Pennelli Fisica Ferrandini Pennelli Pennelli Scienze Cantatore Cantatore Cantatore Inglese Panaro Panaro Panaro Storia dell Arte Palmieri Palmieri Palmieri Ed. Fisica Satalino Satalino Satalino

6 EVOLUZIONE DELLA CLASSE III F Primo Liceo Secondo Liceo Terzo Liceo Maschi ISCRITTI Femmine Totale Provenienti da altro Istituto 1 Provenienti da altre classi 2 2 Ritirati Trasferiti 1 Promossi Promossi con debito 4 9 Non promossi 3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe che si appresta a sostenere l esame di Stato si compone di 27 alunni (17 femmine e 10 maschi) ed ha seguito il corso di studi del nuovo ordinamento. Sotto il profilo del rendimento scolastico e del comportamento disciplinare la classe appare nel complesso motivata allo studio, vivace e partecipe al dialogo educativo e didattico. Nel corso del triennio liceale si è registrata una sostanziale continuità didattica negli insegnamenti disciplinari, fatta eccezione per la Matematica e la Fisica. I docenti di Italiano, Latino e Greco, Storia e Filosofia, Inglese e Storia dell'arte, sono stati stabili. La possibilità di poter progettare e organizzare un azione educativa e didattica, adeguatamente dispiegata nel lungo periodo, ha certamente avuto ricadute positive ed efficaci sul piano della crescita personale e della formazione culturale degli studenti. Tutti i ragazzi hanno sempre tenuto un comportamento disciplinato e pronto alla collaborazione, contribuendo ad instaurare un clima sereno e positivo. Per quanto concerne i livelli di profitto la classe si presenta polarizzata: si segnala la presenza in buon numero di eccellenti individualità, capaci di impegno costante, rigoroso e proficuo nello studio, di rielaborazione critica e autonomia nel metodo di lavoro.

7 Una seconda fascia intermedia della classe, esigua nel numero, è caratterizzata da adeguata motivazione e attitudine all impegno: questi allievi seguono con regolarmente e, in fase di verifica, si attestano su valutazioni discrete. costanza, si impegnano In un terzo raggruppamento, infine, ampio ed eterogeneo al suo interno, emerge una preparazione di base essenziale, ma supportata da sufficiente applicazione. Nella loro globalità i docenti attestano uno svolgimento lineare dei programmi. L azione didattica è stata volta a consolidare le abilità di base, a fornire un metodo di studio sistematico e rigoroso, ad ampliare gli orizzonti culturali, attraverso letture, dibattiti, confronti con altre esperienze, al fine di formare giovani cittadini, forniti di un bagaglio vario di conoscenze, dotati dei mezzi culturali necessari per affrontare l esistenza con responsabilità, serietà, senso critico. Sulla base delle disposizioni ministeriali, quest'anno la III F ha sperimentato l'insegnamento di una materia in CLIL, almeno per una parte del programma. Sulla base delle risorse disponibili nel Consiglio di Classe, si è deciso di insegnare alcuni argomenti di storia in lingua inglese, impartito dallo stesso docente di storia e filosofia, abilitato a questo tipo di sperimentazione. Gli obiettivi che si volevano raggiungere, sulla base della programmazione dipartimentale dei docenti di storia e filosofia erano i seguenti: a. Stimulate an interest in learning about the past (stimolare un interesse per il passato); b. promote an undestandings of key historical concepts (favorire la comprensione in lingua di concetti storici chiave); c. encourage international understandings of the historical facts (incoraggiare la comprensione internazionale dei fatti storici); d. have the ability to construct historical explanations (avere l'abilità di costruire spiegazioni storiche); e. have the ability to understand, interpret, evaluate and use a range of sources as evidence, in their historical context (avere l'abilità di comprendere, interpretare e valutare una serie di fonti come evidenza nel loro contesto storico).

8 Ulteriori indicazioni sugli argomenti trattati sono presenti nel programma di storia, curato dal docente. OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Sviluppare la consapevolezza del proprio status di cittadini, partecipi di una comunità sociale e politica. Fondare la coscienza del significato civile della cultura a cui si è quotidianamente introdotti nella scuola Elaborare un metodo di apprendimento e di studio rigoroso, logicamente articolato. Finalità educative Valorizzare il senso di appartenenza alla tradizione artistico-culturale della civiltà occidentale in funzione di un apertura responsabile nella società multietnica e multiculturale attuale. Approfondire le attitudini alla riflessione e alla ricerca in vista della definizione di una prospettiva critica sia a livello metodologico sia nel contesto dell approccio alla realtà esistenziale. Acquisire gli strumenti concettuali necessari ad una lettura problematica del presente. OBIETTIVI DIDATTICI PER AREE DISCIPLINARI Area umanistica Area scientifica Analisi e comprensione dei testi scritti secondo differenti tipologie. Approfondimento della conoscenza del metodo storico-filologico attraverso l analisi critica e linguistica dei testi in funzione della conoscenza delle civiltà. Sviluppo di una visione della storia quale totalità di avvenimenti umani, sociali, politici, culturali, artistici. Acquisizione di una forma mentis logicamente strutturata e, allo stesso tempo, aperta alla comprensione critica e duttile di ideologie, movimenti culturali, sistemi teoreticamente definiti. Potenziamento delle capacità di stabilire connessioni tra letterature moderne e letterature classiche in base alle conoscenze acquisite. Valorizzazione delle capacità creative, intuitive, critiche. Acquisire conoscenze a livelli più elevati di astrazione e di formalizzazione Sviluppare le capacità analitiche e sintetiche

9 e psico-motoria Sviluppare le capacità intuitive e logiche Sviluppare le capacità di applicazione delle nozioni apprese attraverso l impiego di un ragionamento coerentemente argomentato Conseguire una buona padronanza della lessico matematico e scientifico Potenziare l attitudine a riesaminare criticamente le conoscenze acquisite Elaborazione di risposte motorie efficaci METODOLOGIA DIDATTICA Ogni docente ha scelto le metodologie più congrue alla realizzazione degli obiettivi del proprio insegnamento, ma le libere opzioni di ciascuno sono state dialetticamente orientate dall individuazione, da parte del consiglio di classe, di alcuni criteri comuni secondo i quali progettare l attività didattica, avendo cura di garantire la centralità dello studente e il suo diritto all educazione e all integrazione delle conoscenze nell attività didattica. Per rendere l allievo protagonista del proprio percorso di formazione, il Consiglio ha ritenuto importante individuare i nessi tra i contenuti, le forme di ricerca, di comunicazione delle singole discipline e l'orizzonte storico-esistenziale dei giovani. Ha scelto, inoltre, di promuovere l acquisizione e lo sviluppo di conoscenze, capacità, competenze, utili ad una costruzione creativa delle differenti forme del sapere. Soltanto una consapevole adesione da parte degli studenti allo sforzo di apprendere può promuovere, infatti, le condizioni soggettive ottimali per un'attività d insegnamento che sia occasione di crescita umana, culturale e civile. In conclusione, le scelte del Consiglio di classe si sono specificate mediante l utilizzo delle seguenti metodologie: lezione frontale, per presentare le problematiche oggetto di studio attraverso un linguaggio preciso, chiaro, rigoroso, che ha coinvolto l intero gruppo classe e ne ha stimolato l attenzione, analisi e la comprensione dei diversi testi inerenti le singole discipline, analisi comparata delle diverse problematiche proposte, discussioni guidate e i dibattiti per stimolare la partecipazione degli alunni e valorizzare le loro capacità critiche. lezione rovesciata e in situazione dialogata per stimolare la creatività e l'autonomia nel processo di apprendimento.

10 STRUMENTI Oltre ai libri in adozione, il lavoro scolastico ha previsto l uso di saggi e contributi tratti da altri libri, uso di tablet, social network, strumenti multimediali vari per la ricerca e l'uso di materiale didattico. VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche sono state realizzate in diversi modi: prove scritte, colloqui orali, questionari e test. Circa le modalità esecutive, si sottolinea che sono state intese come normale operazione di controllo (feed back), con la duplice valenza di accertare il conseguimento per tutti gli studenti degli obiettivi fissati dal docente, e di guidare eventuali interventi di recupero. Le verifiche scritte (tre in ogni quadrimestre, relativamente alle materie che le prevedono) hanno riguardato per l Italiano l analisi del testo, il saggio breve/articolo di giornale, il tema di storia e di argomento generale; per il Latino e il Greco la traduzione; per le altre discipline questionari a trattazione sintetica su vari argomenti. Le prove di verifica orale, per offrire risultati utili per la valutazione, sono state tese ad accertare: la comprensione di un testo; la padronanza delle conoscenze e la capacità di orientarsi in esse; la proprietà espressiva e l utilizzo dei linguaggi specifici e di un lessico appropriato; l articolazione del pensiero secondo sequenze logiche; la capacità di effettuare collegamenti all interno delle singole discipline; l inclinazione alla rielaborazione dei contenuti in senso pluridisciplinare. I docenti hanno utilizzato la tabella di valutazione annessa al P.O.F, allegata al presente documento. Per la valutazione della terza prova scritta dell Esame di Stato, per le cui simulazioni gli alunni hanno sempre utilizzato la Tipologia A, i docenti hanno concordato la griglia di valutazione che si allega al presente documento. ATTIVITA DIDATTICHE PROPEDEUTICHE AGLI ESAMI DI STATO Sono state effettuate due simulazioni della terza prova scritta, entrambe nel corso del secondo quadrimestre, della durata di tre ore ciascuna. Descrizione della tipologia

11 Tipologia A: trattazione sintetica di argomenti, con la formulazione di cinque domande alle quali gli studenti devono rispondere nel limite di 20 righe per quesito. Data di svolgimento Tempo assegnato Materie coinvolte Tipologia Filosofia Greco 13 marzo ore Scienze Naturali Fisica Inglese Storia A) Argomenti a trattazione sintetica Greco 12 maggio ore Scienze Naturali Fisica Inglese In allegato le tracce delle prove e la griglia di valutazione. LE ATTIVITÀ DEL P.O.F La classe ha partecipato per gruppi e/o nella sua totalità alle seguenti attività e iniziative culturali previste dal Piano dell'offerta Formativa approvato nel presente anno scolastico. ORIENTAMENTO IN USCITA L orientamento in uscita da parte della classe ha seguito la progettazione di Istituto, coordinata dalla prof.ssa Maurogiovanni. Sono stati tenuti numerosi incontri con docenti delle diverse facoltà dell'università di Bari, del Politecnico di Bari, della LUISS di Roma, dell'università di Trento e della Lum. SNODI CULTURALI Corsi tenuti da docenti dell'università di Bari nelle seguenti aree disciplinari: Linguistico-umanistica-classica-archeologica;

12 giuridica ed economica; scientifico-sperimentale; tecnico-scientifico. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Comunicare l'antico PON DI INGLESE E CERTIFICAZIONE CAMBRIDGE E UCLES PATENTE ECDL OLIMPIADI Partecipazione alle olimpiadi della Matematica, di Chimica, di Scienze della terra, di Scienze naturali. LABORATORIO TEATRALE (teatro classico e moderno) CORO E ORCHESTRA DEL FLACCO ATTIVITA' SPORTIVA (tornei di pallacanestro e di pallavolo) FORUM DI FILOSOFIA TRENO DELLA MEMORIA VIAGGIO DI ISTRUZIONE NEI LUOGHI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE Nel complesso gli allievi hanno aderito con entusiasmo a tutte le opportunità offerte dal nostro liceo di integrare e ampliare la loro formazione disciplinare e culturale in senso ampio. A tal proposito si evidenzia che due allieve hanno frequentato la classe seconda del liceo (quarto anno) negli Stati Uniti, conseguendo il diploma americano di accesso agli studi universitari.

13 VALUTAZIONE ED ESAMI DI STATO Tabella di Valutazione (dal P.O.F. A. S. 2014/ 2015) Voto Conoscenze Abilità e Competenze 1-2 Molto frammentarie Non individuabili per disinteresse. e gravemente Impegno e assiduità nulli, metodo disorganizzato, lacunose. coinvolgimento e propositività scarsi. 3 Frammentarie e gravemente lacunose. 4 Superficiali e lacunose. 5 Superficiali e incomplete rispetto ai contenuti minimi stabiliti. 6 Complete nei contenuti. 7 Complete, anche se di tipo prevalentemente descrittivo. Non sa applicare le regole. Incontra notevoli difficoltà nell analizzare e nel sintetizzare. Espone in modo incoerente. Non usa terminologie specifiche. Impegno e assiduità assai deboli, metodo poco organizzato, coinvolgimento e propositività meno che mediocri Applica con difficoltà le conoscenze, anche se guidato. Opera analisi lacunose e ha difficoltà di sintesi. Non effettua collegamenti nell ambito della disciplina. Comunica in modo scorretto. Non usa terminologie specifiche. Non usa adeguatamente gli strumenti didattici. Impegno e assiduità deboli, metodo ripetitivo, coinvolgimento e propositività mediocri. Applica le conoscenze minime, commettendo qualche errore. Opera analisi e sintesi non sempre adeguate. Coglie solo parzialmente i nessi problematici. Ha qualche difficoltà nell operare collegamenti nell ambito della disciplina. Comunica in modo stringato, con qualche improprietà lessicale. Usa terminologie generiche. Non usa adeguatamente tutti gli strumenti didattici. Impegno e assiduità discontinui, metodo mnemonico,coinvolgimento e propositività quasi sufficienti. Applica le conoscenze minime ed elabora processi di analisi e di sintesi, anche se semplici. Effettua collegamenti semplici nell ambito della disciplina. Incontra difficoltà nei collegamenti interdisciplinari. Comunica in forma semplice, ma corretta. Ha qualche difficoltà nell uso di terminologie specifiche. Utilizza gli strumenti didattici, anche se con qualche difficoltà. Impegno e assiduità accettabili, metodo non sempre organizzato, coinvolgimento e propositività pienamente sufficienti. Applica in modo corretto le conoscenze fondamentali. Analizza correttamente i testi, opera processi di sintesi. Effettua collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. Ha qualche difficoltà di rielaborazione critica. Comunica in modo corretto, anche se non sempre utilizza terminologie specifiche. Sa utilizzare tutti gli strumenti didattici. Impegno e assiduità soddisfacenti, metodo organizzato, coinvolgimento e propositività.

14 8 Complete e puntuali. Applica correttamente le regole. Analizza correttamente i testi ed opera processi di sintesi. Effettua collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. È in grado di rielaborare criticamente. Ha doti intuitive che gli permettono di trovare soluzioni a problemi difficili. Comunica in modo corretto e articolato, usando tutti i linguaggi specifici. Sa utilizzare gli strumenti didattici. Impegno e assiduità validi, metodo organizzato, coinvolgimento e propositività apprezzabili. 9 Complete, approfondite e ampliate. 10 Complete, approfondite e ricche di apporti personali. Applica correttamente tutte le regole. Analizza in modo completo, approfondendo personalmente, e opera ottimi processi di sintesi. Effettua collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. Ha spiccate doti intuitive che gli permettono di trovare facilmente soluzioni a problemi complessi. Rielabora criticamente apportando personali contributi. Ha un ottima padronanza della lingua italiana e di tutti i suoi registri. Usa tutti i linguaggi specifici. Sa utilizzare tutti gli strumenti didattici. Impegno e assiduità notevole, metodo ben organizzato, coinvolgimento e propositività lodevoli. Applica correttamente tutte le regole. Analizza in modo completo, approfondendo personalmente, e opera ottimi processi di sintesi. Effettua collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. Ha spiccate doti intuitive e creative che gli permettono di trovare facilmente soluzioni a problemi complessi. Compie valutazioni critiche del tutto autonome. Ha un ottima padronanza della lingua italiana e di tutti i suoi registri. Usa tutti i linguaggi specifici. Sa utilizzare tutti gli strumenti didattici. Impegno notevole, metodo elaborativo. Con riferimento al D.M. n. 139 del , Regolamento recante norme in materia di adempimento dell obbligo di istruzione, ai sensi dell art. 1, comma 622 della L. 27 dicembre 2006, n. 296 (G.U. s.g. n. 202 del ), intendiamo per Conoscenze: il risultato dell assimilazione di informazioni attraverso l apprendimento, ovvero l insieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro. Abilità: le capacità di applicare conoscenze e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi Competenze: la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche in situazioni di studio o di lavoro e nello sviluppo professionale e/o personale.

15 VOTO DI COMPORTAMENTO (D.M. 16 gennaio 2009, n. 5 recante Criteri e modalità applicative della valutazione del comportamento e DPR n. 122 del 22/06/2009) La valutazione del comportamento si propone di favorire l acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell adempimento dei propri doveri, nella conoscenza e nell esercizio dei propri diritti, nel rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile in generale e la vita scolastica in particolare. Dette regole si ispirano ai principi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249 e successive modificazioni. Ai sensi dell art. 1 del D.M. n. 5/2009, la valutazione del comportamento degli studenti di cui all art. 2 del D.L , n. 137, convertito, con modificazioni dalla l , n. 169, risponde alle seguenti prioritarie finalità: accertare i livelli di apprendimento e di consapevolezza raggiunti, con specifico riferimento alla cultura e ai valori della cittadinanza e della convivenza civile; verificare la capacità di rispettare il complesso delle disposizioni che disciplinano la vita di ciascuna istituzione scolastica; diffondere la consapevolezza dei diritti e dei doveri degli studenti all interno della comunità scolastica, promuovendo comportamenti coerenti con il corretto esercizio dei propri diritti e al tempo stesso con il rispetto dei propri doveri, che corrispondono sempre al riconoscimento dei diritti e delle libertà degli altri; dare significato e valenza educativa anche al voto inferiore a 6/10. Il D.P.R n. 122 ha chiarito che la valutazione del comportamento deve essere espressa in decimi e concorre alla valutazione complessiva (ed alla media) dello studente. Dunque, una valutazione inferiore a 6/10mi comporta la non ammissione alla classe successiva o agli Esami di Stato. Il voto di comportamento, inoltre, concorrerà alla determinazione dei crediti scolastici. L insufficienza sarà attribuita al Consiglio di Classe per gravi violazioni dei doveri degli studenti definiti dallo Statuto delle studentesse e degli studenti e cioè nei seguenti casi: allo studente che non frequenta regolarmente i corsi e non assolve assiduamente agli impegni di studio; a chi non ha nei confronti del capo d istituto, dei docenti, del personale della scuola e dei suoi compagni lo stesso rispetto che chiede per se stesso; a chi non osserva le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti dei singoli istituti; agli alunni che non utilizzano correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici; a chi arreca danno al patrimonio della scuola. Per l assegnazione del voto di comportamento sono seguiti i seguenti criteri: voto da 10 a 8: in base al dialogo culturale, all assiduità e all interesse dimostrati, alla piena e consapevole osservanza del contratto formativo, del Regolamento d Istituto, nonché delle finalità prioritarie indicate al punto1) voto da 7 a 6: in presenza di frequenza irregolare, assenze ignorate dal genitore o ingiustificate dopo i tre giorni previsti (vedi Organizzazione della vita scolastica ), astensioni di massa, uscite anticipate frequenti, parziale e/o non consapevole osservanza delle finalità prioritarie)

16 voto da 5 in giù: in presenza di infrazioni e comportamenti di particolare ed oggettiva gravità che, ai sensi del Regolamento di disciplina, del citato D.M. n. 5/2009, artt. 2-4 e del successivo DPR n. 122/2009, art. 7, prevedano la sanzione dell allontanamento temporaneo dalla frequenza delle lezioni, non seguito dal pieno recupero della consapevolezza delle proprie responsabilità e del valore formativo della sanzione disciplinare. CREDITO (SCOLASTICO E FORMATIVO) Attribuzione della lode agli esami di Stato Con l entrata in vigore della nuova tabella, gli alunni potranno ottenere la lode solo se avranno ottenuto il massimo del credito ogni anno e nessun voto inferiore ad 8/10mi, compreso il voto di comportamento, ferma restando la media tra 9 e 10/mi con decisione unanime del consiglio di classe. Naturalmente agli esami di Stato questi studenti dovranno riportare la votazione massima in tutte le prove. Per l attribuzione del credito scolastico agli alunni del triennio liceale secondo le tabelle di cui al D.M. n. 99/2009, sono adottati i seguenti criteri: attribuzione del punteggio più basso di fascia per assenze superiori a 15 gg. (saranno defalcate le assenze continuative superiori a tre giorni solo dietro presentazione di certificato medico); attribuzione del punteggio più basso di fascia per più di 10 ritardi con ingresso alla 2^ ora; punti 0,40 per eventuali crediti formativi certificati a norma di legge presentati entro il 15 maggio; punti 0,40 per credito didattico ossia per la partecipazione con profitto ad attività integrative extracurricolari progettate dalla scuola nell ambito dell offerta formativa; punti fino a 0,60 attribuiti dal Consiglio di Classe per la partecipazione al dialogo educativo, l impegno e l interesse dimostrati; Per l attribuzione del punteggio di fascia più alto l alunno dovrà aver totalizzato un punteggio superiore a 0,50. Si riconosce il credito formativo sulla base dei seguenti criteri: Partecipazione attiva, continuativa (almeno un anno) e certificata ad attività di volontariato presso organismi ed associazioni no profit specificamente riconosciute come tali dallo Stato; Pratica di attività sportiva e/o disciplina artistica a livello agonistico (con eventuale partecipazione a stage, campionati e competizioni di livello nazionale per le categorie di appartenenza) promossa e certificata da enti, società, scuole e associazioni riconosciute dal CONI; Conseguimento di certificazioni linguistiche, differenti da quelle attivate a scuola, e rilasciate da enti certificatori accreditati (Trinity College e University of Cambridge Local Examination Syndicate - UCLES). Conseguimento di certificazioni informatiche (Patente Europea del Computer ECDL Common User, Advanced, Specialist, Professional); Diploma di Conservatorio musicale o superamento degli esami in materie complementari presso il Conservatorio musicale.

17 GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE 1^ PROVA SCRITTA (Tipologia A) INDICATORI Punteggio a) Abilità espressive pp b) Conoscenze relative al tema trattato pp c) Competenze elaborative e critiche pp ARTICOLAZIONE INTERNA DEGLI INDICATORI Abilità espressive: sintassi lessico ortografia punteggiatura // 1 2 Esposizione molto confusa e morfologicamente molto scorretta Uso improprio della lingua Esposizione poco chiara e non del tutto corretta Lessico impreciso Esposizione chiara e corretta Lessico adeguato 3 Esposizione fluida, organica, articolata e corretta Lessico appropriato Conoscenze relative al tema Scarse Sviluppo ripetitivo e disorganico Lacunose Sviluppo frammentario Superficiali Sviluppo elementare

18 trattato Adeguate Sviluppo lineare e coerente Ampie e ben strutturate Sviluppo equilibrato e personale Complete, ben strutturate ed organiche Sviluppo originale e approfondito 1 Scarse capacità di comprendere e riassumere il testo 2 Modeste capacità di comprendere e riassumere il testo Competenze elaborative e critiche Elementari capacità di analisi dei livelli e degli elementi del testo richiesti Sufficienti capacità di analisi dei livelli e degli elementi del testo richiesti Capacità di operare approfondimenti e stabilire raccordi significativi 6 Capacità di interpretazione critica GRIGLIA DI VALUTAZIONE 1^ PROVA SCRITTA Tipologia B - (Saggio breve e Articolo di giornale) INDICATORI PUNTEGGIO a) Abilità espressive pp b) Conoscenze relative al tema trattato pp c) Competenze elaborative e critiche pp. 6-15

19 Abilità espressive: sintassi lessico ortografia punteggiatura ARTICOLAZIONE INTERNA DEGLI INDICATORI // 1 2 Esposizione molto confusa e morfologicamente molto scorretta Uso improprio della lingua Esposizione poco chiara e non del tutto corretta Lessico impreciso Esposizione chiara e corretta Lessico adeguato Esposizione fluida, organica, articolata e corretta 3 Lessico appropriato e congruenza con la destinazione editoriale scelta Conoscenze relative al tema 1 Scarse trattato: informazione utilizzo documentazione Sviluppo ripetitivo e disorganico 2 Lacunose Sviluppo frammentario 3 Superficiali Sviluppo elementare individuazione e sviluppo tesi 4 Adeguate Sviluppo lineare e coerente 5 Ampie e ben strutturate Sviluppo equilibrato e personale 6 Complete, ben strutturate ed organiche Sviluppo originale e approfondito Competenze elaborative e critiche 1 Scarse capacità di elaborare concetti e stabilire nessi logici 2 Modeste capacità di elaborare concetti e stabilire nessi logici 3 Qualche difficoltà a ordinare, collegare e valutare i contenuti 4 Capacità di ordinare e collegare le informazioni nel rispetto delle conseguenze 5 Capacità di stabilire collegamenti, individuare relazioni e inferenze 6 Capacità di stabilire collegamenti, individuare inferenze, formulare valutazioni personali, valide e approfondite e/o originali

20 GRIGLIA DI VALUTAZIONE 1^ PROVA SCRITTA (Tipologie C e D) INDICATORI Punteggio a) Abilità espressive pp b) Pertinenza rispetto alla traccia e conoscenza relativa al tema trattato pp c) Competenze elaborative e critiche pp ARTICOLAZIONE INTERNA DEGLI INDICATORI Abilità espressive: sintassi lessico ortografia punteggiatura Pertinenza rispetto alla traccia e conoscenze relative al tema trattato Competenze elaborative e critiche Esposizione molto confusa e morfologicamente molto // scorretta. Uso improprio della lingua 1 Esposizione poco chiara e non del tutto corretta Lessico impreciso 2 Esposizione chiara e corretta Lessico adeguato 3 Esposizione fluida, organica, articolata e corretta Lessico appropriato 1 Scarse Sviluppo ripetitivo e disorganico 2 Lacunose Sviluppo frammentario 3 Superficiali Sviluppo elementare 4 Adeguate Sviluppo lineare e coerente 5 Ampie e ben strutturate Sviluppo equilibrato e personale 6 Complete, ben strutturate ed organiche Sviluppo originale e approfondito 1 Scarse capacità di elaborare concetti e stabilire nessi logici 2 Modeste capacità di elaborare concetti e stabilire nessi logici 3 Qualche difficoltà a ordinare, collegare e valutare i contenuti 4 Capacità di ordinare e collegare le informazioni in modo adeguato 5 Capacità di stabilire collegamenti, individuare relazioni e inferenze 6 Capacità di stabilire collegamenti, individuare inferenze, formulare valutazioni personali, valide e approfondite e/o originali

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli