DOCUMENTO FINALE classe V C ERICA a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE classe V C ERICA a.s. 2013-14"

Transcript

1 DOCUMENTO FINALE classe V C ERICA a.s Nei cinque anni di scuola vissuti nel nostro istituto, la classe (abbastanza numerosa, composta di 26 studenti) si è caratterizzata, nel complesso, in modo sicuramente positivo dal punto di vista relazionale e della collaborazione, sia all'interno del gruppo delle ragazze e dei ragazzi, sia nel rapporto con gli insegnanti. In particolare il lavoro del mattino, l'attività didattica collettiva, è stata molto spesso connotata da una notevole partecipazione in quasi tutte le discipline. Anche gli aspetti organizzativi che appesantiscono talvolta la vita scolastica, la preparazione di uscite e viaggi di istruzione, la realizzazione di incontri in orario extra scolastico, hanno trovato nella classe una collaborazione e un coinvolgimento personale molto spesso significativi. Certo, a volte, soprattutto all'inizio delle lezioni, le dinamiche di gruppo non erano del tutto coerenti con la concentrazione necessaria all'efficacia dell'attività didattica. E tuttavia la vivacità della classe spesso si è manifestata anche nella riflessione, nella partecipazione alla lezione, nel coinvolgimento personale nei contenuti, insomma come tessuto discorsivo intenso che le pratiche di classe hanno attivato. Qualcuno ha anche lavorato con impegno negli organi di rappresentanza dei giovani a livello territoriale; altri si sono impegnati in attività esterne alla scuola, nel volontariato o in laboratori di teatro e di cinema, sempre dimostrando motivazione e responsabilità. Forse si può anche sottolineare che si è percepita in molti momenti della vita di scuola una rete affettiva molto forte all'interno del gruppo classe cosa che ha permesso di integrare molto bene i nuovi studenti che nel corso del tempo si sono aggiunti agli altri, capaci di costituire peraltro un gruppo stabile con livelli di dispersione nei cinque anni molto bassi. Qualità serena e intensa delle relazioni interpersonali che non è mancata neppure verso le/gli insegnanti. Fin qui, dunque, il giudizio sui cinque anni non può che essere positivo, anche perché questa dimensione relazionale molto viva non sarebbe forse giusto ridurla a semplice socializzazione o emotività: ha inciso sul modo di lavorare della classe, quindi sull'apprendimento acquisito, che in alcuni casi è apparso personale e approfondito. In alcuni casi, ma ovviamente non in tutti e non sempre. In particolare in questo ultimo periodo scolastico, l'avvicinarsi dell'esame e il divenire più frequenti le scadenze di verifica del lavoro individuale, ha evidenziato difficoltà in alcune ragazze e in alcuni ragazzi. Problemi di orientamento nei contenuti disciplinari, 1

2 capacità di padroneggiare linguaggi specifici, di rispettare collettivamente scadenze programmate. Insomma qualche segno di stanchezza. In alcune discipline quelle forse che richiedono un lavoro individuale e domestico più costante, impegnativo e rigoroso questi problemi sono apparsi con più evidenza. Il giudizio complessivo sulla classe, tuttavia, resta nell'insieme decisamente positivo, anche se non manca qualche ombra dal punto di vista dell'apprendimento di alcune e alcuni studenti. Ombre che sono forse l'altra faccia della medaglia di quella partecipazione collettiva vivace di cui si è detto all'inizio. Come se la classe avesse lavorato bene e collaborato efficacemente alle lezioni del mattino, ma mostrato qualche difficoltà nel prolungare quell'impegno nello studio individuale, di rielaborazione dei contenuti. Le/gli insegnanti del Consiglio di classe hanno utilizzato, naturalmente, una molteplicità di metodi e pratiche di insegnamento. La valutazione è stata ispirata ai criteri indicati nel Piano dell'offerta formativa e resa il più possibile trasparente per farla essere condivisa da ragazze e ragazzi. Per la preparazione all'esame di stato, sono state effettuate due simulazioni di terza prova e altre esercitazioni riguardo la varie prove d'esame delle diverse discipline (in particolare per le discipline linguistiche). La classe ha anche partecipato ad attività extra-curricolari di varia natura, sempre naturalmente collegate ai contenuti e agli obiettivi del lavoro curricolare. Pur tuttavia è rimasta la lezione in classe - con le sue diverse modalità, compreso l'uso di ausili video, cinematografici o teatrali - lo strumento principale del lavoro. PROGRAMMA DI ITALIANO prof. Andrea Bagni manuale usato: Armellini-Colombo, Letteratura, Letterature, Zanichelli. Il lavoro svolto in questi anni con la classe sulla letteratura italiana si è concentrato soprattutto sulla lettura e sull'interpretazione collettiva dei testi. In classe abbiamo privilegiato l'analisi diretta delle opere e la riflessione collettiva su di esse, cercando - per quanto possibile - di far maturare una sorta di comunità interpretativa. Siamo partiti dalla considerazione che l'opera letteraria propone sempre, in qualche 2

3 modo, una ricerca di senso e significato, un gioco che chiede di essere continuato dal lettore: con i suoi strumenti di analisi, la sua cultura, la sua soggettività. All'interno di una collaborazione di gruppo. Si è cercato, comunque, di collocare la lettura diretta dei testi sempre nel contesto della riflessione storica che inquadra gli autori nel loro tempo. Nella seconda parte del lavoro didattico, quindi, abbiamo cercato di tirare le fila delle letture condotte, per proporre un'interpretazione complessiva delle opere e degli autori in modo da sistemare concetti e contenuti in un quadro storicoculturale il più possibile organico. Su questo piano e per questo tipo di lavoro - aperto alla interpretazione e all'interazione della classe - ci siamo avvalsi del manuale di Guido Armellini e Adriano Colombo, Letteratura, letterature, edito dalla Zanichelli. Manuale la cui impostazione va appunto nella direzione di non presentare un'analisi tutta già compiuta dei testi in un contesto storico fortemente dettagliato, ma di limitarsi a indirizzare, sostenere e guidare la ricerca interpretativa. Per quanto riguarda la produzione di testi, si è lavorato in particolare sulla composizione del saggio breve e dell'articolo di giornale, tentando di far acquisire a ragazze e ragazzi la giusta misura fra il necessario rigore dell'analisi e del linguaggio, e la possibile creatività della riflessione personale. Non sempre per la verità i risultati sono stati brillanti, soprattutto per una certa imprecisione del linguaggio e, allo stesso tempo, troppa prudenza nell'elaborazione personale dei contenuti. Comunque le prove sono andate migliorando nel corso degli anni anche dal punto di vista della correttezza sintattica e ortografica della scrittura. Complessivamente i risultati conseguiti da ragazze e ragazzi possono essere considerati senza dubbio soddisfacenti. In particolare è stata decisamente positiva la partecipazione della classe al lavoro didattico, sia in termini di impegno nell'attività scolastica, sia come capacità di costruire relazioni intense al proprio interno e con gli insegnanti. E questo anche dal punto di vista del rispetto reciproco e del tessuto affettivo che ha connotato felicemente i cinque anni di vita nell'istituto. Verga e Manzoni, due romanzi a confronto: lettura individuale integrale de I Malavoglia e I promessi sposi. 3

4 Approfondimento sulla costruzione dei personaggi femminili, fra sacro e profano: La Lupa e La madre di Cecilia Verga, novelle da Vita dei campi: La Lupa; L'amante di Gramigna; Rosso Malpelo; da Novelle rusticane: La roba; Libertà. La poesia moderna Charles Baudelaire Corrispondenze; Albatro; a) La poetica dei sensi. Arthur Rimbaud Lettera del veggente; I poeti di sette anni Giovanni Pascoli brano da Il fanciullino; (confronto con I poeti di sette anni di A. Rimbaud) L'assiuolo; Arano; 4

5 Novembre; Temporale; Lavandare; X agosto; Il gelsomino notturno; Gabriele D'Annunzio brano da Il piacere brano da Le vergini delle rocce da Alcyone: La pioggia nel pineto; La sera fiesolana; Meriggio. Brano da Notturno b) La poetica della parola. Giuseppe Ungaretti da Allegria di naufragi: Commiato; Italia; Porto sepolto; Pellegrinaggio; I fiumi; Nostalgia; Vanità. c) la poetica degli oggetti Eugenio Montale da Ossi di seppia: Non chiederci la parola; I limoni; 5

6 Spesso il male di vivere ho incontrato; Forse un mattino andando; Meriggiare pallido e assorto; da Le occasioni: La casa dei doganieri; Non recidere forbice quel volto; da La bufera e altro: Piccolo testamento; da Satura: Ho sceso un milione di scalini; Al Saint James di Parigi; Nel silenzio. Pirandello Novelle: La carriola; Il treno ha fischiato; La patente; (analisi dell'episodio La patente dal film Questa è la vita) Quando si è capito il gioco; Ciaula scopre la luna. (Confronto con Rosso Malpelo) da L'umorismo: Il sentimento del contrario teatro: Il berretto a sonagli. Il romanzo: lettura integrale individuale de Uno, nessuno, centomila 6

7 Italo Svevo Lettura individuale integrale de La coscienza di Zeno approfondimento sui brani antologizzati: Il fumo; La vita è sempre mortale; non sopporta cure. PROGRAMMA DI STORIA prof. Andrea Bagni Manuale adottato: Mario Albero Banti, Il senso del tempo, Laterza. Il lavoro didattico riguardo la storia si è concentrato, in classe, soprattutto sugli aspetti culturali e sulla definizione concettuale delle maggiori categorie politiche ed economiche del Novecento. L'uso del testo del Banti, abbastanza atipico - ma assai interessante a mio giudizio - per lo spazio che assegna alle strutture culturali profonde, alla sfera del mito e dei rituali collettivi, ha permesso di accentuare la riflessione sugli aspetti sincronici dei periodi storici affrontati, sui ruoli sociali di uomini e donne, sulle forme della vita quotidiana e dell'immaginario collettivo. La partecipazione al lavoro delle ragazze e dei ragazzi è stata decisamente positiva, soprattutto in quest'ultimo anno scolastico, e anche l'impegno nello studio individuale è migliorato per quanto non sia stato, nel complesso, sempre organizzato e approfondito. Anche per questo, nella preparazione di ragazze e ragazzi sono rimaste alcune difficoltà soprattutto per quanto riguarda il possesso del lessico e delle strutture espressive specifiche del discorso storico; spesso la sistemazione e l'esposizione dei contenuti è risultata un po' imprecisa e approssimativa. Comunque il giudizio sulla preparazione raggiunta dalla classe complessivamente può essere ritenuto senz'altro positivo. 7

8 1. L'Europa delle grandi potenze Le origini di una società di massa Redditi e consumi Divertimenti di massa Amore, famiglia e sessualità Scienze mediche e misoginia La politica in Occidente Caratteri generali L'età giolittiana La crisi di fine secolo Il riformismo giolittiano Anni cruciali per l'italia: Dall'imperialismo alla Grande Guerra Alleanze e contrasti fra le grandi potenze Uno sguardo d'insieme Accordi internazionali e crisi nei Balcani La riorganizzazione del sistema delle alleanze Sarajevo, 28 giugno 1914 La Grande Guerra Giorni d'estate La brutalità della guerra Nelle retrovie e al fronte Le prime fasi della guerra ( ) L'Italia dalla neutralità all'intervento ( ) 8

9 Trincee e assalti ( ) La fase conclusiva ( ) Le conseguenze geopolitiche della guerra 3. Il primo dopoguerra La Russia rivoluzionaria Due rivoluzioni, una a febbraio e l'altra a ottobre Ancora guerra Comunisti al potere Donne nuove, famiglie nuove Paura e consenso Il dopoguerra dell'occidente Le trasformazioni economiche nel primo dopoguerra Riparazioni di guerra e relazioni economiche internazionali in sintesi: Consumi culturali e gli stili di genere Il biennio rosso nell'europa centrale La Repubblica di Weimar Il fascismo al potere Il quadro politico italiano nell'immediato primo dopoguerra Aree di crisi nel biennio La nascita del fascismo La marcia su Roma Una fase transitoria ( ) Il fascismo si fa Stato ( ) Miti e rituali fascisti Civiltà in trasformazione in sintesi: La Cina contesa; l'india di Gandhi 4. Dalla crisi del '29 alla seconda guerra mondiale 9

10 La crisi economica e le democrazie occidentali La crisi del '29 Il New Deal di Franklin Delano Roosvelt FDR, un presidente per il popolo Le democrazie europee (Regno Unito e Francia) Demografia, famiglia e rapporti fra i generi in Francia e nel Regno Unito Nazismo, fascismo, autoritarismo L'ascesa del nazismo Le strutture del regime nazista L'edificazione della Volksgemeinschaft (comunità nazionale) Il fascismo italiano negli anni Trenta in sintesi: Regimi autoritari europei La guerra civile in Spagna L'Unione Sovietica di Stalin Un'economia pianificata La paura come strumento di governo Conservatorismo culturale La politica estera La seconda guerra mondiale Dall'Anschluss al patto di Monaco Dalla dissoluzione della Cecoslovacchia all'aggressione alla Polonia La guerra lampo Le guerre parallele La Germania nazista attacca l'unione Sovietica La guerra nel Pacifico L' ordine nuovo in Asia e in Europa Lo sterminio degli ebrei La Resistenza contro le occupazioni nazi-fasciste 10

11 La svolta del La caduta del fascismo, la Resistenza e la guerra in Italia La fine della guerra 5. Il secondo dopoguerra Dopo la guerra Ombre lunghe di una guerra appena conclusa Un'Europa divisa L'Occidente nell'immediato dopoguerra Il blocco sovietico In sintesi: Il comunismo in Asia: la nascita della Cina popolare e la guerra di Corea; il Medio Oriente e la nascita di Israele Democrazie occidentali e comunismo fra il 1950 e il 1970 Miracoli economici dell'occidente Migrazioni e mutamenti sociali Dagli oggetti del desiderio al villaggio globale Il baby boom Gli Stati Uniti dal movimento per i diritti civili alla guerra del Vietnam Le dinamiche politiche dell'europa occidentale, l'italia: il primo ciclo politico italiano; il secondo ciclo politico italiano; il terzo ciclo politico italiano Il comunismo nell'europa dell'est Primavere culturali e politiche In sintesi: gli anni Settanta in Italia, anni di terrorismo e di riforme; una stagione di rose, il movimento femminista. Analisi dei film: Tempi moderni, di Charlie Chaplin; Una giornata particolare, di Ettore Scola; 11

12 CLASSE: VC ERICA ANNO SCOLASTICO: INSEGNANTE: SILVIA GUIDI FRANCESE Obiettivi Consolidamento e rafforzamento delle quattro abilità linguistiche di base. Consolidamento delle strutture morfosintattiche fondamentali. Consolidamento delle funzioni linguistiche più comuni. Sviluppo della conoscenza della realtà socio-culturale francese. Sviluppo della capacità di analisi e riflessione critica su testi di vario tipo e argomento (turistico, economico, letterario). Acquisizione passiva e attiva di nozioni tecniche relative al linguaggio dei settori turistico ed economico. Gli obiettivi prefissati sono stati complessivamente raggiunti. La classe ha sempre lavorato con regolarità e interesse, partecipando attivamente e arricchendo talvolta il dialogo scolastico con contributi personali. Alcuni elementi evidenziano ancora errori sul piano espressivo scritto ed orale, soprattutto per la presenza di lacune pregresse. Altri, grazie allo studio e all impegno costante, hanno raggiunto risultati discreti o buoni. Si segnalano inoltre alcuni casi di eccellenza, che si sono contraddistinti per gli ottimi risultati e le notevoli capacità di riflessione e di rielaborazione. Il comportamento è sempre stato corretto, aperto, cordiale. Argomenti trattati Economia Organizzare un viaggio di affari. Effettuare una prenotazione per telefono, modificarla, annullarla. Accogliere un cliente. La corrispondenza legata all invito. La lettera di 12

13 ringraziamento. La richiesta di informazioni. La corrispondenza relativa alla prenotazione. Organizzare un voyage de stimulation. Lettura : «Le tourisme d affaires». Conoscenza dell azienda: i congressi, les voyages de stimulation, le fiere e i saloni. Fare un ordine. Fare un ordine, modificarlo, annullarlo per telefono. L ordine (lettera). La richiesta di modifica, di annullamento. Fare un ordine su un sito commerciale. Lettura: «Internet: pourquoi le commerce en ligne tient ses promesses». Conoscenza dell azienda : L ordine e il contratto di vendita. La fatturazione. Il pagamento: i mezzi di pagamento. Turismo Le varie forme di hébergement. Le diverse forme di turismo. La presentazione di un hotel. Lo sviluppo del turismo industriale. Il turismo verde. L itinerario turistico. Il turismo della salute. Il turismo religioso. Il turismo dei loisirs. Cultura e civiltà Lettura di articoli: «Le succès du tourisme de mémoire». «Le Mont-Saint-Michel, entre silence et vacarme». «Le Louvre à Abou-Dhabi : la culture française dans le désert». Letteratura Il XIX secolo. L età preromantica. Chateaubriand La generazione romantica. Il teatro romantico. Il romanzo nel periodo romantico. 13

14 Balzac Il realismo Flaubert Il naturalismo Zola Décadence e simbolismo. Il XX secolo Il teatro contemporaneo Anouilh Ionesco Sono stati letti e analizzati i seguenti testi: Chateaubriand «Un état impossible à décrire» (René) «Quitter la vie» (René) Balzac «La déchéance de Goriot» (Le Père Goriot) Flaubert «Une lune de miel» (Madame Bovary) Zola «L alambic» (L Assommoir) E. Rostand «Cyrano de Bergerac», lettura integrale Teatro La Cantatrice calva di Eugène Ionesco (Teatro Metastasio, regia di Massimo Castri). Clôture de l amour, uno spettacolo di Pascal Lambert (Teatro Metastasio). Antigone di Jean Anouilh (Teatro Metastasio, regia di Massimo 14

15 Luconi). Ubu Roi di Alfred Jarry (Teatro Metastasio, regia di Roberto Latini). Cinema Madame Bovary di Claude Chabrol (1991). Elle s'appellait Sarah di G. Paquet-Brenner (2010) Cyrano de Bergerac di J. P. Rappeneau (1990) Metodologia La lingua straniera è sempre stata usata in situazioni comunicative. Sono stati presentati testi autentici di attualità. Lo studio dei linguaggi settoriali è stato finalizzato non solo all acquisizione di conoscenze ma anche allo sviluppo di abilità. Il lavoro sui testi letterari è stato articolato partendo dalla lettura e dalla comprensione del testo di cui sono state messe in luce le specificità riguardo alla sua forma, alla sua natura, alla sua struttura. Dal testo siamo passati alle informazioni sull opera da cui il testo è tratto, alle altre opere dell autore, all autore stesso, alla corrente letteraria o ai temi che caratterizzano le varie tappe del secolo e che gli autori scelti illustrano esemplarmente. L alunno è sempre stato invitato ad esprimere impressioni ed opinioni personali al fine di consentirgli di migliorare le capacità linguistiche e critiche. Per quanto riguarda la letteratura, è stato privilegiato lo studio del XIX secolo per offrire agli alunni la possibilità di effettuare collegamenti con le altre letterature e favorire così la realizzazione degli approfondimenti tematici che costituiscono parte del colloquio orale dell esame di stato. Per quanto riguarda la letteratura del XX secolo, approfittando della ricca offerta di pièces francesi da parte del teatro Metastasio ai cui spettacoli tre per l esattezza- una parte della classe si è abbonata, la scelta degli autori e delle opere da studiare si è indirizzata sul teatro contemporaneo, in particolare su Anouilh e Ionesco. Strumenti di lavoro Libri di testo - Écritures 2 di G.F.Bonini, M-C.Jamet, P.Bachas, E.Vicari (Valmartina), Perspectives économiques di Claudia Zoratti (Juvenilia Scuola) e Perspectives culturelles di Stéphanie Parquet (Juvenilia Scuola)-, articoli di attualità, fotocopie. 15

16 Modalità di verifica Sono state effettuate verifiche scritte ed orali con frequenza mensile. Verifiche di tipo formativo sono state effettuate durante lo svolgimento delle lezioni attraverso produzioni orali e scritte sui temi via via affrontati. Le verifiche sommative scritte sono state questionari, comprensioni/produzioni a partire da testi proposti agli esami di stato degli anni precedenti, redazione di lettere; l'acquisizione delle abilità linguistiche e della conoscenza dei linguaggi settoriali nonché delle competenze di ricezione e produzione orale e scritta, è stata verificata per mezzo di prove specifiche simili, tipologicamente, alle attività e agli esercizi svolti nel corso delle varie lezioni. Nella valutazione delle produzioni scritte si è tenuto conto del contenuto e della correttezza formale. Nella valutazione delle verifiche orali si è tenuto conto della correttezza e scorrevolezza dell'espressione, della conoscenza dei contenuti, della capacità di effettuare analisi testuale, sintesi e collegamenti. Nella valutazione globale si è tenuto conto della situazione di ogni allievo considerando le sue capacità, l'atteggiamento tenuto, i risultati conseguiti in rapporto agli obiettivi prestabiliti e alla situazione di partenza. Programma svolto in compresenza con l insegnante di madrelingua francese. L insegnamento della lingua francese durante l ora di compresenza con l insegnante di madrelingua è stato finalizzato essenzialmente al potenziamento dell abilità di produzione orale soprattutto nell ambito del settore turistico ma anche in quello di situazioni quotidiane dove sono state affrontate e trattate tematiche di sicuro interesse per gli alunni. In tal senso molto spazio è stato dato a discussioni su temi di attualità che hanno coinvolto tutta la classe sviluppando funzioni comunicative importanti quali far fronte a situazioni che si possono incontrare durante un viaggio prender parte in modo semplice a conversazioni su argomenti di interesse personale esprimere brevemente la propria opinione esprimere l accordo o il disaccordo esprimere le ragioni e le spiegazioni delle proprie opinioni o progetti Per quanto riguarda il consolidamento del linguaggio settoriale turistico, sono stati arricchito il lessico e la fraseologia 16

17 fondamentali di alcuni ambiti situazionali, in modo da sviluppare una competenza comunicativa specifica attraverso mises en situation particolari, quali ad esempio quella relativa alla preparazione di un week-end a Lione, con richiesta di informazioni in una agenzia di viaggi. Gli alunni sono stati inoltre sollecitati a lavorare in gruppo per lo svolgimento di attività che hanno richiesto un accurata preparazione, come la presentazione di un monumento o la presentazione della città di Prato. L insieme delle attività proposte ha coinvolto positivamente la classe: tutti hanno partecipato con risultati proporzionati alle singole capacità ma evidenziando una maggiore scioltezza nell espressione orale. CLASSE: VC ERICA ANNO SCOLASTICO: INSEGNANTE: RITA COCO INGLESE La classe, con cui ho lavorato nel triennio, si è sempre distinta per un atteggiamento diligente e rispettoso. Alcuni allievi hanno dimostrato spiccate attitudini per la materia che hanno approfondito con passione e determinazione. In altre persone si è notato un progressivo miglioramento, frutto di crescita e maturazione personale e di impegno più o meno costante. anche coloro meno inclini allo studio della lingua, hanno tuttavia, nella maggioranza dei casi, dimostrato impegno e voglia di progredire. La partecipazione avrebbe potuto essere più attiva e manifestare maggiore dialettica e spirito critico rispetto ai contenuti proposti, che sono stati diligentemente appresi e assimilati. 17

18 Libri di testo: Cumino - Bowen 'Business globe' - Ed.Petrini Thomson - Maglioni 'Literary landscapes' - Ed.Black cat Sul testo 'Business globe' sono stati studiati i seguenti argomenti: Marketing basics da p.86 a p.94 Advertising p The invoice and the e-invoice p Banking p Insurance p UK modern history da p.328 a p th century Britain da p.338 a p.343 The Welfare State p UK system of government p Usa geography p American people p New York p USA modern history: America's industrial revolution p America, a nation of immigrants p The 1920s, the roaring twenties and the Wall Street Crash p Early XXth century: the 1930ss and the New Deal The 1940s: the Age of War p The 1950s: Happy days The 1960s: the Youth Culture The 1970s: the technological age The 1980s: Reaganism The 1990s: the electronic age The early 2000s: the age of terrorism and war p Sul testo di letteratura sono stati studiati i seguenti argomenti: THE VICTORIAN AGE ( ) The historical ground p

19 The literary ground p Edgar Allan Poe: 'The masque of the red death'; 'The purloined letter' Charles Dickens : 'Hard times'; 'Great expectations' Charlotte Bronte: 'Jane Eyre' Oscar Wilde: 'The picture of Dorian Gray'; 'The selfish giant'; 'The importance of being Ernest' Walt Whitman: 'Song of myself' Emily Dickinson: 'There is a solitude of space' and other poems Dante Gabriel Rossetti p George Bernard Shaw: 'Mrs Warren's profession' (su fotocopia) THE MODERN AGE ( ) The historical ground p The literary ground p Joseph Conrad: 'Heart of darkness' Virginia Woolf: 'Mrs Dalloway', 'To the lighthouse' James Joyce: 'Dubliners' (Evelyn, The dead); 'Ulysses' (Molly's monologue) Aldous Huxley: 'Brave new world' George Orwell: '1984' T.S.Eliot: ' The love song of J.Alfred Prufrock', 'The waste land', 'The hollow men' THE CONTEMPORARY AGE The historical ground The literary ground Samuel Beckett: 'Waiting for Godot' Salman Rushdie: 'Midnight's children' (dopo il 15 maggio) Disciplina: Tedesco (III lingua) Insegnante: Leonardo Luccioletti Docente di conversazione : Birgit Kröll Profilo della classe La classe si presenta con livelli di preparazione piuttosto diversi tra loro a causa di attitudini e capacità eterogenee. Un ampio numero di alunni ha seguito generalmente con attenzione le lezioni, anche se non sempre è stato in grado di esprimere contributi propositivi durante il lavoro in classe. Un altro gruppo meno numeroso è stato poco partecipe e motivato. Tale irregolarità nella partecipazione, 19

20 unita ad uno studio episodico e superficiale e ad un certo disinteresse per il recupero delle carenze, ha limitato i risultati del profitto. Nel complesso il rendimento della classe si può ritenere pienamente sufficiente, con qualche caso di eccellenza, dovuto agli esiti particolarmente positivi delle verifiche; per alcuni allievi, tuttavia, la preparazione resta poco omogenea e presenta lacune e carenze di tipo espressivo o concettuale. Obiettivi individuati: saper usare ad un buon livello le quattro abilità attive-passive; acquisire strumenti per leggere i testi in lingua tedesca indicati nel programma, sia con guida alla lettura, sia in modo autonomo; saper comprendere le problematiche del testo in esame ed individuare i codici formali e linguistici che lo caratterizzano; saper riferire i contenuti del testo oggetto di indagine e formulare opinioni in modo semplice ma chiaramente comprensibile; appropriarsi di una conoscenza generale sull evoluzione storica e culturale del popolo di cui si studia la lingua. Contenuti da Deutsch Sprint 2: Schritt 15) Fitness und Sport Dialog (61) König Fußball (71) Nicht nur Fußball (71) Schritt 16) Innovation und Zukunft Dialog (79) Biografie Marlene Dietrich (81) Biografie Erich Kästner (81) Rotkäppchen (Arbeitsbuch, 73) Schritt 18) Zukunftspläne Dialog (99) Schule in Deutschland ( ) Schritt 19) "Durch dick und dünn" Dialog (117) Schritt 21) Stoff für Zoff Dialog (137) 20

21 Typisch deutsch. Deutschland kunterbunt ( ) Tourismus Berlin erzählt (Kultouren 64, 65) Berlin bleibt Berlin (Kultouren, 66) Berlin (Baustelle, 38) Köln (Baustelle, 76) Düsseldorf (Baustelle, 108) Die Märchenstraße und die Brüder Grimm (Baustelle, 98) Deutsche Geschichte Faschismus: Das dritte Reich (Kultouren, 42) Holocaust, Terror und Widerstand (Kultouren, 43) Die doppelte Staatsgründung: Die Stunde Null (Kultouren, 70) Die Teilung Deutschlands (Kultouren, 71) Kalter Krieg (Kultouren, 71) Mauerblicke (Kultouren, 81) Unruhige Jahre: Das Wirtschaftswunder (Kultouren, 72) Mehr Demokratie wagen (Kultouren, 72) "Wir sind das Volk!" (Kultouren, 74) "Wir sind ein Volk!" (Kultouren, 74) Politik Parteien und Politik (Kultouren 80,81) Sophie Scholl und die weiße Rose Einleitung (5,6) Kapitel 1 bis 8 (sintesi) Testi: Vanni, Delor, Deutsch Sprint 2, Lang Regine Delor, Kultouren, Lang Bonelli, Pavan, Baustelle Deutsch, Loescher Achim Seiffarth, Sophie Scholl. Die weiße Rose, Cideb Strumenti, metodologie e tecniche di insegnamento: 1 Lettura del testo in lingua straniera in classe e comprensione globale tramite domande. Comprensione dettagliata tramite domande. Semplificazione o schematizzazione del testo. I brani esaminati hanno fornito l occasione per approfondimenti di natura linguistica. 21

22 Verifiche e criteri di valutazione La verifica delle conoscenze relative ai singoli ambiti trattati è stata attuata mediante interrogazioni e compiti in classe. La valutazione, espressa in decimi (dal 3 al 10), ha tenuto conto dei seguenti parametri: correttezza formale, ampiezza e precisione del lessico, conoscenza dei contenuti degli argomenti proposti sia per lo scritto che per l orale; capacità di leggere, comprendere, analizzare e riferire (o riassumere) il contenuto di un testo; capacità di usare un registro lessicale appropriato alla situazione; capacità di produrre testi grammaticalmente e sintatticamente corretti, esposti in sequenza logica e con un linguaggio scorrevole, completi ed esaurienti; ielaborazione critica e apporti personali. Al momento della valutazione finale vengono valutati anche il grado di impegno, la partecipazione degli alunni e la progressione rispetto ai livelli di partenza. Matematica OBIETTIVI: Obiettivi formativi della disciplina: Utilizzare la matematica per lo studio delle scienze economiche e finanziarie. Saper risolvere problemi di ottimizzazione con gli strumenti di analisi più opportuni. Saper rappresentare situazioni aziendali concrete con modelli matematici. Obiettivi di contenuto: Conoscere il concetto di funzione di due variabili. Ricercare massimi e minimi di funzioni di due variabili. Risolvere problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati. Risolvere problemi di programmazione lineare in due variabili con metodo grafico. 22

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari:

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari: Indirizzo: TURISMO Classe: QUARTA AT BT Disciplina: ARTE E TERRITORIO prof. ssa DANIELA GERONI Competenze disciplinari: COMPETENZE 1. Individuare i rapporti intercorrenti tra uomo, ambiente, economia nazionale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Istituto italiano di Barcellona. Anno Scolastico 2012-2013 Classe 3 M B Programmazione di Italiano, Storia, Educazione alla Cittadinanza e Geografia

Istituto italiano di Barcellona. Anno Scolastico 2012-2013 Classe 3 M B Programmazione di Italiano, Storia, Educazione alla Cittadinanza e Geografia Istituto italiano di Barcellona Anno Scolastico 2012-2013 Classe 3 M B Programmazione di Italiano, Storia, Educazione alla Cittadinanza e Geografia Docente: Maria Beatrice Barnao ITALIANO Obiettivi educativi:

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

ATTIVITA DISCIPLINARE

ATTIVITA DISCIPLINARE 1 2 ATTIVITA DISCIPLINARE Docente: Funtò Massimo Disciplina: Matematica Profilo della classe Durante il corso dell anno la classe si relazionata,sia tra di loro che con i docenti in modo proficuo e rispettoso

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: ELISABETTA PILLASTRINI CLASSE: III B MATERIA: ITALIANO PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA Pag. 1 di 11 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI INDIRIZZO RIM SPAGNOLO CLASSE BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 10 settembre 2015 Orario di inizio 9,00 orario di conclusione 11.00 PRESENTI : Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ PRIMO BINNIO LICO SCINTIFICO OPZION SCINZ APPLICAT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BINNIO disciplina: INSGNAMNTO RLIGION CATTOLICA docenti: PACHRA RICCARDO C O M

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli