DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Classico Statale Ernesto Cairoli Via Dante, Varese Tel Fax Cod. fisc Cod. mecc. VAPC DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE III sez. A ANNO SCOLASTICO

2 1. Finalità ed obiettivi culturali e formativi della scuola: Centralità della persona nella sua singolarità e nella sua dignità Sviluppo delle potenzialità del singolo per la costruzione dell'identità personale in tutte le sue dimensioni (affettiva, cognitiva, psicomotoria, civile e sociale) Capacità di vivere relazioni e di incontrare il diverso in un'attitudine al dialogo. Ricerca di un sapere critico e apertura alla totalità dei fattori culturali Capacità dell'insegnante di vivere il rapporto educativo come autorevolezza nel rispetto del cammino personale del discente e nello sviluppo di un dialogo leale e costruttivo. Integrazione del rapporto formazione/informazione, superando la scissione tra cultura teorica e abilità personali, tra istruzione ed educazione. Richiamo alla verifica personale degli studenti Educazione alla responsabilità autonoma e alla capacità di autovalutazione 2. Elenco docenti Italiano Latino e Greco Storia e Filosofia Matematica e Fisica Scienze Inglese Storia dell arte Educazione fisica Religione Prof. Maria Vittoria Barbieri Prof. Massimo Martini Prof. Enzo Laforgia Prof. Cristina Mangano Prof. Edoardo Strada Prof. Stefania Lezzi Prof. Anna Maria Ferrari Prof. Franca D Alfonso Prof. Anna Arturi 3. Elenco degli alunni 1 Andreoni Vittorio 2 Battaglia Sharon 3 Bedont Sara 4 Bonfanti Rebecca 5 Brazzale Margherita 6 Brolpito Francesco 7 Carosi Maria Vittoria 8 Carulli Paola 9 Cicardi Cecilia 10 Comini Sofia 11 Falcinella Noemi 12 Farroni Gabriele 13 Frigato Marta 14 Genna Elide 15 Macchi Guido 16 Maj Thomas 17 Marconi Pietro 18 Marni Benedetta 19 Minonzio Letizia 20 Pisano Chiara 21 Reggiori Benedetta 22 Rusconi Eleonora 23 Saltelli Marco 2

3 24 Triacca Alessandro 25 Vinci Mara 26 Visconti Cecilia 27 Zanni Riccardo 4. Storia e profilo della classe La classe, dopo aver accolto all inizio del presente anno due nuove alunne, una proveniente dalla 2E e l altra, ripetente, dalla 3G dell Istituto, risulta costituita da 27 allievi. Il corpo docente ha avuto nel tempo una sostanziale stabilità, fatta eccezione per l inserimento in seconda liceo del Prof. Laforgia (Storia e Filosofia) e in terza liceo della Prof.ssa Barbieri (Italiano). Gli alunni costituiscono un gruppo abbastanza unito e solidale che ha condiviso il processo educativo e di crescita culturale, sia attraverso le attività curricolari sia partecipando alle varie esperienze proposte dalla scuola (a tale proposito si rimanda al punto 6). Caratterizzati da un impegno quasi sempre serio e costante, talvolta anche da curiosità e vivacità intellettuale, gli allievi hanno maturato nell insieme delle discipline livelli di preparazione mediamente più che apprezzabili: se in qualche caso persistono fragilità e debolezze nelle prove scritte di alcune materie, in altri casi non mancano risultati di eccellenza. La classe ha manifestato nel complesso una buona partecipazione al dialogo educativo, che si è evidenziata soprattutto in quest ultimo anno di liceo, e il comportamento è sempre stato educato e corretto; anche la frequenza, in generale, è risultata regolare, fatta eccezione per un alunna le cui assenze sono giustificate da motivi di salute. Si segnala che in relazione ad un alunno è stato elaborato un Piano Didattico Personalizzato che è depositato agli atti della scuola. 5. Attività di recupero e/o approfondimento Per colmare le carenze nelle singole discipline gli studenti hanno potuto usufruire di corsi di recupero, di una settimana di didattica articolata e di sportelli didattici. 6. Iniziative complementari/integrative Gli studenti hanno aderito, in relazione ai propri interessi, ad iniziative integrative proposte dalla scuola, quali l alternanza scuola-lavoro, Apprendisti Ciceroni, corsi P.O.F., Sportello Volontariato. Tutti gli alunni hanno usufruito delle opportunità proposte per l orientamento post-liceale, tra le quali si segnalano: partecipazione ad incontri con gli orientatori delle principali Università della Lombardia compilazione del questionario Alma Diploma somministrazione test psicoattitudinale Sestante La classe ha inoltre partecipato a: Conferenza Evangelium vitae, 21 novembre 2013 Visita alle collezioni delle Gallerie d Italia di Milano e alla mostra Wunderkammer. Arte,natura, meraviglie ieri e oggi, 1 febbraio 2014 Convegno di studi: "Il Piave mormorava. La Grande guerra ", Gallarate, Teatro delle Arti, febbraio Spettacolo teatrale in lingua inglese The picture of Dorian Gray, febbraio 2014 Spettacolo teatrale: "Io ho visto", con Pamela Villoresi, Varese, Teatro Politeama, 3

4 14 marzo Viaggio di istruzione a Vienna, marzo 2014 Lectio magistralis su Clemente Rebora del prof. Gianni Mussini, 21 marzo 2014 Lectio magistralis Lo Zibaldone in inglese del prof. M. Caesar, 29 marzo 2014 Corso di vela sul lago Maggiore, 11 aprile 2014 Corso di Primo Soccorso (2 incontri), 3 e 10 maggio Criteri di attribuzione del credito scolastico e formativo Il Consiglio di Classe, in conformità con la normativa vigente (in particolare Legge 10/12/1997 n.425 e D.P.R. 23/7/1998 n.323 per le parti compatibili con la Legge 11/1/2007 n.1, D.M. n.49 del 24/2/2000, Legge 11/1/2007 n.1, D.P.R. n.122 del 22/06/2009, D.M. n.99 del 16/12/2009) e con la Delibera di Valutazione deliberata dal Collegio dei Docenti in data 27/09/2012, ha assegnato il credito scolastico sulla base della tabella A del D.M. 99 del 16/12/2009. Si riporta la Delibera di Valutazione in vigore: Il Collegio dei Docenti del Liceo Classico Cairoli, ai sensi dell art. 4, comma 4 del D.P.R. 275/99 (Regolamento dell Autonomia che prevede per le istituzioni scolastiche la necessità di individuare le modalità e i criteri di valutazione degli alunni nel rispetto della normativa nazionale ), dell O. M. 90 del 21/5/2001, del Decreto legge 80 del 3 Ottobre 2007, dell O. M. 92 del 5 novembre 2007, del D. P. R. 122 del 22 Giugno 2009, dell O. M. 41 dell 11 maggio 2012, ha approvato all unanimità la presente delibera con la seguente finalità: - assicurare a docenti e alle famiglie condizioni di omogeneità, equità e trasparenza. Tale delibera entra a far parte integrante del POF. CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO Per procedere ad attribuire crediti formativi, in ottemperanza al DPR n 323 del 23 luglio 1998, art. 12, comma 1 che considera credito formativo ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l esame di Stato ; sono accettate certificazioni attestanti quanto segue: La frequenza di corsi POF in orario pomeridiano La frequenza a corsi specifici e il superamento di almeno due esami della Patente Europea di Informatica; il possesso della Patente Europea di Informatica (E.C.D.L.); Il superamento di esami di lingua straniera presso Enti Certificatori accreditati (E consentita la valutazione di certificati ottenuti anche nell anno scolastico precedente, qualora non siano stati presentati dallo studente perché non ancora in possesso degli stessi alla scadenza prevista dal Consiglio di classe) ; La partecipazione agonistica ad attività sportive a livello provinciale, regionale o nazionale; La partecipazione ad attività di alternanza scuola-lavoro; La partecipazione all attività di volontariato organizzata dalla scuola Per gli alunni che frequentano l insegnamento della Religione Cattolica o la materia alternativa, di una valutazione pari o superiore a 8/10. Gli alunni che non frequentano né l ora di religione né l ora alternativa ma effettuano studio individuale a scuola potranno concordare con il docente coordinatore una relazione da cui si evinca un arricchimento culturale e disciplinare specifico; tale relazione dovrà essere presentata entro il 4 maggio ed il consiglio di classe dovrà attribuire ad essa una valutazione pari almeno a 8/10. Entro il 5 maggio lo studente presenta al Coordinatore di classe la certificazione dell attività cui si è dedicato e per cui chiede l attribuzione del credito formativo 4

5 Lo studente può presentare la proposta di attività formative coerenti con il corso di studio frequentato che esulino da quelle già riconosciute dal Collegio Docenti come valide per l attribuzione del Credito formativo: in questo caso spetta al Consiglio di classe valutarne l ammissibilità e la coerenza con le finalità formative del corso di studi. ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO TABELLA A del D.M. 99 del 16/12/2009 CREDITO SCOLASTICO Media dei voti Credito scolastico (Punti) I anno II anno III anno M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini dell ammissione alla classe successiva e dell ammissione all esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo discipline valutate con l attribuzione di un unico voto secondo l ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi ( per esempio il comportamento e/o frequenza assidua determinano il massimo della banda di oscillazione). Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. 8. Quadro riassuntivo delle simulazioni di terza prova Data Materie Tipologia Durata Fisica - Latino - Inglese - Storia B Greco - Inglese - Scienze - Storia dell arte B Le materie saranno rese note il giorno della prova B

6 9. Griglie di valutazione Si allegano al Documento del Consiglio di Classe le griglie di valutazione delle prove scritte e la griglia di valutazione del colloquio. Il Documento è stato approvato all unanimità dal Consiglio di Classe nella seduta del 12 maggio Seguono le relazioni finali dei singoli docenti Si allegano i testi delle simulazioni di terza prova. 6

7 ITALIANO 1) Docente: prof. Barbieri M. Vittoria 2) Libri di testo: H.Grosser, Il canone letterario, Principato voll.4,5,6 Alighieri Dante, La divina commedia, Paradiso 3) Ore di lezione: Alla data del 15 maggio saranno effettuate 111 ore di lezione; è previsto lo svolgimento di altre 11 ore per un totale di 122 ore su 132 previste dal piano di studi. 4) Obiettivi pienamente realizzati (competenze acquisite da tutti coloro che hanno raggiunto la sufficienza) comprendere (o interrogarsi per comprendere) in modo concettualmente corretto, sebbene schematico e preferibilmente guidato testi orali e scritti espressi anche in linguaggi settoriali, nel linguaggio letterario e critico in particolare. decodificare e analizzare sul piano del contenuto e dello stile vari tipi di testo, in prosa e in poesia pur con sviste saltuarie, ma senza incompetenze consolidate esprimersi oralmente e per iscritto in modo quasi sempre corretto, usando un lessico nel complesso accettabile anche se non sempre all interno del codice specifico letterario Produrre testi delle diverse tipologie previste dall Esame di Stato in modo abbastanza corretto dal punto di vista morfosintattico, pur con l utilizzo di un vocabolario modesto ma abbastanza adeguato alla tipologia comunicativa Operare collegamenti dei fattori storici, politici, sociali, filosofici, letterari e artistici all interno della disciplina e con altre discipline, in modo concettualmente corretto e preferibilmente guidato Utilizzare, seppure schematicamente, le conoscenze acquisite per analizzare situazioni nuove Conoscere nelle sue linee generali i lineamenti della storia della letteratura italiana tra Ottocento e Novecento attraverso l analisi dei testi Riconoscere in modo corretto l evoluzione della lingua italiana Obiettivi realizzati (competenze acquisite da tutti coloro che hanno una valutazione più che sufficiente) comprendere (o interrogarsi per comprendere) in modo concettualmente corretto testi orali e scritti espressi anche in linguaggi settoriali, nel linguaggio letterario e critico in particolare. decodificare e analizzare sul piano del contenuto e dello stile vari tipi di testo, in prosa e in poesia in modo corretto e con una certa autonomia 7

8 esprimersi oralmente e per iscritto in modo corretto, usando un lessico adeguato ad ogni situazione comunicativa, e in particolare il lessico specifico letterario Produrre testi delle diverse tipologie previste dall Esame di Stato adeguati alla tipologia comunicativa,in modo corretto dal punto di vista morfosintattico, compiendo scelte lessicali complessivamente appropriate Operare in modo corretto e con una certa autonomia collegamenti dei fattori storici, politici, sociali, filosofici, letterari e artistici all interno della disciplina e con altre discipline Utilizzare le conoscenze acquisite per analizzare situazioni nuove operare analisi, sintesi e rielaborazione personale fornire, seppure con qualche incertezza, contributi originali e personali nelle attività proposte Saper realizzare percorsi di studio autonomi Conoscere i lineamenti della storia della letteratura italiana tra Ottocento e Novecento attraverso l analisi dei testi Riconoscere l evoluzione della lingua italiana Obiettivi parzialmente realizzati (competenze acquisite da tutti coloro che si collocano nell area dell eccellenza) comprendere (o interrogarsi per comprendere) testi orali e scritti espressi anche in linguaggi settoriali, nel linguaggio letterario e critico in particolare, in modo critico e consapevole decodificare e analizzare sul piano del contenuto e dello stile vari tipi di testo, in prosa e in poesia in modo autonomo e sicuro esprimersi oralmente e per iscritto in modo corretto ed efficace, usando un lessico adeguato ad ogni situazione comunicativa, e in particolare il lessico specifico letterario Produrre testi delle diverse tipologie previste dall Esame di Stato adeguati alla tipologia comunicativa, in modo corretto dal punto di vista morfosintattico, evidenziando un vocabolario ricco ed efficace Operare in modo autonomo e critico collegamenti dei fattori storici, politici, sociali, filosofici, letterari e artistici all interno della disciplina e con altre discipline Utilizzare in modo personale le conoscenze acquisite per analizzare situazioni nuove Dimostrare soddisfacenti capacità di analisi, sintesi e rielaborazione personale fornire contributi originali e personali nelle attività proposte Saper realizzare percorsi di studio autonomi e personalizzati Conoscere in modo approfondito i lineamenti della storia della letteratura italiana tra Ottocento e Novecento attraverso l analisi dei testi Riconoscere consapevolmente l evoluzione della lingua italiana 5) Metodo di insegnamento; mezzi e strumenti di lavoro A. Lezioni frontali B. lezioni con supporto di materiale multimediale C. Esercitazioni guidate sulle varie tipologie previste dagli Esami di Stato D. Letture in classe di pagine di autori contemporanei 8

9 6) Criteri di valutazione, strumenti di verifica e griglie di valutazione Criteri di valutazione Le prove scritte sono state corredate da griglie di valutazione concordate all interno del Dipartimento. Tali griglie sono state proposte e condivise con gli studenti. Per le prove orali si sono applicati i seguenti criteri: 1. Comprensione dei quesiti e coerenza nelle risposte 2. Conoscenza degli argomenti trattati 3. Utilizzo di un linguaggio appropriato 4. Esposizione logica 5. Rielaborazione personale 6. Applicazione in situazioni nuove di quanto appreso 7. Capacità di operare collegamenti Per il raggiungimento della sufficienza si sono ritenuti indispensabili i punti Strumenti di verifica Compiti in classe: realizzazione di testi di vario genere,in riferimento alle tipologie degli Esami di Stato, (saggio breve, articolo di giornale, analisi testuale) Test e questionari su tranches di percorso Prove strutturate secondo le tipologie previste per la terza prova Interrogazioni individuali 7) Contenuti e tempi Sono stati tracciati innanzitutto i confini cronologici e delineate le caratteristiche sociali e culturali del contesto storico di riferimento, in cui sono state collocate le varie esperienze letterarie. Con l obiettivo di delineare i caratteri principali di ogni autore, si sono effettuati su ogni testo considerato gli opportuni rilievi formali e stilistici. Soprattutto nell ultima parte dell anno, per ragioni di tempo, ci si è limitati all analisi di pochi testi antologici,considerati paradigmatici riguardo alla visione del mondo e alle peculiarità letterarie di autori, la cui conoscenza,se pur sommaria, è da ritenere imprescindibile. Sono stati stabiliti gli opportuni collegamenti interdisciplinari anche attraverso excursus diacronici, per favorire l apprendimento di un metodo di studio il più possibile trasversale ai diversi ambiti culturali. La Commedia è stata letta, parafrasata e commentata in classe nell intento di far accedere gli allievi a un livello di comprensione più profondo dell opera dantesca, che alla conclusione del percorso avviato in prima liceo potesse far emergere i collegamenti più significativi fra le tre cantiche. VOLUME4 L età napoleonica tra neoclassicismo e romanticismo 11 ore Ugo Foscolo LE ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS: La via dell esilio(pag. 113) Il bacio di Teresa (pag 123) L incontro con il vecchio Parini (pag.127) POESIE: Ode all amica risanata ( pag.134 ) Alla sera (pag. 134) 9

10 Autoritratto( pag.99) A Zacinto ( Dei sepolcri ( pag.145) SAGGI : NOTIZIA INTORNO A DIDIMO CHIERICO : Autoritratto di un uomo piu disingannato che rinsavito ( pag.160) Il romanticismo 5 ore F. Schiller Sulla poesia : Nostalgia della natura perduta ( pag.187 ) F. Shlegel Corso di letteratura drammatica : Una poesia melanconica perché cristiana ( pag.190) Madame De Stael Sulla maniera e sulla utilità delle traduzioni : Gli Italiani si rinnovino traducendo ( pag.194) L. Di Breme Calor di cuore e d immaginazione,passione e sentimento ( pag 199) E.Visconti Medioevo e storia moderna,soggetti della poesia romantica (pag.199) G. Berchet Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliuolo : La sola vera poesia è quella popolare ( pag 203) Poesia romantica 3 ore Novalis Inni alla notte : Inno alla notte II( pag 222 ) G.Berchet : Il trovatore (pag.229) G.Giusti Sant Ambrogio C.Porta La Ninetta del Verzee: Il monologo di Ninetta (pag.249) 10

11 G. Belli Sonetti: Cosa fa er papa?(pag.256) Li morti de Roma (pag.258) Er giorno der giudizzio (pag.260) G.Leopardi 13 ore LETTERE: Sono stordito dal niente che mi circonda (Pag.267) La dolcezza del soggiorno pisano (pag.268) ZIBALDONE: La poetica del vago,dell indefinito, (pag. 297) CANTI: L infinito (pag 300) La sera del dì di festa (pag 313 Alla luna (pag 304) Ultimo canto di Saffo (pag.306) A Silvia (pag 337) Il sabato del villaggio (pag 348) Canto notturno di un pastore errante dell Asia (pag 351) A se stesso (pag 354) La ginestra o fiore del deserto (pag 358) LE OPERETTE MORALI: Dialogo di un Venditore d almanacchi e di un Passeggere (pag 280) Dialogo della Natura e di un Islandese (pag 323 Dialogo di un folletto e di uno gnomo (p.312) Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio (p.316) A.Manzoni 9 ore INNI SACRI: La Pentecoste(pag 519) ODI CIVILI: Il cinque maggio (pag 451) Lettera a Monsieur Chauvet: Realtà e invenzione:il problema del vero poetico(pag.524) I PROMESSI SPOSI:La morte di Don Ferrante (pag 498) Il matrimonio per sorpresa (pag 499) 11

12 L introduzione dell anonimo secentista (500) Don Gonzalo, la peste, la provvidenza (502) Le unzioni (pag.503)) I deliri della ragione (pag 504) Il sugo di tutta la storia (pag 505) TRAGEDIE: Adelchi,coro dell atto terzo: Dagli atrii muscosi,dai fori cadenti (pag 544) La morte di Ermengarda; coro dell atto IV(pag.556) VOLUME 5 L influenza francese nella cultura del secondo ottocento 1 ora Ch. Beaudelaire I fiori del male:l albatro (pag.52),corrispondenze (pag.53),i ciechi (pag.56) Scapigliatura 2 ore C.Arrighi Scapigliatura pandemonio del secolo (pag.73) E.Praga Penombre: Preludio (pag.79) Arrigo Boito Dualismo(fotocopia) Lezione di anatomia (fotocopia) I.U.Tarchetti: FOSCA: Un amore patologico (pag 89) Racconti fantastici: La lettera U (fotocopia) Giosuè Carducci 2 ore INNO a SATANA (pag.127) RIME NUOVE: Traversando la Maremma toscana (pag.149) Pianto antico (pag.139) 12

13 San Martino (pag.135) ODI BARBARE: Nella piazza di San Petronio (pag 140) Nevicata (pag 154) Positivismo,Naturalismo, Verismo 4 ore E.Zola Il romanzo sperimentale (pag.166) F.eJde Goncourt Le lacrime che si piangono dal basso (pag.161) Verga Nedda, La mamma morente (pag.227) VITA DEI CAMPI: Lettera prefazione all Amante di Gramigna(pag.245) Rosso Malpelo (pag 247) Cavalleria rusticana (pag 258) NOVELLE RUSTICANE: Libertà(pag 287)) Il ciclo dei vinti (I Malavoglia,Prefazione) (pag 263) MALAVOGLIA: Il futuro del mondo arcaico (pag 274) Mastro-don-Gesualdo (trama pag.237) Tendenze culturali tra 800 e ora Verlaine: L arte poetica (pag.372) Languore (pag.396) A.Rimbaud: Lettera del veggente (pag.369) Poesie: Vocali (pag. 384) Huysmans A REBOURS:L arte dei profumi e le allucinazioni olfattive (pag.408) 13

14 Giovanni Pascoli 3 ore Lettere a Ida e Maria nell anno terribile (pag.428) IL FANCIULLINO (pag.439) MYRICAE: X Agosto (pag.435) L assiuolo pag.446)) Temporale, Il tuono (pag.451) PRIMI POEMETTI: Digitale purpurea (pag.454) CANTI DI CASTELVECCHIO: Nebbia (pag.461) Il gelsomino notturno (pag.463) Gabriele D Annunzio 4 ore CANTO NOVO:Ofalce di luna calnte (pag.500) IL PIACERE: Attendendo Elena (pag.501),ritratto di Andrea Sperelli (pag.504) POEMA PARADISIACO: Consolazione (pag.510) LE VERGINI DELLE ROCCE:Il segno di un destino sovrumano (pag.516) LA PROSA NOTTURNA : Il Notturno:Il supplizio delle visioni (pag.531) LAUDI, ALCYONE: Le stirpi canore (pag.489) La sera fiesolana (pag 522) La pioggia nel pineto (pag 525) Crepuscolarismo 2 ore S.Corrazzini: PICCOLO LIBRO INUTILE, Desolazione del povero poeta sentimentale (pag.543) G.Gozzano: I COLLOQUI,Le buone cose di pessimo gusto (pag.538) La signorina Felicita ovvero la Felicità (pag.548) L età delle avanguardie 2 ore F.T.Marinetti: Manifesto del futurismo (pag.563) 14

15 Manifesto tecnico della letteratura futurista (pag.571) A.Palazzeschi: L INCENDIARIO, Lasciatemi divertire( (pag 579) Chi sono? (poemi) (pag.581) G.Apollinaire: Il pleut (pag.585) Scrittori vociani 2 ore C.Rebora: FRAMMENTI LIRICI, Nell avvampato sfasciume (pag.595) O carro vuoto sul binario morto(pag.598) C.Sbarbaro: TRUCIOLi:Forse mi vado mineralizzando (pag589) PIANISSIMO:Taci anima stanca di godere (pag.605) Talora nell arsura della via (pag.607) VOLUME 6 I grandi modelli del romanzo novecentesco 4 ore Luigi Pirandello L UMORISMO,la poetica dell umorismo (pag.99) NOVELLE PER UN ANNO: la carriola (fotocopia) Il treno ha fischiato (pag.126) La trappola (fotocopia) Il fu Mattia Pascal (trama pag.91) Italo Svevo UNA VITA: Notte d amore con Annetta (pag. 156) SENILITA :Gioventu e senilità di Emilio (pag.160) LA COSCIENZA DI ZENO: Il fumo (pag.165) La salute di Augusta (pag.175) La vita è inquinata alle radici (pag.185) 15

16 La rinascita della parola 1 ora Giuseppe Ungaretti : ALLEGRIA Mattina (p.243) Veglia (pag.245) Soldati (pag.245) Sono una creatura (pag.247) San Martino del Carso ( pag.247) SENTIMENTO DEL TEMPO: L isola (pag.255) IL DOLORE:Non gridate più (pag.161) La Mitteleuropa di Saba 1 ora Umberto Saba: CANZONIERE : A mia moglie ( pag.313) Amai (pag.305) La capra (pag.316) Città vecchia ( pag.318) Lettura integrale : Fenoglio, Una questione privata Dante Alighieri,Commedia,Paradiso: 15 ore Lettura,parafrasi e commento (contenutistico,retorico e stilistico) dei canti 1,3,6,8,11,15(dal vv.28),16(vv.46-72)17,33 Per quanto concerne l approfondimento da cui prenderà le mosse il colloquio, è stato consigliato di privilegiare l aspetto metodologico della ricerca rispetto alla pretesa di originalità e di esaustività. Per la prima prova scritta e per l analisi del testo, in particolare, gli alunni hanno sempre avuto la possibilità di scegliere tra l elaborazione di un testo unitario in cui le richieste della traccia fossero armonicamente organizzate anche in un ordine diverso da quello proposto o di trattare singolarmente ogni punto della traccia stessa. Le ore non specificamente indicate in precedenza sono state impiegate nello svolgimento e nella consegna dei compiti in classe e delle verifiche orali. Alcune ore sono state anche impiegate in attività assembleari o nelle attività previste dal C.d C. 16

17 LATINO 1. Docente: prof. Massimo Martini 2. Libri di testo: Latina Vol. II e III G. Garbarino L. Pasquariello Ed. Paravia Alla scoperta dei classici P. Pagliani R.Alosi E. Malaspina Ed. Petrini Lintres Versioni latine per il triennio E. Montanari A.Barabino N. Marini Ed. Cappelli 3. Ore di lezione: 102 Alla data del 15 maggio sono state effettuate 102 ore di lezione. E previsto lo svolgimento di altre 12 ore circa, per un totale di 114 su 132 previste dal piano di studi. 4. Obiettivi conseguiti Si ricorda che gli obiettivi didattici minimi, stabiliti in sede di programmazione e in accordo con i colleghi delle altre sezioni, sono i seguenti (comuni al latino e al greco): orale - conoscenza dei principali autori e temi affrontati nello studio della letteratura - capacità di analizzare e commentare testi di autori in lingua originale (Orazio, Seneca e Tacito) - capacità di individuare il rapporto dei testi con la loro epoca - capacità di cogliere i nessi tra la civiltà latina e quella greca - capacità di esprimere oralmente le conoscenze raggiunte in forma organizzata e appropriata scritto - capacità di individuare nei testi in lingua le fondamentali strutture grammaticali e sintattiche e di comprenderne il senso generale - conoscenza soddisfacente del lessico di base Più in generale, lo studio della letteratura e la lettura degli autori ha avuto come obiettivo primario quello di avvicinare gli alunni ad una conoscenza globale della cultura classica nelle sue diverse manifestazioni, favorendo in tal modo la progressiva formazione e l utilizzo di categorie di pensiero che permettano, nel contesto generale della crescita umana e culturale degli allievi, un approccio critico al patrimonio mitologico, artistico, letterario, filosofico e politico della civiltà europea. Per quanto concerne gli obiettivi legati all aspetto orale della disciplina, posso affermare che la risposta della classe è stata sostanzialmente positiva e che, pur in presenza di inevitabili disomogeneità, il livello di preparazione raggiunto può considerarsi nel complesso buono; alcuni alunni, sostenuti da particolari capacità e motivazioni personali, hanno dimostrato di saper approfondire e rielaborare criticamente, anche in maniera autonoma, alcuni aspetti della materia; solo pochi elementi hanno lavorato in maniera meno sistematica, acquisendo di conseguenza una preparazione più frammentaria e superficiale Una situazione analoga si riscontra sul piano delle competenze linguistiche, dove, nonostante il lavoro di analisi/traduzione sistematicamente svolto nell arco del triennio, accanto a diversi 17

18 alunni che sono in grado di comprendere il senso di un brano, talvolta anche nelle sue sfumature, e di tradurlo con proprietà e sicurezza, ve ne sono altri che nelle prove scritte di traduzione non sono riusciti ad ottenere risultati sufficienti. 1. Metodo di insegnamento; mezzi e strumenti di lavoro Letteratura: gli argomenti sono stati presentati attraverso lezioni frontali, che hanno fornito agli allievi un quadro generale dell autore o del genere letterario oggetto di studio e nello stesso tempo ne hanno messo a fuoco i nuclei tematici più importanti. Le lezioni sono state accompagnate dalla lettura di brani antologici (in traduzione italiana) presenti nel testo di letteratura. Autori: i brani proposti sono stati letti, tradotti e commentati in classe; l analisi non si è limitata agli aspetti propriamente linguistici del testo (grammaticali, sintattici, stilistici ed eventualmente metrici), ma ha cercato di mettere in luce anche i possibili riferimenti di natura storica, mitologica, filosofica e, più in generale, culturale, in modo da integrare lo studio della letteratura e favorire una conoscenza globale della civiltà classica e del suo sviluppo. Allo studio della letteratura e degli autori sono state dedicate tre ore settimanali (variamente distribuite nell arco dell anno). Grammatica (1 ora settimanale): si è cercato, oltre che di organizzare e rendere più efficace l apparato di conoscenze morfo-sintattiche degli allievi, anche di conservare l abitudine ad un esercizio linguistico costante. A tal fine è stata assegnata settimanalmente agli allievi una versione da tradurre, che poi è sempre stata corretta e analizzata in classe. 6. Criteri di valutazione, strumenti di verifica e griglie di valutazione Scritto: sono state effettuate 3 versioni nel I quadrimestre e 1 versione nel II quadrimestre (2 per gli alunni che sono risultati insufficienti nella prima prova). Criteri di valutazione: nella valutazione delle prove si è ovviamente tenuto conto dei criteri stabiliti con gli altri docenti nelle riunioni di Dipartimento (cfr. griglia di Istituto), che tengono conto dei seguenti indicatori: - comprensione del testo - errori di morfologia - errori di sintassi - ricodifica Orale: i principali strumenti di valutazione sono state le tradizionali interrogazioni orali, volte ad accertare la conoscenza puntuale dei contenuti e la capacità di esposizione, a cui si sono affiancati periodici accertamenti scritti (test su vari aspetti del programma di autori e una simulazione di terza prova con tipologia B). Per i criteri di valutazione, in particolare per il raggiungimento della sufficienza, si è ovviamente tenuto conto degli obiettivi stabiliti in sede di programmazione, vale a dire: - conoscenza dei principali autori e temi affrontati nello studio della letteratura - capacità di analizzare testi di autori in lingua originale - capacità di individuare il rapporto dei testi con la loro epoca - capacità di cogliere i nessi tra la civiltà latina e quella greca - capacità di esprimere oralmente le conoscenze raggiunte in forma organizzata e appropriata 18

19 7. Contenuti e tempi AUTORI Orazio (15 ore) Lettura,traduzione e commento dei seguenti brani (con lettura metrica dell esametro): - Epodo X Buon viaggio a Mevio! - Sermones I, 9 Un seccatore arrivista - Carmina I, 4 Primavera: brevi speranze - Carmina I, 5 A Pirra - Carmina I, 9 Inverno: godi il presente - Carmina I, 11 Carpe diem - Carmina I, 37 Nunc est bibendum - Carmina I, 38 Il semplice mirto - Carmina III, 30 Non omnis moriar Seneca: Epistulae ad Lucilium e De brevitate vitae (10 ore) Lettura, traduzione e commento dei seguenti brani: - Il valore del tempo (Epist. 1) = T10 sul volume di letteratura - L arena (Epist. 7, 1-5) - Schiavi e padroni (Epist. 47, 1-4 e 10) - I bagni (Epist. 56, 1-2) - Insaziabilità (Epist. 60) - False lamentele (De brevitate vitae, 1,1-4) Tacito: Agricola e Annales (3 ore) Lettura, traduzione e commento dei seguenti brani: - Finalmente si torna a vivere (Agricola, 3) = T70 sul volume di letteratura - La persecuzione dei Cristiani (Annales XV, 44, 2-5) LETTERATURA e TESTI (in traduzione italiana) Ovidio (vol.ii della letteratura) (4 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T56 Il collezionista di donne (Amores II,4) - T57 Didone a Enea (Heroides VII) - T59 L assoluzione di Elena (Ars amatoria II, ) - T64 Narciso (Metamorfosi III, v ) - T65-67 Piramo e Tisbe (Metamorfosi IV, v ) - T70 Autobiografia (Tristia IV, 10) Tito Livio (vol.ii della letteratura) (2 ore) - Lettura dei seguenti brani antologici: - T71 La prefazione dell opera (Ab urbe condita, praefatio, 1-7) - T72 La questione delle fonti (Ab urbe condita VI, 1 1-3) - T76 Camillo e il maestro di Faleri (Ab urbe condita V, 27) - T79 Dopo la battaglia di Canne (Ab urbe condita XXII, 51) 19

20 L età giulio-claudia (1 ora) - Il contesto storico - Rapporti fra intellettuali e potere politico La prosa tecnica (1 ora) La storiografia: Velleio Patercolo, Valerio Massimo, Curzio Rufo (1 ora) Seneca (4 ore) Letture: vedi programma di autori Lucano (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T24 Il proemio (Bellum civile, I, v.1-32) - T25 L elogio di Nerone (Bellum civile, I, v.33-66) - T27 Una funesta profezia (Bellum civile, VI, v.750 e seg.) Petronio (2 ore) - T32 Trimalchione entra in scena (Satyricon, 32-33) - T35-36 I commensali di Trimalchione (Satyricon, 41,9 42, 44) - T39-40 La matrona di Efeso (Satyricon, 110,6-112) La satira latina: caratteristiche e origini del genere (1 ora) Persio (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T29 La satira, un genere controcorrente (Satira I, v.13-40; ) L età dei Flavi: il contesto storico e culturale (1 ora) L epica in età imperiale: (1 ora) Silio Italico, Valerio Flacco, Stazio Plinio il Vecchio (1ora) Marziale (2ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T41 Una poesia che sa di uomo (Epigrammata X, 4) - T42 Distinzione fra letteratura e vita (Epigrammata I, 4) - T44 Matrimoni di interesse (Epigrammata I,10 X,8 X,43) - T46 Tutto appartiene a Candido (Epigrammata III, 26) - T48 La bella Fabulla (Epigrammata VIII, 79) - T52 Erotion (Epigrammata V, 34) Quintiliano (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T56 Vantaggi dell insegnamento collettivo (Institutio oratoria I, 2, 18-22) - T57 L importanza della ricreazione (Institutio oratoria I, 3, 8-12) - T61 Severo giudizio su Seneca (Institutio oratoria X, 1, ) Svetonio (1 ora) Plinio il Giovane (1 ora) Lettura dei seguenti brani antologici: - T68 Uno scambio di pareri sulla questione dei Cristiani (Epistulae X, 96;97) Giovenale (2 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T62 Il manifesto poetico di Giovenale (Satira I, v ; ) - T65-6 Contro le donne (Satira VI, v ; ) Tacito (4 ore) Lettura dei seguenti brani antologici: - T78 La scelta del migliore (Historiae I, 16) - T80 Il proemio (Annales I, 19) - T82 L uccisione di Britannico (Annales XIII, 15-16) - T84-5 Nerone e l incendio di Roma (Annales XV, 38-39) - T86 La persecuzione contro i Cristiani (Annales XV, 44, 2-5) 20

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli