Letteratura Italiana Contemporanea. Indice. 1 Introduzione al Novecento: l Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Letteratura Italiana Contemporanea. Indice. 1 Introduzione al Novecento: l Europa-----------------------------------------------------------------3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA LEZIONE I INTRODUZIONE AL NOVECENTO PROF. TOBIA TOSCANO

2 Indice 1 Introduzione al Novecento: l Europa di 10

3 1 Introduzione al Novecento: l Europa Partiamo da una riflessione preliminare. Ogni volta che parliamo di epoche della letteratura, per comodità utilizziamo scansioni per secoli. Così parliamo di letteratura del Duecento, o dell Ottocento, o del Novecento. In questa accezione noi vogliamo semplicemente dire che la nostra attenzione è rivolta a opere o autori che hanno la loro collocazione in un determinato secolo. Accanto a questo approccio semplificato, ma che rimane comunque fondamentale, se ne pone un altro di tipo più complesso e che è volto a caratterizzare delle specificità della letteratura e della poesia in una determinata fase storica, cercando di individuare in un autore o in un opera le intersezioni con aspetti più generali delle concezioni culturali e filosofiche, con gli assetti che la società nel suo complesso viene modificando sotto le spinte dei processi economici e politici. Per dirla in altre parole, ci si chiede cioè che rapporto esiste tra l opera considerata e lo spazio-tempo in cui viene prodotta e offerta al pubblico. O ancora, quali siano le relazioni tra un testo e il suo contesto. Questo tipo di indagine aiuta a mettere a fuoco un altro aspetto non meno importante, quando si considerano autori e opere di un determinato tempo. Vale a dire: che cosa quell autore o quell opera hanno in comune con altri autori e altre opere dello stesso tempo (o anche di un tempo precedente) e quali sono invece gli elementi di originalità o, anche, di rielaborazione di idee o di concezioni largamente diffuse. Se noi volessimo individuare poi delle marche distintive del secolo appena concluso, il Novecento appunto, ci accorgeremmo, leggendo i manuali di storia letteraria, che il suo denominatore comune viene individuato, almeno per buona parte della sua durata, in una totalizzante dimensione culturale (con implicazioni filosofiche e scientifiche) che va sotto il nome di Decadentismo. Questa generale connotazione culturale unificante, allo stesso modo di altre simili come Romanticismo o Rinascimento, ci obbliga però subito a tenere presente che i grandi movimenti culturali hanno un loro ciclo vitale di incubazione, affermazione e diffusione, per i quali non si possono stabilire (come se fosse una certificazione anagrafica) precise date di nascita. Qui entrano in gioco fattori concomitanti e diversi, dislocati su una scansione temporale che non coincide quasi mai con la precisa scansione del secolo che studiamo. 3 di 10

4 In altre parole, la poesia italiana del Novecento porta dentro di sé il retaggio e lo sviluppo di temi e di problemi che la accomunano a tanta parte della poesia europea e il cui avvio va ricercato in una dinamica culturale le cui prime manifestazioni si possono ricondurre al secondo Ottocento. Prima di entrare nell analisi degli aspetti peculiari del Decadentismo, se noi lo consideriamo nella sua generalità come affermazione di una diversa visione del mondo e dell uomo, determinata dal venir meno della fiducia nella ragione come unico strumento di conoscenza e dalla crisi dei grandi sistemi filosofici fondati sulla pretesa di poter dare una spiegazione globale della realtà, ci accorgiamo che i suoi antefatti sono prevalentemente ottocenteschi e li possiamo così schematizzare: La crisi del Positivismo: con maggiore accentuazione nell ultimo decennio dell Ottocento viene messa in discussione la sua validità conoscitiva, anzi il concetto stesso di scienza positiva, fondata sull accertamento dei dati della realtà, viene ritenuto inadeguato a spiegare l universo nel suo più profondo fluire vitale e meno che mai a comprendere le ragioni più profonde dell essere e dell agire umani. La scienza non può produrre che saperi parziali che si arrestano alla superficie del reale, capaci di cogliere manifestazioni fenomeniche che sono espressioni limitate di una realtà molto più complessa e non conoscibile con i tradizionali sistemi di ricerca razionale. Da qui si arriva all affermarsi di nuovi orientamenti filosofici che puntano maggiormente sull intuizione come strumento di conoscenza. Nella prima fase del Novecento ebbe vasta eco il pensiero del filosofo francese Henry Bergson ( ), che può essere considerato uno dei referenti più duraturi anche per quanto riguarda la ricerca di nuovi percorsi della creatività letteraria. Bergson muove da una svalutazione netta dell intellettualismo scientistico del Positivismo, incapace con i suoi strumenti di cogliere la realtà nel suo perpetuo flusso vitale, individuando nell intuizione l unico tramite di conoscenza immediata del reale e delle esperienze umane. Un colpo non meno deciso alla pretesa positivistica di conoscere e spiegare l uomo, destituendo di ogni importanza le istanze sentimentali e psicologiche, viene dai risultati della scienza psicanalitica di Sigmund Freud ( ), che pone al centro del suo interesse l universo dell irrazionale apparente, scoprendone le radici profonde e invisibili. L arte in generale e la letteratura in particolare non possono non riflettere questo progressivo e radicale ribaltamento di prospettive conoscitive e gradualmente assumono il presupposto che le radici ultime di ogni esperienza umana affondano nell universo oscuro dell irrazionale, e che l arte e la letteratura non sono il riflesso di una conoscenza organica dell uomo e del mondo, ma la 4 di 10

5 manifestazione di intermittenti illuminazioni della conoscenza intuitiva. Progressivamente si dissolve l idea dell arte come rappresentazione strettamente collegata al piano della realtà oggettiva, sostituita da un idea di arte intesa come svelamento di realtà profonde sottratte al controllo della ragione. Data questa premessa, si può dire che la grande poesia italiana del Novecento e i suoi esponenti più importanti dei quali ci occuperemo nelle prossime lezioni (Ungaretti, Montale, Saba) si dispongono nelle coordinate molto ampie del Decadentismo-Simbolismo, anche se ciascun autore rielabora in modo originale un patrimonio comune che si era venuto costituendo a partire dalla seconda metà dell Ottocento. Un essenziale percorso a ritroso ci porta al 1857, l anno in cui fu pubblicata la prima edizione dell opera poetica di Charles Baudelaire ( ), intitolata Les fleurs du mal (I fiori del male), ritenuta come l opera fondativa della modernità letteraria e nucleo germinativo della letteratura del Decadentismo-Simbolismo, in quanto si fa veicolo di un estetica e di una concezione della poesia che troverà seguaci e imitatori in tutta Europa fra Otto e Novecento. Quali sono in sintesi i cardini della rivoluzionaria poetica di Baudelaire? Utilizziamo le sue stesse parole (tradotte in italiano). 1. «Solo l immaginazione contiene la poesia»: l atto poetico vive di sé, senza legami con le conoscenze razionali e fuori dai vincoli delle ideologie e dei modelli estetici precostituiti; 2. «La poesia non ha altro fine che se stessa» e quindi non può «assimilarsi alla scienza o alla morale»: viene così messo da parte uno dei cardini della poetica tradizionale (e anche romantica) che vedeva nella poesia uno strumento di svelamento di una verità considerata oggettiva (quella che in altri termini si definiva come funzione pedagogica dell arte). 3. La poesia rivela le segrete «corrispondenze» tra le cose, che sfuggono alla conoscenza razionale e pertanto il poeta si pone come «il decifratore dell analogia universale», intuendo e dando corpo ai sottili e arcani legami che sussistono nell universo. Non a caso uno dei testi-chiave della poesia di Baudelaire reca il titolo significativo di Correspondances. Da queste premesse, si svilupperà in Francia, avendo il suo pieno sviluppo nel decennio , il Decadentismo letterario, i cui principali antesignani furono Arthur Rimbaud ( di 10

6 1891), Stéphane Mallarmé ( ) e Paul Valéry ( ), tutti accomunati da un giovanile apprendistato sulla poesia di Baudelaire. A conferire quasi una impronta di ufficialità al movimento fu l etichetta di poeti maledetti che nel 1883 accomunerà i testi dei tre poeti antologizzati sulla rivista «Lutèce» e qualche anno dopo, nel 1886, la fondazione della rivista «Le Décadent», che può considerarsi l organo ufficiale del movimento. È evidente che il termine decadente in sé considerato è accompagnato da una sfumatura di negatività, e come tale fu impiegato da quella che potremmo definire la critica ufficiale del tempo, che con atteggiamento censorio dava una connotazione dispregiativa a una poesia vista come espressione di disfacimento morale, ideale ed estetico. Sul versante opposto, il termine venne programmaticamente impiegato dai protagonisti del nuovo movimento come manifestazione consapevole della percezione di vivere in uno snodo cruciale della storia e della civiltà, entrate in una fase di senescenza, estenuazione, saturazione culturale, che preludevano a un crollo finale. Nello stesso tempo tale condizione esistenziale e culturale veniva esibita dai letterati decadenti come segno di suprema raffinatezza e nobiltà spirituale, ormai lontana da ogni commistione con le masse, alle quali certamente la poesia non intendeva più rivolgersi, essendo diventato una sorta di geloso laboratorio in cui i poeti distillavano le loro preziose e rare essenze, al di fuori dei canoni tradizionali dell utile accoppiato al bello. Decadenza e raffinatezze estetiche venivano a fare tutt uno, come nelle precedenti fasi di decadenza storica, che proprio alla fine del loro ciclo vitale (come nel caso dell impero romano) avevano saputo esprimere le più raffinate e preziose forme di cultura e di coscienza critica. Non a caso, Paul Verlaine nel sonetto Languer del 1883 identificava se stesso proprio nell impero di Roma in decadenza e la poesia in un esercizio prezioso sulla parola che non cerca altra giustificazione che in se stessa: Io sono l Impero alla fine della decadenza, che guarda passare i grandi Barbari bianchi componendo acrostici indolenti ove danza il languore del sole in uno stile d oro. Dentro l area più generale del Decadentismo si venne definendo uno spazio di riflessione più specifica sulla poesia, che diede vita a un altro filone culturale destinato ad avere grande vitalità 6 di 10

7 nel corso dell intero Novecento. Si tratta del Simbolismo, il cui atto ufficiale di nascita può essere posto nel 1886, allorché sul «Figaro» il poeta Jean Moréas pubblica il Manifesto del Simbolismo e appare anche la rivista di poesia «Le Symboliste» e che può essere ritenuto la sistemazione teorica coerente di idee e valori estetici già operanti in opere quali il Pomeriggio di un fauno di Mallarmé e nella Lettera del veggente di Rimbaud, entrambe pubblicate nel Rispetto al Decadentismo il Simbolismo si caratterizza per la ricerca della specificità del linguaggio poetico: il nuovo miraggio diventa la parola pura e assoluta, sciolta cioè dalla denotazione usuale e dal riferimento alla sfera dell oggettività. Di qui una diversa e più acuta attenzione alle risorse evocative della parola e delle immagini poetiche, sul loro potere di allusione e di suggestione. La parola tende a sciogliersi in musica. Come è stato già osservato da altri, si può dire che «in effetti la poesia simbolista consiste in una forma di conoscenza transrazionale e mistica, che travalica la datità del reale, per cogliere i fondi dell ignoto, gli arcani segreti dell anima mundi, il regno dell Assoluto. La poesia simbolista, quindi, non consiste nella rappresentazione della realtà data, ma punta a immaginare i sensi segreti, invisibili e ineffabili, di essa. Insomma la poesia appare risolta in una creazione alternativa e soggettiva del reale» (Enzo Rosato). In tal modo poesia e letteratura cessano di essere espressione del comune sentire, ma si fanno piuttosto difficile comunicazione, attraverso la rete dei simboli, di realtà intuite dall artista per via non razionale. Viene meno in tal modo ogni esigenza di comunicazione immediata con il pubblico, perché la poesia offre un immagine del tutto soggettivizzata dell io e del mondo, liquidando in maniera definitiva ogni forma artistica di realismo e di naturalismo. L artista si presenta quindi spesso nei panni di individuo eccezionale, che non obbedisce a nessun altra legge al di fuori della sua arte, svincolata a sua volta da ogni legge morale: l arte ha dentro di sé la sua giustificazione, il concetto di bene e di male si relativizzano. L artista, come il superuomo teorizzato dal filosofo tedesco Friederich Nietzsche ( ), tende a vivere al di là del bene e del male, svincolato dalla morale corrente. La vita dell artista tende a divenire sempre più opera d arte essa stessa (estetismo). Con diverse sfumature, appaiono accomunati i percorsi esistenziali di tre protagonisti decadenti in tre romanzi che convergono nel presentarci dei protagonisti separati dalla società, o insofferenti dei suoi vincoli di moralità borghese anche quando vivono immersi in essa. I romanzi di cui parliamo sono: À rebours (tradotto in italiano talvolta con il titolo A ritroso, altre volte con il titolo Contro corrente) dello scrittore belga Karl Joris Huysmans, edito nel 1884, il cui protagonista, Des 7 di 10

8 Esseints, viene considerato il primo esempio di eroe decadente, dagli stili di vita sofisticati e bizzarri, alla disperata ricerca della novità, sicché tale romanzo venne considerato la Bibbia del decadentismo ; Il ritratto di Dorian Gray (1890) dello scrittore inglese Oscar Wilde; Il piacere (1891) di Gabriele D Annunzio. L artista decadente, di cui i protagonisti di questi romanzi sono proiezione, vive un rapporto conflittuale con i valori tradizionali su cui è costruita la società. Questo radicale rifiuto della tradizione si riflette in tutti i campi della creazione artistica con la conseguente dissoluzione di ogni struttura discorsiva e razionale. Pertanto la poesia viene costruita non più come discorso o trama, con un prima o con un dopo, con un rapporto di sviluppo logico e di verosimiglianza tra le varie percezioni e tra i fatti espressi. Vengono annullati gli schemi razionali e il linguaggio poetico decadente (lessico, sintassi, figure) si riduce a puro e irrelato gioco evocativo di immagini ondeggianti e di suggestioni indefinite, riflesso speculare della emotività irrazionale e perennemente in movimento. Sul piano concreto le più vistose novità del linguaggio poetico possono essere così schematizzate: deformazione dei significati usuali dei termini, scelta di parole e stilemi più densi di capacità evocative e allusive, uso intenso di metafore, onomatopee, assonanze interne, aggregazione di termini appartenenti a sfere sensoriali diverse (sinestesie), sostituzione dei nessi di natura logico-sintattica con nessi di lirico-musicali, uso frequente di associazioni analogiche (l analogia è un accostamento/scambio tra due cose lasciando inespresso l elemento logico che le rende comparabili), progressivo dissolvimento della metrica tradizionale a favore del verso libero. In Italia la ricezione e lo sviluppo del Decadentismo in generale e del Simbolismo poetico in particolare non fu né rapida né uniforme. Tra fine Ottocento e primi anni del Novecento troviamo poeti, che, pur rimanendo nell alveo della tradizione poetica italiana (assumendone le forme metriche e gli istituti retorici), si mostrano portatori di una sensibilità nuova per tanti versi affine alla nuova cultura decadente. Basterà fare l esempio di Giovanni Pascoli ( ), per il quale la poesia, secondo la concezione espressa nel saggio Il fanciullino, è una forma di conoscenza mistica e meramente 8 di 10

9 intuitiva del reale, in cui anche le piccole cose (cantate soprattutto nella prima raccolta Myricae) si rivelano all occhio ingenuo del poeta-fanciullino dotate di una specifica carica simbolica che le rende emblemi di realtà e di verità più grandi. Diverso è l atteggiamento di Gabriele D Annunzio ( ) che, nella sua sterminata produzione di poesie e di romanzi, mostra un adesione non sempre criticamente approfondita ad alcuni cardini della sensibilità decadente, specialmente sul versante di una visione estetizzante dell esistenza (il ricordato romanzo Il piacere) o nella declinazione tutta sua del mito del superuomo di Nietzsche, quale traspare soprattutto nei vari libri delle Laudi, la sua più importante esperienza poetica, in particolare nel libro intitolato Alcyone, che si segnala anche per la ricerca di raffinate suggestioni simboliche in cui la parola tende a risolversi in musica (come nel componimento più famoso della raccolta, La pioggia nel pineto). Date queste premesse, si comprende che tanto Pascoli che D Annunzio possono essere considerati dei poeti bifronti, nel senso che la loro esperienza poetica appare da un lato come conclusione di una lunga fase storica, dall altro lato come portatrice di una nuova sensibilità che dalla Francia soprattutto indicava alla poesia (e all arte in genere) vie del tutto diverse. Il nostro Novecento poetico, anche nei poeti che più coscientemente vivranno nella prospettiva determinata dalla cultura decadente e dei quali ci occuperemo nelle lezioni successive (Ungaretti, Montale, Saba), si caratterizzerà sempre per un rapporto sotterraneo con la grande tradizione della poesia italiana, la cui eredità continuerà ad operare anche quando apertamente se ne proclamerà il rifiuto. A conclusione di questa prima lezione si propongono due esempi, entrambi tratti dalla poesia di Giovanni Pascoli, per illustrare due aspetti salienti del linguaggio poetico novecentesco. Il primo esempio riguarda l uso della sinestesia (aggregazione di termini appartenenti a sfere sensoriali diverse) ed è tratto dalla poesia Novembre, compresa nella raccolta Myricae (prima edizione: 1891): Gèmmea l aria, il sole così chiaro che tu ricerchi gli albicocchi in fiore, e del prunalbo l odorino amaro senti nel cuore 9 di 10

10 La composizione presenta una struttura metrica tradizionale (strofe saffica composta di tre endecasillabi e di un quinario in quarta sede, con rime ABAb). Il procedimento della sinestesia si realizza nel sintagma odorino amaro che accoppia la sfera dell olfatto alla sfera del gusto. Un esempio di analogia (accostamento/scambio tra due cose lasciando inespresso l elemento logico che le rende comparabili) accoppiata a una sinestesia possiamo trarlo da Il gelsomino notturno, poesia compresa ne I canti di Castelvecchio (1904, ma pubblicata per la prima volta nel 1901): La Chioccetta per l aia azzurra Va col suo pigolìo di stelle. Innanzitutto la sinestesia pigolio di stelle : lo sciame luminoso delle stelle (vista) evoca una sensazione uditiva (pigolio). L analogia (che possiamo definire anche accostamento/scambio tra due cose lasciando inespresso l elemento logico che le rende comparabili) opera a partire dall impiego del termine Chioccetta per indicare, secondo il linguaggio dei contadini, la costellazione delle Pleiadi: la Chioccetta, con il suo seguito di stelle, sembra appunto come una chioccia che con il suo seguito di pulcini attraversa la volta del cielo, che sembra a sua volta un aia popolata di pigolii. 10 di 10

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

GIOVANNI SIAS 1 La tua domanda è ben posta per me, tutt altro che impropria, perché mi dà modo di precisare alcune cose che non ho ancora detto o che si potevano leggere solo fra le righe. Innanzitutto,

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro Tra scienza e letteratura Un possibile incontro La Terra vista dalla Luna: un tema squisitamente scientifico? Tematica specifica presente in molti autori Aristofane, Luciano di Samosata, Cicerone, Dante,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Quant altro. aiflearningnews@gmail.com - www.associazioneitalianaformatori.it. (e altre parole di salvataggio) 1. Gennaio 2015, anno IX N.

Quant altro. aiflearningnews@gmail.com - www.associazioneitalianaformatori.it. (e altre parole di salvataggio) 1. Gennaio 2015, anno IX N. Gennaio 2015, anno IX N. 1 Quant altro (e altre parole di salvataggio) 1 di Claudio Nutrito 2 Non ho niente da dire e lo sto facendo (John Cage) Va subito precisato che quelli che non hanno niente da dire

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

SETTE PAROLE CHIAVE: conoscenza di sé, formazione, tempo,silenzio,autenticità, crescita,relazione

SETTE PAROLE CHIAVE: conoscenza di sé, formazione, tempo,silenzio,autenticità, crescita,relazione L AUTORE : Diana Pardini, studi classici, due lauree, una in Giurisprudenza e una in Scienze della Formazione, un perfezionamento in Filosofia del diritto e, soprattutto, tanta pratica di umano nel volontariato

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri *

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Che l equilibrio possa venire considerato come una delle categorie essenziali

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli