La gestione delle reti ed il protocollo SNMP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione delle reti ed il protocollo SNMP"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II La gestione delle reti ed il protocollo SNMP Simon Pietro Romano

2 Nota di copyright per le slide COMICS Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze è stato ideato e realizzato dai ricercatori del Gruppo di Ricerca COMICS del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell Università di Napoli. Esse possono essere impiegate liberamente per fini didattici esclusivamente senza fini di lucro, a meno di un esplicito consenso scritto degli Autori. Nell uso dovranno essere esplicitamente riportati la fonte e gli Autori. Gli Autori non sono responsabili per eventuali imprecisioni contenute in tali trasparenze né per eventuali problemi, danni o malfunzionamenti derivanti dal loro uso o applicazione. Autori: Roberto Canonico, Simon Pietro Romano, Giorgio Ventre

3 Nota di copyright per le slide di Kurose/Ross Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo che voi possiate aggiungere e cancellare slide (compresa questa) o modificarne il contenuto in base alle vostre esigenze. Come potete facilmente immaginare, da parte nostra abbiamo fatto un sacco di lavoro. In cambio, vi chiediamo solo di rispettare le seguenti condizioni: se utilizzate queste slide (ad esempio, in aula) in una forma sostanzialmente inalterata, fate riferimento alla fonte (dopo tutto, ci piacerebbe che la gente usasse il nostro libro!) se rendete disponibili queste slide in una forma sostanzialmente inalterata su un sito web, indicate che si tratta di un adattamento (o che sono identiche) delle nostre slide, e inserite la nota relativa al copyright. Thanks and enjoy! JFK/KWR All material copyright J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Paravia Bruno Mondadori Spa 2008

4 Cos è la gestione della rete? La gestione della rete include il funzionamento, l integrazione e il coordinamento di hardware, software e personale umano per monitorare, verificare, sondare, configurare, analizzare, valutare e controllare le risorse della rete affinché soddisfino le funzionalità in tempo reale e i requisiti di qualità del servizio a un costo accettabile."

5 Approccio top-down (1) Un Provider è innanzitutto una struttura organizzata con scopi di lucro Il mestiere del Provider è di: guadagnarsi nuovi clienti soddisfare i clienti acquisiti farsi pagare Tutto ciò costituisce il suo Core Business Il business viene realizzato dalle persone attraverso un insieme di processi aziendali Business processes Comportamenti Comunicazioni Procedure

6 Approccio top-down (2) Customer Care Billing Service Offer definition Inventory Service Provisioning Service Configuration Assurance Service Monitoring Network planning and provisioning Network

7 Approccio top-down (3)

8 Approccio top-down (4) Aree funzionali di network management (ISO) Configuration Management Fault Management Performance Management Security Management Accounting Management

9 Approccio top-down (5) Mantenere alta la soddisfazione del cliente Mantenere alti i livelli di servizio fornito Good enough quality il cliente non deve risentire di eventuali problemi Le prestazioni fornite devono essere in linea con quanto concordato Concetto di contratto tra cliente e fornitore: Service Level Agreement (SLA) Compromesso tra livello di qualità e costi del processo per mantenerlo (trade-off) Finché il cliente non si accorge di un disservizio: tutt OK!

10 Approccio top-down (6) Gestione reattiva: si aspetta la telefonata del cliente per ottenere segnalazioni sullo stato di salute della rete tra l inizio del disservizio e la risoluzione possono passare ore tempi di comunicazione esterna, interna, tempi di indagine, tempi di ripristino Gestione proattiva: si monitora lo stato di salute della rete in permanenza misure, ricezione notifiche si individua la sorgente di eventuali problemi, e si attiva la necessaria procedura di risoluzione idealmente, tutto può avvenire anche prima che il cliente se ne accorga (o che lo segnali, se il ripristino è tempestivo)

11 Approccio top-down (7) La gestione può avvenire su base reclamo telefonata infuriata del cliente su base allarme ricezione di indicazioni asincrone dagli apparati su base misure interrogazioni regolari degli apparati, calcolo di tendenze In ogni caso, gestire vuol dire essenzialmente: aspettare (in maniera più o meno attiva) diagnosticare (appena avvenuta una segnalazione) risolvere (appena fatta la diagnosi) Non sempre è richiesto l intervento di un operatore...

12 Approccio bottom-up (1) Quali sono gli elementi costitutivi di una rete? doppino telefonico, cavi coassiali, fibre ottiche, antenne, parabole, ponti radio, ponti ottici, ripetitori, hub, concentratori (MUX), BSS wireless, satelliti bridge, router firewall, gateway centrali di collegamento, Point of Presence (PoP) software, sistemi di controllo, end-point workstation, file server, stampanti mail server, web server, news server

13 Approccio bottom-up (2) Router (switch) Interfaccia di controllo (porta seriale) Interfacce di rete Da lì partono i cavi coassiali o ottici verso gli altri apparati Dietro ad ogni interfaccia c è una scheda elettronica (che può guastarsi)

14 Approccio bottom-up (3) Controllo apparato attraverso segnali out-of-band : attraverso un interfaccia dedicata (control interface, ad es. linea seriale) per collegarsi bisogna essere fisicamente accanto all apparato attraverso una infrastruttura di controllo: rete parallela di controllo degli apparati bisogna ridondare le linee che accedono agli apparati, e creare una struttura gerarchica di controllo Controllo apparato attraverso segnali in-band : viene usata la stessa infrastruttura trasmissiva per il controllo dell apparato in caso di non raggiungibilità per disservizio a livello trasmissivo, si perde la visibilità sull apparato per la diagnosi e la risoluzione

15 Approccio bottom-up (4) La salute della rete è anche la salute di ognuno dei suoi componenti La gestione dell apparato consiste nel modellare il suo stato di funzionamento, e nel monitoraggio di questo stato Questa informazione va raccolta, aggregata o correlata, e sintetizzata per essere utile ad un operatore o un automa decisionale

16 Strumenti di gestione Strumenti rudimentali: ping, per verificare la raggiungilibità di un indirizzo basato su ICMP, spesso filtrato dai router, ad es. in presenza di NAT traceroute, per verificare il percorso seguito da un pacchetto IP per raggiungere un indirizzo telnet, per accedere ai router e verificare la configurazione e lo stato delle interfacce N.B.: router di marche diverse hanno comandi diversi

17 Necessità di un architettura Cause: eterogeneità apparati numerosità apparati complessità topologica delle reti criticità del mantenimento del servizio Esigenze: separazione dei ruoli modello dati uniforme protocollo di gestione standard protocollo di comunicazione standard architettura di gestione flessibile e scalabile riduzione costi

18 Concetti principali Managed entity/managed object Agent Structure of Management Information (SMI) Management protocol Manager, Management Application

19 Managed Object (1) Una modellizzazione dell oggetto gestito Un informazione di gestione relativa ad un oggetto o una funzione Esempi: data di avvio di un apparato stato (up/down) di un interfaccia tabelle di routing di un router quantità di fogli disponibili in una stampante...

20 Managed Object (2) A managed object is the abstracted view of a resource that presents its properties as seen by (and for the purpose of) management (ISO ) E una rappresentazione astratta di una risorsa reale

21 Agent Un entità software di gestione non è l entità gestita! Permette l accesso all informazione da gestire da parte delle applicazioni esterne Permette la modifica di certi parametri di funzionamento Fornisce funzioni di: Polling Misure Monitoraggio Statistiche

22 MIB - SMI MIB: Management Information Base SMI: Structure of Management Information La MIB: non è una base dati è una specifica di interfaccia impiegabile per accedere all informazione gestita Rappresenta, in maniera strutturata, l insieme delle informazioni oggetti, tabelle, ecc.

23 Manager Anche chiamato Management Station Punto di raccolta e di elaborazione delle informazioni ricavate dagli Agent degli apparati Funzioni principali: gestione dei dati di topologia della rete (Inventory) raccolta e analisi dei dati di stato e di utilizzo (traffico) strumenti di fault recovery (es: riconfigurazione) presentazione grafica del dominio gestito con informazioni in tempo reale sugli oggetti gestiti

24 Management Protocol Specifica le modalità di comunicazione remota tra l Agent e il Manager: struttura dei messaggi software scambiati formato dei dati trasmessi problema: grande diversità della rappresentazione dei dati! semantica dei messaggi scambiati dinamica degli scambi identificazione dell informazione gestita

25 Architettura di gestione (1) Tanti apparati eterogenei (ruoli, modelli ), ognuno con il proprio agent 1 o N manager per ogni tecnologia/rete insieme omogeneo di ruoli Piattaforma di gestione integrata delle reti Manager of Managers MoM

26 Architettura di gestione (2) Il paradigma Manager-Agent Manager MIB MIB MIB Agent Agent Agent

27 Architettura di gestione (3) Integrated Network Model Manager of Managers Manager to Manager Network Model Network Model Manager Manager Manager Network Model Manager-Agent Rete SDH Rete ATM Rete IP

28 Infrastrutture di gestione Definizioni: Entità di gestione Entità di gestione dati Protocollo di gestione della rete agente dati agente dati oggetto della gestione agente dati oggetto della gestione agente dati oggetto della gestione I dispositivi da gestire contengono gli oggetti della gestione i cui dati sono raccolti in una base di dati di gestione (MIB) oggetto della gestione

29 Gestione degli standard Internet OSI CMIP Common Management Information Protocol (CMIP) Progettato alla fine degli anni ottanta: lo standard che unifica la gestione della rete Standardizzato troppo lentamente SNMP: Simple Network Management Protocol radici di Internet (SGMP Simple Gateway Management Protocol) inizialmente semplice utilizzato rapidamente crescita: dimensione, complessità attualmente: SNMPv3 è lo standard de facto di gestione della rete

30 Panoramica di SNMP: 4 parti chiave Base di dati di gestione (MIB): raccolta di informazioni distribuite per la gestione della rete Struttura delle informazioni di gestione (SMI): linguaggio di specifica dei dati per gli oggetti MIB Protocollo SNMP scambio delle informazioni fra gli agenti di gestione e invio dei comandi alle entità da gestire Funzionalità di sicurezza e amministrazione caratteristiche innovative di SNMPv3

31 SMI: linguaggio di specifica dei dati Scopo: sintassi, semantica chiara e ben definita della gestione dei dati Tipi di dati fondamentali: semplici, tediosi OBJECT-TYPE Tipo di dati, stato, semantica dell oggetto da gestire MODULE-IDENTITY raggruppamento di oggetti affini in un modulo MIB Tipi di dati fondamentali INTEGER Integer32 Unsigned32 OCTET STRING OBJECT IDENTIFIED IPaddress Counter32 Counter64 Gauge32 Time Ticks Opaque

32 SNMP MIB Modulo MIB specificato tramite SMI MODULE-IDENTITY (100 moduli MIB standard e molte altre specifiche private di moduli MIB) MODULO OBJECT-TYPE: OBJECT-TYPE: OBJECT-TYPE: Oggetti specificati tramite SMI Costrutto OBJECT-TYPE

33 SMI: esempio di oggetto e modulo MIB OBJECT-TYPE: ipindelivers ipindelivers OBJECT-TYPE SYNTAX Counter32 MAX-ACCESS read-only STATUS current DESCRIPTION Il numero totale di datagrammi ricevuti e passati ai protocolli IP utente (compreso ICMP) ::= { ip 9} MODULE-IDENTITY: ipmib ipmib MODULE-IDENTITY LAST-UPDATED Z ORGANZATION IETF SNMPv2 Working Group CONTACT-INFO Keith McCloghrie DESCRIPTION Modulo MIB per la gestione delle implementazioni di IP e ICMP, escludendo la loro gestione dei cammini IP REVISION Z ::= {mib-2 48}

34 MIB: esempio di modulo UDP ID dell oggetto Nome Tipo Descrizione UDPInDatagrams Counter32 Numero di datagrammi UDP recapitati UDPNoPorts Counter32 Numero di datagrammi UDP ricevuti per i quali non c erano applicazioni alla porta di destinazione UDPInErrors Counter32 Numero di datagrammi UDP ricevuti, ma non recapitati (per motivi diversi dal precedente) UDPOutDatagrams Counter32 Numero di datagrammi UDP inviati dall entità UDPTable SEQUENCE Sequenza di oggetti UdpEntry, uno per ogni porta di applicazione, con l indirizzo IP e il numero di porta dell applicazione

35 Denominazione SNMP domanda: come chiamare un oggetto standard qualsiasi (protocollo, dato...) in una rete standard qualsiasi? risposta: albero di identificazione degli oggetti ISO: denominazione gerarchica di tutti gli oggetti ogni ramo ha un nome e un numero ISO Ente riconosciuto da ISO US DoD Internet udpindatagrams UDP MIB-2 management

36 Albero di identificazione degli oggetti OSI Cfr. sito: /objectid/top.html

37 Protocollo SNMP Due modalità per trasportare le informazioni MIB: Entità di gestione Entità di gestione richiesta risposta messaggio trappola agente dati agente dati oggetto della gestione Modalità richiesta-risposta oggetto della gestione Modalità messaggio trappola

38 Protocollo SNMP: tipi di messaggi Tipo di messaggio GetRequest GetNextRequest GetBulkRequest InformRequest SetRequest Response Trap Funzione Dal manager all agente per richiedere i valori di oggetti MIB (istanza, prossimo nella lista, blocco) Da manger a manager: fornisce un valore MIB Da manger a agent: imposta il valore MIB Da agente a manager: valore, risposta alla richiesta Da agente a manager: informa il manager di un evento inatteso

39 Il messaggio InformRequest di SNMPv2 Fonte: The TCP/IP Guide

40 Protocollo SNMP: formati dei messaggi

41 Struttura della PDU SNMP Message Version Community SNMP PDU PDU Type Request ID Error Status Error Index Variable Bindings SNMP PDU Name 1 Value 1 Name 2 Value 2.. Name n Variable bindings Value n

42 Campi della PDU (1) Version: vale 1 per SNMPv1, 2 per SNMPv2, ecc.. Community: password di autenticazione in chiaro PDU Type: non è un vero campo del messaggio, ma una meta-informazione di tipo ASN.1 del messaggio cfr slide seguenti Request ID: ID univoco per ogni richiesta; permette di appaiare le risposte (in caso di perdita di sequenza) Error Status: vale 0 nelle richieste, e nelle risposte fornisce un esito della richiesta: noerror (0) nosuchname (2) readonly (4) toobig (1) badvalue (3) generr (5)

43 Campi della PDU (2) Error Index: vale 0 nelle richieste nelle risposte, è non-nullo in caso di errore, e dà l indice della prima variabile che ha causato l errore Variable Bindings (varbinds): lista di coppie nome/valore Nelle GetRequest e GetNextRequest il valore è nullo. è quindi possibile richiedere più variabili in contemporanea viene eseguita la stessa operazione (get, get-next, set) su tutte le variabili permette di limitare il numero di richieste da fare e gli scambi manager-agent utilizzato molto per la scansione delle tabelle...

44 Struttura della Trap SNMP Message Version Community SNMP PDU PDU Type Enterprise Agent Addr. Generic-trap Specific-trap Timestamp SNMP PDU Variable Bindings Name 1 Value 1 Name 2 Value 2.. Name n Variable bindings Value n

45 Campi della trap Enterprise: basato sulla variabile sysobjectid permette di individuare il tipo di apparato/sottosistema originario Agent Address: indirizzo IP dell agent generatore Generic Trap: tipo di trap tra un insieme predefinito coldstart (0) linkdown (2) authenticationfailure (4) warmstart (1) linkup (3) egpneighborloss (6) enterprisespecific (6) [per le trap proprietarie cfr campo successivo] Specific Trap: tipo di trap non standard Timestamp: indica il momento in cui è stata inviata la trap Variable bindings: come per le altre PDU

46 SNMP GetRequest (1) Manager Agent get MIB response

47 SNMP GetRequest (2) Permette di richiedere il valore di una o più variabili di MIB Possibili errori: nosuchname: l oggetto non esiste o non è una foglia dell albero toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta generr: errore generico, tutti gli altri casi

48 SNMP SetRequest (1) Manager Agent set MIB response

49 SNMP SetRequest (2) Per assegnare un valore a istanze di variabili già esistenti, o per comandare azioni Possibili errori: nosuchname: l oggetto non esiste o non è una foglia dell albero badvalue: valore fornito inadeguato per il tipo toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta generr: errore generico, tutti gli altri casi

50 SNMP GetNextRequest (1) Manager Agent get-next MIB response

51 SNMP GetNextRequest (2) Restituisce il nome e il valore della successiva istanza di variabile della MIB È usata per accedere alla struttura della MIB, e per navigare tabelle Possibili errori: nosuchname: la MIB è stata scandita interamente toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta generr: errore generico, tutti gli altri casi

52 MIB di Esempio Device (1) Address (1) Info (2) iproutetable (3) Name (1) Uptime (2) Printer iproutedest (1) iproutenexthop (2) iproutemetric1 (3)

53 Approfondimento get-next (1) Un engine SNMP deve essere in grado di interpretare qualsiasi OID e stabilirne la posizione (ordine) rispetto agli OID implementati Lo stesso algoritmo si applica indipendentemente su tutte le variabili della stessa richiesta Esempio: get-next(1, 1.1, 1.2, 1.2.2) ( , , Printer-1, ) A che serve la get-next? Come usarla (bene)?

54 Approfondimento get-next (2) Per scandire una MIB intera: oid = 1 while true: (oid, value) = getnext(oid) print oid + = + value; Il prossimo OID utilizzato nella get-next è quello ritornato dal comando get-next appena realizzato Un OID restituito dalla get-next è sempre un OID foglia; la get-next su quell OID ci restituisce sempre la prossima foglia (nell ordine lessicografico della MIB)

55 Approfondimento get-next (3) SNMP walk Device (1) Address (1) Info (2) iproutetable (3) valore (0) Name (1) Uptime (2) iproutedest (1) iproutenexthop (2) iproutemetric1 (3) valore (0) valore (0)?

56 SNMP Trap (1) Manager Agent MIB trap

57 SNMP Trap (2) Segnala un evento La ricezione di una trap non è confermata (unreliable) Gli Agent possono essere configurati in modo da: non emettere traps emettere traps solo verso manager specifici

58 Impatto dell uso di UDP UDP è connectionless e unreliable (non affidabile): l invio di un messaggio non significa la garanzia della sua consegna fatta una richiesta SNMP, la risposta arriva in maniera asincrona, senza garanzia Vanno messi in piedi meccanismi di timeout e di retry per simulare una interazione affidabile (quello che fa TCP) Ciò rimane a carico dello strato SNMP (più leggero di TCP) Il fatto di rimanere su UDP dà robustezza al meccanismo in particolare, in condizioni critiche, quali sono quelle di una rete in situazione di crisi

59 Interazione SNMP: scenario 1 Manager Agent richiesta risposta OK!

60 Interazione SNMP: scenario 2 Manager Agent richiesta risposta OK!

61 Interazione SNMP: scenario 3 Manager Agent richiesta OK! risposta ignora...

62 Interazione SNMP: scenario 4 Manager Agent richiesta KO!

63 Interazione SNMP: parametri Timeout: tempo trascorso prima di ritentare non deve essere troppo lungo, per consentire un rinvio rapido in caso di non risposta, né troppo corto per evitare rinvii inutili (vedi scenario 3) Retry count: numero di tentativi prima di dichiarare fallita la connessione non deve essere troppo basso, per dare un minimo di affidabilità, né troppo alto, per non sovraccaricare la rete di richieste

64 Proxy Management Manager Proxy Agent Oggetti gestiti SNMP MIB proxy in inglese = nel nome di qualcuno un proxy agent è un agent SNMP di cui la MIB non rappresenta informazioni di gestione dell apparato su cui gira traduce un protocollo proprietario in SNMP aggrega le informazioni di basso livello in informazioni di più alto livello

65 Meccanismi di monitoraggio Un manager SNMP monitora lo stato degli apparati attraverso una interrogazione periodica di opportune variabili di stato (polling) Trade-off sulla scelta della periodicità e delle variabili interrogate (traffico generato in rete vs. qualità delle informazioni) Le trap SNMP vengono in aiuto (in maniera unreliable) in quanto segnalano i casi eccezionali nel momento in cui accadono Trap-directed polling: il manager adegua la sua politica di polling su ricezione di trap (ad es. interrogazione completa + aumento frequenza di polling, ecc.)

66 SNMPv1: Sicurezza (1) La gestione della sicurezza da parte del protocollo SNMPv1 è estremamente elementare. Approcci più adeguati sono definiti per le versioni successive: SNMPv2 e SNMPv3 Il concetto fondamentale è quello di community, a cui sono associati dei diritti di accesso READ- ONLY o READ-WRITE La gestione delle community non viene specificata dagli standard ed è quindi lasciata all implementazione. Lo standard specifica solo che la community è una stringa che va trasmessa con il messaggio SNMP La community viaggia in chiaro sulla rete...

67 SNMPv1: Sicurezza (2) Per limitare i rischi, alcune misure: utilizzare password non banali, e cambiare spesso configurare l Agent ad inviare le trap di authenticationfailure configurare la rete (con filtri o firewalls) per impedire il traffico SNMP al di fuori dai percorsi Manager-Agent Nella realtà, gli apparati forniscono anche meccanismi di ACL (Access Control List), dove vanno inseriti gli indirizzi dei manager di fiducia

68 SNMPv3: sicurezza e amministrazione cifratura: messaggio SNMP criptato con DES autenticazione: calcola, invia MIC(m,k): esegue l operazione hash (MIC) sul messaggio (m) con chiave segreta condivisa (k) protezione dagli attacchi di replica: usa i nonce controllo dell accesso L entità SNMP conserva il database dei diritti e delle politiche di accesso per vari utenti Il database stesso è accessibile come oggetto gestito!

69 Il problema della presentazione D: una copia perfetta dei dati da memoria a memoria può risolvere il problema della comunicazione? R: non sempre! struct { char code; int x; } test; test.x = 256; test.code= a test.code test.x a test.code test.x a Formato dell host 1 Formato dell host 2 problema: formati di dati e convenzioni di memorizzazione differenti

70 Un problema di presentazione nella vita reale:

71 Presentazione: soluzioni possibili 1. Il mittente impara il formato del destinatario. Il mittente traduce il formato in quello del destinatario. Il mittente trasmette. analogia con il mondo reale? pro e contro? 2. Il mittente trasmette. Il destinatario impara il formato del mittente. Il destinatario traduce nel suo formato. analogia con il mondo reale? pro e contro? 3. Il mittente traduce in un formato indipendente dall host e trasmette. Il destinatario traduce nel suo formato. analogia con il mondo reale? pro e contro?

72 Problema della presentazione 1. Tradurre il formato specifico di un host in un formato indipendente dall host 2. Trasmettere i dati in un formato indipendente dall host 3. Tradurre il formato indipendente dall host nel formato dell host remoto

73 ASN.1: sintesi della notazione sintattica 1 Standard ISO X.680 Largamente utilizzato in Internet Come mangiare le verdure; è bene conoscerlo! Tipi di dati definiti, costruttori di oggetti come SMI BER: Basic Encoding Rules (regole base per la codifica) specifica come trasmettere gli oggetti di dati definiti secondo ASN.1 ogni oggetto trasmesso ha una codifica TLV (Tipo, Lunghezza, Valore)

74 Codifica TLV Idea: i dati trasmessi sono auto-identificati T: Tipo di dati, uno dei tipi definiti da ASN.1 L: Lunghezza dei dati in byte V: Valore dei dati, codificati secondo lo standard ASN.1 Etichetta Tipo Boolean Integer Bitstring Octet string Null Object Identifier Real

75 Codifica TLV Valore, 259 Lunghezza, 2 byte Tipo = 2, integer Valore, 5 ottetti (caratteri) Lunghezza, 5 byte Tipo = 4, octet string

76 Un esempio di MIB browser

77 Dietro le quinte: get-request (1/2)

78 Dietro le quinte: get-response (2/2)

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Network Management Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Cos è il network management? Gli autonomous system (o network ): centinaia o migliaia di oggetti hardware e software che interagiscono Come

Dettagli

Reti di Calcolatori II

Reti di Calcolatori II Reti di Calcolatori II Network Management Principi Generali Giorgio Ventre COMICS LAB Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Nota di Copyright Quest insieme di trasparenze

Dettagli

Chapter 9 Gestione della rete

Chapter 9 Gestione della rete Chapter 9 Gestione della rete Roberto Petroccia petroccia@di.uniroma1.it Computer Networking: A Top Down Approach 6 th edition Jim Kurose, Keith Ross Addison-Wesley March 2012 Queste slide sono un adattamento

Dettagli

Progetto di rete: Capacity Planning

Progetto di rete: Capacity Planning Progetto di rete: Capacity Planning Il Capacity Planning comprende tutta una serie di attività, che vanno dal monitoraggio e controllo dei carichi di rete al design della topologia, mediante le quali si

Dettagli

Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Laboratorio di Reti di Calcolatori

Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Laboratorio di Reti di Calcolatori Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Laboratorio di Reti di Calcolatori SNMP Simple Network Management Protocol Santoro Umberto Roberto 21 febbraio 2007

Dettagli

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag.

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. SNMP e RMON Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s Mario Baldi Politecnico di Torino SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Di Bruni Eden Diploma di Informatica Università degli studi di Pisa Pisa Italy E-Mail: bruni@cli.di.unipi.it 1.

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP

Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP Corso di SGR 2001/2002 Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP GISELLA BRONZETTI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA MAIL: bronzett@cli.di.unipi.it

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server.

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Luca Morlando Corso di Sistemi per l'elaborazione dell'informazione: complementi di Gestione di Reti pagina 1 di 33 Indice generale Definizione

Dettagli

Il protocollo SNMP Simple Network Management System

Il protocollo SNMP Simple Network Management System Il protocollo SNMP Simple Network Management System Approfondimento per il corso di Reti di Calcolatori Prof. S. Balsamo Università Ca Foscari Venezia Anno Accademico 2003-2004 Roberta Vettorel 787587

Dettagli

Corso di SGR 2000/2001

Corso di SGR 2000/2001 Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per la gestione di un server di Posta, inserito in un cluster di macchine che forniscono l accesso alle caselle e-mail ad utenti di un ISP Di Roberto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA ANNO ACCADEMICO 2002/2003 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA CORSO DI SISTEMI DI GESTIONE DI RETI DEFINIZIONE DI UN MIB SNMP PER IL CONTROLLO DI SISTEMI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA

Dettagli

La gestione di rete OSI

La gestione di rete OSI Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete OSI pecos,giada@lenst.det.unifi.it 1 Cosa e come gestire? I servizi Workstation Gestore di rete Workstation Server Router 2 1.1 Cosa

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica

Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica Progetto di Sistemi per la gestione di reti MIB SNMP per il controllo di sistemi remoti Susanna

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti

MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti Universita degli studi di Pisa Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti Sistemi di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 SNMP Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II Docente: Simon Pietro Romano spromano@unina.

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II Docente: Simon Pietro Romano spromano@unina. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II Docente: Simon Pietro Romano spromano@unina.it Sicurezza di rete Parte seconda Nota di copyright per le slide di

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM

Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Reti Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM Agazio Gregorace gregora@cli.di.unipi.it Daniele

Dettagli

SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DI UNA RETE LOCALE

SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DI UNA RETE LOCALE RELAZIONE DI TIROCINIO SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DI UNA RETE LOCALE Laureando: Fabrizio GRANZA Relatore: prof. Francesco BOMBI Università degli studi di Padova Facoltà di Ingegneria

Dettagli

SNMP Watch Dog (Specifiche)

SNMP Watch Dog (Specifiche) SNMP Watch Dog (Specifiche) Progetto di Esame di Reti di Calcolatori Corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Realizzato da Scocco Gianfranco, matricola n. 21 03 50701 SNMP Watch Dog Sistema

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) OSPF I lucidi presentati al corso sono uno

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Network Monitoring. Utilizzare Cacti ed SNMP per il monitoraggio della rete. Gianluca Renzi. IT Integration and Security www.systemeng.

Network Monitoring. Utilizzare Cacti ed SNMP per il monitoraggio della rete. Gianluca Renzi. IT Integration and Security www.systemeng. Utilizzare ed per il monitoraggio della rete IT Integration and Security www.systemeng.it Linux Day Università di Cassino - 27 Ottobre 2012 Sommario Architettura MIB Versioni NET- Esempi Installazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Prof. Filippo Lanubile

Prof. Filippo Lanubile Firewall e IDS Firewall Sistema che costituisce l unico punto di connessione tra una rete privata e il resto di Internet Solitamente implementato in un router Implementato anche su host (firewall personale)

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle

Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle GSM. Anno Accademico 01/02 Nunziato Romano 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Capitolo 3 Livello di trasporto

Capitolo 3 Livello di trasporto Capitolo 3 Livello di trasporto Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo

Dettagli

Reti di Calcolatori II

Reti di Calcolatori II Reti di Calcolatori II SNMP Giorgio Ventre COMICS LAB Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Nota di Copyright Quest insieme di trasparenze è stato ideato e realizzato

Dettagli

La gestione di rete basata su SNMP

La gestione di rete basata su SNMP Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete basata su SNMP Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Chi gestisce cosa e come? 2.

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l automazione informatica e l innovazione tecnologica

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l automazione informatica e l innovazione tecnologica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l automazione informatica e l innovazione tecnologica Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell Informazione

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Il percorso formativo C: GESTIONE DELLA INFRASTUTTURA TECNOLOGICA 1

Il percorso formativo C: GESTIONE DELLA INFRASTUTTURA TECNOLOGICA 1 Il percorso formativo C: GESTIONE DELLA INFRASTUTTURA TECNOLOGICA 1 In questa area si possono identificare due possibili percorsi: Livello-C1 un percorso teso a creare una figura in grado di gestire le

Dettagli

1 Analisi del problema

1 Analisi del problema Università degli studi di Pisa Esame di Sistemi per l elaborazione dell informazione: Gestione di Rete. Un architettura distribuita per il management di reti GSM. De Col Daniela 5 luglio 2001 1 1 Analisi

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 La gestione della Rete Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Alfonso Miola. Reti di calcolatori. Dispensa C-01 Settembre 2005. Laboratorio di Informatica. C-01- Reti di Calcolatori

Laboratorio di Informatica. Alfonso Miola. Reti di calcolatori. Dispensa C-01 Settembre 2005. Laboratorio di Informatica. C-01- Reti di Calcolatori Alfonso Miola Reti di calcolatori Dispensa C-01 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università degli

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Gestione e sicurezza nelle reti di calcolatori

Gestione e sicurezza nelle reti di calcolatori Reti di calcolatori Gestione e sicurezza nelle reti di calcolatori Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Gestione e sicurezza R14.1 Gestione della rete Controllo e monitoring della rete,

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH DSSOLFDWLYR

'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH DSSOLFDWLYR 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL3LVD )DFROWjGL6FLHQ]H0DWHPDWLFKH)LVLFKHH1DWXUDOL &RUVRGLODXUHDLQ,QIRUPDWLFD 6LVWHPLGL(ODERUD]LRQHGHOO LQIRUPD]LRQH *HVWLRQHGLUHWL SURI/XFD'HUL 'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Sistemi Distribuiti Definizioni e caratteristiche. Informatica B Prof. Morzenti

Sistemi Distribuiti Definizioni e caratteristiche. Informatica B Prof. Morzenti Sistemi Distribuiti Definizioni e caratteristiche Informatica B Prof. Morzenti Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Packet Tracer: simulatore di RETE

Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer è un software didattico per l'emulazione di apparati di rete CISCO. http://www.cisco.com/web/it/training_education/networking_academy/packet_tracer.pdf PT

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Capitolo 4 Livello di rete

Capitolo 4 Livello di rete Capitolo 4 Livello di rete Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo che voi

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

FIREWALL. Firewall - modello OSI e TCP/IP. Gianluigi Me. me@disp.uniroma2.it Anno Accademico 2005/06. Modello OSI. Modello TCP/IP. Application Gateway

FIREWALL. Firewall - modello OSI e TCP/IP. Gianluigi Me. me@disp.uniroma2.it Anno Accademico 2005/06. Modello OSI. Modello TCP/IP. Application Gateway FIREWALL me@disp.uniroma2.it Anno Accademico 2005/06 Firewall - modello OSI e TCP/IP Modello TCP/IP Applicazione TELNET FTP DNS PING NFS RealAudio RealVideo RTCP Modello OSI Applicazione Presentazione

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Livelli di rete e architettura Client-Server Lez 12 architettura client-server 1 Scorsa lezione: comunicazione Gli utenti chiedono comunicazione

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

DATABASE IN RETE. La gestione informatizzata di un Centro Cefalee

DATABASE IN RETE. La gestione informatizzata di un Centro Cefalee DATABASE IN RETE La gestione informatizzata di un Centro Cefalee Reti Informatiche Database relazionali Database in rete La gestione informatizzata di un Centro Cefalee RETI INFORMATICHE Per connettere

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli