DOCUMENTO FINALE classe V C ERICA a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE classe V C ERICA a.s. 2013-14"

Transcript

1 DOCUMENTO FINALE classe V C ERICA a.s Nei cinque anni di scuola vissuti nel nostro istituto, la classe (abbastanza numerosa, composta di 26 studenti) si è caratterizzata, nel complesso, in modo sicuramente positivo dal punto di vista relazionale e della collaborazione, sia all'interno del gruppo delle ragazze e dei ragazzi, sia nel rapporto con gli insegnanti. In particolare il lavoro del mattino, l'attività didattica collettiva, è stata molto spesso connotata da una notevole partecipazione in quasi tutte le discipline. Anche gli aspetti organizzativi che appesantiscono talvolta la vita scolastica, la preparazione di uscite e viaggi di istruzione, la realizzazione di incontri in orario extra scolastico, hanno trovato nella classe una collaborazione e un coinvolgimento personale molto spesso significativi. Certo, a volte, soprattutto all'inizio delle lezioni, le dinamiche di gruppo non erano del tutto coerenti con la concentrazione necessaria all'efficacia dell'attività didattica. E tuttavia la vivacità della classe spesso si è manifestata anche nella riflessione, nella partecipazione alla lezione, nel coinvolgimento personale nei contenuti, insomma come tessuto discorsivo intenso che le pratiche di classe hanno attivato. Qualcuno ha anche lavorato con impegno negli organi di rappresentanza dei giovani a livello territoriale; altri si sono impegnati in attività esterne alla scuola, nel volontariato o in laboratori di teatro e di cinema, sempre dimostrando motivazione e responsabilità. Forse si può anche sottolineare che si è percepita in molti momenti della vita di scuola una rete affettiva molto forte all'interno del gruppo classe cosa che ha permesso di integrare molto bene i nuovi studenti che nel corso del tempo si sono aggiunti agli altri, capaci di costituire peraltro un gruppo stabile con livelli di dispersione nei cinque anni molto bassi. Qualità serena e intensa delle relazioni interpersonali che non è mancata neppure verso le/gli insegnanti. Fin qui, dunque, il giudizio sui cinque anni non può che essere positivo, anche perché questa dimensione relazionale molto viva non sarebbe forse giusto ridurla a semplice socializzazione o emotività: ha inciso sul modo di lavorare della classe, quindi sull'apprendimento acquisito, che in alcuni casi è apparso personale e approfondito. In alcuni casi, ma ovviamente non in tutti e non sempre. In particolare in questo ultimo periodo scolastico, l'avvicinarsi dell'esame e il divenire più frequenti le scadenze di verifica del lavoro individuale, ha evidenziato difficoltà in alcune ragazze e in alcuni ragazzi. Problemi di orientamento nei contenuti disciplinari, 1

2 capacità di padroneggiare linguaggi specifici, di rispettare collettivamente scadenze programmate. Insomma qualche segno di stanchezza. In alcune discipline quelle forse che richiedono un lavoro individuale e domestico più costante, impegnativo e rigoroso questi problemi sono apparsi con più evidenza. Il giudizio complessivo sulla classe, tuttavia, resta nell'insieme decisamente positivo, anche se non manca qualche ombra dal punto di vista dell'apprendimento di alcune e alcuni studenti. Ombre che sono forse l'altra faccia della medaglia di quella partecipazione collettiva vivace di cui si è detto all'inizio. Come se la classe avesse lavorato bene e collaborato efficacemente alle lezioni del mattino, ma mostrato qualche difficoltà nel prolungare quell'impegno nello studio individuale, di rielaborazione dei contenuti. Le/gli insegnanti del Consiglio di classe hanno utilizzato, naturalmente, una molteplicità di metodi e pratiche di insegnamento. La valutazione è stata ispirata ai criteri indicati nel Piano dell'offerta formativa e resa il più possibile trasparente per farla essere condivisa da ragazze e ragazzi. Per la preparazione all'esame di stato, sono state effettuate due simulazioni di terza prova e altre esercitazioni riguardo la varie prove d'esame delle diverse discipline (in particolare per le discipline linguistiche). La classe ha anche partecipato ad attività extra-curricolari di varia natura, sempre naturalmente collegate ai contenuti e agli obiettivi del lavoro curricolare. Pur tuttavia è rimasta la lezione in classe - con le sue diverse modalità, compreso l'uso di ausili video, cinematografici o teatrali - lo strumento principale del lavoro. PROGRAMMA DI ITALIANO prof. Andrea Bagni manuale usato: Armellini-Colombo, Letteratura, Letterature, Zanichelli. Il lavoro svolto in questi anni con la classe sulla letteratura italiana si è concentrato soprattutto sulla lettura e sull'interpretazione collettiva dei testi. In classe abbiamo privilegiato l'analisi diretta delle opere e la riflessione collettiva su di esse, cercando - per quanto possibile - di far maturare una sorta di comunità interpretativa. Siamo partiti dalla considerazione che l'opera letteraria propone sempre, in qualche 2

3 modo, una ricerca di senso e significato, un gioco che chiede di essere continuato dal lettore: con i suoi strumenti di analisi, la sua cultura, la sua soggettività. All'interno di una collaborazione di gruppo. Si è cercato, comunque, di collocare la lettura diretta dei testi sempre nel contesto della riflessione storica che inquadra gli autori nel loro tempo. Nella seconda parte del lavoro didattico, quindi, abbiamo cercato di tirare le fila delle letture condotte, per proporre un'interpretazione complessiva delle opere e degli autori in modo da sistemare concetti e contenuti in un quadro storicoculturale il più possibile organico. Su questo piano e per questo tipo di lavoro - aperto alla interpretazione e all'interazione della classe - ci siamo avvalsi del manuale di Guido Armellini e Adriano Colombo, Letteratura, letterature, edito dalla Zanichelli. Manuale la cui impostazione va appunto nella direzione di non presentare un'analisi tutta già compiuta dei testi in un contesto storico fortemente dettagliato, ma di limitarsi a indirizzare, sostenere e guidare la ricerca interpretativa. Per quanto riguarda la produzione di testi, si è lavorato in particolare sulla composizione del saggio breve e dell'articolo di giornale, tentando di far acquisire a ragazze e ragazzi la giusta misura fra il necessario rigore dell'analisi e del linguaggio, e la possibile creatività della riflessione personale. Non sempre per la verità i risultati sono stati brillanti, soprattutto per una certa imprecisione del linguaggio e, allo stesso tempo, troppa prudenza nell'elaborazione personale dei contenuti. Comunque le prove sono andate migliorando nel corso degli anni anche dal punto di vista della correttezza sintattica e ortografica della scrittura. Complessivamente i risultati conseguiti da ragazze e ragazzi possono essere considerati senza dubbio soddisfacenti. In particolare è stata decisamente positiva la partecipazione della classe al lavoro didattico, sia in termini di impegno nell'attività scolastica, sia come capacità di costruire relazioni intense al proprio interno e con gli insegnanti. E questo anche dal punto di vista del rispetto reciproco e del tessuto affettivo che ha connotato felicemente i cinque anni di vita nell'istituto. Verga e Manzoni, due romanzi a confronto: lettura individuale integrale de I Malavoglia e I promessi sposi. 3

4 Approfondimento sulla costruzione dei personaggi femminili, fra sacro e profano: La Lupa e La madre di Cecilia Verga, novelle da Vita dei campi: La Lupa; L'amante di Gramigna; Rosso Malpelo; da Novelle rusticane: La roba; Libertà. La poesia moderna Charles Baudelaire Corrispondenze; Albatro; a) La poetica dei sensi. Arthur Rimbaud Lettera del veggente; I poeti di sette anni Giovanni Pascoli brano da Il fanciullino; (confronto con I poeti di sette anni di A. Rimbaud) L'assiuolo; Arano; 4

5 Novembre; Temporale; Lavandare; X agosto; Il gelsomino notturno; Gabriele D'Annunzio brano da Il piacere brano da Le vergini delle rocce da Alcyone: La pioggia nel pineto; La sera fiesolana; Meriggio. Brano da Notturno b) La poetica della parola. Giuseppe Ungaretti da Allegria di naufragi: Commiato; Italia; Porto sepolto; Pellegrinaggio; I fiumi; Nostalgia; Vanità. c) la poetica degli oggetti Eugenio Montale da Ossi di seppia: Non chiederci la parola; I limoni; 5

6 Spesso il male di vivere ho incontrato; Forse un mattino andando; Meriggiare pallido e assorto; da Le occasioni: La casa dei doganieri; Non recidere forbice quel volto; da La bufera e altro: Piccolo testamento; da Satura: Ho sceso un milione di scalini; Al Saint James di Parigi; Nel silenzio. Pirandello Novelle: La carriola; Il treno ha fischiato; La patente; (analisi dell'episodio La patente dal film Questa è la vita) Quando si è capito il gioco; Ciaula scopre la luna. (Confronto con Rosso Malpelo) da L'umorismo: Il sentimento del contrario teatro: Il berretto a sonagli. Il romanzo: lettura integrale individuale de Uno, nessuno, centomila 6

7 Italo Svevo Lettura individuale integrale de La coscienza di Zeno approfondimento sui brani antologizzati: Il fumo; La vita è sempre mortale; non sopporta cure. PROGRAMMA DI STORIA prof. Andrea Bagni Manuale adottato: Mario Albero Banti, Il senso del tempo, Laterza. Il lavoro didattico riguardo la storia si è concentrato, in classe, soprattutto sugli aspetti culturali e sulla definizione concettuale delle maggiori categorie politiche ed economiche del Novecento. L'uso del testo del Banti, abbastanza atipico - ma assai interessante a mio giudizio - per lo spazio che assegna alle strutture culturali profonde, alla sfera del mito e dei rituali collettivi, ha permesso di accentuare la riflessione sugli aspetti sincronici dei periodi storici affrontati, sui ruoli sociali di uomini e donne, sulle forme della vita quotidiana e dell'immaginario collettivo. La partecipazione al lavoro delle ragazze e dei ragazzi è stata decisamente positiva, soprattutto in quest'ultimo anno scolastico, e anche l'impegno nello studio individuale è migliorato per quanto non sia stato, nel complesso, sempre organizzato e approfondito. Anche per questo, nella preparazione di ragazze e ragazzi sono rimaste alcune difficoltà soprattutto per quanto riguarda il possesso del lessico e delle strutture espressive specifiche del discorso storico; spesso la sistemazione e l'esposizione dei contenuti è risultata un po' imprecisa e approssimativa. Comunque il giudizio sulla preparazione raggiunta dalla classe complessivamente può essere ritenuto senz'altro positivo. 7

8 1. L'Europa delle grandi potenze Le origini di una società di massa Redditi e consumi Divertimenti di massa Amore, famiglia e sessualità Scienze mediche e misoginia La politica in Occidente Caratteri generali L'età giolittiana La crisi di fine secolo Il riformismo giolittiano Anni cruciali per l'italia: Dall'imperialismo alla Grande Guerra Alleanze e contrasti fra le grandi potenze Uno sguardo d'insieme Accordi internazionali e crisi nei Balcani La riorganizzazione del sistema delle alleanze Sarajevo, 28 giugno 1914 La Grande Guerra Giorni d'estate La brutalità della guerra Nelle retrovie e al fronte Le prime fasi della guerra ( ) L'Italia dalla neutralità all'intervento ( ) 8

9 Trincee e assalti ( ) La fase conclusiva ( ) Le conseguenze geopolitiche della guerra 3. Il primo dopoguerra La Russia rivoluzionaria Due rivoluzioni, una a febbraio e l'altra a ottobre Ancora guerra Comunisti al potere Donne nuove, famiglie nuove Paura e consenso Il dopoguerra dell'occidente Le trasformazioni economiche nel primo dopoguerra Riparazioni di guerra e relazioni economiche internazionali in sintesi: Consumi culturali e gli stili di genere Il biennio rosso nell'europa centrale La Repubblica di Weimar Il fascismo al potere Il quadro politico italiano nell'immediato primo dopoguerra Aree di crisi nel biennio La nascita del fascismo La marcia su Roma Una fase transitoria ( ) Il fascismo si fa Stato ( ) Miti e rituali fascisti Civiltà in trasformazione in sintesi: La Cina contesa; l'india di Gandhi 4. Dalla crisi del '29 alla seconda guerra mondiale 9

10 La crisi economica e le democrazie occidentali La crisi del '29 Il New Deal di Franklin Delano Roosvelt FDR, un presidente per il popolo Le democrazie europee (Regno Unito e Francia) Demografia, famiglia e rapporti fra i generi in Francia e nel Regno Unito Nazismo, fascismo, autoritarismo L'ascesa del nazismo Le strutture del regime nazista L'edificazione della Volksgemeinschaft (comunità nazionale) Il fascismo italiano negli anni Trenta in sintesi: Regimi autoritari europei La guerra civile in Spagna L'Unione Sovietica di Stalin Un'economia pianificata La paura come strumento di governo Conservatorismo culturale La politica estera La seconda guerra mondiale Dall'Anschluss al patto di Monaco Dalla dissoluzione della Cecoslovacchia all'aggressione alla Polonia La guerra lampo Le guerre parallele La Germania nazista attacca l'unione Sovietica La guerra nel Pacifico L' ordine nuovo in Asia e in Europa Lo sterminio degli ebrei La Resistenza contro le occupazioni nazi-fasciste 10

11 La svolta del La caduta del fascismo, la Resistenza e la guerra in Italia La fine della guerra 5. Il secondo dopoguerra Dopo la guerra Ombre lunghe di una guerra appena conclusa Un'Europa divisa L'Occidente nell'immediato dopoguerra Il blocco sovietico In sintesi: Il comunismo in Asia: la nascita della Cina popolare e la guerra di Corea; il Medio Oriente e la nascita di Israele Democrazie occidentali e comunismo fra il 1950 e il 1970 Miracoli economici dell'occidente Migrazioni e mutamenti sociali Dagli oggetti del desiderio al villaggio globale Il baby boom Gli Stati Uniti dal movimento per i diritti civili alla guerra del Vietnam Le dinamiche politiche dell'europa occidentale, l'italia: il primo ciclo politico italiano; il secondo ciclo politico italiano; il terzo ciclo politico italiano Il comunismo nell'europa dell'est Primavere culturali e politiche In sintesi: gli anni Settanta in Italia, anni di terrorismo e di riforme; una stagione di rose, il movimento femminista. Analisi dei film: Tempi moderni, di Charlie Chaplin; Una giornata particolare, di Ettore Scola; 11

12 CLASSE: VC ERICA ANNO SCOLASTICO: INSEGNANTE: SILVIA GUIDI FRANCESE Obiettivi Consolidamento e rafforzamento delle quattro abilità linguistiche di base. Consolidamento delle strutture morfosintattiche fondamentali. Consolidamento delle funzioni linguistiche più comuni. Sviluppo della conoscenza della realtà socio-culturale francese. Sviluppo della capacità di analisi e riflessione critica su testi di vario tipo e argomento (turistico, economico, letterario). Acquisizione passiva e attiva di nozioni tecniche relative al linguaggio dei settori turistico ed economico. Gli obiettivi prefissati sono stati complessivamente raggiunti. La classe ha sempre lavorato con regolarità e interesse, partecipando attivamente e arricchendo talvolta il dialogo scolastico con contributi personali. Alcuni elementi evidenziano ancora errori sul piano espressivo scritto ed orale, soprattutto per la presenza di lacune pregresse. Altri, grazie allo studio e all impegno costante, hanno raggiunto risultati discreti o buoni. Si segnalano inoltre alcuni casi di eccellenza, che si sono contraddistinti per gli ottimi risultati e le notevoli capacità di riflessione e di rielaborazione. Il comportamento è sempre stato corretto, aperto, cordiale. Argomenti trattati Economia Organizzare un viaggio di affari. Effettuare una prenotazione per telefono, modificarla, annullarla. Accogliere un cliente. La corrispondenza legata all invito. La lettera di 12

13 ringraziamento. La richiesta di informazioni. La corrispondenza relativa alla prenotazione. Organizzare un voyage de stimulation. Lettura : «Le tourisme d affaires». Conoscenza dell azienda: i congressi, les voyages de stimulation, le fiere e i saloni. Fare un ordine. Fare un ordine, modificarlo, annullarlo per telefono. L ordine (lettera). La richiesta di modifica, di annullamento. Fare un ordine su un sito commerciale. Lettura: «Internet: pourquoi le commerce en ligne tient ses promesses». Conoscenza dell azienda : L ordine e il contratto di vendita. La fatturazione. Il pagamento: i mezzi di pagamento. Turismo Le varie forme di hébergement. Le diverse forme di turismo. La presentazione di un hotel. Lo sviluppo del turismo industriale. Il turismo verde. L itinerario turistico. Il turismo della salute. Il turismo religioso. Il turismo dei loisirs. Cultura e civiltà Lettura di articoli: «Le succès du tourisme de mémoire». «Le Mont-Saint-Michel, entre silence et vacarme». «Le Louvre à Abou-Dhabi : la culture française dans le désert». Letteratura Il XIX secolo. L età preromantica. Chateaubriand La generazione romantica. Il teatro romantico. Il romanzo nel periodo romantico. 13

14 Balzac Il realismo Flaubert Il naturalismo Zola Décadence e simbolismo. Il XX secolo Il teatro contemporaneo Anouilh Ionesco Sono stati letti e analizzati i seguenti testi: Chateaubriand «Un état impossible à décrire» (René) «Quitter la vie» (René) Balzac «La déchéance de Goriot» (Le Père Goriot) Flaubert «Une lune de miel» (Madame Bovary) Zola «L alambic» (L Assommoir) E. Rostand «Cyrano de Bergerac», lettura integrale Teatro La Cantatrice calva di Eugène Ionesco (Teatro Metastasio, regia di Massimo Castri). Clôture de l amour, uno spettacolo di Pascal Lambert (Teatro Metastasio). Antigone di Jean Anouilh (Teatro Metastasio, regia di Massimo 14

15 Luconi). Ubu Roi di Alfred Jarry (Teatro Metastasio, regia di Roberto Latini). Cinema Madame Bovary di Claude Chabrol (1991). Elle s'appellait Sarah di G. Paquet-Brenner (2010) Cyrano de Bergerac di J. P. Rappeneau (1990) Metodologia La lingua straniera è sempre stata usata in situazioni comunicative. Sono stati presentati testi autentici di attualità. Lo studio dei linguaggi settoriali è stato finalizzato non solo all acquisizione di conoscenze ma anche allo sviluppo di abilità. Il lavoro sui testi letterari è stato articolato partendo dalla lettura e dalla comprensione del testo di cui sono state messe in luce le specificità riguardo alla sua forma, alla sua natura, alla sua struttura. Dal testo siamo passati alle informazioni sull opera da cui il testo è tratto, alle altre opere dell autore, all autore stesso, alla corrente letteraria o ai temi che caratterizzano le varie tappe del secolo e che gli autori scelti illustrano esemplarmente. L alunno è sempre stato invitato ad esprimere impressioni ed opinioni personali al fine di consentirgli di migliorare le capacità linguistiche e critiche. Per quanto riguarda la letteratura, è stato privilegiato lo studio del XIX secolo per offrire agli alunni la possibilità di effettuare collegamenti con le altre letterature e favorire così la realizzazione degli approfondimenti tematici che costituiscono parte del colloquio orale dell esame di stato. Per quanto riguarda la letteratura del XX secolo, approfittando della ricca offerta di pièces francesi da parte del teatro Metastasio ai cui spettacoli tre per l esattezza- una parte della classe si è abbonata, la scelta degli autori e delle opere da studiare si è indirizzata sul teatro contemporaneo, in particolare su Anouilh e Ionesco. Strumenti di lavoro Libri di testo - Écritures 2 di G.F.Bonini, M-C.Jamet, P.Bachas, E.Vicari (Valmartina), Perspectives économiques di Claudia Zoratti (Juvenilia Scuola) e Perspectives culturelles di Stéphanie Parquet (Juvenilia Scuola)-, articoli di attualità, fotocopie. 15

16 Modalità di verifica Sono state effettuate verifiche scritte ed orali con frequenza mensile. Verifiche di tipo formativo sono state effettuate durante lo svolgimento delle lezioni attraverso produzioni orali e scritte sui temi via via affrontati. Le verifiche sommative scritte sono state questionari, comprensioni/produzioni a partire da testi proposti agli esami di stato degli anni precedenti, redazione di lettere; l'acquisizione delle abilità linguistiche e della conoscenza dei linguaggi settoriali nonché delle competenze di ricezione e produzione orale e scritta, è stata verificata per mezzo di prove specifiche simili, tipologicamente, alle attività e agli esercizi svolti nel corso delle varie lezioni. Nella valutazione delle produzioni scritte si è tenuto conto del contenuto e della correttezza formale. Nella valutazione delle verifiche orali si è tenuto conto della correttezza e scorrevolezza dell'espressione, della conoscenza dei contenuti, della capacità di effettuare analisi testuale, sintesi e collegamenti. Nella valutazione globale si è tenuto conto della situazione di ogni allievo considerando le sue capacità, l'atteggiamento tenuto, i risultati conseguiti in rapporto agli obiettivi prestabiliti e alla situazione di partenza. Programma svolto in compresenza con l insegnante di madrelingua francese. L insegnamento della lingua francese durante l ora di compresenza con l insegnante di madrelingua è stato finalizzato essenzialmente al potenziamento dell abilità di produzione orale soprattutto nell ambito del settore turistico ma anche in quello di situazioni quotidiane dove sono state affrontate e trattate tematiche di sicuro interesse per gli alunni. In tal senso molto spazio è stato dato a discussioni su temi di attualità che hanno coinvolto tutta la classe sviluppando funzioni comunicative importanti quali far fronte a situazioni che si possono incontrare durante un viaggio prender parte in modo semplice a conversazioni su argomenti di interesse personale esprimere brevemente la propria opinione esprimere l accordo o il disaccordo esprimere le ragioni e le spiegazioni delle proprie opinioni o progetti Per quanto riguarda il consolidamento del linguaggio settoriale turistico, sono stati arricchito il lessico e la fraseologia 16

17 fondamentali di alcuni ambiti situazionali, in modo da sviluppare una competenza comunicativa specifica attraverso mises en situation particolari, quali ad esempio quella relativa alla preparazione di un week-end a Lione, con richiesta di informazioni in una agenzia di viaggi. Gli alunni sono stati inoltre sollecitati a lavorare in gruppo per lo svolgimento di attività che hanno richiesto un accurata preparazione, come la presentazione di un monumento o la presentazione della città di Prato. L insieme delle attività proposte ha coinvolto positivamente la classe: tutti hanno partecipato con risultati proporzionati alle singole capacità ma evidenziando una maggiore scioltezza nell espressione orale. CLASSE: VC ERICA ANNO SCOLASTICO: INSEGNANTE: RITA COCO INGLESE La classe, con cui ho lavorato nel triennio, si è sempre distinta per un atteggiamento diligente e rispettoso. Alcuni allievi hanno dimostrato spiccate attitudini per la materia che hanno approfondito con passione e determinazione. In altre persone si è notato un progressivo miglioramento, frutto di crescita e maturazione personale e di impegno più o meno costante. anche coloro meno inclini allo studio della lingua, hanno tuttavia, nella maggioranza dei casi, dimostrato impegno e voglia di progredire. La partecipazione avrebbe potuto essere più attiva e manifestare maggiore dialettica e spirito critico rispetto ai contenuti proposti, che sono stati diligentemente appresi e assimilati. 17

18 Libri di testo: Cumino - Bowen 'Business globe' - Ed.Petrini Thomson - Maglioni 'Literary landscapes' - Ed.Black cat Sul testo 'Business globe' sono stati studiati i seguenti argomenti: Marketing basics da p.86 a p.94 Advertising p The invoice and the e-invoice p Banking p Insurance p UK modern history da p.328 a p th century Britain da p.338 a p.343 The Welfare State p UK system of government p Usa geography p American people p New York p USA modern history: America's industrial revolution p America, a nation of immigrants p The 1920s, the roaring twenties and the Wall Street Crash p Early XXth century: the 1930ss and the New Deal The 1940s: the Age of War p The 1950s: Happy days The 1960s: the Youth Culture The 1970s: the technological age The 1980s: Reaganism The 1990s: the electronic age The early 2000s: the age of terrorism and war p Sul testo di letteratura sono stati studiati i seguenti argomenti: THE VICTORIAN AGE ( ) The historical ground p

19 The literary ground p Edgar Allan Poe: 'The masque of the red death'; 'The purloined letter' Charles Dickens : 'Hard times'; 'Great expectations' Charlotte Bronte: 'Jane Eyre' Oscar Wilde: 'The picture of Dorian Gray'; 'The selfish giant'; 'The importance of being Ernest' Walt Whitman: 'Song of myself' Emily Dickinson: 'There is a solitude of space' and other poems Dante Gabriel Rossetti p George Bernard Shaw: 'Mrs Warren's profession' (su fotocopia) THE MODERN AGE ( ) The historical ground p The literary ground p Joseph Conrad: 'Heart of darkness' Virginia Woolf: 'Mrs Dalloway', 'To the lighthouse' James Joyce: 'Dubliners' (Evelyn, The dead); 'Ulysses' (Molly's monologue) Aldous Huxley: 'Brave new world' George Orwell: '1984' T.S.Eliot: ' The love song of J.Alfred Prufrock', 'The waste land', 'The hollow men' THE CONTEMPORARY AGE The historical ground The literary ground Samuel Beckett: 'Waiting for Godot' Salman Rushdie: 'Midnight's children' (dopo il 15 maggio) Disciplina: Tedesco (III lingua) Insegnante: Leonardo Luccioletti Docente di conversazione : Birgit Kröll Profilo della classe La classe si presenta con livelli di preparazione piuttosto diversi tra loro a causa di attitudini e capacità eterogenee. Un ampio numero di alunni ha seguito generalmente con attenzione le lezioni, anche se non sempre è stato in grado di esprimere contributi propositivi durante il lavoro in classe. Un altro gruppo meno numeroso è stato poco partecipe e motivato. Tale irregolarità nella partecipazione, 19

20 unita ad uno studio episodico e superficiale e ad un certo disinteresse per il recupero delle carenze, ha limitato i risultati del profitto. Nel complesso il rendimento della classe si può ritenere pienamente sufficiente, con qualche caso di eccellenza, dovuto agli esiti particolarmente positivi delle verifiche; per alcuni allievi, tuttavia, la preparazione resta poco omogenea e presenta lacune e carenze di tipo espressivo o concettuale. Obiettivi individuati: saper usare ad un buon livello le quattro abilità attive-passive; acquisire strumenti per leggere i testi in lingua tedesca indicati nel programma, sia con guida alla lettura, sia in modo autonomo; saper comprendere le problematiche del testo in esame ed individuare i codici formali e linguistici che lo caratterizzano; saper riferire i contenuti del testo oggetto di indagine e formulare opinioni in modo semplice ma chiaramente comprensibile; appropriarsi di una conoscenza generale sull evoluzione storica e culturale del popolo di cui si studia la lingua. Contenuti da Deutsch Sprint 2: Schritt 15) Fitness und Sport Dialog (61) König Fußball (71) Nicht nur Fußball (71) Schritt 16) Innovation und Zukunft Dialog (79) Biografie Marlene Dietrich (81) Biografie Erich Kästner (81) Rotkäppchen (Arbeitsbuch, 73) Schritt 18) Zukunftspläne Dialog (99) Schule in Deutschland ( ) Schritt 19) "Durch dick und dünn" Dialog (117) Schritt 21) Stoff für Zoff Dialog (137) 20

21 Typisch deutsch. Deutschland kunterbunt ( ) Tourismus Berlin erzählt (Kultouren 64, 65) Berlin bleibt Berlin (Kultouren, 66) Berlin (Baustelle, 38) Köln (Baustelle, 76) Düsseldorf (Baustelle, 108) Die Märchenstraße und die Brüder Grimm (Baustelle, 98) Deutsche Geschichte Faschismus: Das dritte Reich (Kultouren, 42) Holocaust, Terror und Widerstand (Kultouren, 43) Die doppelte Staatsgründung: Die Stunde Null (Kultouren, 70) Die Teilung Deutschlands (Kultouren, 71) Kalter Krieg (Kultouren, 71) Mauerblicke (Kultouren, 81) Unruhige Jahre: Das Wirtschaftswunder (Kultouren, 72) Mehr Demokratie wagen (Kultouren, 72) "Wir sind das Volk!" (Kultouren, 74) "Wir sind ein Volk!" (Kultouren, 74) Politik Parteien und Politik (Kultouren 80,81) Sophie Scholl und die weiße Rose Einleitung (5,6) Kapitel 1 bis 8 (sintesi) Testi: Vanni, Delor, Deutsch Sprint 2, Lang Regine Delor, Kultouren, Lang Bonelli, Pavan, Baustelle Deutsch, Loescher Achim Seiffarth, Sophie Scholl. Die weiße Rose, Cideb Strumenti, metodologie e tecniche di insegnamento: 1 Lettura del testo in lingua straniera in classe e comprensione globale tramite domande. Comprensione dettagliata tramite domande. Semplificazione o schematizzazione del testo. I brani esaminati hanno fornito l occasione per approfondimenti di natura linguistica. 21

22 Verifiche e criteri di valutazione La verifica delle conoscenze relative ai singoli ambiti trattati è stata attuata mediante interrogazioni e compiti in classe. La valutazione, espressa in decimi (dal 3 al 10), ha tenuto conto dei seguenti parametri: correttezza formale, ampiezza e precisione del lessico, conoscenza dei contenuti degli argomenti proposti sia per lo scritto che per l orale; capacità di leggere, comprendere, analizzare e riferire (o riassumere) il contenuto di un testo; capacità di usare un registro lessicale appropriato alla situazione; capacità di produrre testi grammaticalmente e sintatticamente corretti, esposti in sequenza logica e con un linguaggio scorrevole, completi ed esaurienti; ielaborazione critica e apporti personali. Al momento della valutazione finale vengono valutati anche il grado di impegno, la partecipazione degli alunni e la progressione rispetto ai livelli di partenza. Matematica OBIETTIVI: Obiettivi formativi della disciplina: Utilizzare la matematica per lo studio delle scienze economiche e finanziarie. Saper risolvere problemi di ottimizzazione con gli strumenti di analisi più opportuni. Saper rappresentare situazioni aziendali concrete con modelli matematici. Obiettivi di contenuto: Conoscere il concetto di funzione di due variabili. Ricercare massimi e minimi di funzioni di due variabili. Risolvere problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati. Risolvere problemi di programmazione lineare in due variabili con metodo grafico. 22

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli