DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Classico Statale Ernesto Cairoli Via Dante, Varese Tel Fax Cod. fisc Cod. mecc. VAPC DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE III sez. A ANNO SCOLASTICO

2 1. Finalità ed obiettivi culturali e formativi della scuola: Centralità della persona nella sua singolarità e nella sua dignità Sviluppo delle potenzialità del singolo per la costruzione dell'identità personale in tutte le sue dimensioni (affettiva, cognitiva, psicomotoria, civile e sociale) Capacità di vivere relazioni e di incontrare il diverso in un'attitudine al dialogo. Ricerca di un sapere critico e apertura alla totalità dei fattori culturali Capacità dell'insegnante di vivere il rapporto educativo come autorevolezza nel rispetto del cammino personale del discente e nello sviluppo di un dialogo leale e costruttivo. Integrazione del rapporto formazione/informazione, superando la scissione tra cultura teorica e abilità personali, tra istruzione ed educazione. Richiamo alla verifica personale degli studenti Educazione alla responsabilità autonoma e alla capacità di autovalutazione 2. Elenco docenti Italiano Latino e Greco Storia e Filosofia Matematica e Fisica Scienze Inglese Storia dell arte Educazione fisica Religione Prof. Maria Vittoria Barbieri Prof. Massimo Martini Prof. Enzo Laforgia Prof. Cristina Mangano Prof. Edoardo Strada Prof. Stefania Lezzi Prof. Anna Maria Ferrari Prof. Franca D Alfonso Prof. Anna Arturi 3. Elenco degli alunni 1 Andreoni Vittorio 2 Battaglia Sharon 3 Bedont Sara 4 Bonfanti Rebecca 5 Brazzale Margherita 6 Brolpito Francesco 7 Carosi Maria Vittoria 8 Carulli Paola 9 Cicardi Cecilia 10 Comini Sofia 11 Falcinella Noemi 12 Farroni Gabriele 13 Frigato Marta 14 Genna Elide 15 Macchi Guido 16 Maj Thomas 17 Marconi Pietro 18 Marni Benedetta 19 Minonzio Letizia 20 Pisano Chiara 21 Reggiori Benedetta 22 Rusconi Eleonora 23 Saltelli Marco 2

3 24 Triacca Alessandro 25 Vinci Mara 26 Visconti Cecilia 27 Zanni Riccardo 4. Storia e profilo della classe La classe, dopo aver accolto all inizio del presente anno due nuove alunne, una proveniente dalla 2E e l altra, ripetente, dalla 3G dell Istituto, risulta costituita da 27 allievi. Il corpo docente ha avuto nel tempo una sostanziale stabilità, fatta eccezione per l inserimento in seconda liceo del Prof. Laforgia (Storia e Filosofia) e in terza liceo della Prof.ssa Barbieri (Italiano). Gli alunni costituiscono un gruppo abbastanza unito e solidale che ha condiviso il processo educativo e di crescita culturale, sia attraverso le attività curricolari sia partecipando alle varie esperienze proposte dalla scuola (a tale proposito si rimanda al punto 6). Caratterizzati da un impegno quasi sempre serio e costante, talvolta anche da curiosità e vivacità intellettuale, gli allievi hanno maturato nell insieme delle discipline livelli di preparazione mediamente più che apprezzabili: se in qualche caso persistono fragilità e debolezze nelle prove scritte di alcune materie, in altri casi non mancano risultati di eccellenza. La classe ha manifestato nel complesso una buona partecipazione al dialogo educativo, che si è evidenziata soprattutto in quest ultimo anno di liceo, e il comportamento è sempre stato educato e corretto; anche la frequenza, in generale, è risultata regolare, fatta eccezione per un alunna le cui assenze sono giustificate da motivi di salute. Si segnala che in relazione ad un alunno è stato elaborato un Piano Didattico Personalizzato che è depositato agli atti della scuola. 5. Attività di recupero e/o approfondimento Per colmare le carenze nelle singole discipline gli studenti hanno potuto usufruire di corsi di recupero, di una settimana di didattica articolata e di sportelli didattici. 6. Iniziative complementari/integrative Gli studenti hanno aderito, in relazione ai propri interessi, ad iniziative integrative proposte dalla scuola, quali l alternanza scuola-lavoro, Apprendisti Ciceroni, corsi P.O.F., Sportello Volontariato. Tutti gli alunni hanno usufruito delle opportunità proposte per l orientamento post-liceale, tra le quali si segnalano: partecipazione ad incontri con gli orientatori delle principali Università della Lombardia compilazione del questionario Alma Diploma somministrazione test psicoattitudinale Sestante La classe ha inoltre partecipato a: Conferenza Evangelium vitae, 21 novembre 2013 Visita alle collezioni delle Gallerie d Italia di Milano e alla mostra Wunderkammer. Arte,natura, meraviglie ieri e oggi, 1 febbraio 2014 Convegno di studi: "Il Piave mormorava. La Grande guerra ", Gallarate, Teatro delle Arti, febbraio Spettacolo teatrale in lingua inglese The picture of Dorian Gray, febbraio 2014 Spettacolo teatrale: "Io ho visto", con Pamela Villoresi, Varese, Teatro Politeama, 3

4 14 marzo Viaggio di istruzione a Vienna, marzo 2014 Lectio magistralis su Clemente Rebora del prof. Gianni Mussini, 21 marzo 2014 Lectio magistralis Lo Zibaldone in inglese del prof. M. Caesar, 29 marzo 2014 Corso di vela sul lago Maggiore, 11 aprile 2014 Corso di Primo Soccorso (2 incontri), 3 e 10 maggio Criteri di attribuzione del credito scolastico e formativo Il Consiglio di Classe, in conformità con la normativa vigente (in particolare Legge 10/12/1997 n.425 e D.P.R. 23/7/1998 n.323 per le parti compatibili con la Legge 11/1/2007 n.1, D.M. n.49 del 24/2/2000, Legge 11/1/2007 n.1, D.P.R. n.122 del 22/06/2009, D.M. n.99 del 16/12/2009) e con la Delibera di Valutazione deliberata dal Collegio dei Docenti in data 27/09/2012, ha assegnato il credito scolastico sulla base della tabella A del D.M. 99 del 16/12/2009. Si riporta la Delibera di Valutazione in vigore: Il Collegio dei Docenti del Liceo Classico Cairoli, ai sensi dell art. 4, comma 4 del D.P.R. 275/99 (Regolamento dell Autonomia che prevede per le istituzioni scolastiche la necessità di individuare le modalità e i criteri di valutazione degli alunni nel rispetto della normativa nazionale ), dell O. M. 90 del 21/5/2001, del Decreto legge 80 del 3 Ottobre 2007, dell O. M. 92 del 5 novembre 2007, del D. P. R. 122 del 22 Giugno 2009, dell O. M. 41 dell 11 maggio 2012, ha approvato all unanimità la presente delibera con la seguente finalità: - assicurare a docenti e alle famiglie condizioni di omogeneità, equità e trasparenza. Tale delibera entra a far parte integrante del POF. CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO Per procedere ad attribuire crediti formativi, in ottemperanza al DPR n 323 del 23 luglio 1998, art. 12, comma 1 che considera credito formativo ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l esame di Stato ; sono accettate certificazioni attestanti quanto segue: La frequenza di corsi POF in orario pomeridiano La frequenza a corsi specifici e il superamento di almeno due esami della Patente Europea di Informatica; il possesso della Patente Europea di Informatica (E.C.D.L.); Il superamento di esami di lingua straniera presso Enti Certificatori accreditati (E consentita la valutazione di certificati ottenuti anche nell anno scolastico precedente, qualora non siano stati presentati dallo studente perché non ancora in possesso degli stessi alla scadenza prevista dal Consiglio di classe) ; La partecipazione agonistica ad attività sportive a livello provinciale, regionale o nazionale; La partecipazione ad attività di alternanza scuola-lavoro; La partecipazione all attività di volontariato organizzata dalla scuola Per gli alunni che frequentano l insegnamento della Religione Cattolica o la materia alternativa, di una valutazione pari o superiore a 8/10. Gli alunni che non frequentano né l ora di religione né l ora alternativa ma effettuano studio individuale a scuola potranno concordare con il docente coordinatore una relazione da cui si evinca un arricchimento culturale e disciplinare specifico; tale relazione dovrà essere presentata entro il 4 maggio ed il consiglio di classe dovrà attribuire ad essa una valutazione pari almeno a 8/10. Entro il 5 maggio lo studente presenta al Coordinatore di classe la certificazione dell attività cui si è dedicato e per cui chiede l attribuzione del credito formativo 4

5 Lo studente può presentare la proposta di attività formative coerenti con il corso di studio frequentato che esulino da quelle già riconosciute dal Collegio Docenti come valide per l attribuzione del Credito formativo: in questo caso spetta al Consiglio di classe valutarne l ammissibilità e la coerenza con le finalità formative del corso di studi. ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO TABELLA A del D.M. 99 del 16/12/2009 CREDITO SCOLASTICO Media dei voti Credito scolastico (Punti) I anno II anno III anno M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo discipline valutate con l attribuzione di un unico voto secondo l ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi ( per esempio il comportamento e/o frequenza assidua determinano il massimo della banda di oscillazione). Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. 8. Quadro riassuntivo delle simulazioni di terza prova Data Materie Tipologia Durata Fisica - Latino - Inglese - Storia B Greco - Inglese - Scienze - Storia dell arte B Le materie saranno rese note il giorno della prova B

6 9. Griglie di valutazione Si allegano al Documento del Consiglio di Classe le griglie di valutazione delle prove scritte e la griglia di valutazione del colloquio. Il Documento è stato approvato all unanimità dal Consiglio di Classe nella seduta del 12 maggio Seguono le relazioni finali dei singoli docenti Si allegano i testi delle simulazioni di terza prova. 6

7 ITALIANO 1) Docente: prof. Barbieri M. Vittoria 2) Libri di testo: H.Grosser, Il canone letterario, Principato voll.4,5,6 Alighieri Dante, La divina commedia, Paradiso 3) Ore di lezione: Alla data del 15 maggio saranno effettuate 111 ore di lezione; è previsto lo svolgimento di altre 11 ore per un totale di 122 ore su 132 previste dal piano di studi. 4) Obiettivi pienamente realizzati (competenze acquisite da tutti coloro che hanno raggiunto la sufficienza) comprendere (o interrogarsi per comprendere) in modo concettualmente corretto, sebbene schematico e preferibilmente guidato testi orali e scritti espressi anche in linguaggi settoriali, nel linguaggio letterario e critico in particolare. decodificare e analizzare sul piano del contenuto e dello stile vari tipi di testo, in prosa e in poesia pur con sviste saltuarie, ma senza incompetenze consolidate esprimersi oralmente e per iscritto in modo quasi sempre corretto, usando un lessico nel complesso accettabile anche se non sempre all interno del codice specifico letterario Produrre testi delle diverse tipologie previste dall Esame di Stato in modo abbastanza corretto dal punto di vista morfosintattico, pur con l utilizzo di un vocabolario modesto ma abbastanza adeguato alla tipologia comunicativa Operare collegamenti dei fattori storici, politici, sociali, filosofici, letterari e artistici all interno della disciplina e con altre discipline, in modo concettualmente corretto e preferibilmente guidato Utilizzare, seppure schematicamente, le conoscenze acquisite per analizzare situazioni nuove Conoscere nelle sue linee generali i lineamenti della storia della letteratura italiana tra Ottocento e Novecento attraverso l analisi dei testi Riconoscere in modo corretto l evoluzione della lingua italiana Obiettivi realizzati (competenze acquisite da tutti coloro che hanno una valutazione più che sufficiente) comprendere (o interrogarsi per comprendere) in modo concettualmente corretto testi orali e scritti espressi anche in linguaggi settoriali, nel linguaggio letterario e critico in particolare. decodificare e analizzare sul piano del contenuto e dello stile vari tipi di testo, in prosa e in poesia in modo corretto e con una certa autonomia 7

8 esprimersi oralmente e per iscritto in modo corretto, usando un lessico adeguato ad ogni situazione comunicativa, e in particolare il lessico specifico letterario Produrre testi delle diverse tipologie previste dall Esame di Stato adeguati alla tipologia comunicativa,in modo corretto dal punto di vista morfosintattico, compiendo scelte lessicali complessivamente appropriate Operare in modo corretto e con una certa autonomia collegamenti dei fattori storici, politici, sociali, filosofici, letterari e artistici all interno della disciplina e con altre discipline Utilizzare le conoscenze acquisite per analizzare situazioni nuove operare analisi, sintesi e rielaborazione personale fornire, seppure con qualche incertezza, contributi originali e personali nelle attività proposte Saper realizzare percorsi di studio autonomi Conoscere i lineamenti della storia della letteratura italiana tra Ottocento e Novecento attraverso l analisi dei testi Riconoscere l evoluzione della lingua italiana Obiettivi parzialmente realizzati (competenze acquisite da tutti coloro che si collocano nell area dell eccellenza) comprendere (o interrogarsi per comprendere) testi orali e scritti espressi anche in linguaggi settoriali, nel linguaggio letterario e critico in particolare, in modo critico e consapevole decodificare e analizzare sul piano del contenuto e dello stile vari tipi di testo, in prosa e in poesia in modo autonomo e sicuro esprimersi oralmente e per iscritto in modo corretto ed efficace, usando un lessico adeguato ad ogni situazione comunicativa, e in particolare il lessico specifico letterario Produrre testi delle diverse tipologie previste dall Esame di Stato adeguati alla tipologia comunicativa, in modo corretto dal punto di vista morfosintattico, evidenziando un vocabolario ricco ed efficace Operare in modo autonomo e critico collegamenti dei fattori storici, politici, sociali, filosofici, letterari e artistici all interno della disciplina e con altre discipline Utilizzare in modo personale le conoscenze acquisite per analizzare situazioni nuove Dimostrare soddisfacenti capacità di analisi, sintesi e rielaborazione personale fornire contributi originali e personali nelle attività proposte Saper realizzare percorsi di studio autonomi e personalizzati Conoscere in modo approfondito i lineamenti della storia della letteratura italiana tra Ottocento e Novecento attraverso l analisi dei testi Riconoscere consapevolmente l evoluzione della lingua italiana 5) Metodo di insegnamento; mezzi e strumenti di lavoro A. Lezioni frontali B. lezioni con supporto di materiale multimediale C. Esercitazioni guidate sulle varie tipologie previste dagli Esami di Stato D. Letture in classe di pagine di autori contemporanei 8

9 6) Criteri di valutazione, strumenti di verifica e griglie di valutazione Criteri di valutazione Le prove scritte sono state corredate da griglie di valutazione concordate all interno del Dipartimento. Tali griglie sono state proposte e condivise con gli studenti. Per le prove orali si sono applicati i seguenti criteri: 1. Comprensione dei quesiti e coerenza nelle risposte 2. Conoscenza degli argomenti trattati 3. Utilizzo di un linguaggio appropriato 4. Esposizione logica 5. Rielaborazione personale 6. Applicazione in situazioni nuove di quanto appreso 7. Capacità di operare collegamenti Per il raggiungimento della sufficienza si sono ritenuti indispensabili i punti Strumenti di verifica Compiti in classe: realizzazione di testi di vario genere,in riferimento alle tipologie degli Esami di Stato, (saggio breve, articolo di giornale, analisi testuale) Test e questionari su tranches di percorso Prove strutturate secondo le tipologie previste per la terza prova Interrogazioni individuali 7) Contenuti e tempi Sono stati tracciati innanzitutto i confini cronologici e delineate le caratteristiche sociali e culturali del contesto storico di riferimento, in cui sono state collocate le varie esperienze letterarie. Con l obiettivo di delineare i caratteri principali di ogni autore, si sono effettuati su ogni testo considerato gli opportuni rilievi formali e stilistici. Soprattutto nell ultima parte dell anno, per ragioni di tempo, ci si è limitati all analisi di pochi testi antologici,considerati paradigmatici riguardo alla visione del mondo e alle peculiarità letterarie di autori, la cui conoscenza,se pur sommaria, è da ritenere imprescindibile. Sono stati stabiliti gli opportuni collegamenti interdisciplinari anche attraverso excursus diacronici, per favorire l apprendimento di un metodo di studio il più possibile trasversale ai diversi ambiti culturali. La Commedia è stata letta, parafrasata e commentata in classe nell intento di far accedere gli allievi a un livello di comprensione più profondo dell opera dantesca, che alla conclusione del percorso avviato in prima liceo potesse far emergere i collegamenti più significativi fra le tre cantiche. VOLUME4 L età napoleonica tra neoclassicismo e romanticismo 11 ore Ugo Foscolo LE ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS: La via dell esilio(pag. 113) Il bacio di Teresa (pag 123) L incontro con il vecchio Parini (pag.127) POESIE: Ode all amica risanata ( pag.134 ) Alla sera (pag. 134) 9

10 Autoritratto( pag.99) A Zacinto ( Dei sepolcri ( pag.145) SAGGI : NOTIZIA INTORNO A DIDIMO CHIERICO : Autoritratto di un uomo piu disingannato che rinsavito ( pag.160) Il romanticismo 5 ore F. Schiller Sulla poesia : Nostalgia della natura perduta ( pag.187 ) F. Shlegel Corso di letteratura drammatica : Una poesia melanconica perché cristiana ( pag.190) Madame De Stael Sulla maniera e sulla utilità delle traduzioni : Gli Italiani si rinnovino traducendo ( pag.194) L. Di Breme Calor di cuore e d immaginazione,passione e sentimento ( pag 199) E.Visconti Medioevo e storia moderna,soggetti della poesia romantica (pag.199) G. Berchet Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliuolo : La sola vera poesia è quella popolare ( pag 203) Poesia romantica 3 ore Novalis Inni alla notte : Inno alla notte II( pag 222 ) G.Berchet : Il trovatore (pag.229) G.Giusti Sant Ambrogio C.Porta La Ninetta del Verzee: Il monologo di Ninetta (pag.249) 10

11 G. Belli Sonetti: Cosa fa er papa?(pag.256) Li morti de Roma (pag.258) Er giorno der giudizzio (pag.260) G.Leopardi 13 ore LETTERE: Sono stordito dal niente che mi circonda (Pag.267) La dolcezza del soggiorno pisano (pag.268) ZIBALDONE: La poetica del vago,dell indefinito, (pag. 297) CANTI: L infinito (pag 300) La sera del dì di festa (pag 313 Alla luna (pag 304) Ultimo canto di Saffo (pag.306) A Silvia (pag 337) Il sabato del villaggio (pag 348) Canto notturno di un pastore errante dell Asia (pag 351) A se stesso (pag 354) La ginestra o fiore del deserto (pag 358) LE OPERETTE MORALI: Dialogo di un Venditore d almanacchi e di un Passeggere (pag 280) Dialogo della Natura e di un Islandese (pag 323 Dialogo di un folletto e di uno gnomo (p.312) Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio (p.316) A.Manzoni 9 ore INNI SACRI: La Pentecoste(pag 519) ODI CIVILI: Il cinque maggio (pag 451) Lettera a Monsieur Chauvet: Realtà e invenzione:il problema del vero poetico(pag.524) I PROMESSI SPOSI:La morte di Don Ferrante (pag 498) Il matrimonio per sorpresa (pag 499) 11

12 L introduzione dell anonimo secentista (500) Don Gonzalo, la peste, la provvidenza (502) Le unzioni (pag.503)) I deliri della ragione (pag 504) Il sugo di tutta la storia (pag 505) TRAGEDIE: Adelchi,coro dell atto terzo: Dagli atrii muscosi,dai fori cadenti (pag 544) La morte di Ermengarda; coro dell atto IV(pag.556) VOLUME 5 L influenza francese nella cultura del secondo ottocento 1 ora Ch. Beaudelaire I fiori del male:l albatro (pag.52),corrispondenze (pag.53),i ciechi (pag.56) Scapigliatura 2 ore C.Arrighi Scapigliatura pandemonio del secolo (pag.73) E.Praga Penombre: Preludio (pag.79) Arrigo Boito Dualismo(fotocopia) Lezione di anatomia (fotocopia) I.U.Tarchetti: FOSCA: Un amore patologico (pag 89) Racconti fantastici: La lettera U (fotocopia) Giosuè Carducci 2 ore INNO a SATANA (pag.127) RIME NUOVE: Traversando la Maremma toscana (pag.149) Pianto antico (pag.139) 12

13 San Martino (pag.135) ODI BARBARE: Nella piazza di San Petronio (pag 140) Nevicata (pag 154) Positivismo,Naturalismo, Verismo 4 ore E.Zola Il romanzo sperimentale (pag.166) F.eJde Goncourt Le lacrime che si piangono dal basso (pag.161) Verga Nedda, La mamma morente (pag.227) VITA DEI CAMPI: Lettera prefazione all Amante di Gramigna(pag.245) Rosso Malpelo (pag 247) Cavalleria rusticana (pag 258) NOVELLE RUSTICANE: Libertà(pag 287)) Il ciclo dei vinti (I Malavoglia,Prefazione) (pag 263) MALAVOGLIA: Il futuro del mondo arcaico (pag 274) Mastro-don-Gesualdo (trama pag.237) Tendenze culturali tra 800 e ora Verlaine: L arte poetica (pag.372) Languore (pag.396) A.Rimbaud: Lettera del veggente (pag.369) Poesie: Vocali (pag. 384) Huysmans A REBOURS:L arte dei profumi e le allucinazioni olfattive (pag.408) 13

14 Giovanni Pascoli 3 ore Lettere a Ida e Maria nell anno terribile (pag.428) IL FANCIULLINO (pag.439) MYRICAE: X Agosto (pag.435) L assiuolo pag.446)) Temporale, Il tuono (pag.451) PRIMI POEMETTI: Digitale purpurea (pag.454) CANTI DI CASTELVECCHIO: Nebbia (pag.461) Il gelsomino notturno (pag.463) Gabriele D Annunzio 4 ore CANTO NOVO:Ofalce di luna calnte (pag.500) IL PIACERE: Attendendo Elena (pag.501),ritratto di Andrea Sperelli (pag.504) POEMA PARADISIACO: Consolazione (pag.510) LE VERGINI DELLE ROCCE:Il segno di un destino sovrumano (pag.516) LA PROSA NOTTURNA : Il Notturno:Il supplizio delle visioni (pag.531) LAUDI, ALCYONE: Le stirpi canore (pag.489) La sera fiesolana (pag 522) La pioggia nel pineto (pag 525) Crepuscolarismo 2 ore S.Corrazzini: PICCOLO LIBRO INUTILE, Desolazione del povero poeta sentimentale (pag.543) G.Gozzano: I COLLOQUI,Le buone cose di pessimo gusto (pag.538) La signorina Felicita ovvero la Felicità (pag.548) L età delle avanguardie 2 ore F.T.Marinetti: Manifesto del futurismo (pag.563) 14

15 Manifesto tecnico della letteratura futurista (pag.571) A.Palazzeschi: L INCENDIARIO, Lasciatemi divertire( (pag 579) Chi sono? (poemi) (pag.581) G.Apollinaire: Il pleut (pag.585) Scrittori vociani 2 ore C.Rebora: FRAMMENTI LIRICI, Nell avvampato sfasciume (pag.595) O carro vuoto sul binario morto(pag.598) C.Sbarbaro: TRUCIOLi:Forse mi vado mineralizzando (pag589) PIANISSIMO:Taci anima stanca di godere (pag.605) Talora nell arsura della via (pag.607) VOLUME 6 I grandi modelli del romanzo novecentesco 4 ore Luigi Pirandello L UMORISMO,la poetica dell umorismo (pag.99) NOVELLE PER UN ANNO: la carriola (fotocopia) Il treno ha fischiato (pag.126) La trappola (fotocopia) Il fu Mattia Pascal (trama pag.91) Italo Svevo UNA VITA: Notte d amore con Annetta (pag. 156) SENILITA :Gioventu e senilità di Emilio (pag.160) LA COSCIENZA DI ZENO: Il fumo (pag.165) La salute di Augusta (pag.175) La vita è inquinata alle radici (pag.185) 15

16 La rinascita della parola 1 ora Giuseppe Ungaretti : ALLEGRIA Mattina (p.243) Veglia (pag.245) Soldati (pag.245) Sono una creatura (pag.247) San Martino del Carso ( pag.247) SENTIMENTO DEL TEMPO: L isola (pag.255) IL DOLORE:Non gridate più (pag.161) La Mitteleuropa di Saba 1 ora Umberto Saba: CANZONIERE : A mia moglie ( pag.313) Amai (pag.305) La capra (pag.316) Città vecchia ( pag.318) Lettura integrale : Fenoglio, Una questione privata Dante Alighieri,Commedia,Paradiso: 15 ore Lettura,parafrasi e commento (contenutistico,retorico e stilistico) dei canti 1,3,6,8,11,15(dal vv.28),16(vv.46-72)17,33 Per quanto concerne l approfondimento da cui prenderà le mosse il colloquio, è stato consigliato di privilegiare l aspetto metodologico della ricerca rispetto alla pretesa di originalità e di esaustività. Per la prima prova scritta e per l analisi del testo, in particolare, gli alunni hanno sempre avuto la possibilità di scegliere tra l elaborazione di un testo unitario in cui le richieste della traccia fossero armonicamente organizzate anche in un ordine diverso da quello proposto o di trattare singolarmente ogni punto della traccia stessa. Le ore non specificamente indicate in precedenza sono state impiegate nello svolgimento e nella consegna dei compiti in classe e delle verifiche orali. Alcune ore sono state anche impiegate in attività assembleari o nelle attività previste dal C.d C. 16

17 LATINO 1. Docente: prof. Massimo Martini 2. Libri di testo: Latina Vol. II e III G. Garbarino L. Pasquariello Ed. Paravia Alla scoperta dei classici P. Pagliani R.Alosi E. Malaspina Ed. Petrini Lintres Versioni latine per il triennio E. Montanari A.Barabino N. Marini Ed. Cappelli 3. Ore di lezione: 102 Alla data del 15 maggio sono state effettuate 102 ore di lezione. E previsto lo svolgimento di altre 12 ore circa, per un totale di 114 su 132 previste dal piano di studi. 4. Obiettivi conseguiti Si ricorda che gli obiettivi didattici minimi, stabiliti in sede di programmazione e in accordo con i colleghi delle altre sezioni, sono i seguenti (comuni al latino e al greco): orale - conoscenza dei principali autori e temi affrontati nello studio della letteratura - capacità di analizzare e commentare testi di autori in lingua originale (Orazio, Seneca e Tacito) - capacità di individuare il rapporto dei testi con la loro epoca - capacità di cogliere i nessi tra la civiltà latina e quella greca - capacità di esprimere oralmente le conoscenze raggiunte in forma organizzata e appropriata scritto - capacità di individuare nei testi in lingua le fondamentali strutture grammaticali e sintattiche e di comprenderne il senso generale - conoscenza soddisfacente del lessico di base Più in generale, lo studio della letteratura e la lettura degli autori ha avuto come obiettivo primario quello di avvicinare gli alunni ad una conoscenza globale della cultura classica nelle sue diverse manifestazioni, favorendo in tal modo la progressiva formazione e l utilizzo di categorie di pensiero che permettano, nel contesto generale della crescita umana e culturale degli allievi, un approccio critico al patrimonio mitologico, artistico, letterario, filosofico e politico della civiltà europea. Per quanto concerne gli obiettivi legati all aspetto orale della disciplina, posso affermare che la risposta della classe è stata sostanzialmente positiva e che, pur in presenza di inevitabili disomogeneità, il livello di preparazione raggiunto può considerarsi nel complesso buono; alcuni alunni, sostenuti da particolari capacità e motivazioni personali, hanno dimostrato di saper approfondire e rielaborare criticamente, anche in maniera autonoma, alcuni aspetti della materia; solo pochi elementi hanno lavorato in maniera meno sistematica, acquisendo di conseguenza una preparazione più frammentaria e superficiale Una situazione analoga si riscontra sul piano delle competenze linguistiche, dove, nonostante il lavoro di analisi/traduzione sistematicamente svolto nell arco del triennio, accanto a diversi 17

18 alunni che sono in grado di comprendere il senso di un brano, talvolta anche nelle sue sfumature, e di tradurlo con proprietà e sicurezza, ve ne sono altri che nelle prove scritte di traduzione non sono riusciti ad ottenere risultati sufficienti. 1. Metodo di insegnamento; mezzi e strumenti di lavoro Letteratura: gli argomenti sono stati presentati attraverso lezioni frontali, che hanno fornito agli allievi un quadro generale dell autore o del genere letterario oggetto di studio e nello stesso tempo ne hanno messo a fuoco i nuclei tematici più importanti. Le lezioni sono state accompagnate dalla lettura di brani antologici (in traduzione italiana) presenti nel testo di letteratura. Autori: i brani proposti sono stati letti, tradotti e commentati in classe; l analisi non si è limitata agli aspetti propriamente linguistici del testo (grammaticali, sintattici, stilistici ed eventualmente metrici), ma ha cercato di mettere in luce anche i possibili riferimenti di natura storica, mitologica, filosofica e, più in generale, culturale, in modo da integrare lo studio della letteratura e favorire una conoscenza globale della civiltà classica e del suo sviluppo. Allo studio della letteratura e degli autori sono state dedicate tre ore settimanali (variamente distribuite nell arco dell anno). Grammatica (1 ora settimanale): si è cercato, oltre che di organizzare e rendere più efficace l apparato di conoscenze morfo-sintattiche degli allievi, anche di conservare l abitudine ad un esercizio linguistico costante. A tal fine è stata assegnata settimanalmente agli allievi una versione da tradurre, che poi è sempre stata corretta e analizzata in classe. 6. Criteri di valutazione, strumenti di verifica e griglie di valutazione Scritto: sono state effettuate 3 versioni nel I quadrimestre e 1 versione nel II quadrimestre (2 per gli alunni che sono risultati insufficienti nella prima prova). Criteri di valutazione: nella valutazione delle prove si è ovviamente tenuto conto dei criteri stabiliti con gli altri docenti nelle riunioni di Dipartimento (cfr. griglia di Istituto), che tengono conto dei seguenti indicatori: - comprensione del testo - errori di morfologia - errori di sintassi - ricodifica Orale: i principali strumenti di valutazione sono state le tradizionali interrogazioni orali, volte ad accertare la conoscenza puntuale dei contenuti e la capacità di esposizione, a cui si sono affiancati periodici accertamenti scritti (test su vari aspetti del programma di autori e una simulazione di terza prova con tipologia B). Per i criteri di valutazione, in particolare per il raggiungimento della sufficienza, si è ovviamente tenuto conto degli obiettivi stabiliti in sede di programmazione, vale a dire: - conoscenza dei principali autori e temi affrontati nello studio della letteratura - capacità di analizzare testi di autori in lingua originale - capacità di individuare il rapporto dei testi con la loro epoca - capacità di cogliere i nessi tra la civiltà latina e quella greca - capacità di esprimere oralmente le conoscenze raggiunte in forma organizzata e appropriata 18

19 7. Contenuti e tempi AUTORI Orazio (15 ore) Lettura,traduzione e commento dei seguenti brani (con lettura metrica dell esametro): - Epodo X Buon viaggio a Mevio! - Sermones I, 9 Un seccatore arrivista - Carmina I, 4 Primavera: brevi speranze - Carmina I, 5 A Pirra - Carmina I, 9 Inverno: godi il presente - Carmina I, 11 Carpe diem - Carmina I, 37 Nunc est bibendum - Carmina I, 38 Il semplice mirto - Carmina III, 30 Non omnis moriar Seneca: Epistulae ad Lucilium e De brevitate vitae (10 ore) Lettura, traduzione e commento dei seguenti brani: - Il valore del tempo (Epist. 1) = T10 sul volume di letteratura - L arena (Epist. 7, 1-5) - Schiavi e padroni (Epist. 47, 1-4 e 10) - I bagni (Epist. 56, 1-2) - Insaziabilità (Epist. 60) - False lamentele (De brevitate vitae, 1,1-4) Tacito: Agricola e Annales (3 ore) Lettura, traduzione e commento dei seguenti brani: - Finalmente si torna a vivere (Agricola, 3) = T70 sul volume di letteratura - La persecuzione dei Cristiani (Annales XV, 44, 2-5) LETTERATURA e TESTI (in traduzione italiana) Ovidio (vol.ii della letteratura) (4 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T56 Il collezionista di donne (Amores II,4) - T57 Didone a Enea (Heroides VII) - T59 L assoluzione di Elena (Ars amatoria II, ) - T64 Narciso (Metamorfosi III, v ) - T65-67 Piramo e Tisbe (Metamorfosi IV, v ) - T70 Autobiografia (Tristia IV, 10) Tito Livio (vol.ii della letteratura) (2 ore) - Lettura dei seguenti brani antologici: - T71 La prefazione dell opera (Ab urbe condita, praefatio, 1-7) - T72 La questione delle fonti (Ab urbe condita VI, 1 1-3) - T76 Camillo e il maestro di Faleri (Ab urbe condita V, 27) - T79 Dopo la battaglia di Canne (Ab urbe condita XXII, 51) 19

20 L età giulio-claudia (1 ora) - Il contesto storico - Rapporti fra intellettuali e potere politico La prosa tecnica (1 ora) La storiografia: Velleio Patercolo, Valerio Massimo, Curzio Rufo (1 ora) Seneca (4 ore) Letture: vedi programma di autori Lucano (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T24 Il proemio (Bellum civile, I, v.1-32) - T25 L elogio di Nerone (Bellum civile, I, v.33-66) - T27 Una funesta profezia (Bellum civile, VI, v.750 e seg.) Petronio (2 ore) - T32 Trimalchione entra in scena (Satyricon, 32-33) - T35-36 I commensali di Trimalchione (Satyricon, 41,9 42, 44) - T39-40 La matrona di Efeso (Satyricon, 110,6-112) La satira latina: caratteristiche e origini del genere (1 ora) Persio (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T29 La satira, un genere controcorrente (Satira I, v.13-40; ) L età dei Flavi: il contesto storico e culturale (1 ora) L epica in età imperiale: (1 ora) Silio Italico, Valerio Flacco, Stazio Plinio il Vecchio (1ora) Marziale (2ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T41 Una poesia che sa di uomo (Epigrammata X, 4) - T42 Distinzione fra letteratura e vita (Epigrammata I, 4) - T44 Matrimoni di interesse (Epigrammata I,10 X,8 X,43) - T46 Tutto appartiene a Candido (Epigrammata III, 26) - T48 La bella Fabulla (Epigrammata VIII, 79) - T52 Erotion (Epigrammata V, 34) Quintiliano (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T56 Vantaggi dell insegnamento collettivo (Institutio oratoria I, 2, 18-22) - T57 L importanza della ricreazione (Institutio oratoria I, 3, 8-12) - T61 Severo giudizio su Seneca (Institutio oratoria X, 1, ) Svetonio (1 ora) Plinio il Giovane (1 ora) Lettura dei seguenti brani antologici: - T68 Uno scambio di pareri sulla questione dei Cristiani (Epistulae X, 96;97) Giovenale (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T62 Il manifesto poetico di Giovenale (Satira I, v ; ) - T65-6 Contro le donne (Satira VI, v ; ) Tacito (4 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T78 La scelta del migliore (Historiae I, 16) - T80 Il proemio (Annales I, 19) - T82 L uccisione di Britannico (Annales XIII, 15-16) - T84-5 Nerone e l incendio di Roma (Annales XV, 38-39) - T86 La persecuzione contro i Cristiani (Annales XV, 44, 2-5) 20

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati

Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Scafati Programmazione curriculare modulare di Lingua e Italiana Lingua e Latina Lingua e Greca a. s. 2012/13 Nel corso del triennio l insegnamento delle Lettere

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO PROGRAMMA DI ITALIANO Istituto: LICEO SCIENTIFICO STATALE IPPOLITO NIEVO Anno scolastico: 2011-2012 Classe: V F Docente: Prof.ssa EMANUELA VIGNAGA Testi adottati: H. GROSSER, Il canone letterario - Il

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5' D Indirizzo:

Dettagli

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 1 Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 Premessa: di seguito vengono presentate le competenze e i contenuti di riferimento per Lingua e letteratura italiana. Le competenze e i contenuti

Dettagli

Un anno di studio all estero

Un anno di studio all estero Un anno di studio all estero PERCORSO TEMATICO INTERDISCIPINARE (asse dei linguaggi e storico sociale) Ai fini della programmazione e della valutazione dell esperienza all estero dell alunno LINEE GUIDA*

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

Programmazione didattico-educativa di Italiano 4 anno (Liceo Classico)

Programmazione didattico-educativa di Italiano 4 anno (Liceo Classico) Premessa Liceo Classico Altavilla Palermo Anno Scolastico 2008/2009 Prof. Paolo Monella Programmazione didattico-educativa di Italiano 4 anno (Liceo Classico) Lo studio dell Italiano nel triennio del Liceo

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti

PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti Il medioevo L evoluzione delle strutture politiche, sociali ed economiche Mentalità e visione del mondo La nascita delle

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Testo in uso:b. Panebianco-C. Pisoni- L.Reggiani, TESTI E SCENARI, ed. Zanichelli

Testo in uso:b. Panebianco-C. Pisoni- L.Reggiani, TESTI E SCENARI, ed. Zanichelli Docente Materia Classe Taietta Paola Marina Italiano 5B Programmazione Consuntiva Anno Scolastico 2011/2012 Data 9/06/2012 Obiettivi Cognitivi Obiettivi Minimi Cognitivi Conoscere adeguatamente le regole

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO LICEO SCIENTIFICO STATALE G. TARANTINO Programmazione GRAVINA IN PUGLIA (BA) Dipartimentale A051 Lingua e Letteratura italiana Lingua e Letteratura latina. A.S 2014/15 PREMESSA Nella scuola dell autonomia,

Dettagli

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Corso di Laurea in Lettere curricula: Letteratura dell età moderna e contemporanea, cultura teatrale

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 2012/2013

PROGRAMMA A.S. 2012/2013 Istituto Tecnico Commerciale Statale Giuseppe Ginanni Via Carducci, 11, 48121 Ravenna Percorsi di studio: - Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informativi aziendali - Turismo - Relazioni internazionali

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012)

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Nella terza sezione del P.O.F. Programmazione del lavoro didattico' sono delineati i principi generali delle

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE Istituto Tecnico Statale A. Oriani Via Manzoni, 6-48018 Faenza Tel 0546-21290 Fax 0546-680261 e-mail: itcoriani@provincia.ra.it web: www.itcgoriani.it CRITERI DI VALUTAZIONE per l anno scolastico 2014/2015

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI

LICEO STATALE DOMENICO BERTI LICEO STATALE "DOMENICO BERTI PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LETTERE BIENNIO ( A051) (A050) LICEO DELLE SCIENZE UMANE/ ECONOMICO SOCIALE E LICEO LINGUISTICO A. S. 2015-2016 CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DOCENTI 1 ITALIANO ANTONELLA BANFI 2 LATINO FRANCESCO COCCHI 3 STORIA-GEOGRAFIA ANTONELLA BANFI

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI CLASSE 5A DIRITTO Mese Argomento Libro di testo Diritto Pubblico Lo Stato e la Costituzione Settembre Dicembre Introduzione allo Stato: gli elementi

Dettagli

-Riconoscere la persistenza di temi culturali nel tempo e la loro presenza nella cultura attuale.

-Riconoscere la persistenza di temi culturali nel tempo e la loro presenza nella cultura attuale. EDUCAZIONE LETTERARIA MODULO 1 - GALILEO E LA NASCITA DELLA SCIENZA MODERNA Riconoscere i modelli culturali che caratterizzano un'epoca storica (valori sociali, concezione dell'uomo, dello spazio, del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli