LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI"

Transcript

1 CLASSE V F Esame di stato Anno scolastico 2014 / 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1

2 AREA COMUNE INDICE STORIA DELLA CLASSE Pag. 4 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE VERIFICHE SVOLTE DURANTE L ANNO QUADRO RIASSUNTIVO DELLE PROVE SCRITTE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIER PREVISTE PER LA TERZA PROVA D ESAME ATTIVITA EXTRACURRICULARI SVOLTE DALLA CLASSE RELAZIONE CONCLUSIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE Pag. 5 Pag. 6 Pag. 6 Pag. 7 AREA DISCIPLINARE ITALIANO Pag. 10 LATINO Pag. 15 INGLESE Pag. 17 FILOSOFIA Pag. 20 STORIA Pag. 23 MATEMATICA Pag. 26 FISICA Pag. 30 SCIENZE Pag. 35 STORIA DELL ARTE Pag. 40 EDUCAZIONE FISICA Pag. 46 RELIGIONE Pag. 48 ALLEGATI ELABORATI PROPOSTI AI CANDIDATI DURANTE LA PRIMA SIMULAZIONE DI TERZA PROVA ELABORATI PROPOSTI AI CANDIDATI DURANTE LA SECONDA SIMULAZIONE DI TERZA PROVA GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROVE D ESAME SCRITTE FOGLIO DELLE FIRME Pag. 51 Pag. 53 Pag. 55 Pag. 2

3 AREA COMUNE 3

4 STORIA DELLA CLASSE MATERIA DOCENTI 3 DOCENTI 4 DOCENTI 5 ITALIANO Laura Contu Laura Contu Laura Contu LATINO Laura Contu Laura Contu Laura Contu INGLESE Marilena Caselli Marilena Caselli Aldo Ottaviani STORIA Crescenzo Acierno Crescenzo Acierno Marco Vallebona FILOSOFIA Marco Vallebona Marco Vallebona Marco Vallebona MATEMATICA Maria Rosa Nigro Giovanna Valdenassi Valeria Testa FISICA Stefania Giglioli Daniele Dani Erica Sozzi SCIENZE NATURALI Lorella Gasparini Lorella Gasparini Lorella Gasparini STORIA DELL ARTE Sabrina Vallino Patrizia Giordano Patrizia Giordano EDUCAZIONE FISICA Roberta Righetto Roberta Righetto Roberta Righetto RELIGIONE Clara Pezzi Clara Pezzi Clara Pezzi STUDENTI DA CLASSE PRECEDENTE Ripetenti R Da altra scuola E Da altra sezione AS Rip. da altra scuola ER TOTALE NON PROMOSSI O RITIRATI E 1 R R 1 E

5 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE VERIFICHE SVOLTE DURANTE L ANNO Materia N. Verifiche orali N. Verifiche scritte Tipologia Italiano 8 5 1, 2, 8 Latino 6 4 1, 8, 13 Inglese 3 6 1, 13, 14 Storia 2 3 1, 11 Filosofia 2 3 1, 11 Matematica almeno 4 7 1, 10, simulazione d esame Fisica 3 6 1, 10, 11, 12, 13 Scienze 2 6 1, 10, 11, 13 Storia dell arte 4 4 1, pratica Educazione Fisica Tipologia legenda: 1) Interrogazione 2) Tema 3) Traduzione dal latino 4) Traduzione dalla lingua straniera 5) Traduzione in lingua straniera 6) Dettato 7) Relazione 8) Analisi dei testi 9) Saggio breve 10) Problemi ed esercizi 11) Quesiti a risposta singola 12) Quesiti a scelta multipla 13) Trattazione sintetica di argomenti 14) Altro (specificare) 5

6 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE PROVE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIE DELLA TERZA PROVA DATA MATERIE 20 febbraio 2015 Latino, Scienze, Inglese, Arte, Storia 7 maggio 2015 Scienze, Inglese, Fisica, Arte, Filosofia ATTIVITA EXTRACURRICULARI SVOLTE DALLA CLASSE Attività di approfondimento realizzate nel triennio in ambito scientifico: Partecipazione in qualità di animatori al Festival della Scienza Partecipazione alla giornata mondiale della Scienza al CBA:Unistem Day 2014 Conferenza del Prof. Faccini,geologo del DISTAV Progetto di Genetica al CBA: Esploriamo i geni navigando nei genomi: le biotecnologie dal laboratorio di ricerca a scuola Partecipazione a stages di facoltà universitarie (Scienze Naturali,Chimica,Medicina e Chirurgia). Progetto Telethon: Laboratori Centro Nemo Milano -Niguarda In ambito umanistico: Partecipazione al Cineforum nelle classi terza e quarta Partecipazione a spettacoli teatrali Viaggio d istruzione a Bruxelles 6

7 Materie Ore annuali previste Ore effettivamente svolte Religione Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze naturali Storia dell arte Educazione fisica

8 RELAZIONE CONCLUSIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE La classe è composta da ventuno studenti, uno dei quali risulta assente da molto tempo e di fatto ha cessato la frequenza. I rimanenti venti provengono tutti dalla 4 F, per cui si può affermare che il gruppo è omogeneo quanto a formazione. Il percorso della classe è stato segnato da numerosi avvicendamenti degli insegnanti di matematica e fisica, la qual cosa ha impedito un apprendimento costante e lineare, al di là delle energie dispiegate dai singoli docenti per sopperire a tale dato di fatto, oggettivamente problematico. Dal punto di vista disciplinare la classe si presenta vivace ma non fastidiosa, sebbene una certa vocazione alla dispersività possa, in taluni casi, portare a una diminuita attenzione nei confronti dell attività didattica. L interesse e la curiosità verso gli argomenti proposti sono comunque sempre di buon livello. I risultati raggiunti sono disomogenei: accanto a un gruppetto di studenti che hanno ottenuto buoni risultati, ce ne sono altri che hanno incontrato difficoltà, specie nelle materie scientifiche, a causa di scarso impegno nello studio e scarsa capacità nell organizzare gli impegni scolastici. 8

9 AREA DISCIPLINARE 9

10 ITALIANO Prof. Laura Contu Relazione disciplinare: Il programma comprende la storia della letteratura italiana dall età napoleonica al Novecento. Nello svolgimento degli argomenti e dei problemi si è fatta particolare attenzione a mettere in evidenza le connessioni tra fatto letterario e contesto storico-sociale, al fine di sottolineare lo stretto rapporto, vuoi di dipendenza, vuoi di opposizione conscia o inconscia, tra artista e società, tra immaginario e contingenza storica. Si sono altresì sottolineate l interdipendenza tra i vari fenomeni culturali, nei loro aspetti filosofici, politici, letterari e poetici, e le influenze reciproche tra letteratura italiana e letterature straniere, specie nel caso in cui tali influenze si siano rivelate particolarmente illuminanti per la comprensione di taluni fatti, quali certi aspetti del Romanticismo, del Verismo, del Decadentismo. Preoccupazione costante e precipua è stata la lettura puntuale del testo, letterario o poetico, allo scopo di concretizzare sempre le osservazioni di carattere generale, e di abituare gli studenti ad attingere direttamente alla fonte, usando la mediazione del critico e dello storico della letteratura solo come strumento conoscitivo, e non come condizionamento esegetico. La lettura è stata condotta partendo da un interpretazione referenziale del testo, fino ad arrivare ad una più ampia comprensione del messaggio con l ausilio sia di suggerimenti extratestuali, sia di strumenti esegetici che vanno dalla retorica tradizionale (cui è stata attribuito ampio spazio) ad analisi di tipo strutturale. La metodologia posta in atto ha cercato dunque di realizzare alcune premesse, volte sempre ad ottenere una maturazione progressiva ed organica degli studenti, orientata verso una crescita di sensibilità e di abilità nel campo dell interpretazione e della fruizione del messaggio letterario e poetico. 10

11 Valutazione Prestazioni in termini di conoscenze, capacità, competenze 1/2 Rifiuto della prova, consegna del foglio in bianco. 3/4 Conoscenze gravemente e diffusamente lacunose, esposizione disordinata e scorretta, notevoli difficoltà nello stabilire collegamenti logici e nella comprensione e nell analisi dei testi. 5 Conoscenza imprecisa degli argomenti fondamentali, linguaggio poco chiaro, organizzazione logica dei contenuti stentata, scarsa padronanza degli strumenti di analisi testuale. 6 Conoscenza essenziale degli argomenti principali, esposizione corretta e comprensibile, presenza di una minima attitudine al collegamento tra gli argomenti toccati, comprensione dei testi globalmente accettabile. 7 Conoscenza sicura degli argomenti fondamentali, esposizione chiara, argomentazione lineare, attitudine su sollecitazione a istituire relazioni fra i contenuti, discreta capacità di analisi, sintesi e comprensione dei testi. 8/9 Conoscenza accurata ed esauriente degli argomenti, luidità, appropriatezza, efficacia espositiva, attitudine ad orientarsi autonomamente sia nei contenuti disciplinari che nella lettura e nell analisi dei testi. 10 Conoscenze approfondite, esposizione sicura, appropriata, piena padronanza e ricorso costante ai linguaggi specifici delle discipline, sviluppo autonomo di approfondimenti personali e di percorsi di ricerca, ottime competenze di lettura ed interpretazione dei testi. Voto in decimi PROGRAMMA DI ITALIANO Il Romanticismo. Leopardi: vita, opere, pensiero. Lettura e commento di: brani scelti da Lo Zibaldone da Le operette morali: Dialogo di Colombo e Gutierrez Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Porfirio e di Plotino (cenni) Dialogo di Tristano e di un amico (cenni) Dialogo di un folletto e uno gnomo Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare Conoscenza delle rimanenti Operette da I canti: Ultimo canto di Saffo (cenni) L infinito La sera del dì di festa Alla luna A Silvia Le ricordanze (cenni) Canto notturno di un pastore errante dell Asia La quiete dopo la tempesta Il passero solitario Il sabato del villaggio 11

12 A se stesso Palinodia a Gino Capponi (cenni) La ginestra (lettura integrale) Manzoni: vita, opere, pensiero. Lettura e commento di: Lettera a M. Chauvet Il Cinque Maggio Marzo 1821 (cenni) da Adelchi: Dagli atri muscosi(cenni) Sparsa le trecce morbide Conoscenza de I Promessi Sposi con riferimenti al Fermo e Lucia Conoscenza della Storia della colonna infame Il realismo. Flaubert: Madame Bovary (lettura integrale) Il Naturalismo francese. Il Verismo. Zola: la poetica; l affaire Dreyfuss. Conoscenza de L assommoir Verga: vita, opere, pensiero. Lettura antologica de I Malavoglia. Lettura di alcune novelle ( in part. Rosso Malpelo, La Lupa, La roba, Libertà, con riferimento al film Bronte di F. Vancini). Conoscenza di Mastro don Gesualdo. Il Decadentismo Baudelaire: vita, opere, pensiero: Lettura a commento di: L albatros Corrispondenze Invito al viaggio Spleen Rimbaud: vita, opere, pensiero. Lettura e commento di: La lettera del veggente Il battello ebbro (conoscenza). Pascoli: vita, opere, pensiero: interpretazione psicanalitica. Lettura e commento di: Lavandaie X Agosto Il tuono Digitale purpurea Italy (cenni) Il gelsomino notturno La mia sera Conoscenza di Il fanciullino La grande Proletaria si è mossa Dostoevskij: Lettura integrale di Memorie dal sottosuolo. Tipologia dell eroe decadente. Cenni a A rebours di Huysmans e a Il ritratto di Dorian Gray di Wilde. D Annunzio: vita, opere, pensiero. Cenni ai romanzi: Il piacere L innocente 12

13 Il trionfo della morte Le vergini delle rocce Il fuoco Letture e commento di: da Alcyone: La pioggia nel pineto La sera fiesolana Pirandello: vita, opere pensiero. Lettura antologica de Il fu Mattia Pascal. Conoscenza degli altri romanzi. Conoscenza delle novelle: La carriola La patente La sig. Frola e il sig. Ponza suo genero Il treno ha fischiato Di sera, un geranio Conoscenza del saggio L umorismo Conoscenza dei lavori teatrali: Così è (se vi pare) Sei personaggi in cerca d autore Enrico IV Le influenze sulla letteratura italiana di Proust (conoscenza sommaria de La Recherche e in part. il tema della memoria involontaria) e di Kafka. Svevo: vita, opere e pensiero. Lettura integrale de La coscienza di Zeno. Conoscenza degli altri romanzi. Il Crepuscolarismo (in part. Corazzini e Gozzano) Corazzini: Desolazione del povero poeta sentimentale Gozzano: La Signorina Felicita L amica di Nonna Speranza (cenni) Totò Merumeni Il Futurismo: i Manifesti. Le Parole in libertà Saba: vita, opere, pensiero. Lettura e commento di: A mia moglie La capra Città vecchia Teatro degli Artigianelli A un giovane comunista Ungaretti: vita, opere, pensiero. Lettura e commento di: In memoria I fiumi San Martino del Carso Natale Veglia Mattina Montale: vita, opere e pensiero. Lettura e commento delle liriche: 13

14 I limoni Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato Forse un mattino andando in un aria di vetro Cigola la carrucola del pozzo Arsenio A Liuba che parte Lo sai: debbo riperderti e non posso Addii, fischi nel buio, cenni, tosse Ti libero la fronte dai ghiaccioli La casa dei doganieri Nuove stanze (cenni) Gli orecchini (cenni) La primavera hitleriana L anguillla Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale Cenni alla letteratura e al cinema neorealista La narrativa del Novecento: conoscenza antologica delle seguenti opere: P.Levi, Se questo è un uomo Tomasi di Lampedusa. Il Gattopardo (lettura integrale) Calvino: Il sentiero dei nidi di ragno Dante Alighieri. Lettura e commento dei seguenti canti del Paradiso: I, III, VI, XI,XV, XVII, XXXIII. Buona conoscenza in riassunto dei rimanenti canti. Genova, 15 maggio 2015 L insegnante Laura Contu Testo in adozione.: Il docente I rappresentanti di classe 14

15 LATINO Prof. Laura Contu Il programma di letteratura latina è composto da una rosa di autori particolarmente rappresentativi dell età imperiale (Orazio; Seneca; Petronio, Tacito; Apuleio) accompagnati da una congrua scelta di brani antologici. Il taglio dato allo studio degli autori vuole evidenziare le connessioni tra l opera, letteraria e poetica, e il contesto socio-politico in cui essa viene a collocarsi, al fine di rendere lo studente partecipe di quell articolarsi del pensiero a fronte delle diverse sollecitazioni provenienti dall ambiente e dalla circolazione culturale: in particolare le tensioni proprie dell età di Cesare e il difficile rapporto tra intellettuale e potere che caratterizza l impero, dall età di Augusto in poi. L obiettivo che mi sono prefissa è dunque quello di porre gli studenti in grado di afferrare le problematiche connesse tra storia e letteratura nel mondo classico e di ricostruire quella civiltà che è innegabilmente alla base della nostra cultura europea e con la quale, nel bene e nel male, dobbiamo fare i conti. Per quanto riguarda la lettura dei testi, ho sempre posto massima attenzione alla comprensione complessiva dei brani proposti, senza mai venir meno ad una attenta analisi grammaticale e stilistica; la lettura, la traduzione e l interpretazione diventano così anche un esperienza formativa, un utile lezione di metodo critico. In conclusione, ho cercato di stimolare l interesse dei nostri allievi verso gli autori latini e verso la cultura che ci hanno veicolato, senza disattendere mai gli aspetti linguistici e gli eventuali problemi filologici, in modo che lo studio fosse più che una fatica erudita, un attività stimolante accompagnata dal piacere della scoperta. Valutazione Prestazioni in termini di conoscenze, capacità, competenze 1/2 Rifiuto della prova, consegna del foglio in bianco, o traduzione, o analisi del testo completamente errate. 3/4 Conoscenze molto scarse, esposizione frammentaria, competenze traduttive inadeguate anche ad una parziale comprensione dei testi. 5 Conoscenza imprecisa degli argomenti fondamentali, linguaggio poco chiaro, organizzazione dei contenuti stentata, competenze traduttive insufficienti alla comprensione dei testi. 6 Conoscenza accettabile degli argomenti essenziali, esposizione corretta e comprensibile, qualche attitudine a stabilire collegamenti tra gli argomenti toccati, competenze traduttive sufficienti ad una generale comprensione del senso. 7 Conoscenza sicura degli argomenti fondamentali, esposizione chiara, argomentazione lineare, discreta capacità di analisi, sintesi e comprensione dei testi. 8/9 Conoscenza accurata degli argomenti,fluidità e appropriatezza espositiva,attitudine a rielaborare personalmente, traduzione corretta nella sintassi e nel lessico. 10 Conoscenze approfondite,esposizione sicura, appropriata, ricorso costante al lessico specifico, sviluppo autonomo di approfondimenti personali, traduzione corretta e precisa Voto in decimi 15

16 con resa fedele anche delle sfumature stilistiche. PROGRAMMA Il complesso rapporto tra intellettuali e potere alla corte augustea: Virgilio, Orazio, Livio, Ovidio. Il rapporto con il tiranno: Seneca, Tacito. Sguardo complessivo sulla storiografia latina. Il piacere di narrare : Petronio e Apuleio Lettura, traduzione e commento dei seguenti brani: Orazio: La satira del seccatore (I, 9) Alla fonte Bandusia Carpe diem Exegi monumentum aere perennius Seneca: dalle Epistulae ad Lucilium: Servi sunt, immo nomine Tacito: dalla Germania: La moralità familiare (18-19) Petronio: dal Satyricon: L inizio della cena L epopea di Trimalchione 16

17 INGLESE Prof. OTTAVIANI Aldo Mario Relazione disciplinare di: INGLESE Obiettivi: Si è cercato di offrire, tramite una campionatura di autori e testi, un avvicinamento alla produzione letteraria britannica e statunitense nei secoli XIX e XX. La trattazione degli argomenti ha inoltre offerto opportunità di utilizzo della lingua straniera sia per abilità legate a comprensione dei testi che per abilità di attiva produzione linguistica, tanto scritta che orale. Metodi: Si è cercato di utilizzare la lingua straniera come strumento di comunicazione nel corso delle lezioni. In qualche occasione una breve ricapitolazione in lingua italiana dei concetti fondamentali più profondi si è resa necessaria in margine alle lezioni. I testi oggetto di lettura diretta sono stati alla base delle trattazioni ( e delle verifiche), mentre considerazioni di carattere generale su autori, movimenti, periodi, etc., hanno avuto luogo in quanto derivabili dalla trattazione di un determinato testo. Valutazioni: prove scritte e orali, le prime, tranne che in una occasione, sotto forma di questionari sugli argomenti oggetto di studio; le seconde sotto forma di colloquio sugli stessi argomenti. Testo in adozione: Millenium di A. Cattaneo, D. De Flaviis, Signorelli Editore Il docente I rappresentanti di classe Programma AUTORI e TESTI L'EPOCA ROMANTICA Il Romanticismo in poesia: Wordsworth, Byron e Shelley 17

18 William Wordsworth I Wandered Lonely as a Cloud vol. 1 p. 241 Lines Composed a Few Miles Above Tintern Abbey vol. 1 p photocopy Ode, Intimations of Immortality vol. 1 p. 245 George Gordon, Lord Byron from Manfred vol. 1 p. 274 from Don Juan vol. 1 p. 269 P.B. Shelley Ode to the West Wind vol. 1 p. 279 Mont Blanc photocopy Il romanzo nell'età romantica: Walter Scott Walter Scott from Waverley : 'Waverley and Flora' photocopy Le origini della letteratura degli Stati Uniti: J.F. Cooper J.F. Cooper The Last of the Mohicans from chapter 1 'Cora and Alice' photocopy from chapter 3 'Chingachkook's Lament' photocopy from chapter 33 'Uncas's Burial' photocopy LA SECONDA META' DEL XIX SECOLO La narrativa nell'età vittoriana Charles Dickens from Oliver Twist 'Oliver is Taken to the Workhouse' vol. 2 p. 31 Oliver asks for more' photocopy R.L. Stevenson from The Strange Case of Dr Jekyll and Mr Hyde 'Jekyll turns into Hyde' vol. 2 p. 81 Oscar Wilde from The Picture of Dorian Gray 'Lord Henry's Teaching' ' The Ending' photocopy photocopy Rinascimento Americano 18

19 Walt Whitman Song of Myself sections 1 & 2 photocopy I Hear America Singing vol. 2 p. 72 Mark Twain Adventures of Huckleberry Finn from cpt. 32 (Huck's decision') photocopy IL XX SECOLO James Joyce Dubliners from 'The Dead' Miss Ivors photocopy 'I think he died-' vol. 2 p. 186 The living and the dead' vol. 2 p. 190 from Ulysses 'Mr Bloom's Cat and Wife' vol. 2 p. 193 'Yes, I Said-' vol. 2 p. 197 G. Orwell from Nineteen Eighty-Four 'Big Brother is watching you' vol. 2 p. 235 Newspeak photocopy Ernest Hemingway from The Snows of Kilimanjaro photocopy Cat in the Rain photocopy The End of Something photocopy Allen Ginsberg A Supermarket in California photocopy from Howl vol. 2 p. 288 Bret Easton Ellis from Less Than Zero vol. 2 p. 357 Genova, L'insegnante In rappresentanza della classe 19

20 FILOSOFIA Prof. M. Vallebona Relazione disciplinare di: FILOSOFIA Obiettivi Conoscenza di autori e correnti filosofiche con relativo lessico specifico Capacità di analizzare il pensiero dei filosofi inquadrandolo nella problematica di volta in volta affrontata Capacità di cogliere lo sviluppo dei problemi sia in senso analitico che sintetico Il programma di filosofia è stato svolto secondo le linee consuete. E stato dato largo spazio alla trattazione dell Ottocento. Il Novecento è risultato, come spesso capita, un po sacrificato. Momenti e figure sono stati avvicinati nell ottica di una trattazione manualistica cercando di far avvicinare gli studenti alla comprensione dei problemi e delle relative risposte di cui la tradizione filosofica si nutre ma, allo stesso tempo, senza rinunciare alla necessaria precisione del linguaggio. Il metodo di lavoro prevedeva, oltre alla lezione frontale, un momento di colloquio, che aveva lo scopo di fornire e ricevere sollecitazioni. Metodi: Momenti e figure sono stati avvicinati nell ottica di una trattazione manualistica cercando di far avvicinare gli studenti alla comprensione dei problemi e delle relative risposte di cui la tradizione filosofica si nutre ma, allo stesso tempo, senza rinunciare alla necessaria precisione del linguaggio. Il metodo di lavoro prevedeva, oltre alla lezione frontale, un momento di colloquio, che aveva lo scopo di fornire e ricevere sollecitazioni. Valutazioni: Elementi di valutazione sono stati: conoscenza dei contenuti; precisione dell articolazione del pensiero dei vari filosofi; attenzione per i problemi; precisione del linguaggio. L esposizione sicura unita alla capacità di orientarsi rispetto alle problematiche è stata valutata come prova di discreto livello. Valutazioni Verifica non svolta (1 / 2) Gravemente insufficienti (3 / 4) Insufficienti (5) Prestazioni Lo studente consegna il foglio della verifica in bianco o si rifiuta di parlare durante le verifiche orali Lo studente fornisce prestazioni in cui dimostra una vasta e diffusa ignoranza in tutti gli obiettivi (anche quelli più elementari) di semplice conoscenza Lo studente dimostra conoscenze lacunose e un codice espressivo inadeguato 20

21 Sufficienti (6) Buone (7) Più che buone (8/9) Ottime (10) Il ragazzo agisce prestazioni soddisfacenti per quanto concerne gli obiettivi di conoscenza, pur in assenza di capacità particolari e specifiche. L esposizione delle conoscenze si rivela sufficientemente fluida Lo studente oltre a fornire prestazioni più che soddisfacenti per quanto concerne l ambito conoscitivo, riesce a dimostrare il raggiungimento almeno di alcuni obiettivi di capacità; il tutto attraverso l utilizzo di un codice espressivo dignitoso. Lo studente dimostra di sapersi muovere all interno della disciplina utilizzando competenze specifiche ed un linguaggio adeguato tecnicamente e brillante. Lo studente dimostra di sapere utilizzare tutte le competenze, anche quelle concernenti originalità e autonomia nella ricerca, oltre alla padronanza del linguaggio e a codici espressivi di particolare brillantezza Programma svolto Idealismo assoluto Il problema del rapporto soggetto-oggetto in Fichte (confronto con Kant); i principi della Dottrina della scienza. Hegel: la Fenomenologia dello spirito ( coscienza; autocoscienza; ragione). La filosofia dello spirito: spirito soggettivo e oggettivo. La filosofia della storia. Lo spirito assoluto. Altre filosofie della storia L alienazione in Marx. Il materialismo marxiano e il confronto con Feuerbach; dialettica e rivoluzione; l analisi dell economia capitalistica (saggio del plusvalore e saggio di profitto). Comte: la legge dei tre stadi; la sociologia e la società positiva. Il positivismo evoluzionistico: Spencer. Irrazionalismo, vitalismo, psicoanalisi, esistenza Schopenhauer: rappresentazione e Volontà; la via verso la noluntas. Kierkegaard: possibilità e scelta; la vita estetica, etica e religiosa. Nietzsche: la Nascita della tragedia; Sulla storia ; critica dei valori, nichilismo e oltreuomo. Bergson: la coscienza e il tempo; l evoluzione creatrice; l intuizione. Freud: la scoperta dell inconscio; le pulsioni; le due topiche della psiche; il disagio della civiltà. Heidegger: Dasein e analitica esistenziale; la questione della svolta ; l oblio dell essere. Wittgenstein: Il Tractatus logico-philosophicus. Cenno al positivismo logico: principio di verificazione e confronto col falsificazionismo popperiano. 21

22 Testo in adozione A. Massarenti, Filosofia: Sapere di non sapere, D'Anna, vol. 3 Il docente I rappresentanti di classe 22

23 Relazione disciplinare di: STORIA STORIA Prof. M. Vallebona Obiettivi: Conoscenza adeguata dei fatti storici Capacità di analisi dei fatti utilizzando il lessico specifico della materia Capacità di mettere in relazione i fatti Capacità di sintesi nel cogliere i problemi entro cui si inscrivono i fatti Sono stati considerati assi portanti dello sviluppo del programma le questioni economiche, gli assetti politico-istituzionali e le trasformazioni sociali: ciò corrisponde all'obiettivo didattico di fornire alcune linee di approccio alla lettura della storia. Una certa attenzione è stata dedicata all età dell imperialismo, sembrando opportuno legare il primo quindicennio del nostro secolo con il quadro politico-economico maturato nell ultimo trentennio del precedente. Il periodo tra le due guerre mondiali è stato analizzato utilizzando prevalentemente la categoria di totalitarismo. I temi riguardanti la storia del secondo dopoguerra sono il frutto di una scelta che ha privilegiato uno sguardo panoramico piuttosto che dettagliati approfondimenti. I contenuti sono stati articolati in unità didattiche, ciascuna delle quali si inserisce nei temi-guida del corso. Metodi: Strumenti di lavoro sono stati essenzialmente: 1) il libro di testo 2) il colloquio con gli studenti. In particolare, la lezione frontale è stata sempre propositiva verso una riflessione consapevole e non mera esposizione di ciò che si deve sapere; in tal senso si è sempre sollecitata la partecipazione attiva degli studenti e si è cercato di guidarli verso la riflessione storiografica anche con letture commentate. Valutazioni: I criteri di valutazione sono stati: conoscenza delle informazioni essenziali; precisione del lessico specifico; padronanza dei concetti, che risultano indispensabili alla comprensione del fenomeno storico in ambito economico, politico, ideologico; completezza dei quadri concettuali di riferimento. Valutazioni Verifica non svolta (1 / 2) Gravemente insufficienti (3 / 4) Prestazioni Lo studente consegna il foglio della verifica in bianco o si rifiuta di parlare durante le verifiche orali Lo studente fornisce prestazioni in cui dimostra una vasta e diffusa ignoranza in tutti gli obiettivi (anche quelli più elementari) di semplice conoscenza 23

24 Insufficienti (5) Sufficienti (6) Buone (7) Più che buone (8/9) Ottime (10) Lo studente dimostra conoscenze lacunose e un codice espressivo inadeguato Il ragazzo agisce prestazioni soddisfacenti per quanto concerne gli obiettivi di conoscenza, pur in assenza di capacità particolari e specifiche. L esposizione delle conoscenze si rivela sufficientemente fluida Lo studente oltre a fornire prestazioni più che soddisfacenti per quanto concerne l ambito conoscitivo, riesce a dimostrare il raggiungimento almeno di alcuni obiettivi di capacità; il tutto attraverso l utilizzo di un codice espressivo dignitoso. Lo studente dimostra di sapersi muovere all interno della disciplina utilizzando competenze specifiche ed un linguaggio adeguato tecnicamente e brillante. Lo studente dimostra di sapere utilizzare tutte le competenze, anche quelle concernenti originalità e autonomia nella ricerca, oltre alla padronanza del linguaggio e a codici espressivi di particolare brillantezza Programma svolto L'età dell'imperialismo (caratteri generali) La società di massa: aspetti economici, politici, ideologici. Le ideologie prevalenti: liberalismo, socialismo (Seconda Internazionale), nazionalismo. Imperialismo ed espansione coloniale; imperialismi extraeuropei. La politica degli stati: il sistema bismarckiano e rottura dell equilibrio in età guglielmina. L'Italia tra conservazione e modernizzazione Crispi (politica interna ed estera). Crisi di fine secolo; Età giolittiana: decollo industriale e problema degli equilibri politici; riforme e politica estera. La prima guerra mondiale Le "cause" della prima guerra mondiale nel contesto politico internazionale (tensioni coloniali, tensioni balcaniche, sistemi di alleanze). La posizione dell'italia (neutralismo e interventismo). I principali eventi bellici. I trattati di pace e la dissoluzione dei tre imperi. Le rivoluzioni in Russia. La rivoluzione del La rivoluzione di febbraio. La rivoluzione d'ottobre e la guerra civile. La N.E.P. Il dopoguerra e i totalitarismi 24

25 Crisi dello stato nell Italia (crisi economica e politica; il biennio rosso in Italia; nascita e ascesa del fascismo (conquista del potere e passaggio al regime). Il fascismo come totalitarismo imperfetto. Il regime fascista: politica interna, estera ed economica negli anni Venti e Trenta Da Lenin a Stalin. Lo stalinismo: il primo piano quinquennale e il totalitarismo staliniano. La Germania di Weimar: il difficile inizio della repubblica; la crisi del 23 e la ripresa. Hitler da cancelliere a Führer. La nuova organizzazione dello stato: il totalitarismo nazista nei suoi aspetti ideologici, repressivi e aggressivi. La grande crisi economica Caratteri della crisi economica statunitense e i suoi effetti all'interno e all'estero. Allargamento della crisi all economia europea. Il New Deal e l'intervento dello stato in America e in Europa. La seconda guerra mondiale Prodromi degli anni Trenta: conquista dell Etiopia e guerra civile spagnola. L'aggressività tedesca. I principali eventi bellici dei vari teatri di guerra in Europa e in Asia. La posizione dell'italia durante il conflitto. Caduta del fascismo, Resistenza, liberazione: dal governo Badoglio al governo Parri. Dal secondo dopoguerra al mondo attuale La nascita della repubblica italiana, le forze politiche, la rottura dell unità antifascista, le elezioni del 48. Centrismo e Centrosinistra. Il boom economico. Il Sessantotto. La crisi economica degli anni Settanta. L Italia negli anni di piombo. La guerra fredda e la contrapposizione est-ovest: la Germania divisa, la guerra di Corea, la distensione e i suoi momenti critici (muro di Berlino, crisi di Cuba). La fine del bipolarismo. Decolonizzazione e terzo mondo. L Asia (India, Indocina). La guerra del Vietnam (dall'impegno francese a quello americano). Il vicino Oriente, la questione israelo-palestinese e crisi di Suez. L Africa: l Algeria. Testo in adozione V. Castronovo, MilleDuemila. Un mondo al plurale, La Nuova Italia, vol. 3 Il docente I rappresentanti di classe 25

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli