DOCUMENTO FINALE. del Consiglio di Classe della. Indirizzo: LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE. del Consiglio di Classe della. Indirizzo: LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE"

Transcript

1 DOCUMENTO FINALE del Consiglio di Classe della 5D Indirizzo: LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE Anno scolastico 2014/2015 Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 1

2 INDICE 1. Prospetto delle discipline con le corrispondenti unità orarie relativo a tutto il triennio Prospetto del Consiglio di Classe con docente, materia, numero di ore e continuità Finalità ed obiettivi generali del Consiglio di Classe Situazione della classe Argomenti interdisciplinari o pluridiscipinari... Errore. Il segnalibro non è definito. 6. Attività integrative Attività svolte in modalità CLIL Criteri di selezione dei contenuti disciplinari, metodi e strumenti Criteri per la valutazione e la misurazione del profitto Criteri per la valutazione e la misurazione della condotta Simulazioni prove Esame di Stato... Errore. Il segnalibro non è definito. 12. Metodi e strumenti per il recupero ed il potenziamento Esperienze di ricerca, progetto o approfondimento personale degli alunni (tesine)...15 ALLEGATO 1: Relazioni individuali dei docenti e programmi svolti...17 ALLEGATO 2: Testi delle simulazioni di terza prova scritta per l Esame di Stato...36 ALLEGATO 3: Criteri per l assegnazione dei crediti scolastico e formativo...41 Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 2

3 1. Prospetto delle discipline con le corrispondenti unità orarie relativo a tutto il triennio Discipline del piano di studi Ore settimanali per anno di corso Lingua e Letteratura italiana Storia Lingua e cultura straniera Filosofia Matematica Fisica Informatica Scienze Naturali Disegno e Storia dell Arte Scienze Motorie e Sportive Religione Cattolica Totale ore settimanali Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 3

4 2. Prospetto del Consiglio di Classe con docente, materia, numero di ore e continuità DOCENTE DISCIPLINA CONTINUITÀ DALLA CLASSE 3 A CONTINUITÀ DALLA CLASSE 4 A ORE/SETT CLASSE 5 A MEMBRO INTERNO ESAME DI STATO Fiozzi Daria Lingua e Letteratura Italiana SI SI 4 SI Fiozzi Daria Storia SI SI 2 SI Ranucci Federica Lingua e Cultura Straniera: Inglese SI SI 3 Facchini Teresa Filosofia NO SI 2 Bottura Donata (Geremia Sara dal 01/10/14 al 26/10/14) (Damian Erika dal Matematica SI SI 4 26/03/15 alla fine dell A.S.) Pagliari Andrea Fisica SI SI 3 SI Zappi Cristiana Scienze Naturali NO SI 5 SI Cattafesta Franco Informatica SI SI 2 Tuzza Susanna Disegno e Storia dell Arte NO NO 2 Agostino Elisabetta Scienze Motorie SI SI 2 Spazzini Nicola Religione Cattolica SI SI 1 Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 4

5 3. Finalità ed obiettivi generali del Consiglio di Classe Gli obiettivi formativi adottati dal Consiglio di Classe nella prima riunione, e poi monitorati nel corso di tutto l anno scolastico sono stati: 1. Migliorare coerenza, trasparenza ed equità nelle valutazioni 2. conseguire capacità di sintesi nella elaborazione e dimostrare sicurezza nell analisi e nella problematizzazione personale 3. dimostrare autonomia nella scelta degli approfondimenti individuali da proporre con esposizioni convincenti sul piano logico 4. perfezionare l uso dei linguaggi specifici per esprimere la complessità Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 5

6 4. Situazione della classe La classe 5D proviene da un percorso piuttosto regolare durante tutto il quinquennio. Durante gli ultimi tre anni gli studenti, non numerosi e sempre piuttosto positivi, hanno risposto con generale disponibilità e regolarità al lavoro proposto dai docenti. Grazie anche alla continuità di buona parte della componente docente del consiglio di classe e alla indubbia coesione degli allievi, la classe nel complesso ha saputo organizzare le proprie attività in modo sicuro e piuttosto proficuo. Pochi, se non rari, sono stati i debiti assegnati sin dalla classe terza, e soprattutto a carico della sola disciplina di matematica. Il clima relazionale, motivazionale e collaborativo sia tra gli allievi, sia nel rapporto con gli insegnanti appaiono buoni (l assenza di note disciplinari ne è un chiaro segno). Alcuni ragazzi inoltre hanno mostrato nel corso degli anni interessi personali, di indirizzo musicale soprattutto, che hanno arricchito il loro percorso formativo. A questo proposito alcuni allievi presenteranno tesine con argomenti di fatto extracurriculari. Emerge dunque un quadro complessivamente positivo. In particolare, tre allievi presentano un livello di preparazione decisamente sicuro ed approfondito, anche grazie alle capacità e all impegno costante mostrati durante tutto il quinquennio. Infine il CDC ritiene comunque di segnalare due caratteristiche che nel corso degli anni sono maturate con lentezza e ancora non sono state raggiunte pienamente dalla totalità degli studenti: l autonomia nel lavoro e nella rielaborazione personali; l esposizione sicura degli argomenti trattati, soprattutto nell utilizzo dei linguaggi specifici. Ciò è testimoniato dalla formulazione degli obiettivi formativi proposti dal CdC all inizio del corrente anno scolastico. Come già in uso da diversi anni nell Istituto, la classe ha partecipato a simulazioni di prima, seconda e terza prova, come specificato nel seguito. In particolare per la seconda prova si sottolinea che l Istituto ha aderito all attività di simulazione proposta quest anno dal Ministero per Matematica (oggetto di seconda prova scritta nel corrente anno scolastico) e per Scienze Inoltre, come già premesso nella tabella dei docenti, si segnala che quest anno il corso di Matematica è stato un po discontinuo a causa di problemi di salute della docente, creando di fatto qualche disagio. Grazie alla scuola che ha garantito comunque sempre la presenza di supplenti che ha continuato il lavoro, il completamento della programmazione comune prevista è stata di fatto assicurato. Come richiesto dalla normativa vigente, a proposito della metodologia CLIL, la classe ha affrontato in lingua inglese la disciplina di Informatica con il prof. Cattafesta durante tutto l anno scolastico, un modulo di storia e un modulo di scienze con Kenneth Brand, uno degli assistenti madrelingua presenti a scuola. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 6

7 5. Argomenti interdisciplinari o pluridisciplinari I percorsi di Italiano, Storia, Inglese e Filosofia si sono costantemente intrecciati, attraversati o completati allo scopo di fornire un idea il più possibile ampia della fine dell Ottocento e della prima metà del Novecento, in particolare per quanto riguarda i principali aspetti storico-culturali della vicenda italiana. La disciplina di Informatica ha trattato temi interdisciplinari di Matematica e Fisica. Nel corso di Inglese è stata inserita una lettura tratta dal testo di Informatica. La tabella seguente riassume i temi svolti in più discipline: Argomenti Fine Ottocento e Novecento: l uomo tra crisi economiche-politiche e grandi narrazioni ideologiche (comunismo, fascismi, economia capitalistica) sfociate in tragedia Evoluzione del contesto storico- filosofico e nuovi orizzonti della produzione artistica Individuo e società Arte e progresso Percezione della realtà e condizione esistenziale Matematica con metodi numerici (geometria, calcolo differenziale, calcolo integrale, calcolo combinatorio, metodo della bisezione) Fisica (meccanica: simulazione di moti armonici e moti uniformemente accelerati) Discipline Italiano, Storia, Inglese, Filosofia. Informatica (con Matematica, Fisica) Lettura sul GIS dal testo di Informatica Inglese (con Informatica) Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 7

8 6. Attività integrative Alla classe sono state proposte attività integrative, alcune realizzate a livello di progetto d istituto o di Consiglio di Classe, altre invece inserite nel piano di programmazione didattica dei singoli docenti. Elenco attività integrative: Viaggio di istruzione a Trieste: visita guidata al laboratorio Elettra e alla Risiera di San Sabba Viaggio di istruzione in Grecia - visite guidate all acropoli ad Atene, ai resti archeologici a Delphi, ai monasteri delle Meteore Proiezione al cinema Ariston di MN del film sulla prima guerra mondiale Fango e Gloria, di Leonardo Tiberi Visita alla mostra fotografica Memorie d'uomini relativa alla prima guerra mondiale allestita nella nostra scuola. partecipazione all incontro con AVIS, AIDO, ADMO partecipazione all incontro con la Protezione Civile giornata sull AIDS (partecipazione individuale) Incontri di orientamento: universitario (incontri collettivi e partecipazione a livello individuale); Fiera Job&Orienta (partecipazione individuale) attività di potenziamento: (partecipazione individuale) teatro di sera a Milano Certificazione PET (livello B1) per alcuni studenti nel corso del Triennio; Certificazione FCE (livello B2) per alcun studenti nel corso del Triennio; Partecipazione di 4 studenti al Laboratorio di BergamoScienza; Olimpiadi di Matematica: nel triennio Olimpiadi di Fisica: nel triennio Olimpiadi di Informatica: nel triennio; lezioni tenute in lingua inglese per alcune materie scientifiche (matematica, fisica, informatica) da dottorandi del MIT; percorso generale di formazione sulla costruzione della tesina; Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 8

9 7. Attività svolte in modalità CLIL Il nostro Istituto si è impegnato, sin dall inizio della Riforma, a curare gli aspetti metodologici-didattici dell insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua inglese secondo la metodologia CLIL, a partire dalla formazione dei docenti, anche attraverso corsi interni di certificazione linguistica. In particolare questa classe ha avuto modo di seguire, negli scorsi anni, alcuni moduli delle lezioni di Informatica in lingua inglese. I dettagli sui programmi effettivamente svolti nelle varie discipline e sui criteri che hanno portato alla selezione di tali contenuti sono esposti nelle relazioni dei singoli insegnanti riportate nell allegato 1 al presente documento. Durante l Anno Scolastico la classe ha avuto modo di affrontare i seguenti argomenti in modalità CLIL, grazie anche al supporto di un madrelingua che ha coadiuvato l attività di alcuni docenti titolari. Si tratta del prof. Kenneth Brand, sotto contratto nel nostro Istituto come lettore. Inoltre, nel mese di Gennaio, è intervenuto come lettori Evan Wang e Cristina Contreras, studenti del MIT (Massachusetts Institute of Technology), partecipanti al programma SITE (Study, Intercultural Training and Experience), esperienza di internazionalizzazione di alcune scuole lombarde, che ospitano, come docenti occasionali, studenti di tale Università. Wang ha effettuato 3 ore di lezione in Informatica, sia su temi del programma curricolare, sia su un argomento della propria esperienza personale. Contreras ha effettuato 3 ore di lezione in Scienze su argomenti del programma curricolare. DISCIPLINA DOCENTE PRESENZA DEL MADRELINGUA PERIODO ARGOMENTI INFORMATICA Cattafesta Franco NO Tutto l A.S. Tutti gli argomenti INFORMATICA STORIA SCIENZE NATURALI SCIENZE NATURALI Cattafesta Franco Fiozzi Daria Zappi Cristiana Zappi Cristiana SI Lezioni in lingua inglese dello studente del MIT Evan Wang su contenuti curricolari e su sue personali ricerche accademiche SI Lezione in lingua inglese del lettore madrelingua Kenneth Brand su contenuti curricolari SI Lezione in lingua inglese del lettore madrelingua Kenneth Brand su contenuti curricolari SI Lezioni in lingua inglese dello studente del MIT Cristina Contrras su contenuti curricolari Gennaio 2015 (3 ore) Aprile 2015 (3 ore) Marzo 2015 (5 ore) Gennaio 2015 (3 ore) Switching GIS Cryptography New Deal Pearl Harbor Intervento USA nella 2.Guerra Mondiale Global Warming Genic Therapy Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 9

10 LINGUA E LETT. ITALIANA STORIA INGLESE FILOSOFIA MATEMATICA FISICA SCIENZE NATURALI INFORMATICA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE 8. Criteri di selezione dei contenuti disciplinari, metodi e strumenti Gli insegnanti del C.d.C. hanno scelto i contenuti da trattare nella propria disciplina con riferimento alle indicazioni ministeriali, ponendo altresì attenzione agli obiettivi trasversali fissati a inizio anno dal Consiglio di Classe in un ottica di interdisciplinarità. In alcuni casi la selezione degli argomenti è stata dettata da scelte condivise in sede di programmazione disciplinare collegiale, in altri casi da particolari attitudini e professionalità dei singoli insegnanti, in altri ancora da motivate richieste della classe o da sopravvenute esigenze didattiche. Il lavoro in classe (e in laboratorio, se previsto) si è articolato prevalentemente con le seguenti metodologie e strumenti: Materie Strumenti e Metodi Lezione frontale X X X X X X X X X X X Lezione dialogata X X X X X X X X X X X Lettura e/o discussione dispense, appunti, fotocopie Lezione con diapositive, videoproiezioni da PC X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Uso testi in adozione X X X X X X X Lavoro in gruppo, cooperative learning X X X X X X X X Presentazione di parti del programma da parte degli studenti Attività di laboratorio X X Uso di materiale multimediale, Internet X X X X X X X X X X X Metodologia CLIL X X X X X Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 10

11 9. Criteri per la valutazione e la misurazione del profitto I docenti hanno svolto verifiche con tipologie e modalità diverse, come previsto nei singoli piani di lavoro annuali, ma tutti hanno fatto riferimento, in fase di valutazione, alla griglia approvata dal Collegio Docenti ed inserita nel P.O.F. dell istituto (qui di seguito riportata). Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 11

12 10. Criteri per la valutazione e la misurazione della condotta La valutazione della condotta ha fatto riferimento agli obiettivi comportamentali fissati dal Consiglio di Classe ed ha tenuto conto dei quattro indicatori riportati nella tabella sottostante, come previsto dal POF di Istituto. Il Consiglio di Classe, nel valutare la condotta, ha verificato che ognuno dei quattro indicatori, di cui alla tabella, fosse, per l alunno in esame, soddisfatto ad un livello uguale o superiore rispetto a quello corrispondente al voto attribuito. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 12

13 11. Simulazioni prove Esame di Stato Conformemente alla normativa vigente il Consiglio di Classe ha accolto già da un paio d anni la proposta d Istituto, predisposta dal gruppo di lavoro del Progetto Coordinamento classi quinte, che ha portato ad uniformare in tutte le classi quinte sia la modalità degli interventi di preparazione degli studenti all Esame di Stato, sia le tipologie di terza prova scritta e l utilizzo degli stessi criteri di valutazione per tutte le simulazioni delle prove scritte. Alla classe sono stati proposti due momenti di simulazione di terza prova nelle seguenti date: 5 febbraio 2015 e 30 aprile Tipologia simulazioni terza prova scritta Esame di Stato Il Consiglio di Classe ha proposto agli alunni due prove pluridisciplinari di tipologia B. Le discipline coinvolte in ogni simulazione sono state quattro, variate di volta in volta in modo da coprire tutto l arco di discipline dell ultimo anno. Le domande a risposta singola, in numero di tre per ciascuna disciplina, sono state formulate rispettando i seguenti criteri: ogni disciplina ha lo stesso peso nella valutazione complessiva; gli argomenti dei quali viene richiesta l esposizione devono consentire un esposizione sintetica ma completa di norma in non più di 7 righe o spazio bianco di mezza pagina A4; la prova deve poter essere completata in un massimo di 3 ore, comprendendo il tempo necessario alla revisione dell elaborato prima della consegna. I testi delle prove somministrate sono riportati nell allegato 2 al presente documento. Criteri di valutazione delle simulazioni di terza prova Il Consiglio di Classe ha deliberato che la misurazione dell esito complessivo della prova avvenisse attraverso le seguenti operazioni: per ogni disciplina coinvolta viene assegnata una valutazione parziale espressa in quindicesimi, ottenuta dalla media aritmetica delle valutazioni in quindicesimi delle singole risposte; la valutazione finale della terza prova in quindicesimi è data dall intero più prossimo (per difetto se decimale <5, per eccesso se decimale >=5) ottenuto dalla media aritmetica delle singole valutazioni disciplinari. la griglia di corrispondenza decimi/quindicesimi è quella indicata nella tabella dei Criteri di valutazione e misurazione del profitto riportata in altra sezione del presente documento. IL C.d.C. ritiene che la terza prova d Esame debba seguire la tipologia sulla quale gli allievi si sono esercitati onde permettere la migliore espressione delle loro potenzialità. Simulazione prima prova scritta (Italiano) Gli studenti sono stati preparati per la prima prova scritta d Esame di Stato dal docente di Italiano secondo le modalità previste dalla normativa vigente. Si è inoltre effettuata una simulazione della durata di 6 ore, in condizioni realistiche, in data Per i criteri di valutazione e di misurazione si è fatto riferimento alla tabella già riportata nel presente documento. Simulazione seconda prova scritta (Matematica) Gli studenti sono stati preparati per la seconda prova scritta d Esame di Stato dal docente della materia, che ha somministrato, nel corso della normale attività didattica, temi d esame degli anni passati. Inoltre come già anticipato, si sono inoltre effettuate due simulazioni della durata rispettivamente di 3 ore (25 febbraio 2015) e 6 ore (22 aprile 2015), in condizioni realistiche, con prove fornite la mattina stessa dal MIUR. Per i criteri di valutazione e di misurazione si è fatto riferimento alla tabella allegate alle prove stesse. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 13

14 12. Metodi e strumenti per il recupero ed il potenziamento Nel corso dell anno non sono stati attivati interventi pomeridiani specifici orientati al superamento delle lacune di profitto e di metodo di studio, ma si sono costruiti percorsi personali in classe da completarsi con studio autonomo guidato. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 14

15 13. Esperienze di ricerca, progetto o approfondimento personale degli alunni (tesine) Queste esperienze costituiscono il lavoro personale, spesso a carattere pluridisciplinare, che gli alunni, alla data odierna, dichiarano di voler presentare all Esame di Stato come argomento a scelta (tesina) in apertura di colloquio. I temi sono frutto di una libera scelta. Nello sviluppo delle tesine gli studenti sono stati stimolati dai docenti a seguire la tempistica stabilita a livello di istituto nell ambito del progetto Coordinamento classi quinte : definizione argomento (entro novembre); consegna relazione sullo stato di avanzamento lavori o abstract (entro febbraio); Nella tabella seguente si riportano gli argomenti scelti dai singoli studenti e le discipline coinvolte secondo quanto dichiarato dagli alunni. Alunno Benedini Sofia Bettoni Aronne Cavagna Francesca Fois Alessandra Gola Caterina Mainenti Matteo Malaspina Carlo Mari Nicola Mase Simone Masotto Emiliano Pasini GIulia Pernigotti Nicola Piccagli Federico Rima Matilde Ronconi Andrea Varchi Aurora Zamberlan Michele Zanellini Andrea Titolo dell argomento personale L UOMO SOSPESO TRA SOGNO E REALTÀ LA SICUREZZA NEL MONDO DEI TRASPORTI L IMPIANTO FOTOVOLTAICO: UN INVESTIMENTO PER L AMBIENTE LA PIENEZZA DEL SILENZIO (l incidenza dei neuroni a specchio sui meccanismi del linguaggio non verbale) IL LABILE CONFINE TRA GENIALITÀ E FOLLIA LE ORIGINI DELLA MALVAGITÀ NELL UOMO CERVELLI DIGITALI (realizzazione di un progetto che metta in comunicazione uomo e macchina) L EVOLUZIONE DELL IDEA DI PATRIA IN ITALIA DAL ROMANTICISMO AD OGGI SCIENZA IN CUCINA UOMINI E MACCHINE (il ciclo positivo dello sviluppo tecnologico sta per finire?) FRIDA KAHLO: ESPRIMERSI È LIBERARSI LA PSICOPATOLOGIA E I DISTURBI D ANSIA IL BELLO E IL SUBLIME EFFETTI SPECIALI L ENERGIA CHE ALIMENTA L UOMO TUTTA COLPA DELLA LUNA (similitudini e differenze tra le due più grandi crisi della storia) LA PURA ESPRESSIONE Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 15

16 Fanno parte integrante del Documento Finale del Consiglio di Classe i seguenti allegati, materiali che il CdC intende sottoporre alla Commissione d Esame di Stato. Allegato 1: Relazioni individuali dei docenti e programmi svolti. Allegato 2: Testi delle simulazioni di terza prova scritta per l Esame di Stato. Allegato 3: Criteri per l assegnazione dei crediti scolastico e formativo. Il presente Documento Finale del Consiglio di Classe della 5D è stato letto ed approvato all unanimità. Mantova, 14 Maggio 2015 Il Coordinatore del Consiglio della Classe 5D Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 16

17 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D ALLEGATO 1: Relazioni individuali dei docenti e programmi svolti MATERIA: ITALIANO DOCENTE: Prof. Fiozzi Daria SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI La selezione dei contenuti disciplinari di Italiano è avvenuta in base ai seguenti criteri: Indicazioni fornite dai Programmi Ministeriali per il corso di LSSA Linee programmatiche comuni stabilite con i colleghi di Lettere del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Individuazione di temi ed argomenti potenzialmente stimolanti e motivanti per gli allievi, in grado di sviluppare riflessioni individuali, anche grazie ad un opera di attualizzazione facilitata dall utilizzo di film contemporanei e di alcuni video teatrali Individuazione di contenuti e temi trasversali con i programmi di Storia, di Filosofia e di Inglese Individuazione di alcuni dei contenuti più significativi del processo di evoluzione della società, del pensiero, e della produzione letteraria del periodo in esame, con particolare attenzione per le novità della fine dell Ottocento e del primo Novecento Individuazione di testi particolarmente esemplificativi di autori e movimenti Individuazione di alcuni temi trasversali (la percezione della realtà, la condizione esistenziale dell uomo, il male di vivere, la natura e il paesaggio, la relazione individuo/società, la relazione arte/scienza, il ruolo dell artista e la funzione dell arte, la relazione arte/progresso tecnico, la relazione intellettuale/società, le enunciazioni di poetica) scelta da parte di ogni alunno di un romanzo dell Ottocento o del Novecento che lo ha particolarmente colpito tra quelli letti nel Triennio PROGRAMMA A PERCORSI LETTERARI AFFRONTATI NELLA CLASSE QUINTA Testo in adozione:: Saviano, Angioloni, Giustolisi, Mariani, Pozzebon, Panichi LIBERAMENTE VOL3 ED. Palumbo Trimestre 1. La rinnovata fiducia nel progresso: l età positivista Il Naturalismo in Francia: l utopia della narrazione oggettiva e della scientificità del romanzo Esempi di arte impressionista Il Verismo in Italia: rapporti con il Naturalismo G.Verga: l approdo al Verismo Cinema: Il ladro di bambini di Amelio tecniche e temi veristi nell Italia di oggi Pentamestre 2. Relativismo, spiritualismo, individualismo: l età Decadente Verso la dissoluzione delle forme poetiche tradizionali Baudelaire, un anticipatore - il simbolismo in Francia la diversa esperienza poetica di G. D Annunzio e G. Pascoli Cinema: La grande bellezza di Sorrentino temi e atmosfere decadenti nel mondo contemporaneo 3. I nuovi orizzonti del narrare: un diverso realismo Il nuovo romanzo novecentesco L. Pirandello: Il fu Mattia Pascal, lettura integrale le novelle -novità del teatro pirandelliano L uomo dal fiore in bocca con Vittorio Gassman - L inizio de I sei personaggi in cerca d autore, compagnia De Lullo, Valli, Falk, Albani, allestimento scenico di Pier Luigi Pizzi, regia di Giorgio De Lullo I.Svevo La coscienza di Zeno, lettura integrale Cinema: Provaci ancora Sam di W. Allen il tema dell inetto 4. Le avanguardie letterarie Le riviste (cenni) Documento finale 5BET a.s. 2005/2006

18 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D Futuristi - esempi di enunciazioni di poetica un frammento poetico esemplificativo esempi di pittura futurista 5. Tra le due guerre La poesia italiana: Ungaretti, Montale B DANTE ALIGHIERI LA DIVINA COMMEDIA (periodo: ottobre/febbraio) Testo in adozione: DANTE LA MENTE INNAMORATA, ED: Bruno Mondadori Prosegue il viaggio: ultima tappa il Paradiso canto I, VI, XV, XVII, XXXIII (in lettura integrale o parziale) C TEMITRASVERSALI la percezione della realtà la condizione esistenziale dell uomo il male di vivere la natura e il paesaggio la relazione individuo/società la relazione arte/scienza il ruolo dell artista e la funzione dell arte la relazione arte/progresso tecnico la relazione intellettuale/società le enunciazioni di poetica D- ROMANZI PRESENTATI DAGLI STUDENTI ALUNNO TITOLO LIBRO AUTORE Benedini Sofia La moglie dell'attore A.Tyler Bettoni Aronne Kim R.Kipling Cavagna Francesca 1984 G.Orwell Fois Alessandra Lettera a Berlino I.McEwan Gola Caterina Il grande Gatsby F.S.Fitzgerald Mainenti Matteo Il contesto L. Sciascia Malaspina Carlo Edoardo Il Vecchio e il Mare E. Hemingway Mari Nicola 1984 G. Orwell Mase Simone Uomini e topi J. Steinbeck Masotto Emiliano Cuore di tenebra J. Conrad Pasini Giulia La fattoria degli animali G. Orwell Pernigotti Nicola Il razzismo spiegato a mia figlia T.Ben Jelloun Piccagli Federico Il ritratto di Dorian Grey O. Wilde Rima Matilde Il grande Gatsby F.S.Fitzgerald Ronconi Andrea Il mondo nuovo A.Huxley Varchi Aurora Bel Ami G. De Maupassant Zamberlan Michele Gomorra/Il grande Gatsby R. Saviano/F.S.Fitzgerald Zanellini Andrea La fattoria degli animali G. Orwell ELENCO DEI TESTI ESAMINATI IN CLASSE IL NATURALISMO FRANCESE Emile Zola: Il romanzo sperimentale, un frammento IL VERISMO ITALIANO Giovanni Verga: Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 18

19 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D da NEDDA, L amore tra Nedda e Janu Le novelle: ROSSO MALPELO, LA LUPA, FANTASTICHERIA, LA ROBA, LIBERTA I Malavoglia : la lettera al Farina, la prefazione, l incipit, Mena, compare Alfio e le stelle che ammiccavano più forte (cap. II), L addio di Ntoni (cap. XV) Mastro don Gesualdo: La morte di Gesualdo IL DECADENTISMO Charles Baudelaire, un anticipatore: da I fiori del male : Corrispondenze, L albatro, Al lettore, A una passante, A chi è troppo gaia Paul Verlaine: Arte poetica, Languore Arthur Rimbaud: Vocali, frammenti da La lettera del veggente G.Pascoli: Novembre, Lavandare, Temporale, X Agosto, Il gelsomino notturno da Il fanciullino : E dentro noi un fanciullino, G.D Annunzio: dal Piacere : la conclusione (libro quarto, cap. III) dal Trionfo della morte : Ippolita, la Nemica da Le Vergini delle Rocce : Pochi uomini superiori da Alcione: Meriggio, La pioggia nel pineto dal Notturno : Visita al corpo di Giuseppe Miraglia O.Wilde: da Il ritratto di Dorian Gray, la prefazione: La menzogna è lo scopo legittimo dell arte J: K Huismans: da Controcorrente Des Esseintes (dal cap. II) I NUOVI ORIZZONTI DEL NARRARE UN DIVERSO REALISMO L.Pirandello: Il fu Mattia Pascal, dall Umorismo, parte II, cap. II da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato, La patente, La signora Frola e il signor Ponza suo genero La patente, sceneggiatura di Vitaliano Brancati e Luigi Zampa regia di Luigi Zampa L uomo da fiore in bocca I.Svevo: La coscienza di Zeno J: Joyce: da Ulisse, Il monologo di Molly LE AVANGUARDIE LETTERARIE Il Futurismo Marinetti: Manifesto del futurismo, Manifesto tecnico della letteratura futurista, qualche frammento TRA LE DUE GUERRE G.Ungaretti: da L Allegria : Il porto sepolto, Commiato, Fratelli, Mattina, Soldati, San Martino del Carso, Veglia da Sentimento del tempo, La madre da Il dolore, Non gridate più E.Montale: da Ossi di seppia : Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Cigola la carrucola del pozzo da Le occasioni : Non recidere forbice quel volto da Satura ; Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale parte del discorso tenuto dall autore in occasione della premiazione al Nobel E ancora possibile la poesia? Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 19

20 MATERIA: STORIA DOCENTE: Prof. Fiozzi Daria SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D La selezione dei contenuti disciplinari di Storia è avvenuta in base ai seguenti criteri: Indicazioni fornite dai Programmi Ministeriali per il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Linee programmatiche comuni stabilite sia con i colleghi di Storia delle classi quinte LSSA Individuazione di alcuni dei contenuti più significativi del processo di evoluzione delle istituzioni, della società e del pensiero del periodo in esame. In particolare è stato approfondito l argomento della crisi del 1929, con riferimenti all attuale crisi economica mondiale Individuazione di contenuti e temi trasversali con i programmi di Italiano, di Filosofia e di Inglese Individuazione di temi ed argomenti potenzialmente stimolanti per gli allievi, vicini alla loro sensibilità, capaci di sviluppare riflessioni individuali ed efficaci anche sul piano della maturazione personale PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA ARGOMENTI TRATTATI NELLA CLASSE QUINTA - Manuale: Fossati, Luppi, Zanette - LA CITTA DELLA SORIA VOL. 3 ED: Pearson Trimestre 1 L Età della prima e della seconda rivoluzione industriale -La prima rivoluzione industriale -La seconda rivoluzione industriale -La crisi economica di fine secolo -L imperialismo europeo e la nuova fase di espansione coloniale -Il quadro politico europeo negli ultimi trent anni del secolo -Potenze emergenti fuori dall Europa: Stati Uniti e Giappone 2 L Età dell imperialismo -Concentrazioni industriali e imperi economici -Il taylorismo -Il ruolo sempre più forte dello Stato e il deperimento delle democrazie liberali -La politica di potenza e la corsa al riarmo -Le crisi balcaniche -Le tensioni interne all Impero asburgico -La crisi russa del L età di Giolitti -La Prima Guerra Mondiale: quadro generale Pentamestre 3 Il dopoguerra in Europa e nel mondo -Le conseguenze della guerra -La Rivoluzione in Russia -Il fallimento dei moti rivoluzionari in Germania Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 20

21 -Il crollo delle istituzioni liberali in Italia e l avanzata del Fascismo -Il quadro generale in Europa e nel mondo 4 Gli anni del Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D -I trattati di pace e il nuovo quadro politico internazionale -Il Fascismo in Italia -La definitiva affermazione del processo di industrializzazione -Produzione di massa e nuovi consumi -La concentrazione dell attività economica e l internazionalizzazione degli scambi -La grande crisi del 1929 e il New Deal (CLIL) -Il Nazismo in Germania -Il regime sovietico sotto la dittatura staliniana -Dalla crisi del vecchio imperialismo al delinearsi di nuovi protagonisti: il Medio Oriente, la nascita della Turchia moderna, l India verso l indipendenza, la crisi cinese e la lunga marcia, la crescita del Giappone, l America latina e il complesso rapporto con gli USA -Le tensioni internazionali -La Seconda Guerra Mondiale: quadro generale 5 Il secondo dopoguerra -Nuovo assetto internazionale e Guerra Fredda -Patto Atlantico e Patto di Varsavia -Quadro sintetico delle tensioni nel mondo bipolare Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 21

22 MATERIA: INGLESE DOCENTE: Prof. Ranucci Federica Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D TESTI: Spiazzi, Tavella, Layton, PERFORMER CULTURE AND LITERATURE (voll.1,2,3), Zanichelli SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Durante l'anno scolastico sono stati scelti autori e testi che rappresentassero in modo significativo l'evoluzione dei canoni letterari nella letteratura inglese. Al di là del tradizionale percorso cronologico, si è inteso, nella scelta dei testi, rispondere alle sollecitazioni che sono venute da due temi, il maltrattamento e lo sfruttamento dei bambini o dell uomo dal XVIII al XX secolo. Il percorso di Inglese si è talvolta intrecciato a quelli di Italiano e Storia e Informatica, allo scopo di creare collegamenti interdisciplinari. Agli alunni, organizzati in piccoli gruppi, è stata data la possibilità di attivare teaching units con la modalità Peer to peer. In alcuni casi alcuni studenti hanno inoltre scelto un'immagine o un dipinto per riassumere i temi principali di un'opera letteraria trattata in classe. Si riporta un estratto dei programmi ministeriali per motivare le scelte effettuate: Comprende e contestualizza testi letterari di epoche diverse, con priorità per quei generi o per quelle tematiche che risultano motivanti per lo studente; analizza e confronta testi letterari, ma anche produzioni artistiche provenienti da lingue/culture diverse (italiane e straniere) A questo proposito i singoli docenti hanno effettuato una programmazione personale all'interno dei moduli previsti nella programmazione comune delle classi quinte, tenendo conto di percorsi alternativi interdisciplinari e delle motivazioni degli alunni. PROGRAMMA SVOLTO Modulo 1 THE RISE OF THE NOVEL DANIEL DEFOE: Robinson Crusoe (1719; vol.1 p.165) JONATHAN SWIFT, Gulliver's Travels,1726,(vol.1p.172) HOW CHILD LABOUR CHANGED THE WORLD, open cloze,(vol.1p.185) WILLIAM BLAKE and the victims of industrialisation, The Chimney Sweeper (vol.2 p. 186) ROMANTICISM W.WORDSWORTH,Preface to Lyrical Ballads 1800(photocopia) Upon Westminster Bridge (su Docebo) A new sensibility,word formation (vol. 2 p.214) Romanticism in English Paintings: CONSTABLE and TURNER(vol.2 p.226) The question of slavery (vol.2 p.262) Abraham Lincoln,Life(open cloze), (vol.2 p. 265) The Gettysburg speech,(open cloze vol.2 p.266) Walt Whitman, O Captain, my Captain,(vol.2 p.267) Modulo 2 VICTORIAN AGE Historical background,queen Victoria (vo.2 p.282) The British Empire (vol 2 p.324) New Discoveries (vol 2 p.286) The Victorian Compromise (word formation, vol 2 p.299) Victorian Education (vol 2 p.307) The role of the women (vol 2 p.316) Life in Victorian town (vol 2 p.290) Crime and violence (vol 2 p.342) VICTORIAN NOVEL (vol 2 p.300) C.DICKENS (vol 2 p.301) Oliver Twist (vol 2 p.303) Coketown (vol 2 p. 291) The mission of the colonizer R.KIPLING, The white man s burden, 1899 (vol 2 p326) Modulo 3 THE TWENTIETH CENTURY J.CONRAD and Imperialism; Heart of darkness, 1902 (vol 3p.450) E.M.FORSTER and the contact between different cultures: A passage to India, 1924,(vol 3p.457) J.JOYVE, Dubliners: Eveline (vol.3, p.463) Ulysses,Molly's monologue(fotocopia) Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 22

23 MATERIA: FILOSOFIA DOCENTE: Prof. Facchini Teresa SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D Le indicazioni ministeriali sono state valutate e rapportate alle caratteristiche della classe. Sono state proposte alla riflessione critica dei candidati alcune tematiche: i limiti della conoscenza e della razionalità, il ruolo della scienza e della tecnica, individuo e società. TESTI IN ADOZIONE E SUSSIDI DIDATTICI FORNITI: Non è stato adottato un testo, in quanto vengono proposti agli alunni, sia con lettura diretta in classe, che con materiali su Docebo, brani significativi dalle opere degli autori presentati e dai saggi critici. PROGRAMMA SVOLTO L Essere dell esistenza A. SCHOPENHAUER La Volontà, la materia e l intelletto; la Volontà e l arte. F. NIETZSCHE Dionisiaco e apollineo nell arte ; il nichilismo; la Metafisica nella cultura occidentale; la critica al Cristianesimo; il super-uomo M. HEIDEGGER Essere ed Esserci; l esistenza: la vita autentica e la vita inautentica; la scienza; la tecnica e il disvelamento; la filosofia come il corrispondere all appello dell essere dell essente. L Esperienza, la Scienza e il Linguaggio POSITIVISMO H: SPENCER: l evoluzione dell universo NEOPOSITIVISMO CIRCOLO DI VIENNA: la concezione scientifica del mondo: la critica alla metafisica e il linguaggio; M.SCHLICK: il principio di verificazione ; le proposizioni dotate di senso L. WITTGENSTEIN Il mondo e il linguaggio; l oggetto; la proposizione K.R. POPPER La scienza e le teorie. PSICOANALISI L esperienza terapeutica e l individuazione dell inconscio; S.FREUD: la struttura psichica: Es, Io, Super-io; il potere della coscienza morale; i limiti della razionalità; i meccanismi di difesa dell Io; l angoscia C.G.JUNG: l universalità collettiva dell inconscio e gli archetipi; il processo d individuazione; introversione ed estroversione; l inconscio individuale Le Masse e lo Stato J.ORTEGA Y GASSET Le masse, l uomo medio, le minoranze e il totalitarismo. C.SCHMITT Le categorie del politico. K.MARX Il materialismo dialettico e storico; la merce, la forza lavoro e il denaro.; Borghesia e proletariato Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 23

24 MATERIA: MATEMATICA Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D DOCENTE: Prof. Damian Erika (Bottura Donata, Geremia Sara) Testo/i in adozione e/o sussidi didattici forniti MANUALE BLU DI MATEMATICA volume 5 Moduli V Derivate e studi di funzione Modulo W Integrali Moduli sigma Distribuzione di probabilità Zanichelli, Bologna SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI L insegnamento della matematica ha proseguito ed ampliato il processo di preparazione scientifica e culturale già iniziato negli anni precedenti; sviluppando in particolare: l acquisizione delle conoscenze a livelli più elevati di astrazione e formalizzazione la capacità di cogliere i caratteri distintivi del linguaggio della matematica; la capacità di utilizzare metodi, strumenti e modelli matematici in situazioni diverse; l attitudine a riesaminare criticamente e a sistemare logicamente le conoscenze acquisite. L attività didattica si è svolta privilegiando un apprendimento significativo piuttosto che un apprendimento meccanico, alternando le attività di scoperta a quelle per ricezione, seguendo comunque lo sviluppo degli argomenti suggeriti dal libro. Le lezioni pertanto si sono svolte prendendo spunto, quando è stato possibile, da problematiche e/o esempi concreti per arrivare alla formulazione rigorosa dei principali concetti dell analisi. Si è utilizzato il libro di testo in adozione non solo per la scelta e la risoluzione guidata di esercizi ma anche per fornire agli studenti una fonte di riscontro degli argomenti trattati. In generale il software utilizzato è servito per rafforzare l apprendimento di concetti attraverso la verifica grafica, oppure come occasione per verificare i risultati ottenuti attraverso i calcoli. La classe è stata coinvolta quest anno nelle simulazioni di seconda prova proposte dal MIUR, in particolare quelle di matematica nei giorni 25 febbraio e 22 aprile con esiti senz altro migliori nella seconda simulazione. A questo proposito si specifica che nella prima simulazione sono stati proposti 2 problemi di tipo contestualizzato, mentre nella seconda sono stati forniti 2 problemi e 10 quesiti. Gli esiti delle simulazioni sono stati vari soprattutto perché le prove presentavano vari punti di debolezza: scelta poco adeguata dei contesti reali proposti, presenza di impliciti che hanno messo in difficoltà nell interpretazione del testo proprio gli studenti più preparati, stile di scrittura del testo poco adeguato a studenti maggiorenni, presenza di argomenti (quali serie numeriche) non presenti nelle Indicazioni Nazionali. Le tipologie di problemi proposti, così diverse rispetto la tradizione del liceo scientifico, hanno anche in generale disorientato un poco i docenti costringendoli ad una revisione in extremis della programmazione didattica stabilita a inizio anno. La scelta comunque degli argomenti affrontati è stata fatta al fine di: recuperare e completare le abilità applicative relative al calcolo di limite, che nella classe quarta erano state sviluppate ma non approfondite, comprendere le idee fondamentali dell analisi infinitesimale facendo riferimento, quando possibile, al loro significato geometrico, operare con il simbolismo matematico riconoscendone le regole sintattiche e semantiche sviluppare specifiche situazioni problematiche avvalendosi di modelli matematici propri dell analisi e nello specifico al fine di sapere affrontare esercizi standard di analisi matematica sapere usare competenze e conoscenze acquisite nel corso degli anni per risolvere problemi inerenti alla realtà sapere affrontare la prova all esame di Stato cercando anche di recuperare alcuni argomenti e alcune tipologie di problemi di matematica generale utili per rispondere ai possibili quesiti d esame. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 24

25 PROGRAMMA DI MATEMATICA SVOLTO LIMITI DI FUNZIONI /CONTINUITÀ (RIPASSO) SUCCESSIONI Ripasso definizione di funzione continua in un punto Ripasso algebra dei limiti Ripasso teoremi fondamentali sulle funzioni continue Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D Ripasso forme di indecisione Asintoti di una funzione e loro ricerca Teoremi sulle funzioni continue in [a,b]: teorema di Weierstrass, teorema dei valori intermedi, teorema degli zeri. Classificazione dei punti di discontinuità di una funzione Definizione di successione e relative definizioni Limite di una successione Progressioni aritmetiche e geometriche Problema della retta tangente e definizione di derivata di una funzione in un punto, derivata destra e sinistra, funzione derivabile in un intervallo Relazione fra continuità e derivabilità. Derivate fondamentali (con dim.) Teoremi sul calcolo delle derivate: derivata del prodotto di una funzione per una costante (con dim.), della somma di funzioni (con dim.), del prodotto di funzioni, della potenza di una funzione, del reciproco di una funzione (con dim.), del quoziente di funzioni (con dim.). DERIVATE g ( x) Derivata della funzione composta e di f ( x) (con dim.) Teorema della funzione inversa e derivata della funzione inversa Esercizi di applicazione delle regole di derivazione Derivate di ordine successivo Differenziale di una funzione e suo significato geometrico. Equazione della retta tangente al grafico di una funzione. Punti stazionari e punti di non derivabilità. TEOREMI SULLE Teorema di Rolle (con dim.), Teorema di Lagrange (con dim.) FUNZIONI Funzioni crescenti e decrescenti e C.S. DERIVABILI Teorema di De L Hospital e sue applicazioni Definizione di massimo e minimo relativi e assoluti e di flesso Ricerca di massimi, minimi (C.S.) e flessi a tangente orizzontale mediante la derivata prima. MASSIMI, MINIMI E Concavità e segno della derivata seconda FLESSI C.N. per i flessi, ricerca dei flessi con lo studio della derivata seconda Semplici problemi di massimo e minimo Studio di funzioni polinomiali, razionali fratte, irrazionali, logaritmiche ed esponenziali, goniometriche Definizione di primitiva e di integrale indefinito e proprietà di linearità. INTEGRALE Integrali indefiniti immediati INDEFINITO L integrazione per sostituzione, l integrazione per parti Integrazione indefinita di una funzione razionale fratta Definizione di integrale definito di una funzione positiva o nulla mediante l area del trapezoide, definizione generale. Proprietà. Teorema della media (con dim.) INTEGRALE La funzione integrale e il teorema fondamentale del calcolo integrale (con dim.), calcolo di integrali DEFINITO definiti. Calcolo dell area di regioni piane Calcolo di volumi di solidi attraverso l integrazione Calcolo del volume di solidi di rotazione Integrale improprio di una funzione continua in un intervallo illimitato INTEGRALE Integrale improprio di una funzione continua in un intervallo limitato e non chiuso IMPROPRIO Integrale improprio di una funzione generalmente continua Risoluzione approssimata di soluzioni: separazione delle radici: teorema di esistenza degli zeri, primo teorema di unicità della soluzione, secondo teorema di unicità della soluzione ANALISI NUMERICA metodi di bisezione Integrazione numerica approssimazione dell area di un trapezoide mediante il metodo dei rettangoli EQUAZIONI Equazioni differenziali del primo ordine del tipo y =f(x), a variabili separabili e lineari DIFFERENZIALI Risoluzione di problemi di Cauchy per casi semplici Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 25

26 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D MATERIA: FISICA DOCENTE: prof. Pagliari Andrea Testo in adozione Dalla meccanica alla fisica moderna. Volume 3 Autore: James Walker Casa editrice: Pearson Programma svolto 1. Cariche elettriche o forza di Coulomb o campo elettrico o teorema di Gauss o energia potenziale e potenziale elettrico o condensatori a facce piane e parallele o condensatori in serie e parallelo 2. Correnti elettriche o Corrente elettrica o La resistenza e le leggi di Ohm o Energia e potenza nei circuiti o Resistenze in serie e parallelo o Leggi di Kirchhoff o Circuito RC 3. Magnetismo o Il campo B o forza di Lorentz e periodo di rotazione o moto di particelle cariche dove è presente un campo B o interazione tra fili percorsi da corrente o spira, solenoide 4. Induzione elettromagnetica o flusso e f.e.m indotta o legge di Lenz o lavoro meccanico ed energia o circuito RL o trasformatori 5. Leggi di Maxwell 6. Relatività ristretta o esperimento di Michelson-Morley o trasformazioni di Lorentz o orologio luce e contrazione lunghezza o composizione delle velocità o massa relativistica o quantità di moto ed energia Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 26

27 MATERIA: INFORMATICA DOCENTE: prof. Cattafesta Franco Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D ESTRATTO: INFORMATICA LSSA: INDICAZIONI MINISTERIALI PER IL QUINTO ANNO È opportuno che l'insegnante che valuterà di volta in volta il percorso didattico più adeguato alla singola classe realizzi percorsi di approfondimento, auspicabilmente in raccordo con le altre discipline. Verranno studiati i principali algoritmi del calcolo numerico (CS), introdotti i principi teorici della computazione (CS) e affrontate le tematiche relative alle reti di computer, ai protocolli di rete, alla struttura dell Internet e dei servizi di rete (RC-IS). Con l'ausilio degli strumenti acquisiti nel corso dei bienni precedenti, saranno inoltre sviluppate semplici simulazioni come supporto alla ricerca scientifica (studio quantitativo di una teoria, confronto di un modello con i dati ) in alcuni esempi, possibilmente connessi agli argomenti studiati in fisica o in scienze (CS). SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Il programma è stato affrontato cercando di seguire il più possibile le indicazioni ministeriali riguardanti il quinto anno, e cercando di conformarlo all indirizzo scolastico, piuttosto che fare un generico corso di Informatica. Anche nel secondo biennio, svolto con lo stesso docente nei due anni precedenti, erano state seguite in modo particolareggiato le indicazioni ministeriali. Il primo biennio era stato svolto con altri docenti. È stato prediletto l approccio pratico riguardante il software, rispetto alle questioni teoriche. Sono stati quindi affrontate tematiche di calcolo numerico, introducendo i metodi basilari per la scrittura di programmi di simulazione, che trattassero problemi di altre scienze. Ad esempio, sono stati affrontati numerosi problemi relativi ad altre discipline: Matematica (approssimazioni, calcolo differenziale, calcolo integrale, calcolo combinatorio), Fisica (problemi di Meccanica: moti armonici, moti uniformemente accelerati), Biologia (automi cellulari) e Scienze Sociali (prossemica). I materiali sono stati forniti dal docente. Si tratta di due dispense (una sull analisi numerica, una sui protocolli e servizi di rete, la seconda tematica del corso) C PDF Networks.PDF I testi sono disponibili online ai seguenti indirizzi: (analisi numerica e computazione) (protocolli e servizi di rete) I testi sono in inglese, essendo stata adottata in toto la metodologia CLIL. Tutte le lezioni, le verifiche e le interazioni con gli studenti sono state effettuate in inglese. La metodologia CLIL era già stata introdotta negli anni precedenti: i testi di seconda e terza contengono alcuni moduli in inglese; il testo di quarta è interamente in inglese. Durante gli anni precedenti alcune letture e alcune lezioni erano state effettuate con metodologia CLIL. Come strumenti e metodi, sono stati usati: lezioni frontali; lezioni dialogate; lettura di dispense; lezioni con proiezione di slide e video; uso di PC in classe (ogni studente è dotato di computer portatile); simulazione e programmazione. Lavoro in gruppo Uso di materiale multimediale e online Metodologia CLIL Il recupero, ove necessario, è stato effettuato con studio individuale. Non sono state effettuate attività di potenziamento. Non sono state effettuate attività integrative. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 27

28 Calcolo numerico e computazione Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D PROGRAMMA SVOLTO DI INFORMATICA Introduzione ad una libreria grafica (Allegro) Uso di una libreria grafica in un programma C++ Tracciamento di forme geometriche Strumenti per la soluzione di problemi geometrici Il problema della calibrazione Oggetti geometrici e loro proprietà e metodi Problemi geometrici di proiezione e sezione Applicazioni di Trigonometria Tracciamento di curve punteggiate Studio di alcune curve storiche Introduzione al GIS Cenni di teoria dei sistemi Problemi di approssimazione Problemi di simulazione Problemi matematici risolti con metodi numerici Approssimazione di π (pi greco) Derivata di una funzione Calcolo di integrali definiti Calcolo combinatorio Animazioni e videogiochi Zero-player games o Mario race (la corsa dei pinguini) o Le torri di Hanoi Interazione utente-macchina (one-player games) o The flying pig Automi cellulari o Il Gioco della Vita secondo Conway o La formica di Langtont Moti armonici Cenni a simulazioni di scienze sociali (prossemica) Protocolli e servizi di rete Il modello ISO/OSI di classificazione dei protocolli Cenni sui protocolli di alto livello (5/6/7) Gestione della comunicazione a livello 4 Cenni sulla comunicazione a livello 1 Uso di un software di cattura di pacchetti (Wireshark) Livello 2: switching Indirizzi MAC Gestione del traffico locale da parte degli switch Gestione della CAM Minacce e sicurezza Livello 3: routing Reti, sottoreti e loro indirizzamento con il protocollo IP versione 4 Cenni al protocollo IP versione 6 Gestione della routing table Route statiche e dinamiche Minacce e sicurezza Risoluzione di indirizzi IP Struttura e servizi dell Internet Intranet Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 28

29 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D TOPICS COVERED IN COMPUTER SCIENCE (CLIL) Numerical analysis and computation Introduction to a graphic library (Allegro) Using a graphic library in a C++ program Tracing geometric shapes Tools for the solution of geometric problems The problem of calibration Geometric objects and their properties and methods Geometric problems with projections and sections Applications of Trigonometry Curve tracing Study of historic curves Introduction to GIS Notes on the theory of systems Problems in approximation Problems in simulation Numerical solutions to mathematical problems Approximation of π (pi) Derivative of a function Methods for definite integrals Combinatorics Animations and video games Zero-player games o Mario race (the race of the penguins) o The towers of Hanoi Man-machine interaction (one-player games) o The flying pig Cellular automata o Conway s Game of Life o Langton s Ant Harmonic motions Notes on social science simulations (proxemics) Network protocols and services The ISO/OSI model for the classification of protocols Notes on high-level protocols (5/6/7) Handling communications at layer 4 Notes on layer 1communication Using a packet capture software (Wireshark) Layer 2: switching MAC addresses Local traffic management with switches CAM management Menaces and security issues Layer 3: routing Networks, subnets, and addressing with IP protocol version 4 Notes on IP protocol version 6 Routing table management Static and dynamic routes Menaces and security issues Solving IP addresses Structure and services of the Internet Intranets Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 29

30 MATERIA: SCIENZE DOCENTE: prof. Zappi Cristiana Testi in adozione: Campbell Biologia Pearson Linx Palmieri e Parotto Il Globo Terrestre Zanichelli Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D Il programma di Scienze Naturali della classe Quinta è stato svolto attenendosi alle indicazioni ministeriali, trattandosi di possibile materia oggetto di seconda prova d Esame. I ragazzi hanno seguito con interesse, collaborando e partecipando alle diverse proposte. Sono stati affrontati diversi approfondimenti: partecipazione al Festival BergamoScienza che ha visto impegnati alcuni alunni in prima linea ma con notevole ricaduta su tutta la classe soprattutto per gli approfondimenti relativi alle risorse rinnovabili, successivamente ripresi durante il modulo Clil. Così la partecipazione di alcuni alunni al laboratorio sulle Biotecnologie svoltosi a Bologna, con la preziosa collaborazione del Dott. Perini dell Università di Bologna. Durante il viaggio di istruzione a Trieste è stato possibile approfondire alcune tematiche di Scienze Naturali all Istituto Electra. RIPASSO DI CHIMICA ORGANICA: isomeria, gruppi funzionali RIPASSO DELLE PRINCIPALI FAMIGLIE DI COMPOSTI ORGANICI_ POLIMERI DI SINTESI: Polimeri di addizione e polimeri di condensazione Ripasso di alcoli, fenoli ed eteri nomenclatura, proprietà fisiche _ Acidi carbossilici e gli esteri _ Polimerasi di condensazione _ Biomolecole: Carboidrati monosaccaridi, disaccaridi, polisaccaridi formule di strutture e proprietà fisico-chimiche) Lipidi saponificabili, insaponificabili (formule di strutture e proprietà fisico-chimiche) Aminoacidi Proteine aminoacidi struttura proteine e attività biologica: struttura primaria, secondaria, terziaria e quaternaria Enzimi catalizzatori biologica Nucleotidi e acidi nucleici struttura del DNA, diversi tipi di RNA, duplicazione del DNA, codice genetico e la sintesi proteiche METABOLISMO: Anabolismo e catabolismo Via metaboliche divergenti, convergenti e cicliche ATP come principali fonti di energie Coenzimi Processi metabolici METABOLISMO DEI CARBOIDRATI: Respirazione cellulare glicolisi, decarbossilazione ossidativa, ciclo di Krebs, fosforilazione ossidativa Fermentazioni Fotosintesi fase luminosa: fotosistema2, fotosistema 1 e fase oscura : ciclo di Calvin Controllo glicolisi e via dei pentoso fosfati Gluconeogenesi biosintesi del glucosio da piruvato, lattato e da aminoacidi METABOLISMO DI LIPIDI Betaossidazione Corpi chetonici Produzione di riserve di lipidi e colesterolo da parte del fegato METABOLISMO AMINOACIDI Transaminazione Deaminazione ossidativa Biosintesi dell'urea REGOLAZIONE DELLE ATTIVITA METABOLICHE Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 30

31 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D Controllo della glicemia insulina e glucagone Metabolismo differenziato delle cellule dell'organismo BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Biotecnologie classiche e nuove Tecnologia del Dna ricombinante : enzimi di restrizione, elettroforesi ( agarosio poliacrilammide) DNA ligasi, ibridazione del DNA, sintesi chimca del DNA a singolo filamento, localizzazione, specifica sequanza di basi in un frammmanto di restrizione Southern Blotting) Metodi per copiare il Dna Dna polimerasi, sintesi Dna da uno stampo di rrna, amplificazione del DNA, PCR, sequenziamento del DNA Clonaggio e clonazione clonaggio del DNA : vettore di clonaggio, geni marcatori, clonaggio propriamente detto, Clonazione organismi complessi pecora Dolly Analisi del DNA Tecnologia Microarray: Microarray di Dna, Microarray di proteine, Microarray di Rna Ingegneria genetica e Ogm applicazione delle biotecnologie:mediche( trattamenti terapeutici) biotecnologie agrarie ( nelle piante e allevamento animale) e ambientali (applicazione nelle depurazioni degli inquinamenti e applicazione ai processi industriali) Ingegneria genetica applicata in campo Ruolo dell'rna : tecnologia antisenso, interferenza dell'rna, micrrrna, ribozimi SCIENZE NATURALI INTERNO DELLA TERRA: Indagine sismologica e struttura stratificata della terra FENOMENI SISMICI: Origine dei terremoti Onde sismiche Terremoti e i loro effetti Previsione del rischio sismico FENOMENI VULCANICI: Eruzioni vulcanici Forme dei vulcani e eruzione vulcaniche Rischi vulcanici TETTONICA A PLACCHE: Crosta oceanica e crosta continentale Espansione dei fondali oceanici Margini divergenti, convergenti e trascorrenti Terra pianeta in evoluzione TERRA AERIFORME: Atmosfera Stratificazione composizione chimica, pressione e movimenti dell'atmosfera, circolazione generale dei venti Fenomeni metereologici nebbia e nuvole, precipitazione atmosferiche Bilancio energetico della terra energia solare atmosfera, effetto sera, temperatura dell'aria, equilibrio termico della terra MODULO CLIL IN INGLESE Global Warming. Sono state inoltre approfondite alcune tematiche relative al Corpo Umano: APPARATO LOCOMOTORE SISTEMA NERVOSO Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 31

32 MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: prof. Tuzza Susanna Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D LE LEZIONI SONO PREPARATE DALL'INSEGNANTE CON AUSILIO DI TESTI PERSONALI E PROPOSTE IN LIM. (VISIBILE SU DOCEBO) Elenco moduli Argomenti Metodi / Strumenti / Testi / Letture Periodo 1 L'ETA' DEL NEOCLASSICISMO IL PASSAGGIO DAL CLASSICISMO SETTECENTESCO ALLA CULTURA NEOCLASSICA:LA SCUTURA DI CANOVA E LA PITTURA DI DAVID. ARCHITETTURA NEOCLASSICA IN ITALIA E IN EUROPA LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI. SETTEMBRE OTTOBRE 2 IL ROMANTICISMO L'AFFERMAZIONE DELLA NUOVA SENSIBILITA':RAGIONI STORICHE ED ARTISTICHE. LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI. NOVEMBRE POETICHE E SPERIMENTAZIONI PREROMANTICHE. GOYA. LA PITTURA ROMANTICA IN GERMANIA, FRANCIA, INGHILTERRA E ITALIA. FRIEDRICH, GERICAULT, DELACROIX, HAYEZ. 3 L'IMMAGINE DELLA REALTA' NELL'ARTE DEL SECONDO OTTOCENTO DEFINIZIONE E CARATTERI DEL REALISMO. CULTURA E SOCIETA' NELLA PARIGI DI META' OTTOCENTO. IL PENSIERO E LE OPERE DI COURBET. IL REALISMO SOCIALE DI. I MACCHIAIOLI TOSCANI. LA PITTURA IMPRESSIONISTA: LUOGHI,TEMI E SOLUZIONI TECNICHE. IL PERCORSO ARTISTICO DI MANET, MONET, DEGAS, DE NITTIS LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI. VISIONI DI DOCUMENTARI D'AUSILIO ALLA CONOSCENZA DICEMBRE GENNAIO 4 LA NASCITA DELL'ARTE CONTEMPORANEA LA CULTURA EUROPEA DELL'ULTIMO TRENTENNIO DEL XIX SECOLO. IL SUPERAMENTO DELLA POETICA IMPRESSIONISTA: CEZANNE, VAN GOGH, GAUGUIN, MUNCH E L'ESPRESSIONE LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI I VISIONI DI DOCUMENTARI D'AUSILIO ALLA CONOSCENZA FEBBRAIO MARZO Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 32

33 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D DELL'ANGOSCIA ESISTENZIALE. L ETA DELL ART NOUVEAU 5 LE AVANGUARDIE STORICHE E ARTE DELLA PRIMA META' DEL NOVECENTO L'ESPRESSIONISMO NELLE SUE VARIE DECLINAZIONI: I FAUVES, DIE BRUCKE, DET BLAUE REITER.. ESPRESSIONISMO AUSTRIACO E BELGA. LA NASCITA DEL CUBISMO. L'ARTE DI PICASSO. LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI VISIONI DI DOCUMENTARI D'AUSILIO ALLA CONOSCENZA APRILE MAGGIO IL FUTURISMO: NASCITA E SVILUPPO; BOCCIONI, BALLA, CARRA' E SANT ELIA. L ASTRATTISMO DI KANDINSKIJ E MODRIAN. LA METAFISICA DI DE CHIRICO, SAVINIO, CARRA' E MORANDI. DADAISMO: MARCEL DUCHAMP, MAN RAY, HANS HARP, PICABIA SURREALISMO: DALI' E MAGRITTE 6 IL PRIMO DOPOGUERRA DE STIJL E NEOPLASTICISMO. IL BAUHAUS E LA NASCITA DEL MOVIMENTO MODERNO: LE CORBUSIER MIES VAN DE ROHE, WRIGHT. LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI POSSIBILI VISIONI DI DOCUMENTARI D'AUSILIO ALLA CONOSCENZA MAGGIO L'EPOCA DEL REALISMO E DEI TOTALITARISMI. 7 NUOVI LINGUAGGI I CARATTERI DELLA CULTURA DEGLI ANNI SESSANTA E SETTANTA. NEW DADA IN AMERICA. POP ART INGLESE E AMERICANA. LE NEOAVANGUARDIE. LA MULTICULTURALITA' DELL'ARTE LETTURA D'OPERA E APPROFONDIMENTI POSSIBILI VISIONI DI DOCUMENTARI D'AUSILIO ALLA CONOSCENZA MAGGIO GIUGNO DURANTE IL CORSO DELL'ANNO, DA DICEMBRE A MAGGIO, PARALLELAMENTE AL PROGRAMMA DI STORIA DELL'ARTE, LE CLASSI QUINTE HANNO SVOLTO UNO STUDIO (ANCHE CON L'AUSILIO DI AUTONOME RICERCHE DI APPROFONDIMENTO) SUL CINEMA, INTESO COME SETTIMA ARTE, CON IL TITOLO: NASCITA, SVILUPPO ED EVOLUZIONE DEL CINEMA, GENERI E METODI DI SVILUPPO. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 33

34 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DOCENTE: prof. Agostino Elisabetta NESSUN TESTO IN ADOZIONE Uso, all'occorrenza, del computer o di testi dell insegnante CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D L insegnante, con riferimento ai programmi ministeriali, ha effettuato una selezione dei contenuti basata sulle seguenti considerazioni: Scelta prevalente di attività pratica in gruppo e individuali Conoscenza di tutti i regolamenti degli sport affrontati Lezioni frontali svolte su argomenti del corpo umano: Sistema cardio-circolazione e respiratorio Il doping e l'alimentazione dello sportivo PROGRAMMA SVOLTO Giochi sportivi principali Pallavolo Pallacanestro Pallamano Calcio a 5 Baseball Tamburello Tennis Tavolo (Tecnica individuale, fondamentali di squadra e tecniche di allenamento e potenziamento) Attività individuali e a coppie di forza abilità e destrezza generiche Approfondimento dei fondamentali degli sport di squadra e applicazione degli stessi nelle fasi di gioco. Atletica leggera: esecuzione di corsa veloce, di resistenza lanci e salti Lezioni teoriche: corpo umano, la contrazione e l'atp, doping e alimentazione. Le regole dei principali sport di squadra METODOLOGIA Lezioni frontali Esercitazioni e applicazione in fase di gioco Verifiche pratiche e orali Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 34

35 MATERIA: RELIGIONE CATTOLICA DOCENTE: prof. Spazzini Nicola TESTI IN ADOZIONE: nessuno Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D Il Docente ha utilizzato come sussidi appunti, schede e materiale multimediale reperito in rete e/o predisposto a partire da una pluralità di fonti edite. Gli step concettuali e i focus delle discussioni sono stati in alcuni casi trasposti su slide, realizzate anche in classe e con la collaborazione degli studenti. SINTESI DEI CRITERI DI SCELTA DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Le aree tematiche sono state individuate e sviluppate considerando: 1. la normativa vigente; 2. questioni individuate come prioritarie dalla programmazione annuale del gruppo disciplinare; 3. eventuali approfondimenti tematici riferibili a uno o più contenuti della classe IV ; 4. attualità e problematiche emerse nel dialogo-confronto con gli Studenti; 5. convergenze con altre discipline del piano di studi; 6. preparazione degli Studenti per la tesina dell esame di Stato. PROGRAMMA SVOLTO - Una concezione progettuale della vita : le scelte, il futuro e il messaggio cristiano. - Questioni scelte di morale famigliare: o il matrimonio cristiano nella sua dimensione sacramentale: valori e prospettive di fondo della vita coniugale intesa come amore di donazione reciproco con l aiuto di Cristo (confronto con matrimonio civile, convivenze, pluralità di modelli famigliari e lineamenti essenziali della normativa vigente). - La fede in una prospettiva adulta: spazio e valore del messaggio evangelico nel contesto odierno. Esigenza di interpretare e discernere nella prospettiva del Vangelo. 1. Superare la diatriba tra evoluzionismo e creazionismo 2. Unioni omossessuate 3. Utilizzo e liceità morale dei metodi contraccettivi 4. Le novità di papa Francesco 5. Moralità in una società La violenza: il femminicidio e il cyberbullismo 7. Etica sociale, valori e diritti nel periodo della disoccupazione 8. Convergenza tra solidarietà e carità 1-8 Sono stati affrontati e sviluppati nel pentamestre, a partire da una lezione tenuta sul tema dagli Studenti. In precedenza (trimestre), l oggetto di questi lavori era stato concordato col docente e seguito da un abstract valutato (novembre). L intenzionalità didattica era dare loro l opportunità di mettersi alla prova con una micro-tesina, che fosse per loro propedeutica in vista dell esame di Stato. - Il cristiano e le virtù: il Cammino verso la santità della propria vita. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 35

36 Allegati al Documento finale del CdC della classe 5D ALLEGATO 2: domande delle simulazioni di terza prova scritta per l Esame di Stato FILOSOFIA PRIMA SIMULAZIONE DI TERZA PROVA 1.Martin Heidegger in Essere e tempo afferma: Ciò che è espresso presuppone sempre la comprensione e l interpretazione. Più che di comprendere l ente di cui si discorre, ci si preoccupa di ascoltare ciò che il discorso dice come tale. Perché nella chiacchiera si intendono le medesime cose e ciò che è detto è compreso da tutti nella medesima medietà? 2.Carl Gustav Jung in Il significato della costituzione e dell eredità in psicologia afferma: La coscienza è un intervallo in un processo psichico continuo probabilmente un vertice che richiede un particolare sforzo fisiologico e che perciò torna a scomparire per periodi giornalieri. Cosa si intende qui per processo psichico continuo? 3. Arthur Schopenhauer ne Il mondo come volontà e rappresentazione afferma: La volontà agisce anche là dove non c è conoscenza che la guidi. Il regno della natura è un tempo infinito. Che ruolo ha la conoscenza? MATEMATICA 2 x ax 2 1. Data la funzione y, determinarne il dominio e stabilire per quali valori del x 4 parametro a reale la funzione non presenta né massimi, né minimi. 2. Determinare gli intervalli di concavità e convessità e i flessi della funzione: y 2 x ln x 2x 3. Sapendo che la funzione y=f(x) ha un asintoto obliquo, provare che esiste una relazione tra la ricerca usuale del coefficiente angolare dell asintoto obliquo e il limite f '( x). Motivare adeguatamente la risposta. Dalle considerazioni precedenti descrivi il comportamento del grafico di y=f (x) in prossimità dell. INGLESE 1.The Chimney Sweeper is a stereotype of the time. 2.Explain the features of Romanticism in the Lyrical Ballads. 3.Talk about The Great Exhibition in London. E consentito l uso del Dizionario monolingue. 3 lim x Documento finale 5BET a.s. 2005/2006

37 Allegati al Documento finale del CdC della 5D FISICA 1 Nel circuito in figura cinque lampadine identiche sono collegate ad una batteria di pile. Le lettere P, Q, R, S e T indicano la luminosità delle lampadine. Una sola delle seguenti disuguaglianze può essere corretta, quale? Giustifica la tua scelta A P > Q = R > S = T B P > S = T > Q = R C Q = R > S = T > P D P = S = T > Q = R Motiva la tua scelta 2 Nell'apparecchiatura mostrata in figura, una carica di 2 C viene spostata dalla piastra S che si trova al potenziale di 250 V, alla piastra T che si trova ad un potenziale di 750 V. Quanta energia occorre fornire per spostare la carica dalla piastra S alla piastra T? Se la distanza tra le due armature venisse raddoppiata, quanta sarebbe l'energia che occorre fornire per spostare la carica da S a T? 3 Nel circuito mostrato in figura, la batteria ha resistenza interna nulla. L'interruttore viene chiuso e si aspetta che il processo di carica del condensatore abbia termine. In questa situazione, qual è la tensione ai capi del condensatore? Documento finale 5BET a.s. 2005/2006

38 INFORMATICA Allegati al Documento finale del CdC della 5D SECONDA SIMULAZIONE DI TERZA PROVA SUBJECT: COMPUTER SCIENCE (MATERIA: INFORMATICA) 1. (SWITCHING) Explain the content of the CAM table and how it is managed. Explain to what menaces it is exposed. 2. (SIMULATIONS) This is a depiction of Mario the penguin (Mario3.png) racing along a circular track. Write the snippets that can be inserted into an event loop (timer and keyboard) with the following interactions: left arrow=force clockwise rotation; right arrow=force counterclockwise rotation; up arrow=increase speed; down arrow=decrease speed. 3. (GEOMETRY)This is a depiction of the famous John Snow map of the cholera outbreak in Soho, London (1854). How would you represent the situation with a graphic library and how would you write a C++ program that analyzed it? If possible, explain your choices with some snippets. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 38

39 Allegati al Documento finale del CdC della 5D INGLESE 1. Write a short description of the library to tell how scary it might seem from the inside at night. 2. Did Jack succeed in his task? 3. Describe one day you spent in a library. Istituto Superiore Fermi MN - Documento finale del C.d.C. della Classe 5D - A.S Pagina 39

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO G. ASPRONI E. FERMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 Docente: Carla Ada Piu Disciplina: Matematica e Complementi di matematica CLASSE

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Prof. Novaresio Domenico Obiettivi generali trasversali Nel corso

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Piano di Lavoro di MATEMATICA. a cura del dipartimento di Matematica e Fisica QUINTO ANNO

Piano di Lavoro di MATEMATICA. a cura del dipartimento di Matematica e Fisica QUINTO ANNO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 Cod.Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF./ PROF.SSA LORETTA BETTINI MATERIA DI INSEGNAMENTO MATEMATICA CLASSE IVB I.T.T. Finalità formative Nel corso del triennio superiore

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Anno scolastico 2014/2015 ISIS Pagano - Bernini Classe V G REL INT Programma d Italiano Insegnante M. Pascotto Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Cap I : La situazione economica

Dettagli

Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Scuole Paritarie e Case Vacanza Civico Polo Scolastico Alessandro Manzoni PROGRAMMA PREVENTIVO

Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Scuole Paritarie e Case Vacanza Civico Polo Scolastico Alessandro Manzoni PROGRAMMA PREVENTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/ 2015 Scuola LICEO LINGUISTICO TEATRO ALLA SCALA DOCENTE BASSO RICCI MARIA MATERIA MATEMATICA Classe Quinta. Sezione A. PAGINA: 2 Finalità -Leggere il testo matematico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G DIPARTIMENTO: ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 4 AII-ABIT - pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 4AII-4BIT CLASSE E Monte ore

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Franca Decolle Materia matematica e fisica N.ro ore settimanali 3+3 N.ro ore complessivamente svolte Classe 3C 1. Presentazione sintetica della classe; L attività didattica

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev5 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2013/014 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA Composizione della classe Alunni ripetenti

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Piano di lavoro Matematica e Fisica IVD Liceo Scientifico Anno Scolastico 2012/2013

Piano di lavoro Matematica e Fisica IVD Liceo Scientifico Anno Scolastico 2012/2013 PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE CLASSE IV D LICEO SCIENTIFICO "V.IMBRIANI"- POMIGLIANO D ARCO PROF. ANNALISA MAUCIONI MATERIA: MATEMATICA E FISICA - A.S. 2012/2013 TESTO ADOTTATO: Dodero Baroncini - Manfredi:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata Liceo scientifico Alberti a. s. 2015-2016 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE V A Sezione / indirizzo Scientifico Scienze Applicate Linguistico docente materia ore settimanali di lezione Gota

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso del liceo scientifico lo studente conoscerä i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in så considerata,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS Classe: 3 a B Informatica Docente: Gianni Lai PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MATEMATICA e COMPLEMENTI

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009 Istituto Tecnico Industriale Statale Sen. Onofrio Jannuzzi Viale Antonio Gramsci n. 40-70031 ANDRIA (BA) Distretto Scolastico n. 3 - Codice Fiscale: 81006150726 Tel. Centr. 0883/599941 - Tel. Presidenza/Fax

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli