Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispense di Filosofia del Linguaggio"

Transcript

1 Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege ( ), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea. Ciò è vero almeno per due motivi fondamentali: il primo è che la sua teoria del linguaggio permette di accettare le tesi più plausibili della teoria lockeana, senza dover anche accettare ciò che invece è implausibile di tale teoria. In secondo luogo, la sua teoria è sistematica, ossia offre gli strumenti per sviluppare una vera e propria teoria del significato. Frege condivide con Locke le sue prime tre tesi, la tesi secondo cui il linguaggio è definito dalla sua funzione, quella secondo cui la funzione del linguaggio è quella di comunicare e quella secondo cui ciò che il linguaggio comunica è il pensiero. Egli però non accetta la quarta e la quinta tesi di Locke (almeno per come sono espresse nella teoria lockeana), ossia la tesi secondo cui le parole significano le parti di ciò che il linguaggio comunica e la tesi secondo cui i componenti del pensiero sono le idee. Per quanto riguarda la quarta tesi, Frege rigetta la tesi di Locke secondo cui le parole stanno per idee e che le parole sono combinate in enunciati per mezzo di un azione del parlante. Per Frege, sono gli enunciati ad essere le entità di base dotate di significato e le parole hanno significato solo all interno degli enunciati. Frege ritiene che la visione lockeana della relazione tra parole ed enunciati sia sbagliata, proprio perchè essa implica che le parole significhino idee. Per Frege le parole non stanno per idee. Il maggior punto di scontro tra Frege e Locke riguarda la tesi che le parole servano ad esprimere le nostre rappresentazioni mentali, ossia riguarda la quinta tesi della teoria di Locke. Questa tesi la tesi secondo cui il linguaggio e le parole in particolare servano ad esprimere i nostri specifici stati psicologici è solitamente chiamata psicologismo; Frege è solitamente considerato il maggior avversario dello psicologismo. La prima è più caratterizzante tesi dell approccio fregeano è quindi la seguente: Non è vero che tutte le parole significano idee Frege offre due argomenti a favore di questa tesi: Primo argomento: Se 2 persone comprendono una certa parola, allora conoscono il significato associato alla parola in questione. Tuttavia, sembra che sia possibile che tali persone associno alla parola in questione due idee (nel senso di rappresentazioni mentali ) diverse. Ma se è vero che due 1

2 persone comprendono la stessa parola pur avendo rappresentazioni mentali diverse, allora la comprensione di una parola sarà indipendente dalle idee ad essa associata. Se poi è anche vero che il significato di una parola è proprio ciò che è conosciuto da chi la comprende, allora anche il significato di una parola è indipendente dalle rappresentazioni mentali collegate ad essa. L argomento dipende dalla tesi che la comunicazione sarebbe impossibile se i parlanti non associassero alle parole lo stesso significato. Secondo argomento: Qualunque cosa sia il significato di una parole, il suo significato avrà a che fare con quello di cui ci interessa parlare; quello di cui ci interessa parlare non sono sicuramente le nostre specifiche rappresentazioni mentali. Ad esempio, se fossimo dei matematici, quello di cui ci interesserebbe parlare con parole tipo uno, due tre, etc. sono i numeri non le idee di numero. Quando un matematico comunica un risultato scientifico ai colleghi quel che gli interessa non è comunicare un proprio stato psicologico ma una reale proprietà dei numeri. Questi due argomenti ci forniscono una visione del linguaggio orientata al mondo e non, come la teoria di Locke, alla nostra vita psicologica. Lo specifico della posizione di Frege consiste nel fatto che sebbene egli abbia una concezione del linguaggio secondo cui il linguaggio esprime pensieri (vedi il primo argomento), egli ha anche una visione dei pensieri orientata al mondo (vedi il secondo argomento). Un altro principio che caratterizza la posizione di Frege è conosciuto come Principio del Contesto: Principio del Contesto: le parole non hanno significato in isolamento; il loro significato non è altro che il contributo che danno al significato degli enunciati di cui fanno parte Come già detto, il motivo principale per cui Frege accetta il Principio del Contesto è che, altrimenti, saremmo costretti a sostenere che le parole significano idee. L argomento è, più o meno, il seguente: se il principio del contesto fosse falso, allora le parole avrebbero un significato in virtù di qualche isolabile correlazione tra esse e qualcosa di non linguistico (i loro significati). Se poi si ritenesse che il linguaggio serva a comunicare i pensieri, la tentazione sarebbe quella di cercare qualcosa dentro la nostra mente da correlare alle parole. Se, invece, il Principio del Contesto fosse vero, saremmo portati a sostenere la tesi che sono i significati degli enunciati ad essere basilari; questo eliminerebbe la tentazione di sostenere la tesi per la quale le parole hanno significato in isolamento. Un altro motivo per accettare il Principio del Contesto è che esso sembra darci buoni motivi per risolvere il problema dell unità degli enunciati (vedi dispense della I settimana). Tale problema consisteva, sostanzialmente, nell impossibilità (data la tesi che le parole significano, in isolamento, idee) di distinguere enunciati da liste di parole. Come abbiamo visto, per Locke il problema era generato dal fatto che le parole sono autonomamente collegate ad entità extra-linguistiche. 2

3 Il Principio del Contesto, invece, risolve il problema affermando che l unità dell enunciato non è qualcosa di generato dal basso ma è qualcosa di basilare. Ciò che non è basilare, invece, è il significato delle parole. I problemi nascono dal fatto che Frege sembra anche sostenere un principio che sembra essere il converso del principio del contesto; tale principio, che abbiamo già incontrato, sembra essere del tutto plausibile. Principio di Composizionalità: il significato di un enunciato è determinato dal significato delle parole che lo compongono e dal modo in cui sono combinate Da certi punti di vista, questo è un principio ovvio; la semantica, lo studio del significato linguistico, può essere considerata proprio come la spiegazione sistematica di come i significati delle parole determinano il significato degli enunciati da esse composti. Il problema è che mentre il Principio del Contesto sembra suggerire l idea che i significati degli enunciati sono basilari, il Principio di Composizionalità sembra invece suggerirci l idea che ad essere basilari sono i significati delle parole. La soluzione consiste nel qualificare il significato di basilare e specificarne due sensi distinti. il significato degli enunciati è basilare per comprendere il rapporto tra il linguaggio e il mondo il significato delle parole è basilare nel comprendere il rapporto tra un enunciato ed il resto del linguaggio 1 Frege e la logica La teoria del linguaggio di Frege è fortemente intrecciata con i suoi interessi logici. Per comprendere appieno la teoria di Frege, quindi, è necessario conoscere ad un livello elementare alcune nozioni di logica. La logica è lo studio di una particolare proprietà degli argomenti, ossia la la validità. Quando si dice che un argomento è valido? Intuitivamente: Un argomento è valido quando la conclusione segue veramente dalle premesse Se questa è una concezione abbastanza intuitiva di validità, va innanzitutto notato che ciò che è importante per un argomento valido è che vi sia un certo rapporto tra premesse e conclusione, non tanto che le premsse o la conclusione siano di fatto vere (o false). Vi sono, cioè, argomenti validi che, però hanno premesse e/o conclusioni false. La loro validità, però, dipende dal fatto che c è un certo tipo di rapporto tra premesse e conclusioni. Questo è, ad esempio, un argomento valido: 1. Tutti gli uomini sono belli 2. Mario è un uomo 3. Quindi: Mario è bello 3

4 L argomento è valido (ossia la conclusione segue dalle premesse) ma le premesse e la conclusione potrebbero essere tutti falsi. Un modo un po più raffinato di definire la validità è il seguente: Validità: un argomentazione è valida se e solo se è impossibile per le premesse essere vere e la conclusione falsa. questo è il modo canonico in cui la validità viene definita (informalmente) in logica. Quel che c è da notare in questa definizione è che quel che conta per stabilire la validità di un certo argomento è la verità o la falsità di premesse e conclusione. Attenzione: quel che conta non è l effettiva verità ma che, nell ipotesi che le premesse siano vere, non possa succedere che la conclusione lo sia. La logica è, grosso modo, composta di due parti: la logica enunciativa: studia le argomentazioni che dipendono dalle relazioni tra gli enunciati la logica predicativa: studia le argomentazioni che dipendono dalle relazioni tra le parti degli enunciati Quel che è importante per la logica predicativa è quindi capire come gli enunciati si dividono in parti. Ad un livello basilare, Frege riconosce due tipi di componenti degli enunciati. Gli enunciati più semplici (quelli a partire dai quali tutti gli altri possono essere generati ) sono composti da Frege: da espressioni che si riferiscono a particolari oggetti ( Mario, il mio migliore amico ) termini singolari predicati Che cos è un predicato? Frege fornisce un metodo per specificare un predicato che ci permette (per il momento) di non specificare quale sia il suo significato: Un predicato è ciò che risulta da un enunciato una volta che da esso (l enunciato) siano stati rimossi i termini singolari (e sostituiti con variabili) Si prenda, ad esempio, l enunciato Socrate è simpatico : in questo enunciato riconosciamo un termine singolare Socrate ; si supponga di eliminare Socrate dall enunciato e di sostituirlo con una variabile x; il risultato sarebbe: x è simpatico x è simpatico è un predicato. I componenti di base del linguaggio per Frege sono quindi enunciati, termini singolari e predicati. La domanda fondamentale per un logico come Frege era: qual è, per ciascuno dei componenti di base del linguaggio, l aspetto che conta di più, al fine di valutare se una certa argomentazione è valida? 4

5 La risposta è la seguente: per gli enunciati ciò che conta è sapere se essi siano veri o falsi per i termini singolari ciò che conta sapere è a quale oggetto essi si riferiscano (in modo da sapere se un enunciato in cui compaiano è vero o falso) per i predicati ciò che conta è sapere è a quali oggetti il predicato si applica con verità. Questo al fine di conoscere la differenza che fa, per la verità o falsità di un certo enunciato, il fatto che io sostituisca la variabile con un certo termine singolare piuttosto che un altro. 2 La teoria della Bedeutung Frege chiamò quella parte del significato di un espressione rilevante per determinare la validità di una certa argomentazione bedeutung (pronuncia: bedoitung ) che in italiano potremmo chiamare riferimento o denotazione. La Denotazione (che scriverò con la D maiuscola per indicare che si tratta del termine tecnico introdotto da Frege) potrebbe essere caratterizzata come quella parte del significato delle espressioni linguistiche che interessa a fini logici. Come vedremo più avanti, per Frege esiste anche un altra parte del significato delle espressioni che egli chiamerà Sinn che in italiano potremmo chiamare senso. Per Frege, quindi: la bedeutung di un enunciato è il suo valore di verità la bedeutung di un termine singolare è l oggetto a cui tale termine singolare si riferisce la bedeutung di un predicato è ciò che determina se, sostituendo la variabile che costitiuisce un predicato con un nome, l enunciato che ne risulta è vero o falso. Se traduciamo bedeutung con riferimento, sembra abbastanza naturale sostenere che un termine singolare come Socrate si riferisce a Socrate; sembra invece piuttosto strano sostenere che un enunciato come Socrate è simpatico si riferisca al falso o abbia come Denotazione il falso. Ugualmente strana è la caratterizzazione della bedeutung o Denotazione dei predicati. Quel che cerchiamo, nel caso dei predicati, è un entità che determini se un certo enunciato sia vero o falso, a seconda di quale oggetto scegliamo come Denotazione del termine singolare destinato a sostituire la variabile che costituisce il predicato. In analogia con l uso matematico, Frege chiamò questo genere di entità funzioni. Normalmente si dice che una funzione è un entità che prende un certo valore, dato un certo argomento. Normalmente le operazioni matematiche come + sono considerate funzioni. Quando, ad esempio, scrivo = 8, quel che scrivo vuol dire che la funzione + prende come argomenti 5 e 3 e dà, come valore 8. L argomento di una certa funzione sono i termini dell operazione, il valore è il risultato. 5

6 I predicati, per Frege, denotano, quindi, un particolare tipo di funzioni. Le funzioni matematiche sono funzioni che, avendo come argomenti numeri, danno come valore numeri; i predicati si riferiscono a funzioni particolari, le quali prendono come argomenti oggetti, ossia denotazioni di termini singolari e danno come valore valori di verità, vero o falso, ossia danno come valore la Denotazione degli enunciati. Assumete che l enunciato Socrate è simpatico sia vero. Il motivo per cui tale enunciato è vero, secondo quello che abbiamo appena visto, è che il predicato di cui è composto l enunciato x è simpatico è una funzione che, prendendo come argomento Socrate (l individuo, non il nome Socrate ) dà come valore il vero; detto in altri termini, la funzione x è simpatico ci dice che se ad x sostituiamo Socrate, l enunciato risultante ( Socrate è simpatico ) è un enunciato vero. Frege chiamò quelle particolari funzioni i cui valori possibili sono la verità e la falsità, Concetti. Nel proseguio, userò il termine Concetto (con C maiuscola) in questo senso tecnico di Frege. Riassumendo: per Frege, i predicati denotano un particolare tipo di funzioni: i Concetti. Il Concetto x è simpatico è una funzione che ha come valore il vero se e solo se l oggetto che prende come argomento è simpatico. Le denotazioni delle espressioni di base del linguaggio per Frege sono: enunciati valori di verità predicati Concetti termini singolari oggetti Questo sforzo di Frege di associare ad ciascuna espressione del linguaggio una Denotazione sembra essere in contrasto con lo spirito che lo aveva spinto a postulare il Principio del Contesto. Quel principio sembrava andare contro l idea che, per comprendere il significato delle espressioni linguistiche, dovessimo sforzarci di istituire delle connessioni tra singole parole (o, più in generale, tra singoli pezzi di linguaggio) e i loro significati. Vi ricordo che la conseguenza più sgradevole che derivava dalla tesi secondo cui le parole hanno significato in isolamento era che tutte le differenze grammaticali tra le parole andavano perdute giacchè tutte le espressioni erano destinate a diventare nomi delle entità con cui stavano in una relazione di significato. Diventava quindi impossibile spiegare il problema dell unità enunciativa. Frege tenta di recuperare le differenze grammaticali tra le espressioni enfatizzando una differenza tra le denotazioni delle espressioni. Per Frege, infatti, la differenza tra termini singolari e predicati consiste nel fatto che mentre la Denotazione di un termine singolare è un oggetto, quella di un predicato è un Concetto, ossia un entità che, come abbiamo visto, prende oggetti come argomenti. Per Frege, gli oggetti sono entità complete o, per usare la sua espressione, sature, mentre i Concetti sono entità incomplete, insature; un predicato come x è simpatico ha come Denotazione un entità insatura perchè esso contiene una variabile, la quale non è altro (almeno nelle intenzioni di Frege) che un segnaposto per un termine singolare. I Concetti sono quindi oggetti da completare. Da notare che un concetto completato, un concetto che ha preso un determinato valore, non è altro che un valore di verità; ciò deriva dal fatto che è vero che: 6

7 < x è simpatico, Socrate > = Vero Questo è del tutto analogo a quanto avviene in matematica; un espressione come x + 1 è una funzione; se tale funzione prende come valore il numero 2, il risultato è e il valore sarà 3. Come diciamo che x + 1 è uguale a 3, nel caso l argomento sia 2 così dobbiamo dire che la funzione x è simpatico è il Vero, nel caso l argomento sia Socrate. Inoltre, il risultato di completare un Concetto con un oggetto, generà un entità satura e quindi un oggetto; visto che il risultato della combinazione di un Concetto con un oggetto sarà un valore di verità, Frege è costretto a sostenere che i valori di verità (il vero ed il falso) sono oggetti. Nonostante Frege associ a predicati e termini singolari delle denotazioni, egli riesce a spiegare perchè essi svolgano ruoli diversi all interno di un enunciato. Un enunciato formato da un termine singolare e da un predicato è unitario perchè esso è il risultato della saturazione di un entità insatura. Per Frege, quindi, il ruolo grammaticale differente tra predicati e termini singolari è spiegato per mezzo della radicale distinzione tra due tipi di entità oggetti e concetti. Il modo in cui oggetti e concetti si combinano è spiegato per mezzo della nozione di funzione. C è comunque un problema che dipende proprio dal fatto che Frege abbia assegnato ai predicati una Denotazione proprio come ai termini singolari. Abbiamo appena visto che per Frege c è una differenza metafisica importante tra oggetti e concetti; per Frege, queste due categorie sono assolutamente distinte: le prime sono entità sature, le seconde insature. Si consideri, ad esempio, il concetto x è un cavallo ; per Frege tale concetto non è un oggetto. Si supponga, però, che Frege voglia esprimere tale tesi per mezzo di un enunciato come: (1) Il concetto cavallo non è un oggetto in tale enunciato il concetto cavallo (forma abbreviata di il concetto x è un cavallo ) è diventato un termine singolare e come tutti i termini singolari avrà, come Denotazione, un oggetto. Ma allora il nostro enunciato sarà falso. Pur postulando una differenza radicale tra oggetti e concetti, non sembra possibile, all interno della teoria di Frege, esprimere (un esemplificazione di) questa tesi. L altro aspetto poco intuitivo di questa parte della filosofia del linguaggio di Frege è che le Denotazioni degli enunciati siano il Vero o il Falso. Tralasciamo la stranezza tutte fregeana di considerare la verità e la falsità come degli oggetti e concentriamoci piuttosto su questa questione: Perchè Frege riteneva che quel che importa del significato di un enunciato è il suo valore di verità? Egli sembra offrire due argomenti al riguardo: Primo argomento: Chiediamo innanzitutto: Perchè è importante sapere se un certo nome abbia un riferimento, denoti veramente un oggetto? L importanza che attribuiamo alla conoscenza del fatto che un nome abbia Denotazione dipende dal fatto che riteniamo importante sapere se gli enunciati in cui il nome compare sono veri o falsi. Ma allora sapere quale sia il valore di verità di un enunciato è tanto importante sapere se un nome abbia una Denotazione. È, quindi, naturale considerare la verità o falsità di un enunciato come le Denotazioni degli enunciati. 7

8 Secondo argomento: questo argomento dipende dal Principio di Composizionalità. Una delle conseguenze del Principio forse quella più importante è che il significato di un enunciato rimane invariato se al suo interno si sostituisce una parola con un altra che abbia il medesimo significato. Applichiamo questo principio a quell aspetto del significato che Frege chiama bedeutung, ossia alla Denotazione. In questo caso il Principio ci dice che se all interno di un enunciato sostituiamo un termine singolare con un altro che abbia la stessa Denotazione, il significato dell enunciato rimane invariato. L unica cosa che rimane invariata in caso di sostituzione, però, è il valore di verità dell enunciato. Se in un enunciato sostituiamo un termine singolare o un predicato con un altro termine singolare o predicato con la stessa Denotazione, l enunciato rimarrà vero, se vero, falso, se falso. Ma se ciò che non cambia è il valore di verità, allora sarà proprio il valore di verità di un enunciato ad essere il significato (la Denotazione) di un enunciato. 8

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I.

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Non esiste, al giorno d oggi, un parere unanime della comunità scientifica sulla definizione di intelligenza. In generale, potremmo dire che è

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Elisa Paganini. LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5.

Elisa Paganini. LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5. Elisa Paganini LA PROSPETTIVA DEL PARLANTE Dispense per il corso di Filosofia del linguaggio A. A. 2014-15 Aggiornate il 29.5.2015 INDICALI E DIMOSTRATIVI: LA TEORIA DI KAPLAN 1. David Kaplan Demonstratives

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Cenni di Algebra di Boole. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Cenni di Algebra di Boole. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Cenni di Algebra di Boole Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il Calcolatore

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

*UDQGH]]HUDSSRUWLPLVXUH

*UDQGH]]HUDSSRUWLPLVXUH $OHVVDQGUR&RUGHOOL *UDQGH]]HJHRPHWULFKH I concetti di grandezza e di misura appartengono all esperienza quotidiana. Detto in termini molto semplici, misurare una grandezza significa andare a vedere quante

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi Atti linguistici Per i filosofi del linguaggio ideale: la funzione principale del linguaggio è quella di descrivere stati di cose (descrivere come sarebbe il mondo se l enunciato proferito fosse vero)

Dettagli

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Questa esperienza didattica ha preso spunto dallo studio del fenomeno

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) autoreferente qualcosa che parla di se stesso o che si riferisce a se stesso un'autoreferenza

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED DYNAMIC DATABASE PROBLEM FORMALIZATION CONTROL STRATEGY IL DATABASE DESCRIVE LA SITUAZIONE CORRENTE NELLA DETERMINAZIONE DELLA SOLUZIONE AL PROBLEMA. LA FORMALIZZAZIONE

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A.

PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A. PILLOLE DI LOGICA Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica Liceo Scientifico A.Righi Cesena Le basi della logica formale La logica formale è un indagine sul ragionare

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

Psicometria (8 CFU) Corso di Laurea triennale STANDARDIZZAZIONE

Psicometria (8 CFU) Corso di Laurea triennale STANDARDIZZAZIONE Psicometria (8 CFU) Corso di Laurea triennale Un punteggio all interno di una distribuzione è in realtà privo di significato se preso da solo. Sapere che un soggetto ha ottenuto un punteggio x=52 in una

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

CORSO DI STUDI: SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE A.A. 2010/2011. TEORIA DEI LINGUAGGI modulo 2 DOCENTE: MARILENA ANDRONICO

CORSO DI STUDI: SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE A.A. 2010/2011. TEORIA DEI LINGUAGGI modulo 2 DOCENTE: MARILENA ANDRONICO CORSO DI STUDI: SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE A.A. 2010/2011 Un po di semantica Riflessioni generali sul significato TEORIA DEI LINGUAGGI modulo 2 DOCENTE: MARILENA ANDRONICO Se consideriamo

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Ludwig Wittgenstein (1889-1951)

Ludwig Wittgenstein (1889-1951) Ludwig Wittgenstein (1889-1951) Somiglianze di famiglia: Non posso caratterizzare queste somiglianze meglio che con l espressione somiglianze di famiglia ; infatti le varie somiglianze che sussistono tra

Dettagli

2. I THREAD. 2.1 Introduzione

2. I THREAD. 2.1 Introduzione 2. I THREAD 2.1 Introduzione Il tipo di parallelismo che è opportuno avere a disposizione nelle applicazioni varia in base al grado di cooperazione necessaria tra le diverse attività svolte in parallelo:

Dettagli

Corso di User Experience

Corso di User Experience Corso di User Experience A.A.2010-2011 RELAZIONE FINALE: Studio sull interazione tra bellezza, bontà e usabilità di prodotti interattivi Autori: Battistutta Paola, Franjul Sandi Data: 08/03/2011 INTRODUZIONE

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti Introduzione LOGICA DEI PREDICATI Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Prof. Ing. Fabio Roli La logica dei predicati, o logica del primo ordine (LPO) considera schemi proposizionali composti

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 CODICI MONOALFABETICI E ANALISI DELLE FREQUENZE (organizzata da Francesca Visentin) Riprendiamo

Dettagli

TEMA: Riflessione linguistica

TEMA: Riflessione linguistica I. C. Buonarroti Marina di Carrara Scuola Primaria e Secondaria di I grado Alunni dai 10 ai 13 anni. (Insegnanti Cristina Solieri, Maria Teresa Tilli, Claudia Tomasi) Il PERCORSO, E stato avviato un preciso

Dettagli

Derivate Limiti e funzioni continue

Derivate Limiti e funzioni continue Derivate Limiti e funzioni continue Se il valore di una funzione f() si avvicina al valore l quando si avvicina ad 0 diciamo che f() ha come ite l per tendente ad 0. Noi per rappresentare questo fatto

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico Processo di risoluzione di un problema ingegneristico 1. Capire l essenza del problema. 2. Raccogliere le informazioni disponibili. Alcune potrebbero essere disponibili in un secondo momento. 3. Determinare

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro Il riferimento dei nomi di finzione Nomi di finzione Sandro Zucchi 2013-14 Ora che ci siamo chiariti le idee sul funzionamento dei nomi propri, siamo pronti per tornare alle domande che ci eravamo posti

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Come creare una pagina Fan su Facebook [GUIDA]

Come creare una pagina Fan su Facebook [GUIDA] Come creare una pagina Fan su Facebook [GUIDA] Nonostante sia abbastanza semplice creare una pagina fan su Facebook non è ancora molto chiaro l intero procedimento. Ho quindi deciso di scrivere una guida

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli