Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi. I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi. I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica"

Transcript

1 I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica Anno Scolastico Rho, Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi

2 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE Cognome Nome 1 Amigoni Alessio 2 Aquilini Federico 3 Caruso Alessandro 4 De Nicolo Marco 5 Di Lella Andrea 6 Gentile Manuel 7 Guareschi Luca 8 Maggioni Federico 9 Metry Abanop 10 Minerva Simone Antonio 11 Miroddi Mirko 12 Monti Alesandro 13 Moreschini Alessio 14 Musicò Gabriele 15 Ostuni Dario 16 Ratnayake Dumidu 17 Roscino Nicholas 18 Serratore Mauro 19 Simani Edoardo

3 2 PROFILO DELLA CLASSE La classe V B Informatica è composta da diciannove studenti, tutti maschi, gruppo che si è costituito praticamente all inizio del terzo anno nato dall unione di alunni provenienti da due seconde, l aggiunta di tre ripetenti e l arrivo di un alunno proveniente da altro Istituto. Buona è stata la socializzazione che nel corso degli anni si è sviluppata e consolidata nel gruppo classe e altrettanto positiva la relazione con il corpo insegnanti. Dal punto di vista disciplinare non si sono mai registrati nel corso del triennio episodi di rilievo, la classe ha sempre assunto una condotta generalmente corretta. Va rilevato comunque il comportamento scolasticamente scorretto di un gruppo di alunni che in quest ultimo anno scolastico ha prodotto un rilevante numero di richieste di entrate posticipate e uscite anticipate spesso in concomitanza di verifiche e/o interrogazioni. Nel corso del triennio per motivi diversi, alla classe è mancata la continuità didattica in Italiano e Storia (al V anno), Inglese (al IV e al V anno) Tecnologie (al IV anno) Informatica (al IV anno), stabili gli insegnanti di Matematica, Sistemi, Educazione Fisica e Religione. Dal punto di visto didattico, la classe ha sempre seguito con sufficiente impegno le proposte didattiche anche se lo studio a casa non sempre è stato adeguato alla necessaria richiesta. Il livello di preparazione raggiunto mediamente è sufficiente, ma l'impressione diffusa è che un maggiore impegno avrebbe permesso di conseguire migliori risultati.

4 3 QUADRO ORARIO DISCIPLINE DEL PIANO DI STUDI Docente V anno 3 ANNO 4 ANNO 5 ANNO Italiano Cantini R Storia Cantini R Inglese Greco A Matematica Complementi di Matematica Tecnologie e progettazione Informatica Sistemi e Reti Gestione Progetto Organiz.d Impresa Manzella M. Manzella M. Curzio G. Brolis A. Vecchiatti M. Petrozzi P. D Alessandro M. Brolis A. D Alessandro M. Brolis A (1) 3 (2) 4 (2) 6 (3) 6 (3) 6 (4) 4 (2) 4 (2) 4 (2) 4 (2) 4 (2) 3 (2) Educazione Fisica De Filippis G Religione Maffeis G TOTALE 32 (9) 32 (9) 32 (10) Nota: tra parentesi sono indicate le ore di laboratorio

5 4 ATTIVITÀ INTEGRATIVE CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Uscita didattica 22 Ottobre al teatro Piccolo Strehler di Milano per la visione dell Enrico IV di L.Pirandello. Uscita didattica 28 Gennaio Cinema Apollo visione del film Storia di una ladra di libri Viaggio d'istruzione a Cordoba e Siviglia dal 27 al 31 Marzo Uscita didattica Percorso Linea Cadorna Viggiù (VA) Mercoledì 13 Maggio Lezione sulla I guerra mondiale 20 Maggio Conferenza filmato sulla Resistenza Progetto Teseo solo alunni interessati Visita alle facoltà universitarie in occasione dei campus di orientamento studenti Svolto CLIL principalmente nelle ore di Informatica 12 ore e Inglese 8 ore Argomenti : Data Base e Intelligenza Artificiale (Informatica) Preparazione all esame di Stato Una simulazione della prima prova scritta (28 Aprile 2015) Una simulazione della seconda prova scritta (29 Aprile 2015 ) Due simulazioni della terza prova scritta (18 febbraio 2015, 24 Aprile 2015) INTERVENTI DIDATTICO-EDUCATIVI Nelle singole discipline il ripasso si è svolto durante le pause didattiche programmate

6 5 OBIETTIVI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI EDUCATIVO - FORMATIVI 1. Rispetto delle opinioni altrui 2. Puntualità e partecipazione durante le lezioni 3. Saper intervenire in modo corretto, coerente, pertinente e critico nelle discussioni, nei lavori di gruppo e durante le lezioni 4. Rispetto delle scadenze nella consegna dei lavori affidati 5. Rispetto delle regole dell Istituto 6. Svolgimento regolare e serio dei lavori assegnati 7. Capacità di instaurare un rapporto equilibrato con docenti e compagni 8. Disponibilità ad accogliere e seguire le indicazioni fornite dagli insegnanti 9. Capacità di collaborazione in gruppo OBIETTIVI COGNITIVI 1. Conoscere i contenuti delle singole materie 2. Capacità di esposizione lineare e corretta 3. Conoscere il linguaggio specifico delle singole discipline e saperlo utilizzare in modo opportuno 4. Saper collegare i vari argomenti a livello disciplinare e, se possibile, interdisciplinare 5. Saper rielaborare personalmente e criticamente i contenuti appresi NOTA AI PROGRAMMI I programmi svolti nelle singole discipline riportano sia gli argomenti svolti fino al giorno di compilazione del Documento, sia quelli che verranno sviluppati entro il termine dell anno scolastico.

7 6 METODI UTILIZZATI DAI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITA Italiano Storia Inglese Matematica Informatica Sistemi Gest. Prog. Tecnologie Ed. Fisica Religione Lezione frontale Lezione con esperti Lezione multimediale Lezione pratica Metodo induttivo Lavoro di gruppo Discussione guidata Simulazioni Lettura e comprensione guidata Lezione guidata

8 7 RISORSE STRUMENTALI UTILIZZATE DAI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE STRUMENTI Italiano Storia Matematica Inglese Informatica Sistemi Gest.Prog. Tecnologie Ed.Fisica Religione Libro di testo Altri testi Riviste specialistiche, manuali Software didattici Software professionali Televisione, videoregistratore, videocassette / audiocassette Videoproiettore Internet Appunti del docente

9 8 STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE ATTIVITA I t a l i a n o S t o r i a M a t e m a t i c a I n g l e s e I n f o r m a t i c a S i s t e m i G e s t. P r o g. T e c n o l o g i e E d. F i s i c a R e l i g i o n e Interrogazione lunga / breve Risoluzione di casi / problemi Prova pratica / prova di laboratorio Trattazione sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Problemi a soluzione rapida Casi pratici e professionali Sviluppo di progetti Temi e/o relazioni

10 9 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN ITALIANO Docente: Roberta Cantini OBIETTIVI RAGGIUNTI DALLA CLASSE A DIVERSI LIVELLI: 1. miglioramento della competenza linguistica 2. capacità di organizzare e produrre un testo espositivo e argomentativo 3. capacità di produrre analisi del testo e saggi brevi 4. capacità di esprimere opinioni proprie ed elaborare riflessioni critiche 5. capacità di elaborazione personale 6. acquisizione dei contenuti della disciplina CONTENUTI / PROGRAMMA: il saggio breve l analisi di un testo non letterario il tema storico il tema di ordine generale le linee fondamentali dei diversi movimenti culturali i caratteri essenziali della poetica di ciascun autore affrontato le tematiche analizzate nei testi di ogni scrittore INDICATORI (Conoscenze e competenze acquisite dagli alunni) rispetto delle regole di ortografia, morfosintassi, punteggiatura capacità di esprimersi correttamente capacità di esporre in modo chiaro, logico, pertinente capacità di utilizzo delle terminologie appropriate capacità di individuare i punti richiesti dalla traccia capacità di trattarli in maniera esauriente capacità di svolgere un tema espositivo e argomentativo capacità di esprimere riflessioni personali capacità di creare collegamenti disciplinari e/o interdisciplinari capacità di lettura tecnica e scorrevole capacità di analisi, sintesi, elaborazione autonoma dei contenuti.

11 10 CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Nella valutazione sia delle prove scritte sia di quelle orali si è tenuto conto: della conoscenza degli argomenti svolti e richiesti dell esposizione logica, pertinente, corretta dei contenuti dell utilizzo di un linguaggio appropriato della capacità di rielaborazione personale

12 11 PROGRAMMA DI ITALIANO Neoclassicismo, Preromanticismo e Romanticismo in Europa e in Italia (unità di raccordo con il programma di quarta) L'evoluzione del romanzo Romanzo epistolare, storico e sociale, le scrittrici I romanzi di Rousseau, Goethe, Foscolo, Scott, Manzoni, Dickens. La lirica romantica, la poetica, i principali esponenti Giacomo Leopardi La vita, il pensiero, la poetica Il Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica - Lo Zibaldone Il pessimismo storico - Le canzoni civili e le canzoni filosofiche - Gli Idilli Il pessimismo cosmico - Le Operette morali - I Grandi idilli - Il ciclo di Aspasia L'ultima fase dell'ideologia leopardiana - La Ginestra Brani dall'epistolario e dallo Zibaldone Dai Canti: L Infinito, Alla luna, A Silvia, Il sabato del villaggio, La quiete dopo la tempesta, A se stesso Dalle Operette morali: Dialogo della natura e di un Islandese Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie; Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez Dialogo di Plotino e di Porfirio; Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Dialogo di Tristano e di un amico L'età del realismo Il Positivismo Il pensiero di Comte, Spencer, Darwin e Mendel L'evoluzionismo sociale La filosofia dell'arte di Taine Il romanzo dal Romanticismo al Naturalismo Realismo e Naturalismo in Francia Stendhal, Balzac, Flaubert, i fratelli Goncourt, Zola E. e J. de Goncourt, prefazione da Germinie Lacerteux La Scapigliatura e il Verismo La delusione postrisorgimentale, la poetica scapigliata La diffusione di Positivismo e Naturalismo in Italia, De Sanctis e Capuana Giovanni Verga La vita, l'elaborazione del metodo verista, la poetica e l ideologia, la tecnica narrativa Le raccolte di novelle Il ciclo dei Vinti, I Malavoglia e Mastro Don Gesualdo, Dal tuo al mio da Vita dei campi: prefazione a L amante di Gramigna, La Lupa, Fantasticheria dalle Novelle rusticane: La roba, Il reverendo, Libertà

13 12 Il Simbolismo Charles Baudelaire da I fiori del male : L albatros, Spleen, Corrispondenze I poeti maledetti, la nuova concezione del ruolo del poeta La poetica simbolista, lingua, stile, figure retoriche Rimbaud, Verlaine, Mallarmé Brani dalla Lettera del veggente e dall'arte poetica Il Decadentismo in Europa e in Italia La crisi del Positivismo Nietzsche e il mito del superuomo, Freud e la psicoanalisi, Bergson e il tempo come durata Gli influssi sulla letteratura e sull'arte Dostoevskij Delitto e castigo, la teoria dei Napoleonidi Memorie del sottosuolo, l'esame dell'inconscio Il Decadentismo europeo, l'estetismo, l'eroe decadente Huysmans, A rebours Wilde, Il ritratto di Dorian Gray (lettura integrale dell'opera) Le caratteristiche del Decadentismo italiano, il Nazionalismo Gabriele D'Annunzio La vita, la poetica, l'attività politica, il rapporto con il pubblico Le novelle e i romanzi, l'opera poetica dalle Novelle della Pescara: L eroe, Gli idolatri da Il piacere: L educazione di Andrea Sperelli da Le vergini delle rocce: Ipotesi per una classe dirigente Giovanni Pascoli La vita, la poetica, le raccolte poetiche da Myricae: Lavandare; X Agosto; Novembre da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno; Nebbia da Pensieri e discorsi: Il fanciullino Il Futurismo La poetica e i temi, i manifesti, i principali esponenti Musica, teatro, pittura, scultura, gastronomia Filippo Tommaso Marinetti Manifesto del Futurismo brani da Il manifesto della letteratura futurista da Zang tumb tumb: Il bombardamento di Adrianopoli All automobile da corsa da Lacerba: ItaloTavolato, Bestemmia contro la democrazia, Giovanni Papini, Amiamo la guerra! Fortunato Depero, Parole in libertà, Depero a New York Le riviste di inizio secolo Il rinnovamento letterario di inizio secolo Il romanzo del Novecento in Europa e in Italia, le nuove strategie narrative, i personaggicoscienza e il flusso di coscienza

14 13 Luigi Pirandello La vita, la poetica, le novelle e i romanzi, le opere teatrali Analisi dei principali temi di poetica attraverso le opere Il treno ha fischiato, La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Pensaci, Giacomino!, Il berretto a sonagli, Sei personaggi in cerca di autore, Enrico IV L'esclusa, Il fu Mattia Pascal, Uno, nessuno e centomila, Diari di Serafino Gubbio, operatore Brani da L'umorismo Dalle Novelle per un anno: Il treno ha fischiato, La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Brani da Uno, nessuno e centomila, Il fu Mattia Pascal Italo Svevo La vita, la cultura mitteleuropea, la poetica,i romanzi Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno Brani da La coscienza di Zeno Giuseppe Ungaretti La vita, la poetica, le raccolte poetiche da l Allegria: Veglia, Fratelli, San Martino del Carso, Soldati, Stasera, Mattina, Allegria di naufragi Eugenio Montale La vita, la poetica, le raccolte poetiche da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato Dante Alighieri - Il Paradiso L'orinamento dell'inferno e del Purgatorio (unità di raccordo con il programma di quarta) Caratteri generali sulla cantica, l ordinamento del Paradiso Lettura (integrale o parziale) e analisi dei canti I, XI, XVII e XXXIII. Riassunto dei rimanenti Didattica della scrittura Analisi di un testo letterario in prosa, elementi di narratologia Analisi di un testo non letterario in prosa, esame delle varie tipologie Saggio breve Letture Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray uno a scelta dei seguenti libri: Giacomo Debenedetti - 16 ottobre 1943 Elie Wiesel La notte uno a scelta dei seguenti libri: Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira Erich Maria Remarque Niente di nuovo sul fronte occidentale Aleksandr Solženicyn - Una giornata di Ivan Denisovič Libro di testo utilizzato Marta Sambugar Gabriella Salà Generi, autori, opere, temi La Nuova Italia

15 14 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN STORIA Docente: Roberta Cantini INDICATORI (Conoscenze e competenze acquisite dagli alunni) 1. capacità di esprimersi correttamente 2. capacità di esporre in modo chiaro,logico, pertinente 3. conoscenza della terminologia specifica 4. capacità di comprendere le richieste e di trattare gli argomenti in maniera esauriente 5. capacità di collegamento 6. capacità di distinguere tra spiegazione ed interpretazione storica 7. capacità di esprimere riflessioni personali 8. capacità di analisi, sintesi, elaborazione autonoma dei contenuti. 9. capacità di concettualizzazione,elaborazione,sintesi,analisi e valutazione dei fatti storici 10. conoscenza dei fatti e delle problematiche storiche e loro collegamento con gli aspetti sociali, economici e culturali 11. comprensione dei meccanismi di funzionamento e di trasformazione dei sistemi sociali 12. confronto tra passato e presente CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Nella valutazione si è tenuto conto: 1. della conoscenza degli argomenti svolti e richiesti 2. dell esposizione logica, pertinente, corretta dei contenuti 3. dell utilizzo di un linguaggio e di una terminologia appropriati 4. delle capacità di collegamento e di rielaborazione personale

16 15 PROGRAMMA DI STORIA Il Risorgimento e l unificazione nazionale italiana (unità di raccordo con il programma di quarta) Moderati e democratici: le due anime del movimento patriottico La posizione unitaria di Mazzini, il federalismo democratico di Cattaneo Garibaldi e la spedizione dei Mille La posizione confederale moderata di Balbo e Gioberti, il progetto politico di Cavour La conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale La nascita del Regno d Italia, la vittoria della linea sabauda Il governo della Destra Storica La situazione dell Italia postunitaria, le difficoltà dell integrazione nazionale, i problemi dell'italia unita, il completamento dell unificazione La politica di governo della Destra storica, l'organizzazione del nuovo Stato unitario La Chiesa nell'italia postunitaria, i limiti della politica della Destra storica Il governo della Sinistra Storica La politica riformatrice, la rivoluzione parlamentare e il trasformismo, la politica economica La politica estera, le prime avventure coloniali L Italia di Crispi L'autoritarismo crispino, la repressione nei confronti del proletariato, le riforme, i rapporti con la Chiesa, lo scandalo della Banca romana, la politica coloniale Il primo governo Giolitti Sonnino e il tentativo di ripristinare lo Statuto, la crisi di fine secolo, l'assassinio di Umberto I e la salita al trono di Vittorio Emanuele III L età giolittiana Il Liberalismo progressista, la politica interna, la neutralità nei conflitti sociali Lo sviluppo industriale, la questione meridionale, il colonialismo e la politica estera La riforma elettorale e il patto con i Cattolici I governi di Sonnino e Salandra Le ideologie dell'ottocento Il Liberalismo, la teoria del giusto mezzo, le libertà borghesi, la difesa della pluralità Tocqueville e il modello democratico statunitense Il radicalismo e l'utilitarismo di Bentham Il Liberismo, libero scambio e libera concorrenza, le teorie di Smith e di Ricardo, l'analisi del capitalismo, la teoria del plusvalore Il Socialismo utopico, la critica del capitalismo, cooperazione e collettivismo Owen e l'esperienza di New Lanark, Saint Simon e il governo degli scienziati Fourier e l'esperienza dei falansteri, la critica alla proprietà di Proudhon Il Socialismo scientifico di Marx, il materialismo storico-dialettico, la rivoluzione, l'economia collettivistica e la dittatura del proletariato L'Anarchismo di Bakunin, la diffusione dell'anarchismo in Italia La Prima, Seconda e Terza Internazionale, Socialismo riformista e rivoluzionario, il revisionismo di Bernstein, le posizioni di Lenin, Luxemburg e Sorel, la differenziazione tra Socialismo e Comunismo Il Nazionalismo in Europa ed Italia: revanscismo, pangermanesimo e panslavismo Il Cattolicesimo sociale, la presenza politica dei Cattolici

17 16 Gli Stati europei dalla metà dell'ottocento alla Prima Guerra Mondiale La situazione economica in Europa nella seconda metà dell Ottocento La Francia dalla sconfitta di Sedan alla Grande Guerra La Terza Repubblica, la Comune di Parigi, la crisi politica, le riforme L'affare Dreyfus e la diffusione dell'antisemitismo, il revanscismo L unificazione tedesca ad opera della Prussia, il II Reich tedesco La politica e le riforme di Bismarck, il paternalismo, l'età guglielmina L'Austria di Francesco Giuseppe, l'impero austro-ungarico, le tensioni nazionaliste, i problemi nei Balcani, l'inizio della decadenza La Gran Bretagna dalla regina Vittoria alla Grande Guerra La formazione e la gestione dell'impero, il primato economico La politica interna di Disraeli e Gladstone, le riforme, la questione irlandese I regni di Edoardo VII e Giorgio V, i governi unionisti, l'inizio del declino Gli Stati extraeuropei dalla metà dell'ottocento alla Prima Guerra Mondiale L indipendenza dell America Latina e le sue conseguenze politiche ed economiche l La dottrina di Monroe e l'avvio del predominio statunitense nel continente americano Gli Stati Uniti dall indipendenza all intervento nella Grande Guerra I Congressi di Filadelfia, lo scontro tra federali e confederali La Dichiarazione d'indipendenza, la Costituzione, il sistema politico americano, la divisione dei poteri, gli Emendamenti cosituzionali, la legge elettorale L'espansione all'ovest, i rapporti con i nativi americani, la guerra col Messico, la questione della schiavitù, ideologie razziste e antirazziste, i partiti politici La guerra di secessione e le sue conseguenze Lo sviluppo economico, l'industrializzazione, il taylorismo, l'immigrazione, il movimento sindacale, lo sviluppo della finanza e le leggi anitrust I governi di Roosevelt e Wilson, la politica estera Il Giappone, la fine forzata dell'isolazionismo, la modernizzazione e l'industrializzazione, la società nipponica tra tradizione e innovazione, le riforme, l'espansionismo militare La Grande Guerra Alle origini della guerra: i conflitti i potenza e gli scontri economici, i prodromi e le cause La crisi del sistema europeo, lo scoppio del conflitto, i fronti bellici L Italia in guerra: interventisti e neutralisti, dibattito e scontro politico, il Patto di Londra, l'entrata in guerra Le operazioni militari del , la guerra lampo, la guerra di trincea e la guerra sottomarina, la guerra bianca, le nuove armi, la strategia del blocco economico II fronte interno, l'economia di guerra, i governi di coalizione nazionale, la ribellione contro la guerra La svolta del 1917: la rivoluzione russa, Caporetto, l intervento degli Stati Uniti e la fine del conflitto, la dissoluzione degli Imperi centrali La conferenza di Versailles e il nuovo assetto politico, i quattordici punti di Wilson, la Società delle Nazioni, i mandati coloniali, l'insoddisfazione italiana

18 17 La crisi del dopoguerra in Italia e l'affermazione del Fascismo L Europa dopo la Prima Guerra Mondiale Le conseguenze politiche ed economiche della guerra, la vittoria mutilata e la questione fiumana La crisi del dopoguerra, l'instabilità politica, il biennio rosso La nascita e l affermazione del Fascismo, il Partito Fascista, la marcia su Roma Il regime fascista L instaurazione della dittatura, l esautorazione del parlamento, le leggi fascistissime, L'organizzazione del consenso, lo Stato totalitario La politica economica, la politica coloniale e la guerra d Etiopia Il Concordato con la Santa Sede, la legislazione antiebraica, l opposizione al Fascismo I rapporti con la Germania nazista, l ingresso nella Seconda guerra mondiale La strage nazista di Piazzale Loreto a Milano Libro di testo utilizzato: Alberto De Bernardi- Scipione Guarracino, La Conoscenza storica Edizioni scolastiche Bruno Mondadori

19 18 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN INGLESE Docente: Antonella Greco OBIETTIVI RAGGIUNTI Durante questo anno scolastico gli studenti della classe sono mediamente riusciti a raggiungere i seguenti obiettivi prestabiliti: potenziare la competenza comunicativo-relazionale già acquisita negli anni scorsi; migliorare la correttezza espositiva orale e scritta; ampliare la conoscenza della terminologia specifica di indirizzo e raggiungere una discreta autonomia nell affrontare e comprendere globalmente testi scritti, relativi alla loro specializzazione (informatica); esporre i testi di cui sopra, sintetizzandone e rielaborandone i contenuti, possibilmente collegandoli; discutere argomenti di carattere generale, attinenti al programma svolto, ed esprimere semplicemente le loro opinioni ed impressioni. CONTENUTI Vedere il programma svolto. INDICATORI (CONOSCENZE E COMPETENZE ACQUISITE DAGLI ALUNNI) capacità di dedurre dal contesto il significato dei termini nuovi; capacità di definire un termine in lingua straniera, senza necessariamente ricorrere alla traduzione; capacità di trasferire in altri contesti la terminologia specifica acquisita, così come il lessico relativo alla lingua standard; capacità di distinguere l essenziale dall accessorio, di analizzare, di sintetizzare, di esporre in sequenza logica e logicamente concludere un discorso; capacità di operare collegamenti all interno della disciplina e con altre materie; competenza nell uso del dizionario.

20 19 CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI La valutazione degli studenti si riferisce prevalentemente alla loro capacità globale di comprendere messaggi orali e testi scritti, nonché di usare la lingua per comunicare, anche esponendo contenuti specifici studiati. Sono state considerate: la capacità di comprensione delle domande; la conoscenza dei contenuti; la correttezza linguistica e la coerenza nell esposizione orale e scritta; la capacità di operare collegamenti; la capacità di analisi, sintesi, di apporto personale. I requisiti minimi per il raggiungimento della sufficienza sono stati la conoscenza dei contenuti ed una esposizione abbastanza diligente, puntuale e corretta, priva di collegamenti / commenti ed apporti personali. Vi è sempre stata tolleranza per un limitato numero di errori non gravi, che non pregiudicano la comprensione del messaggio che lo studente intende far pervenire. PROGRAMMA D INGLESE ENGLISH FOR COMPUTER SCIENCE The information superhighway Interconnected networks A brief History of the Internet The World Wide Web ISP HTML Downloading software Newsgroup Mailing list, IRC, IM and the Internet Telephone E-commerce A blog Program development Computer Programming Understanding the problem Developing the algorithm Writing the program Documenting the program Testing and debugging the program Flowcharts Pseudocode Extreme programming

21 20 A subprogram Control structure Structure diagrams GRAMMAR POINTS Reported speech statements-questions suggestions and invitations Adjectives ending in ing and -ed Modal verbs of speculation and deduction- present and past Third Conditional Zero- first second Conditional (revision) Adjective suffixes Indeterminate pronouns: some-any-no-every So and Such I wish and if only Reading The Uk government The mystery of Louis XVII The Commonwealth of Nations Collocations with money, shopping and shops Scent marketing TESTI UTILIZZATI Matassi, Menchetti, New Totally Connected, CLITT Editore. D. Spencer Gateway destination B2 Macmillan Editore.

22 21 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN MATEMATICA Docenti: Margherita Manzella Obiettivi raggiunti Uso della terminologia precisa e corretta. Uso del libro di testo non come semplice eserciziario, ma come fonte di consultazione. Contenuti Vedi programma allegato. Indicatori (conoscenze e competenze acquisite dagli alunni) Serie numeriche: saper stabilire il carattere; conoscere e saper applicare i criteri. Funzione di due variabili:saper ricercare il dominio, calcolare derivate; saper determinare i punti stazionari, specificando se si tratta di massimi,minimi o punti di sella. Saper risolvere le equazioni differenziali. Criteri di valutazione adottati Sono state eseguite verifiche scritte alla fine di ogni argomento o gruppo di argomenti Ad ogni esercizio è stato attribuito un punteggio a seconda delle difficoltà. La scala dei voti è da 2 a 10. Per le verifiche orali si è tenuto conto di tre parametri: 1) la qualità dell informazione 2) la modalità di esposizione 3) la capacità di organizzare in modo autonomo le informazioni date. MODULO D Integrali indefiniti PROGRAMMA DI MATEMATICA Concetto di integrale indefinito, di famiglia di funzioni primitive e integrali indefiniti immediati. Metodi di integrazione: integrazione per decomposizione, per sostituzione, per parti, integrazione di funzioni razionali fratte con denominatore di secondo grado. Integrali definiti * Definizione di integrale definito, proprietà * La funzione integrale: definizione e relative proprietà * Teorema fondamentale del calcolo integrale e sue applicazioni nel calcolo di integrali definiti * Calcolo di aree di superfici delimitate da curve piane

23 22 MODULO F SERIE NUMERICHE Definizioni fondamentali e terminologia La serie geometrica(*) - Proprietà generali delle serie: prodotto di una costante per una serie, somma di due serie, una proprietà delle serie a termini positivi, la serie armonica, condizione necessaria per la convergenza di una serie (*) -Resto di una serie - Serie a termini positivi: serie minorante e serie maggiorante di una serie data,1 criterio di confronto(*),2 criterio di confronto(*),serie armonica di ordineα, criterio del rapporto, criterio della radice - Serie a segno alterno: teorema di Leibnitz - Serie assolutamente e semplicemente convergenti. RISOLUZIONE GRAFICA DI DISEQUAZIONI IN DUE INCOGNITE Disequazioni lineari Disequazioni non lineari. FUNZIONI DI DUE VARIABILI Funzioni di due variabili: dominio e codominio Derivate parziali: definizione di derivata parziale, calcolo delle derivate parziali. APPROFONDIMENTI SULLE FUNZIONI DI DUE VARIABILI Derivate parziali del 2 ordine - Teorema di Schwarz - Massimi e minimi assoluti e relativi - Condizioni necessarie per l'esistenza di un estremo relativo - Punti stazionari - Hessiano - Condizioni sufficienti per l'esistenza di un estremo. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Definizioni Integrale di un equazione differenziale (generale, particolare, singolare) Equazioni differenziali del primo ordine: equazioni differenziali del tipo y =f(x), equazioni differenziali a variabili separabili, equazioni differenziali lineari del primo ordine(*). Equazioni differenziali del secondo ordine: equazioni differenziali del secondo ordine, lineari, omogenee a coefficienti costanti. NOTE 1) TESTO ADOTTATO - Dodero, Baroncini, Manfredi Lineamenti di Matematica: modulo D Ed. Ghisetti e Corvi. - Dodero, Baroncini, Manfredi Lineamenti di Matematica: modulo F Ed. Ghisetti e Corvi. 2) (*) Teorema con dimostrazione

24 23 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN INFORMATICA Docenti: Mauro Vecchiatti Paolo Petrozzi OBIETTIVI COGNITIVI RAGGIUNTI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze generali della disciplina; Conoscenza del linguaggio tecnico specifico della disciplina; Esprimersi in modo chiaro, logico e pertinente, utilizzando un lessico appropriato alla situazione comunicativa e di contenuto Affrontare lo studio con spirito critico e autonomia di analisi e di sintesi Motivare adeguatamente le proprie scelte progettuali Capacità di analizzare le specifiche critiche di problemi informatici in ambito Client/Server, reti locali e su singolo elaboratore INDICATORI Conoscenze relative alle principali organizzazioni dati in archivi digitali, sapendo scegliere quella più adeguata al problema in esame conoscere i concetti di base della modellazione E-R in modo da riuscire a progettare il modello concettuale del problema, anche se non rispondente a criteri di efficienza saper tradurre il modello concettuale ER nel modello relazionale saper realizzare l intensione SQL del modello logico relazionale saper effettuare sul data base SQL operazioni elementari di interrogazione, aggiornamento, inserimento e cancellazione Saper proporre soluzioni adeguate su problematiche di gestione dati in ambito client-server, reti locali e singolo elaboratore. CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Nella valutazione delle prove scritte ed orali si è tenuto conto: della conoscenza dei contenuti specifici studiati, della capacità di applicare le conoscenze a strutture con difficoltà crescenti della capacità di organizzare in modo autonomo le informazioni della coerenza e pertinenza nell esposizione dell uso della terminologia tecnica. Lo spettro numerico adottato per la valutazione va dall 1 al 10, le fasce di oscillazione nelle valutazioni sono state: 1-4: Errata o mancante individuazione di una logica risolutiva rispondente alle specifiche del quesito/ problema proposto. Esposizione in un linguaggio tecnico inappropriato. Gravi e diffusi errori nella realizzazione di quanto ideato. 5: Individuazione della corretta struttura logica e/o progettuale e/o algoritmica della risoluzione al quesito/problema proposto. Esposizione in linguaggio tecnico approssimativo. Errori gravi, seppur limitati a dettagli e sotto problemi di limitato rilievo.

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli