LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI"

Transcript

1 Liceo scientifico G.Galilei - BLPS00701R anno scolastico 2013/14 LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^E a.s. 2013/14 pag.1 di 64

2 INDICE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE...3 Elenco dei docenti che hanno seguito la classe nel triennio...3 Profilo della classe...3 Storia del triennio...4 Quadro orario...4 PROGRAMMAZIONE...5 Obiettivi formativi...5 Obiettivi cognitivi...5 Percorso formativo realizzato...6 Attività di recupero e di approfondimento...6 Tematiche pluridisciplinari e/o progetti...6 Numero e tipologia delle prove multidisciplinari sul modello della terza prova scritta...7 ALLEGATI AL DOCUMENTO...8 Allegato 1: relazioni e programmi docenti...9 Disciplina: Italiano...10 Disciplina: Latino...16 Disciplina: Inglese...21 Disciplina: Storia...27 Disciplina: Filosofia...31 Disciplina: Scienze...36 Disciplina: Matematica...41 Disciplina: Fisica...46 Disciplina: Disegno e storia dell arte...50 Disciplina: Educazione fisica...54 Disciplina: Religione...56 Allegato 2: griglie di valutazione...58 Griglia di valutazione del compito di italiano...59 Griglia terza prova...61 Allegato 3: testi delle prove multidisciplinari...62 a.s. 2013/14 pag.2 di 64

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Elenco dei docenti che hanno seguito la classe nel triennio discipline classe 3 classe 4 classe 5 ITALIANO DA ROLD BORTOT BORTOT LATINO BORTOT BORTOT BORTOT INGLESE RIZZARDI RIZZARDI RIZZARDI STORIA GLORIA FILETTI FILETTI FILOSOFIA GLORIA FILETTI FILETTI MATEMATICA CASE CASE CASE FISICA CASE CASE CASE SCIENZE CADORIN CADORIN CADORIN DIS. E STO. D. ARTE SALEMI RODA RODA ED. FISICA CODEN CODEN CODEN RELIGIONE CASSOL CASSOL CASSOL Coordinatore di Classe 5^: DANIELA BORTOT Profilo della classe La classe, composta attualmente da tredici allieve e da sette allievi, ha incontrato, in terza e in quarta, momenti di difficoltà sia sul piano strettamente scolastico sia su quello relazionale: le dinamiche della classe sono state influenzate da numerose situazioni personali problematiche che hanno influito anche sulla regolarità della frequenza e dalle quali non ha potuto prescindere l azione didattica. I tempi di lavoro, pertanto, sono stati dilatati, nel tentativo di recuperare un percorso formativo e cognitivo omogeneo. In questo ultimo anno di corso la situazione è in parte mutata, anche in considerazione della significativa riduzione del numero degli studenti (dai ventotto della terza ai venti attuali): l atteggiamento nei confronti dello studio è divenuto via via più maturo e l applicazione più convinta. Si può pertanto affermare che gli obiettivi formativi e cognitivi siano stati nel complesso raggiunti, anche se non in modo ottimale. Nella classe sono presenti alcune buone individualità, che hanno saputo sviluppare le proprie capacità e conseguire un ottima preparazione, organica e critica. Si registrano, nel contempo, anche alcune situazioni di fragilità sia nella preparazione scolastica sia nella sfera emotiva. a.s. 2013/14 pag.3 di 64

4 Storia del triennio CLASSE ISCRITTI RITIRATI AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA allo scrutinio di giugno AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA allo scrutinio di fine agosto NON AMMESSI Terza quarta quinta 21* 1 *in quinta si è inserito un allievo proveniente da altra scuola, poi ritiratosi a novembre; è rientrata un allieva dal programma di studio all estero; non si è iscritta un allieva ammessa nello scrutinio di agosto Quadro orario Discipline curricolari Ore settimanali LINGUA e LETTERE ITALIANE 4 LINGUA e LETTERE LATINE 3 LINGUA STRANIERA 4 STORIA 3 FILOSOFIA 3 MATEMATICA 3 FISICA 3 SCIENZE 2 DISEGNO e STORIA dell ARTE 2 EDUCAZIONE FISICA 2 RELIGIONE 1 a.s. 2013/14 pag.4 di 64

5 PROGRAMMAZIONE Obiettivi formativi Il percorso formativo effettuato, in linea con quanto indicato dal POF di Istituto, fa sì che lo studente: costruisca la propria identità nel contesto sociale in cui vive ed assuma comportamenti conseguenti; apprenda i principi basilari di una civile convivenza reciproca; migliori l acquisizione della coscienza di sé, dei propri limiti, delle proprie risorse; sia consapevole dei propri impegni, del senso di responsabilità e di collaborazione interpersonale e di gruppo; abbia rispetto di sé, degli altri e delle cose; sia capace di esporre il proprio pensiero, di ascoltare e di comprendere le opinioni dei compagni, di confrontarsi con opinioni diverse; sia disponibile al dialogo e sia in grado di modificare il proprio pensiero, di sviluppare un atteggiamento di tolleranza, solidarietà e collaborazione, anche al fine di evitare e prevenire forme di devianza o disagio; acquisisca autocontrollo e concentrazione; sia in grado di organizzare in modo efficace e autonomo il metodo di studio e il lavoro; sia abituato alla puntualità e al rigore; rispetti le regole dell istituto, gli orari e le scadenze; partecipi alla vita di classe, agli organi collegiali, alle assemblee d istituto; acquisisca conoscenze sul mondo universitario e sulla realtà del lavoro in vista della scelta post diploma. Obiettivi cognitivi Il percorso formativo ha consentito agli studenti di: acquisire e consolidare conoscenze; acquisire processi logici e metodologie operative da attuare in un quadro di regole prefissate; acquisire competenze nell ambito della comunicazione; acquisire, consolidare e perfezionare un linguaggio corretto, sintetico e specifico per le singole discipline; rafforzare le abilità linguistiche nelle lingue straniere; assimilare, organizzare, rielaborare in modo critico le informazioni; affinare l intuizione, lo spirito di ricerca e la capacità di problematizzare, utilizzando fonti diverse di informazione; rafforzare le capacità di analisi, di sintesi e di astrazione; affrontare e risolvere problemi con autonomia e creatività; sviluppare il senso estetico nei vari ambiti di competenza; superare il settorialismo delle discipline in favore di una percezione organica del sapere; cogliere differenze e analogie fra culture e apprezzarne la diversità; elaborare testi, progetti, ricerche; utilizzare gli strumenti informatici e multimediali. a.s. 2013/14 pag.5 di 64

6 Percorso formativo realizzato (confronto tra la progettazione iniziale del CdC e risultati finali) Rispetto alla progettazione iniziale i risultati finali conseguiti dagli studenti sono stati sostanzialmente coerenti, consentendo di ritenere che gli obiettivi prefissati siano stati nel complesso raggiunti. Attività di recupero e di approfondimento Gli alunni che presentavano insufficienze in seguito allo scrutinio del primo periodo hanno effettuato, durante le ore curricolari, esercitazioni mirate o percorsi di recupero individualizzati. Per matematica è stato effettuato un corso di recupero di dieci ore per tutta la classe. Tematiche pluridisciplinari e/o progetti Nel corso del triennio la classe ha svolto le seguenti attività: (tutta la classe) Viaggio di istruzione a Parigi Viaggio d istruzione in Toscana Escursione geologica a Cortina Partecipazione ai giochi sportivi studenteschi Orientamento universitario: 1) distribuzione di materiale informativo; 2) partecipazione a tutte le iniziative programmate dalla Commissione Orientamento; 3) corso di preparazione ai test di accesso universitario Olimpiadi della matematica, della fisica, della chimica e delle scienze naturali Incontro con il giudice Roberta Gallego sulla legalità Partecipazione all incontro con Boris Pahor in occasione della Giornata della Memoria Partecipazione alla conferenza Con l Armenia nel cuore Visita guidata alla mostra Inclinazioni sul design industriale presso il Palazzo Crepadona con laboratorio conclusivo Progetto Il Quotidiano in classe Teatro in inglese (Macbeth) Partecipazione alla Giornata della Musica (alcuni allievi) Corso di lingua inglese in preparazione alla certificazione Certificazione di lingua inglese Soggiorno-studio all estero Partecipazione a rappresentazioni teatrali Partecipazione al corso ECDL (patentino informatico europeo) Progetto lauree scientifiche a.s. 2013/14 pag.6 di 64

7 Numero e tipologia delle prove multidisciplinari sul modello della terza prova scritta Data Tipologia Discipline media della classe Inglese, Fisica, Latino, Scienze, Storia B - quesiti a risposta singola A - trattazione sintetica di argomenti Disegno e Storia dell Arte, Filosofia, Fisica, Inglese, Scienze Belluno, 15 maggio 2014 Il Consiglio di Classe Daniela Bortot Daniela Rizzardi Soravia Vincenzo Filetti Michela Cadorin Mauro Case Giorgio Roda Emanuela Coden Lucia Cassol a.s. 2013/14 pag.7 di 64

8 ALLEGATI AL DOCUMENTO a.s. 2013/14 pag.8 di 64

9 LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Allegato 1: relazioni e programmi docenti a.s. 2013/14 pag.9 di 64

10 RELAZIONE FINALE a.s.2013/14 Disciplina: Italiano Docente: Daniela Bortot OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Tratti generali sul Romanticismo europeo (settembre-ottobre). Il Romanticismo italiano: la polemica classicisti-romantici (ottobre) Giacomo Leopardi (ottobre-novembre). Alessandro Manzoni (novembre-dicembre). Naturalismo e Verismo (gennaio). Verga (gennaio-febbraio). Il Decadentismo (febbraio). Giovanni Pascoli (marzo). G. D Annunzio (aprile). Luigi Pirandello (aprile-maggio). Italo Svevo (aprile-maggio). Eugenio Montale (maggio). Giuseppe Ungaretti (maggio). Dante, Paradiso. La programmazione iniziale è stata nel complesso rispettata. Il livello delle conoscenze acquisite è in media più che sufficiente, con punte di ottimo livello e qualche caso di preparazione poco sicura. Abilità L'attività didattica è stata finalizzata al conseguimento e al potenziamento delle seguenti capacità: esporre i contenuti secondo criteri di ordine, chiarezza e coerenza; formulare motivati giudizi critici; strutturare le conoscenze in modo multidisciplinare; desumere dal testo dati e informazioni relativi al contesto. Tali capacità possono dirsi pienamente conseguite solo da alcuni allievi. Più in generale, la classe ha mostrato di aver raggiunto il primo obiettivo in modo soddisfacente; in modo non sempre adeguato gli altri. Competenze L'attività didattica è stata orientata all'acquisizione delle seguenti competenze: analisi del testo letterario; produzione di testi di tipologia A, B, C, D. I risultati ottenuti sono discreti, pur con diversi livelli di approfondimento. Alcuni allievi si muovono con sicurezza nell'analisi e nell'interpretazione del testo e sanno realizzare testi coerenti e chiari concettualmente; altri raggiungono, se guidati, un sufficiente livello di comprensione mentre nella produzione scritta privilegiano un approccio di tipo espositivo; in alcuni casi, infine, il livello di competenze di analisi e di scrittura risente di un'applicazione superficiale. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) L'approccio privilegiato è stata la lezione frontale. L'attività didattica è stata incentrata sull'analisi del testo: i testi sono stati esaminati in classe, anche discutendo le osservazioni degli allievi. Si è cercato di evitare il nozionismo e i tecnicismi esasperati in favore di un approccio problematico e critico ai testi. All'interno dell'attività didattica è stato riservato spazio alle diverse tipologie dello scritto di italiano, in particolare al saggio breve. Gli allievi sono stati indirizzati ad utilizzare la documentazione fornita, ad individuare una tesi all'interno dell'argomento in esame e a produrre un a.s. 2013/14 pag.10 di 64

11 testo di carattere argomentativo. Tuttavia, in considerazione della difficoltà di realizzazione della tipologia testuale, si è accettato, nella prassi, anche un approccio di tipo espositivo. Per quanto riguarda la tipologia A, gli allievi sono stati indirizzati a produrre un testo coeso ed organico, rispettando contemporaneamente le singole richieste della consegna. Non sono stati tuttavia penalizzati coloro che hanno eseguito con ordine lo schema di lavoro. Le prove di italiano sono state strutturate seguendo le indicazioni ministeriali, proponendo tutte e quattro le tipologie. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Sono stati strumenti di verifica: interrogazione-colloquio, test, prove di diversa tipologia valide per l orale; verifiche scritte conformi alle tipologie A,B,C,D della prima prova. Come concordato in sede dipartimentale, il livello di sufficienza per la produzione scritta è stato garantito dalla presenza dei seguenti elementi: rispondenza alla consegna, interpretata tendenzialmente in modo letterale in uno schema organizzativo ordinato, anche se poco flessibile; utilizzazione di informazioni corrette, anche se non del tutto approfondite; utilizzo di un linguaggio con risorse lessicali anche limitate, ma chiare; presenza di costruzioni lessicali talora ripetute, ma generalmente corrette; pur in assenza di interpretazioni personali, un sufficiente livello di argomentazione. I criteri che hanno determinato il livello di sufficienza per la valutazione della produzione orale sono stati: l'acquisizione dell'apparato informativo indispensabile; un'esposizione coerente, se pur semplice, pertinente e consapevole dei nessi logici essenziali; interpretazione corretta del significato dei testi in modo strettamente analitico, attingendo, sia pur con qualche limite, al livello della sintesi; il possesso di elementi di orientamento sui rapporti tra testo, contesto letterario e quadro storico-culturale. MATERIALI DIDATTICI Strumento di lavoro è stato il manuale, integrato da testi forniti in fotocopia. Sono stati utilizzati DVD per la visione di opere teatrali. a.s. 2013/14 pag.11 di 64

12 TESTI IN ADOZIONE PANEBIANCO-PISONI-REGGIANI-MALPENSA, Testi e scenari, Zanichelli Vol.4. Il Romanticismo Vol.5. L età del Naturalismo e del Decadentismo Vol.6. L età delle Avanguardie Vol.7. Dagli anni Trenta ai giorni nostri N.B. L edizione utilizzata dall insegnante (LM) non coincide con quella in adozione per gli allievi (LM essenziale), in quanto dispone di molto materiale a cui gli allievi possono accedere solo on-line e che, quando richiesto dall insegnante, hanno stampato. DANTE ALIGHIERI, Divina Commedia : Il Paradiso, a cura di U. Bosco G. Reggio, Ed. Le Monnier. RONCORONI-GAZICH-MARINONI-SADA, Documenta humanitatis, Signorelli scuola, vol. 1a, voll. 3a, 3b Belluno, 15 maggio 2014 Il docente Daniela Bortot a.s. 2013/14 pag.12 di 64

13 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2014 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ARGOMENTO L età del Romanticismo Tratti generali del Romanticismo europeo. I soggetti e i luoghi della cultura. Il pensiero e l immaginario romantico. La poetica del Romanticismo. Il Romanticismo italiano. Classici e Romantici a confronto: Madame de Stael, da: Sulla maniera e l utilità delle traduzioni. semiseria di Grisostomo al suo figliolo Pietro Giordani. Giovanni Berchet, da: Lettera Giacomo Leopardi: l autore e l opera. Ideologia e poetica dallo Zibaldone: Rimembranza, vago e indefinito La teoria del piacere Un giardino di sofferenza dalle Operette morali: Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare (fotocopia) Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Tristano e di un amico dai Canti: L ultimo canto di Saffo L infinito Alla luna A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La quiete dopo la tempesta Il passero solitario Il sabato del villaggio A se stesso La ginestra o il fiore del deserto Alessandro Manzoni: l autore e l opera. La formazione culturale e la poetica dalla Lettre à M. Chauvet: Vero storico e vero poetico dalla Lettera al Marchese d Azeglio Lettera sul Romanticismo dalle Odi: Il cinque maggio dall Adelchi: Adelchi e Anfrido (atto III, scena I, vv ) Coro dell atto terzo Coro dell atto quarto I promessi sposi (analisi narratologica) PERIODO DI SVOLGIMENTO dal al 20/9 25/9 27/9 9/11 12/11 21/12 a.s. 2013/14 pag.13 di 64

14 L età del Naturalismo e del Decadentismo La scapigliatura. Praga, da Penombre: Preludio. Positivismo e Naturalismo. Zola, da Il romanzo sperimentale: Il romanziere naturalista. Il Verismo italiano. Il Decadentismo. Estetismo e Simbolismo. La poesia in Francia: C. Baudelaire, da I fiori del male: Corrispondenze, L albatros; P. Verlaine, Arte poetica; A. Rimbaud, Vocali; da Lettera del veggente: Il poeta veggente. 10/1 22/2 21/1 13/3 Giovanni Verga: l autore e l opera da Vita dei campi Lettera a Salvatore Farina Fantasticheria (fotocopia) Rosso Malpelo La roba da Novelle rusticane I Malavoglia : lettura personale; analisi in classe dei passi più significativi Giovanni Pascoli: l autore e l opera da Myricae: Arano Lavandare X Agosto L assiuolo Temporale Novembre 23/1 18/2 15/3 22/3 da Canti di Castelvecchio: da Il fanciullino: Il gelsomino notturno Nebbia (fotocopia) Il poeta decadente: come un fanciullo Gabriele D Annunzio: l autore e l opera da Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto L ultimo D Annunzio: Qui giacciono i miei cani (fotocopia) L età delle Avanguardie Le avanguardie. Le scienze fisiche, psicologiche, le trasformazioni dell immaginario e i nuovi temi letterari ed artistici. L avanguardia futurista Il primo manifesto del futurismo. Manifesto tecnico della letteratura futurista. Luigi Pirandello: l autore e l opera da L umorismo: Vita e forma Umorismo e comicità dalle Novelle per un anno Il treno ha fischiato La carriola da Maschere nude Così è, se vi pare Sei personaggi in cerca d autore Il fu Mattia Pascal: lettura personale; analisi in classe dei passi più significativi Italo Svevo: l autore e l opera da: Le confessioni di un vegliardo Vita e letteratura da: La coscienza di Zeno L ultima sigaretta La morte del padre La domanda di matrimonio La salute di Augusta La vita è inquinata alle radici 1/4 8/4 9/4 12/4 16/4 5/5 7/5 completato dopo il 15/5 a.s. 2013/14 pag.14 di 64

15 Giuseppe Ungaretti: l autore e l opera da: L allegria Veglia Sono una creatura I fiumi San Martino del Carso Mattina Fratelli Eugenio Montale: l autore e l opera da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola del pozzo Casa sul mare (fotocopia) 10/5 14/5 9/5 13/5 Dante, Paradiso: I; III; VI; XI, XV; XVII; XXIII; XXXI, XXXIII. settembre aprile ore di lezione effettivamente svolte: 114 Belluno, 15 maggio 2014 Il docente I rappresentanti degli studenti a.s. 2013/14 pag.15 di 64

16 RELAZIONE FINALE a.s.2013/14 Disciplina: Latino Docente: Daniela Bortot OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Primo quadrimestre. Storia letteraria: Petronio, Lucano, Quintiliano, Tacito. Autori: Lucrezio Secondo quadrimestre Storia letteraria: Seneca, Marziale, Persio, Giovenale, Plinio il Giovane, Svetonio, Apuleio, Agostino. Autori: Seneca. La programmazione iniziale viene sostanzialmente rispettata. Il livello di conoscenze è soddisfacente. Abilità L'attività didattica è stata finalizzata al conseguimento e al potenziamento delle seguenti capacità: tradurre e analizzare i testi, esporre i contenuti culturali secondo criteri di ordine, chiarezza e coerenza; formulare motivati giudizi critici; strutturare le conoscenze in modo multidisciplinare; desumere dal testo dati e informazioni relativi al contesto. Tali capacità possono dirsi pienamente conseguite solo da alcuni allievi. Più in generale, la classe ha mostrato di aver raggiunto il primo obiettivo in modo soddisfacente; in modo non sempre adeguato gli altri. Competenze L'attività didattica è stata orientata all'acquisizione delle seguenti competenze: traduzione e analisi del testo letterario; comprensione di un testo latino con riconoscimento delle strutture essenziali; I risultati ottenuti sono discreti, pur con diversi livelli di approfondimento. Per quanto riguarda le competenze nello scritto, la classe ha ottenuto risultati migliori nelle prove di analisi e di comprensione del testo, attività verso le quali è stato prevalentemente orientato il lavoro didattico in quest'ultimo anno scolastico. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) L'approccio privilegiato è stata la lezione frontale. L'attività didattica è stata incentrata sull'analisi del testo (Lucrezio e Seneca): i testi sono stati tradotti ed esaminati in classe, anche discutendo le osservazioni degli allievi. Per la storia letteraria ci si è avvalsi di passi in traduzione italiana tratti dalle opere principali degli autori esaminati. Nella prassi didattica è cercato di evitare il nozionismo e i tecnicismi esasperati in favore di un approccio problematico e critico ai testi. Sono stati affrontati in lingua soltanto i passi esplicitamente indicati nel programma (Lucrezio e Seneca). Le prove scritte sono state prevalentemente di comprensione e di analisi del testo. a.s. 2013/14 pag.16 di 64

17 TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Sono stati strumenti di verifica: interrogazione-colloquio, test, prove di diversa tipologia valide per l orale; verifiche scritte di comprensione e di analisi del testo. Come concordato in sede dipartimentale, il livello di sufficienza per la produzione scritta è stato garantito dalla presenza dei seguenti elementi: rispondenza alla consegna, interpretata tendenzialmente in modo letterale in uno schema organizzativo ordinato, anche se poco flessibile; utilizzazione di informazioni corrette, anche se non del tutto approfondite; utilizzo di un linguaggio con risorse lessicali anche limitate, ma chiare; presenza di costruzioni lessicali talora ripetute, ma generalmente corrette; pur in assenza di interpretazioni personali, un sufficiente livello di argomentazione. I criteri che hanno determinato il livello di sufficienza per la valutazione della produzione orale sono stati: l'acquisizione dell'apparato informativo indispensabile; un'esposizione coerente, se pur semplice, pertinente e consapevole dei nessi logici essenziali; interpretazione corretta del significato dei testi in modo strettamente analitico, attingendo, sia pur con qualche limite, al livello della sintesi; il possesso di elementi di orientamento sui rapporti tra testo, contesto letterario e quadro storico-culturale. MATERIALI DIDATTICI Strumento di lavoro è stato il manuale, integrato da testi forniti in fotocopia. TESTI IN ADOZIONE RONCORONI-GAZICH-MARINONI-SADA, Documenta humanitatis, Signorelli scuola, vol. 1a, voll. 3a, 3b Belluno, 15 maggio 2013 Il docente a.s. 2013/14 pag.17 di 64

18 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2014 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE STORIA DELLA LETTERATURA ARGOMENTO Il primo secolo dell impero Il contesto storico culturale. L età giulio-claudia. L età dei flavi Il romanzo antico: alla ricerca di un genere Il piacere di narrare e il mondo classico. Il romanzo e la novella in ambiente greco. Il romanzo e la novella in ambiente latino. PERIODO DI SVOLGIMENTO dal al 12/9 20/9 3/10 26/10 Petronio L identità di Petronio. Il Satyricon. Poetica e tecnica narrativa. Il mondo dei liberti L inizio della cena e l apparizione di Trimalchione (Satyricon) Fortunata (Satyricon) Una fabula Milesia: la matrona di Efeso (Satyricon) Il poema epico nella prima età imperiale Le nuove caratteristiche del genere Lucano La vita e l opera I poemi dell Eneide e della Pharsalia a confronto Dopo la battaglia di Farsalo (Pharsalia) Ritratti di Pompeo e Cesare (Pharsalia) (fotocopia) Quintiliano La vita e l opera. I tempi e la figura. La retorica come formazione integrale. I doveri del discepolo (Institutio oratoria) Le qualità di un buon maestro (Institutio oratoria) Quintiliano, maestro e padre (Institutio oratoria) L imitazione, cardine dell insegnamento quintilianeo (Institutio oratoria) Precettore privato o maestro pubblico? (Institutio oratoria) 3/10 26/10 17/10 22/10 7/11 28/11 a.s. 2013/14 pag.18 di 64

19 Tacito La vita e l opera. Gli aspetti fondamentali (strutturali, tematici e stilistici ) di Agricola, Germania, Historiae e Annales. Le peculiarità del pensiero e dell arte di Tacito. L impero come male necessario; l angolatura senatoria; il pragmatismo dell analisi storica; il moralismo e il pessimismo. Il discorso di Calgaco (Agricola) Prova generale di matricidio (Annales) Un attentato fallito (Annales) L incendio di Roma (Annales) 4/2 28/2 Seneca La vita. Le opere. I temi fondamentali del pensiero di Seneca: la filosofia come cura di sé e come mezzo per giovare alla collettività. Caratteri letterari e filosofici dei Dialogorum libri, delle Epistulae ad Lucilium, del De Clementia e delle tragedie. L opera e l ambiente. La lingua e lo stile. La figura: un filosofo prestato alla politica. Vindica te tibi (Ad Lucilium epistulae morales) Recede in te ipse (Ad Lucilium epistulae morales) Saldare ogni giorno i conti con la vita (Ad Lucilium epistulae morales) Vincere la passione (De ira) Il saggio è padrone del tempo (De brevitate vitae Quousque eadem (De tranquillitate animi) Il saggio è invulnerabile (De constantia sapientis) Gli altri, cioè gli occupati (De brevitate vitae) 7/1 11/3 Marziale La vita e l opera. La rappresentazione comica della realtà nell epigramma di Marziale. Vivere da cliente. Miseria del cliente (Epigrammi) Voglia di dormire (Epigrammi) Miseria e orgoglio (Epigrammi) Lo sfratto di un miserabile (Epigrammi) Giovenale Il momento dell indignazione nella satira di Giovenale Lettura di testi (passim) Persio Il momento della rivolta nella satira di Persio Lettura di testi (passim) Plinio il Giovane La vita e le opere. L epoca e l ambiente. Il pensiero: una morale spicciola per uomini di buona volontà. La lingua e lo stile. Il liberto malato (Epistola V, 19) Svetonio La vita e l opera. La tecnica della composizione. La figura di Svetonio e la sua prospettiva letteraria. La lingua e lo stile. La vita di Orazio (De viris illustribus) Avventure di un teppista imperatore (De vita Caesarum) 25/3 4/4 3/4 15/4 8/4 15/4 18/3 3/4 20/3 25/3 Il secondo secolo dell impero: l età di Adriano e degli Antonini Il quadro storico e il contesto culturale 29/4 3/5 a.s. 2013/14 pag.19 di 64

20 Apuleio La vita e l opera. Le caratteristiche strutturali, tematiche e stilistiche delle Metamorfosi. I presupposti del pensiero di Apuleio, in cui si intrecciano filosofia, esperienze religiose e magia. Un prologo ambiguo (Metamorfosi) Un errore fatale (Metamorfosi) Dolorose esperienze di Lucio-Asino (Metamorfosi) Iside annuncia a Lucio la salvezza (Metamorfosi) C era una volta (Metamorfosi) I pericoli della curiosità (Metamorfosi) 29/4 3/5 La crisi dell Impero nel III sec. L impero tardoantico Agostino La vita e l opera. I tratti peculiari dell opera e del pensiero di Agostino: l elaborazione compiuta della dottrina cristiana. L analisi dell interiorità. Le problematiche inerenti al tema delle due città. La lingua e lo stile. Ladro di pere (Confessiones) Due amori e due città (De civitate Dei) 5/5 8/5 AUTORI (testi in latino) Lucrezio, De rerum natura: Seneca Inno a Venere, l amore che muove la natura Venere tra le braccia di Marte Epicuro, soccorritore degli uomini nella lotta contro la superstizione Ifigenia, vittima della superstizione Nulla nasce dal nulla (vv ) La felicità del saggio (vv.1-19) Vindica te tibi (Ad Lucilium epistulae morales) Recede in te ipse (Ad Lucilium epistulae morales) Vincere la passione (De ira) Il saggio è invulnerabile (De constantia sapientis) 26/9 31/1 26/1 28/2 ore di lezione effettivamente svolte: 73 Belluno, 15 maggio 2014 I rappresentanti degli studenti Il docente a.s. 2013/14 pag.20 di 64

21 RELAZIONE FINALE VE Disciplina: Inglese Docente: Daniela Rizzardi Soravia PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Ho insegnato nella classe a partire dal secondo anno di studi; ho quindi avuto modo di modo di seguire da un lato i cambiamenti nella sua composizione e nelle sue caratteristiche evidenziati dal quadro introduttivo al Documento del Consiglio di Classe, dall altro il percorso di crescita degli studenti a partire dal biennio. In quest ultimo anno di studi il clima in classe è stato tranquillo e positivo: gli alunni si sono dimostrati corretti e disponibili, evidenziando una maggiore propensione all ascolto rispetto alla partecipazione attiva, ma comunque intervenendo se sollecitati e prestando mediamente discreta attenzione e interesse alle attività che abbiamo svolto in classe. L impegno nello studio risulta differenziato: se la maggior parte della classe ha dimostrato un grado di applicazione soddisfacente, confermando un atteggiamento che già era emerso negli anni precedenti, un piccolo gruppo si è applicato in modo discontinuo. Dal punto di vista del profitto alcuni allievi si sono distinti per i risultati buoni o, in qualche caso, ottimi, a coronamento di una preparazione costante nel corso dei vari anni scolastici; altri hanno mediamente raggiunto risultati discreti, pur talvolta con qualche incertezza, ma comunque con impegno e crescita nel percorso di studi. Un gruppo abbastanza numeroso di allievi ha conseguito risultati pienamente o nel complesso sufficienti, ma con alcune distinzioni: la maggior parte di questi alunni, pur avendo incontrato alcune difficoltà nello studio della materia, particolarmente sul piano dell utilizzo della lingua, si è costantemente sforzata di migliorare la propria preparazione; altri hanno invece dimostrato un impegno che è parso non molto approfondito. Per qualche allievo infine le fragilità sul piano espressivo e in qualche caso di conoscenza dei contenuti hanno determinato risultati non positivi o altalenanti nelle verifiche effettuate durante l anno scolastico. Per quanto riguarda le certificazioni in lingua, cinque alunni hanno conseguito la certificazione PET e tre il First Certificate. OBIETTIVI disciplinari raggiunti ( a livelli diversi) Conoscenze -Conoscere alcune rilevanti informazioni biografiche e le caratteristiche /temi principali degli autori trattati. -Conoscere il contenuto dei testi letti individuando alcune caratteristiche formali, stilistiche e tematiche al fine di un analisi letteraria più approfondita. Abilità -Esporre oralmente gli argomenti affrontati in modo organico e rispondere oralmente a quesiti specifici su tali argomenti. -Produrre testi scritti (trattazioni sintetiche o risposte a quesiti) su temi di carattere letterario. -Comprendere il contenuto dei testi ed enuclearne le informazioni essenziali. -Comparare testi, autori e temi trattati. Competenze -Padroneggiare gli strumenti della lingua per gestire la comunicazione orale e scritta. -Leggere, comprendere e analizzare testi letterari -Operare collegamenti e confronti all interno del programma e in un ottica interdisciplinare. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) Nel corso di questo quinto anno di studi è stato concluso il percorso riguardante la letteratura inglese iniziato in terza; la presentazione schematica di alcune coordinate sociali e letterarie è stata seguita dalla presentazione degli autori e dei testi riguardanti il periodo che va dal Pre-Romanticismo all Età moderna. Particolare attenzione è stata dedicata all analisi del testo per promuovere la rielaborazione e la riflessione personali e un maggiore apprezzamento estetico unitamente alle competenze linguistiche di carattere generale, come la comprensione del messaggio o l ampliamento del lessico. Nella presentazione degli argomenti è stato seguito un criterio cronologico, ma già nel primo quadrimestre un ora alla settimana è stata dedicata all anticipazione di alcuni autori del Novecento. Per quanto riguarda le metodologie di insegnamento oltre alla lezione frontale, sono state utilizzate analisi guidate in classe dei testi; la partecipazione in classe è stata promossa attraverso domante rivolte agli allievi al fine di sollecitare a.s. 2013/14 pag.21 di 64

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014/15 Profssa TERESA VOLGARINO

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza comunicativa

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Unione Europea Fondi strutturali 2007-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Sicilia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GAETANO CURCIO ISPICA Liceo Classico -

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049812424 - Fax 049810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO - CLASSICO LINGUISTICO

LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO - CLASSICO LINGUISTICO LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO - CLASSICO LINGUISTICO Via M. Montessori n. 2-10023 C H I E R I (TO) Tel. 011.942.20.04-011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e-mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata Liceo Scientifico L.B.Alberti a. s. 2014-2015 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE 5 B Sezione / indirizzo Liceo scientifico Liceo scientifico- opzione scienze applicate Liceo linguistico docente

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI Monte ore annuo 132 66 MODULO DI RACCORDO MODULO DI RACCORDO Il testo poetico: introduzione Il tramonto della Repubblica OBIETTIVI OBIETTIVI Gli obiettivi

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli