La gestione delle reti ed il protocollo SNMP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione delle reti ed il protocollo SNMP"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II La gestione delle reti ed il protocollo SNMP Simon Pietro Romano

2 Nota di copyright per le slide COMICS Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze è stato ideato e realizzato dai ricercatori del Gruppo di Ricerca COMICS del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell Università di Napoli. Esse possono essere impiegate liberamente per fini didattici esclusivamente senza fini di lucro, a meno di un esplicito consenso scritto degli Autori. Nell uso dovranno essere esplicitamente riportati la fonte e gli Autori. Gli Autori non sono responsabili per eventuali imprecisioni contenute in tali trasparenze né per eventuali problemi, danni o malfunzionamenti derivanti dal loro uso o applicazione. Autori: Roberto Canonico, Simon Pietro Romano, Giorgio Ventre

3 Nota di copyright per le slide di Kurose/Ross Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo che voi possiate aggiungere e cancellare slide (compresa questa) o modificarne il contenuto in base alle vostre esigenze. Come potete facilmente immaginare, da parte nostra abbiamo fatto un sacco di lavoro. In cambio, vi chiediamo solo di rispettare le seguenti condizioni: se utilizzate queste slide (ad esempio, in aula) in una forma sostanzialmente inalterata, fate riferimento alla fonte (dopo tutto, ci piacerebbe che la gente usasse il nostro libro!) se rendete disponibili queste slide in una forma sostanzialmente inalterata su un sito web, indicate che si tratta di un adattamento (o che sono identiche) delle nostre slide, e inserite la nota relativa al copyright. Thanks and enjoy! JFK/KWR All material copyright J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Paravia Bruno Mondadori Spa 2008

4 Cos è la gestione della rete? La gestione della rete include il funzionamento, l integrazione e il coordinamento di hardware, software e personale umano per monitorare, verificare, sondare, configurare, analizzare, valutare e controllare le risorse della rete affinché soddisfino le funzionalità in tempo reale e i requisiti di qualità del servizio a un costo accettabile."

5 Approccio top-down (1) Un Provider è innanzitutto una struttura organizzata con scopi di lucro Il mestiere del Provider è di: guadagnarsi nuovi clienti soddisfare i clienti acquisiti farsi pagare Tutto ciò costituisce il suo Core Business Il business viene realizzato dalle persone attraverso un insieme di processi aziendali Business processes Comportamenti Comunicazioni Procedure

6 Approccio top-down (2) Customer Care Billing Service Offer definition Inventory Service Provisioning Service Configuration Assurance Service Monitoring Network planning and provisioning Network

7 Approccio top-down (3)

8 Approccio top-down (4) Aree funzionali di network management (ISO) Configuration Management Fault Management Performance Management Security Management Accounting Management

9 Approccio top-down (5) Mantenere alta la soddisfazione del cliente Mantenere alti i livelli di servizio fornito Good enough quality il cliente non deve risentire di eventuali problemi Le prestazioni fornite devono essere in linea con quanto concordato Concetto di contratto tra cliente e fornitore: Service Level Agreement (SLA) Compromesso tra livello di qualità e costi del processo per mantenerlo (trade-off) Finché il cliente non si accorge di un disservizio: tutt OK!

10 Approccio top-down (6) Gestione reattiva: si aspetta la telefonata del cliente per ottenere segnalazioni sullo stato di salute della rete tra l inizio del disservizio e la risoluzione possono passare ore tempi di comunicazione esterna, interna, tempi di indagine, tempi di ripristino Gestione proattiva: si monitora lo stato di salute della rete in permanenza misure, ricezione notifiche si individua la sorgente di eventuali problemi, e si attiva la necessaria procedura di risoluzione idealmente, tutto può avvenire anche prima che il cliente se ne accorga (o che lo segnali, se il ripristino è tempestivo)

11 Approccio top-down (7) La gestione può avvenire su base reclamo telefonata infuriata del cliente su base allarme ricezione di indicazioni asincrone dagli apparati su base misure interrogazioni regolari degli apparati, calcolo di tendenze In ogni caso, gestire vuol dire essenzialmente: aspettare (in maniera più o meno attiva) diagnosticare (appena avvenuta una segnalazione) risolvere (appena fatta la diagnosi) Non sempre è richiesto l intervento di un operatore...

12 Approccio bottom-up (1) Quali sono gli elementi costitutivi di una rete? doppino telefonico, cavi coassiali, fibre ottiche, antenne, parabole, ponti radio, ponti ottici, ripetitori, hub, concentratori (MUX), BSS wireless, satelliti bridge, router firewall, gateway centrali di collegamento, Point of Presence (PoP) software, sistemi di controllo, end-point workstation, file server, stampanti mail server, web server, news server

13 Approccio bottom-up (2) Router (switch) Interfaccia di controllo (porta seriale) Interfacce di rete Da lì partono i cavi coassiali o ottici verso gli altri apparati Dietro ad ogni interfaccia c è una scheda elettronica (che può guastarsi)

14 Approccio bottom-up (3) Controllo apparato attraverso segnali out-of-band : attraverso un interfaccia dedicata (control interface, ad es. linea seriale) per collegarsi bisogna essere fisicamente accanto all apparato attraverso una infrastruttura di controllo: rete parallela di controllo degli apparati bisogna ridondare le linee che accedono agli apparati, e creare una struttura gerarchica di controllo Controllo apparato attraverso segnali in-band : viene usata la stessa infrastruttura trasmissiva per il controllo dell apparato in caso di non raggiungibilità per disservizio a livello trasmissivo, si perde la visibilità sull apparato per la diagnosi e la risoluzione

15 Approccio bottom-up (4) La salute della rete è anche la salute di ognuno dei suoi componenti La gestione dell apparato consiste nel modellare il suo stato di funzionamento, e nel monitoraggio di questo stato Questa informazione va raccolta, aggregata o correlata, e sintetizzata per essere utile ad un operatore o un automa decisionale

16 Strumenti di gestione Strumenti rudimentali: ping, per verificare la raggiungilibità di un indirizzo basato su ICMP, spesso filtrato dai router, ad es. in presenza di NAT traceroute, per verificare il percorso seguito da un pacchetto IP per raggiungere un indirizzo telnet, per accedere ai router e verificare la configurazione e lo stato delle interfacce N.B.: router di marche diverse hanno comandi diversi

17 Necessità di un architettura Cause: eterogeneità apparati numerosità apparati complessità topologica delle reti criticità del mantenimento del servizio Esigenze: separazione dei ruoli modello dati uniforme protocollo di gestione standard protocollo di comunicazione standard architettura di gestione flessibile e scalabile riduzione costi

18 Concetti principali Managed entity/managed object Agent Structure of Management Information (SMI) Management protocol Manager, Management Application

19 Managed Object (1) Una modellizzazione dell oggetto gestito Un informazione di gestione relativa ad un oggetto o una funzione Esempi: data di avvio di un apparato stato (up/down) di un interfaccia tabelle di routing di un router quantità di fogli disponibili in una stampante...

20 Managed Object (2) A managed object is the abstracted view of a resource that presents its properties as seen by (and for the purpose of) management (ISO ) E una rappresentazione astratta di una risorsa reale

21 Agent Un entità software di gestione non è l entità gestita! Permette l accesso all informazione da gestire da parte delle applicazioni esterne Permette la modifica di certi parametri di funzionamento Fornisce funzioni di: Polling Misure Monitoraggio Statistiche

22 MIB - SMI MIB: Management Information Base SMI: Structure of Management Information La MIB: non è una base dati è una specifica di interfaccia impiegabile per accedere all informazione gestita Rappresenta, in maniera strutturata, l insieme delle informazioni oggetti, tabelle, ecc.

23 Manager Anche chiamato Management Station Punto di raccolta e di elaborazione delle informazioni ricavate dagli Agent degli apparati Funzioni principali: gestione dei dati di topologia della rete (Inventory) raccolta e analisi dei dati di stato e di utilizzo (traffico) strumenti di fault recovery (es: riconfigurazione) presentazione grafica del dominio gestito con informazioni in tempo reale sugli oggetti gestiti

24 Management Protocol Specifica le modalità di comunicazione remota tra l Agent e il Manager: struttura dei messaggi software scambiati formato dei dati trasmessi problema: grande diversità della rappresentazione dei dati! semantica dei messaggi scambiati dinamica degli scambi identificazione dell informazione gestita

25 Architettura di gestione (1) Tanti apparati eterogenei (ruoli, modelli ), ognuno con il proprio agent 1 o N manager per ogni tecnologia/rete insieme omogeneo di ruoli Piattaforma di gestione integrata delle reti Manager of Managers MoM

26 Architettura di gestione (2) Il paradigma Manager-Agent Manager MIB MIB MIB Agent Agent Agent

27 Architettura di gestione (3) Integrated Network Model Manager of Managers Manager to Manager Network Model Network Model Manager Manager Manager Network Model Manager-Agent Rete SDH Rete ATM Rete IP

28 Infrastrutture di gestione Definizioni: Entità di gestione Entità di gestione dati Protocollo di gestione della rete agente dati agente dati oggetto della gestione agente dati oggetto della gestione agente dati oggetto della gestione I dispositivi da gestire contengono gli oggetti della gestione i cui dati sono raccolti in una base di dati di gestione (MIB) oggetto della gestione

29 Gestione degli standard Internet OSI CMIP Common Management Information Protocol (CMIP) Progettato alla fine degli anni ottanta: lo standard che unifica la gestione della rete Standardizzato troppo lentamente SNMP: Simple Network Management Protocol radici di Internet (SGMP Simple Gateway Management Protocol) inizialmente semplice utilizzato rapidamente crescita: dimensione, complessità attualmente: SNMPv3 è lo standard de facto di gestione della rete

30 Panoramica di SNMP: 4 parti chiave Base di dati di gestione (MIB): raccolta di informazioni distribuite per la gestione della rete Struttura delle informazioni di gestione (SMI): linguaggio di specifica dei dati per gli oggetti MIB Protocollo SNMP scambio delle informazioni fra gli agenti di gestione e invio dei comandi alle entità da gestire Funzionalità di sicurezza e amministrazione caratteristiche innovative di SNMPv3

31 SMI: linguaggio di specifica dei dati Scopo: sintassi, semantica chiara e ben definita della gestione dei dati Tipi di dati fondamentali: semplici, tediosi OBJECT-TYPE Tipo di dati, stato, semantica dell oggetto da gestire MODULE-IDENTITY raggruppamento di oggetti affini in un modulo MIB Tipi di dati fondamentali INTEGER Integer32 Unsigned32 OCTET STRING OBJECT IDENTIFIED IPaddress Counter32 Counter64 Gauge32 Time Ticks Opaque

32 SNMP MIB Modulo MIB specificato tramite SMI MODULE-IDENTITY (100 moduli MIB standard e molte altre specifiche private di moduli MIB) MODULO OBJECT-TYPE: OBJECT-TYPE: OBJECT-TYPE: Oggetti specificati tramite SMI Costrutto OBJECT-TYPE

33 SMI: esempio di oggetto e modulo MIB OBJECT-TYPE: ipindelivers ipindelivers OBJECT-TYPE SYNTAX Counter32 MAX-ACCESS read-only STATUS current DESCRIPTION Il numero totale di datagrammi ricevuti e passati ai protocolli IP utente (compreso ICMP) ::= { ip 9} MODULE-IDENTITY: ipmib ipmib MODULE-IDENTITY LAST-UPDATED Z ORGANZATION IETF SNMPv2 Working Group CONTACT-INFO Keith McCloghrie DESCRIPTION Modulo MIB per la gestione delle implementazioni di IP e ICMP, escludendo la loro gestione dei cammini IP REVISION Z ::= {mib-2 48}

34 MIB: esempio di modulo UDP ID dell oggetto Nome Tipo Descrizione UDPInDatagrams Counter32 Numero di datagrammi UDP recapitati UDPNoPorts Counter32 Numero di datagrammi UDP ricevuti per i quali non c erano applicazioni alla porta di destinazione UDPInErrors Counter32 Numero di datagrammi UDP ricevuti, ma non recapitati (per motivi diversi dal precedente) UDPOutDatagrams Counter32 Numero di datagrammi UDP inviati dall entità UDPTable SEQUENCE Sequenza di oggetti UdpEntry, uno per ogni porta di applicazione, con l indirizzo IP e il numero di porta dell applicazione

35 Denominazione SNMP domanda: come chiamare un oggetto standard qualsiasi (protocollo, dato...) in una rete standard qualsiasi? risposta: albero di identificazione degli oggetti ISO: denominazione gerarchica di tutti gli oggetti ogni ramo ha un nome e un numero ISO Ente riconosciuto da ISO US DoD Internet udpindatagrams UDP MIB-2 management

36 Albero di identificazione degli oggetti OSI Cfr. sito: /objectid/top.html

37 Protocollo SNMP Due modalità per trasportare le informazioni MIB: Entità di gestione Entità di gestione richiesta risposta messaggio trappola agente dati agente dati oggetto della gestione Modalità richiesta-risposta oggetto della gestione Modalità messaggio trappola

38 Protocollo SNMP: tipi di messaggi Tipo di messaggio GetRequest GetNextRequest GetBulkRequest InformRequest SetRequest Response Trap Funzione Dal manager all agente per richiedere i valori di oggetti MIB (istanza, prossimo nella lista, blocco) Da manger a manager: fornisce un valore MIB Da manger a agent: imposta il valore MIB Da agente a manager: valore, risposta alla richiesta Da agente a manager: informa il manager di un evento inatteso

39 Il messaggio InformRequest di SNMPv2 Fonte: The TCP/IP Guide

40 Protocollo SNMP: formati dei messaggi

41 Struttura della PDU SNMP Message Version Community SNMP PDU PDU Type Request ID Error Status Error Index Variable Bindings SNMP PDU Name 1 Value 1 Name 2 Value 2.. Name n Variable bindings Value n

42 Campi della PDU (1) Version: vale 1 per SNMPv1, 2 per SNMPv2, ecc.. Community: password di autenticazione in chiaro PDU Type: non è un vero campo del messaggio, ma una meta-informazione di tipo ASN.1 del messaggio cfr slide seguenti Request ID: ID univoco per ogni richiesta; permette di appaiare le risposte (in caso di perdita di sequenza) Error Status: vale 0 nelle richieste, e nelle risposte fornisce un esito della richiesta: noerror (0) nosuchname (2) readonly (4) toobig (1) badvalue (3) generr (5)

43 Campi della PDU (2) Error Index: vale 0 nelle richieste nelle risposte, è non-nullo in caso di errore, e dà l indice della prima variabile che ha causato l errore Variable Bindings (varbinds): lista di coppie nome/valore Nelle GetRequest e GetNextRequest il valore è nullo. è quindi possibile richiedere più variabili in contemporanea viene eseguita la stessa operazione (get, get-next, set) su tutte le variabili permette di limitare il numero di richieste da fare e gli scambi manager-agent utilizzato molto per la scansione delle tabelle...

44 Struttura della Trap SNMP Message Version Community SNMP PDU PDU Type Enterprise Agent Addr. Generic-trap Specific-trap Timestamp SNMP PDU Variable Bindings Name 1 Value 1 Name 2 Value 2.. Name n Variable bindings Value n

45 Campi della trap Enterprise: basato sulla variabile sysobjectid permette di individuare il tipo di apparato/sottosistema originario Agent Address: indirizzo IP dell agent generatore Generic Trap: tipo di trap tra un insieme predefinito coldstart (0) linkdown (2) authenticationfailure (4) warmstart (1) linkup (3) egpneighborloss (6) enterprisespecific (6) [per le trap proprietarie cfr campo successivo] Specific Trap: tipo di trap non standard Timestamp: indica il momento in cui è stata inviata la trap Variable bindings: come per le altre PDU

46 SNMP GetRequest (1) Manager Agent get MIB response

47 SNMP GetRequest (2) Permette di richiedere il valore di una o più variabili di MIB Possibili errori: nosuchname: l oggetto non esiste o non è una foglia dell albero toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta generr: errore generico, tutti gli altri casi

48 SNMP SetRequest (1) Manager Agent set MIB response

49 SNMP SetRequest (2) Per assegnare un valore a istanze di variabili già esistenti, o per comandare azioni Possibili errori: nosuchname: l oggetto non esiste o non è una foglia dell albero badvalue: valore fornito inadeguato per il tipo toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta generr: errore generico, tutti gli altri casi

50 SNMP GetNextRequest (1) Manager Agent get-next MIB response

51 SNMP GetNextRequest (2) Restituisce il nome e il valore della successiva istanza di variabile della MIB È usata per accedere alla struttura della MIB, e per navigare tabelle Possibili errori: nosuchname: la MIB è stata scandita interamente toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta generr: errore generico, tutti gli altri casi

52 MIB di Esempio Device (1) Address (1) Info (2) iproutetable (3) Name (1) Uptime (2) Printer iproutedest (1) iproutenexthop (2) iproutemetric1 (3)

53 Approfondimento get-next (1) Un engine SNMP deve essere in grado di interpretare qualsiasi OID e stabilirne la posizione (ordine) rispetto agli OID implementati Lo stesso algoritmo si applica indipendentemente su tutte le variabili della stessa richiesta Esempio: get-next(1, 1.1, 1.2, 1.2.2) ( , , Printer-1, ) A che serve la get-next? Come usarla (bene)?

54 Approfondimento get-next (2) Per scandire una MIB intera: oid = 1 while true: (oid, value) = getnext(oid) print oid + = + value; Il prossimo OID utilizzato nella get-next è quello ritornato dal comando get-next appena realizzato Un OID restituito dalla get-next è sempre un OID foglia; la get-next su quell OID ci restituisce sempre la prossima foglia (nell ordine lessicografico della MIB)

55 Approfondimento get-next (3) SNMP walk Device (1) Address (1) Info (2) iproutetable (3) valore (0) Name (1) Uptime (2) iproutedest (1) iproutenexthop (2) iproutemetric1 (3) valore (0) valore (0)?

56 SNMP Trap (1) Manager Agent MIB trap

57 SNMP Trap (2) Segnala un evento La ricezione di una trap non è confermata (unreliable) Gli Agent possono essere configurati in modo da: non emettere traps emettere traps solo verso manager specifici

58 Impatto dell uso di UDP UDP è connectionless e unreliable (non affidabile): l invio di un messaggio non significa la garanzia della sua consegna fatta una richiesta SNMP, la risposta arriva in maniera asincrona, senza garanzia Vanno messi in piedi meccanismi di timeout e di retry per simulare una interazione affidabile (quello che fa TCP) Ciò rimane a carico dello strato SNMP (più leggero di TCP) Il fatto di rimanere su UDP dà robustezza al meccanismo in particolare, in condizioni critiche, quali sono quelle di una rete in situazione di crisi

59 Interazione SNMP: scenario 1 Manager Agent richiesta risposta OK!

60 Interazione SNMP: scenario 2 Manager Agent richiesta risposta OK!

61 Interazione SNMP: scenario 3 Manager Agent richiesta OK! risposta ignora...

62 Interazione SNMP: scenario 4 Manager Agent richiesta KO!

63 Interazione SNMP: parametri Timeout: tempo trascorso prima di ritentare non deve essere troppo lungo, per consentire un rinvio rapido in caso di non risposta, né troppo corto per evitare rinvii inutili (vedi scenario 3) Retry count: numero di tentativi prima di dichiarare fallita la connessione non deve essere troppo basso, per dare un minimo di affidabilità, né troppo alto, per non sovraccaricare la rete di richieste

64 Proxy Management Manager Proxy Agent Oggetti gestiti SNMP MIB proxy in inglese = nel nome di qualcuno un proxy agent è un agent SNMP di cui la MIB non rappresenta informazioni di gestione dell apparato su cui gira traduce un protocollo proprietario in SNMP aggrega le informazioni di basso livello in informazioni di più alto livello

65 Meccanismi di monitoraggio Un manager SNMP monitora lo stato degli apparati attraverso una interrogazione periodica di opportune variabili di stato (polling) Trade-off sulla scelta della periodicità e delle variabili interrogate (traffico generato in rete vs. qualità delle informazioni) Le trap SNMP vengono in aiuto (in maniera unreliable) in quanto segnalano i casi eccezionali nel momento in cui accadono Trap-directed polling: il manager adegua la sua politica di polling su ricezione di trap (ad es. interrogazione completa + aumento frequenza di polling, ecc.)

66 SNMPv1: Sicurezza (1) La gestione della sicurezza da parte del protocollo SNMPv1 è estremamente elementare. Approcci più adeguati sono definiti per le versioni successive: SNMPv2 e SNMPv3 Il concetto fondamentale è quello di community, a cui sono associati dei diritti di accesso READ- ONLY o READ-WRITE La gestione delle community non viene specificata dagli standard ed è quindi lasciata all implementazione. Lo standard specifica solo che la community è una stringa che va trasmessa con il messaggio SNMP La community viaggia in chiaro sulla rete...

67 SNMPv1: Sicurezza (2) Per limitare i rischi, alcune misure: utilizzare password non banali, e cambiare spesso configurare l Agent ad inviare le trap di authenticationfailure configurare la rete (con filtri o firewalls) per impedire il traffico SNMP al di fuori dai percorsi Manager-Agent Nella realtà, gli apparati forniscono anche meccanismi di ACL (Access Control List), dove vanno inseriti gli indirizzi dei manager di fiducia

68 SNMPv3: sicurezza e amministrazione cifratura: messaggio SNMP criptato con DES autenticazione: calcola, invia MIC(m,k): esegue l operazione hash (MIC) sul messaggio (m) con chiave segreta condivisa (k) protezione dagli attacchi di replica: usa i nonce controllo dell accesso L entità SNMP conserva il database dei diritti e delle politiche di accesso per vari utenti Il database stesso è accessibile come oggetto gestito!

69 Il problema della presentazione D: una copia perfetta dei dati da memoria a memoria può risolvere il problema della comunicazione? R: non sempre! struct { char code; int x; } test; test.x = 256; test.code= a test.code test.x a test.code test.x a Formato dell host 1 Formato dell host 2 problema: formati di dati e convenzioni di memorizzazione differenti

70 Un problema di presentazione nella vita reale:

71 Presentazione: soluzioni possibili 1. Il mittente impara il formato del destinatario. Il mittente traduce il formato in quello del destinatario. Il mittente trasmette. analogia con il mondo reale? pro e contro? 2. Il mittente trasmette. Il destinatario impara il formato del mittente. Il destinatario traduce nel suo formato. analogia con il mondo reale? pro e contro? 3. Il mittente traduce in un formato indipendente dall host e trasmette. Il destinatario traduce nel suo formato. analogia con il mondo reale? pro e contro?

72 Problema della presentazione 1. Tradurre il formato specifico di un host in un formato indipendente dall host 2. Trasmettere i dati in un formato indipendente dall host 3. Tradurre il formato indipendente dall host nel formato dell host remoto

73 ASN.1: sintesi della notazione sintattica 1 Standard ISO X.680 Largamente utilizzato in Internet Come mangiare le verdure; è bene conoscerlo! Tipi di dati definiti, costruttori di oggetti come SMI BER: Basic Encoding Rules (regole base per la codifica) specifica come trasmettere gli oggetti di dati definiti secondo ASN.1 ogni oggetto trasmesso ha una codifica TLV (Tipo, Lunghezza, Valore)

74 Codifica TLV Idea: i dati trasmessi sono auto-identificati T: Tipo di dati, uno dei tipi definiti da ASN.1 L: Lunghezza dei dati in byte V: Valore dei dati, codificati secondo lo standard ASN.1 Etichetta Tipo Boolean Integer Bitstring Octet string Null Object Identifier Real

75 Codifica TLV Valore, 259 Lunghezza, 2 byte Tipo = 2, integer Valore, 5 ottetti (caratteri) Lunghezza, 5 byte Tipo = 4, octet string

76 Un esempio di MIB browser

77 Dietro le quinte: get-request (1/2)

78 Dietro le quinte: get-response (2/2)

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli