DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER L ESAME DI STATO 2014/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER L ESAME DI STATO 2014/2015"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER L ESAME DI STATO 2014/2015 classe 5ALL Liceo Linguistico Il presente Documento, composto da n 65 pagine, compresa la presente e gli allegati, approvato e sottoscritto da tutti i componenti del consiglio di classe, viene affisso all albo dell Istituto in data 15 maggio 2014 pag. 1

2 Anno Scolastico 2014/ CLASSE 5^ sez. A LL Liceo Linguistico Indice Frontespizio pag. 1 Indice pag. 2 Presentazione della scuola ed obiettivi del corso pag. 3 Presentazione del Consiglio di Classe pag. 4 Presentazione della classe pag. 5 Scheda informativa sulla classe pag. 6 Attività integrative pag. 8 Attività di Alternanza scuola Lavoro pag. Indicazioni sulla tipologia della terza prova e simulazioni pag. 9 Allegati: Schede informative, programmi delle singole materie e rispettive griglie di valutazione a seguire da pag. 11 Il documento è stato approvato dal Consiglio di Classe in data 13 maggio 2015 Il coordinatore Cristina Licco Il Dirigente Scolastico Ing. Giuseppe De Puri pag. 2

3 Presentazione della scuola ed obiettivi del corso L'attuale liceo scientifico sperimentale "Cecioni" ha alle sue spalle una lunga tradizione, in quanto è il naturale proseguimento di un progetto di sperimentazione, elaborato fin dall'anno 1974 dal collegio docenti del II liceo scientifico di Livorno, poi chiamato Cecioni, in onore del matematico livornese. Nel corrente anno scolastico sono attivi nella scuola 5 percorsi liceali, le classi in organico sono 70 classi per un totale di circa 1730 alunni. Liceo Linguistico Gli studenti, a conclusione del percorso di studio: hanno acquisito in due lingue moderne strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento; hanno acquisito in una terza lingua moderna strutture, moda lita e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento; riconoscono in un ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed essere in grado di passare agevolmente da un sistema linguistico all altro; sono in grado di affrontare in lingua diversa dall italiano specifici contenuti disciplinari; conoscono le principali caratteristiche culturali dei paesi di cui si e studiata la lingua, attraverso lo studio e l analisi di opere letterarie, estetiche, visive, musicali, cinematografiche, delle linee fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni; sanno confrontarsi con la cultura degli altri popoli, avvalendosi delle occasioni di contatto e di scambio. N. Materie del curricolo degli studi Anni del corso di studi Monte ore complessivo 1 Lingua e letteratura italiana Lingua latina Lingua e cultura straniera Lingua e cultura straniera Lingua e cultura straniera Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze naturali Storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Attività alternative TOTALE 4752 pag. 3

4 PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE MATERIA Cognome Nome BACCI MARCO RELIGIONE 1 BARREDA MEYER SILVIA CONV. SPAGN. II 1 BELFORTE FRANCESCA ITALIANO 4 BONSIGNORI ANNA MARIA SCIENZE NAT 2 CONSALES RICCARDO STORIA DELL'ARTE 2 CONTESINI ANNA MARIA SOSTEGNO DISPERATI VALENTINA FISICA 2 GRASSI ANNA SC. MOT. SPORT. 2 GRIECO MICHELINA LING. FRANCESE 4 LICCO CRISTINA(*) LING. SPAGNOLO 4 MEZZOPERA MARIA CRISTINA MATEMATICA 2 MONTANELLI MAURIZIO STORIA 2 NUZZO LUCIA CONV. ING. 1 PEREZ FRANCOISE CONV. FRAN. II 1 PETTINELLI PATRIZIA LING. INGLESE 3 RIPOSATI GIOVANNI SOSTEGNO RONDINONE SANDRA FILOSOFIA 2 Coordinatore della classe: Cristina Licco Membri interni della Commissione di esame: Ore sett. Docente di III Docente di IV prof. Belforte Francesca Bonsignori Anna Maria Grieco Michelina materia di insegnamento Italiano Scienze Francese pag. 4

5 Classe 5 sezione A Liceo Linguistico Numero alunni: 28 Liceo Statale Francesco Cecioni PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Alunni sesso Cognome Nome M/F BELLI COSTANZA VITTORIA F BERTINI GIULIA F BONI VALENTINA F BRANCHETTI NOEMI F CANTINI NICOLA M CIAMPAGLIA VALENTINA F COLONNACCHI MATTIA M COZZOLINO ALESSANDRO M DELL'AQUILA ERICA F DIANA SERENA F FACCINI MARINA F FAUCCI MARTINA F FINCATO VIOLA F FRANCESCHINI ALESSIA F GHILARDUCCI GIORGIA F GIAMBRUNI VITTORIA F GRECO GRETA F LEONARDI VALENTINA F LO IACONO VERONICA F MIDILI LORENZO M PALAZZO GIADA F PELLEGRINI ILARIA F SALUTELLI ELISA F SIRENO LEONARDO M SOLA VALENTINA F STELLA IRENE F TORTORA MARIA CHIARA F VERNIERI CARLOTTA F Ripetenti: N 0 Provenienti da altro Istituto: N 0 Abbandoni e/o ritiri durante l anno scolastico: N 0 pag. 5

6 SCHEDA INFORMATIVA SULLA CLASSE Presentazione della classe All inizio della terza la classe era formata da 31 alunni, 25 femmine e 6 maschi, provenienti da due diverse sezioni del biennio; un alunna si è trasferita ad altro istituto nel corso dell anno ed altre due non sono state ammesse alla classe quarta. Un alunna ha frequentato la classe quarta negli Stati Uniti, un altra si è inserita all inizio dell anno per ripetere e un alunno non è stato ammesso alla classe quinta. Attualmente la classe risulta composta da 28 alunni, 23 femmine e 5 maschi, dei quali uno con certificazione BES. Obiettivi formativi comportamentali su cui gli alunni sono stati valutati Fare interventi propositivi Essere collaborativi nella classe Sapersi rapportare correttamente con i compagni e con gli adulti Rispettare il regolamento d istituto Obiettivi trasversali cognitivi su cui gli alunni sono stati valutati Esprimersi in modo chiaro e corretto usando il linguaggio specifico di ogni disciplina Comprendere un testo, individuarne i punti fondamentali e saperne esporre i punti significativi Applicare le regole e principi Stabilire collegamenti tra argomenti della stessa disciplina o discipline diverse Documentare adeguatamente il proprio lavoro Effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le informazioni opportune Strategie adottate Il Consiglio di Classe ha adottato le seguenti strategie per il conseguimento degli obiettivi individuati: - consolidare l abitudine degli alunni a riflettere sul sistema linguistico e comunicativo; - coinvolgere gli alunni nelle lezioni stimolandoli con domande e portandoli a porre e a porsi quesiti in modo ordinato; - dare chiarimenti specifici in relazione alle singole difficoltà rilevate dall allievo; - correggere i lavori assegnati; - riproposizione per punti nodali degli argomenti (preferibilmente con metodologia diversa da quella già usata); - esercizi di rinforzo; - utilizzo di mezzi audiovisivi o multimediali; - attività di sportello ed eventuali attività previste dal P.O.F pag. 6

7 Grado di preparazione raggiunto La classe mostra un livello di preparazione complessivamente soddisfacente. La maggioranza degli alunni ha lavorato con costanza e impegno ed alcuni hanno ottenuto risultati di buon livello in tutte le discipline, ottimi nelle materie caratterizzanti. I programmi e i moduli sono stati svolti in relazione a quanto programmato a inizio d anno per tutte le materie ad eccezione delle seguenti: per la lingua Spagnola si è reso necessario apportare delle modifiche alla programmazione preventiva a causa delle numerose assenze dell insegnante dovute alla frequenza delle lezioni del Master di secondo livello che sono state tenute il sabato, giorno in cui da orario erano previste due ore di lezione. Impegno, interesse e partecipazione al dialogo formativo La classe, in generale, ha mostrato interesse e impegno durante lo svolgimento delle lezioni partecipando in modo costruttivo alle attività proposte. Rapporti con le famiglie Le famiglie sono state sempre presenti nel ritirare le pagelle e le schede interperiodali. Si è notata per alcuni una certa costanza anche nei colloqui individuali. Eventuali osservazioni sulla continuità didattica Il corpo insegnante è rimasto quasi tutto lo stesso nel corso del triennio; le variazioni hanno riguardato matematica, fisica e francese nella classe quarta. Interventi didattici integrativi realizzati: Mini CLIL (Content and Language Integrated Learning): Il progetto GTL(Global Teaching Labs) ha come obiettivo l apprendimento di un disciplina scientifica in lingua inglese attraverso la metodologia hands-on (pratica). Nella classe sono state svolte sei ore di insegnamento di una disciplina scientifica con metodologia hands on, attività pratiche che partono da realtà conosciute dagli studenti. L insegnamento è stato impartito per tre settimane da studenti del MIT di Boston (USA) in collaborazione e co-presenza con il docente di DNL (Disciplina non linguistica), in particolare Fisica. Inoltre, dalla classe terza è stato attuato un percorso di approfondimento della storia in lingua inglese concordato tra l insegnante di conversazione e il docente di storia. pag. 7

8 Attività di orientamento Liceo Statale Francesco Cecioni ATTIVITÀ INTEGRATIVE Partecipazione ad attività culturali, progetti e concorsi: Attività/Progetto/concorso Discipline coinvolte Alunni partecipanti Approfondimento della storia in Inglese, Storia tutti una parte lingua inglese GTL (Global Teaching Labs) Fisica, Inglese tutti una parte Olimpiadi di filosofia Filosofia tutti una parte tutti una parte Visite didattiche: Luogo visitato Discipline coinvolte Alunni partecipanti Syracuse University, Firenze Inglese tutti una parte tutti una parte tutti una parte I seguenti alunni hanno realizzato significativi percorsi, documentato dalle presentazioni che sono a disposizione delle Commissioni: Alunno Branchetti Noemi Faccini Marina Greco Greta Pellegrini Ilaria Tortora Maria Chiara Stella Irene Percorsi significativi Tirocinio estivo (110 ore) con Centro Studi Tirocinio estivo (120 ore) con Centro Studi TAN 2014 (55 ore) TAN 2014 (55 ore) Tirocinio estivo (105 ore) con Centro Studi Hotel Palazzo (12 ore) pag. 8

9 INDICAZIONI SULLA TIPOLOGIA DELLA TERZA PROVA E SIMULAZIONI Oltre alle esercitazioni ed alle verifiche previste dalle singole discipline, il consiglio di classe ha programmato, in funzione della terza prova, alcune esercitazioni con quesiti riguardanti più materie. Tra le varie tipologie previste dagli articoli 2 e 3 del D.M. 20/11/2000 n 429, il Consiglio di classe ha sperimentato le verifiche che meglio rispondevano sia all applicazione delle conoscenze e delle competenze acquisite dagli alunni, sia alla coerenza con le scelte didattiche. La tipologia più funzionale alle suddette esigenze si ritiene che sia : - B La simulazione ha coinvolto 4 discipline per un totale di 10 quesiti ed è stata svolta in 150 minuti. La Lingua straniera è stata inserita nella simulazione di terza prova con le modalità previste dal comma b) dell art. 4 del DM 20/11/2000 N 429. Nella valutazione della prova il peso della lingua straniera e di 1/n dove n indica il numero delle materie coinvolte nella prova. Prove effettuate: Data di svolgimento Tempo assegnato Materie coinvolte 16 aprile 150 Filosofia Francese Scienze Spagnolo pag. 9

10 Si allegano i testi delle terze prove che sono state assegnate e le relative griglie di valutazione nonché, per ognuna delle seguenti discipline FILOSOFIA FISICA ITALIANO LING. FRANCESE LING. INGLESE LING. SPAGNOLO MATEMATICA RELIGIONE SC. MOT. SPORT. SCIENZE NAT STORIA STORIA DELL'ARTE Presentazione del programma con indicazioni metodologiche attuate; Programma dettagliato svolto; Criteri di valutazione; Griglie di valutazione; pag. 10

11 I Simulazione III prova Anno scolastico 2014/ /04/15 Liceo Linguistico Classe V sez. A Consegne: 1. Rispetta il numero delle righe assegnate per svolgere ogni risposta.. 2. Per ogni lingua troverai l indicazione del tipo di dizionario Consentito (monolingue o bilingue) 3. E consentito l uso della calcolatrice scientifica non programmabile. 4. Per la bella copia devono essere utilizzati esclusivamente i fogli che sono stati consegnati. 5. Scrivi nome, cognome su ogni foglio. 6. Scrivi nome, cognome e firma sul frontespizio Il tempo a disposizione per la prova è di 150 minuti BUON LAVORO! Nome e cognome.. Firma.. MATERIA FILOSOFIA FRANCESE SCIENZE SPAGNOLO PUNTEGGIO PUNTEGGIO COMPLESSIVO (MEDIA ARITMETICA) pag. 11

12 Ogni risposta non deve superare le otto righe Candidato/a Materia: Filosofia 1. Perchè Marx prevede una crisi irreversibile del sistema capitalistico? 2. Qual è il compito della filosofia positiva, secondo Comte? E qual è il ruolo della sociologia nell'ambito di tale progetto? pag. 12

13 3. Come si collegano in Schopenhauer il concetto di volontà di vivere e la visione pessimistica della realtà? pag. 13

14 LINGUA STRANIERA FRANCESE Ogni risposta non deve superare le cinque righe La bicyclette est une activité accessible à presque tout le monde. En la pratiquant, on améliore sa condition physique sans les contraintes des sports qui exigent un emplacement particulier et un équipement coûteux. De plus, c'est un moyen de transport qui ne demande que des frais d'entretien minimes et une mise au point au début de la saison. Tout cela est bien moins cher que les frais d'essence et de réparation d'une voiture. Un autre avantage est qu'elle occupe peu de place dans la rue et à la maison, on peut la ranger dans le garage, le cabanon, le sous-sol ou même... dans son salon. En dernier lieu, elle ne pollue pas puisque pour la faire marcher, il faut pédaler et non mettre de l'essence et allumer un moteur. Voyager à bicyclette a donc plusieurs avantages: c'est sain, pratique et économique. Voilà une façon bien pensée de joindre l'utile à l'agréable. 1-Pourquoi faire de la bicyclette est une activité que presque tout le monde peut pratiquer? 2-Expliquez l expression joindre l'utile à l'agréable. E consentito l uso del dizionario monolingue pag. 14

15 Ogni risposta non deve superare le otto righe NOME COGNOME:... CLASSE:.. SCIENZE NATURALI 1) In che cosa differiscono i punti caldi dagli altri fenomeni vulcanici? 2) Cosa sono i lipidi? Spiega cosa li caratterizza come famiglia di composti ed elenca e descrivi brevemente le classi di lipidi che conosci. pag. 15

16 3) Quali sono i tre tipi di RNA? Indica cosa hanno in comune ed in cosa si differenziano. pag. 16

17 LINGUA STRANIERA SPAGNOLO Ogni risposta non deve superare le cinque righe NOMBRE : CLASE: El 'empollón' dicta la moda No es fácil ser un nerd. Sí, es el empollón de clase, imbatible en física y matemáticas, pero cuando hay que salir a tomar algo nadie se acuerda de él. No es sólo que no sepa contar un chiste y que no hable más que de la potencia del procesador de su nuevo portátil. Es que esos pantalones por encima del ombligo y esa montura remendada con cinta adhesiva resultan completamente disuasorios. Pero no todo está perdido. Hay quien es capaz de ver belleza en esa estética. El fotógrafo David Farran (Madrid, 1973) se ha fijado en esa moda excéntrica y la ha retratado en una treintena de fotografías. "Me gusta esa imagen e intento lanzarla para crear una tendencia", comenta Farran, sin asomo de ironía. (...)"No hay ninguna intención crítica ni quiero moralizar. Sólo retrato lo que para mí tiene valor estético". 1. Qué rasgos caracterizan a un nerd? Abel Grau El Pais Madrid - 2. A través de sus fotografías David Farran ha querido ironizar sobre la imagen del empollón. Di si la afirmación es verdadera o falsa y justifica tu respuesta. E consentito l uso del dizionario monolingue pag. 17

18 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA Candidato MATERIA CONOSCENZE PUNTI Quesito 1 Nulle 1 Frammentarie 2 Con gravi errori 3 Approssimative 4 Relative solo ai concetti essenziali 5 Abbastanza ampie 6 Complete ed esaurienti 7 COMPETENZE 1) Saper selezionare le conoscenze in modo funzionale e pertinente ai quesiti Non pertinenti o errate o non svolte 1 Talvolta non pertinenti o pertinenti ma non 2 significative Pertinenti ma non complete 2.5 Pertinenti ed in genere adeguate alle richieste 3 Pertinenti e complete 4 COMPETENZE 2) Saper produrre un testo coerente e corretto sotto il profilo ortografico, morfosintattico e del lessico specifico della disciplina Con gravi errori e disorganico 1 Con alcuni errori di rilievo e/o improprietà lessicali e con 2 qualche nesso logico errato Generalmente lineare, senza gravi errori e con un 2.5 lessico generalmente corretto Lineare e corretto, salvo qualche imprecisione 3 lessicale Corretto sotto ogni profilo e ben articolato 4 TOTALE Quesito 2 Quesito 3 PUNTEGGIO COMPLESSIVO: Media aritmetica dei punteggi ottenuti nei singoli quesiti pag. 18

19 UN QUESITO LASCIATO IN BIANCO VERRA VALUTATO 1 PUNTO GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA LINGUA STRANIERA A ADEGUATEZZA Comprensione: 4. Puntuale 3. Globale 2. Parziale 1. Errata Coerenza: 3. Coerente e logico in tutte le parti 2. Non sempre coerente; talvolta la logica viene meno. 1. Molte incoerenze che compromettono la logica del messaggio. B CORRETTEZZA FORMALE 5. Corretto ed appropriato in tutte le parti. 4. Abbastanza corretto nonostante alcune imprecisioni. 3. Alcuni errori che comunque non creano ambiguità. 2. Alcuni errori che creano ambiguità. 1. Molti errori che compromettono la comprensione. C ESPRESSIVITA 3. Elabora il testo in forma autonoma e personale. 2. Parzialmente ripreso dal testo, scarsa elaborazione personale. 1. Molto aderente al testo; non presenta alcuna elaborazione personale. TOTALE /15 NOME: CLASSE: LINGUA: pag. 19

20 Piano di lavoro svolto A.S Classe/sez. Docente Materia Ore curricolari VA LL FRANCESCA BELFORTE ITALIANO 4 FINALITA, OBIETTIVI, METODOLOGIA (si rimanda alla programmazione dipartimentale) CONTENUTI Testo in adozione: R.Luperini, P.Cataldi, L.Marchiani, F.Marchese La letteratura come dialogo - Leopardi, il primo dei moderni + voll.3a e 3B Edizioni Palumbo Tempi e modalità di svolgimento del programma: il primo trimestre è stato dedicato all analisi dell opera di Leopardi e alla trattazione delle correnti letterarie del naturalismo, del verismo italiano, e di alcuni aspetti del simbolismo e del decadentismo con particolare attenzione all opera di Verga e alla nascita della poesia moderna in Francia ( Baudelaire, Verlaine e Rimbaud). Il secondo periodo è stato dedicato all analisi delle opere di Pascoli e D Annunzio, alle tematiche della crisi dell io e della ragione e alle inquietudini del primo Novecento, attraverso l opera di Pirandello e di Svevo, in particolare, e di crepuscolari e futuristi.. Nell ultima parte del quadrimestre è stata analizzato il rinnovamento della poesia italiana attraverso l opera di Ungaretti, Montale e Saba. I MODULO LEOPARDI (volume separato: Leopardi, il primo dei moderni) GIACOMO LEOPARDI: vita (pp.7-11); il sistema filosofico leopardiano (pp.16-21); la poetica: dalla poesia sentimentale alla poesia pensiero (pp.22-24); lo Zibaldone di pensieri (pp.27-29); Le Operette morali (pp.38-43); i Canti : composizione e struttura (pp.96-97); gli Idilli (pp ); la seconda fase della poesia leopardiana. I canti pisano-recanatesi (pp ); ideologia e società: tra la satira e la proposta. Il messaggio conclusivo della Ginestra (pp ); i Canti e la lirica moderna (pp ); temi e situazioni nei Canti (in particolare: l idea di progresso; la memoria; i grandi temi civili, politici e sociali, le illusioni e il rapporto tra passato e presente, il tema dell amore) (pp ); il paesaggio nei Canti (pp ); metri, forme, stile e lingua (pp ); Leopardi e la modernità : temi e percorsi. Lettura e analisi: -dallo Zibaldone La teoria del piacere e Scrivere per i morti (p.29); La natura e la civiltà (pp.33-35). -da Le Operette morali Dialogo della Natura e di un Islandese (pp.59-64); Dialogo di Cristoforo Colombo e di Péietro Gutierrez (pp.65-68) - da I Canti L infinito (pp ); La sera del dì di festa (pp ); A Silvia (pp ); Canto notturno di un pastore errante (pp ); La quiete dopo la tempesta (pp ); La ginestra (vv.1-157; vv ) pp Visione del film di Mario Martone Il giovane favoloso pag. 20

21 II MODULO UN NUOVO TIPO DI ROMANZO: NATURALISMO E VERISMO (VOL.3A) La parola-chiave: Naturalismo (p4); le ideologie, le trasformazioni dell immaginario, i temi della letteratura e dell arte (pp.9-11); l organizzazione della cultura, il pubblico e la trasformazione del ceto intellettuale (pp.15-17). La tendenza al realismo nel romanzo (p.42); il Naturalismo francese e il Verismo italiano: poetiche e contenuti (pp.40-43). Dal Realismo al Naturalismo: Flaubert (cenni), Zola (pp.52-54) Letture e analisi: E. Zola: da Il romanzo sperimentale Il romanziere come osservatore e sperimentatore impersonale (p.42): da L Ammazzatoio L inizio (pp.61-62) GIOVANNI VERGA: vita (pp ); i romanzi giovanili e Nedda (pp ); l adesione al Verismo e il ciclo dei Vinti (pp ); Rosso Malpelo e le altre novelle di Vita dei campi (pp ); Novelle rusticane (pp ); I Malavoglia: il titolo, il progetto letterario e la poetica (pp ); il romanzo come opera di ricostruzione intellettuale (pp ); la struttura, la vicenda e il sistema dei personaggi (pp ); il tempo e lo spazio (pp ); la lingua, lo stile, il punto di vista: regressione e straniamento (pp ); la filosofia di Verga (pp ) (Mastro Don Gesualdo (pp ) Lettura e analisi: - Da Vita dei campi Fantasticheria (pp ); Rosso Malpelo (pp ); La lupa (in fotocopia). - da I Malavoglia Percorso antologico. La prefazione ai Malavoglia (pp ); L inizio dei Malavoglia (p.192); I Malavoglia e la comunità del villaggio: valori ideali e interesse economico (in fotocopia);l addio di Ntoni (pp ) - Da Novelle rusticane La roba (pp ); Libertà ( ). III MODULO LA POETICA DEL DECADENTISMO IN EUROPA E IN ITALIA (vol.3a) Simbolismo e Decadentismo (p.5); la figura dell artista e la perdita dell aureola (pp.11-14); il simbolismo europeo (pp.43-45). Il Decadentismo europeo come fenomeno culturale ed artistico (pp.46-47) Introduzione al decadentismo. L origine del termine decadentismo; la visione del mondo decadente: il mistero e le corrispondenze; gli strumenti irrazionali del conoscere. La poetica del decadentismo: l Estetismo; l oscurità del linguaggio; le tecniche espressive; il linguaggio analogico e la sinestesia. Temi e miti della letteratura decadente: vitalismo e superomismo; gli eroi decadenti (l artista maledetto; l esteta; l inetto a vivere; la donna fatale) ; il fanciullino e il superuomo. La crisi del ruolo intellettuale; tra borghesia e proletariato (in fotocopia da Baldi). La nascita della poesia moderna. La poesia in Francia: Verlaine e Rimbaud (pp ) I Fiori del male di Baudelaire: titolo e storia del testo; la figura del poeta (pp ) Lettura e analisi: - C. Baudelaire: - da I fiori del male Corrispondenze (in fotocopia); Spleen (in fotocopia); L albatro (pp ). pag. 21

22 P.Verlaine: - Arte poetica (pp ); Languore (in fotocopia) - A. Rimbaud: Lettera del veggente (p.45); Vocali (p ) GABRIELE D ANNUNZIO: vita e opere (pp ); il panismo del superuomo (pp ); il periodo della bontà. Il Poema paradisiaco (pp.319); i primi tre libri delle Laudi: in particolare Alcyone (pp ); Il Notturno (pp.328-9); Il Piacere, romanzo dell estetismo decadente (p ); Il Trionfo della morte e gli altri romanzi (pp.326-7); Il pubblico e l influenza sulla poesia del Novecento (pp.328-9): Alcyone: composizione e struttura (cenni) (p ); i temi (346-47); l ideologia e la poetica: superomismo e simbolismo (p.363); il mito e la sua perdita (p.363); lo stile, la lingua, la metrica (p.365) Lettura e analisi: - da Poema paradisiaco Consolazione (pp ) - da Il piacere Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli. (pp ); - da Le vergini delle rocce Il programma politico del superuomo (in fotocopia) - da Alcione La sera fiesolana (pp ); Meriggio (pp ); La pioggia nel pineto (pp ). - da Notturno Visita al corpo di Giuseppe Miraglia (p ) GIOVANNI PASCOLI: vita: tra il nido e la poesia (p ); la poetica del fanciullino (pp ); Myricae e Canti di Castelvecchio: il simbolismo naturale e il mito della famiglia (pp ); I Poemetti: narrazione e sperimentalismo (pp ); Pascoli e la poesia del Novecento (pp ); Myricae: composizione e titolo (p.289); Temi: la natura e la morte, l orfano e il poeta (pp ); la poetica di Myricae: il simbolismo impressionistico (p.301); le forme: metrica, lingua e stile (pp.302-3) Lettura e analisi: - da Il fanciullino Il fanciullino (p.268) - Da Myricae Temporale (p.290); Lavandare (pp.292-3); L assiuolo (pp ); Novembre (in fotocopia); X agosto (pp ); Il lampo e il tuono (pp.302-3) - Da I canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno (pp ) - Da I poemetti Italy (pp fotocopie) Percorsi tematici: Lo spazio e il tempo del progresso; Dalla seduttrice alla suffragetta: la crisi dei modelli e delle identità sessuali (da p solo in riferimento agli autori studiati) IV MODULO LE INQUIETUDINI DEL PRIMO NOVECENTO (VOL.3A) I luoghi, i tempi e le parole chiave (pp ); la nuova organizzazione della cultura (pp.401); la crisi degli intellettuali letterati (pp ); il manifesto di Gentile e il contromanifesto di Croce (p.405); le nuove scienze (la fisica, la psicoanalisi) e le nuove tendenze filosofiche (pp ); il disagio della civiltà e i temi dell immaginario (pp ); la Grande Guerra e gli scrittori (p.411). Le avanguardie in Europa: l Espressionismo; il Futurismo (pp ); i crepuscolari e la vergogna della poesia, i vociani e la poetica del frammento (pp ); l avanguardia futurista (433-36); le riviste tra gli anni Dieci e anni Venti (pp ). pag. 22

23 I CREPUSCOLARI: Sergio Corazzini e Marino Moretti (pp ); Guido Gozzano o la vergogna della poesia (pp ). IL FUTURISMO italiano e la poesia. Marinetti (pp ) Lettura e analisi: S.Corazzini - Desolazione di un povero poeta sentimentale (pp )) G. Gozzano - da I colloqui La signorina Felicita ovvero la felicità (pp ) F.T. Marinetti Manifesto del futusismo (pp ) F. T. Marinetti Manifesto tecnico della letteratura futurista (in fotocopia) F.T.Marinetti Bombardamento (in fotocopia) A.Palazzeschi E lasciatemi divertire (pp ) V MODULO - IL RINNOVAMENTO DEL ROMANZO E DEL TEATRO (vol.3a) Dissoluzione e rifondazione del romanzo in Italia e in Europa (pp.442-3). KAFKA (pp ); La metamorfosi (pp ; ). JOYCE e il flusso di coscienza e la narrativa in lingua inglese (pp ). La narrativa in Francia: la rivoluzione della memoria involontaria di PROUST (pp ); il romanzo del Novecento (p.473) Lettura e analisi: Kafka La lettera al padre (p.410) Kafka Davanti alla Legge (p.448) Kafka da La metamorfosi Il risveglio di Gregor (pp ) Jayce Il monologo della signora Bloom (pp ) Proust da Dalla parte di Swann La madeleine (pp ) LUIGI PIRANDELLO: vita e opere (pp ); La poetica dell umorismo ; i personaggi e le maschere nude, la forma e la vita. L arte umoristica (pp ); L esclusa (p.504); i romanzi umoristici : Uno, nessuno e centomila (pp ); le Novelle per un anno (pp ); Pirandello e il teatro: la fase del grottesco (pp ); Sei personaggi in cerca di autore e il teatro nel teatro; Enrico IV (pp ). I Sei personaggi: la genesi, la vicenda e i personaggi (pp ); organizzazione e struttura: la modernità dei Sei personaggi, la poetica e l umorismo dei Sei personaggi (pp ). Il Fu Mattia Pascal : la vicenda, i personaggi, il tempo e lo spazio (pp ); la struttura e lo stile; i temi principali e l ideologia del Fu ): il Fu e la poetica dell umorismo (pp ). ITALO SVEVO: vita e opere (pp ); la cultura e la poetica (pp ); caratteri dei romanzi sveviani: Una vita e Senilità (pp ); un caso esemplare di ricezione contrastata (pp ). La coscienza di Zeno : la situazione culturale triestina e la composizione del romanzo; la parabola dell inetto (pp ); la Coscienza come opera aperta (643-44); la vicenda: la,orte del padre (p.645), il matrimonio di Zeno (pp ), la moglie e l amante (pp ), Zeno e il suo antagonista (pp ), la psicoanalisi (p.660). Il rifiuto dell ideologia.l ironia (p.665); l io narrante e l io narrato: il tempo narrtivo (pp ); l indifferenza della critica e il caso Svevo (pp ) Percorsi tematici: Figure e funzioni del femminile in Pirandello e Svevo; Padri e figli (solo in riferimento agli autori studiati) pp pag. 23

24 Lettura e analisi: PIRANDELLO: Lettura integrale de Il Fu Mattia Pascal e analisi dei brani in antologia Da L umorismo La forma e la vita (p.501); la vecchia imbellettata (p.502) Da Uno, nessuno e centomila - La vita non conclude (pp ) Da Novelle per un anno Ciaula scopre la luna (in fotocopia); La patente (in fotocopia) ; Il treno ha fischiato (pp ); La signora Frola e il signor Ponza, suo genero (in fotocopia). Da Maschere nude Da Così è, se vi pare io sono colei che mi si crede (pp ) Da Enrico IV La vita, la maschera, la pazzia (pp ) Da Sei personaggi in cerca di autore L irruzione dei personaggi sul palcoscenico (pp ) ; La scena finale (pp ) SVEVO Da Senilità Inettitudine e senilità (pp ). Da La coscienza di Zeno : tutti i brani in antologia da p.644 a p.666) VI MODULO - LA LETTERATURA NEL PERIODO DEL FASCISMO, DEL II CONFLITTO MONDIALE E DELLA RICOSTRUZIONE (VOL.3B) Il rinnovamento della poesia italiana: GIUSEPPE UNGARETTI: vita, formazione, raccolte poetiche e poetica (pp.60-65); L Allegria: composizione, titolo, struttura e temi (pp.84-89); lo stile e la metrica (p.89); la rivoluzione dell Allegria e la poetica ungarettiana tra espressionismo e simbolismo (pp ); la ricezione e la storia della critica (pp ) EUGENIO MONTALE: vita e opere (pp ); Ossi di seppia come romanzo di formazione : la crisi del Simbolismo (pp ); cenni su Le Occasioni (p.163); il terzo e il quarto Montale (pp ) UMBERTO SABA: vita, formazione e poetica (pp.67-70). I temi del Canzoniere (pp ); la poetica dell onestà e la metrica (pp ) QUASIMODO e l ermetismo (pp.73-76) Lettura e analisi: Ungaretti: - da L allegria - San Martino del Carso (p.85); C era una volta (p.86); Natale (p.87); Mattina (p.87) : Soldati (p.88); In memoria (pp.90-91); I fiumi (pp.91-95); Veglia (pp.95-96). - Da Sentimento del tempo - Non gridate più (p.64); La madre (pp.65-66) Montale: - da Ossi di seppia I limoni (pp ); Meriggiare pallido e assorto (pp ); Spesso il male di vivere (pp ); Non chiederci la parola (pp ); Cigola la carrucola nel pozzo (in fotocopia). - Da Le occasioni Non recidere forbice quel volto (p.165) La casa dei doganieri (pp ); pag. 24

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli