DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE III SEZ.G. Anno Scolastico 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE III SEZ.G. Anno Scolastico 2014/15"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE GIULIO CESARE ROMA CORSO TRIESTE, 48 Fax 06/ Tel. 06/ X DISTRETTO - RMPC12000C sito: Prot.n. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE III SEZ.G Anno Scolastico 2014/15 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Micaela Ricciardi

2 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE III SEZIONE G Anno scolastico 2014/15 Sulla base di quanto previsto dall articolo 5 comma 2 della legge 10 dicembre 1997, n. 425, recante disposizioni per la riforma degli Esami di Stato conclusivi dei corsi di studio d Istruzione Secondaria Superiore, il Consiglio della classe III liceale sezione G ha definito contenuti, obiettivi, metodi e strumenti valutativi relativi ai programmi e all'azione educativa e didattica realizzata nell'ultimo anno di corso. DESCRIZIONE DELLA SCUOLA Il Liceo Ginnasio Statale Giulio Cesare di Roma presenta una struttura ideata, per i tempi in cui è sorto (1936), secondo i più avanzati sistemi di edilizia pubblica. Situato in zona centrale, appartenente al X Distretto, raccoglie una popolazione scolastica in gran parte residente nel medesimo Distretto, ma arricchita dalla presenza di studenti provenienti da diversa collocazione urbana. L edificio, che si sviluppa su cinque piani, presenta, oltre alle aule adibite alle normali attività didattiche, tutte fornite di LIM, diversi Laboratori (Chimica Fisica Lingue Arte Scienze Informatica e multimedialità ); inoltre: una ricca Biblioteca, dotata di moderni sistemi di consultazione; un Aula Magna, fornita di sussidi audiovisivi; due grandi palestre e un campo di basket all aperto; un ambulatorio medico, con servizio di consulenza psicologica. Dal POF dell anno scolastico 2012/13 si evince che il Liceo focalizza la sua proposta formativa nei seguenti ambiti: ricerca didattica e progettazione attraverso un ampia ed esaustiva articolazione di progetti curricolari ed extracurricolari sui saperi disciplinari e trasversali; perseguimento del successo scolastico, in particolare, per quanto riguarda le classi III liceo, con una specifica attività di orientamento in uscita; educazioni, con particolare attenzione, in modo trasversale a tutte le discipline, ai seguenti percorsi educativi: educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva; educazione alla mondialità; educazione alla salute. Inoltre, per l anno in corso, il Collegio Docenti ha deliberato di attivare in modalità CLIL due moduli all interno dell insegnamento dell educazione fisica. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da 22 alunni, 15 ragazze e 7 ragazzi. In quarta ginnasio la classe apparteneva alla sezione H e constava di 25 studenti, cinque dei quali hanno cambiato istituto prima della fine dell anno scolastico; un alunna è arrivata in quinta ginnasio (Fundarò) e tre sono stati bocciati tra fine anno e settembre. In prima liceo la classe è diventata prima G e si sono uniti al gruppo classe alcuni alunni dall ex quinta G (Scifoni, Pedacci, Serra e D Auria), una alunna ripetente (Thomas) e due provenienti da altro istituto (Ricciuti), una delle quali è stata bocciata alla fine dell anno. In seconda liceo si sono unite al gruppo classe due ragazze provenienti da altri istituti (Capanna e Ciorra). Nel corso del terzo liceo un alunna si è trasferita in un altro istituto. Questa storia piuttosto complessa ha dato vita a un gruppo classe coeso e dinamico, capace di accogliere e di valorizzare le differenze: pur possedendo infatti personalità, interessi e temperamenti molto diversi ragazzi e ragazze si trovano spesso insieme non solo a scuola, ma anche nella dimensione privata. Questo legame di affetto, pur se a tratti venato di inevitabili tensioni, ha creato un clima sereno e collaborativo e ha determinato la tendenza generalizzata al lavoro di approfondimento organizzato in piccoli gruppi: i docenti hanno colto e valorizzato questo aspetto assecondando il proficuo desiderio di confrontarsi e sostenersi in uno studio che, oltre all ineludibile dimensione individuale, ha previsto quella della condivisione. Da ciò nascono le esperienze didattiche più significative, capaci di coniugare gli stimoli ricevuti dagli insegnanti agli interessi e alle inclinazioni di ciascuno: esperienze di didattica tra pari, con lavori prodotti da gruppi di studenti presentati a compagni di altre classi, lezioni a classi aperte, percorsi di approfondimento sulla fiaba, sulla tragedia greca, sulle orazioni latine, produzione di video (uno dei quali, «Io non sbando» ha vinto anche un premio, mentre un altro, dedicato al Grande Gatsby, è stato trasmesso su Rai Tre nel corso della trasmissione Pane quotidiano), realizzazione di power point e molto altro.

3 Si può dunque parlare di una classe interessata e vivace, capace di integrare e valorizzare le differenze di temperamento, che ha partecipato con correttezza, continuità e idee al dialogo educativo e a tanti dei progetti caratterizzanti la ricca offerta formativa del liceo. Non sempre e non tutti hanno manifestato una ugualmente encomiabile tendenza allo studio e all approfondimento individuale: diciamo che in merito a questo aspetto la classe nel suo insieme ha mostrato scarsa autonomia, chiamando i docenti a un controllo costante e continuo dell impegno e, soprattutto, della sua qualità critica; i ragazzi nel loro insieme sono generalmente preparati, ma non sempre in modo intimamente rielaborato. In particolare a volte sembra non sappiamo avvalersi di ciò che sanno e di ciò che sono. Il lavoro degli insegnanti, sempre gli stessi nel corso del triennio, è stato volto, con diverse strategie, ad acquisire un metodo di studio critico e a valorizzare le enciclopedie personali di ciascuno studente. Ciò ha consentito alla gran parte dei discenti di raggiungere un buon livello di preparazione e di affinare apprezzabili competenze interpretative e rielaborative. Altri invece si attestano su una preparazione più scolastica. Accanto a una ragazza che non ha mostrato sempre l impegno necessario, facendo anche molte assenze, se ne segnala un altra decisamente brillante in tutte le discipline, che accompagna a uno studio di spessore e qualità, una profonda curiosità, una significativa capacità espressiva e una motivazione che è stata spesso negli anni volano positivo per compagni e professori. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DURANTE IL BIENNIO DISCIPLINA A.S. 2010/11 A.S. 2011/12 MATERIE LETTERARIE LOSITO LOSITO LATINO E GRECO PANETTA PANETTA MATEMATICA CURRO CURRO INGLESE ZERBONI ZERBONI SCIENZE ALTOBELLI CERRONE ED. FISICA PEDACCI PEDACCI IRC JORI JORI COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DURANTE IL TRIENNIO DISCIPLINA A.S. 2012/13 A.S. 2013/14 A.S. 2014/15 ITALIANO/LATINO VENNARUCCI VENNARUCCI VENNARUCCI GRECO PANETTA PANETTA PANETTA STORIA E FILOSOFIA DIANA DIANA DIANA MATEMATICA E FISICA MANCARDI MANCARDI MANCARDI INGLESE CIONI CIONI CIONI SCIENZE LAURA LAURA LAURA STORIA DELL'ARTE SICA SICA FAILLA ED. FISICA MASTRODOMENICO TUDINI TUDINI IRC RONCONI RONCONI RONCONI

4 OBIETTIVI GENERALI E METODI All inizio dell anno scolastico, nelle riunioni preliminari per dipartimento allo scopo convocate sono stati concordati i contenuti disciplinari e definiti obiettivi, metodi e criteri di verifica e valutazione; nelle previste riunioni del Consiglio di Classe è stato programmato e periodicamente verificato il percorso didattico e culturale della classe, avendo cura che in esso si sviluppassero e integrassero omogeneamente gli apporti delle diverse discipline. In tali sedi sono stati altresì programmati gli obiettivi comuni che si possono riassumere nei seguenti punti: 1) conoscenze dei contenuti 2) competenza linguistica, con particolare attenzione ai linguaggi specifici delle diverse discipline 3) capacità argomentativa e capacità di stabilire connessioni interdisciplinari. A seguire, suddivisi per materia, vengono indicati gli obiettivi didattici specifici per disciplina. MATERIA ITALIANO LATINO E GRECO OBIETTIVI SPECIFICI DI DISCIPLINA Storia letteraria: al termine dell anno scolastico lo studente dovrà conoscere adeguatamente la storia letteraria italiana da Manzoni agli autori della contemporaneità, con gli opportuni riferimenti alla letteratura europea. Dovrà saper analizzare e interpretare i testi letterari di volta in volta presi in esame. Inoltre dovrà essere in grado di esporre oralmente con proprietà e fluidità quanto appreso e di effettuare collegamenti tra autori diversi e lontani cronologicamente, italiani, stranieri e dell antichità classica greca e latina. Dante: lo studente dovrà orientarsi all interno del Paradiso dantesco, sapendo svolgere la parafrasi e l interpretazione dei canti letti in classe. Curricolo di scrittura: in relazione all italiano scritto verrà messa a punto e affinata la conoscenza delle diverse tipologie di scrittura, ai fini dell Esame di Stato (analisi del testo, saggio breve e articolo di giornale, tema di argomento storico e tema di ordine generale). Obiettivi formativi e di indirizzo: 1) Consolidare l accesso diretto al segmento più antico della cultura occidentale. 2) Acquisire la consapevolezza della propria identità culturale, attraverso il recupero di radici e di archetipi storico-culturali. 3) Approfondire il senso storico del sorgere e dello svilupparsi della civiltà europea. 4) Operare il confronto delle forme e dei contenuti propri del sapere antico in relazione al moderno, in un ottica interdisciplinare e pluridisciplinare. 5) Migliorare la competenza esegetica e traduttiva che, attraverso l acquisizione di autonomia intellettuale, si riflette nella vita civile e professionale. Obiettivi minimi Obiettivi minimi di greco e latino sono quelli stabiliti in sede di dipartimento. Per ogni anno di corso, sono considerati obiettivi minimi per essere promossi alla classe successiva: per lo scritto: comprensione complessiva di un testo nella sua integrale essenzialità; individuazione dei principali costrutti morfo-sintattici; resa in lingua italiana corretta e adeguata sul piano lessicale. per l orale: conoscenza nelle sue linee essenziali dello sviluppo storicoletterario; saper interpretare correttamente i testi d autore proposti e analizzarli dimostrando di orientarsi nella contestualizzazione e di saper individuare le principali regole morfo-sintattiche e gli elementi essenziali del linguaggio specifico. Obiettivi specifici 1. Approfondire la conoscenza dei principali fenomeni sintattici ed ampliare la conoscenza del lessico latino e greco; 2. Rafforzare le capacità di leggere, comprendere e tradurre in forma corretta brani latini e greci rispettando le caratteristiche morfo-sintattiche del testo di partenza, ma anche le esigenze grammaticali e sintattiche della lingua italiana;

5 3. Conoscere i principali autori e le opere fondamentali della letteratura latina di età imperiale e della letteratura greca dell età classica ed ellenistica; 4. Acquisire la capacità di inserire autori e testi in un preciso contesto storico, letterario ed estetico cogliendo in primo luogo le strette relazioni tra cultura greca e latina e operando riferimenti a parti del programma già svolte; 5. Consolidare e rafforzare le capacità di esporre sia in forma orale che scritta le conoscenze acquisite in modo chiaro, preciso ed adeguato al contesto scolastico. STORIA Contestualizzazione spazio-temporale degli eventi; Conoscenza ed uso appropriato dei termini disciplinari; Interrelazione delle molteplici dimensioni dei fenomeni storici; Elaborazione di modelli esplicativi causali. FILOSOFIA Individuazione delle idee centrali degli autori; Ricostruzione e riproduzione delle strategie argomentative; Valutazione critica della coerenza interna delle teorie; Individuazione, tramite confronto, di analogie e differenze tra diverse concezioni culturali; Uso pertinente del dizionario filosofico. INGLESE Acquisire scioltezza e spontaneità nell uso della lingua, tale da consentire un interazione con parlanti nativi. Comprendere le idee principali di un ampia tipologia di testi, anche complessi, inserendoli nel loro contesto storico-sociale, individuandone gli elementi propri del periodo letterario e dell autore. Saper produrre un testo su vari argomenti, esprimendo con chiarezza il proprio punto di vista. MATEMATICA Conoscere i nodi fondanti della disciplina. Padronanza nell utilizzo consapevole di tecniche e procedure di calcolo. Uso di linguaggi verbali e scritti appropriati. Costruire procedure risolutive di un problema. FISICA Conoscere i fenomeni fisici più significativi. Uso di un linguaggio scientificamente corretto. Uso degli strumenti matematici adeguati alla descrizione dei fenomeni fisici. SCIENZE Conoscere i fenomeni, comprendere i testi scientifici e saper utilizzare un linguaggio rigoroso e sintetico. Interpretare correttamente i dati, collegarli in successione logica e saperli esprimere, se possibile, evidenziando le leggi fisico/matematiche che li sostengono. Interpretare e produrre grafici, diagrammi, tabelle ecc. e risolvere semplici problemi. Comprendere l importanza di alcune tematiche relative alla salvaguardia dell ambiente e alle risorse energetiche applicabile anche alla vita quotidiana. STORIA DELL ARTE Svolgere una lettura corretta dell opera d arte: riconoscere le tecniche e individuare le caratteristiche stilistico-formali, impiegando correttamente il lessico specifico; cogliere il valore del prodotto artistico. Inserire l opera d arte nel contesto cui appartiene Svolgere motivati confronti con altri contesti culturali ed esprimere pareri e gusti. Consolidare la consapevolezza del valore del vasto patrimonio nazionale, fattore speciale di educazione del senso civico. ED.FISICA Formare degli alunni, sotto l aspetto sia fisico che psichico, al fine di favorire il loro inserimento nella società in modo autonomo e maturo. Evidenziare, sviluppare e valorizzare le qualità e le capacità individuali, consolidando e perfezionando gli schemi motori precedentemente acquisiti. In tal senso si è curato il potenziamento fisiologico, la rielaborazione del linguaggio motorio, il consolidamento del carattere;

6 Sviluppare la socialità e la coscienza civica e favorire il convincimento di proseguire la pratica sportiva come abitudine di vita, attraverso la pratica dei diversi giochi sportivi Relativamente alla metodologia CLIL, come da delibera del collegio docenti, la classe svolgerà, in collaborazione con il dipartimento di inglese, esercitazioni linguistico-lessicali su due moduli, valutate con un test finale. IRC Le azioni didattiche dell'a,s,2014/2015 avranno i seguenti obiettivi: 1) avvicinare testi magisteriali e teologici, maturando competenze nel linguaggio specifico; 2) collocare sull asse storico avvenimenti decisivi e personaggi significativi della storia della Chiesa nel XX secolo; 3) maturare capacità di confronto e dialogo fra diverse opzioni fondamentali religiose. I metodi utilizzati dai docenti del consiglio di classe nel processo di insegnamento/apprendimento sono stati: lezione frontale didattica laboratoriale didattica interattiva lavori di ricerca e approfondimento peer education coopertative learning uso delle ITC

7 PROGETTI DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Hanno coinvolto tutta la classe i seguenti progetti in orario curricolare: Visita d istruzione in Grecia dal 12/03/2013 al 17/03/2013 Visita di istruzione a Berlino, dal 17/11/2014 al 22/11/ aprile 2013 Mondo 2 Il futuro che vogliamo. Scuola aperta con discussioni, confronti, attività, conferenze con relatori esterni. In questa occasione la classe ha presentato ai visitatori il lavoro C era una volta oggi, frutto di un articolato percorso di approfondimento sulla fiaba, dai Grimm a Andersen a Perrault, con attualizzazioni connesse alle riletture Disney, ma anche ad altre più complesse in chiave psicanalitica. Partecipazione della classe allo spettacolo televisivo Pane quotidiano del 24 aprile 2014, con la partecipazione di Piero Dorfless. In questa occasione la classe ha realizzato un video di un minuto dedicato al Grande Gatsby, che è stato trasmesso. Leggere con Sapienza: il 29 ottobre 2014, in occasione della giornata nazionale della letteratura la classe ha selezionato e letto pagine dai libri amati letti nel corso di questi anni. Io Non sbando: la classe ha partecipato a questo progetto volto a sensibilizzare i giovani in merito ai danni provocati dall abuso di alcol e droghe e vinto il concorso grazie alla realizzazione di un video Gli Ottanta anni del Giulio: Il Simposio ieri e oggi. In occasione della celebrazione degli Ottanta anni del nostro liceo, il 25 e 26 ottobre 2014 la clsse ha presentato un attualizzazione della cultura e della letteratura greca con approfondimento della tragedia. Hanno allestito una mostra iconografica di letteratura greca, presentando i loro ppt relativi al percorso didattico a partire dalla I liceo, vestendosi in costumi dell antica Grecia ed offrendo degustazione di cibi greci Partecipazione a spettacoli teatrali sia in orario curricolare che extra-curricolare Lezioni a classi aperte IIB-IIG di greco in II Liceo; Lezioni aperte di Italiano e latino con le classi IIIC e IIID sia nel presente anno scolastico che nel precedente Didattica tra pari: Lezioni tenute da alcuni alunni a classi di età inferiore (cfr.iig -IF); Hanno coinvolto una parte della classe i seguenti progetti in orario extracurricolare: Progetto Biblioteca per la valorizzazione del libro antico (due anni) Progetto Specchi Novecento Olimpiadi di Cultura classica (in II liceo Giulia Conserva (fase nazionale) ed in III liceo oltre Conserva anche D'Auria Chiara e Ricciuti Valeria, quest'ultima che ha superato la fase di istituto); Certamen Gobetti di Fondi (Conserva) Certamen Hermeneia (Conserva - D'Auria - Ricciuti). Progetto INDA (alcuni alunni in II liceo); Progetto Simulazione ONU-IMUN 2014 Simulazione dell attività delle Nazioni Unite (Roma) Progetto Simulazione ONU- NHSMUN Simulazione dell attività delle Nazioni Unite (New York) Progetto Violenza sulle donne Progetto Laboratorio teatrale Corsi di lingua straniera Progetto libri e motori Progetto donazione del sangue Progetto gruppo sportivo (pallavolo e pallacanestro). VERIFICHE E CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE In sede di Collegio docenti sono stati approvati i criteri di attribuzione dei voti secondo la griglia di indicatori che si allega (allegato n.1), assunta da tutti i Consigli di classe. In relazione alle tipologie di prove scritte e orali e al loro numero si è fatto riferimento a quanto stabilito dal collegio docenti.

8 La correzione delle prove oggetto di Esame di Stato è avvenuta utilizzando le griglie di correzione che si allegano (allegati n.2-3-4), in particolare nei casi di simulazione di prove d esame: le griglie sono state approvate in Collegio docenti e sono comuni a tutte le classi. SIMULAZIONI DI PROVE D ESAME Sono state somministrate agli studenti le seguenti simulazioni di prove d esame: TERZA PROVA con una durata della prova di 3 ore 1) in data 02/12/2014 la classe ha effettuato una prima simulazione di terza prova. E stata scelta la tipologia B: due domande per disciplina a risposta aperta (max 10 righe). Le discipline scelte sono state: Greco, Filosofia, Matematica, Scienze, Inglese. 2) in data 28/02/2015 la classe ha effettuato una simulazione di terza prova. E stata scelta la tipologia B: due domande per disciplina a risposta aperta (max 10 righe). Le discipline scelte sono state: Greco, Storia, Inglese, Storia dell Arte, Fisica. Dai riscontri in sede di valutazione collegiale, emerge che la tipologia B è più congeniale al conseguimento di risultati positivi. Le materie in cui gli studenti hanno conseguito migliori esiti di profitto risultano essere: GRECO FILOSOFIA INGLESE MATEMATICA STORIA DELL ARTE PRIMA PROVA con una durata della prova di 5 ore Nel corso dell a.s. è stata effettuata una simulazione di prima prova (comune per tutto il liceo). I testi delle prove sono allegati al presente Documento finale (allegato n.5). Si allegano al presente documento: ALLEGATI Allegato n.1 - Criteri di valutazione e assegnazione dei voti Allegati n Griglie di valutazione per la prova scritta d italiano, di lingua classica, di terza prova Allegato n. 5 e 6 Testi delle simulazioni delle prove d esame (n. 3) Allegati n Programmi disciplinari Roma 15 maggio 2015

9 I DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO e LATINO prof. FRANCESCA VENNARUCCI (firma).. GRECO prof. MARISA PANETTA (firma).. INGLESE prof. STEFANIA CIONI (firma).. STORIA E FILOSOFIA prof. GIAMPAOLO DIANA (firma).. MATEMATICA E FISICA prof. ROBERTO MANCARDI (firma).. SCIENZE prof. ELENA LAURA (firma).. STORIA DELL ARTE prof. GAETANO FAILLA (firma).. ED. FISICA prof. TUDINI (firma).. IRC/MAT.ALT. prof. MARCO RONCONI (firma)..

10 ALLEGATO N.1 VERIFICA E VALUTAZIONE I docenti, per ogni disciplina, adottano forme e tipologie di verifica e criteri di valutazione discussi e concordati nella programmazione dei Consigli di Classe e dei Dipartimenti. Tutte le verifiche sono strettamente legate agli obiettivi della programmazione e realizzate per accertare le conoscenze e le competenze conseguite da ogni alunno. Il Collegio dei Docenti ha inoltre elaborato dei criteri generali di valutazione per conferire omogeneità ai processi di valutazione in tutte le discipline, articolandoli in: Conoscenze: sono l insieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio. Esse indicano il risultato dell assimilazione di informazioni attraverso l apprendimento. Abilità: implicano l applicazione di conoscenze per portare a termine compiti e risolvere problemi. Possono essere descritte come cognitive (in riferimento al pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche (in riferimento all uso di metodi, materiali, strumenti ). Competenze: indicano la capacità di far interagire le conoscenze e le abilità acquisite con le capacità personali e/o sociali nell elaborazione responsabile di percorsi di studio e di autonoma rielaborazione culturale. Il grado di conseguimento di conoscenze, abilità, competenze, viene distinto in sette livelli numerici, rispondenti ai voti da 1 a 10. Voto Indicatori di conoscenze Indicatori di abilità Indicatori di competenze Livello di certificazione delle competenze di base (DM 9 del 27 gennaio 2010) 1 3 Possiede labili o nulle conoscenze degli argomenti disciplinari e disarticolate nozioni dei loro ambiti contestuali. Disattende le consegne, alle quali risponde con assoluta incongruenza di linguaggio e di argomentazione. Non sa orientarsi nell'analisi di problemi semplici e non è in grado di applicare regole o elementari operazioni risolutive. 4 Conosce in modo vago e confuso gli argomenti disciplinari. Ne distingue con difficoltà i nuclei essenziali e le interrelazioni. Evidenzia imprecisioni e carenze anche gravi nell'elaborazione delle consegne, che svolge con un linguaggio disordinato e scorretto. Si orienta a fatica nell'analisi dei problemi pur semplici, che affronta con confuse e non fondate procedure di risoluzione. Non ha raggiunto il livello base delle competenze. 5 E' in possesso di un esiguo repertorio di conoscenze, delle quali coglie parzialmente implicazioni e rimandi essenziali. Sviluppa le consegne in modo sommario o incompleto, con non certa padronanza delle soluzioni espressive. Sa analizzare problemi semplici in un numero limitato di contesti. Applica, non sempre adeguatamente, solo semplici procedure risolutive Conosce gli ambiti delle diverse discipline e ne coglie in linea globale contenuti e sviluppi. Conosce gli argomenti e li colloca correttamente nei diversi ambiti disciplinari. Conosce gli ambiti disciplinari, anche grazie ad approfondimenti personali negli aspetti per i quali ha maggiore interesse. Mostra piena padronanza degli ambiti disciplinari grazie a una ricca e articolata rete di informazioni. Comprende le consegne e risponde in modo semplice ma appropriato, secondo i diversi linguaggi disciplinari. Comprende e contestualizza le consegne e le sviluppa attraverso percorsi di rielaborazione complessivamente coerenti. Sviluppa le consegne con rigore logicoconcettuale, operando collegamenti con appropriata scelta di argomentazioni. E in grado di sviluppare analisi autonome a partire dalle consegne e di esporne i risultati con pertinenza ed efficacia. Effettua con sicurezza e originalità collegamenti e confronti tra i diversi ambiti di studio. Sa analizzare problemi semplici ed orientarsi nella scelta e nella applicazione delle strategie di risoluzione. Sa impostare problemi di media complessità e formularne in modo appropriato le relative ipotesi di risoluzione. E capace di enucleare in modo articolato strategie di risoluzione dei problemi per elaborare le quali sa operare scelte coerenti ed efficaci. Sa impostare percorsi di studio autonomi che sviluppa con ricca pertinenza di riferimenti; sa risolvere problemi anche complessi mostrando sicura capacità di orientarsi. Livello base: lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Livello intermedio: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. Livello avanzato: lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell uso delle conoscenze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli

11 ALLEGATO N.2 Liceo Classico Statale Giulio Cesare - Roma GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA Studente Classe Sez. Voto in decimi Voto in quindicesimi Giudizio sintetico Correttezza ortografica, morfosintattica e proprietà lessicale Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Conoscenza degli argomenti proposti Aderenza alla traccia e rispetto dei vincoli comunicativi Analisi, sintesi, coerenza e rielaborazione dei contenuti Punteggio totale VALUTAZIONE FINALE (ottenuta dividendo per il numero dei descrittori ed arrotondando all unità in presenza di decimali)

12 ALLEGATO N.3 Liceo Classico Statale Giulio Cesare - Roma GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA Studente Classe Sez. Voto in decimi Voto in quindicesimi Giudizio sintetico Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo Comprensione del testo Conoscenza della morfosintassi Qualità linguistica della traduzione Punteggio totale VALUTAZIONE FINALE (ottenuta dividendo per il numero dei descrittori ed arrotondando all unità in presenza di decimali) I DOCENTI

13 Liceo Classico Statale Giulio Cesare - Roma ALLEGATO N.4 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA (TIPOLOGIA A) STUDENTE:. CLASSE III SEZ. Voto in decimi Giudizio sintetico Voto in quindicesimi Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo MATERIE conoscenza e articolazione degli argomenti proposti correttezza e competenza nell utilizzo della lingua e dei linguaggi specifici pertinenza con le richieste e capacità di utilizzare criticamente le conoscenze Punteggio totale VALUTAZIONE FINALE La valutazione dei singoli quesiti è ottenuta sommando la valutazione dei descrittori. La valutazione della prova è ottenuta sommando le valutazioni dei quesiti e dividendo per 15. Il valore ottenuto è approssimato all intero più vicino (per difetto in caso di decimale minore di 0,5 o per eccesso in caso di decimale maggiore o uguale a 0,5). I DOCENTI

14 Liceo Classico Statale Giulio Cesare - Roma GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA (TIPOLOGIA B) STUDENTE: CLASSE III SEZ. Voto in decimi Voto in quindicesimi Giudizio sintetico Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo MATERIE Descrittori Quesiti 1 quesito 2 quesito 3 quesito 4 quesito 5 quesito 6 quesito 7 quesito 8 quesito 9 quesito 10 quesito conoscenza e articolazione degli argomenti proposti correttezza e competenza nell utilizzo della lingua e dei linguaggi specifici pertinenza con le richieste e capacità di utilizzare criticamente le conoscenze Punteggio totale VALUTAZIONE FINALE La valutazione dei singoli quesiti è ottenuta sommando la valutazione dei descrittori. La valutazione della prova è ottenuta sommando le valutazioni dei quesiti e dividendo per 30. Il valore ottenuto è approssimato all intero più vicino (per difetto in caso di decimale minore di 0,5 o per eccesso in caso di decimale maggiore o uguale a 0,5). I DOCENTI

15 ALLEGATO N.5 SIMULAZIONI DI PROVE D ESAME Classe III G 2 dicembre 2014 TIPOLOGIA B 5 MATERIE - Durata prova: 3 ore Il candidato risponda ai quesiti proposti in un massimo di 10 righe. FILOSOFIA 1) Che cos è e quale funzione svolge l astuzia della ragione nell Enciclopedia hegeliana? 2) Qual è, in Hegel, il significato dell Arte nello sviluppo dello Spirito assoluto?. SCIENZE NATURALI 1) Prepara il cloruro di etile con i metodi che conosci 2) Spiega la differenza fra sostituzione radicalica e addizione elettrofila INGLESE 1) Referring to Wordsworth s poem I Wandered Lonely as a Cloud, what does the poet compare the flowers to? How does the poet s mood change throughout the poem? 2) A supernatural atmosphere haunts The Rime of the Ancient Mariner. Considering what you have read, identify the most striking elements which contribute to such an atmosphere. GRECO 1. Descrivi i caratteri e le modalità di diffusione della cultura ellenistica sottolineando soprattutto le differenze con l epoca classica. 2. Sottolinea la novità del teatro di Menandro con opportuni riferimenti a qualche commedia letta o singolo personaggio analizzato.

16 Classe III G 28 febbraio 2015 TIPOLOGIA B 5 MATERIE - Durata prova: 3 ore Il candidato risponda ai quesiti proposti in un massimo di 10 righe. GRECO 1. Che cosa si intende per omerismo apparente e quali violazioni del codice epico appaiono nel poema di Apollonio Rodio? 2. Indica caratteri e contenuti degli Idilli di Teocrito ed evidenzia eventuali differenze con la poesia bucolica virgiliana. STORIA DELL ARTE 1. La poetica dei Macchiaioli 2. Si commenti brevemente Il bar delle Folies Bergère di Manet INGLESE 1. In the Preface to The Picture of Dorian Gray, Oscar Wilde says that all art is quite useless. Explain the meaning of this statement with reference to Wilde s aesthetic ideas. 2. What does the term dandy refer to? STORIA 1) Quali conseguenze ebbe in Italia il delitto Matteotti? 2) Definisci le funzioni del podestà nel contesto delle leggi fascistissime ( )

17 ALLEGATO N.6 TIPOLOGIA A ANALISI DEL TESTO- UMBERTO SABA ( ), Scorciatoie e raccontini, 1946 Umberto Saba è un poeta triestino nato nel 1883 da una madre ebrea e da un padre cristiano che abbandonerà la famiglia pochi mesi dopo la nascita del figlio. Il poeta conoscerà il padre solo in età adulta. Nel 1904 sposa Carolina Wolfer, la Lina del Canzoniere e acquista a Trieste una libreria antiquaria. Nel 1921 esce il Canzoniere, una raccolta di poesie che Saba amplierà e riordinerà fino alla morte. Verso la fine degli anni Venti per curare una malattia nervosa si affida al dottor Weiss, uno psicanalista freudiano: l incontro con la psicanalisi avrà molta importanza per il poeta. In esilio a Parigi a causa delle leggi razziali, poi nascosto da amici, tra cui Montale, tra Roma e Firenze, vive gli ultimi anni tra Roma e Milano. Muore a Gorizia nel 1957, pochi mesi dopo la morte della moglie Lina. Umberto Saba così definisce le sue Scorciatoie: «Sono dice il Dizionario vie piú brevi per andare da un luogo ad un altro. Sono, a volte, difficili; veri sentieri per capre. Possono dare la nostalgia delle strade lunghe, piane, diritte, provinciali.» Saba accorcia lo schema delle Operette morali di Leopardi e di questa forma breve si serve per esporre in modo folgorante e inatteso la sua poetica, la sua visione della vita, dell arte e della letteratura. Per fare, come per comprendere, l arte, una cosa è, prima di ogni altra, necessaria: avere conservata in noi la nostra infanzia; che tutto il processo della vita tende, d altra parte, a distruggere. Il poeta è un bambino che si meraviglia delle cose che accadono a lui stesso, diventato adulto. Ma fino a che punto adulto? Tocchiamo qui una delle differenze che corrono fra la piccola e la grande poesia. Solo là dove il bambino e l uomo coesistono, in forme il piú possibile estreme, nella stessa persona, nasce molte altre circo- stanze aiutando il miracolo: nasce Dante. Dante è un piccolo bambino, continuamente stupito di quello che avviene a un uomo grandissimo; sono veramente «due in uno». Guardate come il piccolo Dante trasale, grida, si illumina di gioia, trema di collera e di (simulato) spavento, si esalta, si esibisce, si umilia per civetteria, si erge alle stelle davanti alle cose straordinarie che, attraverso di lui, nascono a Dante in lucco 1 e colla barba al mento! E come lo divertono quei premi e quei castighi (quei castighi soprattutto), quei diavoli e quegli angeli, quei «cortesi portinai», quei vivi e quei morti piú vivi dei vivi! Che inverosimile viaggio! Come sperare una festa, una luminaria piú grande? E contro a lui, unito a lui, Dante; Dante uomo intero, marito, padre, guerriero, uomo di parte, esule infelice e glorioso; Dante con tutte le tremende passioni dei suoi tempi e dell età matura, in lotta con gli altri e (meno) con se stesso, ai quali i fatti davano sempre torto, tanto piú sicuro d aver sempre ragione, e quindi sempre con gli occhi fuori della testa, allucinato d odio e d amore. Se l uomo prevale troppo sul bambino (Montale ci suggerí, per questo caso, il venerato nome di Goethe), il poeta (in quanto poeta) ci lascia freddi. Se quasi solo il bambino esiste, se sul suo stelo si è formato appena un embrione d uomo, abbiamo il «poeta puer» (Pascoli); ne proviamo insoddisfazione e un po di vergogna. (Scorciatoia 14) Non ho nulla da dire ai filosofi; né essi hanno nulla da dire a me. Come li avvicino diventano fluidi; si dilatano all universale per non essere toccati in un solo punto nevralgico. Tutti i loro sistemi sono «toppe», per nascondere una «rottura di realtà». I poeti promettono di meno e mantengono di piú. (Scorciatoia 19) Comprensione e analisi del testo 1. Illustra sinteticamente il contenuto delle due Scorciatoie, ponendone in luce i legami a livello tematico. 2. Quali sono le caratteristiche del bambino e dell adulto che dovrebbero coesistere nella figura del poeta? 3. «I poeti promettono di meno e mantengono di piú»: commenta questo aforisma. 4. Cosa intende Saba per toppe poste a nascondere una rottura della realtà? Interpretazione e approfondimenti 1. Le riflessioni di Saba implicano e presuppongono una specifica concezione dell'arte poetica.prova a tracciarne un profilo confrontandolo con altre idee sulla poesia che, per ragioni di affinità o di contrasto, a te sembrano porsi in correlazione. 2. Soffermati sul rapporto tra poeti e filosofi che emerge dai testi di Saba presi in esame. Confrontalo con altri esempi della storia letteraria, nei quali, in congeniale o conflittuale concorso, poesia e pensiero filosofico coesistono nel processo di conoscenza e di interpretazione della realtà. 1 Sopravveste maschile del XIV sec., lunga fino a terra, chiusa al collo con ganci, portata sciolta o stretta alla cintura, inizialmente riservata ai nobili, ai magistrati e agli intellettuali e più tardi estesa a tutti i cittadini

18 TIPOLOGIA B - REDAZIONE DI UN SAGGIO BREVE O DI UN ARTICOLO DI GIORNALE Sviluppa l'argomento scelto o in forma di «saggio breve» o di «articolo di giornale», utilizzando, in tutto o in parte, e nei modi che ritieni opportuni, i documenti e i dati forniti. Se scegli la forma del «saggio breve» argomenta la tua trattazione, anche con opportuni riferimenti alle tue conoscenze ed esperienze di studio. Premetti al saggio un titolo coerente e, se vuoi, suddividilo in paragrafi. Se scegli la forma dell'«articolo di giornale», indica il titolo dell'articolo e il tipo di giornale sul quale pensi che l'articolo debba essere pubblicato. Per entrambe le forme di scrittura non superare cinque colonne di metà di foglio protocollo. 1. AMBITO ARTISTICO-LETTERARIO Argomento: IL CORPO Furono portate subito delle anfore di vetro scrupolosamente sigillate, nel collo delle quali erano attaccate delle etichette con questa scritta: FALERNO OPIMIANO DI CENTO ANNI. Mentre leggiamo attentamente le etichette, Trimalchione batté le mani e disse: «Ahimè, dunque il vino vive più a lungo dell'uomo, questo piccolo essere! Perciò facciamo le spugne. Il vino è vita. Offro il vero Opimiano. Ieri non ne ho messo in tavola di così buono, eppure c'erano a cena persone molto più nobili». Mentre dunque noi beviamo e restiamo ammirati delle bontà accuratissimamente preparate, un servo portò uno scheletro d'argento costruito in modo che le articolazioni e le vertebre snodate si potessero piegare da ogni parte. Dopo averlo gettato una prima e una seconda volta sulla tavola, mentre quel congegno mobile assumeva pose diverse, Trimalchione aggiunse: «Ahi! Come siamo disgraziati, l uomo, quest essere così piccolo non vale nulla! Così saremo tutti, dopo che l'orco ci avrà portati via. Quindi viviamo, finché è possibile star bene» PETRONIO, Satyricon, 34 Pirro gli rispose: 'Dunque dirai queste cose, e andrai messaggero a mio padre, il Pelide. Ricordati di raccontargli le mie tristi imprese e del degenere Neottolemo. Ora muori'. Dicendo ciò trasse verso gli stessi altari Priamo, che tremava e scivolava sul molto sangue del figlio, afferrò i capelli con la sinistra, con la destra estrasse la spada lucente e la immerse nel fianco fino all'elsa. Questa fu la fine del destino di Priamo, questa fine, per destino, lo portò a vedere Troia incendiata e Pergamo rasa al suolo, lui una volta superbo re di tante terre e popoli. Giace sulla spiaggia un grande busto, la testa staccata dalle spalle e il corpo senza nome. VIRGILIO, Eneide, II vv , La morte di Priamo Agostino: «Ah folle! Così per sedici anni hai alimentato con false lusinghe le fiamme del tuo animo? [...] Infelice, ti compiaci del tuo male! Eppure quando il giorno estremo avrà chiuso quegli occhi, che ti piacciono fino alla rovina, quando avrai visto mutato dalla morte il suo aspetto e sbiancate le sue membra, ti vergognerai di aver avvinto il tuo animo immortale a un corpicciolo caduco, e ricorderai con rossore quelle sue doti che ora vanti così ostinatamente( ) O cieco, non capisci ancora quale follia è il rendere l animo così schiavo dei beni mortali, che lo accendono di fiamme di desiderio, e non sanno appagarlo, e non riescono a durare sino alla fine, e con frequenti agitazioni lo straziano mentre promettono di accarezzarlo?» PETRARCA Secretum, 3 Edward Munch, Madonna, 1894 August Rodin, Il bacio, 1886 Il concetto di al di là, di mondo vero inventati per

19 svalutare l'unico mondo che esista - per non lasciare alla nostra realtà sulla terra alcun fine, alcuna ragione, alcun compito! Il concetto di anima, di spirito e infine anche di anima immortale, inventati per spregiare il corpo, per renderlo malato santo -, per opporre una orribile incuria a tutte le cose che meritano di essere trattate con serietà nella vita, i problemi della alimentazione, dell'abitare, della dieta spirituale, della cura dei malati, della pulizia, del tempo che fa! Invece della salute la salvezza dell'anima. NIETZSCHE, Ecce homo Tu mi portasti un po d alga marina nei tuoi capelli, ed un odor di vento, che è corso di lontano e giunge grave d ardore, era nel tuo corpo bronzino: - Oh la divina semplicità delle tue forme snelle - Non amore non spasimo, un fantasma, un'ombra della necessità che vaga serena e ineluttabile per l'anima e la discioglie in gioia, in incanto serena perché per l'infinito lo scirocco se la possa portare. Come è piccolo il mondo e leggero nelle tue mani! DINO CAMPANA, Donna genovese, Taccuini Edgar Degas, L absinthe, 1876 Picasso, Les demoiselles d Avignon, 1907

20 2. AMBITO SOCIO-ECONOMICO Argomento: LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE DOCUMENTI Continua a crescere la disoccupazione in Italia. A marzo il tasso di disoccupazione, secondo le stime provvisorie dell'istat, è salito al 13% dal 12,7% di febbraio. Su base mensile la crescita è stata di 0,2 punti percentuali, mentre su base annua si è registrato un incremento di 0,5 punti percentuali. Il numero dei disoccupati è salito a quota Parallelamente, continua a calare l'occupazione: a marzo - spiega l'istituto di Statistica - gli occupati sono diminuiti di unità su base mensile. [ ] In aumento anche il tasso di disoccupazione giovanile, che nel mese di marzo è salito al 43,1% rispetto al 42,8% di febbraio, rimanendo fra i livelli più elevati. Lo comunica Istat, sottolineando che il numero dei giovani disoccupati mostra una lieve crescita su base mensile: in più, pari al +1,2%. A marzo, si sottolinea, si registrano variazioni di lieve entità rispetto a febbraio della partecipazione al mercato del lavoro dei giovani tra i 15 e i 24 anni. L'occupazione giovanile è sostanzialmente stabile nell'ultimo mese: il tasso di occupazione è pari al 14,5%. Il numero dei giovani inattivi è in calo dello 0,3% su mese ( ). Il tasso di inattività dei giovani tra i 15 e i 24 anni diminuisce di 0,1 punti percentuali, arrivando al 74,5%. Redazione, L'Huffington Post 30/04/2015 La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet - Not in Education, Employment or Training). In sinergia con la Raccomandazione europea del 2013, l'italia dovrà garantire ai giovani al di sotto dei 30 anni un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio, entro 4 mesi dall'inizio della disoccupazione o dall'uscita dal sistema d'istruzione formale. Per stabilire in modo opportuno il livello e le caratteristiche dei servizi erogati e aumentarne l'efficacia, si è scelto di introdurre un sistema di profiling che tenga conto della distanza dal mercato del lavoro, in un'ottica di personalizzazione delle azioni erogate: una serie di variabili, territoriali, demografiche, familiari e individuali profilano il giovane permettendo così di regolare la misura dell'azione in suo favore. Se da un lato la disoccupazione può generare un'insicurezza economica per il lavoratore e la sua famiglia, dall'altro essa causa sicuramente una perdita economica per tutti, poiché lascia inattiva la persona che prima dava il proprio contributo al benessere del paese. Fu questa constatazione a promuovere i primi studi scientifici su un fenomeno apparso soltanto dopo la rivoluzione industriale avvenuta in Inghilterra fra il 1760 e il Sul finire dell'ottocento si constatò che la disoccupazione aveva cause generali più che individuali: infatti aumentava nei periodi in cui l'economia andava male. In precedenza, invece, la mancanza di lavoro era vista come una specie di fatalità, e chi rimaneva inoperoso veniva considerato uno scansafatiche. Si notò, inoltre, che quando e dove le fabbriche lasciavano a casa i dipendenti si verificava una diminuzione non solo della produzione, ma anche dei consumi perché il mancato guadagno dei disoccupati sottraeva risorse all'intera comunità. Il famoso economista John Maynard Keynes arrivò ad affermare che, piuttosto che lasciare inattivi i disoccupati, conviene pagarli per fare lavori inutili come scavare buche e poi riempirle. Da allora è stato unanimemente adottato il concetto di 'disoccupazione involontaria' riferito ai fenomeni di licenziamento collettivo, quando più persone perdono il lavoro per il medesimo motivo: di solito, la crisi di un settore o la chiusura di un'azienda. ENCICLOPEDIA TRECCANI La questione della disoccupazione e della sotto-occupazione giovanile in Europa è legata a fattori che precedono la crisi economica attuale. Il decennio pre-crisi è stato infatti caratterizzato da una fragilità strutturale dei giovani sul mercato del lavoro, spesso non presa in carico dai sistemi di welfare. Le ragioni di una tale debolezza sono varie: da un capitale umano meno specifico (che non ha ancora avuto il tempo di adattarsi alle esigenze delle imprese), a minori costi di licenziamento per i datori di lavoro. Nel 2008, la disoccupazione degli under 25 europei era comunque circa doppia rispetto a quella dell intera popolazione, ma sono pochi gli stati (Germania, Finlandia, Irlanda, Svezia) in cui i giovani hanno accesso a sussidi pieni quando si affacciano sul mondo del lavoro. È solo un problema di mancata formazione? Investire sul miglioramento delle skills sembra essere considerata la chiave di volta dell occupazione giovanile; questo, però, non risolve il problema di un mercato del lavoro incapace di dare prospettive ai molti giovani altamente qualificati che vi si presentano, come è quello di alcune aree europee. Il livello di istruzione in Europa è molto aumentato negli ultimi anni, ma questa forza lavoro qualificata è spesso intrappolata in forme di sotto-occupazione, ovvero in lavori che non corrispondono al livello degli studi effettuati. Il disagio occupazionale giovanile non si riduce, infatti, alla disoccupazione, ma comprende l elevata competizione sul mercato del lavoro, in cui la formazione diventa anzitutto uno strumento not to climb down the ladder (per non scivolare giù nella scala occupazionale, efficace espressione utilizzata da Allen e Ainley, autori di Lost Generation ). È effettivamente riconosciuto che l occupazione dei giovani sia, generalmente, più sensibile al ciclo economico. Tra le cause principali di questa vulnerabilità, il lavoro precario e a tempo determinato: i giovani sono sovrarappresentati tra i lavoratori temporanei e atipici, fattore che abbatte i loro costi di licenziamento. Un elemento da prendere indubbiamente in conto è la forte presenza di manodopera giovanile in settori che risentono fortemente del ciclo economico, come quello edile. I dati Eurostat sopra mostrano un altro elemento rilevante: a partire dal 2012, la disoccupazione under 25 dell area euro è maggiore di quella dell Europa a 27. Questo dato, che rappresenta una novità, suggerisce un impatto occupazionale fortemente negativo delle scelte di austerità dell'eurozona. La disoccupazione giovanile è nota per avere effetti negativi nel lungo periodo: numerosi studi documentano lo scarring effect, la correlazione positiva tra l esperienza di un periodo di disoccupazione e la probabilità di

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli