LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE...

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE..."

Transcript

1 LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... INSEGNANTI: SIMONA MINNUCCI MICHELA BASTIANI ANNO SCOLASTICO CLASSE: SECONDA TEMPI: GENNAIO-GIUGNO

2 OBIETTIVO FORMATIVO ESPLORARE LA REALTÀ ATTRAVERSO ESPERIENZE SENSORIALI E DI MOVIMENTO PER INIZIARE LA COSTRUZIONE DEI CONCETTI DELLA MISURA DI LUNGHEZZA E DELLE PRINCIPALI FORME GEOMETRICHE.

3 OBIETTIVI ESPLORARE LA REALTÀ PER ACQUISIRE L'IDEA CHE GLI OGGETTI POSSIEDONO UNA ESTENSIONE, CIOÈ OCCUPANO UNO SPAZIO. ESPLORARE LA REALTÀ PER ACQUISIRE L'IDEA DI DIMENSIONE DI UN OGGETTO FISICO, OVVERO COME POSSIBILITÀ DI MOVIMENTO CONSENTITO IN LUNGHEZZA- LARGHEZZA- ALTEZZA. DISTINGUERE E DENOMINARE LE PRINCIPALI FIGURE SOLIDE. RICONOSCERE ED INDIVIDUARE ATTRAVERSO LA MANIPOLAZIONE LE PRINCIPALI PROPRIETÀ DELLE FIGURE PIANE QUALI RETTANGOLI, QUADRATI, CERCHI, TRIANGOLI.

4 LE SCATOLE DOCENTI ED ALUNNI PORTANO A SCUOLA CONTENITORI DI DIVERSA FORMA

5 I BAMBINI LAVORANO SUDDIVISI IN PICCOLI GRUPPI: CLASSIFICANO I CONTENITORI SCEGLIENDO SCATOLE CHE POSSONO STARE INSIEME PER FORMA

6 I BAMBINI SOCIALIZZANO L'ESPERIENZA OGNI GRUPPO RACCONTA AI COMPAGNI IL CRITERIO DI CLASSIFICAZIONE E SPIEGA PERCHÉ UN GRUPPO DI SCATOLE PUÒ STARE INSIEME. I BAMBINI PARTECIPANO E CONDIVIDONO LE SCELTE. GLI ALUNNI DISCUTONO I CRITERI DISTINTIVI. L'INSEGNANTE FACILITA LE CONOSCENZE E NEL MOMENTO OPPORTUNO INTRODUCE TERMINI SPECIFICI CHE SOSTITUISCONO VOCABOLI MENO APPROPRIATI (VERTICE AL POSTO DI PUNTA, FACCIA AL POSTO DI QUESTO ). IN ULTIMO, DOPO AVER LAVORATO IN PICCOLI GRUPPI, INDIVIDUALMENTE E COLLETTIVAMENTE SI RIPORTA IL LAVORO SUL QUADERNO PER FISSARE I PASSAGGI PRINCIPALI.

7 ABBIAMO MESSO INSIEME QUESTE FORME PERCHÉ: OGNI SCATOLA HA: 8 VERTICI, 6 FACCE, FORMA QUADRATA SI CHIAMA CUBO OGNI SCATOLA HA: 8 FACCE DI CUI 2 FACCE DI FORMA ESAGONALE E 6 DI FORMA RETTANGOLARE 12 VERTICI SI CHIAMA PRISMA

8 ABBIAMO MESSO INSIEME QUESTE FORME PERCHÉ: OGNI SCATOLA HA: 8 VERTICI, 6 FACCE DI FORMA RETTANGOLARE SI CHIAMA PARALLELEPIPEDO OGNI SCATOLA HA: 2 FACCE DI FORMA TRIANGOLARE E 3 DI FORMA RETTANGOLARE, 6 VERTICI. SI CHIAMA PRISMA TRIANGOLARE

9 ABBIAMO MESSO INSIEME QUESTE FORME PERCHÉ: OGNI SCATOLA HA: PARTI FORMATE DA LINEE RETTE, PARTI FORMATE DA LINEE CURVE, 16 VERTICI. OGNI OGGETTO HA LA FORMA ARROTONDATA. SI CHIAMA FORMA ROTOLANTE.

10 COSTRUZIONE COLLETTIVA DI UNA MAPPA INSIEME GLI ALUNNI SI CONFRONTANO E CLASSIFICANO LE SCATOLE DIVIDENDOLE TRA ROTOLANTI E NON ROTOLANTI CON LE RISPETTIVE RAMIFICAZIONI. COSTRUZIONE COLLETTIVA DI UNA MAPPA DEL PERCORSO FIN QUI EFFETTUATO UTILIZZANDO IL DIAGRAMMA AD ALBERO.

11 LAVORO INDIVIDUALE POI LAVORO COLLETTIVO OGNI ALUNNO RITAGLIA LE SCATOLE LUNGO LE PIEGATURE (SPIGOLI) E OTTIENE TANTE FORME. DISCUSSIONE COLLETTIVA SULLE SOMIGLIANZE E DIFFERENZE TRA FIGURE SOLIDE E FIGURE PIANE. OGNI ALUNNO, A TURNO, PROVA A MISURARE LA GRANDEZZA DELLE SCATOLE: SCOPERTA DELLE TRE DIMENSIONI. DISCUSSIONE COLLETTIVA SU COME SI MISURA (COME SI USA UN RIGHELLO...).

12 LAVORO DI CLASSIFICAZIONE A COPPIE OGNI COPPIA DI BAMBINI SCEGLIE E RAGGRUPPA LE FORME SIMILI RITAGLIATE DALLE SCATOLE. OGNI GRUPPO SOCIALIZZA I CRITERI DELLA CLASSIFICAZIONE. I COMPAGNI, ATTRAVERSO LA DISCUSSIONE, MODIFICANO E CONDIVIDONO LE SCELTE EFFETTUATE.

13 QUESTE FORME POSSONO STARE INSIEME PERCHÉ: HANNO LINEE CURVE, SI CHIAMANO CERCHI. HANNO LINEE CURVE E LINEE RETTE

14 LE LINEE USO DI NASTRI TIRATI PER FARE TANTE LINEE RETTE. DISEGNO SUL QUADERNO DI LINEE RETTE. RICERCA NELL'AULA DI LINEE RETTE. SCELTA DI UNA LINEA RETTA (UNA FUGA NEL PAVIMENTO PIASTRELLATO). PASSEGGIATA DI UN BAMBINO LUNGO LA LINEA RETTA E OSSERVAZIONE COLLETTIVA DELLA POSSIBILITÁ DI MUOVERSI SOLO IN 2 VERSI: IL MONDO È TUTTO LÍ...

15 COLLETTIVAMENTE PROPOSTA DELLA DOMANDA: COME POSSIAMO SCOPRIRE QUANTO SONO LUNGHE DUE LINEE RETTE? (IN QUESTO CASO 2 NASTRI). CONDIVISIONE DI IDEE E VERIFICA DELLE STESSE: MISURARE CIASCUNA LINEA E ADDIZIONARE I RISULTATI. CONGIUNGERE LE 2 ESTREMITÀ DELLE LINEE (COME PER FORMARNE UNA SOLA) E MISURARE IL TOTALE DELLA LUNGHEZZA.

16 SOLUZIONE COLLETTIVA DI UN PROBLEMA... NEL MISURARE I DUE NASTRI UN SOLO RIGHELLO NON È SUFFICIENTE. LE PROPOSTE SONO STATE DIVERSE: ACCOSTARE PIÙ RIGHELLI UNO ACCANTO ALL'ALTRO, USARE UN SOLO RIGHELLO MA METTERE IL DITO COME SEGNAPOSTO PER INDICARE DOVE POSIZIONARLO SUCCESSIVAMENTE E MOLTIPLICARE LA LUNGHEZZA DEL RIGHELLO PER LE VOLTE RIPETUTE, USARE UNA RIGA MOLTO PIÙ LUNGA OPPURE UN METRO CHE USANO I MURATORI.

17 LAVORO COLLETTIVO USO DI NASTRI PER CREARE LINEE CURVE. DISEGNO SUL QUADERNO DI LINEE CURVE. USO DI NASTRI PER CREARE LINEE RETTE E CURVE APERTE, CHIUSE, SEMPLICI E INTRECCIATE. USO DI NASTRI PER CREARE LINEE CHIUSE EVIDENZIANDO LA REGIONE INTERNA, ESTERNA E IL CONFINE (CONTORNO O BORDO).

18 LAVORO INDIVIDUALE E POI DISCUSSIONE COLLETTIVA IMMAGINE MENTALE DELLA LINEA... OGNI ALUNNO AD OCCHI CHIUSI TASTA CON LA MANO UNA LINEA CREATA CON IL FILO DI FERRO DALL'INSEGNANTE. DOPO AVER TASTATO LA LINEA, OGNI ALLIEVO LA DISEGNA SUL QUADERNO E LA CLASSIFICA. I COMPAGNI VERIFICANO L'ESATTEZZA DEL DISEGNO E LA COMMENTANO.

19 GIOCO INDIVIDUALE LINEA MODELLATA CON IL FILO DI FERRO E TASTATA AD OCCHI CHIUSI. LINEA DISEGNATA.

20 LA DIREZIONE... GIOCO DELLA BACCHETTA LAVORO IN GRUPPI OGNI BAMBINO HA IN MANO UNA BACCHETTA DI PLASTICA COLORATA COME PROLUNGAMENTO DEL PROPRIO BRACCIO. UN ALUNNO, IL CAPO DEL GRUPPO, PUNTA LA BACCHETTA IN UNA DIREZIONE A PIACERE; GLI ALTRI DEVONO INDIRIZZARE LA PROPRIA BACCHETTA NELLO STESSO MODO. OGNI BACCHETTA HA LA STESSA DIREZIONE DELLE ALTRE.

21 PRESENTAZIONE COLLETTIVA DI UN PROBLEMA PROPOSTA: COME FACCIAMO AD ESSERE SICURI CHE LE LINEE HANNO LA STESSA DIREZIONE? GLI ALUNNI CONDIVIDONO LE IDEE. IPOTIZZANO CHE LE LINEE HANNO LA STESSA DIREZIONE SE MANTENGONO SEMPRE LA STESSA DISTANZA TRA DI LORO. VERIFICA DELLE IPOTESI CON L'UTILIZZO DEL RIGHELLO. I SI RIPORTA IL LAVORO SUL QUADERNO.

22 I BAMBINI PARTECIPANO, CONDIVIDONO LE SCELTE E VERIFICANO LE IPOTESI DISPOSIZIONE DI LINEE CON LA STESSA DIREZIONE GIOCO DELLA BACCHETTA: LE LINEE SONO INDIRIZZATE NELLO STESSO MODO MISURAZIONE DELLA DISTANZA TRA LE LINEE

23 DIREZIONI SPECIALI LINEE ORIZZONTALI LAVORO IN COPPIE OGNI COPPIA DI BAMBINI È MUNITA DI UN PEZZO DI FIL DI FERRO (LINEA RETTA) E DI ALCUNE PERLINE. OGNI GRUPPO INFILA LE PERLINE NEL FIL DI FERRO E POI TROVA LA DIREZIONE CHE NON FA CADERE LE PERLINE. LA LINEA È ORIZZONTALE SE LE PERLINE NON CADONO.

24 DIREZIONI SPECIALI LINEE VERTICALI LAVORO IN GRUPPI UN BAMBINO TIENE IN MANO UN FILO A PIOMBO (UN FILO DAL QUALE PENDE UN PESO). ALCUNI COMPAGNI HANNO IN MANO UNA BACCHETTA DI PLASTICA E LA INDIRIZZANO NELLO STESSO MODO. LE LINEE HANNO LA STESSA DIREZIONE: SONO VERTICALI.

25 I BAMBINI SOCIALIZZANO I CRITERI DI CLASSIFICAZIONE QUESTE FORME POSSONO STARE INSIEME PERCHÈ HANNO: 3 VERTICI 3 LINEE RETTE O LATI (ALCUNE PIÙ LUNGHE, ALTRE PIÙ CORTE) UN CONFINE UNA REGIONE INTERNA SI CHIAMANO TRIANGOLI 6 VERTICI 6 LINEE RETTE UN CONFINE UNA REGIONE INTERNA SI CHIAMANO ESAGONI

26 QUESTE FORME POSSONO STARE INSIEME PERCHÈ HANNO: 4 VERTICI 4 LINEE RETTE (I LATI OPPOSTI, CHE SI GUARDANO, SONO GEMELLI) UN CONFINE UNA REGIONE INTERNA SI CHIAMANO RETTANGOLI 4 VERTICI 4 LATI (ALCUNI PIÙ LUNGHI, ALTRI PIÙ CORTI) UN CONFINE UNA REGIONE INTERNA

27 QUESTE FORME POSSONO STARE INSIEME PERCHÈ HANNO: 8 VERTICI 8 LATI UN CONFINE UNA REGIONE INTERNA SI CHIAMA OTTAGONO

28 COSTRUZIONE DI MODELLI DI RETTANGOLI LAVORO IN PICCOLI GRUPPI E SOCIALIZZAZIONE DELL'ESPERIENZA OGNI PICCOLO GRUPPO USA MATERIALE STRUTTURATO PER LA COSTRUZIONE DI MODELLI DI RETTANGOLI. A TURNO, UN ELEMENTO DEL GRUPPO ESPONE L'ATTIVITÀ SVOLTA EVIDENZIANDO LE CARATTERISTICHE DEL RETTANGOLO. DISCUSSIONE COLLETTIVA E SOCIALIZZAZIONE DELL'ESPERIENZA. I BAMBINI RICERCANO GLI EVENTUALI ERRORI DI COSTRUZIONE.

29 CARATTERISTICHE DEL RETTANGOLO SOCIALIZZAZIONE DELL'ESPERIENZA ABBIAMO SCOPERTO CHE PER COSTRUIRE IL RETTANGOLO DOBBIAMO USARE: 2 STRISCE PIÙ CORTE DELLA STESSA LUNGHEZZA, 2 STRISCE PIÙ LUNGHE DELLA STESSA LUNGHEZZA, 4 FERMACAMPIONI COME VERTICI, ABBIAMO CAPITO CHE LE STRISCE DELLA STESSA LUNGHEZZA NON DEVONO ESSERE ATTACCATE, MA DEVONO ESSERE IN POSIZIONE OPPOSTA.

30 COSTRUZIONE DI RETTANGOLI LAVORO IN PICCOLI GRUPPI COSTRUZIONE DI MODELLI DI RETTANGOLI RICERCA DI ERRORI NELLA COSTRUZIONE

31 ASSI DI SIMMETRIA LAVORO INDIVIDUALE OGNI BAMBINO RITAGLIA UN RETTANGOLO DI CARTA. POI L'INSEGNANTE PONE LA SEGUENTE DOMANDA: COME PUOI VERIFICARE CHE IL TUO RETTANGOLO ABBIA I LATI OPPOSTI UGUALI? I BAMBINI SPERIMENTANO CHE POSSONO VERIFICARE L'UGUAGLIANZA ATTRAVERSO LA PIEGATURA DELLA FIGURA. LA PIEGATURA È L'ASSE DI SIMMETRIA. GLI ALUNNI SCOPRONO CHE IL RETTANGOLO HA DUE ASSI DI SIMMETRIA.

32 ASSE DI SIMMETRIA IL RETTANGOLO HA DUE ASSI DI SIMMETRIA

33 COSTRUZIONE DI MODELLI DI QUADRATI LAVORO IN PICCOLO GRUPPO E SOCIALIZZAZIONE DELL'ESPERIENZA OGNI PICCOLO GRUPPO USA MATERIALE STRUTTURATO PER COSTRUIRE MODELLI DI QUADRATI A TURNO, UN ELEMENTO DEL GRUPPO ESPONE L'ATTIVITÀ SVOLTA EVIDENZIANDO LE CARATTERISTICHE DEL QUADRATO. DISCUSSIONE COLLETTIVA E SOCIALIZZAZIONE DELL'ESPERIENZA. I BAMBINI RICERCANO EVENTUALI ERRORI DI COSTRUZIONE.

34 CARATTERISTICHE DEL QUADRATO SOCIALIZZAZIONE DELL'ESPERIENZA ABBIAMO CAPITO CHE PER COSTRUIRE UN QUADRATO DOBBIAMO USARE: 4 STRISCE DELLA STESSA LUNGHEZZA, 4 FERMACAMPIONI COME VERTICI.

35 COSTRUZIONE DI MODELLI DI QUADRATO LAVORO IN PICCOLI GRUPPI USO DI MATERIALE STRUTTURATO

36 ASSI DI SIMMETRIA DEL QUADRATO LAVORO INDIVIDUALE OGNI BAMBINO HA RITAGLIATO ALCUNI QUADRATI. CIASCUN ALUNNO HA CERCATO GLI EVENTUALI ASSI DI SIMMETRIA DI OGNI FIGURA. LA CLASSE HA SCOPERTO CHE IL QUADRATO POSSIEDE 4 ASSI DI SIMMETRIA.

37 ALLA RICERCA DELLA MIA PARTE SIMMETRICA LAVORO DI COPPIA OGNI BAMBINO È CHIAMATO, UNO ALLA VOLTA, A CERCARE TRA I COMPAGNI UN AMICO/A SIMMETRICO PER ALTEZZA E CORPORATURA. IN OGNI COPPIA, UN BAMBINO SCEGLIE UNA POSIZIONE MENTRE L'ALTRO SI COMPORTA COME SE FOSSE UNO SPECCHIO. A TURNO, OGNI COPPIA MOSTRA AI COMPAGNI LE POSIZIONI. I BAMBINI SOCIALIZZANO LE PROPRIE OSSERVAZIONI ED EVENTUALI CORREZIONI DI SIMMETRIE. GLI ALUNNI IMMAGINANO LO SPECCHIO POSIZIONATO DAVANTI, DI LATO E SOTTO.

38 LAVORO IN COPPIA

39 LAVORO IN COPPIA

40 LAVORO INDIVIDUALE OGNI BAMBINO HA DISEGNATO SUL QUADERNO ALCUNI ESEMPI DI FIGURE CON L'ASSE DI SIMMETRIA ESTERNO POSIZIONATO A DESTRA, A SINISTRA E SOTTO.

41 SIMMETRIA IN NATURA LAVORO INDIVIDUALE E SOCIALIZZAZIONE DELL'OSSERVAZIONE AD OGNI BAMBINO VIENE DATA UNA FOGLIA. SOCIALIZZAZIONE DELL'OSSERVAZIONE: OGNI FOGLIA HA UN PROPRIO ASSE DI SIMMETRIA. VERIFICA DELLO STESSO ATTRAVERSO LA PIEGATURA. DISEGNO DELLA FOGLIA SUL QUADERNO ATTRAVERSO LA TECNICA DEL FROTTAGE. RICONOSCIMENTO, ANCHE DAL DISEGNO, DELL'ASSE DI SIMMETRIA.

42 LAVORO INDIVIDUALE TECNICA DEL FROTTAGE

43 COSTRUZIONE DI FIGURE LAVORO IN COPPIE POI LAVORO INDIVIDUALE AD OGNI COPPIA VIENE DISTRIBUITO MATERIALE DI VARIO TIPO: FOGLIE, TAPPI, FAGIOLI. OGNI COPPIA COSTRUISCE UNA FIGURA, SCEGLIE UN'ASSE DI SIMMETRIA (UNA PENNA) E COSTRUISCE LA FIGURA SIMMETRICA. OGNI GRUPPO SOCIALIZZA L'ESPERIENZA E CONTROLLA CON L'USO DI UNO SPECCHIETTO IL LAVORO SVOLTO. INFINE OGNI ALUNNO RIPORTA SUL QUADERNO L'ATTIVITÀ.

44 COSTRUZIONE DI FIGURE

45 COSTRUZIONE DI FIGURE SIMMETRICHE CONTROLLO DEL LAVORO CON LO SPECCHIETTO

46 COSTRUZIONE DI FIGURE SIMMETRICHE

47 ANCORA SIMMETRIE LAVORO IN COPPIA OGNI COPPIA HA A DISPOSIZIONE ALCUNI FOGLI E MATERIALE VARIO (TAPPI, FOGLIE, ETC.) OGNI PICCOLO GRUPPO PIEGA UN FOGLIO, POI APPOGGIA LUNGO LA PIEGATURA METÀ OGGETTO, RIPASSA IL CONTORNO CON LA MATITA E LO TAGLIA. RICREA IN QUESTO MODO LA FIGURA INTERA TROVANDO L'ASSE DI SIMMETRIA INTERNA.

48 LAVORO IN COPPIE

49 RITAGLIO E CREO... LAVORO IN COPPIE

LE FORME GEOMETRICHE dalle scatole alle forme

LE FORME GEOMETRICHE dalle scatole alle forme LE FORME GEOMETRICHE dalle scatole alle forme CLASSE prima TEMPI due mesi OBIETTIVI distinguere e denominare le principali figure solide PREREQUISITI alfabetizzazione strumentale minima: prima autonomia

Dettagli

Dalla geometria in 3D alla geometria in 2D dal cubo al quadrato

Dalla geometria in 3D alla geometria in 2D dal cubo al quadrato Dalla geometria in 3D alla geometria in 2D dal cubo al quadrato Firenze, 5 maggio 2013 Scuola Città Pestalozzi 8 SEMINARIO NAZIONALE SUL CURRICOLO VERTICALE Classe prima e seconda Paola Bertini, Antonio

Dettagli

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 1 Indice Componenti del gruppo di lavoro pag. 2 Premessa pag. 3 Descrizione dell'attività di laboratorio pag. 4 Verifica

Dettagli

Dal tridimensionale al bidimensionale

Dal tridimensionale al bidimensionale PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE Firenze, 13-14settembre 2013 Dal tridimensionale al bidimensionale Elena Scubla I Circolo Didattico Sesto Fiorentino INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO

Dettagli

Classe seconda scuola primaria

Classe seconda scuola primaria Classe seconda scuola primaria Il percorso di seconda cerca di approfondire le differenze tra le principali proprietà delle figure geometriche solide, in particolare il cubo, e di creare attività di osservazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Scuola dell infanzia di Gallicano

Scuola dell infanzia di Gallicano Scuola dell infanzia di Gallicano Curricolo di geometria Anno scol.2013-2014 Laboratorio di matematica Competenze da promuovere Asse dei linguaggi: Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di

Dettagli

Centro matematita Centro interuniversitario di ricerca per la comunicazione e l apprendimento informale della matematica

Centro matematita Centro interuniversitario di ricerca per la comunicazione e l apprendimento informale della matematica a.s. 2009/2010 Laboratorio in classe: tra forme e numeri Organizzato dal Centro matematita Centro interuniversitario di ricerca per la comunicazione e l apprendimento informale della matematica In collaborazione

Dettagli

Dal Tangram alle conoscenze dichiarative in geometria

Dal Tangram alle conoscenze dichiarative in geometria Dal Tangram alle conoscenze dichiarative in geometria II Istituto Comprensivo di Padova R. Ardigò Insegnante: Cacco Loredana e-mail: loredana.cacco@istruzione.it Descrizione dell'esperienza Quadro di riferimento

Dettagli

LINEE, SPAZI E FIGURE GEOMETRICHE, UN PERCORSO ATTRAVERSO L ARTE

LINEE, SPAZI E FIGURE GEOMETRICHE, UN PERCORSO ATTRAVERSO L ARTE LINEE, SPAZI E FIGURE GEOMETRICHE, UN PERCORSO ATTRAVERSO L ARTE Per cominciare Prepariamo una serie di pannelli, con fogli di carta da pacco, sui quali raccogliere le esperienze e le osservazioni: un

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Con carta e forbici alla scoperta del paese Geometria

Con carta e forbici alla scoperta del paese Geometria Con carta e forbici alla scoperta del paese Geometria Anna Asti Enrica Ventura La parola non serve a nulla, il disegno non basta, è necessaria l azione perché il bambino giunga a combinare delle operazioni

Dettagli

Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA

Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA U di APPRENDIMENTO Numeri 1. Comprendere il significato dei numeri e i modi per rappresentarli, anche in relazione al loro uso nella realtà 2. Comprendere

Dettagli

MESSA A PUNTO DI UNA SITUAZIONE A-DIDATTICA

MESSA A PUNTO DI UNA SITUAZIONE A-DIDATTICA MESSA A PUNTO DI UNA SITUAZIONE A-DIDATTICA IL GIOCO: COSTRUIAMO L AIUOLA L obiettivo generale del gioco è quello di far acquisire operativamente, tramite un tipo di apprendimento per scoperta che parte

Dettagli

Il valore formativo della matematica nella scuola di oggi

Il valore formativo della matematica nella scuola di oggi XXXI CONVEGNO UMI-CIIM Livorno, 16-18 Ottobre 2014 Il valore formativo della matematica nella scuola di oggi ARCIPELAGHI Un esempio di ambiente di apprendimento Annalisa Sodi Monia Bianchi COSA È UN AMBIENTE

Dettagli

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Io Misuro Tu Misuri Noi Misuriamo. Attività rivolta a alunni di classe II della Scuola Primaria

Io Misuro Tu Misuri Noi Misuriamo. Attività rivolta a alunni di classe II della Scuola Primaria Io Misuro Tu Misuri Noi Misuriamo Attività rivolta a alunni di classe II della Scuola Primaria DA DOVE NASCE L ATTIVITÀ? Dal comune problema di voler misurare la lunghezza. Per scegliere qualcosa di vicino

Dettagli

Unità di apprendimento ad alta comprensibilità Matematica Elementare. La Simmetria. Canovi Giuliana Uldini Renata

Unità di apprendimento ad alta comprensibilità Matematica Elementare. La Simmetria. Canovi Giuliana Uldini Renata Unità di apprendimento ad alta comprensibilità Matematica Elementare La Simmetria Canovi Giuliana Uldini Renata Indicazioni per l insegnante L unità didattica prevede l osservazione diretta della realtà

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA IL NUMERO CLASSE PRIMA Operare con il numero e impiegare specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana. Comprende il significato

Dettagli

le figure geometriche piane.

le figure geometriche piane. Il progetto sperimentale nella classe terza: le figure geometriche piane. In classe terza si è deciso di continuare con l approccio laboratoriale allo studio della geometria e quindi il progetto è stato

Dettagli

Istituto scolastico: IC Budrio- DD BudrioCompetenza da promuovere: Riconoscere e denominare le figure geometriche. Ambito: MATEMATICO

Istituto scolastico: IC Budrio- DD BudrioCompetenza da promuovere: Riconoscere e denominare le figure geometriche. Ambito: MATEMATICO Griglia di progettazione dell Unità di Competenza di MATEMATICA Titolo dell Unità di Competenza LE FIGURE GEOMETRICHE PIANE Denominazione della rete-polo : UNA RETE DI IDEE Istituto scolastico: IC Budrio-

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO D AREA Piana Pistoiese ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO QUARRATA

PROGETTO INTEGRATO D AREA Piana Pistoiese ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO QUARRATA PROGETTO INTEGRATO D AREA Piana Pistoiese ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO QUARRATA CLASSI QUARTE DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2007-2008 DOCENTI LIA COLZI e CRISTINA

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI

Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI Autore: giulianamassaro@gmail.com Descrittori: geografia, tecnologia, Motivazione e contesto di applicazione La rappresentazione dello spazio: strumenti e strategie Le

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SULL AREA per le ultime classi della scuola primaria

PERCORSO DIDATTICO SULL AREA per le ultime classi della scuola primaria PERCORSO DIDATTICO SULL AREA per le ultime classi della scuola primaria Ivan Casaglia, Monica Falleri, Mariangela Larini, Antonella Martinucci, Rossana Nencini, Elena Scubla, Sandra Taccetti Il percorso

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI Acquisire maggiore capacità di osservare, di problematizzare, di ordinare, di quantificare e di misurare fatti e fenomeni della realtà; sviluppare le abilità necessarie per

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

2. Un teorema geniale e divertente anche per la scuola elementare

2. Un teorema geniale e divertente anche per la scuola elementare 051-056 BDM 56 Maurizi imp 21.5.2008 11:49 Pagina 51 II. Didattica 2. Un teorema geniale e divertente anche per la scuola elementare Lorella Maurizi 1 51 Ho proposto ai bambini di una classe quinta della

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE:

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: Competenza matematica, Comunicazione nella madrelingua, Imparare ad imparare, Competenze sociali e civiche, Spirito d iniziativa e imprenditorialità. Traguardi per lo sviluppo

Dettagli

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria CLASSE PRIMA Obiettivi formativi ABILITA CONOSCENZE Il numero - Contare in senso progressivo e regressivo. -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE Ottobre/Novembre Unità 1 MISURE E FORME - LA QUANTITA Prerequisiti: Acquisizione dei concetti relativi all orientamento

Dettagli

ABILITA' CONOSCENZE OBIETTIVI FORMATIVI

ABILITA' CONOSCENZE OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIM. IL NUMERO Riconoscere i numeri naturali nei loro aspetti cardinali e ordinali RICONOSCIAMO I NUMERI Memoria Abilità linguistiche Decifrazione percettivo-motoria Distinguere

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA Docenti PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plesso LAMBRUSCHINI- TENUTA- SBRANA Classe I Disciplina MATEMATICA Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4

ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4 ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4 Le classi 2-3 - 4 della scuola primaria dell istituto comprensivo di Certaldo collocano questo percorso all interno della programmazione di classe annuale.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI LENO

DIREZIONE DIDATTICA DI LENO DIREZIONE DIDATTICA DI LENO (Bs) Scuola Primaria di Leno Diario attività Sperimentazione di Matematica nelle classi terze Scuola Primaria di Leno Insegnanti: Alfieri Immacolata Beretta Sonia Odescalchi

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA NUCLEO TEMATICO SPAZIO E FIGURE Nodo concettuale disciplinare DESCRIVERE E RAPPRESENTARE LE FORME E LO SPAZIO (Daniela

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

LABORATORIO DI MACCHINE MATEMATICHE: SIMMETRIA ASSIALE

LABORATORIO DI MACCHINE MATEMATICHE: SIMMETRIA ASSIALE LABORATORIO DI MACCHINE MATEMATICHE: SIMMETRIA ASSIALE Anno Scolastico 20010/2011 Classe 1^C dell Istituto comprensivo G. Parini plesso Ghittoni di San Giorgio- Piacenza Docente della Classe : Paola Farroni

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. La superficie. scuola: Matematica. scheda n : 6 ATTIVITA

PERCORSI DIDATTICI. La superficie. scuola: Matematica. scheda n : 6 ATTIVITA di: Anna Galli PERCORSI DIDATTICI La superficie scuola: F. Conti (I. C. Jesi Centro) area tematica: Matematica pensato per: 8-9 anni scheda n : 6 OBIETTIVI - Introduzione al concetto di superficie - Scoperta

Dettagli

LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme. ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE

LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme. ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE Il percorso Dalle scatole alle forme apre il curricolo di geometria della scuola

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCITIVA IL NUMERO CARATTERISTICHE Quantità entro il numero 20 Cardinalità Posizionalità RELAZIONI

Dettagli

Contare. Notazione e ordine dei numeri. Calcolo mentale. Operazioni. Monete. Benvenuti in prima I vari aspetti del numero

Contare. Notazione e ordine dei numeri. Calcolo mentale. Operazioni. Monete. Benvenuti in prima I vari aspetti del numero SCUOLA PRIMARIA INDICAZIONI 2007 NODI disciplinari Attività Fine terza prima seconda terza Numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due,

Dettagli

Piega, ripiega e... spiega. Laboratori sulla matematica con il foglio di carta

Piega, ripiega e... spiega. Laboratori sulla matematica con il foglio di carta Piega, ripiega e... spiega Laboratori sulla matematica con il foglio di carta Tutto comincia con un... Tutto comincia con un quadrato! Tutto comincia con un quadrato! Osserviamo: Trovate delle linee? I

Dettagli

Laboratorio Grafico Pittorico Scopriamo un mondo di colori di Petrillo Roberta Anno scolastico 2008-2009 dal 27 ottobre 2008 al 28 novembre 2008

Laboratorio Grafico Pittorico Scopriamo un mondo di colori di Petrillo Roberta Anno scolastico 2008-2009 dal 27 ottobre 2008 al 28 novembre 2008 Laboratorio Grafico Pittorico Scopriamo un mondo di colori di Petrillo Roberta Anno scolastico 2008-2009 dal 27 ottobre 2008 al 28 novembre 2008 Suddivisione del gruppo 2 gruppi da 10-11 bimbi ognuno.

Dettagli

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino A- Acquisizione di strumenti utili a sviluppare una lettura critica ed autonoma dello spazio; acquisizione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA marcata esigenza di promuovere nella formazione scolastica vere e proprie competenze e non solo conoscenze e abilità. Sembrerebbe che il valore educativo della matematica

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità L alunno riconosce il significato dei numeri ed i modi per rappresentarli i numeri naturali entro il 20 nei loro aspetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente SCUOLA DELL INFANZIA Obiettivi di apprendimento Conoscere i poligoni regolari Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente Ricostruzione

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 6 Maggio 2010 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti UNA BILANCIA MOLTO SENSIBILE Presentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA Istituto Comprensivo di Gaggio Montano. Scuola Primaria di CASTEL D AIANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA Classe SECONDA Anno scolastico 2015-2016 Insegnante : STEFANIA BERTONI La presente Programmazione

Dettagli

Il Signor Cubo e i suoi amici

Il Signor Cubo e i suoi amici Il Signor Cubo e i suoi amici Il Signor Cubo e i suoi amici TRACCIA DELL ITINERARIO: 1. Il docente presenta un cubo che ha decorato come se fosse un personaggio. Gli allievi lo trovano in classe e lo descrivono.

Dettagli

Matematica classe 1^

Matematica classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Numeri 1 L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 7 legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici. NUCLEO TEMATICO 2

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Classe:..

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Classe:.. Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quarta Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:. Spazio per l etichetta

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA INDICAZIONI METODOLOGICHE L'approccio approccio metodologico adottato si fonda sulla convinzione che la caratteristica fondamentale del pensiero

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2003 Categoria Cadet Per studenti di terza media o prima superiore

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2003 Categoria Cadet Per studenti di terza media o prima superiore 15-20-.qxd 29/03/2003 8.22 Pagina 16 Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2003 Categoria Per studenti di terza media o prima superiore I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Quale dei seguenti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

MATEMATICA U. A. 1 INSIEME PER RICOMINCIARE SITUAZIONI DI APPRENDIMENTO TEMPI

MATEMATICA U. A. 1 INSIEME PER RICOMINCIARE SITUAZIONI DI APPRENDIMENTO TEMPI MATEMATICA U. A. 1 INSIEME PER RICOMINCIARE ABILITA : 1.a Riconoscere il valore posizionale delle cifre. 1.b Individuare e definire numeri pari e dispari. 2.a Stabilire relazioni d ordine, contare in senso

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Matematica e giochi di gruppo

Matematica e giochi di gruppo Matematica e giochi di gruppo Possiamo riempire di contenuti matematici situazioni di piccola sfida personale, situazioni di giochi di società. Di seguito proponiamo attività che affrontano i seguenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento 1 Il progetto Il progetto ha coinvolto alunni e docenti dei plessi dei tre ordini scolastici dell Istituto

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014 Dati identificati vi Titolo significativo: L area delle figure piane Insegnamenti coinvolti: Matematica (geometria)

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA

PROGRAMMA DI MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO SCUOLA PRIMARIA di AVIO anno scolastico 2013-2014 Insegnante: Flavia Dossi Classe V PROGRAMMA DI MATEMATICA INDICAZIONI METODOLOGICHE Arrivati all ultimo anno della scuola primaria

Dettagli

giocare con le forme

giocare con le forme IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice A caccia

Dettagli

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE Gruppo : DOCENTI DI CLASSE TERZA Ordine di Scuola: PRIMARIA Istituti coinvolti: ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO Classi/anni: CLASSI TERZE /ANNI NOVE Competenze:

Dettagli

Per gli alunni delle classi prime.

Per gli alunni delle classi prime. 6. Gli opposti PERCHÉ: PER CHI: QUANDO: DOVE: MATERIALI OCCORRENTI: Per conseguire i seguenti obiettivi: acquisire consapevolezza delle proprie conoscenze; sperimentare categorie e classificazioni; ampliare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico CURRICOLO DI SCIENZE A.S. 2013-2014 I MATERIALI: CLASSE PRIMA

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

LE PROPRIETÀ DEI METALLI E LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO DI SCARPERIA. Claudia Gurioli

LE PROPRIETÀ DEI METALLI E LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO DI SCARPERIA. Claudia Gurioli LE PROPRIETÀ DEI METALLI E LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO DI SCARPERIA CLASSE SECONDA SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI BARBERINO di MUGELLO 2014 Claudia Gurioli DA UN MUSEO DI OGGETTI AD UN MUSEO DI MATERIALI Discutendo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA ALBERT SABIN C.so Vercelli 157 10155 Torino PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA

DIREZIONE DIDATTICA ALBERT SABIN C.so Vercelli 157 10155 Torino PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA DIREZIONE DIDATTICA ALBERT SABIN C.so Vercelli 157 10155 Torino PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA COMPETENZE CONTENUTI METODOLOGIE LOGICA INTRODUZIONE AL PENSIERO RAZIONALE: * INSIEMI

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI MATEMATICA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI MATEMATICA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nuclei tematici Numeri Traguardi per lo sviluppo delle competenze L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali...

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

RETE DI VALLE TROMPIA: ICS DI NAVE SCUOLA CAPOFILA ICS POLO OVEST - LUMEZZANE ICS BOVEGNO - ICS CONCESIO - ICS BOVEZZO

RETE DI VALLE TROMPIA: ICS DI NAVE SCUOLA CAPOFILA ICS POLO OVEST - LUMEZZANE ICS BOVEGNO - ICS CONCESIO - ICS BOVEZZO MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA DALLE INDICAZIONI NAZIONALI AL CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE AREA SORICO-GEOGRAFICA-CITTADINANZA CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE SECONDA

MATEMATICA - CLASSE SECONDA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 MATEMATICA - CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA Padroneggia

Dettagli

Seminario di didattica 1

Seminario di didattica 1 Seminario di didattica - Contents Seminario di didattica 1 Alessia Bonanini, Alessio Cirimele, Alice Bottaro, Laura Spada, Laura Tarigo 28 maggio 2012 1 Seminario di didattica - Contents Indice Introduzione...................................

Dettagli

Qui cade sua altezza

Qui cade sua altezza Qui cade sua altezza Silvia Sbaragli N.R.D. Bologna DFA, SUPSI Locarno (Svizzera) Pubblicato in: Sbaragli S. (2010). Qui cade sua altezza. La Vita Scolastica. 18, 25-27. Nell insegnamento della matematica

Dettagli

Matematica in pratica per bambini con autismo

Matematica in pratica per bambini con autismo Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Jo Adkins e Sue Larkey Matematica in pratica per bambini con autismo Attività su forme,

Dettagli

115.051 Caleidoscopio

115.051 Caleidoscopio .0 Caleidoscopio Klaus Hünig 99 Considerazioni preliminari sul caleidoscopio della OPITEC: Lo scienziato scozzese Sir David Brewster scoprì nell'anno il caleidoscopio. Brewster (-) fu uno dei più noti

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

GLI OGGETTI E LE LORO PROPRIETA

GLI OGGETTI E LE LORO PROPRIETA GLI OGGETTI E LE LORO PROPRIETA PERCORSO DIDATTICO PER LE CLASSI PRIMA E SECONDA DELLA SCUOLA PRIMARIA (prima parte) SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI BARBERINO MUGELLO Partendo dall osservazione e dalla manipolazione

Dettagli

106.566. Gioco di Basket. Elenco dei componenti: Utensili ed accessori necessari per il montaggio

106.566. Gioco di Basket. Elenco dei componenti: Utensili ed accessori necessari per il montaggio 106.566 Gioco di Basket Elenco dei componenti: 1 x assicella di base, spesso (1) 10 x 210 x 300 mm 1 x assicella di base, sottile (2) 3,2 x 210 x 300 mm 2 x compensato (3) 5 x 60 x 535 mm 1 x listello

Dettagli

per l anno scolastico 2008/09

per l anno scolastico 2008/09 Corso di aggiornamento Il Tè degli Insegnanti area FISICA classi A038 e A049 per l anno scolastico 2008/09 prof. Gabriele Calzà COSTRUZIIONE DII OGGETTII DIIDATTIICII NELL IINSEGNAMENTO DELLA FIISIICA

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIA

SCIENZE E TECNOLOGIA SCIENZE E TECNOLOGIA COMPETENZE Dimostra conoscenze scientifico-tecnologiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

Nel campo d'esperienza "Immagini, suoni e colori" gli obiettivi specifici sono stati:

Nel campo d'esperienza Immagini, suoni e colori gli obiettivi specifici sono stati: Mescolanze di colori L'attività laboratoriale è stata pensata e programmata per i bambini di 4/5 anni; il suo obiettivo generale è la scoperta dei colori derivati: viola, arancione e verde, principalmente

Dettagli