Documento del Consiglio di Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio di Classe"

Transcript

1 Documento del Consiglio di Classe anno scolastico 2014/2015 CLASSE 3 E LICEO CLASSICO DI ORDINAMENTO coordinatore di classe: Patrizia Bergonzoni Verona, 15 maggio 2015 Pagina 1 di 93

2 INDICE Pag. 2 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA Pag. 3 PARTE PRIMA INFORMAZIONI SUL CONSIGLIO DI CLASSE E SULLA CLASSE PARTE SECONDA SINTETICA PRESENTAZIONE DELLA CLASSE PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Obiettivi raggiunti in ordine alla programmazione Obiettivi educativi Obiettivi didattici Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe Attività di carattere pluridisciplinare Attività in preparazione Esami di Stato Simulazione prima e seconda prova Simulazione terza prova: testi Simulazione terza prova: considerazioni PARTE TERZA PRESENTAZIONE SINGOLE DISCIPLINE Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura latina Lingua e letteratura greca Lingua e letteratura inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Storia dell arte Scienze motorie e sportive IRC ALLEGATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE Pag. 5 Pag. 7 Pag.8 Pag.8 Pag.9 Pag.9 Pag.9 Pag.13 Pag.13 Pag.18 Pag.24 Pag.29 Pag.34 Pag.38 Pag.44 Pag.47 Pag.49 Pag.52 Pag.57 Pag.59 Pag.61 Pagina 2 di 93

3 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Le classi che quest anno affrontano l esame conclusivo di Stato hanno seguito percorsi diversi che non rientrano nell attuale Riforma dei Licei, ma riguardano le sperimentazioni messe in atto dall Istituto: Potenziamento Area Scientifica e seguenti indirizzi: Liceo classico della comunicazione, Liceo classico delle Lingue straniere e Liceo Linguistico. A questi si aggiungono, naturalmente, le classi del Liceo Classico e Linguistico di Ordinamento che concludono il loro percorso aderente alla Riforma. Le finalità della scuola, in rifermento a quanto contenuto nel P.O.F., possono essere così sinteticamente definite: formazione umana, civile e culturale di cittadini in grado di affrontare il lavoro e gli studi superiori con le seguenti abilità: buona conoscenza della lingua italiana, confrontata con la conoscenza delle due lingue classiche; possesso di un buon bagaglio di cultura classico-umanistica con risvolti storico-filosofici; conoscenza sicura delle lingue straniere; conoscenza dei principi generali di Matematica, Fisica e Scienze. Fra le competenze acquisite, va segnalata una predisposizione al commento ed alla pratica critica, che si traduce in possibilità diffusa di riconoscere le strutture portanti della problematica in discussione. L abitudine alla riflessione e allo studio lungo e continuato, sia nell ambito umanistico che in quello scientifico, consente agli studenti di affrontare con successo le scelte universitarie, anche quelle più specificamente scientifiche. ATTIVITA DELLA SCUOLA IN PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO Per affrontare in maniera idonea il nuovo Esame di stato, la Scuola ha messo in atto varie iniziative, rivolte ai docenti ed agli studenti. Il Preside della scuola ha provveduto a nominare un docente referente che ha coordinato tutte le attività organizzate per approfondire e divulgare la normativa concernente il nuovo esame conclusivo. A tale scopo, oltre ai quotidiani scambi di esperienze e di informazioni, sono state tenuti incontri con i docenti delle classi terminali, incontri con gli studenti delle medesime classi, incontri di riflessione dei vari Dipartimenti. Sono stati frequentemente approntati sintetici appunti informativi sulla normativa e sul regolamento, distribuiti a docenti e studenti. I Dipartimenti di tutte le discipline hanno elaborato precise tabelle di valutazione (allegate al presente documento) che sono state affisse in tutte le classi liceali, illustrate agli Pagina 3 di 93

4 studenti ed utilizzate, per le prove scritte e per quelle orali, nella quotidiana attività didattica. Si sono tenute simulazioni, in giorni stabiliti e con tempi ampliati, relativi alla prima prova italiano ed alla seconda prova greco per il classico, lingua straniera per il linguistico-. In vista della terza prova scritta, sono state effettuate nella stessa settimana per tutte le terze liceo, due simulazioni (di cui si allegano i testi), organizzate e valutate dai singoli consigli di classe. Si può pertanto concludere che sia i docenti sia gli studenti conoscono in modo appropriato la normativa, i regolamenti e le modalità operative, sul piano normativo e nella pratica didattica, relativi al nuovo esame di Stato. Pagina 4 di 93

5 PARTE PRIMA INFORMAZIONI SUL CONSIGLIO DI CLASSE E SULLA CLASSE Variazioni del consiglio di classe Discipline curricolari Anni di corso Classe 1 liceo cl. 3 liceo ling. Classe 2 liceo cl. 4 liceo ling. Classe 3 liceo cl. 5 liceo ling. Lingua e Lett. Italiana 5 Bragaja Bragaja Bragaja Lingua e Lett. Latina 5 Mondello Mondello Mondello Lingua e Lett. Greca 5 Mondello Mondello Mondello Lingua e Lett. Inglese 5 Cozzini Cozzini Cozzini Storia e Geografia 2 Storia 3 Cecchini Bergonzoni* Bergonzoni Filosofia 3 Cecchini Bergonzoni * Bergonzoni Matematica 5 De Zuccato De Zuccato De Zuccato Fisica 3 De Zuccato De Zuccato De Zuccato Scienze 5 Boscaini Boscaini Boscaini Storia dell arte 3 Zerbato Rama* Rama Scienze motorie-sportive 5 Fanini Fanini Fanini IRC 5 Campedelli Campedelli Campedelli In corrispondenza di ogni disciplina è contraddistinto con (*) l anno in cui vi sia stato un cambiamento di docente rispetto all anno precedente; con (**) l anno in cui vi sia stato un cambiamento di docente nel corso dell anno scolastico. Pagina 5 di 93

6 Configurazione della classe CLASSE 1 liceo cl. 3 liceo ling. 2 liceo cl. 4 liceo ling. 3 liceo cl. 5 liceo ling. Iscritti stessa classe Iscritti da altra classe Promossi senza debito Promossi con debito Non promossi 26 / 23 3 / 25* / 26 / Formazione del Consiglio di Classe ultimo anno Discipline curricolari Lingua e Lett. Italiana Lingua e Lett. Latina Lingua e Lett. Greca Lingua Lett. Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Storia dell arte Scienze motorie - sportive Religione cattolica Docenti BRAGAJA LUCA MONDELLO ANGELA MONDELLO ANGELA COZZINI PATRIZIA BERGONZONI PATRIZIA BERGONZONI PATRIZIA DE ZUCCATO GIOIA DE ZUCCATO GIOIA BOSCAINI ELISABETTA RAMA ELENA FANINI FRANCESCA CAMPEDELLI MARCO Pagina 6 di 93

7 PARTE SECONDA SINTETICA PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Il gruppo si compone di 26 elementi ed ha mantenuto per tutto il triennio pressoché la stessa composizione. Il tratto distintivo risulta da sempre la vivacità, caratteristica questa che, se risulta stimolante durante la proposta di nuovi contenuti, a volte invece è d ostacolo, soprattutto per attività come le verifiche orali o gli approfondimenti. Sicuramente da apprezzare è la curiosità dimostrata durante le lezioni dalla maggior parte degli alunni, che sono soliti intervenire con osservazioni e domande pertinenti. Non mancano però elementi che tendono a distrarsi e a seguire passivamente le dinamiche del gruppo, rivelando interesse discontinuo e poca concentrazione. I rapporti tra gli alunni sono stati corretti: i ragazzi hanno imparato ad accettare le diversità, anche spiccate, dei loro temperamenti, e non si ravvisano difficoltà nelle relazioni. Si segnala anzi la buona condotta del gruppo in occasione di uscite e viaggi d istruzione. Positivi sono anche i rapporti con gli insegnanti, a volte infastiditi dall eccessiva esuberanza, ma mai costretti ad affrontare gravi episodi di indisciplina. Pertanto, il dialogo educativo è risultato efficace e costruttivo, ad indicare il progredire nella maturazione personale della maggior parte della classe nel corso del quinquennio. Si notano per lo più buone capacità di organizzazione autonoma del lavoro scolastico, nonché serietà nel rispetto delle consegne, presenza costante nei momenti di verifica. Per quanto attiene l impegno, nella primissima parte di quest anno gli studenti sembravano un po faticare nel sostenere lo studio, ma con l andare del tempo la situazione è migliorata. I ragazzi hanno inoltre perfezionato le capacità di rielaborazione e acquisito maggiore flessibilità di ragionamento. L analisi dei risultati evidenzia nella maggioranza della classe un profitto di buon livello, con qualche punta di eccellenza; alcuni alunni presentano una situazione discreta e in pochissimi casi ancora permangono lacune da colmare. Si mantiene però la debolezza di un ristretto gruppo nell affrontare gli esercizi di traduzione. Gli obiettivi cognitivi e formativi prefissati risultano pertanto raggiunti in modo soddisfacente. Pagina 7 di 93

8 PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Obiettivi raggiunti in ordine alla programmazione Obiettivi educativi 1. educare alla lealtà, all onestà e alla trasparenza; 2. educare ad una partecipazione attiva, attenta e responsabile all interno della classe e della scuola; 3. educare all autocontrollo e alla coscienza delle proprie possibilità e dei propri limiti; 4. educare al rispetto degli altri, della struttura scolastica e dell ambiente 5. Riconoscere e rispettare i diritti e i bisogni altrui 6. Riconoscere e rispettare i limiti, regole e responsabilità 7. Acquisire tecniche di lavoro cooperativo efficiente ed efficace (essere compresi da chi ascolta e sapersi fare ascoltare) 8. Sapere fare delle opinioni o delle abilità del compagno una ricchezza 9. Sapere trovare soluzioni insieme Obiettivi didattici 1. conoscenze, sia specifiche di ogni area disciplinare sia comuni alle varie discipline, che favoriscano la capacità di leggere la realtà contemporanea, di ripercorrere gli itinerari letterario-umanistici, scientifici ed artistici in una dimensione sincronica e diacronica; 2. conoscenza ed utilizzo della specificità dei vari linguaggi (scritti, orali e di altro tipo) in situazioni comunicative diverse; 3. comprensione ed interpretazione di testi, italiani e stranieri, antichi e moderni, di diverso genere nelle loro strutture linguistiche e nel loro significato storico e culturale; 4. capacità di analizzare dati, fatti, fenomeni, testi, documenti, immagini e sintetizzarne i contenuti; 5. capacità di produrre testi scritti ed orali coerenti con le consegne date e in modo ordinato, chiaro e corretto; 6. uso consapevole degli strumenti del lavoro linguistico e scientifico (dizionari, atlanti, tavole, grafici, libri di testo, fonti ed edizioni critiche etc.); 7. abitudine ad operare confronti tra modelli e realtà culturali diversi, a problematizzare, a operare analisi metalinguistiche e comparative tra diversi sistemi, a riflettere criticamente e valutare in modo personale; 8. capacità di contestualizzare un testo, farlo interagire con altri testi e costruire percorsi di ricerca in ambito disciplinare e multidisciplinare; 9. capacità di argomentare sostenendo una tesi e formulare giudizi e valutazioni motivati; 10. capacità di ricavare modelli astratti sulla base di fondamenti logico-scientifici applicati anche con creatività, attraverso il gusto della sfida intellettuale e della progettazione. Pagina 8 di 93

9 Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe - Viaggio d istruzione a Monaco, Berlino, Norimberga - Conferenza sul tema delle foibe - Conferenza sul tema del sacrificio nella tragedia col prof. Tagliapietra - Visita a una mostra sul tema del carcere presso la Parrocchia di S. Nicolò - Incontro con addetto all ambasciata del Cile sul tema della dittatura di Pinochet Attività di carattere pluridisciplinare - Le tematiche della Grande guerra e del totalitarismo sono state oggetto di trattazione pluridisciplinare nonché di incontri tenuti durante gli spazi di assemblea gestiti dagli studenti. - Un modulo dedicato all epigramma greco è stato trattato in Lingua inglese. - E intervenuto un docente di Fisica per svolgere una lezione in Lingua inglese. ATTIVITA IN PREPARAZIONE ESAMI DI STATO Simulazione di prima e seconda prova Si sono svolte due simulazioni di prima prova in data 03/12/14 e 20/05/15. Una simulazione di seconda prova si terrà in data 25/05/15 Simulazione di terza prova: testo Prima simulazione in data 11/12/14 Tipologia B Tempo a disposizione: 3 ore Materie coinvolte: fisica, filosofia, arte, greco FISICA TESTI 1) Enuncia la legge di Coulomb e calcola a quale distanza si trovano due cariche elettriche rispettivamente di +3 x 10 7 C e di -3 x 10 6 C, se l intensità della forza che agisce tra di esse è di 0,7 N (max.8 righe). 2) Spiega in che cosa consiste il fenomeno della polarizzazione di un dielettrico (max.8 righe). Pagina 9 di 93

10 3) Che cosa sono le linee di forza del campo elettrico e di quali proprietà godono? (max.8 righe) FILOSOFIA 1) Il filosofo P. Ricoeur ha considerato Marx uno dei maestri del sospetto. Spiegate i motivi di tale affermazione. 2) Bernstein considera la dittatura del proletariato, proposta da Marx, una forma di atavismo politico. Illustratene le ragioni. 3) Come viene descritto da Gramsci il rapporto tra strutture e sovrastrutture? ARTE 1. Quali sono i caratteri del realismo riconoscibili nel dipinto di Courbet Gli spaccapietra? 2. Quali sono le ragioni dello scandalo provocato dalla Colazione sull erba di Manet? 3. Elenca le novità principali del dipinto di Monet Impression. Soleil levant. GRECO 1) La polemica di Isocrate contro i sofisti: sotto quali aspetti l'oratore ritiene di poter offrire agli Ateniesi una scuola migliore di quelle degli altri retori? (max 8 righe) 2) Spiega perché l'orazione Sulla corona può essere considerata un testo-chiave nella produzione di Demostene (max 8 righe) 3) "Non vi è per l'uomo buono nessun male, né da vivo né da morto". Commenta queste parole di Socrate contestualizzandole all'interno dell'apologia platonica. (max 8 righe) Pagina 10 di 93

11 Seconda simulazione in data 24/04/15 Tipologia A Tempo a disposizione: 3 ore Materie coinvolte: matematica, storia, arte, inglese TESTI STORIA Descrivete il fenomeno della Resistenza in Italia sottolineandone gli aspetti di guerra di liberazione, guerra civile, guerra di classi. (max 20 righe) MATEMATICA Studia e abbozza il grafico della seguente funzione 2 x 2x y x 1 determinandone: il dominio, le eventuali simmetrie e intersezioni con gli assi, il segno, i limiti agli estremi del dominio, gli eventuali punti di discontinuità e gli eventuali asintoti, la derivata prima e gli eventuali punti stazionari. b) Dai la definizione di derivata di una funzione in un punto e determina l equazione della tangente alla curva nel punto di ascissa x=0. (max. 20 righe escluso il grafico). INGLESE By reference to the texts read draw a comparison between Nineteen Eighty-Four and Animal Farm ARTE Partendo dalle due opere riprodotte, evidenzia analogie e differenze fra Surrealismo e Metafisica. Pagina 11 di 93

12 Simulazione di terza prova: considerazioni In entrambi i casi i risultati sono stati positivi: i ragazzi infatti si sono trovati a loro agio di fronte ad entrambi le tipologie. Si è però notato come alcune difficoltà nella sintesi manifestate dagli studenti rendano la tipologia A più adatta al profilo della classe. Simulazione di terza prova: griglia DESCRITTORI INDICATORI Gr. Insufficiente 1-7 Insufficiente 8-9 Sufficiente 10 Discreto Buono 13 Ottimo 14 Eccellent e 15 V O T O Conoscenze Comprensione dei contenuti disciplinari proposti Molto lacunose ed esigue Superficiali ed incomplete Essenziali Esaurienti Ampie e d articolate Complete, ricche ed approfon dite Vaste, approfon dite ed anche personali Competenze di base Saper esporre con correttezza formale e uso preciso del linguaggio specifico, applicando le conoscenze Molto limitate, carenti e scorrette Utilizzo scorretto delle informazioni con diversi errori Sufficienti, parzialmen te corrette con alcuni errori Adeguate, corrette con qualche errore Sicure Sicure e rigorose Fluidità e ricchezza espressiv a Competenze critiche Rielaborare i contenuti appresi e collegarli tra loro evidenziando capacità di analisi e sintesi, logiche e critiche Molto carenti e del tutto inadeguate Carenti ed improprie Non sempre autonome, colti solo alcuni aspetti essenziali Autonomia di elaborazio ne sostanzial mente corretta Autonomi a di elaborazi one pertinente Organiche e d autonome, anche pluridisci plinari Giudizi critici Pagina 12 di 93

13 PARTE TERZA PRESENTAZIONE SINGOLE DISCIPLINE (obiettivi raggiunti, programma svolto, mezzi e strumenti, testi adottati, eventuali approfondimenti ) ITALIANO OBIETTIVI DIDATTICI RAGGIUNTI DALLA CLASSE 3E (ad un livello medio più che discreto, pur con diverse sfumature che vanno da sufficiente a quasi ottimo) CONOSCENZE - Riferimenti essenziali al contesto storico in cui avviene la produzione e la circolazione dei testi; - Caratteri generali delle principali scansioni storico-critiche ed estetiche; - Riferimento ai dati biografici utili alla collocazione degli autori nel tempo e nello spazio e alla individuazione di alcuni momenti del rapporto fra arte e vita; - Aspetti e temi della poetica e della visione del mondo degli autori più significativi; - Opere principali e temi critici essenziali necessari alla loro comprensione; - Contenuti, aspetti formali, contesto e alcuni essenziali riferimenti intertestuali dei testi commentati in classe; - Conoscenze linguistiche esatte e complete di tipo morfologico e sintattico, e lessicali sufficientemente ampie ed estese ad elementi del linguaggio critico; - Conoscenza delle principali strutture retoriche, generi e stili necessari alla comprensione dei testi; - Struttura e caratteristiche delle principali tipologie di scrittura previste dalla Prima Prova ABILITÀ - Riferire i contenuti appresi con soddisfacente proprietà di linguaggio; - Discutere i contenuti appresi con capacità di analisi e sintesi; - Parafrasare, analizzare e commentare i testi con linguaggio appropriato anche dal punto di vista della terminologia specifica della disciplina; - Svolgere un discorso espositivo e argomentativo corretto e coerente nelle sue linee di fondo secondo le tipologie della Prima Prova, con particolare attenzione all'analisi e comprensione di un testo letterario e al saggio breve; COMPETENZE - Fare collegamenti essenziali ma efficaci fra testi, autori, periodi e movimenti letterari, con precisione nel recupero dei riferimenti fondamentali; - Articolare ed esprimere un giudizio personale su testi e autori con sufficiente pertinenza ed organicità; - Individuare alcuni aspetti interdisciplinari in relazione ad altre forme di espressione del pensiero, e riconoscere nello sviluppo storico della letteratura italiana la presenza di alcuni temi individuati. Pagina 13 di 93

14 CONTENUTI DISCIPLINARI (esposti per moduli/unità didattiche, con indicazione del numero di lezioni dedicate a ciascun modulo) MODULO /UNITA DIDATTICA 1 Foscolo: il disagio dell intellettuale rivoluzionario tra preromanticismo e neoclassicismo Tra preromanticismo e neoclassicismo: Winckelmann (la statua di Apollo), Schiller (dai Masnadieri) Numero ore/lezioni 11 Foscolo: - Ode all amica risanata - Sonetti: Solcata ho fronte*, Non son chi fui *, Meritamente, *, Alla sera, A Zacinto, In morte del fratello Giovanni - brani letti e commentati dall'ortis: Il sacrificio della patria nostra è consumato ; Il colloquio con Parini; La lettera a Ventimiglia; La sepoltura lacrimata; Illusioni e mondo classico. Del romanzo sono state evidenziate alcune componenti di pensiero e di immagine (l'idea del vuoto e del nulla; il culto della vegetazione e il culto solare, l'immagine del sole apocalittico; le diverse concezioni della morte; le figure femminili e la proiezione della vicenda di Jacopo e Teresa in altre 'coppie') - carme Dei Sepolcri - brano dai capp. XII e XIII della Notizia intorno a Didimo Chierico: Didimo Chierico, l'anti-ortis - brano dalle Grazie: Proemio; Il velo delle Grazie - Foscolo critico: Francesca da Rimini 2 Il Romanticismo europeo Schlegel, la melancolia romantica Novalis, Poesia e irrazionale; Primo inno alla notte Hölderlin, Diotima Goethe, La scommessa col diavolo dal Faust Shelley, Ode al vento occidentale Keats, Su un'urna greca Chateaubriand, L'ardore di desiderio dell'eroe romantico Nerval, El Desdichado 3 Manzoni - L'elaborazione teorica: Lettera a Fauriel del 1806: La funzione della letteratura Lettera sul Romanticismo: L'utile, il vero, l'interessante - Inni sacri: Il nome di Maria*, La Pentecoste; frammenti del Natale del '33* e di 4 13 Pagina 14 di 93

15 Ognissanti* - Odi: Il 5 maggio - Adelchi: Il dissidio romantico di Adelchi; L'amor tremendo di Ermengarda; coro Atto IV - I promessi sposi: Lucia e Don Rodrigo (Un sopruso feudale, dal Fermo e Lucia; La vergine e il seduttore); L'addio ai monti di Lucia*; Ritratto di Geltrude*; Libertinaggio e sacrilegio (dal Fermo e Lucia); La sventurata rispose; La peste a Milano e la madre di Cecilia*, La vigna di Renzo*; la conclusione del romanzo 4 Leopardi 18 - Due lettere a Pietro Giordani - brano dai Ricordi d'infanzia e d'adolescenza - dallo Zibaldone: brani sulla poetica del vago e indefinito - dai Canti: L'infinito, Alla luna, La sera del dì di festa, Canzone ad Angelo Mai, Ultimo canto di Saffo, A Silvia, Canto notturno di un pastore errante dell'asia, A se stesso, La ginestra; - dalle Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese; Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie (solo il Coro di morti iniziale); Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare; Dialogo di Plotino e di Porfirio; Cantico del Gallo silvestre; Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere 5 Baudelaire tra realismo allegorico e simbolismo. Decadentismo e Simbolismo in Francia e in Italia 13 - C. Baudelaire, da Lo Spleen di Parigi: Perdita d'aureola; dai Fiori del male: Al lettore*, L albatro, Moesta et errabunda, A una passante* (con lettura da Benjamin sull'esperienza dello choc*), Corrispondenze, Spleen (Quando come un coperchio il cielo pesa), Spleen (Son come il re di un paese piovoso) *, La Bellezza*, Inno alla Bellezza*, Il cigno (approfondimento intertestuale*, svolto nell'a.s. scorso e recuperato Aen. III, Inf. X con alle spalle Donna me prega di G. Cavalcanti, Di passaggio di V. Sereni, Riemersa da un'infinità di tempo dagli Xenia di Satura di Montale), Il viaggio - P. Verlaine, Arte poetica; Languore - A. Rimbaud, brano dalla Lettera del veggente; Vocali; Il battello ebbro - Pascoli: - un brano dal Fanciullino - da Myricae: Arano, X Agosto, L'assiuolo, Temporale, Il lampo, Il tuono*, Novembre - dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno - dai Poemetti, Digitale purpurea Pagina 15 di 93

16 - D'Annunzio: - dalle Vergini delle rocce, il programma politico del superuomo -da Alcyone: La pioggia nel pineto, Meriggio - brano dal Notturno 6 Il Realismo e il Verismo 7 - La Scapigliatura: Praga, Preludio; Tarchetti, Fosca; Camillo Boito, Senso - G. Carducci: dalle Odi barbare, Alla stazione in una mattina d autunno, Nella piazza di San Petronio, Nevicata - G.Verga: - Prefazione a L amante di Gramigna: impersonalità e regressione - da Vita dei campi: Fantasticheria; Rosso Malpelo - I Malavoglia: la prefazione; cap. I, Il mondo arcaico e l'irruzione della storia; la conclusione del romanzo 7 Le avanguardie del primo '900. La crisi della narrazione in Pirandello e Svevo 3 - I Crepuscolari: - Gozzano, Invernale - I Futuristi: - Marinetti, Manifesto del Futurismo; Manifesto tecnico della letteratura futurista - Pirandello: - brano dall'umorismo: un'arte che scompone il reale - brano dai Sei personaggi in cerca d'autore - dal Fu Mattia Pascal: Lo strappo nel cielo di carta e la lanterninosofia - Svevo: dalla Coscienza di Zeno: Prefazione*; Preambolo*; La morte del padre; Psico-analisi; La profezia di un'apocalisse cosmica 8 La parola come scavo e salvezza di Ungaretti, la poesia "fisica" e "metafisica" di Montale 3 - Ungaretti: - dall'allegria: I fiumi, Il porto sepolto, Veglia, Soldati, Commiato - Montale: - dagli Ossi di seppia: I limoni, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato, Forse un mattino andando in un'aria di vetro - dalle Occasioni: Addii, fischi nel buio, cenni, tosse*; La casa dei doganieri - da La bufera e altro, A mia madre* Pagina 16 di 93

17 9 Dante Alighieri 20 Purgatorio - Un'ipotesi 'circolare e centrata' sulla struttura della Commedia, fondata su ricorrenze e simmetrie nei canti XIIII-XXI con centro nel XVII (fotocopia). - Canti XXIX, XXX, XXXI, XXXII, XXXIII, con sintetici riferimenti alla Bibbia (la visione di Daniele 7; la Bestia dell'apocalisse) e al pensiero di Gioacchino da Fiore (Zorobabel e il numero 515) Paradiso - Canti I, II, III, VI, X, XI, le immagini iniziali dei cc. XII (vv. 1-21) e XIII (vv. 1-27), XIV, XV, XVI, XVII, XXXIII Totale numero di ore di lezione fino al 15 maggio 92 MEZZI E STRUMENTI UTILIZZATI Asse centrale dell insegnamento è stato il confronto diretto con i testi d autore, analizzati e commentati sotto il profilo semantico, linguistico e stilistico per rilevarne i valori formali e la loro stretta relazione con i temi espressi, le idee e i valori dell autore, il contesto storico e culturale. A partire da tale lavoro sul testo, organizzato per moduli tematico-formali, si è cercato di giungere ad una corretta, problematica attualizzazione del suo valore complessivo e quindi ad un giudizio consapevole da parte degli studenti. Accanto a tale percorso si è svolta comunque una costante contestualizzazione, dal generale al particolare (periodo culturale, movimenti e correnti, autore ed opera) o viceversa per focalizzazioni progressive: le verifiche hanno tenuto conto dell una come dell altra strada praticata. Le verifiche scritte sono state impostate secondo le tipologie d esame, soprattutto analisi guidata del testo e saggio breve o articolo di giornale, ma anche tema storico e di ordine generale. TESTI ADOTTATI - BALDI GIUSSO RAZETTI ZACCARIA, Il piacere dei testi, voll e volume su Leopardi, Paravia. - DANTE, La divina commedia, ed. integrale a c. di Jacomuzzi, SEI. - singoli testi d autore in fotocopia (da allegare al materiale per la Commissione d Esame, qui segnalati da asterisco*) Firma del docente Firma degli studenti rappresentanti di classe... Pagina 17 di 93

18 LATINO OBIETTIVI DIDATTICI RAGGIUNTI Gli obiettivi sotto indicati devono intendersi come raggiunti almeno sufficientemente dalla media della classe, e comunque in misura diversa dai singoli studenti. CONOSCENZE - Conoscere in modo completo il sistema linguistico; - conoscere lo svolgimento della storia letteraria relativamente ai generi e gli autori più rappresentativi, anche attraverso la lettura di opere complete o di parti significative di esse lette in lingua originale e/o in traduzione italiana con testo a fronte; - conoscere gli strumenti di analisi del testo; - conoscere i principali strumenti propri della disciplina. ABILITÀ - Saper tradurre un testo di autore noto riconoscendo in esso le strutture morfosintattiche e stilistiche e cogliendone i valori del lessico e il senso globale, con una resa in lingua italiana corretta e rispettosa del registro, della funzione e della tipologia del testo di partenza; - saper individuare i contenuti di pensiero, le tematiche, i tratti principali dello stile in un testo dato, situandolo all'interno della produzione dell'autore e del contesto storico-letterario; - saper rielaborare ed esporre le conoscenze acquisite con un uso appropriato e corretto della terminologia specifica. COMPETENZE - Essere in grado di tradurre in lingua italiana corretta e scorrevole un testo di autore non specificamente affrontato, operando scelte motivate e coerenti e riconoscendone e valorizzandone la tipologia testuale e il registro; - essere in grado di risalire dai testi agli autori e collocarli nel contesto dell opera e nella trama generale della storia letteraria riconoscendone i principi di poetica e l adesione e/o lo scarto rispetto al genere di appartenenza; - essere in grado di cogliere gli elementi tradizionali e quelli innovativi, di istituire confronti e relazioni con altri autori, testi, generi e temi affrontati, di individuare, dove possibile, i rapporti tra l antico e il moderno in termini di continuità e differenza; - essere in grado di rispondere ad un quesito in modo sintetico e pertinente, organizzando adeguatamente le idee e i dati e utilizzando un lessico chiaro e appropriato. Pagina 18 di 93

19 CONTENUTI DISCIPLINARI Ad eccezione dei testi dei moduli della sezione Autori, tutti i passi elencati sono stati letti in Italiano, anche con testo a fronte. MODULO / UNITÀ DI APPRENDIMENTO Presentazione del programma; indicazioni metodologiche iniziali. Numero ore/lezioni 1 ora Intellettuali e potere: l eta di Augusto Il ruolo della cultura e della letteratura sotto Augusto. La propaganda e la politica di restaurazione del princeps. Il Circolo di Mecenate; la repressione del dissenso. Virgilio Il rapporto con Mecenate e con il princeps. La IV Ecloga e il ritorno all'età dell'oro. La celebrazione del lavoro nelle Georgiche e la censura al IV libro. L Eneide: i modelli di comportamento e l'identità ideologica; tra mito e storia, la rivalità con Cartagine; la pietas di Enea e il dolore di uccidere. Letture: Bucoliche, IV, La nuova età dell'oro; Georgiche, I, , La necessità del lavoro; IV, , Il vecchio di Corico; IV, , Orfeo ed Euridice. Eneide, I, 1-11, Proemio; IV, , L'ultimo dialogo; IV, , La maledizione di Didone; IV, , La morte di Didone; VI, , Enea incontra Didone agli Inferi; VI, , L'incontro di Enea con Anchise agli Inferi; XII, , La morte di Turno. Orazio La vita, le opere; il rapporto con Augusto e l amicizia con Mecenate. Le Satire e la scelta di una vita semplice; modelli, temi principali, toni, morale epicurea. La polemica contro gli eccessi, gli spunti autobiografici, il confronto tra città e campagna. Le Odi e la saggezza di fronte alla precarietà dell'esistenza; l idea della misura, della felicità e della morte. Lingua e stile. Il rapporto con i modelli greci. Letture: Satire, I, 6 Libertino patre natus; I, 9, Il seccatore; II, 6, Hoc erat in votis. Odi, I, 9, Paesaggio invernale; I, 11, Carpe diem; I, 37, Per la morte di Cleopatra; II, 10, Aurea mediocritas; IV, 7, Pulvis et umbra Pagina 19 di 93

20 Autori: poesia lettura, analisi, traduzione e commento dei seguenti testi di Orazio: Satire, I, 9, Il seccatore; Odi, I, 9, Paesaggio invernale; Odi, I, 11, Carpe diem; Odi, II, 10, Aurea mediocritas. Ospitare gli dèi Modulo in codocenza con Religione cattolica. Il dio ospite, il dio non riconosciuto, il dono. Confronto tra Genesi, 18, 1-15, L'ospitalità di Abramo alle querce di Mamre, e il mito di Filemone e Bauci nelle Metamorfosi di Ovidio. La frugalitas e il mos maiorum. Letture: Ovidio, Metamorfosi, VIII, vv , Filemone e Bauci. L'età giulio-claudia e l'opposizione al principato Il quadro storico; l impero di Nerone e la politica culturale. Gli intellettuali di fronte al potere e l'assenza di mecenatismo; la libertà intellettuale e la repressione della cultura. Letture: Tacito, Annales, IV, 34-35, La condanna di Cremuzio Cordo. La letteratura della prima età imperiale Letteratura didascalica e trattatistica erudita. La poesia didascalica di Manilio e Germanico. Propositi moraleggianti ed exempla nell'opera degli storici. L'adesione al potere di Velleio Patercolo e Valerio Massimo. Il mito di Alessandro nelle Storie di Curzio Rufo. Fedro e l'invenzione della favola in versi. Letture: Fedro, Fabulae, I,1, Lupus et agnus. Seneca: un filosofo e il potere La vita, le opere, la scelta dello stoicismo; la figura del sapiens e il graduale itinerario verso la sapienza. I Dialoghi, modelli e temi principali: la ricerca della saggezza, il distacco dalle cose futili e dalle passioni, il tempo e la morte. Il controverso rapporto con il potere, da Claudio a Nerone: la Consolatio ad Polybium e le illusioni del trattato De clementia; l'apokolokyntosis. Il De ira e lo strumento ascetico dell esame interiore. Il De brevitate vitae: il problema del tempo e la categoria degli occupati. Il De vita beata: la vera felicità. Le Epistulae morales ad Lucilium: le riflessioni sulla sapienza, sul tempo, sulla schiavitù. Le tragedie e il rapporto con il modello euripideo. Lo stile delle opere filosofiche e delle tragedie; il linguaggio dell interiorità. Letture: De brevitate vitae I, 1-4, Siamo noi che rendiamo breve la vita; III, 1-5, L'uomo è prodigo del proprio tempo. De ira, III, 36, L'esame di coscienza. Epistulae morales ad Lucilium, 1, Riflessione sul tempo; 47, Riflessione sulla schiavitù. Medea, , Auguri alla sposa; , E vendetta sia! Pagina 20 di 93

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Q.tà ISBN Cod. Titolo Autore Prezzo. EM2013-G Esp. Manomix "Il sapere dal cielo" - 70 pz. (35 titoli) Novità 483,00

Q.tà ISBN Cod. Titolo Autore Prezzo. EM2013-G Esp. Manomix Il sapere dal cielo - 70 pz. (35 titoli) Novità 483,00 Cedola di prenotazione - Febbraio 2013 C.da Tamarete - Zona Artigianale 66026 ORTONA (CH) P. Iva 02224300695 info@vestigium.it www.vestigium.it tel. 085 9062581 fax 085 9059483 Q.tà ISBN Cod. Titolo Autore

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli