Documento del Consiglio di classe 5M. Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico Sociale. A.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio di classe 5M. Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico Sociale. A.s. 2014-2015"

Transcript

1 Documento del Consiglio di classe 5M Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico Sociale A.s Coordinatrice: Prof.ssa Sandra Favero 1

2 Indice I parte Presentazione della classe 5^ M 1. Gli Alunni 2. Storia della classe 3. Profilo della classe Il Consiglio di Classe: composizione attuale.. 5. Continuità didattica nel triennio II parte Il percorso formativo 1. Quadro orario 2. Profilo formativo in uscita. 3. Programmazione annuale del Consiglio di Classe 5M 4. Approfondimenti svolti dai singoli alunni Progetti svolti nel triennio.. 6. Griglie di valutazione III parte Griglie di Valutazione utilizzate.. IV parte Programmi svolti dalle singole discipline.. Schede descrittive di stage e progetti V parte Allegati: Simulazioni di Terza Prova 2

3 I PARTE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 5^ M 1) Gli Alunni Alunno III anno IV anno 1. CACCIARI SARA Promossa Promossa 2. CAPUZZIMATI ILARIA Promossa Promossa 3. CARUSO ROSSELLA Promossa con debito in Promossa con debito in inglese filosofia e italiano 4. DI BENEDETTO GIORGIO Promosso Promosso con debito in inglese 5. GRILLINI GIORGIA Promossa Promossa 6. GUARALDI FRANCESCO Promosso Promosso 7. MACCCHIAVELLI LUCA Promosso Promosso 8. MACCHIONE MARTINA Promossa Promossa 9. MARCHI RICCARDO Promosso con debito in Promosso matematica e fisica 10. MODAFFERI FABIANA Promossa Promossa 11. NASO ROSARIA Promossa Promossa 12. NEGRINI ELENA Promossa Promossa 13. PARK CHAOLLA Promosso Promosso 14. PASSINI MARTINA Promossa Promossa 15. PERSIANI ELISABETTA Promossa Promossa 16. PITURRO ALICE Promossa Promossa 17. REBAIOLI MARIANNA Promossa Promossa Nel precedente elenco sono riportate anche le sospensioni di giudizio con scrutinio a settembre degli alunni interessati. 2) Storia della classe La classe 5M è composta da 17 alunni: 12 ragazze e 5 ragazzi, di cui uno, proveniente da un altra sezione e aggiuntosi al gruppo all inizio del presente anno scolastico. All inizio del triennio gli studenti erano complessivamente 23, provenienti dallo stesso biennio, mentre l attuale fisionomia della classe ha preso corpo solo dal quarto anno, in seguito ai risultati di profitto raggiunti alla fine della terza. Nel corso dell anno scolastico 2013/2014 due studentesse hanno partecipato al progetto Intercultura, frequentando un anno di scuola all estero, una in Portogallo e l altra in Honduras. Entrambe sono rientrate all inizio dell anno scolastico 2014/15. Nel triennio la classe ha subito avvicendamenti di insegnanti in numerose materie: Inglese, Francese, Storia, Storia dell'arte, Scienze Umane, Fisica, Lettere e Diritto. Nell'ultimo anno il Consiglio di Classe ha registrato dei cambiamenti negli insegnamenti di: Lettere, Storia, Francese e Storia dell Arte e Inglese. In quest ultima disciplina si sono alternati nel corso dell anno scolastico quattro diversi insegnanti supplenti, di cui l ultima, nominata recentemente. In compenso la presenza di alcuni docenti, quali le insegnanti di Matematica, di Filosofia e di Scienze Motorie è stata continuativa. 3

4 3) Profilo della classe Nel corso del quinquennio la classe ha seguito un percorso di crescita e maturazione, sia sul piano della formazione delle singole individualità sia sotto il profilo delle relazioni di gruppo. Gli studenti hanno sviluppato, in generale, buone capacità d interazione, collaborazione e impegno nei diversi ambiti disciplinari. Va sottolineato, inoltre, l impegno con cui la classe ha partecipato nei precedenti anni scolastici alle attività di Stage, a livello internazionale e nazionale, in cui sono emerse buone motivazioni, senso di responsabilità, autonomia di organizzazione e capacità di adattarsi e mettersi in relazione in contesti diversificati. Il dialogo didattico è stato in generale favorito da un clima sereno, caratterizzato dalla partecipazione attiva degli alunni che hanno aderito con interesse alle proposte dei docenti dei singoli ambiti disciplinari. L impegno personale nel lavoro pomeridiano è cresciuto costantemente a partire dalla classe terza, anche se rimane eterogeneo e diversificato: alcuni alunni si sono impegnati in modo regolare e costante per migliorare il metodo di studio e le lacune pregresse, altri mantengono stili e modalità di studio ancora superficiali. La classe possiede complessivamente le competenze metodologiche richieste dal profilo in uscita ed è sufficientemente autonoma nell organizzare approfondimenti e ricerche disciplinari. I risultati conseguiti sono in generale buoni, anche se nel confronto tra le varie discipline sono rilevabili risultati non omogenei, da attribuire a specifiche attitudini di alcuni alunni e ad un impegno diversificato nelle discipline. In qualche caso, persistono lacune pregresse, dovute principalmente a un impegno di studio non sempre costante e produttivo, e, in parte, collegabili alla mancanza di continuità di insegnamento in diverse materie. 4

5 4) Il Consiglio di Classe: composizione attuale dei Docenti e delle Discipline Docenti Disciplina 1 Cuccia Maria Italiano e Storia 2 Favero Sandra Filosofia e Scienze Umane 3 Olivieri Guido Francese 4 Veccia Loredana Matematica e Fisica 5 Borelli Olivia Storia dell'arte 6 Bassi Bruna Religione cattolica 7 Bongiovanni Maria Luce Diritto ed Economia politica 8 Tancon Erica Inglese 9 Selva Mania Scienze motorie e sportive 5) Continuità didattica nel triennio Discipline 2012/ / /15 Lettere Rosarita Gasperetti Michela Matani Maria Cuccia Scienze Umane Marone /Fortunato / Sandra Favero Sandra Favero Conti Storia Emanuela Festa Carlotta Andreoli Maria Cuccia Filosofia Sandra Favero Sandra Favero Sandra Favero Matematica Loredana Veccia Loredana Veccia Loredana Veccia Fisica Lidia Molinari Loredana Veccia Loredana Veccia Diritto ed Economia Chiara Marinucci Maria Luce Maria Luce Bongiovanni politica Bongiovanni Inglese Maria Carla Benassi Monica Meoni Paolini / Bentivegna / Egitto / Tancon Francese Stefania Riti Chiara Sileo Guido Olivieri Scienze motorie e Mania Selva Mania Selva Mania Selva sportive Arte Alessandro Valeria Bonini Olivia Borelli Moreschini Religione cattolica Claudia Colliva Claudia Colliva Bruna Bassi 5

6 2 PARTE: PERCORSO FORMATIVO 1. Quadro orario BIENNIO: Materie I Anno II Anno Matematica* 3 3 Diritto ed Economia politica 3 3 Lingua e letteratura italiana 4 4 Storia e Geografia 3 3 Lingua Straniera I 3 3 Lingua Straniera II 3 3 Scienze naturali** 2 2 Religione cattolica / Alternativa 1 1 Scienze Umane*** 3 3 Scienze motorie e sportive 2 2 *con Informatica al primo biennio **Biologia, Chimica, Scienze della terra ***Antropologia, Metodologia della ricerca, Psicologia e Sociologia TRIENNIO: Materie III Anno IV Anno V Anno Matematica Diritto ed Economia politica Filosofia Lingua e letteratura italiana Storia Fisica Lingua straniera Lingua straniera Storia dell arte Scienze Umane* Religione cattolica/alternativa Scienze motorie e sportive *Antropologia, Sociologia e Metodologia delle ricerca in Terza e Quarta; Sociologia e Metodologia della ricerca in Quinta. 6

7 2. Profilo Formativo in uscita Assicurare agli studenti gli strumenti culturali indispensabili per una partecipazione democratica nella società globalizzata, colmando così una mancanza nel sistema scolastico italiano, quella di non avere un indirizzo liceale centrato sulle discipline giuridiche, economiche e sociali, presente invece nei sistemi scolastici europei e capace di rispondere all interesse per il mondo di oggi, per la comprensione dei complessi fenomeni economici, sociali e culturali che lo caratterizzano. Il LES, inteso come liceo della contemporaneità, consente l acquisizione di strumenti culturali necessari ad affrontare in profondità questioni attuali - dalle risorse disponibili alle regole giuridiche della convivenza sociale, dal benessere individuale e collettivo alla responsabilità delle scelte da compiere - attraverso il concorso di più materie di studio chiamate a collaborare tra loro. Il LES è un indirizzo di studio estremamente innovativo per metodologia e contenuti dove si studiano due lingue straniere, dove le scienze economiche e sociologiche si avvalgono delle scienze matematiche, statistiche e delle scienze umane (sociologia, antropologia, metodologia della ricerca nel triennio) per l analisi e l interpretazione dei fenomeni economici e sociali, dove l approccio umanistico mette la persona al centro dell economia, e dove si studiano interdipendenze e legami tra la dimensione internazionale, nazionale, locale ed europea, tra istituzioni politiche, cultura, economia e società. Ciò che distingue l identità del liceo economico-sociale è l integrazione di discipline complementari e lo sguardo rivolto alla contemporaneità, insieme all interesse per la ricerca. Il nuovo impianto didattico disciplinare è caratterizzato dalla peculiare attenzione riservata al raccordo tra le scienze umane e le materie di area giuridico-economica, che ne vanno a costituire il nucleo fondante. In prospettiva, il LES fornisce i mezzi per la conquista concreta del diritto alla cittadinanza, per divenire cittadini informati, attivi, capaci e responsabili. Più in particolare il LES consente di stabilire un rapporto diretto tra le discipline e i fenomeni complessi della realtà, facendo nascere negli studenti una maggiore consapevolezza di sé in rapporto alle risorse, ai limiti, alle potenzialità dell uomo e degli ambienti, vicini e lontani, in cui vive. Oltre a sviluppare quindi la capacità di orientarsi, gli studenti del liceo economico-sociale al termine dei loro studi potranno così scegliere se proseguire gli studi all università in ambiti molto diversi, vista la varietà delle discipline studiate. 3. Programmazione annuale del Consiglio di Classe 5M per l Anno Scolastico Attività Didattica Secondo quanto stabilito dal Collegio dei Docenti, l anno scolastico è stato diviso in due periodi, con la seguente scansione: 1 periodo (Trimestre) dal 15 Settembre al 23 Dicembre periodo (Pentamestre) dal 7 gennaio al 6 giugno Obiettivi formativi Il consiglio di classe della 5 M, valutati i livelli di partenza della classe e dei singoli studenti, preso atto delle finalità specifiche dell indirizzo di studi e dei piani di attività dei Dipartimenti, nella definizione della programmazione ha tenuto presente i seguenti criteri. - Nell ambito dell attività didattica, ogni disciplina è stata indirizzata a sviluppare competenze e conoscenze concretamente valutabili, e a perseguire, oltre agli obiettivi propri, finalità e obiettivi più generali, stabiliti dai docenti del Consiglio di Classe e comuni a tutte le materie. 7

8 Tali obiettivi sono stati graduati secondo un ordine di complessità crescente e costituiscono il punto di riferimento del lavoro dell intero anno scolastico, finalizzato alla preparazione delle prove di Esame di Stato. - Tra questi obiettivi generali, il C. di C. ha individuato i seguenti obiettivi formativi : o avere un comportamento educato adeguato all ambiente scolastico o partecipare attivamente alle attività scolastiche o consegnare puntualmente i compiti assegnati o rispettare i pari e i ruoli o attivare impegno coerente nello studio e nella partecipazione o o o o o manifestare interesse culturale per le problematiche affrontate nei diversi ambiti disciplinari adeguarsi a livelli di apprendimento di crescente complessità essere in grado di cogliere i fondamenti concettuali e operativi di ogni disciplina sapere operare interazioni tra le conoscenze anche in ambito pluridisciplinare sviluppare autonomia nello studio o utilizzare con sufficiente precisione i linguaggi specifici, sia nella comunicazione verbale sia nella produzione scritta In merito a quest ultimo punto, le competenze che gli studenti hanno dovuto perseguire a conclusione del percorso quinquennale, comuni a tutte le discipline e in linea con le indicazioni nazionali della Riforma D.P.R. 15/03/2010 n. 89, sono relative alla comunicazione e all acquisizione del linguaggio specifico di ogni singola materia. In particolare: risolvere problemi; fare collegamenti; comprendere un documento; produrre un testo; padroneggiare gli strumenti espressivi nella comunicazione orale. Percorsi pluridisciplinari 1. Nel corso dell anno scolastico è stato svolto il seguente modulo: Aspetti e problemi della contemporaneità: la globalizzazione Periodo di svolgimento: intero anno scolastico, con il concorso di tutte le discipline: Filosofia, Scienze Umane, Diritto ed Economia, Matematica, Arte, Storia, Inglese, Francese, Italiano, Religione cattolica. 2.Metodologie CLIL per le classi Quinte: percorso in storia contemporanea tenuto dalla prof.ssa Zanotto, insegnante di storia, in lingua francese e legato al rastrellamento del velodromo di Parigi durante la Repubblica di Vichy. La durata del modulo è stata di otto ore, di cui sei in comune con la 5C, e due, specifiche della classe, per la valutazione del percorso. Viaggio di istruzione. Meta: Berlino. Accompagnatori: Prof.ssa Mania Selva Periodo: dal 16 marzo al 20 marzo

9 Strumenti di valutazione e comunicazione alle famiglie La valutazione del raggiungimento degli obiettivi da parte degli studenti è stata verificata attraverso differenti tipologie di prove indicate nelle programmazioni disciplinari. Sono stati predisposti momenti di recupero in itinere nelle diverse discipline. Il recupero extracurricolare si e svolto secondo le modalità previste dal Piano dell Offerta Formativa. Per ciò che concerne la valutazione della condotta, ci si è attenuti alla delibera 6 del Collegio Docenti del 8/10/2014 e alla conseguente comunicazione interna distribuita agli studenti con riscontro della firma dei genitori e reperibile sul sito della scuola. Gli esiti delle valutazioni periodiche sono stati resi noti mediante:! una valutazione alla fine del primo periodo ( pagella on-line alla metà di gennaio);! una comunicazione alle famiglie, informativa, solo per i risultati non sufficienti, conseguiti tra gennaio e marzo (comunicazione con lettera nella seconda meta di marzo);! una valutazione alla fine del secondo periodo ( ovvero comprensiva degli esiti da gennaio a giugno, nonché degli esiti degli eventuali recuperi delle insufficienze del primo periodo, che determinerà l ammissione all Esame di stato e il relativo Credito scolastico. Ammissione all esame di Stato Per i criteri di ammissione all Esame di Stato e di attribuzione del punteggio relativo ai Crediti scolastici e ai Crediti formativi si fa riferimento alla delibera 7 del Collegio dei Docenti del 8/10/2014 e alla successiva comunicazione, letta agli studenti e reperibile sul sito della scuola. In essa è precisato anche che il numero massimo di assenze consentite e di 247 ore, comprese assemblee, stage, viaggi di istruzione, ecc. Si è richiamata inoltre l attenzione delle famiglie sul fatto che, come indicato nella delibera, anche una sola grave insufficienza può costituire motivo di non ammissione all Esame di Stato. Simulazioni Prove Esami La simulazione di I Prova per classi parallele sarà effettuata il giorno 19 /05/ 2015 dalle ore 8 alle ore 14. La simulazione di II Prova per classi parallele sarà effettuata il giorno 20/05/2015 dalle ore 8 alle ore 14. Le due simulazioni di III prova sono state effettuate, la prima, nel giorno 27/02/2015 con Tipologia B: Fisica (2 quesiti) ; Filosofia (3 quesiti); Storia (3 quesiti); Arte(2 quesiti). La seconda, il giorno 20/04/2015 con Tipologia B: Filosofia (2 quesiti); Inglese (3 quesiti); Matematica (3 quesiti); Scienze Umane (2 quesiti). Entrambe le simulazioni sono state della durata di quattro ore. 9

10 4. Approfondimenti svolti dai singoli alunni per il colloquio orale Cognome e Nome Titolo o Argomento tesina 1 CACCIARI SARA L autismo sociale 2 CAPUZZIMATI ILARIA Una povertà: i senza fissa dimora 3 CARUSO ROSSELLA Il lavoro in carcere 4 DI BENEDETTO GIORGIO La follia 5 GRILLINI GIORGIA Oriana Fallaci e il giornalismo di guerra 6 GUARALDI FRANCESCO Legatura di valore 7 MACCHIAVELLI LUCA L inganno 8 MARCHI RICCARDO Il movimento surrealista 9 MACCHIONE MARTINA La bella Epoque 10 MODAFFERI FABIANA La donna nella politica e nella storia 11 NASO ROSARIA L insostenibile leggerezza dell essere 12 NEGRINI ELENA La ciclicità 13 PARK CHAOLLA La distribuzione della ricchezza 14 PASSINI MARTINA Il sistema carcerario 15 PERSIANI ELISABETTA La scelta 16 PITURRO ALICE La Costituzione 17 REBAIOLI MARIANNA Storia di bellezza e seduzione 10

11 5. Progetti e attività svolti nel triennio A.S. 2014/ Voci proposto dall insegnante di storia prof.ssa Cuccia e ideato dall Istituto Storico Parri. L obiettivo è di promuovere l incontro tra generazioni, con un percorso comune di espressione e creazione attraverso la scrittura, la narrazione, il teatro, incentrati sui "trent'anni di guerra civile europea Gli incontri in cui si articola il progetto mirano alla costruzione comune di una narrazione a più voci e a più sguardi, che offra a ciascuno dei soggetti coinvolti la possibilità di valorizzare la propria storia. - Partecipazione in data 19/11/2014 allo spettacolo teatrale Chiamatemi Ismaele presso il Carcere Dozza di Bologna - Progetto Giornata della memoria sui desaparecidos argentini con incontro in data 26/11/2014 con Enrico Calamai, Console nel 1976 a Buenos Aires. - Progetto Africa Il prof. A. B. Kouassi, già responsabile della sezione "Afrika" dell'istituto giuridico internazionale Max Planck di Friburgo (Germania) e docente universitario di diritto penale internazionale e comparato, terrà in lingua francese conferenze su argomenti di diritto internazionale. - Incontro con testimonianza di un funzionario dell ONU presso Aula Magna del Liceo - progetto all educazione civile: (Terza fase, relativa alla classe quinta) 8 ore di lezione con l insegnante di Scienze motorie sui seguenti argomenti: Il Primo soccorso; l'incidente stradale, il traumatizzato; l'allertamento e la gestione dei soccorsi, le manovre di B.L.S. -Orientamento universitario in relazione a Almadiploma e Almaorientati -Progetto del Rotary: quattro incontri su differenti tematiche relative al lavoro (Politiche e legislazione del lavoro. Lavoro dipendente e autonomo. Professioni emergenti, in declino e in cambiamento. L impatto di Internet sul mondo del lavoro ). -A.S. 2013/2014 Visione del film relativo all azienda Olivetti ed incontro col regista Fasano, in data 20 ottobre 2013 presso la sede dell Istituto. Progetto di Educazione stradale visita alla mostra fotografica sul tema Lavoro presso la Fondazione Seragnoli (ottobre) Visita alla Mostra di Franceschini presso l Accademia di Belle Arti di Bologna Stage a Ivrea e Biella Visione della tragedia Macbeth in lingua inglese, in data 3 marzo 2014, presso il teatro del Baraccano Ciclo di conferenze pomeridiane sul tema delle Differenze in ambito culturale, artistico e delle arti (quattro incontri a cadenza mensile da dicembre a marzo). 11

12 A.S. 2012/ Progetto di Educazione stradale -Progetto di Educazione alla salute - Progetto i luoghi della memoria - Partecipazione al Seminario La grammatica della divulgazione scientifica (gennaio con l insegnante di fisica) - Tre Incontri, nel corso dell anno scolastico, con l Associazione Libera su temi riguardanti la legalità. - Incontro all Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna (marzo 2013) - Stage a Bruxelles 12

13 3 PARTE: GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE Le griglie allegate sono state formulate e approvate dai diversi Dipartimenti disciplinari, riguardano la prima, seconda e terza prova scritta. 13

14 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA Cognome e Nome classe sez Indicatori Prova nulla Grav..Insuff. Scarso insufficiente Sufficiente Pìù che suff. Discreto Buono Ottimo 1) Competenze linguisticoespressive Correttezza ortografica e morfosintattica Lessico Punteggiatura Proprietà linguistica PUNTI ,25 3,5 4-4,25 4,5 5 5,25-5,5 5,75-6 2) Competenze relative alla organizzazione del testo Coerenza e coesione Pertinenza con la traccia Completezza PUNTI 0,5 1 1,5 1,75 2 2,25 2,5 3 3) Competenze specifiche relative alle diverse tipologie A. Analisi del Testo Comprensione globale Analisi testuale e interpretazione Contestualizzazione e approfondimenti B. Scrittura documentata Rispetto delle consegne in relazione ai vincoli comunicativi Capacità di utilizzare l apparato documentario (comprensione, 14

15 selezione, interpretazione delle fonti) Eventuale integrazione dei dati con informazioni congruenti C.-D. Tema Efficacia dell argomentazione intorno all idea centrale Riferimenti culturali e documentari coerenti con l'argomento Espressione di giudizi e scelte personali criticamente motivati PUNTI ,25 3,5 4-4,25 4,5 5 5,25-5,5 5,75-6 PUNTEGGIO ATTRIBUITO ALLA PROVA (risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori): Quindicesimi Da 1 a Decimi 1-3 ½ 4 4 ½ 5-5 ½ 6 6 ½ 7 7 ½ - 8 8½ 9-10 " " " " 15

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA (Tipologia A- Diritto/Economia)" TIPOLOGIA A:TRATTAZIONE DI PROBLEMI, CONCETTI O ANCHE TEMI DELLA DISCIPLINA PUN CONOSCENZA DEGLI ARGOMENTI E DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO E USO DEI TESTI (max 5) PUN RISPONDENZA ALLA TRACCIA (max 2) PUN CHIAREZZA ESPOSITIVA E LESSICO SPECIFICO ( Max 3.5 ) PUN ARGOMENTAZIONE CAPACITA DI RIFLESSIONE E SINTESI (max 4.5) Nessuna conoscenza 1 o gravi difficoltà a gestire i concetti e i materiali proposti 0.5 Le consegne non sono state comprese 1 Esposizione sconnessa o assente 1.5 Argomentazione elementare concetti casualmente disposti 2 Conoscenze lacunose uso inadeguato dei concetti e dei materiali proposti 1 Il contenuto risponde solo in parte alle richieste della traccia 2 Esposizione fragile con gravi e diffusi errori formali e nell uso della lingua 2.5 Argomentazione superficiale qualche spunto di riflessione 2.5 Conoscenze superficiali e modesta integrazione dei concetti e dei materiali proposti 1.5 Il testo risponde adeguatamente alle richieste della traccia 2.5 Procedura argomentativa semplice. Diffusi errori formali e nell uso del linguaggio specifico 3.5 Argomentazione semplice. Emerge la capacità di creare un quadro di sintesi e sono presenti alcuni spunti di riflessione 3.5 Conoscenze essenziali, uso pertinente dei concetti e dei materiali proposti 2 Il testo risponde in maniera esaustiva a tutte le richieste della traccia 3 Il testo si mostra nel complesso ordinato e coerente. Sufficiente competenza formale e terminologica 4 Argomentazione adeguata con alcuni spunti di riflessione originali ed elementi di sintesi coerenti 5 Conoscenze corrette e uso consapevole dei concetti e dei materiali proposti 3.5 Esposizione chiara e fluida. Buona padronanza della forma e del linguaggio specifico 4.5 Argomentazione corretta e precisa. E presente una sintesi efficace e consapevole TOTALE PUNTEGGI: Arrotondare all unità in presenza di decimali. 16

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA (LINGUA STRANIERA) INDICATORI Lingua: Uso Lingua: Correttezza Formale DESCRITTORI Utilizza esponenti linguistici adeguati al compito e al livello. Possiede un lessico che non fa apparire ripetitivo il testo; ha sufficiente precisione, combina e collega frasi utilizzando sia i più correnti connettivi della frase e del discorso, sia la giusta punteggiatura. Sa riprendere gli items con sufficiente precisione, senza dover ripetere; l uso dei tempi è coerente in tutto il testo. Utilizza in generale esponenti linguistici piuttosto elementari per il livello. A volte si ripete e il lessico presenta imprecisioni. Sbaglia l uso di alcuni connettivi o li evita.. Punteggiatura non sempre esatta Il riferimento a quanto detto può essere confuso e può cambiare aleatoriamente l impiego dei tempi verbali. Utilizza un linguaggio molto limitato per il livello ed il compito. Si ripete abbastanza spesso, presenta uno scritto poco coeso (connettivi, referenti, uso dei tempi). Errori grammaticali di sviluppo, ma comunque sporadici e non compromettono il messaggio. Gli errori lessicali si riferiscono al lessico meno frequente e non compromettono la comunicazione. L ortografia è sostanzialmente corretta. Diversi errori grammaticali o, se limitati, si riferiscono a strutture regolari e frequenti. Alcuni errori, soprattutto di lessico rendono difficoltosa la comunicazione che comunque si recupera facilmente. Alcuni errori di ortografia. Abbondanti errori sia di grammatica che di lessico, molti dei quali impediscono la comunicazione. Ortografia molto scorretta. 3 a PROVA 3/15 2/15 1/15 3/15 2/15 1/15 17

18 Comprensione Produzione Comprende il testo in maniera esaustiva: la selezione delle informazioni richieste è completa e pertinente. Rielaborazione personale delle informazioni. Comprensione parziale del testo: seleziona le informazioni più evidenti; in qualche punto può non risultare del tutto pertinente. Rielaborazione poco autonoma delle informazioni Comprensione limitata: pur selezionando delle informazioni evidenti, compaiono fraintendimenti. Rielaborazione personale scarsa o assente. E comprensibile. Il contenuto è significativo e si adatta a ciò che si chiede. Il registro è adeguato. Le idee sono coerenti tra loro, senza ripetizioni, si conclude ciò che si imposta. Ben organizzato, anche se in modo lineare, rispetta la struttura del tipo di scritto. Ha un sufficiente sviluppo. E necessario rileggere alcune frasi per interpretare il messaggio. Il contenuto, a volte ripetitivo e poco significativo, sfugge in parte a ciò che si richiede. Può presentare qualche errore di adeguatezza alla situazione. Qualche errore di coerenza (nell unità tematica, la quantità/rilevanza, di informazione, ripetizioni) Qualche errore di organizzazione (introduzione, conclusioni parziali, idee sciolte, struttura del tipo di scritto.) Può essere insufficientemente sviluppato E difficile da comprendere. Si adatta a malapena a quanto si richiede e il contenuto è limitato e non significativo. Le idee si presentano in modo incoerente, poco organizzate o troppo povere. 4/15 3-2/15 1/15 5-4/15 3-2/15 1/15 18

19 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DI TERZA PROVA INDICATORI GIUDIZIO PUNTEGGIO PUNTEGGIO ASSEGNATO Conoscenza dei contenuti Competenza linguistica e padronanza del linguaggio disciplinare Capacità di utilizzare le conoscenze per argomentare e sintetizzare NULLO GRAV. INSUFF. INSUFFICIENTE SUFFICIENTE BUONO OTTIMO NULLO GRAV. INSUFF. INSUFFICIENTE SUFFICIENTE BUONO OTTIMO NULLO GRAV. INSUFF. INSUFFICIENTE SUFFICIENTE BUONO OTTIMO , Totale 19

20 4 PARTE: PROGRAMMI SVOLTI NELLE DISCIPLINE Si allegano nel seguente ordine i programmi dei contenuti svolti in: LETTERE STORIA MATEMATICA FISICA SCIENZE UMANE STORIA DELL ARTE FILOSOFIA DIRITTO E ECONOMIA FRANCESE INGLESE SCIENZE MOTORIE RELIGIONE CATTOLICA *IN CODA AI SUDDETTI PROGRAMMI SI ALLEGANO I PERCORSI DEI PROGETTI ATTUATI 20

21 Programma di Italiano DOCENTE: Prof.ssa Maria Cuccia 1 Modulo (storico-culturale) Intellettuali e impegno dall Illuminismo all età romantica! Leopardi e la delusione storica. Rapporto con il suo tempo. Dal pessimismo storico al tentativo di superamento della solitudine soggettiva. Il paesaggio dell anima e lo spazio. L'infinito come meta dei desideri umani ne I Canti, La teoria del piacere. Letture: Lo Zibaldone, Piccoli idilli, Operette morali, Grandi idilli, La ginestra. Testi analizzati: dallo Zibaldone: Tutto è male Dai Canti: L Infinito; Il passero solitario; A Silvia; Il canto notturno di un pastore errante dell Asia; La Ginestra Dalle Operette morali: Il dialogo tra la Natura e un Islandese! Manzoni, le tragedie: oppressori, oppressi. Adelchi; l ispirazione religiosa negli Inni Sacri. Testi analizzati: Dagli Inni Sacri: La pentecoste Dalle Odi: Il 5 Maggio Dall Adelchi: I e II Coro. 2 Modulo (storico-culturale) Dall individualismo romantico alle origini della società di massa.! Giosuè Carducci Classicismo e malinconia nell Italia post-unitaria Inno a Satana; Rime nuove; Odi Barbare Testi analizzati: Dalle Odi Barbare:Nella piazza di san Petronio; Alla stazione in una mattina d autunno Dalle Rime Nuove. Funere mersit acerbo 21

22 ! L influsso del nuovo modello di sviluppo economico e industriale e del Positivismo sulla produzione letteraria. Naturalismo, Realismo e Verismo! Giovanni Verga La vita rurale e i meccanismi della sopraffazione sociale. Vita dei campi; I Malavoglia; Novelle Rusticane; Mastro don Gesualdo. Testi analizzati: Dalle Novelle: Fantasticheria; Rosso Malpelo Dai Malavoglia: Lettura dei brani in antologia Da Mastro don Gesualdo: Lettura dei brani in antologia 3 Modulo (letterario) Il Decadentismo, il Simbolismo ed estetismo! Il simbolismo francese da Baudelaire ai poeti maledetti Testi analizzati: Baudelaire: Corrispondenze Rimbaud: Il battello ebro; Lettera del Veggente! Giovanni Pascoli: Il fanciullino; Myricae; Canti di Castelvecchio Testi analizzati: Da Myricae: L assiuolo; Lavandare; Il lampo, il tuono; X agosto; Dai Canti di Castelvecchio :La mia sera; Il gelsomino notturno, Dal Il fanciullino: Brano in antologia.! Gabriele D Annunzio La dimensione estetica e il superomismo. Il piacere; Le vergini delle rocce; Alcyone;. Testi analizzati: Da Alcyone: La pioggia nel pineto; La sera fiesolana, Da Il Piacere: Testi riportati in antologia 4 Modulo (tematico) Individuo e società: la crisi delle certezze.! Luigi Pirandello. L umorismo e il sentimento del contrario. L umorismo; Il fu Mattia Pascal ; Uno, nessuno e centomila; Novelle per un anno. Il Teatro: Maschere Nude. Sei personaggi in cerca d autore; Testi analizzati: 22

23 Da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato; Da L umorismo; Il fu Mattia Pascal ; Uno, nessuno e centomila; Sei personaggi in cerca d autore: Testi riportati in antologia! Italo Svevo. L inettitudine alla vita: Salute o malattia. Una vita; Senilità ; La coscienza di Zeno. Testi analizzati: Da La coscienza di Zeno: Testi riportati in antologia 5 Modulo (per genere) La poesia italiana della prima metà del 900 e la ricerca di nuovi linguaggi. Le riviste, La Voce, La Ronda, Solaria.! Giuseppe Ungaretti. Le parole e i silenzi della guerra. Il porto sepolto; Allegria di Naufragi Il dolore Testi analizzati: In memoria, Veglia, Fratelli, Soldati, I fiumi, Sono una creatura, Non gridate più.! L Ermetismo Ricerca stilistica e reazione alla cultura fascista.! Umberto Saba. Il sogno di una poesia onesta e anti-retorica. Il Canzoniere Testi analizzati: Da Il Canzoniere: A mia moglie; La capra; Trieste; Il teatro degli Artigianelli! Eugenio Montale. Lo scacco dell uomo moderno. da Ossi di seppia; Le occasioni; La bufera; Satura. Testi analizzati: Da Ossi di seppia: I limoni; Non chiederci la parola; Spesso il male vivere ho incontrato; Da Le Occasioni: Non recidere forbice; La casa dei doganieri; Da La bufera: Piccolo testamento; Da Satura: Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. 6 Modulo (storico-culturale) Dal dopoguerra alla globalizzazione: la complessità del reale! Il neorealismo. L impegno politico e la ricerca di autenticità.! Italo Calvino Il sentiero dei nidi di ragno 23

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli