LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI"

Transcript

1 Liceo scientifico G.Galilei - BLPS00701R anno scolastico 2013/14 LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^E a.s. 2013/14 pag.1 di 64

2 INDICE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE...3 Elenco dei docenti che hanno seguito la classe nel triennio...3 Profilo della classe...3 Storia del triennio...4 Quadro orario...4 PROGRAMMAZIONE...5 Obiettivi formativi...5 Obiettivi cognitivi...5 Percorso formativo realizzato...6 Attività di recupero e di approfondimento...6 Tematiche pluridisciplinari e/o progetti...6 Numero e tipologia delle prove multidisciplinari sul modello della terza prova scritta...7 ALLEGATI AL DOCUMENTO...8 Allegato 1: relazioni e programmi docenti...9 Disciplina: Italiano...10 Disciplina: Latino...16 Disciplina: Inglese...21 Disciplina: Storia...27 Disciplina: Filosofia...31 Disciplina: Scienze...36 Disciplina: Matematica...41 Disciplina: Fisica...46 Disciplina: Disegno e storia dell arte...50 Disciplina: Educazione fisica...54 Disciplina: Religione...56 Allegato 2: griglie di valutazione...58 Griglia di valutazione del compito di italiano...59 Griglia terza prova...61 Allegato 3: testi delle prove multidisciplinari...62 a.s. 2013/14 pag.2 di 64

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Elenco dei docenti che hanno seguito la classe nel triennio discipline classe 3 classe 4 classe 5 ITALIANO DA ROLD BORTOT BORTOT LATINO BORTOT BORTOT BORTOT INGLESE RIZZARDI RIZZARDI RIZZARDI STORIA GLORIA FILETTI FILETTI FILOSOFIA GLORIA FILETTI FILETTI MATEMATICA CASE CASE CASE FISICA CASE CASE CASE SCIENZE CADORIN CADORIN CADORIN DIS. E STO. D. ARTE SALEMI RODA RODA ED. FISICA CODEN CODEN CODEN RELIGIONE CASSOL CASSOL CASSOL Coordinatore di Classe 5^: DANIELA BORTOT Profilo della classe La classe, composta attualmente da tredici allieve e da sette allievi, ha incontrato, in terza e in quarta, momenti di difficoltà sia sul piano strettamente scolastico sia su quello relazionale: le dinamiche della classe sono state influenzate da numerose situazioni personali problematiche che hanno influito anche sulla regolarità della frequenza e dalle quali non ha potuto prescindere l azione didattica. I tempi di lavoro, pertanto, sono stati dilatati, nel tentativo di recuperare un percorso formativo e cognitivo omogeneo. In questo ultimo anno di corso la situazione è in parte mutata, anche in considerazione della significativa riduzione del numero degli studenti (dai ventotto della terza ai venti attuali): l atteggiamento nei confronti dello studio è divenuto via via più maturo e l applicazione più convinta. Si può pertanto affermare che gli obiettivi formativi e cognitivi siano stati nel complesso raggiunti, anche se non in modo ottimale. Nella classe sono presenti alcune buone individualità, che hanno saputo sviluppare le proprie capacità e conseguire un ottima preparazione, organica e critica. Si registrano, nel contempo, anche alcune situazioni di fragilità sia nella preparazione scolastica sia nella sfera emotiva. a.s. 2013/14 pag.3 di 64

4 Storia del triennio CLASSE ISCRITTI RITIRATI AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA allo scrutinio di giugno AMMESSI ALLA CLASSE SUCCESSIVA allo scrutinio di fine agosto NON AMMESSI Terza quarta quinta 21* 1 *in quinta si è inserito un allievo proveniente da altra scuola, poi ritiratosi a novembre; è rientrata un allieva dal programma di studio all estero; non si è iscritta un allieva ammessa nello scrutinio di agosto Quadro orario Discipline curricolari Ore settimanali LINGUA e LETTERE ITALIANE 4 LINGUA e LETTERE LATINE 3 LINGUA STRANIERA 4 STORIA 3 FILOSOFIA 3 MATEMATICA 3 FISICA 3 SCIENZE 2 DISEGNO e STORIA dell ARTE 2 EDUCAZIONE FISICA 2 RELIGIONE 1 a.s. 2013/14 pag.4 di 64

5 PROGRAMMAZIONE Obiettivi formativi Il percorso formativo effettuato, in linea con quanto indicato dal POF di Istituto, fa sì che lo studente: costruisca la propria identità nel contesto sociale in cui vive ed assuma comportamenti conseguenti; apprenda i principi basilari di una civile convivenza reciproca; migliori l acquisizione della coscienza di sé, dei propri limiti, delle proprie risorse; sia consapevole dei propri impegni, del senso di responsabilità e di collaborazione interpersonale e di gruppo; abbia rispetto di sé, degli altri e delle cose; sia capace di esporre il proprio pensiero, di ascoltare e di comprendere le opinioni dei compagni, di confrontarsi con opinioni diverse; sia disponibile al dialogo e sia in grado di modificare il proprio pensiero, di sviluppare un atteggiamento di tolleranza, solidarietà e collaborazione, anche al fine di evitare e prevenire forme di devianza o disagio; acquisisca autocontrollo e concentrazione; sia in grado di organizzare in modo efficace e autonomo il metodo di studio e il lavoro; sia abituato alla puntualità e al rigore; rispetti le regole dell istituto, gli orari e le scadenze; partecipi alla vita di classe, agli organi collegiali, alle assemblee d istituto; acquisisca conoscenze sul mondo universitario e sulla realtà del lavoro in vista della scelta post diploma. Obiettivi cognitivi Il percorso formativo ha consentito agli studenti di: acquisire e consolidare conoscenze; acquisire processi logici e metodologie operative da attuare in un quadro di regole prefissate; acquisire competenze nell ambito della comunicazione; acquisire, consolidare e perfezionare un linguaggio corretto, sintetico e specifico per le singole discipline; rafforzare le abilità linguistiche nelle lingue straniere; assimilare, organizzare, rielaborare in modo critico le informazioni; affinare l intuizione, lo spirito di ricerca e la capacità di problematizzare, utilizzando fonti diverse di informazione; rafforzare le capacità di analisi, di sintesi e di astrazione; affrontare e risolvere problemi con autonomia e creatività; sviluppare il senso estetico nei vari ambiti di competenza; superare il settorialismo delle discipline in favore di una percezione organica del sapere; cogliere differenze e analogie fra culture e apprezzarne la diversità; elaborare testi, progetti, ricerche; utilizzare gli strumenti informatici e multimediali. a.s. 2013/14 pag.5 di 64

6 Percorso formativo realizzato (confronto tra la progettazione iniziale del CdC e risultati finali) Rispetto alla progettazione iniziale i risultati finali conseguiti dagli studenti sono stati sostanzialmente coerenti, consentendo di ritenere che gli obiettivi prefissati siano stati nel complesso raggiunti. Attività di recupero e di approfondimento Gli alunni che presentavano insufficienze in seguito allo scrutinio del primo periodo hanno effettuato, durante le ore curricolari, esercitazioni mirate o percorsi di recupero individualizzati. Per matematica è stato effettuato un corso di recupero di dieci ore per tutta la classe. Tematiche pluridisciplinari e/o progetti Nel corso del triennio la classe ha svolto le seguenti attività: (tutta la classe) Viaggio di istruzione a Parigi Viaggio d istruzione in Toscana Escursione geologica a Cortina Partecipazione ai giochi sportivi studenteschi Orientamento universitario: 1) distribuzione di materiale informativo; 2) partecipazione a tutte le iniziative programmate dalla Commissione Orientamento; 3) corso di preparazione ai test di accesso universitario Olimpiadi della matematica, della fisica, della chimica e delle scienze naturali Incontro con il giudice Roberta Gallego sulla legalità Partecipazione all incontro con Boris Pahor in occasione della Giornata della Memoria Partecipazione alla conferenza Con l Armenia nel cuore Visita guidata alla mostra Inclinazioni sul design industriale presso il Palazzo Crepadona con laboratorio conclusivo Progetto Il Quotidiano in classe Teatro in inglese (Macbeth) Partecipazione alla Giornata della Musica (alcuni allievi) Corso di lingua inglese in preparazione alla certificazione Certificazione di lingua inglese Soggiorno-studio all estero Partecipazione a rappresentazioni teatrali Partecipazione al corso ECDL (patentino informatico europeo) Progetto lauree scientifiche a.s. 2013/14 pag.6 di 64

7 Numero e tipologia delle prove multidisciplinari sul modello della terza prova scritta Data Tipologia Discipline media della classe Inglese, Fisica, Latino, Scienze, Storia B - quesiti a risposta singola A - trattazione sintetica di argomenti Disegno e Storia dell Arte, Filosofia, Fisica, Inglese, Scienze Belluno, 15 maggio 2014 Il Consiglio di Classe Daniela Bortot Daniela Rizzardi Soravia Vincenzo Filetti Michela Cadorin Mauro Case Giorgio Roda Emanuela Coden Lucia Cassol a.s. 2013/14 pag.7 di 64

8 ALLEGATI AL DOCUMENTO a.s. 2013/14 pag.8 di 64

9 LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Allegato 1: relazioni e programmi docenti a.s. 2013/14 pag.9 di 64

10 RELAZIONE FINALE a.s.2013/14 Disciplina: Italiano Docente: Daniela Bortot OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Tratti generali sul Romanticismo europeo (settembre-ottobre). Il Romanticismo italiano: la polemica classicisti-romantici (ottobre) Giacomo Leopardi (ottobre-novembre). Alessandro Manzoni (novembre-dicembre). Naturalismo e Verismo (gennaio). Verga (gennaio-febbraio). Il Decadentismo (febbraio). Giovanni Pascoli (marzo). G. D Annunzio (aprile). Luigi Pirandello (aprile-maggio). Italo Svevo (aprile-maggio). Eugenio Montale (maggio). Giuseppe Ungaretti (maggio). Dante, Paradiso. La programmazione iniziale è stata nel complesso rispettata. Il livello delle conoscenze acquisite è in media più che sufficiente, con punte di ottimo livello e qualche caso di preparazione poco sicura. Abilità L'attività didattica è stata finalizzata al conseguimento e al potenziamento delle seguenti capacità: esporre i contenuti secondo criteri di ordine, chiarezza e coerenza; formulare motivati giudizi critici; strutturare le conoscenze in modo multidisciplinare; desumere dal testo dati e informazioni relativi al contesto. Tali capacità possono dirsi pienamente conseguite solo da alcuni allievi. Più in generale, la classe ha mostrato di aver raggiunto il primo obiettivo in modo soddisfacente; in modo non sempre adeguato gli altri. Competenze L'attività didattica è stata orientata all'acquisizione delle seguenti competenze: analisi del testo letterario; produzione di testi di tipologia A, B, C, D. I risultati ottenuti sono discreti, pur con diversi livelli di approfondimento. Alcuni allievi si muovono con sicurezza nell'analisi e nell'interpretazione del testo e sanno realizzare testi coerenti e chiari concettualmente; altri raggiungono, se guidati, un sufficiente livello di comprensione mentre nella produzione scritta privilegiano un approccio di tipo espositivo; in alcuni casi, infine, il livello di competenze di analisi e di scrittura risente di un'applicazione superficiale. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) L'approccio privilegiato è stata la lezione frontale. L'attività didattica è stata incentrata sull'analisi del testo: i testi sono stati esaminati in classe, anche discutendo le osservazioni degli allievi. Si è cercato di evitare il nozionismo e i tecnicismi esasperati in favore di un approccio problematico e critico ai testi. All'interno dell'attività didattica è stato riservato spazio alle diverse tipologie dello scritto di italiano, in particolare al saggio breve. Gli allievi sono stati indirizzati ad utilizzare la documentazione fornita, ad individuare una tesi all'interno dell'argomento in esame e a produrre un a.s. 2013/14 pag.10 di 64

11 testo di carattere argomentativo. Tuttavia, in considerazione della difficoltà di realizzazione della tipologia testuale, si è accettato, nella prassi, anche un approccio di tipo espositivo. Per quanto riguarda la tipologia A, gli allievi sono stati indirizzati a produrre un testo coeso ed organico, rispettando contemporaneamente le singole richieste della consegna. Non sono stati tuttavia penalizzati coloro che hanno eseguito con ordine lo schema di lavoro. Le prove di italiano sono state strutturate seguendo le indicazioni ministeriali, proponendo tutte e quattro le tipologie. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Sono stati strumenti di verifica: interrogazione-colloquio, test, prove di diversa tipologia valide per l orale; verifiche scritte conformi alle tipologie A,B,C,D della prima prova. Come concordato in sede dipartimentale, il livello di sufficienza per la produzione scritta è stato garantito dalla presenza dei seguenti elementi: rispondenza alla consegna, interpretata tendenzialmente in modo letterale in uno schema organizzativo ordinato, anche se poco flessibile; utilizzazione di informazioni corrette, anche se non del tutto approfondite; utilizzo di un linguaggio con risorse lessicali anche limitate, ma chiare; presenza di costruzioni lessicali talora ripetute, ma generalmente corrette; pur in assenza di interpretazioni personali, un sufficiente livello di argomentazione. I criteri che hanno determinato il livello di sufficienza per la valutazione della produzione orale sono stati: l'acquisizione dell'apparato informativo indispensabile; un'esposizione coerente, se pur semplice, pertinente e consapevole dei nessi logici essenziali; interpretazione corretta del significato dei testi in modo strettamente analitico, attingendo, sia pur con qualche limite, al livello della sintesi; il possesso di elementi di orientamento sui rapporti tra testo, contesto letterario e quadro storico-culturale. MATERIALI DIDATTICI Strumento di lavoro è stato il manuale, integrato da testi forniti in fotocopia. Sono stati utilizzati DVD per la visione di opere teatrali. a.s. 2013/14 pag.11 di 64

12 TESTI IN ADOZIONE PANEBIANCO-PISONI-REGGIANI-MALPENSA, Testi e scenari, Zanichelli Vol.4. Il Romanticismo Vol.5. L età del Naturalismo e del Decadentismo Vol.6. L età delle Avanguardie Vol.7. Dagli anni Trenta ai giorni nostri N.B. L edizione utilizzata dall insegnante (LM) non coincide con quella in adozione per gli allievi (LM essenziale), in quanto dispone di molto materiale a cui gli allievi possono accedere solo on-line e che, quando richiesto dall insegnante, hanno stampato. DANTE ALIGHIERI, Divina Commedia : Il Paradiso, a cura di U. Bosco G. Reggio, Ed. Le Monnier. RONCORONI-GAZICH-MARINONI-SADA, Documenta humanitatis, Signorelli scuola, vol. 1a, voll. 3a, 3b Belluno, 15 maggio 2014 Il docente Daniela Bortot a.s. 2013/14 pag.12 di 64

13 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2014 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ARGOMENTO L età del Romanticismo Tratti generali del Romanticismo europeo. I soggetti e i luoghi della cultura. Il pensiero e l immaginario romantico. La poetica del Romanticismo. Il Romanticismo italiano. Classici e Romantici a confronto: Madame de Stael, da: Sulla maniera e l utilità delle traduzioni. semiseria di Grisostomo al suo figliolo Pietro Giordani. Giovanni Berchet, da: Lettera Giacomo Leopardi: l autore e l opera. Ideologia e poetica dallo Zibaldone: Rimembranza, vago e indefinito La teoria del piacere Un giardino di sofferenza dalle Operette morali: Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare (fotocopia) Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Tristano e di un amico dai Canti: L ultimo canto di Saffo L infinito Alla luna A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La quiete dopo la tempesta Il passero solitario Il sabato del villaggio A se stesso La ginestra o il fiore del deserto Alessandro Manzoni: l autore e l opera. La formazione culturale e la poetica dalla Lettre à M. Chauvet: Vero storico e vero poetico dalla Lettera al Marchese d Azeglio Lettera sul Romanticismo dalle Odi: Il cinque maggio dall Adelchi: Adelchi e Anfrido (atto III, scena I, vv ) Coro dell atto terzo Coro dell atto quarto I promessi sposi (analisi narratologica) PERIODO DI SVOLGIMENTO dal al 20/9 25/9 27/9 9/11 12/11 21/12 a.s. 2013/14 pag.13 di 64

14 L età del Naturalismo e del Decadentismo La scapigliatura. Praga, da Penombre: Preludio. Positivismo e Naturalismo. Zola, da Il romanzo sperimentale: Il romanziere naturalista. Il Verismo italiano. Il Decadentismo. Estetismo e Simbolismo. La poesia in Francia: C. Baudelaire, da I fiori del male: Corrispondenze, L albatros; P. Verlaine, Arte poetica; A. Rimbaud, Vocali; da Lettera del veggente: Il poeta veggente. 10/1 22/2 21/1 13/3 Giovanni Verga: l autore e l opera da Vita dei campi Lettera a Salvatore Farina Fantasticheria (fotocopia) Rosso Malpelo La roba da Novelle rusticane I Malavoglia : lettura personale; analisi in classe dei passi più significativi Giovanni Pascoli: l autore e l opera da Myricae: Arano Lavandare X Agosto L assiuolo Temporale Novembre 23/1 18/2 15/3 22/3 da Canti di Castelvecchio: da Il fanciullino: Il gelsomino notturno Nebbia (fotocopia) Il poeta decadente: come un fanciullo Gabriele D Annunzio: l autore e l opera da Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto L ultimo D Annunzio: Qui giacciono i miei cani (fotocopia) L età delle Avanguardie Le avanguardie. Le scienze fisiche, psicologiche, le trasformazioni dell immaginario e i nuovi temi letterari ed artistici. L avanguardia futurista Il primo manifesto del futurismo. Manifesto tecnico della letteratura futurista. Luigi Pirandello: l autore e l opera da L umorismo: Vita e forma Umorismo e comicità dalle Novelle per un anno Il treno ha fischiato La carriola da Maschere nude Così è, se vi pare Sei personaggi in cerca d autore Il fu Mattia Pascal: lettura personale; analisi in classe dei passi più significativi Italo Svevo: l autore e l opera da: Le confessioni di un vegliardo Vita e letteratura da: La coscienza di Zeno L ultima sigaretta La morte del padre La domanda di matrimonio La salute di Augusta La vita è inquinata alle radici 1/4 8/4 9/4 12/4 16/4 5/5 7/5 completato dopo il 15/5 a.s. 2013/14 pag.14 di 64

15 Giuseppe Ungaretti: l autore e l opera da: L allegria Veglia Sono una creatura I fiumi San Martino del Carso Mattina Fratelli Eugenio Montale: l autore e l opera da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola del pozzo Casa sul mare (fotocopia) 10/5 14/5 9/5 13/5 Dante, Paradiso: I; III; VI; XI, XV; XVII; XXIII; XXXI, XXXIII. settembre aprile ore di lezione effettivamente svolte: 114 Belluno, 15 maggio 2014 Il docente I rappresentanti degli studenti a.s. 2013/14 pag.15 di 64

16 RELAZIONE FINALE a.s.2013/14 Disciplina: Latino Docente: Daniela Bortot OBIETTIVI disciplinari raggiunti Conoscenze Primo quadrimestre. Storia letteraria: Petronio, Lucano, Quintiliano, Tacito. Autori: Lucrezio Secondo quadrimestre Storia letteraria: Seneca, Marziale, Persio, Giovenale, Plinio il Giovane, Svetonio, Apuleio, Agostino. Autori: Seneca. La programmazione iniziale viene sostanzialmente rispettata. Il livello di conoscenze è soddisfacente. Abilità L'attività didattica è stata finalizzata al conseguimento e al potenziamento delle seguenti capacità: tradurre e analizzare i testi, esporre i contenuti culturali secondo criteri di ordine, chiarezza e coerenza; formulare motivati giudizi critici; strutturare le conoscenze in modo multidisciplinare; desumere dal testo dati e informazioni relativi al contesto. Tali capacità possono dirsi pienamente conseguite solo da alcuni allievi. Più in generale, la classe ha mostrato di aver raggiunto il primo obiettivo in modo soddisfacente; in modo non sempre adeguato gli altri. Competenze L'attività didattica è stata orientata all'acquisizione delle seguenti competenze: traduzione e analisi del testo letterario; comprensione di un testo latino con riconoscimento delle strutture essenziali; I risultati ottenuti sono discreti, pur con diversi livelli di approfondimento. Per quanto riguarda le competenze nello scritto, la classe ha ottenuto risultati migliori nelle prove di analisi e di comprensione del testo, attività verso le quali è stato prevalentemente orientato il lavoro didattico in quest'ultimo anno scolastico. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) L'approccio privilegiato è stata la lezione frontale. L'attività didattica è stata incentrata sull'analisi del testo (Lucrezio e Seneca): i testi sono stati tradotti ed esaminati in classe, anche discutendo le osservazioni degli allievi. Per la storia letteraria ci si è avvalsi di passi in traduzione italiana tratti dalle opere principali degli autori esaminati. Nella prassi didattica è cercato di evitare il nozionismo e i tecnicismi esasperati in favore di un approccio problematico e critico ai testi. Sono stati affrontati in lingua soltanto i passi esplicitamente indicati nel programma (Lucrezio e Seneca). Le prove scritte sono state prevalentemente di comprensione e di analisi del testo. a.s. 2013/14 pag.16 di 64

17 TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE E MODALITÀ DI VALUTAZIONE Sono stati strumenti di verifica: interrogazione-colloquio, test, prove di diversa tipologia valide per l orale; verifiche scritte di comprensione e di analisi del testo. Come concordato in sede dipartimentale, il livello di sufficienza per la produzione scritta è stato garantito dalla presenza dei seguenti elementi: rispondenza alla consegna, interpretata tendenzialmente in modo letterale in uno schema organizzativo ordinato, anche se poco flessibile; utilizzazione di informazioni corrette, anche se non del tutto approfondite; utilizzo di un linguaggio con risorse lessicali anche limitate, ma chiare; presenza di costruzioni lessicali talora ripetute, ma generalmente corrette; pur in assenza di interpretazioni personali, un sufficiente livello di argomentazione. I criteri che hanno determinato il livello di sufficienza per la valutazione della produzione orale sono stati: l'acquisizione dell'apparato informativo indispensabile; un'esposizione coerente, se pur semplice, pertinente e consapevole dei nessi logici essenziali; interpretazione corretta del significato dei testi in modo strettamente analitico, attingendo, sia pur con qualche limite, al livello della sintesi; il possesso di elementi di orientamento sui rapporti tra testo, contesto letterario e quadro storico-culturale. MATERIALI DIDATTICI Strumento di lavoro è stato il manuale, integrato da testi forniti in fotocopia. TESTI IN ADOZIONE RONCORONI-GAZICH-MARINONI-SADA, Documenta humanitatis, Signorelli scuola, vol. 1a, voll. 3a, 3b Belluno, 15 maggio 2013 Il docente a.s. 2013/14 pag.17 di 64

18 PROGRAMMA SVOLTO al 15 maggio 2014 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE STORIA DELLA LETTERATURA ARGOMENTO Il primo secolo dell impero Il contesto storico culturale. L età giulio-claudia. L età dei flavi Il romanzo antico: alla ricerca di un genere Il piacere di narrare e il mondo classico. Il romanzo e la novella in ambiente greco. Il romanzo e la novella in ambiente latino. PERIODO DI SVOLGIMENTO dal al 12/9 20/9 3/10 26/10 Petronio L identità di Petronio. Il Satyricon. Poetica e tecnica narrativa. Il mondo dei liberti L inizio della cena e l apparizione di Trimalchione (Satyricon) Fortunata (Satyricon) Una fabula Milesia: la matrona di Efeso (Satyricon) Il poema epico nella prima età imperiale Le nuove caratteristiche del genere Lucano La vita e l opera I poemi dell Eneide e della Pharsalia a confronto Dopo la battaglia di Farsalo (Pharsalia) Ritratti di Pompeo e Cesare (Pharsalia) (fotocopia) Quintiliano La vita e l opera. I tempi e la figura. La retorica come formazione integrale. I doveri del discepolo (Institutio oratoria) Le qualità di un buon maestro (Institutio oratoria) Quintiliano, maestro e padre (Institutio oratoria) L imitazione, cardine dell insegnamento quintilianeo (Institutio oratoria) Precettore privato o maestro pubblico? (Institutio oratoria) 3/10 26/10 17/10 22/10 7/11 28/11 a.s. 2013/14 pag.18 di 64

19 Tacito La vita e l opera. Gli aspetti fondamentali (strutturali, tematici e stilistici ) di Agricola, Germania, Historiae e Annales. Le peculiarità del pensiero e dell arte di Tacito. L impero come male necessario; l angolatura senatoria; il pragmatismo dell analisi storica; il moralismo e il pessimismo. Il discorso di Calgaco (Agricola) Prova generale di matricidio (Annales) Un attentato fallito (Annales) L incendio di Roma (Annales) 4/2 28/2 Seneca La vita. Le opere. I temi fondamentali del pensiero di Seneca: la filosofia come cura di sé e come mezzo per giovare alla collettività. Caratteri letterari e filosofici dei Dialogorum libri, delle Epistulae ad Lucilium, del De Clementia e delle tragedie. L opera e l ambiente. La lingua e lo stile. La figura: un filosofo prestato alla politica. Vindica te tibi (Ad Lucilium epistulae morales) Recede in te ipse (Ad Lucilium epistulae morales) Saldare ogni giorno i conti con la vita (Ad Lucilium epistulae morales) Vincere la passione (De ira) Il saggio è padrone del tempo (De brevitate vitae Quousque eadem (De tranquillitate animi) Il saggio è invulnerabile (De constantia sapientis) Gli altri, cioè gli occupati (De brevitate vitae) 7/1 11/3 Marziale La vita e l opera. La rappresentazione comica della realtà nell epigramma di Marziale. Vivere da cliente. Miseria del cliente (Epigrammi) Voglia di dormire (Epigrammi) Miseria e orgoglio (Epigrammi) Lo sfratto di un miserabile (Epigrammi) Giovenale Il momento dell indignazione nella satira di Giovenale Lettura di testi (passim) Persio Il momento della rivolta nella satira di Persio Lettura di testi (passim) Plinio il Giovane La vita e le opere. L epoca e l ambiente. Il pensiero: una morale spicciola per uomini di buona volontà. La lingua e lo stile. Il liberto malato (Epistola V, 19) Svetonio La vita e l opera. La tecnica della composizione. La figura di Svetonio e la sua prospettiva letteraria. La lingua e lo stile. La vita di Orazio (De viris illustribus) Avventure di un teppista imperatore (De vita Caesarum) 25/3 4/4 3/4 15/4 8/4 15/4 18/3 3/4 20/3 25/3 Il secondo secolo dell impero: l età di Adriano e degli Antonini Il quadro storico e il contesto culturale 29/4 3/5 a.s. 2013/14 pag.19 di 64

20 Apuleio La vita e l opera. Le caratteristiche strutturali, tematiche e stilistiche delle Metamorfosi. I presupposti del pensiero di Apuleio, in cui si intrecciano filosofia, esperienze religiose e magia. Un prologo ambiguo (Metamorfosi) Un errore fatale (Metamorfosi) Dolorose esperienze di Lucio-Asino (Metamorfosi) Iside annuncia a Lucio la salvezza (Metamorfosi) C era una volta (Metamorfosi) I pericoli della curiosità (Metamorfosi) 29/4 3/5 La crisi dell Impero nel III sec. L impero tardoantico Agostino La vita e l opera. I tratti peculiari dell opera e del pensiero di Agostino: l elaborazione compiuta della dottrina cristiana. L analisi dell interiorità. Le problematiche inerenti al tema delle due città. La lingua e lo stile. Ladro di pere (Confessiones) Due amori e due città (De civitate Dei) 5/5 8/5 AUTORI (testi in latino) Lucrezio, De rerum natura: Seneca Inno a Venere, l amore che muove la natura Venere tra le braccia di Marte Epicuro, soccorritore degli uomini nella lotta contro la superstizione Ifigenia, vittima della superstizione Nulla nasce dal nulla (vv ) La felicità del saggio (vv.1-19) Vindica te tibi (Ad Lucilium epistulae morales) Recede in te ipse (Ad Lucilium epistulae morales) Vincere la passione (De ira) Il saggio è invulnerabile (De constantia sapientis) 26/9 31/1 26/1 28/2 ore di lezione effettivamente svolte: 73 Belluno, 15 maggio 2014 I rappresentanti degli studenti Il docente a.s. 2013/14 pag.20 di 64

21 RELAZIONE FINALE VE Disciplina: Inglese Docente: Daniela Rizzardi Soravia PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Ho insegnato nella classe a partire dal secondo anno di studi; ho quindi avuto modo di modo di seguire da un lato i cambiamenti nella sua composizione e nelle sue caratteristiche evidenziati dal quadro introduttivo al Documento del Consiglio di Classe, dall altro il percorso di crescita degli studenti a partire dal biennio. In quest ultimo anno di studi il clima in classe è stato tranquillo e positivo: gli alunni si sono dimostrati corretti e disponibili, evidenziando una maggiore propensione all ascolto rispetto alla partecipazione attiva, ma comunque intervenendo se sollecitati e prestando mediamente discreta attenzione e interesse alle attività che abbiamo svolto in classe. L impegno nello studio risulta differenziato: se la maggior parte della classe ha dimostrato un grado di applicazione soddisfacente, confermando un atteggiamento che già era emerso negli anni precedenti, un piccolo gruppo si è applicato in modo discontinuo. Dal punto di vista del profitto alcuni allievi si sono distinti per i risultati buoni o, in qualche caso, ottimi, a coronamento di una preparazione costante nel corso dei vari anni scolastici; altri hanno mediamente raggiunto risultati discreti, pur talvolta con qualche incertezza, ma comunque con impegno e crescita nel percorso di studi. Un gruppo abbastanza numeroso di allievi ha conseguito risultati pienamente o nel complesso sufficienti, ma con alcune distinzioni: la maggior parte di questi alunni, pur avendo incontrato alcune difficoltà nello studio della materia, particolarmente sul piano dell utilizzo della lingua, si è costantemente sforzata di migliorare la propria preparazione; altri hanno invece dimostrato un impegno che è parso non molto approfondito. Per qualche allievo infine le fragilità sul piano espressivo e in qualche caso di conoscenza dei contenuti hanno determinato risultati non positivi o altalenanti nelle verifiche effettuate durante l anno scolastico. Per quanto riguarda le certificazioni in lingua, cinque alunni hanno conseguito la certificazione PET e tre il First Certificate. OBIETTIVI disciplinari raggiunti ( a livelli diversi) Conoscenze -Conoscere alcune rilevanti informazioni biografiche e le caratteristiche /temi principali degli autori trattati. -Conoscere il contenuto dei testi letti individuando alcune caratteristiche formali, stilistiche e tematiche al fine di un analisi letteraria più approfondita. Abilità -Esporre oralmente gli argomenti affrontati in modo organico e rispondere oralmente a quesiti specifici su tali argomenti. -Produrre testi scritti (trattazioni sintetiche o risposte a quesiti) su temi di carattere letterario. -Comprendere il contenuto dei testi ed enuclearne le informazioni essenziali. -Comparare testi, autori e temi trattati. Competenze -Padroneggiare gli strumenti della lingua per gestire la comunicazione orale e scritta. -Leggere, comprendere e analizzare testi letterari -Operare collegamenti e confronti all interno del programma e in un ottica interdisciplinare. METODOLOGIA (modalità e criteri di svolgimento del programma) Nel corso di questo quinto anno di studi è stato concluso il percorso riguardante la letteratura inglese iniziato in terza; la presentazione schematica di alcune coordinate sociali e letterarie è stata seguita dalla presentazione degli autori e dei testi riguardanti il periodo che va dal Pre-Romanticismo all Età moderna. Particolare attenzione è stata dedicata all analisi del testo per promuovere la rielaborazione e la riflessione personali e un maggiore apprezzamento estetico unitamente alle competenze linguistiche di carattere generale, come la comprensione del messaggio o l ampliamento del lessico. Nella presentazione degli argomenti è stato seguito un criterio cronologico, ma già nel primo quadrimestre un ora alla settimana è stata dedicata all anticipazione di alcuni autori del Novecento. Per quanto riguarda le metodologie di insegnamento oltre alla lezione frontale, sono state utilizzate analisi guidate in classe dei testi; la partecipazione in classe è stata promossa attraverso domante rivolte agli allievi al fine di sollecitare a.s. 2013/14 pag.21 di 64

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli