Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi. I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi. I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica"

Transcript

1 I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica Anno Scolastico Rho, Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi

2 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE Cognome Nome 1 Amigoni Alessio 2 Aquilini Federico 3 Caruso Alessandro 4 De Nicolo Marco 5 Di Lella Andrea 6 Gentile Manuel 7 Guareschi Luca 8 Maggioni Federico 9 Metry Abanop 10 Minerva Simone Antonio 11 Miroddi Mirko 12 Monti Alesandro 13 Moreschini Alessio 14 Musicò Gabriele 15 Ostuni Dario 16 Ratnayake Dumidu 17 Roscino Nicholas 18 Serratore Mauro 19 Simani Edoardo

3 2 PROFILO DELLA CLASSE La classe V B Informatica è composta da diciannove studenti, tutti maschi, gruppo che si è costituito praticamente all inizio del terzo anno nato dall unione di alunni provenienti da due seconde, l aggiunta di tre ripetenti e l arrivo di un alunno proveniente da altro Istituto. Buona è stata la socializzazione che nel corso degli anni si è sviluppata e consolidata nel gruppo classe e altrettanto positiva la relazione con il corpo insegnanti. Dal punto di vista disciplinare non si sono mai registrati nel corso del triennio episodi di rilievo, la classe ha sempre assunto una condotta generalmente corretta. Va rilevato comunque il comportamento scolasticamente scorretto di un gruppo di alunni che in quest ultimo anno scolastico ha prodotto un rilevante numero di richieste di entrate posticipate e uscite anticipate spesso in concomitanza di verifiche e/o interrogazioni. Nel corso del triennio per motivi diversi, alla classe è mancata la continuità didattica in Italiano e Storia (al V anno), Inglese (al IV e al V anno) Tecnologie (al IV anno) Informatica (al IV anno), stabili gli insegnanti di Matematica, Sistemi, Educazione Fisica e Religione. Dal punto di visto didattico, la classe ha sempre seguito con sufficiente impegno le proposte didattiche anche se lo studio a casa non sempre è stato adeguato alla necessaria richiesta. Il livello di preparazione raggiunto mediamente è sufficiente, ma l'impressione diffusa è che un maggiore impegno avrebbe permesso di conseguire migliori risultati.

4 3 QUADRO ORARIO DISCIPLINE DEL PIANO DI STUDI Docente V anno 3 ANNO 4 ANNO 5 ANNO Italiano Cantini R Storia Cantini R Inglese Greco A Matematica Complementi di Matematica Tecnologie e progettazione Informatica Sistemi e Reti Gestione Progetto Organiz.d Impresa Manzella M. Manzella M. Curzio G. Brolis A. Vecchiatti M. Petrozzi P. D Alessandro M. Brolis A. D Alessandro M. Brolis A (1) 3 (2) 4 (2) 6 (3) 6 (3) 6 (4) 4 (2) 4 (2) 4 (2) 4 (2) 4 (2) 3 (2) Educazione Fisica De Filippis G Religione Maffeis G TOTALE 32 (9) 32 (9) 32 (10) Nota: tra parentesi sono indicate le ore di laboratorio

5 4 ATTIVITÀ INTEGRATIVE CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Uscita didattica 22 Ottobre al teatro Piccolo Strehler di Milano per la visione dell Enrico IV di L.Pirandello. Uscita didattica 28 Gennaio Cinema Apollo visione del film Storia di una ladra di libri Viaggio d'istruzione a Cordoba e Siviglia dal 27 al 31 Marzo Uscita didattica Percorso Linea Cadorna Viggiù (VA) Mercoledì 13 Maggio Lezione sulla I guerra mondiale 20 Maggio Conferenza filmato sulla Resistenza Progetto Teseo solo alunni interessati Visita alle facoltà universitarie in occasione dei campus di orientamento studenti Svolto CLIL principalmente nelle ore di Informatica 12 ore e Inglese 8 ore Argomenti : Data Base e Intelligenza Artificiale (Informatica) Preparazione all esame di Stato Una simulazione della prima prova scritta (28 Aprile 2015) Una simulazione della seconda prova scritta (29 Aprile 2015 ) Due simulazioni della terza prova scritta (18 febbraio 2015, 24 Aprile 2015) INTERVENTI DIDATTICO-EDUCATIVI Nelle singole discipline il ripasso si è svolto durante le pause didattiche programmate

6 5 OBIETTIVI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI EDUCATIVO - FORMATIVI 1. Rispetto delle opinioni altrui 2. Puntualità e partecipazione durante le lezioni 3. Saper intervenire in modo corretto, coerente, pertinente e critico nelle discussioni, nei lavori di gruppo e durante le lezioni 4. Rispetto delle scadenze nella consegna dei lavori affidati 5. Rispetto delle regole dell Istituto 6. Svolgimento regolare e serio dei lavori assegnati 7. Capacità di instaurare un rapporto equilibrato con docenti e compagni 8. Disponibilità ad accogliere e seguire le indicazioni fornite dagli insegnanti 9. Capacità di collaborazione in gruppo OBIETTIVI COGNITIVI 1. Conoscere i contenuti delle singole materie 2. Capacità di esposizione lineare e corretta 3. Conoscere il linguaggio specifico delle singole discipline e saperlo utilizzare in modo opportuno 4. Saper collegare i vari argomenti a livello disciplinare e, se possibile, interdisciplinare 5. Saper rielaborare personalmente e criticamente i contenuti appresi NOTA AI PROGRAMMI I programmi svolti nelle singole discipline riportano sia gli argomenti svolti fino al giorno di compilazione del Documento, sia quelli che verranno sviluppati entro il termine dell anno scolastico.

7 6 METODI UTILIZZATI DAI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITA Italiano Storia Inglese Matematica Informatica Sistemi Gest. Prog. Tecnologie Ed. Fisica Religione Lezione frontale Lezione con esperti Lezione multimediale Lezione pratica Metodo induttivo Lavoro di gruppo Discussione guidata Simulazioni Lettura e comprensione guidata Lezione guidata

8 7 RISORSE STRUMENTALI UTILIZZATE DAI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE STRUMENTI Italiano Storia Matematica Inglese Informatica Sistemi Gest.Prog. Tecnologie Ed.Fisica Religione Libro di testo Altri testi Riviste specialistiche, manuali Software didattici Software professionali Televisione, videoregistratore, videocassette / audiocassette Videoproiettore Internet Appunti del docente

9 8 STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE ATTIVITA I t a l i a n o S t o r i a M a t e m a t i c a I n g l e s e I n f o r m a t i c a S i s t e m i G e s t. P r o g. T e c n o l o g i e E d. F i s i c a R e l i g i o n e Interrogazione lunga / breve Risoluzione di casi / problemi Prova pratica / prova di laboratorio Trattazione sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Problemi a soluzione rapida Casi pratici e professionali Sviluppo di progetti Temi e/o relazioni

10 9 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN ITALIANO Docente: Roberta Cantini OBIETTIVI RAGGIUNTI DALLA CLASSE A DIVERSI LIVELLI: 1. miglioramento della competenza linguistica 2. capacità di organizzare e produrre un testo espositivo e argomentativo 3. capacità di produrre analisi del testo e saggi brevi 4. capacità di esprimere opinioni proprie ed elaborare riflessioni critiche 5. capacità di elaborazione personale 6. acquisizione dei contenuti della disciplina CONTENUTI / PROGRAMMA: il saggio breve l analisi di un testo non letterario il tema storico il tema di ordine generale le linee fondamentali dei diversi movimenti culturali i caratteri essenziali della poetica di ciascun autore affrontato le tematiche analizzate nei testi di ogni scrittore INDICATORI (Conoscenze e competenze acquisite dagli alunni) rispetto delle regole di ortografia, morfosintassi, punteggiatura capacità di esprimersi correttamente capacità di esporre in modo chiaro, logico, pertinente capacità di utilizzo delle terminologie appropriate capacità di individuare i punti richiesti dalla traccia capacità di trattarli in maniera esauriente capacità di svolgere un tema espositivo e argomentativo capacità di esprimere riflessioni personali capacità di creare collegamenti disciplinari e/o interdisciplinari capacità di lettura tecnica e scorrevole capacità di analisi, sintesi, elaborazione autonoma dei contenuti.

11 10 CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Nella valutazione sia delle prove scritte sia di quelle orali si è tenuto conto: della conoscenza degli argomenti svolti e richiesti dell esposizione logica, pertinente, corretta dei contenuti dell utilizzo di un linguaggio appropriato della capacità di rielaborazione personale

12 11 PROGRAMMA DI ITALIANO Neoclassicismo, Preromanticismo e Romanticismo in Europa e in Italia (unità di raccordo con il programma di quarta) L'evoluzione del romanzo Romanzo epistolare, storico e sociale, le scrittrici I romanzi di Rousseau, Goethe, Foscolo, Scott, Manzoni, Dickens. La lirica romantica, la poetica, i principali esponenti Giacomo Leopardi La vita, il pensiero, la poetica Il Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica - Lo Zibaldone Il pessimismo storico - Le canzoni civili e le canzoni filosofiche - Gli Idilli Il pessimismo cosmico - Le Operette morali - I Grandi idilli - Il ciclo di Aspasia L'ultima fase dell'ideologia leopardiana - La Ginestra Brani dall'epistolario e dallo Zibaldone Dai Canti: L Infinito, Alla luna, A Silvia, Il sabato del villaggio, La quiete dopo la tempesta, A se stesso Dalle Operette morali: Dialogo della natura e di un Islandese Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie; Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez Dialogo di Plotino e di Porfirio; Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Dialogo di Tristano e di un amico L'età del realismo Il Positivismo Il pensiero di Comte, Spencer, Darwin e Mendel L'evoluzionismo sociale La filosofia dell'arte di Taine Il romanzo dal Romanticismo al Naturalismo Realismo e Naturalismo in Francia Stendhal, Balzac, Flaubert, i fratelli Goncourt, Zola E. e J. de Goncourt, prefazione da Germinie Lacerteux La Scapigliatura e il Verismo La delusione postrisorgimentale, la poetica scapigliata La diffusione di Positivismo e Naturalismo in Italia, De Sanctis e Capuana Giovanni Verga La vita, l'elaborazione del metodo verista, la poetica e l ideologia, la tecnica narrativa Le raccolte di novelle Il ciclo dei Vinti, I Malavoglia e Mastro Don Gesualdo, Dal tuo al mio da Vita dei campi: prefazione a L amante di Gramigna, La Lupa, Fantasticheria dalle Novelle rusticane: La roba, Il reverendo, Libertà

13 12 Il Simbolismo Charles Baudelaire da I fiori del male : L albatros, Spleen, Corrispondenze I poeti maledetti, la nuova concezione del ruolo del poeta La poetica simbolista, lingua, stile, figure retoriche Rimbaud, Verlaine, Mallarmé Brani dalla Lettera del veggente e dall'arte poetica Il Decadentismo in Europa e in Italia La crisi del Positivismo Nietzsche e il mito del superuomo, Freud e la psicoanalisi, Bergson e il tempo come durata Gli influssi sulla letteratura e sull'arte Dostoevskij Delitto e castigo, la teoria dei Napoleonidi Memorie del sottosuolo, l'esame dell'inconscio Il Decadentismo europeo, l'estetismo, l'eroe decadente Huysmans, A rebours Wilde, Il ritratto di Dorian Gray (lettura integrale dell'opera) Le caratteristiche del Decadentismo italiano, il Nazionalismo Gabriele D'Annunzio La vita, la poetica, l'attività politica, il rapporto con il pubblico Le novelle e i romanzi, l'opera poetica dalle Novelle della Pescara: L eroe, Gli idolatri da Il piacere: L educazione di Andrea Sperelli da Le vergini delle rocce: Ipotesi per una classe dirigente Giovanni Pascoli La vita, la poetica, le raccolte poetiche da Myricae: Lavandare; X Agosto; Novembre da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno; Nebbia da Pensieri e discorsi: Il fanciullino Il Futurismo La poetica e i temi, i manifesti, i principali esponenti Musica, teatro, pittura, scultura, gastronomia Filippo Tommaso Marinetti Manifesto del Futurismo brani da Il manifesto della letteratura futurista da Zang tumb tumb: Il bombardamento di Adrianopoli All automobile da corsa da Lacerba: ItaloTavolato, Bestemmia contro la democrazia, Giovanni Papini, Amiamo la guerra! Fortunato Depero, Parole in libertà, Depero a New York Le riviste di inizio secolo Il rinnovamento letterario di inizio secolo Il romanzo del Novecento in Europa e in Italia, le nuove strategie narrative, i personaggicoscienza e il flusso di coscienza

14 13 Luigi Pirandello La vita, la poetica, le novelle e i romanzi, le opere teatrali Analisi dei principali temi di poetica attraverso le opere Il treno ha fischiato, La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Pensaci, Giacomino!, Il berretto a sonagli, Sei personaggi in cerca di autore, Enrico IV L'esclusa, Il fu Mattia Pascal, Uno, nessuno e centomila, Diari di Serafino Gubbio, operatore Brani da L'umorismo Dalle Novelle per un anno: Il treno ha fischiato, La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Brani da Uno, nessuno e centomila, Il fu Mattia Pascal Italo Svevo La vita, la cultura mitteleuropea, la poetica,i romanzi Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno Brani da La coscienza di Zeno Giuseppe Ungaretti La vita, la poetica, le raccolte poetiche da l Allegria: Veglia, Fratelli, San Martino del Carso, Soldati, Stasera, Mattina, Allegria di naufragi Eugenio Montale La vita, la poetica, le raccolte poetiche da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato Dante Alighieri - Il Paradiso L'orinamento dell'inferno e del Purgatorio (unità di raccordo con il programma di quarta) Caratteri generali sulla cantica, l ordinamento del Paradiso Lettura (integrale o parziale) e analisi dei canti I, XI, XVII e XXXIII. Riassunto dei rimanenti Didattica della scrittura Analisi di un testo letterario in prosa, elementi di narratologia Analisi di un testo non letterario in prosa, esame delle varie tipologie Saggio breve Letture Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray uno a scelta dei seguenti libri: Giacomo Debenedetti - 16 ottobre 1943 Elie Wiesel La notte uno a scelta dei seguenti libri: Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira Erich Maria Remarque Niente di nuovo sul fronte occidentale Aleksandr Solženicyn - Una giornata di Ivan Denisovič Libro di testo utilizzato Marta Sambugar Gabriella Salà Generi, autori, opere, temi La Nuova Italia

15 14 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN STORIA Docente: Roberta Cantini INDICATORI (Conoscenze e competenze acquisite dagli alunni) 1. capacità di esprimersi correttamente 2. capacità di esporre in modo chiaro,logico, pertinente 3. conoscenza della terminologia specifica 4. capacità di comprendere le richieste e di trattare gli argomenti in maniera esauriente 5. capacità di collegamento 6. capacità di distinguere tra spiegazione ed interpretazione storica 7. capacità di esprimere riflessioni personali 8. capacità di analisi, sintesi, elaborazione autonoma dei contenuti. 9. capacità di concettualizzazione,elaborazione,sintesi,analisi e valutazione dei fatti storici 10. conoscenza dei fatti e delle problematiche storiche e loro collegamento con gli aspetti sociali, economici e culturali 11. comprensione dei meccanismi di funzionamento e di trasformazione dei sistemi sociali 12. confronto tra passato e presente CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Nella valutazione si è tenuto conto: 1. della conoscenza degli argomenti svolti e richiesti 2. dell esposizione logica, pertinente, corretta dei contenuti 3. dell utilizzo di un linguaggio e di una terminologia appropriati 4. delle capacità di collegamento e di rielaborazione personale

16 15 PROGRAMMA DI STORIA Il Risorgimento e l unificazione nazionale italiana (unità di raccordo con il programma di quarta) Moderati e democratici: le due anime del movimento patriottico La posizione unitaria di Mazzini, il federalismo democratico di Cattaneo Garibaldi e la spedizione dei Mille La posizione confederale moderata di Balbo e Gioberti, il progetto politico di Cavour La conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale La nascita del Regno d Italia, la vittoria della linea sabauda Il governo della Destra Storica La situazione dell Italia postunitaria, le difficoltà dell integrazione nazionale, i problemi dell'italia unita, il completamento dell unificazione La politica di governo della Destra storica, l'organizzazione del nuovo Stato unitario La Chiesa nell'italia postunitaria, i limiti della politica della Destra storica Il governo della Sinistra Storica La politica riformatrice, la rivoluzione parlamentare e il trasformismo, la politica economica La politica estera, le prime avventure coloniali L Italia di Crispi L'autoritarismo crispino, la repressione nei confronti del proletariato, le riforme, i rapporti con la Chiesa, lo scandalo della Banca romana, la politica coloniale Il primo governo Giolitti Sonnino e il tentativo di ripristinare lo Statuto, la crisi di fine secolo, l'assassinio di Umberto I e la salita al trono di Vittorio Emanuele III L età giolittiana Il Liberalismo progressista, la politica interna, la neutralità nei conflitti sociali Lo sviluppo industriale, la questione meridionale, il colonialismo e la politica estera La riforma elettorale e il patto con i Cattolici I governi di Sonnino e Salandra Le ideologie dell'ottocento Il Liberalismo, la teoria del giusto mezzo, le libertà borghesi, la difesa della pluralità Tocqueville e il modello democratico statunitense Il radicalismo e l'utilitarismo di Bentham Il Liberismo, libero scambio e libera concorrenza, le teorie di Smith e di Ricardo, l'analisi del capitalismo, la teoria del plusvalore Il Socialismo utopico, la critica del capitalismo, cooperazione e collettivismo Owen e l'esperienza di New Lanark, Saint Simon e il governo degli scienziati Fourier e l'esperienza dei falansteri, la critica alla proprietà di Proudhon Il Socialismo scientifico di Marx, il materialismo storico-dialettico, la rivoluzione, l'economia collettivistica e la dittatura del proletariato L'Anarchismo di Bakunin, la diffusione dell'anarchismo in Italia La Prima, Seconda e Terza Internazionale, Socialismo riformista e rivoluzionario, il revisionismo di Bernstein, le posizioni di Lenin, Luxemburg e Sorel, la differenziazione tra Socialismo e Comunismo Il Nazionalismo in Europa ed Italia: revanscismo, pangermanesimo e panslavismo Il Cattolicesimo sociale, la presenza politica dei Cattolici

17 16 Gli Stati europei dalla metà dell'ottocento alla Prima Guerra Mondiale La situazione economica in Europa nella seconda metà dell Ottocento La Francia dalla sconfitta di Sedan alla Grande Guerra La Terza Repubblica, la Comune di Parigi, la crisi politica, le riforme L'affare Dreyfus e la diffusione dell'antisemitismo, il revanscismo L unificazione tedesca ad opera della Prussia, il II Reich tedesco La politica e le riforme di Bismarck, il paternalismo, l'età guglielmina L'Austria di Francesco Giuseppe, l'impero austro-ungarico, le tensioni nazionaliste, i problemi nei Balcani, l'inizio della decadenza La Gran Bretagna dalla regina Vittoria alla Grande Guerra La formazione e la gestione dell'impero, il primato economico La politica interna di Disraeli e Gladstone, le riforme, la questione irlandese I regni di Edoardo VII e Giorgio V, i governi unionisti, l'inizio del declino Gli Stati extraeuropei dalla metà dell'ottocento alla Prima Guerra Mondiale L indipendenza dell America Latina e le sue conseguenze politiche ed economiche l La dottrina di Monroe e l'avvio del predominio statunitense nel continente americano Gli Stati Uniti dall indipendenza all intervento nella Grande Guerra I Congressi di Filadelfia, lo scontro tra federali e confederali La Dichiarazione d'indipendenza, la Costituzione, il sistema politico americano, la divisione dei poteri, gli Emendamenti cosituzionali, la legge elettorale L'espansione all'ovest, i rapporti con i nativi americani, la guerra col Messico, la questione della schiavitù, ideologie razziste e antirazziste, i partiti politici La guerra di secessione e le sue conseguenze Lo sviluppo economico, l'industrializzazione, il taylorismo, l'immigrazione, il movimento sindacale, lo sviluppo della finanza e le leggi anitrust I governi di Roosevelt e Wilson, la politica estera Il Giappone, la fine forzata dell'isolazionismo, la modernizzazione e l'industrializzazione, la società nipponica tra tradizione e innovazione, le riforme, l'espansionismo militare La Grande Guerra Alle origini della guerra: i conflitti i potenza e gli scontri economici, i prodromi e le cause La crisi del sistema europeo, lo scoppio del conflitto, i fronti bellici L Italia in guerra: interventisti e neutralisti, dibattito e scontro politico, il Patto di Londra, l'entrata in guerra Le operazioni militari del , la guerra lampo, la guerra di trincea e la guerra sottomarina, la guerra bianca, le nuove armi, la strategia del blocco economico II fronte interno, l'economia di guerra, i governi di coalizione nazionale, la ribellione contro la guerra La svolta del 1917: la rivoluzione russa, Caporetto, l intervento degli Stati Uniti e la fine del conflitto, la dissoluzione degli Imperi centrali La conferenza di Versailles e il nuovo assetto politico, i quattordici punti di Wilson, la Società delle Nazioni, i mandati coloniali, l'insoddisfazione italiana

18 17 La crisi del dopoguerra in Italia e l'affermazione del Fascismo L Europa dopo la Prima Guerra Mondiale Le conseguenze politiche ed economiche della guerra, la vittoria mutilata e la questione fiumana La crisi del dopoguerra, l'instabilità politica, il biennio rosso La nascita e l affermazione del Fascismo, il Partito Fascista, la marcia su Roma Il regime fascista L instaurazione della dittatura, l esautorazione del parlamento, le leggi fascistissime, L'organizzazione del consenso, lo Stato totalitario La politica economica, la politica coloniale e la guerra d Etiopia Il Concordato con la Santa Sede, la legislazione antiebraica, l opposizione al Fascismo I rapporti con la Germania nazista, l ingresso nella Seconda guerra mondiale La strage nazista di Piazzale Loreto a Milano Libro di testo utilizzato: Alberto De Bernardi- Scipione Guarracino, La Conoscenza storica Edizioni scolastiche Bruno Mondadori

19 18 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN INGLESE Docente: Antonella Greco OBIETTIVI RAGGIUNTI Durante questo anno scolastico gli studenti della classe sono mediamente riusciti a raggiungere i seguenti obiettivi prestabiliti: potenziare la competenza comunicativo-relazionale già acquisita negli anni scorsi; migliorare la correttezza espositiva orale e scritta; ampliare la conoscenza della terminologia specifica di indirizzo e raggiungere una discreta autonomia nell affrontare e comprendere globalmente testi scritti, relativi alla loro specializzazione (informatica); esporre i testi di cui sopra, sintetizzandone e rielaborandone i contenuti, possibilmente collegandoli; discutere argomenti di carattere generale, attinenti al programma svolto, ed esprimere semplicemente le loro opinioni ed impressioni. CONTENUTI Vedere il programma svolto. INDICATORI (CONOSCENZE E COMPETENZE ACQUISITE DAGLI ALUNNI) capacità di dedurre dal contesto il significato dei termini nuovi; capacità di definire un termine in lingua straniera, senza necessariamente ricorrere alla traduzione; capacità di trasferire in altri contesti la terminologia specifica acquisita, così come il lessico relativo alla lingua standard; capacità di distinguere l essenziale dall accessorio, di analizzare, di sintetizzare, di esporre in sequenza logica e logicamente concludere un discorso; capacità di operare collegamenti all interno della disciplina e con altre materie; competenza nell uso del dizionario.

20 19 CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI La valutazione degli studenti si riferisce prevalentemente alla loro capacità globale di comprendere messaggi orali e testi scritti, nonché di usare la lingua per comunicare, anche esponendo contenuti specifici studiati. Sono state considerate: la capacità di comprensione delle domande; la conoscenza dei contenuti; la correttezza linguistica e la coerenza nell esposizione orale e scritta; la capacità di operare collegamenti; la capacità di analisi, sintesi, di apporto personale. I requisiti minimi per il raggiungimento della sufficienza sono stati la conoscenza dei contenuti ed una esposizione abbastanza diligente, puntuale e corretta, priva di collegamenti / commenti ed apporti personali. Vi è sempre stata tolleranza per un limitato numero di errori non gravi, che non pregiudicano la comprensione del messaggio che lo studente intende far pervenire. PROGRAMMA D INGLESE ENGLISH FOR COMPUTER SCIENCE The information superhighway Interconnected networks A brief History of the Internet The World Wide Web ISP HTML Downloading software Newsgroup Mailing list, IRC, IM and the Internet Telephone E-commerce A blog Program development Computer Programming Understanding the problem Developing the algorithm Writing the program Documenting the program Testing and debugging the program Flowcharts Pseudocode Extreme programming

21 20 A subprogram Control structure Structure diagrams GRAMMAR POINTS Reported speech statements-questions suggestions and invitations Adjectives ending in ing and -ed Modal verbs of speculation and deduction- present and past Third Conditional Zero- first second Conditional (revision) Adjective suffixes Indeterminate pronouns: some-any-no-every So and Such I wish and if only Reading The Uk government The mystery of Louis XVII The Commonwealth of Nations Collocations with money, shopping and shops Scent marketing TESTI UTILIZZATI Matassi, Menchetti, New Totally Connected, CLITT Editore. D. Spencer Gateway destination B2 Macmillan Editore.

22 21 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN MATEMATICA Docenti: Margherita Manzella Obiettivi raggiunti Uso della terminologia precisa e corretta. Uso del libro di testo non come semplice eserciziario, ma come fonte di consultazione. Contenuti Vedi programma allegato. Indicatori (conoscenze e competenze acquisite dagli alunni) Serie numeriche: saper stabilire il carattere; conoscere e saper applicare i criteri. Funzione di due variabili:saper ricercare il dominio, calcolare derivate; saper determinare i punti stazionari, specificando se si tratta di massimi,minimi o punti di sella. Saper risolvere le equazioni differenziali. Criteri di valutazione adottati Sono state eseguite verifiche scritte alla fine di ogni argomento o gruppo di argomenti Ad ogni esercizio è stato attribuito un punteggio a seconda delle difficoltà. La scala dei voti è da 2 a 10. Per le verifiche orali si è tenuto conto di tre parametri: 1) la qualità dell informazione 2) la modalità di esposizione 3) la capacità di organizzare in modo autonomo le informazioni date. MODULO D Integrali indefiniti PROGRAMMA DI MATEMATICA Concetto di integrale indefinito, di famiglia di funzioni primitive e integrali indefiniti immediati. Metodi di integrazione: integrazione per decomposizione, per sostituzione, per parti, integrazione di funzioni razionali fratte con denominatore di secondo grado. Integrali definiti * Definizione di integrale definito, proprietà * La funzione integrale: definizione e relative proprietà * Teorema fondamentale del calcolo integrale e sue applicazioni nel calcolo di integrali definiti * Calcolo di aree di superfici delimitate da curve piane

23 22 MODULO F SERIE NUMERICHE Definizioni fondamentali e terminologia La serie geometrica(*) - Proprietà generali delle serie: prodotto di una costante per una serie, somma di due serie, una proprietà delle serie a termini positivi, la serie armonica, condizione necessaria per la convergenza di una serie (*) -Resto di una serie - Serie a termini positivi: serie minorante e serie maggiorante di una serie data,1 criterio di confronto(*),2 criterio di confronto(*),serie armonica di ordineα, criterio del rapporto, criterio della radice - Serie a segno alterno: teorema di Leibnitz - Serie assolutamente e semplicemente convergenti. RISOLUZIONE GRAFICA DI DISEQUAZIONI IN DUE INCOGNITE Disequazioni lineari Disequazioni non lineari. FUNZIONI DI DUE VARIABILI Funzioni di due variabili: dominio e codominio Derivate parziali: definizione di derivata parziale, calcolo delle derivate parziali. APPROFONDIMENTI SULLE FUNZIONI DI DUE VARIABILI Derivate parziali del 2 ordine - Teorema di Schwarz - Massimi e minimi assoluti e relativi - Condizioni necessarie per l'esistenza di un estremo relativo - Punti stazionari - Hessiano - Condizioni sufficienti per l'esistenza di un estremo. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Definizioni Integrale di un equazione differenziale (generale, particolare, singolare) Equazioni differenziali del primo ordine: equazioni differenziali del tipo y =f(x), equazioni differenziali a variabili separabili, equazioni differenziali lineari del primo ordine(*). Equazioni differenziali del secondo ordine: equazioni differenziali del secondo ordine, lineari, omogenee a coefficienti costanti. NOTE 1) TESTO ADOTTATO - Dodero, Baroncini, Manfredi Lineamenti di Matematica: modulo D Ed. Ghisetti e Corvi. - Dodero, Baroncini, Manfredi Lineamenti di Matematica: modulo F Ed. Ghisetti e Corvi. 2) (*) Teorema con dimostrazione

24 23 LIVELLO DI PREPARAZIONE DELLA CLASSE IN INFORMATICA Docenti: Mauro Vecchiatti Paolo Petrozzi OBIETTIVI COGNITIVI RAGGIUNTI MEDIAMENTE DALLA CLASSE Conoscenze generali della disciplina; Conoscenza del linguaggio tecnico specifico della disciplina; Esprimersi in modo chiaro, logico e pertinente, utilizzando un lessico appropriato alla situazione comunicativa e di contenuto Affrontare lo studio con spirito critico e autonomia di analisi e di sintesi Motivare adeguatamente le proprie scelte progettuali Capacità di analizzare le specifiche critiche di problemi informatici in ambito Client/Server, reti locali e su singolo elaboratore INDICATORI Conoscenze relative alle principali organizzazioni dati in archivi digitali, sapendo scegliere quella più adeguata al problema in esame conoscere i concetti di base della modellazione E-R in modo da riuscire a progettare il modello concettuale del problema, anche se non rispondente a criteri di efficienza saper tradurre il modello concettuale ER nel modello relazionale saper realizzare l intensione SQL del modello logico relazionale saper effettuare sul data base SQL operazioni elementari di interrogazione, aggiornamento, inserimento e cancellazione Saper proporre soluzioni adeguate su problematiche di gestione dati in ambito client-server, reti locali e singolo elaboratore. CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Nella valutazione delle prove scritte ed orali si è tenuto conto: della conoscenza dei contenuti specifici studiati, della capacità di applicare le conoscenze a strutture con difficoltà crescenti della capacità di organizzare in modo autonomo le informazioni della coerenza e pertinenza nell esposizione dell uso della terminologia tecnica. Lo spettro numerico adottato per la valutazione va dall 1 al 10, le fasce di oscillazione nelle valutazioni sono state: 1-4: Errata o mancante individuazione di una logica risolutiva rispondente alle specifiche del quesito/ problema proposto. Esposizione in un linguaggio tecnico inappropriato. Gravi e diffusi errori nella realizzazione di quanto ideato. 5: Individuazione della corretta struttura logica e/o progettuale e/o algoritmica della risoluzione al quesito/problema proposto. Esposizione in linguaggio tecnico approssimativo. Errori gravi, seppur limitati a dettagli e sotto problemi di limitato rilievo.

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi)

I.T.I.S. S. Cannizzaro - Rho (Mi) I.T.I.S. "S. Cannizzaro" - Rho (Mi) Documento del Consiglio della classe 5B Informatica Anno Scolastico 2014-2015 Rho, 15-05-2015 Il Dirigente Scolastico Prof. Lorenzo Alviggi COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE 1.1. Introduzione ai sistemi numerici: Sistema numerico decimale e binario. Conversioni binario-decimale e decimale binario.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ALLEGATO A - INFORMATICA RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE MATERIA: INFORMATICA Classe 5 sez. Bsia a.s. 2014/15 DOCENTE: prof. Domenico Francullo In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2 Pag 1 di 7 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO I.I.S. Crocetti - Cerulli - Giulianova SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

a.s. 2013/2014 CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO LICEO DE SANTIS PATRIZIA/SANTORO FRANCESCO

a.s. 2013/2014 CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO LICEO DE SANTIS PATRIZIA/SANTORO FRANCESCO a.s. 2013/2014 MATERIA INFORMATICA E SISTEMI CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO LICEO DOCENTE ORE DI LEZIONE DE SANTIS PATRIZIA/SANTORO FRANCESCO 3 ORE SETTIMANALI = 94 h annuali OBIETTIVI **************** Conoscere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: Rigoni Carla Disciplina: INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI GESTIONALI Classe 5^ BP A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: estratti del testo redatto

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 4B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 23 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2013/2014 MATERIA Informatica e Sistemi Automatici CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO Liceo DOCENTI Proff. Laino Antonio Santoro Francesco ORE DI LEZIONE 3 settimanali (in laboratorio)

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 Docente: Prof.ssa Agata Spoto Testo adottato: La Divina Commedia Nuova edizione integrale Autori: Alighieri Dante / Jacomuzzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE 4BLST DISCIPLINA: INFORMATICA E SISTEMI INSEGNANTI: NOTARANGELO MARIA BARBAGALLO SALVATORE MONTE ORE PREVISTO: (ore settimanali x 33 settimane) = 99 (di cui 66 in compresenza)

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Modulo A: Basi di dati e linguaggio SQL La produzione del software; Il controllo do qualità; La metodologia; Modellazione dei dati; Il modello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A. CORSO Amministrazione Finanza e Marketing. DOCENTE: Noto Giancarlo

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A. CORSO Amministrazione Finanza e Marketing. DOCENTE: Noto Giancarlo PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A CORSO Amministrazione Finanza e Marketing DOCENTE: Noto Giancarlo ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MODULO 0 L ARCHITTETURA DEL COMPUTER - L informatica - Il computer

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SISTEMI E RETI Classi IV articolazione informatica A.S. 2013-2014

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SISTEMI E RETI Classi IV articolazione informatica A.S. 2013-2014 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA CLASSE VB INFORMATICA Docenti: D Antico Maria Samantha Civardi Mauro Ore settimanali: 6 Ore annuali (previste in data 07/05/2016) : 196 FINALITA'

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo Anno Scolastico: 2014-2015 Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Classe: quinta Disciplina: Informatica prof. Silvia Tondo Competenze disciplinari: 1. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO CLASSI CORSI AFM, RIM, SIA BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: PAGETTI, GOI NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I QUADRIMESTRE

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016 Istituto di Istruzione Superiore "Don Lorenzo Milani" - Gragnano (NA) Istituto Tecnico Commerciale e Turistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015 LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO CLASSICO G. BODONI 12037 SALUZZO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA FISICA E INFORMATICA PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO G. ASPRONI E. FERMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 Docente: Carla Ada Piu Disciplina: Matematica e Complementi di matematica CLASSE

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Andrea Sgroi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 13 studenti di cui una sola ragazza.

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione.

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione. Piano di lavoro annuale Secondo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli