LICEO CLASSICO STATALE MARCO TULLIO CICERONE FRASCATI DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO CLASSICO STATALE MARCO TULLIO CICERONE FRASCATI DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE"

Transcript

1 LICEO CLASSICO STATALE MARCO TULLIO CICERONE FRASCATI DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE III A ANNO SCOLASTICO 2011/2012 1

2 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO La scuola, unico Liceo Ginnasio Statale del 37 Distretto, è luogo di affluenza dei giovani dei centri limitrofi e della periferia sud di Roma, ed è pertanto caratterizzata da elevatissimo pendolarismo (80%). Il contesto socioeconomico e culturale del territorio che ospita il Liceo, e conseguentemente di provenienza degli studenti, risulta alquanto diversificato. A fronte della presenza di notevoli istituzioni, tra le quali Banca d Italia, Enea, Esrin, Infn, Cede, si rileva l esistenza di realtà localmente marginali, che esprimono un tessuto culturale di basso profilo. Lo studio delle discipline curricolari favorisce una conoscenza armonica delle radici della civiltà europea in un panorama di sostanziale riconoscimento della fondamentale importanza della cultura antica, origine e matrice dell età moderna; stabilisce un continuo contatto tra età antica e moderna mediante l acquisizione di conoscenze in discipline anche apparentemente lontane dall antichità, ma che da essa hanno preso forme e contenuti per poi svilupparsi in maniera autonoma ed originale; attribuisce infine un ruolo rilevante alla conoscenza ed alla comunicazione, ed ai codici attraverso i quali essa si configura e si realizza. Tale processo educativo e formativo ha la funzione di sviluppare negli allievi la capacità di rielaborazione e creatività personali, la perspicacia critica nei campi d indagine, la globale percezione dei dati conoscitivi, la autonomia di valutazione e di scelta, la capacità di elaborazione di modelli culturali rispondenti ai nuovi processi sociali in una più ampia prospettiva europea: acquisizioni tutte che hanno una funzione preparatoria a studi superiori sia nell ambito umanistico sia in quello scientifico. 2

3 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE BATTISTA CLAUDIA 1 2 BENEDETTI FILIPPO 3 BOSCHETTI ALEXANDRO 4 BOVENZI SILVIA 5 CANNELLA FEDERICA 6 CUPELLINI VIOLA 7 D AMICO ELISA 8 DE SANTIS GIULIA 9 LUPOLI BENEDETTA 10 MARTINI FRANCESCA 11 MASI CAROLA 12 MORABITO MARTA 13 ORSINI CECILIA 14 PAGLIUSO ANNA GIULIA 15 PERRUOLO BEATRICE 16 PIZIOLI ELEONORA 17 PREITE MARTINEZ UMBERTO 18 ROSELLI LORENZO 19 ROSELLI LUDOVICA 20 SGANGA ANDREA 21 ZANOBBI FEDERICA 3

4 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe terza A è formata da 21 allievi (16 femmine e cinque maschi), tutti provenienti da questo Liceo e frequentanti per la prima volta l ultimo anno. Tutti i docenti del Consiglio di classe, tranne la professoressa Luppi di Inglese e il professor Giovannotti di Educazione Fisica, hanno seguito gli allievi e le allieve per l intero triennio. La classe, mostrando sempre buon impegno nello studio, disponibilità nel dialogo educativo e correttezza nei comportamenti, presenta una fisionomia assai diversificata nell ambito del profitto, derivante da attitudini e stili di studio. Infatti, per un gruppo cospicuo di alunni appare contenuta la capacità di studio autonomo e di rielaborazione personale. Solo un gruppo molto ristretto raggiunge ottimi risultati avendo dimostrato lungo il triennio assiduo impegno nello studio, desiderio di approfondimento e vocazione alla riflessione critica. Nell insieme i risultati sono comunque mediamente positivi tranne qualche caso. Stimolati dall azione formativa dei docenti, le allieve e gli allievi della classe hanno avuto modo nel corso del triennio di maturare e di manifestare gradualmente i loro diversi interessi. A causa delle numerose uscite didattiche, l andamento dell attività curricolare, soprattutto in alcune discipline, non è sempre stato fluido e stringente. L anno scolastico ha avuto comunque uno svolgimento molto regolare. Per la situazione dettagliata nelle varie discipline si rinvia alle singole relazioni dei docenti in allegato al documento. Il documento sarà integrato alla chiusura dell anno scolastico con: 1. Schede personali degli alunni 2. Proposta di griglia di valutazione del colloquio COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 4

5 NOME E COGNOME DEI DOCENTI MARIA GABRIELLA MELONI MANUEL DE MARTINO ALDO MECCARIELLO ANTONIA NILLO MARIA LUCIA MENICHILLI MARIA BARBARA GUERRIERI GIORGIO GIOVANNOTTI DONATELLA LUPPI DAVIDE GUGLIOTTA MATERIA DI INSEGNAMENTO ITALIANO GRECO E LATINO STORIA E FILOSOFIA MATEMATICA E FISICA SCIENZE NATURALI STORIA DELL ARTE ED. FISICA INGLESE RELIGIONE Nell'arco del triennio, il Consiglio di classe è risultato, nel complesso, stabile. PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE OBIETTIVI TRASVERSALI -Conoscenza degli elementi fondamentali afferenti ad ogni disciplina -Crescita della consapevolezza linguistica nella triplice valenza della lingua come strumento a) di elaborazione del pensiero b) di comunicazione c) di decodificazione e di interazione con la realtà -Sviluppo e potenziamento delle capacità di astrazione e di organizzazione dei processi logico-deduttivi -Sviluppo delle capacità di armonizzare in una visione organica i contenuti delle singole discipline. CONTENUTI Le tematiche affrontate rispecchiano in linea di massima le scelte indicate nella programmazione annuale comune per le singole discipline e sono riportate nelle relazioni finali allegate al presente documento. 5

6 METODOLOGIE Nell affrontare le varie problematiche si è fatto ricorso prevalentemente alla lezione frontale anche se non sono mancati momenti di riflessione, discussione, confronti critici intorno agli argomenti affrontati, dopo aver suggerito approfondimenti e letture personali. MEZZI E SPAZI Lo studio è stato affrontato per mezzo del libro di testo, talora supportato da dispense fornite dai docenti. Gli alunni hanno potuto usufruire dei laboratori della scuola (lab. di scienze-lab. Multimediale); durante le lezioni di Ed.Fisica hanno avuto a disposizione la Palestra della scuola. TEMPI La scansione è stata quadrimestrale. CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE Indicatori Valutazione orale Conoscenza delle tematiche Capacità espositive Capacità di analisi e di sintesi Capacità di valutazione critica Valutazione scritta Aderenza ed esaustività nei contenuti Proprietà di linguaggio Articolazione ed efficacia argomentativi Correttezza grammaticale e sintattica Livelli e Descrittori Eccellente: Capacità critiche di rielaborazione personale ed originale articolate in modo ricco ed organico; Ottimo: Esposizione efficace arricchita da approfondimenti personali Buono: Esposizione efficace e possesso sicuro dei contenuti disciplinari Discreto Esposizione articolata ed appropriata dei contenuti disciplinari Sufficiente Esposizione lineare e consapevole dei contenuti essenziali della disciplina, forma corretta e moderato aiuto del docente Mediocre: Modesta ed incompleta assimilazione dei contenuti Insufficiente: Difficoltà di orientamento e conseguenti approssimazioni espositive Scarso Assenza di contenuti; rifiuto sistematico di partecipare al dialogo educativo 6

7 Strumenti di valutazione Il numero e la tipologia delle prove scritte relative alle singole discipline sono indicati nelle relazioni finali allegate. Al momento della stesura del presente documento sono state effettuate due simulazioni di terza prova d esame (tipologia A e B) su cinque discipline il 21 marzo 2012 (tip.a - Filosofia, Fisica, Latino, Storia dell Arte, Inglese) e il 27 Aprile 2012 (tip.b - Storia, Scienze, Ed.Fisica, Matematica e Inglese). Dai risultati emersi gli alunni hanno trovato più congeniale la tipologia B. Sono state inoltre effettuate in aprile prove trasversali. Filosofia Simulazione terza prova Tipologia A 21 Marzo 2012 Descrivi la genesi e la struttura del sistema hegeliano (max 20 righe). Fisica Rispondi alla seguente domanda utilizzando al massimo venti righe: Descrivi la forza elettrica(intensità, direzione, verso, dipendenza dal mezzo materiale, principio di sovrapposizione) e confrontala con la forza di attrazione gravitazionale. Storia Dell Arte Presenta i caratteri fondamentali della scultura di Canova facendo pertinenti riferimenti alle opere (risposta in 20 righe). Latino 7

8 Parla di come Lucano si inserisce nel genere epico con il Bellum Civile innovandone valenze e contenuti (max 20 righe). Inglese Explain how Virginia Woolf s employs of the technique of interior monologue or stream of consciousness and how this is related to the treatment of time in the novel Mrs. Dalloway. Materia: Matematica Simulazione terza prova Tipologia B Rispondi alle seguenti domande in otto/dieci righe: 1. Dimostra il primo teorema sui triangoli rettangoli. 2. Risolvi la seguente equazione goniometrica stabilendo eventualmente le 2 2 condizioni di esistenza: 5sen x 2 3senxcos x cos x = 2 3. Risolvi la seguente equazione goniometrica: 3 senx + cos x = 2 Simulazione di terza Prova Tipologia B 27 Aprile 2012 STORIA 1. Cosa si intende per riformismo giolittiano? (max 8 righe) 2. Descrivi la stagione del comunismo di guerra (1921) (max 8 righe) 3. Illustra i caratteri di un regime totalitario (max 8 righe) 8

9 Griglia di valutazione della simulazione della terza prova d esame: Simulazione Esami di Stato aa. Sc. 2011/12 Scheda di valutazione della terza prova scritta del / /2012 ALUNNO: CLASSE: III SEZ.: A Indicatori CONOSCENZA DEI CONTENUTI Livelli e punti Minima 2.0 Mediocre 3.0 Sufficiente 4.0 PROPOSTI Buono 5.0 PUNTI 6 Ottimo 6.0 RISPOSTA COERENTE ALLA Minima 1.0 Mediocre 1.5 Sufficiente 2.0 9

10 RICHIESTA Buono 2.5 PUNTI 3 Ottimo 3.0 CAPACITA DI SINTESI Minima 1.0 Mediocre 1.5 Sufficiente 2.0 Buono 2.5 PUNTI 3 Ottimo 3.0 CORRETTEZZA LINGUISTICA ED USO DEI Minima 1.0 Mediocre 1.5 Sufficiente 2.0 LINGUAGGI Buono 2.5 SPECIFICI PUNTI 3 Punteggio Totale Ottimo 3.0 PUNTEGGIO TOTALE PROVA: Griglia di valutazione per gli elaborati di latino e greco: ALUNNO: CLASSE: SEZIONE:.DATA: PUNTEGGIO PUNTEGGIO ATTRIBUITO Comprensione dei nodi argomentativi e concettuali e interpretazione del senso generale del brano 5-6 Conoscenza della morfologia e della sintassi Resa in italiano Completezza della prova 0-1 Voto: Punteggio totale prova: /15 10

11 Griglia di valutazione per gli elaborati di italiano: ALUNNO: CLASSE: SEZIONE: DATA:.. PUNTEGGIO PUNTEGGIO ATTRIBUIT O Coerenza interna delle argomentazioni e adesione alle consegne proposte dalla traccia Correttezza e proprietà nell uso della lingua Possesso delle conoscenze relative sia all argomento scelto che al quadro di riferimento generale in cui esso si inserisce Integrazione dei testi e/o dati forniti con informazioni congruenti desunte da esperienze personali di studio e di lettura Voto: Punteggio totale prova: /15 ATTIVITA CURRICOLARI La classe ha partecipato al progetto d Istituto promosso dalla Fondazione U. Spirito sulla storia d Italia dal 1915 al Gli incontri si sono tenuti a Roma presso l Istituto Caetani e nell ultimo che si è tenuto il 4 maggio, gruppi di alunni hanno esposto vari percorsi di approfondimento su tematiche storiche dibattute nel corso delle sedute. Di seguito si allegano i nominativi degli alunni che sono intervenuti: 1. Lupoli, Orsini, D Amico, Battista e Roselli Ludovica - Gli anni 50 e Benedetti, Preite, Cannella, Morabito e Perruolo - Il 68 in Italia e nel mondo 3. Pizioli, Bovenzi, De Santis, Cupellini - L Affaire Moro 4. Boschetti, Sganga, Roselli Lorenzo - Il crollo dell URSS 5. Zanobbi, Martini, Masi, Pagliuso - Tangentopoli Inoltre, hanno seguito il convegno annuale del Centro per la filosofia Italiana tenutosi in Ottobre presso il Palazzo Annibaldeschi a Montecompatri sulle interpretazioni novecentesche del Risorgimento e un seminario sul corpo nella filosofia del 900 sempre a Montecompatri il 14 Marzo Infine, hanno preso parte a due viaggi didattici: un primo gruppo sui luoghi della prima guerra mondiale a Febbraio e un secondo gruppo a fine Marzo a Firenze sui luoghi della storia e dell arte. 11

12 Singoli alunni hanno partecipato a vari altri corsi (Lupoli e Zanobbi al Certamen sugli oratori classici; Benedetti, Orsini e Roselli Ludovica ai corsi di lingua tedesca svolti nei locali del liceo; Orsini, Lupoli, Benedetti e Preite alla stesura del Giornalino scolastico). Nello specifico per altre attività si rimanda alle relazioni dei singoli docenti. ATTIVITA' EXTRACURRICOLARI Tali attività si sono svolte (tranne quelle relative all'orientamento, al progetto di Istituto della Fondazione U.Spirito e a vari convegni e seminari) in orario pomeridiano e la partecipazione è stata su base volontaria. Alcuni alunni hanno seguito i Corsi di Inglese "Cambridge", tenuti nei locali dell'istituto, volti alla certificazione della conoscenza della lingua straniera. Alcuni di loro, hanno conseguito il First Certificate in English, che corrisponde al livello B2 del quadro comune di riferimento europeo. La classe ha partecipato ad alcuni spettacoli teatrali. IL CONSIGLIO DI CLASSE: MARIA GABRIELLA MELONI MANUEL DE MARTINO ALDO MECCARIELLO ANTONIA NILLO MARIA LUCIA MENECHILLI 12

13 MARIA BARBARA GUERRIERI DONATELLA LUPPI GIORGIO GIOVANNOTTI DAVIDE GUGLIOTTA RELAZIONE DI ITALIANO La III A, costituita da 21 elementi, presenta una fisionomia assai diversificata per quanto riguarda attitudini, motivazioni allo studio della disciplina, metodo di lavoro e livelli di preparazione conseguiti. Accanto a qualche personalità dal profilo culturale più rilevato,fornita di una più spiccata capacità di sintesi, una più viva curiosità nei confronti delle tematiche proposte, si evidenziano due fasce di allievi che si attestano su posizioni discrete o di piena sufficienza. Permangono tuttavia anche alcune fragilità. In complesso comunque la classe è andata potenziando, nel corso del triennio, competenze, abilità, conoscenze, anche se si nota una preparazione per lo più manualistica e una modesta attitudine alla rielaborazione dei contenuti disciplinari. È stato possibile svolgere l attività didattica in un clima di costante serenità e di collaborazione, grazie al comportamento sempre corretto e disponibile degli allievi. 13

14 Nella mia azione didattica non ho potuto mantenere sempre un ritmo regolare, ma si sono verificati alcuni rallentamenti, a causa della partecipazione della classe a progetti e a varie attività extra-curricolari. Pertanto lo svolgimento del programma ha dovuto subire qualche ridimensionamento. Sono stati costantemente tenuti presenti i seguenti obiettivi formulati nella programmazione annuale della disciplina: conoscenza delle linee generali della letteratura dalla seconda metà del Settecento al primo Novecento, con specifica attenzione agli autori e alle correnti più rappresentative e ad alcuni esponenti delle letterature straniere particolarmente significativi. Riflessione sulle principali tematiche del Paradiso di Dante, attraverso una scelta di canti. Orientamento all interno delle principali metodologie della critica letteraria. In termini di competenze sono state curate l'analisi completa ed articolata del testo, la sua collocazione all'interno del contesto storico, sociale e culturale di appartenenza e la padronanza delle varie tipologie di scrittura. Infine, per quanto riguarda le capacità, si è mirato all'acquisizione personale e consapevole dei contenuti debitamente correlati agli altri saperi disciplinari e non. Nell affrontare lo studio della letteratura italiana, sia per una consolidata e inevitabile tradizione, sia per motivazioni di ordine culturale dovute alla complessità della fisionomia dei tre classici dell Ottocento, si è dedicato allo studio di Foscolo, Manzoni e Leopardi un periodo di tempo abbastanza ampio e ciò mi ha indotto a qualche ridimensionamento per quanto riguarda il programma del Novecento, del quale tuttavia sono stati presentati in maniera abbastanza articolata gli autori più rappresentativi. Nel proporre gli argomenti, si è seguito un approccio storico, avendo cura, comunque, di conferire la necessaria rilevanza ai testi, dai quali spesso si è partiti nel tentativo di affrancare gli allievi da una preparazione manualistica e di educarli alla formulazione di giudizi estetici consapevoli, non derivanti da mero impressionismo. La centralità dei testi è stata costantemente sottolineata nel corso 14

15 del triennio e i discenti sono stati avviati a conseguire un adeguata competenza nell analisi di essi. La nostra storia letteraria è stata costantemente inserita nel più ampio panorama delle letterature europee, delle quali sono stati proposti alcuni testi particolarmente significativi. Nel selezionare i canti del Paradiso dantesco, l intento principale è stato quello di evitare, nei limiti del possibile, una lettura frammentaria dell opera e di presentare un discorso organico su di essa; ci si è soffermati su fondamentali temi danteschi, mostrando come essi si evolvano nel passaggio da una cantica all altra. I riferimenti alle cantiche precedentemente studiate sono stati quindi costanti, curata l esegesi dei canti oggetto di studio. Il programma è stato presentato ricorrendo per lo più alla lezione frontale, anche se, al fine di non privilegiare esclusivamente la trasmissione dei contenuti, ma di realizzare un interazione a più voci, un coinvolgimento vivace ed attivo dei discenti, si sono suggeriti approfondimenti e letture personali. Strumenti di valutazione sono stati quotidiane verifiche orali, lavori di produzione di testi: tre prove scritte per quadrimestre, secondo le tipologie previste (analisi e commento testuale, articolo di giornale, saggio breve). L Insegnante: MARIA GABRIELLA MELONI PROGRAMMA DI ITALIANO STORIA LETTERARIA Le poetiche dominanti del Neoclassicismo e le controtendenze anticlassiciste e preromantiche : le teorie di Winckelmann, lo Sturm und Drang e l'ossianesimo; Goethe, Schiller, Gray, Macpherson, Bürger, Rousseau. 15

16 V. MONTI Tra istanze neoclassiche e suggestioni moderne. U. FOSCOLO Le ultime lettere di J. Ortis e il romanzo epistolare. Ortis e Werther. I Sonetti e le Odi: la volontà di armonizzare persuasione e retorica. Il carme Dei Sepolcri: la concezione della civiltà e la funzione della poesia. Le Grazie. Definizione ed inquadramento del Romanticismo europeo. Il Romanticismo come espressione delle grandi trasformazioni storiche. I temi del Romanticismo europeo: le tematiche negative e il Romanticismo positivo. Gli eroi romantici. movimento romantico in Italia e la polemica con i classicisti. Il G. LEOPARDI Il sistema filosofico leopardiano. La poetica e il Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica. La prima fase della poesia leopardiana: le canzoni civili del ; le canzoni del suicidio del 21-22; gli Idilli. Il periodo di transizione ( ) e il passaggio alla prosa. Le Operette Morali. La seconda fase della poesia leopardiana ( ): il Ciclo di Aspasia. Il messaggio conclusivo della Ginestra. MANZONI La prima produzione poetica e il carme In morte di Carlo Imbonati. Caratteri della lirica manzoniana: gli Inni Sacri e le Odi civili. I cori delle tragedie. Gli scritti di poetica: la Prefazione al Conte di Carmagnola, la lettera a Chauvet e quella a D Azeglio sul Romanticismo. Le tragedie. La genesi dei Promessi Sposi e le fasi della sua elaborazione. Struttura, temi, linguaggio dal Fermo elucia all edizione del 16

17 1840. La grande stagione del romanzo europeo: il romanzo diventa la moderna epopea borghese. Il romanzo italiano tra Settecento e Ottocento. Le principali tipologie: nero, epistolare, di formazione. Il romanzo storico e il suo superamento. Il Naturalismo francese: Flaubert e la tesi dell impersonalità; i manifesti del Naturalismo: la prefazione a Germinie Lacerteux di E. e G. de Goncourt, la prefazione a ThérèseRaquin e ai Rougon-Macquart di E. Zola. La poetica del Verismo italiano. La tecnica narrativa e l ideologia di G. Verga. Il Verismo di Verga e il Naturalismo zoliano. Svolgimento dell opera verghiana dalla fase romantica dell apprendistato catanese all adesione al Verismo. Le raccolte di novelle e il Ciclo dei Vinti: I Malavoglia e il Mastro Don Gesualdo. Cenni sulla Scapigliatura. Il Decadentismo: coordinate storiche e radici sociali. La visione del mondo e la poetica. Influenze culturali: Nietzsche, Bergson, Freud. Il decadentismo europeo: Baudelaire, Verlaine, Rimbaud; Mallarmé e il Simbolismo. Temi e miti della letteratura decadente. Gli eroi decadenti: il maledetto, il veggente, l esteta, l inetto, la donna fatale, il superuomo, il fanciullino. Il Decadentismo italiano: G. PASCOLI e il fanciullino. G. D ANNUNZIO: L esteta, il superuomo. I. SVEVO: la scoperta dell inconscio e la figura dell inetto. L. PIRANDELLO: il relativismo filosofico e la poetica umoristica: dall impressionismo della prima fase al surrealismo del teatro dei miti. Ci si propone di trattare i seguenti argomenti: Futuristi e Crepuscolari. 17

18 Cenni sulla Ronda e su V. Cardarelli. La poesia di S. QUASIMODO, G. UNGARETTI, E. MONTALE, U. SABA. TESTI J. J. WINCKELMANN Dalla Storia dell arte nell antichità: perduto. La statua di Apollo: il mondo antico come paradiso U. FOSCOLO dall Ortis: La prima pagina del romanzo (11 ottobre) Illusioni e mondo classico (15 maggio) La sepoltura lacrimata (12 novembre) L incontro con Parini (4 dicembre) dalle Odi: All amica risanata dai Sonetti: Forse perché della fatal quiete Né più mai toccherò le sacre sponde Un dì, s io non andrò sempre fuggendo Lettura integrale del carme Dei Sepolcri. dalle Grazie: L umanità primitiva, la naturale ferocia dell'uomo e l effetto incivilitore delle 18

19 Grazie (Inno a Venere, vv ; vv ) Il velo delle Grazie (Inno a Pallade, vv ) W. A. SCHLEGEL da Corso di Letteratura drammatica La melancolia romantica e l ansia d assoluto W. WORDSWORTH dalla Prefazione alle Ballate liriche: La Poesia, gli umili, il quotidiano V. HUGO dalla Prefazione a Cromwell: Il grottesco come tratto distintivo dell arte moderna MADAME DE STAËL Sulla maniera e l utilità delle traduzioni P. GIORDANI Un Italiano risponde al discorso della Staël G. BERCHET Dalla Lettera semiseria: La poesia popolare G. LEOPARDI dai Canti: Ad Angelo Mai Ultimo canto di Saffo L infinito La sera del dì di festa Alla luna A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia Il passero solitario La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio A se stesso 19

20 La ginestra dalle Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese MANZONI Carme in morte di C. Imbonati ( vv ; vv ) dagli Inni Sacri: La Pentecoste dalle Odi Civili: Il cinque maggio dall Adelchi: Sparsa le trecce morbide (coro dell atto IV) A. BOITO Dal Libro dei versi: Dualismo E. e J. DE GONCOURT Da GerminieLacerteux: La prefazione: un manifesto del Naturalismo E. ZOLA Da ThérèseRaquin: La prefazione: letteratura e scienza Dai Rougon-Macquart: La prefazione: ereditarietà e determinismo ambientale VERGA Rosso Malpelo da Vita dei campi: 20

21 Da I Malavoglia: I vinti e la fiumana del progresso C. BAUDELAIRE Da I fiori del male: Corrispondenze L albatro P. VERLAINE Da Allora ed ora: Arte poetica Languore A. RIMBAUD La lettera del veggente PASCOLI Una poetica decadente da Il fanciullino: Novembre da Myricae: Digitalepurpurea dai Poemetti: Il gelsomino notturno dai Canti di Castelvecchio: Alexandros dai Poemi conviviali: 21

22 Da La grande proletaria si è mossa: Il nazionalismo pascoliano D ANNUNZIO da Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Da Il Piacere: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti Una fantasia in bianco maggiore PIRANDELLO Da L Umorismo: Un arte che scompone il reale DaNovelle per un anno: Il treno ha fischiato Da Il Fu Mattia Pascal: Lo strappo nel cielo di carta e la lanterninosofia *UNGARETTI I fiumi da L Allegria: San Martino del Carso Veglia Porto sepolto Soldati *MONTALE Non chiederci la parola da Ossi di seppia: 22

23 Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato I limoni *QUASIMODOEd è subito sera Alle fronde dei salici *SABA dal Canzoniere: A mia moglie *= si intende leggere i testi degli autori contrassegnati con asterisco in quest ultimo periodo di attività scolastica. Dei seguenti autori: Manzoni, G. Verga, G. D Annunzio, I. Svevo, L. Pirandello è stata proposta la lettura integrale di un opera. DANTE: dalla Commedia Paradiso: Canti: I, III, VI, VIII, IX, XI, XII, *XV, *XVII, *XXXIII *= i canti contrassegnati con asterisco si intendono leggere in quest ultimo periodo di attività scolastica. LIBRI DI TESTO: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, Dal testo alla storia. Dalla storia al testo, 23

24 Paravia, vol. III, tomi I-II-III. S. Guglielmino, Guida al 900, Principato. Bosco Reggio, Divina Commedia, Paradiso, SEI (o altra edizione). MELONI Gli alunni: MARIA L insegnante: GABRIELLA RELAZIONE FINALE Prof. Manuel De Martino LATINO E GRECO Condotta e profitto. Al termine dell anno scolastico, la classe III liceo sez. A risulta composta da 21 studenti (5 ragazzi e 16 ragazze). Dotata di forti potenzialità, la classe, come nel corso dell intero triennio, anche quest anno si è mostrata interessata e disposta al dialogo educativo e, all occorrenza, pronta a interagire con il docente, soprattutto durante le spiegazioni di Letteratura. Alcuni alunni (B. Lupoli e F. Zanobbi) hanno rivelato particolare vivacità intellettuale e desiderio di approfondire anche autonomamente - gli argomenti studiati, raggiungendo un profitto ottimo. Un altro gruppo di alunni ha mantenuto un livello soddisfacente, sia negli scritti sia negli orali, grazie all assiduità nello studio e alla serietà nell approccio alle discipline. 24

25 La maggior parte degli alunni ha raggiunto risultati mediamente sufficienti, frutto, spesso di uno studio personale non approfondito. Altri pochi alunni, infine, hanno conservato una certa fragilità nella produzione scritta, a fronte, però, di risultati lusinghieri raggiunti nelle prove orali, grazie all acquisizione di un valido metodo di studio. Nel corso dell intero anno scolastico, allo studio della letteratura e del classico è stata affiancata una costante attività di ripasso e consolidamento delle conoscenze e delle competenze morfosintattiche, in vista della II prova scritta agli Esami di Stato, sia attraverso il lavoro a casa sia con laboratori di traduzione in classe. Relativamente alla condotta, il gruppo ha sempre mantenuto un comportamento corretto. Programma. A parte si riporta il programma svolto di Latino e Greco nel corso dell anno scolastico (Grammatica, Letteratura e Antologia, Classico). Metodologie didattiche. Sono state effettuate lezioni frontali, per la sintassi e la letteratura. Lo studio della letteratura è stato sempre accompagnato dalla lettura, in classe, di un cospicuo numero di passi antologici in traduzione, relativi agli autori studiati. Per quanto riguarda lo studio del classico, si è tentato di privilegiare un approccio più immediato allo studio dei brani da parte degli alunni, limitando al massimo l intervento del docente. Per la verifica dell apprendimento, si è proceduto a regolari e periodiche interrogazioni, versioni in classe e verifiche scritte, in forma di questionari (tipologie A e B), sulla morfosintassi, la letteratura e il classico. Specificamente, nel I Quadrimestre sono state effettuate le seguenti prove di valutazione: Latino: 3 compiti scritti; 1 o 2 interrogazioni orali; 1 interrogazione scritta di Classico. Greco: 3 compiti scritti; 1 o 2 interrogazioni orali; 1 interrogazione scritta di Letteratura; 1 interrogazione scritta di Classico. Nel II Quadrimestre sono state effettuate sinora: 25

26 Latino: 2 compiti scritti; 1 o 2 interrogazioni orali; simulazione di III prova (tipologia A). Greco: 2 compiti scritti; 1 o 2 interrogazioni orali; simulazione di II prova. Dopo il 15/05/2012 ed entro il termine delle lezioni saranno effettuati: Latino: 1 compito scritto; 1 interrogazione scritta; completamento delle interrogazioni orali. Greco: 1 compito scritto; almeno 1 interrogazione orale. Valutazione. La valutazione, sia periodica che finale, ha tenuto conto dei seguenti elementi: conoscenza dei dati; capacità di traduzione e comprensione del testo; capacità di argomentazione e rielaborazione personale; capacità di orientarsi nella discussione sulle problematiche trattate; capacità di cogliere elementi essenziali di una lettura compiuta. Per la votazione ci si è attenuti alle apposite griglie di valutazione dell Istituto. Livelli minimi di apprendimento. Sufficiente conoscenza delle strutture morfosintattiche latine/greche; capacità di tradurre un testo in un italiano corretto e lineare; conoscenza delle basilari nozioni di metrica e prosodia; conoscenza di un numero congruo di argomenti letterari; capacità di orientamento, comprensione e rielaborazione guidata, capacità espressive adeguate alle conoscenze acquisite. Il docente Prof. Manuel De Martino PROGRAMMA DI LATINO PROF. MANUEL DE MARTINO Letteratura: 26

27 L età giulio-claudia: inquadramento storico-culturale Seneca, vita ed opere: Dialogi - Dialoghi di consolazione: Consolationes - Dialoghi di tipo speculativo: De ira; De brevitate vitae - Dialoghi dedicati a Sereno: De tranquillitate animi; De otio Altre opere filosofico morali: - De clementia - Naturales quaestiones - Epistulae morales ad Lucilium Tragedie Apokolokyntosis Petronio: il Satyricon Passi antologici: - La decadenza dell oratoria (Satyricon 1-4) - Da chi si va oggi? Trimalchione, un gran signore (Satyricon 26,7-8; 27) - Trimalchione giunge a tavola (Satyricon 31-33) - La matrona di Efeso (Satyricon ) - Il Satyricon, un opera di moderna semplicità (Satyricon 132,15) - (Satyricon 47; 73-75) Lucano: il Bellum civile o Pharsalia Passi antologici: - La guerra civile, un comune misfatto (Bellum civile 1,1-66) - Il sogno di Pompeo (Bellum civile 3,1-35) - La necromanzia, una profezia di sciagure (Bellum civile 6, ) L età flavia: inquadramento storico-culturale Valerio Flacco: gli Argonautica Passi antologici: - Medea vista da Valerio Flacco (Argonautica 7,1-22) Plinio il Vecchio: la Naturalis historia Passi antologici: - La natura matrigna (Naturalis historia 7,1-5) Quintiliano, vita ed opere: - De causis corruptae eloquentiae - Institutio oratoria Passi antologici: - Necessità del gioco e valore delle punizioni (Institutio oratoria 1,3,8-16) - Elogio di Cicerone (Institutio oratoria 10,1, ) - Il giudizio su Seneca (Institutio oratoria 10,1, ) Persio: le Satire Passi antologici: - Un arte di contestazione (Choliambi) - Miseria dell uomo comune nel rapporto con la divinità (Satire 2,31-75) 27

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1 di 66 Prot. n 4329/c29 del 13/05/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (D.P.R. N.323 del 23-07-1998 art. 5) (O.M. N. 31 del 04-02-2000 art. 6) (O.M. N. del 2015 art. 6) CLASSE 5 a SEZ. A LICEO: CLASSICO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli