Letteratura Italiana Contemporanea. Indice. 1 Introduzione al Novecento: l Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Letteratura Italiana Contemporanea. Indice. 1 Introduzione al Novecento: l Europa-----------------------------------------------------------------3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA LEZIONE I INTRODUZIONE AL NOVECENTO PROF. TOBIA TOSCANO

2 Indice 1 Introduzione al Novecento: l Europa di 10

3 1 Introduzione al Novecento: l Europa Partiamo da una riflessione preliminare. Ogni volta che parliamo di epoche della letteratura, per comodità utilizziamo scansioni per secoli. Così parliamo di letteratura del Duecento, o dell Ottocento, o del Novecento. In questa accezione noi vogliamo semplicemente dire che la nostra attenzione è rivolta a opere o autori che hanno la loro collocazione in un determinato secolo. Accanto a questo approccio semplificato, ma che rimane comunque fondamentale, se ne pone un altro di tipo più complesso e che è volto a caratterizzare delle specificità della letteratura e della poesia in una determinata fase storica, cercando di individuare in un autore o in un opera le intersezioni con aspetti più generali delle concezioni culturali e filosofiche, con gli assetti che la società nel suo complesso viene modificando sotto le spinte dei processi economici e politici. Per dirla in altre parole, ci si chiede cioè che rapporto esiste tra l opera considerata e lo spazio-tempo in cui viene prodotta e offerta al pubblico. O ancora, quali siano le relazioni tra un testo e il suo contesto. Questo tipo di indagine aiuta a mettere a fuoco un altro aspetto non meno importante, quando si considerano autori e opere di un determinato tempo. Vale a dire: che cosa quell autore o quell opera hanno in comune con altri autori e altre opere dello stesso tempo (o anche di un tempo precedente) e quali sono invece gli elementi di originalità o, anche, di rielaborazione di idee o di concezioni largamente diffuse. Se noi volessimo individuare poi delle marche distintive del secolo appena concluso, il Novecento appunto, ci accorgeremmo, leggendo i manuali di storia letteraria, che il suo denominatore comune viene individuato, almeno per buona parte della sua durata, in una totalizzante dimensione culturale (con implicazioni filosofiche e scientifiche) che va sotto il nome di Decadentismo. Questa generale connotazione culturale unificante, allo stesso modo di altre simili come Romanticismo o Rinascimento, ci obbliga però subito a tenere presente che i grandi movimenti culturali hanno un loro ciclo vitale di incubazione, affermazione e diffusione, per i quali non si possono stabilire (come se fosse una certificazione anagrafica) precise date di nascita. Qui entrano in gioco fattori concomitanti e diversi, dislocati su una scansione temporale che non coincide quasi mai con la precisa scansione del secolo che studiamo. 3 di 10

4 In altre parole, la poesia italiana del Novecento porta dentro di sé il retaggio e lo sviluppo di temi e di problemi che la accomunano a tanta parte della poesia europea e il cui avvio va ricercato in una dinamica culturale le cui prime manifestazioni si possono ricondurre al secondo Ottocento. Prima di entrare nell analisi degli aspetti peculiari del Decadentismo, se noi lo consideriamo nella sua generalità come affermazione di una diversa visione del mondo e dell uomo, determinata dal venir meno della fiducia nella ragione come unico strumento di conoscenza e dalla crisi dei grandi sistemi filosofici fondati sulla pretesa di poter dare una spiegazione globale della realtà, ci accorgiamo che i suoi antefatti sono prevalentemente ottocenteschi e li possiamo così schematizzare: La crisi del Positivismo: con maggiore accentuazione nell ultimo decennio dell Ottocento viene messa in discussione la sua validità conoscitiva, anzi il concetto stesso di scienza positiva, fondata sull accertamento dei dati della realtà, viene ritenuto inadeguato a spiegare l universo nel suo più profondo fluire vitale e meno che mai a comprendere le ragioni più profonde dell essere e dell agire umani. La scienza non può produrre che saperi parziali che si arrestano alla superficie del reale, capaci di cogliere manifestazioni fenomeniche che sono espressioni limitate di una realtà molto più complessa e non conoscibile con i tradizionali sistemi di ricerca razionale. Da qui si arriva all affermarsi di nuovi orientamenti filosofici che puntano maggiormente sull intuizione come strumento di conoscenza. Nella prima fase del Novecento ebbe vasta eco il pensiero del filosofo francese Henry Bergson ( ), che può essere considerato uno dei referenti più duraturi anche per quanto riguarda la ricerca di nuovi percorsi della creatività letteraria. Bergson muove da una svalutazione netta dell intellettualismo scientistico del Positivismo, incapace con i suoi strumenti di cogliere la realtà nel suo perpetuo flusso vitale, individuando nell intuizione l unico tramite di conoscenza immediata del reale e delle esperienze umane. Un colpo non meno deciso alla pretesa positivistica di conoscere e spiegare l uomo, destituendo di ogni importanza le istanze sentimentali e psicologiche, viene dai risultati della scienza psicanalitica di Sigmund Freud ( ), che pone al centro del suo interesse l universo dell irrazionale apparente, scoprendone le radici profonde e invisibili. L arte in generale e la letteratura in particolare non possono non riflettere questo progressivo e radicale ribaltamento di prospettive conoscitive e gradualmente assumono il presupposto che le radici ultime di ogni esperienza umana affondano nell universo oscuro dell irrazionale, e che l arte e la letteratura non sono il riflesso di una conoscenza organica dell uomo e del mondo, ma la 4 di 10

5 manifestazione di intermittenti illuminazioni della conoscenza intuitiva. Progressivamente si dissolve l idea dell arte come rappresentazione strettamente collegata al piano della realtà oggettiva, sostituita da un idea di arte intesa come svelamento di realtà profonde sottratte al controllo della ragione. Data questa premessa, si può dire che la grande poesia italiana del Novecento e i suoi esponenti più importanti dei quali ci occuperemo nelle prossime lezioni (Ungaretti, Montale, Saba) si dispongono nelle coordinate molto ampie del Decadentismo-Simbolismo, anche se ciascun autore rielabora in modo originale un patrimonio comune che si era venuto costituendo a partire dalla seconda metà dell Ottocento. Un essenziale percorso a ritroso ci porta al 1857, l anno in cui fu pubblicata la prima edizione dell opera poetica di Charles Baudelaire ( ), intitolata Les fleurs du mal (I fiori del male), ritenuta come l opera fondativa della modernità letteraria e nucleo germinativo della letteratura del Decadentismo-Simbolismo, in quanto si fa veicolo di un estetica e di una concezione della poesia che troverà seguaci e imitatori in tutta Europa fra Otto e Novecento. Quali sono in sintesi i cardini della rivoluzionaria poetica di Baudelaire? Utilizziamo le sue stesse parole (tradotte in italiano). 1. «Solo l immaginazione contiene la poesia»: l atto poetico vive di sé, senza legami con le conoscenze razionali e fuori dai vincoli delle ideologie e dei modelli estetici precostituiti; 2. «La poesia non ha altro fine che se stessa» e quindi non può «assimilarsi alla scienza o alla morale»: viene così messo da parte uno dei cardini della poetica tradizionale (e anche romantica) che vedeva nella poesia uno strumento di svelamento di una verità considerata oggettiva (quella che in altri termini si definiva come funzione pedagogica dell arte). 3. La poesia rivela le segrete «corrispondenze» tra le cose, che sfuggono alla conoscenza razionale e pertanto il poeta si pone come «il decifratore dell analogia universale», intuendo e dando corpo ai sottili e arcani legami che sussistono nell universo. Non a caso uno dei testi-chiave della poesia di Baudelaire reca il titolo significativo di Correspondances. Da queste premesse, si svilupperà in Francia, avendo il suo pieno sviluppo nel decennio , il Decadentismo letterario, i cui principali antesignani furono Arthur Rimbaud ( di 10

6 1891), Stéphane Mallarmé ( ) e Paul Valéry ( ), tutti accomunati da un giovanile apprendistato sulla poesia di Baudelaire. A conferire quasi una impronta di ufficialità al movimento fu l etichetta di poeti maledetti che nel 1883 accomunerà i testi dei tre poeti antologizzati sulla rivista «Lutèce» e qualche anno dopo, nel 1886, la fondazione della rivista «Le Décadent», che può considerarsi l organo ufficiale del movimento. È evidente che il termine decadente in sé considerato è accompagnato da una sfumatura di negatività, e come tale fu impiegato da quella che potremmo definire la critica ufficiale del tempo, che con atteggiamento censorio dava una connotazione dispregiativa a una poesia vista come espressione di disfacimento morale, ideale ed estetico. Sul versante opposto, il termine venne programmaticamente impiegato dai protagonisti del nuovo movimento come manifestazione consapevole della percezione di vivere in uno snodo cruciale della storia e della civiltà, entrate in una fase di senescenza, estenuazione, saturazione culturale, che preludevano a un crollo finale. Nello stesso tempo tale condizione esistenziale e culturale veniva esibita dai letterati decadenti come segno di suprema raffinatezza e nobiltà spirituale, ormai lontana da ogni commistione con le masse, alle quali certamente la poesia non intendeva più rivolgersi, essendo diventato una sorta di geloso laboratorio in cui i poeti distillavano le loro preziose e rare essenze, al di fuori dei canoni tradizionali dell utile accoppiato al bello. Decadenza e raffinatezze estetiche venivano a fare tutt uno, come nelle precedenti fasi di decadenza storica, che proprio alla fine del loro ciclo vitale (come nel caso dell impero romano) avevano saputo esprimere le più raffinate e preziose forme di cultura e di coscienza critica. Non a caso, Paul Verlaine nel sonetto Languer del 1883 identificava se stesso proprio nell impero di Roma in decadenza e la poesia in un esercizio prezioso sulla parola che non cerca altra giustificazione che in se stessa: Io sono l Impero alla fine della decadenza, che guarda passare i grandi Barbari bianchi componendo acrostici indolenti ove danza il languore del sole in uno stile d oro. Dentro l area più generale del Decadentismo si venne definendo uno spazio di riflessione più specifica sulla poesia, che diede vita a un altro filone culturale destinato ad avere grande vitalità 6 di 10

7 nel corso dell intero Novecento. Si tratta del Simbolismo, il cui atto ufficiale di nascita può essere posto nel 1886, allorché sul «Figaro» il poeta Jean Moréas pubblica il Manifesto del Simbolismo e appare anche la rivista di poesia «Le Symboliste» e che può essere ritenuto la sistemazione teorica coerente di idee e valori estetici già operanti in opere quali il Pomeriggio di un fauno di Mallarmé e nella Lettera del veggente di Rimbaud, entrambe pubblicate nel Rispetto al Decadentismo il Simbolismo si caratterizza per la ricerca della specificità del linguaggio poetico: il nuovo miraggio diventa la parola pura e assoluta, sciolta cioè dalla denotazione usuale e dal riferimento alla sfera dell oggettività. Di qui una diversa e più acuta attenzione alle risorse evocative della parola e delle immagini poetiche, sul loro potere di allusione e di suggestione. La parola tende a sciogliersi in musica. Come è stato già osservato da altri, si può dire che «in effetti la poesia simbolista consiste in una forma di conoscenza transrazionale e mistica, che travalica la datità del reale, per cogliere i fondi dell ignoto, gli arcani segreti dell anima mundi, il regno dell Assoluto. La poesia simbolista, quindi, non consiste nella rappresentazione della realtà data, ma punta a immaginare i sensi segreti, invisibili e ineffabili, di essa. Insomma la poesia appare risolta in una creazione alternativa e soggettiva del reale» (Enzo Rosato). In tal modo poesia e letteratura cessano di essere espressione del comune sentire, ma si fanno piuttosto difficile comunicazione, attraverso la rete dei simboli, di realtà intuite dall artista per via non razionale. Viene meno in tal modo ogni esigenza di comunicazione immediata con il pubblico, perché la poesia offre un immagine del tutto soggettivizzata dell io e del mondo, liquidando in maniera definitiva ogni forma artistica di realismo e di naturalismo. L artista si presenta quindi spesso nei panni di individuo eccezionale, che non obbedisce a nessun altra legge al di fuori della sua arte, svincolata a sua volta da ogni legge morale: l arte ha dentro di sé la sua giustificazione, il concetto di bene e di male si relativizzano. L artista, come il superuomo teorizzato dal filosofo tedesco Friederich Nietzsche ( ), tende a vivere al di là del bene e del male, svincolato dalla morale corrente. La vita dell artista tende a divenire sempre più opera d arte essa stessa (estetismo). Con diverse sfumature, appaiono accomunati i percorsi esistenziali di tre protagonisti decadenti in tre romanzi che convergono nel presentarci dei protagonisti separati dalla società, o insofferenti dei suoi vincoli di moralità borghese anche quando vivono immersi in essa. I romanzi di cui parliamo sono: À rebours (tradotto in italiano talvolta con il titolo A ritroso, altre volte con il titolo Contro corrente) dello scrittore belga Karl Joris Huysmans, edito nel 1884, il cui protagonista, Des 7 di 10

8 Esseints, viene considerato il primo esempio di eroe decadente, dagli stili di vita sofisticati e bizzarri, alla disperata ricerca della novità, sicché tale romanzo venne considerato la Bibbia del decadentismo ; Il ritratto di Dorian Gray (1890) dello scrittore inglese Oscar Wilde; Il piacere (1891) di Gabriele D Annunzio. L artista decadente, di cui i protagonisti di questi romanzi sono proiezione, vive un rapporto conflittuale con i valori tradizionali su cui è costruita la società. Questo radicale rifiuto della tradizione si riflette in tutti i campi della creazione artistica con la conseguente dissoluzione di ogni struttura discorsiva e razionale. Pertanto la poesia viene costruita non più come discorso o trama, con un prima o con un dopo, con un rapporto di sviluppo logico e di verosimiglianza tra le varie percezioni e tra i fatti espressi. Vengono annullati gli schemi razionali e il linguaggio poetico decadente (lessico, sintassi, figure) si riduce a puro e irrelato gioco evocativo di immagini ondeggianti e di suggestioni indefinite, riflesso speculare della emotività irrazionale e perennemente in movimento. Sul piano concreto le più vistose novità del linguaggio poetico possono essere così schematizzate: deformazione dei significati usuali dei termini, scelta di parole e stilemi più densi di capacità evocative e allusive, uso intenso di metafore, onomatopee, assonanze interne, aggregazione di termini appartenenti a sfere sensoriali diverse (sinestesie), sostituzione dei nessi di natura logico-sintattica con nessi di lirico-musicali, uso frequente di associazioni analogiche (l analogia è un accostamento/scambio tra due cose lasciando inespresso l elemento logico che le rende comparabili), progressivo dissolvimento della metrica tradizionale a favore del verso libero. In Italia la ricezione e lo sviluppo del Decadentismo in generale e del Simbolismo poetico in particolare non fu né rapida né uniforme. Tra fine Ottocento e primi anni del Novecento troviamo poeti, che, pur rimanendo nell alveo della tradizione poetica italiana (assumendone le forme metriche e gli istituti retorici), si mostrano portatori di una sensibilità nuova per tanti versi affine alla nuova cultura decadente. Basterà fare l esempio di Giovanni Pascoli ( ), per il quale la poesia, secondo la concezione espressa nel saggio Il fanciullino, è una forma di conoscenza mistica e meramente 8 di 10

9 intuitiva del reale, in cui anche le piccole cose (cantate soprattutto nella prima raccolta Myricae) si rivelano all occhio ingenuo del poeta-fanciullino dotate di una specifica carica simbolica che le rende emblemi di realtà e di verità più grandi. Diverso è l atteggiamento di Gabriele D Annunzio ( ) che, nella sua sterminata produzione di poesie e di romanzi, mostra un adesione non sempre criticamente approfondita ad alcuni cardini della sensibilità decadente, specialmente sul versante di una visione estetizzante dell esistenza (il ricordato romanzo Il piacere) o nella declinazione tutta sua del mito del superuomo di Nietzsche, quale traspare soprattutto nei vari libri delle Laudi, la sua più importante esperienza poetica, in particolare nel libro intitolato Alcyone, che si segnala anche per la ricerca di raffinate suggestioni simboliche in cui la parola tende a risolversi in musica (come nel componimento più famoso della raccolta, La pioggia nel pineto). Date queste premesse, si comprende che tanto Pascoli che D Annunzio possono essere considerati dei poeti bifronti, nel senso che la loro esperienza poetica appare da un lato come conclusione di una lunga fase storica, dall altro lato come portatrice di una nuova sensibilità che dalla Francia soprattutto indicava alla poesia (e all arte in genere) vie del tutto diverse. Il nostro Novecento poetico, anche nei poeti che più coscientemente vivranno nella prospettiva determinata dalla cultura decadente e dei quali ci occuperemo nelle lezioni successive (Ungaretti, Montale, Saba), si caratterizzerà sempre per un rapporto sotterraneo con la grande tradizione della poesia italiana, la cui eredità continuerà ad operare anche quando apertamente se ne proclamerà il rifiuto. A conclusione di questa prima lezione si propongono due esempi, entrambi tratti dalla poesia di Giovanni Pascoli, per illustrare due aspetti salienti del linguaggio poetico novecentesco. Il primo esempio riguarda l uso della sinestesia (aggregazione di termini appartenenti a sfere sensoriali diverse) ed è tratto dalla poesia Novembre, compresa nella raccolta Myricae (prima edizione: 1891): Gèmmea l aria, il sole così chiaro che tu ricerchi gli albicocchi in fiore, e del prunalbo l odorino amaro senti nel cuore 9 di 10

10 La composizione presenta una struttura metrica tradizionale (strofe saffica composta di tre endecasillabi e di un quinario in quarta sede, con rime ABAb). Il procedimento della sinestesia si realizza nel sintagma odorino amaro che accoppia la sfera dell olfatto alla sfera del gusto. Un esempio di analogia (accostamento/scambio tra due cose lasciando inespresso l elemento logico che le rende comparabili) accoppiata a una sinestesia possiamo trarlo da Il gelsomino notturno, poesia compresa ne I canti di Castelvecchio (1904, ma pubblicata per la prima volta nel 1901): La Chioccetta per l aia azzurra Va col suo pigolìo di stelle. Innanzitutto la sinestesia pigolio di stelle : lo sciame luminoso delle stelle (vista) evoca una sensazione uditiva (pigolio). L analogia (che possiamo definire anche accostamento/scambio tra due cose lasciando inespresso l elemento logico che le rende comparabili) opera a partire dall impiego del termine Chioccetta per indicare, secondo il linguaggio dei contadini, la costellazione delle Pleiadi: la Chioccetta, con il suo seguito di stelle, sembra appunto come una chioccia che con il suo seguito di pulcini attraversa la volta del cielo, che sembra a sua volta un aia popolata di pigolii. 10 di 10

Il Decadentismo. Il simbolismo AGATA GUELI 1

Il Decadentismo. Il simbolismo AGATA GUELI 1 Il Decadentismo Il simbolismo AGATA GUELI 1 1857: un nodo cruciale Flaubert: Madame Bovary il naturalismo (fine del 1890) Baudelaire: Simbolismo = messa in scacco del positivismo verso il Decadentismo

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

IL SIMBOLISMO (Poetica dello smarrimento e dell incertezza) di Sara Marziali

IL SIMBOLISMO (Poetica dello smarrimento e dell incertezza) di Sara Marziali IL SIMBOLISMO (Poetica dello smarrimento e dell incertezza) di Sara Marziali La poesia dell inesauribile nulla Il simbolismo è la poetica del movimento decadente, il DECADENTISMO, e si sviluppa a partire

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IL DECADENTISMO- Quadro storico culturale

IL DECADENTISMO- Quadro storico culturale IL DECADENTISMO- Quadro storico culturale Il periodo storico dal 1861 al 1903 vede l avanzata di una borghesia sempre più imperialista, si formano cioè grandi concentrazioni monopolistiche, lo Stato interviene

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA Questo progetto nasce come continuazione e approfondimento del lavoro dello scorso anno, si è pensato di continuare in questa direzione prendendo

Dettagli

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE LA SCUOLA DI FRANCOFORTE La Scuola di Francoforte è una scuola filosofica e sociologica neomarxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato principalmente da filosofi e sociologi tedeschi di origine

Dettagli

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione L Infinito di Leopardi Innovazione nella tradizione Tradizione - Innovazione Giacomo Leopardi (1798-1837) Un illuminista romantico Un classicista moderno Un conservatore progressista Un provinciale europeo

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA Anno Scolastico 2014 / 2015 GRAMMATICA SINTASSI DELLA FRASE - Completamento della classificazione dei complementi indiretti: complemento di limitazione, di paragone, di età, vantaggio e svantaggio, colpa,

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Premessa. di Paolo Spinicci

Premessa. di Paolo Spinicci Premessa di Paolo Spinicci La natura della fotografia racchiude in sé, fin dalle sue origini, una promessa che non è in grado di mantenere, se non in parte, e un compito cui si vorrebbe potesse assolvere,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

Psicogiuridico. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto. Quaderni di Grafologia. Storia della Grafologia Ludwig Klages

Psicogiuridico. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto. Quaderni di Grafologia. Storia della Grafologia Ludwig Klages Psicogiuridico Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto Storia della Grafologia Ludwig Klages Autore: Filomena Ventre LEZIONE DI STORIA 3 LUDWIG KLAGES ( 1872 1956 ) Ludwig Klages, oltre

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

Curricolo SCUOLA dell INFANZIA

Curricolo SCUOLA dell INFANZIA Curricolo SCUOLA dell INFANZIA D.M. 31/07/07 Tavolo Asva SCUOLE dell INFANZIA 13 Ottobre 2009 I bambini sono attivi, amano costruire, giocare, comunicare e fin dalla nascita intraprendono una ricerca di

Dettagli

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo Educa 2012: invito ai giovani GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo 1. Il nucleo tematico Il nostro tempo è adesso, qui e ora. Il progetto è qui e ora, il futuro è qui e ora, l orizzonte

Dettagli

Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia

Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia Istituto Comprensivo Statale Sesto 1 Scuola primaria L.L.Radice Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia Motto della biblioteca In una vecchia soffitta buia e polverosa in mezzo a tante cose viveva

Dettagli

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL OLFATTO. Progetto per:

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL OLFATTO. Progetto per: FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL OLFATTO Progetto per: IL RISVEGLIO DEI SENSI Il primo Festival dedicato alla cultura dell olfatto e all arte del profumo Smell Festival è un percorso a narici aperte tra storia,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI

ESSERE GENITORI OGGI ESSERE GENITORI OGGI II Ciclo di incontri a sostegno della genitorialità 6 0 INCONTRO: Almese 10 Dicembre 2008 TEMA: FAVOLANDO 1 All ingresso del museo dei bambini di Boston c è questa iscrizione: Qui

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Tocco d artista per dieci grandi classici

Tocco d artista per dieci grandi classici Tocco d artista per dieci grandi classici NOVITÀ Diec tra i più celebrati e amati si presentano in una veste inedita e preziosa, firmata da Tullio Pericoli. ORIGINALITÀ Il tratto elegante, ironico e vibrante

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

Ouroboros Ουροβορος. Nr. 14, giugno 6012

Ouroboros Ουροβορος. Nr. 14, giugno 6012 Ouroboros Ουροβορος Nr. 14, giugno 6012 Periodico edito dalla R:.L:. Signa Hominis nr. 60 all Or:. di Chiasso per tutti i suoi membri e per chiunque altro desideri condividere lo sforzo di migliorare la

Dettagli

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA La Terapeutica Artistica a Brera Sono ormai sette anni che all Accademia di Belle Arti di Brera si è istituito un Biennio in Teoria e Pratica della

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant Progetto di ricerca 0. Presentazione Kantiana è un progetto di ricerca finanziato dall Università della Valle d Aosta e, in precedenza, dall Università

Dettagli

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

ESABAC Esame di stato italiano Baccalauréat francese Un solo esame. Due diplomi

ESABAC Esame di stato italiano Baccalauréat francese Un solo esame. Due diplomi ESABAC Esame di stato italiano Baccalauréat francese Un solo esame. Due diplomi LICEO GIULIANO DELLA ROVERE SAVONA Via Monturbano, 8-17100 Savona Tel. 019850424 - Fax. 019814926 ESABAC Accordo intergovernativo

Dettagli

LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1

LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1 LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1 INCONTRO Enrico Bottero 1.Il contesto istituzionale Il mondo della scuola e dell educazione registra in questi anni profondi cambiamenti che riguardano anche l educazione

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli