I.I.S. FABIO BESTA SEDE DI ORTE ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI RAGIONERIA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. FABIO BESTA SEDE DI ORTE ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI RAGIONERIA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 I.I.S. FABIO BESTA SEDE DI ORTE ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI RAGIONERIA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELEMENTI INDICATIVI PER LA DEFINIZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA E DEL COLLOQUIO CLASSE V SEZIONE A Corso di Ragioneria Tecnico Commerciale Indirizzo: I.G.E.A. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Coordinatore del Consiglio di Classe Prof. Francesco Rita

2 DOCENTI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE V SEZIONE A Maria Grazia Elmi Religione Pofi Antonella Italiano e Storia Mandolini Paolo Economia aziendale Felici Cesarita Farinacci Rossella Ubaldi Delia *sostituita da Marinozzi Giuliana Petrocchi M.Daniela Diritto e Scienza delle finanze Matematica applicata Geografia Economica Lingua francese Claudiani Patrizia Lingua inglese Rita Francesco Educazione Fisica 2

3 ELENCO DEI CANDIDATI 1. ALEXANDROAIE Florin Marian 2. BERITOGNOLO Chiara 3. BERNARDINI Matteo 4. BINZAR Cristina Florina 5. CACCIA Matteo 6. FREZZA Valeria 7. GREGORI Pietro 8. ORAZI Giulia 9. PACHELLA Martina 10. PALOZZI Giorgia 11. QUADRACCI Andrea 12. SEGATTINI Beatrice 13. SENSINI Beatrice 3

4 PREMESSA Il Consiglio della classe 5 sez. B, nella seduta del 8 maggio 2014, sulla base della programmazione didattico - educativa annuale, in attuazione degli obiettivi culturali e formativi specifici dell'indirizzo scientifico, nell'ambito delle finalità generali contenute nel Piano dell offerta formativa elaborato dal Collegio dei docenti, e in attuazione delle disposizioni contenute nella normativa vigente sugli Esami di Stato, elabora, all'unanimità, il presente documento destinato alla Commissione di esame. Esso contiene gli obiettivi raggiunti dalla classe al termine del corrente anno scolastico (in termini di conoscenze, competenze e capacità all'interno delle singole discipline), i contenuti disciplinari, i metodi, i mezzi, gli spazi, i tempi del percorso formativo, i criteri e gli strumenti di valutazione, nonché ogni altro elemento significativo ai fini dello svolgimento degli esami di Stato. 4

5 Alla Commissione d esame Agli studenti candidati interni Ai candidati privatisti SINTETICA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA Orte è un paese di circa abitanti in cui il settore trasporto e l attività alberghiera giocano un importante ruolo nell economia locale; il 5% della popolazione è dedita all agricoltura, il 60% è occupata nel terziario e il 35% nell industria. In questo contesto opera l Istituto Commerciale e per Geometri F. Besta, un edificio all avanguardia costruito nel La struttura è dotata di moderne attrezzature idonee a permettere agli allievi un accoglienza ed una permanenza adeguate. La scuola è dotata di numerosi laboratori destinati all informatica, alla linguistica, alla videoscrittura. Purtroppo i laboratori dedicati al disegno, al settore chimico-fisico e la strumentazione topografica sono stati deteriorati e resi inagibili dalla esondazione del fiume Tevere che ha allagato completamente il piano interrato nel mese di novembre L Istituto dispone di una biblioteca di circa trecento volumi di varia tipologia e di una videoteca di argomenti didattici, film vari e spettacoli teatrali e di una palestra attrezzata per lo svolgimento delle attività sportive. Il piano dell'offerta formativa approvato dal Collegio dei Docenti è ampio, articolato e coinvolge numerose attività integrative quali la scuola lavoro, l orientamento, la prevenzione del disagio giovanile, l'educazione all'ambiente e alla salute. Le opportunità presenti nell Istituto consentono dunque di affrontare un proficuo e stimolante percorso formativo. In particolare l attuale quinta è stata coinvolta nel progetto: Conversazione in Lingua spagnola (in base al 20% del monte ore annuale) Il progetto ha avuto una durata triennale. Nel presente anno scolastico gli alunni hanno seguito quaranta ore di lezione svolte da un insegnante madrelingua spagnola, suddivise in due ore settimanali cedute dagli insegnanti di Diritto e di Economia Aziendale per non superare le ore curricolari. Obiettivi - Potenziamento delle competenze comunicative nelle Lingua spagnola per interagire in diversi ambiti e contesti professionali - Potenziamento delle competenze nella Lingua spagnola per i principali scopi comunicativi ed operativi - Preparazione alle certificazioni 5

6 ORARIO SETTIMANALE DI INSEGNAMENTO DISTINTO PER MATERIA TRIENNIO Materie di insegnamento Classe III Classe IV Classe V Prove d esame Religione Materia alternativa Italiano S.O. Storia O. Prima lingua straniera S.O. Seconda lingua straniera S.O. Geografia Economica O. Matematica e Laboratorio S.O. Economia Aziendale S.O.P. Diritto O. Economia Politica 3 2 O. Scienza delle Finanze 2 O. Educazione Fisica P.O. Totale STABILITÀ DEI DOCENTI NELL ARCO DEL TRIENNIO 3 anno 4 anno 5 anno 1 Italiano e storia X 2 Prima lingua straniera Inglese 3 Seconda lingua straniera Francese X X X X 4 Geografia economica X 5 Matematica applicata X X X 6 Economia aziendale X X X 7 Diritto X X X 8 Scienza delle finanze X X X 9 Educazione fisica X X X 6

7 STUDENTI CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SOCIO ECONOMICO E CULTURALE DI PROVENIENZA Tutti gli alunni provengono da nuclei familiari residenti nel paese di Orte e nei comuni limitrofi. L ambiente di estrazione socio-economico è caratterizzato dalla prevalenza di attività relative al settore terziario e agricolo. COMPOSIZIONE ORIGINARIA DELLA CLASSE (ALL INIZIO DEL TRIENNIO) ED ATTUALE Il numero degli alunni della classe nel corso del triennio sì è così modificato: in terza 19 alunni ; in quarta 17 alunni; in quinta 13 alunni. La variazione del numero degli alunni è stata determinata da insuccesso scolastico e da trasferimenti. L'anno scorso due alunni si sono ritirati e tre non sono stati ammessi alla classe quinta. Nel corso dell attuale anno scolastico la classe risulta composta da 13 alunni (4 ragazzi e 9 ragazze) di cui uno è un alunno H. Quest'anno un nuovo alunno, proveniente da altro istituto, è entrato a far parte della classe. CARRIERA SCOLASTICA La classe ha avuto una carriera scolastica sostanzialmente regolare.e presente solo un alunno proveniente da altro PARTECIPAZIONE ALLA VITA SCOLASTICA La partecipazione all attività scolastica è stata regolare e costruttiva per alcuni elementi, piuttosto passiva e discontinua per altri. Quest ultima parte della classe corrisponde alla maggior parte della classe 7

8 Metodi e strumenti usati dagli insegnanti per diagnosticare le competenze in ingresso degli studenti Riflessione tra gli insegnanti (nell ambito del Consiglio di Classe) SI Colloqui con le famiglie SI Questionari per la raccolta dei dati NO Consultazione dei servizi sociali del territorio SI Analisi di dati già in possesso della scuola SI Colloqui con gli studenti SI Metodi e strumenti usati dai Docenti per diagnosticare le competenze in ingresso degli studenti Riflessione tra gli insegnanti (nell ambito del Consiglio di Classe).. SI Analisi dei risultati scolastici dell anno precedente SI Somministrazione di prove di ingresso...si Altro: discussioni e domande flash..si 8

9 ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI TIPOLOGIE DI LAVORO COLLEGIALE: CONSIGLI DI CLASSE Nell arco dell anno scolastico i docenti si sono riuniti in cinque consigli di classe, durante i quali hanno curato collegialmente una programmazione che ha tenuto conto di obiettivi a breve, medio e lungo termine, che sono stati pienamente raggiunti solo da una parte della classe e solo parzialmente dal resto. I Docenti hanno verificato periodicamente il raggiungimento degli obiettivi educativi didattici prefissati, affrontando quando necessario, strategie di interventi e modalità di recupero. AREE DISCPLINARI Sono state effettuate due riunioni per materie per concordare obiettivi disciplinari ed educativi comuni alle stesse discipline, i contenuti minimi, le modalità di attuazione e di valutazione. Svolgimento delle attività curriculari ed organizzazione della didattica A) PROCEDURE TRADIZIONALI SI B) ORGANIZZAZIONI MODULARI IN PARTE C) VERTICALIZZAZIONE DELLE DISCIPLINE NO 9

10 ATTIVITÀ EXTRA CURRICULARI (la partecipazione degli studenti è rilevata dalle caselle alcuni molti tutti): ALL INTERNO DELLA SCUOLA alcuni molti tutti 1 Progetto La rete degli spettatori X 2 Corso PET X 3 Lettorato inglese X 4 Lettorato francese X 5 Visita pastorale X 6 Giornata della memoria X 7 Raid CROSS (Croce Rossa Italiana) X 8 Incontro AVIS X SUL TERRITORIO Alcuni molti tutti 1 Rappresentazione teatrale in lingua francese X 2 Rappresentazione teatrale in lingua inglese X 3 Rappresentazione teatrale 1, nessuno, X 4 Convegno su Economia Aziendale X 5 Visita guidata a Pisa X 6 Viaggio d istruzione a Praga X 7 Salone dello studente Campus Orienta X 10

11 COMUNICAZIONI CON GLI STUDENTI E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Gli insegnanti hanno informato la classe sulla programmazione e sugli obiettivi educativi didattici prefissati. Sono stati comunicati e motivati i risultati delle verifiche scritte e orali e gli elementi determinanti la valutazione, (impegno, interesse, partecipazione, progressi rispetto ai livelli iniziali). Gli insegnanti hanno effettuato colloqui settimanali antimeridiani, ed due colloqui pomeridiani con le famiglie. Sono stati curati in particolare i rapporti con le famiglie degli alunni con impegno discontinuo, inviando periodicamente comunicazioni del loro andamento scolastico. TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE ITALIANO E STORIA PRIMA LINGUA STRANIERA INGLESE Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi Mezzi audio visivi X Lavoro di gruppo Lavoro di gruppo x Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato X Lezioni in laboratorio Lezioni in laboratorio X SECONDA LINGUA STRANIERA FRANCESE GEOGRAFIA ECONOMICA Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi X Mezzi audio visivi Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato Lezioni in laboratorio X Lezioni in laboratorio MATEMATICA APPLICATA ECONOMIA AZIENDALE Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi X Mezzi audio visivi Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo X Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato Lezioni in laboratorio X Lezioni in laboratorio X 11

12 DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi Mezzi audio visivi Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo X Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato X Lezioni in laboratorio X Lezioni in laboratorio X EDUCAZIONE FISICA Lezione frontale Mezzi audio visivi Lavoro di gruppo Insegnamento individualizzato Lezioni in laboratorio X X X CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI (cfr. Carta dei Servizi) TIPOLOGIA DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI NELLE DIVERSE MATERIE ITALIANO E STORIA STORIA Interrogazioni tradizionali X Interrogazioni tradizionali X Questionari X Questionari X Prove strutturate Prove strutturate X Temi X Temi X Traduzioni Traduzioni Risoluzione di problemi Risoluzione di problemi Esercitazioni grafiche/pratiche Esercitazioni grafiche/pratiche PRIMA LINGUA STRANIERA INGLESE SECONDA LINGUA STRANIERA FRANCESE Interrogazioni tradizionali X Interrogazioni tradizionali X Questionari X Questionari X Prove strutturate X Prove strutturate X Temi Temi 12

13 Traduzioni X Traduzioni X Risoluzione di problemi Risoluzione di problemi X Esercitazioni grafiche/pratiche Esercitazioni grafiche/pratiche X GEOGRAFIA ECONOMICA MATEMATICA APPLICATA Interrogazioni tradizionali X Interrogazioni tradizionali X Questionari Questionari X Prove strutturate Prove strutturate X Temi Temi Traduzioni Traduzioni Risoluzione di problemi Risoluzione di problemi X Esercitazioni grafiche/pratiche Esercitazioni grafiche/pratiche X ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO Interrogazioni tradizionali X Interrogazioni tradizionali X Questionari Questionari X Prove strutturate X Prove strutturate X Temi X Temi Traduzioni Traduzioni Risoluzione di problemi X Risoluzione di problemi Esercitazioni grafiche/pratiche X Esercitazioni grafiche/pratiche SCIENZA DELLE FINANZE EDUCAZIONE FISICA Interrogazioni tradizionali X Interrogazioni tradizionali X Questionari X Questionari X Prove strutturate X Prove strutturate Temi Temi Traduzioni Traduzioni Risoluzione di problemi X Risoluzione di problemi X Esercitazioni grafiche/pratiche Esercitazioni grafiche/pratiche X 13

14 STANDARDS DI VALUTAZIONE ADOTTATI DAI DOCENTI DELLA CLASSE VALUTAZIONI INIZIALI Si è raggiunta l intesa per esprimere i voti nelle diverse materie con un unico metro. La valutazione quadrimestrale e di fine anno ha tenuto conto dei risultati delle prove sommative, della progressione dell apprendimento, dell impegno, della partecipazione, dell interesse e del metodo di studio. La scala di valutazione adottata dal consiglio di classe, comprende voti dall'uno al dieci. GRIGLIA DI VALUTAZIONE VOTO 1-3 scarso-molto scarso VOTO 4 insufficiente VOTO 5 mediocre VOTO 6 sufficiente VOTO 7 discreto VOTO 8 buono VOTO 9-10 ottimo -eccellente Non conosce gli argomenti e commette gravi errori; Dimostra scarsa partecipazione, ha conoscenze frammentarie e superficiali, manca di autonomia di giudizio; Partecipa; conosce ed espone in modo disorganico con errori non gravi; manca di autonomia sulla rielaborazione; Partecipa e conosce le basi della disciplina; comprende i contenuti, sa risolvere situazioni problematiche semplici ed effettuare analisi parziali; Si impegna, comprende ed espone in modo ordinato; sa applicare ed è autonomo nella sintesi anche se con qualche imprecisione: Mostra iniziativa personale; possiede conoscenze approfondite, comprende e sintetizza correttamente valutando autonomamente; applica le regole senza errori. Mostra impegno assiduo; conosce in modo ampio e completo, comprende e rielabora con correttezza formale, logica e con coerenza; attua collegamenti applicando quanto appreso e si impegna in modo propositivo. 14

15 OBIETTIVI COMUNI O TRASVERSALI ALLE DIVERSE DISCIPLINE A) CONOSCENZE Conoscenza minima dei contenuti trattati nelle singole discipline. A) COMPETENZE Minima utilizzazione di strumenti di analisi e di sintesi mutuati da altre discipline. Acquisizione delle abilità minime necessarie per affrontare e organizzare le varie fasi di un incarico professionale. B) CAPACITA Partecipare all attività didattica in modo ordinato. Eseguire puntualmente i lavori assegnati e rispettare le scadenze. Operare collegamenti interdisciplinari. Comunicare in modo chiaro e con linguaggio appropriato secondo il lessico specifico delle varie discipline. OBIETTIVI DIDATTICI E LIVELLI DI PREPARAZIONE RAGGIUNTI in ogni singola disciplina 1) ITALIANO COMPETENZE Per le competenze, l obiettivo è stato quello di fornire gli elementi indispensabili per migliorare la proprietà di linguaggio nell esposizione orale e scritta. Inoltre si è cercato di stimolare gli studenti ad intervenire in maniera appropriata nelle discussioni a carattere letterario e non e ad acquisire capacità nel prendere appunti. Un limitato gruppo di studenti ha raggiunto un discreto livello di competenze ed è in grado di esprimersi con proprietà di linguaggio, sia per l orale che per lo scritto. Un altro gruppo ha conseguito sufficienti capacità di esposizione orale e scritta, mentre la restante parte degli studenti evidenzia difficoltà espositive, sia per l orale che per lo scritto. ABILITA /CAPACITA Un ristretto gruppo di studenti è in grado di effettuare collegamenti tra i vari argomenti e di rielaborare i contenuti in modo personale e critico. Un altro gruppo di studenti ha capacità sufficienti di rielaborazione critica e personale, mentre un gruppo tende a memorizzare dati e conoscenze più che a riflettere in maniera personale sulle problematiche proposte. CONOSCENZE L obiettivo è stato quello di fornire agli studenti gli elementi fondamentali per acquisire conoscenze relative ai vari movimenti letterari, agli autori più significativi ed alle opere 15

16 maggiormente rappresentative del panorama culturale per il periodo che va dalla seconda metà del XIX secolo alla metà del XX secolo. Un gruppo ha acquisito un sufficiente livello di conoscenze, grazie all impegno costante; un secondo gruppo ha raggiunto in generale livelli appena sufficienti di preparazione, ma in taluni casi sono evidenti difficoltà. PREPARAZIONE MEDIA RAGGIUNTA DALLA CLASSE l livello raggiunto risulta mediamente sufficiente. Un ristretto gruppo dimostra di aver acquisito gli elementi necessari per un esposizione adeguata delle conoscenze e delle competenze, con capacità di operare in maniera adeguata. 2) STORIA COMPETENZE Quanto alle competenze, sono stati esposti i concetti fondamentali e sono stati forniti gli elementi indispensabili per l acquisizione di un linguaggio specifico. L analisi storica si è svolta attraverso dati, fonti e documenti, con particolare attenzione alle sequenze cronologiche, cercando nel contempo di stimolare gli studenti ad una visione della storia come mezzo indispensabile per motivare lo sviluppo civile e culturale non solo del nostro paese, ma dell umanità intera. Un piccolo gruppo di studenti ha risposto a tali sollecitazioni conseguendo una sufficiente preparazione, mentre per alcuni va segnalato un livello di competenze appena sufficiente o non del tutto sufficiente. ABILITA / CAPACITA Alcuni studenti possiedono discrete capacità di effettuare collegamenti tra i vari argomenti e di rielaborare i contenuti in modo personale e critico; per la maggior parte i risultati conseguiti sono mediamente sufficienti o non del tutto sufficienti. CONOSCENZE L obiettivo è stato quello di fornire un adeguata conoscenza degli eventi storici, economici, sociali e politici più significativi del periodo tra la metà dell 800 e la metà del 900. Non tutti gli studenti hanno acquisito un discreto livello di conoscenze, pertanto la preparazione finale risulta quasi sufficiente. PREPARAZIONE MEDIA RAGGIUNTA DALLA CLASSE Il livello raggiunto risulta mediamente sufficiente 3) DIRITTO CONOSCENZE: La Costituzione italiana; lo Stato; gli organi dello stato ; la cittadinanza ; gli enti territoriali; cenni sulla giurisdizione. Alcuni alunni hanno raggiunto buoni livelli conoscitivi ; La maggioranza degli studenti ha acquisito i contenuti in modo discreto o sufficiente. COMPETENZE: Uso di un corretto linguaggio giuridico; consultazione e analisi delle fonti del diritto.. La maggior parte della classe ha acquisito discrete o sufficienti competenze. 16

17 Alcuni alunni dimostrano di possedere buone competenze. CAPACITA : Saper rielaborare in chiave critica i contenuti; saper effettuare collegamenti interdisciplinari. La maggior parte degli alunni possiede tali capacità pur se di livelli diversi. PREPARAZIONE MEDIA RAGGIUNTA DALLA CLASSE Il livello medio conseguito dalla classe può considerarsi discreto. 4) SCIENZA DELLE FINANZE CONOSCENZE: I principi regolatori dell attività finanziaria pubblica; il sistema tributario italiano. - La maggior parte degli alunni ha acquisito i contenuti in modo solo sufficiente. - I restanti alunni studenti sono in possesso di discrete o buone conoscenze. COMPETENZE: Uso di terminologie specifiche; analisi del sistema tributario italiano e delle scelte operate dallo Stato nel sistema finanziario. Solo una parte della classe ha acquisito discrete o buone competenze. La maggioranza della classe ha acquisito solo sufficienti competenze. CAPACITA : Saper rielaborare in chiave critica i contenuti; saper effettuare collegamenti interdisciplinari. - La maggior parte degli alunni possiede tali capacità pur se di livelli diversi. PREPARAZIONE MEDIA RAGGIUNTA DALLA CLASSE: Il livello medio conseguito dalla classe può considerarsi discreto. 5) ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE 1. Redazione del bilancio d esercizio di un impresa industriale con o senza dati a scelta. 2. Interpretazione dei dati contenuti nel bilancio attraverso le metodologie delle analisi per indici e flussi. 3. Formulazione delle previsioni aziendali partendo da dati aziendali noti o da scegliere. 4. Analisi degli scostamenti tra dati preventivati e concrete realizzazioni. 5. Costruzione di semplici documenti banacari. I bilanci delle banche ABILITA /CAPACITA 1.a Saper indicare i caratteri strutturali, organizzativi e gestionali delle imprese industriali. 1.b Saper rilevare con il metodo della partita doppia i principali fatti aziendali. 1.c Saper redigere le scritture di riepilogo e chiusura. 1.d Saper costruire un bilancio d esercizio anche con dati a scelta. 2.a Saper riclassificare il bilancio d esercizio. 17

18 2.b Saper effettuare l analisi patrimoniale, finanziaria ed economica di un azienda mediante la costruzione di opportuni indici. 2.c Saper redigere il rendiconto finanziario inerente le varaiazioni del capitale circolante netto. 3.a Saper costruire i budgets economici settoriali. 3.b Saper redigere il budget economico generale. 4.a Saper analizzare lo scostamento tra dati preventivati e dati consuntivi a livello complessivo e a livello di costi diretti e di ricavi. 5.a Saper indicare le principali caratteristiche delle imprese bancarie. 5.b Saper elaborare semplici documenti bancari. CONOSCENZE Le principali caratteristiche delle imprese industriali, il loro funzionamento, le rilevazioni contabili di contabilità generale. Il bilancio d esercizio, l analisi di bilancio, il budget e l analisi dello scostamento tra dati preventivi e dati consuntivi, il bilancio con dati a scelta. Le imprese bancarie, le loro caratteristiche, i principi di funzionamento di alcune forme tecniche di utilizzo del fido. LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Un esiguo numero di alunni ha raggiunto un sufficiente livello conoscitivo dimostrando di comprendere i contenuti, di saper risolvere situazioni problematiche semplici e di saper effettuare analisi parziali; la gran parte della classe presenta livelli conoscitivi buoni espressi da padronanza di linguaggio e dalla capacità di effettuare collegamenti tra i vari argomenti, di motivare giudizi e fare valutazioni personali e ragionate.il livello medio è più che discreto. 6) MATEMATICA APPLICATA CONOSCENZE Mediamente la classe presenta un sufficiente livello di conoscenze e quindi è in grado di presentare mediante semplici schemi i contenuti del percorso formativo mediante l uso di un linguaggio scientifico. ABILITA / CAPACITA Pochi alunni sono in grado di formalizzare il percorso di soluzione di un problema attraverso modelli algebrici e grafici, i rimanenti presentano alcune difficoltà nell applicare le principali formule a situazioni problematiche in quanto presentano ancora carenze di base del biennio. COMPETENZE Un piccolo gruppo di alunni è in grado di utilizzare in modo autonomo e appropriato tecniche e procedure di calcolo rappresentandole anche in forma grafica, alcuni alunni sono in grado di utilizzare in modo sufficiente le procedure di calcolo per la soluzione dei problemi, due o tre elementi non possiedono conoscenze e competenze accettabili. LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Il livello medio raggiunto dalla classe può considerarsi sufficiente. Alcuni alunni riescono ad effettuare collegamenti tra argomenti, motivare giudizi, fare valutazioni personali e ragionate, applicare totalmente i procedimenti padroneggiandone correttamente i calcoli. La rimanente parte della classe, mediamente, sa procedere nelle applicazioni in modo mnemonico con difficoltà di applicazione dei metodi studiati. 18

19 7) INGLESE CONOSCENZE Riguardo alle conoscenze degli esponenti linguistici fondamentali, delle strutture tipiche del linguaggio settoriale e degli aspetti della realtà socio-politica, economica e letteraria, solo qualche alunno ha raggiunto un discreto livello di preparazione grazie ad un adeguata partecipazione alle attività proposte e ad un sufficiente interesse. Una parte della classe possiede un livello di conoscenze sufficiente, anche se conseguito con un metodo di studio mnemonico e ripetitivo. Qualche alunno evidenzia una preparazione lacunosa e frammentaria, dovuta soprattutto ad una saltuaria applicazione nello studio. COMPETENZE Relativamente alle competenze, valutate con riferimento alle abilità di comprensione di testi di vario tipo e abilità di produzione orale e scritta, qualche alunno ha conseguito un sufficiente livello di padronanza della lingua e si sa esprimere con adeguata correttezza strutturale e competenza lessicale; un gruppo ha conseguito sufficienti abilità di comprensione mentre l esposizione risulta essere, a volte, poco corretta nella pronuncia e nelle scelte lessicali. Qualche alunno non ha conseguito adeguate competenze comunicative, manifestando soprattutto difficoltà nell esposizione scritta ed orale. CAPACITA Qualche alunno è in grado di collegare gli argomenti studiati in modo pertinente mentre la maggior parte degli alunni è riuscita solo a memorizzare i contenuti della disciplina senza una riflessione personale sulle problematiche presentate. LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Gli obiettivi programmati, sia riguardo alla conoscenza degli argomenti proposti che al conseguimento delle competenze comunicative, sono stati complessivamente raggiunti solo da un ristretto numero di alunni. Il profitto conseguito dalla classe è nel complesso sufficiente, ad eccezione di qualche alunno che presenta attualmente diverse lacune nella propria preparazione. 8) GEOGRAFIA ECONOMICA COMPETENZE Padronanza dei fondamentali strumenti cartografico-statistici CAPACITÀ Capacità di cogliere i problemi su scala planetaria e in chiave interdisciplinare; capacità di svolgere il proprio lavoro in modo autonomo CONOSCENZE Conoscenze dei grandi blocchi tematici trattati. Acquisizione di un adeguato bagaglio terminologico-concettuale specifico LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Il profitto medio raggiunto dalla classe risulta più che sufficiente avendo raggiunto un accettabile livello di preparazione 19

20 9) FRANCESE CONOSCENZE Conoscenza del lessico e delle funzioni del registro tecnico di base Conoscere alcuni aspetti della civiltà significativi per l ambito professionale Conoscere gli elementi caratterizzanti le principali forme di comunicazione scritta ed orale di usa più frequente in ambito professionale COMPETENZE E CAPACITA Confrontare e classificare gli aspetti morfo-sintattici anche in rapporto alla L1 Comprendere e produrre testi scritti di diversa natura, rispettando il registro linguistico specifico (anche se con imprecisioni che non ne oscurino la valenza) Sapersi orientare nella trattazione di un argomento a livello pluridisciplinare. LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Gli alunni hanno raggiunto una conoscenza mediamente sufficiente dei contenuti proposti; alcuni di essi hanno perseguito un livello di conoscenze buono con l uso dei registri specifici grazie al confronto dei diversi sistemi linguistici e culturali. Alla conclusione del corso di studio in L2 gli allievi hanno acquisito l abitudine alla lettura e al questionario per curare le abilità di comprensione e produzione linguistica guidata; la maggior parte di loro comprende in modo globale (alcuni in modo analitico) testi orali e scritti relativi ad argomenti di carattere generale o commerciale e sa sostenere una semplice conversazione funzionale al contesto della situazione comunicativa. 10) EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE: -Saper compiere azioni semplici e complesse in diverse situazioni motorie -Pratica di varie discipline sportive ABILITA /CAPACITA :-Autocontrollo -Affrontare e valutare i risultati delle azioni svolte nelle situazioni di gioco sport movimento-relazionarsi con gli altri in modo corretto CONOSCENZE: -Regole di vari sport -Nozioni generali di anatomia e fisiologia del corpo umano LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Il livello di preparazione raggiunto dalla classe risulta mediamente discreto. 20

21 DISTINTI PER: OBIETTIVI TRASVERSALI RAGGIUNTI A) COMPETENZE In quanto possesso di abilità anche a carattere applicativo Un numero limitato di alunni ha acquisito discretamente gli strumenti operativi fondamentali ed usa all'occorrenza i diversi linguaggi specifici; l altro gruppo utilizza in modo sufficientemente corretto i diversi linguaggi specifici e sa usare gli strumenti di base delle diverse discipline; B) ABILITA /CAPACITA Di elaborare in modo logico e critico le conoscenze acquisite solo una minima parte degli alunni possiede buone capacità di rielaborare i contenuti e sa effettuare confronti e collegamenti interdisciplinari; il restante gruppo ha sufficienti capacità di analisi e di sintesi. C) CONOSCENZE Generali e specifiche solo una minima parte della classe ha acquisito conoscenze buone in quasi tutte le discipline; la restante parte possiede una preparazione sufficiente in tutte le discipline. 21

22 AL DOCUMENTO VENGONO ALLEGATI: I PROGRAMMI E LE RELAZIONI FINALI DELLE SINGOLE DISCIPLINE LA PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE E DEL COLLOQUIO ORALE I TESTI E I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE DUE SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA SCRITTA ESEGUITE DURANTE L ANNO SCOLASTICO. Orte, 15 maggio 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Luca Damiani) Il Coordinatore del Consiglio della classe V sez. A (Prof. Francesco Rita) 22

23 PROGRAMMA DI RELIGIONE I.I.S. FABIO BESTA - Orte Classe V A Anno Scolastico 2013/2014 LA LEGGE NATURALE IL PECCATO, LA COSCIENZA - Il peccato nella Bibbia. - Il senso del peccato oggi. - La legge morale naturale. - Il perdono secondo il pensiero dei santi LA MORALE CRISTIANA E I VALORI DI OGGI - La legislazione ordinaria regola alcune problematiche morali - Il matrimonio religioso e il matrimonio civile. - L omosessualità dei PACS - I recenti pronunciamenti della chiesa attraverso i discorsi di Papa Francesco. - La clonazione - L etica cristiana in relazione ai comportamenti dei giovani, discussione guidata e dibattiti. PRIMO ANNO DI PONTIFICATO DI PAPA FRANCESCO - La figura di Papa Francesco attraverso i discorsi e le testimonianze. - Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II santi il 27 aprile I miracoli che hanno portato alla santificazione. I discorsi più significativi di Papa Francesco su alcuni temi particolarmente importanti nella società attuale (crisi economica, pedofilia, omosessualità, coppie di fatto e separati che chiedono di potersi avvicinare all eucarestia ) L Insegnante Prof.ssa Maria grazia Elmi Gli Alunni 23

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: OTTOBONI MIRELLA Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: Flavia Bentini, IN BUSINESS, Pearson-Longman Sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA CROTONE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA CROTONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA VIA UGO FOSCOLO CROTONE ANNO SCOLASTICO 2011-2012 MATERIA DI INSEGNAMENTO : GEOGRAFIA CLASSE I SEZIONE C DOCENTE : SIMONETTA RIOLO INDIRIZZO : SCIENZE UMANE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: ELISABETTA PILLASTRINI CLASSE: III B MATERIA: ITALIANO PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ITALIANO Classe: V

Programmazione Disciplinare: ITALIANO Classe: V Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ITALIANO Classe: V Anno scolastico 2014-2015 I Docenti della Disciplina Salerno, 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina:

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

E S A M E D I S T A T O

E S A M E D I S T A T O 96012 AVOLA (SR) Via Labriola, 1 Tel Fax 0931831970 // Tel Fax 0931832231 C.F. 92021320897 E_mail istituzionale: sris02300a@istruzione.it Posta certificata: sris02300a@pec.istruzione.it E S A M E D I S

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

Istituto italiano di Barcellona. Anno Scolastico 2012-2013 Classe 3 M B Programmazione di Italiano, Storia, Educazione alla Cittadinanza e Geografia

Istituto italiano di Barcellona. Anno Scolastico 2012-2013 Classe 3 M B Programmazione di Italiano, Storia, Educazione alla Cittadinanza e Geografia Istituto italiano di Barcellona Anno Scolastico 2012-2013 Classe 3 M B Programmazione di Italiano, Storia, Educazione alla Cittadinanza e Geografia Docente: Maria Beatrice Barnao ITALIANO Obiettivi educativi:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M.

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» Sede legale: Via Italico Brass, 22 34170 GORIZIA tel. 0481/535190

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO FINALITÀ FORMATIVE GENERALI PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO EDUCAZIONE LINGUISTICA - padronanza della lingua italiana per un uso appropriato della stessa in tutti i suoi aspetti - possesso sicuro

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

Corrispondenza tra voti in decimi e giudizi sintetici

Corrispondenza tra voti in decimi e giudizi sintetici LA VALUTAZIONE La valutazione tiene conto processo di apprendimento, comportamento e rendimento scolastico complessivo degli alunni. Ha soprattutto una finalità formativa in quanto permette di individuare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli